AZIENDA USL Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA USL Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C"

Transcript

1 ROMA AZIENDA USL Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C

2 Pubblicazione realizzata da ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione A CURA DI Andreina Lancia (UOC SISP) Cristiana Vazzoler (UOC SISP) CON LA COLLABORAZIONE DI Carlo Cerocchi (UOC SISP) Maria Rita Cortonesi (UOC Consultori Familiari D9) Restitina D Agostino (Servizio Farmaceutico Territoriale) Donatella Dall Anna (UOC Ostetricia e Ginecologia) Fulvio D Orsi (UOC SpreSAL) Massimo Gasperini (UOC MPEE) Carlo Giannini (Dipartimento Materno Infantile) Giuseppe Grasso (MMG) Gianpaolo Leonetti (UOC Laboratorio Analisi) Patrizia Magliocchetti (UOSD Pianificazione) Sergio Manzieri (UOC Assistenza Primaria) Stefano Marzani (UOC SISP) Marzia Mensurati (Ufficio Farmacovigilanza) Fulvio Mete (UOC SISP) Italo Milano (Consultorio Familiare D9) Teresa Monni (Consultorio Familiare D11) Agata Montalbano (PLS, rappresentante D11) Maria Rosaria Musto (Dipartimento di Assistenza alla Persona) Daniela Orsini (UOC Laboratorio Analisi) Patrizia Proietti (Dipartimento di Assistenza alla Persona) Maria Teresa Rongai (PLS rappresentante FIMP) Patrizia Ruggiero (Ginecologa Distretto 12) Massimo Oddone Trinito (UOSD Epidemiologia e S.I.) Enzo Valenti (UOC SPreSAL) Maria Letizia Zanetti (UOC Assistenza Primaria D9) Maurizio Zaza (UOC Ostetricia e Ginecologia) REALIZZAZIONE GRAFICA Paolo Sbraga (UOC SPreSAL) CONTATTI Dott.ssa Andreina Lancia Tel Pubblicazione Dicembre 2013

3 La DGR del Lazio n. 19 del 26 gennaio 2012, che ha recepito il nuovo Piano di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia Congenita (PNEMoRC) , stabilisce che le Aziende Sanitarie Locali provvedano a realizzare le azioni indicate nel Piano per il raggiungimento degli obiettivi previsti. Il Piano definisce sette obiettivi e per ciascuno sono indicate numerose linee d intervento rivolte a popolazioni target diverse: bambini, adolescenti, donne, gruppi a rischio, studenti e lavoratori professionalmente esposti. La ASL RMC ha avviato un gruppo di lavoro, coordinato dal Servizio Igiene e Sanità Pubblica, al quale partecipano tutti i Servizi coinvolti nell offerta vaccinale. Questo documento, frutto del gruppo di lavoro, definisce la strategia operativa locale per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo-parotiterosolia nella ASL RMC e rappresenta una sintesi del percorso intrapreso e degli impegni assunti da ciascun Servizio. Il Direttore del Dipartimento di Prevenzione Dott. Giovanni Bollecchino Il Direttore del Dipartimento Materno Infantile Dott. Carlo Giannini 3

4

5 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C INDICE PAG 0 - Introduzione 1 - Chiamata attiva dei diciottenni non vaccinati per MPR Chiamata attiva e informazione delle donne suscettibili individuate dai laboratori analisi Offerta attiva della vaccinazione MPR nella dimissione post interruzione volontaria di gravidanza 4 - Counselling sulla vaccinazione MPR nella dimissione post partum 5 - Comunicazione dei dati di sorveglianza delle reazioni avverse ai vaccini 6 - Offerta della vaccinazione MPR nei gruppi a rischio (nomadi) 7 - Gestione dei focolai epidemici di morbillo nelle scuole 8 - Offerta attiva della vaccinazione MPR nei lavoratori professionalmente esposti

6 PAG APPENDICE - Allegati All.1 - Brochure informativa adulti All.2 - Depliant Convegno All.3 - Morbillo Parotite Rosolia (MPR) - Domande ricorrenti All.4 - Nota informativa a MMG e PLS sull avvio della campagna All.5 - Nota informativa ai Laboratori Analisi Accreditati All.6 - Modulo per la raccolta dati All.7 - Scheda ADR (Adverse Drug Reaction) All.8 - Comunicazione alla UOSMPEE del caso di morbillo All.9 - Tabella Contatti scolastici All.10 - Modulo 4A - Scheda di sorveglianza morbillo

7 INTRODUZIONE Il Piano di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita (PNEMoRc) ha tra gli obiettivi la riduzione della percentuale delle donne in età fertile suscettibili alla rosolia a meno del 5% ed il miglioramento delle coperture per Morbillo-Parotite-Rosolia (MPR) nella popolazione adulta. I Direttori Generali delle ASL del Lazio saranno valutati anche in base agli indicatori di processo e di risultato previsti dal Piano. Nella ASL RMC l organizzazione della prevenzione vaccinale si presenta frammentata in numerosi servizi (Consultori Familiari, Ambulatori della Medicina Preventiva Età Evoltiva, Ambulatori Distrettuali ed Ambulatori Vaccinali Adulti) competenti per target differenti: bambini, adulti e lavoratori. Il Servizio Igiene e Sanità Pubblica sta coordinando un gruppo di lavoro a cui partecipano tutti i Servizi coinvolti nella realizzazione degli obiettivi di miglioramento delle coperture vaccinali per MPR: Servizio Igiene e Sanità Pubblica, Servizio Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, Dipartimento Materno Infantile, Consultori Familiari, Medicina Preventiva Età Evolutiva, Dipartimento Farmaceutico, Laboratorio Analisi Ospedaliero, Reparto di Ostetricia e Ginecologia, Reparto di Neonatologia, Day Hospital (DH) Pianificazione Familiare, Assistenza Primaria per il coinvolgimento dei Medici di medicina generale (MMG) e Pediatri di libera scelta (PLS) del territorio. Il gruppo di lavoro si è assunto il compito di: A. analizzare le fonti dati disponibili per valutare la prevalenza dei suscettibili nella popolazione adulta; B. progettare e realizzare un evento formativo come punto di partenza di una campagna di recupero vaccinale; C. individuare nel Piano le azioni fattibili da implementare ex novo e quelle migliorabili. Il lavoro di squadra Il Gruppo di lavoro aziendale ha condiviso la modalità di progettazione del Project Cicle Managment (PCM) per la definizione dei nuovi protocolli operativi sulle azioni del Piano. Il Dipartimento di Prevenzione della ASL RMC aveva già nel 2010 redatto un documento di sintesi sul PCM, al termine di un percorso di formazione sul campo, messo a disposizione sul sito web per tutti i professionisti. La redazione dei protocolli operativi ha rappresentato l opportunità di rendere pratico ed operativo quanto appreso a livello teorico: ad esempio il lavoro della costruzione dell albero degli obiettivi o quello di individuazione di indicatori di monitoraggio e di risultato misurabili. Una delle fonti dati disponibili utilizzate per descrivere la situazione epidemiologica locale è il 7

8 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Il contesto epidemiologico nell ASL Roma C Le priorità Sistema di Sorveglianza PASSI. I dati PASSI stimano che, nella ASL RMC, solo il 53% delle donne di anni è sicuramente immune alla rosolia perché ha effettuato la vaccinazione (30%) oppure ha una copertura naturale da pregressa infezione rilevata dal rubeotest positivo (23%), mentre ben il 43% delle intervistate non è consapevole del proprio stato immunitario nei confronti della rosolia. I dati del flusso informativo sulle vaccinazioni ASL RMC presentano diversi livelli di completezza. Infatti mentre è disponibile la copertura vaccinale per un dose a 24 mesi d età (pari all 88.4% nell anno 2012) non sono ancora raccolti routinariamente i dati relativi alle coperture vaccinali per due dosi a 12 anni d età. I dati di copertura MPR negli adulti sono ancora più incompleti perché le vaccinazioni sono state registrate nel software dedicato, in modalità routinaria, solo a partire dai nuovi nati della coorte Per tale motivo, allo scopo di valutare la copertura in una coorte di maggiorenni, si è dovuto implementare una raccolta dati ad hoc incrociando i dati anagrafici dei ragazzi residenti (forniti dal Comune di Roma) con i dati vaccinali disponibili nel software delle vaccinazioni. I dati di copertura vaccinale aziendale nella coorte 1994 (ragazzi maggiorenni) hanno evidenziato una copertura vaccinale per Morbillo Parotite Rosolia (MPR) pari al 55% ed al 45%, rispettivamente per la prima e seconda dose, lontana dagli obiettivi previsti per l eliminazione (95%); verosimilmente questi dati sono un po sottostimati rispetto alla reale situazione per una scarsa qualità dell anagrafe vaccinale. I dati di copertura vaccinale MPR dei nostri residenti adulti ci indirizzazo quindi ad affrontare con urgenza il recupero vaccinale nella popolazione adulta suscettibile sfruttando tutte le occasioni opportuna di contatto ed implementando le azioni raccomandate dalla letteratura scientifica. Il Piano è stato analizzato dal gruppo di lavoro e sono state individuate le azioni considerate prioritarie per il raggiungimento degli obiettivi, valutate in termini di fattibilità e di impatto sulla salute pubblica. Il gruppo di lavoro ha concordato di implementare ex novo le seguenti azioni: 1 - Chiamata attiva dei diciottenni non vaccinati per MPR 2 - Chiamata attiva e informazione delle donne suscettibili individuate dai laboratori analisi 3 - Offerta attiva della vaccinazione MPR nella dimissione post interruzione volontaria di gravidanza 4 - Counselling sulla vaccinazione MPR nella dimissione post partum 5 - Comunicazione dei dati di sorveglianza delle reazioni avverse ai vaccini e di migliorare le seguente azioni già in essere: 6 - Offerta della vaccinazione MPR nei gruppi a rischio (nomadi) 7 - Gestione dei focolai epidemici di morbillo nelle scuole 8 - Offerta attiva della vaccinazione MPR nei lavoratori professionalmente esposti 8

9 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Il Piano di comunicazione di un progetto riguarda tutti gli strumenti necessari per comunicare in modo coerente, efficace e tempestivo con i vari interlocutori coinvolti nel progetto. Scopo fondamentale della comunicazione, nella fase di avvio delle azioni previste dalla strategia vaccinale aziendale, è creare le condizioni per costruire consenso e partecipazione da parte di tutti i soggetti coinvolti riconoscendo ad ognuno un ruolo per il raggiungimento degli obiettivi. Piano della comunicazione strumento di comunicazione Creazione di uno spazio dedicato sul sito web ASL. PNEMoRc sul sito Nota sulla modalità di notifica. Modello di notifica Mibase disponibile in pdf ed in word sul sito web Risultati PASSI sulla vaccinazione antirosolia + nota accompagno Presentazione dei dati epidemiologici e sugli obiettivi del Piano. Convegno ASL RMC Depliant informativo sulla vaccinazione MPR per gli adulti Nota sulla realizzazione degli obiettivi del PNEMoRc Nota informativa + allegati (depliant e lettera d invito) Nota sull attivazione di un flusso informativo UOC SISP- Laboratorio OSE Mail con allegata la nuova Circolare sulla sorveglianza della rosolia, rosolia in gravidanza e rosolia congenita Nota ai Responsabili UOC SISP Comune di Roma Mail informativa + depliant ai Responsabili dei Laboratori Analisi Redazione del documento di Strategia operativa ASL Documento sul sito web Nota informativa sull avvio della procedura laboratorio Presentazione dei risultati preliminari della campagna di recupero vaccinale obiettivo target quando Massima diffusione dei docunenti inerenti il Piano Semplificare ed incrementare l attività di notifica delle malattie infettive Sensibilizzare sulla situazione epidemiologica Informare e formare sulle azioni previste dal PNEMoRc (convegno) Informare e sensibilizzare gli utenti Coinvolgere alla partecipazione del tavolo di lavoro Informare sull avvio della chiamata attiva dei 18 anni e richiedere il sostegno Informare sull avvio della procedura Informare sulle nuove definizioni di caso utili per la sorveglianza Informare sull avvio della chiamata attiva dei 18 anni + richiesta dati vaccinali Informare sul PNEMoRc e richiedere collaborazione Massima diffusione delle azioni messe in campo nella ASL RMC Informare sull avvio della procedura laboratorio e richiedere il sostegno Aggiornare sull andamento del PNEMoRc (convegno) Cittadini professionisti 14/5/2013 MMG, PLS 14/5/2013 MMG, PLS, Professionisti Professionisti dei servizi vaccinali, MMG, PLS Farmacisti Cittadini, Professionisti Responsabili delle Strutture ASL coinvolte 21/5/2013 5/6/ /6/ /6/2013 MMG, PLS 26/8/2013 Direttore Generale Direttore Sanitario ASL Direttore Sanitario OSE PLS, ginecologi e pediatri della ASL UOC SISP e Servizi Vaccinazioni delle ASL del Comune di Roma Direttori Sanitari dei Laboratori Analisi Accreditati ASL RMC Cittadini professionisti MMG, PLS Professionisti dei servizi vaccinali, MMG, PLS, Farmacisti 30/8/ /9/2013 4/10/2013 7/11/2013 entro 31/12/2013 entro 31/12/2013 entro 30/06/2014 9

10 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Cosa è stato fatto Brochure informativa sulla vaccinazione MPR Website ASL Roma C - Pagina dedicata al Piano nazionale di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia Congenita Perché questo documento Il gruppo di lavoro ha redatto del materiale divulgativo (brochure) per informare la popolazione sull offerta attiva della vaccinazione MPR, sui rischi delle tre malattie e perché è utile vaccinarsi. Il target di questo prodotto comunicativo sono gli adulti. Il materiale è stato inviato ai MMG e PLS della nostra ASL (All. 1), è reso disponibile sul sito web aziendale e sarà distribuito in tutte le occasioni opportune di contatto con gli utenti. è stato realizzato uno spazio sul sito web aziendale dedicato al nuovo Piano di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita (PNEMoRc) dove sono stati inseriti documenti utili di approfondimento per i professionisti ed i cittadini ( di Prevenzione/Piano Nazionale di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia Congenita (PNEMoRc) ). Il Serivizio Igiene e Sanità Pubblica, nell ottica di migliorare la sorveglianza del morbillo e della rosolia congenita, ha notevolmente semplificato l attività di notifica per i MMG ed i PLS rendendo disponibili, sul sito aziendale, i moduli di notifica ed attivando un numero di telefono per ricevere le segnalazioni delle malattie infettive. è stata inoltre data massima diffusione a tutti i MMG, PLS ed altri professionisti coinvolti, di tutti i documenti relativi al Piano comprese le Circolari Ministeriali che in seguito hanno aggiornato il Sistema di Sorveglianza. Nel giugno 2013 è stato realizzato un Convegno aziendale sulle strategie operative MPR nel quale i diversi servizi aziendali hanno presentato le proprie esperienze e condiviso le azioni per il miglioramento delle coperture vaccinali. L evento formativo, che ha rappresentato un importante occasione di confronto tra professionisti diversi, è stato il punto di partenza del nostro percorso di lavoro in rete (All. 2). Si è attivata inoltre, presso l Ambulatorio di Medicina dello Sport aziendale, un attività di verifica dello stato vaccinale, con relativa stampa del certificato, di ogni atleta sottoposto a visita. Il medico sportivo indirizza ai Centri Vaccinali della ASL l atleta che non ha effettuato le due dosi di vaccino MPR e/o il richiamo dtpa. A settembre 2013 il gruppo di lavoro ha redatto un documento sulle domande ricorrenti (FAQ - Frequently Asked Questions) relative alla vaccinazione Morbillo-Parotite-Rosolia, utile per risolvere eventuali dubbi degli operatori delle vaccinazioni (All. 3). I Consultori Familiari della ASL RMC stanno svolgendo un importante azione di counselling vaccinale ed informazione rivolto a tutte le donne che vengono in contatto con il servizio per motivi diversi (gravidanza, contraccezione, problematiche adolescenziali, screening oncologici, vaccinazione del figlio etc) e sono individuate come suscettibili perché mai vaccinate. Il Servizio Medicina Preventiva dell Età Evolutiva (MPEE) ha programmato di inviare, a tutte le famiglie dei bambini frequentanti la prima classe della Scuola Primaria, una nota informativa riguardante il calendario vaccinale (con particolare attenzione alla vaccinazione MPR) e gli indirizzi ed orari dei centri ASL, con l invito a verificare lo stato vaccinale del proprio figlio. L attività della chiamata attiva con lettera personalizzata, raccomandata dal Piano, può essere sostituita da questa procedura che è meno complessa e garantisce ugualmente di raggiungere tutte le famiglie. Il documento rappresenta una sintesi del percorso intrapreso e degli impegni assunti da ciascun Servizio coinvolto, al fine di definire una strategia operativa aziendale e di rendere maggior- 10

11 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C mente coordinati ed efficienti gli interventi di prevenzione vaccinale per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal PNEMoRC ,. Il documento è stato inoltre l occasione di un approccio omogeneo alla problematica del miglioramento delle coperture vaccinali, per Servizi che non sempre dialogano tra loro e a volte non condividono i propri saperi. La redazione e condivisione di strumenti di lavoro comuni quali ad esempio la brochure informativa per gli adulti ed il documento sulle domande ricorrenti, è stata infine un occasione di collaborazione e di crescita professionale per tutti coloro che vi hanno partecipato. 11

12

13 1. Chiamata attiva dei diciottenni non vaccinati per MPR SERVIZIO/UOC Responsabile UOC Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP), Area Profilassi Malattie Infettive, Centri Vaccinali adulti. Direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica: Dott. Stefano Marzani Responsabili del Protocollo: Dott. Carlo Cerocchi, Dott.ssa Andreina Lancia TARGET Adulti diciottenni non vaccinati per MPR o vaccinati con una sola dose MPR. ANALISI DI CONTESTO L analisi delle coperture vaccinali per MPR effettuata nella coorte di nascita 1994 residenti nella ASL RMC (al 30/3/2012) ha evidenziato una copertura vaccinale MPR pari al 45% per la 2 dose ed al 55% per la 1 dose. Ipotizzando anche che i dati registrati nel software delle vaccinazioni siano incompleti, la copertura sarà sicuramente inferiore al 70%. I dati di Sorveglianza PASSI (Regione Lazio) stimano che la prevalenza delle donne di età anni che riferisce di essere vaccinata è pari al 48% e nella nostra ASL i dati sono sovrapponibili. Obiettivo L obiettivo è il miglioramento della copertura vaccinale nei diciottenni suscettibili. Tale obiettivo è in linea con il macro obiettivo 3 del PNEMoRc Obiettivo 3 - Mettere in atto iniziative vaccinali supplementari rivolte alle popolazioni suscettibili sopra i 2 anni inclusi gli adolescenti, i giovani adulti e i soggetti a rischio. Azione Identificare la strategia vaccinale più idonea: per esempio, chiamata attiva dei diciottenni suscettibili legalmente idonei ad una decisione autonoma. I ragazzi nati nel 1994, individuati come suscettibili in base ai dati registrati nell anagrafe vaccinale aziendale, saranno chiamati attivamente a vaccinazione tramite una lettera personalizzata con allegato il proprio certificato vaccinale. 13

14 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Albero degli obiettivi ATTIVITà Risultati attesi obiettivo specifico Il 90% degli operatori (vaccinali, MMG e PLS) informati e formati sulla strategia vaccinale MPR entro il 31/12/2013. Creare un gruppo di lavoro sul progetto condividendo gli obiettivi con gli operatori dei Centri Vaccinali Adulti. Informare e formare gli operatori sulle strategie vaccinali e sui contenuti del materiale informativo. Aumentare almeno del 20% la copertura vaccinale per MPR nei diciottenni (corte 1994) residenti ASL RMC entro il Materiale di aggiornamento a disposizione degli operatori e facilmente consultabile sul sito web della ASL. Il 90% dei diciottenni suscettibili invitati con chiamata attiva (lettera + certificato, se disponibile) a vaccinazione presso le sedi vaccinali entro il 30/3/2014. Elaborare, preparare e rendere disponibile materiale informativo per gli adulti. Redigere lista dei diciottenni suscettibili per Municipio di residenza. Stampare i certificati vaccinali dei suscettibili da chiamare per personalizzare la lettera. PROTOCOLLO OPERATIVO I diciottenni da chiamare a vaccinazione sono quelli in elenco nel foglio excel predisposto incrociando i dati dei ragazzi coorte 1994, residenti nella ASL RMC, con i dati che risultavano nel software ONVAC. Il protocollo è in fase di attuazione dal mese di settembre I MMG ed i PLS saranno informati dall avvio della campagna di recupero vaccinale (All. 4) Ogni settimana verrà predisposto l Invio delle lettere centralizzato dalla sede di Via Casale de Merode: verranno inviate 50 lettere/settimana per i ragazzi residenti nei Municipi afferenti al S. Caterina della Rosa ed al Centro della Gioia e 30 lettere/settimana per la sede Casale De Merode. Ogni Centro Vaccinale Adulti (CV) riceve una mail ogni settimana con l elenco dei ragazzi invitati, in base alla competenza territoriale. La procedura prosegue per ogni Ambulatorio come da diagramma di flusso. A partire da novembre 2013 i CV inviano a Casale De Merode il foglio excel con la lista degli invitati, relativa due mesi prima, completati con i dati di esito della procedura: vaccinato, già 14

15 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C vaccinato, rifiuto, nessun contatto, nessun dato disponibile, immune, etc. Per la gestione dell approvvigionamento vaccini, emergenze, consenso informato e trattamento dei dati sensibili si rimanda alla procedura condivisa a livello aziendale/dipartimento di Prevenzione. OPERATORI COINVOLTI Sede Casale De Merode: CPSI Albina D Addetta, CPSI Francesca De Luca; Dott. Carlo Cerocchi, Dott.ssa Andreina Lancia, Dott.ssa Cristiana Vazzoler. Sede Centro della Gioa: CPSI Sandra Beatriz Rivas, CPSI Roberto Pistilli Sede S. Caterina della Rosa: CPSI Barbara Vicca; Dott. Angelo De Angelis SOFTWARE ONVAC fornito da Engineering. VALUTAZIONE DI PROCESSO La valutazione di processo verrà effettuata con i seguenti indicatori: - N. lettere per la chiamata attiva/ N. ragazzi coorte 1994 non vaccinati > 75% a livello di Distretto e > 80% a livello di ASL (PRPV ); - N. inviti non recapitati / n. inviti spediti < 10% - N ragazzi/e vaccinati MPR/ N. totale dei ragazzi suscettibili invitati VALUTAZIONE DEI RISULTATI La valutazione dei risultati verrà effettuata con i seguenti indicatori: - aumentare di almeno il 20% la copertura vaccinale nella coorte di nascita Documenti ALLEGATI All. 1 - Brochure informativa MPR adulti All. 3 - Morbillo Parotite Rosolia (MPR) - Domande ricorrenti All. 4 - Nota informativa a MMG e PLS sull avvio della campagna 15

16 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Chiamata attiva dei diciottenni non vaccinati per MPR Il Centro Vaccinale (CV) riceve dalla Sede di Casale De Merode la lista con i ragazzi/e invitati a vaccinazione, residenti nel Municipio/i di competenza. Il file è nominato con l indicazioni delle iniziali dei cognomi e la data d invio delle lettere. Il/la ragazzo/a o il genitore telefona al Centro Vaccinale indicato nella lettera per informazioni e/o appuntamento. Il/la ragazzo/a o il genitore NON telefona al Centro Vaccinale. Il/la ragazzo/a o il genitore telefona al Centro di Casale De Merode per comunicare che è già vaccinato. Consueling telefonico Il soggetto non accetta la vaccinazione, NON prende appuntamento. Inserire in NOTE il motivo del rifiuto. Il soggetto riferisce che ha avuto Morbillo e Rosolia. IMMUNE Il soggetto prende l appuntamento. Colloquio prevaccinale MANCATO APPUNTA- MENTO Senza certificato Richiedere al soggetto riferimenti: CV e/o pediatra. In possesso di certificato. Invio della relativa certificazione per posta, fax o a Casale De Merode. RIFIUTO Acquisizione del consenso informato ed autorizzazione al trattamento dei dati. Contatto CV e/o pediatra VACCINAZIONE ESITO NEGATIVO Certificato ESITO POSITIVO Certificato Registrazione nel software ONVAC Registrazione nel software ONVAC Rilascio del certificato di vaccinazione al soggetto. NESSUN CONTATTO NESSUN DATO DISPONIBILE Informativa per mail da De Merode al CV GIà VACCINATO Il CV riceve da Casale De Merode aggiornamenti sulle situazioni di verifica vaccinale che si riesce a recuperare dagli utenti e dagli altri CV. L operatore del CV inserisce nella lista, per ogni nominativo, nella colonna MPR l esito della procedura di chiamata attiva: 1 vaccinato; 2 già vaccinato; 3 rifiuto; 4 nessun contatto; 5 nessun dato disponibile; 6 mancato appuntamento (se l ha preso e non si è presentato); 7 immune (se ha avuto entrambe le malattie: morbillo e rosolia). La lista viene rinviata debitamente compilata dopo 2 mesi (far riferimento alla data del file). 16

17 2. Chiamata attiva e informazione delle donne suscettibili individuate dai laboratori analisi Chiamata attiva delle donne suscettibili individuate dal laboratorio analisi dell Ospedale S.Eugenio ed informazione alle donne suscettibili individuate dai laboratori analisi accreditati presenti in ASL RMC. SERVIZIO/UOC Responsabile Laboratorio Analisi Ospedale S. Eugenio (OSE) Direttore del Laboratorio Analisi: Dott. Gianpaolo Leonetti UOC Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP), Area Profilassi Malattie Infettive, Centri Vaccinali adulti Direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica: Dott. Stefano Marzani TARGET Donne suscettibili alla rosolia in età fertile (18-49 anni) che risultino negative al rubeotest effettuato per qualsiasi motivo ANALISI DI CONTESTO L analisi dei risultati dei rubeotest effettuati dagli utenti esterni presso il Laboratorio Analisi dell Ospedale S. Eugenio (OSE), nell anno 2012, ha evidenziato una percentuale di suscettibilità alla rosolia superiore al 5% nella fascia d età fertile. Queste donne se adeguatamente informate ed intercettate potrebbero essere vaccinate. Obiettivo L obiettivo è il recupero vaccinale delle donne in età fertile, suscettibili alla rosolia, individuate dai Laboratori Analisi. Tale obiettivo è in linea con il macro obiettivo 4 del PNEMoRc : Ridurre la percentuale di donne in età fertile, suscettibili alla rosolia, a meno del 5%. Obiettivo 4 - Azione 4.42 organizzare un flusso informativo dai laboratori analisi ai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica affinchè tutte le negatività al rubeotest (igg) effettuato per qualsiasi motivo in donne in età fertile venga comunicato ai Servizi di vaccinazione in modo da chiamare attivamente le donne negative. Il gruppo di lavoro aziendale ha individuato come modalità più efficiente per la chiamata attiva delle donne suscettibili, quella di inserire, in ogni referto di rubeotest negativo effettuato presso il laboratorio dell Ospedale S.Eugenio, un box informativo sulla vaccinazione MPR. 17

18 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C I Laboratori Analisi accreditati, presenti nel territorio della ASL RMC, informeranno invece le loro utenti, risultate negative al rubeotest, tramite il depliant informativo fornito dalla ASL. Albero degli obiettivi ATTIVITà Risultati attesi obiettivo specifico Il 90% dei Laboratori Analisi accreditati ASL RMC è informato sull attività vaccinale ASL ed ha ricevuto il depliant informativo da allegare ai referti rubeotest negativi entro il 31/12/2013. Elaborare, preparare e rendere disponibile materiale informativo per gli adulti. Redigere elenco dei Laboratori accreditati presenti nella ASL RMC con indirizzi mail e telefoni. Ridurre la % delle donne in età fertile suscettibili alla rosolia, residenti ASL RMC, entro il Informare i Laboratori Analisi accreditati sulla strategia ASL e richiedere la collaborazione per la distribuzione del materiale informativo. Il 90% dei donne in età fertile suscettibili che effettuano il rubeotest come ESTERNE presso l OSE sono invitate con chiamata attiva (box informativo nel referto). Creare un gruppo di lavoro tra il SISP e il Laboratorio Analisi OSE per la definizione di un protocollo operativo. Redigere un box informativo da inserire in tutti i referti NEGATIVI. Attivare un flusso informativo dei nominativi delle donne in età fertile rubeotest NEG dal Laboratorio OSE al SISP (liste mensili). PROTOCOLLO OPERATIVO Il protocollo verrà sperimentato dal 1 gennaio La procedura di chiamata attiva a vaccinazione delle donne suscettibili che hanno effettuato il rubeotest come esterne presso il laboratorio analisi OSE è quella descritta nel diagramma di flusso allegato. Per la gestione dell approvvigionamento vaccini, emergenze, consenso informato e trattamento dei dati sensibili si rimanda alla procedura condivisa a livello aziendale/dip. OPERATORI COINVOLTI OSE Laboratorio Analisi S. Eugenio: Dott.ssa Daniela Orsini UOC SISP Dott. Carlo Cerocchi, Dott.ssa Andreina Lancia, Dott.ssa Cristiana Vazzoler; CPSI Albina D Addetta, CPSI Francesca De Luca. 18

19 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C SOFTWARE Enginering per la gestione dei dati di Laboratorio ONVAC per la gestione dei dati vaccinali VALUTAZIONE DI PROCESSO La valutazione di processo verrà effettuata con i seguenti indicatori: - protocollo redatto e firmato; - N. referti rubeotest NEG con box informativo MPR/ N. donne suscettibili individuate dal Laboratorio Analisi S. Eugenio (liste mensili) VALUTAZIONE DEI RISULTATI La valutazione dei risultati verrà effettuata con i seguenti indicatori: - N donne vaccinate MPR/ N. totale delle donne suscettibili, non in gravidanza, individuate dal Laboratorio Analisi S. Eugenio (liste mensili) Documenti ALLEGATI All. 5 - Nota informativa ai Laboratori Analisi Accreditati 19

20 Strategie operative per il miglioramento delle coperture vaccinali per morbillo e rosolia nella ASL Roma C Chiamata attiva a vaccinazione delle donne suscettibili che hanno effettuato il rubeotest come esterne presso il laboratorio analisi OSE La donna (18-49 anni) effettua il prelievo presso uno dei centri prelievi della ASL RMC Il laboratorio OSE effettua l analisi Il risultato del test è registrato nel software che gestisce il data base del Laboratorio OSE. Il laboratorio entro il 10 del mese successivo redige la lista dei rubeotest NEGATIVI L ambulatorio/centro prelievi stampa il referto e lo consegnare alla donna. La donna risulta rubeotest POSITIVA. La donna risulta rubeotest NEGATIVA. Nel referto viene inserito automaticamente un box informativo Invio della lista (report riassuntivo mensile) in busta chiusa alla UOC SISP che avendo il denominatore può valutare l efficienza di questa procedura di chiamata attiva delle donne suscettibili. La donna è informata La donna contatta i nostri Centri Vaccinali per ulteriori informazioni e/o per appuntamento. La donna NON contatta i nostri Centri Vaccinali per ulteriori informazioni e/o per appuntamento. Rifiuto della vaccinazione Vaccinazione 20

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, di mobilità regionale ed interregionale tra Aziende ed Enti del Servizio Sanitario, per la copertura

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli