Gruppo Gas Plus. Company Profile. Giugno 2014*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Gas Plus. Company Profile. Giugno 2014* www.gasplus.it"

Transcript

1 Gruppo Gas Plus Company Profile *Il documento viene aggiornato su base semestrale, in seguito alle chiusure del 31 dicembre e del 30 giugno Giugno 2014*

2 Il Gruppo Gas Plus Operatore italiano integrato lungo l intera filiera del gas naturale Area Commerciale Gas Exploration & Production Italia: Quarto produttore italiano di gas naturale, presente su tutto il territorio Quarto nazionale produttore italiano di Gas Naturale, attivo sia in Italia che all estero Estero: attività in Romania, Olanda, Polonia e UK. In Romania, interessanti progressi nell area ad acque profonde del Mar Nero con aspettative positive sul potenziale esplorativo Supply & Sales Attivo nel segmento dell acquisto e della vendita di gas metano all ingrosso con l obiettivo di ottimizzare il portafoglio complessivo del Gruppo Retail Vendita di gas metano a clienti residenziali, small business e industriali Network and Transportation Distribuzione di gas naturale in 37 comuni della Lombardia e dell Emilia Romagna Presente anche nel settore del trasporto regionale Storage Avviati importanti progetti per la realizzazione di propri siti di stoccaggio di gas in Italia 1

3 Il Gruppo Gas Plus Organigramma Societario 7,57% 2,98% 15,51% Azionariato Gas Plus SpA Area Commerciale Gas Gas Plus S.p.A. 73,94% Us.Fin. Srl Findim S.A. Azioni proprie Mercato Business Unit E&P S&S Retail Storage Network and Transportation Altro 100% 100% 100% 100% 100% 85% Società Padana Energia SpA Gas Plus Italiana Srl Gas Plus Vendite Srl Gas Plus Storage Srl Gas Plus Reti Srl Gas Plus Energia Srl Società 81,5% 100% 97% 100% Reggente SpA Gas Plus International BV* Gas Plus Salso Srl Gas Plus Trasporto Srl *Succursali: Gas Plus International B.V. Haga Bucharest; Gas Plus International sp. z o.o. Oddział w Polsce Controllate (% di controllo): Gas Plus Netherlands B.V. (100%); Gasplus E & P UK Ltd (100%); Gasplus O & G UK Ltd (100%); Czarne Oil LLP - società non ancora operativa (50%), Gas Plus Dacia Srl (100% tramite Gas Plus Netherlands B.V.) 2

4 Il Gruppo Gas Plus Il nostro percorso di crescita 1960 Costituzione di Bagnolo Gas SpA da parte della famiglia Usberti per operare nella distribuzione di gas naturale nei comuni della Lombardia Realizzazione della prima Joint Venture tra Gas Plus ed un comune concedente nella distribuzione del gas 2004 Ingresso nella Exploration & Production attraverso l'acquisizione di una controllata storica di ENI 2008 Prima scoperta di gas internazionale nel Mar Nero (Romania). Ottenuta l'autorizzazione VIA per il progetto di stoccaggio di Sinarca Il Gruppo Gas Plus acquisisce dal gruppo ENI la Società Padana Energia SpA IPO 1960 Anni 70 Anni 80 Anni Espansione attività: raggiunto un totale di 35 comuni Inizio della liberalizzazione del mercato del gas italiano e dell implementazione di un attività indipendente di fornitura e vendita 2006 Avvio di operazioni internazionali di Exploration & Production attraverso Joint Venture con partner industriali di diversi paesi Dicembre 2006 La Società si quota sul mercato azionario MTA di Borsa Italiana - London Stock Exchange Group 2009 Avvio della nuova B. U. Transportation: attraverso la società interamente controllata Gas Plus Trasporto Srl, il Gruppo Gas Plus gestisce il trasporto di gas naturale su una rete di 32 km in Val Trebbia 2013 Interessanti prospettive dalla nuova JV con primari operatori internazionali (ExxonMobil ed OMV Petrom) nelle acque profonde del Mar Nero Rumeno Dopo 50 anni di esperienza nel mercato italiano della distribuzione del gas, Gas Plus è divenuto un operatore integrato su tutta la filiera del gas attraverso l'acquisizione di importanti asset italiani di E&P e del relativo personale altamente qualificato 3

5 Il Gruppo Gas Plus I nostri Fattori Critici di Successo 2 Considerevole patrimonio di asset produttivi ed in corso di sviluppo nel segmento dell E&P 1 Posizione unica in Italia come medio operatore indipendente ed integrato lungo tutta la filiera del gas naturale 3 Disponibilità di cash flow stabili da asset regolati (BU Network) I fattori critici di successo 6 Management con esperienza pluriennale nel settore 5 Vantaggi competitivi derivanti da una consolidata presenza nel mercato italiano del gas 4 Possibilità di sfruttare importanti opportunità di business nel segmento degli stoccaggi 4

6 Il Gruppo Gas Plus Struttura patrimoniale e finanziaria Gruppo Gas Plus - Struttura patrimoniale e finanziaria Dati in M Capitale Investito Netto 451,9 405,8 355,7 307,6 201,3 261,3 193,0 205,2 35,0 209,0 221,7 250,6 35,0 177,9 115,5 98,6 39,6 12M M M M M Patrimonio netto Finanziamento soci Posizione Finanziaria Netta (PFN) Il capitale investito netto del Gruppo si è incrementato in modo significativo nel 2010 per effetto dell acquisizione di Società Padana Energia S.p.A. Gas Plus ha inizialmente finanziato tale acquisizione, nel mese di ottobre 2010, attraverso un bridge loan di 150 milioni ed un vendor loan di 25 milioni Nel corso del 2011 il bridge loan è stato sostituito da un finanziamento a m/l termine di 85 milioni e da un finanziamento del socio Us.Fin. di 35 milioni, mentre l importo residuo è stato rimborsato Nel corso del 2013 è stato rimborsato anticipatamente il finanziamento del socio Us.Fin. ed una parte del finanziamento a medio-lungo termine. Ad oggi, quindi, le principali componenti della struttura finanziaria del Gruppo sono rappresentate dal vendor loan e dal debito residuo relativo al finanziamento a medio-lungo termine, entrambi derivanti dall acquisizione di Società Padana Energia S.p.A. 5

7 Il Gruppo Gas Plus Dettagli struttura patrimoniale e finanziaria Gruppo Gas Plus - Dettagli struttura patrimoniale e finanziaria Dati in M Componenti del Capitale Investito Netto Dati in M Componenti della PFN relative all acquisizione 175,2 451,9 405,8 145,7 145,6 355,7 307,6 120,0 108,1 64,6 35,0 35,0 95,0 35,4 150,0 44,1 42,7 40,7 538,0 513,5 503,4 482,5 40,5 41,0 26,7 25,2 26,1 26,9 27,6-206,0-215,8-212,3-210,3 12M M M M Immobilizzazioni Circolante Altro 12M M M M Finanziamento Bridge 2011 Finanziamento USFIN (31 Dic 13)* Finanziamento a medio-lungo - Amortizing *** Finanziamento a medio-lungo - Baloon 2016*** Vendor Loan 2017** Il Capitale Investito Netto si è ridotto nel tempo principalmente per la diminuzione del capitale circolante, come effetto della ristrutturazione del portafoglio clienti dell Area Commerciale Gas La Posizione Finanziaria Netta ( 98,6 M al 31 dicembre 2013) si è ridotta in breve tempo grazie ai flussi di cassa generati da tutte le business unit ed al costante monitoraggio del capitale circolante anche tramite il recente accordo di cartolarizzazione * Rimborsato a Marzo 2013 ** include interessi *** include una quota del valore dello strumento finanziario derivato IRS Dati in M 75,4 0,3 31,1 Componenti della PFN relative al circolante 67,2 2,5 29,7 44,0 35,0 6,5-1,6 12M M M M ,9 Scoperti di c/c ed altri Anticipi fatture Revolving (linea di credito 50M) Revolving ,6 3,6 6

8 Il Gruppo Gas Plus Risultati economici Gruppo Gas Plus - Risultati economici Dati in M 13,7 11,6 14,1 (13,2) (5,7) 16,4 11,6 Il trend dei ricavi degli ultimi due anni riflette una strategia di portafoglio basata sulla riduzione di volumi, sia nel mercato all ingrosso che nel mercato retail, finalizzata ad incrementare la marginalità Dal 2012 ritorno all utile d esercizio, in linea con i trend storici, per effetto della significativa crescita dell EBITDA, derivante dall acquisizione di Società Padana Energia S.p.A. nel 2010, e del ritorno alla redditività delle attività del mercato all ingrosso M Risultato Netto M M Ricavi 12 12M M EBITDA M M I risultati 2013 sono stati raggiunti in un contesto di mercato simile a quello del 2012 ma su livelli inferiori in termini di scenario di prezzi e produzioni. Dal quarto trimestre 2013, è stata avviata una nuova strategia commerciale incentrata sull incremento delle vendite nei segmenti di mercato più profittevoli, minimizzando il rischio credito 7

9 Il Gruppo Gas Plus Risultati economici Gruppo Gas Plus Breakdown EBITDA 12M 2013 vs 12M 2012 Dati in M EBITDA 12M 2013 L EBITDA 12M 2013 vs. EBITDA 12M 2012 si è ridotto di 15,4 M 44,1 6,6 7,6 E&P Network Area Commerciale Gas (S&S e Retail) EBITDA 12M 2012 (0,6) Altro 57,7 Totale Ebitda 12M 2013 Scenario di prezzi degli idrocarburi meno favorevole, natural depletion e vincoli contingenti ai volumi prodotti di una concessione non operata dal Gruppo (BU E&P) Contributo positivo delle attività regolate (BU Network) 63,4 6,0 4,6 E&P Network Area Commerciale Gas (S&S e Retail) (0,9) Altro 73,1 Totale Ebitda 12M 2012 Gli effetti positivi della razionalizzazione del portafoglio gas, portata avanti nel corso degli ultimi due anni, hanno portato ad un forte incremento della marginalità complessiva dell Area Commerciale Gas che ha registrato, nel 2013, il miglior risultato dalla quotazione 8

10 Business Unit Exploration & Production - Branch Italia E&P E&P Bussiness Unit: Portafoglio Asset Area Emilia Ovest 6 Concessioni Area Emilia Est 12 Concessioni Area Centro Sud 32 Concessioni Nel 2004 Gas Plus ha acquisito da ENI la società Stargas Italia S.p.A. (ora Gas Plus Italiana S.r.l.) con riserve 2P per circa 2,6 BSmce al 31/12/2004 Nel 2010, grazie all acquisizione da ENI della Società Padana Energia S.p.A., Gas Plus ha incrementato le proprie riserve 2P, arrivando a detenere complessivamente riserve pari a 4,9 BSmce al 31/12/2013 Al 31/12/2013 Gas Plus dispone di un patrimonio titoli così composto : 50 concessioni di coltivazione, di cui 36 come Operatore 2 istanze di concessione 6 permessi di ricerca 3 istanze di permesso 9

11 Business Unit Exploration & Production E&P Business Unit E&P Produzione idrocarburi netta Gas Metano (MSmc) Olio e condensati (MSmce) 200,8 210,0* 269,8 1,3 7,8 199,5 202,2 34,0 235,8 240,9 34,7 217,7 28,6 206,2 189, Totale (MSmce) Branch Italia Integrazione operativa e geografica delle attività E&P esistenti con quelle di Società Padana Energia S.p.A. Previsti due importanti progetti di sviluppo: Il progetto in fase più avanzata ha concluso favorevolmente l iter ministeriale con la pubblicazione del decreto di concessione. In corso le procedure per l approvvigionamento dei materiali e l assegnazione dei lavori Il secondo progetto è nella fase autorizzativa finale Possibilità di ottimizzare i livelli produttivi di vari asset in esercizio e presenza di un rilevante potenziale esplorativo Riserve 2P Totali Italia (BSmce) 5,3 5,2 5,3 4,9 2, Branch Estero Studi e ingegneria in corso per lo sviluppo del progetto Ana e Doina, ulteriormente valorizzato da una rilevante scoperta in un area limitrofa Conclusa la separazione del blocco Midia nelle aree ad acque superficiali e profonde, con la costituzione di una nuova JV composta da ExxonMobil (42,5% - operatore), OMV Petrom (42,5%) e Gas Plus (15%) per l area ad acque profonde Permesso esplorativo in Polonia rinnovato sino al 2016 * Società Padana Energia SpA contribuisce alla produzione dal 19 ottobre

12 Business Unit Exploration & Production - Branch Estero E&P Polonia (interesse 50%) Romania (interesse 15%) Olanda (interesse 10%) Permesso esplorativo esteso sino al In corso studi sulla potenzialità dell area Area ad acque superficiali: Permessi esplorativi in due blocchi del Mar Nero: - Midia Shallow, dove sono presenti risorse certificate per 1,4 BSmc - Pelican Area ad acque profonde: Interessanti prospettive nel blocco Midia Deep grazie ad una rilevante scoperta nel blocco esplorativo limitrofo Titolarità di un permesso off-shore. In corso studi per la valutazione del potenziale minerario 11

13 Area Commerciale Gas Area Commerciale Gas Area Commerciale Gas (Business Unit S&S e Retail) Portafoglio Gas Dati in Msmc Small Business/MultiPoD Residenziale Industriale Società Vendita Terze Balancing (in precedenza Trading) Retail 12M M M M * 12M * 1,1 BSmc *Dati non in scala 1,9 BSmc 2,1 BSmc 0,6 BSmc 0,4 BSmc Mix di approvvigionamento diversificato sia per fonti (produzione interna, PSV e hub esteri) che per formule d acquisto (prezzo fisso, indicizzazioni a prodotti energetici e prezzi spot) Grazie ad un processo di riorganizzazione e razionalizzazione, il portafoglio commerciale è stato ristrutturato nei seguenti termini: riduzione e ottimizzazione delle dimensioni del portafoglio gas focus sui segmenti di mercato con maggiore marginalità e solvibilità costante monitoraggio del rischio commodity Al fine di bilanciare il decremento atteso della marginalità, derivante dall introduzione del nuovo regime di prezzo, l attenzione del Gruppo sarà focalizzata su (i) consolidamento del portafoglio, (ii) incremento volumi su segmenti di clientela a maggior marginalità, tenendo conto del merito creditizio, e (iii) ottimizzazione della struttura organizzativa e dei costi Circa clienti finali, dei quali, relativamente alla clientela di tipo residenziale, circa il 90% serviti sulle reti di distribuzione in concessione del Gruppo 12

14 Business Unit Network & Transportation Network& Transportation Business Unit Network & Transportation Volumi distribuiti (MSmc) ,0 210,5 192,9 192,7 191,8 Utenti finali diretti* (#k) 90,0 88,5 89,2 89,0 88,9 ATEM*: Presenza Gas Plus CR 1 Nord Prov. Cremona 2 comuni Lombardia CR 2 Centro Prov. Cremona 1 comune Lunghezza reti*(km) BS 4 Sud/Ovest Prov. Brescia 7 comuni BS 5 Sud/Est Prov. Brescia 8 comuni BS 2 Nord/Est Prov. Brescia 1 comune Gas Plus distribuisce gas naturale, mediante concessione, in 37 comuni, di cui 23 in Lombardia e 14 in Emilia Romagna Gas Plus trasporta gas naturale a seguito di autorizzazione ministeriale del Ministero dello Sviluppo Economico tramite 42 km di rete di trasporto di proprietà in Valtrebbia e in Valnure (Piacenza) Gas Plus, in relazione alle prossime gare d ambito, intende mantenere l attuale livello di attività giocando un ruolo attivo rispetto alle nuove gare al fine di mantenere il medesimo perimetro operativo e finanziario. In merito alle attuali concessioni, Gas Plus può contare su un valore residuo degli impianti (VIR) generalmente superiore al valore contabile degli asset PC 1 Ovest Prov. Piacenza 4 comuni BG 5 Sud/Ovest Prov. Bergamo 3 comuni Emilia Romagna PC 2 Est Prov. Piacenza 6 comuni BG 4 BG e dintorni Est Prov. Bergamo 1 comune PARMA Prov. Parma 4 comuni * Ogni riquadro rappresenta un ATEM "Ambito Territoriale Minimo" * Dati comprensivi della distribuzione e del trasporto 13

15 Business Unit Storage Storage Business Unit Storage San Benedetto (AP) (49% Gas Plus) Tutti i tre progetti sono localizzati nel centro Italia, caratterizzato dalla scarsa presenza di siti per lo stoccaggio, e nella medesima area con la conseguente possibilità di sfruttare sinergie operative Poggiofiorito (CH) (100% Gas Plus) Sinarca (CB) (60% Gas Plus) SAN BENEDETTO (49% Gas Plus Operatore) Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) in itinere: ottenuto Nulla Osta di Fattibilità (NOF) nel corso del In fase di avvio la progettazione degli impianti POGGIOFIORITO (100% Gas Plus) Nel giugno 2011 avviata la procedura di VIA SINARCA (60% Gas Plus Operatore) Fase conclusiva delle attività ministeriali per l ottenimento della concessione 14

16 Il Gruppo Gas Plus Le prospettive future Corporate Network Mantenimento delle attuali concessioni di distribuzione Ottimizzazione costi di struttura e finanziari e sinergie a livello di aree di business Continua ricerca di opportunità di consolidamento del business model E&P Italia Incremento della produzione grazie al completamento del programma di investimenti Area Commerciale Ottimizzazione del portafoglio clienti all ingrosso e al dettaglio Incremento volumi su segmenti a maggior marginalità minimizzando il rischio di credito Storage Ottenimento delle autorizzazioni per l avvio degli investimenti necessari alla riconversione dei campi E&P Estero Prosecuzione dei progetti di investimento in essere Interessante potenziale esplorativo nelle acque profonde del Mar Nero rumeno 15

17 Il Gruppo Gas Plus Le prospettive future BP Medium Term Overview Assunzioni del Business Plan: E&P: sviluppo dei pozzi di gas in Italia ed incremento della produzione, investimenti esplorativi selezionati ed ulteriori investimenti in Romania in relazione a farm-in agreement ed a studi di pre-fattibilità Area Commerciale Gas: proseguimento della strategia del 2012 Network: mantenimento delle concessioni esistenti Storage: fase di pre-sviluppo fino all assegnazione della concessione Financial: al 31/12/2013 significativa riduzione della PFN. Rimborso anticipato, per un ammontare pari ad 4,5 M, rispetto al piano di ammortamento previsto per il Senior Loan, grazie ai flussi di cassa generati da tutte le business unit e alla riduzione del CCN Il BP è focalizzato esclusivamente sulle attività in corso del Gruppo e, di conseguenza, i risultati attesi non includono alcun contributo in termini di ricavi e costi da parte dei progetti in start-up, ovvero E&P internazionale e attività di stoccaggio In data 29 aprile 2013, il Gruppo Gas Plus ha sottoscritto con Banca IMI un contratto quinquennale di cartolarizzazione dei crediti commerciali, mediante la concessione di una linea di credito, da utilizzarsi in modalità rolling, di 35 Mln Aggiornamento del BP previsto dopo i risultati del primo semestre EBITDA e produzione di idrocarburi attesa Capex cumulate attese e breakdown per BU M 410 MSmce Capex 2012 Capex cumulate Storage Network 2% 13% Other 3% Media attesa del prezzo del Brent: 74,8 /bbl 120 M E&P - Explo 16% E&P - Dev 66% 19 M EBITDA Produzione idrocarburi Capex cumulate

18 Il Gruppo Gas Plus Il Top Management: amministratori e dirigenti con deleghe Davide Usberti Presidente ed Amministratore Delegato Gas Plus S.p.A. Germano Rossi Direttore Amministrazione, Finanza e Controllo Cinzia Triunfo Direttore Pianificazione, Sviluppo e Affari Generali Giovanni Dell Orto Presidente Gas Plus International B.V. (Branch E&P Estero) Bruno De Vinck General Manager di Gas Plus International B.V. (Branch E&P Estero) Sandro Mezzi Direttore Branch E&P Italia Attività Regolate - Network Fabio Guastella Responsabile attività Supply & Sales dell Area Commerciale gas Gianmaria Viscardi AD Network Achille Capelli Direttore BU Network 17

19 Avvertenze Questa presentazione contiene dichiarazioni previsionali riguardanti la situazione patrimoniale-finanziaria ed i risultati economici delle attività di Gas Plus. Tutte le dichiarazioni, diverse dai dati storici ed i relativi commenti sono, o devono essere considerati, dichiarazioni previsionali. Le dichiarazioni previsionali sono dichiarazioni di aspettative future che si basano sulle aspettative attuali del management e comprendono rischi ed incertezze conosciuti e sconosciuti che potrebbero far sì che i reali risultati o eventi differiscano materialmente da quelli espressi o impliciti in tali affermazioni. Le dichiarazioni previsionali includono, tra l'altro, le affermazioni che riguardano l'esposizione potenziale di Gas Plus ai rischi di mercato e le dichiarazioni che esprimono le aspettative, stime, previsioni, proiezioni e ipotesi. Queste dichiarazioni previsionali sono identificati dall uso di termini e frasi come ''prevedere'', ''credo'', 'potrebbe'', 'stima'', 'si aspettano'', 'intende, 'piano'',''obiettivi'',''prospettive'',''probabilmente'', 'progetto'', ''cerca', 'rischi'', 'dovrebbe' e termini o frasi simili. Ci sono una serie di fattori che potrebbero influenzare le future attività di Gas Plus e potrebbero portare a risultati reali materialmente diversi da quelli espressi nelle dichiarazioni previsionali contenute in questa presentazione, inclusi (per esempio, ma non limitati): (a) fluttuazioni di prezzo nel greggio petrolio e gas naturale, (b) cambiamenti nella domanda dei prodotti del Gruppo; (c) fluttuazioni valutarie, (d) i risultati di perforazione e produzione, (e) le stime di riserve di idrocarburi; (f) perdita di competitività del mercato, (g) rischi ambientali e geofisici; (h) i rischi associati con l'individuazione di obiettivi di acquisizione potenziale, e rischi connessi con la relativa negoziazione e completamento di tali operazioni; (i) il rischio di operare in paesi in via di sviluppo ed in paesi soggetti a sanzioni internazionali, (j) sviluppi legislativi, fiscali e normativi tra cui controversie ed effetti normativi derivanti dalla riclassifica delle riserve; (k) le condizioni economiche e dei mercati finanziari nei vari paesi e regioni; (l) i rischi politici, il differimento o l anticipo di progetti, la loro approvazione e la stima dei loro costi e (m) variazioni nelle condizioni commerciali. Tutte le dichiarazioni previsionali contenute in questa presentazione sono espresse nella loro interezza tenendo conto delle dichiarazioni cautelative contenute o richiamate in questa sezione. I lettori non devono fare eccessivo affidamento sulle dichiarazioni previsionali. Ogni dichiarazione previsionale deve essere considerata solo a partire dalla data di questa presentazione. Inoltre né Gas Plus, né alcuna delle sue società controllate o affiliate assume alcun obbligo di aggiornare o rivedere pubblicamente qualsiasi dichiarazione previsionale a seguito di nuove informazioni, eventi futuri o altro. Alla luce di questi rischi, i risultati potrebbero differire sostanzialmente da quelli indicati, impliciti o dedotti dalle dichiarazioni previsionali contenute in questa presentazione. 18

Gruppo Gas Plus Company Profile. www.gasplus.it

Gruppo Gas Plus Company Profile. www.gasplus.it Gruppo Company Profile www.gasplus.it Gennaio 2012 Il Gruppo Operatore italiano integrato lungo l intera filiera del gas naturale Commercial Asset Exploration & Production Quarto produttore italiano di

Dettagli

Gruppo Gas Plus Company Profile. www.gasplus.it

Gruppo Gas Plus Company Profile. www.gasplus.it Gruppo Gas Plus Company Profile www.gasplus.it Aprile 2012 Il Gruppo Gas Plus Operatore italiano integrato lungo l intera filiera del gas naturale Area Commerciale Gas Exploration & Production Quarto produttore

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Gruppo Gas Plus. Company Profile. Dicembre 2015* www.gasplus.it

Gruppo Gas Plus. Company Profile. Dicembre 2015* www.gasplus.it Gruppo Gas Plus Company Profile www.gasplus.it *Il documento viene aggiornato su base semestrale, in seguito alle chiusure del 31 dicembre e del 30 giugno Dicembre 2015* Il Gruppo Gas Plus Operatore italiano

Dettagli

Gruppo Gas Plus Company Profile.

Gruppo Gas Plus Company Profile. Gruppo Gas Plus Company Profile www.gasplus.it Dicembre 2012 Il Gruppo Gas Plus Operatore italiano integrato lungo l intera filiera del gas naturale Area Commerciale Gas Exploration & Production Italia:

Dettagli

Sostanziale tenuta nei risultati rispetto al generale trend del settore Oil & Gas.

Sostanziale tenuta nei risultati rispetto al generale trend del settore Oil & Gas. Gas Plus: il Consiglio di Amministrazione delibera la nomina di Presidente, Vicepresidente e nuovo Consigliere e approva il resoconto intermedio sulla gestione al 30 settembre 2013. Sostanziale tenuta

Dettagli

GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010.

GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010. Milano, 6 Agosto 2010 COMUNICATO STAMPA GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010. Significativo incremento dei volumi di gas venduto

Dettagli

Gas Plus : dalla vendita del gas nella bassa parmense ai giacimenti di idrocarburi in Emilia Romagna

Gas Plus : dalla vendita del gas nella bassa parmense ai giacimenti di idrocarburi in Emilia Romagna : dalla vendita del gas nella bassa parmense ai giacimenti di idrocarburi in Emilia Romagna Bologna, 13 Dicembre 2010 www.gasplus.it Energia: la sfida delle fonti tradizionali; petrolio e dintorni 0 Il

Dettagli

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Principali obiettivi del quadriennio E&P: produzione in costante crescita sostenuta dalle ingenti scoperte fatte o Produzione in crescita

Dettagli

Gruppo GAS PLUS. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015

Gruppo GAS PLUS. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Gruppo GAS PLUS Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Sede legale MILANO Viale Enrico Forlanini, 17 Capitale Sociale: 23.353.002,40 (interamente versato) R.I. 08233870156 R.E.A. 1210007 Codice

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 come successivamente modificato e integrato Rimborso del Finanziamento Soci a favore

Dettagli

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Fabrizio loiacono CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Selezione, ingresso e gestione del partner nella prospettiva dell imprenditore: un caso di successo

Dettagli

Eni: Piano Strategico 2013-2016 Crescita e rendimenti sostenibili

Eni: Piano Strategico 2013-2016 Crescita e rendimenti sostenibili Eni: Piano Strategico 2013-2016 Crescita e rendimenti sostenibili E&P: eccezionali opportunità di crescita o Produzione di idrocarburi in crescita >4% medio annuo al 2016 G&P: posizionamento delle attività

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%)

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%) COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 31 MARZO 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA E RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI IN FORTE CRESCITA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * :

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008 : IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2008 Amaro (UD), 16 marzo 2009 Ricavi consolidati: +20%, da 76,54 milioni di Euro a 91,73 milioni di Euro Primo margine consolidato: +32%,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015.

COMUNICATO STAMPA. Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. COMUNICATO STAMPA Il Gruppo Iren presenta l aggiornamento del Piano Industriale al 2015. Ebitda al 2015 di circa 670 milioni di euro, con una crescita media annua del 3,2%. Posizione finanziaria netta

Dettagli

Gruppo Acsm Agam Business Plan 2013-2015

Gruppo Acsm Agam Business Plan 2013-2015 Gruppo Acsm Agam Business Plan 2013-2015 17 Dicembre 2012 Indice Il Gruppo e le attività gestite Portafoglio attività Highlights Scenario, Obiettivi e Azioni di Piano Distribuzione gas Vendita gas e energia

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE:

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati dei primi nove mesi del 2010. Utile e margini operativi in forte crescita. Ricavi Consolidati: Euro 620,9 milioni (+11,3%

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Gruppo. Semestrale al 30.06.2009

Gruppo. Semestrale al 30.06.2009 Gruppo Semestrale al 30.06.2009 28 Ago, 2009 1 Elementi principali Ricavi in diminuzione del 18,4% per effetto del trasferimento delle attività di trading in Sinergie Italiane L Ebitda in aumento del 6,7%,

Dettagli

Gruppo GAS PLUS. Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2014

Gruppo GAS PLUS. Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2014 Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2014 Sede legale MILANO Viale Enrico Forlanini, 17 Capitale Sociale: 23.353.002 (interamente versato) R.I. 08233870156 R.E.A. 1210007 Codice fiscale

Dettagli

GAS PLUS S.p.A. BILANCIO CONSOLIDATO E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31.12.2013. Sede legale MILANO Viale Enrico Forlanini, 17

GAS PLUS S.p.A. BILANCIO CONSOLIDATO E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31.12.2013. Sede legale MILANO Viale Enrico Forlanini, 17 GAS PLUS S.p.A. BILANCIO CONSOLIDATO E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31.12.2013 Sede legale MILANO Viale Enrico Forlanini, 17 INDICE Organi sociali 3 Dati di sintesi 4 Relazione sulla gestione al 31 dicembre

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015. Napoli, 21 Settembre 2015 abstract

Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015. Napoli, 21 Settembre 2015 abstract Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015 Napoli, 21 Settembre 2015 abstract Situazione Economica e Patrimoniale al 30 Giugno 2015 a. Principali dati economico finanziari consolidati

Dettagli

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it COMUNICATO STAMPA APPROVAZIONE DEL RESOCONTO INTERMEDIO CONSOLIDATO DI GESTIONE PER IL PERIODO DI 9 MESI AL 31 GENNAIO 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Sesa S.p.A. riunitosi in data odierna ha approvato

Dettagli

PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4%

PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4% PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4% Ricavi pari a 24,3 milioni di euro (9,8 milioni di euro al primo

Dettagli

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013 COMUNICATO STAMPA Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Ecosuntek S.p.A. approva

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

RISULTATI PRIMO SEMESTRE 2015. Milano 29 Luglio, 2015

RISULTATI PRIMO SEMESTRE 2015. Milano 29 Luglio, 2015 RISULTATI PRIMO SEMESTRE 2015 Milano 29 Luglio, 2015 AGENDA Mercato energetico Risultati primo semestre 2015: Fonti e impieghi energia elettrica e idrocarburi Principali dati finanziari consolidati e investimenti

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2013 Cagliari, 14 maggio 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 31 marzo 2013. Ricavi consolidati

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1039-13-2015

Informazione Regolamentata n. 1039-13-2015 Informazione Regolamentata n. 1039-13-2015 Data/Ora Ricezione 28 Agosto 2015 14:19:15 MTA Societa' : ENERVIT Identificativo Informazione Regolamentata : 62597 Nome utilizzatore : ENERVITN03 - Raciti Tipologia

Dettagli

Fatturato e Cash flow in crescita

Fatturato e Cash flow in crescita GRUPPO SOL COMUNICATO STAMPA RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO AL 31-12- 2005 Fatturato e Cash flow in crescita Fatturato consolidato: Euro 346 milioni (+7,5%) Cash Flow: Euro 56,3 milioni (+4 %) Utile

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

Sintesi dei risultati consolidati del Gruppo

Sintesi dei risultati consolidati del Gruppo COMUNICATO STAMPA Gruppo Coin S.P.A.: Il Consiglio di Amministrazione riunitosi oggi a Venezia ha approvato i risultati del primo trimestre dell esercizio 2011 (1 febbraio 2011 30 aprile 2011). Vendite

Dettagli

SERVIZI ITALIA: utile netto al 30 giugno 2013 pari a Euro 5,2 milioni

SERVIZI ITALIA: utile netto al 30 giugno 2013 pari a Euro 5,2 milioni SERVIZI ITALIA: utile netto al 30 giugno 2013 pari a Euro 5,2 milioni Ricavi pari a Euro 104,9 mln (Euro 104,0 al 30 giugno 2012) EBITDA pari a Euro 30,1 mln (Euro 30,6 mln al 30 giugno 2012) EBIT pari

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Data/Ora Ricezione 23 Ottobre 2015 14:23:44 MTA - Star Societa' : SOGEFI Identificativo Informazione Regolamentata : 64513 Nome utilizzatore : SOGEFIN01 - ALBRAND

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

Rendiconto finanziario riclassificato

Rendiconto finanziario riclassificato Rendiconto finanziario Lo del rendiconto finanziario è la sintesi dello statutory al fine di consentire il collegamento tra il rendiconto finanziario, che esprime la variazione delle disponibilità liquide

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile 1 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10

Dettagli

GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016. 27 giugno 2013

GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016. 27 giugno 2013 GRUPPO GABETTI PIANO STRATEGICO 2013-2016 27 giugno 2013 Disclaimer Il presente documento è stato predisposto da Gabetti Property Solutions S.p.A. ( Gabetti ) esclusivamente a fini informativi in relazione

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Alerion approva il bilancio 2003. Torna l utile: risultato ante imposte a 2,2 milioni di Euro

Il Consiglio di Amministrazione di Alerion approva il bilancio 2003. Torna l utile: risultato ante imposte a 2,2 milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Alerion approva il bilancio 2003 Torna l utile: risultato ante imposte a 2,2 milioni di Euro Il Consiglio di Amministrazione di Alerion Industries S.p.A.,

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

Gruppo Mondadori Risultati 1Q15

Gruppo Mondadori Risultati 1Q15 Gruppo Mondadori Risultati 1Q15 Investor Presentation Conference call 12 Maggio 2015 Agenda Highlights 1Q15 Risultati 1Q15 Focus sulle Aree di Business Outlook FY 2015 2 Highlights 1Q15 ( m) RICAVI 2015

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 (VS PRIMO SEMESTRE 2014*): RICAVI NETTI: 226,0 MILIONI

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

Comunicato stampa PIANO INDUSTRIALE 2007-2011 E DATI PREVISIONALI AL 31 DICEMBRE 2007

Comunicato stampa PIANO INDUSTRIALE 2007-2011 E DATI PREVISIONALI AL 31 DICEMBRE 2007 Comunicato stampa CICCOLELLA ACQUISTA LE SOCIETA OLANDESI LELIVELD GROUP E FLOWER PLANT PARTNERS E DIVENTA IL PRIMO OPERATORE EUROPEO INTEGRATO NELLA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI FIORI E PIANTE PIANO

Dettagli

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione della Relazione Semestrale Consolidata di Gruppo al 30 giugno 2015

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione della Relazione Semestrale Consolidata di Gruppo al 30 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA Ecosuntek S.p.A. - Approvazione della Relazione Semestrale Consolidata di Gruppo al 30 giugno 2015 Il Risultato netto torna positivo per 1,6 milioni La Posizione Finanziaria netta, in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale 31 Marzo 2002 Indice INDICE...2 Parte Prima STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO AL 31/03/2002... 4 CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO AL 31/03/2002... 7 RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO AL

Dettagli

Vita Società Editoriale S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011

Vita Società Editoriale S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011 Vita Società Editoriale S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio semestrale consolidato al 30 giugno 2011 Fatturato consolidato a 2,2 mln euro nel I semestre 2011, +34%

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2015

Comunicato Stampa 12 novembre 2015 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2015 Fatturato pari a Euro 145,6 mln (Euro 173,9 mln al 30 settembre 2014) EBITDA pari a Euro 1,9 mln (Euro 14,1 mln al 30 settembre 2014) EBIT pari

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008 COMUNICATO STAMPA del 27 agosto 2008 - Cenate Sotto (BG) OBBLIGHI INFORMATIVI VERSO IL PUBBLICO PREVISTI DALLA DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14.05.1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE www.gewiss.com Il Consiglio

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%)

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Sant Elpidio a Mare, 7 agosto 2013 TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008 PRIMI 3 MESI DEL 2008 CONFERMANO IL POSITIVO RISULTATO OTTENUTO NEL PRIMO TRIMESTRE 2007, IN UN CONTESTO DI MERCATO

Dettagli

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti)

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti) COMUNICATO STAMPA AEFFE: Approvati I Risultati Dell 2015 San Giovanni in Marignano, 10 Marzo 2016 Il Consiglio di Amministrazione di Aeffe Spa - società del lusso, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO RICAVI AGGREGATI: 1.706,2 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

Ing. Carlo Malacarne, Amministratore Delegato Snam

Ing. Carlo Malacarne, Amministratore Delegato Snam Ing. Carlo Malacarne, Amministratore Delegato Snam Senato della Repubblica, X Commissione industria, commercio e turismo Indagine conoscitiva sui prezzi di energia elettrica e gas come fattore strategico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 Ricavi netti: +1,3% a 106,7 milioni di euro Ricavi netti dei primi nove mesi 2003: +2,6% a 384,5 milioni di euro In ottobre la crescita

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Edison. Cambia l energia.

Edison. Cambia l energia. Edison Trading Ricavi di Vendita mln di euro Potenza installata* Gw Quota di produzione energia elettrica su tot. Italia Vendite energia elettrica Italia twh 8.867 12,3 15% 60,4 Vendite idrocarburi italia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Cristina

Dettagli

Fatturato COMUNICATO STAMPA

Fatturato COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2005 RICAVI CONSOLIDATI + 11,4% - UTILE NETTO CONSOLIDATO + 42,9% Dati consolidati

Dettagli

P R E S S R E L E A S E

P R E S S R E L E A S E TXT e-solutions: nel primo semestre 2013 Lusso e Nord America tirano i ricavi (+12% Gruppo, +20,1% Lusso e Fashion). Ricavi netti consolidati: 26,3 milioni (+12,0%), per il 52% all estero. EBITDA: 3,1

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015

Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015 Informazione Regolamentata n. 20066-12-2015 Data/Ora Ricezione 16 Settembre 2015 15:48:48 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Societa' : Elettra Investimenti S.p.A. Identificativo Informazione

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

Presentazione alla Comunità Finanziaria

Presentazione alla Comunità Finanziaria Presentazione alla Comunità Finanziaria Luciano Facchini, CEO LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY III Edizione Hotel Splendide Royal 28 settembre 2012 Servizi Italia: Partner delle aziende sanitarie italiane

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

RELAZIONE ESPLICATIVA DELLE VOCI DEL PIANO DEGLI INVESTIMENTI 2014

RELAZIONE ESPLICATIVA DELLE VOCI DEL PIANO DEGLI INVESTIMENTI 2014 RELAZIONE ESPLICATIVA DELLE VOCI DEL PIANO DEGLI INVESTIMENTI 2014 117 118 Il preventivo o piano degli investimenti deriva da un bilancio di poste finanziarie ossia componenti che daranno luogo ad una

Dettagli

Comunicato stampa. Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

Comunicato stampa. Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 Comunicato stampa Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 Dati relativi ai primi 3 mesi dell esercizio 2010: Ricavi consolidati pari ad Euro 116,7 milioni (nel 2009

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli