impaginato :17 Pagina 1 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE Una guida per la donna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "impaginato 2 10-12-2004 16:17 Pagina 1 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE Una guida per la donna"

Transcript

1 impaginato :17 Pagina 1 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE Una guida per la donna

2 impaginato :17 Pagina 2

3 impaginato :17 Pagina 3 Francesco De Seta Eva Weingartler LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE Una guida per la donna In collaborazione con Gabriella Grlica, Viviana Luksa Francesca Panerari, Monica Piccoli, Pina Verardi

4 impaginato :17 Pagina 4 Autori Francesco De Seta, Eva Weingartler In collaborazione con: Gabriella Grlica, Viviana Luksa, Francesca Panerari, Monica Piccoli, Pina Verardi U.C.O. di Ginecologia e Ostetricia Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Burlo Garofolo Via dell Istria, 65/ Trieste 2004 Il Pensiero Scientifico Editore via Bradano 3/c Roma Tutti i diritti riservati Progetto grafico: Doppiosegno, Roma Fotografie: Ablestock, ad eccezione delle immagini alle pagine 11, 23, 24, 25, 26, 34, 51, 59 di SPL/Grazia Neri Stampato in Italia da Conti Tipocolor, Firenze ISBN

5 impaginato :17 Pagina 5 INDICE UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO 7 CAMBIAMENTI FISIOLOGICI NELL ORGANISMO MATERNO 8 Utero Cervice Vagina Mammella Peso corporeo Sangue e sistema cardiovascolare Sistema respiratorio Funzionalità renale Apparato digerente Modificazioni dermatologiche Sistema nervoso DISTURBI COMUNI IN GRAVIDANZA 16 Nausea Bruciore di stomaco Stitichezza Eccessivo aumento di peso Voglie Modificazioni del seno Svenimenti Stanchezza Secrezioni vaginali Varici ed emorroidi Crampi muscolari Mal di schiena Disturbi vescicali UN PERCORSO DI VIGILANZA 23 LA GRAVIDANZA DI SETTIMANA IN SETTIMANA settimane 6-7 settimane 8-9 settimane settimane settimane settimane settimane settimane CONTROLLI PERIODICI IN GRAVIDANZA 27 Visite ostetriche Esami Osservare lo sviluppo dell embrione e del feto Cos è l ecografia? Cos è la translucenza nucale? Cos è la flussimetria? DIAGNOSI PRENATALE 36 Triplo-test Villocentesi Amniocentesi L ALIMENTAZIONE 38 Principi generali Proteine Zuccheri e amidi Grassi Vitamine e minerali

6 impaginato :17 Pagina 6 6 INDICE SALUTE E IGIENE IN GRAVIDANZA 41 Attività sessuale in gravidanza Attività fisica Viaggi durante la gravidanza PRECAUZIONI IN GRAVIDANZA 44 Radiografie Sostanze voluttuarie Farmaci Vaccinazioni UN PERCORSO DI GIOIA 51 IL PERIODO CONCLUSIVO DELLA GRAVIDANZA 51 La gravidanza oltre il termine La presentazione podalica La madre lavoratrice CORSI DI PREPARAZIONE AL PARTO 57 Psicoprofilassi Lo yoga Training autogeno - respiratorio (Rat) Tecniche di rilassamento e di respirazione Lo stretching e il massaggio Ginnastica in acqua IL PARTO 67 La borsa per l ospedale Il travaglio L evoluzione del parto Analgesia in travaglio Riabilitazione perineale Contraccezione in puerperio Informazioni per la dichiarazione di nascita Normativa sull attribuzione dei nomi BIBLIOGRAFIA 78

7 impaginato :17 Pagina 7 UN ITINERARIO DI CAMBIAMENTO La gravidanza è un fenomeno fisiologico che interessa la donna sia dal punto fisico sia psichico, determinando innumerevoli cambiamenti strutturali e funzionali che rappresentano delle risposte d adattamento alla nuova condizione. Tali mutazioni iniziano dal concepimento e perdurano per tutto lo sviluppo dell embrione e del feto fino alla nascita del neonato. La donna può avvertire sensazioni ed alterazioni soggettive, che le fanno sospettare l inizio della gravidanza, prima ancora che compaiano i segni obiettivi o che esami specifici ne confermino la presenza. Nella specie umana (presumendo una durata media del ciclo mestruale di 28 giorni), la durata normale della gravidanza, calcolata dal giorno d'inizio dell'ultima mestruazione, è di 40 settimane, pari a 280 giorni. Il parto è definito: pretermine se avviene prima del compimento della 37 a settimana di età gestazionale a termine tra la 37 a settimana compiuta e la fine della 42 a settimana; postermine se avviene oltre la 42 a settimana. Si definisce invece aborto l'interruzione della gravidanza entro il 180 o giorno completo (ossia 25 settimane e 5 giorni) di amenorrea (assenza di flusso mestruale).

8 impaginato :17 Pagina 8 8 UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO CAMBIAMENTI FISIOLOGICI NELL ORGANISMO MATERNO Le modificazioni che si verificano nell organismo materno in gravidanza sono dovute agli effetti di specifici ormoni. Queste variazioni permettono alla madre di nutrire il bambino, di preparare il proprio corpo per il travaglio, di sviluppare le mammelle e di accumulare riserve di tessuto adiposo per fornire le calorie necessarie alla produzione del latte durante il puerperio. Anche lo stato psicologico è influenzato dagli ormoni che, interagendo con altri fattori esterni, influenzano il periodo di transizione verso la maternità. La gravidanza comporta una serie di modificazioni a carico dell organismo materno. COME MOLTI PSICOLOGI E PSICOANALISTI HANNO SOTTOLINEATO, LA GRAVIDANZA RAPPRESENTA UNA PROFONDA CRISI MATURATIVA DELLA DONNA, UN MOMENTO DI SVOLTA IRREVERSIBILE NEL CICLO VITALE FEMMINILE E DELLA COPPIA. CON LA GRAVIDANZA, INFATTI, SI VERIFICA UNA TRASFORMAZIONE DELL IDENTITÀ FEMMINILE ATTRAVERSO L ACQUISIZIONE E L INTEGRAZIONE DELLE FUNZIONI MATERNE, COMPLETANDO UN PROCESSO GIÀ AVVIATO AL TERMINE DELL ADOLESCENZA.

9 12 settimane di gravidanza. L utero non è più rivolto verso l avanti (antiverso) e antiflesso (significa che l'asse del collo forma un angolo di circa 120 verso l'avanti e in basso, con l'asse del corpo adagiato sulla vescica), è uscito dalla pelvi verticalizzandosi, spesso s inclina e ruota verso destra. L embrione cresce fino a coinvolgere il polo inferiore dell utero che assume una forma sempre più globosa. Per via addominale il fondo dell utero può essere palpato sopra la sinfisi pubica. 20 settimane. A questo punto l utero ha la forma di una pera e raggiunge il livello dell ombelico. A mano a mano che l utero si sviluppa nell addome, le tube diventano progressivamente più verticali. 30 settimane. Dall istmo uterino (parte intermedia fra corpo e collo uterino) si sviluppa progressivamente il cosiddetto segmento uterino inferiore. Il segmento uterino inferiore è l area uterina soprastante l orifizio interno del collo dell utero, estendendosi fino al corpo dell utero. Il segmento uterino superiore, inimpaginato :17 Pagina 9 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE 9 Utero Dopo il concepimento, l utero si modifica per assicurare l ambiente adatto in cui il bambino possa svilupparsi e crescere. Durante la gravidanza, l endometrio (tessuto che ricopre la parete interna dell'utero) è definito decidua. Il progesterone e gli estrogeni (ormoni sessuali femminili prodotti inizialmente dall'ovaio) fanno in modo che la decidua s ispessisca e che si formi la placenta, quella struttura che costituisce un trait d'union" e di scambio tra madre e feto. Una volta formata, la placenta è in grado di produrre autonomamente estrogeni e progesterone. L utero, inizialmente lungo 6-7 cm, a termine di gravidanza misura circa 30 cm; anche il peso si modifica in proporzione, passando dai g prima della gravidanza a g a termine (ha una capacità di volte maggiore). Il bambino, durante la sua crescita fisiologica, ha bisogno di uno spazio adeguato. Dopo il concepimento, la forma uterina diventa globulare e l organo inizia ad aumentare di volume.

10 impaginato :17 Pagina UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO vece, è la porzione che si estende dal segmento uterino inferiore al fondo dell utero ed è la parte attiva dell utero perché da qui inizia la forza muscolare della contrazione settimane. L utero raggiunge il livello dello sterno. Il rilassamento del pavimento pelvico associato ad un buon tono uterino ed alla formazione del segmento uterino inferiore spinge il feto nel polo inferiore dell utero. Questo fenomeno favorisce la discesa graduale del feto nella pelvi e l impegno della testa fetale. Cervice La cervice (o collo uterino) è la parte inferiore dell utero; sporge nel canale vaginale e può essere osservata applicando uno speculum in vagina. Il collo uterino è attraversato dal canale cervicale, è delimitato in alto dall orifizio uterino interno ed in basso dall orifizio uterino esterno. La cervice rappresenta un efficace barriera contro le infezioni e preserva il prodotto del concepimento. A gravidanza avanzata, in risposta alle aumentate contrazioni preparatorie indolori (contrazioni di Braxton Hicks), la cervice va incontro ad un processo di maturazione, diventa più molle e di consistenza pastosa. Vagina Modificazioni strutturali dei tessuti costituenti la vagina permettono una maggiore elasticità vaginale. Questi fenomeni consentono alla vagina di dilatarsi durante il travaglio accogliendo la testa fetale. La vagina è più vascolarizzata e il suo colore è rosso porpora. La secrezione vaginale aumenta notevolmente, assumendo l aspetto di un fluido vischioso e biancastro (leucorrea).

11 impaginato :17 Pagina 11 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE 11 Mammella La mammella è molto sensibile alle modificazioni ormonali. In gravidanza può aumentare di volume già nel corso delle prime settimane. L accrescimento del volume e del peso della ghiandola è il risultato di una crescita tissutale aumentata, della maggior irrorazione e della deposizione di tessuto adiposo. L areola si presenta iperpigmentata e attorno ad essa la cute diventa più scura. I capezzoli diventano più turgidi e possono essere dolenti. L'ormone prolattina stimola la produzione di colostro già dalle prime settimane di gestazione; la sua secrezione permane fino al 3-4 giorno dopo il parto. È IMPORTANTE SEGUIRE L AUMENTO DEL PROPRIO PESO, UTILIZZANDO SE POSSIBILE SEMPRE LA STESSA BILANCIA. Peso corporeo L aspetto generale della donna si modifica essenzialmente per la ritenzione d acqua in tutti i tessuti. In gravidanza un aumento costante del peso viene considerato un indicatore favorevole dell adattamento materno e della crescita fetale. L aumento ponderale è determinato da molteplici fattori come: il peso della donna prima del concepimento (preconcezionale), il grado di edema materno, il metabolismo materno, la dieta, il vomito o la diarrea, la quantità di liquido amniotico e la grandezza del bambino. AUMENTO IDEALE DEL PESO IN GRAVIDANZA 2 kg nelle prime 20 settimane 0,4 kg per settimana fino a termine 9-11 kg circa in totale DOVE VANNO A FINIRE I CHILI IN PIÙ? Muscoli e grasso 2,20 kg Sangue e liquidi 2,50 kg Mammelle 0,90 kg Utero 0,90 kg Placenta 0,60 kg Peso del feto 3,0 kg Liquido amniotico 0,90 kg

12 impaginato :17 Pagina UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO Sangue e sistema cardiovascolare La massa sanguigna aumenta sensibilmente durante la gravidanza. La massa cellulare aumenta per fornire la maggior quantità di ossigeno richiesta dai tessuti materni e placentari. Il volume della parte liquida del sangue in cui è sospesa la componente corpuscolata (plasma) aumenta dalla 10 a settimana di gravidanza, per raggiungere il massimo livello (da 2500 ml a 4000 ml) verso la a settimana e mantenersi a questi livelli fino al termine. Poiché la crescita del volume plasmatico è maggiore dell aumento delle cellule ematiche, si verifica un quadro di emodiluizione, caratterizzato da una diminuzione dei livelli della parte corpuscolata del sangue (ematocrito) dal valore normale di 40% a valori di 33% e di emoglobina (dai valori pregravidici normali di circa 12 g a un minimo di 10,5 g a fine gravidanza). I globuli bianchi aumentano leggermente, raggiungendo valori di unità/mm 3 ; la variazione più significativa riguarda i neutrofili, cellule del sangue appartenenti al gruppo dei globuli bianchi. I fattori della coagulazione aumentano, determinando una riduzione del tempo di coagulazione, con effetto protettivo nei riguardi delle emorragie, ma con un lieve aumento del rischio trombotico. Il cuore aumenta di grandezza, a causa del maggior carico di lavoro, si sposta verso l alto e a sinistra, ruotando verso in avanti. Il cuore lavora di più (in altre parole, aumenta la gittata cardiaca), perché deve pompare una quantità maggiore di sangue per soddisfare anche i bisogni del feto. Si osserva una diminuzione della pressione sanguigna, soprattutto nel secondo trimestre, che può causare senso di svenimento. Nell ultima parte della gravidanza è consigliabile evita-

13 impaginato :17 Pagina 13 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE 13 re la posizione supina, poiché l utero, comprimendo la vena cava, può provocare una severa ipotensione. Sistema respiratorio A gravidanza inoltrata, si ha una modificazione della gabbia toracica; in tal modo viene compensata la compressione del diaframma esercitata da un utero di dimensioni ormai notevolmente aumentate. La frequenza respiratoria non viene alterata, ma la quantità di aria respirata in un minuto aumenta da sette a undici litri. Funzionalità renale Dopo la ventesima settimana di gestazione, si verifica una dilatazione degli ureteri (con una certa prevalenza per l uretere destro) dovuta inizialmente all azione del progesterone e mantenuta successivamente dalla compressione meccanica esercitata dall utero gravido. Aumenta inoltre il flusso plasmatico renale e la quantità di sangue filtrato a livello del rene (filtrato glomerulare). Apparato digerente La gravidanza può comportare sensibili variazioni nell appetito, nel senso di sete o nel desiderio di alcuni cibi particolari. In molte donne, si manifesta un aumento dell appetito, più o meno duraturo, già dal primo trimestre. Generalmente, il senso di sete aumenta. È molto comune l insorgere di una forte predilezione o avversione per alcuni cibi, bevande o particolari odori, fenomeno che poi si attenua e scompare dopo il parto. Le gengive talora si presentano edematose, con facile tendenza alle emorragie. IIL SENSO DI SETE AUMENTA. PER SODDISFARLO, SARÀ CONSIGLIABILE BERE ACQUA OLIGOMINERALE, TISANE, SUCCHI DI FRUTTA.

14 impaginato :17 Pagina UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO ALCUNE MODIFICAZIONI DERMATOLOGICHE SONO CONSEGUENZA DELLO STIRAMENTO DELLA PELLE. COME VEDREMO PIÙ AVANTI, PER LIMITARE IL FENOMENO DELLE SMAGLIATURE È CONSIGLIABILE CONTERNERE L AUMENTO DI PESO. La salivazione è normale; ciononostante, viene riferita da molte donne gravide la sensazione soggettiva di ipersalivazione, causata non tanto da una maggiore secrezione delle ghiandole salivari quanto da una difficoltà a deglutire. Il progesterone, ormone secreto in maggior quantità in gravidanza, rilascia la muscolatura liscia e ciò ha un effetto importante sull intestino. Lo svuotamento gastrico e i movimenti di contrazione e rilasciamento del tubo intestinale (peristalsi) sono rallentati al fine di massimizzare l assorbimento di sostanze nutritive. A causa del lento svuotamento dello stomaco e della ridotta attività gastrica ed intestinale, si possono verificare bruciore di stomaco e stitichezza. Modificazioni dermatologiche Un aumentata attività dell ormone stimolante la melanina può causare una maggiore pigmentazione. Le donne si abbronzano più facilmente. Alcune sviluppano macchie più profonde, a chiazze, il cosiddetto cloasma. Molte donne notano una linea pigmentata (linea nigra) che dal pube va all ombelico. Anche l areola del capezzolo è coinvolta: in preparazione all allattamento la deposizione di melanina la irrobustisce. Man mano che le dimensioni dell utero aumentano si verifica lo stiramento dello strato di collagene della cute a livello mammario ed addominale. In alcune donne le aree di massimo stiramento si assottigliano ed appaiono delle linee rosse, le smagliature (diventano di colore bianco argenteo circa sei mesi dopo il parto). Spesso durante la gravidanza le donne sentono più caldo; ciò può essere dovuto all effetto del progesterone che aumenta la temperatura corporea di circa 0.5 c e alla maggiore vasodilatazione.

15 impaginato :17 Pagina 15 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE 15 Sistema nervoso In occasione della gravidanza e del parto, sentimenti come l amore e la paura vengono sollecitati costantemente anche se in misura variabile, secondo le circostanze esterne e la personalità della donna. È molto importante l atteggiamento del marito: la manifestazione di uno stato ansioso in occasione della gravidanza può determinare ripercussioni sfavorevoli anche sulla donna. Per ciò che riguarda quest ultima, i primi tre mesi di gestazione sono caratterizzati da una considerevole labilità emozionale, alla quale, quasi sempre, si associa l ansia. Non di rado coesistono sentimenti contrastanti, di amore e allo stesso tempo di rifiuto, nei riguardi del bambino. Il secondo trimestre è caratterizzato da una stabilizzazione emozionale: la donna dimostra fiducia in se stessa e notevole attivismo, di solito orientato verso i preparativi per il nascituro. Nel terzo trimestre compare spesso un certo grado di apatia, svogliatezza, affaticamento; la donna tende nuovamente a fare maggior affidamento sul marito o sui familiari nello svolgimento delle varie incombenze domestiche e nel prendere decisioni. Nelle ultime settimane, talvolta, ricompare l ansia soprattutto nei confronti del parto.

16 impaginato :17 Pagina UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO L APPROCCIO DIETETICO È IL PIÙ INDICATO PER LIMITARE IL PROBLEMA DELLA NAUSEA, CHE PUÒ RIPERCUOTERSI ANCHE SUL PESO DELLA DONNA. DISTURBI COMUNI IN GRAVIDANZA Nausea La nausea si manifesta in quasi il 50% delle donne gravide, in genere nel primo trimestre di gravidanza. Qualche volta si accompagna al vomito, che è più frequente al mattino e a volte è causato da una forte intolleranza nei confronti di odori e sapori particolari, che non si sopportano. Un primo approccio a questo antipatico disturbo può essere di tipo dietetico. Una soluzione può venire dal consumare pasti piccoli e frequenti, evitando cibi grassi, pesanti o fritti. Per esempio: due crackers integrali, dopo 2-3 ore mezza mela, dopo 2-3 ore grissini o l altra metà della mela, e così via. La dieta dev essere essenzialmente a base di cereali, crackers, grissini, patate lesse o al forno senza grassi aggiunti, carne magra, pesce, uova sode, burro in quantità limitatissime, biscotti secchi, gelato o budini, zucchero, marmellate o miele. Inizialmente, le bevande devono essere escluse durante i pasti. Può accadere che la persistenza e l aggravamento di questi sintomi (nausea e vomito) sia causa di dimagrimento e di malessere generale, come disidratazione ed astenia generale, fino ad imporre un breve ricovero. Questo stato caratterizzato da vomito esageratamente insistente, ormai divenuto patologico, si chiama iperemesi. In ospedale vengono effettuati degli esami di laboratorio per verificare il benessere materno, viene controllato il peso corporeo tenendo conto delle eventuali modificazioni ponderali. Inoltre vengono somministrate delle terapie endovenose (fleboclisi di soluzioni glucosate associate a farmaci che prevengono o alleviano la nausea ed il vomito antiemetici) e nutrizionali (consigli dietetici).

17 impaginato :17 Pagina 17 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE 17 Bruciore di stomaco È un disturbo presente a lungo in gravidanza poiché è legato alla nuova situazione ormonale. Il progesterone ormone presente in grandi quantità nel sangue delle gestanti ha un effetto antispastico e determina un rilasciamento della muscolatura gastrointestinale: ciò favorisce un reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago, causando dolore. A questo meccanismo si aggiunge, verso il termine della gravidanza, la compressione esercitata dall utero gravido sullo stomaco che ne induce l orizzontalizzazione. Stitichezza La causa di questa predisposizione in gravidanza è la presenza di grandi quantità di ormoni (progesterone) che determinano una diminuzione del tono della muscolatura intestinale, rallentando così l attività muscolare che provvede a trasportare e poi ad espellere le feci (peristalsi).! CONSIGLI frazionare i pasti masticare lentamente non coricarsi subito dopo mangiato usare antiacidi prescritti dal medico di famiglia mangiare verdure ricche di fibre evitare caffè e bevande alcoliche non mangiare frutta con la buccia e non matura, né sughi speziati, salumi ed insaccati rimedi naturali: varie tisane, l acqua di melissa! PREVENZIONE masticare a lungo gli alimenti (15-20 volte ogni boccone) bere almeno due litri d acqua al giorno, meglio se a temperatura ambiente assumere cibi integrali e cereali (riso integrale, orzo, avena, mais, granoturco, pane nero, crusca, ecc.) introdurre fibre (ananas, albicocche, lattuga, zucca, radici) non lasciare la tavola con la sensazione di sazietà bere un cucchiaio di olio d oliva prima dei pasti alimentarsi soprattutto la mattina e a mezzogiorno, e consumare una cena leggera mangiare la frutta (prugne o mele cotte) tra un pasto e l altro, piuttosto che alla fine dei pasti fare uso di verdure cotte evitare di mangiare in piedi evitare i cibi salati limitare il latte e i latticini perché, fermentando, producono gas e vanno ad alterare la motilità intestinale avvertendo lo stimolo alla defecazione, non ritardare l evacuazione dedicare del tempo ad un attività fisica moderata ma costante

18 impaginato :17 Pagina UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO! SEMPLICI REGOLE DA SEGUIRE mangiare tre volte al giorno senza mai saltare i pasti sostituire il primo piatto con un piatto di verdure fresche non mangiare fuori pasto praticare una modesta attività fisica Eccessivo aumento di peso Un eccessivo aumento di peso comporta un affaticamento per la madre e può predisporre al diabete ed alla gestosi (condizione tossica nella quale compaiono una serie di alterazioni quali aumento della pressione arteriosa, comparsa di notevoli quantità di proteine nelle urine e di edemi). Inoltre può essere favorita la comparsa di altre condizioni spiacevoli, quali smagliature cutanee, varici agli arti inferiori, parto più laborioso, obesità del nascituro. Se si ingrassa eccessivamente significa che si eccede nel nutrirsi: si mangia ad ogni ora del giorno, magari cioccolata, insaccati, o si bevono bevande dolci e gassate! Voglie Tra gli alimenti oggetti di voglie, i più comuni sono il gelato, le fragole, il cioccolato, i dolci in genere, i succhi di frutta e le spremute d agrumi. Tra le avversioni più frequenti vi sono quelle per il caffè e per la carne (circa il 10% delle donne gravide). Attenzione, però, perché voglie ed avversioni possono in qualche modo alterare l apporto nutrizionale della futura mamma. Modificazioni del seno Gli ormoni che vengono prodotti in gravidanza sono causa di significativi mutamenti del seno, che aumenta di volume, è indolenzito, rimane più sodo e turgido fino al parto. È frequente una maggiore evidenza delle venule sottocutanee e la comparsa di smagliature, per rottura delle fibre elastiche della cute. È necessario che il seno sia sostenuto da un comodo reggiseno di cotone; è consigliato l uso di oli e creme vegetali (crema all olio di mandorle), utili per mantenere più morbida ed elastica la pelle.

19 impaginato :17 Pagina 19 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE 19 Svenimenti È frequente, durante la gestazione, che si verifichino dei cali della pressione arteriosa (episodi lipotimici). L ipotensione all origine di questi eventi può essere aggravata da movimenti bruschi, da cambiamenti di posizione, o a causa del calo di zucchero nel sangue (ipoglicemia) possibile soprattutto negli intervalli lunghi tra i pasti. Stanchezza In gravidanza è normale avvertire una sensazione di spossatezza e aumenta il bisogno di dormire. Buone regole sono riposare più a lungo, non affaticarsi durante la giornata, evitare ambienti invasi dal fumo, con aria viziata e fonte di stress.! CONSIGLI non stancarsi troppo non stare troppo in piedi alzarsi lentamente dalle posizioni di seduta e sdraiata assicurarsi di introdurre adeguatamente liquidi, vitamine e sali minerali avvertendo la sensazione di svenimento, è opportuno coricarsi immediatamente sul fianco sinistro Secrezioni vaginali Le secrezioni vaginali aumentano in gravidanza per effetto degli estrogeni prodotti. Le mucose sono edematose, le secrezioni ghiandolari e il trasudato vaginale aumentano. La gravidanza predispone, però, alle vaginiti che si manifestano con la comparsa di secrezioni biancastre o giallastre, di bruciori e di prurito. Per cercare di prevenire le infezioni può essere utile usare biancheria di cotone, comoda e ampia; lavarsi spesso con acqua pura e saponi neutri, evitando di trasportare meccanicamente germi dalla zona perianale a quella vulvare. È IMPORTANTE LAVARSI SPESSO CON ACQUA PURA E SAPONI NEUTRI. Varici ed emorroidi Le varici sono delle vene dilatate e tortuose che possono presentarsi con maggior frequenza, nelle gravide, agli arti inferiori o in regione vulvare. Sono determinate da un di-

20 impaginato :17 Pagina UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO! PREVENZIONE prolungato riposo con gambe innalzate evitare di stare a lungo in piedi passeggiare camminare in acqua, portare scarpe comode con tacco basso e pianta larga indossare calze elastiche ed evitare le fonti di calore minuito ritorno del sangue venoso dalla periferia verso il cuore. In gravidanza si può avere uno sviluppo o un accentuazione di tale evento, a causa di un alterazione dell equilibrio ormonale, alla pressione del grosso utero gravidico sui vasi addominali e all aumento della quantità del sangue circolante. La comparsa di varici è influenzata dall ereditarietà, ma alcune abitudini peggiorano i disturbi: sedere con le gambe accavallate rimanere a lungo ferme in piedi sostare presso fonti di calore fare bagni troppo caldi e prolungati. I primi segnali di varici alle gambe sono la comparsa di pesantezza, di formicolio ai polpacci e di piedi gonfi (edemi alle caviglie ed ai piedi). In seguito si evidenziano le varicosità e si delinea un reticolo venoso. Le emorroidi sono dilatazioni patologiche di vene situate nel canale anale (emorroidi interne) o attorno all ano (emorroidi esterne). Fattori ereditari e stitichezza predispongono alla loro insorgenza. Determinano fastidio, dolore, prurito e perdita di sangue con le feci. Le emorroidi tendono a peggiorare durante il parto, dopo il quale possono diventare un vero tormento, per fortuna breve, che può essere alleviato mediante l uso di pomate specifiche anche a base di sostanze naturali (propoli, estratti di hamamelis e di rusco). Il problema fondamentale è quello di evitare la stitichezza; possono essere d aiuto: una dieta ricca di scorie verdura verde, crusca, cibi integrali bere molto ed evitare alimenti irritanti come le spezie e le bevande alcoliche una scrupolosa igiene personale.

21 impaginato :17 Pagina 21 LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE 21 Crampi muscolari Nel secondo trimestre di gravidanza, possono comparire fastidiosi e dolorosi crampi ai polpacci, notturni. La causa può essere dovuta a carenze di calcio o di potassio (squilibri elettrolitici) o a cattiva circolazione venosa. Un dolore pubico può essere legato al rilassamento dei legamenti caratteristico della gravidanza. Esistono molti esercizi di ginnastica capaci di attenuare questi disturbi. Mal di schiena Il mal di schiena è la conseguenza della nuova posizione che le gravide tendono ad assumere a partire dalla a settimana di gestazione a causa dell aumento di volume dell utero. Si determina una postura con le spalle all indietro (lordosi della colonna vertebrale). Tutto il carico sulla colonna si modifica e le articolazioni e i legamenti si schiacciano. A volte il mal di schiena può essere accompagnato anche da dolore da compressione del nervo sciatico che si irradia ai glutei ed alle gambe (sciatalgia).! PREVENZIONE Riposare su un letto con fondo sufficientemente rigido evitare di incavare la schiena quando si sta in piedi astenersi dal sollevare pesi eccessivi usare scarpe a pianta larga e tacco basso dovendo stare sedute, non incurvare mai la schiena ma appoggiarla bene allo schienale dovendo flettersi per raccogliere qualcosa, piegare le ginocchia e non la schiena.

22 impaginato :17 Pagina UN PERCORSO DI CAMBIAMENTO IL MODO MIGLIORE DI PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA È QUELLO DI AGIRE SUL PROPRIO STILE DI VITA, METTENDO IN PRATICA, SIA AL LAVORO SIA IN CASA, OPPORTUNE REGOLE COMPORTAMENTALI FINALIZZATE ALLA TUTELA DELLA PROPRIA SALUTE. È FONDAMENTALE IMPARARE A RICONOSCERE TUTTI QUEI MOVIMENTI E QUELLE POSIZIONI POTENZIALMENTE DANNOSE, VIGILANDO SULLA RELAZIONE TRA SFORZO FISICO E AUMENTO DEI SINTOMI RELATIVI ALL INSORGENZA DEL MAL DI SCHIENA. No Sì No Sì No Sì Disturbi vescicali L utero, crescendo, comprime la vescica. Fin dall inizio della gravidanza, di conseguenza, molte donne avvertono più frequentemente il bisogno di urinare. Bisogna, quindi, accettare con serenità questo piccolo inconveniente. È importante, però, riconoscere i sintomi di un eventuale infezione urinaria (per esempio, sensazione di bruciore) e in tal caso contattare subito il proprio ginecologo.

23 impaginato :17 Pagina 23 UN PERCORSO DI VIGILANZA LA GRAVIDANZA DI SETTIMANA IN SETTIMANA Più o meno a metà fra una mestruazione e l altra, ma non sempre, avviene l ovulazione. L ovulo maturo, rilasciato dall ovaio, discende verso la tuba, dove avviene il concepimento se questi incontra uno spermatozoo. L uovo può vivere 24 ore dopo essere stato rilasciato, mentre gli spermatozoi, che sono centinaia di milioni, possono vivere per qualche giorno all interno delle vie genitali femminili. La probabilità di rimanere incinta è maggiore se il rapporto sessuale avviene il giorno prima dell ovulazione. Il prodotto del concepimento scende dalla tuba verso la cavità uterina, dove avviene l impianto. ECCO UNO SPERMATOZOO CHE FECONDA UN UOVO. LO SPERMATOZOO È UNA CELLULA MOLTO ALLUNGATA, CHE MISURA CIRCA 65 MICROMILLIMETRI DI LUNGHEZZA.

24 impaginato :17 Pagina UN PERCORSO DI VIGILANZA 4-5 settimane È possibile eseguire un test di gravidanza su urine già il primo giorno dopo la mancata mestruazione, utilizzando preferibilmente le prime urine del mattino. Se positivo, raramente si tratta di un errore. Se negativo, il risultato è meno affidabile e l esame deve essere ripetuto dopo qualche giorno. L embrione si fissa alla parete dell utero (annidamento) con piccole radici che lo collegano alla circolazione sanguigna materna. Alla fine del primo mese non è più lungo di 5 mm, ma il cuore batte già, il cervello inizia a formarsi e il sesso è determinato, anche se ovviamente non si può ancora vedere con l ecografia. UN EMBRIONE DI OTTO SETTIMANE CIRCONDATO DALLA MEMBRANA AMNIOTICA. L EMBRIONE MISURA 20 MM; È VISIBILE L OCCHIO E, SULLA SINISTRA, IL CORDONE OMBELICALE. 6-7 settimane Il battito del cuore può essere visto con l ecografia. Il cervello dell embrione inizia a svilupparsi. Alla fine di questo periodo, l embrione è lungo circa 10 mm. 8-9 settimane Se ancora non è stato fatto, conviene prendere l appuntamento per il primo controllo in gravidanza; è consigliabile non andare oltre questo periodo. Procede la formazione di occhi, bocca, orecchie, mani e piedi, cuore, polmoni, reni, fegato ed intestino. L embrione cresce fino a 22 mm settimane Alla 12 a settimana il feto è completamente formato e d ora in avanti dovrà crescere e maturare. Il feto si muove, ma i suoi movimenti non possono an-

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Settimane 1-8 : comincia una nuova vita

Settimane 1-8 : comincia una nuova vita Settimane 1-8 : comincia una nuova vita È così emozionante Sei incinta e la tua vita non sarà più la stessa! Lo dirai al mondo o manterrai il tuo segreto ancora un po? (il conto delle settimane lo si inizia

Dettagli

Sempre con te, passo dopo passo MUTAMENTI FISIOLOGICI IN GRAVIDANZA

Sempre con te, passo dopo passo MUTAMENTI FISIOLOGICI IN GRAVIDANZA MUTAMENTI FISIOLOGICI IN GRAVIDANZA Mutamenti fisiologici in gravidanza 1) Sistema riproduttivo 2) Mammelle 8) Sistema renale 9) Derma 3) Peso corporeo 10) Scheletro 4) Fabbisogno energetico 5) Sistema

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO PRESIDIO OSPEDALIERO E DIPARTIMENTO A.S.S.I. Servizio Famiglia Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia o sole, felici o preoccupate per

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO Il corretto comportamento del paziente prima di un esame di laboratorio contribuisce in modo importante all'accuratezza diagnostica della procedura. Viceversa, il

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della

Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della 1. ACQUA E PESO CORPOREO 36 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente in maggior

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Dott. Gustavo Boemi U.O.C. Ginecologia e Ostetricia. P.O. Garibaldi Nesima. Catania. Specialista in Ginecologia e Ostetricia. Università

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo 1 PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Quando si programma l arrivo di un bebè La gravidanza è un evento unico e speciale nella vita di una donna e ogni donna

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

La gravidanza per la donna

La gravidanza per la donna encathopedia La gravidanza per la donna con lesione midollare Consulenza pre-concezionale Fattori da considerare Parto e travaglio Con il contributo della dottoressa Lorita Cito Fattori da considerare

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali La domanda che ogni donna in gravidanza rivolge al proprio ginecologo e quali esami eseguire per essere certi che il proprio bambino

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali

Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Il passa o p rto per la futura mamma Consigli ed informazioni utili per la gravidanza per rendere più tranquillo e sereno

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

10 LA FLORITERAPIA IN GRAVIDANZA

10 LA FLORITERAPIA IN GRAVIDANZA Premessa La gravidanza è un periodo intenso di trasformazioni. Accogliere e far crescere dentro di sé un bambino porta a vivere tante nuove emozioni e, per quanto una donna sia informata e preparata, l

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara Sorveglianza prenatale n E la sistematica e attenta valutazione della donna gravida con lo scopo di

Dettagli

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino SONO INCINTA informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino Gruppo di progetto Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Autrici: Rosaria Cacace, Clinica Ostetrica

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP)

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) DIAGNOSI PRENATALE SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) offrire ai genitori e al medico le migliori informazioni possibili sui rischi di dare alla luce un bambino affetto da un'anomalia congenita o da una

Dettagli

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni)

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni) Sistema Riproduttore Femminile (struttura e fisiologia) Il s.r.f. si compone di strutture atti alla produzione di gameti, le ovaie, e di una serie di organi che ne completano la funzionalità. L ovaio è

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

Manuale d istruzioni per future mamme. (è tutto molto più semplice di quello che credi)

Manuale d istruzioni per future mamme. (è tutto molto più semplice di quello che credi) Manuale d istruzioni per future mamme (è tutto molto più semplice di quello che credi) Una raccomandazione Non tutto quello che trovi in internet è scentificamente affidabile, per quanto riguarda la gravidanza

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE Segnali d allarme Gran parte delle malattie renali si possono comportare come killer silenziosi : operano indisturbate, senza sintomi, per anni e, quando i loro effetti si

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Urgenza nella donna gravida

Urgenza nella donna gravida Capitolo 11 Urgenza nella donna gravida A cura di Stefano Stipa 1 1 Medico 1 1. Urgenza nella donna gravida Obiettivi Formativi: 1) Assistenza al parto; 2) Primo Soccorso alla donna gravida e al neonato.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO

LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO indicazioni alimentari esercizi di stretching esercizi per potenziamento muscolare esercizi per resistenza all affaticamento preparazione invernale

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli