INDICE. Superficie 19 Densità demografica 19 Aziende sanitarie 20 Assetto produttivo 21 Andamento demografico 22

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Superficie 19 Densità demografica 19 Aziende sanitarie 20 Assetto produttivo 21 Andamento demografico 22"

Transcript

1 INDICE INTRODUZIONE Presentazione 9 Premessa 11 La struttura della relazione 13 I risultati 16 Le prospettive PARTE PRIMA Il territorio e la popolazione 17 Il territorio 19 Superficie 19 Densità demografica 19 Aziende sanitarie 20 Assetto produttivo 21 Andamento demografico 22 Fenomeno immigratorio e movimento naturale 22 Struttura della Popolazione 23 Piramide dell età 23 Indici di struttura: 24 natalità 25 indice di fecondità 25 indice di vecchiaia 25 indice di dipendenza 25 PARTE SECONDA La Salute e. 27 Acqua 29 Approvvigionamento idrico: acque superficiali e profonde 29 Acque destinate al consumo umano: parametri chimici e batteriologici 29 Acque marine 31 Alimenti 33 Controllo degli alimenti 33 Aria 38 Inquinamento atmosferico 38 Rifiuti Solidi Urbani 39 Produzione di Rifiuti Solidi Urbani 39 Raccolte Differenziate 40 Siti Potenzialmente - Inquinati 41 Salute e..lavoro 43

2 Struttura produttiva 44 Infortuni sul lavoro 47 Industria 47 Agricoltura 47 Infortuni degli operatori sanitari 52 Malattie professionali 54 Comportamenti e stili di vita per la salute 56 Alimentazione 57 Stile alimentare 57 Obesità 59 Alcool 60 Cosumo di alcool 60 Epatopatia alcoolica 61 Fumo 62 Consumo di tabacco 64 Attività fisica 66 Pratica sportiva 66 Tossicodipendenze 67 Stima del fenomeno attraverso indicatori indiretti 67 Domanda di assistenza ed utilizzo dei servizi negli anni Incidenti 73 Incidenti stradali 73 Incidenti domestici 76 PARTE TERZA La Salute raggiungibile per.. 79 Nota introduttiva per la lettura delle patologie 81 Ricoveri per malattie ischemiche del cuore 82 Ricoveri per infarto acuto del miocardio 83 Patologie cerebrovascolari 84 Ricoveri per occlusione e stenosi delle arterie precerebrali e cerebrali 84 Ricoveri per emorragia subaracnoidea, emorragia cerebrale e altre non specificate emorragie intracraniche 85 Ricoveri per ischemia cerebrale transitoria 86 Ricoveri per disturbi circolatori acuti mal definiti 86 Patologia neoplastica 88 Il cancro nelle Marche 90 La mortalità per tumori nella regione Marche 90 L incidenza dei tumori in provincia di Macerata ( ) 94 Sopravvivenza per tumore nella provincia di Macerata 95 I tumori infantili nelle Marche 98

3 I mesoteliomi asbesto-correlati nelle Marche 101 Ricoveri di residenti marchigiani per neoplasia della pleura 102 Il Registro Melanoma Marche 103 Organizzazione del Registro 103 Struttura del Registro 103 Incidenza di melanoma cutaneo nella Regione Marche, Il Registro Tumori Ancona 110 Organizzazione del Registro 110 Incidenza di tumore maligno Ricoveri per neoplasie 113 Ricoveri per neoplasie polmonari 113 Ricoveri per neoplasie del colon-retto 114 Ricoveri per mastectomia per neoplasie maligne 115 Ricoveri per neoplasie dello stomaco 115 Ricoveri per linfomi 117 Nefropatie 118 Registro emodialisi Regione Marche: 118 Caratteristiche dei pazienti e trattamenti 119 Patologia diabetica 123 Il diabete 123 Ricoveri per complicanze del diabete 124 Il Registro di incidenza del Diabete Infantile di tipo I 125 Malattie infettive 129 Malattie infettive di I classe 129 Malattie infettive di II classe 130 Morbillo 130 Rosolia 131 Parotite 133 Meningite meningococcica e meningite ed encefalite virale 134 Epatiti virali acute 134 Malattie infettive di III classe 138 Malaria 138 Tubercolosi 138 HIV/AIDS 141 Malattie infettive di IV classe e Brucellosi 143 Malattie da alimenti 144 Brucellosi 145 Vaccinazioni 146 Le infezioni ospedaliere 150 Il prelievo-trapianto nelle Marche 151

4 PARTE QUARTA: La salute da tutelare per 155 La donna in gravidanza 157 La fecondità 157 Il parto 157 Complicazioni della gravidanza 159 Malattia ipertensiva complicante 160 Interruzioni volontarie della gravidanza 160 Abortività spontanea 162 Il bambino e l adolescente 163 Natalità 163 Neonati di basso peso alla nascita 164 Mortalità infantile 165 Malformazioni congenite 166 Patologie subacute e croniche nell età evolutiva 167 Malattie metaboliche congenite, ipotiroidismo congenito e fibrosi cistica: lo screening neonatale nella Regione Marche 169 Prevalenza dell obesità nella popolazione infantile di Ancona 172 Handicap e disagio/disturbo psichico nell età evolutiva 173 Rilevazione dell attività delle Unità Multidisciplinari dell Età Evolutiva nella Regione Marche 173 L anziano 178 Indicatori demografici dell invecchiamento 178 La disabilità negli anziani 182 La patologia nell anziano 184 L immigrato 186 Aspetti demografici 186 Ricorso alle strutture sanitarie 189 Il soggetto con disagio psichico 192 L utenza dei Dipartimenti di Salute Mentale 192 Ricoveri per patologia psichiatrica nella Regione Marche 193 Soggetti degenti negli ex-ospedali psichiatrici 194 Mortalità 196 La mortalità 196 La mortalità evitabile 203 ALLEGATI Indice Allegato statistico Allegato statistico

5 Presentazione La presentazione della Relazione sullo stato di salute della popolazione marchigiana, offre l occasione per sottolineare le grandi direttrici di marcia della sanità pubblica, che la Regione Marche intende perseguire nel cammino avviato con l approvazione del Piano Sanitario Regionale. Dalla Sanità alla Salute. La programmazione sanitaria è stata spesso condizionata dal quadro dell offerta storica dei servizi presenti sul territorio, con la conseguente ipertrofia di alcune tipologie di prestazioni (es. i ricoveri ospedalieri) e lo scarso sviluppo di prestazioni più vicine al cittadino (assistenza ambulatoriale, residenziale e domiciliare). Ragionare in termini di salute e non solo di sanità, significa programmare a partire dai bisogni reali dei cittadini e predisporre coerentemente una rete di servizi (non solo sanitari) in grado di corrispondere ad una domanda che, non solo aumenta (come effetto dell incremento della vita media) ma che diventa sempre più articolata e complessa, desiderosa di una maggiore personalizzazione e umanizzazione, e sempre più conscia dei propri diritti. La conoscenza epidemiologica dello stato di salute del cittadino è il primo passo verso una tale programmazione: oggi è possibile, grazie a questo rapporto, identificare, all interno degli obiettivi di salute dettati dal Piano Sanitario Nazionale , quegli specifici obiettivi che interessano maggiormente la comunità marchigiana. I macro indicatori dello stato di salute (es.: mortalità generale, mortalità infantile, anni di vita persi, ecc.) pongono le Marche tra le regioni italiane con la migliore qualità di salute. In alcune specifiche aree, tuttavia, gli indicatori rilevati dimostrano l opportunità di imprimere una maggiore accelerazione agli interventi sanitari già avviati e l inderogabile necessità di integrare tali interventi con quelli di altri settori (sociale, lavoro, formazione). Registriamo infatti: un elevata incidenza di alcune patologie (infortuni sul lavoro, malattie professionali, alcune patologie neoplastiche); i ritardi diagnostici del disagio psichico nella fascia adolescenziale; l eccessiva istituzionalizzazione degli anziani non autosufficienti; un livello elevato di stili e comportamenti di vita potenzialmente a rischio (es. fumo, alimentazione). Le Marche, grazie alla sua storia e tradizioni, a quel modello di sviluppo che da tante parti ci invidiano e grazie anche alla sua sanità, è riuscita già a perseguire l obiettivo dell Organizzazione Mondiale della sanità di dare più anni alla vita. Oltre a questo, nostro compito, e delle amministrazioni future, sarà quello di dare più vita agli anni. Dalla Economicità alla Qualità. Se si sposta l ottica della programmazione dalla sanità alla salute, si deve, conseguentemente, cambiare l ottica degli obiettivi e della loro valutazione. L attenzione alla economicità del sistema se da una parte si è resa - e continua a rendersi -necessaria per evitare il collasso delle funzioni, dall altra (parte) ha portato ad una distorsione degli obiettivi da raggiungere in quanto prevalentemente orientati sul rendimento e quantità delle cose fatte (prestazioni, 9

6 ricoveri, ecc.) e non sulla qualità (fare le cose che si sono dimostrate efficaci, a chi ne ha effettivamente bisogno nei tempi e nei modi adeguati). Occorre invertire questa ottica recuperando il senso della missione primaria del servizio sanitario: tutelare e promuovere la salute. Nel futuro dovremo essere capaci di rispondere nell ordine alle seguenti domande: Quanta salute in più i cittadini acquisiscono nel contatto con i nostri servizi? Che qualità riusciamo a fornire? La forniamo con un uso appropriato di risorse?. Questa relazione rappresenta anche l avvio dell inversione di rotta che vorremo dare al nostro sistema. Per concludere, questa Amministrazione, che, al suo insediamento, si era impegnata a garantire l innovazione del servizio sanitario pubblico nel segno dell equità, dell efficacia e dell efficienza è ben lieta fornire alla pubblica attenzione questo rapporto, che consentirà ai cittadini delle Marche di guardarsi allo specchio, valutare il proprio stato di salute e partecipare con più consapevolezza alle scelte di fondo delle amministrazioni future, che dovranno non solo perseguire sempre più il miglioramento continuo della qualità dei servizi, ma puntare verso obiettivi più alti di salute e qualità di vita. Il Presidente della Giunta Regionale Dott. Vito D Ambrosio 0 10

7 LA RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE MARCHIGIANA Metodologia - Risultati - Prospettive Prof. Francesco Di Stanislao Premessa Il Piano Sanitario Nazionale (PSN) ha come obiettivo principale la promozione della salute, verso cui orientare l organizzazione e l erogazione di prestazioni e servizi sanitari. L analisi dei bisogni sanitari e la conseguente definizione degli obiettivi prioritari di salute diventano il nucleo fondante del processo programmatorio, ne orientano le scelte, ne prefigurano il modello di valutazione. Gli obiettivi prioritari individuati attraverso un attenta analisi del quadro epidemiologico della popolazione italiana e supportati dalle indicazioni e dagli obiettivi proposti dall Organizzazione Mondiale della Sanità per i paesi europei, si articolano in cinque macro aree (Progetto nazionale per la salute): I. promuovere comportamenti e stili di vita per la salute li. contrastare le principali patologie III. migliorare il contesto ambientale IV. rafforzare la tutela dei soggetti deboli V. portare la sanità italiana in Europa Gli obiettivi individuati, i traguardi da raggiungere e le azioni da sviluppare vengono declinati in termini generali, demandandone una più puntuale definizione alla programmazione regionale, la sola capace di individuare quei bisogni di salute che caratterizzano le specificità locali. Il Piano Sanitario Regionale (PSR) recepisce in toto la logica del Progetto nazionale per la salute e ne traccia il percorso attuativo: 1) individuazione e formazione di primi nuclei di osservazione epidemiologica; 2) redazione della prima Relazione sullo Stato di Salute, fondata sul recupero delle informazioni disponibili aggregate a livello regionale e provinciale; 3) individuazione delle aree prioritarie di intervento; 4) definizione dello schema di relazione di distretto e conseguenti interventi formativi; 5) redazione, a regime, della Relazione sullo stato di salute della popolazione marchigiana, a partire dall analisi epidemiologica dei bisogni effettuata a livello locale. A un anno di distanza dall approvazione del Piano Sanitario Regionale, con questa Relazione sullo Stato di Salute della popolazione marchigiana vengono quindi portate a termine le prime due tappe del percorso e, contestualmente, si avvia il processo per la creazione di quell osservatorio epidemiologico diffuso sullo stato di salute che dovrà fornire le basi informative necessarie per orientare le politiche sanitarie regionali e aziendali. La metodologia di rilevazione L Agenzia Regionale Sanitaria (ARS) svolge la funzione di Osservatorio Epidemiologico della Regione Marche (L.R. 26/96). L Agenzia, attenendosi alle indicazioni del PSR che prevede la costituzione a 11

8 rete della funzione di osservazione epidemiologica, ha innanzitutto effettuato un censimento delle competenze epidemiologiche presenti nel territorio, attraverso un indagine che ha coinvolto tutti i servizi sanitari della regione. E stato quindi organizzato un corso di formazione in Epidemiologia di Comunità, rivolto agli operatori individuati attraverso il censimento, con l obiettivo di rafforzare le competenze metodologiche in campo statistico-epidemiologico, competenze che sarebbero state immediatamente spese nella costruzione della Relazione sullo Stato di Salute. Con gli stessi operatori è stato quindi concordato lo schema di riferimento della Relazione. Il modello di riferimento è stato quello del Progetto Nazionale per la salute del PSN. Gli operatori dei servizi, considerati gli argomenti contenuti negli obiettivi del PSN, si sono quindi costituiti in gruppi di lavoro sulla base delle loro specifiche competenze ed esperienze lavorative e sulla base di interessi particolari in determinati settori. All interno di ciascun gruppo è stato individuato un referente il quale, oltre che coordinare il lavoro e tenere i contatti con l ARS, ha avuto anche mandato di scegliere ulteriori collaboratori tra gli operatori dei servizi. Tali collaborazioni sono state attivate per creare una rete regionale tematica in grado di dare un informazione che rappresentasse l intero territorio regionale. L impostazione e le linee di sviluppo degli argomenti sono stati decisi dagli stessi operatori che hanno quindi scelto i punti prioritari sui quali si dovesse focalizzare l attenzione per arrivare ad una lettura, più aderente alla realtà, dei bisogni di salute della popolazione. L ARS ha responsabilizzato gli operatori circa la necessità di un controllo della qualità del dato raccolto in termini di accuratezza, completezza, confrontabilità e significatività dell informazione esistente. Si è inoltre concordato che, per questa prima Relazione, il livello minimo di aggregazione e analisi dei dati fosse quello provinciale con un confronto con i dati regionali e nazionali. La struttura della Relazione La Relazione si divide in 4 sezioni. La prima sezione, Il territorio e la popolazione delinea le caratteristiche del territorio regionale, l andamento demografico e la struttura della popolazione. La seconda sezione La Salute e... si suddivide in tre capitoli: il capitolo Salute ed ambiente descrive la situazione dei potenziali fattori di rischio ambientale (inquinamento atmosferico, acque destinate al consumo umano, alimenti, rifiuti) per la salute; il capitolo Salute e lavoro illustra la situazione relativa agli infortuni sul lavoro ed alle malattie professionali dei settori industria-artigianato e del settore agricoltura. il capitolo Salute e stili di vita raccoglie le informazioni riguardanti l abitudine al fumo, il consumo di alcolici, l uso di droghe, la pratica sportiva e le caratteristiche dell alimentazione della popolazione marchigiana sulla base dei dati disponibili. Inoltre si è cercato di dimensionare i fenomeni degli incidenti stradali e domestici. La terza sezione La Salute raggiungibile per... sviluppa il II ed il V obiettivo del PSN attraverso l analisi di dati di mortalità e morbosità reperibili da statistiche ufficiali correnti o da registri regionali di patologie. La quarta sezione La Salute da tutelare per... è suddivisa in capitoli: il capitolo Popolazione anziana nel quale viene posta particolare attenzione al problema della non autosufficienza ed alle patologie di più frequente riscontro in questa fascia di età; 12

9 il capitolo Salute materno-infantile in cui viene presentata la situazione relativa alla gravidanza ed al parto, alle problematiche legate allo sviluppo psico-fisico del bambino, al disagio-disturbo psichico nell età evolutiva e all handicap; il capitolo Immigrati in cui ci si è posti l obiettivo di individuare le caratteristiche di questa popolazione con particolare riferimento alle cause che più frequentemente portano gli stranieri immigrati a rivolgersi ai servizi sanitari regionali; il capitolo Disabilità psichica nel quale si è tentato di dimensionare e caratterizzare la tipologia di utenza che si rivolge ai Dipartimenti di Salute Mentale della Regione. Nella stesura dei vari capitoli della Relazione, si è adottato il modello descrittivo del fenomeno, inteso come osservazione ed interpretazione della realtà, per formulare ipotesi sugli eventi osservati. Il linguaggio utilizzato è deliberatamente semplice e sintetico: la Relazione vuole essere un documento agile nel quale si riportano solo i dati più significativi, le informazioni che possono essere utilizzate anche dai non addetti ai lavori. Non sono infatti state inserite, nei capitoli, notizie del tipo tutto quello che si sa in ambito regionale sull infanzia, sugli anziani, ecc. ma, quello che potrebbe essere utile per valutare i rischi, i danni, gli interventi ed avanzare proposte. Pertanto si è proceduto ad includere, nelle varie sezioni, solo i dati essenziali, collocando invece nell allegato statistico le tabelle analitiche. Ciascun capitolo della Relazione è cosi organizzato: il tema viene inquadrato con una breve introduzione nella quale si fa riferimento all obiettivo ed alle azioni proposte dal PSN, quindi vengono citate le fonti informative da cui sono stati tratti i dati, ed infine si propone la lettura e interpretazione del fenomeno e la sua caratterizzazione nella realtà marchigiana utilizzando anche tabelle e grafici. La Relazione riporta i dati relativi al o, quando non disponibili, le informazioni ultime reperibili. I risultati Di seguito vengono sinteticamente riportati i dati più rilevanti evidenziati da ciascuna sezione e capitolo della relazione. Il territorio e la popolazione Si osserva una tendenza generale al calo delle nascite e al progressivo invecchiamento della popolazione, una maggiore longevità delle femmine ed una lieve preponderanza di maschi fino alla classe di età Salute e ambiente I dati analitici evidenziano complessivamente un accettabile qualità dell acqua potabile. Per quanto riguarda il controllo degli alimenti, a fronte di una notevole attività di vigilanza, si rileva la necessità di un maggiore coordinamento fra le varie istituzioni preposte a tale funzione. In ambito regionale c è un sostanziale rispetto degli standards di qualità dell aria, con alcune segnalazioni di innalzamento delle concentrazioni di ozono per le aree urbane e di inquinanti industriali nelle zone a più alta concentrazione di impianti. Per quanto riguarda i rifiuti sono individuate 15 aree maggiormente a rischio per l ambiente e per l uomo per le quali sono in via di definizione i piani di bonifica. 13

10 Salute e lavoro Nel complesso, in quasi tutti i comparti industriali, la regione Marche presenta una maggiore incidenza di infortuni (per gli infortuni gravi si registra un 69% di incidenti gravi in più rispetto al dato nazionale). Anche in agricoltura si registra un tasso di incidenza di infortuni gravi (11,6 per 1000 addetti) tre volte superiore a quello italiano (4,2 per 1000 lavoratori). Nel settore sanità gli operatori più frequentemente coinvolti in infortuni sono gli infermieri (55,3%) e la modalità di esposizione più frequente è la pratica dei prelievi. Elevato il tasso di incidenza delle malattie professionali del settore industria (nel 1997, 30,4 casi per 1000 addetti contro un dato nazionale di 20,3). Salute e stili di vita La dieta dei marchigiani è orientata ad un regime di tipo mediterraneo che trova riscontro nella produzione alimentare. La prevalenza di persone di 15 anni e più in sovrappeso ed obese è pari a 8,3 x 100 abitanti, in eccesso rispetto al dato nazionale (individui obesi =7,3x l00 ab.). Per quanto riguarda l alcool si registra: una riduzione dei forti consumi di alcool e in particolare di vino; un incremento nel consumo di bevande alcoliche fuori pasto, un aumento del consumo di birra. Riguardo al fumo si è rilevato: una stabilità della percentuale dei forti fumatori; un calo dei medi fumatori; un incremento di coloro che fumano <10 sigarette al giorno; una percentuale di maschi con abitudine al fumo (31,9% ) doppia rispetto a quella delle femmine fumatrici. Nel 1997 ci sono stati 203 morti e 9113 feriti per incidenti stradali. Nel 1997 il numero degli incidenti stradali (che sono stati di 6330) è diminuito rispetto al 96 (7188) ed al 95 (6604). L incidente domestico più frequente nei due sessi e nelle varie età è la caduta, mediamente il 50% dei casi, con punte nei bambini piccoli (60-70%) e negli anziani (70-80%). Le patologie: la mortalità Le Marche, nel 1994, rispetto alle altre regioni italiane, presentano il più basso tasso standardizzato di mortalità generale. Tale tasso è in costante diminuzione dal 1972 e sempre sotto la media nazionale. Riguardo i tassi di mortalità evitabile standardizzata per grandi gruppi di cause (prevenzione primaria, diagnosi precoce e terapia, igiene ed assistenza sanitaria) la Regione Marche è quella che registra la migliore performance nazionale: nelle prime 10 posizioni nazionali si ritrovano 5 aziende sanitarie territoriali marchigiane: Civitanova (2 ); Jesi (3 ); Fano (6 ); Ancona (9 ); S. Benedetto (10 ). Il valore di mortalità evitabile nel gruppo diagnosi precoce e terapia, per il sesso femminile pari a 24,5 anni su donne residenti, seppure basso, potrebbe però ridursi con efficaci programmi di screening dei tumori femminili. Si registra un trend in diminuzione della mortalità neoplastica. Le province del nord sono più colpite di quelle del sud. Nei maschi si registra un aumento dei tassi di mortalità per neoplasie del colon (+31%). Nelle femmine sono in diminuzione i tassi di mortalità per neoplasie dell utero (-37,8%). Negli ultimi due decenni si è registrato un aumento dei mesoteliomi nell area di Ancona, legato all esposizione dei lavoratori (addetti alla cantieristica navale) all amianto. Le patologie: la morbosità Per quanto riguarda i ricoveri per le patologie a più alta prevalenza si registrano: una relativa stabilità dei ricoveri per patologia cardiovascolare, una lieve riduzione per le neoplasie nelle sedi più frequenti, una variabilità dei ricoveri per patologia cerebro-vascolare, il 50% dei 14

11 quali sono costituiti dalla patologia cerebro-vascolare ischemica. Si evidenzia un incremento del numero degli anziani sottoposti a dialisi. Per quanto attiene al diabete si è registrata una diversità nelle classi modali dei pazienti che afferiscono ai servizi di diabetologia (61-70 anni) con quelle dei ricoveri per complicanze (45-64 anni). Alcune province presentano una maggiore prevalenza di complicanze nonostante la disponibilità di servizi sia omogenea su tutta la regione. Per le malattie infettive sottoposte a profilassi obbligatoria e volontaria, si registrano tassi di copertura ottimali: poliomielite del 99,63%; difterite e tetano del 99,55%; epatite B del 96,50% (92,65% per gli adolescenti nati nell anno 1985); antipertosse, associata a DT 90,58%; morbillo, superiore al 70%. Nel 1997 sono stati notificati 12 casi di tetano in persone anziane. Nessuno risultava vaccinato. L epatite B rappresenta la proporzione più elevata di epatiti nelle Marche. La presenza di casi di epatite B dovuti a convivenze con soggetti portatori cronici rende opportuno un potenziamento dell offerta attiva della vaccinazione. La frequenza di TBC è in linea con i dati nazionali. Per quanto attiene al problema HIV/AIDS nelle Marche si evidenzia una tendenza alla diminuzione della circolazione dell infezione e alla riduzione del numero dei casi di AIDS osservati. Nel 1997 sono stati notificati 27 focolai di tossinfezione alimentare. Le salmonelle rappresentano l agente eziologico nel 78% dei focolai. La salute da tutelare: le donne e i bambini La salute della donna in gravidanza Nelle Marche si registra da una parte un abnorme ricorso al parto cesareo (media regionale 33% con picchi di 45%) dall altra innovative esperienze di gestione della gravidanza e parto. Le interruzioni volontarie della gravidanza presentano una relativa stabilità. Il bambino L indice di mortalità infantile è in decremento e al di sotto della media nazionale. Relativamente alle patologie subacute e croniche nell età evolutiva vanno registrate: la rilevanza delle patologie atopiche (l asma non grave, la rinite allergica), una maggiore frequenza dell obesità (0.45%, IC: 0,35-0,55), la rilevanza delle patologie neurologiche, in particolare l epilessia. L adolescente Per quanto attiene i disturbi psichici in età evolutiva si è rilevata una sottostima diagnostica dei disturbi dell infanzia e dell adolescenza con diagnosi e intervento in fase tardiva (7-14 anni). La salute da tutelare: gli anziani Come ricordato si assiste al forte invecchiamento della popolazione, associato al fenomeno della femminilizzazione. Gli anziani totalmente non autosufficienti risiedono soprattutto in istituto piuttosto che nel proprio domicilio. Negli istituti la popolazione è composta soprattutto da donne di età avanzata (>=85 anni) ed una percentuale non troppo elevata ma più evidente di soggetti maschi con meno di 60 anni. 15

12 Nella popolazione ultrasessantenne la prevalenza di malattie croniche è del 68,3%: l ipertensione arteriosa è la patologia più frequente (19%). La salute da tutelare: gli immigrati Gli stranieri extracomunitari sono l 1,6% dei residenti ; il dato nazionale è dell 1,9%. Le aree di provenienza più frequenti sono l Albania e l Est Europa. Nel 1997 le cause che più frequentemente hanno portato gli extracomunitari al ricovero in ospedale sono state quelle relative ai problemi ostetrico-ginecologici. Le prospettive La Relazione sullo stato di salute della popolazione marchigiana offre lo spunto per una serie di indicazioni operative sul versante della salute e sul versante dell organizzazione della funzione di conoscenza dei fenomeni sanitari. La maggior parte degli indicatori di salute della popolazione marchigiana si collocano positivamente al livello delle regioni italiane più avanzate. Alcune aree di criticità sono peraltro chiaramente emerse: gli stili di vita potenzialmente a rischio in aumento; l alto tasso di infortuni sul lavoro e di malattie professionali; l elevata incidenza della patologia neoplastica in alcune aree; i ritardi diagnostici del disagio psichico nella fascia adolescenziale; l istituzionalizzazione degli anziani non autosufficienti. Sono tutte aree dove le politiche regionali hanno già avviato interventi sostanziali, ma che necessitano di una maggiore accelerazione. Sicuramente esistono altre aree di criticità, ma gli attuali sistemi informativi correnti nazionali non sono in grado di evidenziarli. Questa prima Relazione ha tentato di recuperare tutta l informazione attendibile esistente nel sistema. Su alcuni fenomeni (es. la non autosufficienza degli anziani) abbiamo appena sfiorato la dimensione del fenomeno, su altri (es. l handicap grave in tutte le fasce di età) non abbiamo dati di sorta che possano aiutarci ad effettuare stime accettabili dei fenomeni. Con questa relazione, e soprattutto con il percorso seguito per la sua elaborazione, sono state tuttavia create le premesse perché nell arco di applicazione del PSR si possa arrivare ad un sistema di conoscenza più puntuale e più rispondente alle esigenze di programmazione locale e regionale. E stata diffusa una cultura epidemiologica che verrà ulteriormente potenziata con interventi formativi di Il livello e allargando la base delle professionalità dei livelli distrettuali. Alcune delle statistiche sanitarie utilizzate sono state già migliorate in termini di attendibilità e precisione dei dati. Nel corso del prossimo biennio verranno sperimentati appositi indicatori di esito sanitario. Sulle aree di maggiore criticità verranno costruiti sistemi di monitoraggio periodico. Sulle aree in cui gravi sono le lacune conoscitive verranno attivate indagini epidemiologiche ad hoc, per ottenere stime sulla dimensione dei fenomeni. Se riusciremo a portare avanti tali azioni entro il 2001 potremo avere a disposizione da una parte un sistema che renderà possibile una programmazione fondata sulla base dei reali bisogni di salute della popolazione, dall altra un sistema di misurazione dell impatto dell offerta sanitaria in grado di rilevare quanta salute viene guadagnata da coloro che utilizzano il sistema sanitario regionale. Solo allora potremo valutare l efficacia e l efficienza del nostro sistema. E una sfida da raccogliere da parte dei professionisti. E un diritto che occorre garantire ai nostri cittadini. 16

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DOCUMENTI ISTAT La stima di indicatori per domini sub-regionali con i dati dell indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti Direzione Gen. Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica - Ravenna Provincia di Ravenna Comune di Ravenna S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit PRESENTAZIONE Lo scenario sulla disabilità è interessato da un processo di profonda trasformazione che negli ultimi anni ha sollecitato l attenzione dei Governi, delle loro strutture operative, delle associazioni

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli