B. Guerra Dipartimento di Scienze Ginecologiche Ostetriche e Pediatriche UO di Ostetricia e Medicina dell Età Prenatale Università degli Studi di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "B. Guerra Dipartimento di Scienze Ginecologiche Ostetriche e Pediatriche UO di Ostetricia e Medicina dell Età Prenatale Università degli Studi di"

Transcript

1 Infezioni e gravidanza B. Guerra Dipartimento di Scienze Ginecologiche Ostetriche e Pediatriche UO di Ostetricia e Medicina dell Età Prenatale Università degli Studi di Bologna

2 INFEZIONI E GRAVIDANZA Rappresentano una importante causa di morbilità materna e morbilità/mortalità perinatale in tutto il mondo sia pure con implicazioni e connotazioni diverse nei paesi in via di sviluppo rispetto a quelli sviluppati Lo spettro delle infezioni trasmissibili dalla madre al feto/neonato si è ampliato in relazione a variazioni epidemiologiche e all emergenza di nuovi patogeni, a fattori sociali e comportamentali oltre che alla disponibilità di nuovi test diagnostici Nei confronti di alcune infezioni esistono oggi concrete possibilità di trattamento o prevenzione e lo screening di alcune malattie infettive è inserito nei programmi governativi a tutela della gravidanza

3 INFEZIONI E GRAVIDANZA Cause di preoccupazione Esposizione della gravida alle infezioni Impatto dell infezione materna sul concepito impossibile da prevedere caso per caso Frequente subclinicità dell infezione materna

4 INFEZIONI E GRAVIDANZA Esposizione della gravida alle infezioni Motivi sociali / comportamentali Stretti contatti specie con bambini piccoli (figli in età prescolare, attività lavorativa in scuole, asili ecc.,) Frequentazione di luoghi ad alta densità Scarsa informazione sulle modalità di acquisizione Deficit immunitario Modificazioni immunologiche finalizzate alla difesa del prodotto del concepimento

5 Informazioni / norme comportamentali per la donna sieronegativa prima o all inizio della gravidanza al fine di ridurre l incidenza di infezione primaria in gravidanza Il livello di conoscenza e consapevolezza dell infezione congenita da CMV tra le donne in età riproduttiva / gravide è basso (Jeon J et al 2006, Infect Dis Obstet Gynecol) 12th International CMV/BetaHerpesvirus workshop Boston May 10-14,2009 P-43 Awareness of human cytomegalovirus (HCMV) infection among pregnant women in Italy M Barbi, A Calvario, T Lazzarotto, E Ferrazzi, M Lanari, B Guerra, I Cetin, A Marconi, G Loverro, A Vimercati, A Arossa, E Fabbri, MG Revello. Il livello di consapevolezza sull infezione da CMV tra le gravide in Italia si attesta al di sotto del 40%

6 INFEZIONI E GRAVIDANZA Cause di preoccupazione Esposizione della gravida alle infezioni Impatto dell infezione materna sul concepito impossibile da prevedere caso per caso Frequente subclinicità dell infezione materna

7 INFEZIONI E GRAVIDANZA Possibile impatto dell infezione materna sul concepito Aborto IUGR MEF Anomalie fetali Infezione congenita Infezione asintomatica Prematurità Sequele tardive Nati-mortalità Sepsi neonatale Neonato sano Fattori influenzanti Tipo e caratteristiche biologiche del microrganismo Virulenza /carica microbica/genotipi Teratogenicità dell agente infettante Interferenza con la funzione placentare Epoca gestazionale al momento del contagio Via di trasmissione verticale Immaturità immunitaria fetale Differenze genetiche (?)

8 INFEZIONI E GRAVIDANZA Cause di preoccupazione Esposizione della gravida alle infezioni Impatto dell infezione materna sul concepito impossibile da prevedere caso per caso Frequente subclinicità dell infezione materna

9 INFEZIONI E GRAVIDANZA Frequente subclinicità dell infezione materna Difficoltosa identificazione dei casi Necessità di indagini di laboratorio ad hoc Problematicità degli screening infettivologici

10 INFEZIONI E GRAVIDANZA Inserimento degli screening infettivologici nei programmi governativi Valutazione del rapporto costo/benefici Incidenza dell infezione congenita Semplicità ed affidabilità delle indagini di screening Disponibilità, affidabilità e sicurezza delle procedure di approfondimento diagnostico su madre e feto Disponibilità ed efficacia di terapie o vaccini Possibilità di identificazione in epoca precoce di gravidanza dei feti a rischio di grave handicap Possibilità e costi della riabilitazione Impatto emotivo dello screening ( incremento IVG?) Periodico aggiornamento

11 INFEZIONI GENITALI E GRAVIDANZA Che fare? Screening e Trattamento secondo i programmi governativi secondo le evidenze scientifiche

12 GESTIONE DELLE INFEZIONI E GRAVIDANZA Abbassare l esposizione alle infezioni Vaccinazione (rosolia, epatite B) Obiettivi Norme igieniche e comportamentali pre e post-concezionali (Toxo, CMV ecc ) Accertamenti preconcezionali e prenatali estesi anche al partner e counselling (HIV, Lue) Individuare l infezione materna Indagini di screening (sierologico, batteriologico) Indagini mirate in relazione all insorgenza di problemi materni o fetali (B19, varicella, ecc ) Valutazione clinica (HSV genitale, HPV) Ridurre o eliminare le possibili conseguenze feto-neonatali Diagnosi di infezione fetale (Toxo, CMV, B19) Sorveglianza ecografica (tutte) Modalità del parto (HIV, HSV genitale) Trattamento (HIV, Toxo, GBS, altre inf. ascendenti, Lue) IVG in casi selezionati Controllo neonatale (tutte)

13 INFEZIONI IN GRAVIDANZA Un ruolo per l ostetrica/o Prevenzione primaria Sollecitare la donna in procinto di procreare ad accertamenti preconcezionali, alcuni dei quali da estendersi al partner, in relazione alla possibilità di misure profilattiche tempestive (decreto ministeriale 10 settembre 1998) stressare l opportunità della vaccinazione per alcune infezioni ad impatto sfavorevole sul prodotto del concepimento somministrare norme igieniche e comportamentali preconcezionali e prenatali volte a ridurre il rischio di contagio

14 Settimana di gestazione < >36 Rischio di trasmissione 90% 67% 67% 47% 39% 30% 60% 100% Rischio di danno 90% 33% 11% 25% (*) (*) dopo la 18 a settimana sono stati riportati sporadicamente difetti uditivi ROSOLIA Trasmissione verticale Conseguenze feto-neonatali Prime settimane Aborto Morte endouterina 2 trimestre (inizio) Fetopatia Rubeolica - Sindrome polivisceritica, trombocitopenia, anemia, epatosplenomegalia, polmonite interstiziale, meningoencefalite, glomerulonefrite 1 trimestre Embriopatia Rubeolica Microcefalia, cardiopatie congenite, cecità, sordità Sequele perinatali - Ritardo di crescita Sequele tardive - Ritardo mentale, sordità progressiva, disturbi visivi, autismo, stenosi arteriose progressive, diabete, disfunzioni tiroidee, panencefalite progressiva, disgammaglobulinemia

15 Calendario delle vaccinazioni (Piano Nazionale Vaccini ) Vaccino Nascita 3 mese 5 mese 6 mese 11 mese 12 mese 13 mese 15 mese 3 anno 5-6 anni anni anni DTP DTP DTP DTP DTP Tdap Antipolio IPV IPV IPV OPV Epatite BEpatite B(*) Epatite B Epatite B Epatite B Epatite B MPR(*) MPR MPR (**) Hib Hib Hib Hib PCV PCV Men C Men C Varicella Varicella Varicella (*) vaccino antimorbillo-parotite-rosolia (**) seconda dose o dose di recupero ROSOLIA!!!!!! Nonostante l ampia copertura raggiungibile una quota della popolazione femminile in età fertile ( > 10%) è ancora suscettibile all infezione. Un intervento vaccinale aggiuntivo è perciò previsto per le donne non gravide che prendano contatto con le strutture sanitarie in previsione di una gravidanza (DM 1998).

16 TOXOPLASMOSI RODITORI UCCELLI GATTO TERRENO ANIMALI CARNE ORTAGGI FRUTTA Ovini Suini Conigli Bovini Equini Pollame GRAVIDA FETO Misure preventive Evitare contatti con gatti e con tutto ciò che può essere stato contaminato dai loro escrementi Non mangiare carne cruda (inclusi i salumi) o poco cotta (roast-beef, hamburger, ecc ) Proteggere le mani per manipolare carne cruda Lavare accuratamente verdura, frutta e qualsiasi prodotto che possa aver subito contaminazioni col terreno e sbucciare la frutta Ingerire solo latte pastorizzato Non manipolare terriccio di orti o giardini o usare guanti di gomma Non portare le mani a contatto con la mucosa orale o congiuntivale dopo aver toccato carne cruda, verdura, frutta o terreno Lavarsi le mani prima dei pasti

17 Lo screening prenatale per CMV non viene raccomandato attualmente in nessun paese tuttavia. Austria, Svizzera, Germania e Giappone Austria e Giappone USA e Canada non previsto, norme Inghilterra e Olanda in caso di Italia, Israele, Belgio e Francia molti in caso di rischio professionale norme comportamentali su specifica richiesta di sintomatologia della gravida molti ostetrici richiedono il test

18 Accertare l infezione materna INFEZIONI IN GRAVIDANZA Il ruolo del ginecologo Valutare i rischi in relazione al tipo di infezione (teratogenicità, sepsi, problemi postnatali ecc ), alla modalità e al timing della trasmissione verticale Quantificare il rischio fetale (tasso di trasmissione e di danno fetale) in relazione all epoca gestazionale del contagio materno Valutare la possibilità di interventi terapeutico/preventivi Valutare l opportunità (rischi, affidabilità, timing) della diagnosi prenatale di infezione fetale ( se applicabile ) Programmare la sorveglianza ecografica specifica ( se applicabile ) Effettuare un counselling esaustivo che ponga la coppia nella condizione di affrontare razionalmente il problema

19 Accertare l infezione materna INFEZIONI IN GRAVIDANZA Il ruolo del ginecologo Valutare i rischi in relazione al tipo di infezione (teratogenicità, sepsi, problemi postnatali ecc ), alla modalità e al timing della trasmissione verticale Quantificare il rischio fetale (tasso di trasmissione e di danno fetale) in relazione all epoca gestazionale del contagio materno Valutare la possibilità di interventi terapeutico/preventivi Valutare l opportunità (rischi, affidabilità, timing) della diagnosi prenatale di infezione fetale ( se applicabile ) Programmare la sorveglianza ecografica specifica ( se applicabile ) Effettuare un counselling esaustivo che ponga la coppia nella condizione di affrontare razionalmente il problema

20 Lo screening della maggior parte delle infezioni consiste nella ricerca degli anticorpi IgG e IgM mediante kits di laboratorio disponibili sul mercato IgG pos, IgM pos IgG neg, IgM pos alto tasso di falsi positivi e possibili falsi negativi anticorpi IgM riscontrabili nel siero della paziente anche molti mesi/anni dopo la fase acuta dell infezione anticorpi IgM presenti non solo nella forma primaria ma anche nelle ricorrenze/reinfezioni possibili reazioni aspecifiche

21 INFEZIONI A TRASMISSIONE VERTICALE Sospetto di infezione alle indagini di screening

22 INFEZIONE DA CMV IN GRAVIDANZA Interpretazione dei dati di laboratorio, gestione e counselling IgG / IgM (ELISA) RECETTIVITA - /- Ripetere periodicamente Misure preventive Usare la massima attenzione nel contatto con materiali organici Evitare contatti stretti specie con bambini in età prescolare Lavarsi le mani spesso e accuratamente Evitare luoghi affollati IgG / IgM (ELISA) + /- IgG / IgM (ELISA) - /+ PREGRESSA IMMUNITA Non ripetere SIEROCONVERSIONE Ripetere dopo 2 settimane (a verifica della positivizzazione di IgG) IgG / IgM (ELISA) + / + Primaria? Persistenza IgM Non primaria Reazione aspecifica INFEZIONE IN ATTO Test di avidità (IgG) +/- Western Blot +/- Indagini Virologiche

23 Avidità delle IgG per CMV Lazzarotto et al. J Clin Microbiol Avidity index (%) Weeks after beginning of symptoms BASSA AVIDITÀ ALTA AVIDITÀ Infezione primaria in atto o recente Esclusione di infezione primaria se effettuato entro la 18 sett. di gestazione

24 INFEZIONE DA CMV IN GRAVIDANZA Interpretazione dei dati di laboratorio, gestione e counselling Indice di bassa avidità (IgG) WB (IgG, IgM) positivo con profilo di reattività IgM compatibile con infezione primaria Virologia positiva o negativa Indice di alta avidità (IgG) WB (IgG, IgM) positivo con profilo di reattività IgM compatibile con infezione non primaria Virologia positiva o negativa Indice di alta avidità (IgG) WB (IgG) positivo WB (IgM) negativo Virologia negativa Infezione primaria Alto rischio fetale Diagnosi prenatale invasiva e/o monitoraggio ecografico Controllo neonatale Infezione non primaria Basso rischio fetale Monitoraggio ecografico Controllo neonatale Infezione pregressa Non rischi fetali Nessun ulteriore accertamento

25 Accertare l infezione materna INFEZIONI IN GRAVIDANZA Il ruolo del ginecologo Valutare i rischi in relazione al tipo di infezione (teratogenicità, sepsi, problemi postnatali ecc ), alla modalità e al timing della trasmissione verticale Quantificare il rischio fetale (tasso di trasmissione e di danno fetale) in relazione all epoca gestazionale del contagio materno Valutare la possibilità di interventi terapeutico/preventivi Valutare l opportunità (rischi, affidabilità, timing) della diagnosi prenatale di infezione fetale ( se applicabile ) Programmare la sorveglianza ecografica specifica ( se applicabile ) Effettuare un counselling esaustivo che ponga la coppia nella condizione di affrontare razionalmente il problema

26 INFEZIONE ERPETICA GENITALE Incidenza 1:1800 1:60000 Vie di trasmissione Transplacentare Ascendente INTRAPARTO In utero < 5% Intraparto Rischio di trasmissione Conseguenze feto-neonatali Inf. In utero Aborto Malformazioni (SNC e occhio) IUGR Parto pretermine Inf. perinatale Poliviscerite mortalità (90%) 60% sequele SNC e oculari (95%) Forme localizzate mortalità alta (75%) SNC sequele SNC (60%) 20-40% Inf. primaria > 50% Inf. ricorrente sintomatica < 4% Inf. ricorrente asintomatica 1% Forme localizzate (cute, occhio, bocca) 20% forma disseminata rara sequele SNC (30%)

27 INFEZIONE ERPETICA GENITALE IN GRAVIDANZA ACOG 1988 Come prevenire la trasmissione verticale? Lesioni o segni prodromici a termine Taglio cesareo (indipendentemente dalla durata della rottura delle membrane) Infezione in anamnesi senza lesioni a termine Parto vaginale Coltura neonato IHMF, ACOG 1999 Infezione primaria I episodio 6 sett. dal termine Counselling Terapia soppressiva dalla 36 a settimana Lesioni assenti a termine Lesioni presenti a termine Parto vaginale T.C. elettivo I episodio < 6 settimane dal termine Taglio cesareo elettivo Infezione ricorrente Counselling Lesioni assenti a termine Lesioni presenti a termine Parto vaginale Taglio cesareo o parto vaginale

28 Accertare l infezione materna INFEZIONI IN GRAVIDANZA Il ruolo del ginecologo Valutare i rischi in relazione al tipo di infezione (teratogenicità, sepsi, problemi postnatali ecc ), alla modalità e al timing della trasmissione verticale Quantificare il rischio fetale (tasso di trasmissione e di danno fetale) in relazione all epoca gestazionale del contagio materno Valutare la possibilità di interventi terapeutico/preventivi Valutare l opportunità (rischi, affidabilità, timing) della diagnosi prenatale di infezione fetale ( se applicabile ) Programmare la sorveglianza ecografica specifica ( se applicabile ) Effettuare un counselling esaustivo che ponga la coppia nella condizione di affrontare razionalmente il problema

29 RISCHIO DI TRASMISSIONE E DI DANNO FETO-NEONATALE Rischio di trasmissione Rischio di danno feto-neonatale >70% 100 Rischio % 95% CI 40% 100 Rischio % 95% CI 80 20% % 17% <2% Età gestazionale Età gestazionale Dunn et al (modificato), The Lancet 1999

30 TOXOPLASMOSI Conseguenze feto-neonatali 1 trimestre 2 trimestre 3 trimestre Forme gravi 50% Forme gravi 30% Forme gravi - Forme moderate 20% Forme moderate 20% Forme moderate 10% Infezione sublinica 30% Infezione sublinica 50% Infezione sublinica 90% Forme gravi Forme moderate Sequele tardive Aborto, morte endouterina Coinvolgimento subacuto del SNC (idrocefalo, calcificazioni, corioretinite) Malattia acuta generalizzata (poliviscerite) Ritardo di crescita intrauterina Malattia attenuata d organo (corioretinite isolata) Corioretinite, ritardo mentale, convulsioni, disturbi psicomotori, disturbi uditivi 10-15%: Sintomatici alla nascita, 85-90% asintomatici alla nascita Gran parte degli asintomatici svilupperà sequele tardive. Circa il 40% potrà avere un deficit visivo permanente

31 % TOXOPLASMOSI Età gestazionale e rischio fetale 60 II trimestre Trasmissione verticale Danno fetale Età gestazionale Le età gestazionali comprese tra la 14a e 22a settimana sono quelle a più alto rischio di infezione congenita sintomatica grave

32 Accertare l infezione materna INFEZIONI IN GRAVIDANZA Il ruolo del ginecologo Valutare i rischi in relazione al tipo di infezione (teratogenicità, sepsi, problemi postnatali ecc ), alla modalità e al timing della trasmissione verticale Quantificare il rischio fetale (tasso di trasmissione e di danno fetale) in relazione all epoca gestazionale del contagio materno Valutare la possibilità di interventi terapeutico/preventivi Valutare l opportunità (rischi, affidabilità, timing) della diagnosi prenatale di infezione fetale ( se applicabile ) Programmare la sorveglianza ecografica specifica ( se applicabile ) Effettuare un counselling esaustivo che ponga la coppia nella condizione di affrontare razionalmente il problema

33 INFEZIONI E GRAVIDANZA Prevenzione Interventi preventivi sono attualmente disponibili solo per alcune infezioni a trasmissione verticale Norme comportamentali ( es. Toxo, CMV, MST) Vaccinazioni (es. Rosolia, Varicella) Terapie specifiche durante la gravidanza o al parto (es. Toxo, HIV, Sifilide, Strepto B) Taglio cesareo elettivo (es. HIV, Herpes) Interventi profilattici e/o terapeutici neonatali (es. Epatite B, Gonorrea e Chlamidia, HIV)

34 INFEZIONE DA HIV E GRAVIDANZA Abbattimento della trasmissione verticale Principali misure preventive 15-25% Terapia antiretrovirale Taglio cesareo Profilassi neonatale Allattamento artificiale <2%

35 TERAPIA PRENATALE DELLA TOXOPLASMOSI Spiramicina * Parassitemia Materna Placenta Pirimetamina Sulfadiazina * Feto * * Spiramicina (3g/die) in somministrazione continua fino al parto Pirimeta (50 mg/die) Sulfa (3 g/die) in cicli di 3 settimane alternati a 10g di spiramicina o associati a spiramicina in sommimministrazione continua

36 SIFILIDE e GRAVIDANZA Terapia La cura della sifilide in gravidanza prevede regimi terapeutici appropriati per lo stadio della malattia analoghi a quelli raccomandati al di fuori della gravidanza CDC 2002 INTERVENTO TERAPEUTICO PRECOCE S. Primaria S. Secondaria S. Latente Precoce S. Latente Tardiva o di durata non nota S. Terziaria Penicillina G Benzatina 2,4 milioni U im in singola dose Penicillina G Benzatina 3 dosi di 2,4 milioni U im ad intervalli di 7 gg Penicillina G Benzatina 3 dosi di 2,4 milioni U im ad intervalli di 7 gg Neurosifilide Penicillina G 3-4 milioni U ev ogni 4 ore x 10-14gg

37 PREVENZIONE DELLA SEPSI NEONATALE PRECOCE DA STREPTOCOCCO B (GBS) CDC 2002 Screening di tutte le gravide * con colture vaginali e rettali a sett. Negative **** Positive ** Nessun provvedimento Trattamento intraparto *** ***** * escluse quelle con batteriuria attuale o pregresso nato con sepsi da GBS ** la terapia orale in corso di gravidanza non è efficace *** anche se insorgono fattori di rischio ostetrico (p.pretermine, membrane rotte 18 ore, febbre in travaglio) **** in caso di taglio cesareo elettivo (a travaglio non iniziato e senza rottura delle membrane) ***** anche in caso di colture non note in presenza di uno o più fattori di rischio ostetrico CHEMIOPROFILASSI INTRAPARTO PENICILLINA G e.v. ( UI in bolo seguite da UI ogni 4 ore) oppure AMPICILLINA e.v. (2gr in bolo seguiti da 1gr ogni 4-6 ore) in caso di allergia CLINDAMICINA e.v. (900mg/8 ore) ERITROMICINA e.v. (500mg/6ore) CEFAZOLINA e.v. (2gr in bolo seguiti da 1gr/8 ore) VANCOMICINA e.v. (1gr/12 ore)

38 EPATITE B E GRAVIDANZA Rischio di trasmissione In assenza di immunoprofilassi 10 * 90% ** * madre HBsAg positiva ** madre HBeAg positiva Fattore prognostico sfavorevole: insorgenza in prossimità del parto Con immediata immunoprofilassi * Conseguenze neonatali Epatite fulminante (rara) Stato di portatore cronico Asintomatico Epatite cronica attiva Cirrosi CA epatocellulare < 1% * vaccino UI di immunoglobuline specifiche

39 Accertare l infezione materna INFEZIONI IN GRAVIDANZA Il ruolo del ginecologo Valutare i rischi in relazione al tipo di infezione (teratogenicità, sepsi, problemi postnatali ecc ), alla modalità e al timing della trasmissione verticale Quantificare il rischio fetale (tasso di trasmissione e di danno fetale) in relazione all epoca gestazionale del contagio materno Valutare la possibilità di interventi terapeutico/preventivi Valutare l opportunità (rischi, affidabilità, timing) della diagnosi prenatale di infezione fetale ( se applicabile ) Programmare la sorveglianza ecografica specifica ( se applicabile ) Effettuare un counselling esaustivo che ponga la coppia nella condizione di affrontare razionalmente il problema

40 DIAGNOSI PRENATALE DI INFEZIONE DA CMV Amniocentesi Accesso Infezione primaria Infezione non primaria Isolamento del virus Valutazione qualitativa (PCR) e quantitativa del DNA virale (qpcr) Anomalia ecografica PCR = polymerase chain reaction qpcr = quantitative polymerase chain reaction

41 VARICELLA IN GRAVIDANZA Tasso di trasmissione verticale 12% 20-30% (periparto) Sindrome da varicella congenita 2% 0,4% 0-12 sett. 2% sett. Anomalie SNC (atrofia corticale, aplasia cerebellare, microcefalia, ritardo mentale, convulsioni) Difetti segmentali degli arti (ipoplasia osteo-muscolotendinea, malposizioni distali) Lesioni oculari (microftalmia, cataratta, atrofia del nervo ottico, corioretinite) Cicatrici cutanee Herpes zoster postnatale (0.8% esposizione tra 13 e 24 sett.) Varicella congenita ad evoluzione severa (emorragie, polmonite, poliviscerite, meningoencefalite) ad alta mortalità (~ 30%) Dopo la 20 sett.il rischio di malformazioni e/o compromissione neurologica è trascurabile Acquisizione prenatale dell infezione (Varicella congenita asintomatica) Herpes zoster postnatale (1.7% esposizione tra 25 e 36 sett.)

42 PCR su LA Romand S. et al, Obstet Gynecol ,6 28,6 51,7 94,7 98,1 92,9 76,9 62,5 68,4 64,7 < > ,3 sensibilità Settimane di gestazione VPN Sensibilità (95% CI) 42.9% (17% %) 92.9% (67.9% %) 61.7% (47.8% %)

43 DIAGNOSI PRENATALE INVASIVA Epoca di Esecuzione CMV Toxo Rosolia a settimana 6 settimane dopo il contagio materno 18 a settimana 4 settimane dopo il contagio materno a settimana 6 settimane dopo il contagio materno ( L A + sangue fetale)

44 Accertare l infezione materna INFEZIONI IN GRAVIDANZA Il ruolo del ginecologo Valutare i rischi in relazione al tipo di infezione (teratogenicità, sepsi, problemi postnatali ecc ), alla modalità e al timing della trasmissione verticale Quantificare il rischio fetale (tasso di trasmissione e di danno fetale) in relazione all epoca gestazionale del contagio materno Valutare la possibilità di interventi terapeutico/preventivi Valutare l opportunità (rischi, affidabilità, timing) della diagnosi prenatale di infezione fetale ( se applicabile ) Programmare la sorveglianza ecografica specifica ( se applicabile ) Effettuare un counselling esaustivo che ponga la coppia nella condizione di affrontare razionalmente il problema

45 ECOGRAFIA / INFEZIONI

46 ECOGRAFIA / INFEZIONI Aborto/morte in utero Malformazione Versamento sistemico o distrettuale (da sierosite pleurica, peritoneale, pericardica ) Epatosplenomegalia, miocardite, alterazioni oculari (da flogosi sistemica o d organo ) Anemia (disordine funzionale ) Ispessimento placentare (placentite) Restrizione della crescita

47 INFEZIONE DA PARVOVIRUS B19 IN GRAVIDANZA Management prenatale Infezione materna accertata Controlli fino a 12 sett. dopo l esposizione Ecografie seriate + doppler ACM Segni ecografici suggestivi Risoluzione Parto a termine Hb > 9 g/dl Sorveglianza Hb < 9 g/dl IUT Non risoluzione ev. DNA virale Cortisone, L/S Anticipazione parto (32-34 sett.)

48 Guerra, et al.2008 Screening efficiency of ultrasound examination in predicting congenital CMV infection Sens (%) Spec (%) PPV (%) NPV (%)

49 TOXOPLASMOSI REPERTI ANORMALI IN FETI INFETTI Sensibilità dell ecografia autore anno casi SNS % Foulon /5 40% Hohlfeld /89 36% Pratlong /20 20% Antsaklis /18 28% Agangi /18 39%

50 TOXOPLASMOSI IN GRAVIDANZA Ecografia versus Infezione Congenita Reperto Ecografico INFEZIONE CONGENITA SI NO Totale Anormale Normale Total SNS 57.1%; SPE 97.0%; PPV 22.2%; PNV 99.3%. Guerra et al. (in press )

51 ECOGRAFIA / INFEZIONI LIMITI L ecografia identifica un numero limitato di casi (bassa sensibilità) Reperti ecografici anormali anche se suggestivi di infezione fetale sono di rado diagnostici in quanto comuni anche ad altre patologie fetali (bassa specificità) I reperti ecografici possono cambiare nel tempo, in particolare un anomalia strutturale può manifestarsi solo tardivamente L ecografia può aiutare a selezionare i casi con indicazione all interruzione della gravidanza Il riscontro di un anatomia fetale normale non è sufficiente per garantire un outcome neonatale favorevole

52 Accertare l infezione materna INFEZIONI IN GRAVIDANZA Il ruolo del ginecologo Valutare i rischi in relazione al tipo di infezione (teratogenicità, sepsi, problemi postnatali ecc ), alla modalità e al timing della trasmissione verticale Quantificare il rischio fetale (tasso di trasmissione e di danno fetale) in relazione all epoca gestazionale del contagio materno Valutare la possibilità di interventi terapeutico/preventivi Valutare l opportunità (rischi, affidabilità, timing) della diagnosi prenatale di infezione fetale ( se applicabile ) Programmare la sorveglianza ecografica specifica ( se applicabile ) Effettuare un counselling esaustivo che ponga la coppia nella condizione di affrontare razionalmente il problema

53 TOXOPLASMOSI Counselling dopo Diagnosi Prenatale Negativa Spiramicina fino al parto * Monitoraggio ecografico Follow-up neonatale Infezione Fetale Interruzione terapeutica ** Pirimeta-Sulfa-Acido folinico *** Monitoraggio ecografico Follow-up neonatale * Possibili falsi negativi / possibile ritardo nella trasmissione M/F (la placenta é un serbatoio di infezione) ** In caso di riscontro ecografico anomalo *** Un trattamento presuntivo può essere suggerito in assenza di diagnosi prenatale invasiva in caso di sieroconversione tardiva (dopo la 24 sett.) in considerazione dell alto rischio di trasmissione M/F

54 Nelle gravide con riscontro di igm anti-cmv ai test di screening le indagini diagnostiche di approfondimento - eseguite in laboratori di riferimento - e l interpretazione del risultato di parte di medici esperti riducono in maniera significativa il ricorso indiscriminato all IVG Donne con IgM positive 1857 Follow-up disponibile 1650 Totale IVG % Aborti eseguiti p< % Aborti evitati Guerra et al., Am J Obstet Gynecol 2007

55 INFEZIONI IN GRAVIDANZA Approccio multidisciplinare LABORATORIO Medico di MG Ostetrica /o Ginecologo Infettivologo Neonatologo Prevenzione primaria Prevenzione e gestione dell infezione congenita

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Infezione congenita da Citomegalovirus 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Citomegalovirus Il CMV è la principale causa di infezione congenita nei paesi sviluppati incidenza 0,3-2% di tutti i nati

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli Valutazione del test CMV nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza Gianna Mazzarelli 21/10/2014 Citomegalovirus (CMV) Famiglia Herpesviridae Sottofamiglia β Herpesvirinae Tipica morfologia

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

16.30 17.00 Riepilogo della giornata Vengono sintetizzati a cura del tutor d Aula i messaggi chiave emersi nel corso della giornata

16.30 17.00 Riepilogo della giornata Vengono sintetizzati a cura del tutor d Aula i messaggi chiave emersi nel corso della giornata Lunedì 17 INTRODUZIONE AL CORSO E GENERALITA' 09.00 09.30 Introduzione al Corso Prof. Carosi (Brescia) Vengono illustrati gli obiettivi del Corso e le modalità didattiche utilizzate 09.30 10.00 Pre-test

Dettagli

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia CMV e T. gondii Principali Differenze:

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali

Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali Destinatari: Medici di Base, Medici Infettivologi, Medici Neonatologi, Ostetrici e Ginecologi, Medici Microbiologi, Laureati in Biotecnologie,

Dettagli

Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali

Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Introduzione La trasmissione di un infezione dalla madre al feto o al neonato può avvenire in corso di gravidanza,

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

T O R C H. Toxoplasma Others HBV, HCV, HIV, VIRUS INFLUENZA, TREPONEMA PALLIDUM Rubeo Citomegalovirus HSV. Dr. G.Clerici

T O R C H. Toxoplasma Others HBV, HCV, HIV, VIRUS INFLUENZA, TREPONEMA PALLIDUM Rubeo Citomegalovirus HSV. Dr. G.Clerici T O R C H Toxoplasma Others HBV, HCV, HIV, VIRUS INFLUENZA, TREPONEMA PALLIDUM Rubeo Citomegalovirus HSV Dr. G.Clerici Toxoplasmosi in gravidanza Dr. G.Clerici Toxoplasmosi e gravidanza Causa riconosciuta

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

Infezione Congenita? Descrizione di un caso clinico. Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon

Infezione Congenita? Descrizione di un caso clinico. Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon Descrizione di un caso clinico Infezione Congenita? Dott.ssa Nunzia Aragione U.O. Neonatologia-TIN A.O. Santobono-Pausilipon-Annunziata

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S.

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S. Il Laboratorio di SieroImmunologia e le urgenze infettive: la patologia materno fetale e gli incidenti professionali a rischio di infezioni emotrasmesse Danila Bassetti, MD Responsabile Struttura Semplice

Dettagli

Le infezioni.neonatali. S. Di Fabio

Le infezioni.neonatali. S. Di Fabio Le infezioni.neonatali Dott.ssa S. Di Fabio U.O. di Neonatologia e T.I.N. - Chieti Le infezioni costituiscono un importante e vasto capitolo della patologia neonatale: Classificazione Elevata incidenza

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

Notifica obbligatoria della infezione da rosolia in gravidanza e della sindrome/infezione da rosolia congenita.

Notifica obbligatoria della infezione da rosolia in gravidanza e della sindrome/infezione da rosolia congenita. MINISTERO DELLA SALUTE CIRCOLARE 5 agosto 2005, n.2 Notifica obbligatoria della infezione da rosolia in gravidanza e della sindrome/infezione da rosolia congenita. Agli Assessorati alla sanita' delle regioni

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero

l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero sottoposta a notifica speciale. Il Centro Operativo

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

Proposta di Percorso Diagnostico presentato durante il XXXVIII Congresso Nazionale AMCLI Rimini, 17-20 novembre 2009

Proposta di Percorso Diagnostico presentato durante il XXXVIII Congresso Nazionale AMCLI Rimini, 17-20 novembre 2009 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INFEZIONE CONGENITA DA CITOMEGALOVIRUS UMANO Coordinatore: Tiziana Lazzarotto, U.O. di Microbiologia, Laboratorio di Virologia, Policlinico S. Orsola- Malpighi, Università di Bologna,

Dettagli

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza.

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 2) Docente, dal 1995, della Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. - Diagnosi

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE CCM Ufficio V ex DGPREV - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale Sorveglianza della

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1 TOXOPLASMOSI 1 La toxoplasmosi è una malattia data da un protozoo (essere unicellulare) parassita obbligato: il Toxoplasma gondii. Questa malattia è una zoonosi perché può essere trasmessa anche all'uomo.

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali.

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Francesco Libero Giorgino Presidente A.G.E.O. FLG 1 Educazione sanitaria

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Alma Mater Studiorum - Università di Bologna CLINICA OSTETRICA E MEDICINA DELL ETA PRENATALE Direttore : prof. N. Rizzo Trasfusioni fetali Anemia Alloimmunizzazione Rh Anemia da parvovirus B19 Anemia da

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

Rosolia congenita e in gravidanza. Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza

Rosolia congenita e in gravidanza. Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza Rosolia congenita e in gravidanza News Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza Il Piano Nazionale di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia (PNEMoRc) 00-05 include tra i

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

IL COMPLESSO TORCH DOSSIER N.11 NOVEMBRE 2008 INDICE

IL COMPLESSO TORCH DOSSIER N.11 NOVEMBRE 2008 INDICE AGGIORNAMENTO TECNICO SCIENTIFICO A cura di: Dr. Roberto Colombo e Dr.ssa Francesca Cerutti DOSSIER N.11 NOVEMBRE 2008 INDICE HELICOBACTER PYLORI: Dalla ricerca all applicazione clinica Aspetti epidemiologici

Dettagli

Dose ed effetti all apparato riproduttivo femminile, all embrione e al feto

Dose ed effetti all apparato riproduttivo femminile, all embrione e al feto Dose ed effetti all apparato riproduttivo femminile, all embrione e al feto Dr.ssa Licia Turolla U.O. Genetica Medica Azienda ULSS n. 9 - Treviso www.ulss.tv.it/genetica medica Radiazioni e Gravidanza,

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

I rischi chimici e biologici in gravidanza

I rischi chimici e biologici in gravidanza www.adapt.it, 19 luglio 2011 I rischi chimici e biologici in gravidanza di Andrea Trevisan e Michele Mongillo Introduzione Il d.lgs. n. 151/2001 «Testo unico delle disposizioni legislative in materia di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Puericultura prenatale 1

Puericultura prenatale 1 Puericultura prenatale 1 Da Barbone, Bonomo, Guarini, Igiene e Puericultura, Franco Lucisano Editore, modificato Alterazioni dello sviluppo embrio-fetale Il destino di un individuo può essere fortemente

Dettagli

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PREMATURITA La WHO definisce il parto pretermine come il parto che avviene prima delle 37 settimane di gravidanza 6-10% dei parti sono pretermine ma di questi 50% > 35 settimane.

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

SCREENING UDITIVO NEONATALE

SCREENING UDITIVO NEONATALE CORSO 1 DIAGNOSTICA SENSORIALE E NEUROSENSORIALE SCREENING UDITIVO NEONATALE Angelo Rizzo UTIN P.O. Ingrassia Palermo Rappresentazione schematica del sistema uditivo ricezione trasduzione elaborazione

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.01 ANAMNE E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata, Visita successiva alla prima Consulenza ginecologica -

Dettagli

I vaccini come strumento di prevenzione

I vaccini come strumento di prevenzione I vaccini come strumento di prevenzione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Stele egiziana 3000 AC Agente contro Ospite

Dettagli

Questa Campagna è rivolta alle famiglie e ha lo scopo di valorizzare le capacità. rispetto alla quale hanno un ruolo insostituibile.

Questa Campagna è rivolta alle famiglie e ha lo scopo di valorizzare le capacità. rispetto alla quale hanno un ruolo insostituibile. PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA La Campagna GenitoriPiù Questa Campagna è rivolta alle famiglie e ha lo scopo di valorizzare le capacità dei genitori di rendersi protagonisti nel promuovere

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos.

La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos. La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos. FDC viene confermata da ELISA FDC è frequentemente associata

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Proposta di Percorso Diagnostico presentato durante il XXXVII Congresso Nazionale AMCLI - Stresa, 5-8 ottobre 2008

Proposta di Percorso Diagnostico presentato durante il XXXVII Congresso Nazionale AMCLI - Stresa, 5-8 ottobre 2008 1 2 3 4 5 6 7 8 INFEZIONE CONGENITA DA VIRUS DELLA ROSOLIA Coordinatore: AMCLI, Cristina Giraldi, U.O.C. di Microbiologia e Virologia, Azienda Ospedaliera di Cosenza Con la collaborazione di: AMCLI, Francesca

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

HERPES VIRUS CANINO E INFERTILITA

HERPES VIRUS CANINO E INFERTILITA HERPES VIRUS CANINO E INFERTILITA Le cause di infertilità nel cane possono essere molteplici e spesso l insuccesso, ovvero l infertilità, può essere dovuto a diversi fattori che possono co-esistere. Nel

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Gravidanza fisiologica e a rischio

Gravidanza fisiologica e a rischio WOMAN IN CHANGE Donne che cambiano Modena, 25 / 26 / 27 marzo 2010 Gravidanza fisiologica e a rischio Dr.ssa Rossana Bellucci Direttore Laboratorio Test Modena Durante la gravidanza tutte le donne si sottopongono

Dettagli

Centro per la diagnosi, gestione e ricerca avanzata sulle infezioni materno-fetali da citomegalovirus

Centro per la diagnosi, gestione e ricerca avanzata sulle infezioni materno-fetali da citomegalovirus Centro per la diagnosi, gestione e ricerca avanzata sulle infezioni materno-fetali da citomegalovirus Struttura Complessa di Virologia e Microbiologia Struttura Complessa di Ostetricia e Ginecologia Fondazione

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

PESTIVIRUS. fam. FLAVIVIRIDAE. Suddivisa in tre generi Flavivirus. Pestivirus. Hepacivirus

PESTIVIRUS. fam. FLAVIVIRIDAE. Suddivisa in tre generi Flavivirus. Pestivirus. Hepacivirus PESTIVIRUS fam. FLAVIVIRIDAE Suddivisa in tre generi Flavivirus Pestivirus Hepacivirus 1 CLASSIFICAZIONE DEI PESTIVIRUS Un tempo classificati in BVDV, CSFV, BDV Questo schema tiene conto SOLO dello spettro

Dettagli

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia

Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze. Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia Incidenza e importanza clinica della pprom: Eziopatogenesi, fattori di rischio e complicanze Vera Gerosa Spedali Civili di Brescia DEFINIZIONE PROM Per premature rupture of membranes (PROM) si intende

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Faustina Lalatta Medico genetista Responsabile UOD Genetica Medica Dipartimento area salute della donna, del bambino e del neonato Direttore

Dettagli

A cosa serve lo screening prenatale

A cosa serve lo screening prenatale Screening e Diagnosi prenatale della sindrome di Down ed altre anomalie cromosomiche fetali Lo scopo di questa nota è fornire in maniera chiara, semplice e per quanto possibile esaustiva le informazioni

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

L utilizzo dei vaccini MPR nell adolescente e adulto per la prevenzione della rosolia congenita

L utilizzo dei vaccini MPR nell adolescente e adulto per la prevenzione della rosolia congenita L utilizzo dei vaccini MPR nell adolescente e adulto per la prevenzione della rosolia congenita Copertura vaccinale MPR (o R) insufficiente La circolazione del rubeovirus è ridotta I soggetti suscettibili

Dettagli

Radiazioni e gravidanza

Radiazioni e gravidanza Treviso 24.11.2011 Radiazioni e gravidanza G.Bracalente gbracalente@ulss.tv.it Unita Operativa Semplice DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Dir. Dott.ssa G.Bracalente Unità Operativa Complessa GINECOLOGIA

Dettagli