LE MALATTIE DA CUI DOVREMMO PROTEGGERE I NOSTRI FIGLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE MALATTIE DA CUI DOVREMMO PROTEGGERE I NOSTRI FIGLI"

Transcript

1 Seite LE MALATTIE DA CUI DOVREMMO PROTEGGERE I NOSTRI FIGLI k Il tetano Il tetano è un'intossicazione causata dal batterio Clostridium tetani, le cui tossine sono in grado di danneggiare il sistema nervoso. Questo batterio s'annida nello sporco, nella terra, nello sterco, nella segatura o nella ruggine dei metalli, e può penetrare nell'organismo umano attraverso le ferite aperte. Sintomi e decorso della malattia: tremore, sudorazioni, cefalee, tensione sulla lesione cutanea e grave rigidità muscolare (anca, schiena, volto, ventre ecc.), fino ad arrivare, in alcuni casi, alla morte. Diffusione della malattia: le spore del tetano sono diffuse in tutto il mondo, soprattutto nel terreno, e il pericolo di contagio maggiore è costituito dalle ferite banali ma profonde, come ad esempio le punture causate da spine, oggetti acuminati e simili. Terapia: il tetano si cura con antibiotici ed immunoglobuline, se neces- 5 sario in regime di terapia intensiva. Ma nonostante le cure, ancora oggi il tasso di mortalità è piuttosto elevato. Vaccinazione: il vaccino antitetanico si somministra per via intramuscolare, e fa parte della vaccinazione esavalente per l'immunizzazione di base. Ma è anche integrato in altri vaccini combinati, o può essere acquistato come vaccino singolo. Chi non è stato vaccinato da più di 5-10 anni e si ferisce accidentalmente, dovrebbe sottoporsi ad un richiamo. Anche senza lesioni, comunque, è consigliabile un richiamo ogni 10 anni.

2 Seite k La difterite k La poliomielite È un'infezione causata dalla tossina del Corynebacterium diphtheriae, È una malattia provocata da un virus specifico che aggredisce il siste- un batterio che aggredisce la mucosa delle tonsille, della faringe, della ma nervoso e si trasmette per contagio orofecale. laringe e del naso. Si trasmette per contagio diretto da alimenti od Sintomi e decorso della malattia: quasi sempre (95% dei casi) l'in- oggetti infetti, oppure attraverso l'aria tramite goccioline, per esempio fezione ha un decorso asintomatico (ossia privo di sintomi). Altrimenti, con le particelle di saliva o di muco espulse parlando, tossendo o star- può manifestarsi sotto forma di affezione innocua con febbre e mal di nutendo. gola, fino a provocare meningite, encefalite o infiammazione del midol- Sintomi e decorso della malattia: febbre, disturbi della deglutizione, lo spinale, con conseguenti paralisi e talvolta anche esito mortale. mal di gola, ingrossamento dei linfonodi, tonsille patinate, alito dolcia- Diffusione della malattia: attualmente, la poliomielite è ancora diffu- stro. La malattia provoca gravi danni agli organi interni (sistema cardio- sa in alcuni paesi africani e asiatici. L'OMS (Organizzazione mondiale circolatorio e apparato renale), paralisi e morte per soffocamento, o della sanità) si è ripromessa di debellare la malattia, sia svolgendo cam- altre complicanze. pagne di vaccinazione capillari nei paesi in via di sviluppo dove si regi- Diffusione della malattia: la difterite è ancora diffusa in parecchi strano ancora dei casi, sia mantenendo a livelli adeguati il tasso di vac- paesi. Negli anni Novanta, ad esempio, nell'unione Sovietica dopo una cinazione nei paesi industrializzati. riduzione dell'attività vaccinale scoppiò un'epidemia che provocò più di Terapia: non esiste un trattamento mirato della poliomielite contagi e morti. Vaccinazione: da alcuni anni, per evitare la rara complicanza della Terapia: pur esistendo un trattamento a base di antibiotici ed antitos- cosiddetta poliomielite da vaccino, le autorità sanitarie hanno sostitui- sinici, il tasso di mortalità resta piuttosto elevato. to il vaccino vivo orale somministrato in passato (SABIN) con un vacci- Vaccinazione: pure questo vaccino fa parte della vaccinazione esava- no morto (inattivato) più tollerabile (SALK). Il calendario vaccinale pre- lente per l'immunizzazione di base, ma è disponibile anche in altre vede la somministrazione di quattro dosi in età infantile. A queste combinazioni o come vaccino singolo, e si somministra per via intra- dovrebbe seguire un richiamo in età adolescenziale o adulta per le per- muscolare. sone che si recano in aree endemiche, e che hanno assunto l'ultima dose di vaccino più di 10 anni prima.

3 Seite k L'epatite B vivono ancora molti portatori cronici del virus, e ogni anno si verificano È una malattia causata da un virus specifico (HBV) che provoca gravi casi di neonati contagiati da madri infette. danni al fegato. La trasmissione del virus non avviene solo per via ema- Terapia: non esiste una terapia mirata dell'epatite B. tica (sangue) o per contatto con secrezioni (sperma, succhi vaginali), Vaccinazione: il vaccino, somministrabile per via intramuscolare, fa ma anche in seguito a contatti sociali ristretti con persone già infette. parte della vaccinazione esavalente per l'immunizzazione di base, ma Durante la gravidanza o il parto, inoltre, la madre infetta può trasmet- è contenuto anche in altri vaccini combinati. tere il virus al proprio figlio (contagio verticale). Sintomi e decorso della malattia: l'epatite B ha un periodo d'incubazione molto lungo (fino a sei mesi), durante il quale la persona infetta è già contagiosa, pur non manifestando alcun sintomo. Quando la malattia diventa conclamata, si presenta spesso con nausea, vomito, dolori al ventre, diarrea e itterizia. In casi più rari si può arrivare ad una degenerazione acuta delle cellule epatiche, che il più delle volte ha esito mortale. Dal 5 al 10% degli adulti che contraggono l'epatite B acuta subisce una cronicizzazione della malattia, che col passare degli anni può trasformarsi in cirrosi epatica o tumore maligno del fegato, con esito spesso mortale. Più giovane è la persona contagiata, maggiore è la probabilità che l'epatite diventi cronica e che il paziente resti contagioso per tutta la vita. Diffusione della malattia: in tutto il mondo si calcola che le persone affette da epatite cronica siano 350 milioni. In Italia, dal 1988 al '93 ogni anno furono registrati circa nuovi casi di epatite B. Nel 2002, dodici anni dopo l'introduzione della vaccinazione obbligatoria e l'avvio di altre misure preventive, il loro numero era calato a Tuttavia, nonostante questo miglioramento, in Italia

4 Seite k La pertosse k Il morbillo È un'infezione delle vie respiratorie causata dal batterio Bordetella per- Causata dal virus omonimo, trasmesso attraverso l'aria tramite conta- tussis, ed è trasmessa dalle persone infette attraverso l'aria, ossia tra- gio da goccioline, questa malattia può causare gravi danni alle vie mite contagio da goccioline. respiratorie e al sistema nervoso. Il più delle volte sono i bambini a subire il contagio alla scuola materna Sintomi e decorso della malattia: i sintomi più diffusi sono febbre, o elementare, per poi trasmetterla a loro volta ai lattanti. tosse, raffreddore, diarrea, congiuntivite, esantemi (eruzioni cutanee) Sintomi e decorso della malattia: i sintomi più frequenti sono attac- con ampie macchie rosse diffuse e disseminate su tutto il corpo. Talora chi di tosse, febbre leggera, raffreddore, faringite, bronchite, appendi- possono comparire anche otite, polmonite o bronchite. In un caso su cite e polmonite, ma la malattia può anche provocare danni cerebrali mille, inoltre, il morbillo provoca una meningite che può causare l'inva- con convulsioni. Nei lattanti spesso non si osservano i tipici attacchi di lidità permanente o la morte del bambino. tosse, ma in compenso può manifestarsi una forte dispnea (affanno) Diffusione della malattia: nei paesi in via di sviluppo, ogni anno si che in qualche caso può provocare la morte del bambino. ammalano di morbillo da 30 a 40 milioni di persone. Nel 2001, le morti Diffusione della malattia: nei paesi in via di sviluppo con scarse causate da questa malattia sono state (dati OMS). Anche in opportunità terapeutiche, un bambino su cento fra quelli contagiati Italia si continuano a registrare epidemie diffuse, con migliaia di casi muore per la malattia. In tutto il mondo, ogni anno si ammalano di segnalati, l'ultima delle quali colpí l'italia meridionale nel 2002, con più pertosse da 20 a 40 milioni di bambini, e di questi non di bambini contagiati, più di ricoveri ospedalieri, 23 casi sopravvivono. di encefalite e 4 decessi. Terapia: la malattia si può trattare con gli antibiotici, ma la terapia porta Terapia: non esiste una terapia mirata del morbillo. a guarigione solo se i farmaci sono somministrati già allo stadio inizia- Vaccinazione: il vaccino è di solito combinato a quello contro la paro- le, altrimenti la pertosse, pur curata, può progredire, causare gravi tite e la rosolia, e si somministra per iniezione sottocutanea. Per garan- danni permanenti e a volte anche la morte. tire una copertura ottimale, però, occorre assumere una seconda dose Vaccinazione: il vaccino acellulare, molto ben tollerato, è sommini- dopo un intervallo di 3-10 anni dalla prima. A quel punto, la vaccina- strato sotto forma di vaccinazione esavalente o anche nella combina- zione garantisce una copertura per tutto il resto della vita. zione trivalente (antidifterica, antitetanica ed antipertosse). Proprio per Da cinque a dodici giorni dopo la vaccinazione possono manifestarsi, questa vaccinazione, però, è assai importante rispettare gli intervalli in via passeggera, febbre e leggere eruzioni cutanee, dette anche prescritti, affinché il sistema immunitario abbia il tempo di costruire le morbillo da vaccinazione. proprie difese fin dal primo anno di vita.

5 Seite k La parotite (orecchioni) k La rosolia È una malattia causata da un virus specifico trasmesso attraverso È una malattia causata da virus specifico e trasmessa attraverso l'aria l'aria, da goccioline o per contatto con persone già infette. per contagio da goccioline, oppure dalla donna in gravidanza diretta- Sintomi e decorso della malattia: i sintomi più frequenti sono feb- mente al nascituro. bre, cefalea, dolori agli arti e al ventre, ingrossamento di una o più Sintomi e decorso della malattia: quasi sempre la rosolia ha un ghiandole salivarie (di solito quelle parotidee). decorso benigno, accompagnato da febbre, ingrossamento dei linfo- Ma la malattia può anche provocare meningite, ipoacusia o sordità nodi e macchie cutanee più chiare di quelle del morbillo. totale permanente, e infiammazione del pancreas. Durante la gravidanza, però, può causare complicanze gravi al nasci- Durante e dopo la pubertà, il 30% dei pazienti maschi contrae un'or- turo. Se infatti una donna incinta contrae la malattia, rischia di causare chite (infiammazione dei testicoli), mentre il 5% delle femmine subisce al nascituro danni assai rilevanti come sordità, cecità, difetti cardiaci, un'infiammazione delle ovaie. In entrambi i casi, queste complicanze danni cerebrali o altre malformazioni. possono causare una perdita parziale o totale della fertilità. Diffusione della malattia: Nei mesi a cavallo tra il 1964 e il '65, prima Diffusione della malattia: analogamente al morbillo, la parotite è dif- che fosse introdotta la vaccinazione, negli Stati Uniti scoppiò un'epide- fusa in tutto il mondo, ed è una delle cause più frequenti della menin- mia di rosolia che provocò la nascita di neonati affetti da mal- gite virale e della sordità acquisita. formazioni. Negli ultimi anni, invece, grazie alla vaccinazione, negli Stati Terapia: non esiste una terapia mirata della parotite. Uniti le malformazioni da rosolia si sono ridotte a 4 casi all'anno. Vaccinazione: il vaccino è ben tollerato e si somministra in combina- Terapia: non esiste una terapia mirata della rosolia. zione a quello antirosolia e antimorbillo. Vaccinazione: di solito, il vaccino antirosolia è somministrato in combinazione a quello antimorbillo e antiparotite. Può essere dato in età infantile o adolescenziale alle scadenze previste dal calendario vaccinale, oppure in età adulta. In ogni caso, è consigliabile vaccinare le bambine prima della pubertà, in modo da escludere con certezza il rischio di contrarre la malattia durante una gravidanza. Ma per debellare gradualmente la rosolia e i rischi ad essa correlati per i nascituri, è necessario vaccinare quanti più bambini possibile, ed è per questo che si consiglia la vaccinazione anche per i maschi.

6 Seite k L'infezione da Hib (Haemophilus influenzae tipo B) k La varicella Si tratta di una malattia causata dal batterio omonimo, trasmesso da È una malattia causata dal virus varicella zoster, trasmesso attraverso goccioline attraverso l'aria e in grado di aggredire le alte vie respira- l'aria da goccioline, e molto contagioso. Prima di raggiungere i 12 anni torie. d'età, dall'80 al 90% dei bambini contrae la varicella. Sintomi e decorso della malattia: il batterio si moltiplica rapidamen- Sintomi e decorso della malattia: dopo un periodo d'incubazione di te, causando febbre elevata, dolori muscolari, nausea, disturbi cardia giorni, si formano repentinamente delle eruzioni cutanee con ci e respiratori. forte prurito, accompagnate il più delle volte da una febbre leggera. A volte l'infezione provoca la meningite (3-5% dei casi, di cui un quar- Nell'età infantile, il decorso è quasi sempre benigno, ma a partire dal- to con danni permanenti), l'infiammazione dell'epiglottide (che se non l'adolescenza aumentano notevolmente le complicanze, sotto forma di trattata correttamente nella metà dei casi ha esito morale), la polmoni- epatite, meningite, encefalite e nefrite. La varicella è assai pericolosa te e l'infiammazione delle articolazioni. per le persone immunodepresse, dove ha un tasso di mortalità del 7%. Diffusione della malattia: i più colpiti sono i bambini tra i 6 mesi e i Durante la gravidanza, la varicella può causare aborti spontanei o mal- 5 anni d'età, con maggiore frequenza sotto i due anni, e in particolare formazioni del feto. Se la madre contrae la malattia appena prima o tra gli ospiti degli asili nido. dopo il parto, contagiando il neonato, nel 50% dei casi il bambino non Terapia: si può trattare con antibiotici, ma a volte il decorso è talmente sopravvive. rapido che sopraggiunge la morte prima che i farmaci abbiano effetto. Terapia: nei casi più gravi si esegue una terapia antivirale, che però Vaccinazione: il vaccino, assai efficace e ben tollerabile, fa parte della non sempre si rivela efficace. vaccinazione esavalente per l'immunizzazione di base, ma può anche Vaccinazione: la vaccinazione è consigliata ai bambini in condizioni di essere integrato ad altri vaccini combinati o somministrato come vac- salute precarie, a partire dai 12 mesi di vita, e a tutti gli adolescenti cino singolo, per via intramuscolare. In Italia, grazie all'aumento dopo i 13 anni o agli adulti che non hanno ancora contratto la varicel- costante del tasso di vaccinazione, negli ultimi anni il numero delle infe- la. Fra questi, la vaccinazione è importante soprattutto per le donne in zioni registrate si è ridotto considerevolmente (130 casi in Italia nel età fertile, le persone a contatto con pazienti a rischio (immunodepres contro i 35 del 2003). si o neonati) e il personale sanitario. Attualmente è disponibile un vaccino vivo, ben tollerato, a base di virus attenuati. Nei bambini dai 12 mesi ai 12 anni è sufficiente una dose. Per le fasce d'età più elevate, invece, ne vanno somministrate due.

7 Seite kle infezioni da pneumococchi k L'influenza Si tratta di infezioni causate da batteri del tipo Streptococchus pneu- È una malattia causata dal virus influenzale, trasmesso da uomo a moniae (pneumococchi) trasmessi da uomo a uomo nei contatti ravvi- uomo per contagio da goccioline. Ha un decorso epidemico e si pre- cinati tramite contagio da goccioline. senta soprattutto nei mesi invernali. Sintomi e decorso della malattia: gli pneumococchi sono la causa Sintomi e decorso della malattia: l'influenza si manifesta quasi sem- più diffusa dell'otite media, e nell'età infantile una delle cause più fre- pre con aumento improvviso della temperatura, brividi, dolori articolari quenti di polmonite, meningite, encefalite e setticemia. e spossatezza generalizzata, accompagnata da mal di gola e tosse Terapia: quasi sempre la terapia antibiotica è efficace, ma nei casi più secca. Il più delle volte ha un decorso benigno, ma a volte può avere gravi (encefalite, polmonite e setticemia) l'effetto può non essere tem- delle complicanze gravi e le persone più esposte sono quelle affette da pestivo, e la malattia può avere comunque un esito mortale. Inoltre, si patologie croniche come tumori, diabete, cardiopatie, nefropatie e osservano sovente delle resistenze dei batteri ai vari antibiotici impie- pneumopatie. Il rischio di complicanze grava anche sulle persone più gati. anziane. Vaccinazione: attualmente, la vaccinazione è consigliata per i lattanti Terapia: è disponibile una terapia antivirale, ma dall'efficacia piuttosto dopo i 2 mesi di vita e per i bambini piccoli che presentano determina- limitata. te patologie, e per i quali sussiste un maggiore pericolo di contagio. Fra Vaccinazione: la vaccinazione antinfluenzale andrebbe somministrata questi, vanno vaccinati soprattutto i bambini sottoposti all'asportazio- a bambini e adolescenti quando il loro stato di salute è debilitato da ne della milza, o affetti da immunodeficienza acquisita o congenita, patologie croniche come cardiopatie, pneumopatie, malattie epatiche tumori, malattie cardiocircolatorie, diabete, malattie croniche dei pol- e renali, diabete ed altre affezioni metaboliche, oppure da immunode- moni e dei reni. ficienza congenita o acquisita. Fino ai due anni di vita, il vaccino utilizzato è efficace contro i sette tipi Il vaccino, del tipo acellulare, va somministrato per via intramuscolare. più diffusi di pneumococco. Dopo i due anni, può essere impiegato un Prima che scoppi un'epidemia stagionale, i vaccini vanno adeguati vaccino che contiene 23 antigeni diversi. ogni volta al tipo di virus in circolazione, poiché questi hanno la capa- Trascorsi da tre a cinque anni dopo la prima vaccinazione, va esegui- cità di modificare il proprio patrimonio genetico. La vaccinazione va to un richiamo. ripetuta ogni anno prima dell'arrivo dell'epidemia. I vaccini attualmente in uso sono ben tollerati e proteggono soprattutto dalle affezioni più gravi causate dallo pneumococco.

8 Seite kle infezioni meningococciche Alto Adige aumentassero i casi di meningococcosi del tipo C, quindi, In questa categoria rientrano diverse malattie, per lo più gravi, causate anche da noi andrebbe presa in considerazione la vaccinazione siste- da batteri del tipo Neisseria meningitidis (meningococchi). matica dei lattanti e dei bambini piccoli. Questi agenti patogeni, diffusi in tutto il mondo, nei mesi invernali col- Per il momento, il vaccino - di provata efficacia - è consigliabile solo per piscono dal 5 al 20% della nostra popolazione aggredendo i seni nasali i lattanti e i bambini sottoposti ad asportazione della milza o affetti da e il cavo faringeo. Sono trasmessi da goccioline nei contatti ravvicinati immunodeficienze specifiche. e provocano malattie il più delle volte sporadiche, mentre è raro che Inoltre, il vaccino antimeningococcico C è consigliato a tutti coloro che, causino delle vere epidemie. per motivi di studio, scambi scolastici o corsi di lingue, si recano per Sintomi e decorso della malattia: quasi sempre, l'infezione ha un periodi prolungati in Gran Bretagna, Spagna, Portogallo, Irlanda, decorso asintomatico, talora accompagnato da una leggera infiamma- Belgio, Olanda o in certe zone del Canada e della Francia, poiché in zione delle alte vie respiratorie. Tuttavia, in qualche caso (in Alto Adige questi paesi le meningococcosi del tipo C sono relativamente frequenti. 5 su ) i meningococchi causano delle affezioni gravi, sovente Per i bambini oltre i 2 anni d'età e gli adulti, sono disponibili vaccini anti- fulminanti, come meningiti, encefaliti e/o setticemie. Non di rado, que- meningococcici tetravalenti, efficaci contro i tipi A, C, W135 e Y. Ma ste malattie hanno un esito mortale e a farne le spese sono per lo più non va dimenticato che la vaccinazione dà una copertura solo di tre lattanti, bambini piccoli e adolescenti. anni, ed è indicata solo per chi compie dei soggiorni prolungati in una Terapia: le meningococcosi si possono trattare con preparati antibio- zona endemica per questi agenti patogeni. tici in regime di terapia intensiva, ma il loro decorso imprevedibile fa sí che, a volte, non si riesca a scongiurare l'esito mortale. Vaccinazione: per i meningococchi del tipo B, che negli anni passati sono stati di gran lunga la causa più frequente delle meningococcosi registrate in Alto Adige (più del 90%), attualmente è in fase di sperimentazione un vaccino, che però non è ancora in commercio. Da diversi anni, invece, è in uso un vaccino contro i meningococchi del tipo C, che in alcune regioni italiane hanno acquisito una notevole diffusione, visto che stanno causando quasi altrettante affezioni del tipo B nelle fasce d'età più precoci (lattanti e bambini piccoli). Se anche in

9 Seite k La tubercolosi È un'infezione causata dal Mycobacterium tuberculosis, un batterio che aggredisce soprattutto i polmoni. Ha un decorso quasi sempre cronico, ed è trasmessa per contagio da goccioline. Sintomi e decorso della malattia: inizia con inappetenza, tosse e febbre, spossatezza, cefalea, ingrossamento dei linfonodi del torace, ma può sfociare in polmonite e provocare danni a diversi organi come reni, scheletro e sistema nervoso. Nei bambini ha quasi sempre un decorso molto rapido e per questo non di rado mortale. Diffusione della malattia: si stima che in tutto il mondo ogni anno otto milioni di persone contraggano la tubercolosi, e che di queste tre milioni non sopravvivano alla malattia. Terapia: si può trattare con antibiotici, ma a volte il quadro clinico si evolve così rapidamente che i farmaci non fanno in tempo ad agire. Vaccinazione: la vaccinazione antitubercolare è riservata ad alcune categorie a rischio.

LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE

LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente e Responsabile Direttore Dr.ssa P. Auriemma LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE

Dettagli

La vaccinazione protegge MALATTIE INFETTIVE E VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA

La vaccinazione protegge MALATTIE INFETTIVE E VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA La vaccinazione protegge MALATTIE INFETTIVE E VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA Impressum Quest opuscolo è edito dalla: Provincia autonoma di Bolzano Ripartizione sanità Uffi cio igiene e salute pubblica,

Dettagli

Perché, quando, come: informazioni per i genitori. Le vaccinazioni nell infanzia

Perché, quando, come: informazioni per i genitori. Le vaccinazioni nell infanzia Perché, quando, come: informazioni per i genitori Le vaccinazioni nell infanzia L opuscolo si apre con una introduzione generale sulle vaccinazioni nell infanzia (il perché, i vantaggi, come saperne di

Dettagli

Dipartimento di prevenzione

Dipartimento di prevenzione Dipartimento di prevenzione Note editoriali Opuscolo edito da: Azienda Sanitaria dell Alto Adige Dipartimento di Prevenzione, 2014 Autori della nuova edizione: Servizi igiene e sanità pubblica dei Comprensori

Dettagli

IL VACCINO ESAVALENTE

IL VACCINO ESAVALENTE IL VACCINO ESAVALENTE (Difterite-Tetano-Pertosse acellulare, Polio, Hib, Epatite B) Cosa c è da sapere I vaccino esavalente protegge da 6 gravi malattie, causate da virus e batteri. Queste ma- sintomi,

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA REGIONE VENETO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SANITARIE DIREZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

ASSESSORATO ALLA SANITÀ

ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Sommario Introduzione pag. 04 Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06 Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Vaccinazione contro la difterite e il tetano pag. 11 Vaccinazione contro l epatite

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA

Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA Presentazione Gentili genitori, Vi invitiamo a leggere con attenzione questo opuscolo, che ha lo scopo di fornire

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29 INDICE LEGENDA... 2 CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI PEDIATRICHE... 3 Offerta attiva e gratuita... 3 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita... 3 Offerta attiva e gratuita per gruppi a rischio... 3 LE VACCINAZIONI

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Le vaccinazioni nell infanzia e nell adolescenza. Perché, quando, come: informazioni per i genitori

Le vaccinazioni nell infanzia e nell adolescenza. Perché, quando, come: informazioni per i genitori Le vaccinazioni nell infanzia e nell adolescenza Perché, quando, come: informazioni per i genitori L opuscolo si apre con una introduzione generale sulle vaccinazioni e sui benefici per gli individui e

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Priorix, polvere e solvente per soluzione iniettabile in una siringa preriempita Vaccino (vivo) antimorbillo, antiparotite, antirosolia Legga attentamente

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

LE VACCINAZIONI DEI BAMBINI

LE VACCINAZIONI DEI BAMBINI dedicato ai genitori Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria INDICE LEGENDA...3 Offerta attiva e gratuita...4 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita...4 Offerta attiva e gratuita per gruppi

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita Dipartimento di Prevenzione E&P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 98 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - 0824 308286-9 Fax 0824-308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Rosolia: perché rischiare?

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

a cura di Azienda usl della valle d aosta

a cura di Azienda usl della valle d aosta a cura di Azienda usl della valle d aosta SOMMARIO PAG. 4... Perché vaccinare PAG. 5... Il momento della vaccinazione PAG. 6... I vaccini contro : - POLIOMIELITE - DIFTERITE E TETANO - PERTOSSE - EMOFILO

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

ASL di Vallecamonica/Sebino

ASL di Vallecamonica/Sebino ASL Vallecamonica-Sebino ASL di Vallecamonica/Sebino DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica Informazione aigenitori ASL di Vallecamonica-Sebino Anno 2008 Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

VACCINI VACCINAZIONI SIERI

VACCINI VACCINAZIONI SIERI VACCINI VACCINAZIONI SIERI 1 IMMUNITA INNATA ACQUISITA ARTIFICIALE NATURALE ATTIVA (VACCINAZIONE) PASSIVA (SIEROPROFILASSI) ATTIVA (INFEZIONE) PASSIVA (PLACENTA) 2 2 IMMUNITA PASSIVA Immunità passiva artificiale:

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Important notice. Aviso importante

Important notice. Aviso importante Important notice If you don t understand the information in this booklet for language problem, you can ask for information translated into English, Spanish, French and many other languages in one of our

Dettagli

La verità sul vaccino triplo MPR. l immunizzazione. il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita

La verità sul vaccino triplo MPR. l immunizzazione. il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita La verità sul vaccino triplo MPR l immunizzazione il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita Il morbillo, la parotite, la rosolia e il vaccino triplo MPR (o vaccino anti morbillo-parotite-rosolia)

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità

Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità ASL VARESE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Tel. 0332-277240 Servizio Medicina Preventiva nelle Comunita

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE E VACCINAZIONI

MALATTIE INFETTIVE E VACCINAZIONI interno 140x178 3-08-2009 16:53 Pagina 1 MALATTIE INFETTIVE E VACCINAZIONI Informazioni utili per mamma e bambino interno 140x178 3-08-2009 16:53 Pagina 2 O.N.Da O.N.Da è un Osservatorio Nazionale sulla

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali.

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Francesco Libero Giorgino Presidente A.G.E.O. FLG 1 Educazione sanitaria

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: settembre 2009 L opuscolo è pubblicato anche nelle seguenti lingue: Tedesco

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Alcune informazioni sulle malattie prevenibili con vaccino

Alcune informazioni sulle malattie prevenibili con vaccino ALLEGATO 6/2012 SCISP Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica Struttura Semplice Strategie Vaccinali LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA E NELL ETA ADULTA Alcune informazioni

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Profilassi immunitaria

Profilassi immunitaria Profilassi immunitaria Dott.ssa Pamela Di Giovanni Profilassi immunitaria passiva Sieroprofilassi Possono essere divisi in 3 categorie: antibatterici antivirali antitossici I primi sono stati completamente

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

LA VACCINAZIONE SI PRENDE CURA DEI NOSTRI FIGLI

LA VACCINAZIONE SI PRENDE CURA DEI NOSTRI FIGLI Con MORBILLO, PAROTITE e ROSOLIA non si gioca. www.ministerosalute.it Morbillo - Parotite - Rosolia LA VACCINAZIONE SI PRENDE CURA DEI NOSTRI FIGLI CAMPAGNA STRAORDINARIA DI VACCINAZIONE ANTI MORBILLO

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

I vaccini come strumento di prevenzione

I vaccini come strumento di prevenzione I vaccini come strumento di prevenzione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Stele egiziana 3000 AC Agente contro Ospite

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

Epatite. cause conseguenze e prevenzione

Epatite. cause conseguenze e prevenzione Epatite cause conseguenze e prevenzione L importante in breve sull epatite Cos è l epatite e quali sono le conseguenze di questa malattia? L epatite è una infiammazione del fegato provocata dal virus dell

Dettagli

Infezioni (Meningite, Tubercolosi, Febbre Di Q, Raffreddore comune, Epatite)

Infezioni (Meningite, Tubercolosi, Febbre Di Q, Raffreddore comune, Epatite) Infezioni (Meningite, Tubercolosi, Febbre Di Q, Raffreddore comune, Epatite) Gli organismi contagiosi che sono stati trovati nell aria degli ambienti chiusi. Meningite Tubercolosi Febbre di Q Raffreddore

Dettagli

I VACCINI: DOMANDE E RISPOSTE SU...

I VACCINI: DOMANDE E RISPOSTE SU... I VACCINI: DOMANDE E RISPOSTE SU... COME FUNZIONANO E PERCHE' SOMMINISTRARE I VACCINI Perché è necessario che vaccini mio figlio? Ci sono due ragioni per vaccinare: è importante per ogni bambino ed è utile

Dettagli

Epatiti virali. Capitolo 8

Epatiti virali. Capitolo 8 Epatiti virali Capitolo 8 L epatite virale è un infiammazione del fegato causata da virus. Ad oggi i principali virus dell epatite conosciuti sono: virus epatite A (HAV), virus epatite B (HBV), virus epatite

Dettagli

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HCV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Patogenesi... 2 Modalità e vie di trasmissione... 3 Sintomatologia ed evoluzione...

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K V O L U M E 8, N U M E R O 8 Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G

Dettagli

VACCINAZIONI IMMUNITA ED INFEZIONI

VACCINAZIONI IMMUNITA ED INFEZIONI LEZIONE DI PEDIATRIA VACCINAZIONI Prof.ssa Fiorina Casale IMMUNITA ED INFEZIONI Immunità naturale o innata Fattori di difesa di prima linea Barriere anatomiche e fattori protettivi locali Superfici cutanee

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

A guide to childhood immunisation for babies up to 13 months of age. (ITALIAN)

A guide to childhood immunisation for babies up to 13 months of age. (ITALIAN) A guide to childhood immunisation for babies up to 13 months of age. (ITALIAN) [p.1] Una guida alle immunizzazioni per l infanzia per bambini fino all età di 13 mesi. il modo più sicuro per proteggere

Dettagli

Epatite A. La conosciamo veramente?

Epatite A. La conosciamo veramente? Epatite A. La conosciamo veramente? u... Oggi l'epatite A è la malattia preveni bile tramite vaccino più comune tra i wl.ggi.lori... Ess. è 100 volle più fre' quenle del Ilfo e 1000 volle più fre quente

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Epidemiologia. Risultati di salute delle vaccinazioni pediatriche in Provincia di Modena Rapporto 2002

Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Epidemiologia. Risultati di salute delle vaccinazioni pediatriche in Provincia di Modena Rapporto 2002 Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Epidemiologia Risultati di salute delle vaccinazioni pediatriche in Provincia di Modena Rapporto 22 Agosto 24 A cura di : Luisella Grandori, Carlo Alberto Goldoni

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

INFLUENZA E MALATTIE DA RAFFREDDAMENTO

INFLUENZA E MALATTIE DA RAFFREDDAMENTO INFLUENZA E MALATTIE DA RAFFREDDAMENTO 250.000 italiani a letto con l influenza. È questo il dato registrato in questi giorni dall Istituto Superiore di Sanità, un numero inferiore a quello dell anno scorso,

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO IN SANITA': MALATTIE INFETTIVE PREVENIBILI

RISCHIO BIOLOGICO IN SANITA': MALATTIE INFETTIVE PREVENIBILI RISCHIO BIOLOGICO IN SANITA': MALATTIE INFETTIVE PREVENIBILI L'articolo 86 del D.Lgs.626/94 prevede che "il datore di lavoro, su conforme parere del medico competente, adotta misure protettive particolari

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE CHE COSA SONO Sono malattie che vengono trasmesse da una persona all'altra prevalentemente per contatto sessuale. Vengono anche

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tattoo e piercing La protezione dell operatore Parma 18 marzo 2013 Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tutti i pazienti possono essere portatori di microorganismi trasmissibili

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI a cura dalla Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) Vaccino Gruppo di Età Tetano, Difterite, pertosse per

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

MAL DI GOLA Che cos'è Come si manifesta

MAL DI GOLA Che cos'è Come si manifesta MAL DI GOLA Che cos'è Il mal di gola può essere dovuto ad una malattia, come una infezione virale e batterica, o il segno di una irritazione dovuta al fumo, ad un eccessivo uso di bevande alcoliche oppure

Dettagli

6. Promuovere le vaccinazioni

6. Promuovere le vaccinazioni 6. Promuovere le vaccinazioni Le vaccinazioni sono uno degli interventi di maggiore efficacia per la prevenzione primaria delle malattie infettive e devono essere considerate altamente prioritarie per

Dettagli

dott. Andrea Pelosi Cartella Clinica Paziente: GPS - Global Postural System - Rel.4.6.68 Pag. 1 di 11

dott. Andrea Pelosi Cartella Clinica Paziente: GPS - Global Postural System - Rel.4.6.68 Pag. 1 di 11 Cartella Clinica Paziente: GPS - Global Postural System - Rel.4.6.68 Pag. 1 di 11 Anamnesi Paziente: Legenda No Occasionale Farmaci Mai Più di una volta al mese Più di una volta alla settimana Tutti i

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

lezione 6 Pierpaolo Cavallo 1 PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE PROFILASSI Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria

lezione 6 Pierpaolo Cavallo 1 PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE PROFILASSI Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria Lezione Profilassi, vaccini,disinfezione. Prof. P. Cavallo 1 PROFILASSI Profilassi delle malattie infettive Profilassi

Dettagli

se la conosci, la previeni!

se la conosci, la previeni! EPATITE se la conosci, la previeni! HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION Epatiti, cosa sono? 2 L epatite, o meglio le epatiti sono tra le malattie infettive più comuni e gravi del mondo. Si tratta di

Dettagli

I 90% : 3 9 90% 15 40 C, 38,5 C

I 90% : 3 9 90% 15 40 C, 38,5 C IL MORBILLO Il 90% dei bambini esposti al contagio si ammala: ecco quali sono i sintomi per riconoscere la malattia : Il morbillo è una delle malattie infettive più comuni e diffuse nel bambino. E maggiormente

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI Settimana Europea della Vaccinazione 1. COME CI DIFENDIAMO DALLE MALATTIE INFETTIVE? Le difese dell organismo contro microrganismi

Dettagli

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H 1 LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI VISITE MEDICHE E SCREENING Le visite mediche e gli screening, prima effettuati dal medico scolastico presso

Dettagli

LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] MalattieINFETTIVE_210x210_3.indd 1 17/06/13 12.24 Proposta operativa nell ambito del Piano regionale del

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

Igiene Generale ed Applicata. Indice. 1 Introduzione ----------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed Applicata. Indice. 1 Introduzione ----------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE III EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DELLE INFEZIONI A TRASMISSIONE AEREA PROF. DOMENICO GIELLA Indice 1 Introduzione -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015.

Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015. Allegato 1 Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015. INDICE Introduzione 1 Il calendario vaccinale universale 2 Le vaccinazioni per i

Dettagli