IL PERCORSO NASCITA APPROCCIO ALLO STUDIO ED ALLA CONOSCENZA DEGLI EVENTI FONDAMENTALI DELLA GRAVIDANZA E CURA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PERCORSO NASCITA APPROCCIO ALLO STUDIO ED ALLA CONOSCENZA DEGLI EVENTI FONDAMENTALI DELLA GRAVIDANZA E CURA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA"

Transcript

1 Ginecologia e Ostetricia 19/03/03 h Dott.essa Locatelli Sbob: Gilardi, Mason, Panzeri IL PERCORSO NASCITA APPROCCIO ALLO STUDIO ED ALLA CONOSCENZA DEGLI EVENTI FONDAMENTALI DELLA GRAVIDANZA E CURA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA In uesta lezione parleremo delle modalità, modificazioni, caratteristiche dell organismo materno durante la gravidanza, della diagnosi di gravidanza e dell assistenza alla gravidanza fisiologica. DIAGNOSI DI GRAVIDANZA Una donna con amenorrea oggi esegue il test di gravidanza (disponibile da circa 20 anni), mentre in passato la diagnosi si basava sull osservazione di segni e sintomi tipici. 1. SEGNI DI CERTEZZA O POSITIVI (ci fanno affermare che certamente uella donna è gravida): Identificazione del battito cardiaco fetale (BCF), cioè individuazione di una presenza diversa da uella della mamma nel corpo della donna; ciò si verifica con: - Auscultazione con stetoscopio di PINAR (ostetrico) che si effettua dalla settimana, sicuramente si può eseguire alla 22. Si percepisce un rumore simile all orologio sotto il cuscino. La freuenza cardiaca fetale è battiti/min, uindi diversa da uella materna. Il focolaio di auscultazione è variabile in base alla posizione del bambino e all epoca gestazionale in cui è eseguito l esame. - Rilevatore Doppler di ultrasuoni che è in grado di rilevare battito cardiaco fetale a partire dalla settimana attraverso l addome materno. - Ecografia a partire dalla 6 settimana con sonda transvaginale, che si approssima al viscere uterino, e dalla 7 settimana con la sonda TA: permette di valutare la presenza del battito cardiaco fetale [freuenza inferiore (100 battiti/min) alla 6-7 settimana], che deve essere presente uando è visibile l embrione di ualche millimetro all interno della camera gestazionale. - Auscultazione negli ultimi mesi di gravidanza (6-9 settimana): si può fare anche con un normale stetoscopio e si rileva la freuenza cardiaca fetale che è più elevata di uella materna, inoltre si percepiscono altri suoni come il soffio del funicolo ombelicale, sincrono con BCF, il soffio dei vasi uterini, sincrono con il battito cardiaco materno, i movimenti fetali percepiti come tonfi sordi, la pulsazione aortica materna ed i borboritmi intestinali. 1

2 Percezione dei movimenti attivi fetali con la palpazione attraverso l utero materno dalla 20 settimana, hanno intervalli indeterminati e comparsa casuale, da differenziare dalle contrazioni uterine e della parete addominale. Visualizzazione ecografica del sacco gestazionale o camera ovulare all interno della cavità uterina già dalla 5 settimana (il BCF è visibile dalla 6 settimana). La settimana gestazionale si conta dall ultima mestruazione anche se l embrione è presente da meno tempo, circa 3 settimane, nell organismo materno. 2. SEGNI DI PROBABILITA (prima dell introduzione dell ECO tali segni avvicinavano alla diagnosi di gravidanza, uando cioè era possibile auscultare il BCF e palpare i movimenti attivi fetali solo alla settimana): Aumento del volume addominale che è consensuale all aumento del viscere uterino il uale subisce le modificazioni più significative durante la gravidanza. Dopo la 12 settimana il viscere uterino può essere palpato al di sopra della sinfisi pubica attraverso l addome materno. L aumento del volume addominale è più pronunciato nelle pluripare. Si parla di nullipara per una donna che non ha mai partorito ed è alla sua prima gravidanza, di multipara o pluripara per una donna che ha già avuto uno o più parti. Modificazioni dell utero che riguardano volume, forma e consistenza e che si possono apprezzare all esplorazione (visita vaginale o vaginale-addominale): - CORPO DELL UTERO: L aumento del volume è progressivo e consensuale all epoca gestazionale; la forma dall 8 settimana da piriforme diventa sferoidale; la consistenza diventa più elastica e soffice. E possibile apprezzare le pulsazioni vascolari, più marcate a livello dei fornici vaginali in uanto la vascolarizzazione è aumentata per aumento di volume dell utero: SEGNO DI PISKACZEK. - CERVICE DELL UTERO: rammollimento, consistenza ridotta perché si modificano le fibre elastiche e non il contenuto in acua della cervice. - ISTMO: consistenza soffice, SEGNO DI HEGAR (palpando l utero gravido si ha l impressione di avvertire il collo dell utero staccato dal corpo). Contrazioni di BRAXTON HICKS: contrazioni uterine irregolari, spontanee, non dolorose che si possono però palpare non prima del II trimestre. Ballottamento del feto: a metà gravidanza si può ballottare il viscere uterino ed apprezzare le parti fetali attraverso il liuido amniotico. Test endocrini che possono però dare raramente dei falsi positivi: - Presenza subunità b di HCG nel plasma o nelle urine materne (HCG = gonadotropina corionica prodotta dal citotrofoblasto). Questo è un segno di gravidanza, ma può essere presente in altre condizioni come la mole vescicolare. - Test di inibizione dell agglutinazione. - Test con anticorpi monoclonali verso l intera catena o solo la subunità. La sensibilità dei test è variabile, ma i comuni test sono positivi anche con unità di bhcg, valori già presenti prima dell ultima mancata mestruazione. 2

3 3. SEGNI DI PRESUNZIONE (segni che fanno sospettare una gravidanza): Amenorrea: si considera la regolarità delle mestruazioni, allattamento, perdite ematiche in gravidanza iniziale, altre cause di anovularietà, patologie. Modificazioni della ghiandola mammaria: sono definitive solo con la gravidanza e l allattamento e comprendono modificazioni del trofismo (aumenta la vascolarizzazione e il tessuto) e della pigmentazione. Modificazioni della pigmentazione cutanea. Modificazioni del colore delle mucose visibili dei genitali esterni che assumono un colore bluastro, le mucose sono congeste: SEGNO DI CHADWICH. Aumento della temperatura basale per più di 16 giorni, cioè nella seconda parte del ciclo, come risposta alla secrezione di progesterone. Sintomi tipici: nausea, vomito, stanchezza, pollachiuria. DURATA DELLA GRAVIDANZA L epoca gestazionale si calcola dall ultima mestruazione. La gravidanza normale dura 240 giorni o 40 settimane a partire dalla data di inizio dell ultima mestruazione. REGOLA DI LAEGELE per calcolare la data presunta del parto: si tolgono 3 mesi e si aggiungono 7 giorni dalla data dell ultima mestruazione. Per esempio: ultima mestruazione = 15 maggio Æ data presunta del parto = 22 febbraio ABORTO: limite arbitrario che corrisponde a 180 giorni o 25.5 settimane di amenorrea con una sopravvivenza del feto del 30-40%. Tale evento può incidere sui parti successivi della donna, cioè sul transito vaginale del feto, ed il limite che si considera è 500 grammi. INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA: alla 12 settimana PARTO PRETERMINE: parto prima della 37 settimana. GRAVIDANZA OLTRE IL TERMINE: alla 42 settimana (294 giorni) o dopo. MODIFICAZIONI DELL ORGANISMO MATERNO IN GRAVIDANZA La gravidanza è una condizione particolare in cui tutto l organismo si trasforma in modo uasi totalmente reversibile, perché alcuni organi modificati come utero e mammella non ritornano alle condizioni precedenti. APPARATO GENITALE - UTERO: sono le modificazioni più evidenti: da pochi cm arriva a 32x22 cm e grammi, più importante è l aumento del fondo e dell istmo (che si trasforma in segmento uterino inferiore e modifica la sua costituzione anatomica); iperplasia e ipertrofia delle fibre; ritenzione idrica; aumento dell apporto vascolare e linfatico. - CERVICE: riduzione del collagene compatto, si inibiscono le fibre collagene ed elastiche; produzione di muco (tappo mucoso); edema. 3

4 Il corpo ed il fondo hanno funzione contenitiva, il segmento uterino inferiore è importante nella fase finale di gravidanza, il collo ha funzione di contenzione dinamica e di dilatazione durante travaglio e parto. A uesto meccanismo di contenzione meccanica e dinamica il tappo mucoso aggiunge una produzione di tipo batteriologico, cioè funziona da barriera alla risalita di germi nella cavità uterina. - VAGINA: vasocostrizione ed aumento delle secrezioni perciò è tipico un certo grado di leucorrea. APPARATO CARDIOVASCOLARE - Modificazioni già dal I trimestre per aumentate richieste di ossigeno e nutrienti. - Aumento del volume plasmatico, almeno del 40-50%, correlato alla taglia, al numero dei feti ed all epoca gestazionale. - Aumento del volume dei globuli rossi del 20-30% (uindi inferiore all aumento di volume plasmatico): la donna in gravidanza ha tipicamente un certo grado di emodiluizione ed una ridotta viscosità. Un certo grado di anemia è fisiologico in gravidanza. - L aumento del volume plasmatico è protettivo sulla perdita ematica al momento del parto; la donna gravida è perciò in grado di tollerare una perdita ematica fino a 500cc. - L aumento del volume plasmatico ha un effetto favorente sulla ossigenazione. - Aumento dell output cardiaco del 30-50%, distribuito soprattutto ai distretti modificati [utero, rene (per aumento dell apporto ematico), mammella, cute]. - Aumento freuenza cardiaca. - Riduzione della pressione arteriosa legata a una riduzione delle resistenze vascolari sistemiche, ciò perché le arterie spirali modificano la loro parete invasa dal trofoblasto, uindi il letto vascolare placentare è a bassa resistenza. - CUORE: ipertrofia e aumento della contrattilità, modificazione della silouette cardiaca dislocata dal viscere uterino e dal diaframma che risale. - Parto e peripartum: stress emodinamico acuto - Ritenzione idrica e aumento dei liuidi nel compartimento extracellulare (aumento della permeabilità capillare), riduzione albuminemia. Si evidenzia un certo grado di edema, di maggiore inibizione dei tessuti ed un certo grado di succulenza, soprattutto agli arti inferiori. - Aumento della pressione venosa agli arti inferiori che determina stasi, edemi e varici. - Aumento del fibrinogeno e dei fattori della coagulazione (soprattutto X e VIII), uindi la gravidanza è una condizione di trombofilia (cioè stato di ipercoagulabilità); c è un danno endoteliale e stasi soprattutto agli arti inferiori. - Le piastrine sono immodificate o diminuiscono un poco alla fine della gravidanza. APPARATO RESPIRATORIO - Ipervascolarizzazione delle alte vie (epistassi). - Dispnea (modificazione della sensibilità sui centri del respiro), presente precocemente. - Aumento del consumo di ossigeno dovuto alle richieste del feto e all aumento del lavoro cardiaco; aumento della ventilazione per aumento del volume corrente e diminuzione del volume residuo. - Maggiore escursione del diaframma 4

5 APPARATO URINARIO - Aumento del volume dei reni e dell apporto vascolare; dilatazione della pelvi renale e dell uretere soprattutto destro (legato forse a fatti di compressione perché l utero va incontro ad un certo grado di destrorotazione, mentre a sinistra l uretere è protetto dal colon nella sua relazione con l utero). Il progesterone riduce la peristalsi a livello dell apparato urinario e del tratto gastrointestinale in uanto diminuisce il tono delle miocellule per indurre la uiescenza del viscere uterino; ciò predispone a stasi e infezioni del tratto urinario. - E presente un certo grado di glicosuria che favorisce infezioni del tratto urinario. - Aumento delle pressioni vescicali e facile incontinenza da stress. - Aumento del flusso renale e modificazione della filtrazione glomerulare (ridotta creatininemia, modesta albuminuria (<15mgr/dL), modificazione nell eliminazione di alcune sostanze). - Aumento dell assorbimento del sodio che contribuisce alla ritenzione idrica e stimola il sistema renina-angiotensina-aldosterone, ma il circolo è refrattario (c è minore risposta agli stimoli ipertensivi) e ciò contribuisce a completare uel circolo di basse resistenze periferiche tipico della donna gravida. APPARATO GASTROENTERICO - Nausea, vomito,stipsi, aumento dell appetito - Aumento del metabolismo basale e del peso corporeo. - Modificazioni pressorie a livello di esofago e stomaco in modo tale da favorire un certo grado di reflusso che causa pirosi. Ciò è importante dal punto di vista anestesiologico: una donna gravida ha una situazione di maggior rischio perché ha un rallentato svuotamento gastrico e una maggiore probabilità di reflusso. - Tono e motilità intestinali ridotti (progesterone). - Stasi venosa del flusso emorroidario. - FEGATO: ridotta escrezione, predisposizione alla colestasi ed alla calcolosi della colecisti. APPARATO ENDOCRINO - La gravidanza è una condizione diabetogena, nelle donne predisposte si può sviluppare diabete, soprattutto nella fase avanzata di gravidanza. Esiste iperplasia delle cellule b pancreatiche, aumento dell insulina, iperglicemia per le stesse dosi di glucosio, ipoglicemia più marcata a digiuno, l aumento delle resistenze periferiche predispone all intolleranza glucidica. - TIROIDE: iperplasia e ipervascolarizzazione; nelle prime fasi di gravidanza ci può essere un certo grado di ipertiroidismo dato dall HCG che può stimolare la tiroide. In gravidanza non si devono dosare T3 e T4 ma le loro forme libere (ft3 e ft4) perché modificandosi le proteine leganti si modificano anche T3 e T4. Il TSH rimane un marcatore significativo di patologia tiroidea. La madre ed il feto hanno una produzione indipendente di ormoni tiroidei (il feto utilizza iodio passato dalla mamma). - In gravidanza c è un certo grado di emodiluizione ed un aumentata richiesta di ferro materna, del feto e durante l allattamento: ciò predispone all anemia sideropenica. (NB: la prof consiglia di riguardare il metabolismo del ferro). 5

6 Routinariamente non è necessario il supplemento marziale, che si utilizza solo in alcuni casi di carenza dietetica. CURA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA L OBIETTIVO è PROMUOVERE LA SALUTE DELLA MAMMA E DEL BAMBINO. La gravidanza è un evento fisiologico che nella maggior parte dei casi porta alla nascita di un bambino sano da parte di una madre che sta bene, ma necessita di un approccio di monitoraggio, non necessariamente medico; il medico viene chiamato in causa uando c è una deviazione da uesto evento fisiologico. La cura antenatale garantisce una maggiore probabilità che la gravidanza proceda senza complicanze per la madre ed il bambino. Nei paesi sviluppati però si assiste ad una eccessiva medicalizzazione della gravidanza: per esempio per l esito della gravidanza non è dimostrata l efficacia di fare l ecografia a tutte le donne; oppure è aumentato il ricorso al taglio cesareo, che ha contribuito a ridurre la morte perinatale, ma al di sopra di una certa percentuale di tagli cesarei non c è dimostrazione che si migliori la situazione. Essendo la gravidanza un evento fisiologico è importante cercare di fare il meno possibile ed avere familiarità con gli eventi della gravidanza fisiologica e patologica; inoltre l ostetrica si trova a curare contemporaneamente 2 individui: la mamma ed il feto e da ui è nata la medicina perinatale che si propone di capire l interazione tra mamma e bambino nelle condizioni patologiche ed ottimizzarne la cura. Nell approccio sistemato alla cura della donna gravida è importante conoscere: STORIA: - Familiare - Genetica e malformativa - Mestruale - Medica - Psicologica USO FARMACI cronico e saltuario NUTRIZIONE ESPOSIZIONE AMBIENTALE STORIA OSTETRICA se ha già avuto figli ESAME FISICO VACCINAZIONE ROSOLIA: tutte le donne fertili dovrebbero essere vaccinate DONNA PORTATRICE HBV: importante dopo il parto per permettere una vaccinazione precoce del neonato Utile prevenire INFEZIONE HIV: se donna è portatrice dell HIV si deve migliorare la cura della gravidanza per escludere la trasmissione verticale ASTENERSI DA FUMO ED ALCOOL CONTROLLO MALATTIE CONCOMITANTI ad esempio il diabete Deve esserci un FACILE ACCESSO ALLE CURE 1) La valutazione iniziale della donna gravida comprende: - Definire lo stato di salute di madre e feto - Escludere le condizioni di rischio: distinguere una condizione di fisiologia da una di non fisiologia. I fattori di rischio possono essere anamnestici (diabete, ipertensione, familiarità per malattie congenite), ostetrici (ad esempio anomalia del collo dell utero, 6

7 un precedente parto pretermine o complicanze di gravidanza) o attuali (che trasformano la gravidanza da condizione fisiologica a patologica). Questo è il campo peculiare in Italia dell ostetrico, in Inghilterra del medico di base, ecc. - Stabilire con la donna un piano di monitoraggio - Indicazioni su uando rivolgersi in ospedale: o Perdite di sangue: sempre uando la donna ha perdite di sangue, l unica situazione di non urgenza consiste in perdite nel I trimestre di gravidanza con certezza che essa sia intrauterina, altrimenti ci si rivolge all ospedale; nella seconda metà della gravidanza perdite di sangue di una certa entità sono indicazione assoluta a rivolgersi a una struttura ospedaliera o Perdite di liuido amniotico soprattutto se avvengono al di fuori dei fenomeni normali del travaglio di parto o Contrazioni o Diminuzione o assenza dei movimenti fetali in una fase in cui la donna li avverte già in modo continuo: può cominciare ad avvertirli intorno alla settimana, stabilmente dopo la settimana, nel III trimestre sente sempre muovere il bambino, dalla 32 settimana la valutazione materna della presenza dei movimenti fetale è una delle prime cose da spiegare alla donna e l assenza o la riduzione significativa dei movimenti fetali all interno di certi schemi, che devono essere spiegati alla donna, è uno dei primi segnali, anche se spesso tardivi, di un uadro patologico fetale. - Contrazioni uterine pretermine o del travaglio di parto. v Quando deve essere fatta la prima valutazione? L OMS dice entro la 16 settimana per ottimizzare la cura di uella gravidanza; in genere si fa prima della 16 settimana e cioè uando la donna lo richiede. v Quanti controlli eseguire? Ad esempio in USA il protocollo di monitoraggio della gravidanza fisiologica prevede un controllo ogni 4 settimane fino a 28 settimane, poi ogni 2-3 settimane fino a 36 settimane, poi una volta la settimana. Qui a Monza è previsto un controllo ogni 4-6 settimane fino a 20 settimane, poi ogni 4 settimane fino a 36 settimane, 2 volte nell ultimo mese ed infine un controllo a 40 settimane. La valutazione iniziale consiste in: - Anamnesi e registrazione dei dati rilevanti (età, caratteristiche staturo-ponderali, stato nutrizionale, professione) - Esame fisico: peso, altezza, esame generale, pressione arteriosa, mammelle, arti inferiori, cute. Spesso uesta è la prima visita che la donna fa dopo l infanzia. - Esame obiettivo ostetrico vero e proprio che consta di alcune parti: ISPEZIONE a paziente supina ed eretta osservando le mammelle, l addome, le mucose visibili (che assumono una colorazione scura). Esame con SPECULUM VAGINALE che permette di vedere la cervice uterina. Lo speculum viene inserito all interno della vagina, formato da 2 valve collegate, divarica la vagina permettendo di osservare il collo dell utero (rosso bluastro) e di fare prelievi come il pap-test o microbiologici. Si possono inoltre osservare le escrezioni (leucorrea fisiologica). PAP TEST, se la donna non l ha eseguito in tempi brevi 7

8 OSSERVARE posizione, forma, lunghezza e stato di chiusura della cervice PALPAZIONE esterna dell utero dopo il I trimestre AUSCULTAZIONE ESPLORAZIONE VAGINALE o palpazione interna: eseguita a vescica vuota, paziente supina, posizione litotomica, bimanuale combinata con il dito esplorante in vagina che palpa il collo dell utero ed il viscere uterino e attraverso l addome con la mano a piatto si palpa il viscere uterino. Questa manovra ci dà informazioni sull aumento del volume uterino, sullo stato di contrattilità dell utero, sulla modificazione della cervice, sullo stato di chiusura della cervice, sulla presenza di tumefazioni a livello della regione pelvica. La palpazione della cervice uterina non si è dimostrata efficace nelle donne a rischio né indispensabile e utile nel migliorare la cura della gravidanza. 2) La valutazione nel II e III trimestre comprende: - PALPAZIONE esterna dell utero: supera la sinfisi dalla 10 settimana, raggiunge l apofisi xifoidea alla 38 settimana, poi tende ad abbassarsi. - MISURAZIONE della lunghezza della sinfisi pubica fondo dell utero a partire dalla 20 settimana attraverso un nastro centimetrato, che permette una valutazione semiuantitativa del viscere uterino e indirettamente, se non ci sono condizioni patologiche del liuido amniotico in difetto o in eccesso, sul grado di crescita del feto. Se la donna è obesa è difficile valutarlo, se ha miomi multipli la crescita del viscere uterino dipende anche dalla crescita dei miomi e non solo del feto. L accrescimento fetale è uno dei punti peculiari, assieme alla valutazione della mancanza di rischio di partorire prematuramente, della cura della gravidanza. - PALPAZIONE delle parti fetali dalla 26 settimana - MANOVRE DI LEOPOLD: permettono di valutare la posizione del feto, il suo grado di impegno nella pelvi, lo sviluppo del viscere uterino, ecc. - CARATTERISTICHE del collo dell utero rispetto al rischio di parto pretermine al travaglio. 3) Esami di laboratorio utili in monitoraggio della gravidanza fisiologica: - EMOGRUPPO è indispensabile. - TEST di COOMBS INDIRETTO, indipendentemente dal fatto che la donna sia RR+ o RR- perché la gravidanza è un evento immunizzante non solo per RR ma anche per altri antigeni. Ciò è rilevante in caso di trasfusione. - ESAME EMOCROMOCITOMETRICO COMPLETO con conteggio delle piastrine. La correzione dell anemia migliora la cura della gravidanza. Alcune condizioni di piastrinopenia possono avere rilevanza al momento del parto. - GLICEMIA per riconoscere precocemente intolleranze glucidiche preesistenti. - CREATININA, TRANSAMINASI, FERRITINA, ACIDO URICO: sono esenti da ticket per le donne gravide, ma non c è dimostrazione della loro effettiva utilità. La creatininemia è più bassa, così anche l uricemia, le transaminasi sono uguali, la fosfatasi alcalina è più alta perché prodotta anche dalla placenta, ggt sono inibite. L esame emocromocitometrico avrà un certo grado di emodiluizione. - ROSOLIA, esami sierologici per TOXOPLASMOSI (se contratta come prima infezione in gravidanza può dare danno fetale), CITOMEGALOVIRUS (non esiste 8

9 terapia e anche la diagnostica è controversa), VDRL (lue), HbsAg (soprattutto nel III trimestre della gravidanza), HCV (non c è dimostrazione della sua utilità), HIV. - ESAME DELLE URINE per conoscere le condizioni patologiche preesistenti. - Stato di PORTATORE DI btalassemia se la madre è interessata. 4) Esami di laboratorio da ripetere: - TOXOTEST se negativo. - ESAME EMOCROMOCITOMETRICO a scadenze variabili. - TEST DI COOMBS INDIRETTO se la donna è RR- e partner è RR+. - ESAME URINE mensilmente. - URINOCULTURA: se è + è un fattore di rischio per complicanze della gravidanza o a carico del feto. - TEST DA CARICO DI GLUCOSIO con 50 grammi per lo screening cui fa seguito la curva da carico orale con 75 o 100 grammi per la diagnosi di diabete gestazionale; si esegue alla settimana. E di routine solo in alcuni protocolli. - TAMPONE VAGINO-RETTALE per la ricerca di STREPTOCOCCO b EMOLITICO (34-36 settimana), che può dare infezioni perinatali potenzialmente anche molto gravi. In caso di positività e presenza di fattori di rischio si tratta con antibiotico la donna durante il parto. 9

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Gravidanza fisiologica e a rischio

Gravidanza fisiologica e a rischio WOMAN IN CHANGE Donne che cambiano Modena, 25 / 26 / 27 marzo 2010 Gravidanza fisiologica e a rischio Dr.ssa Rossana Bellucci Direttore Laboratorio Test Modena Durante la gravidanza tutte le donne si sottopongono

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO. Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica

FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO. Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica L inizio della gravidanza è reso possibile dal verificarsi di una serie di eventi, quali: Migrazione degli spermatozoi; Capacitazione

Dettagli

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Dott. Gustavo Boemi U.O.C. Ginecologia e Ostetricia. P.O. Garibaldi Nesima. Catania. Specialista in Ginecologia e Ostetricia. Università

Dettagli

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Ostetrica e ultrasuoni: Il ruolo dell Ostetrica alla luce delle nuove normative VI CORSO GALLURESE DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OLBIA

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

Altezza del fondo dell utero nei diversi periodi di gestazione.

Altezza del fondo dell utero nei diversi periodi di gestazione. La gravidanza 1 Da Barbone, Bonomo, Guarini, Igiene e Puericultura, Franco Lucisano Editore, modificato La gravidanza o gestazione è una condizione fisiologica della donna che porta alla formazione di

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it GINECOLOGIA PROF. MESSALLI 19 10 2007 Oggi dobbiamo parlare dei fenomeni gravidici,ossia di tutte quelle modifiche indotte nell organismo materno dalla gravidanza. I Fenomeni gravidici si distinguono in

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

La gravidanza per la donna

La gravidanza per la donna encathopedia La gravidanza per la donna con lesione midollare Consulenza pre-concezionale Fattori da considerare Parto e travaglio Con il contributo della dottoressa Lorita Cito Fattori da considerare

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Urgenza nella donna gravida

Urgenza nella donna gravida Capitolo 11 Urgenza nella donna gravida A cura di Stefano Stipa 1 1 Medico 1 1. Urgenza nella donna gravida Obiettivi Formativi: 1) Assistenza al parto; 2) Primo Soccorso alla donna gravida e al neonato.

Dettagli

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara Sorveglianza prenatale n E la sistematica e attenta valutazione della donna gravida con lo scopo di

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI

PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI Prof. Nicola Colacurci LA PLACENTA Annesso embrionale insieme con: Liquido amniotico Funicolo i l ombelicale

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Ostetrica Monica Vitali Lallio, 14 Aprile 2009 1 Obiettivi Identificare

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP)

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) DIAGNOSI PRENATALE SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) offrire ai genitori e al medico le migliori informazioni possibili sui rischi di dare alla luce un bambino affetto da un'anomalia congenita o da una

Dettagli

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO PRESIDIO OSPEDALIERO E DIPARTIMENTO A.S.S.I. Servizio Famiglia Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia o sole, felici o preoccupate per

Dettagli

Aprile 2011 - Workshop

Aprile 2011 - Workshop Aprile 2011 - Workshop Le cause di infertilità femminile Le cause di infertilità femminile Sono sempre di più le coppie che devono ricorrere alla fecondazione assistita per poter avere un bambino. Le cause

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Dr.ssa Ost. Monica Vitali San Pellegrino Terme, 31 Marzo 2012

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

Patologia del I trimestre di gravidanza

Patologia del I trimestre di gravidanza Patologia del I trimestre di gravidanza Le principali complicazioni gravidiche nel primo trimestre di gestazione sono: Aborto spontaneo ripetuto ricorrente o abituale volontario (IVG) Gravidanza ectopica

Dettagli

Radiazioni e gravidanza

Radiazioni e gravidanza Treviso 24.11.2011 Radiazioni e gravidanza G.Bracalente gbracalente@ulss.tv.it Unita Operativa Semplice DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Dir. Dott.ssa G.Bracalente Unità Operativa Complessa GINECOLOGIA

Dettagli

tiroide tre ormoni calcitonina Via Mazzini 12, Bologna www.sismer.it

tiroide tre ormoni calcitonina Via Mazzini 12, Bologna www.sismer.it S.I.S.Me.R. - Società Italiana Medicina della Riproduzione La tiroide è una piccola ghiandola endocrina dalla forma simile a quella di una farfalla, posta anteriormente nel collo al di sotto della laringe,

Dettagli

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali La domanda che ogni donna in gravidanza rivolge al proprio ginecologo e quali esami eseguire per essere certi che il proprio bambino

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

Laboratorio analisi. scheda 02.05 Esami strumentali

Laboratorio analisi. scheda 02.05 Esami strumentali Laboratorio analisi scheda 02.05 Esami strumentali Cos è Profili di laboratorio Il di MediClinic è una struttura organizzata secondo gli standard più moderni e attrezzata con tecnologie di ultima generazione.

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

INFERTILITÀ LA PREVENZIONE. Dott. Giovanni Bracchitta

INFERTILITÀ LA PREVENZIONE. Dott. Giovanni Bracchitta INFERTILITÀ LA PREVENZIONE Dott. Giovanni Bracchitta L Infertilità femminile può essere provocata da una causa o dalla combinazione di più cause. L'approccio diagnostico deve essere mirato al riconoscimento

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA MATERNO

Dettagli

L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA. Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA. Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia della gravidanza e del parto Riconoscere e assistere la donna

Dettagli

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni)

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni) Sistema Riproduttore Femminile (struttura e fisiologia) Il s.r.f. si compone di strutture atti alla produzione di gameti, le ovaie, e di una serie di organi che ne completano la funzionalità. L ovaio è

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali

Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Il passa o p rto per la futura mamma Consigli ed informazioni utili per la gravidanza per rendere più tranquillo e sereno

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

Colposcopia e Biopsia cervicale

Colposcopia e Biopsia cervicale Colposcopia e Biopsia cervicale Che cosa sono la Colposcopia e la Biopsia cervicale? A cosa serve la Colposcopia? Come prepararsi alla Colposcopia? Come si fa la Colposcopia? Fare la Colposcopia è doloroso?

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Meno invasiva Più precoce ? Fattori particolari di rischio per la diagnosi prenatale Sono fattori che possono Fibromi

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

ANATOMIA APPARATO DIGERENTE PATOLOGIE ADDOMINALI

ANATOMIA APPARATO DIGERENTE PATOLOGIE ADDOMINALI SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ANATOMIA APPARATO DIGERENTE PATOLOGIE ADDOMINALI (NON TRAUMATICA) PATOLOGIE METABOLICHE URGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino SONO INCINTA informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino Gruppo di progetto Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Autrici: Rosaria Cacace, Clinica Ostetrica

Dettagli

DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO

DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO UPDATE Diabete in Gravidanza Cesena 10 Aprile 2010 DIABETE IL MONITORAGGIO OSTETRICO Dott.ssa Mirella Guazzarini CLASSIFICAZIONE W.H.O. (World Health Oraganization) DIABETE Pregravidico DIABETE Gestazionale

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

Sempre con te, passo dopo passo MUTAMENTI FISIOLOGICI IN GRAVIDANZA

Sempre con te, passo dopo passo MUTAMENTI FISIOLOGICI IN GRAVIDANZA MUTAMENTI FISIOLOGICI IN GRAVIDANZA Mutamenti fisiologici in gravidanza 1) Sistema riproduttivo 2) Mammelle 8) Sistema renale 9) Derma 3) Peso corporeo 10) Scheletro 4) Fabbisogno energetico 5) Sistema

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma

L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma non troppo distanti tra loro? LA PLACENTA E formata dalla

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero Screening per il tumore al seno e al collo dell utero SCREENING PER LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL SENO E DEL COLLO DELL UTERO. UN APPUNTAMENTO DA RICORDARE La Regione Valle d Aosta,

Dettagli

www.slidetube.it Aborto e patologia del trofoblasto Aborto

www.slidetube.it Aborto e patologia del trofoblasto Aborto Aborto e patologia del trofoblasto Aborto Per aborto si intende l interruzione di gravidanza prima che il prodotto del concepimento abbia raggiunto la capacità di vita autonoma; per convenzione, valutando

Dettagli

Qual è allora il giusto valore da dare all utero?

Qual è allora il giusto valore da dare all utero? DARIA MINUCCI 184 NOBILTÀ E MISERIA DELL UTERO: IMPARIAMO A DARE IL GIUSTO PESO A QUEST ORGANO L utero serve solo per la riproduzione? L utero, come altri organi, ha una doppia funzione: una specializzata

Dettagli

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA PROF. ALESSANDRO CARUSO Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA Una nutrizione corretta determina condizioni ottimali di salute materne,

Dettagli

riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione

riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione DIABETE GESTAZIONALE 1 Il diabete gestazionale (GDM) viene definito come una alterata tolleranza glucidica con primo riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO Il corretto comportamento del paziente prima di un esame di laboratorio contribuisce in modo importante all'accuratezza diagnostica della procedura. Viceversa, il

Dettagli

Quali le patologie epatiche più frequenti?

Quali le patologie epatiche più frequenti? ANNAROSA FLOREANI 136 DONNE CON FEGATO Vi sono differenze tra i sessi? Tra i due sessi non vi sono differenze strutturali, ma nel corso della vita il fegato può subire modificazioni funzionali. È noto

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

L Ostetrica e la procreazione medicalmente assistita. Dr. Baffoni, Dr.ssa Bertezzolo, I.P.Pistolato U.O.S. Fisiopatologia della Riproduzione

L Ostetrica e la procreazione medicalmente assistita. Dr. Baffoni, Dr.ssa Bertezzolo, I.P.Pistolato U.O.S. Fisiopatologia della Riproduzione L Ostetrica e la procreazione medicalmente assistita Dr. Baffoni, Dr.ssa Bertezzolo, I.P.Pistolato U.O.S. Fisiopatologia della Riproduzione L Ostetrica è una figura centrale nella gestione della coppia

Dettagli

95 DELIBERAZIONE 23 febbraio 2004, n. 159 17.3.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

95 DELIBERAZIONE 23 febbraio 2004, n. 159 17.3.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 95 DELIBERAZIONE 23 febbraio 2004, n. 159 Assistenza sanitaria ai soggetti affetti da diabete mellito. LA GIUNTA REGIONALE Vista la legge regionale n.14 del 22 marzo 1999 "disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

Cosa succede quando la celiachia È donna

Cosa succede quando la celiachia È donna Cosa succede quando la celiachia È donna Menopausa, osteoporosi, rischi legati alla gravidanza. La celiachia nei soggetti femminili si accompagna a una serie di problemi aggiuntivi. Un Gruppo Clinico formato

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA TOSSICITA RIPRODUTTIVA disfunzione indotta da sostanze xenobiotiche che colpiscono i processi di gametogenesi dal loro stadio più precoce all impianto del prodotto del concepimento nell endometrio. La

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli