Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento"

Transcript

1 Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e La valutazione dei programmi vaccinali costituisce un momento fondamentale per la programmazione delle politiche e delle strategie vaccinali e deve includere i punti di forza, di debolezza, l efficienza, l efficacia. L indicatore più importante consiste nella stima del vantaggio di salute atteso con la vaccinazione in termini di casi di malattia prevenuta. Di conseguenza, i programmi di vaccinazione devono essere connessi con l attività di sorveglianza epidemiologica delle malattie prevenibili con la vaccinazione che, attraverso un attenta raccolta e registrazione dei dati di notifica delle malattie infettive, produce le informazioni necessarie a valutare la strategia vaccinale al fine di garantire la corretta informazione alla popolazione, ai decisori e ai tecnici sui progressi delle campagne di controllo o di eliminazione. La sorveglianza delle malattie infettive sul territorio è garantita sia dal sistema di notifica obbligatoria, in cui vengono inserite tutte le patologie previste dal DM , sia da altri sistemi di sorveglianza di interesse epidemiologico gestiti a livello nazionale a cui la provincia di Trento ha aderito. Questo sistema di sorveglianza rappresenta lo strumento fondamentale per definire il peso epidemiologico delle malattie infettive, per stimare la quota di malattia prevenibile con la vaccinazione attraverso la fotografia della situazione prima e dopo l introduzione dell intervento preventivo e per identificare eventuali fallimenti vaccinali tramite la verifica della storia vaccinale dei singoli casi. I programmi di vaccinazione devono essere valutati in termini di efficacia attraverso il calcolo della copertura vaccinale, altro importante indicatore di salute, in quanto consente di stimare la proporzione di popolazione target protetta dalla malattia prevenibile con la vaccinazione e anche di intraprendere tempestive azioni correttive quando la stima del numero di soggetti suscettibili nella popolazione generale si avvicina alla soglia epidemica. Per garantire una corretta conduzione dei programmi di vaccinazione e un attento monitoraggio delle coperture vaccinali è essenziale disporre di un anagrafe vaccinale informatizzata. La Provincia autonoma di Trento dispone di un unica anagrafe vaccinale informatizzata, il cui archivio è alimentato dall anagrafe sanitaria. Il software per la gestione dell anagrafe facilita lo svolgimento di numerose attività dei Centri vaccinali, tra cui la registrazione dei dati vaccinali, la generazione di inviti, l identificazione dei casi di mancata vaccinazione. Inoltre permette il calcolo delle coperture vaccinali, che, insieme all andamento delle malattie prevenibili e alla frequenza di reazioni avverse, rappresentano gli indicatori fondamentali per valutare l impatto dei programmi di vaccinazione.

2 Analisi di contesto L analisi dell impatto della strategia vaccinale promossa con l adozione del Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni si basa sulla valutazione dei seguenti parametri: incidenza delle malattie prevenibili con le vaccinazioni, quota di malattia prevenibile (la cui entità viene stabilita tenendo conto dell andamento temporale dell incidenza della malattia in Italia e in Provincia di Trento) oppure, quando risulta impossibile stimare la quota prevenibile, l obiettivo di salute da raggiungere, dimensioni della popolazione target da raggiungere, copertura vaccinale da raggiungere a 24 mesi per le vaccinazioni previste dal calendario vaccinale provinciale dell infanzia. I dati epidemiologici relativi alle malattie infettive riportati nella successiva tabella (tab.1) sono gli ultimi disponibili in ordine di tempo ottenuti dalle notifiche registrate presso il Ministero della salute e presso l U.O. Igiene e Sanità pubblica dell Azienda provinciale per i servizi sanitari, le dimensioni della popolazione target per la vaccinazione sono dedotte dall anagrafe vaccinale. 2

3 Tab. 1 Difterite Tetano Pertosse Poliomielite Epatite B Haemophilus influenzae B Italia: incidenza in epoca prevaccinale Nel 1955 (anno inizio vaccinazione di massa): casi 14 casi/ abitanti casi/ abitanti 1000 casi/anno; casi nel casi/ abitanti nel 1985 Meningite: 8-10 casi/ in bambini di età <5 anni nel 1994 Epidemiologia Italia: incidenza anno 2009 Dal 1994 nessun caso in residenti Media casi annuali : 67 casi (1,2 casi/ abitanti) 1,1caso/ abitanti Ultimo caso nel 1982 Eliminazione malattia e della circolazione del virus selvaggio nel 2002 Seieva 2011: 1,0 caso/ abitanti; nella fascia d età 0-24 anni: 0,5 casi/ abitanti Sorveglianza meningiti batteriche 2011: 5 casi di meningite in bambini di età <5 anni PAT: incidenza biennio Quota prevenibile/ Obiettivo di salute Popolazione target da raggiungere (coorte 2010) Copertura vaccinale da raggiungere a 24 mesi Nessun caso 100% Nessun caso 34 casi (3,2 casi/ abitanti) 2 casi nei bambini <1 anno (18 casi/ abitanti) Nessun caso Eliminazione nel 2002 certificata 7 casi pari a 0,6 casi/ ab; nella fascia 0-24 anni: 1 caso pari a 0,4 casi/ ab 100% nella fascia d età < 24 anni; Riduzione incidenza nella fascia d età >25 anni Riduzione incidenza nei bambini < 1 anno 100% Riduzione dell incidenza in tutte le età Nessun caso 100% in età < 5 anni Morbillo Parotite 160 casi/ abitanti nel casi/ abitanti nel 1993 Nel 2002 epidemia in Campania: 204 casi/ abitanti Nel 2009: 1,3 casi/ abitanti 1,8 casi/ abitanti Epidemia con 563 casi pari a 48,1 casi/ ab; 338 casi nei soggetti <14 anni pari a 219 casi/ abitanti 43 casi pari a 4,1 casi/ ab Abbattimento dell incidenza fino all obiettivo di > 90% eliminazione (1 caso/ abitanti) Riduzione dell incidenza in tutte le età > 90%

4 Rosolia Meningite/malattia invasiva Pneumococco Meningite/malattia invasiva da Menincococco C Nel 1993: 58,7 casi/ Nel 1999: 29 casi di rosolia congenita Meningite: 0,9 casi/ in bambini di età < 5 anni nel 2004 Meningite meningococcica: 0,4 casi/ abitanti; 3,1 casi / in bambini di età < 5 anni 0,4 casi/ abitanti Dal 2005 al 2008: 110 casi di sospetta rosolia in gravidanza di cui 48 confermati in laboratorio e 37 casi di rosolia congenita di cui 5 confermati in laboratorio e 10 in corso di valutazione Sorveglianza meningiti batteriche 2011: 24 casi di meningite in bambini di età < 5 anni; 40 casi di sepsi in bambini di età < 5 anni Sorveglianza meningiti batteriche 2011: 80 casi di meningite e 72 casi di sepsi; 14 casi di meningite e 27 casi di sepsi in bambini di età < 5 anni di cui 6 tipizzate da meningococco C 8 casi pari a 0,8 casi/ ab.; % donne in età fertile non immuni:5% nessun caso in corso di gravidanza nessun caso di rosolia congenita 8 casi pari a 0,8 casi / abitanti 0-4 anni: nessun caso 1 caso di meningite meningococcica pari a 0,1 casi / abitanti Nessun caso di meningite meningococcica/sepsi in bambini di età < 5 anni Nessun caso di meningite meningococcica/sepsi da sierotipo C Abbattimento dell incidenza fino all obiettivo di eliminazione (1caso / ab); % donne in età fertile non immuni: < 5% rosolia congenita: meno di 1 caso/ nati vivi Riduzione dell incidenza di malattie invasive in bambini di età <5 anni Valutabile solo per meningococco C: riduzione incidenza di meningite/malattia invasiva in bambini < 5 anni > 90% 4

5 Aspetti organizzativi Le vaccinazioni previste dal calendario provinciale vengono effettuate presso gli ambulatori vaccinali dei Distretti sanitari di seguito individuati. Ambulatori vaccinali nei Distretti sanitari della Provincia di Trento Distretto Ambulatorio Indirizzo Distretto Centro-nord Trento Centro Servizi Sanitari; viale Verona Aldeno via Florida, 2 Cognola via Julg, 9 Gardolo via Pola 6 via Pola, 6 Vezzano via Roma, 37 Cavedine via don Negri, 28 Sopramonte piazza Oveno, 5 Distretto Centro-sud Rovereto piazza Leoni, 11/a Villagarina via D. Chiesa, 23 Ala Piazza Giovanni XXIII, 23 Mori via Giovanni XXIII, 18 Folgaria Lavarone via C. Battisti loc. Gionghi Tione di Trento via Presanella, 16 Condino via Roma, 6 Arco Largo Arciduca d Asburgo, 1 Riva del Garda via Rosmini, 59 Ledro via Giacomo Cis, 49 Dro via Cesare Battisti 9 Distretto Est Pergine Valsugana via S. Pietro, 4 Levico Terme via Slucca de Matteoni Baselga di Pinè via del XXVI maggio, 10 Borgo Valsugana via Vicenza, 9 Pieve Tesino via Brigata Abruzzi Tonadico via Roma, 1 Cavalese via Dossi 17 Predazzo via Degasperi 12 Pozza di Fassa strada di Prè de Gejia 4

6 Distretto Ovest Cles viale Degasperi 31 Fondo via C. Battisti, 57 Coredo Taio piazza dei Cigni piazza Vittorio Emanuele Denno via C. Battisti, 2 Malè via IV novembre, 8 Pellizzano via Baschenis, 6 Mezzolombardo via Manzoni, 1 Lavis via Rosmini, 70 Cembra piazza Marconi Relativamente alla presenza dei requisiti strutturali ed impiantistici richiesti per le strutture ambulatoriali che erogano prestazioni vaccinali la Commissione provinciale per le strategie vaccinali e la prevenzione delle malattie infettive ha concordato, nella seduta dell 11 ottobre 2012, che vengano utilizzati, in quanto compatibili e in quanto attualmente non presenti requisiti specifici per le strutture ambulatoriali che erogano prestazioni vaccinali, i criteri strutturali già previsti per gli altri ambulatori. Tutte le sedi utilizzate per le vaccinazioni pediatriche posseggono i requisiti strutturali e impiantistici previsti per gli ambulatori. Indicatori di valutazione Si individuano di seguito gli indicatori da utilizzare per un autovalutazione delle attività di vaccinazione. a. Indicatori di processo 1. aggiornamento periodico del personale dedicato alle vaccinazioni, 2. dimensioni della popolazione target, 3. capacità di individuare soggetti a rischio per vaccinazioni offerte selettivamente, 4. proporzione di persone nella popolazione target attivamente invitate alla vaccinazione, 5. accesso alla segnalazione di eventi avversi successivi alla vaccinazione e feed-back periodici, 6. proporzione di soggetti che rifiutano la vaccinazione, 7. capacità di stimare i soggetti suscettibili accumulatisi nella popolazione generale, 8. disponibilità di feedback periodici agli operatori sanitari sulle coperture e sull incidenza delle malattie prevenibili. 6

7 b. Indicatori di risultato 1. coperture vaccinali (ciclo primario) entro i 24 mesi di età, 2. coperture vaccinali per 2 dosi di MPR a 7 anni e negli adolescenti (17 anni di età), 3. coperture vaccinali per successivi richiami di polio, DTPa o dtpa, a 7 anni e a 17 anni, 4. copertura vaccinale per 3 dosi di HPV nelle dodicenni (per anno di nascita a partire dalla coorte del 1997), 5. copertura vaccinale per la vaccinazione antinfluenzale negli ultrasessantacinquenni e per i gruppi a cui è raccomandata, 6. incidenza delle malattie prevenibili da vaccino (dati di notifica o sistemi di sorveglianza dedicati), 7. n. di casi di malattia prevenibile da vaccino precedentemente vaccinati, 8. indagini su eventuali casi di fallimento vaccinale. Strumenti di valutazione Gli strumenti di valutazione del Piano provinciale di promozione delle vaccinazioni sono: a. un report di rilevazione per monitorare attentamente l andamento delle coperture vaccinali e cogliere tempestivamente eventuali segnali di riduzione dell adesione alle vaccinazioni. Con cadenza annuale, nel mese di febbraio, vengono calcolate le seguenti coperture vaccinali: difterite, tetano, pertosse, poliomielite, epatite B, emofilo, morbillo, parotite, rosolia, pneumococco e meningococco C nei bambini che hanno compiuto 24 mesi; difterite, tetano, pertosse (4 dose) all età di 7 anni; morbillo, parotite, rosolia (1 e 2 dose) all età di 7 anni; difterite, tetano, pertosse (5 dose), morbillo, parotite, rosolia (1 e 2 dose), meningococco C, varicella all età di 16 anni; HPV nelle dodicenni influenza negli ultrasessantacinquenni e per i gruppi a cui è raccomandata; pneumococco nella coorte dei sessantacinquenni Con cadenza semestrale, nei mesi di gennaio e luglio, vengono calcolate le seguenti coperture vaccinali: poliomielite (1, 2 e 3 dose) a 180 giorni di vita nei bambini nati l anno precedente poliomielite (1, 2 e 3 dose) a 270 giorni di vita nei bambini nati l anno precedente poliomielite (1, 2 e 3 dose) a 365 giorni di vita nei bambini nati l anno precedente Si tratta di un monitoraggio di tipo intensivo che consentirà di apprezzare in tempi rapidi eventuali scostamenti dei livelli di adesione alle vaccinazioni del primo anno di vita, anche in vista del superamento dell obbligo vaccinale. 7

8 b. una relazione annuale riportante i dati su: le dimensioni della popolazione target, il numero delle persone nella popolazione target attivamente invitate alla vaccinazione, il numero di soggetti che rifiutano la vaccinazione, l incidenza delle malattie prevenibili da vaccino, il numero dei casi di malattia prevenibile da vaccino precedentemente vaccinati. La relazione conterrà anche una descrizione: delle iniziative messe in atto per l aggiornamento del personale addetto alle vaccinazioni, dei feedback dati agli operatori sanitari in merito alle coperture vaccinali e all incidenza delle malattie prevenibili da vaccino. 8

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI

PIANO DELLE VACCINAZIONI PIANO DELLE VACCINAZIONI 1.Premessa Il Piano Nazionale Vaccini 2005-2007 ha stabilito gli indirizzi per il mantenimento o raggiungimento degli obiettivi fissati in ordine alla prevenzione e controllo delle

Dettagli

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Dr. Mino Baitelli Dirigente Medico Responsabile della

Dettagli

ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO PER GLI ANNI SCOLASTICI 2014/ 2017

ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE DI ISTITUTO PER GLI ANNI SCOLASTICI 2014/ 2017 icir_tn-17/06/2014-0003064 - Allegato Utente 2 (A02) Allegato parte integrante ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI ELENCO DEI CODICI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE RICHIEDIBILI PER L INSERIMENTO NELLE

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Indicatori di performance e di risultati nei programmi di controllo della diffusione delle malattie infettive Regione Veneto G. Napoletano Padova 04.11.2011

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Francesca Russo Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica Direzione Prevenzione

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Anno 2013 A cura: C. Braida, T. Gallo Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria,politiche sociali e famiglia Regione

Dettagli

Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale

Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale 24 maggio 2014 Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale Elisabetta Franco Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione Università di Roma Tor Vergata Nuovo calendario

Dettagli

Comunità Territoriale della Val di Fiemme. Indirizzo Tel. per appuntamento

Comunità Territoriale della Val di Fiemme. Indirizzo Tel. per appuntamento Indirizzi degli sportelli periferici e dei Centri di Assistenza Fiscale Per il calcolo della tariffa trasporti (Si fa presente che le sedi dei CAF potranno essere chiuse una settimana durante il mese di

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Regione Proponente: Regione Veneto Linea Progettuale: VACCINAZIONI - Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale Referente:

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA

PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA SOMMARIO A. Premessa B. Quadro normativo di riferimento C. Fonti utilizzate D. Obiettivi prioritari E. Calendario Regionale delle Vaccinazioni F. Ruoli e

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012-2014 1 INDICE DEL PIANO Prefazione Introduzione Il contesto Gli obiettivi del Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2012-2014 Superamento

Dettagli

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti 2015 MOTORE SANITÀ STATI GENERALI DELLA SANITÀ REGIONE DEL VENETO 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Prevenzione in Sanità:

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 9896 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 Intesa Stato-Regioni 22 febbraio 2012: Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2012-2014. Recepimento e adozione Calendario Regionale

Dettagli

Report Malattie infettive situazione gennaio-maggio 2009

Report Malattie infettive situazione gennaio-maggio 2009 NUOVA INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 Le ultime settimane hanno visti impegnati molti operatori del SSR nella pandemia da nuovo virus influenzale A H1N1 : ciò ha consentito di verificare i percorsi e attuare

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie PIANO PROVINCIALE DI PROMOZIONE DELLE VACCINAZIONI PER LA PROVINCIA DI TRENTO Gennaio 2012 1. Introduzione...2 Contesto

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Le malattie infettive

Le malattie infettive Le malattie infettive Le malattie infettive continuano a rappresentare un rilevante problema sanitario, nonostante la disponibilità, per molte di esse, di efficaci interventi di prevenzione e di cura.

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

PROGETTO (dicembre 2009)

PROGETTO (dicembre 2009) All. 2 PROGETTO (dicembre 2009) Progetto relativo alla linea del PNP: VACCINAZIONI TITOLO DEL PROGETTO: Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale veneto Obiettivi Iniziali del Progetto: miglioramento

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003 Repertorio Atti n. 1857 del 13 novembre 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di sul documento recante

Dettagli

Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita

Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita Target della vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita 1. Adolescenti 2. Donne suscettibili in età fertile 3. Gruppi difficili

Dettagli

Comprensorio C 1 (Valle di Fiemme) Indirizzo 0462-241311 0462-241334 199.199.730 0462-235071 848-001608 0462-230507 848-800337 0462-340217

Comprensorio C 1 (Valle di Fiemme) Indirizzo 0462-241311 0462-241334 199.199.730 0462-235071 848-001608 0462-230507 848-800337 0462-340217 Indirizzi degli sportelli periferici e dei Centri di Assistenza Fiscale per il calcolo della tariffa trasporti (Si fa presente che le sedi dei potranno essere chiuse una settimana durante il mese di agosto)

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO 1 N. Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale DGPREV.V/19262/P/I.4.c.a.9

Dettagli

I vaccini come strumento di prevenzione

I vaccini come strumento di prevenzione I vaccini come strumento di prevenzione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Stele egiziana 3000 AC Agente contro Ospite

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*"

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF ((*03/.&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&357$$*/-&/&--3&(*0/&'3*6-*7&/&;* (*6-* %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF PHHFUUP "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF 4FSHJP#0-;0/&--0 7JDF1SFTJEFOUF

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra*

Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra* Marzo 2014 Rilevazione sulla consistenza e la dislocazione territoriale degli appartenenti alle popolazioni di lingua ladina, mòchena e cimbra* (15 Censimento generale della e delle abitazioni - dati definitivi)

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

Banca cedente ABI cedente CAB cedente Denominazione Cedente Banca ricevente

Banca cedente ABI cedente CAB cedente Denominazione Cedente Banca ricevente Banca cedente ABI cedente CAB cedente Denominazione Cedente Banca ricevente BANCA DI TRENTO E BOLZANO 03240 01801 TN-VIA MANTOVA INTESA SANPAOLO SPA BANCA DI TRENTO E BOLZANO 03240 11606 BOLZANO VIA FAGO

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Morbillo & Co.: quando il "frastuono" non fa l'informazione

Morbillo & Co.: quando il frastuono non fa l'informazione Morbillo & Co.: quando il "frastuono" non fa l'informazione Il 30 gennaio 15, si è riunito a Copenaghen il gruppo ETAGE dell OMS (European Technical Advisory Group of Experts on Immunization) per fare

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA 1 SOMMARIO 1. Epidemiologia di Morbillo, Rosolia e Parotite

Dettagli

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI Primo firmatario: Consigliere Marotta Venezia e altre specificità Emendamento n.1 3.2.1 La rete ospedaliera su due livelli (Pag. 44) Dopo le parole: Inoltre

Dettagli

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Italo Guido Ricagni MMG S.I.M.P.eS.V. (Soc. It. di Med.di Prevenzione e Stili di Vita) La prevenzione come stile di vita VACCINAZIONI IMPORTANTI ECONOMICHE

Dettagli

Occhio al pidocchio... e se c è togliamocelo dalla testa. consigli utili per i genitori

Occhio al pidocchio... e se c è togliamocelo dalla testa. consigli utili per i genitori Occhio al pidocchio...... e se c è togliamocelo dalla testa consigli utili per i genitori Occhio al pidocchio...... e se c è togliamocelo dalla testa UOVA COSA SUCCEDE SE IL VOSTRO BAMBINO PRENDE I PIDOCCHI

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre 2013 a cura di

RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre 2013 a cura di COMUNICATO STAMPA CONGIUTO Da SItI, SIP, FIMP e FIMMG l appello a offrire gratuitamente il vaccino contro il meningococco B a tutti i lattanti italiani 12 dicembre 2013 RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

PLAFOND: 100.000.000 euro TASSO OMNICOMPRENSIVO: Tasso finito pari a 100bps (pro-solvendo)

PLAFOND: 100.000.000 euro TASSO OMNICOMPRENSIVO: Tasso finito pari a 100bps (pro-solvendo) BANCHE ADERENTI CASSA CENTRALE BANCA-CREDITO COOPERATIVO DEL NORD EST CASSE RURALI TRENTINE ADERENTI (Contatti nell'elenco allegato) CONDIZIONI APPLICATE PLAFOND: 100.000.000 euro Tasso finito pari a 100bps

Dettagli

Denuncia di Malattia Infettiva

Denuncia di Malattia Infettiva Denuncia di Malattia Infettiva Strumento determinante per la sorveglianza sulle malattie infettive insorgenti sul territorio con applicazione delle misure di profilassi e controllo al fine di impedire

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE VACCINI

Regione Liguria Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE VACCINI Regione Liguria Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE VACCINI Giugno 2005 SOMMARIO Introduzione pag. 3 La situazione in Italia pag. 6 La situazione in Liguria pag.

Dettagli

La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione

La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione La scommessa della Provincia Autonoma di Trento sul telelavoro: da obiettivo di risparmio a strategia organizzativa e di conciliazione Dipartimento organizzazione, personale e affari generali Luca Comper

Dettagli

http://www.eurosurveillance.org/viewarticle.aspx?articleid=20183 Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise

http://www.eurosurveillance.org/viewarticle.aspx?articleid=20183 Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise I vaccini proposti ai bambini nei 29 Paesi europei (27 dell'unione europea, più Islanda e Norvegia) sono 15: alcuni sono obbligatori per tutti,

Dettagli

REPORT SINTETICO dei casi di MALATTIA INFETTIVA notificati nell Asl Roma C nel 2010

REPORT SINTETICO dei casi di MALATTIA INFETTIVA notificati nell Asl Roma C nel 2010 REPORT SINTETICO dei casi di MALATTIA INFETTIVA notificati nell Asl Roma C nel 2 Il presente rapporto sintetico deriva dall elaborazione dei dati relativi alle notifiche di malattia infettiva pervenute

Dettagli

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 : vaccini Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 03/2011 34-38 Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 A cura della Commissione Vaccini della SIAIP

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Relazione Sanitaria 2000 Rapporto n. 6 Epidemiologia delle malattie infettive Riassunto Le misure di frequenza delle malattie infettive risentono in maniera importante del fenomeno della sottonotifica.

Dettagli

Aggiornamento del quadro provinciale dell'offerta scolastica per il secondo ciclo d'istruzione con decorrenza dall'anno scolastico 2015/2016

Aggiornamento del quadro provinciale dell'offerta scolastica per il secondo ciclo d'istruzione con decorrenza dall'anno scolastico 2015/2016 Aggiornamento del quadro provinciale dell'offerta scolastica per il secondo ciclo d'istruzione con decorrenza dall'anno scolastico 2015/2016 Istituto Sede Percorsi attivi dall'a.s. 2015/2016 COMUNITA'

Dettagli

Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento

Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria

Dettagli

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa Corso Gelone, 17-96100 Siracusa C.F./P.I. 01661590891 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE S I R A C U S A U.O.C. SEMP Direttore Dott.ssa Maria Lia Contrino Traversa La Pizzuta (ex ONP) - 96100

Dettagli

L ASSEGNO DI CURA PER PRENDERSI CURA

L ASSEGNO DI CURA PER PRENDERSI CURA L ASSEGNO DI CURA PER PRENDERSI CURA Provincia autonoma di Trento Assessorato alla salute e alle politiche sociali La Legge provinciale 24 luglio 2012, n. 15 per favorire la permanenza a domicilio di persone

Dettagli

L ASSEGNO DI CURA PER PRENDERSI CURA LE NOVITÀ DAL 1 LUGLIO 2013. Provincia autonoma di Trento Assessorato alla salute e alle politiche sociali

L ASSEGNO DI CURA PER PRENDERSI CURA LE NOVITÀ DAL 1 LUGLIO 2013. Provincia autonoma di Trento Assessorato alla salute e alle politiche sociali L ASSEGNO DI CURA PER PRENDERSI CURA LE NOVITÀ DAL 1 LUGLIO 2013 Provincia autonoma di Trento Assessorato alla salute e alle politiche sociali La Legge provinciale 24 luglio 2012, n. 15 per favorire la

Dettagli

CORSI SERALI PER ADULTI TI MANCA IL DIPLOMA? VUOI UNA QUALIFICA?

CORSI SERALI PER ADULTI TI MANCA IL DIPLOMA? VUOI UNA QUALIFICA? anno scolastico 2013/2014 CORSI SERALI PER ADULTI TI MANCA IL DIPLOMA? VUOI UNA QUALIFICA? I corsi serali per adulti promossi dalla Provincia Autonoma di Trento per l anno scolastico 2013/2014, sono qui

Dettagli

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI a cura dalla Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) Vaccino Gruppo di Età Tetano, Difterite, pertosse per

Dettagli

Elenco degli enti e delle aziende di credito a carattere regionale aventi sede legale in provincia di Trento (riferito alla data del 31 dicembre 2014)

Elenco degli enti e delle aziende di credito a carattere regionale aventi sede legale in provincia di Trento (riferito alla data del 31 dicembre 2014) Bollettino Ufficiale n. 33/I-II del 18/08/2015 / Amtsblatt Nr. 33/I-II vom 18/08/2015 78 101302 Disposizioni - determinazioni - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

Dettagli

ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE

ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE SERVIZIO PERSONALE DELLA SCUOLA E ATTIVITA' CONTABILI - Ufficio Reclutamento e gestione disciplinare personale della scuola - ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DELLE SCUOLE PRIMARIE ESPRIMIBILI AI FINI DELLA

Dettagli

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana Sezione Igiene I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Elementi di valutazione delle autorità regolatorie! Efficacia

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

Lista dei Pensplan Infopoint in Trentino Alto Adige/Südtirol

Lista dei Pensplan Infopoint in Trentino Alto Adige/Südtirol Lista dei Pensplan Infopoint in Trentino Alto Adige/Südtirol Pensplan nome documento 1 Pensplan Infopoint in Alto Adige/Südtirol In collaborazione con KVW KVW Bolzano Via Alto Adige, 28 Tel. 0471 978677

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Top news Progetto ASCO

Top news Progetto ASCO Società Italiana di MEDICINA GENERALE Top news Il calendario vaccinale per gli adulti e gli anziani Paolo Bonanni Professore Ordinario di Igiene, Dipartimento di Sanità Pubblica, Università di Firenze

Dettagli

REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO

REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO A cura del personale della UFC Igiene e Sanità Pubblica: Dr.

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Epidemiologia. Risultati di salute delle vaccinazioni pediatriche in Provincia di Modena Rapporto 2002

Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Epidemiologia. Risultati di salute delle vaccinazioni pediatriche in Provincia di Modena Rapporto 2002 Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Epidemiologia Risultati di salute delle vaccinazioni pediatriche in Provincia di Modena Rapporto 22 Agosto 24 A cura di : Luisella Grandori, Carlo Alberto Goldoni

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE I casi notificati

MALATTIE INFETTIVE I casi notificati I casi notificati di malattia infettiva sono in diminuzione. Sono in costante decremento nella popolazione generale i casi di tubercolosi; gli aumenti sono confinati a gruppi ad alto rischio; occorre consolidare,

Dettagli

IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie. Antonio Nigro

IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie. Antonio Nigro IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie OMS E necessaria una elevata copertura vaccinale per evitare la diffusione delle malattie prevenibili da vaccino all interno di una comunità.

Dettagli

Malattie infettive. Malattie infettive di I classe. Fonti informative:

Malattie infettive. Malattie infettive di I classe. Fonti informative: Malattie infettive Le malattie infettive non costituiscono oggi una causa di morte di grande rilievo, ma mantengono tuttavia un grande interesse per almeno due motivi: 1 l emergenza di alcune patologie

Dettagli

Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae

Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae Roma, 26-27 Novembre 2014 Roma, 28-29 Febbraio 2012 Aspetti microbiologici della sorveglianza nazionale della malattia invasiva da H. Influenzae MARINA CERQUETTI Marina Cerquetti Dipartimento di Malattie

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Intesa Stato Regioni Province Autonome del 23 Marzo 2005 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007: linee operative

Dettagli

La risposta al bisogno e alla domanda di salute

La risposta al bisogno e alla domanda di salute La risposta al bisogno e alla domanda di salute Giuliano Angotzi Direttore Dipartimento di Prevenzione Azienda U.S.L. Viareggio Conferenza dei servizi 30/3/2005 traumatismi ed avvelenamenti 6% Principali

Dettagli

SERVIZIO PERSONALE DELLA SCUOLA E ATTIVITA' CONTABILI - Ufficio Reclutamento e gestione disciplinare personale della scuola -

SERVIZIO PERSONALE DELLA SCUOLA E ATTIVITA' CONTABILI - Ufficio Reclutamento e gestione disciplinare personale della scuola - SERVIZIO PERSONALE DELLA SCUOLA E ATTIVITA' CONTABILI - Ufficio Reclutamento e gestione disciplinare personale della scuola - ELENCO CODICI E DENOMINAZIONI DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI II

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie e Sociali

Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie e Sociali Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie e Sociali PIANO REGIONALE DELLE VACCINAZIONI 2005/2007: dall obbligo all adesione consapevole: un counseling vaccinale per ogni cittadino. Impianto

Dettagli

EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO

EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO Attività dell anno 2007 in Regione Piemonte Settembre 2008 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO Attività dell anno 2007 in Regione Piemonte A cura di: Barale A., Malaspina

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA

MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA Segnalazioni e distribuzione della casistica nel 28 (dati definitivi) e Casistica (provvisoria) a tutto settembre 29 Premessa La sorveglianza sanitaria nei confronti

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2946 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Riparto del Fondo per le politiche giovanili, cofinanziamento delle spese relative

Dettagli

Paolo Bonanni Giancarlo Icardi Carlo Gargiulo VACCINARE: come e perché Alpes Italia

Paolo Bonanni Giancarlo Icardi Carlo Gargiulo VACCINARE: come e perché Alpes Italia Paolo Bonanni Giancarlo Icardi Carlo Gargiulo VACCINARE: come e perché Presentazione di Fabrizio Pregliasco Alpes Italia Copyright Alpes Italia srl Via Cipro, 77 00136 Roma tel./fax 06-39738315 I Edizione,

Dettagli

Gestione delle Vaccinazioni nell Azienda Sanitaria Locale

Gestione delle Vaccinazioni nell Azienda Sanitaria Locale Seminario I VACCINI: STRUMENTO DI PREVENZIONE Gestione delle Vaccinazioni nell Azienda Sanitaria Locale Paolo D Argenio 9 Ottobre 2013 Ospedale M. Bufalini (Cesena) Vaccinazioni nella Asl Programma Vaccinale

Dettagli

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria Corso Vaccinazioni: consolidare

Dettagli

CALENDARIO DEGLI ORARI E DEI TURNI FESTIVI DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER L'ANNO 2014

CALENDARIO DEGLI ORARI E DEI TURNI FESTIVI DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER L'ANNO 2014 CALENDARIO DEGLI ORARI E DEI TURNI FESTIVI DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER L'ANNO 2014 INFORMAZIONI DI UTILITA GENERALE REGOLAMENTAZIONE DEI TURNI DI APERTURA E CHIUSURA L art.

Dettagli

REGIONANDO 2000 PROVINCIA AUTONOMA BOLZANO LA VACCINAZIONE PROTEGGE

REGIONANDO 2000 PROVINCIA AUTONOMA BOLZANO LA VACCINAZIONE PROTEGGE REGIONANDO 2000 PROVINCIA AUTONOMA BOLZANO LA VACCINAZIONE PROTEGGE Con l eccezione dell acqua potabile nessun altro strumento, neppure gli antibiotici, ha avuto un maggior effetto sulla riduzione della

Dettagli

NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento

NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento Anno 2003 A cura del gruppo tecnico di valutazione Screening Mammografico Direzione per la Promozione e l'educazione alla Salute Giugno 2004 Gruppo

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO DETERMINAZIONE 3 marzo 2005 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

LA SCUOLA TRENTINA DI DOMANI: IL PIANO DELL OFFERTA SCOLASTICA E FORMATIVA OBIETTIVO: QUALITA

LA SCUOLA TRENTINA DI DOMANI: IL PIANO DELL OFFERTA SCOLASTICA E FORMATIVA OBIETTIVO: QUALITA LA SCUOLA TRENTINA DI DOMANI: IL PIANO DELL OFFERTA SCOLASTICA E FORMATIVA OBIETTIVO: QUALITA LE PRIORITA Rafforzare l orientamento scolastico per ridurre la dispersione e l insuccesso scolastico Fare

Dettagli

2.1 2.1.1 Introduzione 2.1.2 Presentazione dei dati Vaccinazioni contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite ed epatite B Figura 1 Ta- bella 1

2.1 2.1.1 Introduzione 2.1.2 Presentazione dei dati Vaccinazioni contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite ed epatite B Figura 1 Ta- bella 1 2 Salute e malattia 2.1 Malattie prevenibili con vaccino 2.1.1 Introduzione Le vaccinazioni rappresentano efficacissimi interventi preventivi a disposizione della Sanità Pubblica. Grazie alle vaccinazioni

Dettagli

Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15. Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI

Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15. Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15 Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI Capitolo 1 - CONCETTI GENERALI DI IMMUNOPROFILASSI...23 1 - Sieri

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO POSSIAMO GARANTIRTELO: I CENTRI PER L IMPIEGO SONO VICINI, E TI SONO VICINI indice dei servizi ACCOGLIENZA ISCRIZIONE IN ELENCHI

Dettagli