FREE UNIVERSITY NETWORK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FREE UNIVERSITY NETWORK"

Transcript

1 DOMANDE DI MALATTIE INFETTIVE: 1. Indicare almeno 3 derivati azolici: Ketoconazolo, Miconazolo, Fluconazolo, Itraconazolo. 2. Terapia della faringite da Streptococco nel bambino: Benzilpenicillina benzatinica U i.m. se peso >25 Kg, U se peso < 25 Kg. 3. Markers dell epatite B tipica: Positività per HbsAg, IgM Anti-HBc, HbeAg + HBV-DNA nella fase replicativa, Anticorpi anti- Hbe dopo sieroconversione. 4. Le Legionelle sono sensibili alla penicillina? NO. 5. Indicare gli agenti eziologici delle polmoniti alveolari nosocomiali: Pseudomonas aeruginosa, Klebsiella spp., Enterobacter spp., Staphylococcus aureus. 6. Quali sono le più frequenti infezioni nosocomiali? Quelle a carico delle vie urinarie. 7. Batterinuria significativa: >10^5 microrganismi / ml di urina (mitto intermedio). 8. Meningiti del neonato: E.Coli, Streptococchi del gruppo B, Listeria Monocytogenes. 9. Terapia Meningiti del neonato: Ampicillina + Amminoglicoside o Cefotaxima e.v. 10. Agente Eziologico della Malattia da Graffio di gatto: Rochalimaea Henselae (Rickettsia, G+) 11. Enterococchi Resistenti alla Vancomicina: Sinergistine (pristinamicina, virginiamicina) 12. Fino a quando è contagioso un pz affetto da Morbillo? 5 giorni dopo la scomparsa dell esantema. 13. Cosa provoca HSV1e HSV2? HSV1-->gengivostomatite aftosa e cheratocongiuntivite HSV2--> Herpes genitale nei neonati da cheratocongiuntivite. 14. Cosa provoca il HHV6? eritema critico nei bambini tra 6-->24 mesi 1

2 15. Quali apparati colpisce la malattia di Lyme? Cute, Cuore, Nervoso, Articolazioni 16. Quadro clinico della febbre Q? Corrisponde al quadro clinico della Polmonite interstiziale. 17. Quando si osserva Pneumocistosi nel Pz AIDS? Quando i Cd4 sono < 200/mm3 18. Cosa provoca l Aspegillo? Polmonite necrotizzante, aspergilloma, aspergillosi bronchiale allergica, otomicosi 19. Quale è il serbatoio della Leishmania e il suo vettorre? Cane, Volpe il vettore è il phlebotomu (zanzara ) 20. Microrganismi responsabili delle enteriti invasive? E.I.E.C., Shigella, alcune Salmonelle, Yersinia Enterocolitica, Entamoeba Histolitica 21. Cosa fa la tossina della pertosse? Provoca linfocitosi, sensibilità all istamina, la secrezione d insulina, produzione IgG IgE 22. Che patologia è caratterizzata dalla Facies Leonina? Lebbra lepromatosa 23. Complicanze Difterite? Miocardite, paralisi, lesioni renali 24. Come non si può dare a penicillina G benzatinica? Per os 25. Si usano i corticosteroidi nella pneumocistosi? Si, nelle forme gravi : prednisone 40mg / 2 volte die 26. Farmaci che provocano la Colite pseudomembranosa? Clindamicina, Ampicillina, Cefalosporine III, Cotrimossazolo, (raramente Aminoglicosidi, Ureidopenicilline); THP vancomicina o teicoplanina o metronidazolo 27. Leishmaniosi quadro ematologico? Anemia, iper_globulinemia policlonale, pancitopenia 28. Toxoplasmosi in AIDS quando? Linfociti Cd4 < 100/mm3 29. Indicare due mycobacterii atipici? Avium, Kansasii, Marinuum 2

3 30. Terapia Scarlattina? Benzil penicillina benzatinica U sotto 25 Kg, sopra i 25 Kg; eritromicina 31. Profilassi della Malaria? Zona A Clorochina ; Zona B Clorochina + Proguanil; Zona C Meflochina, Doxiciclina 32. Tre virus che provocano Enterite? Norwalk, Rotavirus, Adenovirus, Coronavirus. 33. Complicanze Kawasaki? Aneurisma coronarie, Trombosi delle coronarie 34. Incubazione Morbillo? 8-12 gg 35. Incubazione Pertosse? 10-16gg 36. Neurotoxoplasmosi cosa determina? Liquor limpido, iperproteinemico, glicoracchia normale, pleiocitosi linfo-monocitaria 37. Complicanza del Tracoma? Cecità 38. Creutzfeldt-Jacob? -->Encefalite spongiforme 39. Professione a rischio per il Carbonchio? Conciatori della pelle, veterinari, agricoltori, lavoratori del cuoio, materassai 40. Diagnosi di Pneumocistosi? Dall isolamento del protozoo dal lavaggio bronchio-alveolare 41. Tre farmaci inibitori delle proteasi? Saquinavir, ritonavir, indinavir, nelfinavir 42. Tre salmonelle? Tiphy, paratiphy, enteriditis, panama, derby 43. Agente eziologico della criptosporidiosi? Cryptosporidium 44. Quale plasmodio non dà complicanze? NESSUNO 3

4 45. Indici di flogosi? VES, Fibrinogeno, PCR, leucocitosi. 46. Cosa causa la macchia nera (tache noire)? Rickettsia Conorii (trasmessa dalla zecca del cane)agente della febbre bottonosa 47. Serbatoio della peste? Ratto 48. Agente della idatidosi? Ecchinococcus Granulosus (idatidosi cistica), E.multilocularis (idatidosi alveolare) 49. Terapia della Pneumocistosi? Cotrimossazolo, pentamidina in aereosol 600mg/die dapsone 100mg/die 50. Terapia della TBC? Rifampicina, isoniazide o streptomicina, pirazinamide, etambutolo 51. Terapia della toxoplasmosi? Pirimetamina+ sulfamidici 52. Agente della febbre mediterranea? R. Conorii 53. Farmaci con dosi della profilass antimalarica? Area A Clorochina 300mg una volta a settimana, Area B Clorochina + proguanil 200mg/die Area C meflochina 250mg una volta a settimana, Doxiciclina 100mg/die 54. Indicare esantemi maculo-papulosi? Morbillo, scarlattina, tifo esantematico, esantema critico, megaloeritema, rosolia 55. Quando usi il test di Wright? Brucellosi 56. Agenti + frequenti delle meningiti? H.influenzae, N. meningitidis, L. monocitogenes, Streptococco pneumoniae, pyogenes, Virus echo, Coxsackie virus 57. Terapia del Carbonchio? Penicillina G, CAF, streptomicina, tetracicline, eritromicina 58. Eziologia delle patologie prenatali(5)? Rosolia, morbillo, varicella, CMV, Toxoplasma gondii, Treponema Pallidum, Hiv 59. Infezione trasmesse per via sessuale (5)? Treponema pallido, N. gonorreae, Hiv, Hpv,Hsv2, Tricomonas 4

5 60. Terapia più adatta per le polmoniti in Italia? Penicillina più inibitori delle _lattamasi, cefalosporine I II e macrolidi 61. Terapie della sifilide con dosi? Penicillina 2,4 milioni U.I., Doxiciclina 100mg/due volte al giorno 62. Eziologia delle infezioni epatiche post-trapianto? CMV, Listeria monocitogenes, Adenovirus, toxoplasmos 63. Malformazioni dovute alla toxoplasmosi? nervoso-->microcefalia, idrocefalo; oculari-->cataratta, microoftalmia 64. Eziologia dell ossiuriasi? Enterobius Vermicularis 65. Cause di sepsi neonatale? Listeria Monocitogenes 66. Eziologia dell epiglottite? H.influenzae di tipo B, Virus I,II,III, parainfluenzale; raramente virus influenzale, virus respiratorio sinciziale, adenovirus 67. Cause di diarrea nell AIDS? protozoo: criptosporidium; fungo: candida ;virus: CMV;battere: Salmonella; 68. Complicanze della Parotite epidemica? Pancreatite-->D.M; Orchi-epidimite--> azoospermia; sordità per interessamento VIII per nevrassite 69. Quale patologia presenta le feci ad acqua di riso? Colera 70. Cosa provoca il Tracoma? Cheratocongiuntivite cronica(-->cecità) 71. Terapia della meningite da meningococco? Benzilpenicillina, ampicillina.ii scelta ceftriaxone, CAF 72. Quando si usa la reazione di Vidal(sieroagglutinazione)? Salmonellosi 73. Terapia della Brucellosi? Doxiciclina+ Rifampicina 5

6 74. Agente della tosse pertussoide? Bordetella Pertussis 75. Terapia Giardiasi? Metronidazolo (750mg/die 3 dosi per 5 giorni) 76. Eziologia prevalente della diarrea del Viaggiatore? E.coli (eiec, epec, etec), Campilobacter, Shighelle 77. Manifestazioni cliniche della Loa loa? Edemi di Calbar, forme sottocutanee 78. Definizione del meningismo? E uno stato irritativo meningeo, non dovuto alla localizzazione diretta di agenti patogeni, che può presentarsi nel corso di malattie febbrili, a seguito di traumi o insolazioni o per effetto di sostanze tossiche. Il liquor appare iperteso chiaro, normocellulare e asettico 79. Meningite minima? Non segni né sintomi di meningite, solo alterazioni lieve della cellularità liquorale, e minima presenza di albumina(complicanza della Parotite Epidemica) 80. Segni ipertono antalgici della meningite (3)? Segno di Brudzinski( della flessione degli AAII a seguito del movimento passivo della nuca), Segno di Kernig( flessione degli AAII nel tentativo di porre il pz in posizione seduta)segno di Lesage(alzi il bambino per le ascelle e non muove gli AAII a mo di pedalata),segno di Amos(rigidità del dorso obbliga il pz a poggiare le mani per sedersi),rigidità nucale, posizione a canna di fucile 81. Come si fa a fare diagnosi di C.Difficile? Esame delle feci alla ricerca della tossina (ricerca più agevole conmetdi immunoenzimatici)e del clostridio mediante esame endoscopico 82. Trasmissione dell epatite A? Oro-fecale 83. Terapia della Teniasi? Niclodamide e praziquantel 84. Clinica della Brucellosi acuta? Sudore a puzzo di Stalla, febbre ondulante elevata, algie,cefalea 85. Localizzazione della Difterite (5)? Faringe, laringe, mucosa nasale, orale, genitale 86. Terapia della Listeriosi in meningea e setticemica? Ampicillina + Aminoglicosidi o cotrimossazolo 6

7 87. Agenti della meningite Neonatale? E.Coli, Streptococco _emolitico gruppo B, Listeria Monocitogenes, Candida Albicans, Enterovirus 88. Profilassi della diarrea del Viaggiatore? Igiene alimentare, corporale, farmacologica fluorochinoloni 89. In caso di Babebiosi che diagnosi differenziale bisogna fare? Malaria 90. Complicanze della Varicella? Nevrassite, pneumopatie, artrite, impetiginizazzione 91. Primo segno del tetano? Trisma (-->contrattura dei muscoli masticatori con impossibilità nell aprire la rima buccale) 92. Come si contagia la lebbra? Per via aerea 93. Farmaci AIDS analoghi nucleotidici? AZT(zidivudina), stavudina, zalcitabin, didanosina 94. La Rickettsia Prowazeki cosa provoca? Tifo esantematco 95. Trasmissione Listeriosi? Via alimentare, via materno-fetale, contatto con animali infetti 96. Cosa è tossina del tetano? Esotossina 97. Tempo d incubazione del Botulismo? h 98. Il CAF è il farmaco d elezione di che cosa? Salmonella Tiphy 99. La malattia del sonno? Tripanosomiasi del sonno 100. Citomegalovirus cosa provoca nel pz AIDS? Stomatite, Esofagite, Gastrite, Colite, Mielite,Polineuropatia Polmonite, Corioretinite. Terapia: ganciclovir e foscarnet 101. Tests da fare in gravidanza? Hiv, CMV, Toxoplasma Gondii, Treponema Pallidum, Virus della Rosolia, Virus Varicella Zoster 7

8 (VZV), Hsv2, Hbv, Coxsackie, Echo Virus 102. Test sierologici per la sifilide? A: treponemiche Nelson e Mayer, RPCF,KRP, TPHA(emoagglutinazione per valutare i tassi anticorpali) B: non treponemiche sono VDRL(metodo di floccuzione) e le reazioni di Wassermann e Konner 103. Test per ossiuriasi? Scotch tape per dimostrare L Enterobius Vermicularis 104. Diagnosi di Endocarditi Batteriche? Ecocardio, Emocoltura, Sintomi e segni d infezione sistemica 105. Monitoraggio della terapia antiretrovirale? N linfociti Cd4+, Valutazione carica virale, Valutazione dell antigene P24 circolante e nel liquor, reattività test cutanei 106. Quattro esantemi Batterici? Scarlattina, Tifo esantematico, Erisipela, Tifo murino, malattia di Lyme, eritema marginato 107. Stati dove il S. Pneumoniae é resistente alla Penicillina? Spagna, Ungheria, South Africa, forse United States of America 108. Caratteristiche Liquorali delle meningiti purulente? Liquor torbido, pleiocitosi neutrofila, iperproteinemia, glucoracchia, cloruroracchia 109. Farmaci per lo Pseudomonas? Aminoglicosidi(gentamicina, tobramicina)+ Cefalosporine III (ceftazidime); Aminoglicosidi + Penicillina ad ampio spettro(pipercillina);fluorochinoloni(ciprofloxacina) 110. Ematuria più febbre quando la trovi? Malaria, Filariosi, Endocardite, Bilharziosi 111. Tre meningiti a liquor torbido? Haemophilus Influenzae, Neisseria Meningitidis, Listeria Monocitogenes, Streptococcus Pneumoniae, Streptococchi di gruppi B, bacilli enterici gram Patologie che determinano polmoniti interstiziali? Virus respiratori(v.influenza A), Mycoplasma pneumoniae, Coxsiella Burneti, Chlamidya Psittaci, P.carinii 113. Terapia della Neurotoxoplasmosi? Clindamicina(450mg*3/die)+Pirimetamina(50mg/die); Pirimetamina + sulfadiazina(5g/die) N.B. aggiungere 10 mg di a. Folico per la mielotossicità della pirimetamina 8

9 114. Eritema cronico migrante? E il primo stadio della malattia di Lyme(3-4 settimane) 115. Interessamento cardiaco nella secondo Stadio della Malattia di Lyme? Miocardite-->Blocco AV di I grado (Tipo Wenckebach) o blocco totale 116. Esantemi micotici? Ptiriasi Versicolor, Dermatofitosi, Criptococcosi, Candidosi, Sporotricosi 117. Indicare almeno 5 esantemi virali? Morbillo, Rosolia, Varicella, Megaloeritema infettivo, Eritema Critico, Cmv, Hbv 118. Indicare almeno 5 miceti opportunisti in AIDS? Candida Albicans, Criptococco neoformans, Histoplasma encapsulatum, Coccidioides immitis, Aspergillo 119. Durata terapia nella Toxoplasmosi neonatale? Pirimetamina 0.5-->1mg/Kg + Sulfadiazina 100mg/Kg per 6-12 mesi 120. Le più frequenti polmoniti comunitarie? Sindrome polmonite tipica S.pneumoniae, H. influenzae; Nella atipica M. pneumoniae, L. pneumophila, Chlamidya Pneumoniae 121. Cinque criteri per fare diagnosi di AIDS? Candidosi Esofago/Tachea/Bronchi/Polmone; Criptococcosi extrapolmonare; Cripsoridiosi con diarrea > 1 mese; CMV del sistema nervoso o polmonare, Herpes simplex persistente o disseminato, Sarcoma di Kaposi in pz con età < di 60 anni, Linfoma cerebrale in pz con età < di 60 anni, Micobatteriosi atipica (Avium o Kansasii); Polmonite da p. Carinii, Toxoplasmosi viscerale 122. Terapia della otite media acuta? Ampicillina 50 mg/kg/die); Amoxicillina(40mg/Kg/die); Cotrimossazolo 123. Quadro ematologico della pertosse? Linfocitosi assoluta o leucocitosi neutrofila in caso di sovrainfezione batterica 124. Cause di linfoadenopatia laterocervicale? EBV, Toxoplasmosi, CMV, Faringiti 125. Quando utilizzo la meflochina? profilassi della Malaria (zona C) e terapia 126. Quale agente è responsabile della Gangrena Gassosa? Clostridium Perfrigens (terapia Benzil penicillina + Toilette chirurgica) 9

10 127. Complesso AIDS correlato? Sintomi clinici associati a due o più alterazioni del sistema immunitario 128. Come si fa la diagnosi di Morbillo? Presenza del segno di Koplik, leucopenia e neutropenia, ricerche citologiche(cc giganti plurinucleate), identificazione antigeni virali mediate immnuofluorescenza, isolamento del virus in coltura o test sierologici 129. Diagnosi di scarlattina? Test di Dick(desueto), sintomi e caratteristiche dell esantema e dell enantema, VES leucocitosi neutrofila e tampone faringeo per identificare lo streptococco bemolitico Terapia e profilassi del morbillo? Sintomatica antibiotici in caso di superinfezioni, per la profilassi vaccino con virus vivo attenuato non prima del 15 mese di vita associato a parotite e rosolia con richiamo al decimo anno Terapia della Scarlattina? Benzilpenicillina benzatinica unica dose i.m. ed eritromicina per os per 10gg 132. Sintomi della scarlattina? Dopo l incubazione febbre, cefalea, nausea, vomito, faringodinia, poi iniziano a essere presenti segni clinici quali lingua a fragola bianca. Esantema tipico, presenza della maschera di Filatof,segno del Borsieri, tra le lesioni rosso-cupo la cute è edematosa 133. Complicanze Morbillo? Laringite, Bronchiolite, Polmonite interstiziale 134. Complicanze Scarlattina? Tossiche: Artrite, miocardite, endocardite,, nevrite; Allergica: reumatismo delle grandi ossa, endocardite valvolare o pericardite essudativa, glomerulonefrite 135. Incubazione della Rabbia? 1-3 mesi 136. Sintomi della Rabbia? fase prodromica : Anoressia, perestesia, insonnia, cefalea; Fase rabbiosa dopo otto giorni : Idrofobia, fotofobia, aerofobia; Fase rabbia furiosa: pz tende a ferire se stesso e gli altri, eccitazione sessuale Sintomi della Varicella? Presenza di vescicole che compaiono a gettate nell arco di circa tre giorni, e maturano a vescicole con liquido dapprima limpido poi torbido e successivamente scoppiano e forma crosta; febbre /febbricola; prurito. 10

11 138. Complicanze della Rosolia? Artrite, Nevrassite, Trombocitopenia 139. Terapia della Legionella? Tetraciclina, Eritromicina, Rifampicina 140. Agente eziologico della endocardite nei tossico dipendenti? S.Aureus 141. Modalità di trasmissione del tetano? Mediate lesioni di continuo della cute che risultano sporche di terriccio o frammenti di corpi estranei 142. Complicanze della pertosse? Broncopolmoniti, sovrainfezioni batteriche, encefaliti pertossiche 143. Tempo d incubazione del Tetano? 2-5 giorni tanto è minore il tempo tanto è maggiore la carica patogena del Clostridium Tetanii 144. Come è valutata la gravità della pertosse? Dal n di cicli di tosse per avere l espettorato 145. Sintomi del Botulismo? Iniziano a livello addominale poi interessano la muscolatura intrinseca dell occhio poi quella estrinseca e se l infezione è tanto grave si osserva anche paralisi del diaframma con insufficienza respiratoria -->morte 146. Quante sono le tossine del Botulismo? 6 a,b,c,d,e,f 147. Terapia del Botulismo? Sieroterapia Se esistono problemi di respirazione-->ventilazione assistita, problemi alla minzione -->catetere vescicale 148. Quant è incubazione della peste? 2-8 gg Questi appunti sono stati inviati da utenti alla redazione del portale Se questi appunti sono tuoi e non vuoi più che siano pubblicati, oppure se hai riscontrato degli errori nei contenuti, contattaci all indirizzo Se anche tu vuoi condividere i tuoi appunti con la community del portale, inviaceli all indirizzo:

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive ALLEGATO B Insegnamento: Malattie Infettive Settore Scientifico-Disciplinare: MED/17, MED/07; MED/46 CFU Tot.: 6 Ore di studio per ogni ora di: ADF (attività didattica ADI (attività didattica AFP (attività

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Il bambino con faringo-tonsilliti Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Visite Pediatriche (n 27861) presso la UOC DEAp (1 Gennaio 2012 31 Dicembre 2012) 50,0% GASTROENTEROLOGIA RESPIRATORIO 40,0% MALATTIE

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

Valori di Riferimento degli esami eseguiti nell'u.o. Microbiologia

Valori di Riferimento degli esami eseguiti nell'u.o. Microbiologia Pagina 1 di 5 Ab anti Adenovirus IgG Anticorpi anti Adenovirus IgG Ab anti Adenovirus IgG : < 8.5 Ab anti Adenovirus IgM Anticorpi anti Adenovirus IgM Ab anti Adenovirus IgM : < 8.5 Ab anti Bartonella

Dettagli

www.bayes.it - Le analisi tradizionali - statistiche area microbiologia per gruppo - ver 1.0 Pagina 1 di 6

www.bayes.it - Le analisi tradizionali - statistiche area microbiologia per gruppo - ver 1.0 Pagina 1 di 6 sierologia virus VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI 3 5,66372 sierologia virus VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg 4 5,61642 sierologia virus VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI 5 4,10649 sierologia

Dettagli

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI

CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI CHEMIOTERAPICI ANTIVIRALI Farmaci contro i virus erpetici (analoghi nucleosidici = ANTIMETABOLITI) ACICLOVIR (herpes simplex e herpes zoster) VALACICLOVIR (profarmaco dell aciclovir) PENCICLOVIR (herpes

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

COLTURA STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO (a livello vaginale, rettale, perianale, vagino-rettale)

COLTURA STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO (a livello vaginale, rettale, perianale, vagino-rettale) analisi (complessa/semplice) Adenovirus anticorpi (Fissazione Complemento) ANALISI MUTAZIONI DNA fattori coagulazione (V, VR2, II, XIII, beta-fibrinogeno, PAI-1, Ag piastrinico, fattore genotipo MTHFR,

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

batteriche sono S. aureus e streptococco ß-emolitico di gruppo B. L agente eziologico dell artrite

batteriche sono S. aureus e streptococco ß-emolitico di gruppo B. L agente eziologico dell artrite ARTRITI SETTICHE Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus L artrite settica è una flogosi acuta causata dalla localizzazione di microrganismi a livello articolare che, nel 90% dei casi, colpisce un singolo

Dettagli

Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6

Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6 Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6 DENOMINAZIONE ANALISI METODO MATERIALE CONTENITORE GG RITIROTARIFFA ADENOVIRUS - RICERCA DIRETTA IFA CAMPIONI

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997

CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997 CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE E TRAUMATISMI ICD-9-CM 1997 CODICE 0010 Colera da Vibrio cholerae 0011 Colera da Vibrio cholerae el tor 0019 Colera non specificato 0020 Febbre tifoide 0021 Paratifo A 0022

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Mononucleosi infettiva

Mononucleosi infettiva Mononucleosi infettiva Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La mononucleosi infettiva è una malattia acuta ad andamento quasi sempre spontaneamente benigno che interessa il sistema reticolo-istiocitario,

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA. Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS

MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA. Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS Quante visite per mal di gola? Il mal di gola, con oltre 19 milioni di visite all anno negli Stati Uniti (ICSI, 2005), rappresenta

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA Febbre reumatica Malattia infiammatoria acuta sistemica che si manifesta 2-4 settimane dopo un'infezione faringea da streptococco b-emolitico del gruppo A E'

Dettagli

Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici

Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici A.C.O. SAN FILIPPO NERI DIPARTIMENTOMEDICINA DI LABORATORIO U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA A,come Adenovirus (enterici)

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Profilassi immunitaria

Profilassi immunitaria Profilassi immunitaria Dott.ssa Pamela Di Giovanni Profilassi immunitaria passiva Sieroprofilassi Possono essere divisi in 3 categorie: antibatterici antivirali antitossici I primi sono stati completamente

Dettagli

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE Pag. 1 di 20 INDICE MODIFICHE...3 OGGETTO E SCOPO...3 OGGETTO...3 SCOPO...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 RESPONSABILITA COINVOLTE...4 DEFINIZIONI...5 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...7 CONTENUTO...8 SEGNALAZIONE

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

questi farmaci vengono raggruppati: A seconda del meccanismo d azione. Esistono, infatti, antibiotici batteriostatici,

questi farmaci vengono raggruppati: A seconda del meccanismo d azione. Esistono, infatti, antibiotici batteriostatici, Con l arrivo delle patologie invernali, facciamo il punto sulle diverse opzioni disponibili per la scelta, da parte del medico, della terapia antibiotica di Chiara Chiodini Farmacista La terapia antibiotica

Dettagli

PROGETTO e-learning IN PEDIATRIA. Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti. Malattia Reumatica

PROGETTO e-learning IN PEDIATRIA. Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti. Malattia Reumatica PROGETTO e-learning IN PEDIATRIA Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti Malattia Reumatica F. Chiarelli Malattia Reumatica Si tratta di una patologia del

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

MALATTIE ESANTEMATICHE2009

MALATTIE ESANTEMATICHE2009 MALATTIE ESANTEMATICHE2009 Claudia Di Domenico CATTEDRA DI PEDIATRIA CLINICA PEDIATRICA MORBILLO RNA-VIRUS FAMIGLIA DEI PARAMYXOVIRUS MORBILLO PICCOLO MORBO (per distinguerlo nel Medioevo dai grandi morbi:

Dettagli

La Febbre. Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante

La Febbre. Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante La Febbre Anche se apparentemente banale, la febbre richiede abilità diagnosticogestionali molto complesse. La relazione col paziente gioca un ruolo determinante FEBBRE Centro ipotalamico Pirogeni Differenza

Dettagli

FilmArray system versus RT-PCR method in meningitidis and sepsis management: an example of routine-emergency integration

FilmArray system versus RT-PCR method in meningitidis and sepsis management: an example of routine-emergency integration FilmArray system versus RT-PCR method in meningitidis and sepsis management: an example of routine-emergency integration Relatore: D.ssa Loria Bianchi, PhD U.O. Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche- Sezione

Dettagli

Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale. Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna. Informazioni per il donatore di sangue

Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale. Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna. Informazioni per il donatore di sangue Dipartimento di Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Servizio Trasfusionale Provinciale Ravenna Informazioni per il donatore di sangue Quali sono i motivi per i quali vengono effettuati: la compilazione

Dettagli

Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche

Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche Zoonosi tradizionali e malattie trasmesse da zecche Prevenzione delle zoonosi e delle malattie trasmesse da vettori Dott Vito Perremuto Definizioni Sorgente d infezione Serbatoio d infezione portatore

Dettagli

Malattie infettive dell infanzia

Malattie infettive dell infanzia Malattie infettive dell infanzia (Varicella, Morbillo, Parotite, Pertosse, Rosolia, Quinta malattia, Scarlattina, Sesta malattia) Queste malattie sono causate da virus eccetto la scarlattina che è causata

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE

LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente e Responsabile Direttore Dr.ssa P. Auriemma LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA

MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA Segnalazioni e distribuzione della casistica nel 28 (dati definitivi) e Casistica (provvisoria) a tutto settembre 29 Premessa La sorveglianza sanitaria nei confronti

Dettagli

OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI

OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI A CURA DI: dr.ssa Giuseppina Bartolomei Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29 INDICE LEGENDA... 2 CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI PEDIATRICHE... 3 Offerta attiva e gratuita... 3 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita... 3 Offerta attiva e gratuita per gruppi a rischio... 3 LE VACCINAZIONI

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

VISTO il D.L.vo 30 dicembre 1992 n. 502 e il D.L.vo 7 dicembre 1993 n. 517, in particolare l art. 7;

VISTO il D.L.vo 30 dicembre 1992 n. 502 e il D.L.vo 7 dicembre 1993 n. 517, in particolare l art. 7; DELIBERAZIONE N. VII/18853 del 30.9.2004 Oggetto: Sorveglianza, notifica, controllo delle malattie infettive: revisione e riordino degli interventi di prevenzione in Regione Lombardia LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Donazione di sangue Informazioni utili

Donazione di sangue Informazioni utili Programma Provinciale Sangue e Plasma Donazione di sangue Informazioni utili Associazione Donatori Volontari Sangue tel. 0544/403462 presso Presidio Ospedaliero di Ravenna Associazione Volontari Italiani

Dettagli

Le infezioni.neonatali. S. Di Fabio

Le infezioni.neonatali. S. Di Fabio Le infezioni.neonatali Dott.ssa S. Di Fabio U.O. di Neonatologia e T.I.N. - Chieti Le infezioni costituiscono un importante e vasto capitolo della patologia neonatale: Classificazione Elevata incidenza

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Mycoplasmataceae Genere Mycoplasma: circa 100 specie Mycoplasma pneumoniae ( agente

Dettagli

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore Lega Friulana per il Cuore PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie

Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie LA DIAGNOSI MICROBIOLOGICA Diagnostica microbiologica delle infezioni delle basse vie respiratorie Lucia Martelli influenza la terapia che è in funzione di permette di individuare cluster epidemici Presenza

Dettagli

Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali

Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Introduzione La trasmissione di un infezione dalla madre al feto o al neonato può avvenire in corso di gravidanza,

Dettagli

Malattie infettive. Anno Accademico 2010/2011. Scuola di Specializzazione in. Malattie infettive Pag. 1/18

Malattie infettive. Anno Accademico 2010/2011. Scuola di Specializzazione in. Malattie infettive Pag. 1/18 Ministero dell Istruzione,, dell, Università e della Ricerca Anno Accademico 2010/2011 Scuola di Specializzazione in Malattie infettive 1. In un bambino un quadro clinico caratterizzato da febbre, dolori

Dettagli

REGIONE CAMPANIA Direzione Generale per la tutela della salute ed il coordinamento del Sistema Sanitario Regionale Ce.Rif.A.R.C.

REGIONE CAMPANIA Direzione Generale per la tutela della salute ed il coordinamento del Sistema Sanitario Regionale Ce.Rif.A.R.C. REGIONE CAMPANIA Direzione Generale per la tutela della salute ed il coordinamento del Sistema Sanitario Regionale Ce.Rif.A.R.C. CORSO DI FORMAZIONE AIDS PER DIRIGENTI MEDICI - XII ANNUALITA' - 2014 Migliorare

Dettagli

IL VACCINO ESAVALENTE

IL VACCINO ESAVALENTE IL VACCINO ESAVALENTE (Difterite-Tetano-Pertosse acellulare, Polio, Hib, Epatite B) Cosa c è da sapere I vaccino esavalente protegge da 6 gravi malattie, causate da virus e batteri. Queste ma- sintomi,

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

SERVIZIO DI MICROBIOLOGIA LANDINI MANUALE MODALITA DI PRELIEVO. Per strutture extra Aziendali SOMMARIO

SERVIZIO DI MICROBIOLOGIA LANDINI MANUALE MODALITA DI PRELIEVO. Per strutture extra Aziendali SOMMARIO SERVIZIO DI MICROBIOLOGIA LANDINI MANUALE MODALITA DI PRELIEVO Per strutture extra Aziendali SOMMARIO 1. Premessa 2. Raccomandazioni generali 3. Provette e contenitori 4. Modalità invio e smistamento delle

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania Che cos è il TAS? Il TAS rappresenta la concentrazione nel siero

Dettagli

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti a cura di M. Gilardi, M. Accorinti La Bartonella henselae è un bacillo aerobio gram negativo e costituisce l agente patogeno della malattia da graffio di gatto. L infezione è ubiquitaria e può interessare

Dettagli

La contagiosità è una caratteristica dei microrganismi patogeni che può anche mancare

La contagiosità è una caratteristica dei microrganismi patogeni che può anche mancare CONTAGIOSITA E la capacità di un microrganismo di passare da un ospite ad un altro, a seguito della sua eliminazione all esterno dell ospite durante il processo infettivo. La contagiosità è la propensione

Dettagli

Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare

Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare Donazioni di sangue - criteri che comportano la sospensione della possibilità di donare Descrizione Purtroppo non sempre si può donare il sangue. Esistono alcune condizioni per cui non è possibile donare

Dettagli

HERPESVIRUS UMANI HERPESVIRUS UMANI PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI. scaricato da www.sunhope.it SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS.

HERPESVIRUS UMANI HERPESVIRUS UMANI PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI. scaricato da www.sunhope.it SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS. SCOPERTA DEGLI HERPESVIRUS PROPRIETA DEI VIRUS ERPETICI Dimensioni del virione 180-200nm Genoma 90-145x10 6 basi DNA lineare, a doppia elica VZV HHV7 Struttura icosaedrica provvista di envelope glipoproteico

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA

Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA Presentazione Gentili genitori, Vi invitiamo a leggere con attenzione questo opuscolo, che ha lo scopo di fornire

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Antibiotici: servono sempre? Relatore: Dr. Del Monte 05 febbraio 2014 sala Piccolotto ANTIBIOTICI: servono sempre? Dott.ssa Daniela Signori Dott. Vincenzo Catena

Dettagli

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali.

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Francesco Libero Giorgino Presidente A.G.E.O. FLG 1 Educazione sanitaria

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Oggi sappiamo che la sede dell infezione rappresenta un elemento essenziale nella genesi della malattia: la localizzazione deve essere faringea.

Oggi sappiamo che la sede dell infezione rappresenta un elemento essenziale nella genesi della malattia: la localizzazione deve essere faringea. Il nome malattia reumatica (MR) ha ormai sostituito in Italia la vecchia denominazione di reumatismo articolare acuto, abbandonata da molti anni, perché non corrispondente alla realtà dell affezione nel

Dettagli

VACCINI VACCINAZIONI SIERI

VACCINI VACCINAZIONI SIERI VACCINI VACCINAZIONI SIERI 1 IMMUNITA INNATA ACQUISITA ARTIFICIALE NATURALE ATTIVA (VACCINAZIONE) PASSIVA (SIEROPROFILASSI) ATTIVA (INFEZIONE) PASSIVA (PLACENTA) 2 2 IMMUNITA PASSIVA Immunità passiva artificiale:

Dettagli

INFEZIONI DI CUTE, OSSA, ARTICOLAZIONI

INFEZIONI DI CUTE, OSSA, ARTICOLAZIONI UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 INFEZIONI DI CUTE, OSSA, ARTICOLAZIONI INFEZIONI DI CUTE, OSSA, ARTICOLAZIONI La

Dettagli

Perché, quando, come: informazioni per i genitori. Le vaccinazioni nell infanzia

Perché, quando, come: informazioni per i genitori. Le vaccinazioni nell infanzia Perché, quando, come: informazioni per i genitori Le vaccinazioni nell infanzia L opuscolo si apre con una introduzione generale sulle vaccinazioni nell infanzia (il perché, i vantaggi, come saperne di

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Priorix, polvere e solvente per soluzione iniettabile in una siringa preriempita Vaccino (vivo) antimorbillo, antiparotite, antirosolia Legga attentamente

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA REGIONE VENETO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SANITARIE DIREZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina

Dettagli

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C (Sede: Policlinico Umberto I Roma) C.I. Promozione della Salute e Sicurezza Docente Igiene: Prof.ssa C. Marzuillo Docente Malattie Infettive: Prof. M Ciardi

Dettagli

Modalità d uso : per via orale

Modalità d uso : per via orale Modalità d uso : per via orale - da 30 a 50 gocce sotto la lingua per 2 o 3 volte al giorno per 5 o 6 giorni dipende dalla gravita dell infezione, comunque un sovradosaggio del prodotto non porta alcun

Dettagli

Mortalità infantile e trasmissione verticale delle infezioni nelle aree di crisi: possibilità di prevenzione

Mortalità infantile e trasmissione verticale delle infezioni nelle aree di crisi: possibilità di prevenzione Mortalità infantile e trasmissione verticale delle infezioni nelle aree di crisi: possibilità di prevenzione 22 aprile 2015 UNICAL dott. Filippo Luciani Cause di mortalità infantile 1. Nascita pretermine

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] MalattieINFETTIVE_210x210_3.indd 1 17/06/13 12.24 Proposta operativa nell ambito del Piano regionale del

Dettagli

Caso clinico. Legionellosi nel paziente con infezione da HIV AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA. U.O.Malattie Infettive

Caso clinico. Legionellosi nel paziente con infezione da HIV AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA. U.O.Malattie Infettive AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA U.O.Malattie Infettive Caso clinico Legionellosi nel paziente con infezione da HIV Dr.ssa Daniela Segala Uomo, 42 anni, msm HIV+ dal 1997 CDC A3 DATI SIEROLOGICI

Dettagli

I 90% : 3 9 90% 15 40 C, 38,5 C

I 90% : 3 9 90% 15 40 C, 38,5 C IL MORBILLO Il 90% dei bambini esposti al contagio si ammala: ecco quali sono i sintomi per riconoscere la malattia : Il morbillo è una delle malattie infettive più comuni e diffuse nel bambino. E maggiormente

Dettagli

LE VACCINAZIONI DEI BAMBINI

LE VACCINAZIONI DEI BAMBINI dedicato ai genitori Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria INDICE LEGENDA...3 Offerta attiva e gratuita...4 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita...4 Offerta attiva e gratuita per gruppi

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

VACCINAZIONI IMMUNITA ED INFEZIONI

VACCINAZIONI IMMUNITA ED INFEZIONI LEZIONE DI PEDIATRIA VACCINAZIONI Prof.ssa Fiorina Casale IMMUNITA ED INFEZIONI Immunità naturale o innata Fattori di difesa di prima linea Barriere anatomiche e fattori protettivi locali Superfici cutanee

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

Aspetti sanitari del canile e controllo delle zoonosi

Aspetti sanitari del canile e controllo delle zoonosi Aspetti sanitari del canile e controllo delle zoonosi UNIBO 12 Giugno 2007 Dott. Maurizio Battistini Servizio Veterinario della Repubblica di San Marino Canile Nasce della Legge 281/91 Anche San Marino

Dettagli

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Riproduttive ed Odontostomatologiche C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA PEDODONZIA Docente: Prof. Aniello Ingenito Commissione di esame:

Dettagli

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Mission Il Policlinico Tor Vergata ha iniziato, dal 10 gennaio 2001, a costruire insieme con tutti i suoi professionisti l ospedale umano aperto

Dettagli

GUIDA PER GLI UTENTI

GUIDA PER GLI UTENTI Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Presidio Ospedaliero Spedali Civili di Brescia Sistema qualità certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 9001:2010

Dettagli

Prezzo Unitario (in cifre) Quantità Annuale. Codice. Descrizione Materiale. Prezzo Complessivo. Ditta/A.T.I partecipante. (importo in cifre)

Prezzo Unitario (in cifre) Quantità Annuale. Codice. Descrizione Materiale. Prezzo Complessivo. Ditta/A.T.I partecipante. (importo in cifre) Allegato B al Capitolato Speciale di Appalto Scheda di offerta economica da compilare per partecipare alla gara, procedura negoziata, per l affidamento, per un anno, di una miscellanea di test diagnostici

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Infezioni dell Apparato Respiratorio

Infezioni dell Apparato Respiratorio Infezioni dell Apparato Respiratorio Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Eziologia Le infezioni delle vie respiratorie si distinguono clinicamente in infezioni delle alte e delle basse vie respiratorie.

Dettagli

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Sommario Introduzione pag. 04 Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06 Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Vaccinazione contro la difterite e il tetano pag. 11 Vaccinazione contro l epatite

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO.

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO. www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO. Che cosa è? La febbre reumatica è una malattia scatenata da un infezione streptococcica. La malattia può causare

Dettagli

Mod. A0701.02-01 E R A L O C E L O M M A C I T S O N PORTFOLIO PRODOTTI 2014 G A I D

Mod. A0701.02-01 E R A L O C E L O M M A C I T S O N PORTFOLIO PRODOTTI 2014 G A I D PORTFOLIO PRODOTTI 2014 Mod. A0701.02-01 DIAGNOSTICA MOLECOLARE Realcycler Batteri CHSL-U Chlamydia trachomatis serovars "L"- Chlamydia trachomatis serovariedades "L", DNA detection RUO 30 CDIF-U Clostridium

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

ASSESSORATO ALLA SANITÀ

ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo

Dettagli