Testo unico delre disposizioni regisrative ateria di tutela e sostegno della#naternità e de

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Testo unico delre disposizioni regisrative ateria di tutela e sostegno della#naternità e de"

Transcript

1 J. ( Suppl. ordinario alla G.Il. d,elz6.04.za0lno 56) Testo unico delre disposizioni regisrative ateria di tutela e sostegno della#naternità e de I aternità, a norma dell,art. 15 della Legge g ma 000, no 53 "

2 I PREMESSA Laptbblicazione di questo opuscolo si propone 1o scopo di informare le lavoratrici ai sensi del " Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternita" a noilna dell'art. 15 del1a Legge 8 marzo 2000, no 53 " per garantire le conoscenze necessatie, non solo nell'ambiente scoiastico m4 in tutti i settori interessati cìalìa presenza personale fernminile, compreso l'ambiente domestico, di igiene e sicurezza in caso di'gestazione, allattamento e-irtrerpe-rio, com,d'.eso il periòdo di gg in c.ui la lavor ice può non esser3 anccra consapevole del proprio stato e quindi, non in gracio di infur.rrrare il datore di iavoro o esita a farlo. Il D.Lgs. 157/2001e' costituito da 16 capi: ii ii: Primo Capo: fornisce il quadro di riferimento, le nuove definizioni delle assenze dal lavoro, i destinatari, ribadisce il divieto a discriminare; la sostituzione di lavoratrici e lavoratori in congecio, l'anticipazione del trattamento di fine rapporto. e*r Secondo Capo: introduce l'obbligo della valutazione dei rischi, in particolare i rischi di esposizione ad agenti fisici, chimici e biologici, o condizioni di lavoro, i lavori vietati. La vatutazione dei rischi si colioca nel contesto del1e disposizioni del D.Lgs I Capi ilal III al VII: riguardano i tipi di congedo previsti ( compresi quelli per i padri) riferiti ad ogni singolo bambino, ie prescrizioni legafe ad adozioni e affrdamenti e l'appiicabiùta dei riposi e! permessi per i figli con handicap grave; I Capi WtrI e D(: disciplinano i divieti di lavoro notfumo e di licenzizmento, le tutele al rientro a- Iavoro e nel caso di dimissioai; I Capi XJil"KI e XIII: riguardario le singole tipologie lavorative, esempi lavori a termine, neile P.4., stagionali o a tempo parziale, a domicilio, in agricoltura: trattano alche degli assegni di maternig destinati alle casalinghe, lavoratrici atipiche e discontinue. I Capi )ilv'xv e XVI: si occupano delle disposizioni in materia di vigilanza e in materia di oneri eontributivi; Oltre agli obblighi imposti dat D.Lgs ,la Direttiva UE n. 85 del I99Z ha def,rnito obblighi particolari per la salute e sicwezza delle lavoratrici in gravidanza o in puerperio o in allatlamentc. recepita in Italia con i1 D.lgs. 151/2001. In particolare occorrg: 1) Valutare i rischi per la sicurezza delle lavoratrici in gravidarza o in puerpuerio o in allattamenta, in particolare i rischi di esposizione ad agenti chirnici, fisici e bioiogici, processi o condizioni di lavoro nel ríspetto delle " Direttrici.. defi_nite dall,u.e.; r1!. 2) Irídividuare Ie misure di prevenzione e protezione da adottare; 3) lnfoimare le lavoratrici e il RLS sulle valutazioni dei rischi e sulie conseguenti misure di protezione e di p.rwenzione adoèrate; 4) Modiflc.are temporalmenje le condìzìoni o I'orario di lavoro ove la va-lutazione riveli un riscbjo ncr la ci^"'o--o e la salrlte. 3ì f-'ìne di evitare alie lavoratrict l'esnosizìone a1 rischio.

3 La valutazione consiste dunque ìn un esarne sistematico di tutti gli aspeli deli' attivita lavorativa per identificare le cause ptobabili di lesioni o danni e stabilíre in che modo tali cause possono essere limitate in modo da eliminare o ridurre i risciri. In parfi colar e Ia v ùtíaàone cornprende tre fasi : 1 - Identificazione dei pericoli ( agenti fisici, chimici e biologiei; movimenti e pslconslga; 90c.j di recente o lavoratrici chè allattano, ecc.) 3 - valutazione del rischio, natura e grado dell'esposizíone degli interessati Le Linee Direttrici a) definiscono:! Lavoratrice gestante I Lavoratrice puerpera E Lavoratrice in periodo di allattamento.posture; fatisa hanno pertoúto ogni lavoratrice gestante, puerpera e in allattarnento che lavoro, eonformemente a legislazioni e/o prassi nazionali; ixformi de1 suo stato il proprio datore di b) affermanol E L.? valutazjone non ri--suarda soltanto la lavoratrice. ma anche il nascitruo aitanamento: e il neonato in E Nei settori in cui si possonc prevedere dei pericoli per ia riproduzione e la gravidarz& e, necessario i rmare di essi " ttítti" i lavoratxi ( owiamente a partire dal Rappresentante d.ei iavoratori per ia sicurezza); E La risewatezza sullo " noto che una donna e' di trna donna significa anche che ii datore di lavoro aon può rendere se essa non lo desidera o non aa if suo lo";;;, E La valutazione del rischio deve tenere conto der parere der medico; E Per quanto concertre il rischio chirnico, si noti che di esposizione professionale nell'ambiente di lavoro per i lavoratori adulti e che rano a contatto pericolose con sosta*ze devono essere informate dei rischi addizionali che tali sostanze possono per comportare un nascituro o per un bambino durante l,allattamento: 'educazione. e' caratterizzato flortemente da una nelle llo sc moda islativi. Owiamente, poiché la p5. iamenti e sviluppi, anche le cori,j sul piano e delia saiute ner ciiv a_ncbe al endere il lavoro dopo sotlostant senerale mentre altri ali'anamnesi individ a. _ d.i dei e a!

4 MCVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICI-II.l FATTOBE DI RISCHIO: La movimentazione manuale dei carichi e' ritenuta rischiosa pcr la gravídanza in quanto può deterrr-inare lesioni al feto e un parto prematuro: 11 risshio dipende dallo sforzo, vale a dire dal peso del carico, dal modo con cui esso viene sollevato e dalla fuequenza con cui awiene il solievamento durante I'orario di lavoro. Con il progredire della gravidaruauna lavoratrice incinta e' esposta ad un rischio maggiore di lesioni a seguito della manipolnzjone manuale dei carichi. Cio' e' causato dal rilassamento ormonale dei legamenti e dai problemi posturali ingeneraheéalla glawdanza avanzal+ Vi sono inoltre rischi per Ie puer.dere, ad esernpio dopo un taglio cesareo che puo' determinare una limitazione temporanea deile capacita di sollevamento e di movimentazione. Le madri che allattano possono trovarsi a disagio a causa del1a loro maggiore sensibilità. MISURE DI PREVENZIONE: U ore di lavoro: 4 modifica la nàfura delle maasioni in modo da ridurre i rischi derivanti clalla movime ione manuale per tutti i lavoratori, comprese Ie lavoratrici gestantí o puerpere; s afhonta i fabbisogni specifici di tali lavoratrici e ridurre ta quantità rii iavoro fisico ov-vero fornire sussidi per ridu:re i rischi cui sono esposte; H evita la necessità di una movimentazione manuale dei carichi, valuta i rischi d.erivanti dalle operazìoni che non possono essere evitate, adotta le misure necessarie per ridu:re i rischi a ljveiio mlillmo. LEGISLAZIOT'M NAUANA DI RTFERIMENTO E D.Lgs E Allegato A del D.Lgs. 15l/2001 cornma 1

5 I MOVIMENN E POSTLIRE I FATTORE.DI RISCÉ{IO: o di patologie a diversi fattorì, arietà del lavoro ia tipologia d fattori ergonomici e l,ambiente lavorativo i' gó.r"ipro diverse fasi della gravidanza e ar ritomo al ravoro a seconda de lavoratric! delie loro mansioni e delle conrtizjoni di lavoro- Tali progredire della gravidanza soprattutto se l,attivita.o-po.tu *o oorpo e, esposto a un i sono rischi-inortre p che quali rag_lio ".r-i ravoratrice che ritoma al lavoro mboflebiteh4istire DI PREVENZONE: il datore di la.ce++: lattamento non siano esposte a: rischi di lesione _ movimsnti e i ma'sioni con posizio ne eretta o seciuta serlza LE.G]SLMIONE ITALIANA DI RIFERIMENTO D.Les

6 FATICA PSICOFTSICA E OP.ARI Dl LAVORO -l FATTORE DI RTSCHIO: Gli or':ri ci lavorc proiungati possono avere notevolí ripercussioní zul1a salute deile lavoratrici gestanti, puelperc o in periodo di allattamento- Non tuue le donne ne risentono allo stesso mo<io e rischi i correlati variano fipo di lavoro, delle condizioni di iavoro e delle person interessate' Tuttavia, I mentale piirhi*, " aumenta generaimente durante ra gravidan'a e nel periodo postnatale a causa deí fiversi cambiaroen{ fisiolog{ci. e non, che intervengona ffi MiSIIRE Di PREVENZIONE: I] datore di lavoro: E può adeguare t frequenza dslls e glí orarí e Ie altee condizioní di lavoro, compresi i teo-ryi e. Ia evitare risciú El assicura che siano evitafi periodi prolungati di mansioni con posizione erctta o seduia senza muov i LEGISLAZIONE ITAIJANA DI RIFERIMENTO D.Lgs. l,5ìl200i Ast- i2 i conseguenze dela valutazione)

7 FATTORE DI RISCHIO: in soggetti umani r i nella comunità, ma cituro in caso tipící sono ii rosolia e ia rischio di infezione non e, oir) elevajo sul posto MISURE DI PRE\ENZIONE: Il datore di lavot+: F usitamelte a] Medico Competente valuterà che la lavoratrice spstante eviti cualsíasi ecposizione' garantendo "o-*f,ne un adeguato monitorag:gio delle misure igieniche abit'ali- TEGISLAZ]ONE ITALIANA DI RIFERIMENTO D.Lgs. 626lg4per i gruppi 3 e 4 D.Lgs. 151/2001, comma 2 lettera A D.Lgs. 151/2001, Allegato B D-Lgs. 4 Agosro 1999 n. 345 D.Lgs. 18 Agosto 2000 n,?z

8 AGEhITI CHIMICI =nf FATTORE DI RTSCHiO: {Icune sostarze / preparati chimici sebbene abbiano s.lcur Zz4 p.non esseffi nessun rischio in pratie4 del livello d ocività. la.potenzialità di porre iu pericalo la salute o la ad esempio se l,esposizione rimane ai di sotto 151/2007' lavori vietati- al comma z leftena), tm i ravori faticosi he comportano rischio di esposizione agli agenti e ailavonindicati a) 'fffittà.ryry -*:i:.r g*), ggrrosivi ro. esptosivi {E) o asi ^sensi der D.Lgs- 3 /2/ r 997 n-sffi succ.irio" -oain"n"'.n b) -.8i128s; nocivi fin) ai sensi dei decreti regisrativi di cui al p'nto 3 a) e eomportanti uno o più rischi descritti dalle seguenti frasi R39; Pericolo di effetti irrevenibili molto gravi R40: Possibilità di effetti irreversibili 51?, l* provocare senslbitizz azjone mediaate inaiazione P-6: Può provoc ' ni genetijhe ereditarie 5f, i-ò provocare sensibilizza-ione per conta[o con la pelle R48: Pericoìo di p"i tu salute in caso di esposizione p *a R60: Può ridurre Ró c) íl rísclúo, descrifto dalla seguenb* rotezione individuaie:., DÈà f) amient+ on lapelle E-a3); s.626t94 MISURE DI PREVENZIONE: IÌ datore di lavoro: E Garantisce dispositivi al Medico elle affivifà e all'e-= é e da adottare iinitamente vi. LEGISLAZIONE ITAIIANA DI RTFERIMENTO fl.;:t ii".lq';l:r?o:,t.comma? lenera A. Ar-regato B D. L_ss p,rgr 4 ugo,to"iee e. n- 345 ".o"".,,jf'3.ú;^t iíi3i i;,ft-i. t5t/2001 i.rrt:.,**,íìz:igicneoeela!tòl"i';.í,i%j"f,",'f-,_ j"r:: ed eúcheftatura l.pericolosi) dei prepar+*!

9 IAVORI SU VIDEOTERMINALI FATTORF,DI RISC O: dai videoterminali e sui loro possibili effetti per 1e donne in graviden"4 nelia Direttiva 92185ICEF, íi Comitato colsultivo e i Comitati dí protezione radiologica trorl ritengono che i livelli di esposizione costituiscano un rischio significativo per la salute. Sono stati effeffuati diversi sfudi scientifi.ci, ma nel complesso dai risultati non e' emersa alcuna correiazione fra i rischi per gli effetti sulle dcnne in gravidanza e Le raciiazioni emesse MISURE DI PREUS{4+}q I1 detore di lavoro: É Sebbene aiia lusg delle prove scientifi.c.he non e' necessario che le donne gesraci cessino di lavorare ai videotemrinali, per evitare problemi di stress e da ansieta deile donne gestanli, it relazione soprattuito alla variazioni posturali legate ajja gravi<1anra stess4 e' possibile la modifica temporanea delle condizioni o dell'orario di lavoro ai sensi del D,Lgs, 645/L996, concernen+,e il migjioramento del1a sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti" v LEGISLAZiONE ITALIANA Di RiFERIMENTO D.Lgs titolo W come modificato dall'art. 21 della L.422l2QQ#

10 DELL'CRGANIZZAECNE DEL LAV* ASPETTI DELLA GRAVIDANZA Malessere mafhrfino FAfiORT SUL II.VORO Esposi one e ccjcn P o stura eretta/ movimentaz io*murrg V ene varicose, problemi "irìjuto.i Y icnanzajdisponibilita di S ta nchezzalfati ca./shess Staordinari, manc ri tmo/intensi ta del lavoro Malessere mathrtino CONCLUSIGNE Il D-Lgs- 151/2001 e' un gralde'passo avanti Eler rué rnigliore tufela dft didtto alla maternità e paternita già sancito rlall'46 27 detta costituzior,re della Repubblica ltaliar,,*.. ie condiziani di Iavoro devono""'assicuiare alla madre e al bambino una speciale adeguata prctezione,,. Non esitare ad infarmare ii datore di lavoro presentand.o la don:ta certificazioae,1i gral,ir.la*za al fine di poter athl2re' ruritamente ai giudì'i di idoneig e ai pareri rnedici del Servizio sanitario Nazionale o con esso convenzionato e al Medico competente, le dovute procedure previstei

11 La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza è stata effettuata sulla base:. di personali ripetute ricognizioni nelte unità scolastiche dipendenti;. di accurata e puntuare anarisi degfi infortuni accaduti ai ravoi'atori ed agri alunni delle diverse-unità scolastiche negli ar ni precedenti;.dipreventivaconsu tazionedeico aboratoriefiduciaridellediverseunità scolastiche. tale valutazione ha fatt sono ridotti al minimo' o in partiòotari situazioni che i rischi per la salute e la ffiangono situazioni di rischio ta' quali ad esempio: sicurezza dei per gli alunni r ingresso e uscita degli alunni; r vigilanza sugli ingressi e androni. intervalli di ricreazione;. utilizzo delte palestre e dei cortili;. spostamenti all'interno della scuola;. utilizzo di sussidi didattici;. conservazione detersivi ; o uscit didattiche e viaggi d'istruzione' fine cli elimtnare u qlranì{ilîcn di protezione da attuare at

12 dei +i ne si premette che ciascun lavoratore deve prendersi cura delle altre persone presenti sul luogo di lavoro (alunni), delle sue azioni o omissioni, conformemente alle istruzio I icurezza e di quella o ricadere gli effetti scrivente' ciascun lavoratore inoltre deve segnalare immediatamente allo scrivente le eventuali deficienze delle disposizioni impartite] nonché le altre eventuali condizioni di pericolo oi Îyi venga a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell'ambito delle pioéri" possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli, dandone nel contempo notizia allo scrivenie- Nel dettaglio, siforniscono le seguenti istruzioni: Gli alunni sono ammessi.all'interno della scuola primaria cinque minuti lezioni. ll perso durantea,éi.u'"ndo 'àccompagnamentone ascuo adei bambini bus' vigila sugìi ingressi, sugli androni e sui corridoi Gli insegnanti curricolari in servizio attendono gli alunni nell'atrio' Gli insegnanti in compresenza collaborano alla vigilanza negli androni e nei corridoi' dell'edificio..- Al termine delle lezioni, gli alunni delle scuoie primarie usciranno per ciare dal piano teria) e i docenti li accompagneranno fino all'uscita Nella scuola dell,infanzia, gli alunni verranno affidati dalle insegnanti personalmelte ai genitori o alle persone formalmente delegate al ritiro. Durante l'intervallo i'l-e.- va di norma dalle ore alle ore 10'45, gli attenzione sugli alunni. ll personale collaboratore androni, i corridoi, ibagni e gli ingressi' stessi. delle lezioni nella scuola primaria, che insegnanti vigileranno con particolare scoéstico collaborerà controllando gli che i giochi ii ual agli al''"ni r ed adjguati al dell te in cui sr uazioni di poten I'inc degli alunni Gli alunni di scuola primaria accederanno alle palestre durante gli cordati e sempre ordinatamente guidati dall'insegnante titolare di

13 educazione motoria. Gli interventi didattici terranno Contó déllé CÒmpétenze-sensoimotorie degli alunni. Poiche t'indagine statistica sugli inforluni avvenuti nell'ultimo triennio evùenzia che la ricreazione e lo svolgimento di attività motorie sono i momenti in cui si verifica la più alta percentuale di infortuni, si allega quanto previsto dal piano prevenzione rischi d'lstituto. L'insegnante che per qualche urgente' motivo debba assentarsi temporaneamente dall'aula, affiderà sempre la scolaresca ad altrc docenie dispoi-iibiie o ai personale ccllaboratore scolastico. assicurerà: ll personale collaboratore scolastico. che gli ingressi delle scuole siano sempre chiusi, sia durante lo svolgimento dell'attività didattica che durante lo svolgimento di riunioni ed attività amministrative;. che I'identità di persone sconosciute che chiedono di accedere alla scuola sia sempre acceftata e che le stesse siano accompagnate all'ufficio o dalle persone con cui chiedono di conferire; o che la vigilanza sugli ingressi sia, durante lo svolgimento delle attività didattiche, continua, al fine di evitare I'uscita dalla scuola di alunni non accompagnati da adulti;. che gli androni ed i corridoi siano sempre sorvegliati durante I'orario di lezione, al fine di controllare gli alunni che escono temporaneamente dalle aule. quelli a funzionamento elettrico, e I'accesso assicurato dal personale docente. Allo tempestivamente allo scrivente situazioni di sospenderne immediatamente I'utilizzo. L'utilizzo dei sussidi didattici, soprattutto ai laboratori sarà sempre personalmente - stesso va fatto obbligo di segnalare potenziale pericolo nonché, nel caso, di.- ll personale docente accompagnerà ordinatamente gli alunni nei refettori ed assicurerà costante servizio di vigilanza e assistenza educativa. Qualora il personale docente consumi il pasto a scuola, dovrà permanere nello stesso?iì locale in cui mangiano gli alunni. rti".- Si ricorda che durante gli interventi di "espedi" esterni alla scuola per lo svolgimento di attività specifiche o particolari progetti, la vigilanza sugli alunni

14 portata degli alunni e chiusi a chiave. - Tutti i detersivi mbienti appositi, ed i prodotti per posti fuori dalla.- Le dotazioni essere conservate in luogo non accessibile agli alunni, ma di personale dipendente. or pnmo soccorso devono immediato accesso per il attiverà per: Nel malaugurato caso cji incidente, di accada durante I'attività didattica il personale in servizio si 1' prestare gli interuenti primo soccorso, anche con riferimento all,attività di informazione posta rn essere (altegato n"15 del piano di prevenìione dei rischi); 2. awisare immediatamente questo ufficio; 3' traspoftare I'inforfunato al Pronfo Soccorso, se necessario e possibile, od eve n tu a I m e nte c h i e d e re I'i nte rve nto d e r I' a m b u I a n z a ; 4. awisare la famiglia dell,infortunato; 5' stendere dettagliata relazione sulfhfoftunio per le conseguenze assicurative e di responsabilità. chiama I'attenzione di attivazione durante le e il coinvolgimento e l, importanza di ente previste, lunni. Detto incarico comporta I'obbligo di andranno ammoniti preventívamente in scita. Anche nella scelta della durata e della destinazione vanno valutate le competenze di autonomía mostrate dagli alunni.

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI AI SENSI DEL DLGS 151/2001 E DLGS 81/2008 ISTITUTO COMPRENSIVO PIERACCINI FIRENZE- SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ISTITUTO PREMESSA La gravidanza

Dettagli

PREMESSA METODO E CRITERI UTILIZZATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PREMESSA METODO E CRITERI UTILIZZATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PREMESSA In ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs. 151 del 26 Marzo 2001 testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno alla maternità e della paternità, a norma dell art.

Dettagli

Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01)

Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01) ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01) LAVORATRICI GESTANTI, PUERPEREO IN PERIODO DI ALLATTAMENTO Scopo

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

PROCEDURA TUTELA LAVORATRICI MADRI E GESTANTI PROCEDURA TUTELA LAVORATRICI MADRI E GESTANTI

PROCEDURA TUTELA LAVORATRICI MADRI E GESTANTI PROCEDURA TUTELA LAVORATRICI MADRI E GESTANTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 02/12/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 10/12/2009 Tutte le copie cartacee

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero. LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.it INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008)

Dettagli

ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA TORRE DEL GRECO NA

ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA TORRE DEL GRECO NA ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA (redatto ai sensi del D.Lgs 81/2008 ) TORRE DEL GRECO NA Riferimenti normativi D. Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001: Testo unico delle disposizioni legislative

Dettagli

Alle docenti e non docenti interessate

Alle docenti e non docenti interessate ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVELLARA Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado Oggetto: Valutazione del rischio per la gravidanza ed il puerperio Premessa Alle docenti e non docenti interessate

Dettagli

All.to 10 lavoratrici in gravidanza S E D E D I LAVORATRICI IN GRAVIDANZA ALL.10

All.to 10 lavoratrici in gravidanza S E D E D I LAVORATRICI IN GRAVIDANZA ALL.10 S E D E D I R O M A V I A D E L S E R A F I C O, 1 0 7 LAVORATRICI IN GRAVIDANZA ALL.10-1 - RIFERIMENTI NORMATIVI 1. Testo Unico n. 151/2001 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela

Dettagli

INFORMATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LUOGHI DI LAVORO TUTELA LAVORATRICI MADRI

INFORMATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LUOGHI DI LAVORO TUTELA LAVORATRICI MADRI INFORMATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LUOGHI DI LAVORO TUTELA LAVORATRICI MADRI ISTITUTO COMPRENSIVO GIORGIO GABER..VIA TRIESTE N.85 LIDO DI CAMAIORE (LU). DATA AGGIORNAMENTO: FEBBRAIO 2014 DIRIGENTE

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS

Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS Circolare interna personale docente n. 92 Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS OGGETTO: informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Tutela della maternità e della paternità 1 LA TUTELA DELLA MATERNITA

Dettagli

Ai docenti e ai collaboratori scolastici Loro sedi Sito web. Comunicazione n. 2 ISTRUZIONI OPERATIVE ACCOGLIENZA E VIGILANZA ALLIEVI

Ai docenti e ai collaboratori scolastici Loro sedi Sito web. Comunicazione n. 2 ISTRUZIONI OPERATIVE ACCOGLIENZA E VIGILANZA ALLIEVI M.I.U.R - Ufficio scolastico Regionale per il Lazio Via Luchino Dal Verme, 109 00176 Roma XIV Distretto - C.M. RMIC8EV004- C.F. 97713260582 tel/fax 06-21701558 RMIC8EV004@istruzione.it Sede Scuola secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I. I. S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE LAVORATRICI MADRI

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE LAVORATRICI MADRI ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 6 Via dell Armonia, 77 06132 PERUGIA Tel. 075 774129 Fa 075 774688 e mail: pgic867009@istruzione.it Codice Fiscale 94152400548 Codice Meccanografico: PGIC867009 VALUTAZIONE

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/08 Prima del D.Lgs 626/94 il lavoratore era visto come un soggetto passivo destinatario delle misure

Dettagli

LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE

LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE D I S P E N S A M O N O G R A F I C A Sommario 1. Fonti normative 2. Tutela delle lavoratrici madri in genere 3. Divieto di adibire le lavoratrici a lavori gravosi o pregiudizievoli

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro

Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro kiker Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE IL D.LGS.81/2008: TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO L evoluzione Normativa

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI Egr. Sig. Lavoratori... Oggetto: 1. Obblighi lavoratori ex artt. 20 e 44 D.Lgs. 81/2008. 2. Lavoratrici madri. 3.

Dettagli

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni Circolare n. 11 Muravera, 16/09/2015 Ai Docenti Agli ATA Loro Sedi E p.c. Al Dsga Agli Atti Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni La vigilanza è un obbligo che investe tutto

Dettagli

estesa a 7 mesi dopo il parto ).

estesa a 7 mesi dopo il parto ). 4.2 L ASTENSIONE DAL LAVORO PRIMA DEL PARTO O ESTESA A 7 MESI DOPO IL PARTO PER MANSIONI O CONDIZIONI DI LAVORO A RISCHIO (SPOSTAMENTO AD ALTRE MANSIONI: ADEMPIMENTI IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E

Dettagli

Punto 1 Introduzione. Punto 2 Oggetto e definizioni

Punto 1 Introduzione. Punto 2 Oggetto e definizioni LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE DI COMPORTAMENTO PER LA CORRETTA GESTIONE DELLA GRAVIDANZA, DEL PUERPERIO E DELL ALLATTAMENTO FINO A 7 MESI DOPO IL PARTO Punto

Dettagli

Oggetto: Informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento D.L.vo n. 151/2001, D.L.vo n. 81/2008.

Oggetto: Informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento D.L.vo n. 151/2001, D.L.vo n. 81/2008. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TRESCORE B.RIO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Via Lorenzo Lotto, 15-24069 TRESCORE BALNEARIO (BG) Tel 035/940086 Fax 035/945451 www.ictrescorebalneario.it

Dettagli

(Contenuti definitivi. La redazione del testo è in fase di perfezionamento) INDICE PREFAZIONE INTRODUZIONE L'approccio alla valutazione del rischio

(Contenuti definitivi. La redazione del testo è in fase di perfezionamento) INDICE PREFAZIONE INTRODUZIONE L'approccio alla valutazione del rischio LAVORO E MATERNITA' LINEE DIRETTRICI PER LA VALUTAZIONE DEGLI AGENTI CHIMICI, FISICI E BIOLOGICI NONCHE DEI PROCESSI INDUSTRIALI RITENUTI PERICOLOSI PER LA SICUREZZA O LA SALUTE DELLE LAVORATRICI GESTANTI,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli

Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli Ist. Comprensivo di San Daniele" del Friuli VALUTAZIONE LAVORATRICI MADRI Rev 01 del 01/09/2012 Pagina 1 di 7 Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli Sede Legale - Via Kennedy, 11-33038

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 28 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151

VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 28 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151 Rev. 0 Pag. 1 di 1 VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 8 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 6 marzo 001, n. 151 TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE IN MATERIA DI TUTELA E

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

il seguente regolamento con il fine di indicare le regole per creare nell'istituto un sereno ed ordinato ambiente di vita scolastica.

il seguente regolamento con il fine di indicare le regole per creare nell'istituto un sereno ed ordinato ambiente di vita scolastica. ISTITUTO VIA F. SANTI 65 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; VISTO IL POF

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt

` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt ` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO D ALESSANDRO VOCINO VIA DEI SANNITI, 12 TEL./FAX 0882/473974 71015 SAN NICANDRO GARGANICO (FG) COD. MECC. FGMM141008;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Statuto e Regolamenti DECRETO Rep. n. 3711-2010 - Prot. n. 75119 Anno 2010 Tit. I Cl. 3 Fasc. 7 Oggetto: Regolamento per la frequenza

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

Procedura per le lavoratrici in stato di gravidanza PROCEDURA PER LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA DICHIARAZIONE STATO DI GRAVIDANZA

Procedura per le lavoratrici in stato di gravidanza PROCEDURA PER LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA DICHIARAZIONE STATO DI GRAVIDANZA Pagina 1 di 8 PROCEDURA PER LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA DICHIARAZIONE STATO DI GRAVIDANZA La sottoscritta In attività presso il Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentarie e Ambientali In qualità

Dettagli

PROCEDURA PER LE LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA

PROCEDURA PER LE LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA PROCEDURA PER LE LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA RIFERIMENTI NORMATIVI Testo Unico n. 151/2001 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità,

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA

PROCEDURA DI SICUREZZA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 5 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa da S.P.P.R.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI. Egr. Sig. Lavoratori...

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI. Egr. Sig. Lavoratori... NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI Egr. Sig. Lavoratori... Oggetto: 1. Obblighi lavoratori ex artt. 20 e 44 D.Lgs. 81/2008. 2. Lavoratrici madri. 3.

Dettagli

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO 18/08/2014 REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO PREMESSA Le norme scritte in questo documento mirano a regolare la vita interna della Scuola primaria paritaria

Dettagli

TUTELA LAVORATRICI GESTANTI. Copyright Diritti riservati

TUTELA LAVORATRICI GESTANTI. Copyright Diritti riservati TUTELA LAVORATRICI GESTANTI Copyright Diritti riservati LAVORATRICI MADRI ASPETTI ERGONOMICI ATTIVITÀ IN POSTURA ERETTA PROLUNGATA POSTURE INCONGRUE Maggior volume sanguigno e aumento delle pulsazioni

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 DISPOSIZIONI ACCOGLIENZA MODELLO ORGANIZZATIVO ADOTTATO DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AI SENSI DEL D.LGS N.81-2008 Titolo I - Organi e soggetti tenuti alla regolazione e alla realizzazione della

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

-ingresso, per la scuola primaria, ore 8.30. -ingresso, per la scuola dell infanzia, è dalle 8.00 alle 9.00.

-ingresso, per la scuola primaria, ore 8.30. -ingresso, per la scuola dell infanzia, è dalle 8.00 alle 9.00. ISTITUTO VIA F. SANTI 65 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; VISTO IL POF

Dettagli

L evoluzione normativa

L evoluzione normativa L evoluzione normativa La prima produzione normativa in tema di sicurezza sul lavoro risale alla fine del secolo XIX. Il legislatore dell epoca considerava gli infortuni sul lavoro un fattore inevitabile

Dettagli

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Cinzia Frascheri Giuslavorista Responsabile nazionale CISL salute e sicurezza sul lavoro Tutti i

Dettagli

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013 DIARIO 81 Marzo 2013 DIARIO 81 Questa pubblicazione denominata DIARIO 81 è rivolta a clienti, colleghi e collaboratori, e nasce per dare risposte alle numerose sollecitazioni pervenute circa l applicazione

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI Articolo 1 - Premessa 1. Di seguito sono riassunte le norme generali di prevenzione e quelle di emergenza, alle quali tutti gli studenti-ospiti dell Università

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

SINTESI D.L. N. 81/2008

SINTESI D.L. N. 81/2008 SINTESI D.L. N. 81/2008 LA SICUREZZA NELL AMBITO SCOLASTICO LA TUTELA DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Il decreto legislativo 81/ 08 prescrive le misure finalizzate alla tutela della salute e alla

Dettagli

VIGILANZA SUGLI ALUNNI

VIGILANZA SUGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO COMO PRESTINO-BRECCIA Via Picchi 6-22100 COMO Tel. 031507192 Fax 031 004738 C.F. 80020220135 coic81300n@istruzione.it VIGILANZA SUGLI ALUNNI REGOLAMENTO concernente la disciplina della

Dettagli

Ai Docenti Ai Collaboratori scolastici Al DSGA Al sito web

Ai Docenti Ai Collaboratori scolastici Al DSGA Al sito web Scuola Secondaria di primo grado «A. Criscuolo» Via M. Ferrante n. 6-84016 - Pagani (Salerno) Tel. & Fax 081/916424 Autonomia Scolastica 57 www.scuolacriscuolopagani.gov.itt e-mail: samm13400c@istruzioni.it

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010

WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010 WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010 LEGISLAZIONE E NORMATIVE IN MATERIA DI TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DEL LAVORO AUSL di Bologna e Imola Dipartimento

Dettagli

D. LGS 81/2008. Il D.Lgs. 81/08 definisce all'art. 2:

D. LGS 81/2008. Il D.Lgs. 81/08 definisce all'art. 2: D. LGS 81/2008 La prevenzione ed il ruolo dell'informazione, formazione e addestramento dei lavoratori Il D.Lgs. 81/08 definisce all'art. 2: Formazione: processo educativo attraverso il quale trasferire

Dettagli

TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE MADRE

TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE MADRE TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE MADRE La tutela della sicurezza e della salute della lavoratrice madre è governata dal D. Lgs. n. 81/2008 (Testo Unico della sicurezza sul lavoro)

Dettagli

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Fattori di rischio Identificazione delle principali tipologie di fattori di rischio RISCHI PER LA SICUREZZA

Dettagli

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE In questa unità didattica approfondiremo la conoscenza di alcune figure, già viste in precedenza e che sono presenti anche nel nostro Istituto In particolare parleremo di: datore di lavoro: Dirigente Scolastico;

Dettagli

MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA

MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO CROCE Via Porrettana, 97 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel.051 598372 fax 051 6192124 e-mail: iccroce@iccroce.org sito web:

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro Francesco Stucchi Fonti D.Lgs.81/08 Art. 2 (Definizioni) 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

TABELLA TEMPI E NORME DI RIFERIMENTO Documentazione Designazione del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) Attestato di formazione per svolgere la funzione di RSPP Documento di valutazione

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 07 PAGINA 1 di 3 SOMMARIO PREMESSA... 2 INFORMAZIONE...2 FORMAZIONE...2 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Gazzetta ufficiale n. L 348 del 28/11/1992 pag. 0001 0008

Gazzetta ufficiale n. L 348 del 28/11/1992 pag. 0001 0008 Direttiva 92/85/CEE del Consiglio, del 19 ottobre 1992, concernente l'attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere

Dettagli

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione 1 2 Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione protezione,rls e lavoratori, consistente nello svolgimento

Dettagli

PREMESSO CHE: Le misure organizzative di seguito riportate riguardano la vigilanza degli alunni:

PREMESSO CHE: Le misure organizzative di seguito riportate riguardano la vigilanza degli alunni: Prot. n Circ. n. Salò, 20 settembre 2014 Al D.S.G.A. Al personale docente e ATA Agli studenti e genitori All Albo e sito WEB Oggetto: Informativa sulla vigilanza sugli alunni. PREMESSO CHE: 1. la Scuola

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 SOMMARIO PREMESSA... 2 INFORMAZIONE...2 FORMAZIONE...2 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

La sicurezza nelle attività di volontariato

La sicurezza nelle attività di volontariato La sicurezza nelle attività di volontariato 1 Il D. Lgs. 81/08 Articolo 3 Campo di applicazione Il presente decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le

Dettagli

LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA E dopo il parto

LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA E dopo il parto PREVENZIONE E TUTELA LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA E dopo il parto TUTELA DELLA MATERNITà D.Lgs. 151/2001 VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 81/2008 3 Premessa IL

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio XV Ambito territoriale per le provincie di Palermo 1 NORMATIVA ARTICOLO 18 comma 3 del D.L.

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER L organizzazione aziendale per la sicurezza Ing. Stefano Bergamasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e

Dettagli

Normativa sul miglioramento sicurezza e tutela della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro

Normativa sul miglioramento sicurezza e tutela della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro Normativa sul miglioramento sicurezza e tutela della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro con il decreto legislativo n. 626/94 modificato e integrato da una serie di decreti comparsi successivamente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA M. Norme operative accesso ai laboratori

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA M. Norme operative accesso ai laboratori DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 09 PAGINA 1 di 2 PROCEDURA M Norme operative accesso ai laboratori Il presente allegato costituisce una

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

IL SISTEMA SICUREZZA

IL SISTEMA SICUREZZA OSTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 IL SISTEMA SICUREZZA Formazione relativa alla tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Comune di LICATA (AG) ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE F. RE CAPRIATA INFORMAZIONE

REGIONE SICILIANA. Comune di LICATA (AG) ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE F. RE CAPRIATA INFORMAZIONE REGIONE SICILIANA Comune di LICATA (AG) ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE F. RE CAPRIATA INFORMAZIONE (ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/2008) DOCENTI E ATA PRESENTAZIONE Il Decreto Legislativo

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTEBELLO VICENTINO (VI) 36054 - MONTEBELLO VIC.NO - Via G. Gentile, 7 Tel. 0444/649086 - Fax 0444/649016 - e-mail:

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA

DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA Sommario SOMMARIO Presentazione... XIII Nota sull autore... XV Capitolo I DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA 1. Le fonti... 1 2. Le direttive comunitarie... 2 3. Soggetti tutelati, ambito di applicazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Viale Carlo Alberto dalla Chiesa, 1 Tel. 011/9882714 - fax 9829280- e-mail: toee17500q@istruzione.it 10088 VOLPIANO (TO)

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Viale Carlo Alberto dalla Chiesa, 1 Tel. 011/9882714 - fax 9829280- e-mail: toee17500q@istruzione.it 10088 VOLPIANO (TO) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Viale Carlo Alberto dalla Chiesa, 1 Tel. 011/9882714 - fax 9829280- e-mail: toee17500q@istruzione.it 10088 VOLPIANO (TO) Prot. n. 2484 Volpiano, 02.09.2013 Circ.n. 5 Agli insegnanti

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. La valutazione dei rischi

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. La valutazione dei rischi La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione La valutazione dei rischi 0 Presentazione La misura fondamentale che il datore di lavoro deve adottare per garantire la tutela della salute e della sicurezza

Dettagli