Linfadeniti infettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linfadeniti infettive"

Transcript

1 Linfadeniti infettive Giacomo Magnani, Ermanno Gabbi SC Malattie Infettive Az. Ospedaliera Asmn di Reggio Emilia Corso di formazione specifica in Medicina Generale, Reggio Emilia, 8/3/2013

2 Linfonodo normale Aspetto ovalare Diametro <1 cm Peso di ~1 gr ~ 2000 milioni di linfociti Transito di linfociti per ora = tre volte il peso.

3 Tre aree : Corticale: costituita da linfociti B e macrofagi strutturati in follicoli; Paracorticale: costituita da linfociti T e cellule dendritiche; Midollare: costituita da minore quota di linfociti e da plamacellule attivate (produzione anticorpale) Funzioni: Barriera difensiva Differenziazioni e maturazione dei linfociti. Innesto della risposta immune adattativa.

4 Patofisiologia della linfoadenopatia Infezione iniziale RTI Faringite Otite media Infezione odontogena Drenaggio da parte dei linfonodi afferenti Cattura dei germi da parte di macrofagi e cellule dendritiche Presentazione associata a molecole MHC. Presentazione alle cellule T Formazione di cloni cellulari Rilascio di citochine inducenti chemiotassi Attivazione del sistema B Produzione anticorpale Attivazione immunitaria permanente

5 Patofisiologia della linfoadenopatia (cont) Risultato della attivazione del sistema immunitario Iperplasia cellulare Infiltrazione leucocitaria Edema tissutale Vasodilatazione e leakage capillare Dolore da distensione capsulare

6 Linfadenopatia: definizioni Linfonodi anomali > 2 cm nei bambini > 1,0 cm negli adulti consistenza anomala aspetto rotondeggiante Durata acuta: < 2 settimane sub-acuta : 2-6 settimane cronica: > 6 settimane. Sede localizzata: 1 sola area interessata generalizzata: 3 aree, non contigue

7 Epidemiologia Bambini: nell 80% dei casi le linfoadenopatie sono reattive, spesso da cause infettive. Adulti: più frequentemente che nei bambini le cause sono non infettive (autoimmuni, linfoproliferative) rischio di eziologia neoplastica in aumento con l età : 60% in età > 50 anni (valutazioni differenti in area tropicale, subtropicale).

8

9 Linfoadeniti virali Mononucleosi infettiva (EBV) Rosolia HSV 2 ( Herpes genitale ) HSV 1 (Gengivostomatite ) HIV ( PGL) Adenovirus ( Febbre faringocongiuntivale, Congiuntivite epidemica ) infezioni vie respiratorie

10 Linfoadeniti batteriche Staphilococcus aureus Streptococco β-emolitico gr.a Haemophilus influenzae tipo B Micobacterium tuberculosis Micobatteriosi non tubercolare Bartonella henselae (M. graffio di gatto) Yersinia pestis ( Peste) Brucella melitensis Treponema pallidum (lue secondaria) Leptospira interrogans (leptospirosi) Francisella tularensis (tularemia)

11 Linfoadeniti fungine e parassitarie Histoplasma capsulatum Sporothrix schenckii Toxoplasma gondii Leishmania Trypanosoma brucei

12 Caso clinico 1 Donna di 26 anni, senza patologie precedenti, da 7 gg presenta febbre elevata (38 C), faringodinia e malessere generale. All esame obbiettivo: moderata ipertrofia tonsillare con placche biancastre, eritema faringeo diffuso, linfoadenopatia cervicale anteriore, posteriore ed ascellare bilateralmente con linfonodi di cm, di consistenza duro-elastica, lievemente dolenti. Quale ipotesi diagnostica? Che cosa fareste?

13

14 Caso clinico 1: indagini richieste Emocromo completo VES LDH GOT, GPT Monotest (ricerca Ab eterofili) Sierologia per EBV e CMV

15 Caso clinico 1 GB = /mm 3, L 55%, M 10% (10-20% linfociti atipici) VES = 13 1h GOT 180 UI/ml, GPT 245 UI/ml Monotest positivo Positività Ab IgM anti EBV (ELISA) Negatività Ab IgM/IgG anti CMV (ELISA) Mononucleosi infettiva da EBV

16 Linfocita atipico (cellula di Downey ) in un paziente con ( Wright Giemsa ) mononuclosi infettiva Linfocita grande, con abbondante citoplasma, vacuoli citoplasmatici, cromatina nucleare non compatta, e dentellatura della membrana cellulare da parte degli eritrociti circostanti. Non è patognomonico della MI; presente anche nella infezione da CMV, rosolia, toxoplasma Si tratta di linfociti T (EBV infetta linfociti B)

17 Mononucleosi infettiva Caratteristiche cliniche Prevalente in soggetti di età compresa tra anni Periodo di incubazione di giorni. Fase acuta spesso preceduta da periodo prodromico: facile affaticabilità, cefalea, malessere. andamento spesso subclinico nei bambini e grave negli adulti/anziani. Segni e sintomi: Febbre Faringodinia Malessere generale Cefalea Dolore addominale, nausea e vomito (epatite concomitante) Dolore toracico e tosse Mialgie

18 Mononucleosi infettiva Indizi clinici diagnostici Aumento di volume delle tonsille, tonsillite essudativa ed infiammazione faringea (può essere indistinguibili da faringite streptococcica o da altri virus) Linfoadenopatia: colpisce principalmente le stazioni cervicali posteriori, ma può essere generalizzata. Linfonodi simmetrici, isolati, dolenti, ma non fissi. Epatomegalia (50% dei casi) con alterazione dei test di funzionalità epatica nell 80% dei casi. Raro l ittero. Splenomegalia (75% dei casi). Esantema maculo-papuloso: in meno del 5% dei casi; spesso favorito dall uso di ampicillina. Enantema petecchiale sul palato molle.

19 Mononucleosi infettiva Alterazioni ematologiche Linfomonocitosi: aumento assoluto e relativo ( > 50%) delle cellule mononucleate periferiche con 10-20% di linfociti atipici. Il n. GB = per mm3 a partire dalla 2-3 sett; può arrivare a facendo pensare ad una reazione leucemoide. Presenza di anticorpi eterofili: reagiscono con gli antigeni di superficie delle emazie di montone e di cavallo, non con le cellule renali di cavia = test di Pul Bunnel- Davidsohn. Risposte anticorpali non specifiche (FR, crioglobuline...). Diagnosi sierologica Monotest: identifica la presenza di anticorpi eterofili specifici; test rapido; falsi positivi rari, falsi negativi nel 10-15% dei casi (positività del 40% alla 1 sett., 60% alla 2 sett, 80-90% alla 3 sett.) Sierologia per EBV (ELISA per IgG ed IgM)

20 Levels of Antibodies Specific to Epstein Barr Virus (EBV) during Infectious Mononucleosis and Convalescence Luzuriaga K, Sullivan J. N Engl J Med 2010;362: Anticorpi IgM contro l antigene viro-capisdico (VCA-IgM): sono presenti nell infezione primaria e scompaiono in 1-2 mesi. Anticorpi IgG contro l antigene viro-capisdico (VCA-IgG): compaiono immediatamente dopo le VCA-IgM e la comparsa dei sintomi, persistono a titoli bassi per tutta la vita. Anticorpi contro l antigene nucleare (EBNA): compaiono dopo 3-4 settimane dall insorgenza della MI e perdurano per tutta la vita.

21 Trattamento e follow-up Conclusions and Recommendations Prevalentemente di supporto; Non disponibile una terapia antivirale specifica; NON indicata terapia corticosteroidea nei casi non complicati. NON indicata terapia antibiotica: ampicillina/amoxicillina può determinare la comparsa di esantema maculopapuloso. Guarigione senza sequele e ritorno alla normale attività entro 2 mesi nella maggior parte dei casi; In alcuni soggetti può persistere astenia per alcuni mesi (tranquillizzare!!); NO attività sportiva per 2-3 mesi per rischio rottura di milza. NON indicate speciali precauzioni per evitare la trasmissione (la maggioranza della popolazione è EBV-positiva).

22 Complicanze Meningite, encefalite, corea, sindrome di Guillan Barrè, paralisi di Bell (n. faciale), mielite trasversa Epatite Anemia emolitica (Coombs positiva,1-3% dei casi), trombocitopenia, granulocitopenia Rottura della milza (0,2% dei casi) Pericardite e miocardite (rare) Sinfrome nefrosica e nefrite (rara) Cheratocongiuntivite, neurite ottica Ostruzione vie aeree (tonsillite ostruttiva, formazioni di pseudomembrane).

23 Diagnostica differenziale Citomegalovirus Toxoplasmosi HIV (infezione primaria) Angina streptococcica Rosolia Epatite virale Tubercolosi Brucellosi Sindrome simil mononucleosica

24 Sindrome simil-mononucleosica Febbre Angina Linfoadenopatia generalizzata Linfomonocitosi Malessere Cefalea Mialgie

25 CMV 5-10% di tutti i casi di sindrome simil mononucleosica Differenze cliniche con la MI da EBV: Interessa persone più anziane (età compresa tra anni); Bassa incidenza di faringite e linfoadenopatia; Splenomegalia meno evidente. Diagnosi Monospot negativo; Positività anticorpi IgM anti CMV (ELISA) Bassa avidità per IgG anti EBV (nei casi con positività IgG/IgM anti CMV). Terapia Terapia antivirale disponibile (ganciclovir, foscarnet) ma generalmente non indicata.

26 Toxoplasmosi Zoonosi ubiquitaria causata da Toxoplasma gondii. T. gondii infetta ogni tipo di mammifero e volatile, ma si può riprodurre solo nell intestino del gatto. Nell intestino del gatto si formano le oocisti, molto resistenti (all aria, agli acidi, agli enzimi digestivi), che, ingerite, si trasformano in forma vegetativa, poco resistente. Il ciclo si completa quando il gatto ingerisce la forma vegetativa, che in esso genera le oocisti. Modalità di trasmissione: Uso di carne cruda o poco cotta; Uso di verdure contaminate con le feci del gatto; Transplacentare da madre con infezione primaria.

27 Toxoplasmosi L infezione é molto diffusa (sierologia pos. nel 40% degli adulti), ma la malattia nell immunocompromesso si manifesta di rado: Interessa prevalentemente soggetti nella 2-4 decade di vita; Nel 10-20% malattia autolimitante con linfoadenopatia laterocervicale o retronucale come unica manifestazione; Interessato spesso una sola stazione linfonodale, in genere cervicale posteriore, cervicale anteriore, ascellare o suboccipitale. Linfonodi reattivi, consistenza e dimensioni variabili. Nel 15% dei casi presenti febbre, cefalea, faringodinaia e mialgie; Raramente quadro simil-mononucleosico In alcuni casi la linfoadenopatia può durare mesi settimane (può far porre quesiti diagnostici su possibile LH/LNH).

28 Mononucleosi da T. gondii Differenze con MI classica: Linfoadenopatia generalizzata rara, più spesso localizzata in cervicale posteriore; Faringite non marcata o assente; Assente la splenomegalia; Test di funzionalità epatica generalmente normali.

29 Toxoplasmosi Rischio di danno fetale nei neonati da madre con infezione primaria durante la gravidanza: ~ 60% delle gravide in Italia sono a rischio d'infezione primaria; trasmissione fetale solo in corso di infezione primaria materna; l'infezione nella gravida non è sinonimo di toxoplasmosi congenita: il rischio di trasmissione fetale dipende dall'epoca gestazionale: dal 6% se l'infezione materna è contratta nel primo trimestre, fino a > 90% in caso di infezione dopo la settimana di gravidanza; L entità del danno fetale è invece inversamente proporzionale all epoca di infezione materna; Per la relazione inversa tra età gestazionale, tasso di trasmissione e danno fetale, il periodo a più alto rischio per il feto si colloca tra la 24a e la 30 settimana di gravidanza.

30

31 Toxoplasmosi: diagnosi Sierologia per IgG ed IgM anti toxoplsma (ELISA) Test di avidità per IgG anti toxoplasma (ELISA) Esame fundus oculi (possibile corioretinite) Biopsia linfonodale (quadri atipici o LNA persistente).

32 Sierologia anti toxoplsma (ELISA)

33

34 Toxoplasmosi: trattamento Indicazioni e schemi terapeutici: Infezione primaria nella gravida senza segni di infezione fetale: Spiramicina 9 MUI/die (in tre somministrazioni) sino al parto. Infezione primaria nella gravida con segni di infezione fetale: Pirimetamina 50 mg/die + Sulfadiazina 3-4 gr/die + ac folinico mg/die sino al parto. Infezione del neonato: Pirimetamina 2 mg/kg/die per i primi due giorni, poi 1 mg/kg/die per due mesi;quindi per tre giorni la settimana per altri dieci mesi+ sulfadiazina 100 mg/kg/die + di ac. folinico 7.5 mg due volte la settimana. Adulto con sintomi sistemici gravi e persistenti o corioretinite: Pirimetamina 50 mg/die + Sulfadiazina 3-4 gr/die + ac folinico mg/die per 3-4 settimane.

35 Caso clinico 2 Maschio di 39 anni, ricoverato per persistenza da 7 giorni di: febbre elevata (38,5-39*C) cefalea intensa faringodinia mialgie agli arti inferiori, lombalgia bilaterale Esame obbiettivo: esantema eritematoso al volto, al tronco ed agli arti (non coinvolti palmo delle mani e piante dei piedi) Linfonodi < 1 cm, ovalari, duro-elastici non dolenti, retronucali e cervicali bilateralmente Splenomegalia lieve cavo orale e faringe indenni Non segni meningei; nulla a cuore, polmone ed addome. Riferiti rapporti sessuali penetrativi protetti e rapporti orali non protetti con altri uomini, nelle settimane precedenti.

36 Caso clinico 2 GB 8.200, N 65%, L 40%, PLT ; VES, PCR, indici di funzionalità epatica e renale nella norma. Emocolture, coltura tampone faringeo negativi. Sierologie per CMV, EBV: IgG da pregressa infezione. Rx torace ed ECT addominale negativi. Quale ipotesi diagnostica? Che cosa fareste?

37 Caso clinico 2 Sierologia per Lue negativa. Positività HIV Ab (ELISA e WB) CD4= 31%, 960/mcl CD4/CD8 = 0.8 HIV-RNA = copie/ml. Scomparsa dell esantema e dei sintomi in 2 settimane. Persistenza della linfoadenopatia superficiale a distanza di 6 mesi. SINDROME MONONUCLEOSIVA IN CORSO DI INFEZIONE ACUTA DA HIV

38

39

40 Approximate time course of viral and antibody changes during primary HIV infection. Das G et al. BMJ 2010;341:bmj.c4583

41

42 Quando effettuare la sierologia per HIV In presenza delle seguenti condizioni: Provenienza da aree ad alta endemia (ad es AFR subsahariana) Segni clinici alert : linfoadenopatia superficale febbre prolungata, inspiegabile candidosi orale herpes zoster Infezioni polmonari recidivanti trombocitopenia Patologie specifiche alert: MST tubercolosi LNH sindrome nefrosica sindrome mononucleosica EBV e CMV neg.

43 Nuovi riscontri di infezione da HIV, nel periodo presso le SC di Malattie Infettive di Reggio Emilia e Modena Età < 49 anni Età 50 anni Totale p value 685 (86,6%) 106 (13,4%) 791 Maschi n (%) 445 (65,0%) 88 (93,0%) 533 (67,4%) < 0,001 Età (anni)* 34 (28 39) 56 (52 62) 35 (29 42) < 0,001 Via trasmissione - Tossicodipendenza 109 (15,9%) 1 (0,9%) 110 (13,9%) - Eterosessuale 399 (58,2%) 85 (80,2%) 484 (61,2%) > 0,001 - Omosessuale 177 (25,8%) 20 (18,9%) 197 (24,9%) Stranieri 257 (96,6%) 9 (3,4%) 266 (33,6%) *Mediana e Range InterQuartile

44 Screening per HIV Richiesta Non sistematica (?) Non urgente ( generalmente) Mai senza il consenso del paziente Ruolo del medico Preparazione +++ e consenso del paziente Consegna del risultato da parte del medico +++ Counselling (non telefonico...) Test Elisa ± Western Blot

45 Epidemiologia Rosolia L agente causale è un Togavirus (virus ad RNA) L uomo è l unico ospite Trasmissione mediante secrezioni respiratorie (da 7 a + 7 giorni dall esordio del rash) Penetrazione attraverso la congiuntiva o la mucosa respiratoria Contatti stretti e prolungati (minore contagiosità rispetto al morbillo) Il neonato con infezione congenita rimane portatore del virus per mesi importante, pericolosa fonte di contagio

46 Rosolia Epidemiologia (cont.) Malattia endemica, ubiquitaria Picchi epidemici ogni 5-10 anni Prevale nei bambini (età scolare), ma colpisce anche adulti Incidenza stagionale : inverno, primavera Lascia immunità permanente: 80% adulti hanno Ab protettivi

47 Rosolia Patogenesi Replicazione virale nel naso-faringe e linfonodi regionali Viremia dopo 5-7 giorni dall esposizione Incubazione giorni (media: 18 giorni) Contagiosità: da 7 giorni prima a 5-7 giorni dopo la comparsa dell esantema

48 Rosolia acquisita Clinica Il 25-50% delle infezioni sono asintomatiche Sintomi generali lievi (febbre) Esantema maculopapulare non confluente, lesioni 2-3 cm, con diffusione cranio caudale L esantema inizia contemporaneamente alla febbre e regredisce senza desquamazione Linfoadenopatia interessante le stazioni sottoccipitali, retronucali e cervicali; compare una settimana prima dell esantema e può persistere per giorni. Plasmacellule in circolo (15-20%) e monociti (25-30%)

49 Rosolia: esantema

50 Rosolia acquisita Complicanze Artralgie e artriti in 1/3 degli adulti; persistono per settimane e regrediscono senza reliquati. Colpite le grosse articolazioni. Virus isolato dal liquido sinoviale Trombocitopenia Encefalite rubeolica (1 caso/6000). Letalità > 20 % casi; guarigione senzan reliquati.

51 Rosolia Trasmissione materno-fetale Transplacentare Nel corso della fase viremica della donna (anche senza manifestazioni cliniche) Possibile durante tutta la gravidanza

52 Rosolia congenita Il virus può infettare tutti gli organi fetali Il rischio è particolarmente elevato nel 1 trimestre di gravidanza I bambini con RC possono diffondere virus per oltre 1 anno

53 Manifestazioni cliniche della Rosolia congenita Dipendono dall età gestazionale al contagio Possono interessare qualunque organo o apparato Vengono tradizionalmente distinte in transitorie, permanenti e tardive

54 Rischio di sintomi da rosolia congenita in rapporto all età gestazionale Età gestazionale (settimane) Rischio complessivo di sintomi da infezione congenita (%) < >36 tot Adattato da: Remington, 2000

55

56

57 Caso clinico 3 Maschio di 14 anni, anamnesi in precedenza negativa; Comparsa dopo 3 giorni da graffio di gattino di papula all avambraccio dx (sede del graffio), e dopo 10 giorni di linfoadenopatia dolente in ascellare omolateralmente. Comparsa anche di febbricola, cefalea, malessere e faringodinia. Esami di loaboratorio: VES, indici di funzionalità epatica, renale normali; sierologia per EBV positiva per IgG ed IgM. sierologia per CMV e toxoplasma negativa. Posta diagnosi di infezione acuta da EBV: corretto?

58 Caso clinico 3 Nelle settimane successive: aumento di volume della linfoadenopatia ascellare e persistenza dei sintomi generali. Esame obbiettivo: in ascellare destra, alcuni linfonodi di diametro > 2 cm, consistenza molle, fissi tra loro e con il tessuto sovrastante, edematoso ed arrossato. Ecografia linfonodale: linfonodi > 2 cm con aspetto necrotizzante. Agoaspirato linfonodale; 8 cc di liquido denso mucoso; tappeto di granulociti e detriti cellulari, non cellule neoplastiche.

59 Caso clinico 3

60 Caso clinico 3 VES 48 AST (GOT) ALT (GPT) Fosfatasi alcalina Gamma-GT Leucociti Eritrociti Emoglobina Piastrine Neutrofili Linfociti Monociti Eosinofili Basofili

61 Caso clinico 3 Sierologia per B. henselae Sierologia per Francisella tularensis Negativa Negativa Agoaspirato linfonodale : - Coltura per batteri anaerobi ed aerobi - Coltura per Micobatteri e Nocardia Negativa Negativa Quale diagnosi: Linfoadenite da graffio di gatto?

62 Caso clinico 3 Trattamento con azitromicina 500 mg die per 3 settimane. miglioramento dei sintomi generali non significativa modifica della linfoadenite Agoaspirato terapeutico della linfoadenopatia, 1-2 volte la settimana, per 4 settimane (rischio di fistolizzazione e dolore). Guarigione completa, senza reliquati, in 4 mesi.

63 Malattia da graffio di gatto (CSD) Causata da un batterio Gram negativo, Bartonella henselae. Trasmessa all uomo dal morso o dal graffio di gatto (in genere giovani animali) nel 95% dei casi e del cane nel 4%. Nell 1% dei casi non sembra esserci stato contatto con alcun animale. Sono interessati più frequentemente i bambini e gli adolescenti. L animale viene infettato dalle pulci, ma anche se infetto è asintomatico.

64

65 Malattia da graffio di gatto tipica : clinica Papula dopo 3-5 giorni dal graffio (50%) Linfoadenopatia regionale comparsa dopo 1-2 settimane dal graffio, localizzazione in ordine di frequenza: ascellare (30%), laterocervicale (30%), sottomandibolare (20%), inguinale (15%), sottoclaveare (5%) caratteristiche dei linfonodi: > 1-1,5 cm, dolenti, conglomerati, fissi, con cute sovrastante arrossata (talvolta), regressione spontanea in 3-6 mesi; nel 10-20% suppurazione, con necessità di aspirazione per il dolore e impedire la fistolizzazione. febbricola in 1/3 dei casi di; altre manifestazioni sistemiche (malessere, cefalea, faringodinia, splenomegalia) nel 15% dei casi.

66

67

68 Stone JH et al. N Engl J Med 2009;361:

69 Malattia da graffio di gatto atipica : clinica 2-14%dei casi Febbre persistente Sindrome oculoghiandolare di Perinaud* Osteomielite Eritema nodoso Neurite ottica Encefalite Crisi convulsive Polmonite Granulomatosi multipla epatosplenica *congiuntivite + linfoadenite preauricolare omolaterale

70

71 Presentazione atipica della malattia da graffio di gatto - Sindrome Oculoghiandolare di Perinaud

72 Malattia da graffio di gatto atipica : granulomatosi multipla epatosplenica Segni/Sintomi: febbre dimagrimento astenia epatosplenomegalia Esami: Ecografia: noduli ipoecogeni epaticie/o splenici Ematologici: lieve aumento indici di flogosi Sierologia: IgG anti B, henselae nel 100% dei casi; IgM incostantemente positive Prognosi: Buona con terapia

73 granulomatosi multipla epatosplenica Milza

74 Peliosi bacillare in immunocompetente. NEJM August

75 Malattia da graffio di gatto nel soggetto immunocompromesso Nel soggetto immunocompromesso l infezione può assumere caratteri di gravità con: setticemia angiomatosi bacillare, peliosi bacillare.

76 Malattia da graffio di gatto: diagnosi Esposizione a rischio (contatto con gattini) Linfoadenite necrotizzante (ecografia) B. henselae positiva (sierologia) Leucocitosi neutrofila VES elevata EBV, CMV, adeno negativi (sierologia) In caso di dubbio diagnostico: Citoaspirato o biopsia linfonodale: esame citoistologico, es. colturale per micobatteri e batteri, PCR per B. henselae

77 Malattia da graffio di gatto:terapia In genere nessuna terapia, solo aspirazioni periodiche Scarsa risposta ai farmaci. La linfoadenite è sostenuta più dalla risposta dell organismo che dal germe La terapia è indicata in ragione dello stato immunitario e delle manifestazioni cliniche. Nel paz. immunocompromesso: Azitromicina x3-4 mesi Neuroretinite: Rifampicina + Doxiciclina

78 Caso clinico 4 Paziente di origine pakistana, di anni 19, in Italia da circa 1 anno. Da 5 mesi linfoadenite laterocervicale sinistra, non tosse. Comparsa nelle ultime settimane di linfonodi in sede laterocervicale, alla base del collo a sinistra. Mantoux positiva di 23 mm. RX del torace negativo per lesioni pleuroparenchimali.

79

80 Caso clinico 4 ECOGRAFIA CUTE E TESS.SOTTOCUTANEO Lo studio ecografico del collo ha evidenziato, nella sede della obiettività clinica in regione parotidea sn, tre voluminose formazioni nodulari a contenuto ipo / anecogeno e contorni regolari, nel contesto del parenchima ghiandolare parotideo, la maggiore avente diametri 29 x 22 mm e che presentano vascolarizzazione intralesionale al successivo esame colordoppler. A livello della ghiandola sottomandibolare omolaterale, formazione ovoidale ipo/anecogena, diametro maggiore 23 mm, di verosimile natura linfonodale. I reperti non appaiono di univoca interpretazione potendo riferirsi ad adenomegalie intraghiandolari o lesioni nodulari di altra natura. Utile inquadramento clinico-diagnostico e verifica citologica mediante agoaspirato ecoguidato della lesione di maggiori dimensioni. Non alterazioni delle ghiandole salivari maggiori del lato dx.

81

82

83 Caso clinico 4 NOTIZIE CLINICHE Adenopatie latero-cervicali a sinistra. Biopsia di uno dei linfonodi laterocervicale sinistra. Ipotesi diagnostiche: TBC? Linfoma? DIAGNOSI ISTOLOGICA Frammenti agobioptici di parenchima linfonodale con numerosi granulomi epitelioidei ben formati e privi di necrosi. La ricerca, anche con colorazioni istochimiche Grocott e Ziehl-Neelsen, di agenti infettivi è risultata negativa. Non aspetti riferibili a neoplasia/linfoma. CONCLUSIONI: reperto istomorfologico di linfadenite granulomatosa non necrotizzante. Il dato istologico va valutato ed integrato col quadro clinico della paziente.

84 Caso clinico 4 Es. microbiologici per Mycobacteium tuberculosis Agospirato linfonodale: Esame microscopico diretto per BAAR ed LCX: negativi Esame colturale; positivo (a distanza di 30 giorni) sensibilità a ETB, INI, RF, PZM, STR Escreato: Es. microscopico diretto e colturale : negativi

85 Caso clinico 4 Leucociti Eritrociti Emoglobina Ematocrito Volume corpuscolare medio Contenuto emoglobinico medio Concentrazione emogl. corpuscolare media RDW Piastrine Neutrofili Linfociti Monociti Eosinofili Basofili 2,97 x1000/mmc 4,55 milioni/mmc 11,6 g/dl 35,5 % 77,9 fl 25,4 pg 32,6 g/dl 15,1 % 367 x1.000/mmc 60 % 20 % 13 % 6 % 1 % [4,00-10,00] [4,30-5,50] [12,5-15,5] [36,0-46,0] [80,0-95,0] [26,0-32,0] [32,5-36,0] [11,5-14,1] [ ] [40,00-75,00] [20,00-45,00] [2,00-10,00] [1,00-6,00] [0,00-1,50]

86 Caso clinico 4 Bilirubina totale 0,5 mg/dl [0,0-1,0] AST (GOT) ALT (GPT) Fosfatasi alcalina Gamma-GT 23 U/l 21 U/l [7-40] [7-40] Proteina C reattiva VES 0,02 mg/dl 48 [0,05-0,30] Sierologia HIV Negativa

87 Caso clinico 4 Terapia (65 Kg) Rifampicina 600 mg/die Isoniazide 300 mg/die Etambutolo 1250 mg/die Pirazinamide 1500 mg/die Vitamina B6 300 mg 2 volte la settimana. Monitoraggio mensile: Emocromo completo, Bilirubina, GOT, GPT, creatinina, ac urico (primi 2 mesi).

88 Linfoadenite tubercolare (TBLN) Interessamento linfonodale da parte dei componenti di M.tuberculosis complex che include M. tuberculosis, M. bovis, M. africanum, M. canetti e M. caprae. Può essere associata a TB polmonare o di altri organi; costituisce il solo interessamento TB nel 20% dei casi

89 Localizzazioni extrapolmonari di TB % su 523 casi di TB attiva riscontrati nell anno 2006 in Emilia Romagna Linfonodi periferici 14,5 Pleura 6,9 Altre 4,8 Apparato genito-urinario 4,6 Disseminata 3,6 Peritoneo/apparato digerente 2,9 Colonna vertebrale 1,9 Ossa/articolazioni oltre colonna vertebrale 1,1 Linfonodi intratoracici 1,1 Meningi 1,1 SNC altre oltre meningi 1,0 Asr.regione.emilia-romagna.it/asr/index.htr oppure Saluter.it

90 Epidemiologia della TBLN e TB polmonare Razza Genere Resistenza INH MDR XDR Vaccinazione BCG Sieropositività HIV TBLN extratoracica Asiatica> Africana M:F = 31:68 10% 1.4% rara 37% <1%-5% TB polmonare Africana> Asiatica M:F = 65: % nati fuori USA 1-2% Rara 21% 12% Lazarus AA, Thilagar B. Tuberculous lymphadenitis. Dis Mon 2007;53:10 5.

91 Patogenesi della TBLN Tre possibili vie/meccanismi: Riattivazione di TB polmonare o estensione da ilo polmonare (più comune) Infezione laringea con estensione ai linfonodi profondi cervicali Ematogena

92 Aspetti istopatologici della TBLN 4 distinti patterns citologici, variabili da: - Pattern 1 (visto soprattutto in pazienti HIV positivi) : occasionali granulomi con scarse giovani cellule epitelioidi, necrosi estesa e foam cells, numerosi AFB. - Pattern 4 (visto soprattutto in pazienti HIV negativi): numerosi granulomi formati in prevalenza da cellule epitelioidi, con minima necrosi e assenza di AFB.

93 Aspetti clinici della TBLN La linfoadenite TB nei bambini è prevalentemente localizzata alle catene cervicali anteriori. L infezione negli adulti è simile con interessamento nel 70% della catena cervicale anteriore. La co-infezione HIV è associata ad una patologia più severa/disseminata.

94 Differenze tra TBLN e TB polmonare TBLN TB polmonare Positività escreato alla coltura 12% 64% Tosse > 2 settimane Sintomi sistemici Febbre > settimane Perdita di peso Sudorazioni notturne > sett Alterazioni Rx torace 26% 19% 17% 8-9% 49% % nelle riattivazioni 70% nelle forme primarie, 50% nelle riattivazioni 43 % 72 % 65% nelle forme primarie, 80-90% nelle riattivazioni Lazarus AA, Thilagar B. Tuberculous lymphadenitis. Dis Mon 2007;53:10 5.

95 Diagnosi della TBLN Biopsia linfonodale (gold standard): Resa diagnostica della FNA sovrapponibile a quella della biopsia chirurgica. Istologia più sensibile della coltura (OR 11.9). LCX su aspirato: risultati rapidi, ma resa diagnostica bassa e variabile. Ricerca MT su escreato: es. microscopico diretto positivo nel 10-15% dei casi, esame colturale positivo nel 20% circa. TST (intradermoreazione sec. Mantoux): indicazioni diagnostiche la negatività non esclude la presenza di TB.

96 Terapia della TBLN Terapia Rifampicina 5 mg/kg/die, max 600 mg per 6 mesi; Isoniazide 10 mg/kg/die, max 300 mg per 6 mesi; Etambutolo 20 mg/kg/die,max 1500 mg per 2 mesi; Pirazinamide 25 mg/kg/die, max 2000 mg per 2 mesi. Vitamina B6 300 mg 2 volte la settimana. Non indicata terapia steroidea ( evidenza DIII) Non indicata escissione chirurgica (evidenza BIII) Agospirazione nelle forme colliquate e dolenti. Monitoraggio mensile: Emocromo completo, Bilirubina, GOT, GPT, ac urico (primi 2 mesi).

97

98

99

100

101 Linfoadenopatie in età pediatrica Eziologia infettive 80% virale (EBV, CMV) 50% batterica 20% Micobatteri non tubercolari ~10% Bartonelle < 10% Forme reattive aspecifiche 15% Forme neoplastiche 2% Altre cause 3% Ped. Review 2000

102 Niedzielska et al. Int J Ped Othorin Studio retrospettivo in 87 casi di LND acuta: Patologia da piogeni = 57,5% 70% linfodenite unilaterale Caratteristiche cliniche Eritema ed dolore tessuto sovrastante nel 48,3% Febbre nel 24% Cellulite, flemmone, ascesso nel 31% Ecografia in 9 casi anomali: Linfonodi di forma rotondeggiante con L/S < 2 Ispessimento ileale ad alterazioni vascolari all ilo Indentificazione delle cause con ulteriori indagini in 8/9 casi: Malattia da graffio di gatto (2), MI (2), Kawasaki (2) LNH (1), Linfogranuloma venereo (1)

103 Linfoadenite batterica suppurativa Staphilococcus aureus e Streptococcus Gruppo A. Storia comune: infezione vie aeree superiori dolore orecchio faringodinia/odontalgia lesioni cutanee Management con antibiotici per os o IV a seconda della gravità. Se il quadro non migliora rapidamente o peggiora: TAC e/o ECT per valutare se presente flemmone/ascesso. FNA ecoguidato o drenaggio chirurgico. Intervento chirurgico.

104

105 Linfoadenite da micobatteri non tubercolari E una patologia dell infanzia, eccezionale nell adulto. MNT più frequentemente implicati: M. avium complex, M. scrofulaceum, M. haemophilium. Infezione per via orale attraverso lesioni di gola, gengive e labbra.

106 Linfoadenite da MNT Sviluppo in settimane-mesi (andamento subacuto). Interessamento generalmente unilaterale dei linfonodi cervicali non dolente e non accompagnato da coinvolgimento toracico. Evoluzione caratterizzata da colliquazione e frequente fistolizzazione con drenaggio anche per 12 mesi (se non trattata). La diagnosi microbiologica è difficile ( solo 50% coltura positiva su linfonodo asportato ancora meno su FNB). Risoluzione spontanea 70% a 6 mesi, 100% a 12 mesi La terapia è chirurgica ( se la cute è indenne) Claritromicina e rifabutina x 3 mesi hanno effetto simile al placebo.

LINFOADENOMEGALIE. Reattive -infettive. Neoplastiche. Classificazione eziologica. - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche

LINFOADENOMEGALIE. Reattive -infettive. Neoplastiche. Classificazione eziologica. - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche LINFOADENOMEGALIE Classificazione eziologica Reattive -infettive Neoplastiche - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche LINFOADENOMEGALIE inquadramento eziologico Infettive Cause

Dettagli

Le linfoadenopatie. nello studio del medico di famiglia. Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG

Le linfoadenopatie. nello studio del medico di famiglia. Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG Le linfoadenopatie nello studio del medico di famiglia Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG motivi diversi per linfoadenopatia Medico decide se Riscontro di linfoadenopatia

Dettagli

Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo

Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo Dott. Amalia De Renzo Ematologia, Università Federico II,Napoli 25 giugno 2011 Linfoadenopatia definizione: linfonodi di dimensioni anormali (>

Dettagli

Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia. Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO

Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia. Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO Il bambino con linfoadenopatia è di comune riscontro nella pratica quotidiana

Dettagli

Mononucleosi infettiva

Mononucleosi infettiva Mononucleosi infettiva Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La mononucleosi infettiva è una malattia acuta ad andamento quasi sempre spontaneamente benigno che interessa il sistema reticolo-istiocitario,

Dettagli

DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI

DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI M. Landi DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI 44% bambini sani di età < 5 anni possono presentare linfonodi palpabili in sede cervicale, ascellare ed inguinale. 24% neonati sani con linfonodi palpabili in sede

Dettagli

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti a cura di M. Gilardi, M. Accorinti La Bartonella henselae è un bacillo aerobio gram negativo e costituisce l agente patogeno della malattia da graffio di gatto. L infezione è ubiquitaria e può interessare

Dettagli

Si intende per tiroiditi un gruppo di. condizioni infiammatorie o simil. infiammatorie che colpiscono la tiroide

Si intende per tiroiditi un gruppo di. condizioni infiammatorie o simil. infiammatorie che colpiscono la tiroide Si intende per tiroiditi un gruppo di condizioni infiammatorie o simil infiammatorie che colpiscono la tiroide Classificazione Tiroidite infettiva Tiroidite autoimmune Tiroidite di De Quervain Tiroidite

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

QUESITI E RACCOMANDAZIONI

QUESITI E RACCOMANDAZIONI Linfoadenopatia della testa e del collo in età pediatrica: le nuove linee guida italiane. Elena Chiappini Azienda Ospedaliero-Universitaria Anna Meyer, Dipartimento di Scienze della Salute, Università

Dettagli

HERPESVIRUS UMANI HERPESVIRUS UMANI PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI. scaricato da www.sunhope.it SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS.

HERPESVIRUS UMANI HERPESVIRUS UMANI PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI. scaricato da www.sunhope.it SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS. SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI Dimensioni del virione 180-200nm Genoma 90-145x10 6 basi DNA lineare, a doppia elica VZV HHV7 Struttura icosaedrica provvista di envelope glipoproteico

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Problematiche chirurgiche nel paziente affetto da linfoadenopatia Prof. Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it. La prassi più comune:

Problematiche chirurgiche nel paziente affetto da linfoadenopatia Prof. Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it. La prassi più comune: Problematiche chirurgiche nel paziente affetto da linfoadenopatia Prof. Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it Sapienza Università di Roma Cattedra di Chirurgia Generale N Direttore: Prof. P. Chirletti

Dettagli

Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia

Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia Rosolia (Compendio delle malattie dei bambini G Steiner, Vallardi ed, 1877 pagg 423-4) Si dà il nome di rosolia a quell esantema acuto indipendente, per

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it VIRUS -ZOSTER (VZV, HHV-3) = infezione primaria Febbre ed esantema vescicolare generalizzato Dopo l infezione primaria, l HHV-3 risale dalle lesioni cutanee lungo le fibre nervose sensitive GANGLI RADICI

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Manifestazioni cliniche della rosolia e della rosolia congenita

Manifestazioni cliniche della rosolia e della rosolia congenita Manifestazioni cliniche della rosolia e della rosolia congenita L. Chiandetti Dipartimento di Pediatria - Padova Corso Regionale sulla Rosolia Congenita e nuove strategie di Prevenzione Padova, 11 giugno

Dettagli

lezione 18 Pierpaolo Cavallo 1 Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH GRUPPO O COMPLESSO TORCH

lezione 18 Pierpaolo Cavallo 1 Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH GRUPPO O COMPLESSO TORCH UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH Prof. P. Cavallo 1 GRUPPO O COMPLESSO

Dettagli

Caso clinico. S. Bernasconi e C. Volta. Dipartimento Età Evolutiva Università di Parma. sbernasconi@ao.pr.it

Caso clinico. S. Bernasconi e C. Volta. Dipartimento Età Evolutiva Università di Parma. sbernasconi@ao.pr.it Caso clinico S. Bernasconi e C. Volta Dipartimento Età Evolutiva Università di Parma sbernasconi@ao.pr.it Asia G. Età cronologica: 3 anni 2/12 SINTOMATOLOGIA - febbre persistente per circa 10 giorni -

Dettagli

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino?

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? 1 L opuscolo raccoglie le più frequenti domande rivolte agli operatori del

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti Bambini e cuccioli Il gatto di casa e la futura mamma Dott.ssa Nadia Gussetti Azienda Ospedaliera Padova ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DALL ANIMALE ALL UOMO PER CONTATTO DIRETTO O PER VIA INDIRETTA Padova,

Dettagli

TOXOPLASMOSI TOXOPLASMOSI TOXOPLASMOSI. scaricato da www.sunhope.it

TOXOPLASMOSI TOXOPLASMOSI TOXOPLASMOSI. scaricato da www.sunhope.it Toxoplasma gondii Protozoo (classe Sporozoa) Ciclo biologico Fase sessuata (gametogonica) Felini (gatto, puma, lince):ospiti definitivi Fase asessuata (sporogonica, schizogonica) Mammiferi, uccelli, UOMO:

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

CASO CLINICO 2. Presenter: R. Bicocchi. Discussant: P. Bassi

CASO CLINICO 2. Presenter: R. Bicocchi. Discussant: P. Bassi CASO CLINICO 2 Presenter: R. Bicocchi Discussant: P. Bassi Caso clinico Paziente maschio di 35 anni, nazionalità algerina. In data 10/03/11 viene trasferito presso il nostro reparto dalla Ematologia con

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

Prevenzione delle infezioni opportunistiche

Prevenzione delle infezioni opportunistiche Prevenzione delle infezioni opportunistiche Andamento viremico e risposta immunitaria 10 6 cellule CD4 1000 HIV RNA Copie/ml HIV-RNA plasmatico 800 600 400 200 CD4 Cellule/mm 3 10 2 mesi anni 0 >9/99 3/99-9/99

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA, IMAGING E DIAGNOSI DELLE PATOLOGIE TIROIDEE

EPIDEMIOLOGIA, IMAGING E DIAGNOSI DELLE PATOLOGIE TIROIDEE Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia EPIDEMIOLOGIA, IMAGING E DIAGNOSI DELLE PATOLOGIE TIROIDEE Prof. Cesare Carani Cattedra e Servizio di Endocrinologia Dipartimento Integrato di Medicine

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Parvovirus in gravidanza

Parvovirus in gravidanza Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi D.A.I. Specialità Medico-Chirurgiche S.O.D. Malattie infettive e Tropicali C.R.R. Malattie Infettive in Gravidanza Parvovirus in gravidanza Beatrice Borchi - EZIOLOGIA

Dettagli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli Valutazione del test CMV nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza Gianna Mazzarelli 21/10/2014 Citomegalovirus (CMV) Famiglia Herpesviridae Sottofamiglia β Herpesvirinae Tipica morfologia

Dettagli

Testo della audioslide del Modulo 3: CHECK-OUT Sorveglianza, infezione tubercolare latente e gestione dei contatti

Testo della audioslide del Modulo 3: CHECK-OUT Sorveglianza, infezione tubercolare latente e gestione dei contatti Testo della audioslide del Modulo 3: CHECK-OUT Sorveglianza, infezione tubercolare latente e gestione dei contatti Il numero della diapositiva di riferimento è riportato all inizio del testo. 1. Quest

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia parotite epidemica Malattia virale acuta, sistemica, causata da un paramyxovirus che colpisce prevalentemente i bambini in età scolare. La principale manifestazione

Dettagli

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles)

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Silvia Preziuso silvia.preziuso@unicam.it Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Camerino Streptococcus Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Adenite equina (Strangles)

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Sancta Maria Spes Nostra Ancilla Domini Sedes Sapientiae Ora Pro Nobis Dott. Carmelo Debilio

Sancta Maria Spes Nostra Ancilla Domini Sedes Sapientiae Ora Pro Nobis Dott. Carmelo Debilio Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de Le Vasculiti Gruppo eterogeneo di malattie

Dettagli

Le antropozoonosi in pediatria

Le antropozoonosi in pediatria III Corso sulle Zoonosi 25 febbraio 2005 Gli animali e i bambini: dalle malattie trasmissibili a una convivenza responsabile Le antropozoonosi in pediatria dott. Paola Pecco Ospedale Infantile Regina Margherita

Dettagli

Casi di IFI in pazienti con AML

Casi di IFI in pazienti con AML Casi di IFI in pazienti con AML Sindrome polmonare Sindrome sino-facciale Sindrome al CNS Terapia pre-emptive Sepsi Sindrome epatosplenica (Candidosi disseminata cronica) Sindrome cutanea 38 CASO #1 Sindrome

Dettagli

MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA. Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS

MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA. Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS Quante visite per mal di gola? Il mal di gola, con oltre 19 milioni di visite all anno negli Stati Uniti (ICSI, 2005), rappresenta

Dettagli

Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta. 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ]

Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta. 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ] Malattie dell Apparato Respiratorio 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE Epatite = epatocitonecrosi + flogosi in tutto il fegato EPATITE ACUTA CRONICA da varie cause EPATITI ACUTE: EZIOLOGIA NON INFETTIVA ALCOOL TOSSICI - funghi

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA. prof. Oliviero E. Varnier

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA. prof. Oliviero E. Varnier Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA prof. Oliviero E. Varnier WWW.MICROBIOLOGIA.UNIGE.IT Sezione di Microbiologia Dipartimento di Scienze Chirurgiche Diagnostiche Integrate (DISC)

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

Tabella 1 : Glucosio Età

Tabella 1 : Glucosio Età Tabella 1 : Glucosio Età V.R. (mg/dl) Fino a 2 giorni 40 60 Da 2 giorni a 1 mese 50 80 Da 1 mese a 12 anni 60 110 Da 12 anni a 60 anni 70 105 Da 60 anni a 70 anni 80 115 Oltre 70 anni 83 105 Tabella 2

Dettagli

All inizio del secolo scorso l età media degli italiani affetti dalla malattia era di 25 anni, mentre oggi supera i 70 anni.

All inizio del secolo scorso l età media degli italiani affetti dalla malattia era di 25 anni, mentre oggi supera i 70 anni. Tubercolosi Breve storia La tubercolosi ha rappresentato per secoli in Italia, come nel resto del mondo una delle maggiori cause di mortalità e di morbosità ed ancora oggi, nonostante la disponibilità

Dettagli

La malattia tubercolare: aspetti clinici

La malattia tubercolare: aspetti clinici La malattia tubercolare: aspetti clinici Maurizio Ferrarese Centro Regionale di Riferimento per la Tubercolosi A.O. Niguarda - Villa Marelli Milano Varese, 9 Novembre 2011 Attualità sulla diagnostica dell

Dettagli

Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio

Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio Strategie per la diagnosi e la terapia delle Infezioni Fungine Invasive (IFI) in pazienti ad alto rischio 28 Obiettivi della presentazione Fornire una visione generale sui fattori di rischio, segni e sintomi,

Dettagli

Preparazione degli strumenti

Preparazione degli strumenti La Borsa degli strumenti per l assistenza di base ai pazienti con Tubercolosi Modulo introduttivo - SET THE BAG Preparazione degli strumenti Informazioni sul modulo introduttivo destinatari medici di medicina

Dettagli

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune.

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. Virus Epatici Maggiori HAV,HBV,HCV,HDV,HEV Virus Epatici Minori EBV, CMV,HSV Alterazioni

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti

Toxoplasma gondii. Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasma gondii Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio Chieti Toxoplasmosi - Epidemiologia Toxoplasma gondii (Phylum: Apicomplexa, Classe: Sporozoea)

Dettagli

REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI. R E A C T - Lombardia. Case Record Form - Questionario

REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI. R E A C T - Lombardia. Case Record Form - Questionario REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI R E A C T - Lombardia Case Record Form - Questionario ospedale numero screening numero SJS/TEN AGEP HSS/DRESS ALTRO Questo

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo:

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: MEDICO: Nome: Indirizzo: Centro: Tel/Fax/E-mail: PAZIENTE: Nome: Data di nascita: Età: anni Peso: kg Altezza: cm Professione: Provenienza:

Dettagli

Sorveglianza della tubercolosi nelle strutture sanitarie e socio-assistenziali - Parma, 19 maggio 2006

Sorveglianza della tubercolosi nelle strutture sanitarie e socio-assistenziali - Parma, 19 maggio 2006 Sorveglianza della tubercolosi nelle strutture sanitarie e socio-assistenziali - Parma, 19 maggio 2006 Nuovi metodi per la diagnosi di laboratorio della tubercolosi Dott.ssa Amalia Penna Laboratorio di

Dettagli

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO FIGURA 1 PRE-GRAVIDANZA IgG - IgM - IgG + IgM - Soggetto suscettibile all infezione primaria Soggetto immune (infezione pregressa) Referto commentato: : se in previsione di una gravidanza, consulti il

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago Eosinofilo Cellule tumorali Virus Piastrina Batterio Fungo Antigeni estranei Tessuti necrotici Mastocita Linfocita Plasmacellula INFIAMMAZIONE STIMOLO DANNOSO

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011

Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011 Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011 1 Citologia polmonare Citologia spontanea Espettorato Spontanea Espettorato Indotta Aspirato bronchiale Spazzolato

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA

IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA IL BAMBINO CON SOSPETTA MALATTIA REUMATOLOGICA Dr.ssa Silvia Beretta 21 maggio 2011 Dolore osteo-articolare Approccio diagnostico differenziale dolore Sintomo prevalente della patologia osteo-articolare

Dettagli

Diagnostica di laboratorio nelle coriocapillaropatie infiammatorie primitive

Diagnostica di laboratorio nelle coriocapillaropatie infiammatorie primitive XL RIUNIONE ANNUALE S.O.N.O CUNEO 2-3 OTTOBRE 2015 CORSO CORIOCAPILLARITI Coordinatori: Dr.ssa P. Allegri Dr.ssa D. Dolcino Diagnostica di laboratorio nelle coriocapillaropatie infiammatorie primitive

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it

Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it Primo obiettivo nella valutazione citologica è determinare la natura del processo patologico e cioè se si è in presenza

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Mycoplasmataceae Genere Mycoplasma: circa 100 specie Mycoplasma pneumoniae ( agente

Dettagli

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI I tumori infantili sono molto diversi dai tumori degli adulti per tipo, per velocità di accrescimento e per prognosi. Nel bambino, in generale, il tumore più frequente è il

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero

l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero sottoposta a notifica speciale. Il Centro Operativo

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA Febbre reumatica Malattia infiammatoria acuta sistemica che si manifesta 2-4 settimane dopo un'infezione faringea da streptococco b-emolitico del gruppo A E'

Dettagli

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Il bambino con faringo-tonsilliti Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Visite Pediatriche (n 27861) presso la UOC DEAp (1 Gennaio 2012 31 Dicembre 2012) 50,0% GASTROENTEROLOGIA RESPIRATORIO 40,0% MALATTIE

Dettagli

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Parte 3a. Epatiti Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Fiumicino, 16 aprile 2016 www.cos.it/mediter Dr. Ugo Montanari Epatiti: tests diagnostici - 1 Indicazioni cliniche Tipo di richiesta

Dettagli

CONFRONTO TRA CONFRONT

CONFRONTO TRA CONFRONT Versamento pleurico in un uomo Da tempo usata in medicina umana Solo recentemente in medicina equina Possibile utilizzo come metodo di screening Ben tollerata (scarsa contenzione) Prelievo liquido eco

Dettagli

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 15 dicembre 2003 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I L ordinanza del 13 gennaio 1999 1 concernente le dichiarazioni

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari GROUND GLASS LESIONI ELEMENTARI Aumento della densità del parenchima polmonare con visualizzazione dei bronchi e dei vasi sottostanti: ISPESSIMENTO DELL INTERSTIZIO

Dettagli

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Infezione congenita da Citomegalovirus 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Citomegalovirus Il CMV è la principale causa di infezione congenita nei paesi sviluppati incidenza 0,3-2% di tutti i nati

Dettagli

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Michela Beccaglia DVM, PhD, Dipl. ECAR Libera Professionista, Lissone(MB) michela.beccaglia@libero.it 30 Ottobre

Dettagli

Prevenzione LA TUBERCOLOSI

Prevenzione LA TUBERCOLOSI Igiene& Prevenzione LA TUBERCOLOSI LA TUBERCOLOSI Che cos è La tubercolosi (TBC) è una malattia infettiva causata da una famiglia di germi chiamati Micobatteriacee, che comprende Micobatteri tipici e

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof.L.M.Fabbri Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Respiratorio Anno Accademico

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

La sicurezza: un presupposto imprescindibile

La sicurezza: un presupposto imprescindibile La sicurezza: un presupposto imprescindibile Dr. A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 7 dicembre 2012 Premessa L insufficiente reperimento di donatori, il rapporto rischi/benefici attesi con il trapianto

Dettagli

FILARIOSI POLMONARE CASE REPORT

FILARIOSI POLMONARE CASE REPORT FILARIOSI POLMONARE CASE REPORT Dott.. Marcello Costa Angeli Divisione di Chirurgia Toracica Ospedale di Monza Primario Dott. Claudio Benenti CASO CLINICO Maschio 36 anni Giunto in P.S. per toracodinia

Dettagli

TUBERCOLOSI POLMONARE MILIARE E MENINGEA IN PAZIENTE CON INFEZIONE DA HIV

TUBERCOLOSI POLMONARE MILIARE E MENINGEA IN PAZIENTE CON INFEZIONE DA HIV TUBERCOLOSI POLMONARE MILIARE E MENINGEA IN PAZIENTE CON INFEZIONE DA HIV D Aniello F, Boffa N, Caruso A, Masullo A, Punzi R e Mazzeo M Struttura Complessa di Malattie Infettive (Direttore dott. M. Mazzeo)

Dettagli