La diagnostica sierologica per toxoplasmosi e rosolia sui sistemi automatici per immunometria Beckman Coulter

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La diagnostica sierologica per toxoplasmosi e rosolia sui sistemi automatici per immunometria Beckman Coulter"

Transcript

1 La diagnostica sierologica per toxoplasmosi e rosolia sui sistemi automatici per immunometria Beckman Coulter Maria Chiara Anelli Beckman Coulter SpA LA TOXOPLASMOSI La Toxoplasmosi è un infezione causata dallo sporozoo Toxoplasma gondii, e può essere acquisita da una gran varietà di mammiferi o di uccelli infettati, sia per ingestione di alimenti crudi che di materiale contaminato dalle loro feci. La diffusione di questa infezione dipende dall età e dalla posizione geografica della popolazione, e la sua prevalenza varia con le condizioni ambientali, igieniche e con l età: per esempio in Francia (area di Parigi), l 80% della popolazione adulta ha anticorpi IgG T. gondii-specifici; negli Stati Uniti, circa il 50% della popolazione ha gli anticorpi specifici; in alcune aree degli Stati Uniti invece, solo il 5-15% delle donne in età fertile ha anticorpi IgG tali da risultare protettivi. Secondo alcuni studi, l incidenza di infezioni congenite è stimata tra 1 ogni 1000 e 1 ogni 8000 nati/anno. L infezione contratta durante la gravidanza può essere trasmessa al feto durante la fase parassitemica mediante passaggio transplacentare diretto dello sporozoo oppure differito mediante cisti tissutali eccezionalmente presenti nel tessuto placentare. In pazienti affetti da AIDS, cancro e leucemia, che hanno deficit immunitario con particolare carenza di linfociti CD4 positivi, può verificarsi una riattivazione endogena dell infezione. Nei pazienti sieropositivi la forma più grave che viene riscontrata è tipicamente quella neurologica, che può comparire dal 3% al 50% dei casi. LA RICERCA DEGLI ANTICORPI Come in tutte le infezioni, anche nel caso dell infezione da Toxoplasma gondii le prime immunoglobuline che compaiono in circolo sono le IgM specifiche, che scompaiono dopo qualche settimana o pochi mesi per lasciare spazio alla produzione di IgG specifiche; queste compaiono più lentamente e raggiungono un picco caratteristico. Le prime metodiche utilizzate per la determinazione anticorpale comprendevano la neutralizzazione del siero, il legame del complemento o l immunofluorescenza. Tali test sono di difficile esecuzione e presentano problemi di riproducibilità. In seguito, le tecniche di inibizione dell emoagglutinazione hanno consentito una più rapida diagnosi sia dello stadio dell infezione acuta che dello stato immunitario del paziente. Nel 1971, Engvall e Perlmann hanno descritto le prime procedure di dosaggio immunoenzimatico. La messa a punto di tali metodiche ha portato ad una migliore specificità e sensibilità per le tecniche di ricerca con antigeni ed anticorpi. Successivamente l automazione ha implementato la riproducibilità e l affidabilità analitica. (Tab. 1) La caratterizzazione delle IgM specifiche, indicative di un infezione in fase acuta, può comportare il rischio di determinazione falsamente positive o falsamente negative. I reperti falsamente positivi sono dovuti alla presenza di sostanze interferenti quali fattori reumatoidi o anticorpi anti nucleo, i falsi negativi sono dovuti alla competitività tra IgG e IgM nella fase tardiva della risposta immunitaria di tipo primario. Nel feto e nel neonato bisogna inoltre considerare la possibilità di reperti falsamente negativi dovuti all interferenza di IgG materne. Per cercare di risolvere questi problemi molte aziende produttrici hanno messo a punto test immunoenzimantici a doppio sandwich con cattura in fase solida delle IgM specifiche. Rimangono comunque aperti problemi di natura interpretativa in alcuni casi particolari: riscontro di IgM specifiche in presenza di IgG specifiche, presenza di IgG specifiche ad alto titolo in assenza di IgM, presenza di IgM specifiche non seguita dalla comparsa di IgG specifiche; in questi casi può essere di aiuto il dosaggio delle IgA specifiche. I TEST TOXO IgM E TOXO IgG SUI SISTEMI ACCESS I test Toxo IgM II e Toxo IgG possono essere eseguiti in completa automazione sugli analizzatori Beckman Coulter Access, Access2, Synchron Lxi 725 e UniCel DxI 800. Il test Access Toxo IgM II è un analisi immunoenzimatica con substrato chemiluminescente (Lumi-Phos* 530) basata sul principio dell immunocattura; il test Access Toxo IgG Tabella 1 Evoluzione metodologica nella determinazione di Anticorpi anti T.Gondii Tecnica Antigene impiegato Immunoglobuline riconosciute Dye test parassita vivo IgG + (IgM) Immunofluorescenza (I.F.) parassita integro (formalina) IgG, IgM, Ig totali Agglutinazione diretta (AD) parassita integro (formalina) IgG, Ig totali ISAGA parassita integro (formalina) IgM, IgA, IgE Lattice citoplasma Ig totali Emoaglutinazione citoplasma + membrana IgG + IgM ELISA convenzionale diretta citoplasma + membrana IgG Immunocattura (ELISA) citoplasma + membrana IgM, IgA 58 LigandAssay 10 (1) 2005

2 Tabella 2 Caratteristiche metodologiche dei test per Toxoplasmosi (IgM e IgG) e per Rosolia (IgM e IgG) sui sistemi Access Analita (Tipo - Unità) Toxo IgM II (QL - S/CO) Toxo IgG (QT - Ul/mL) Rubella IgM (QL - AU/mL) Rubella IgG (QT - Ul/mL) Principio Immunocattua 2 step Sandwich 2 Step Immunocattua 2 step Sandwich 2 Step Ab (Ag) su fase solida PoAb pecora anti-igm Toxo Ag (RH) PoAb capra anti-igm Rubella Ag (HPV77) Ab (Ag) coniugato fosfatasi alcalina T. gondii inatt.+ MoAb topo anti T. gondii - MoAb topo anti-igg MoAb topo anti-rub + Rubella Ag MoAb topo anti-igg umane IgM specifico (P30) Valori di riferimento neg<0.8<ind<1<pos neg < 4 <ind < 6 < pos neg<10<ind<15<pos neg<10<ind<15<pos Calcolo cut-off smoothing spline smoothing spline smoothing spline Punti di calibrazione 2 (2CO + 2C1) 6 x 2 4 x 2 6 x 2 Standard Standard interno WHO 2 ISP per siero Anti-Toxo Standard interno WHO 2 ISP per siero Anti-Rubella utilizza invece tecnica indiretta. (Tab. 2) Confronto tra metodi La Tabella 3 riporta i risultati di confronto per Access Toxo IgM II con un metodo EIA di riferimento mentre la Tabella 4 riporta analoghi test di confronto condotti in tre centri indipendenti (due in Francia e uno negli Stati Uniti occidentali) fra il test Access Toxo IgG e un test EIA su micropiastra disponibile in commercio, volti a confrontarne la validità clinica. In questi studi si sono utilizzati anche campioni retrospettivi (congelati) per rendere più rapido l ottenimento del numero desiderato di campioni reattivi e non reattivi, con l intento di avere sufficiente base di valutazione per l analisi statistica. Tali campioni possono essere stati congelati/scongelati più di una volta. In uno studio interno, la validità dell analisi non è risultata influenzata dall uso di campioni freschi rispetto a quelli congelati/scongelati fino a tre volte. Studi di specificità Si è valutata la specificità del test Access Toxo IgM II in due centri indipendenti in Francia confrontandola con quella di un test EIA disponibile in commercio. Sono stati valutati un totale di 1035 campioni (174 donatori di sangue, 50 uomini e 811 donne gravide). Si è quindi utilizzato un test di agglutinazione quale tecnica indipendente di conferma atta a risolvere i risultati discordanti. I risultati dubbi o non confermati dalla tecnica di conferma non sono stati presi in considerazione per il calcolo, fra di essi due risultati dubbi ottenuti con Access. Si è ottenuta una specificità del 99,90% (1034/1035); dieci campioni sono stati esclusi dal calcolo. Studi di sensibilità Si è valutata la sensibilità del test Access Toxo IgM II in due centri indipendenti in Francia confrontandola con quella di un test EIA disponibile in commercio. Sono stati valutati un totale di 180 campioni di donne gravide. Si è quindi utilizzato un test di agglutinazione quale terza tecnica atta a risolvere i risultati discordanti. I risultati dubbi o non confermati dalla terza tecnica, non sono stati presi in considerazione per il calcolo. Si è ottenuta una sensibilità del 98,88% (178/180). I due risultati discordanti corrispondono a un infezione pregressa con IgM residue; tre campioni Tabella 3 Confronto tra Access Toxo IgM II ed EIA Campioni freschi Campioni congelati n % LC 95% n % LC 95% Concordanza relativa a) 182/185 98,4 96,6-100,0 655/674 98,7 97,8-99,5 Sensibilità relativa 8/9 88,9 68,2-100,0 169/172 98,3 96,3-100,0 Specificità relativa 174/176 98,9 97,2-100,0 496/502 98,8 97,9-99,7 a) Campioni dubbi per Toxo IgM II: 1/188 (0,53%) su campioni freschi e 1/678 (0,15%) su campioni congelati Tabella 4 Confronto tra Access Toxo IgG ed EIA Campioni freschi Campioni congelati n % LC 95% n % LC 95% Concordanza relativa 54/54 100,0 83,2-100,0 1535/ ,4 94,5-100,0 Sensibilità relativa 24/24 100,0 83,2-100,0 725/731 99,2 94,5-100,0 Specificità relativa 30/30 100,0 86,3-100,0 810/812 99,7 96,6-100,0 LigandAssay 10 (1)

3 sono stati esclusi dal calcolo. Con lo stesso obiettivo si sono valutati 73 pannelli (185 sieri) di infezione da sieroconversione o follow-up (centro 1) e 28 pannelli (86 sieri) di sieroconversione (centro 2): su questi pannelli è stata rilevata una sensibilità del 100%. Studi di sieroconversione Sono stati inoltre prelevati dei campioni multipli da pazienti con sospetta infezione recente da Toxoplasma per controllare la sieroconversione. Questi campioni seriali di siero provenienti da 43 pazienti diversi sono stati esaminati con il test Access Toxo IgG, un test EIA specifico per gli anticorpi IgG anti-t. gondii e un test EIA specifico per gli anticorpi IgM anti-t. gondii. Dei 139 campioni dei pazienti esaminati, 87 sono risultati positivi e 52 negativi. Il test Access Toxo IgG ha individuato correttamente 85 dei campioni positivi e tutti i campioni negativi. La sensibilità e la specificità relative dell analisi su questa popolazione sono risultate, rispettivamente, del 98% e del 100%. L aumento di anticorpi IgG anti-t. gondii rilevato dall analisi Access Toxo IgG è risultato ben correlato con i crescenti titoli anticorpali di IgG anti-t. gondii determinati con la seconda analisi EIA. In questi soggetti, l evidenza di un infezione acuta da Toxoplasma è stata confermata da una positività al test per la determinazione degli anticorpi IgM anti-t. gondii. LA ROSOLIA Il virus della rosolia è l unico membro del genere Rubivirus, ed appartiene alla famiglia delle Togaviridae. E un virus a RNA, la cui singola elica serve direttamente da stampo per l RNA messaggero. Il genoma è costituito da una regione che codifica per proteine non strutturali e da una regione che codifica per tre proteine strutturali; il virus è dotato di un pericapside o envelope e di un nucleocapside icosaedrico. La rosolia ha una diffusione mondiale e l affezione si verifica di solito più frequentemente in primavera e nei mesi invernali. I tassi di incidenza variano a seconda del ciclo epidemico, del numero di soggetti sensibili in una popolazione e dei contatti interpersonali all interno del gruppo. Questa patologia è più diffusa fra i bambini di età compresa fra i 5 e i 9 anni. L infezione avviene prevalentemente per via aerea ed è solitamente benigna, o talvolta silente nei bambini e negli adulti. Le sue manifestazioni cliniche comprendono un esantema cutaneo generalizzato su tutto il corpo, un lieve rialzo della temperatura, cefalea e talvolta faringite. Diversi paesi hanno messo in atto programmi di immunizzazione di massa per bambini intorno ai 15 mesi di età. LA ROSOLIA IN GRAVIDANZA Le infezioni contratte in utero, particolarmente nel corso dei primi quattro mesi di gravidanza possono determinare difetti congeniti gravi quali sordità, affezioni cardiache, cataratta o glaucoma e talvolta anche la morte del feto. In molte aree, la vaccinazione dei bambini in età scolare ha significativamente ridotto l incidenza delle epidemie di rosolia. Tuttavia, lo screening sistematico delle donne sieronegative alla rosolia, soprattutto in epoca preconcezionale, rimane piuttosto comune. La presenza di anticorpi IgG anti-rosolia in una donna Figura 1 Schema operativo per la valutazione dello stato immunologico in pazienti non gravide 60 LigandAssay 10 (1) 2005

4 prima del concepimento assicura una protezione del feto contro infezioni virali da rosolia durante la gravidanza. L efficacia della vaccinazione è dimostrata dalla presenza di anticorpi IgG anti-rosolia nel siero in seguito ad immunizzazione (da malattia pregressa o da vaccinazione). La comparsa o l aumento significativo delle concentrazioni di IgG specifiche in due campioni di siero prelevati ad almeno due settimane di distanza l uno dall altro è indice di infezione da Figura 2 Schema operativo per la valutazione dello stato immunologico in pazienti gravide Figura 3 Schema operativo per la valutazione dello stato immunologico in pazienti gravide con esposizione recente (0-15 giorni) a possibile fonte di infezione LigandAssay 10 (1)

5 Figura 4 Schema operativo per la valutazione dello stato immunologico in pazienti gravide con sintomi clinici di infezione da rosolia o controllo tardivo dopo esposizione a possibile fonte di infezione rosolia, anche in pazienti asintomatici. Nelle Figure da 1 a 4 sono rappresentati gli schemi operativi suggeriti per le varie tipologie di pazienti sottoposte ad indagini per valutarne la situazione immunologica nei confronti del virus della rosolia. LA RICERCA DEGLI ANTICORPI La diagnosi di un infezione acuta da rosolia si basa su diversi parametri clinici e sierologici: la presenza di anticorpi delle classi IgM e/o IgG; la comparsa, o un aumento significativo, del titolo di IgG fra due campioni prelevati ad un intervallo di almeno due settimane; la comparsa dei sintomi classici e soprattutto di un esantema ben definito. La necessità di diagnosi differenziale in presenza di un quadro clinico sospetto e la ricerca di un infezione congenita nel feto o nel neonato costituiscono una delle principali indicazioni per la ricerca della presenza di IgM specifiche, che denota un rischio di infezione primaria da rosolia. La ricerca delle IgM specifiche è indispensabile anche per il monitoraggio di donne gravide senza protezione anticorpale (IgG anti-virus della rosolia), in quanto le infezioni da rosolia spesso non presentano manifestazioni cliniche, ed il monitoraggio sierologico può consentire la determinazione precoce della sieroconversione e di una infezione potenziale del feto. I TEST RUBELLA IgM E IgG SUI SISTEMI ACCESS Il test Access Rubella IgM può essere eseguito in completa automazione sugli analizzatori Beckman Coulter Access, Access2 e UniCel DxI 800; il test Access Rubella IgG può essere eseguito in completa automazione sugli analizzatori Beckman Coulter Access, Access2, Synchron Lxi 725 e UniCel DxI 800. L analisi Access Rubella IgM è un dosaggio immunoenzimatico con substrato chemiluminescente (Lumi-Phos* 530) che si avvale del principio dell immunocattura; il test Access Rubella IgG utilizza invece tecnica indiretta. (Tab. 2) Studi di specificità Per lo studio sulla specificità, i sieri sono stati prelevati Tabella 5 Confronto tra Access Rubella IgG ed HAI Campioni freschi Campioni congelati n % LC 95% n % LC 95% Concordanza relativa 50/50 100,0 62,8-100,0 702/713 98,4 93,4-100,0 Sensibilità relativa 42/42 100,0 83,2-100,0 544/554 98,2 93,4-100,0 Specificità relativa 8/8 100,0 62,8-100,0 158/159 99,4 94,2-100,0 62 LigandAssay 10 (1) 2005

6 da donatori di sangue o da donne gravide. La specificità relativa del test Access Rubella IgM rispetto a una metodica disponibile in commercio è risultata pari al 99,7% (1061 risultati concordanti su 1064). Studi di sensibilità Sono stati condotti studi sulla sensibilità analizzando sieri isolati di donne gravide con infezione acuta, di pazienti in corso di sieroconversione e di soggetti seguiti durante la vaccinazione. La sensibilità è stata inoltre valutata su 3 pannelli disponibili in commercio. Tutti i 63 campioni con infezione acuta sono risultati positivi al test Access Rubella IgM con una sensibilità del 100%. Dei 18 campioni di pazienti in corso di sieroconversione, 14 hanno dato gli stessi risultati (12 rilevabili, 2 non rilevabili) di una metodica EIA disponibile in commercio utilizzata per il confronto; due campioni sono stati identificati più precocemente con il test Access Rubella IgM. Dei due campioni discordanti, uno ha dato risultati dubbi con Access e negativi con EIA, mentre l altro è risultato negativo al test Access e dubbio al test EIA all analisi del secondo campione. Nei soggetti seguiti durante la vaccinazione e nei 3 pannelli disponibili in commercio (n= 22 campioni), gli anticorpi IgM anti-rosolia sono stati ugualmente rilevati dal test Access e dal test EIA disponibile in commercio in 20 casi con una sensibilità relativa del 100%. Confronto tra metodi In Francia, due centri indipendenti hanno confrontato la validità clinica del test Access Rubella IgG rispetto al test HAI, esaminando un totale di 784 pazienti. (Tab 5) Nel primo centro 399 dei campioni sono stati prelevati da donne gravide, seguite nel quadro dello studio sierologico obbligatorio condotto in Francia sulle gravide che prevede il monitoraggio mensile delle pazienti che risultano sieronegative. Undici dei campioni del centro (tutti provenienti da donne gravide) sono risultati incerti e non sono quindi stati inclusi nel calcolo dei risultati. Nel secondo centro 290 campioni provenivano da donne gravide; di queste, dieci (tutte donne, 8 gravide) sono risultati incerti e non sono quindi stati considerati per il calcolo dei risultati. I campioni prospettici provenivano da una popolazione sana di donne gravide (28) non gravide (18) e uomini (4). Risultati del pannello CDC Le informazioni che seguono sono state ottenute da un pannello di sieri provenienti dal Center for Disease Control (Centro per il controllo delle malattie) e testati da un centro esterno con il kit Access Rubella IgG. I risultati vengono presentati al fine di fornire ulteriori informazioni circa la validità di quest analisi con un pannello di sieri caratterizzati e mascherati; ciò tuttavia non implica alcun riconoscimento del test da parte del CDC. Il pannello consiste di 82 sieri positivi e 18 sieri negativi. Il test Access Rubella IgG ha mostrato una concordanza totale del 100% con i risultati del CDC, cioè una concordanza del 100% per i campioni positivi e del 100% per i campioni negativi. Risultati dello standard biologico CDC Lo standard biologico CDC del siero di riferimento umano anti-rosolia a basso titolo (21,0 UI/mL) è stato testato puro e diluito 1:2 come descritto nel documento NCCLS I/LA6-A in tre centri esterni. La media dei risultati dei tre centri ottenuta con il test Access Rubella IgG è risultata di 25,1 UI/mL per il campione puro e di 11,8 UI/mL per il campione diluito 1:2. BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO 1. Dubey JP, Beattie CP. Toxoplasmosis of animals and man. Boca Raton. in CRC. Press. 1988, Couvreur J, Thulliez Ph. Devenir des toxoplasmoses congénitales. J Péd Puér, 1989; 2: Remington JS, McLeod R, Desmonts G. Toxoplasmosis in: Remington JS, Klein. JO Infectious diseases of the fetus and newborn infant. 4th Ed. The WB Saunders. Company, Philadelphia, Pa 1995; Bélanger F, Derouin F, Grangeot-Keros L, et al. Incidence and risks factors of Toxoplasmosis in a cohort of human immunodeficiency virus-infected patients: Clinical Infectious Disease, 1999; 28: Derouin F, Leport C, Pueyo S, et al. and ANRS 005/ACTG 154 Trial Group. Predictive value of Toxoplasma. gondii antibody titres on the occurrence of toxoplasmic encephalitis in HIV-infected patients. AIDS. 1996; 10: Wolinsky JS. Rubella. In Virology, 2nd Ed Edited by Fields BN, et al. New York. Raven Press, Ltd, Assaad F, Ljungars-Esteves K. Rubella - World Impact. Rev Infect Dis 1985; Vol. 7 (Sup 1): S29-S Boué A, Nicolas A, Lang R. La réaction d inhibition de l hémagglutination pour la sérologie de la rubéole. Ann Inst Pasteur 1968; 114: Forsgren, M. Standardization of techniques and reagents for the study of rubella antibody. Rev Infect Dis 1985; 7 (Suppl. 1): Approved Guideline - Detection and Quantitation of Rubella IgG Antibody: Evaluation and Performance Criteria for Multiple Component Test Products, Specimen Handling, and Use of Test Products in the Clinical Laboratory -/LA6-T National Committee for Clinical Laboratory Standards Per corrispondenza: Dott.ssa Maria Chiara Anelli Immunochemistry Sales Support Beckman Coulter SpA Via Roma 108, Palazzo F/1 Centro Direzionale Lombardo Cassina de Pecchi, Milano Tel: Fax: LigandAssay 10 (1)

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 -

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 - SeroCP Quant IgA I Applicazioni SeroCP Quant IgA è un Enzyme Linked Immunosorbent Assay (ELISA) per la determinazione semiquantitativa di anticorpi IgA specie specifici anti Chlamydia pneumoniae nel siero

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia Gruppo multidisciplinare Malattie infettive in ostetricia-ginecologia e neonatologia AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia), SIMaST (Società

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia Gruppo multidisciplinare Malattie infettive in ostetricia-ginecologia e neonatologia AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia), SIMaST (Società

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

ANALISI CHAGAS STAT-PAK

ANALISI CHAGAS STAT-PAK Con conferma visiva di 20 KIT PER ANALISI Reagenti della linea di controllo ANALISI CHAGAS STAT-PAK Test rapido in due fasi per il rilevamento degli anticorpi anti-trypanosoma cruzi nel siero, nel plasma

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Gli anticorpi. Elena Adinolfi. Anticorpi ed Antigeni

Gli anticorpi. Elena Adinolfi. Anticorpi ed Antigeni Gli anticorpi Elena Adinolfi Anticorpi ed Antigeni Sono responsabili dell immunità umorale perché sono stati identificati per la prima volta in circolo nel sangue, nella linfa ed in altri fluidi corporei

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

di prossima pubblicazione

di prossima pubblicazione di prossima pubblicazione Volume 7 - Numero 9 Supplemento - SUPPLEMENTO DEL ISSN 9-9 (cartaceo) ISSN 7-9 (online) dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A.

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c)

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) (a) Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e Sanità

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli