AZIENDA USL Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA USL Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C"

Transcript

1 ROMA AZIENDA USL Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C

2 Pubblicazione realizzata da ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione A CURA DI Andreina Lancia (UOC SISP) Cristiana Vazzoler (UOC SISP) CON LA COLLABORAZIONE DI Carlo Cerocchi (UOC SISP) Maria Rita Cortonesi (UOC Consultori Familiari D9) Restitina D Agostino (Servizio Farmaceutico Territoriale) Donatella Dall Anna (UOC Ostetricia e Ginecologia) Fulvio D Orsi (UOC SpreSAL) Massimo Gasperini (UOC MPEE) Carlo Giannini (Dipartimento Materno Infantile) Giuseppe Grasso (MMG) Gianpaolo Leonetti (UOC Laboratorio Analisi) Patrizia Magliocchetti (UOSD Pianificazione) Sergio Manzieri (UOC Assistenza Primaria) Stefano Marzani (UOC SISP) Marzia Mensurati (Ufficio Farmacovigilanza) Fulvio Mete (UOC SISP) Italo Milano (Consultorio Familiare D9) Teresa Monni (Consultorio Familiare D11) Agata Montalbano (PLS, rappresentante D11) Maria Rosaria Musto (Dipartimento di Assistenza alla Persona) Daniela Orsini (UOC Laboratorio Analisi) Patrizia Proietti (Dipartimento di Assistenza alla Persona) Maria Teresa Rongai (PLS rappresentante FIMP) Patrizia Ruggiero (Ginecologa Distretto 12) Massimo Oddone Trinito (UOSD Epidemiologia e S.I.) Enzo Valenti (UOC SPreSAL) Maria Letizia Zanetti (UOC Assistenza Primaria D9) Maurizio Zaza (UOC Ostetricia e Ginecologia) REALIZZAZIONE GRAFICA Paolo Sbraga (UOC SPreSAL) CONTATTI Dott.ssa Andreina Lancia Tel Pubblicazione Dicembre 2013

3 La DGR del Lazio n. 19 del 26 gennaio 2012, che ha recepito il nuovo Piano di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia Congenita (PNEMoRC) , stabilisce che le Aziende Sanitarie Locali provvedano a realizzare le azioni indicate nel Piano per il raggiungimento degli obiettivi previsti. Il Piano definisce sette obiettivi e per ciascuno sono indicate numerose linee d intervento rivolte a popolazioni target diverse: bambini, adolescenti, donne, gruppi a rischio, studenti e lavoratori professionalmente esposti. La ASL RMC ha avviato un gruppo di lavoro, coordinato dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica, al quale partecipano tutti i Servizi coinvolti nell offerta vaccinale. Questo documento, frutto del gruppo di lavoro, definisce la strategia operativa locale per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo-parotiterosolia nella ASL RMC e rappresenta una sintesi del percorso intrapreso e degli impegni assunti da ciascun Servizio. Il Direttore del Dipartimento di Prevenzione Dott. Giovanni Bollecchino Il Direttore del Dipartimento Materno Infantile Dott. Carlo Giannini 3

4

5 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C INDICE PAG 0 - Introduzione 1 - Chiamata attiva dei diciottenni non vaccinati per MPR Chiamata attiva e informazione delle donne suscettibili individuate dai laboratori analisi Offerta attiva della vaccinazione MPR nella dimissione post interruzione volontaria di gravidanza 4 - Counselling sulla vaccinazione MPR nella dimissione post partum 5 - Comunicazione dei dati di sorveglianza delle reazioni avverse ai vaccini 6 - Offerta della vaccinazione MPR nei gruppi a rischio (nomadi) 7 - Gestione dei focolai epidemici di morbillo nelle scuole 8 - Offerta attiva della vaccinazione MPR nei lavoratori professionalmente esposti

6 PAG APPENDICE - Allegati All.1 - Brochure informativa adulti All.2 - Depliant Convegno All.3 - Morbillo Parotite Rosolia (MPR) - Domande ricorrenti All.4 - Nota informativa a MMG e PLS sull avvio della campagna All.5 - Nota informativa ai Laboratori Analisi Accreditati All.6 - Modulo per la raccolta dati All.7 - Scheda ADR (Adverse Drug Reaction) All.8 - Comunicazione alla UOSMPEE del caso di morbillo All.9 - Tabella Contatti scolastici All.10 - Modulo 4A - Scheda di sorveglianza morbillo

7 INTRODUZIONE Il Piano di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita (PNEMoRc) ha tra gli obiettivi la riduzione della percentuale delle donne in età fertile suscettibili alla rosolia a meno del 5% ed il miglioramento delle coperture per Morbillo-Parotite-Rosolia (MPR) nella popolazione adulta. I Direttori Generali delle ASL del Lazio saranno valutati anche in base agli indicatori di processo e di risultato previsti dal Piano. Nella ASL RMC l organizzazione della prevenzione vaccinale si presenta frammentata in numerosi servizi (Consultori Familiari, Ambulatori della Medicina Preventiva Età Evoltiva, Ambulatori Distrettuali ed Ambulatori Vaccinali Adulti) competenti per target differenti: bambini, adulti e lavoratori. Il Servizio Igiene e Sanità Pubblica sta coordinando un gruppo di lavoro a cui partecipano tutti i Servizi coinvolti nella realizzazione degli obiettivi di miglioramento delle coperture vaccinali per MPR: Servizio Igiene e Sanità Pubblica, Servizio Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, Dipartimento Materno Infantile, Consultori Familiari, Medicina Preventiva Età Evolutiva, Dipartimento Farmaceutico, Laboratorio Analisi Ospedaliero, Reparto di Ostetricia e Ginecologia, Reparto di Neonatologia, Day Hospital (DH) Pianificazione Familiare, Assistenza Primaria per il coinvolgimento dei Medici di medicina generale (MMG) e Pediatri di libera scelta (PLS) del territorio. Il gruppo di lavoro si è assunto il compito di: A. analizzare le fonti dati disponibili per valutare la prevalenza dei suscettibili nella popolazione adulta; B. progettare e realizzare un evento formativo come punto di partenza di una campagna di recupero vaccinale; C. individuare nel Piano le azioni fattibili da implementare ex novo e quelle migliorabili. Il lavoro di squadra Il Gruppo di lavoro aziendale ha condiviso la modalità di progettazione del Project Cicle Managment (PCM) per la definizione dei nuovi protocolli operativi sulle azioni del Piano. Il Dipartimento di Prevenzione della ASL RMC aveva già nel 2010 redatto un documento di sintesi sul PCM, al termine di un percorso di formazione sul campo, messo a disposizione sul sito web per tutti i professionisti. La redazione dei protocolli operativi ha rappresentato l opportunità di rendere pratico ed operativo quanto appreso a livello teorico: ad esempio il lavoro della costruzione dell albero degli obiettivi o quello di individuazione di indicatori di monitoraggio e di risultato misurabili. Una delle fonti dati disponibili utilizzate per descrivere la situazione epidemiologica locale è il 7

8 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Il contesto epidemiologico nell ASL Roma C Le priorità Sistema di Sorveglianza PASSI. I dati PASSI stimano che, nella ASL RMC, solo il 53% delle donne di anni è sicuramente immune alla rosolia perché ha effettuato la vaccinazione (30%) oppure ha una copertura naturale da pregressa infezione rilevata dal rubeotest positivo (23%), mentre ben il 43% delle intervistate non è consapevole del proprio stato immunitario nei confronti della rosolia. I dati del flusso informativo sulle vaccinazioni ASL RMC presentano diversi livelli di completezza. Infatti mentre è disponibile la copertura vaccinale per un dose a 24 mesi d età (pari all 88.4% nell anno 2012) non sono ancora raccolti routinariamente i dati relativi alle coperture vaccinali per due dosi a 12 anni d età. I dati di copertura MPR negli adulti sono ancora più incompleti perché le vaccinazioni sono state registrate nel software dedicato, in modalità routinaria, solo a partire dai nuovi nati della coorte Per tale motivo, allo scopo di valutare la copertura in una coorte di maggiorenni, si è dovuto implementare una raccolta dati ad hoc incrociando i dati anagrafici dei ragazzi residenti (forniti dal Comune di Roma) con i dati vaccinali disponibili nel software delle vaccinazioni. I dati di copertura vaccinale aziendale nella coorte 1994 (ragazzi maggiorenni) hanno evidenziato una copertura vaccinale per Morbillo Parotite Rosolia (MPR) pari al 55% ed al 45%, rispettivamente per la prima e seconda dose, lontana dagli obiettivi previsti per l eliminazione (95%); verosimilmente questi dati sono un po sottostimati rispetto alla reale situazione per una scarsa qualità dell anagrafe vaccinale. I dati di copertura vaccinale MPR dei nostri residenti adulti ci indirizzazo quindi ad affrontare con urgenza il recupero vaccinale nella popolazione adulta suscettibile sfruttando tutte le occasioni opportuna di contatto ed implementando le azioni raccomandate dalla letteratura scientifica. Il Piano è stato analizzato dal gruppo di lavoro e sono state individuate le azioni considerate prioritarie per il raggiungimento degli obiettivi, valutate in termini di fattibilità e di impatto sulla salute pubblica. Il gruppo di lavoro ha concordato di implementare ex novo le seguenti azioni: 1 - Chiamata attiva dei diciottenni non vaccinati per MPR 2 - Chiamata attiva e informazione delle donne suscettibili individuate dai laboratori analisi 3 - Offerta attiva della vaccinazione MPR nella dimissione post interruzione volontaria di gravidanza 4 - Counselling sulla vaccinazione MPR nella dimissione post partum 5 - Comunicazione dei dati di sorveglianza delle reazioni avverse ai vaccini e di migliorare le seguente azioni già in essere: 6 - Offerta della vaccinazione MPR nei gruppi a rischio (nomadi) 7 - Gestione dei focolai epidemici di morbillo nelle scuole 8 - Offerta attiva della vaccinazione MPR nei lavoratori professionalmente esposti 8

9 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Il Piano di comunicazione di un progetto riguarda tutti gli strumenti necessari per comunicare in modo coerente, efficace e tempestivo con i vari interlocutori coinvolti nel progetto. Scopo fondamentale della comunicazione, nella fase di avvio delle azioni previste dalla strategia vaccinale aziendale, è creare le condizioni per costruire consenso e partecipazione da parte di tutti i soggetti coinvolti riconoscendo ad ognuno un ruolo per il raggiungimento degli obiettivi. Piano della comunicazione strumento di comunicazione Creazione di uno spazio dedicato sul sito web ASL. PNEMoRc sul sito Nota sulla modalità di notifica. Modello di notifica Mibase disponibile in pdf ed in word sul sito web Risultati PASSI sulla vaccinazione antirosolia + nota accompagno Presentazione dei dati epidemiologici e sugli obiettivi del Piano. Convegno ASL RMC Depliant informativo sulla vaccinazione MPR per gli adulti Nota sulla realizzazione degli obiettivi del PNEMoRc Nota informativa + allegati (depliant e lettera d invito) Nota sull attivazione di un flusso informativo UOC SISP- Laboratorio OSE Mail con allegata la nuova Circolare sulla sorveglianza della rosolia, rosolia in gravidanza e rosolia congenita Nota ai Responsabili UOC SISP Comune di Roma Mail informativa + depliant ai Responsabili dei Laboratori Analisi Redazione del documento di Strategia operativa ASL Documento sul sito web Nota informativa sull avvio della procedura laboratorio Presentazione dei risultati preliminari della campagna di recupero vaccinale obiettivo target quando Massima diffusione dei docunenti inerenti il Piano Semplificare ed incrementare l attività di notifica delle malattie infettive Sensibilizzare sulla situazione epidemiologica Informare e formare sulle azioni previste dal PNEMoRc (convegno) Informare e sensibilizzare gli utenti Coinvolgere alla partecipazione del tavolo di lavoro Informare sull avvio della chiamata attiva dei 18 anni e richiedere il sostegno Informare sull avvio della procedura Informare sulle nuove definizioni di caso utili per la sorveglianza Informare sull avvio della chiamata attiva dei 18 anni + richiesta dati vaccinali Informare sul PNEMoRc e richiedere collaborazione Massima diffusione delle azioni messe in campo nella ASL RMC Informare sull avvio della procedura laboratorio e richiedere il sostegno Aggiornare sull andamento del PNEMoRc (convegno) Cittadini professionisti 14/5/2013 MMG, PLS 14/5/2013 MMG, PLS, Professionisti Professionisti dei servizi vaccinali, MMG, PLS Farmacisti Cittadini, Professionisti Responsabili delle Strutture ASL coinvolte 21/5/2013 5/6/ /6/ /6/2013 MMG, PLS 26/8/2013 Direttore Generale Direttore Sanitario ASL Direttore Sanitario OSE PLS, ginecologi e pediatri della ASL UOC SISP e Servizi Vaccinazioni delle ASL del Comune di Roma Direttori Sanitari dei Laboratori Analisi Accreditati ASL RMC Cittadini professionisti MMG, PLS Professionisti dei servizi vaccinali, MMG, PLS, Farmacisti 30/8/ /9/2013 4/10/2013 7/11/2013 entro 31/12/2013 entro 31/12/2013 entro 30/06/2014 9

10 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Cosa è stato fatto Brochure informativa sulla vaccinazione MPR Website ASL Roma C - Pagina dedicata al Piano nazionale di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia Congenita Perché questo documento Il gruppo di lavoro ha redatto del materiale divulgativo (brochure) per informare la popolazione sull offerta attiva della vaccinazione MPR, sui rischi delle tre malattie e perché è utile vaccinarsi. Il target di questo prodotto comunicativo sono gli adulti. Il materiale è stato inviato ai MMG e PLS della nostra ASL (All. 1), è reso disponibile sul sito web aziendale e sarà distribuito in tutte le occasioni opportune di contatto con gli utenti. è stato realizzato uno spazio sul sito web aziendale dedicato al nuovo Piano di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita (PNEMoRc) dove sono stati inseriti documenti utili di approfondimento per i professionisti ed i cittadini ( di Prevenzione/Piano Nazionale di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia Congenita (PNEMoRc) ). Il Serivizio Igiene e Sanità Pubblica, nell ottica di migliorare la sorveglianza del morbillo e della rosolia congenita, ha notevolmente semplificato l attività di notifica per i MMG ed i PLS rendendo disponibili, sul sito aziendale, i moduli di notifica ed attivando un numero di telefono per ricevere le segnalazioni delle malattie infettive. è stata inoltre data massima diffusione a tutti i MMG, PLS ed altri professionisti coinvolti, di tutti i documenti relativi al Piano comprese le Circolari Ministeriali che in seguito hanno aggiornato il Sistema di Sorveglianza. Nel giugno 2013 è stato realizzato un Convegno aziendale sulle strategie operative MPR nel quale i diversi servizi aziendali hanno presentato le proprie esperienze e condiviso le azioni per il miglioramento delle coperture vaccinali. L evento formativo, che ha rappresentato un importante occasione di confronto tra professionisti diversi, è stato il punto di partenza del nostro percorso di lavoro in rete (All. 2). Si è attivata inoltre, presso l Ambulatorio di Medicina dello Sport aziendale, un attività di verifica dello stato vaccinale, con relativa stampa del certificato, di ogni atleta sottoposto a visita. Il medico sportivo indirizza ai Centri Vaccinali della ASL l atleta che non ha effettuato le due dosi di vaccino MPR e/o il richiamo dtpa. A settembre 2013 il gruppo di lavoro ha redatto un documento sulle domande ricorrenti (FAQ - Frequently Asked Questions) relative alla vaccinazione Morbillo-Parotite-Rosolia, utile per risolvere eventuali dubbi degli operatori delle vaccinazioni (All. 3). I Consultori Familiari della ASL RMC stanno svolgendo un importante azione di counselling vaccinale ed informazione rivolto a tutte le donne che vengono in contatto con il servizio per motivi diversi (gravidanza, contraccezione, problematiche adolescenziali, screening oncologici, vaccinazione del figlio etc) e sono individuate come suscettibili perché mai vaccinate. Il Servizio Medicina Preventiva dell Età Evolutiva (MPEE) ha programmato di inviare, a tutte le famiglie dei bambini frequentanti la prima classe della Scuola Primaria, una nota informativa riguardante il calendario vaccinale (con particolare attenzione alla vaccinazione MPR) e gli indirizzi ed orari dei centri ASL, con l invito a verificare lo stato vaccinale del proprio figlio. L attività della chiamata attiva con lettera personalizzata, raccomandata dal Piano, può essere sostituita da questa procedura che è meno complessa e garantisce ugualmente di raggiungere tutte le famiglie. Il documento rappresenta una sintesi del percorso intrapreso e degli impegni assunti da ciascun Servizio coinvolto, al fine di definire una strategia operativa aziendale e di rendere maggior- 10

11 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C mente coordinati ed efficienti gli interventi di prevenzione vaccinale per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal PNEMoRC ,. Il documento è stato inoltre l occasione di un approccio omogeneo alla problematica del miglioramento delle coperture vaccinali, per Servizi che non sempre dialogano tra loro e a volte non condividono i propri saperi. La redazione e condivisione di strumenti di lavoro comuni quali ad esempio la brochure informativa per gli adulti ed il documento sulle domande ricorrenti, è stata infine un occasione di collaborazione e di crescita professionale per tutti coloro che vi hanno partecipato. 11

12

13 1. Chiamata attiva dei diciottenni non vaccinati per MPR SERVIZIO/UOC Responsabile UOC Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP), Area Profilassi Malattie Infettive, Centri Vaccinali adulti. Direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica: Dott. Stefano Marzani Responsabili del Protocollo: Dott. Carlo Cerocchi, Dott.ssa Andreina Lancia TARGET Adulti diciottenni non vaccinati per MPR o vaccinati con una sola dose MPR. ANALISI DI CONTESTO L analisi delle coperture vaccinali per MPR effettuata nella coorte di nascita 1994 residenti nella ASL RMC (al 30/3/2012) ha evidenziato una copertura vaccinale MPR pari al 45% per la 2 dose ed al 55% per la 1 dose. Ipotizzando anche che i dati registrati nel software delle vaccinazioni siano incompleti, la copertura sarà sicuramente inferiore al 70%. I dati di Sorveglianza PASSI (Regione Lazio) stimano che la prevalenza delle donne di età anni che riferisce di essere vaccinata è pari al 48% e nella nostra ASL i dati sono sovrapponibili. Obiettivo L obiettivo è il miglioramento della copertura vaccinale nei diciottenni suscettibili. Tale obiettivo è in linea con il macro obiettivo 3 del PNEMoRc Obiettivo 3 - Mettere in atto iniziative vaccinali supplementari rivolte alle popolazioni suscettibili sopra i 2 anni inclusi gli adolescenti, i giovani adulti e i soggetti a rischio. Azione Identificare la strategia vaccinale più idonea: per esempio, chiamata attiva dei diciottenni suscettibili legalmente idonei ad una decisione autonoma. I ragazzi nati nel 1994, individuati come suscettibili in base ai dati registrati nell anagrafe vaccinale aziendale, saranno chiamati attivamente a vaccinazione tramite una lettera personalizzata con allegato il proprio certificato vaccinale. 13

14 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Albero degli obiettivi ATTIVITà Risultati attesi obiettivo specifico Il 90% degli operatori (vaccinali, MMG e PLS) informati e formati sulla strategia vaccinale MPR entro il 31/12/2013. Creare un gruppo di lavoro sul progetto condividendo gli obiettivi con gli operatori dei Centri Vaccinali Adulti. Informare e formare gli operatori sulle strategie vaccinali e sui contenuti del materiale informativo. Aumentare almeno del 20% la copertura vaccinale per MPR nei diciottenni (corte 1994) residenti ASL RMC entro il Materiale di aggiornamento a disposizione degli operatori e facilmente consultabile sul sito web della ASL. Il 90% dei diciottenni suscettibili invitati con chiamata attiva (lettera + certificato, se disponibile) a vaccinazione presso le sedi vaccinali entro il 30/3/2014. Elaborare, preparare e rendere disponibile materiale informativo per gli adulti. Redigere lista dei diciottenni suscettibili per Municipio di residenza. Stampare i certificati vaccinali dei suscettibili da chiamare per personalizzare la lettera. PROTOCOLLO OPERATIVO I diciottenni da chiamare a vaccinazione sono quelli in elenco nel foglio excel predisposto incrociando i dati dei ragazzi coorte 1994, residenti nella ASL RMC, con i dati che risultavano nel software ONVAC. Il protocollo è in fase di attuazione dal mese di settembre I MMG ed i PLS saranno informati dall avvio della campagna di recupero vaccinale (All. 4) Ogni settimana verrà predisposto l Invio delle lettere centralizzato dalla sede di Via Casale de Merode: verranno inviate 50 lettere/settimana per i ragazzi residenti nei Municipi afferenti al S. Caterina della Rosa ed al Centro della Gioia e 30 lettere/settimana per la sede Casale De Merode. Ogni Centro Vaccinale Adulti (CV) riceve una mail ogni settimana con l elenco dei ragazzi invitati, in base alla competenza territoriale. La procedura prosegue per ogni Ambulatorio come da diagramma di flusso. A partire da novembre 2013 i CV inviano a Casale De Merode il foglio excel con la lista degli invitati, relativa due mesi prima, completati con i dati di esito della procedura: vaccinato, già 14

15 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C vaccinato, rifiuto, nessun contatto, nessun dato disponibile, immune, etc. Per la gestione dell approvvigionamento vaccini, emergenze, consenso informato e trattamento dei dati sensibili si rimanda alla procedura condivisa a livello aziendale/dipartimento di Prevenzione. OPERATORI COINVOLTI Sede Casale De Merode: CPSI Albina D Addetta, CPSI Francesca De Luca; Dott. Carlo Cerocchi, Dott.ssa Andreina Lancia, Dott.ssa Cristiana Vazzoler. Sede Centro della Gioa: CPSI Sandra Beatriz Rivas, CPSI Roberto Pistilli Sede S. Caterina della Rosa: CPSI Barbara Vicca; Dott. Angelo De Angelis SOFTWARE ONVAC fornito da Engineering. VALUTAZIONE DI PROCESSO La valutazione di processo verrà effettuata con i seguenti indicatori: - N. lettere per la chiamata attiva/ N. ragazzi coorte 1994 non vaccinati > 75% a livello di Distretto e > 80% a livello di ASL (PRPV ); - N. inviti non recapitati / n. inviti spediti < 10% - N ragazzi/e vaccinati MPR/ N. totale dei ragazzi suscettibili invitati VALUTAZIONE DEI RISULTATI La valutazione dei risultati verrà effettuata con i seguenti indicatori: - aumentare di almeno il 20% la copertura vaccinale nella coorte di nascita Documenti ALLEGATI All. 1 - Brochure informativa MPR adulti All. 3 - Morbillo Parotite Rosolia (MPR) - Domande ricorrenti All. 4 - Nota informativa a MMG e PLS sull avvio della campagna 15

16 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Chiamata attiva dei diciottenni non vaccinati per MPR Il Centro Vaccinale (CV) riceve dalla Sede di Casale De Merode la lista con i ragazzi/e invitati a vaccinazione, residenti nel Municipio/i di competenza. Il file è nominato con l indicazioni delle iniziali dei cognomi e la data d invio delle lettere. Il/la ragazzo/a o il genitore telefona al Centro Vaccinale indicato nella lettera per informazioni e/o appuntamento. Il/la ragazzo/a o il genitore NON telefona al Centro Vaccinale. Il/la ragazzo/a o il genitore telefona al Centro di Casale De Merode per comunicare che è già vaccinato. Consueling telefonico Il soggetto non accetta la vaccinazione, NON prende appuntamento. Inserire in NOTE il motivo del rifiuto. Il soggetto riferisce che ha avuto Morbillo e Rosolia. IMMUNE Il soggetto prende l appuntamento. Colloquio prevaccinale MANCATO APPUNTA- MENTO Senza certificato Richiedere al soggetto riferimenti: CV e/o pediatra. In possesso di certificato. Invio della relativa certificazione per posta, fax o a Casale De Merode. RIFIUTO Acquisizione del consenso informato ed autorizzazione al trattamento dei dati. Contatto CV e/o pediatra VACCINAZIONE ESITO NEGATIVO Certificato ESITO POSITIVO Certificato Registrazione nel software ONVAC Registrazione nel software ONVAC Rilascio del certificato di vaccinazione al soggetto. NESSUN CONTATTO NESSUN DATO DISPONIBILE Informativa per mail da De Merode al CV GIà VACCINATO Il CV riceve da Casale De Merode aggiornamenti sulle situazioni di verifica vaccinale che si riesce a recuperare dagli utenti e dagli altri CV. L operatore del CV inserisce nella lista, per ogni nominativo, nella colonna MPR l esito della procedura di chiamata attiva: 1 vaccinato; 2 già vaccinato; 3 rifiuto; 4 nessun contatto; 5 nessun dato disponibile; 6 mancato appuntamento (se l ha preso e non si è presentato); 7 immune (se ha avuto entrambe le malattie: morbillo e rosolia). La lista viene rinviata debitamente compilata dopo 2 mesi (far riferimento alla data del file). 16

17 2. Chiamata attiva e informazione delle donne suscettibili individuate dai laboratori analisi Chiamata attiva delle donne suscettibili individuate dal laboratorio analisi dell Ospedale S.Eugenio ed informazione alle donne suscettibili individuate dai laboratori analisi accreditati presenti in ASL RMC. SERVIZIO/UOC Responsabile Laboratorio Analisi Ospedale S. Eugenio (OSE) Direttore del Laboratorio Analisi: Dott. Gianpaolo Leonetti UOC Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP), Area Profilassi Malattie Infettive, Centri Vaccinali adulti Direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica: Dott. Stefano Marzani TARGET Donne suscettibili alla rosolia in età fertile (18-49 anni) che risultino negative al rubeotest effettuato per qualsiasi motivo ANALISI DI CONTESTO L analisi dei risultati dei rubeotest effettuati dagli utenti esterni presso il Laboratorio Analisi dell Ospedale S. Eugenio (OSE), nell anno 2012, ha evidenziato una percentuale di suscettibilità alla rosolia superiore al 5% nella fascia d età fertile. Queste donne se adeguatamente informate ed intercettate potrebbero essere vaccinate. Obiettivo L obiettivo è il recupero vaccinale delle donne in età fertile, suscettibili alla rosolia, individuate dai Laboratori Analisi. Tale obiettivo è in linea con il macro obiettivo 4 del PNEMoRc : Ridurre la percentuale di donne in età fertile, suscettibili alla rosolia, a meno del 5%. Obiettivo 4 - Azione 4.42 organizzare un flusso informativo dai laboratori analisi ai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica affinchè tutte le negatività al rubeotest (igg) effettuato per qualsiasi motivo in donne in età fertile venga comunicato ai Servizi di vaccinazione in modo da chiamare attivamente le donne negative. Il gruppo di lavoro aziendale ha individuato come modalità più efficiente per la chiamata attiva delle donne suscettibili, quella di inserire, in ogni referto di rubeotest negativo effettuato presso il laboratorio dell Ospedale S.Eugenio, un box informativo sulla vaccinazione MPR. 17

18 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C I Laboratori Analisi accreditati, presenti nel territorio della ASL RMC, informeranno invece le loro utenti, risultate negative al rubeotest, tramite il depliant informativo fornito dalla ASL. Albero degli obiettivi ATTIVITà Risultati attesi obiettivo specifico Il 90% dei Laboratori Analisi accreditati ASL RMC è informato sull attività vaccinale ASL ed ha ricevuto il depliant informativo da allegare ai referti rubeotest negativi entro il 31/12/2013. Elaborare, preparare e rendere disponibile materiale informativo per gli adulti. Redigere elenco dei Laboratori accreditati presenti nella ASL RMC con indirizzi mail e telefoni. Ridurre la % delle donne in età fertile suscettibili alla rosolia, residenti ASL RMC, entro il Informare i Laboratori Analisi accreditati sulla strategia ASL e richiedere la collaborazione per la distribuzione del materiale informativo. Il 90% dei donne in età fertile suscettibili che effettuano il rubeotest come ESTERNE presso l OSE sono invitate con chiamata attiva (box informativo nel referto). Creare un gruppo di lavoro tra il SISP e il Laboratorio Analisi OSE per la definizione di un protocollo operativo. Redigere un box informativo da inserire in tutti i referti NEGATIVI. Attivare un flusso informativo dei nominativi delle donne in età fertile rubeotest NEG dal Laboratorio OSE al SISP (liste mensili). PROTOCOLLO OPERATIVO Il protocollo verrà sperimentato dal 1 gennaio La procedura di chiamata attiva a vaccinazione delle donne suscettibili che hanno effettuato il rubeotest come esterne presso il laboratorio analisi OSE è quella descritta nel diagramma di flusso allegato. Per la gestione dell approvvigionamento vaccini, emergenze, consenso informato e trattamento dei dati sensibili si rimanda alla procedura condivisa a livello aziendale/dip. OPERATORI COINVOLTI OSE Laboratorio Analisi S. Eugenio: Dott.ssa Daniela Orsini UOC SISP Dott. Carlo Cerocchi, Dott.ssa Andreina Lancia, Dott.ssa Cristiana Vazzoler; CPSI Albina D Addetta, CPSI Francesca De Luca. 18

19 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C SOFTWARE Enginering per la gestione dei dati di Laboratorio ONVAC per la gestione dei dati vaccinali VALUTAZIONE DI PROCESSO La valutazione di processo verrà effettuata con i seguenti indicatori: - protocollo redatto e firmato; - N. referti rubeotest NEG con box informativo MPR/ N. donne suscettibili individuate dal Laboratorio Analisi S. Eugenio (liste mensili) VALUTAZIONE DEI RISULTATI La valutazione dei risultati verrà effettuata con i seguenti indicatori: - N donne vaccinate MPR/ N. totale delle donne suscettibili, non in gravidanza, individuate dal Laboratorio Analisi S. Eugenio (liste mensili) Documenti ALLEGATI All. 5 - Nota informativa ai Laboratori Analisi Accreditati 19

20 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Chiamata attiva a vaccinazione delle donne suscettibili che hanno effettuato il rubeotest come esterne presso il laboratorio analisi OSE La donna (18-49 anni) effettua il prelievo presso uno dei centri prelievi della ASL RMC Il laboratorio OSE effettua l analisi Il risultato del test è registrato nel software che gestisce il data base del Laboratorio OSE. Il laboratorio entro il 10 del mese successivo redige la lista dei rubeotest NEGATIVI L ambulatorio/centro prelievi stampa il referto e lo consegnare alla donna. La donna risulta rubeotest POSITIVA. La donna risulta rubeotest NEGATIVA. Nel referto viene inserito automaticamente un box informativo Invio della lista (report riassuntivo mensile) in busta chiusa alla UOC SISP che avendo il denominatore può valutare l efficienza di questa procedura di chiamata attiva delle donne suscettibili. La donna è informata La donna contatta i nostri Centri Vaccinali per ulteriori informazioni e/o per appuntamento. La donna NON contatta i nostri Centri Vaccinali per ulteriori informazioni e/o per appuntamento. Rifiuto della vaccinazione Vaccinazione 20

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA 1 SOMMARIO 1. Epidemiologia di Morbillo, Rosolia e Parotite

Dettagli

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 : vaccini Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 03/2011 34-38 Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 A cura della Commissione Vaccini della SIAIP

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI

PIANO DELLE VACCINAZIONI PIANO DELLE VACCINAZIONI 1.Premessa Il Piano Nazionale Vaccini 2005-2007 ha stabilito gli indirizzi per il mantenimento o raggiungimento degli obiettivi fissati in ordine alla prevenzione e controllo delle

Dettagli

Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita

Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita Target della vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita 1. Adolescenti 2. Donne suscettibili in età fertile 3. Gruppi difficili

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

4) n. identificativo del progetto all interno del Piano Operativo Regionale: 2.4.1 2.4.2

4) n. identificativo del progetto all interno del Piano Operativo Regionale: 2.4.1 2.4.2 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Programma di vaccinazione: eliminazione/contenimento del morbillo e della rosolia congenita. Il programma risulta composto da due linee progettuali:

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO 1 N. Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale DGPREV.V/19262/P/I.4.c.a.9

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003 Repertorio Atti n. 1857 del 13 novembre 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di sul documento recante

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Vaccinazione antimorbillo in Italia Introduzione della vaccinazione Vaccinazione universale Disponibile dal 1976 Raccomandato dal Ministero della Salute dal 1979 Fino

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Francesca Russo Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica Direzione Prevenzione

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Regione Proponente: Regione Veneto Linea Progettuale: VACCINAZIONI - Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale Referente:

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona Reggio Emilia, 24-26 settembre 2009 PROGETTO Progetto di prevenzione, informazione e cura su Psicosi e Depressione Post Partum Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti 2015 MOTORE SANITÀ STATI GENERALI DELLA SANITÀ REGIONE DEL VENETO 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Prevenzione in Sanità:

Dettagli

Gestione delle Vaccinazioni nell Azienda Sanitaria Locale

Gestione delle Vaccinazioni nell Azienda Sanitaria Locale Seminario I VACCINI: STRUMENTO DI PREVENZIONE Gestione delle Vaccinazioni nell Azienda Sanitaria Locale Paolo D Argenio 9 Ottobre 2013 Ospedale M. Bufalini (Cesena) Vaccinazioni nella Asl Programma Vaccinale

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

"Emergenza Migranti"

Emergenza Migranti Via Giacomo Cusmano 24 90142 Palermo www.asppalermo.org Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza Migranti" 1 Premessa Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Indicatori di performance e di risultati nei programmi di controllo della diffusione delle malattie infettive Regione Veneto G. Napoletano Padova 04.11.2011

Dettagli

AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale

AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale Strutture aziendali coinvolte: U.O.S Educazione alla Salute AIDS: troviamo la chiave per risolvere il problema Monitoraggio campagna informativa in collaborazione con Medici di Medicina Generale Gruppo

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL E OSPEDALE IN RETE

GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL E OSPEDALE IN RETE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA Via dei Toscani 1-46100 Mantova - Tel. 0376 334210 - Fax 0376 334222 GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

Campobasso. E, p.c. Alla Dott.ssa Loredana Paolozzi Responsabile della Gestione Amministrativo -Contabile del Progetto Obesità

Campobasso. E, p.c. Alla Dott.ssa Loredana Paolozzi Responsabile della Gestione Amministrativo -Contabile del Progetto Obesità Campobasso Dipartimento di Prevenzione lì, 13/4/2010 U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Prot: 3324 Rif. Nota n. Oggetto: Piano Regionale della Prevenzione: Relazione sintetica, con riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

Discharge planning e assistenza domiciliare. Infermiera Case maneger Viviana Salerno

Discharge planning e assistenza domiciliare. Infermiera Case maneger Viviana Salerno Discharge planning e assistenza domiciliare Infermiera Case maneger Viviana Salerno Il case management nella Roma B Il percorso del progetto di Case Management nella ASL Roma B inizia nel 2008 Progetto

Dettagli

L offerta formativa in Veneto Corso FAD Buone pratiche vaccinali. Padova 19 giugno 2015 Maria Rosa Valetto valetto@zadig.it

L offerta formativa in Veneto Corso FAD Buone pratiche vaccinali. Padova 19 giugno 2015 Maria Rosa Valetto valetto@zadig.it L offerta formativa in Veneto Corso FAD Buone pratiche vaccinali Padova 19 giugno 2015 Maria Rosa Valetto valetto@zadig.it Obiettivi del programma formativo (2014-2015) aumentare le conoscenze degli operatori

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie e Sociali

Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie e Sociali Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie e Sociali PIANO REGIONALE DELLE VACCINAZIONI 2005/2007: dall obbligo all adesione consapevole: un counseling vaccinale per ogni cittadino. Impianto

Dettagli

CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N.

CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N. CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N. 126 DELL 1.6.2000 Si indicano le modalità attuative per l assistenza

Dettagli

PROGETTO (dicembre 2009)

PROGETTO (dicembre 2009) All. 2 PROGETTO (dicembre 2009) Progetto relativo alla linea del PNP: VACCINAZIONI TITOLO DEL PROGETTO: Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale veneto Obiettivi Iniziali del Progetto: miglioramento

Dettagli

Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente. Nota operativa sintetica

Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente. Nota operativa sintetica ALLEGATO B Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente Nota operativa sintetica 1) Strategia d intervento e popolazione bersaglio A partire dal 15 ottobre 2015,

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011

PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011 PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011 Verbale Il 24 novembre 2011 alle ore 10.00, presso i locali di Laziosanità-Agenzia

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE

Dettagli

Scheda Valutativa Tirocinio Formativo

Scheda Valutativa Tirocinio Formativo Scheda Valutativa Tirocinio Formativo PER STUDENTI ISCRITTI AL VI ANNO CdL in MEDICINA E CHIRURGIA Data inizio tirocinio:... Data conclusione tirocinio:... Studente Tutor clinico...... (nome e cognome)

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 9896 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 Intesa Stato-Regioni 22 febbraio 2012: Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2012-2014. Recepimento e adozione Calendario Regionale

Dettagli

4.1.6 Ridefinizione normativa del danno da vaccino

4.1.6 Ridefinizione normativa del danno da vaccino Camera dei Deputati 33 Senato della Repubblica bambini vaccinati anche per i vaccini non obbligatori incentivando opportunamente il personale addetto alle vaccinazioni ed i pediatri di famiglia. Gli incentivi

Dettagli

U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI

U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA SERVIZIO ADOLESCENTI - Dr.ssa Rosamaria Zampetti PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI PROMOZIONE E TUTELA DELLA SALUTE DEGLI ADOLESCENTI

Dettagli

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi Giugno 2015 Indice Sintesi introduttiva del Piano provinciale

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo STRUTTURA ASL TITOLARE DEL PROGETTO Distretto 3 Dipartimento ISS e TMI RESPONSABILE DEL PROGETTO: Antonella Proietti Direttore

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Dr. Mino Baitelli Dirigente Medico Responsabile della

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento

Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria

Dettagli

PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO 2013-14

PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO 2013-14 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo, 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 PIANO LOCALE DELL AZIENDA U.S.L RIETI PROGRAMMA AUDIT CIVICO

Dettagli

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Primo invio Aggiornamento Regione Provincia Comune ASL Sezione 1

Dettagli

MEDICINA PREVENTIVA LAVORATORI OSPEDALIERI

MEDICINA PREVENTIVA LAVORATORI OSPEDALIERI U.O.C. Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Marcello Lotti MEDICINA PREVENTIVA LAVORATORI OSPEDALIERI Responsabile: Dott. ssa Caterina Zanetti CARTA DI ACCOGLIENZA Casa Ex Suore - 4 piano 1 Presentazione

Dettagli

Continuità assistenziale nel Percorso Nascita: contributi

Continuità assistenziale nel Percorso Nascita: contributi L assistenza ostetrica nella gravidanza fisiologica Continuità assistenziale nel Percorso Nascita: contributi Il Percorso Nascita della Regione Piemonte e l Agenda di Gravidanza Dott.ssa Paola Serafini

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

PROGETTO 2 REPORT STATO DI AVANZAMENTO

PROGETTO 2 REPORT STATO DI AVANZAMENTO (Codice Fiscale - Partita IVA: 01641020068) Sede Legale: Alessandria via Venezia, 6 Tel. 0131-306111 fax: 0131-306879 Sede Amm.va: Tortona via G.Galilei, 1 Tel. 0131-8651 fax: 0131-865348 CONSULTORIO DI

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA

MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA DOTT. ALBERTO FERRANDO Pediatra di Famiglia Presidente della Federazione Regionale degli Ordini dei Medici della Liguria MALATTIE RARE E IL PEDIATRA DI FAMIGLIA All interno del Sistema Sanitario Nazionale

Dettagli

Prof. Mauro Martini. Dott. Dario Pelizzola Dott. Anna Campi. Dott. Angela Benini CPSE Cristiano Pelati CPSE Marcella Peverati

Prof. Mauro Martini. Dott. Dario Pelizzola Dott. Anna Campi. Dott. Angela Benini CPSE Cristiano Pelati CPSE Marcella Peverati DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE ISTRUZIONE OPERATIVA AZIENDALE SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA A FARMACI (ADR) Redazione Cognome/Nome Prof. Mauro Martini Dott. Dario Pelizzola Dott. Anna Campi

Dettagli

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e 2014.

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Esercitazioni: guida alla conduzione

Esercitazioni: guida alla conduzione Esercitazioni: guida alla conduzione Divulgare o comunicare? La relazione interpersonale fra operatori della sanità e utenti è il mezzo più efficace di efficace di comunicazione BIDIREZIONALE: scambio

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte F R A N C E S C A R U S S O S E T T O R E P R O M O Z I O N E E S V I L U P P O I G I E N E E S A N I T À P U B B L I C A S E Z I O N E A T T U

Dettagli

Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino. Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini

Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino. Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini Territorio di competenza dell Asl di Vallecamonica Sebino Il progetto complessivo: Ponte

Dettagli

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici ROMA 5 dicembre 2011 2.1.1. Comunicazione dei dati delle sorveglianze e collaborazione con stakeholder esterni al SSR

Dettagli

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO Educazione/Riabilitazione Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato Villa Dott.ssa Laura Centro

Dettagli

Ostetricia Foligno. Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia. Le garanzie assistenziali pre e postnatali

Ostetricia Foligno. Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia. Le garanzie assistenziali pre e postnatali Congresso congiunto AOGOI-SIP-SIN EVENTO PARTO NASCITA Foligno 25-26 novembre 2013 Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia Le garanzie assistenziali pre e postnatali Ostetricia Foligno SC Ostetricia

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

Il ruolo dei Coordinatori Aziendali

Il ruolo dei Coordinatori Aziendali Il ruolo dei Coordinatori Aziendali Oretta Micali ASL Viterbo Convegno Regionale PASSI per la prevenzione Roma, 16 febbraio 2015 Monitoraggio Gestione Uso Monitoraggio Gestione Uso Monitoraggio I Coordinatori

Dettagli

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014 Incontro di orientamento professionale Bergamo 14 aprile 2014 Chi è l infermiere Profilo professionale dell'infermiere D.M. 14 settembre 1994, n. 739 Art. 1 1 - E' individuata la figura professionale dell'infermiere

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Il problema. Il Piano Operativo Regionale e Aziendale

Il problema. Il Piano Operativo Regionale e Aziendale Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di c alore s u lla s alu te delle pers one anziane A. S. L. R oma " C " E s tate 2 0 0 7 Il problema Le ondate di calore sono condizioni meteorologiche

Dettagli

ANNO DEL NEONATO. il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA.

ANNO DEL NEONATO. il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA. Comune di Fidenza Comune di Salsomaggiore ANNO DEL NEONATO il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA A cura di Distretto di Fidenza - Ospedale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultori Familiari

CARTA DEI SERVIZI Consultori Familiari AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi, 12-00041 Albano Laziale (Roma) DISTRETTO H4 Direttore Dott. Ettore Fuselli CARTA DEI SERVIZI Consultori Familiari Distretto H4 Pomezia Ardea 1 INDICE 1) Premessa.....pag

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009 Unità Operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Unità Operativa di Ostetricia Ginecologia Monoblocco - Terzo piano Direttore:

Dettagli

Carta del Servizio di Consultorio Familiare

Carta del Servizio di Consultorio Familiare Carta del Servizio di Consultorio Familiare UOSD infanzia Adolescenza e Famiglia Azienda Ulss 18 Rovigo 1 Premessa La Carta del Servizio di Consultorio Familiare rappresenta un aggiornato e chiaro strumento

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma "C" Estate 2008

Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma C Estate 2008 Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma "C" Estate 2008 Il problema Le ondate di calore sono condizioni meteorologiche che si verificano

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Elaborazione di un protocollo condiviso di gestione dei pazienti esterni con dolore toracico in regime di consulenza cardiologica

Dettagli

Vigilanza sui farmaci e sui dispositivi medici

Vigilanza sui farmaci e sui dispositivi medici 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è quello di descrivere gli standard tecnici per l espletamento delle attività di vigilanza sui farmaci e sui dispositivi ; tali standard tecnici

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

Il ruolo del Responsabile aziendale di farmacovigilanza, i flussi, le DDL e il supporto nella segnalazione

Il ruolo del Responsabile aziendale di farmacovigilanza, i flussi, le DDL e il supporto nella segnalazione Il ruolo del Responsabile aziendale di farmacovigilanza, i flussi, le DDL e il supporto nella segnalazione La cultura della farmacovigilanza per la sicurezza del paziente Reggio Emilia 29 novembre 2011

Dettagli