Gruppo Gas Plus. Company Profile. Giugno 2014*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Gas Plus. Company Profile. Giugno 2014* www.gasplus.it"

Transcript

1 Gruppo Gas Plus Company Profile *Il documento viene aggiornato su base semestrale, in seguito alle chiusure del 31 dicembre e del 30 giugno Giugno 2014*

2 Il Gruppo Gas Plus Operatore italiano integrato lungo l intera filiera del gas naturale Area Commerciale Gas Exploration & Production Italia: Quarto produttore italiano di gas naturale, presente su tutto il territorio Quarto nazionale produttore italiano di Gas Naturale, attivo sia in Italia che all estero Estero: attività in Romania, Olanda, Polonia e UK. In Romania, interessanti progressi nell area ad acque profonde del Mar Nero con aspettative positive sul potenziale esplorativo Supply & Sales Attivo nel segmento dell acquisto e della vendita di gas metano all ingrosso con l obiettivo di ottimizzare il portafoglio complessivo del Gruppo Retail Vendita di gas metano a clienti residenziali, small business e industriali Network and Transportation Distribuzione di gas naturale in 37 comuni della Lombardia e dell Emilia Romagna Presente anche nel settore del trasporto regionale Storage Avviati importanti progetti per la realizzazione di propri siti di stoccaggio di gas in Italia 1

3 Il Gruppo Gas Plus Organigramma Societario 7,57% 2,98% 15,51% Azionariato Gas Plus SpA Area Commerciale Gas Gas Plus S.p.A. 73,94% Us.Fin. Srl Findim S.A. Azioni proprie Mercato Business Unit E&P S&S Retail Storage Network and Transportation Altro 100% 100% 100% 100% 100% 85% Società Padana Energia SpA Gas Plus Italiana Srl Gas Plus Vendite Srl Gas Plus Storage Srl Gas Plus Reti Srl Gas Plus Energia Srl Società 81,5% 100% 97% 100% Reggente SpA Gas Plus International BV* Gas Plus Salso Srl Gas Plus Trasporto Srl *Succursali: Gas Plus International B.V. Haga Bucharest; Gas Plus International sp. z o.o. Oddział w Polsce Controllate (% di controllo): Gas Plus Netherlands B.V. (100%); Gasplus E & P UK Ltd (100%); Gasplus O & G UK Ltd (100%); Czarne Oil LLP - società non ancora operativa (50%), Gas Plus Dacia Srl (100% tramite Gas Plus Netherlands B.V.) 2

4 Il Gruppo Gas Plus Il nostro percorso di crescita 1960 Costituzione di Bagnolo Gas SpA da parte della famiglia Usberti per operare nella distribuzione di gas naturale nei comuni della Lombardia Realizzazione della prima Joint Venture tra Gas Plus ed un comune concedente nella distribuzione del gas 2004 Ingresso nella Exploration & Production attraverso l'acquisizione di una controllata storica di ENI 2008 Prima scoperta di gas internazionale nel Mar Nero (Romania). Ottenuta l'autorizzazione VIA per il progetto di stoccaggio di Sinarca Il Gruppo Gas Plus acquisisce dal gruppo ENI la Società Padana Energia SpA IPO 1960 Anni 70 Anni 80 Anni Espansione attività: raggiunto un totale di 35 comuni Inizio della liberalizzazione del mercato del gas italiano e dell implementazione di un attività indipendente di fornitura e vendita 2006 Avvio di operazioni internazionali di Exploration & Production attraverso Joint Venture con partner industriali di diversi paesi Dicembre 2006 La Società si quota sul mercato azionario MTA di Borsa Italiana - London Stock Exchange Group 2009 Avvio della nuova B. U. Transportation: attraverso la società interamente controllata Gas Plus Trasporto Srl, il Gruppo Gas Plus gestisce il trasporto di gas naturale su una rete di 32 km in Val Trebbia 2013 Interessanti prospettive dalla nuova JV con primari operatori internazionali (ExxonMobil ed OMV Petrom) nelle acque profonde del Mar Nero Rumeno Dopo 50 anni di esperienza nel mercato italiano della distribuzione del gas, Gas Plus è divenuto un operatore integrato su tutta la filiera del gas attraverso l'acquisizione di importanti asset italiani di E&P e del relativo personale altamente qualificato 3

5 Il Gruppo Gas Plus I nostri Fattori Critici di Successo 2 Considerevole patrimonio di asset produttivi ed in corso di sviluppo nel segmento dell E&P 1 Posizione unica in Italia come medio operatore indipendente ed integrato lungo tutta la filiera del gas naturale 3 Disponibilità di cash flow stabili da asset regolati (BU Network) I fattori critici di successo 6 Management con esperienza pluriennale nel settore 5 Vantaggi competitivi derivanti da una consolidata presenza nel mercato italiano del gas 4 Possibilità di sfruttare importanti opportunità di business nel segmento degli stoccaggi 4

6 Il Gruppo Gas Plus Struttura patrimoniale e finanziaria Gruppo Gas Plus - Struttura patrimoniale e finanziaria Dati in M Capitale Investito Netto 451,9 405,8 355,7 307,6 201,3 261,3 193,0 205,2 35,0 209,0 221,7 250,6 35,0 177,9 115,5 98,6 39,6 12M M M M M Patrimonio netto Finanziamento soci Posizione Finanziaria Netta (PFN) Il capitale investito netto del Gruppo si è incrementato in modo significativo nel 2010 per effetto dell acquisizione di Società Padana Energia S.p.A. Gas Plus ha inizialmente finanziato tale acquisizione, nel mese di ottobre 2010, attraverso un bridge loan di 150 milioni ed un vendor loan di 25 milioni Nel corso del 2011 il bridge loan è stato sostituito da un finanziamento a m/l termine di 85 milioni e da un finanziamento del socio Us.Fin. di 35 milioni, mentre l importo residuo è stato rimborsato Nel corso del 2013 è stato rimborsato anticipatamente il finanziamento del socio Us.Fin. ed una parte del finanziamento a medio-lungo termine. Ad oggi, quindi, le principali componenti della struttura finanziaria del Gruppo sono rappresentate dal vendor loan e dal debito residuo relativo al finanziamento a medio-lungo termine, entrambi derivanti dall acquisizione di Società Padana Energia S.p.A. 5

7 Il Gruppo Gas Plus Dettagli struttura patrimoniale e finanziaria Gruppo Gas Plus - Dettagli struttura patrimoniale e finanziaria Dati in M Componenti del Capitale Investito Netto Dati in M Componenti della PFN relative all acquisizione 175,2 451,9 405,8 145,7 145,6 355,7 307,6 120,0 108,1 64,6 35,0 35,0 95,0 35,4 150,0 44,1 42,7 40,7 538,0 513,5 503,4 482,5 40,5 41,0 26,7 25,2 26,1 26,9 27,6-206,0-215,8-212,3-210,3 12M M M M Immobilizzazioni Circolante Altro 12M M M M Finanziamento Bridge 2011 Finanziamento USFIN (31 Dic 13)* Finanziamento a medio-lungo - Amortizing *** Finanziamento a medio-lungo - Baloon 2016*** Vendor Loan 2017** Il Capitale Investito Netto si è ridotto nel tempo principalmente per la diminuzione del capitale circolante, come effetto della ristrutturazione del portafoglio clienti dell Area Commerciale Gas La Posizione Finanziaria Netta ( 98,6 M al 31 dicembre 2013) si è ridotta in breve tempo grazie ai flussi di cassa generati da tutte le business unit ed al costante monitoraggio del capitale circolante anche tramite il recente accordo di cartolarizzazione * Rimborsato a Marzo 2013 ** include interessi *** include una quota del valore dello strumento finanziario derivato IRS Dati in M 75,4 0,3 31,1 Componenti della PFN relative al circolante 67,2 2,5 29,7 44,0 35,0 6,5-1,6 12M M M M ,9 Scoperti di c/c ed altri Anticipi fatture Revolving (linea di credito 50M) Revolving ,6 3,6 6

8 Il Gruppo Gas Plus Risultati economici Gruppo Gas Plus - Risultati economici Dati in M 13,7 11,6 14,1 (13,2) (5,7) 16,4 11,6 Il trend dei ricavi degli ultimi due anni riflette una strategia di portafoglio basata sulla riduzione di volumi, sia nel mercato all ingrosso che nel mercato retail, finalizzata ad incrementare la marginalità Dal 2012 ritorno all utile d esercizio, in linea con i trend storici, per effetto della significativa crescita dell EBITDA, derivante dall acquisizione di Società Padana Energia S.p.A. nel 2010, e del ritorno alla redditività delle attività del mercato all ingrosso M Risultato Netto M M Ricavi 12 12M M EBITDA M M I risultati 2013 sono stati raggiunti in un contesto di mercato simile a quello del 2012 ma su livelli inferiori in termini di scenario di prezzi e produzioni. Dal quarto trimestre 2013, è stata avviata una nuova strategia commerciale incentrata sull incremento delle vendite nei segmenti di mercato più profittevoli, minimizzando il rischio credito 7

9 Il Gruppo Gas Plus Risultati economici Gruppo Gas Plus Breakdown EBITDA 12M 2013 vs 12M 2012 Dati in M EBITDA 12M 2013 L EBITDA 12M 2013 vs. EBITDA 12M 2012 si è ridotto di 15,4 M 44,1 6,6 7,6 E&P Network Area Commerciale Gas (S&S e Retail) EBITDA 12M 2012 (0,6) Altro 57,7 Totale Ebitda 12M 2013 Scenario di prezzi degli idrocarburi meno favorevole, natural depletion e vincoli contingenti ai volumi prodotti di una concessione non operata dal Gruppo (BU E&P) Contributo positivo delle attività regolate (BU Network) 63,4 6,0 4,6 E&P Network Area Commerciale Gas (S&S e Retail) (0,9) Altro 73,1 Totale Ebitda 12M 2012 Gli effetti positivi della razionalizzazione del portafoglio gas, portata avanti nel corso degli ultimi due anni, hanno portato ad un forte incremento della marginalità complessiva dell Area Commerciale Gas che ha registrato, nel 2013, il miglior risultato dalla quotazione 8

10 Business Unit Exploration & Production - Branch Italia E&P E&P Bussiness Unit: Portafoglio Asset Area Emilia Ovest 6 Concessioni Area Emilia Est 12 Concessioni Area Centro Sud 32 Concessioni Nel 2004 Gas Plus ha acquisito da ENI la società Stargas Italia S.p.A. (ora Gas Plus Italiana S.r.l.) con riserve 2P per circa 2,6 BSmce al 31/12/2004 Nel 2010, grazie all acquisizione da ENI della Società Padana Energia S.p.A., Gas Plus ha incrementato le proprie riserve 2P, arrivando a detenere complessivamente riserve pari a 4,9 BSmce al 31/12/2013 Al 31/12/2013 Gas Plus dispone di un patrimonio titoli così composto : 50 concessioni di coltivazione, di cui 36 come Operatore 2 istanze di concessione 6 permessi di ricerca 3 istanze di permesso 9

11 Business Unit Exploration & Production E&P Business Unit E&P Produzione idrocarburi netta Gas Metano (MSmc) Olio e condensati (MSmce) 200,8 210,0* 269,8 1,3 7,8 199,5 202,2 34,0 235,8 240,9 34,7 217,7 28,6 206,2 189, Totale (MSmce) Branch Italia Integrazione operativa e geografica delle attività E&P esistenti con quelle di Società Padana Energia S.p.A. Previsti due importanti progetti di sviluppo: Il progetto in fase più avanzata ha concluso favorevolmente l iter ministeriale con la pubblicazione del decreto di concessione. In corso le procedure per l approvvigionamento dei materiali e l assegnazione dei lavori Il secondo progetto è nella fase autorizzativa finale Possibilità di ottimizzare i livelli produttivi di vari asset in esercizio e presenza di un rilevante potenziale esplorativo Riserve 2P Totali Italia (BSmce) 5,3 5,2 5,3 4,9 2, Branch Estero Studi e ingegneria in corso per lo sviluppo del progetto Ana e Doina, ulteriormente valorizzato da una rilevante scoperta in un area limitrofa Conclusa la separazione del blocco Midia nelle aree ad acque superficiali e profonde, con la costituzione di una nuova JV composta da ExxonMobil (42,5% - operatore), OMV Petrom (42,5%) e Gas Plus (15%) per l area ad acque profonde Permesso esplorativo in Polonia rinnovato sino al 2016 * Società Padana Energia SpA contribuisce alla produzione dal 19 ottobre

12 Business Unit Exploration & Production - Branch Estero E&P Polonia (interesse 50%) Romania (interesse 15%) Olanda (interesse 10%) Permesso esplorativo esteso sino al In corso studi sulla potenzialità dell area Area ad acque superficiali: Permessi esplorativi in due blocchi del Mar Nero: - Midia Shallow, dove sono presenti risorse certificate per 1,4 BSmc - Pelican Area ad acque profonde: Interessanti prospettive nel blocco Midia Deep grazie ad una rilevante scoperta nel blocco esplorativo limitrofo Titolarità di un permesso off-shore. In corso studi per la valutazione del potenziale minerario 11

13 Area Commerciale Gas Area Commerciale Gas Area Commerciale Gas (Business Unit S&S e Retail) Portafoglio Gas Dati in Msmc Small Business/MultiPoD Residenziale Industriale Società Vendita Terze Balancing (in precedenza Trading) Retail 12M M M M * 12M * 1,1 BSmc *Dati non in scala 1,9 BSmc 2,1 BSmc 0,6 BSmc 0,4 BSmc Mix di approvvigionamento diversificato sia per fonti (produzione interna, PSV e hub esteri) che per formule d acquisto (prezzo fisso, indicizzazioni a prodotti energetici e prezzi spot) Grazie ad un processo di riorganizzazione e razionalizzazione, il portafoglio commerciale è stato ristrutturato nei seguenti termini: riduzione e ottimizzazione delle dimensioni del portafoglio gas focus sui segmenti di mercato con maggiore marginalità e solvibilità costante monitoraggio del rischio commodity Al fine di bilanciare il decremento atteso della marginalità, derivante dall introduzione del nuovo regime di prezzo, l attenzione del Gruppo sarà focalizzata su (i) consolidamento del portafoglio, (ii) incremento volumi su segmenti di clientela a maggior marginalità, tenendo conto del merito creditizio, e (iii) ottimizzazione della struttura organizzativa e dei costi Circa clienti finali, dei quali, relativamente alla clientela di tipo residenziale, circa il 90% serviti sulle reti di distribuzione in concessione del Gruppo 12

14 Business Unit Network & Transportation Network& Transportation Business Unit Network & Transportation Volumi distribuiti (MSmc) ,0 210,5 192,9 192,7 191,8 Utenti finali diretti* (#k) 90,0 88,5 89,2 89,0 88,9 ATEM*: Presenza Gas Plus CR 1 Nord Prov. Cremona 2 comuni Lombardia CR 2 Centro Prov. Cremona 1 comune Lunghezza reti*(km) BS 4 Sud/Ovest Prov. Brescia 7 comuni BS 5 Sud/Est Prov. Brescia 8 comuni BS 2 Nord/Est Prov. Brescia 1 comune Gas Plus distribuisce gas naturale, mediante concessione, in 37 comuni, di cui 23 in Lombardia e 14 in Emilia Romagna Gas Plus trasporta gas naturale a seguito di autorizzazione ministeriale del Ministero dello Sviluppo Economico tramite 42 km di rete di trasporto di proprietà in Valtrebbia e in Valnure (Piacenza) Gas Plus, in relazione alle prossime gare d ambito, intende mantenere l attuale livello di attività giocando un ruolo attivo rispetto alle nuove gare al fine di mantenere il medesimo perimetro operativo e finanziario. In merito alle attuali concessioni, Gas Plus può contare su un valore residuo degli impianti (VIR) generalmente superiore al valore contabile degli asset PC 1 Ovest Prov. Piacenza 4 comuni BG 5 Sud/Ovest Prov. Bergamo 3 comuni Emilia Romagna PC 2 Est Prov. Piacenza 6 comuni BG 4 BG e dintorni Est Prov. Bergamo 1 comune PARMA Prov. Parma 4 comuni * Ogni riquadro rappresenta un ATEM "Ambito Territoriale Minimo" * Dati comprensivi della distribuzione e del trasporto 13

15 Business Unit Storage Storage Business Unit Storage San Benedetto (AP) (49% Gas Plus) Tutti i tre progetti sono localizzati nel centro Italia, caratterizzato dalla scarsa presenza di siti per lo stoccaggio, e nella medesima area con la conseguente possibilità di sfruttare sinergie operative Poggiofiorito (CH) (100% Gas Plus) Sinarca (CB) (60% Gas Plus) SAN BENEDETTO (49% Gas Plus Operatore) Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) in itinere: ottenuto Nulla Osta di Fattibilità (NOF) nel corso del In fase di avvio la progettazione degli impianti POGGIOFIORITO (100% Gas Plus) Nel giugno 2011 avviata la procedura di VIA SINARCA (60% Gas Plus Operatore) Fase conclusiva delle attività ministeriali per l ottenimento della concessione 14

16 Il Gruppo Gas Plus Le prospettive future Corporate Network Mantenimento delle attuali concessioni di distribuzione Ottimizzazione costi di struttura e finanziari e sinergie a livello di aree di business Continua ricerca di opportunità di consolidamento del business model E&P Italia Incremento della produzione grazie al completamento del programma di investimenti Area Commerciale Ottimizzazione del portafoglio clienti all ingrosso e al dettaglio Incremento volumi su segmenti a maggior marginalità minimizzando il rischio di credito Storage Ottenimento delle autorizzazioni per l avvio degli investimenti necessari alla riconversione dei campi E&P Estero Prosecuzione dei progetti di investimento in essere Interessante potenziale esplorativo nelle acque profonde del Mar Nero rumeno 15

17 Il Gruppo Gas Plus Le prospettive future BP Medium Term Overview Assunzioni del Business Plan: E&P: sviluppo dei pozzi di gas in Italia ed incremento della produzione, investimenti esplorativi selezionati ed ulteriori investimenti in Romania in relazione a farm-in agreement ed a studi di pre-fattibilità Area Commerciale Gas: proseguimento della strategia del 2012 Network: mantenimento delle concessioni esistenti Storage: fase di pre-sviluppo fino all assegnazione della concessione Financial: al 31/12/2013 significativa riduzione della PFN. Rimborso anticipato, per un ammontare pari ad 4,5 M, rispetto al piano di ammortamento previsto per il Senior Loan, grazie ai flussi di cassa generati da tutte le business unit e alla riduzione del CCN Il BP è focalizzato esclusivamente sulle attività in corso del Gruppo e, di conseguenza, i risultati attesi non includono alcun contributo in termini di ricavi e costi da parte dei progetti in start-up, ovvero E&P internazionale e attività di stoccaggio In data 29 aprile 2013, il Gruppo Gas Plus ha sottoscritto con Banca IMI un contratto quinquennale di cartolarizzazione dei crediti commerciali, mediante la concessione di una linea di credito, da utilizzarsi in modalità rolling, di 35 Mln Aggiornamento del BP previsto dopo i risultati del primo semestre EBITDA e produzione di idrocarburi attesa Capex cumulate attese e breakdown per BU M 410 MSmce Capex 2012 Capex cumulate Storage Network 2% 13% Other 3% Media attesa del prezzo del Brent: 74,8 /bbl 120 M E&P - Explo 16% E&P - Dev 66% 19 M EBITDA Produzione idrocarburi Capex cumulate

18 Il Gruppo Gas Plus Il Top Management: amministratori e dirigenti con deleghe Davide Usberti Presidente ed Amministratore Delegato Gas Plus S.p.A. Germano Rossi Direttore Amministrazione, Finanza e Controllo Cinzia Triunfo Direttore Pianificazione, Sviluppo e Affari Generali Giovanni Dell Orto Presidente Gas Plus International B.V. (Branch E&P Estero) Bruno De Vinck General Manager di Gas Plus International B.V. (Branch E&P Estero) Sandro Mezzi Direttore Branch E&P Italia Attività Regolate - Network Fabio Guastella Responsabile attività Supply & Sales dell Area Commerciale gas Gianmaria Viscardi AD Network Achille Capelli Direttore BU Network 17

19 Avvertenze Questa presentazione contiene dichiarazioni previsionali riguardanti la situazione patrimoniale-finanziaria ed i risultati economici delle attività di Gas Plus. Tutte le dichiarazioni, diverse dai dati storici ed i relativi commenti sono, o devono essere considerati, dichiarazioni previsionali. Le dichiarazioni previsionali sono dichiarazioni di aspettative future che si basano sulle aspettative attuali del management e comprendono rischi ed incertezze conosciuti e sconosciuti che potrebbero far sì che i reali risultati o eventi differiscano materialmente da quelli espressi o impliciti in tali affermazioni. Le dichiarazioni previsionali includono, tra l'altro, le affermazioni che riguardano l'esposizione potenziale di Gas Plus ai rischi di mercato e le dichiarazioni che esprimono le aspettative, stime, previsioni, proiezioni e ipotesi. Queste dichiarazioni previsionali sono identificati dall uso di termini e frasi come ''prevedere'', ''credo'', 'potrebbe'', 'stima'', 'si aspettano'', 'intende, 'piano'',''obiettivi'',''prospettive'',''probabilmente'', 'progetto'', ''cerca', 'rischi'', 'dovrebbe' e termini o frasi simili. Ci sono una serie di fattori che potrebbero influenzare le future attività di Gas Plus e potrebbero portare a risultati reali materialmente diversi da quelli espressi nelle dichiarazioni previsionali contenute in questa presentazione, inclusi (per esempio, ma non limitati): (a) fluttuazioni di prezzo nel greggio petrolio e gas naturale, (b) cambiamenti nella domanda dei prodotti del Gruppo; (c) fluttuazioni valutarie, (d) i risultati di perforazione e produzione, (e) le stime di riserve di idrocarburi; (f) perdita di competitività del mercato, (g) rischi ambientali e geofisici; (h) i rischi associati con l'individuazione di obiettivi di acquisizione potenziale, e rischi connessi con la relativa negoziazione e completamento di tali operazioni; (i) il rischio di operare in paesi in via di sviluppo ed in paesi soggetti a sanzioni internazionali, (j) sviluppi legislativi, fiscali e normativi tra cui controversie ed effetti normativi derivanti dalla riclassifica delle riserve; (k) le condizioni economiche e dei mercati finanziari nei vari paesi e regioni; (l) i rischi politici, il differimento o l anticipo di progetti, la loro approvazione e la stima dei loro costi e (m) variazioni nelle condizioni commerciali. Tutte le dichiarazioni previsionali contenute in questa presentazione sono espresse nella loro interezza tenendo conto delle dichiarazioni cautelative contenute o richiamate in questa sezione. I lettori non devono fare eccessivo affidamento sulle dichiarazioni previsionali. Ogni dichiarazione previsionale deve essere considerata solo a partire dalla data di questa presentazione. Inoltre né Gas Plus, né alcuna delle sue società controllate o affiliate assume alcun obbligo di aggiornare o rivedere pubblicamente qualsiasi dichiarazione previsionale a seguito di nuove informazioni, eventi futuri o altro. Alla luce di questi rischi, i risultati potrebbero differire sostanzialmente da quelli indicati, impliciti o dedotti dalle dichiarazioni previsionali contenute in questa presentazione. 18

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014 @MailUp @MailUp_US www.mailup.com CHE COSA FA MAILUP MailUp è una società tecnologica che ha sviluppato una piattaforma digitale di cloud computing (Software

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

RELAZIONIBILANCI 2007

RELAZIONIBILANCI 2007 RELAZIONIBILANCI 2007 Indice LETTERA DEL PRESIDENTE 2 ORGANI SOCIALI 6 INFORMAZIONI SUL GRUPPO GEWISS 7 PRINCIPALI DATI ECONOMICI, FINANZIARI E PATRIMONIALI DEL 2007 9 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli