SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE"

Transcript

1 REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Tutela delle lavoratrici madri nella ASL Viterbo REV. DATA IL DIRETTORE SPP Ing. Alessandro Selbmann IL DIRETTORE GENERALE Dott. Bruno Cisbani

2 TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI NELLA ASL VITERBO Hanno partecipato alla stesura del presente Documento: per il Servizio Prevenzione e Protezione TPALL Franco Giuliani TPALL Roberto Chiodo per i Medici Competenti Dott.ssa Ileana Mattei Visto ed approvato dai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza. 2

3 TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI NELLA ASL VITERBO Lo scopo principale di questo documento, che si applica a tutto il personale sanitario, così come indicato nel vigente C.C.N.L., è quello di fornire delle indicazioni in merito agli obblighi previsti dal decreto Legislativo n 151/2001 (Testo unico delle disposizioni in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità) e dalle normative precedenti, per garantire la tutela della salute e della sicurezza della donna dall inizio della gravidanza al momento del reinserimento lavorativo. La normativa vigente impone al datore di lavoro (D. Lgs. 645/98, Legge n 53/00 e D. Lgs. 151/2001) di valutare i rischi anche in relazione alla gravidanza, puerperio e all allattamento e di identificare luoghi di lavoro sicuri ove permettere alla donna in gravidanza di continuare a svolgere la sua attività. A tale scopo è proposta un analisi più approfondita rispetto alla semplice constatazione della presenza di un rischio, per evitare il completo allontanamento della lavoratrice dalla sua attività. La seguente documentazione può essere utilizzata come materiale informativo per le dipendenti. Le figure più direttamente coinvolte nella gestione diretta delle procedure di tutela della donna in gravidanza sono: Direzione Sanitaria, Amministrativa, Infermieristica; Responsabili di Dipartimento e di Unità Operative; U.O. Gestione delle risorse umane; Servizio di Prevenzione e Protezione; Medico Competente; A tutti i soggetti sopra indicati spetta il compito, ognuno per le proprie competenze, di adattare le indicazioni del documento alle singole realtà aziendali. QUADRO NORMATIVO La normativa di tutela delle lavoratrici madri è attualmente riunita nel D. Lgs , n 151 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell art. 15 della Legge 8 Marzo Per maggiore chiarezza e facilità di comprensione, di seguito è esposto un breve elenco delle principali norme di difesa della salute e della sicurezza di tutti i lavoratori. Segue un successivo elenco delle norme in materia di tutela delle lavoratrici madri. Le principali norme di difesa della salute e sicurezza di tutti i lavoratori sono: Art. 32 della Costituzione: la salute è un fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività. 3

4 Art. 41 della Costituzione: l iniziativa economica e privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l utilità sociale o in modo di arrecare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana, etc. Art del Codice Civile: l imprenditore (o datore di lavoro) è tenuto ad adottare nell esercizio dell impresa le misure che, secondo le particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. D.P.R. 547 del : Norme per la prevenzione degli infortuni. D.P.R. 303 del : Norme generali per l igiene del lavoro. Decreto Legislativo n 626 e succ. modificazioni: attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE, 93/88/CEE, 95/63/CE, 97/42/CE, 98/24/CE, 99/38/CE, 9/92/CE, 2001/45/CE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro. Le misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza dei lavoratori sono riportate nell articolo 3 e sono: Valutazione dei rischi. Eliminazione dei rischi e, ove non possibile, riduzione al minimo. Riduzione dei rischi alla fonte. Programmazione della prevenzione. Sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è o lo è meno. Rispetto dei principi ergonomici. Priorità delle misure di protezione collettiva. Limitazione dei lavoratori esposti. Utilizzo limitato degli agenti fisici, chimici e biologici. Controllo sanitario per i rischi specifici. Allentamento del lavoratore dal rischio per motivi sanitari. Misure igieniche. Misure di protezione collettiva ed individuale. Misure di emergenza. Uso di segnali di avvertimento e di sicurezza. Regolare manutenzione di impianti, attrezzature. Informazione, formazione, consultazione dei lavoratori o dei loro RLS. Istruzioni adeguate e comprensibili ai lavoratori. Di importanza fondamentale è il processo di valutazione dei rischi, d obbligo per il datore di lavoro, richiamato all art. 4 del decreto; tale valutazione comporta a) L individuazione di tutti i possibili pericoli come fonte di rischio per la sicurezza e la salute dei lavoratori, l identificazione dei lavoratori potenzialmente esposti a rischio e la valutazione dell entità dell esposizione. b) L individuazione delle misure di prevenzione e di protezione da attuare. c) La programmazione delle misure commisurate alla valutazione da affettuare. 4

5 Per quanto attiene alla tutela delle lavoratrici madri il primo riferimento è di carattere Costituzionale ed è contenuto nell Articolo 37, (che prevede una specifica e adeguata protezione per la madre e il bambino) e nel corso degli anni, per la specifica materia, sono state emanate una serie delle leggi che, anche se in parte sostituite dal Testo Unico (i cui articoli sono citati in neretto), delineano un quadro completo della progressiva estensione dei campi di applicazione. In particolare le principali normative per le lavoratrici madri sono: Legge n 1204 Tutela delle lavoratrici madri stabilisce il divieto di licenziamento (art. 54 e 56 T.U.); la lavoratrice non può essere licenziata dall inizio del periodo di gestazione fino al compimento di un anno di età del bambino. Il divieto viene meno in caso di giusta causa (colpa grave della lavoratrice, etc.). Il divieto d impiego in lavori particolari: lavori pericolosi faticosi ed insalubri, il trasporto ed il sollevamento di pesi (art. 7 T.U.). Il divieto è operante per tutta la durata della gestazione e fino a sette mesi dopo il parto; congedo di maternità (art. 16 T.U.); astensione anticipata (art. 17 T.U.); congedo parentale (art. 32 T.U.); periodi di riposo (art. 39 e 41 T.U.). D.P.R n 1026 Regolamento di attuazione della Legge 1204/71 (allegato A T.U.) in cui si riportano i lavori pericolosi, faticosi ed insalubri vietati durante la gravidanza e per alcuni fino a sette mesi dopo il parto; tra questi: i lavori vietati a fanciulli e adolescenti elencati nel D.P.R. 432/76 ora anche ai sensi del D. Lgs. 345/99 e 262/00 (tra cui i lavori di mattatoio e nei magazzini frigoriferi); i lavori che prevedono obbligo di visita medica periodica ai sensi del D.P.R. 303/56, (ora anche ai sensi del D. Lgs. 277/91 e D. Lgs. 626/94) fino a sette mesi dopo il parto; i lavori elencati nella tabella delle malattie professionali D.P.R. 1124/65 (ora anche D.P.R. 336/94) fino a sette mesi dopo il parto; esposizione a radiazioni ionizzanti D.P.R. 165/84 (ora D. Lgs. 230/95 e 241/00) fino a sette mesi dopo il parto; i lavori di manovalanza pesante; su scala e impalcature mobili o fisse; che comportano stazionamento in piedi per più di metà dell orario di lavoro o che obbligano a una posizione particolarmente affaticante; macchine mosse o comandate a pedali con ritmo frequente; macchine o utensili vibranti (fino al periodo dell astensione obbligatoria); lavori di assistenza e cura degli infermi nei reparti di malattie infettive mentali fino a sette mesi dopo il parto; lavori agricoli con sostanze nocive, monda e trapianto del riso; lavori a bordo di mezzi di comunicazione in moto (navi, aerei, treni, pullman) fino al periodo di astensione obbligatoria. Inoltre la lavoratrice può essere allontanata dal rischio qualora vi sia pericolo di contagio in periodi di epidemia da contatti con il pubblico o con particolari strati di popolazione. Legge n 903 Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro introduce il divieto di lavoro notturno. (art. 53 T.U.). Circolare Ispettorato Medico Centrale del Lavoro del (elenco di lavori considerati pregiudizievoli o gravosi in relazione all avanzato stato 5

6 di gravidanza). Lavori del personale medico e paramedico; lavori di assistenza in centri per handicappati; lavori a contatto con bambini e attività ausiliarie negli asili nido e scuole materne. Legge n 232 (art. 9 T.U.) riguardante la polizia di stato. Sentenza della Corte Costituzionale n 53/93 attribuisce alle Regioni, e per esse alle Aziende Sanitarie, le competenze in materia di controlli a carattere sanitario previsti dalla Legge 1204/71. D. Lgs n 566 modifica e aggiorna il sistema sanzionatorio in materia di tutela delle lavoratrici madri. D. Lgs n 626 sostituisce l art. 14 (locali di riposo) del D.P.R. 303/56, prevedendo che: le donne incinte e le madri che allattano devono avere la possibilità di riposarsi in posizione distesa e nelle condizioni appropriate. D. Lgs n 230 Attuazione delle Direttive Euratom in materia di radiazioni ionizzanti (art. 8 T.U.). Si fa inoltre obbligo alla lavoratrice di notificare al datore di lavoro il proprio stato di gestazione non appena accertato. D. Lgs n 41 art. 69 disposizioni particolari per le lavoratrici. D. Lgs n 645 concernente il miglioramento della sicurezza e salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento, (art. 7 T.U.) integra il divieto di esposizione delle gestanti e delle madri adottive e affidatarie fino ai sette mesi di età del bambino a lavori faticosi, pericolosi e insalubri con agenti chimici, fisici e biologici e processi industriali ritenuti pericolosi (piombo e derivati, toxoplasma e virus della rosolia se la lavoratrice non è immunizzata, lavori in atmosfera in sovrapressione e lavori minerari sotterranei; per esposizione a piombo e lavori minerari anche nei sette mesi successivi al parto). Questo decreto è confluito nel Testo Unico ed integra il D. Lgs. 626/94 in materia di tutela della maternità. Prescrive infatti che il datore di lavoro, contestualmente alla valutazione dei rischi eseguita ai sensi dell art. 4 del D. Lgs. 626/94, (Agli artt. 11 e 12 T.U.) valuti preventivamente i rischi per la salute e la sicurezza delle lavoratrici ge stanti, puerpere e in allattamento, in particolari i rischi di esposizione ad agenti fisici, chimici o biologici, nonché i processi o le condizioni di lavoro, individuando le misure di prevenzione e protezione da adottare. Nella circolare del Ministero del Lavoro Prot del detta valutazione preventiva consente al datore di lavoro di informare le lavoratrici, prima ancora che sopraggiunga una gravidanza, dei rischi esistenti in azienda, delle misure di prevenzione e protezione che egli ritiene di dover adottare in tal caso. A tal fine è di fondamentale importanza e le dipendenti comunichino tempestivamente il proprio stato, in modo che possano essere valutati con immediatezza i rischi specifici e adottate le conseguenti misure di tutela. 6

7 Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza deve essere consultato preventivamente in ordine a tale valutazione ai sensi dell art. 19 del D. Lgs. 626/94. Qualora dalla valutazione emergano rischi per la salute e la sicurezza delle lavoratrici, il datore di lavoro deve evitarne l esposizione al rischio, modificando temporaneamente le condizioni e/o l orario di lavoro. Data la particolarità del lavoro svolto in alcuni reparti o uu.oo. della sanità ed in considerazione delle oggettive difficoltà emergenti quando si voglia destinare la lavoratrice ad altre destinazioni o reparti, spesso risulta impraticabile, per motivi di ordine organizzativo, di formazione ed informazione, procedurali, economici e di tempo, effettuare tale trasferimento temporaneo, per cui, caso per caso, si valuterà se è più conveniente, ai fini pratici e di tutela della salute, interdire dal lavoro la lavoratrice per il periodo di legge. Il datore di lavoro deve informare le lavoratrici e i loro rappresentanti degli esiti della valutazione e delle misure di protezione adottate, come previsto dall art. 21 del D. Lgs. 626/94. I rischi da valutare sono indicati nell Allegato C del T.U.: agenti fisici considerati come agenti che comportano lesioni al feto o rischio di distacco della placenta: vibrazioni, movimentazione manuale dei carichi, rumore, radiazioni ionizzanti, radiazioni non ionizzanti, sollecitazioni termiche, movimenti, posizioni di lavoro, spostamenti, fatica mentale e fisica; agenti biologici appartenenti ai gruppi 2, 3 e 4 ai sensi dell art. 75 del D. Lgs. 626/94; agenti chimici: sostanze etichettate R40 (possibilità di effetti irreversibili), R45 (può provocare il cancro), R46 (può provocare alterazioni genetiche ereditarie), R47 (può provocare malformazioni congenite); gli agenti chimici che figurano nell allegato VIII del D. Lgs. 626/94 (idrocarburi policiclici aromatici di fuliggine, catrame e pece, polveri di legno duro), mercurio, medicamenti antimicotici, monossido di carbonio; agenti chimici pericolosi con assorbimento cutaneo; i processi industriali elencati nell allegato VIII del D. Lgs. 626/94 (raffinamento del nichel, fabbricazione alcool isopropilico); lavori sotterranei di carattere minerario. Divieto di lavoro notturno confermato dall art. 6 del D. Lgs n 645. D. Lgs. 532/99 e Legge 25/99 divieto al turno notturno in gravidanza e fino al compimento di un anno di età del bambino : non si può obbligare al turno notturno fino a tre anni del figlio e ai 12 anni se genitore unico affidatario. Legge n 53 disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità benefici anche per le lavoratrici autonome; fruibilità dei 5 mesi di astensione obbligatoria anche in caso di parto prematuro e flessibilità dell astensione obbligatoria previa certificazione del medico specialista 7

8 (ginecologo) del SSn e del Medico Competente (in caso di attività sottoposte a sorveglianza sanitaria), che attestino che l opzione non arreca pregiudizio alla salute del nascituro e della gestante (art. 20 T.U.). La tutela prevista dalla legge è rivolta a tutte le lavoratrici dipendenti, pubbliche e private, in formazione lavoro, part-time, socie di cooperative o di società, le utenti dei servizi di orientamento e formazione scolastica, universitaria, professionale, le allieve di istituti di formazione e universitari nei quali si faccia uso di laboratori, macchine, attrezzature, agenti chimici, fisici e biologici. PERCORSI Sono quelli indicati nel documento di gestione della sicurezza aziendale redatto dal SPP ed aggiornato il LA VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA A RISCHIO Nell allegata tabella n 1 sono sintetizzati i rischi presenti nelle strutture sanitarie sulla base delle normative vigenti, correlati alle prescrizioni/divieti per le lavoratrici e ad alcune informazioni sugli effetti più noti sulla salute della madre, del feto e del bambino durante l allattamento. Sono stati identificati i reparti, i servizi e gli ambulatori (tabella n 2), le attività con esposizione a rischio chimico ed ergonomico (tabella n 3) da interdire alle lavoratrici in gravidanza, puerperio e allattamento. Per quanto riguarda il rischio biologico, data l importanza che riveste in ambito sanitario, si è graduata l entità del rischio delle singole attività e delle singole procedure (tabelle nn 4 e 5), per poter definire più precisamente le attività da cui escludere la donna in gravidanza, dando contemporaneamente delle indicazioni al da-tore di lavoro sulle procedure che possono essere svolte senza rischio o con rischio residuo basso. Si ricorda che nel documento di valutazione dei rischi dovranno essere individuati, attraverso le schede di sicurezza e le frasi di rischio, gli agenti chimici pericolosi per la fertilità e lo sviluppo embrionale (R40, R45, R46, R60). In questi casi il medico competente dovrà valutare le situazioni per cui è controindicata l esposizione del lavoratore. Tra queste si segnala: documentata difficoltà al concepimento per ridotta fer tilità, precedenti aborti spontanei, morti perinatali, interruzioni di gravidanza per documentata malformazione del feto, figli con anomalie su base genetica o con neoplasie comparse nei primi anni di vita. In tutti i casi di esposizione ad altri fattori che possono rappresentare un rischio per il concepimento (sostanze chimiche, movimentazione manuale dei carichi, radiazioni ionizzanti, ), vanno intraprese le opportune misure di prevenzione ed effettuata la formazione dei dipendenti. 8

9 Tabella n 1 Fattori di rischio, mansioni implicate e prescrizioni/divieti per le lavoratrici madri nella ASL Viterbo. Principali effetti su Fattori di rischio Mansione Periodo tutelato Prescrizioni gestazione e lattazione Attività in postura eretta prolungata Posture prolungate incongrue Lavori in postazioni elevate (scale, piattaforme, impalcature) Lavoro notturno ASPETTI ERGONOMICI Tutto il personale della ASL Gestazione dopo il parto Personale sanitario e personale tecnico economale amministrativo Veterinari. Tecnici della prevenzione. Tecnici della prevenzione. Manutentori (squadre tecniche). Personale sanitario e tecnico che opera nel turno notturno (22 06). Tecnici della prevenzione. Centralinisti. Gestazione, fino ad un anno dal parto (su richiesta fino ai tre anni del bambino o ai 12 anni per genitore unico ore unico). Divieto si stazionamento in piedi per più di metà dell orario Divieto di stazionamento in piedi per più di metà dell orario Divieto di adibire a tali mansioni Divieto del turno notturno, anche in pronta disponibilità Mutamenti fisiologici in corso di gravidanza (maggior volume sanguigno e aumento delle pulsazioni cardiache, dilatazione generale dei vasi sanguigni e possibile compressione delle vene addominali o pelviche) favoriscono la congestione periferica durante la postura eretta. La compressione delle vene può ridurre il ritorno venoso con conseguente accelerazione compensativa del battito cardiaco materno e il manifestarsi di contrazioni uterine. Se la compensazione è insufficiente ne possono derivare vertigini e perdita di coscienza. Periodi prolungati in piedi durante la giornata lavorativa determinano per le donne un maggior rischio di parto prematuro. E potenzialmente pericoloso lavorare in posti di lavoro ristretti o in postazioni non sufficientemente adattabili per tenere conto del crescente volume addominale, in particolare nelle ultime fasi della gravidanza. Ciò può determin a re stiramenti o strappi muscolari. La destrezza, l agilità, il coordinamento, la velocità dei movi menti e l equilibrio possono essere anch essi limitati e ne può derivare un rischio accresciuto d infortunio. E potenzialmente pericoloso per le lavoratrici gestanti lavorare in postazioni sopraelevate (es. scale, piattaforme, ponteggi, etc.) per il rischio di cadute dall alto. Il lavoro notturno può avere ripercussioni sulla salute delle lavoratrici gestanti, puerpere, o in periodo di allattamento. L affaticamento mentale e psichico,aumenta durante la gravidanza e nel periodo post -natale a causa dei diversi cambiamenti, fisiologici e non, che intervengono. 9

10 Tabella n 1 Fattori di rischio, mansioni implicate e prescrizioni/divieti per le lavoratrici madri nella ASL Viterbo. Principali effetti su Fattori di rischio Mansione Periodo tutelato Prescrizioni gestazione e lattazione Movimentazione manuale di carichi (MMC) Lavori su mezzi in movimento Rumore Sollecitazioni termiche (stress termico) Radiazioni ionizzanti RI (cat. A e B). Medicina nucleare. Personale sanitario e personale tecnico economale. Personale amministrativo Squadre tecniche Veterinari Tutto il personale sanitario e tecnico che svolge la propria attività con spostamenti di sede. Personale tecnico economale. Personale esposto ai sensi del D. Lgs. 277/91. Veterinari. Tecnici della prevenzione. Personale di emrgenza Personale sanitario e tecnico classificato radioesposto gruppo A e B e/o a rischio di contaminazione accidentale. ASPETTI ERGONOMICI AGENTI FISICI dopo il parto per esposizione a temperature molto basse (es. lavori in celle frigo) Puerperio. Allattamento in caso di attività con rischio di contaminazione da Radiazioni ionizzanti 10 Divieto di MMC e pazienti. Divieto di azioni di spinta e/o traino di barelle, carrelli, carrozzine, apparecchiature elettromedicali pesanti. Divieto a spostamenti ripetuti. Divieto di esposizione giornaliera superiore a Lep,d >85dBA. (Si sconsiglia l esposizione superiore a 80 dba). Divieto di esposizione a fonti di calore e a microclima freddo. Divieto di accesso nelle zone controllate e sorvegliate. Non possono svolgere attività che può esporre il nascituro a una dose che eccede 1 millisievert. Non esporre al rischio di contami - nazione donne che allattano. La movimentazione manuale dei carichi pesanti è ritenuta pericolosa in gravidanza in quanto può determinare lesioni al feto e un parto prematuro. Con il progredire della gravidanza la lavoratrice è esposta ad un maggior rischio i lesioni causato dal rilassamento ormonale dei legamenti e dai problemi posturali ingenerati dalla gravidanza. L esposizione a vibrazioni a bassa frequenza, come accade per l uso di mezzi in movimento, può accrescere il rischio di aborti spontanei. Il lavoro a bordo di veicoli può essere pregiudizio per la gravidanza soprattutto per il rischio di microtraumi, scuotimenti, colpi, oppure urti, sobbalzi o traumi che interessino l addome. L esposizione prolungata a rumori forti può determinare un aumento della pressione sanguigna e un senso di stanchezza. Si ipotizza una vasocostrizione arteriolare che potrebbe essere responsabile di una diminuzione del flusso placentare. Evidenze sperimentali suggeriscono che una esposizione prolungata del nascituro a rumori forti durante la gravidanza può avere un effetto sulle capacità uditive dopo la nascita. Durante la gravidanza le donne sopportano meno il calore ed è più facile che svengano o risentano dello stress da calore. L esposizione a calore può avere esiti nocivi sulla gravidanza. Il lavoro a temperature molto fredde può essere pregiudizievole per la salute di gestanti, nascituro e puerpere. I rischi aumentano in caso di esposizione a sbalzi improvvisi di temperatura. Una esposizione a radiazioni ionizzanti com-porta dei rischi per il nascituro. Se una lavora-trice che allatta opera con liquidi o polveri ra-dioattivi ciò può determinare un esposizione del bambino in particolare a seguito della conta minazione della pelle della madre. Sostanze contaminanti radioattive inalate o digerite dalla madre possono passare attraverso la placenta al nascituro e, attraverso il latte, al neonato.

11 Tabella n 1 Fattori di rischio, mansioni implicate e prescrizioni/divieti per le lavoratrici madri nella ASL Viterbo. Principali effetti su Fattori di rischio Mansione Periodo tutelato Prescrizioni gestazione e lattazione Lavori pericolosi Radiazioni non ionizzanti (RNI) Agenti biologici dei gruppi di rischio Lavori di assistenza e cura (e pericolo di contagio specie in periodi di epide mia) Personale sanitario e di assistenza (pronto soccorso, SERT, 118, aree di emergenza, DSM, CSM) Personale sanitario e tecnico classificato esposto a radia-zioni non ionizzanti. Personale addetto alla Marconiterapia e Radarterapia. Risonanza magnetica, laserterapia. Personale sanitario di assistenza. Personale sanitario e tecnico di laboratorio. Veterinari.Tecnici della prevenzione. Squadra tecnica. Pronto Soccorso. Personale sanitario e tecnico di: malattie infettive, psichiatria e sanatori. Pronto Soccorso. AGENTI FISICI Gestazione AGENTI BIOLOGICI Divieto di svolgimento della mansione Divieto di accesso nelle zone delimitate. Divieto di compiti con rischio di esposizione ad agen ti biologici in base ai meccanismi di trasmissione. Divieto di assistenza diretta Lesioni traumatiche alla gestante e al feto. Anche se non esistono al momento attuale dati certi sugli effetti provocati sulla gravidanza e sulla lattazione dalle radiazioni non ionizzanti, non si può escludere che l esposizione a campi elettromagnetici intensi (es. marconiterapia e radarterapia) possano determinare un rischio accresciuto per il nascituro. Molti agenti biologici appartenenti ai gruppi di rischio 2, 3, 4 possono interessare il nascituro in caso di infezione della madre in gravidanza. Essi possono giungere al bambino per via placentare oppure durante o dopo il parto, in caso di allattamento o a seguito dello stretto contatto fisico tra madre e bambino. Agenti che possono infettare il bambino in uno di questi modi sono ad esempio i virus dell epa tite B, C, rosolia, l HIV, il bacillo della tubercolosi, quello della sifilide, la salmonella del tifo e il toxoplasma. 11

12 Tabella n 1 Fattori di rischio, mansioni implicate e prescrizioni/divieti per le lavoratrici madri nella ASL Viterbo. Principali effetti su Fattori di rischio Mansione Periodo tutelato Prescrizioni gestazione e lattazione Antiblastici Formaldeide e derivati (formalina) Glutaraldeide Gas anestetici Solventi Sostanze etichettate R 40, R 45, R 46, R 47, R 49. Personale sanitario e tecnico addetto alla assistenza, preparazione, somministrazione e smaltimento di antiblastici in reparti, ambulatori, farmacia e a domicilio. Personale sanitario e tecnico di anatomia patologica, di laboratorio, tutte le Unità operative che fanno uso di formalina. Personale sanitario di assistenza e di endoscopia, tutte le Unità operative che fanno uso di glutaraldeide. Addetti sale operatorie e rianimazione Personale tecnico di laboratorio e addetti alla manutenzione. Tecnici di laboratorio. Addetti alla manutenzione. AGENTI CHIMICI 12 Divieto di manipolazione Divieto di utilizzo di formaldeide Divieto di utilizzo di glutaraldeide Divieto di esposizione Divieto di esposizione diretta e indiretta a solventi Divieto di utilizzo dei kit di laboratorio contenenti tali sostanze. L effettivo rischio per la salute costituito dalle singole sostanze può essere determinato esclu-sivamente a seguito di una valutazione del rischio. Nella Sanità è frequente il caso di esposizione ad una combinazione di più sostan-ze, ed in questi casi non è sempre possibile conoscere le conseguenze delle interazioni fra le diverse sostanze e gli effetti sinergici che tali associazioni possono generare. Alcuni agenti chimici possono penetrare attraverso la pelle integra ed essere assorbiti dal corpo con ripercussioni negative sulla salute. Molte sostanze possono passare attraverso il latte materno e per questa via contaminare il bambino. Tra gli effetti degli agenti chimici sulla gravidanza molti studi hanno evidenziato il verificarsi di aborti spontanei correlati ad una esposizione occupazionale a numerose sostanze, tra cui solventi organici, gas anestetici e farmaci antiblastici, anche per bassi livelli di esposizione. R 40: può causare danni irreversibili. R 45: può essere cancerogeno. R 46: può provocare alterazioni genetiche ereditarie. R 47: può provocare malformazioni genetiche. R 49: può provocare il cancro per inalazione.

13 Tabella n 1 Fattori di rischio, mansioni implicate e prescrizioni/divieti per le lavoratrici madri nella ASL Viterbo. Principali effetti su Fattori di rischio Mansione Periodo tutelato Prescrizioni gestazione e lattazione Sostanze etichettate R 61, R 63, R 64. Sostanze etichettate R 39, R 42, R 43, R 48. Sostanze etichettate R 60, R 62 Tecnici di laboratorio. Addetti alla manutenzione. Tecnici di laboratorio. Addetti alle manutenzione pulizie. AGENTI CHIMICI dopo il parto per le sostanze etichettate R 64. R 60: può ridurre la fertilità. R 62: possibile rischio di ridotta fertilità. Divieto di utilizzo dei kit di laboratorio contenenti tali sostanze. Divieto di utilizzo. Valutare l esposizione. N.B. Verificare l eventuale utilizzo di disinfettanti a base di mercurio e derivati (mercurocromo, etc.). R 61: può danneggiare i bambini. R 63: possibile rischio per i bambini non ancora nati. R 64: possibile rischio per i bambini allattati al seno. R 39: pericolo di effetti irreversibili molto gravi. R 42: può provocare sensibilizzazione per inalazione. R 43: può provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle. R 48: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata. 13

14

15 Cosa fare in caso di gravidanza (gravidanza patologica o gravidanza normale) ma con un lavoro che può comportare rischi. LA LAVORATRICE Presenta al datore di lavoro il certificato di gravidanza Se in presenza di Gravidanza patologica Se in presenza di Gravidanza fisiologica (normale) ma con lavoro a rischio Ginecologo Il datore di lavoro mette in atto le procedure previste Il medico competente esprime un giudizio di idoneità Direzione provinciale del lavoro Se vi è possibilità di spostamento Se vi è impossibilità di spostamento Nuova mansione non a rischio Richiesta di astensione anticipata Possibile verifica ed informazione S.P.I.S.L.L. Direzione provinciale del lavoro 15

16 Tabella n 2 Reparti e servizi da interdire alla lavoratrice in gravidanza, puerperio e allattamento. REPARTI/SERVIZI Tutti gli uffici interni alla D.G. Biologico RISCHI PREVALENTI Infortunio per contatto con pazienti Area Direzione aziendale Area Staff Ergonomico m.m.c. vdt rischi trasversali Chimico Programmazione e controllo Sviluppo e organizzazione Sistemi informativi ed informatici Coord. ospedaliero/territorio S.P.P. A.V.P.S. Medicina legale Formazione e qualità S.A.I.O. Polo didattico U.R.P.- C.U.P. Contenzioso Area sanitaria ospedaliera Radiazioni ionizzanti Tutte le direzioni sanitarie 1 Dipartimento DEA Emergenza Anestesia/rianimazione Pronto Soccorso Dipartimento Medicina Medicina Geriatria Cardiologia Neurologia Malattie infettive Gastroenterologia Nefrologia e dialisi Centro riferimento AIDS Riabilit. Recupero funz. Broncopneumologia Emodinamica Elettrofisiologia Scompenso cardiaco Medicina nutrizionale 1 Comprende in personale di terapia intensiva neonatale, U.T.I.C. e i necrofori. 16

17 Tabella n 2 Reparti e servizi da interdire alla lavoratrice in gravidanza, puerperio e allattamento. REPARTI/SERVIZI Biologico RISCHI PREVALENTI Infortunio per contatto con pazienti Ergonomico m.m.c. vdt rischi trasversali Chimico Radiazioni ionizzanti Dipartimento Medicina (segue) Endoscopia digestiva Medicina postacuzie Dipartimento chirurgia Chirurgia Chirurgia d urgenza Ortopedia Chirurgia vascolare Otorinolaringoiatria Urologia Oculistica Chirurgia maxillofacciale Chirurgia della mano Chirurgia del ginocchio Day surgery Dipartimento Servizi Diagnostica immagini Analisi cliniche Psicologia Farmacia ospedaliera Farmacia territoriale Dipartimento Oncologia Ematologia Oncologia Ematologia Anatomia/istologia patol. Radioterapia Citologia Servizio trasfusionale Dipartimento integrazione sociosanitaria Ostetricia/ginecologia Pediatria Neuropsicologia infantile Dipartimento Salute mentale Aree distrettuali SPDC 17

18 Tabella n 2 Reparti e servizi da interdire alla lavoratrice in gravidanza, puerperio e allattamento. REPARTI/SERVIZI Biologico RISCHI PREVALENTI Infortunio per contatto con pazienti Ergonomico m.m.c. vdt rischi trasversali Chimico Dipartimento di Prevenzione S.P.I.S.L.L. S.I.S.P. Radiazioni ionizzanti S.I.A.N. Servizio veterinario Lab.igiene industriale Coord. prog. screening Area amministrativa Risorse umane AA.GG. e OO.CC. Dir. Amm.va dipartimentale Dir. Amm.va distrettuale Approv. e logistica Immobili e tecnologie Economia e finanze Programmazione lavori Area sanitaria territoriale Distretti Coordinamento MMG SER.T. Disabile adulto A.D.I. Per agevolare la comprensione si riporta quanto evidenziato a pagina 6 del presente documento: Data la particolarità del lavoro svolto in alcuni reparti o uu.oo. della sanità ed in considerazione delle oggettive difficoltà emergenti quando si voglia destinare la lavoratrice ad altre destinazioni o reparti, spesso risulta impraticabile, per motivi di ordine organizzativo, di formazione ed informazione, procedurali, economici e di tempo, effettuare tale trasferimento temporaneo, per cui, caso per caso, si valuterà se è più conveniente, ai fini pratici e di tutela della salute, interdire dal lavoro la lavoratrice per il periodo di legge. 18

19 Tabella n 3 Attività e procedure a rischio ergonomico e chimico da interdire alla lavoratrice in gravidanza, puerperio e allattamento. A RISCHIO ERGONOMICO - Assistenza diretta al paziente non autosufficiente o parzialmente auto-sufficiente in tutti i reparti Igiene del paziente Movimentazione del paziente - Trasporto di pazienti Barella o letto Carrozzina - Assistenza a domicilio - Fisioterapia - Pulizie ambientali - Trasporti Materiali vari economati rifiuti A RISCHIO CHIMICO - Lavaggio, disinfezione, sterilizzazione di strumenti endoscopia ambulatori chirurgici sala operatoria - Antiblastici preparazione e somministrazione pulizia cappe e pulizia di ambienti - Preparazione di anatomia patologica citologia istologia colorazione e preparazione vetrini prelievi in sala autoptica (formaldeide) - Analisi di laboratorio analisi estemporanee colorazioni preparazione terreni di coltura - Disinfezione e disinfestazione ambientali Tabella n 4 Attività e procedure a rischio di esposizione biologica A RISCHIO ELEVATO La dipendente deve essere esclusa dalla esecuzione delle seguenti procedure o attività - incannulamento di vie arteriose - incannulamento di vie venose centrali - esecuzione di prelievi arteriosi - angiografia - riscontri autoptici - interventi chirurgici in sala operatoria - assistenza in sala parto - assistenza in ambulatori dentistici - assistenza in Pronto Soccorso e endoscopia, aspirazioni endobronchiali, intu bazioni naso oro tracheali, tracheotomie, cambio di cannule tracheostomiche, punture esplorative ed evacuative. A RISCHIO MODERATO La dipendente deve essere esclusa dalla esecuzione delle seguenti procedure o attività se non vengono seguite le Precauzioni Universali e le Precauzioni Specifiche o non siano a disposizione idonei dispositivi di protezione indi viduale e collettiva - prelievi o iniezioni endovenose - incannulamento di vie venose periferiche - lavaggio strumenti - svuotamento di contenitori contenenti liquidi organici - medicazione di ferite chirurgiche, ulcere da decubito, etc. - esecuzione di esami di laboratorio (esclusi i settori di microbiologia e virologia) 19

20 Tabella n 5 Attività e procedure non a rischio biologico o con rischio residuo basso: si ricorda che deve essere valutato lo stato vaccinale della donna in attesa, in particolare per la rosolia, inoltre l attività di assistenza dovrà necessariamente essere rivolta a pazienti collaboranti o quantomeno che non possano impedire una corretta esecuzione delle procedure. Inoltre la lavoratrice va comunque collocata altrove quando sono in atto episodi epidemici con la possibilità di contagio per via aerea. Attività di reparto di degenza e di day hospital coadiuvare il/la caposala nella gestione burocratica/amministrativa del repar-to stesso (ad es.: provvedere alla fornitura dei materiali e loro gestione; etc.) coadiuvare nella gestione burocratico/amministrativa del paziente (registrazione dei dati del paziente sulla cartella clinica, richiesta di esami, etc.) accoglimento pazienti esecuzione di procedure sanitarie di assistenza non invasive (esecuzione ECG, uso di termometro, di sfigmomanometro, terapia orale, etc.) prelievi venosi e fleboclisi con utilizzo di guanti e occhiali o visiera di protezione e di presidi antinfortunistici (ago da prelievo con sistema di protezione intrinseca dell ago; sistema vacutainer con sistema di sicurezza per l espulsione dell ago; ago butterfly con sistema di protezione dell ago, etc.) su pazienti collaboranti terapie iniettive con siringhe di sicurezza su pazienti collaboranti medicamenti, inserimento cateteri vescicali con utilizzo dei DPI su pazienti collaboranti distribuzioni dei pasti ai pazienti rifacimento di letti vuoti o di pazienti autosufficienti e collaboranti ripristino e pulizia comodini riordino biancheria pulita ritiro cartelle cliniche e referti esami consegne e richieste per la farmacia, ritiro farmaci (antiblastici esclusi) Attività ambulatoriale e distrettuale gestione burocratico/amministrativa dell utente (registrazione dei dati, richiesta esami) possibile assistenza al medico specialista con utilizzo DPI ad esclusione degli ambulatori pediatrici e vaccinazioni esecuzione di procedure sanitarie non invasive (ECG, uso termometro, sfigmomanometro, etc.) prelievi venosi e fleboclisi con utilizzo di guanti e occhiali o visiera di protezione e presidi antinfortunistici (ago butterfly con sistema di protezione dell ago, etc.) su pazienti collaboranti terapie iniettive con siringhe di sicurezza su pazienti collaboranti medicazioni, inserimento cateteri vescicali con utilizzo dei DPI su pazienti collaboranti Attività territoriale coadiuvare il/la caposala nella gestione burocratico/amministrativa dell attività esterna (ad es.: provvedere alla fornitura dei materiali e loro gestione; organizzazione dell attività dei colleghi, programmazione..) coadiuvare nella gestione burocratico/amministrativa del paziente (registrazione dei dati del paziente sulla cartella clinica, richiesta di esami: laboratorio, radiologia, etc.) Attività amministrativa in attività con utilizzo con videoterminale aumentare la frequenza delle pause per evitare disturbi del rachide dorso-lombare. 20

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa)

Allegato B - dotazione organica.xls. criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) rideterminazione della dotazione organica ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ALLEGATO 3 struttura organizzativa criteri di costruzione della dotazione organica (per unità operativa) riepilogo per macrostruttura ALLEGATO

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DALL'IMPIEGO DI SOSTANZE PERICOLOSE Artt. 28 e 223 D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DALL'IMPIEGO DI SOSTANZE PERICOLOSE Artt. 28 e 223 D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 DATA: 26/03/2009 Pag. 1 di 53 Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico Presidio Ospedaliero Fatebenefratelli e Oftalmico Corso di Porta Nuova 23 20121 MILANO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

PUO ESSERE RICHIESTA PER:

PUO ESSERE RICHIESTA PER: L INTERDIZIONE DAL LAVORO PER LE LAVORATRICI MADRI (decreto legislativo n. 151/2001 così come modificato dalla legge 4/04/2012, n. 35) http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/01151dl.htm PUO ESSERE RICHIESTA

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DONNA, SALUTE E LAVORO. LA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA Il rischio La prevenzione La tutela

DONNA, SALUTE E LAVORO. LA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA Il rischio La prevenzione La tutela DONNA, SALUTE E LAVORO LA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA Il rischio La prevenzione La tutela Edizione 2002 Questa pubblicazione è stata realizzata dal Comitato per le Pari Opportunità dell INAIL Gruppo di lavoro:

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli