VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE"

Transcript

1 COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE FIORANNA NEGRI ASSIREVI - PKF 20 ottobre 2014

2 ARGOMENTI TRATTATI 1. Normativa di riferimento 2. Periodicità delle verifiche 3. Tipologia delle verifiche periodiche 4. Contenuto tecnico delle singole tipologie di verifiche 5. Documentazione delle verifiche svolte 6. Responsabilità degli amministratori e del revisore legale

3 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO La verifica della regolare tenuta della contabilità sociale e della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili è un compito esplicitamente attribuito al revisore legale dall art. 14, punto 1, lettera b), del D.Lgs. n. 39 del 27 gennaio La normativa civilistica, però, non disciplina né la tempistica, né le modalità che il revisore legale deve adottare per effettuare tale verifica. Inoltre le verifiche contabili, ad oggi non sono ancora state trattate da nessun principio di revisione, né nazionale né internazionale.

4 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO Il principale riferimento normativo, sul piano operativo, è oggi rappresentato dalla comunicazione che la Consob ha inviato, nel 1999, alle società di revisione che risultavano iscritte all albo speciale tenuto dalla Consob (oggi abrogato) che operano con soggetti a cui si applicava l art. 155, comma 1, lettera a), (oggi abrogato) del D.Lgs 58/1998 Comunicazione della Consob n. DAC/ del 29 marzo 1999, il cui contenuto non è stato modificato. Un utile supporto alle modalità di svolgimento delle verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale e della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili è costituito anche dal Documento di Ricerca Assirevi n. 160 redatto nel 2011, considerando che le verifiche periodiche non sono ancora trattate dai Principi di revisione né nazionale né internazionale.

5 2. PERIODICITA DELLE VERIFICHE l comma 1, lettera b), dell art. 14 del Decreto ripropone il medesimo contenuto della normativa previgente, con la sola variante di eliminare l obbligo di periodicità almeno trimestrale prima espressamente previsto dal Legislatore nell abrogato art ter. Tale impostazione, risulta sostanzialmente in linea con principio di revisione italiano n. 330 (e internazionale ISA 330) che prevede che il revisore deve definire e svolgere procedure di revisione conseguenti la cui natura e tempistica sono determinate in base ed in risposta ai rischi identificati e valutati di errori significativi a livello di asserzioni (punto 6, paragrafi A4-A8) Con riferimento alla periodicità, la Comunicazione della Consob del 1999, tutt ora in vigore, prevede che: Le verifiche periodiche della regolare tenuta della contabilità sociale e della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili normalmente dovranno avvenire trimestralmente. Tuttavia, per alcune tipologie di società o in alcune situazioni particolari, potrà rendersi necessario effettuare verifiche ad intervalli di tempo più brevi, o con l obiettivo di accertamenti specifici (verifiche mirate)

6 2. PERIODICITA DELLE VERIFICHE Documento Assirevi n. 160/2011 Coerentemente con l impostazione della citata comunicazione della Consob, ASSIREVI riporta che: Il revisore legale può ragionevolmente ritenere utile mantenere la cadenza trimestrale delle verifiche contabili, mentre prevede di rispettare tale periodicità nel caso in cui l incarico di revisione legale sia riferito a società Enti di Interesse Pubblico (E.I.P.). A meno che le valutazioni fatte dal revisore o specifiche circostanze, non richiedano lo svolgimento di verifiche più ravvicinate.

7 2. PERIODICITA DELLE VERIFICHE PERIODO DI RIFERIMENTO ESERCIZIO SOCIALE DURATA DELL INCARICO SCRITTURE CONTABILI FINO ALLA DATA DI CHIUSURA DELL ESERCIZIO SOCIALE DI RIFERIMENTO LE VERIFICHE PERIODICHE DEVONO ESSERE SVOLTE FINO ALLA DATA IN CUI L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI NON CONFERISCE IL MANDATO AD UN ALTRO REVISORE LEGALE

8 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE CARATTERISTICHE TECNICHE E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE Il legislatore non ha disciplinato le attività da svolgere per verificare, nel corso dell esercizio, la regolare tenuta della contabilità sociale e la corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili. I principi di revisione italiani e internazionali non hanno previsto alcun riferimento specifico a questo tema, l ISA 330 prevede che: il revisore deve definire e svolgere procedure di revisione conseguenti la cui natura, tempistica ed estensione sono determinate in base ed in risposta ai rischi identificati e valutati di errori significativi a livello di asserzioni. In base a quanto sopra riportato, il revisore dovrà pianificare le verifiche periodiche tenendo conto dei fattori che caratterizzano la società, quali il settore di appartenenza, la tipologia di attività, la complessità dell impresa l efficacia/efficienza del sistema d controllo interno

9 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE Il legislatore indica quindi solo le attività che il revisore legale deve effettuare: Verifica della regolare tenuta della contabilità questa attività è generalmente intesa come verifica del rispetto delle norme in materia civilistica e fiscale che disciplinano la rilevazione delle scritture contabili, sia in termini di tempistica, sia di tenuta formale dei libri contabili e dei libri sociali obbligatori: contenuto e vidimazioni, nonché della rilevazione e della esecuzione degli adempimenti fiscali e previdenziali. Verifica della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili questa attività è generalmente intesa come verifica della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili, in conformità con alla normativa vigente in tema di informativa finanziaria e adottata dalla società. In questo caso il revisore legale entra nel merito della registrazione fatta, verificando che il fatto gestionale sia non solo rilevato secondo le regole contabili, ma sia anche supportato da una documentazione completa ed idonea a giustificarne la rilevazione in contabilità. Tale verifica è pianificata su base campionaria e il campione da verificare può essere estratto prendendo come riferimento basi diverse di partenza (il libro giornale, le schede contabili di specifici ricavi o costi individuati come critici/significativi, tipologie particolari di fatti gestionali, altro). OIC IAS/IFRS

10 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE Ancorché non espressamente declinato dal Legislatore, lo svolgimento delle due attività sopra riportate richiede, necessariamente, lo svolgimento dei seguenti controlli di carattere generale: EFFICACIA DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE Verifiche degli adempimenti normativi contabili, fiscali e previdenziali RACCOLTA INFORMAZIONI DAL MANAGEMENT SU FATTI SIGNIFICATIVI

11 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE Lo svolgimento dei tre controlli indicati è fondamentale per la scelta della pianificazione delle procedure di revisione da svolgere non solo nel corso dell esercizio, ma anche per la pianificazione del lavoro di revisione per l espressione del giudizio sul bilancio d esercizio. NEL CORSO DELL ESERCIZIO BILANCIO D ESERCIZIO EFFICACIA DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO CONSENTE DI VALUTARE CORRETTEZZA, COMPLETEZZA, AUTORIZZAZIONE E VERIFICA DEI FATTI DI GESTIONE NELLE SCRITTURE CONTABILI. DEFINIZIONE DELL AMPIEZZA DEI CAMPIONAMENTI DA SELEZIONARE PER LE VERIFICHE. ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE CONSENTE DI EFFETTUARE TEMPESTIVA INDIVIDUAZIONE DI SALDI E/O TRANSAZIONI SIGNIFICATIVE, INUSUALI O PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE MIRATA SUI SALDI E/O TRANSAZIONI SIGNIFICATIVE, CRITICHE. INUSUALI O CRITICHE. RACCOLTA INFORMAZIONI DAGLI AMMINISTRATORI SU FATTI SIGNIFICATIVI CONSENTE DI OTTENERE PREVENTIVA CONOSCENZA DEI FATTI DI GESTIONE E LORO VALUTAZIONE DI RISCHIO DI REVISIONE INDIVIDUAZIONE DELLE AREE E/O POSTE DI BILANCIO CRITICHE E TEMPESTIVA RICHIESTA DELLA DOCUMENTAZIONE PROBANTE AI FINI DEL GIUDIZIO SUL BILANCIO

12 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE MODALITA DI ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE Un maggior dettaglio del contenuto delle verifiche periodiche è riportato nella Comunicazione della Consob n /99 citata in precedenza. Sulla base di tale Comunicazione ASSIREVI allega al documento n. 160 un programma di lavoro standard da svolgere nel corso delle verifiche contabili periodiche riferibile ad una generica impresa. E IMPORTANTE CHE TUTTE LE VERIFICHE CONDOTTE NEL CORSO DELL ESERCIZIO COSTITUISCANO UN UTILE RIFERIMENTO PER LA PIANIFICAZIONE DEL LAVORO DI REVISIONE DA SVOLGERE AL FINE DI ESPRIMERE IL GIUDIZIO FINALE SUL BILANCIO DI ESERCIZIO. AREE DI RISCHIO TALI VERIFICHE INFATTI CONTRIBUISCONO A DELINEARE IL CONTESTO INTERNO ED ESTERNO IN CUI OPERA L AZIENDA E QUINDI CONSENTONO AL REVISORE LEGALE DI INDIVIDUARE I RISCHI A CUI LA SOCIETA E SOGGETTA E PIANIFICARE COSI AL MEGLIO IL PROPRIO LAVORO. LIMITAZIONE AL LAVORO DI REVISIONE

13 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ATTIVITA Facendo riferimento alle fonti citate, le attività di verifica nel corso dell esercizio, possono essere sostanzialmente ricondotte a tre tipologie differenti, a seconda della fonte informativa da cui si ottengono i dati da verificare. Sistema di controllo interno relativo all area contabile - amministrativa Raccolta di informazioni circa eventuali cambiamenti intervenuti nel periodo in corso di verifica rispetto al periodo precedente con riferimento al sistema contabile - amministrativo TESTS DI CONFORMITA DEFINIZIONE DI UN CAMPIONE DI OPERAZIONI PER VERIFICARE LA PROCEDURA RILEVATA (SONDAGGI DI CONFORMITA ) FORMALIZZAZIONE DEL CAMBIAMENTO NELLA PROCEDURA (narrative o flow-chart) POSSIBILI LIMITAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE

14 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE Situazioni contabili periodiche Analisi preliminare dei bilanci infrannuali o delle situazioni contabili di periodo generalmente riferite ai trimestri dell esercizio in corso e individuazione di operazioni significative, inusuali, anomale. INTERPRETAZIONEI DEI RISULTATI CALCOLO DEGLI INDICI, DEGLI SCOSTAMENTI, DEGLI OBIETTIVI ATTESI E RAGGIUNTI E LORO FORMALIZZAZIONE DEFINIZIONE PROCEDURE ANALISI COMPARATIVA PIU IDONEE (INDICI, CONFRONTO DI DATI O DI INFORMAZIONI, SCOSTAMENTI, ETC.) AREE DI RISCHIO

15 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE Management della Società, amministratori Colloqui con la direzione e con gli organi di governance per ottenere informazioni su operazioni rilevanti o su eventi significativi accaduti nel periodo di riferimento TESTS DI DETTAGLIO INDIVIDUAZIONE DELLE EVENTUALI MODIFICHE DI PIANIFICAZIONE E DEFINIZIONE DELLE VERIFICHE DA FARE FORMALIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI OTTENUTE AREE DI RISCHIO

16 3. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE PERIODICHE Brevi cenni riepilogativi dei contenuti tecnici delle diverse tipologie di verifiche da svolgere nel corso delle verifiche periodiche: SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO RILEVAZIONE FATTI DI GESTIONE, SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE E ADEMPIMENTI CIVILISTICI TRIBUTARI E PREVIDENZIALI COLLOQUI CON LA DIREZIONE

17 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Con l acquisizione di un incarico di revisione, il revisore legale deve, necessariamente, rilevare tutte le informazioni utili a valutare l efficienza e l efficacia del sistema di controllo interno operante nella società soggetta a revisione contabile. Tutte le informazioni ottenute devono essere formalizzate e organizzate e devono consentire di ripercorrere il processo valutativo fatto dal revisore legale per arrivare alle proprie considerazioni valutative. Generalmente tale processo valutativo è formalizzato attraverso la compilazione di questionari, specifici per ogni tipologia di flusso operativo, che consentono di correlare i controlli esistenti alle asserzioni che tali controlli sono deputati a presidiare.

18 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO La formalizzazione della valutazione del controllo interno effettuata nella fase conoscitiva iniziale del cliente, è fondamentale sia per la pianificazione, che per monitoraggio, nel corso dell esercizio, dell effettiva ed efficace operatività del sistema di controllo interno della società. Le informazioni raccolte dovrebbero essere da subito organizzate, nell ambito di ogni singolo ciclo operativo, in modo da consentire una immediata correlazione tra l obiettivo che il revisore legale vuole raggiungere (attendibilità di una determinata asserzione sottostante una voce di stato patrimoniale o di conto economico) e i controlli operanti nel sistema di controllo interno della società che ne garantiscono il rispetto delle procedure adottate riducendo il rischio di errori significativi nel bilancio di esercizio. I principali cicli operativi presi in considerazione ai fini della pianificazione delle attività di revisione e quindi delle verifiche periodiche sono: CICLO ATTIVO: vendite/clienti CICLO PASSIVO: acquisti/fornitori CICLO DEL MAGAZZINO: rimanenze iniziali/finali CICLO TESORERIA: cassa e banche (correnti e a medio lungo termine) CICLO DEL PERSONALE: retribuzioni, contributi, rimborsi spese, etc. CICLO DEL CAPITALE FISSO: immobilizzazioni immateriali e materiali

19 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Sottostanti al questionario che evidenzia i controlli esistenti il revisore legale deve produrre delle carte di lavoro da cui si rilevino le procedure esistenti. Le procedure rilevate possono essere formalizzate nel modo ritenuto più opportuno dal revisore legale, per il caso in esame, e possono anche differenziarsi per ciclo operativo, nell ambito dello stesso cliente. Le principali forme utilizzate per la rilevazione delle procedure sono: NARRATIVE: note descrittive libere FLOW CHART: rappresentazione figurativa del flusso documentale sottostante il ciclo QUESTIONARI STANDARDS QUESTIONARI STANDARDS: domande già impostate da sottoporre alle persone che operano all interno ella società

20 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO RIASSUMENDO AI FINI DELLE VERIFICHE PERIODICHE, L ATTIVITA DI VERIFICA DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRESUME CHE IL REVISORE LEGALE, SULLA BASE DELLA VALUTAZIONE EFFETTUATA NELLA FASE CONOSCITIVA INIZIALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO OPERANTE ABBIA: documentato la valutazione del sistema di controllo interno individuato i cicli operativi significativi o critici stabilito il tipo di approccio di revisione che intende adottare (fare o non fare affidamento sul sistema di controllo interno) individuato i controlli su cui si intende fare affidamento per ridurre il rischio di revisione

21 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO CONTROLLI I CONTROLLI DEVONO ESSERE DOCUMENTATI CHI LI ESEGUE DEVE LASCIARE EVIDENZA DELLA VERIFICA FATTA FIRME O SIGLE DI APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE Generalmente solo i controlli formalizzati possono costituire un adeguato riferimento valutativo per fare affidamento sul controllo interno e ridurre conseguentemente i tests di validità (substantive tests) CONTROLLI MANUALI CONTROLLI AUTOMATICI TIMBRI CON DATE E RIFERIMENTI SPECIFICI DI CONTROLLO STAMPE AUTOMATICHE DI LISTE DI ECCEZIONI

22 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO La documentazione del sistema di controllo interno, contenuta nelle carte di lavoro, di solito ricomprende quattro elaborazioni principali ORGANIGRAMMA PER FUNZIONI DETTAGLIO DELLE DELEGHE E DEI POTERI A FIRMARE DESCRIZIONE DELLE PROCEDURE ESISTENTI SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO RIEPILOGO DEI PRESIDI INDIVIDUATI PER LE ASSERZIONI DEI CICLI OPERATIVI PIU SIGNIFICATIVI

23 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Partendo dalla valutazione inizialmente fatta, di efficacia ed efficienza del sistema di controllo interno OBIETTIVO STABILIRE SE E IN QUALE MISURA IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO OPERANTE IN SOCIETA, SIA IDONEO A FORNIRE UNA RAPPRESENTAZIONE VERITIERA E CORRETTA DELLE OPERAZIONI CONTABILI I CUI SALDI SARANNO POI RIFLESSI NEL BILANCIO DI ESERCIZIO SU CUI IL REVISORE LEGALE DOVRA ESPRIMERE IL PROPRIO GIUDIZIO PROFESSIONALE. IL REVISORE LEGALE DOVRA INDIVIDUARE PRESIDI DI CONTROLLO AFFIDABILITA DELL INFORMATIVA FINANZIARIA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO SOCIALE

24 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Nel corso delle verifiche periodiche il revisore legale deve: raccogliere informazioni circa eventuali cambiamenti, intervenuti nel periodo, per quanto riguarda il sistema contabile amministrativo della società; effettuare sondaggi di conformità che attestino l operatività delle procedure rilevate; stabilire, in caso di cambiamenti intervenuti nel periodo, se sono tali da modificare la valutazione precedentemente fatta dell efficacia e dell efficienza del sistema di controllo nel suo complesso, o con riferimento a singoli cicli operativi e relative asserzioni MODIFICA DELLA PIANIFICAZIONE INIZIALMENTE ADOTTATA compresa la tempistica delle verifiche periodiche

25 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO L attività di verifica periodica del sistema di controllo interno ha come ambito di valutazione dell operatività dei presidi di controllo: il sistema informativo a supporto della contabilità generale e delle contabilità sezionali; l organizzazione dell area amministrativa e contabile della società ATTENZIONE UNA CORRETTA RIPARTIZIONE DI RUOLI E FUNZIONI E UN IMPORTANTE PRESIDIO DI VALENZA GENERALE A SALVAGUARDIA DELL INTEGRITA E DELLA CORRETTEZZA DEI DATI E DELL INFORMATIVA FINANZIARIA CAMBIAMENTI DI RUOLI CAMBIAMENTI DI RESPONSABILITA CAMBIAMENTI DI DELEGHE E POTERI

26 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Un cambiamento di ruoli, responsabilità, deleghe o poteri può facilmente comportare CAMBIAMENTI NELLO SCHEMA DEI CONTROLLI VIGENTI PRECEDENTEMENTE, SIA COME NATURA ED ESTENSIONE DEL CONTROLLO, SIA COME FORMALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO, AUTORIZZAZIONI O APPROVAZIONE FATTE IL REVISORE LEGALE DEVE VALUTARE SE OCCORRE MODIFICARE LA PIANIFICAZIONE INIZIALMENTE ADOTTATA

27 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Il costante monitoraggio del rispetto delle procedure interne è una attività che si inserisce perfettamente nella dinamica delle verifiche periodiche e consente, inoltre, di apportare eventuali variazioni alla pianificazione del lavoro di revisione nel momento stesso in cui si rilevano eventi significativi sia nelle funzioni organizzative che nei numeri di bilancio. Il monitoraggio deve essere tale da garantire il rispetto delle procedure durante tutto il periodo di riferimento. Nel caso in cui il revisore legale avesse individuato dei controlli su cui fare affidamento, dovrà documentarne l operatività, in termini di efficacia ed efficienza, per tutto il periodo d esercizio in esame. SONDAGGI DI CONFORMITA

28 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE SONDAGGI DI CONFORMITA Il revisore, nella propria valutazione del controllo interno individua i flussi operativi che considera significativi/critici, per i quali ha rilevato la procedura operativa per ogni funzione attiva, nonché i presidi esistenti con riferimento ai principali obiettivi, comuni a ogni funzione/flusso e specifici per ciascuno di essi: OBIETTIVI COMUNI RISPETTO DIRETTIVE AZIENDALI Tutte le transazioni sono effettuate nel rispetto dei criteri e delle procedure adottate dalla Direzione AUTORIZZAZIONE/APPROVAZIONE Tutte e solo le transazioni autorizzate/approvate sono processate CORRETTEZZA/COMPLETEZZA Tutte le transazioni autorizzate sono processate in modo corretto e completo

29 SONDAGGI DI CONFORMITA Esempio ciclo attivo ORDINI DIRITTI & OBBLIGHI Autorizzazione elementi dell ordine (quantità, qualità, prezzo, modalità di spedizione e di pagamento) FATTURAZIONE CLIENTE OBIETTIVI SPECIFICI ACCURATEZZA MANIFESTAZIONE COMPLETEZZA ESISTENZA VALUTAZIONE Corrispondenza elementi tra ordine, consegna e fattura Riconciliazione/verifiche saldi clienti, monitoraggio crediti scaduti INCASSO ESISTENZA ALLOCAZIONE Riconciliazione banche c/c e conti anticipi effetti o fatture TIPO DI CONTROLLO NON FORMALIZZATO STRATEGIA DI VERIFICA FORMALIZZATO

30 SONDAGGI DI CONFORMITA Strategia di verifica Il revisore legale, a seconda della tipologia di controllo operante, pianificherà le proprie verifiche in modo da accertare l operatività dei controlli individuati durante tutto il periodo in esame. CONTROLLI NON FORMALIZZATI OSSERVAZIONI O ISPEZIONI VERBALIZZAZIONI CONTROLLI FORMALIZZATI TESTS DI CONFORMITA E RICALCOLI FOGLI RIEPILOGATIVI DEI DOCUMENTI VERIFICATI E DELLE EVIDENZE CONTROLLATE/ RICALCOLATE E anche in base ai risultanti dei tests di conformità che il revisore decide quale approccio di pianificazione adottare (control, substantive o un approccio misto tra i due a seconda degli obiettivi prefissati). Se il revisore deciderà di fare affidamento sui controlli testati dovrà acquisire tanti più elementi probativi quanto è maggiore l affidamento che intende riporre sull efficacia di tali controlli (ISA 330, punto 9).

31 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE Nell ambito di questa tipologia di verifiche, si ricomprende tutta l attività del revisore riferibile: all analisi dell andamento della società nel corso dell anno; alla verifica del rispetto della normativa in tema di tenuta della contabilità e di adempimento degli obblighi fiscali e contributivi. TESTS DI VALIDITA ANALISI COMPARATIVE SU SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE TESTS DI DETTAGLIO SULLA DOCUMENTAZIONE TESTS DI CONFORMITA SUI PUNTI DI CONTROLLO RITENUTI EFFICACI

32 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE L attività da organizzare dovrà prevedere la verifica: della corretta rilevazione dei fatti di gestione secondo il quadro della normativa sull informativa finanziaria vigente e adottata dalla società effettuando verifiche campionarie dei documenti giustificativi dei diversi fatti amministrativi (fatture, retribuzioni, contabili, etc.); del rispetto degli adempimenti civilistici, fiscali, previdenziali e amministrativi in tema di regolare tenuta e tempestivo aggiornamento di tutti i libri obbligatori previsti dalla normativa vigente ; dell operatività dei punti di controllo ritenuti dal revisore efficaci ai fini del peso (MEDIO, BASSO) da attribuire al rischio di controllo nell ambito della pianificazione per poter ridurre le tecniche di revisione (tra cui il campionamento) da svolgere per mantenere il rischio di revisione basso; dell andamento intermedio della società sulla base dello svolgimento di procedure comparative che consentano di individuare scostamenti anomali o andamenti significativi/critici da approfondire e da cui trarre considerazioni utili ad individuare o escludere le aree critiche/significative verso le quali il revisore dovrà focalizzare l attenzione nella fase di verifica del bilancio finale dell esercizio.

33 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE Verifica della corretta rilevazione dei fatti di gestione secondo la tecnica della partita doppia sulla base della verifica campionaria dei documenti giustificativi dei diversi fatti amministrativi (fatture, retribuzioni, contabili, contratti, etc.). PRASSI DI LAVORO La pianificazione delle verifiche da svolgere parte sempre dalla significatività complessiva di bilancio individuata nella fase preliminare della pianificazione. Tutti gli importi singolarmente superiori alla significatività complessiva stabilita a livello di bilancio dovranno essere considerati nella pianificazione delle attività di revisione.

34 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE Generalmente si importa il Libro giornale aggiornato fino alla data della verifica in corso e si individuano tutte transazioni singolarmente superiori o uguali alla significatività complessiva individuata e se ne verificano tutte le variabili che ne hanno determinato la registrazione (es se trattasi di un acquisto o di una vendita: documento di spedizione /contratto, fattura da cui stabilire la natura della transazione e quindi verificarne la corretta registrazione: accuratezza, competenza, allocazione, diritti e obblighi ed eventuale informativa dalla stessa derivante da riportare nel bilancio finale). Tutti i tests effettuati sulle transazioni superiori al livello di significatività sono attività di revisione utili ai fini della verifica sul bilancio di fine esercizio (costi, ricavi e Immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie, etc.) Verifica TIMBRI di controllo FIRME/SIGLE di approvazione/autorizzzazione

35 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE Verifica del rispetto degli adempimenti civilistici, fiscali, previdenziali e amministrativi in tema di regolare tenuta e tempestivo aggiornamento di tutti i libri obbligatori previsti dalla normativa vigente. PRASSI DI LAVORO Predisposizione di check-list standard sia per la tenuta dei libri obbligatori, che per il rispetto degli altri adempimenti civilistici, fiscali, previdenziali che riporti: l elenco di tutti i libri contabili e i registri imposti dalla normativa civilistica, tributaria, previdenziale e da eventuali leggi speciali e le informazioni da verificare per ognuno di essi (date vidimazione, numero di pagine vidimate, ultima pagina verificata, etc.); le obbligazioni relative ai versamenti e alle dichiarazioni tributarie e previdenziali distinto per tipologia di tributo con le informazioni da verificare; lettura del contenuto dei verbali di governance (assemblea, consiglio di amministrazione, etc.) Importante per rilevare i fatti di gestione significativi e consentire una corretta/completa verifica della loro registrazione in contabilità Verifica inversa dai verbali di consiglio alla contabilità: natura, competenza, completezza e idoneità della documentazione a supporto

36 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE Verifica dell andamento intermedio della società sulla base dello svolgimento di procedure comparative che consentano di individuare scostamenti anomali o andamenti significativi/critici da approfondire e da cui trarre considerazioni utili ad individuare o escludere le aree critiche/significative verso le quali il revisore dovrà focalizzare l attenzione nella fase di verifica del bilancio finale dell esercizio. PRASSI DI LAVORO Il revisore effettua una analisi preliminare del bilancio periodico o la situazione contabile del periodo di riferimento alla data della verifica al fine di individuare e interpretare eventuali scostamenti significativi e/o anomali e inusuali da approfondire. Tale analisi è condotta con l impiego delle procedure comparative utilizzate sia in percentuale che in valore assoluto. I dati da utilizzare sono quelli correnti, messi in relazione sia con lo storico (da uno a tre esercizi precedenti) sia con il budget qualora disponibile e attendibile. Se disponibili sono anche molto utili i dati relativi al settore di appartenenza della società. In questa fase i tests di analisi comparativa servono per confortare il revisore circa l individuazione di aree critiche/significative su cui concentrare la propria attività di verifica ai fini dell espressione del giudizio sul bilancio d esercizio

37 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE IMPORTANTE Il livello di dettaglio e l attendibilità dei dati utilizzati per l analisi comparativa sono fondamentali, il revisore deve accertare che la procedura sottostante la formazione dei dati che fornisce la società a seguito delle nostre richieste garantisca: l adozione di principi contabili, metodologie di stime contabili, di rettifiche e di classificazioni omogenee e coerenti nel tempo; la riconciliazione dei dati utilizzati con i dati contabili; l individuazione delle fonti informative. REVISORE individuare le variabili più idonee a caratterizzare l attività dell impresa e le relazioni attese; valutare i risultati ottenuti rispetto al rischio di revisione atteso

38 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE ANALISI DELLE SITUAZIONI CONTABILI PERIODICHE Verifica dell operatività dei punti di controllo ritenuti dal revisore efficaci ai fini del peso (MEDIO, BASSO) da attribuire al rischio di controllo nell ambito della pianificazione per poter ridurre le tecniche di revisione (tra cui il campionamento) da svolgere per mantenere il rischio di revisione basso. PRASSI DI LAVORO Nell ambito della valutazione del sistema di controllo interno il revisore avrà ipotizzato di poter fare affidamento su determinati controlli operanti a salvaguardia di specifiche asserzioni (singole o multiple) e individuati nell ambito dei flussi operativi esaminati perché ritenuti critici/significativi ai fini dell espressione del giudizio finale sul bilancio dell esercizio. Il revisore dovrà riepilogare tali controlli su un apposito foglio di lavoro riportando: il ciclo operativo in cui opera il controllo; la descrizione del controllo; le asserzioni verso le quali esplica la sua efficacia; i documenti interessati dal controllo; la metodologia con cui tale controllo risulta formalizzato. RICONCILIAZIONI A ROTAZIONE cassa, banche, magazzino, titoli e partecipazioni,etc. Il numero di documenti/transazioni su cui si intende verificare l operatività di tale controllo dipenderà dalla valutazione del rischio di controllo da utilizzare nel modello del rischio della revisione pianificato.

39 ESEMPI DI ANALISI COMPARATIVE INDICI ECONOMICI PATRIMONIALI E FINANZIARI Maggiore è il dettaglio dei dati utilizzai migliore sarà l analisi comparativa a supporto delle proprie considerazioni e quindi la validità PROBATIVA dei tests effettuati GIACENZA MEDIA DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO SCOSTAMENTI FATTURATO SOCIETA E SETTORE INDIVIDUAZIONE RISCHI DI REVISIONE POTENZIALI GIACENZA MEDIA DEI CREDITi/DEBITI Difficoltà finanziarie Mancanza di redditivtà Eccessivi investimenti INCIDENZA ONERI FINANZIARI SU FATTURATO INCIDENZA COSTI OPERATIVI FISSI E/O VARIABILI SU FATTURATO Lenta rotazione delle giacenze rischio di obsolescenza Perdita di quote di mercato rischio di perdita di valore delle attività Difficoltà a remunerare i costi fissi rischio di continuità aziendale Difficoltà a recuperare i crediti rischio di perdite su crediti

40 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Altre attività del processo di revisione Il revisore può pianificare, nel corso delle verifiche periodiche, altre attività utili al fine dell espressione del giudizio finale sul bilancio, quali ad esempio: l analisi documentale dei principali movimenti intervenuti nel corso dell esercizio, con particolare riferimento alle attività immateriali e materiali e a ogni altro saldo attivo o passivo la cui rilevanza imporrebbe comunque una verifica documentale in sede di verifica finale del bilancio TEST DI VALIDITA verifica esistenza, competenza, esposizione, completezza e correttezza formale della documentazione a supporto, corretta registrazione contabile, informativa, valutazione, diritti e obblighi

41 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE Altre attività del processo di revisione l aggiornamento di particolari analisi svolte nel corso dell esercizio precedente, la cui predisposizione potrebbe già essere anticipata rispetto all analisi conclusiva del bilancio, come per esempio: l aggiornamento dell analisi del fondo svalutazione crediti e del fondo rischi per eventi intervenuti successivamente all ultima verifica effettuata e portati all attenzione del revisore dalle risposte dei legali ricevute nel frattempo dalla società; la verifica dei calcoli relativi ad eventuali nuovi contratti di leasing; l analisi dello scaduto dei fornitori, la rilevazione di eventuali decreti ingiuntivi ricevuti nel frattempo, etc.;

42 4. CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE aggiornamento delle linee di fido concesse dalle banche e dei loro utilizzi, al fine di individuare tempestivamente eventuali tensioni finanziarie; analisi dell andamento del cash flow nel breve periodo; aggiornamento delle polizze assicurative e una prima analisi di completezza di copertura dei rischi aziendali rispetto ai massimali e alle tipologie di rischi coperti; controllo della sistemazione di eventuali segnalazioni di errori effettuate nel corso della verifica precedente; eventuale pianificazione ed esecuzione di inventari rotativi laddove funzionali alla tipologia di magazzino della società; il conteggio della cassa della sede e, a rotazione, invio di una richiesta o esecuzione di un conteggio delle casse gestite nelle sedi distaccate, qualora esistenti.

43 CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE COLLOQUI CON LA DIREZIONE Sulla base delle attività di revisione precedentemente illustrate, il revisore ha la possibilità di avere un quadro della situazione della società che gli consente di individuare Aree di approfondimento su specifiche tematiche di business, finanziarie, economiche o di controllo interno Operazioni significative verso Parti correlate o transazioni inusuali o anomale Limitazioni allo svolgimento del lavoro di revisione, potenziali rischi da cui potrebbero emergere rilievi e/o richiami di informativa Incontro con il management per approfondire le tematiche emerse nel corso delle verifiche periodiche

44 CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE COLLOQUI CON LA DIREZIONE Le persone a cui fare riferimento per ottenere gli approfondimenti utili a completare le proprie considerazioni, oltre ai componenti della governance, sono tutti coloro che, per la funzione che ricoprono, possono essere in possesso delle informazioni utili al processo valutativo del revisore, a titolo di esempio: i responsabili della produzione; i responsabili delle vendite e degli acquisti; i responsabili del sistema informativo; i responsabili amministrativi e finanziari; il responsabile del controllo gestione; il legale interno della società o i legali esterni con mandati specifici su particolari tematiche che possono avere dei riflessi sul bilancio; il responsabile delle risorse umane.

45 CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE COLLOQUI CON LA DIREZIONE Le indagini presso la direzioni rappresentano una attività di revisione fondamentale per il revisore, in quanto contribuiscono ad aiutarlo ad identificare i rischi di errori significativi nel bilancio. Partendo proprio dalla raccolta di informazione effettuata nel corso delle verifiche periodiche il revisore ha una serie di elementi utili a circoscrivere l ambito di operatività in cui l evento è stato gestito e potrà interfacciarsi con tutti i responsabili che hanno contribuito al suo processo all interno dell azienda. La casistica di fatti di gestione che possono rappresentare temi importanti su cui focalizzare la propria attività di revisione partendo proprio dalla raccolta di informazione da parte di tutti gli attori che possono aver interagito con l operazione oggetto di valutazione, è numerosa, alcuni esempi sono riportati nella comunicazione della Consob prima citata:

46 CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE COLLOQUI CON LA DIREZIONE cambiamenti significativi nella struttura organizzativa, in particolare laddove risultassero cambiate le persone che ricoprono funzioni autorizzative di determinate operazioni del processo operativo quali acquisti, vendite, pagamenti assunzioni, etc.; operazioni di entità particolarmente significativa o caratterizzate da particolare rischiosità, incluse voci anomale o a carattere eccezionale già rilevate in contabilità o in fase di trasferimento nei registri contabili; informazioni circa i motivi di significativi scostamenti nei conti patrimoniali e nei conti di ricavi, costi e spese, rilevati nella comparazione di cui ai punti precedenti; contratti stipulati dalla società di eccezionale rilevanza o per operazioni di carattere straordinario;

47 CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE acquisizioni, cessioni, o liquidazioni di significative attività, già verificatesi o previste, e relativo trattamento contabile; modifiche nella struttura del capitale sociale e negli impegni obbligazionari; cambiamenti nel trattamento contabile di operazioni aziendali o nei criteri di valutazione; rettifiche contabili di entità significativa già rilevate o previste; introduzione di nuovi prodotti e servizi e abbandono di linee di prodotto già esistenti; andamento del portafoglio ordini o dei contratti da cui scaturiscono ricavi per la società; fluttuazioni nel volume di affari;

48 CONTENUTO TECNICO DELLE VERIFICHE PERIODICHE impegni significativi assunti nel periodo, oltre a quelli derivanti dalla normale attività aziendale; passività potenziali, nuovi procedimenti legali e sviluppi in quelli precedenti; cambiamenti nella situazione finanziaria della società, nuovi prestiti, garanzie ricevute o concesse, eventuali difficoltà nell ottenimento del credito o nel fare fronte agli impegni assunti; cause di perdite sostenute o previste, eventuale perdita di fasce del mercato, di clienti o di fornitori importanti per i quali vi è difficoltà di sostituzione, di importanti livelli della direzione aziendale; operazioni significative con parti correlate per le quali verificare la natura della transazione e l applicazione delle condizioni in linea con il mercato.

49 DOCUMENTAZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE SVOLTE Ogni verifica periodica dovrà essere documentata nelle carte di lavoro del revisore e dovrà riportare: IL PROGRAMMA DI LAVORO ADOTTATO LE VERIFICHE SVOLTE I RISULTATI OTTENUTI FREQUENZA PIANIFICATA DELLE VERIFICHE PERIODICHE TIPOLOGIA DI VERIFICHE SVOLTE IN CIASCUNA VERIFICA PERIODICA CONSIDERAZIONI, VALUTAZIONI RISULTATI, INDICANDO I POSSIBILI EFFETTI SUL BILANCIO PIANIFICAZIONE FINALE DEL LAVORO DI REVISIONE SUL BILANCIO MEMO CONCLUSIVO DELLA VERIFICA Note di commenti Check-list Riepiloghi dei dati raccolti

50 DOCUMENTAZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE SVOLTE Ogni verifica periodica deve essere distintamente individuabile rispetto alle altre verifiche periodiche programmate e anche rispetto all attività di revisione contabile sul bilancio (ASSIREVI documento di ricerca n. 160) Verifica periodica al Svolta il Verifica periodica al Verifica periodica Svolta il al Svolta il Verifica periodica al Lavoro Lavoro di di revisione revisione Bilancio Bilancio d esercizio d esercizio chiuso al chiuso al Svolta il La tempestività nella predisposizione della documentazione del lavoro svolto contribuisce a migliorarne la qualità e rende più efficace l utilizzo del lavoro svolto nelle analisi successive

51 RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEL REVISORE LEGALE La responsabilità degli amministratori e del revisore legale per la regolare tenuta della contabilità e la corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili è chiaramente riportata nel Documento di ricerca ASSIREVI n. 160, che distingue la responsabilità degli amministratori rispetto alla responsabilità del revisore. RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI la responsabilità della redazione dei bilanci e dell informativa finanziaria nonché della correttezza delle informazioni in essi contenute e della correzione di tutti gli errori significativi riscontrati, dell adeguatezza della struttura organizzativa, del sistema di controllo interno e del sistema di controllo amministrativo-contabile anche ai fini della regolare tenuta delle scritture contabili, della corretta rappresentazione dei fatti di gestione e dell integrità del patrimonio sociale compete agli amministratori. È altresì responsabilità degli amministratori l implementazione e il funzionamento di un adeguato sistema di controllo interno volto a prevenire e ad individuare frodi [1] e/o errori. ;

52 RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEL REVISORE LEGALE RESPONSABILITA DEL REVISORE LEGALE la verifica della regolare tenuta della contabilità sociale e della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili, pur rientrando in un più ampio procedimento revisionale finalizzato all espressione di un giudizio sul bilancio, rappresenta un processo di verifica del tutto autonomo. Il revisore è quindi tenuto a comunicare tempestivamente agli organi di governance gli eventuali problemi di rilevanza riconducibili all esito della verifica, secondo le modalità previste dal principio di revisione n [1] Il termine frode include le false dichiarazioni per bilanci intenzionalmente errati e l appropriazione illecita di beni della Società. Le false dichiarazioni sui bilanci comprendono l omissione intenzionale di importi o di informativa adeguata nel bilancio al fine di ingannare gli utilizzatori stessi del bilancio. L appropriazione illecita di beni include le sottrazioni dei beni della Società accompagnate da false o ingannevoli registrazioni atte dissimulare la mancanza dei beni o la cessione degli stessi senza un adeguata autorizzazione.

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2014

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO GENERALITÀ LE RIMANENZE DI MAGAZZINO febbraio 08 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO SONO COSTITUITE DA MERCI E PRODOTTI CHE SONO IN GIACENZA IN ATTESA DELLA VENDITA O PER ESSERE IMPIEGATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Il principio SA Italia n. 250B 'Le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale' Fabio Vesco

Il principio SA Italia n. 250B 'Le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale' Fabio Vesco Il principio 'Le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale' Fabio Vesco Le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale Nell'ordinamento italiano, in base a quanto previsto

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione dell impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi Ottobre 2013 Indice 1. La comprensione dell impresa e del suo contesto

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

Obiettivi generali del revisore

Obiettivi generali del revisore Obiettivi generali del revisore Acquisire una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi, dovuti a frodi o a comportamenti o eventi non intenzionali, che

Dettagli

Le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale

Le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale Rif sm/np 1 Le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi Le verifiche della regolare tenuta della contabilità

Dettagli

Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach)

Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach) Il collegio sindacale incaricato della revisione legale e dell analisi del rischio (metodo del risk approach) di Alberto Pesenato (*) Uno degli aspetti maggiormente critici nell impostazione dell attività

Dettagli

I nuovi principi di revisione

I nuovi principi di revisione I nuovi principi di revisione «ISA Clarified» di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Il 21 ottobre sul sito del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili sono stati pubblicati i

Dettagli

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA Controllo Contabile Giudizio sul bilancio Signori Soci, Come previsto dall art. 14 del D.lgs 39/2010

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 402 CONSIDERAZIONI SULLA REVISIONE CONTABILE DI UN IMPRESA CHE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Relazione di revisione

Relazione di revisione COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI Relazione di revisione 24 novembre 2014 Claudio Mariani Membro della Commissione Controllo Societario ODCEC Milano Socio KPMG - Professore a contratto,

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 500 ELEMENTI PROBATIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 450 VALUTAZIONE DEGLI ERRORI IDENTIFICATI NEL CORSO DELLA REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA FQR

PROPOSTA FORMATIVA FQR PROPOSTA FORMATIVA FQR 1. Modulo: Contabilità Generale COGE 1: La contabilità generale COGE 2: Analisi di bilancio COGE 3: I principi contabili internazionali CONSO 1: Il bilancio consolidato (corso base)

Dettagli

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Raccomandazione n. DIE/0061944 Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Premessa I principi contabili internazionali IAS/IFRS

Dettagli

Revisione legale e controllo qualità: le verifiche periodiche e i relativi verbali

Revisione legale e controllo qualità: le verifiche periodiche e i relativi verbali Revisione legale e controllo qualità: le verifiche periodiche e i relativi verbali di Alberto Pesenato (*) Il controllo di qualità stabilito dal D.Lgs. n. 39/2010 è basato sui Principi di Revisione ISA:

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 La checklist fornisce utili indicazioni per agevolare il lavoro del revisore cooperativo, nell'ottica di una

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno

La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno La pianificazione dell attività di revisione 28 / 05 / 2012 Dott. Teresa Aragno Servizio: Nome servizio Pag. 1 1 LA REVISIONE LEGALE (art. 14 D. LGS. 39/2010) Il revisore o la società di revisione incaricati

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI NELLA RELAZIONE DEL REVISORE INDIPENDENTE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI NELLA RELAZIONE DEL REVISORE INDIPENDENTE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 706 RICHIAMI D'INFORMATIVA E PARAGRAFI RELATIVI AD ALTRI ASPETTI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE UNICO. sul BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE UNICO. sul BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE UNICO sul BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 ai sensi dell art. 2429, comma 2 c.c. e dell art. 14 del D.Lgs. n. 39/2010 SOCIETA IPPICA DI CAGLIARI S.R.L. Bilancio al 31 dicembre

Dettagli

ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente

ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente Pianificazione del programma di revisione e determinazione del livello significatività dei controlli, materialità dell errore Relatore Prof. Marco Mainardi ISA 200 Obiettivi generali del revisore indipendente

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili Realizzato in collaborazione con Procedura Valutazione Beni Immobili Descrizione Generale: Il seguente flusso descrive le procedure operative, nonché gli attori

Dettagli

CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO

CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO 1 DOCUMENTO 230: LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO Il revisore può avere una conoscenza approfondita della società revisionata e della sua attività, in ragione dei rapporti

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio Titoli affermazioni di bilancio analisi fattori di rischio... criticità di bilancio Titoli procedure di revisione natura estensione tempistica criticità di bilancio... TITOLI principali aree di bilancio

Dettagli

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Rif sm/fb 1 Valutazione del SCI da parte del revisore Caso Elettronica Italia Soluzioni Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli

Dettagli

La relazione di revisione

La relazione di revisione La relazione di revisione Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli Indice Normativa e prassi professionale di riferimento in Italia I principi di revisione

Dettagli

Tecniche di revisione e le Carte di lavoro. FQR srl - Formazione e Qualità nella Revisione

Tecniche di revisione e le Carte di lavoro. FQR srl - Formazione e Qualità nella Revisione Tecniche di revisione e le Carte di lavoro 1 Agenda Tecniche di revisione Aspetti generali Circolarizzazioni Inventario Carte di Lavoro L organizzazione delle carte di lavoro Caso pratico: Carte di lavoro

Dettagli

PSR CAMPANIA 2007/2013 FONDO FEASR MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO DELL AUDIT

PSR CAMPANIA 2007/2013 FONDO FEASR MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO DELL AUDIT PSR CAMPANIA 2007/2013 FONDO FEASR MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO DELL AUDIT INDICE - Premessa Pag 1 1 Tipologia dei controlli 1 1a Controlli di gestione 1 1b Controlli di ammissibilità

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Treviso L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DI REVISIONE LEGALE 23 novembre 2010 Relatore: dott. Marco Della Putta 1 Indice: a) La pianificazione della

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

@REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI. Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali

@REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI. Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali @REGOLA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Software per la revisione legale basato sui principi di revisione internazionali Indice e sintesi dei contenuti Indice 1. Quadro normativo 2. Descrizione del processo

Dettagli

Metodologie per la determinazione del rischio di revisione

Metodologie per la determinazione del rischio di revisione Metodologie per la determinazione del rischio di revisione di Alberto Pesenato (*) La determinazione del rischio di revisione, richiesta dai principi di revisione ISA Italia adottati dal MEF, si è sviluppata

Dettagli

Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio. al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010

Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio. al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010 Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio al 31 Dicembre 2013 ai sensi dell art. 2429 e dell art. 14 del D.Lgs 39/2010 Signori Soci, il progetto di bilancio dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013,

Dettagli

PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE DEL BANCO POPOLARE - SOCIETÀ COOPERATIVA SULL INTEGRAZIONE DEI TEMPI E DEI CORRISPETTIVI

PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE DEL BANCO POPOLARE - SOCIETÀ COOPERATIVA SULL INTEGRAZIONE DEI TEMPI E DEI CORRISPETTIVI PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE DEL BANCO POPOLARE - SOCIETÀ COOPERATIVA SULL INTEGRAZIONE DEI TEMPI E DEI CORRISPETTIVI SPETTANTI ALLA SOCIETÀ DI REVISIONE Assemblea ordinaria e straordinaria

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE DEL COLLEGIO SINDACALE

VERBALE DI RIUNIONE DEL COLLEGIO SINDACALE VERBALE DI RIUNIONE DEL COLLEGIO SINDACALE Oggi 16 aprile 2012, alle ore 9,30, in P.le Principessa Clotilde n.6 si sono riuniti i sindaci: Dott. Pietro Giorgi Presidente Dott. Giacomo Del Corvo Sindaco

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE. indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE. indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o

Dettagli

COMUNICATO STAMPA *********

COMUNICATO STAMPA ********* COMUNICATO STAMPA Comunicato ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile Ad integrazione del comunicato stampa diffuso il 20 gennaio 2009, a seguito del Consiglio di Amministrazione della, si rende noto

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

Nota interpretativa. La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali

Nota interpretativa. La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali Nota interpretativa La definizione delle imprese di dimensione minori ai fini dell applicazione dei principi di revisione internazionali Febbraio 2012 1 Mandato 2008-2012 Area di delega Consigliere Delegato

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA. Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA. Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag 3 ART

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI ALLEGATO 2.1 PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI Premessa Nella predisposizione del presente documento si è tenuto conto dei risultati emersi durante la prima fase del nostro lavoro che è consistita

Dettagli

Relazione del Collegio dei Sindaci Revisori all'assemblea dei soci sul Bilancio al 31/12/2012

Relazione del Collegio dei Sindaci Revisori all'assemblea dei soci sul Bilancio al 31/12/2012 VERBALE DEL COLLEGIO SINDACALE Centro Servizi per il Volontariato Palermo Il giorno 10 del mese di aprile dell'anno 2013 alle ore 15,30 presso la sede del Centro Servizi per il Volontariato Palermo si

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. revisione legale. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. revisione legale. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla REVISIONE della TESORERIA (CASSA e BANCHE) Approfondiamo la «posta» di bilancio dedicata alla ovvero alla revisione delle disponibilità liquide e dei debiti di natura finanziaria,

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla RIMANENZE di MAGAZZINO Analisi della «posta» di bilancio dedicata alle rimanenze, ossia quei beni che formano oggetto dell attività imprenditoriale insieme a tutti i beni materiali

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

L indipendenza del revisore

L indipendenza del revisore L indipendenza del revisore 4 aprile 2014 Tutte le informazioni qui fornite sono di carattere generale e non intendono prendere in considerazione fatti riguardanti persone o entità particolari. Nonostante

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE AL BILANCIO CHIUSO IL

RELAZIONE DEL REVISORE AL BILANCIO CHIUSO IL VALSUGANA SPORT SRL Sede sociale: Borgo Valsugana (TN) Piazza Degasperi n. 20 Capitale sociale: 10.000,00 interamente versato. Registro Imprese di Trento N. 02206830222 C.C.I.A.A. di Trento R.E.A TN -

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

Indice. Oggetto del presente principio di revisione internazionale (ISA Italia) 1-6 Data di entrata in vigore... 7 Obiettivi... 8. Definizioni...

Indice. Oggetto del presente principio di revisione internazionale (ISA Italia) 1-6 Data di entrata in vigore... 7 Obiettivi... 8. Definizioni... PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 600 LA REVISIONE DEL BILANCIO DEL GRUPPO CONSIDERAZIONI SPECIFICHE (INCLUSO IL LAVORO DEI REVISORI DELLE COMPONENTI) (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

Protocollo D.Lgs. 231/2001 n. 11. Gestione ed elaborazione della contabilità e del bilancio di esercizio

Protocollo D.Lgs. 231/2001 n. 11. Gestione ed elaborazione della contabilità e del bilancio di esercizio Pag. 1 di 5 Sommario 2 Scopo e applicabilità... 1 3 Riferimenti... 1 4 Aree interessate... 2 5 Reati potenziali e rischi da presidiare... 2 6 Modalità operative... 2 6.1 Principi di prevenzione... 2 6.2

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE D i r e z i o n e G e n e

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

DATA ORA AULA TESTI DI RIFERIMENTO

DATA ORA AULA TESTI DI RIFERIMENTO PROGRAMMA DEL CORSO DI REVISIONE AZIENDALE 1. Presentazione del corso La revisione Obiettivi del corso Programma del corso Testi consigliati PARTE I: NORMATIVA E ASPETTI GIURIDICI DEL CONTROLLO LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 EBILOG REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 INDICE Art. 1 - Funzionamento degli Organi pag. 1 Art. 2 - Contribuzione pag. 1 Art. 3 Spese per il funzionamento

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli