FREE UNIVERSITY NETWORK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FREE UNIVERSITY NETWORK"

Transcript

1 DOMANDE DI MALATTIE INFETTIVE: 1. Indicare almeno 3 derivati azolici: Ketoconazolo, Miconazolo, Fluconazolo, Itraconazolo. 2. Terapia della faringite da Streptococco nel bambino: Benzilpenicillina benzatinica U i.m. se peso >25 Kg, U se peso < 25 Kg. 3. Markers dell epatite B tipica: Positività per HbsAg, IgM Anti-HBc, HbeAg + HBV-DNA nella fase replicativa, Anticorpi anti- Hbe dopo sieroconversione. 4. Le Legionelle sono sensibili alla penicillina? NO. 5. Indicare gli agenti eziologici delle polmoniti alveolari nosocomiali: Pseudomonas aeruginosa, Klebsiella spp., Enterobacter spp., Staphylococcus aureus. 6. Quali sono le più frequenti infezioni nosocomiali? Quelle a carico delle vie urinarie. 7. Batterinuria significativa: >10^5 microrganismi / ml di urina (mitto intermedio). 8. Meningiti del neonato: E.Coli, Streptococchi del gruppo B, Listeria Monocytogenes. 9. Terapia Meningiti del neonato: Ampicillina + Amminoglicoside o Cefotaxima e.v. 10. Agente Eziologico della Malattia da Graffio di gatto: Rochalimaea Henselae (Rickettsia, G+) 11. Enterococchi Resistenti alla Vancomicina: Sinergistine (pristinamicina, virginiamicina) 12. Fino a quando è contagioso un pz affetto da Morbillo? 5 giorni dopo la scomparsa dell esantema. 13. Cosa provoca HSV1e HSV2? HSV1-->gengivostomatite aftosa e cheratocongiuntivite HSV2--> Herpes genitale nei neonati da cheratocongiuntivite. 14. Cosa provoca il HHV6? eritema critico nei bambini tra 6-->24 mesi 1

2 15. Quali apparati colpisce la malattia di Lyme? Cute, Cuore, Nervoso, Articolazioni 16. Quadro clinico della febbre Q? Corrisponde al quadro clinico della Polmonite interstiziale. 17. Quando si osserva Pneumocistosi nel Pz AIDS? Quando i Cd4 sono < 200/mm3 18. Cosa provoca l Aspegillo? Polmonite necrotizzante, aspergilloma, aspergillosi bronchiale allergica, otomicosi 19. Quale è il serbatoio della Leishmania e il suo vettorre? Cane, Volpe il vettore è il phlebotomu (zanzara ) 20. Microrganismi responsabili delle enteriti invasive? E.I.E.C., Shigella, alcune Salmonelle, Yersinia Enterocolitica, Entamoeba Histolitica 21. Cosa fa la tossina della pertosse? Provoca linfocitosi, sensibilità all istamina, la secrezione d insulina, produzione IgG IgE 22. Che patologia è caratterizzata dalla Facies Leonina? Lebbra lepromatosa 23. Complicanze Difterite? Miocardite, paralisi, lesioni renali 24. Come non si può dare a penicillina G benzatinica? Per os 25. Si usano i corticosteroidi nella pneumocistosi? Si, nelle forme gravi : prednisone 40mg / 2 volte die 26. Farmaci che provocano la Colite pseudomembranosa? Clindamicina, Ampicillina, Cefalosporine III, Cotrimossazolo, (raramente Aminoglicosidi, Ureidopenicilline); THP vancomicina o teicoplanina o metronidazolo 27. Leishmaniosi quadro ematologico? Anemia, iper_globulinemia policlonale, pancitopenia 28. Toxoplasmosi in AIDS quando? Linfociti Cd4 < 100/mm3 29. Indicare due mycobacterii atipici? Avium, Kansasii, Marinuum 2

3 30. Terapia Scarlattina? Benzil penicillina benzatinica U sotto 25 Kg, sopra i 25 Kg; eritromicina 31. Profilassi della Malaria? Zona A Clorochina ; Zona B Clorochina + Proguanil; Zona C Meflochina, Doxiciclina 32. Tre virus che provocano Enterite? Norwalk, Rotavirus, Adenovirus, Coronavirus. 33. Complicanze Kawasaki? Aneurisma coronarie, Trombosi delle coronarie 34. Incubazione Morbillo? 8-12 gg 35. Incubazione Pertosse? 10-16gg 36. Neurotoxoplasmosi cosa determina? Liquor limpido, iperproteinemico, glicoracchia normale, pleiocitosi linfo-monocitaria 37. Complicanza del Tracoma? Cecità 38. Creutzfeldt-Jacob? -->Encefalite spongiforme 39. Professione a rischio per il Carbonchio? Conciatori della pelle, veterinari, agricoltori, lavoratori del cuoio, materassai 40. Diagnosi di Pneumocistosi? Dall isolamento del protozoo dal lavaggio bronchio-alveolare 41. Tre farmaci inibitori delle proteasi? Saquinavir, ritonavir, indinavir, nelfinavir 42. Tre salmonelle? Tiphy, paratiphy, enteriditis, panama, derby 43. Agente eziologico della criptosporidiosi? Cryptosporidium 44. Quale plasmodio non dà complicanze? NESSUNO 3

4 45. Indici di flogosi? VES, Fibrinogeno, PCR, leucocitosi. 46. Cosa causa la macchia nera (tache noire)? Rickettsia Conorii (trasmessa dalla zecca del cane)agente della febbre bottonosa 47. Serbatoio della peste? Ratto 48. Agente della idatidosi? Ecchinococcus Granulosus (idatidosi cistica), E.multilocularis (idatidosi alveolare) 49. Terapia della Pneumocistosi? Cotrimossazolo, pentamidina in aereosol 600mg/die dapsone 100mg/die 50. Terapia della TBC? Rifampicina, isoniazide o streptomicina, pirazinamide, etambutolo 51. Terapia della toxoplasmosi? Pirimetamina+ sulfamidici 52. Agente della febbre mediterranea? R. Conorii 53. Farmaci con dosi della profilass antimalarica? Area A Clorochina 300mg una volta a settimana, Area B Clorochina + proguanil 200mg/die Area C meflochina 250mg una volta a settimana, Doxiciclina 100mg/die 54. Indicare esantemi maculo-papulosi? Morbillo, scarlattina, tifo esantematico, esantema critico, megaloeritema, rosolia 55. Quando usi il test di Wright? Brucellosi 56. Agenti + frequenti delle meningiti? H.influenzae, N. meningitidis, L. monocitogenes, Streptococco pneumoniae, pyogenes, Virus echo, Coxsackie virus 57. Terapia del Carbonchio? Penicillina G, CAF, streptomicina, tetracicline, eritromicina 58. Eziologia delle patologie prenatali(5)? Rosolia, morbillo, varicella, CMV, Toxoplasma gondii, Treponema Pallidum, Hiv 59. Infezione trasmesse per via sessuale (5)? Treponema pallido, N. gonorreae, Hiv, Hpv,Hsv2, Tricomonas 4

5 60. Terapia più adatta per le polmoniti in Italia? Penicillina più inibitori delle _lattamasi, cefalosporine I II e macrolidi 61. Terapie della sifilide con dosi? Penicillina 2,4 milioni U.I., Doxiciclina 100mg/due volte al giorno 62. Eziologia delle infezioni epatiche post-trapianto? CMV, Listeria monocitogenes, Adenovirus, toxoplasmos 63. Malformazioni dovute alla toxoplasmosi? nervoso-->microcefalia, idrocefalo; oculari-->cataratta, microoftalmia 64. Eziologia dell ossiuriasi? Enterobius Vermicularis 65. Cause di sepsi neonatale? Listeria Monocitogenes 66. Eziologia dell epiglottite? H.influenzae di tipo B, Virus I,II,III, parainfluenzale; raramente virus influenzale, virus respiratorio sinciziale, adenovirus 67. Cause di diarrea nell AIDS? protozoo: criptosporidium; fungo: candida ;virus: CMV;battere: Salmonella; 68. Complicanze della Parotite epidemica? Pancreatite-->D.M; Orchi-epidimite--> azoospermia; sordità per interessamento VIII per nevrassite 69. Quale patologia presenta le feci ad acqua di riso? Colera 70. Cosa provoca il Tracoma? Cheratocongiuntivite cronica(-->cecità) 71. Terapia della meningite da meningococco? Benzilpenicillina, ampicillina.ii scelta ceftriaxone, CAF 72. Quando si usa la reazione di Vidal(sieroagglutinazione)? Salmonellosi 73. Terapia della Brucellosi? Doxiciclina+ Rifampicina 5

6 74. Agente della tosse pertussoide? Bordetella Pertussis 75. Terapia Giardiasi? Metronidazolo (750mg/die 3 dosi per 5 giorni) 76. Eziologia prevalente della diarrea del Viaggiatore? E.coli (eiec, epec, etec), Campilobacter, Shighelle 77. Manifestazioni cliniche della Loa loa? Edemi di Calbar, forme sottocutanee 78. Definizione del meningismo? E uno stato irritativo meningeo, non dovuto alla localizzazione diretta di agenti patogeni, che può presentarsi nel corso di malattie febbrili, a seguito di traumi o insolazioni o per effetto di sostanze tossiche. Il liquor appare iperteso chiaro, normocellulare e asettico 79. Meningite minima? Non segni né sintomi di meningite, solo alterazioni lieve della cellularità liquorale, e minima presenza di albumina(complicanza della Parotite Epidemica) 80. Segni ipertono antalgici della meningite (3)? Segno di Brudzinski( della flessione degli AAII a seguito del movimento passivo della nuca), Segno di Kernig( flessione degli AAII nel tentativo di porre il pz in posizione seduta)segno di Lesage(alzi il bambino per le ascelle e non muove gli AAII a mo di pedalata),segno di Amos(rigidità del dorso obbliga il pz a poggiare le mani per sedersi),rigidità nucale, posizione a canna di fucile 81. Come si fa a fare diagnosi di C.Difficile? Esame delle feci alla ricerca della tossina (ricerca più agevole conmetdi immunoenzimatici)e del clostridio mediante esame endoscopico 82. Trasmissione dell epatite A? Oro-fecale 83. Terapia della Teniasi? Niclodamide e praziquantel 84. Clinica della Brucellosi acuta? Sudore a puzzo di Stalla, febbre ondulante elevata, algie,cefalea 85. Localizzazione della Difterite (5)? Faringe, laringe, mucosa nasale, orale, genitale 86. Terapia della Listeriosi in meningea e setticemica? Ampicillina + Aminoglicosidi o cotrimossazolo 6

7 87. Agenti della meningite Neonatale? E.Coli, Streptococco _emolitico gruppo B, Listeria Monocitogenes, Candida Albicans, Enterovirus 88. Profilassi della diarrea del Viaggiatore? Igiene alimentare, corporale, farmacologica fluorochinoloni 89. In caso di Babebiosi che diagnosi differenziale bisogna fare? Malaria 90. Complicanze della Varicella? Nevrassite, pneumopatie, artrite, impetiginizazzione 91. Primo segno del tetano? Trisma (-->contrattura dei muscoli masticatori con impossibilità nell aprire la rima buccale) 92. Come si contagia la lebbra? Per via aerea 93. Farmaci AIDS analoghi nucleotidici? AZT(zidivudina), stavudina, zalcitabin, didanosina 94. La Rickettsia Prowazeki cosa provoca? Tifo esantematco 95. Trasmissione Listeriosi? Via alimentare, via materno-fetale, contatto con animali infetti 96. Cosa è tossina del tetano? Esotossina 97. Tempo d incubazione del Botulismo? h 98. Il CAF è il farmaco d elezione di che cosa? Salmonella Tiphy 99. La malattia del sonno? Tripanosomiasi del sonno 100. Citomegalovirus cosa provoca nel pz AIDS? Stomatite, Esofagite, Gastrite, Colite, Mielite,Polineuropatia Polmonite, Corioretinite. Terapia: ganciclovir e foscarnet 101. Tests da fare in gravidanza? Hiv, CMV, Toxoplasma Gondii, Treponema Pallidum, Virus della Rosolia, Virus Varicella Zoster 7

8 (VZV), Hsv2, Hbv, Coxsackie, Echo Virus 102. Test sierologici per la sifilide? A: treponemiche Nelson e Mayer, RPCF,KRP, TPHA(emoagglutinazione per valutare i tassi anticorpali) B: non treponemiche sono VDRL(metodo di floccuzione) e le reazioni di Wassermann e Konner 103. Test per ossiuriasi? Scotch tape per dimostrare L Enterobius Vermicularis 104. Diagnosi di Endocarditi Batteriche? Ecocardio, Emocoltura, Sintomi e segni d infezione sistemica 105. Monitoraggio della terapia antiretrovirale? N linfociti Cd4+, Valutazione carica virale, Valutazione dell antigene P24 circolante e nel liquor, reattività test cutanei 106. Quattro esantemi Batterici? Scarlattina, Tifo esantematico, Erisipela, Tifo murino, malattia di Lyme, eritema marginato 107. Stati dove il S. Pneumoniae é resistente alla Penicillina? Spagna, Ungheria, South Africa, forse United States of America 108. Caratteristiche Liquorali delle meningiti purulente? Liquor torbido, pleiocitosi neutrofila, iperproteinemia, glucoracchia, cloruroracchia 109. Farmaci per lo Pseudomonas? Aminoglicosidi(gentamicina, tobramicina)+ Cefalosporine III (ceftazidime); Aminoglicosidi + Penicillina ad ampio spettro(pipercillina);fluorochinoloni(ciprofloxacina) 110. Ematuria più febbre quando la trovi? Malaria, Filariosi, Endocardite, Bilharziosi 111. Tre meningiti a liquor torbido? Haemophilus Influenzae, Neisseria Meningitidis, Listeria Monocitogenes, Streptococcus Pneumoniae, Streptococchi di gruppi B, bacilli enterici gram Patologie che determinano polmoniti interstiziali? Virus respiratori(v.influenza A), Mycoplasma pneumoniae, Coxsiella Burneti, Chlamidya Psittaci, P.carinii 113. Terapia della Neurotoxoplasmosi? Clindamicina(450mg*3/die)+Pirimetamina(50mg/die); Pirimetamina + sulfadiazina(5g/die) N.B. aggiungere 10 mg di a. Folico per la mielotossicità della pirimetamina 8

9 114. Eritema cronico migrante? E il primo stadio della malattia di Lyme(3-4 settimane) 115. Interessamento cardiaco nella secondo Stadio della Malattia di Lyme? Miocardite-->Blocco AV di I grado (Tipo Wenckebach) o blocco totale 116. Esantemi micotici? Ptiriasi Versicolor, Dermatofitosi, Criptococcosi, Candidosi, Sporotricosi 117. Indicare almeno 5 esantemi virali? Morbillo, Rosolia, Varicella, Megaloeritema infettivo, Eritema Critico, Cmv, Hbv 118. Indicare almeno 5 miceti opportunisti in AIDS? Candida Albicans, Criptococco neoformans, Histoplasma encapsulatum, Coccidioides immitis, Aspergillo 119. Durata terapia nella Toxoplasmosi neonatale? Pirimetamina 0.5-->1mg/Kg + Sulfadiazina 100mg/Kg per 6-12 mesi 120. Le più frequenti polmoniti comunitarie? Sindrome polmonite tipica S.pneumoniae, H. influenzae; Nella atipica M. pneumoniae, L. pneumophila, Chlamidya Pneumoniae 121. Cinque criteri per fare diagnosi di AIDS? Candidosi Esofago/Tachea/Bronchi/Polmone; Criptococcosi extrapolmonare; Cripsoridiosi con diarrea > 1 mese; CMV del sistema nervoso o polmonare, Herpes simplex persistente o disseminato, Sarcoma di Kaposi in pz con età < di 60 anni, Linfoma cerebrale in pz con età < di 60 anni, Micobatteriosi atipica (Avium o Kansasii); Polmonite da p. Carinii, Toxoplasmosi viscerale 122. Terapia della otite media acuta? Ampicillina 50 mg/kg/die); Amoxicillina(40mg/Kg/die); Cotrimossazolo 123. Quadro ematologico della pertosse? Linfocitosi assoluta o leucocitosi neutrofila in caso di sovrainfezione batterica 124. Cause di linfoadenopatia laterocervicale? EBV, Toxoplasmosi, CMV, Faringiti 125. Quando utilizzo la meflochina? profilassi della Malaria (zona C) e terapia 126. Quale agente è responsabile della Gangrena Gassosa? Clostridium Perfrigens (terapia Benzil penicillina + Toilette chirurgica) 9

10 127. Complesso AIDS correlato? Sintomi clinici associati a due o più alterazioni del sistema immunitario 128. Come si fa la diagnosi di Morbillo? Presenza del segno di Koplik, leucopenia e neutropenia, ricerche citologiche(cc giganti plurinucleate), identificazione antigeni virali mediate immnuofluorescenza, isolamento del virus in coltura o test sierologici 129. Diagnosi di scarlattina? Test di Dick(desueto), sintomi e caratteristiche dell esantema e dell enantema, VES leucocitosi neutrofila e tampone faringeo per identificare lo streptococco bemolitico Terapia e profilassi del morbillo? Sintomatica antibiotici in caso di superinfezioni, per la profilassi vaccino con virus vivo attenuato non prima del 15 mese di vita associato a parotite e rosolia con richiamo al decimo anno Terapia della Scarlattina? Benzilpenicillina benzatinica unica dose i.m. ed eritromicina per os per 10gg 132. Sintomi della scarlattina? Dopo l incubazione febbre, cefalea, nausea, vomito, faringodinia, poi iniziano a essere presenti segni clinici quali lingua a fragola bianca. Esantema tipico, presenza della maschera di Filatof,segno del Borsieri, tra le lesioni rosso-cupo la cute è edematosa 133. Complicanze Morbillo? Laringite, Bronchiolite, Polmonite interstiziale 134. Complicanze Scarlattina? Tossiche: Artrite, miocardite, endocardite,, nevrite; Allergica: reumatismo delle grandi ossa, endocardite valvolare o pericardite essudativa, glomerulonefrite 135. Incubazione della Rabbia? 1-3 mesi 136. Sintomi della Rabbia? fase prodromica : Anoressia, perestesia, insonnia, cefalea; Fase rabbiosa dopo otto giorni : Idrofobia, fotofobia, aerofobia; Fase rabbia furiosa: pz tende a ferire se stesso e gli altri, eccitazione sessuale Sintomi della Varicella? Presenza di vescicole che compaiono a gettate nell arco di circa tre giorni, e maturano a vescicole con liquido dapprima limpido poi torbido e successivamente scoppiano e forma crosta; febbre /febbricola; prurito. 10

11 138. Complicanze della Rosolia? Artrite, Nevrassite, Trombocitopenia 139. Terapia della Legionella? Tetraciclina, Eritromicina, Rifampicina 140. Agente eziologico della endocardite nei tossico dipendenti? S.Aureus 141. Modalità di trasmissione del tetano? Mediate lesioni di continuo della cute che risultano sporche di terriccio o frammenti di corpi estranei 142. Complicanze della pertosse? Broncopolmoniti, sovrainfezioni batteriche, encefaliti pertossiche 143. Tempo d incubazione del Tetano? 2-5 giorni tanto è minore il tempo tanto è maggiore la carica patogena del Clostridium Tetanii 144. Come è valutata la gravità della pertosse? Dal n di cicli di tosse per avere l espettorato 145. Sintomi del Botulismo? Iniziano a livello addominale poi interessano la muscolatura intrinseca dell occhio poi quella estrinseca e se l infezione è tanto grave si osserva anche paralisi del diaframma con insufficienza respiratoria -->morte 146. Quante sono le tossine del Botulismo? 6 a,b,c,d,e,f 147. Terapia del Botulismo? Sieroterapia Se esistono problemi di respirazione-->ventilazione assistita, problemi alla minzione -->catetere vescicale 148. Quant è incubazione della peste? 2-8 gg Questi appunti sono stati inviati da utenti alla redazione del portale Se questi appunti sono tuoi e non vuoi più che siano pubblicati, oppure se hai riscontrato degli errori nei contenuti, contattaci all indirizzo Se anche tu vuoi condividere i tuoi appunti con la community del portale, inviaceli all indirizzo:

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

metodo Denominazione del test regionale

metodo Denominazione del test regionale Denominazione del test Indagini microbiologiche Anaerobi ricerca 90.84.3 Materiale biologico 7 Colturale Anaerobi identificazione biochimica 90.84.2 Da coltura 3 Biochimico Antibiogramma anerobi 90.84.1

Dettagli

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive ALLEGATO B Insegnamento: Malattie Infettive Settore Scientifico-Disciplinare: MED/17, MED/07; MED/46 CFU Tot.: 6 Ore di studio per ogni ora di: ADF (attività didattica ADI (attività didattica AFP (attività

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Vedi note. 10 Acanthamoeba, coltura. Tempi di

Vedi note. 10 Acanthamoeba, coltura. Tempi di Tempi di N.B. i tempi di risposta riportati si riferiscono ai tempi tecnici per l'esecuzione dell'indagine. In caso di richieste contenenti più esami, il tempo risultante è dato dall'esame più lungo 10

Dettagli

LINFOADENOMEGALIE. Reattive -infettive. Neoplastiche. Classificazione eziologica. - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche

LINFOADENOMEGALIE. Reattive -infettive. Neoplastiche. Classificazione eziologica. - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche LINFOADENOMEGALIE Classificazione eziologica Reattive -infettive Neoplastiche - autoimmunitarie -metaboliche - tossico-medicamentose - aspecifiche LINFOADENOMEGALIE inquadramento eziologico Infettive Cause

Dettagli

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA MENU INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA Malattia infettiva : Insieme di manifestazioni anatomo-funzionali,

Dettagli

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Il bambino con faringo-tonsilliti Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Visite Pediatriche (n 27861) presso la UOC DEAp (1 Gennaio 2012 31 Dicembre 2012) 50,0% GASTROENTEROLOGIA RESPIRATORIO 40,0% MALATTIE

Dettagli

Tempi necessari alla esecuzione del. Vedi note NOME DELLA PRESTAZIONE. 10 Acanthamoeba, coltura

Tempi necessari alla esecuzione del. Vedi note NOME DELLA PRESTAZIONE. 10 Acanthamoeba, coltura Tempi necessari alla del test (gg) N.B. i tempi riportati si riferiscono ai tempi necessari non tanto all del test in se stesso, quanto al tempo complessivo necessario. In caso di richieste contenenti

Dettagli

LE MALATTIE ESANTEMATICHE. www.fisiokinesiterapia.biz

LE MALATTIE ESANTEMATICHE. www.fisiokinesiterapia.biz LE MALATTIE ESANTEMATICHE www.fisiokinesiterapia.biz Definizione: Sono malattie infettive (virus, batteri) caratterizzate da: alta contagiosità comparsa di elementi cutanei caratteristici in gran numero

Dettagli

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 15 dicembre 2003 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I L ordinanza del 13 gennaio 1999 1 concernente le dichiarazioni

Dettagli

Valori di Riferimento degli esami eseguiti nell'u.o. Microbiologia

Valori di Riferimento degli esami eseguiti nell'u.o. Microbiologia Pagina 1 di 5 Ab anti Adenovirus IgG Anticorpi anti Adenovirus IgG Ab anti Adenovirus IgG : < 8.5 Ab anti Adenovirus IgM Anticorpi anti Adenovirus IgM Ab anti Adenovirus IgM : < 8.5 Ab anti Bartonella

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO DIRETTORE GENERALE Ing. Sergio Florio Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

818.141.11 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

818.141.11 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2008) Il Dipartimento federale dell interno, visto l articolo 3 capoverso 3 dell ordinanza del

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it VIRUS -ZOSTER (VZV, HHV-3) = infezione primaria Febbre ed esantema vescicolare generalizzato Dopo l infezione primaria, l HHV-3 risale dalle lesioni cutanee lungo le fibre nervose sensitive GANGLI RADICI

Dettagli

Denuncia di Malattia Infettiva

Denuncia di Malattia Infettiva Denuncia di Malattia Infettiva Strumento determinante per la sorveglianza sulle malattie infettive insorgenti sul territorio con applicazione delle misure di profilassi e controllo al fine di impedire

Dettagli

27/04/2009. La meningite INQUADRAMENTO MENINGI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria

27/04/2009. La meningite INQUADRAMENTO MENINGI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria La meningite Prof. P. Cavallo 1 INQUADRAMENTO Le meningiti sono un gruppo di infezioni del Sistema Nervoso Centrale (SNC).

Dettagli

ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006

ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006 ASL 2 SAVONESE REVISIONE PRONTUARIO TERAPEUTICO ANTIBIOTICOTERAPIA - ANTIMICOTICOTERAPIA TERAPIA ANTIPARASSITARIA TERAPIA ANTIVIRALE edizione 2006 Dott.ssa Lorenza Repetto UO Farmacia Dott. Marco Anselmo

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 818.141.11 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo 3 capoverso 3

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

HERPESVIRUS UMANI HERPESVIRUS UMANI PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI. scaricato da www.sunhope.it SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS.

HERPESVIRUS UMANI HERPESVIRUS UMANI PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI. scaricato da www.sunhope.it SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS. SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI Dimensioni del virione 180-200nm Genoma 90-145x10 6 basi DNA lineare, a doppia elica VZV HHV7 Struttura icosaedrica provvista di envelope glipoproteico

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

www.bayes.it - Le analisi tradizionali - statistiche area microbiologia per gruppo - ver 1.0 Pagina 1 di 6

www.bayes.it - Le analisi tradizionali - statistiche area microbiologia per gruppo - ver 1.0 Pagina 1 di 6 sierologia virus VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI 3 5,66372 sierologia virus VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg 4 5,61642 sierologia virus VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI 5 4,10649 sierologia

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 18 giugno 2009 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I Gli allegati 1 4 dell ordinanza del DFI del 13 gennaio

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006 REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO CHE DISCIPLINA IL SISTEMA DI SEGNALAZIONE

Dettagli

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI Farmaci contro i virus erpetici (analoghi nucleosidici = ANTIMETABOLITI) ACICLOVIR (herpes simplex e herpes zoster) VALACICLOVIR (profarmaco dell aciclovir) PENCICLOVIR (herpes

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 1 RIANIMAZIONE 2014 RICHIESTE INDAGINI BATTERIOLOGIA indagine neg pos tot indagine neg pos tot ANTIGENE ADENOVIRUS 4 0 4 PROTESI 7 3 10 ANTIGENE CLOSTRIDIUM DIFFICILE 5

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Le polmoniti. Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore Prof. L. M. Fabbri Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio e Chirurgia Toracica

Dettagli

La sindrome da immunodeficienza acquisita, o AlDS, rappresenta lo stadio più avanzato di una malattia infettiva causata da un retrovirus, il virus

La sindrome da immunodeficienza acquisita, o AlDS, rappresenta lo stadio più avanzato di una malattia infettiva causata da un retrovirus, il virus INFEZIONE DA HIV Clinica i AlDS: definizione La sindrome da immunodeficienza acquisita, o AlDS, rappresenta lo stadio più avanzato di una malattia infettiva causata da un retrovirus, il virus dell'immunodeficienza

Dettagli

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE Epatite = epatocitonecrosi + flogosi in tutto il fegato EPATITE ACUTA CRONICA da varie cause EPATITI ACUTE: EZIOLOGIA NON INFETTIVA ALCOOL TOSSICI - funghi

Dettagli

COLTURA STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO (a livello vaginale, rettale, perianale, vagino-rettale)

COLTURA STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO (a livello vaginale, rettale, perianale, vagino-rettale) analisi (complessa/semplice) Adenovirus anticorpi (Fissazione Complemento) ANALISI MUTAZIONI DNA fattori coagulazione (V, VR2, II, XIII, beta-fibrinogeno, PAI-1, Ag piastrinico, fattore genotipo MTHFR,

Dettagli

LA SINDROME MENINGEA MENINGITI. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2008 / 2009

LA SINDROME MENINGEA MENINGITI. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2008 / 2009 LA SINDROME MENINGEA MENINGITI Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2008 / 2009 MENINGITE FLOGOSI MENINGEA CARATTERIZZATA DA AUMENTO NEL NUMERO DI LEUCOCITI NEL LIQUOR QUADRO CLINICO CARATTERIZZATO

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

PAZIENTE CON SOSPETTA MENINGITE: GESTIONE DELL ESPOSIZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI

PAZIENTE CON SOSPETTA MENINGITE: GESTIONE DELL ESPOSIZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI pag. 1/16 PAZIENTE CON SOSPETTA MENINGITE: GESTIONE DELL ESPOSIZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI File: Redazione : Stefania Bertoldo, Emanuela Bissolo, Antonio Bressan Data applicazione : 13 maggio 011 Verifica:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997 CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997 CODICE 0010 Colera da Vibrio cholerae 0011 Colera da Vibrio cholerae el tor 0019 Colera non specificato 0020 Febbre tifoide 0021 Paratifo A 0022

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

batteriologia - micologia

batteriologia - micologia Antibiogramma Kirby Bauer batteriologia - micologia Antibiogramma MIC Antibiogramma micobatteri Antibiogramma lieviti Batteri identificazione biochimica (card, galleria) Lieviti identificazione biochimica

Dettagli

Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6

Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6 Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6 DENOMINAZIONE ANALISI METODO MATERIALE CONTENITORE GG RITIROTARIFFA ADENOVIRUS - RICERCA DIRETTA IFA CAMPIONI

Dettagli

batteriche sono S. aureus e streptococco ß-emolitico di gruppo B. L agente eziologico dell artrite

batteriche sono S. aureus e streptococco ß-emolitico di gruppo B. L agente eziologico dell artrite ARTRITI SETTICHE Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus L artrite settica è una flogosi acuta causata dalla localizzazione di microrganismi a livello articolare che, nel 90% dei casi, colpisce un singolo

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Utenti esterni. 10 gg 10 gg S.A. IFIIgG o IFIIgM WB IgG o WB IgM

Utenti esterni. 10 gg 10 gg S.A. IFIIgG o IFIIgM WB IgG o WB IgM Prestazioni erogate Tempi massimi di risposta * Anticorpi anti Adenovirus 10 gg 10 gg S.A. EIA Anticorpi anti Ameba 10 gg 10 gg S.A. EP Anticorpi anti antigene δ 15 gg 15 gg S.A. EIA Anticorpi anti antigene

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Aggiornamento alla GU 06/09/98 209. MALATTIE INFETTIVE E SOCIALI A) Malattie infettive e diffusive - Norme generali D.M. 15 dicembre 1990 (1). Sistema

Dettagli

batteriologia - micologia

batteriologia - micologia A.C.O. SAN FILIPPO NERI U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA PRESTAZIONI E TARIFFE analisi (complessa/semplice) RICHIESTA batteriologia - micologia Antibiogramma Kirby Bauer Antibiogramma MIC Antibiogramma

Dettagli

Mononucleosi infettiva

Mononucleosi infettiva Mononucleosi infettiva Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La mononucleosi infettiva è una malattia acuta ad andamento quasi sempre spontaneamente benigno che interessa il sistema reticolo-istiocitario,

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Le linfoadenopatie. nello studio del medico di famiglia. Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG

Le linfoadenopatie. nello studio del medico di famiglia. Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG Le linfoadenopatie nello studio del medico di famiglia Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG motivi diversi per linfoadenopatia Medico decide se Riscontro di linfoadenopatia

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA. Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS

MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA. Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS Quante visite per mal di gola? Il mal di gola, con oltre 19 milioni di visite all anno negli Stati Uniti (ICSI, 2005), rappresenta

Dettagli

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-)

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Abitudini di vita Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Alterazioni preneoplasiche acquisite Iperplasia

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

Prevenzione, diagnosi e trattamento delle ENCEFALITI

Prevenzione, diagnosi e trattamento delle ENCEFALITI Prevenzione, diagnosi e trattamento delle ENCEFALITI Giorgio Bartolozzi Caserta 19 febbraio 2009 = processo infettivo e infiammazione a carico del parenchima cerebrale = Sofferenza generalizzata della

Dettagli

Precauzioni per il controllo delle malattie trasmissibili. Misure di isolamento

Precauzioni per il controllo delle malattie trasmissibili. Misure di isolamento Precauzioni per il controllo delle malattie trasmissibili Misure di isolamento 1 Precauzioni standard (S) Igiene delle mani Guanti Mascherina con occhiali protettivi o schermo facciale Camici protettivi

Dettagli

BORRELIOSI DI LYME STRUTTURA CASO INDICE PROVVEDIMENTI SUL CASO INDICE DISPOSIZIONI PER CONTATTI ALL INTERNO DELLA COLLETTIVITÀ Popolazione generale Soggetto, qualsiasi età di inchiesta epidemiologica.

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Libretto delle vaccinazioni

Libretto delle vaccinazioni REGIONE LIGURIA Libretto delle vaccinazioni Cognome Nome Data di nascita Il centro vaccinale della mia ASL: Indirizzo: Tel.: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE U.O. IGIENE E SANITÀ PUBBLICA Direzione: Tel: e-mail:

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA Febbre reumatica Malattia infiammatoria acuta sistemica che si manifesta 2-4 settimane dopo un'infezione faringea da streptococco b-emolitico del gruppo A E'

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

MENINGITI ED ENCEFALITI. www.fisiokinesiterapia.biz

MENINGITI ED ENCEFALITI. www.fisiokinesiterapia.biz MENINGITI ED ENCEFALITI www.fisiokinesiterapia.biz MENINGITI Virali Batteriche INFEZIONI DEL SN ENCEFALITI Virali Batteriche INFEZIONI VIRALI DEL SN In genere, diffusione secondaria di infezioni sistemiche

Dettagli

DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI

DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI M. Landi DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI 44% bambini sani di età < 5 anni possono presentare linfonodi palpabili in sede cervicale, ascellare ed inguinale. 24% neonati sani con linfonodi palpabili in sede

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici

Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici A.C.O. SAN FILIPPO NERI DIPARTIMENTOMEDICINA DI LABORATORIO U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA A,come Adenovirus (enterici)

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Accredited - Agréé Eziologia della Legionellosi Chiara Postiglione 1976: Philadelphia, Convention of American Legion Oltre 4000 veterani reduci della

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Relazione Sanitaria 2000 Rapporto n. 6 Epidemiologia delle malattie infettive Riassunto Le misure di frequenza delle malattie infettive risentono in maniera importante del fenomeno della sottonotifica.

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro

POLMONITI POLMONITI. Classificazione Definizione Epidemiologia Fattori di rischio Eziologia Clinica Diagnosi. Elisabetta Balestro POLMONITI Elisabetta Balestro Divisione di Pneumologia Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari Università degli Studi di Padova POLMONITI Classificazione Definizione Epidemiologia

Dettagli

Prevenzione delle infezioni opportunistiche

Prevenzione delle infezioni opportunistiche Prevenzione delle infezioni opportunistiche Andamento viremico e risposta immunitaria 10 6 cellule CD4 1000 HIV RNA Copie/ml HIV-RNA plasmatico 800 600 400 200 CD4 Cellule/mm 3 10 2 mesi anni 0 >9/99 3/99-9/99

Dettagli

Profilassi immunitaria

Profilassi immunitaria Profilassi immunitaria Dott.ssa Pamela Di Giovanni Profilassi immunitaria passiva Sieroprofilassi Possono essere divisi in 3 categorie: antibatterici antivirali antitossici I primi sono stati completamente

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

PROGETTO e-learning IN PEDIATRIA. Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti. Malattia Reumatica

PROGETTO e-learning IN PEDIATRIA. Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti. Malattia Reumatica PROGETTO e-learning IN PEDIATRIA Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti Malattia Reumatica F. Chiarelli Malattia Reumatica Si tratta di una patologia del

Dettagli

MALATTIE ESANTEMATICHE2009

MALATTIE ESANTEMATICHE2009 MALATTIE ESANTEMATICHE2009 Claudia Di Domenico CATTEDRA DI PEDIATRIA CLINICA PEDIATRICA MORBILLO RNA-VIRUS FAMIGLIA DEI PARAMYXOVIRUS MORBILLO PICCOLO MORBO (per distinguerlo nel Medioevo dai grandi morbi:

Dettagli

PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE IN ETA PEDIATRICA

PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE IN ETA PEDIATRICA PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE IN ETA PEDIATRICA La profilassi delle malattie infettive costituisce un aspetto fondamentale della medicina preventiva, in particolare per il pediatra Profilassi generica:

Dettagli

questi farmaci vengono raggruppati: A seconda del meccanismo d azione. Esistono, infatti, antibiotici batteriostatici,

questi farmaci vengono raggruppati: A seconda del meccanismo d azione. Esistono, infatti, antibiotici batteriostatici, Con l arrivo delle patologie invernali, facciamo il punto sulle diverse opzioni disponibili per la scelta, da parte del medico, della terapia antibiotica di Chiara Chiodini Farmacista La terapia antibiotica

Dettagli

La Febbre. Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante

La Febbre. Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante La Febbre Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali molto complesse. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante FEBBRE Centro ipotalamico Pirogeni Differenza

Dettagli

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE Pag. 1 di 20 INDICE MODIFICHE...3 OGGETTO E SCOPO...3 OGGETTO...3 SCOPO...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 RESPONSABILITA COINVOLTE...4 DEFINIZIONI...5 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...7 CONTENUTO...8 SEGNALAZIONE

Dettagli

CITOLOGIA POLMONARE BAL

CITOLOGIA POLMONARE BAL CITOLOGIA POLMONARE BAL BAL Dr. M.M.Maruzzi U.O. Endoscopia Toracica A.O. L.Sacco Milano Dr. F. Pagano U.O. Istocitopatologia A.O. L.Sacco Milano Dr. N.Maucci U.O. Laboratorio -Biella Dr. P.Galloro U.O.

Dettagli

Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute

Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute Allegato al Decreto del Ministero della Salute del 3 marzo 2005 Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute Il candidato donatore affetto

Dettagli

Terapia empirica ragionata Delle MENINGITI. Dr. Pg Bertucci Tropicalista

Terapia empirica ragionata Delle MENINGITI. Dr. Pg Bertucci Tropicalista Terapia empirica ragionata Delle MENINGITI Dr. Pg Bertucci Tropicalista SINDROME MENINGEA - MENINGISMO Definizione INSIEME DI SEGNI (OGGETTIVI) E SINTOMI (SOGGETTIVI) DI IRRITAZIONE MENINGEA FEBBRE NUCA

Dettagli

EMOCOLTURE INDICAZIONI PER I REPARTI OSPEDALIERI

EMOCOLTURE INDICAZIONI PER I REPARTI OSPEDALIERI U.O.Microbiologia ISTRUZIONE OPERATIVA EMOCOLTURE INDICAZIONI PER I REPARTI OSPEDALIERI IOB12R 11/2/13 EMOCOLTURE INDICAZIONI PER I REPARTI OSPEDALIERI 1. INFORMAZIONI GENERALI L emocoltura costituisce

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 2002

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 2002 CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 2002 CODICE 0010 COLERA DA VIBRIO CHOLERAE 0011 COLERA DA VIBRIO CHOLERAE EL TOR 0019 COLERA NON SPECIFICATO 0020 FEBBRE TIFOIDE 0021 PARATIFO A 0022

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

Modalità di trasmissione delle malattie infettive

Modalità di trasmissione delle malattie infettive Università degli Studi di Perugia FACOLTÀ DI FARMACIA - CORSO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA- Modalità di trasmissione delle malattie infettive Prof. Silvano Monarca Vie di trasmissione delle infezioni Catena

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

LE MENINGITI. Dr. Ferioli Cristian. http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds

LE MENINGITI. Dr. Ferioli Cristian. http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds LE MENINGITI Dr. Ferioli Cristian http://formazione.cristian.googlepages.com/corsovds MENINGITE La meningite è definita come un'infiammazione delle meningi (in particolare della Piamadre e Aracnoide) accompagnata

Dettagli

lezione 18 Pierpaolo Cavallo 1 Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH GRUPPO O COMPLESSO TORCH

lezione 18 Pierpaolo Cavallo 1 Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH GRUPPO O COMPLESSO TORCH UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH Prof. P. Cavallo 1 GRUPPO O COMPLESSO

Dettagli