Mortalità infantile e trasmissione verticale delle infezioni nelle aree di crisi: possibilità di prevenzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mortalità infantile e trasmissione verticale delle infezioni nelle aree di crisi: possibilità di prevenzione"

Transcript

1 Mortalità infantile e trasmissione verticale delle infezioni nelle aree di crisi: possibilità di prevenzione 22 aprile 2015 UNICAL dott. Filippo Luciani

2 Cause di mortalità infantile 1. Nascita pretermine 2. Infezioni connatali 3. Infezioni neonatali 4. Diarrea 5. Morbillo 6. Malaria 7. Polmonite 8. Malnutrizione

3

4 Kwashiorkor

5

6 AGENTI PATOGENI Poliovirus - coxsackie A e B ECHO virus altrienterovirus Virus influenzali citomegalovirus -VZV -HSV Parvovirus B19 Paramixovirus EBV adenovirus HBV HCV HIV HAV HEV -VRS Rotavirus West Nile Virus Dengue HFV (EBOLA e Marburg) Rabdovirus coronavirus Picornavirus Flavivirus -Vibrio colerae Campylobacter Yersinie Salmonelle Escherichia Coli Neisserie Clamydie Shigelle Treponema Pallidum - Streptococchi StafilococchiCorinebatteri Pseudomonas Proteus Altri Enterobatteri Giardia Lamblia Ameba - Paragonimus westermani Criptosporidium parvum Imenolepis nana Blastocystis hominis Nocardia asteroides Sporotricosi - Aspergillosi coccidiomicosi altre Amebe (free living) Plasmodi malarici Torulopsosi Criptococcosi Actinomicosi - Dermatofitosi Pneumocistosi Tripanosomiasi candide albicans e non albicans Teniasi Idatidosi Scistosomiasi Poliovirus - coxsackie A e B ECHO virus altrienterovirus Virus influenzali citomegalovirus -VZV -HSV Parvovirus B19 Paramixovirus EBV adenovirus HBV HCV HIV HAV HEV -VRS Rotavirus West Nile Virus Dengue HFV (EBOLA e Marburg) Rabdovirus coronavirus Picornavirus Flavivirus - Vibrio colerae Campylobacter Yersinie Salmonelle Escherichia Coli Neisserie Clamydie Shigelle Treponema Pallidum - Streptococchi StafilococchiCorinebatteri Pseudomonas Proteus Altri Enterobatteri Giardia Lamblia Ameba -Paragonimus westermani Criptosporidium parvum Imenolepis nana Blastocystis hominis Nocardia asteroides Sporotricosi - Aspergillosi coccidiomicosi altre Amebe (free living) Plasmodi malarici Torulopsosi Criptococcosi Actinomicosi - Dermatofitosi Pneumocistosi Tripanosomiasi candide albicans e non albicans Teniasi Idatidosi Scistosomiasi

7 T TOXOPLASMA O R C H OTHERS ROSOLIA CMV HSV EBV, HBV, HCV, HIV, LISTERIA, TREPONEMA PALLIDUM, ALTRI VIRUS, ALTRI BATTERI

8 REGOLA (CON DIVERSE ECCEZIONI) INFEZIONE PRIMARIA Soggetto non immune: non è mai stato recettivo all agente patogeno RIATTIVAZIONE ENDOGENA Quadro clinico-sintomatologico che mima una Infezione primaria, ma che si verifica per perdita di anticorpi sviluppatisi dopo una prima infez.

9 ESEMPIO: TOXOPLASMA INCISTATO NEL TESSUTO MUSCOLARE

10 ALTRI ESEMPI: VIRUS ERPETICI, quali EBV, HSV, CMV, VZV etc. etc.

11

12 Toxoplasmosi INFEZIONE MATERNA DIFFUSIONE EMATOGENA NESSUNA INFEZIONE PLACENTARE O EMBRIO-FETALE INFEZIONE EMBRIO-FETALE INFEZIONE PLACENTARE NESSUN EFFETTO SUL FETO EMBRIOPATIA FETOPATIA NESSUNA INFEZIONE EMBRIO-FETALE ABORTO MORTE FETALE MALFORMAZIONE PARTO PRETERMINE FETOPATIA INFETTIVA NEONATO APPARENTEMENTE SANO MALATTIA POSTNATALE PERSISTENTE

13 TOXOPLASMOSI TOXOPLASMA GONDII: PROTOZOO FASE SESSUATA GATTO OOCISTI ELIMINATE CON LE FECI AMBIENTE ESTERNO : SPORE SERBATOIO TELLURICO FASE ASESSUATA ANIMALI, UOMO INGESTIONE ALIMENTI INQUINATI IMMISSIONE IN CIRCOLO DIFFUSIONE AI TESSUTI (PSEUDOCISTI) SERBATOIO ANIMALE

14 TOXOPLASMOSI MODALITA DI CONTAGIO: ALIMENTI INQUINATI (SPORE) CARNI DI ANIMALI INFETTI (CISTI) SINTOMATOLOGIA: NEL SOGGETTO IMMUNOCOMPETENTE 50-80% CASI ASINTOMATICA FORMA PSUDOMONONUCLEOSICA (febbre, linfoadenopatia cervicale, cefalea) SOLO IN CASO DI PRIMO-INFEZIONE NEL SOGGETTO IMMUNOCOMPROMESSO FORME GRAVI MENINGO-ENCEFALITICHE ANCHE IN CASO DI RIATTIVAZIONE

15 TOXOPLASMOSI FORME ASINTOMATICHE PARTO PRETERMINE IUGR FORME DIFFUSE DISSEMINAZIONE PLURIVISCERALE ABORTO PARTO PRETERMINE DI FETO MORTO FETOPATIA TOXOPLASMICA FORME LOCALIZZATE NEURO-OCULARE (TETRADE DI SABIN) FORME TARDIVE IDROCEFALO CORIORETINITE CONVULSIONI CALCIFICAZIONI ENDOCRANICHE MESI O ANNI DOPO LA NASCITA (LESIONI RETINITICHE, SORDITA )

16 TOXOPLASMOSI IL RISCHIO MAGGIORE È TRA LA 13 E LA 24 SETTIMANA QUANDO L ORGANOGENESI NON È ULTIMATA E IL TASSO DI TRASMISSIONE ANCORA ALTO - 70% di asintomatici alla nascita sviluppano disturbi : 1. VISIVI 2. RITARDO MENTALE 3. DEFICIT NEUROGICI 4. PERDITA DI UDITO

17 TOXOPLASMOSI IN GRAVIDANZE DI DONNE IMMUNOCOMPROMESSE MALATTIA MATERNA GRAVE MAGGIORE PROBABILITA DI INFEZIONE FETALE MAGGIORE PROBABILITA DI FETOPATIA GRAVE TRASMISSIONE TRANSPLACENTARE ANCHE IN CASO DI REINFEZIONE O RIATTIVAZIONE

18 TOXOPLASMOSI DIAGNOSI ISOLAMENTO DEL PROTOZOO IN VIVO: DIAGNOSI DI CERTEZZA, TUTTAVIA TROPPO INDAGINOSA DIAGNOSI SIEROLOGICA: INCREMENTO DEL TITOLO ANTICORPALE IgG DI 4 VOLTE IN 2 SUCCESSIVI PRELIEVI IN PRESENZA DI IgM SPECIFICHE

19 TOXOPLASMOSI E IMPORTANTE INDIVIDUARE PRECOCEMENTEE MONITORARELE DONNE NON IMMUNIE QUINDI ESPOSTE AL RISCHIO DI CONTRARRE LA PRIMO-INFEZIONE DURANTE LA GRAVIDANZA TEST SIEROLOGICO PRIMA O SUBITO DOPOL INIZIO DELLA GRAVIDANZA RIPETIZIONE DEL TEST SIEROLOGICO OGNI 4-6 SETTIMANE NELLE DONNE NON IMMUNI IMMEDIATOINIZIO DELLA TERAPIA IN CASO DI NFEZIONE

20 PREVENZIONE E CURA

21 TOXOPLASMOSI PREVENZIONE EVITARE IL CONTATTO CON I GATTI ACCURATO LAVAGGIO DI VERDURA CRUDA E FRUTTA CONSUMO DI CARNI BEN COTTE TERAPIA SOSPETTO DI PRIMO-INFEZIONE SPIRAMICINAIN QUALUNQUE EPOCA GESTAZIONALE IN ATTESA DI CHIARIMENTO DIAGNOSTICO PRIMO-INFEZIONE ACCERTATA: SPIRAMICINANEL I TRIMESTRE PIRIMETAMINA-SULFADIAZINA NEL II E III TRIMESTRE

22 HERPES SIMPLEX HSV1 -HSV2: VIRUS A DNA, neurotropi in grado di persistere nei gangli in fase latente in condizioni di immunocompetenza HSV-1: HERPES LABIALIS, STOMATITE, CHERATITE HSV-2: HERPES GENITALIS MODALITA DI CONTAGIO: ORIZZONTALE: CONTATTO DIRETTO VERTICALE (MATERNO-FETALE)

23 HERPES GENITALIS SINTOMATOLOGIA: INFEZIONE PRIMARIA VESCICOLE E ULCERAZIONI DEI GENITALI ESTERNI E DELLA CERVICE; DOLORE, DISURIA, LEUCORREA E LINFOADENOPATIA INGUINALE; SINTOMI SISTEMICI: FEBBRE, MIALGIA, CEFALEA RISOLUZIONE: 21 gg RARAMENTE: FORME MENINGOENCEFALITICHE E VISCERALI INFEZIONE RICORRENTE SINTOMATOLOGIA ATTENUATA VESCICOLE POCO NUMEROSE ASSENZA DI SINTOMI SISTEMICI RISOLUZIONE: 7gg ¼ DEI CASI ASINTOMATICHE

24 HERPES SIMPLEX LA GRAVIDANZA PUO FAVORIRE L ISORGENZA DI FORME GRAVI ENCEFALITICHE NELLE INFEZIONI PRIMARIE DA HSV-1 GRAVIDANZA INFEZIONE HERPETICA INFEZIONE PRIMARIA (RARA) INFEZIONE RICORRENTE VIREMIA MATERNA TRASMISSIONE TRANSPLACENTARE TRASMISSIONE DURANTE IL PASSAGGIO NEL CANALE DEL PARTO

25 HERPES SIMPLEX INFEZIONE PRIMARIA (5% DEI CASI) III TRIMESTRE: INFEZIONE FETALE NEL 50% INFEZIONE DISSEMINATA POLIVISCERITICA ENCEFALITE; LESIONI CUTANEE MULTIPLE MORTALITA : 30% I-II TRIMESTRE: INFEZIONE FETALE NEL 20-50% ABORTO PARTO PRETERMINE DI FETO NON VITALE FETOPATIA (IDROCEFALO, CORIORETINITE) IUGR NEONATO SANO GRAVI SEQUELE IN COLORO CHE SOPRAVVIVONO

26 HERPES SIMPLEX INFEZIONE RICORRENTE (95% DEI CASI) INFEZIONE LIMITATA ALLA CUTE INFEZIONE DISSEMINATA POLIVISCERITICA ± LESIONI CUTANEE MORTALITA : 30% GRAVI SEQUELE IN COLORO CHE SOPRAVVIVONO MALATTIA MANIFESTA TRA IL 6 E IL 12 GIORNI DI VITA POSTNATALE LA GRAVITA DELLA MALATTIA E MOLTO VARIABILE: FORSE ASSOCIATA AL LIVELLO DI Ab TRASMESSI DALLA MADRE

27 HERPES SIMPLEX DIAGNOSI DI INFEZIONE MATERNA ISOLAMENTO DEL VIRUS COLTURA DI MATERIALE CONTENUTO NELLA VESCICOLE DIAGNOSI SIEROLOGICA RICERCA DI ANTICORPI IgM e IgG DIAGNOSI NEONATALE ESAME COLTURALE (CAVO ORALE, CONGIUNTIVA, LESIONI VESCICOLARI) RICERCA DI HSV-DNA MEDIANTE PCR DA SANGUE O LIQUOR IN CASO DI SOSPETTA SETTICEMIA O ENCEFALITE

28 PREVENZIONE E CURA

29 HERPES SIMPLEX TERAPIA INFEZIONE PRIMARIA: FARMACI ANTIVIRALI: ACYCLOVIR, FAMCICLOVIR, VELACYCLOVIR INFEZIONE RICORRENTE: 1. LESIONI GENITALI IN ATTOIN EPOCA LONTANA DALLA DATA PRESUNTA DEL PARTO E CONSIGLIABILE LA TERAPIA CONFARMACI ANTIVIRALI

30 HERPES SIMPLEX 2. LESIONI GENITALI IN ATTO NELL IMMINENZA DEL PARTO TAGLIO CESAREO ELETTIVO A MEMBRANE INTEGRE O ENTRO 4 ORE DALLA ROTTURA DELLE MEMBRANE + TERAPIA ANTIVIRALE LA PROTEZIONE FORNITA DAL TC ELETTIVO NON E TOTALE

31 ROSOLIA ROSOLIA: VIRUS AD RNA, famiglia TOGAVIRIDAE MODALITA DI CONTAGIO: VIA AEREA SINTOMATOLOGIA: PERIODO PRODROMICO congiuntivite, cefalea, febbre, sintomi respiratori, linfoadenopatia postauricolare e suboccipitale RASH MACULO-PAPULOSO diffusione dal volto, al tronco ed alle estremità. Durata: 3-5 giorni COMPLICANZE Trombocitopenia, encefalite, miocardite, pericardite, epatite, anemia emolitica

32 ROSOLIA IN GRAVIDANZA VIREMIA (RASH) REPLICAZIONE VIRALE NEI VILLI CORIALI (10 giorni dopo l inizio del rah materno) CIRCOLAZIONE FETALE LIBERAZIONE NEL LIQUIDO AMNIOTICO ALTERAZIONE DELLA MORFOGENESI INFEZIONE DEL CRISTALLINO (cataratta) QUASI ESCLUSIVAMENTE NELL INFEZIONE PRIMARIA

33 ROSOLIA SINDROME DA ROSOLIA CONGENITA: DIFETTI OCULARI: cataratta congenita, glaucoma, retinopatia, microftalmia FETOPATIA RUBEOLICA EVOLUTIVA (malattia del feto risultante da infezione embrionale rimasta attiva senza danni all embrione) ALTERAZIONI OSSEE osteogenesi - ossificazione di metafisi MALFORMAZIONI CARDIACHE: persistenza del dotto di Botallo, stenosi arteria polmonare, difetto del setto interventricolare, stenosi aortica IPOACUSIA NEUROSENSORIALE ALTERAZIONI EMATOLOGICHE anemia porpora trombocitopenica ALTERAZIONI VISCERALI epatosplenomegalia - ittero diabete RALLENTAMENTO DELLA CRESCITA FETALE RITARDO PSICOMOTORIO

34 ROSOLIA ABORTO o MORTE FETALE TARDIVA IPOACUSIA SEQUELE TARDIVE IN ASINTOMATICI: RITARDO MENTALE IPOTIROIDISMO GLAUCOMA DIABETE MELLITO PANENCEFALITE Scler. Subacuta

35 ROSOLIA DIAGNOSI SIEROLOGIA (IgM e IgG anti-rubeo) SE IgM POSITIVE: 1. RIPETIZIONE DOSAGGIO IgM 2. TEST DI AVIDITA ALTO INDICE DI AVIDITA : INFEZIONE PREGRESSA BASSO INDICE DI AVIDITA : INFEZIONE RECENTE

36 ROSOLIA DIAGNOSI INFEZIONE PREGRESSA: IgM NEGATIVE ALTO INDICE DI AVIDITA INFEZIONE RECENTE: IgM POSITIVE (confermate da un secondo test) BASSO INDICE DI AVIDITA PROBABILE REINFEZIONE: IgM POSITIVE (confermate da un secondo test) ALTO INDICE DI AVIDITA

37 PREVENZIONE E CURA

38 ROSOLIA PREVENZIONE IMMUNIZZAZIONE CON VACCINO IN EPOCA PRECONCEZIONALE EVITARE LA GRAVIDANZA PER ALMENO 3 MESI DOPO LA SOMMINISTRAZIONE DEL VACCINO TERAPIA SOMMINISTRAZIONE DI Ig SPECIFICHE A DONNE ESPOSTE AL CONTAGIO

39 EPATITE B HBV: VIRUS A DNA, classificato tra gli HEPADNA VIRUS MODALITA DI CONTAGIO 1. TRASMISSIONE ORIZZONTALE SANGUE ED EMODERIVATI SINTOMATOLOGIA EPATITE ACUTA CONTATTO SESSUALE 10% CASI: PERSISTENZA DELL HBsAg PER OLTRE 6 MESI 50% CASI: PORTATORI SANI 50% CASI: EPATITE CRONICA ATTIVA

40 EPATITE B 2. TRASMISSIONE VERTICALE (MATERNO-FETALE) TRANSPLACENTARE POCO FREQUENTE. SI VERIFICA PREVALENTEMENTE NELLA SECONDA META DELLA GRAVIDANZA CONNATALE CONTATTO DIRETTO AL MOMENTO DEL PARTO DI UNA DONNA PORTATRICE CRONICA O CON EPATITE IN ATTO IL RISCHIO DI TRASMISSIONE DURANTE IL PARTO VAGINALE E SOVRAPPONIBILEA QUELLO CHE SI VERIFICA IN CORSO DI TAGLIO CESAREO ALLATTAMENTO RISCHIO BASSO

41 EPATITE B GRAVIDANZA EPATITE B LA GRAVIDANZA NON CONDIZIONA LE CARATTERISTICHE CLINICHE, IL DECORSO E LA PROGNOSI DELL EPATITE B, ECCETTO IN CONDIZIONI DI PREESISTENTE COMPROMISSIONE EPATICA (MAGGIORE RISCHIO DI INSUFFICIENZA GRAVE)

42 EPATITE B EPATITE B GRAVIDANZA RISCHIO DI PARTO PRETERMINE (EPATITE ACUTA NEL III TRIMESTRE) TRASMISSIONE MATERNO FETALE

43 EPATITE B ELEVATO RISCHIO (70%) DI TRASMISSIONE MATERNO FETALE: EPATITE ACUTA NEL III TRIMESTRE PARTO DURANTE IL PERIODO DI INCUBAZIONE DELL EPATITE STATO DI PORTATRICE CRONICA HBeAg POSITIVA NEL 50% DEI CASI IL BAMBINO DIVIENE PORTATORE CRONICO BASSO RISCHIO DI TRASMISSIONE MATERNO FETALE: EPATITE ACUTA NEL I-II TRIMESTRE (guarigione clinica e scomparsa della positivitàsierologica all HBsAg prima del parto) STATO DI PORTATRICE CRONICA HBeAg NEGATIVA EVOLUZIONE RARA VERSO LO STATO DI PORTATORE CRONICO

44 PREVENZIONE E CURA

45 EPATITE B DIAGNOSI DI EPATITE FETO-NEONATALE PERSISTENZA DELL HBsAg NEL NEONATO OLTRE 12 SETTIMANE DAL PARTO COMPARSA DELL HBsAg NEL NEONATO NEI PRIMI 6 MESI DI VITA GESTIONE CLINICA RICERCA DELL HBsAg SIERICO MATERNO NEL TERZO TRIMESTRE A TUTTE LE DONNE IN GRAVIDANZA PROFILASSI SISTEMATICA AI NATI DA DONNE HBsAg POSITIVE MEDIANTE Ig SPECIFICHE E VACCINO IN CASO DI INFEZIONE PRESUNTA, PROFILASSIMATERNA CON Ig SPECIFICHE DOPO LA PROFILASSI, NON CONTROINDICAZIONI ALL ALLATTAMENTO

46 HIV HIV 1-2: RETROVIRUS AD RNA TRASCRITTASI INVERSA INCORPORAZIONE NEL GENOMA DEI LINFOCITI CD4+ CLINICA: FASE ACUTA FEBBRILE FASE DI LATENZA CLINICA LINFOADENOPATIA GENERALIZZATA PERSISTENTE SINDROME DA IMMUNODEFICIENZA ACQUISITA Da 2 a 10 ANNI

47

48

49

50

51

52

53

54 Via MATERNO-FETALE L HIV si può trasmettere ATTRAVERSO: TRASMISSIONE DURANTE LA GRAVIDANZA TRASMISSIONE DURANTE L ALLATTAMENTO TRASMISSIONE DURANTE IL PARTO

55 PREVENZIONE E CURA

56 HIV PREVENZIONE DELLA TRASMISSIONE VERTICALE TERAPIA ANTIRETROVIRALE: studio ACTG076 del 1994 ZIDOVUDINA i.v. al travaglio ZIDOVUDINA al neonato x 4 sett. x os Taglio cesareo ELETTIVO PROSCRIZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO MATERNO

57 Come si previene HIV? PAESI INDUSTRIALIZZATI Terapia antiretrovirale in gravidanza Parto cesareo in elezione Riduzione del tasso di trasmissione a meno del 5% Allattamento artificiale < 1% Diffuso uso della terapia Screening delle gestanti

58 STREPTOCOCCO AGALACTIAE (GBS) GBS: DIPLOCOCCO GRAM + COLONIZZAZIONE MATERNA INTESTINALE (15-40%) COLONIZZAZIONE MATERNA CERVICO- VAGINALE (10-30%) TRASMISSIONE NOSOCOMIALE EFFETTO DIRETTO SULLA GRAVIDANZA BATTERIURIA COLONIZZAZIONE DEL NEONATO (10-12%) INFEZIONE PUERPERALE INFEZIONE DEL NEONATO ( %)

59 STREPTOCOCCO AGALACTIAE (GBS) RARAMENTE EFFETTI SFAVOREVOLI SULLA GRAVIDANZA CORIONAMNIOITE PROM PARTO PRETERMINE ABORTO TARDIVO MORTE ENDOUTERINA PIU FREQUENTEMENTE INFEZIONE NEONATALE BATTERIEMIA ASINTOMATICA EARLY ONSET DISEASE LATE ONSET DISEASE

60 STREPTOCOCCO AGALACTIAE (GBS) EARLY ONSET DISEASE LATE ONSET DISEASE INSORGENZA 48 ORE DOPO IL PARTO DAL 7 GG DI VITA TRASMISSIONE VERTICALE ORIZZONTALE MANIFESTAZIONI SETTICEMIA MENINGITE POLMONITE POLMONITE OSTEOMIELITE ARTRITE SETTICA ETMOIDITE OTITE MEDIA MORTALITA 10-15% 2-6%

61 PREVENZIONE E CURA

62 STREPTOCOCCO AGALACTIAE (GBS) DIAGNOSI DI INFEZIONE MATERNA ESAME COLTURALE DI CAMPIONI PRELEVATI DAL TRATTO ANO-VAGINALE QUANDO? A CHI? SCREENING TAMPONE VAGINALE E RETTALE TRA LA 35ESIMA E 37ESIMASETTIMANA DI GESTAZIONE A TUTTE LE GRAVIDE L attuazione del programma di screening non èuna politica universalmente riconosciuta

63 PROFILASSI STREPTOCOCCO AGALACTIAE (GBS) E INDICATA LA PROFILASSI ANTIBIOTICA INTRAPARTUM IN PRESENZA DEI SEGUENTI FATTORI DI RISCHIO: PARTO PRETERMINE (<37 SG) pprom PROM DA PIÙDI 18 ORE FEBBRE INTRAPARTUM (>38 C ) POSITIVITA DEL TAMPONE VAGINALE E RETTALE ESEGUITO TRA LA 35 E LA 37ESIMA SETTIMANA DI GESTAZIONE

64 PROFILASSI STREPTOCOCCO AGALACTIAE (GBS) AMPICILLINA + SULBACTAM oppure AMOXI/CLAV IN SOGGETTI ALLERGICI: CLINDAMICINA UNA ADEGUATA PROFILASSI ANTIBIOTICA DEVE COMINCIARE ALMENO 4 ORE PRIMA DELL ESPLETAMENTO DEL PARTO. LA POSITIVITA PER GBS NON E UN INDICAZIONE ALL ESECUZIONE DI UN TC ELETTIVO IN CORSO DI TC ELETTIVO E RACCOMANDATA LA PROFILASSI ANTIBIOTICA SOLO IN CASO DI: PREMATURITA PROM PROLUNGATA + GBS IGNOTO O POSITIVO

65 LUE IN GRAVIDANZA Segni ecografici idrope fetale Epatomegalia

66 LUE IN GRAVIDANZA L infezione precoce ed in assenza di terapia può determinare: 1.Aborto 2.nascita di un feto morto 3.parto prematuro 4.morte neonatale

67 I segni patognomonici della forma tardiva sono costituiti dalla triade di Hutichinson: -denti di Hutichinson, -cheratite interstiziale -sorditàneurosensoriale (danno dell VIII nervo cranico). Possono essere presenti inoltre 1. ritardo mentale 2. convulsioni 3. atrofia ottica 4. paralisi generale giovanile 5. anomalie delle ossa e delle articolazioni(bozze frontali, naso a sella, tibie a sciabola, versamenti articolari specie a carico del ginocchio, ispessimento dell'articolazione sternoclavicolare, ragadi delle giunzioni cutaneo-mucose).

68 Il neonatoa cui èstata fatta diagnosi di lue congenita deve essere seguito ad intervalli di 3 mesicon valutazione clinica e sierologica fino alla negativizzazione o stabilizzazione dei tests sierologici. E indicata una valutazione -della vista -dell'udito -dello sviluppo psicomotorio

69 Un test treponemicoandrebbe eseguito a 15 mesidi età. La madre trattata in gravidanza deve seguire controllo sierologico ogni mese fino al parto e poi ogni 3 mesi fino alla negativizzazione; deve ripetere il trattamento se il titolo anticorpale aumenta di 4 volte.

70 PREVENZIONE E CURA

71 LUE IN GRAVIDANZA La prevenzione della lue congenita si attua mediante il controllo sierologico in gravidanza e il trattamento delle donne infette e dei loro partners. Oltre ad un test sierologico nel 1 trimestre, nei soggetti a rischio la VDRLdovrebbe essere ripetuta a 28 settimane ed al momento del parto.

72 LUE IN GRAVIDANZA Penicillina G nella neurosifilide TERAPIA Nella madre: Penicillina procaina o benzatinpenicillina nelle altre forme cliniche: 2, U.I. IM in unica dose nella LUE primaria, secondaria e latente precoce 2, U.I. IM 1 volta a settimana per 3 settimane consecutive nella latente tardiva L alternativa èil ceftriaxone IM o EV per 14 giorni [La terapia èconsiderata efficace quando praticata 30 o più giorni prima del parto]. Nel bambino: Penicillina G Benzatina, U/Kg/dose in unica somministrazione Penicillina G sodica o potassica, U/Kg/dose EV ogni 12 ore nella I settimana di vita; poi ogni 8 ore e per 10 giorni Alternativa: ceftriaxone mg (secondo peso ed età) EV o IM in dose singola per giorni Il trattamento con eritromicina non è terapeutico per il feto, in quanto tale farmaco non passa attraverso la placenta in modoadeguato.

73 TRACOMA (Chlamydia Trachomatis) Alla nascita applicazione di pomata antibiotica

74 CONCLUSIONI

75 GRAZIE PER L ATTENZIONE

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia Gruppo multidisciplinare Malattie infettive in ostetricia-ginecologia e neonatologia AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia), SIMaST (Società

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Circolare n 4 del 13 marzo 1998 Protocollo 400.3/26/1189 MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia Gruppo multidisciplinare Malattie infettive in ostetricia-ginecologia e neonatologia AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia), SIMaST (Società

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD)

Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD) Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD) IST curabili: 448 milioni di nuovi casi all anno anno Infezioni (O.M.S. - 2005) Casi/anno Trichomonas 248 milioni Chlamydia 102 milioni Gonococco

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c)

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) (a) Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e Sanità

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è manifestata una crescente attenzione nei confronti

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Programma nazionale. HIV e altre infezioni sessualmente trasmissibili (PNHI)

Programma nazionale. HIV e altre infezioni sessualmente trasmissibili (PNHI) Programma nazionale HIV e altre infezioni sessualmente trasmissibili (PNHI) 2011 2017 Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) Editore: Ufficio federale della sanità pubblica, dicembre

Dettagli

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole

Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Lg linea guida Sistema nazionale per le linee guida Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole Seconda parte linea guida 22 Nota per gli utilizzatori Le linee guida rappresentano uno strumento

Dettagli

CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA PROTOZOI INTESTINALI NEL CANE E NEL GATTO. ESCCAP Italia

CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA PROTOZOI INTESTINALI NEL CANE E NEL GATTO. ESCCAP Italia CONTROLLO DELLE INFEZIONI DA PROTOZOI INTESTINALI NEL CANE E NEL GATTO ESCCAP Italia Traduzione ed adattazione Italiana della linea guida ESCCAP 6, Agosto 2011 2 INDICE: INTRODUZIONE.. 3 1. Considerazioni

Dettagli

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A cura della Commissione Terapia Antivirale dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (A.I.S.F.) Finito

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica.

La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica. La sordità infantile: lo screening uditivo neonatale universale, il percorso del paziente ipoacusico in età pediatrica. Alessandro Martini a, Paola Marchisio b, Luciano Bubbico c, Patrizia Trevisi a, Lodovico

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO. Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H

RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO. Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H DEFINIZIONE DI AGENTE BIOLOGICO QUALSIASI MICROORGANISMO ANCHE SE GENETICAMENTE MODIFICATO, COLTURA

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli