IL PERCORSO NASCITA APPROCCIO ALLO STUDIO ED ALLA CONOSCENZA DEGLI EVENTI FONDAMENTALI DELLA GRAVIDANZA E CURA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PERCORSO NASCITA APPROCCIO ALLO STUDIO ED ALLA CONOSCENZA DEGLI EVENTI FONDAMENTALI DELLA GRAVIDANZA E CURA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA"

Transcript

1 Ginecologia e Ostetricia 19/03/03 h Dott.essa Locatelli Sbob: Gilardi, Mason, Panzeri IL PERCORSO NASCITA APPROCCIO ALLO STUDIO ED ALLA CONOSCENZA DEGLI EVENTI FONDAMENTALI DELLA GRAVIDANZA E CURA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA In uesta lezione parleremo delle modalità, modificazioni, caratteristiche dell organismo materno durante la gravidanza, della diagnosi di gravidanza e dell assistenza alla gravidanza fisiologica. DIAGNOSI DI GRAVIDANZA Una donna con amenorrea oggi esegue il test di gravidanza (disponibile da circa 20 anni), mentre in passato la diagnosi si basava sull osservazione di segni e sintomi tipici. 1. SEGNI DI CERTEZZA O POSITIVI (ci fanno affermare che certamente uella donna è gravida): Identificazione del battito cardiaco fetale (BCF), cioè individuazione di una presenza diversa da uella della mamma nel corpo della donna; ciò si verifica con: - Auscultazione con stetoscopio di PINAR (ostetrico) che si effettua dalla settimana, sicuramente si può eseguire alla 22. Si percepisce un rumore simile all orologio sotto il cuscino. La freuenza cardiaca fetale è battiti/min, uindi diversa da uella materna. Il focolaio di auscultazione è variabile in base alla posizione del bambino e all epoca gestazionale in cui è eseguito l esame. - Rilevatore Doppler di ultrasuoni che è in grado di rilevare battito cardiaco fetale a partire dalla settimana attraverso l addome materno. - Ecografia a partire dalla 6 settimana con sonda transvaginale, che si approssima al viscere uterino, e dalla 7 settimana con la sonda TA: permette di valutare la presenza del battito cardiaco fetale [freuenza inferiore (100 battiti/min) alla 6-7 settimana], che deve essere presente uando è visibile l embrione di ualche millimetro all interno della camera gestazionale. - Auscultazione negli ultimi mesi di gravidanza (6-9 settimana): si può fare anche con un normale stetoscopio e si rileva la freuenza cardiaca fetale che è più elevata di uella materna, inoltre si percepiscono altri suoni come il soffio del funicolo ombelicale, sincrono con BCF, il soffio dei vasi uterini, sincrono con il battito cardiaco materno, i movimenti fetali percepiti come tonfi sordi, la pulsazione aortica materna ed i borboritmi intestinali. 1

2 Percezione dei movimenti attivi fetali con la palpazione attraverso l utero materno dalla 20 settimana, hanno intervalli indeterminati e comparsa casuale, da differenziare dalle contrazioni uterine e della parete addominale. Visualizzazione ecografica del sacco gestazionale o camera ovulare all interno della cavità uterina già dalla 5 settimana (il BCF è visibile dalla 6 settimana). La settimana gestazionale si conta dall ultima mestruazione anche se l embrione è presente da meno tempo, circa 3 settimane, nell organismo materno. 2. SEGNI DI PROBABILITA (prima dell introduzione dell ECO tali segni avvicinavano alla diagnosi di gravidanza, uando cioè era possibile auscultare il BCF e palpare i movimenti attivi fetali solo alla settimana): Aumento del volume addominale che è consensuale all aumento del viscere uterino il uale subisce le modificazioni più significative durante la gravidanza. Dopo la 12 settimana il viscere uterino può essere palpato al di sopra della sinfisi pubica attraverso l addome materno. L aumento del volume addominale è più pronunciato nelle pluripare. Si parla di nullipara per una donna che non ha mai partorito ed è alla sua prima gravidanza, di multipara o pluripara per una donna che ha già avuto uno o più parti. Modificazioni dell utero che riguardano volume, forma e consistenza e che si possono apprezzare all esplorazione (visita vaginale o vaginale-addominale): - CORPO DELL UTERO: L aumento del volume è progressivo e consensuale all epoca gestazionale; la forma dall 8 settimana da piriforme diventa sferoidale; la consistenza diventa più elastica e soffice. E possibile apprezzare le pulsazioni vascolari, più marcate a livello dei fornici vaginali in uanto la vascolarizzazione è aumentata per aumento di volume dell utero: SEGNO DI PISKACZEK. - CERVICE DELL UTERO: rammollimento, consistenza ridotta perché si modificano le fibre elastiche e non il contenuto in acua della cervice. - ISTMO: consistenza soffice, SEGNO DI HEGAR (palpando l utero gravido si ha l impressione di avvertire il collo dell utero staccato dal corpo). Contrazioni di BRAXTON HICKS: contrazioni uterine irregolari, spontanee, non dolorose che si possono però palpare non prima del II trimestre. Ballottamento del feto: a metà gravidanza si può ballottare il viscere uterino ed apprezzare le parti fetali attraverso il liuido amniotico. Test endocrini che possono però dare raramente dei falsi positivi: - Presenza subunità b di HCG nel plasma o nelle urine materne (HCG = gonadotropina corionica prodotta dal citotrofoblasto). Questo è un segno di gravidanza, ma può essere presente in altre condizioni come la mole vescicolare. - Test di inibizione dell agglutinazione. - Test con anticorpi monoclonali verso l intera catena o solo la subunità. La sensibilità dei test è variabile, ma i comuni test sono positivi anche con unità di bhcg, valori già presenti prima dell ultima mancata mestruazione. 2

3 3. SEGNI DI PRESUNZIONE (segni che fanno sospettare una gravidanza): Amenorrea: si considera la regolarità delle mestruazioni, allattamento, perdite ematiche in gravidanza iniziale, altre cause di anovularietà, patologie. Modificazioni della ghiandola mammaria: sono definitive solo con la gravidanza e l allattamento e comprendono modificazioni del trofismo (aumenta la vascolarizzazione e il tessuto) e della pigmentazione. Modificazioni della pigmentazione cutanea. Modificazioni del colore delle mucose visibili dei genitali esterni che assumono un colore bluastro, le mucose sono congeste: SEGNO DI CHADWICH. Aumento della temperatura basale per più di 16 giorni, cioè nella seconda parte del ciclo, come risposta alla secrezione di progesterone. Sintomi tipici: nausea, vomito, stanchezza, pollachiuria. DURATA DELLA GRAVIDANZA L epoca gestazionale si calcola dall ultima mestruazione. La gravidanza normale dura 240 giorni o 40 settimane a partire dalla data di inizio dell ultima mestruazione. REGOLA DI LAEGELE per calcolare la data presunta del parto: si tolgono 3 mesi e si aggiungono 7 giorni dalla data dell ultima mestruazione. Per esempio: ultima mestruazione = 15 maggio Æ data presunta del parto = 22 febbraio ABORTO: limite arbitrario che corrisponde a 180 giorni o 25.5 settimane di amenorrea con una sopravvivenza del feto del 30-40%. Tale evento può incidere sui parti successivi della donna, cioè sul transito vaginale del feto, ed il limite che si considera è 500 grammi. INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA: alla 12 settimana PARTO PRETERMINE: parto prima della 37 settimana. GRAVIDANZA OLTRE IL TERMINE: alla 42 settimana (294 giorni) o dopo. MODIFICAZIONI DELL ORGANISMO MATERNO IN GRAVIDANZA La gravidanza è una condizione particolare in cui tutto l organismo si trasforma in modo uasi totalmente reversibile, perché alcuni organi modificati come utero e mammella non ritornano alle condizioni precedenti. APPARATO GENITALE - UTERO: sono le modificazioni più evidenti: da pochi cm arriva a 32x22 cm e grammi, più importante è l aumento del fondo e dell istmo (che si trasforma in segmento uterino inferiore e modifica la sua costituzione anatomica); iperplasia e ipertrofia delle fibre; ritenzione idrica; aumento dell apporto vascolare e linfatico. - CERVICE: riduzione del collagene compatto, si inibiscono le fibre collagene ed elastiche; produzione di muco (tappo mucoso); edema. 3

4 Il corpo ed il fondo hanno funzione contenitiva, il segmento uterino inferiore è importante nella fase finale di gravidanza, il collo ha funzione di contenzione dinamica e di dilatazione durante travaglio e parto. A uesto meccanismo di contenzione meccanica e dinamica il tappo mucoso aggiunge una produzione di tipo batteriologico, cioè funziona da barriera alla risalita di germi nella cavità uterina. - VAGINA: vasocostrizione ed aumento delle secrezioni perciò è tipico un certo grado di leucorrea. APPARATO CARDIOVASCOLARE - Modificazioni già dal I trimestre per aumentate richieste di ossigeno e nutrienti. - Aumento del volume plasmatico, almeno del 40-50%, correlato alla taglia, al numero dei feti ed all epoca gestazionale. - Aumento del volume dei globuli rossi del 20-30% (uindi inferiore all aumento di volume plasmatico): la donna in gravidanza ha tipicamente un certo grado di emodiluizione ed una ridotta viscosità. Un certo grado di anemia è fisiologico in gravidanza. - L aumento del volume plasmatico è protettivo sulla perdita ematica al momento del parto; la donna gravida è perciò in grado di tollerare una perdita ematica fino a 500cc. - L aumento del volume plasmatico ha un effetto favorente sulla ossigenazione. - Aumento dell output cardiaco del 30-50%, distribuito soprattutto ai distretti modificati [utero, rene (per aumento dell apporto ematico), mammella, cute]. - Aumento freuenza cardiaca. - Riduzione della pressione arteriosa legata a una riduzione delle resistenze vascolari sistemiche, ciò perché le arterie spirali modificano la loro parete invasa dal trofoblasto, uindi il letto vascolare placentare è a bassa resistenza. - CUORE: ipertrofia e aumento della contrattilità, modificazione della silouette cardiaca dislocata dal viscere uterino e dal diaframma che risale. - Parto e peripartum: stress emodinamico acuto - Ritenzione idrica e aumento dei liuidi nel compartimento extracellulare (aumento della permeabilità capillare), riduzione albuminemia. Si evidenzia un certo grado di edema, di maggiore inibizione dei tessuti ed un certo grado di succulenza, soprattutto agli arti inferiori. - Aumento della pressione venosa agli arti inferiori che determina stasi, edemi e varici. - Aumento del fibrinogeno e dei fattori della coagulazione (soprattutto X e VIII), uindi la gravidanza è una condizione di trombofilia (cioè stato di ipercoagulabilità); c è un danno endoteliale e stasi soprattutto agli arti inferiori. - Le piastrine sono immodificate o diminuiscono un poco alla fine della gravidanza. APPARATO RESPIRATORIO - Ipervascolarizzazione delle alte vie (epistassi). - Dispnea (modificazione della sensibilità sui centri del respiro), presente precocemente. - Aumento del consumo di ossigeno dovuto alle richieste del feto e all aumento del lavoro cardiaco; aumento della ventilazione per aumento del volume corrente e diminuzione del volume residuo. - Maggiore escursione del diaframma 4

5 APPARATO URINARIO - Aumento del volume dei reni e dell apporto vascolare; dilatazione della pelvi renale e dell uretere soprattutto destro (legato forse a fatti di compressione perché l utero va incontro ad un certo grado di destrorotazione, mentre a sinistra l uretere è protetto dal colon nella sua relazione con l utero). Il progesterone riduce la peristalsi a livello dell apparato urinario e del tratto gastrointestinale in uanto diminuisce il tono delle miocellule per indurre la uiescenza del viscere uterino; ciò predispone a stasi e infezioni del tratto urinario. - E presente un certo grado di glicosuria che favorisce infezioni del tratto urinario. - Aumento delle pressioni vescicali e facile incontinenza da stress. - Aumento del flusso renale e modificazione della filtrazione glomerulare (ridotta creatininemia, modesta albuminuria (<15mgr/dL), modificazione nell eliminazione di alcune sostanze). - Aumento dell assorbimento del sodio che contribuisce alla ritenzione idrica e stimola il sistema renina-angiotensina-aldosterone, ma il circolo è refrattario (c è minore risposta agli stimoli ipertensivi) e ciò contribuisce a completare uel circolo di basse resistenze periferiche tipico della donna gravida. APPARATO GASTROENTERICO - Nausea, vomito,stipsi, aumento dell appetito - Aumento del metabolismo basale e del peso corporeo. - Modificazioni pressorie a livello di esofago e stomaco in modo tale da favorire un certo grado di reflusso che causa pirosi. Ciò è importante dal punto di vista anestesiologico: una donna gravida ha una situazione di maggior rischio perché ha un rallentato svuotamento gastrico e una maggiore probabilità di reflusso. - Tono e motilità intestinali ridotti (progesterone). - Stasi venosa del flusso emorroidario. - FEGATO: ridotta escrezione, predisposizione alla colestasi ed alla calcolosi della colecisti. APPARATO ENDOCRINO - La gravidanza è una condizione diabetogena, nelle donne predisposte si può sviluppare diabete, soprattutto nella fase avanzata di gravidanza. Esiste iperplasia delle cellule b pancreatiche, aumento dell insulina, iperglicemia per le stesse dosi di glucosio, ipoglicemia più marcata a digiuno, l aumento delle resistenze periferiche predispone all intolleranza glucidica. - TIROIDE: iperplasia e ipervascolarizzazione; nelle prime fasi di gravidanza ci può essere un certo grado di ipertiroidismo dato dall HCG che può stimolare la tiroide. In gravidanza non si devono dosare T3 e T4 ma le loro forme libere (ft3 e ft4) perché modificandosi le proteine leganti si modificano anche T3 e T4. Il TSH rimane un marcatore significativo di patologia tiroidea. La madre ed il feto hanno una produzione indipendente di ormoni tiroidei (il feto utilizza iodio passato dalla mamma). - In gravidanza c è un certo grado di emodiluizione ed un aumentata richiesta di ferro materna, del feto e durante l allattamento: ciò predispone all anemia sideropenica. (NB: la prof consiglia di riguardare il metabolismo del ferro). 5

6 Routinariamente non è necessario il supplemento marziale, che si utilizza solo in alcuni casi di carenza dietetica. CURA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA L OBIETTIVO è PROMUOVERE LA SALUTE DELLA MAMMA E DEL BAMBINO. La gravidanza è un evento fisiologico che nella maggior parte dei casi porta alla nascita di un bambino sano da parte di una madre che sta bene, ma necessita di un approccio di monitoraggio, non necessariamente medico; il medico viene chiamato in causa uando c è una deviazione da uesto evento fisiologico. La cura antenatale garantisce una maggiore probabilità che la gravidanza proceda senza complicanze per la madre ed il bambino. Nei paesi sviluppati però si assiste ad una eccessiva medicalizzazione della gravidanza: per esempio per l esito della gravidanza non è dimostrata l efficacia di fare l ecografia a tutte le donne; oppure è aumentato il ricorso al taglio cesareo, che ha contribuito a ridurre la morte perinatale, ma al di sopra di una certa percentuale di tagli cesarei non c è dimostrazione che si migliori la situazione. Essendo la gravidanza un evento fisiologico è importante cercare di fare il meno possibile ed avere familiarità con gli eventi della gravidanza fisiologica e patologica; inoltre l ostetrica si trova a curare contemporaneamente 2 individui: la mamma ed il feto e da ui è nata la medicina perinatale che si propone di capire l interazione tra mamma e bambino nelle condizioni patologiche ed ottimizzarne la cura. Nell approccio sistemato alla cura della donna gravida è importante conoscere: STORIA: - Familiare - Genetica e malformativa - Mestruale - Medica - Psicologica USO FARMACI cronico e saltuario NUTRIZIONE ESPOSIZIONE AMBIENTALE STORIA OSTETRICA se ha già avuto figli ESAME FISICO VACCINAZIONE ROSOLIA: tutte le donne fertili dovrebbero essere vaccinate DONNA PORTATRICE HBV: importante dopo il parto per permettere una vaccinazione precoce del neonato Utile prevenire INFEZIONE HIV: se donna è portatrice dell HIV si deve migliorare la cura della gravidanza per escludere la trasmissione verticale ASTENERSI DA FUMO ED ALCOOL CONTROLLO MALATTIE CONCOMITANTI ad esempio il diabete Deve esserci un FACILE ACCESSO ALLE CURE 1) La valutazione iniziale della donna gravida comprende: - Definire lo stato di salute di madre e feto - Escludere le condizioni di rischio: distinguere una condizione di fisiologia da una di non fisiologia. I fattori di rischio possono essere anamnestici (diabete, ipertensione, familiarità per malattie congenite), ostetrici (ad esempio anomalia del collo dell utero, 6

7 un precedente parto pretermine o complicanze di gravidanza) o attuali (che trasformano la gravidanza da condizione fisiologica a patologica). Questo è il campo peculiare in Italia dell ostetrico, in Inghilterra del medico di base, ecc. - Stabilire con la donna un piano di monitoraggio - Indicazioni su uando rivolgersi in ospedale: o Perdite di sangue: sempre uando la donna ha perdite di sangue, l unica situazione di non urgenza consiste in perdite nel I trimestre di gravidanza con certezza che essa sia intrauterina, altrimenti ci si rivolge all ospedale; nella seconda metà della gravidanza perdite di sangue di una certa entità sono indicazione assoluta a rivolgersi a una struttura ospedaliera o Perdite di liuido amniotico soprattutto se avvengono al di fuori dei fenomeni normali del travaglio di parto o Contrazioni o Diminuzione o assenza dei movimenti fetali in una fase in cui la donna li avverte già in modo continuo: può cominciare ad avvertirli intorno alla settimana, stabilmente dopo la settimana, nel III trimestre sente sempre muovere il bambino, dalla 32 settimana la valutazione materna della presenza dei movimenti fetale è una delle prime cose da spiegare alla donna e l assenza o la riduzione significativa dei movimenti fetali all interno di certi schemi, che devono essere spiegati alla donna, è uno dei primi segnali, anche se spesso tardivi, di un uadro patologico fetale. - Contrazioni uterine pretermine o del travaglio di parto. v Quando deve essere fatta la prima valutazione? L OMS dice entro la 16 settimana per ottimizzare la cura di uella gravidanza; in genere si fa prima della 16 settimana e cioè uando la donna lo richiede. v Quanti controlli eseguire? Ad esempio in USA il protocollo di monitoraggio della gravidanza fisiologica prevede un controllo ogni 4 settimane fino a 28 settimane, poi ogni 2-3 settimane fino a 36 settimane, poi una volta la settimana. Qui a Monza è previsto un controllo ogni 4-6 settimane fino a 20 settimane, poi ogni 4 settimane fino a 36 settimane, 2 volte nell ultimo mese ed infine un controllo a 40 settimane. La valutazione iniziale consiste in: - Anamnesi e registrazione dei dati rilevanti (età, caratteristiche staturo-ponderali, stato nutrizionale, professione) - Esame fisico: peso, altezza, esame generale, pressione arteriosa, mammelle, arti inferiori, cute. Spesso uesta è la prima visita che la donna fa dopo l infanzia. - Esame obiettivo ostetrico vero e proprio che consta di alcune parti: ISPEZIONE a paziente supina ed eretta osservando le mammelle, l addome, le mucose visibili (che assumono una colorazione scura). Esame con SPECULUM VAGINALE che permette di vedere la cervice uterina. Lo speculum viene inserito all interno della vagina, formato da 2 valve collegate, divarica la vagina permettendo di osservare il collo dell utero (rosso bluastro) e di fare prelievi come il pap-test o microbiologici. Si possono inoltre osservare le escrezioni (leucorrea fisiologica). PAP TEST, se la donna non l ha eseguito in tempi brevi 7

8 OSSERVARE posizione, forma, lunghezza e stato di chiusura della cervice PALPAZIONE esterna dell utero dopo il I trimestre AUSCULTAZIONE ESPLORAZIONE VAGINALE o palpazione interna: eseguita a vescica vuota, paziente supina, posizione litotomica, bimanuale combinata con il dito esplorante in vagina che palpa il collo dell utero ed il viscere uterino e attraverso l addome con la mano a piatto si palpa il viscere uterino. Questa manovra ci dà informazioni sull aumento del volume uterino, sullo stato di contrattilità dell utero, sulla modificazione della cervice, sullo stato di chiusura della cervice, sulla presenza di tumefazioni a livello della regione pelvica. La palpazione della cervice uterina non si è dimostrata efficace nelle donne a rischio né indispensabile e utile nel migliorare la cura della gravidanza. 2) La valutazione nel II e III trimestre comprende: - PALPAZIONE esterna dell utero: supera la sinfisi dalla 10 settimana, raggiunge l apofisi xifoidea alla 38 settimana, poi tende ad abbassarsi. - MISURAZIONE della lunghezza della sinfisi pubica fondo dell utero a partire dalla 20 settimana attraverso un nastro centimetrato, che permette una valutazione semiuantitativa del viscere uterino e indirettamente, se non ci sono condizioni patologiche del liuido amniotico in difetto o in eccesso, sul grado di crescita del feto. Se la donna è obesa è difficile valutarlo, se ha miomi multipli la crescita del viscere uterino dipende anche dalla crescita dei miomi e non solo del feto. L accrescimento fetale è uno dei punti peculiari, assieme alla valutazione della mancanza di rischio di partorire prematuramente, della cura della gravidanza. - PALPAZIONE delle parti fetali dalla 26 settimana - MANOVRE DI LEOPOLD: permettono di valutare la posizione del feto, il suo grado di impegno nella pelvi, lo sviluppo del viscere uterino, ecc. - CARATTERISTICHE del collo dell utero rispetto al rischio di parto pretermine al travaglio. 3) Esami di laboratorio utili in monitoraggio della gravidanza fisiologica: - EMOGRUPPO è indispensabile. - TEST di COOMBS INDIRETTO, indipendentemente dal fatto che la donna sia RR+ o RR- perché la gravidanza è un evento immunizzante non solo per RR ma anche per altri antigeni. Ciò è rilevante in caso di trasfusione. - ESAME EMOCROMOCITOMETRICO COMPLETO con conteggio delle piastrine. La correzione dell anemia migliora la cura della gravidanza. Alcune condizioni di piastrinopenia possono avere rilevanza al momento del parto. - GLICEMIA per riconoscere precocemente intolleranze glucidiche preesistenti. - CREATININA, TRANSAMINASI, FERRITINA, ACIDO URICO: sono esenti da ticket per le donne gravide, ma non c è dimostrazione della loro effettiva utilità. La creatininemia è più bassa, così anche l uricemia, le transaminasi sono uguali, la fosfatasi alcalina è più alta perché prodotta anche dalla placenta, ggt sono inibite. L esame emocromocitometrico avrà un certo grado di emodiluizione. - ROSOLIA, esami sierologici per TOXOPLASMOSI (se contratta come prima infezione in gravidanza può dare danno fetale), CITOMEGALOVIRUS (non esiste 8

9 terapia e anche la diagnostica è controversa), VDRL (lue), HbsAg (soprattutto nel III trimestre della gravidanza), HCV (non c è dimostrazione della sua utilità), HIV. - ESAME DELLE URINE per conoscere le condizioni patologiche preesistenti. - Stato di PORTATORE DI btalassemia se la madre è interessata. 4) Esami di laboratorio da ripetere: - TOXOTEST se negativo. - ESAME EMOCROMOCITOMETRICO a scadenze variabili. - TEST DI COOMBS INDIRETTO se la donna è RR- e partner è RR+. - ESAME URINE mensilmente. - URINOCULTURA: se è + è un fattore di rischio per complicanze della gravidanza o a carico del feto. - TEST DA CARICO DI GLUCOSIO con 50 grammi per lo screening cui fa seguito la curva da carico orale con 75 o 100 grammi per la diagnosi di diabete gestazionale; si esegue alla settimana. E di routine solo in alcuni protocolli. - TAMPONE VAGINO-RETTALE per la ricerca di STREPTOCOCCO b EMOLITICO (34-36 settimana), che può dare infezioni perinatali potenzialmente anche molto gravi. In caso di positività e presenza di fattori di rischio si tratta con antibiotico la donna durante il parto. 9

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

CD4, carica virale e altri test

CD4, carica virale e altri test www.aidsmap.com CD4, carica virale e altri test Italiano Prima edizione 2010 Autore: Michael Carter Prima edizione italiana: 2010 Adattata dalla prima edizione inglese 2009 Si ringrazia LILA per la traduzione

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli