COMUNE DI NOVARA Servizi Sociali e Politiche della Casa Unità Progetti Educativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NOVARA Servizi Sociali e Politiche della Casa Unità Progetti Educativi"

Transcript

1 COMUNE DI NOVARA Servizi Sociali e Politiche della Casa Unità Progetti Educativi Documento contenente: le Informazioni sui Rischi Specifici ai sensi dell art. 26 c. 1 lett. b) D.Lgs.81/08 e smi la Valutazione dei rischi interferenze ai sensi dell art. 26 c. 3 D.Lgs.81/08 e smi i Costi per la Sicurezza dell Appalto ai sensi dell art. 26 c. 5 D.Lgs.81/08 e smi AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI: SOSTEGNO EDUCATIVO A BAMBINI PORTATORI DI HANDICAP INSERITI NEI SERVIZI SOCIO EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA INTEGRAZIONE DEL PERSONALE EDUCATIVO NEI CASI DI ASSENZE TEMPORANEE NEGLI ASILI NIDO E NELLO SPAZIO GIOCO (SERVIZI INTEGRATIVI) SOSTITUZIONE DEGLI ESECUTORI SCOLASTICO/EDUCATIVI-PERSONALE COMUNALE DEGLI ASILI NIDO - IN CASO DI ASSENZE TEMPORANEE PROLUNGAMENTO ORARIO DEL SERVIZIO ASILO NIDO/PROGETTI SPECIFICI ALL INFANZIA E ALLA FAMIGLIA BIDELLERIA E PULIZIA PRESSO GLI ASILI NIDO, LO SPAZIO GIOCO (SERVIZI INTEGRATIVI) ED IL CENTRO PER LE FAMIGLIE FORNITURA DEI PRODOTTI PER LA PULIZIA, PER IL CAMBIO DEI BAMBINI, PER L IGIENE E MATERIALE VARIO LAVANDERIA, STIRERIA E TRASPORTO BIANCHERIA PER GLI ASILI NIDO E LO SPAZIO GIOCO (SERVIZI INTEGRATIVI) USO, MANUTENZIONE, SOSTITUZIONE, RIPARAZIONE DI MACCHINARI ED ATTREZZATURE PERIODO: C.I.G Comune di Novara Nucleo Sicurezza sul Lavoro

2 INDICE 1 INFORMAZIONI GENERALI SULL ENTE COMUNE DI NOVARA 2 CRITERI ADDOTTATI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA 3 ATTIVITA OGGETTO DEL CONTRATTO 3.1 DURATA DEL SERVIZIO 3.2 INDIVIDUAZIONE DI UN REFERENTE ED ATTIVITA DI COORDINAMENTO 4 LUOGHI DI LAVORO OGGETTO DELL ATTIVITA APPALTATA INFORMAZIONI E RISCHI PRESENTI 5 VERIFICA DEI REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI DELL APPALTATORE 6 VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE 7 COSTI DELLA SICUREZZA 8 REGOLE DA APPLICARSI 9 ALLEGATI FIRME 2

3 1 - INFORMAZIONI GENERALI SULL ENTE COMMITTENTE Sede Legale: Comune di Novara Via F.lli Rosselli, 1 Novara Telefono: Datori di Lavoro Comune di Novara Dr. Daglia Filippo Tel Arch. Nannini Elena Tel Dr. Santacroce Dario Tel Dirigente Committente Dr. Brusati Marco Tel R.U.P. Sede Operativa Appalto Vedi elenco Allegato 1 Referente/Preposto alla Vigilanza del D.U.V.R.I. Dr.ssa Mattioli Maria Tel A.S.L. Competente Novara Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Ing. Scroffi Piero Tel Responsabile Nucleo Sicurezza Servizio Personale e Organizzazione Gabriella Gentile Tel Medico Competente: Dr.ssa Leurini Daniela Tel Rappresentante dei per la Sicurezza: Attività Esercitata Categoria ( Codice ATECO) Tel Vitulano Luigi Cell Tel Imeri Roberto Tel Vitillo Filomena Tel Pubblica Amministrazione O - 84: Pubblica Amministrazione Partita IVA Dotazione Organica 31/12/

4 2 - CRITERI ADDOTTATI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PREMESSA NORMATIVA L art. 26 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. prevede che qualora vengano affidati lavori, servizi e forniture ad impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all interno della propria azienda, o di una singola unità produttiva della stessa, nonché nell ambito dell intero ciclo produttivo dell azienda medesima, sempre che abbia la disponibilità giuridica dei luoghi in cui si svolge l appalto o la prestazione di lavoro autonomo, ad esempio lavori di manutenzione, pulizia, ecc., insorgano precisi obblighi prevenzionistici, a carico sia del committente, che dei datori di lavoro o dei lavoratori autonomi e delle imprese incaricate dell esecuzione dei lavori o della prestazione dell opera. Gli obblighi fondamentali prescritti dall art. 26 consistono nella verifica eseguita attraverso le seguenti modalità: (comma 1) acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato; acquisizione dell autocertificazione dell impresa appaltatrice o dei lavoratori autonomi del possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale, ai sensi dell articolo 47 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al Decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445; (comma 2) comunicazione, per iscritto, da parte del Committente delle informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente di lavoro, dove sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione ed emergenza adottate in relazione alle attività; coordinamento, tra datori di lavoro, appaltatori e Committente, degli interventi di prevenzione e protezione dai rischi, con scambio reciproco di informazione anche al fine di eliminare i rischi dovuti alle interferenze tra lavori delle diverse imprese coinvolte nella realizzazione dell opera complessiva, redigendo il Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze, di seguito DUVRI, (comma 3), ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze ovvero individuando, limitatamente ai settori di attività a basso rischio di infortuni e malattie professionali, con riferimento sia all attività del datore di lavoro committente, sia alle attività dell impresa appaltatrice e dei lavoratori autonomi, un proprio incaricato, in possesso di formazione, esperienza e competenza professionali, adeguate e specifiche in relazione all incarico conferito, nonché di periodico aggiornamento e di conoscenza diretta dell ambiente di lavoro, per sovrintendere a tali cooperazione e coordinamento. In caso di redazione del documento esso è allegato al contratto di appalto o di opera e deve essere adeguato in funzione dell evoluzione dei lavori, servizi e forniture. Tale attività di valutazione delle interferenze, è redatto, ai fini dell affidamento del contratto, dal soggetto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dello specifico appalto al Datore di lavoro e non si estende ai rischi specifici dell appaltatore. Indicazione dei costi relativi alla sicurezza del lavoro con particolare riferimento a quelli propri connessi allo specifico appalto. Per le sedi di lavoro dove il Datore di lavoro non coincide con il Committente la valutazione viene eseguita in modo ricognitivo dei rischi standard relativi alla tipologia della prestazione che potrebbero potenzialmente derivare dall esecuzione del contratto (comma 3-ter). Il soggetto presso il quale deve essere eseguito il contratto, prima dell inizio dell esecuzione, integra il presente documento riferendolo ai rischi specifici da interferenza presenti nei luoghi in cui verrà espletato l appalto; l integrazione, sottoscritta per accettazione dall esecutore, integra gli atti contrattuali (comma 3- ter). Per tutto il resto ciascun Datore di lavoro dovrà provvedere automaticamente alla tutela dei propri prestatori di lavoro (le disposizioni...omissis...non si applicano ai rischi specifici propri dell attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi art. 26 comma 3 D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i.). Ferme restando le disposizioni di verifica (comma1) e l obbligo di collaborazione e coordinamento (comma 2), al fine di eliminare i rischi da interferenza, l obbligo di cui redigere il DUVRI (comma 3) non si applica ai servizi di natura intellettuale, alle mere forniture di materiali o attrezzature, ai lavori o servizi la cui durata non è superiore a cinque uomini-giorno, sempre che essi non comportino rischi derivanti dal rischio di incendio di livello elevato, ai sensi del Decreto del Ministro dell interno 10 marzo 1998, pubblicato nel supplemento ordinario n. 64 alla Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 1998, o dallo svolgimento di attività in ambienti confinati, di cui al regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 14 settembre 2011, n. 177, o dalla presenza di agenti cancerogeni. (comma 3-bis) 4

5 OBIETTIVO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazioni dei rischi da interferenza di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i e contenuta nel DUVRI, deve essere obbligatoriamente allegata al contratto con le imprese appaltatrici, cooperative e lavoratori autonomi. Tale valutazione ha lo scopo di: individuare tutti i pericoli di interferenza fra i lavoratori (del Committente e terzi); valutare l effettivo rischio di interferenza, sulla base delle modalità operative ed organizzative adottate nell esecuzione dell opera o della prestazione; individuare le misure tecniche e/o organizzative mirate all eliminazione del rischio interferenza ; tutelare, quindi, i lavoratori dai danni che potenzialmente potrebbero impattare sia sui dipendenti dell appaltante, che su quelli dell appaltatore, mentre per il resto ciascun datore di lavoro deve provvedere autonomamente alla tutela dei propri prestatori d opera subordinati, assumendone la relativa responsabilità. METODOLOGIA SEGUITA NELLA VALUTAZIONE DELLE INTERFERENZE Le fasi seguite nella valutazione del rischio sono schematizzate come segue: raccolta delle informazioni necessarie alla predisposizione del DUVRI sulla scorta delle esperienze passate e mediante l applicazione del quadro di riferimento normativo e di buona tecnica, che permettono di verificare tutti gli aspetti, utili alla identificazione e quantificazione delle eventuali situazioni pericolose. Inoltre per la determinazione del Rischio, si è tenuto conto oltre che delle esperienze lavorative, gestionali e organizzative, anche delle statistiche degli infortuni accaduti alla mansione durante il corso degli anni e meglio integrate dopo il perfezionamento della gara attraverso il confronto tra i datori di lavoro e le imprese vincitrici; censimento delle tipologie di lavoro, degli orari di lavoro delle strutture e delle ditte coinvolte per l esecuzione dei lavori in appalto; raccolta delle informazioni necessarie attraverso i Documenti di Valutazione dei Rischi (di seguito DVR) dei luoghi di lavoro forniti dal Datore di Lavoro, il DVR specifico dell impresa appaltatrice, rispetto ai rischi importati, il coordinamento e il confronto con tra le parti interessate; identificazione dei pericoli e dei rischi da interferenza; valutazione del rischio di interferenza ed elaborazione di un giudizio di gravità, individuazione delle misure tecniche e/o organizzativo/procedurali per la riduzione del rischio in riferimento alle norme, alle procedure ed alle regole di buona tecnica; realizzazione del DUVRI; identificazione dei costi relativi alla sicurezza da interferenze; per le sedi di lavoro dove il Datore di lavoro non coincide con il Committente il soggetto presso il quale deve essere eseguito il contratto, prima dell inizio dell esecuzione, integra il presente documento riferendolo ai rischi specifici da interferenza presenti nei luoghi in cui verrà espletato l appalto; l integrazione, sottoscritta per accettazione dall esecutore, integra gli atti contrattuali; il DUVRI potrà subire aggiornamenti, sulla base del coordinamento e la cooperazione, attraverso il confronto con l impresa appaltatrice, il datore di lavoro gestore e il datore di lavoro committente, per intervenute modifiche operative, modifiche contrattuali, di carattere tecnico (es. utilizzo di nuove attrezzature ed impianti), organizzativo (turni di lavoro, squadre, etc.); compito del Committente provvedere agli aggiornamenti della documentazione tecnica e contrattuale di riferimento (DUVRI e costi per la sicurezza). VALUTAZIONE RISCHI Dalla valutazione del rischio discende l individuazione delle corrette misure di prevenzione e protezione e la loro attuazione e pianificata nel tempo. La valutazione viene eseguita applicando la Matrice di Valutazione Rischi qui descritta : La stima di ciascuna situazione pericolosa individuata, al fine di valutarne la gravità va eseguita sulla base di apposite scale graduali semiquantitative del livello di danno ipotizzabile (D), della probabilità che questo si verifichi (P) e del livello di rischio conseguente (R), determinato come prodotto dei precedenti (R = P x D). La scala delle probabilità P (vedere Tab. 1) fa riferimento all esistenza di una correlazione fra la carenza riscontrata e il verificarsi di conseguenze dannose per tutto il personale; 5

6 Tabella 1: Scala delle probabilità di accadimento P Valore Livello Definizione 4 Molto probabile 3 Probabile 2 Poco probabile 1 Improbabile Esiste una correlazione diretta tra la frequenza, la carenza riscontrata ed il danno ipotizzato. Sono noti danni verificati per lo stesso tipo di carenza in situazioni simili. Il verificarsi del danno alla mancanza rilevata non susciterebbe alcun stupore (evento è largamente atteso) la mancanza rilevata può provocare un danno anche se non in modo automatico o diretto. Sono noti alcuni episodi in cui la frequenza e la alla carenza ha fatto seguito il danno. Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe una moderata sorpresa. la frequenza e la carenza può provocare un danno solo in circostanze sfortunate di eventi: sono noti solo rari episodi già verificatisi. Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe grande sorpresa. La mancanza rilevata può provocare un danno per la concomitanza di più eventi poco probabili e indipendenti. Non sono noti episodi che si siano già verificati per tale frequenza e carenza Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe incredulità. La scala del livello di danno D (vedere Tab. 2) fa riferimento al livello di gravità in termini di danni alla salute o di incolumità dei lavoratori, in conseguenza del verificarsi dell evento: Tabella 2: Scala dell entità del danno D Valore Livello Definizione 4 Molto grave 3 Grave Infortunio o episodio di esposizione acuta o cronica con effetti letali e/o gravemente e/o talmente invalidanti Infortunio o episodio di esposizione acuta con effetti di invalidità parziale Esposizione cronica con effetti irreversibili e/o parzialmente invalidanti 2 Da non trascurare Infortunio o episodio di esposizione acuta o cronica con effetti reversibili 1 Lieve Infortunio o esposizione acuta o cronica con effetti rapidamente reversibili La scala di rischio R (vedere Tab. 3) quantifica la potenzialità complessiva del rischio preso in esame. Nel processo di valutazione dei rischi, occorre precisare che il rischio R, risultante in prima battuta, esprime il valore del rischio cosiddetto intrinseco: cioè il rischio R come risultato del prodotto di P X D in assenza di misure volte a ridurlo. Tabella 3: Scala di potenzialità del rischio R (P*D) Scala delle probabilità di accadimento P Scala dell entità del danno D Da non Molto Lieve Grave trascurare grave Molto probabile Probabile Poco probabile Improbabile R Azioni Interventi immediati Azioni correttive indilazionabili Azioni correttive urgenti Az. Correttive da segnalare in programmazione 6

7 Una volta determinato il valore R, la valutazione del rischio non è ancora terminata: si studiano e si mettono in atto quelle misure ed azioni di prevenzione e protezione di tipo tecnico e organizzativo, come : le procedure di lavoro, l'informazione, la formazione, l addestramento del personale, l ergonomia, la messa a disposizione di strumenti, attrezzature, sistemi di protezione collettiva o individuale, il controllo, misure che possono incidere e ridurre la probabilità di accadimento P. Tale valore determinato K andrà sottratto a P in questo modo il prodotto dei due fattori restituirà un valore più basso P1, determinato a seconda delle misure attuate. P1 = P K ( vedere tabella 4) Tabella 4 : Scala delle probabilità P1 a seguito delle misure in atto (procedure formazioneinformazione- DPI ecc.) Valore Livello di incidenza Definizione - 4 Determinante Le misure ed azioni intraprese determinano l annullamento del rischio - 3 Alto - 2 Medio Le misure ed azioni intraprese determinano una scarsa probabilità di accadimento Le misure ed azioni intraprese determinano la diminuzione della probabilità di accadimento - 1 Basso Le misure ed azioni intraprese abbassano la probabilità di accadimento La valutazione prosegue al fine di valutarne la gravità va eseguita sulla base della scala graduale del livello di danno ipotizzabile (D), della probabilità che questo si verifichi anche a seguito delle misure già in atto P1 e del livello di rischio conseguente R1, determinato come prodotto dei precedenti R1 = P1 * D, determinando la stima del rischio applicando la Scala di potenzialità del rischio R (vedi Tabella 3 e le azioni da intraprendere vedi tabella 5). ESEMPIO: Descrizione Rischio Perforazione del piede P D R Intervento Calzature con lamina antiperforazione Valore K P1 D R1 RISCHIO BASSO 7

8 Tabella 5 : AZIONI DA INTRAPRENDERE Livello Rischio Intervento R = 4 Descrizione LIVELLO DI RISCHIO MEDIO-ALTO livello di rischio di interferenza tale, per cui le misure si intendono prescrittive e da attuarsi immediatamente, al fine del ripristino delle condizioni di compatibilità. LIVELLO DI RISCHIO BASSO-TRASCURABILE Dettaglio sulle modalità di attuazione Misure organizzativo - gestionali che determinino uno sfasamento fisico o temporale delle attività valutate come non compatibili. Si tratta ad esempio di restrizioni di carattere fisico, delimitazioni, etc. Restrizione di una o più attività delle aziende terze permessi di lavoro Sfasamento delle attività o di parte di esse Verifica SPP aziendale sulla necessità di istituire ulteriori forme di controllo. Vigilanza dei preposti Queste misure sono da adottare anche in caso di situazioni lavorative non completamente preventivabili (es. riparazioni urgenti, etc.) Intervento R = <4 livello di rischio di interferenza tale da potersi considerare trascurabile, nelle condizioni operative note e così come definite dal capitolato e dagli accordi tra le parti Mantenimento delle condizioni operative note, valutate e definite dal capitolato e dagli accordi tra la parti. Verifica SPP aziendale sulla necessità di istituire ulteriori forme di controllo. Vigilanza dei preposti. CONCLUSIONI Il processo che porta all'emissione della valutazione dei rischi quindi si può riassumere nelle seguenti fasi: - Descrizione delle attività - Individuazione dei pericoli dell'attività - Individuazione della probabilità che accada, ipotizzabile per quel pericolo P - Individuazione del danno massimo ipotizzabile per quel pericolo D - Il prodotto di questi fattori da R, il rischio senza correttivi: R = P x D - Individuazione delle misure già in atto (es. DPI, procedure,formazione; ecc..). - Valutazione di esse attribuendo loro un valore K: tale valore inciderà, abbassando il valore, sulla probabilità P, dandomi P1 = P K - Individuazione del Rischio R1 = P1 x D e scala di potenzialità del rischio - La valutazione di eventuali misure ulteriori da implementare per ridurre ulteriormente il rischio Nella logica del miglioramento continuo, la valutazione del rischio che ne scaturisce, è il punto di partenza per attuare un miglioramento costante nelle misure di sicurezza atto a rendere il posto di lavoro, il più sicuro possibile. La valutazione del rischio va aggiornata ogni qualvolta intervengano modifiche, di qualunque genere, nell'attività di lavoro in grado di concretizzare nuovi e diversi rischi 8

9 3 - ATTIVITA OGGETTO DEL CONTRATTO Le attività oggetto dell appalto, riguardano la gestione dei servizi di: sostegno educativo a bambini portatori di handicap inseriti nei servizi socio educativi per la prima infanzia integrazione del personale educativo nei casi di assenze temporanee negli asili nido e nello spazio gioco (servizi integrativi) sostituzione degli esecutori scolastico/educativi-personale comunale degli asili nido - in caso di assenze temporanee prolungamento orario del servizio asilo nido/progetti specifici all infanzia e alla famiglia bidelleria e pulizia presso gli asili nido, lo spazio gioco (servizi integrativi) ed il centro per le famiglie fornitura dei prodotti per la pulizia, per il cambio dei bambini, per l igiene e materiale vario lavanderia, stireria e trasporto biancheria per gli asili nido e lo spazio gioco (servizi integrativi) uso, manutenzione, sostituzione, riparazione di macchinari ed attrezzature I servizi devono essere espletati secondo le esigenze poste dal normale svolgimento dell anno scolastico comprese le attività preparatorie di fine agosto per l avvio e le attività di centro estivo nel mese di luglio, e secondo le esigenze poste da possibili variabili strutturali e/o organizzative. I servizi si devono svolgere nell osservanza del presente capitolato e della normativa vigente in materia di retribuzioni, assistenza, previdenza, igiene e sicurezza per il personale impiegato DURATA DEL SERVIZIO Dal al INDIVIDUAZIONE DI UN REFERENTE ED ATTIVITA DI COORDINAMENTO, COOPERAZIONE, VIGILAZA E CONTROLLO Per assicurare il miglior espletamento del servizio oggetto dell appalto, la Ditta Appaltatrice deve individuare un proprio responsabile, (Preposto al Coordinamento e Vigilanza) di cui deve comunicare, prima dell inizio dei lavori, per iscritto il nome ed il numero telefonico al Committente. Il Preposto al Coordinamento e Vigilanza curerà l'osservanza delle clausole contrattuali e si rapporterà con il Committente o suo Referente per le possibili problematiche emergenti in materia di sicurezza sul lavoro e per la vigilanza sui contenuti del presente documento. Il Preposto al Coordinamento e Vigilanza della Concessionario dovrà possedere una professionalità e garantire in particolare, il rispetto di tutti gli adempimenti previsti dal D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. in materia di sicurezza e rappresenterà a tutti gli effetti la Concessionario. il Preposto del Committente, per il coordinamento, cooperazione e vigilanza dell appalto e dei contenuti del DUVRI, è la Dr.ssa Mattioli Maria, che si avvarrà per il controllo di propri collaboratori in possesso di formazione, esperienza e competenza professionali, adeguate e specifiche in relazione all incarico conferito, nonché di periodico aggiornamento e di conoscenza diretta dell ambiente di lavoro, per sovrintendere alla cooperazione e coordinamento, soprattutto in materia di sicurezza. Tali collaboratori sono l Istruttore tecnico Spinosa Mauro e i Preposti/Coordinatrici nei singoli luoghi di lavoro. Il Referente del Committente, può conseguentemente disporre, in qualsiasi momento ed a sua discrezione e giudizio, l ispezione presso le strutture e la verifica delle modalità operative del servizio, al fine di accertare l osservanza di tutte le norme ed i comportamenti stabiliti dal capitolato e dal DUVRI, in particolare quelli relativi alla sicurezza ed alle interferenze. A tal fine l aggiudicataria è tenuta ad assicurare al Preposto incaricato tutta la collaborazione necessaria, fornendo i chiarimenti richiesti e la relativa documentazione. 4 - LUOGHI DI LAVORO OGGETTO DELL ATTIVITA APPALTATA INFORMAZIONI E RISCHI PRESENTI Le informazioni relative al luogo di lavoro sono riportati nell allegato 1 al D.U.V.R.I. 9

10 5 - VERIFICA DEI REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI DELL APPALTATORE In ottemperanza all art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. comma 1 lettera a), la verifica dei requisiti tecnico professionali dell appaltatore avviene attraverso: 1. Acquisizione del Certificato di iscrizione alla C.C.I.A. 2. Acquisizione autocertificazione della Ditta Appaltatrice o dei lavoratori autonomi, del possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale ai sensi dell art. 47 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa di cui al DPR n. 445/2000 ovvero la dichiarazione sostitutiva di Atto di Notorietà. 3. Verifica del Committente, sulla regolarità contributiva (D.U.R.C. in corso di validità), della Ditta Appaltatrice e degli eventuali Sub Appaltatori. le relative informazioni sono riportati nell allegato 1 al D.U.V.R.I. 6 - VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE TRA LE ATTIVITÀ E RISULTATI La valutazione elaborata riguarda l analisi delle attività svolte nei differenti luoghi di lavoro e identifica sulla base delle valutazioni di interferenza, anche attraverso la comparazione, degli orari della struttura e delle attività appaltata, dei soggetti potenzialmente coinvolti, dei rischi esistenti sul luogo di lavoro e dei rischi importati dall impresa appaltatrice, anche sulla scorta delle esperienze acquisite, e determina gli interventi tecnici/organizzativi da effettuare per evitare e/o ridurre eventuali rischi da interferenza, determinandone i relativi costi della sicurezza. Nella riunione di coordinamento e cooperazione tra Committente e/o suo Preposto, la Ditta Appaltatrice e/o suo Referente, obbligatoria prima dell inizio dei lavori, tali rischi saranno definiti con maggiore dettaglio e se ritenuto necessario, prima dell inizio dell esecuzione, si integra il presente documento, riferendolo ai rischi specifici da interferenza presenti nei luoghi di competenza. L integrazione, sottoscritta per accettazione, integra gli atti contrattuali. Nella valutazione si sono presi in considerazione: - rischi derivanti da sovrapposizione di più attività svolte da operatori di appaltatori diversi, - rischi immessi nel luogo di lavoro dalle lavorazioni dell appaltatore, - rischi esistenti nel luogo di lavoro, ove è previsto che debba operare l appaltatore, ulteriori rispetto a quelli specifici della attività propria dell appaltatore, - rischi derivanti da modalità di esecuzione particolari richieste esplicitamente dal committente (che comportino pericoli aggiuntivi rispetto a quelli specifici della attività appaltata. Valutazione rischi da interferenze per attività di : sostituzione degli esecutori scolastico/educativi-personale comunale degli asili nido - in caso di assenze temporanee bidelleria e pulizia presso gli asili nido, lo spazio gioco (servizi integrativi) ed il centro per le famiglie fornitura dei prodotti per la pulizia, per il cambio dei bambini, per l igiene e materiale vario lavanderia, stireria e trasporto biancheria per gli asili nido e lo spazio gioco (servizi integrativi) uso, manutenzione, sostituzione, riparazione di macchinari ed attrezzature RISCHI DERIVANTI DA SOVRAPPOSIZIONE DI PIÙ ATTIVITÀ SVOLTE DA OPERATORI DI APPALTATORI DIVERSI RISCHI IMMESSI NEL LUOGO DI LAVORO DALLE LAVORAZIONI DELL APPALTATORE Scivolamento dovuto a pavimenti bagnati,a seguito di lavaggio, sversamenti accidentali, lucidadura ecc., durante il transito, il trasporto e consegna di: prodotti per la lavanderia, per l igiene e la pulizia,di derrate alimentari, di materiale vario, di macchinari ed attrezzature. Scivolamento Caduta Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori. Differimento orario di intervento per effettuare i lavori in assenza di 10

11 interferenze, in particolare durante la consegna di materiale, Nel caso ciò non sia possibile, provvedere alla posa di adeguata segnaletica pavimento bagnato, di avviso, di delimitazione dell area di intervento se si eseguono tali lavorazioni in presenza di altro personale Concordare con il Preposto l orario più opportuno per l intervento. Attenersi all orario di intervento stabilito, in caso di presenza di personale o bambini attuare gli interventi tecnici e gestionali previsti. Durante il lavaggio pavimenti e le operazioni di pulizia effettuare l intervento in assenza di altro personale, in caso di impossibilità per la presenza di altro personale, porre la massima attenzione durante il transito, obbligo di posa di cartelli segnaletici pavimento bagnato di avviso e delimitazione dell area di intervento, lasciare sempre libero il percorso di transito (ad esempio : il corridoio va lavato a metà e dopo essersi asciugato si lava l altra metà, assicurando il percorso di transito sicuro). Divieto di passaggio su pavimentazione bagnata. In caso di sversamento accidentale, rimozione immediata dello sversamento, secondo quanto previsto dalle schede di sicurezza del prodotto. Utilizzo di personale addestrato, formato e informato; Porre la porre la massima attenzione alla cartellonistica di segnalazione presente. Riunione di coordinamento e informazione. Segnalare al Preposto ogni problematicità. Probabilità Danno Rischio P = 3 D = 3 R = 9 Livello Rischio Interferenza a seguito degli Interventi dell incidenza delle misure -K Valutazione rischio -2 3 basso Durante le operazioni di pulizia nei corridoi, aule, cortili ecc, con utilizzo di scale, materiali, attrezzature ed utensili per la pulizia, secchi, spostamento di arredi, come lettini, sedie, tavolini, ecc. Durante le attività accessorie (all occorrenza) di : lo spostamento di arredi (ad esempio banchi, sedie, cattedre, brandine, armadi, lavagne ) presenti nella struttura; a seguito di consegna di dotazioni di arredo o per la necessità di allestire diversamente gli spazi o in occasione di feste e assemblee, posizionamento degli arredi nelle aule; in caso di sgombero di arredi non più utilizzabili, separazione, ove possibile, dei materiali che li compongono (ad es. ferrolegno) e loro collocazione per lo smaltimento; esecuzione di piccoli lavori di ripristino di arredi o dei locali che non comportino utilizzo di particolari attrezzature;ricevimento e sistemazione delle diverse forniture destinate alle strutture Durante il transito, trasporto e distribuzione della biancheria e prodotti di lavanderia in concomitanza con le operazioni di pulizia. Durante le operazioni di trasporto e consegna dei prodotti per l igiene e la pulizia,di materiale vario e di macchinari ed attrezzature Rischi Fisici Meccanici: Urti, colpi, impatti, inciampo, tagli, abrasioni. Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori. Posa di cartelli segnaletici di avviso e delimitazione dell area di intervento e degli ostacoli per segnalare e/o delimitazione e/o interdizione dell area di intervento e degli ostacoli. Differimento orario per il passaggio e la distribuzione della biancheria, di consegna e distribuzione dei prodotti per l igiene e la pulizia,di materiale vario e di macchinari ed attrezzature, da non effettuarsi in concomitanza con le operazioni di pulizia, differimento di orario durante le attività accessorie (all occorrenza) previste dal Capitolato, non effettuarle con altri interventi. Utilizzo di personale addestrato e informato; Concordare con il Referente/Preposto il momento più idoneo per gli 11

12 interventi, Durante le operazioni di pulizia effettuare l intervento in assenza di altro personale, in caso di impossibilità per la presenza di altro personale, obbligo di posa di cartelli segnaletici di avviso e delimitazione dell area di intervento, segnalare attraversamenti ed ostacoli. Non lasciare materiali, carrelli, attrezzature e cavi elettrici incustoditi lungo zone di transito e vie di fuga. Lasciare sempre libero il percorso di transito e delle vie di fuga. Utilizzo di appositi carrelli per il trasporto del materiale e dei prodotti. Utilizzo di personale addestrato, formato e informato. Porre la porre la massima attenzione alla cartellonistica di segnalazione presente. Divieto di lasciare materiale, anche temporaneamente, nei corridoi e sopratutto lungo le vie di fuga. Concordare con il Preposto del luogo di lavoro, tempi e modalità per le consegne. Durante le attività accessorie (all occorrenza) di : lo spostamento di arredi (ad esempio banchi, sedie, cattedre, brandine, armadi, lavagne ) presenti nella struttura; a seguito di consegna di dotazioni di arredo o per la necessità di allestire diversamente gli spazi o in occasione di feste e assemblee, posizionamento degli arredi nelle aule; in caso di sgombero di arredi non più utilizzabili, separazione, ove possibile, dei materiali che li compongono (ad es. ferro-legno) e loro collocazione per lo smaltimento; esecuzione di piccoli lavori di ripristino di arredi o dei locali che non comportino utilizzo di particolari attrezzature; ricevimento e sistemazione delle diverse forniture destinate alle strutture, attenersi alle seguenti procedure: attenersi all orario di intervento stabilito; il personale dovrà essere formato, informato ed addestrato, in grado di svolgere detti lavori; I lavori dovranno essere eseguiti in locali e spazi, in assenza di personale non addetto ai lavori; la separazione dei materiali deve avvenire in apposito luogo identificato con l impedimento dell accesso ai non addetti ai lavori; Il materiale separato va riposto e accatastato in appositi contenitori o zone ben identificate, interdette e segnalate; I lavori andranno analizzati singolarmente per valutarne la pericolosità e i rischi da interferenza, in ogni caso,concordare gli interventi con il Datore di lavoro o suo Referente/Preposto, in particolare sugli orari di intervento, le vie accesso e di transito più idonee da utilizzare; Non lasciare materiali incustoditi lungo zone di transito e lasciare sempre libere le vie di fuga; Informare il personale per non creare intralci ed ostacoli; Prima di eseguire i lavori questi debbono essere pianificati con il Preposto/Referente e segnalati al Committente. Riunione di coordinamento e informazione. Segnalare al Preposto ogni problematicità. Livello Rischio Interferenza a Probabilità Danno Rischio seguito degli Interventi -K Valutazione rischio P = 3 D = 3 R = 9 dell incidenza delle misure basso Utilizzo di scale per svolgere lavori di pulizia su plafoniere, vetri, soffitti, piastrelle, ecc., durante tale utilizzo potrebbero esserci interferenze durante il passaggio di lavoratori Cadute, caduta oggetti dall alto Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori 12

13 Utilizzo di scale a norma, utilizzo di appositi strumenti allungabili quali: lavavetri, deragnatore allungabile ecc. Tali lavori debbono essere eseguiti in assenza di personale non addetto, in caso di impossibilità, segnalare, delimitare o impedire l accesso ai non addetti durante lo svolgimento dell attività. Concordare con il Referente/Preposto il momento più idoneo per gli interventi. Il personale utilizzatore deve essere formato ed addestrato all uso, Segnalare al Preposto ogni problematicità Livello Rischio Interferenza a Probabilità Danno Rischio seguito degli Interventi -K Valutazione rischio P = 2 D = 3 R = 6 dell incidenza delle misure -1 3 basso Durante l utilizzo di attrezzature e macchinari la pulizia da parte del personale Ditta Appaltatrice Rumore/ elettrico Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori Impianto elettrico a norma Utilizzo di macchinari ed attrezzature a norma di legge ed a bassa emissione sonora Utilizzo di prolunghe elettriche a norma di legge L impresa appaltatrice dovrà eseguire i lavori previsti in assenza di personale non addetto ai lavori. Concordare con il referente/preposto luogo di lavoro, l orario e le modalità di lavoro. Utilizzo di personale formato ed informato all uso delle attrezzature. Utilizzo delle attrezzature secondo quanto previsto dal manuale uso e manutenzione. Non sovraccaricare le prese elettriche. Non lasciare incustodite ed abbandonate le attrezzature dopo l uso ma ritirarle negli appositi locali, Non lasciare fili e cavi volanti Non sovraccaricare le prese elettriche. Segnalare al Preposto ogni problematicità Probabilità Danno Rischio P = 2 D = 3 R = 6 Livello Rischio Interferenza a seguito degli Interventi dell incidenza delle misure -K Valutazione rischio -1 3 basso Possibile contatto con agenti biologici durante: la pulizia, lavaggio e sanificazione di: servizi igienici; degli ambienti; dei fasciatoi ; rimozione frequente dei pannolini e del materiale usato per il cambio, l assistenza ai bambini per la pulizia della persona; possibile contatto con di prodotti organici quali ad es. vomito, sangue o altri prodotti organici; del lavaggio e risciacquo dei capi per rimuovere i prodotti organici, prima della consegna al servizio lavanderia; lo svuotamento, la detersione e la disinfezione dei contenitori di rifiuti. collocazione dei rifiuti, con raccolta differenziata nel luogo di raccolta per il ritiro da parte del Servizio di Nettezza Urbana; lo svuotamento dei cestini interni ed esterni con ripristino del sacco di plastica pulizia, lavaggio e sanificazione dei locali connessi alla procedura Haccp. Rischio per il personale in stato di gravidanza possibile contatto con agente della Rosolia 13

14 Rischio esposizione ad agenti biologici Personale dipendente comunale Personale dipendente ditte appaltatrice con mansione Esecutiva presso asili nido e scuola materna Fornitura e utilizzo di idonei DPI (guanti monouso protezione chimica/biologica EN 374) da parte della Ditta Appaltatrice Attenersi alle procedure previste dalla struttura per evitare il rischio da esposizione ad agenti biologici e a quella prevista dalla procedura HACCP. Obbligo di utilizzo per evitare il contatto con prodotti organici, di appositi DPI (guanti monouso protezione chimica/biologica EN 374). Per i batteri (E. coli e Enterococchi) classificati livello 2 dall'allegato XLVI Elenco degli agenti biologici classificati Attenersi alla profilassi della Rosolia (Rubivirus Togaviridae) classificato livello 2 dall'allegato XLVI Elenco degli agenti biologici classificati Obbligo di dichiarare al proprio Datore di lavoro e al Committente lo stato di gravidanza e verificare lo stato immunitario alla Rosolia, in caso di non immunità, allontanare la lavoratrice dal luogo di lavoro. Segnalare al Preposto ogni violazione delle disposizioni impartite Livello Rischio Interferenza Probabilità Danno Rischio a seguito degli Interventi -K Valutazione rischio P = 3 D = 2 R = 6 dell incidenza delle misure basso Possibile contatto con prodotti chimici utilizzati durante: la pulizia, lavaggio e sanificazione di: servizi igienici; degli ambienti; dei fasciatoi ; rimozione frequente dei pannolini e del materiale usato per il cambio, l assistenza ai bambini per la pulizia della persona; possibile contatto con di prodotti organici quali ad es. vomito, sangue o altri prodotti organici; del lavaggio e risciacquo dei capi per rimuovere i prodotti organici, prima della consegna al servizio lavanderia; lo svuotamento, la detersione e la disinfezione dei contenitori di rifiuti. collocazione dei rifiuti, con raccolta differenziata nel luogo di raccolta per il ritiro da parte del Servizio di Nettezza Urbana; lo svuotamento dei cestini interni ed esterni con ripristino del sacco di plastica pulizia, lavaggio e sanificazione dei locali connessi alla procedura Haccp. Possibile contatto con prodotti chimici utilizzati durante le operazioni di lavanderia. Fornitura di prodotti chimici utilizzati per la lavanderia, la pulizia e la sanificazione e l igiene nei luoghi di lavoro. Rischio esposizione a agenti chimici Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori Fornitura ed utilizzo di prodotti chimici il meno dannosi e pericolosi per la salute dei lavoratori e per l ambiente, secondo quanto stabilito dal capitolato speciale d appalto, ed autorizzati dal Committente. E vietato fornire ed utilizzare prodotti tossico nocivi, infiammabili, esplosivi, sensibilizzanti, prodotti contenenti alcool etilico o a base di formaldeide Utilizzo dei prodotti per la pulizia con apposito carrello. Se si utilizzano taniche di grandi dimensioni per il prodotto (es. da Lt.), dotarle di apposite pompe dosatrici, per il giusto dosaggio, evitando eventuali spargimenti di prodotto ed un per la movimentazione manuale dei carichi. Fornitura e utilizzo di idonei DPI da parte della Ditta Appaltatrice. 14

15 Prima della fornitura e utilizzo, la Ditta Appaltatrice deve fornire al Committente elenco dei prodotti chimici utilizzati per la pulizia e l igiene e copia delle relative schede tecniche di sicurezza ed ottenere il nulla osta per l utilizzo. In assenza di nulla osta scritto è vietato consegnare il prodotto chimico. Prestare attenzione ad eventuali prodotti sensibilizzanti, se si verificano casi di dermatiti o eczema, segnalarli immediatamente al Preposto. In presenza di nuovi prodotti, aggiornare e modificare il piano di sanificazione e manuale di autocontrollo per esecutore scolastico in cucina e pulizia asili nido. Le schede di sicurezza debbono sempre essere a disposizione degli utilizzatori. Prima dell utilizzo leggere l'etichetta informativa e le schede di sicurezza dei vari prodotti e seguire le procedure di utilizzo, stoccaggio ed smaltimento indicate. Utilizzo dei prodotti da parte di personale formato, nella concentrazione e nelle modalità d uso, stoccaggio e smaltimento, previsto dalle schede di sicurezza. Lo stoccaggio e la conservazione dei prodotti deve essere in luoghi non accessibili ad estranei al servizio, ben separati gli uni dagli altri in locali ben areati e verificare periodicamente che le condizioni di stoccaggio e conservazione. Stoccare solo il quantitativo necessario senza sovraccaricare il magazzino. Obbligo del rispetto delle dosi previste per il prodotto, uso e diluizione, secondo quanto previsto dalle schede di sicurezza e dal manuale di autocontrollo, al fine di evitare una maggiore esposizione ai rischi chimici e una maggiore dispersione nell ambiente. Utilizzare contenitori originali con etichette previste dalla norma, mantenere le etichette sui contenitori, divieto di usare contenitori inadeguati I contenitori debbono sempre essere chiusi dopo l uso. Portare sull apposito carrello solo la quantità di sostanze necessaria e assicurarsi che sostanze diverse vengano conservate separate Utilizzare nell uso e nella diluizione dei prodotti, i DPI previsti dalle schede di sicurezza (ad es.mascherina FFP1, occhiali di protezione, guanti di protezione rischio chimico). Non miscelare mai i prodotti, ad esempio detergenti contenenti sostanze Acide con disinfettanti e/o candeggianti contenenti Cloro perché si liberano gas tossici e ustionanti. Non lasciare mai incustoditi i prodotti chimici utilizzati. Non fumare, mangiare e bere, durante l uso e miscelazione dei prodotti. In caso di sversamento accidentale del prodotto provvedere subito alla rimozione e pulizia come previsto dalle schede di sicurezza. Nella sanificazione degli ambienti sottoposti a procedure HACCP utilizzo del manuale di autocontrollo e utilizzo di personale formato/informato ed addestrato. Utilizzo di personale con qualifica HACCP per le attività richieste. Riunione di formazione e coordinamento, Segnalare al Preposto ogni problematicità. Livello Rischio Interferenza Probabilità Danno Rischio a seguito degli Interventi -K Valutazione rischio P = 3 D = 3 R =9 dell incidenza delle misure basso 15

16 Durante le operazioni di pulizia nelle aree esterne, cortili, pulizia degli accessi in concomitanza con il transito di automezzi per il carico e scarico di forniture, di biancheria, derrate alimentari e quant altro. Durante le operazioni di consegna, carico e scarico dei prodotti per l igiene e la pulizia, della lavanderia,di materiale vario e di macchinari ed attrezzature, in concomitanza con il transito di automezzi nei cortili per il carico e scarico di forniture, derrate alimentari e quant altro con ingresso nei cortili o spazi aperti. Urto, schiacciamento con autoveicoli Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori Ingresso di veicoli nei cortili a passo d uomo, velocità max 5 Km./ora L impresa appaltatrice dovrà eseguire i lavori previsti in assenza di personale non addetto ai lavori e nel caso non sia possibile: Concordare con il Preposto/Referente del luogo di lavoro gli ingressi, gli orari e le modalità per il carico e scarico e gli orari delle operazioni di pulizie esterne Divieto di eseguire i lavori all esterno in orari dedicati transito di autoveicoli E in caso non sia possibile, delimitare l area di intervento. Divieto di effettuare lo scarico e carico delle merci in concomitanza con attività di pulizia esterna. Porre attenzione nello svolgimento dei propri compiti alla presenza di eventuali veicoli in movimento. Informazione a tutto il personale operante Segnalare al Preposto ogni violazione delle disposizioni impartite Probabilità Danno Rischio P = 2 D = 4 R = 8 Livello Rischio Interferenza a seguito degli Interventi dell incidenza delle misure -K Valutazione rischio -1 4 basso Difficoltà nella lettura della cartellonistica e nella comprensione della comunicazione verbale e scritta provenienti da altri paesi con poca conoscenza della lingua italiana Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori Massima attenzione nella comunicazione e accertamento della comprensione e della comunicazione fornita Probabilità Danno Rischio P = 3 D = 2 R = 6 Livello Rischio Interferenza a seguito degli Interventi dell incidenza delle misure -K Valutazione rischio basso Fornitura di nuovi macchinari ed attrezzature in seguito utilizzate nel luogo di lavoro del Committente 16

17 Sostituzione/riparazione in caso di guasto dei macchinari e attrezzature Attrezzature da lavoro Personale dipendente comunale della struttura; personale comunale. Fornitura di attrezzature e macchinari da lavoro : a norma di legge, secondo quanto previsto dal D.Lgs.81/08 e smi, scheda tecnica; libretto di uso e manutenzione, marchio CE, dichiarazione di Conformità del costruttore, quando necessario libretto di installazione, Dichiarazione di collaudo e di corretta installazione ecc.) Sostituzione/riparazione in caso di guasto dei macchinari e attrezzature: i pezzi di ricambio utilizzati nella manutenzione dovranno essere sempre ricambi originali delle marche delle apparecchiature esistenti, in conformità con il disposto delle Leggi e dalle norme tecniche vigenti (vedi anche interventi organizzativi) Nuovi Acquisti di attrezzature : Prima di ogni acquisto la documentazione necessaria - scheda tecnica; libretto d uso e manutenzione, dichiarazione di conformità e la documentazione attestante la presenza del marchio CE - andrà inviata al Servizio Asili Nido che la trasmetterà al Nucleo Sicurezza al fine della verifica della idoneità preliminare all acquisto stesso. Successivamente all acquisizione della attrezzatura o del macchinario, dovranno essere installate secondo quanto previsto dal libretto di installazione. Al termine della installazione deve essere rilasciata alla struttura il certificato di corretta installazione (o collaudo) e della regolare prima messa in funzione secondo quanto previsto dal libretto di installazione della attrezzatura stessa.. Al termine della sostituzione delle attrezzature, dovrà essere consegnata al Committente, tutta la documentazione di sicurezza (dichiarazione di Conformità della singola attrezzatura con numero di identificazione, libretto di uso e manutenzione, schede tecniche, dichiarazione di corretta installazione, collaudo e della regolare prima messa in funzione. Il tutto per singola attrezzatura con numero di identificazione, una copia di detta documentazione dovrà essere messa a disposizione del personale utilizzatore sul luogo di lavoro. L Aggiudicataria, prima di ogni installazione, dovrà verificare con il Servizio Tecnico dell Ente gli aspetti relativi agli impianti. Il personale, prima dell utilizzo deve aver preso visione dei libretti con le istruzioni d uso dei singoli macchinari e dovrà essere adeguatamente formato rispetto al loro utilizzo. Sostituzione/riparazione in caso di guasto dei macchinari e attrezzature: deve essere effettuata secondo le modalità indicate dal costruttore e presenti nel manuale di istruzione d uso e manutenzione. Gli interventi di sostituzione/riparazione in caso di guasto, dovranno avere il Nulla Osta del Committente, preventivamente ai lavori. Tali interventi effettuati dalla Ditta Appaltatrice, dovranno essere inviati al Committente, a mezzo di Report semestrale debitamente firmato dal Referente della Ditta Appaltatrice o dal Datore di lavoro. Gli interventi di sostituzione/riparazione in caso di guasto che richiedano certificazioni e/o dichiarazioni di conformità e/o corretta installazione e prima messa in funzione, dovranno essere inviati a mezzo Report, accompagnate dalla necessaria documentazione sopra citata. Procedura in caso di guasto: la ditta Appaltatrice in caso di guasto di attrezzature, macchinari o impianti, segnalerà immediatamente a mezzo telefono e fax al referente del Committente appaltante eventuali guasti o rotture riscontrate, provvederà inoltre, se necessario, a confinare l area 17

18 interessata e ad apporre cartelli di segnalazione, avviserà il Preposto del singolo luogo. Le riparazioni per i piccoli elettrodomestici e per i grandi elettrodomestici dovranno essere preventivamente quantificate con un preventivo scritto ed autorizzate dal Committente. Riparazioni rilevanti: in caso di guasto importante, il Committente deciderà, dopo aver analizzato il preventivo ricevuto, se riparare o sostituire l attrezzatura. Procedura per riparazione e manutenzione Gli interventi di manutenzione ordinaria periodica e gli interventi di manutenzione straordinaria devono avvenire in assenza di personale non addetto ai lavori di manutenzione. Concordare con il Preposto o suo Referente del luogo di lavoro, l orario e le modalità di intervento. Le attività su parti elettriche debbono avvenire secondo quanto previsto dalle attuali normative e dai libretti d uso e manutenzione delle attrezzature. Durante l intervento: Ogni attrezzatura, in genere, è dotata di specifico interruttore di rete, qualora non fosse presente, staccare la tensione elettrica dal quadro generale, il personale della Ditta appaltatrice, deve porre l apposita cartellonistica di avvertimento sul quadro elettrico e rimuoverla al termine delle operazioni concordando preventivamente con il Preposto, Referente o con il personale presente. La Ditta appaltatrice deve utilizzare solo macchinari ed attrezzature a norma di legge ed a bassa emissione sonora, e prolunghe elettriche e cavi norma di legge, senza sovraccarico delle linee elettriche. Non lasciare incustodite ed abbandonate le attrezzature. Non lasciare fili e cavi volanti. Utilizzo solo di personale formato alla manutenzione delle attrezzature. Segnalare al Preposto ogni problematicità Scheda macchina: ogni attrezzatura dispone e deve disporre, di una scheda macchina, indicante ogni intervento effettuato, che dovrà essere allegata al Registro delle Attrezzature, secondo quanto previsto da D.Lgs.81/08 e smi art. 71 c4, lettera b) e conservato presso la Struttura interessata. La data di effettiva esecuzione e le modalità degli interventi eseguiti corredati del timbro e della firma del manutentore - dovranno essere annotati su l apposito Registro delle Attrezzature. Tali documenti dovranno essere consultabili dal personale del Committente preposto alle verifiche ed ai controlli, oltre che dagli organi di vigilanza. Livello Rischio Interferenza a Probabilità Danno Rischio seguito degli Interventi -K Valutazione rischio P = 3 D = 3 R = 9 dell incidenza delle misure basso Valutazione rischi da interferenze per attività di : sostegno educativo a bambini portatori di handicap inseriti nei servizi socio educativi per la prima infanzia integrazione del personale educativo nei casi di assenze temporanee negli asili nido e nello spazio gioco (servizi integrativi) prolungamento orario del servizio asilo nido/progetti specifici all infanzia e alla famiglia RISCHI DERIVANTI DA SOVRAPPOSIZIONE DI PIÙ ATTIVITÀ SVOLTE DA OPERATORI DI APPALTATORI DIVERSI RISCHI IMMESSI NEL LUOGO DI LAVORO DALLE LAVORAZIONI DELL APPALTATORE Scivolamento durante il transito, dovuto a pavimenti bagnati a seguito di lavaggio, sversamenti accidentali, lucidadura, ecc. 18

19 Scivolamento Caduta Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori Porre attenzione alla segnaletica presente durante il lavaggio; non transitare su superfici bagnate, Riunione di coordinamento e informazione, segnalare al Preposto ogni problematicità Livello Rischio Interferenza a Probabilità Danno Rischio seguito degli Interventi -K Valutazione rischio P = 3 D = 3 R = 9 dell incidenza delle misure basso Attività nei corridoi, aule, cortili e spazi verdi ecc, in concomitanza con le operazione di pulizia con utilizzo di attrezzature, scale ed il carico e scarico di forniture e quant altro. Rischi Fisici Meccanici: Urti, colpi, impatti, inciampo,compressioni, tagli, abrasioni, polveri Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori Divieto di effettuare attività in contemporanea con le operazioni di pulizia. Porre attenzione nello svolgimento dei propri compiti alla presenza di ostacoli, segnalazioni ecc. segnalare al Preposto ogni violazione delle disposizioni impartite. Livello Rischio Interferenza Probabilità Danno Rischio a seguito degli Interventi -K Valutazione rischio P = 2 D = 3 R = 6 dell incidenza delle misure basso Attività nei cortili e spazi verdi ecc, in concomitanza con le operazione ed il transito di automezzi per il carico e scarico di forniture, derrate alimentari quant altro. Urto, schiacciamento con autoveicoli Personale dipendente comunale della struttura; Personale dipendente ditte appaltatrici; personale addetto alle consegne e fornitura di prodotti e delle derrate alimentari, personale ditte appaltatrici della manutenzione, personale comunale addetto alla manutenzione ed ai controlli, bambini; Genitori Divieto di effettuare attività in aree verdi e cortili in concomitanza con le operazione ed il transito di automezzi per il carico e scarico di forniture, derrate alimentari quant altro. Porre sempre attenzione nello svolgimento dei propri compiti alla presenza di veicoli in movimento, Segnalare al Preposto ogni violazione delle disposizioni impartite Probabilità Danno Rischio P = 2 D = 4 R = 8 Livello Rischio Interferenza a seguito degli Interventi dell incidenza delle misure -K Valutazione rischio basso 19

20 Possibile contatto con agenti biologici durante il cambio del pannolini Rischio per il personale in stato di gravidanza possibile contatto con agente della Rosolia. Rischio esposizione ad agenti biologici Personale dipendente comunale Personale dipendente ditte appaltatrice con mansione educativa presso asili nido Fornitura e utilizzo di idonei DPI (guanti monouso protezione chimica/biologica EN 374) da parte della Ditta Appaltatrice e utilizzo di materiale monouso per il cambio pannolini. Sanificazione dei fasciatoi con appositi prodotti. Attenersi alle procedure previste dalla struttura per evitare il rischio da esposizione ad agenti biologici. Obbligo di utilizzo per evitare il contatto con prodotti organici, di appositi DPI (guanti monouso protezione chimica/biologica EN 374). Attenersi alle procedure previste dalla struttura per il cambio dei pannolini (E. coli; Enterococchi) classificato livello 2 dall'allegato XLVI Elenco degli agenti biologici classificati e alla profilassi della Rosolia (Rubivirus Togaviridae) classificato livello 2 dall'allegato XLVI Elenco degli agenti biologici classificati Obbligo di dichiarare al proprio Datore di lavoro e al Committente lo stato di gravidanza e verificare lo stato immunitario alla Rosolia, in caso di non immunità, allontanare la lavoratrice dal luogo di lavoro. Durante il cambio pannolini utilizzare i prodotti chimici per la sanificazione secondo quanto previsto dalle schede di sicurezza. Segnalare al Preposto ogni violazione delle disposizioni impartite Livello Rischio Interferenza Probabilità Danno Rischio a seguito degli Interventi -K Valutazione rischio P = 3 D = 2 R = 6 dell incidenza delle misure basso Possibile contatto con agenti chimici durante la pulizia e sanificazione dei fasciatoi, durante il cambio dei pannolini, secondo procedura. Rischio esposizione ad agenti chimici Personale dipendente comunale Personale dipendente ditte appaltatrice con mansione educativa presso asili nido Fornitura ed utilizzo di prodotti chimici il meno dannosi e pericolosi per la salute dei lavoratori e per l ambiente, secondo quanto stabilito dal capitolato speciale d appalto, ed autorizzati dal Committente. E vietato fornire ed utilizzare prodotti tossico nocivi, infiammabili, esplosivi, sensibilizzanti, prodotti contenenti alcool etilico o a base di formaldeide. Fornitura e utilizzo di idonei DPI (guanti monouso protezione chimica/biologica EN 374) da parte della Ditta Appaltatrice durante la sanificazione dei fasciatoi Attenersi alle procedure previste dalla struttura per il cambio dei pannolini Obbligo di utilizzo per evitare il contatto con prodotti chimici, di appositi DPI (guanti monouso protezione chimica/biologica EN 374). Durante il cambio pannolini utilizzare i prodotti chimici per la sanificazione secondo quanto previsto dalle schede di sicurezza. Prima della fornitura e utilizzo, la Ditta Appaltatrice deve fornire al Committente elenco dei prodotti chimici utilizzati per la pulizia e l igiene e copia delle relative schede tecniche di sicurezza ed ottenere il nulla osta per l utilizzo. In assenza di nulla osta scritto è vietato consegnare il prodotto chimico. Prestare attenzione ad eventuali prodotti sensibilizzanti, se si verificano casi di dermatiti o eczema, segnalarli immediatamente al Preposto. Le schede di sicurezza debbono sempre essere a disposizione degli 20

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NOVITA INTRODOTTE DALL' UNICO TESTO NORMATIVO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. 81/08) QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI I quesiti sul Decreto 81/08: sugli

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli