9. Energia Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9. Energia. 9.1. Introduzione"

Transcript

1 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro. Il consumo di energia comporta emissioni inquinanti non trascurabili, con effetti che si manifestano sia su scala locale, sottoforma principalmente di inquinamento atmosferico, che globale, con il cosiddetto effetto serra 1. Inoltre il continuo aumento del prezzo del petrolio legato alla situazione politica internazionale comincia ad incidere sull economia del paese. Fra il 1999 e il 2003 il prezzo del barile di petrolio è aumentato del 67% 2 e per il 2004 si preannunciano aumenti ancora maggiori. L utilizzo di fonti energetiche a minor impatto ambientale e la riduzione dei costi legati al consumo di energia sono difatti considerarti fra i principali obiettivi delle politiche energetiche dei governi per il prossimo futuro. A livello comunitario la politica energetica persegue tre obiettivi fondamentali: la sicurezza degli approvvigionamenti, la competitività e la tutela dell ambiente. Per promuovere la sicurezza degli approvvigionamenti, la diversificazione dell offerta energetica e la riduzione delle emissioni di gas serra, l Unione Europea si propone, con la direttiva 2001/77/CE, di incentivare la quota di produzione di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili 3, indicando come obiettivo per il 2010 una percentuale complessiva del 22%. In Italia dal 2002 vige l obbligatorietà per i produttori e gli importatori di energia elettrica di immettere in rete almeno il 2% di energia prodotta da fonti rinnovabili. Il Governo ha dato attuazione alla direttiva 2001/77/CE con il D.Lgs. 29 dicembre 2003 n. 387 le cui disposizioni, assieme a quelle nel disegno di legge sul riordino del settore energetico in corso di avanzato esame parlamentare, porteranno ad un aumento della quota obbligatoria di energia elettrica da prodursi con fonti rinnovabili. Nel 2003 la quantità di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili è stata del 2,3%. 4 Ulteriori provvedimenti dovrebbero riguardare l aumento della quota di produzione di energia elettrica tramite gas naturale piuttosto che da petrolio, diminuendo così, a parità di energia prodotta, le emissioni inquinanti. L Unione Europea ha individuato la competitività che, in un mercato libero ed aperto, si traduce in un guadagno di efficienza non solo energetica ma anche gestionale quale strumento fondamentale per il contenimento dei prezzi e del miglioramento dell efficienza del sistema di produzione e distribuzione 1 Effetto serra: fenomeno naturale che consiste nel riscaldamento del pianeta ad opera dei cosiddetti gas-serra presenti nell atmosfera, che permettono il passaggio della radiazione solare ma trattengono il calore riemesso dalla terra. Questo processo è sempre avvenuto naturalmente, in questo caso ci si riferisce all aumento eccessivo dell effetto serra rilevato negli ultimi anni, provocato dalle emissioni antropiche di gas serra come anidride carbonica e metano. 2 Fonte: Ministero delle Attività Produttive. 3 Categoria di fonti energetiche in cui rientrano il sole, il vento, le maree, il moto ondoso, l'energia idraulica, le risorse geotermiche e la trasformazione di prodotti vegetali o dei rifiuti organici e inorganici. 4 Fonte: GRTN Spa Energia 216 di 380

2 dell energia elettrica, e organizzativa. E stata quindi emanata la direttiva europea 96/92/CE concernente norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica, recepita in Italia con il cosiddetto Decreto Bersani (Decreto Legislativo n. 79/99). Il Decreto introduce la liberalizzazione nel settore della produzione, dell importazione, dell esportazione e della vendita di energia elettrica ai clienti non domestici. Scopo del decreto è creare un sistema di libera concorrenza, regolamentato però da norme di tutela del consumatore finale, in coerenza con il principio di pubblica utilità dell energia elettrica. Una politica analoga viene perseguita per quanto riguarda il mercato del gas naturale, per il quale il D.Lgs 164/00 ha liberalizzato la fase di vendita e quindi a partire dal 1 gennaio 2003, tutti gli utenti sono stati liberi di accedere a forniture alternative Riferimenti normativi Di seguito si riportano alcuni riferimenti normativi - Direttiva 96/92/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 dicembre 1996 concernente norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica. - D.Lgs. Governo n 79 del 16/03/1999 Attuazione della direttiva 96/92/CE recante norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica. - Direttiva 98/30/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 giugno 1998 relativa a norme comuni per il mercato interno del gas naturale - D.Lgs. Governo n 164 del 23/05/2000 Attuazione della direttiva n. 98/30/CE recante norme comuni per il mercato interno del gas naturale, a norma dell'articolo 41 della legge 17 maggio 1999, n Direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia - Direttiva 2001/77/Ce del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 settembre 2001 sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità - Legge n 120 del 01/06/2002 Ratifica ed esecuzione del Protocollo di Kyoto alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, fatto a Kyoto l'11 dicembre Direttiva 2003/87/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 13 ottobre 2003 che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità e che modifica la direttiva 96/61/CE del Consiglio Analisi dei dati Consumi energetici In questo paragrafo vengono riportati i consumi di energia della provincia di Ancona, inizialmente suddivisi per vettore (energia elettrica, gas naturale e prodotti petroliferi) e infine come valore complessivo. Di seguito si riportano i consumi di energia elettrica della provincia di Ancona per gli anni , suddivisi per settore. Gli stessi valori vengono riportati in Figura 54 sotto forma di istogramma. Energia 217 di 380

3 mln kwh mln kwh mln kwh mln kwh mln kwh mln kwh mln kwh mln kwh mln kwh Agricoltura 22,3 24,2 24,4 25,1 25,3 27,5 30,5 30,5 30,8 Industria 901,2 917,5 934, , , , , , ,9 Terziario ,4 469,5 493,2 512,2 540,6 575,7 583,3 639,1 Domestico 378,8 389,3 399,3 410,7 418,7 428,0 442,9 447,4 456,3 TOTALE 1.749, , , , , , , , ,1 Tabella Consumi di energia elettrica, Fonte: GRTN Spa Consumi di energia elettrica mln kwh Agricoltura Industria Terziario Dome stico Figura 54 - Consumi di energia elettrica della Provincia di Ancona Consumi percentuali di energia elettrica in provincia di Ancona 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Agricoltura Industria Terziario Dom es tico Figura 55 - Consumi di energia elettrica suddivisi per settore in percentuale sul totale Energia 218 di 380

4 Dai dati riportati si può vedere come i consumi legati all industria siano preponderanti rispetto a quelli imputabili agli altri settori considerati, rimanendo sempre al di sopra del 50 % sul valore complessivo provinciale per gli anni Per quanto riguarda gli altri settori, i consumi di agricoltura, terziario e domestico oscillano rispettivamente fra l 1,2-1,3 %, il 23-26% e il 18-22% sul valore complessivo (Figura 55). Andando ad analizzare invece gli aumenti percentuali del consumo di energia elettrica riferiti ai singoli settori e al totale (vedi Figura 56), si vede come dal 1995 al 2003 sia aumentato maggiormente il valore riferito al settore industriale (+63 %), con una crescita elevata sopratutto nel periodo Nel periodo si può invece notare un rallentamento della crescita dei consumi, aumentati solamente di un punto percentuale. Un andamento simile si può notare per il settore agricolo, per il quale vi sono stati forti aumenti nel periodo con un rallentamento della crescita nel periodo successivo, crescita che si attesta su di un 38% rispetto al Per il settore terziario si evidenzia una crescita più costante negli anni, con però un notevole aumento dei consumi fra il 2002 e il 2003, passati in un solo anno dal 30% al 43% rispetto a quelli del Il settore domestico risulta quello con una crescita dei consumi di energia elettrica più costante nel tempo, attestandosi su di un 20% rispetto al Complessivamente, l aumento percentuale dei consumi provinciali di energia elettrica nel periodo è stato del 48%. Consumi di energia elettrica - Aumenti percentuali rispetto al % 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Agricoltura Industria Terziario Domestico TOTALE Figura 56 - Aumenti percentuali di consumo di energia elettrica In Tabella 130 e in Figura 57 si riportano i consumi del gas naturale della Provincia di Ancona. I volumi annuali, suddivisi per settore, sono stati ottenuti sommando i consumi registrati ai punti di riconsegna direttamente allacciati alla rete Snam Rete Gas. I settori indicati sono costituiti come segue: Energia 219 di 380

5 Autotrazione: consuntivo aggregato dei volumi riconsegnati impianti di vendita al dettaglio di metano per autotrazione direttamente allacciati alla rete SRG; Riconsegne a rete cittadina: consuntivo aggregato dei volumi riconsegnati a punti di riconsegna che alimentano le reti di distribuzione cittadina dei comuni direttamente allacciati alla rete SRG e dei comuni serviti in estensione da essi; Industria: consuntivo aggregato dei volumi riconsegnati ai punti di riconsegna di utenze industriali direttamente allacciate alla rete SRG; Termoelettrico: consuntivo aggregato dei volumi riconsegnati alle centrali termoelettriche direttamente allacciate alla rete SRG. Settore m 3 /anno a potere calorifico superiore 38,1 MJ/m 3 Autotrazione 19,5 20,8 20,7 23,6 28,9 28,8 28,6 Reti cittadine 289,0 302,9 315,0 301,4 309,6 309,5 347,3 Industria 129,7 142,6 197,5 236,0 217,0 205,7 188,4 Termoelettrico 3,6 12,0 4,3 0,0 90,4 239,1 258,7 TOTALE 441,7 478,3 537,5 561,0 645,9 783,0 823,0 Tabella Consumi di gas delle utenze direttamente allacciate alla rete Snam Rete Gas, Fonte: Snam Rete Gas S.p.a. Consumi di gas naturale 900,0 800,0 700,0 600,0 m3/anno 500,0 400,0 300,0 200,0 100, Autotrazione Riconsegne a reti cittadine Industria Termoelettrico Figura 57 - Consumi di gas naturale in provincia di Ancona In riferimento all anno 2003, le quote dei consumi di gas naturale attribuibili ai settori Autotrazione, Riconsegne a reti cittadine, Industria e Termoelettrico erano rispettivamente del 3,5%, 42,2%, 22,9% e 31,4%. Analizzando i dati, si nota immediatamente come a partire dal 2001 vi sia stato un aumento della quota di consumi attribuibili alle centrali termoelettriche che possono utilizzare come combustile il gas naturale. Se nel 1997 infatti la quota attribuibile a questo settore era dello 0,8% sui consumi totali, nel 2003 essa si attestava al di sopra del 30%. Ciò è ovviamente attribuibile ad un aumentata capacità produttiva per mezzo di questo tipo di impianti. La tecnologie in grado di sfruttare il gas naturale difatti, hanno avuto una larga Energia 220 di 380

6 diffusione negli ultimi anni in virtù del ridotto impatto ambientale rispetto a quello ottenibile con altri tipi di combustibili. I consumi delle reti cittadine si sono invece mantenuti all incirca costanti per il periodo , per poi subire un leggero aumento nel corso dell anno 2003 (+20,2% rispetto al 1997). Andando a valutare l aumento percentuale dei consumi rispetto all anno 1997, oltre alla già citata crescita del settore termoelettrico nel periodo , si può notare come vi sia stato un forte aumento dei consumi riferiti al settore industria negli anni (+81,9% nell anno 2000 rispetto al 1997), seguito però da un calo negli anni successivi, fino ad un valore del 45,2% nell anno Si ricorda comunque come non tutte le attività industriali siano allacciate direttamente alla rete di trasporto di Snam Rete Gas e che quindi una percentuale dei consumi di gas del settore industriale sia compresa nella voce Reti cittadine. Di conseguenza non è possibile attribuire con certezza le variazioni percentuali della voce Industria ad effettivi aumenti e o cali dei consumi industriali. I consumi del settore autotrazione sono aumentati fino al 2001 (+48,5% rispetto al 1997) per poi subire un leggero calo attestandosi su un valore del 47%. Settore Autotrazione 0,0% 6,9% 6,4% 21,1% 48,5% 48,0% 47,0% Riconsegne a reti cittadine 0,0% 4,8% 9,0% 4,3% 7,2% 7,1% 20,2% Industria 0,0% 9,9% 52,3% 81,9% 67,2% 58,5% 45,2% Termoelettrico 0,0% 235,3% 19,9% -99,7% 2431,6% 6599,0% 7148,2% TOTALE 0,0% 2,6% 0,9% 0,1% 25,5% 67,1% 72,6% Tabella Aumento percentuale dei consumi di gas naturale rispetto all'anno 1997 Per quanto riguarda i prodotti petroliferi in Tabella 132 se ne portano i quantitativi venduti sul territorio provinciale, suddivisi per tipologia ed espressi in Tep 5 in maniera da poterli mettere a confronto. Anno Benzine Gasolio Olio combust. G.P.L. Totale Valori espressi in t.e.p Tabella Vendite di prodotti petroliferi, elaborazioni su dati del Ministero delle Attività Produttive 5 TEP o Tonnellate Equivalenti di Petrolio: unità convenzionale di misura delle fonti energetiche equivalente a Mcal, pari all'energia ottenuta dalla combustione di una tonnellata di petrolio. Energia 221 di 380

7 Vendite prodotti petroliferi tep Benzine Gasolio Olio combust. G.P.L. Figura 58 - Vendite di prodotti petroliferi 60% 50% 40% 30% 20% 10% Vendite di prodotti petroliferi suddivise per tipologia in percentuale sul totale 0% Benzine Gasolio Olio combust. G.P.L. Figura 59 - Vendite di prodotti petroliferi suddivise per tipologia in percentuale sul totale Da una prima analisi (vedi Figura 59) si vede come la percentuale maggiore delle vendite di prodotti petroliferi spetti al gasolio per tutti gli anni considerati, con una quota passata dal 45% al 55% in 5 anni. Andando ad analizzare le vendite di gasolio in funzione dell utilizzo (vedi Tabella 133), si vede come ad aumentare sia stato solo il gasolio per autotrazione, mentre il gasolio per riscaldamento abbia visto diminuire le vendite di più del 40% nel periodo Si può vedere come vi sia stato un calo della quota delle benzine, passata dal 39% al 33% del 2002 (vedi Figura 59). Per quanto riguarda la quota del GPL, si vede come vi sia stato un leggero calo che ha portato ad una percentuale di vendite nel 2002 sul totale dei prodotti petroliferi del 9%, quando era del 15% nel Ciò è sicuramente un dato negativo, in quanto l utilizzo di questo carburante comporta ridotte emissioni nell ambiente rispetto ad altre soluzioni. Le quote di olio combustibile, esse si sono mantenute più o meno costanti negli anni considerati, oscillando nell intervallo 1%-3%. Anno GASOL. AUTO. GASOL. RISC. GASOL. AGR. Energia 222 di 380

8 Anno GASOL. AUTO. GASOL. RISC. GASOL. AGR. Valori espressi in tonnellate Tabella Vendite di gasolio suddivise per tipologia, fonte: Ministero delle Attività Produttive Andando a valutare le variazioni percentuali delle vendite per ogni anno (vedi Tabella 134), rispetto all anno 1998, si vede come vi sia stato un progressivo calo delle benzine (-12,8% nel 2001), con un inversione di tendenza però nel 2002 (-3,8% nel 2002). Le vendite di gasolio nel periodo sono aumentate del 37,3%, mentre quelle di olio combustibile hanno subito un aumento notevole, attestandosi su di un 128% in più rispetto al Per quanto riguarda il G.P.L. vi è stato un calo, rispetto al 1998, del 27,8%. Anno Benzine Gasolio Olio combustibile G.P.L. Totale ,8% 37,3% 128,1% -27,8% 12,6% ,8% 12,6% 152,6% -23,0% -1,0% ,6% 18,8% 13,0% -15,1% 3,1% ,6% 4,4% 0,5% -1,7% 0,7% ,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% Tabella Aumenti percentuali delle vendite rispetto al 1995 Di seguito si riportano i consumi di energia della provincia di Ancona, suddivisi per vettore tep Gas naturale En. Elettrica Prodotti petroliferi Totali Tabella Consumi energetici suddivisi per vettore Energia 223 di 380

9 Consumi energetici suddivisi per vettore tep Gas naturale En. Elettrica Prodotti petroliferi Figura 60 - Consumi energetici suddivisi per vettore Dalla Figura 60 si può vedere come i consumi siano suddivisi fra i tre vettori energetici considerati, con quote all incirca equivalenti. Al 2002 le quote di gas naturale, energia elettrica e prodotti petroliferi erano rispettivamente del 32,7%, 36,6%, 30,7%. Variazioni percentuali rispetto al 1997 dei consumi energetici suddivisi per vettore 45,0% 40,0% 35,0% 30,0% 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 5,0% 0,0% Gas naturale En. Elettrica Prodotti petroliferi Totali Figura 61 - Variazioni percentuali rispetto al 1997 dei consumi energetici suddivisi per vettore Valutando le variazioni percentuali (vedi Figura 61) rispetto ai consumi del 1997, si vede come nel 2002 vi sia stato un aumento complessivo del 30% e del 24,1%, 37,8% e 26,5% rispettivamente per gas naturale, energia elettrica e prodotti petroliferi. Nel 2003 vi è stata un ulteriore crescita per gas naturale ed energia elettrica Produzione di energia elettrica In Tabella 136 si riportano il numero di centrali di produzione elettrica, suddivise in idroelettriche e termoelettriche, con le rispettive potenze efficaci lorde e nette e i dati di produzione lorda e netta. Energia 224 di 380

10 Anno Tipo Impianto Centrali Pot. Eff. Pot. Eff. Prod. Lorda Prod. Netta Lorda (MW) Netta (MW) (GWh) (GWh) 2000 Idroelettrico 9 4,7 4, Termoelettrico ,0 447, Totale ,8 451, Idroelettrico 9 4,7 4, Termoelettrico ,5 582, Totale ,3 586, Idroelettrico 9 5,1 5, Termoelettrico 9 586,3 581, Totale ,4 586, Idroelettrico 9 5,1 5, Termoelettrico 8 581,8 577, Totale ,9 582, Tabella Produzione di energia elettrica in provincia di Ancona, fonte: GRTN Spa Fra il 2000 e il 2003 c è stato un notevole aumento della produzione di energia elettrica, passata da 668 GWh a GWh con un aumento di circa il 300%. E da notare come nello stesso periodo la potenza efficace installata sia aumenta solo del 28%, quindi è lecito pensare che gli aumenti produttivi siano legati ad una più efficiente gestione del parco impiantistico. Andando a realizzare un confronto (vedi Figura 62) fra la produzione e i consumi di energia elettrica in provincia, si vede come per gli anni 2002 e 2003 i due valori abbiano lo stesso ordine di grandezza. Pur essendo le due voci numericamente molto simili (2.676 GWh la produzione e GWh i consumi), non è possibile affermare con certezza che la produzione compensi completamente il fabbisogno di energia, in quanto a livello provinciale non sono noti né i consumi delle Ferrovie, che vengono forniti solo a livello regionale, né, e sopratutto, le perdite del sistema di trasporto e distribuzione. In assenza di questi due dati non è dunque calcolabile la reale richiesta di energia elettrica della provincia, necessaria per un esatto confronto con la produzione se non in prima approssimazione. Rimane comunque significativo come i due dati siano molto simili, anche considerando che il deficit elettrico regionale nel 2003 è stato del 58,4% (7.741 GWh la richiesta di energia e GWh il valore della produzione) e la percentuale delle perdite si è attestata sul 7,8% della richiesta di energia. Energia 225 di 380

11 Confronto fra produzione e consumi di energia elettrica GWh Produzione Consumi Figura 62 - Confronto fra produzione e consumi di energia elettrica 9.4. Scheda di sintesi degli indicatori Indicatore Consumi energia elettrica Tipo Disponibilità dei dati Consumi gas naturale D D Vendite prodotti petroliferi Consumi energetici D D Tabella Sintesi degli indicatori D ND I Disponibilità dei dati Indicatori disponibili e di buona qualità Indicatori non disponibili Dati insufficienti per una valutazione compiuta Fonte dei dati D D GRTN Spa - D D Stato Tendenza Paragrafo Snam Rete Gas Spa - Ministero delle attività produttive - Ministero delle attività produttive - Stato degli aspetti Tendenza degli aspetti ambientali ambientali Positivo Trend in miglioramento nel tempo Intermedio Trend stabile Negativo Trend in peggioramento nel tempo - Incerto/sconosciuto - Non applicabile/disponibile Tabella 138 Legenda Energia 226 di 380

12 Indicatore aggiunto, mancante o modificato Emissioni di gas-serra da fonti energetiche Consumi energetici Motivazioni Omesso. Le emissioni di gas serra sono state riportate nel capitolo Atmosfera Modificato. E stato riportato il dato complessivo e suddiviso per vettore. Non è stato riportato il dato suddiviso per settore di utilizzo in quanto non erano ripartibili con precisione i consumi di gas naturale e di prodotti petroliferi. Tabella Variazione agli indicatori rispetto a quelli approvati dal forum Energia 227 di 380

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi:

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Energia Energia Premessa Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Richiesta di energia primaria Consumi energetici per

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas. tra Crisi ed Opportunità

Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas. tra Crisi ed Opportunità Energia dal Monopolio alla Borsa il percorso di liberalizzazione del settore Elettrico e del Gas tra Crisi ed Opportunità 1 Obiettivi L intervento si propone come obiettivo quello di effettuare una panoramica

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Deliberazione 16 dicembre 2004 Determinazione del contributo tariffario da erogarsi ai sensi dell

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

L energia. La riqualificazione e l efficienza. energetica: obiettivi ambientali e obblighi

L energia. La riqualificazione e l efficienza. energetica: obiettivi ambientali e obblighi La riqualificazione e l efficienza L energia energetica: per uscire dalla obiettivi ambientali e obblighi crisi: di legge le opportunità per la riqualificazione energetica degli edifici Sara Vito Assessore

Dettagli

1.2 Emissioni climalteranti

1.2 Emissioni climalteranti 1.2 Emissioni climalteranti In tema di cambiamenti climatici il PRAA stabiliva l impegno a ridurre, nel periodo 2008-2012, le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, facendo proprio

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA DCO 2/08 AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (Articolo 2, comma 3, dei decreti ministeriali 20 luglio 2004) Documento per

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO DICEMBRE 2005 Roma, febbraio 2006 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia

Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia Nuove centrali ed emissioni di CO2 in Lombardia Milano, 30-12-05 Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144 Matteo Bartolomeo, bartolomeo@avanzi.org Tel. 02-36518110

Dettagli

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7.1 INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel

Dettagli

L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE

L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE (Dott. Renzo Mario Del Duro) Il calcolo del fabbisogno annuale di energia primaria globale di un edificio tiene in considerazione due

Dettagli

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Milano, 28-02-06 www.kyototarget.org Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico

Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Convegno sull uso razionale dell energia e risparmio energetico Siena, 23 Aprile 2008 Introduzione ai lavori Mauro Forti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Legge Finanziaria

Dettagli

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Edgardo Curcio Presidente AIEE Roma, 26 ottobre 2010 Nell ambito di uno studio condotto per Assoelettrica lo scorso

Dettagli

Le fonti di energia rinnovabile

Le fonti di energia rinnovabile Le fonti di energia rinnovabile ENERGIA EOLICA SOLARE FOTOVOLTAICO E TERMICO IDROELETTRICO 26 novembre 2007 26 Le fonti di energia rinnovabile ENERGIA GEOTERMICA ENERGIA DALLE MAREE IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2013 Pubblicato in data 30 gennaio 2014 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY. info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G Y

ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY. info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G Y ELECTRICAL ENGINEERING EDUCATION ENERGY STUDIO E S.r.l. - via Gorizia n. 107-47100 FORLI (FC) telefono: 0543-795555 fax: 0543-795523 web: www.studioe.biz e-mail: e info@studioe.biz DIVISIONE E N E R G

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Fabbisogno di energia elettrica in Spagna

Fabbisogno di energia elettrica in Spagna ANALISI DEL MERCATO ELETTRICO SPAGNOLO DEL PRIMO SEMESTRE DEL 2015 Informazioni elaborate da AleaSoft, azienda leader nello sviluppo di modelli di previsioni del consumo e dei prezzi nei mercati energetici

Dettagli

CONSUMI ENERGETICI 09

CONSUMI ENERGETICI 09 CONSUMI ENERGETICI 09 Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) Consumi di metano ad uso domestico Consumi di metano ad uso non domestico: comparto ceramico Consumi di energia elettrica

Dettagli

BILANCIO Incidenza produzione/consumi

BILANCIO Incidenza produzione/consumi CAPITOLO 4 QUADRO ENERGETICO DEL COMUNE DI CESENA 4.1 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE 4.1.1 Bilancio energetico complessivo Tabella 4.1 : bilancio energetico comunale [tep] 2008 [tep] 1 Consumo energia elettrica

Dettagli

OSSERVAZIONI il settore industriale

OSSERVAZIONI il settore industriale OSSERVAZIONI Lo stabilimento siderurgico di Taranto costituisce un enorme patrimonio nazionale, perché é in grado di competere ai massimi livelli internazionali, e un suo sottoutilizzo non comporta solo

Dettagli

ALLEGATO 2 - Schema di relazione tecnico-economica del progetto di investimento

ALLEGATO 2 - Schema di relazione tecnico-economica del progetto di investimento UNIONE EUROPEA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I.. Attività I.2.2.Adozione di tecnologie ambientali AGEVOLAZIONI

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 9. ENERGIA 9.1. Inquadramento Gli impianti di produzione di energia ed il consumo di combustibili fossili sia per usi civili che produttivi (nei settori industriale, agricolo, terziario, trasporti) generano

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS RILEVANTI AI FINI DELLA

Dettagli

Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna

Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna Centro per l Innovazione e lo Sviluppo Economico Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna Luca Bartoletti - Resp.. Settore Ambiente - C.I.S.E. Settembre 26 Corso della Repubblica, 5-471

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE ANNO 2007 1 CONSUMI FINALI PER SETTORE DI UTILIZZO trasporti 29,2% CONSUMI FINALI PER SETTORE agricoltura e pesca 2,1% industria 34,6% civile

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici.

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici. 5773/2207; DGR-8745/2008) riguardanti le prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti, sia nuovi (autorizzati successivamente al 1 gennaio 2010) che quelli oggetto di ristrutturazioni significative.

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI PREMESSE A breve tempo, le indicazioni emerse dagli studi statistici compiuti, hanno evidenziato che la dipendenza energetica dell UE dalle fonti energetiche

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 9.6.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 148/11 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 7 giugno 2007 che modifica la direttiva 90/377/CEE del Consiglio concernente una procedura comunitaria sulla trasparenza

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico

PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico PROGETTO SOLE La realizzazione di un impianto fotovoltaico Il Governo italiano ha presentato il 19 febbraio scorso il "Nuovo piano sull'efficienza energetica, sulle rinnovabili e sull'eco industria", con

Dettagli

Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001

Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001 Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO - MARZO 2001 INDICE 1. Commento 2. Fonti primarie di energia 3. Indice dei consumi di energia in fonti primarie 4. Emissioni di CO

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2014 Pubblicato in data 02 febbraio 2015 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Scenario sulle rinnovabili

Scenario sulle rinnovabili Scenario sulle rinnovabili Gabriele NICOLIS Direzione Commerciale e Marketing Verona, 10 febbraio 2012 Energia: il target dell Europa Libro Verde sul Risparmio energetico dell'unione Europea... la necessità

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

Aura Energy Srl INCENTIVI E TEE PER IL SETTORE AGRICOLO. Torino, 14 Gennaio 2014

Aura Energy Srl INCENTIVI E TEE PER IL SETTORE AGRICOLO. Torino, 14 Gennaio 2014 Aura Energy Srl INCENTIVI E TEE PER IL SETTORE AGRICOLO Torino, 14 Gennaio 2014 1 INDICE 1. CERTIFICATI BIANCHI a. SETTORE AGRICOLO b. SCHEDA TECNICA 39 E c. SCHEDA TECNICA 40E 2. INCENTIVI a. CONTO TERMICO

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA NEL PRIMO SEMESTRE 2005 Roma, settembre 2005 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

Generazione distribuita, trend di crescita e forte sviluppo dei piccoli impianti FV

Generazione distribuita, trend di crescita e forte sviluppo dei piccoli impianti FV casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_19147 RINNOVABILI-Fotovoltaico-generazione-distribuita-rinnovabili-autorit-per-lenergia-rapporto- 2012-Generazione-distribuita-trend-di-crescita-e-forte-sviluppo-dei-piccoli-impianti-FV.html

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita FederIdroelettrica Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed efficienza energetica Autorità

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica

Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica Cam era dei D eputati - 1 4 5 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XCVIII N. 3 La produzione di energia da impianti fotovoltaici ha presentato un incremento

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2012 Pubblicato in data 17 luglio 2012 1 INDICE 1. Introduzione...3 2. Situazione Operatori...3 3. TEE emessi...3

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI

RELAZIONE DI SINTESI Progetto Sergan INTERREG III A SARDEGNA / CORSICA / TOSCANA Progetto SERGAN Reti locali del gas RELAZIONE DI SINTESI Studio sulle reti locali del gas Domanda prevedibile di gas nei prossimi dieci anni

Dettagli

AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici. Lezione 1 - Introduzione

AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici. Lezione 1 - Introduzione AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici Lezione 1 - Introduzione Sistema elettrico di produzione, trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Struttura del sistema Un sistema elettrico di produzione,

Dettagli

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Ing Alessandro Fatini del Grande 20 febbraio 2007 Il risparmio energetico è diventata un esigenza importante sia a livello ambientale (riduzione

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

PROGETTI PER L EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE STRADALE PROVINCIALE. Mestre, Auditorium del Centro Servizi 1 della Provincia di Venezia

PROGETTI PER L EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE STRADALE PROVINCIALE. Mestre, Auditorium del Centro Servizi 1 della Provincia di Venezia PROGETTI PER L EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE STRADALE PROVINCIALE 29 giugno 2012 29 giugno 2012 Mestre, Auditorium del Centro Servizi 1 della Provincia di Venezia INDICE DELLA PRESENTAZIONE La Provincia

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL

Dettagli

LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA?

LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA? LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA? RELATORE Ing. Giuseppe Coduri Servizi Industriali srl ANDAMENTO PREZZI ENERGIA contratti di approvvigionamento 19/05/2011

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI...

PRINCIPI FONDAMENTALI... QUALITA DEL SERVIZIO 1) PREMESSA... 2 2) PRINCIPI FONDAMENTALI... 2 2.1) EFFICIENZA NEL SERVIZIO... 2 2.2) CONTINUITÀ... 2 2.3) IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO... 3 2.4) SALUTE, SICUREZZA ED AMBIENTE... 3

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2015 Pubblicato in data 3 febbraio 2016 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA AL 2010 NELLO SCENARIO TENDENZIALE 6 - ASPETTI METODOLOGICI 7 - INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI SETTORI INDUSTRIA, TERZIARIO,

Dettagli

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE SCHEDA PAESE: SLOVENIA Settembre 2009 INDICE Il bilancio energetico ed il ruolo delle

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI PRESENTAZIONE DI: BUSSETTI TAGLIABUE

ENERGIE RINNOVABILI PRESENTAZIONE DI: BUSSETTI TAGLIABUE ENERGIE RINNOVABILI PRESENTAZIONE DI: BUSSETTI & TAGLIABUE 1 LE ENERGIE RINNOVABILI La definizione di energia rinnovabile è spesso legata al termine ecologia. Infatti vengono spesso definite come energie

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

Club Alpino Italiano Parco delle Groane - 13 giugno 2009. CONVEGNO ENERGIA DALL ACQUA IN MONTAGNA: costi e benefici

Club Alpino Italiano Parco delle Groane - 13 giugno 2009. CONVEGNO ENERGIA DALL ACQUA IN MONTAGNA: costi e benefici Club Alpino Italiano Parco delle Groane - 13 giugno 2009 CONVEGNO ENERGIA DALL ACQUA IN MONTAGNA: costi e benefici Club Alpino Italiano CONVEGNO ENERGIA DALL ACQUA IN MONTAGNA: costi e benefici Parco delle

Dettagli

POMPE DI CALORE ELETTRICHE UN CONTATORE DEDICATO

POMPE DI CALORE ELETTRICHE UN CONTATORE DEDICATO POMPE DI CALORE ELETTRICHE UN CONTATORE DEDICATO Il secondo contatore, dedicato esclusivamente alle pompe di calore, è una realtà. Ecco una raccolta di delibere e suggerimenti che vogliono aiutarvi a districarvi

Dettagli

Il Gruppo: valore per il territorio

Il Gruppo: valore per il territorio Il Gruppo AEB-Gelsia rappresenta una tra le prime multiutility in Lombardia per fatturato e clienti serviti e si colloca tra i primi 20 operatori a livello nazionale. Il Gruppo ha voluto ribadire il proprio

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia L allegato energetico al Regolamento Edilizio arch. filippo loiodice 12 ottobre 2011 Passirano I pesi in media.. in media.senza

Dettagli

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Roma, 23 Settembre 2010 Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Dott.ssa M.R. Di Somma Assocostieri è l associazione italiana della

Dettagli

Merceologia delle Risorse Naturali

Merceologia delle Risorse Naturali GAS NATURALE-ORIGINI Il gas naturale è un combustibile fossile di origine organica, costituito in massima parte da metano (CH4). Il gas naturale si trova nel sottosuolo, normalmente negli stessi giacimenti

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

Argomenti Contro. Dokumentation Documentation Documentazione 13.095. Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare.

Argomenti Contro. Dokumentation Documentation Documentazione 13.095. Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare. Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.095 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Contro Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare Dokumentation Documentation Documentazione

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

RIDURRE I COSTI ENERGETICI!

RIDURRE I COSTI ENERGETICI! Otto sono le azioni indipendenti per raggiungere un unico obiettivo: RIDURRE I COSTI ENERGETICI! www.consulenzaenergetica.it 1 Controllo fatture Per gli utenti che sono o meno nel mercato libero il controllo

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll

,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll ,1&(17,9, (&2120,&, $/ 5,63$50,2 (1(5*(7,&2 7 ( ( 2 &(57,),&$7, %,$1&+, R Relatrice: l ti iing. GIULIA BENATTI STEA PROGETTO srll POLITICA ENERGETICA E CRESCITA SOCIALE DAL PROTOCOLLO DI KYOTO ALLA POLITICA

Dettagli