REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA"

Transcript

1 COMUNE DI BOVOLONE Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 1

2 Art. 1 CONTENUTI E SCOPI DELLA NORMATIVA La normativa in oggetto ha come scopo la regolamentazione di tutti gli elementi propri della pubblicità, della propaganda e della segnaletica compreso le tende, in modo da tutelare e valorizzare l ambiente urbano di Via Madonna in Comune di Bovolone nel tratto compreso tra la fine di Via Roma e Via Villafontana. Gli elementi sono soggetti al presente Regolamento anche se sono posizionati nelle pertinenze private ma prospettano nel tratto di strada indicato. In particolare sono regolamentati gli elementi di pubblicità e propaganda e i segnali stradali così come definiti dai successivi articoli 2 e 3 ad eccezione della categoria delle preisegne di cui esiste una precedente Convenzione. Art. 2 DEFINIZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI (art. 47 del Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice della strada) - Insegna d esercizio: scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta. - Preinsegna: scritta in caratteri alfanumerici, completata da freccia di orientamento, ed eventualmente da simboli e marchi, realizzata su manufatto bifacciale e bidimensionale, utilizzabile su una sola o su entrambe le facce; supportato da un idonea struttura di sostegno, finalizzata alla pubblicizzazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività ed installata in modo da facilitare il reperimento della sede stessa e comunque nel raggio di 5 Km. Non può essere luminosa, né per luce propria, né per luce indiretta. - Sorgente luminosa: qualsiasi corpo illuminante o insieme di corpi illuminanti che, diffondendo luce in modo puntiforme o lineare o planare, illumina aree, fabbricati, monumenti, manufatti di qualsiasi natura ed emergenze naturali. - Cartello: manufatto bidimensionale supportato da una idonea struttura di sostegno; con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici sia direttamente, sia tramite sovrapposizione di altri elementi quali manifesti, adesivi, ecc.. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta. - Striscione, locandina e stendardo: l elemento bidimensionale realizzato in materiale di qualsiasi natura, privo di rigidezza, mancante di una superficie di appoggio o comunque non aderente alla stessa. Può essere luminoso per luce indiretta. La locandina, se posizionata sul terreno, può essere realizzata anche in materiale rigido (ad esempio: le locandine comunemente denominate sandwich ). - Segno orizzontale reclamistico: la riproduzione sulla superficie stradale, con pellicole adesive, di scritte in caratteri alfanumerici, di simboli e di marchi, finalizzata alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici. - Impianto pubblicitario di servizio: qualunque manufatto avente quale scopo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 2

3 primario un servizio di pubblica utilità nell ambito dell arredo urbano e stradale (fermate autobus, pensiline, transenne parapedonali, cestini, panchine, orologi, o simili) recante uno spazio pubblicitario che può anche essere luminoso sia per luce diretta che per luce indiretta. - Impianto di pubblicità o propaganda: qualunque manufatto finalizzato alla pubblicità o alla propaganda sia di prodotti che di attività e non individuabile secondo le definizioni precedenti, né come insegna di esercizio, né come preinsegna, né come cartello, né come striscione, locandina o stendardo, né come segno orizzontale reclamistico, né come impianto pubblicitario di servizio. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta. - Preisegne speciali: l impianto pubblicitario con propria struttura portante posto su sedime pubblico, finalizzato alla pubblicizzazione direzionale della sede di esercizio di una attività ubicata nelle traverse di Via Madonna. Nel presente Regolamento il termine mezzi pubblicitari comprende le preinsegne, anche speciali, gli striscioni, le locandine, gli stendardi, i segni reclamistici orizzontali, gli impianti pubblicitari di servizio e gli impianti di pubblicità o propaganda in omogeneità con il Codice della Strada. Art. 3 ALTRE DEFINIZIONI - Segnali turistici e di territorio di cui all art. 134 del Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice della strada - Segnali che forniscono indicazioni di servizi utili di cui all art. 136 del Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice della strada. - Targhe professionali: indicano il nome, la ragione sociale e l attività di studi professionali, ditte ed enti che hanno sede nell edificio interessato. - Insegne di pubblico servizio: si intendono tutte le indicazioni riguardanti servizi pubblici quali farmacia, ambulatorio, poste, tabacchi, ecc.. - Tende parasole utilizzabili ai fini pubblicitari: sono tende collocate sulle facciate di edifici su cui, possono essere indicati il nome e l attività. Art. 4 - COMPETENZE E PROCEDIMENTO AUTORIZZATIVO Il provvedimento amministrativo, che abilita all apposizione/installazione di tende, insegne, dei cartelli e dei mezzi pubblicitari, è l autorizzazione che deve essere rilasciata in conformità alle disposizioni di Legge in materia nonché del presente Regolamento che fa parte integrante della Variante. L autorizzazione all installazione di qualunque mezzo pubblicitario ha validità per un periodo di tre anni, alla scadenza dei quali deve essere rinnovata. La medesima autorizzazione deve essere richiesta nei limiti delle competenze degli Enti proprietari della strada anche per i mezzi e/o cartelli di cui agli artt. 134 e 136 come definiti al precedente art. 3. REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 3

4 Il rinnovo è strettamente connesso alla verifica di compatibilità dell impianto alle disposizioni normative e regolamentari vigenti al momento della presentazione dell istanza e/o al momento del rilascio della nuova autorizzazione. Nel caso in cui, per sopravvenuta entrata in vigore di norme e/o regolamenti, le disposizioni vigenti non consentano il rilascio del rinnovo, l impianto deve essere rimosso, fatte salve le disposizioni dell art. 6 del presente Regolamento. Il rilascio dell autorizzazione è previsto entro il termine di 60 giorni dal ricevimento della istanza purché la stessa sia completa di tutta la documentazione prevista dall art. 5. L unità organizzativa responsabile del procedimento è lo Sportello Unico per le Imprese, a cui va inoltrata la domanda corredata di tutta la documentazione di cui agli articoli 5 e 6. Il S.U.I., dopo aver verificato la corretta presentazione di quanto sopra entro i termini e con le modalità previste dal Regolamento che disciplina lo Sportello Unico per le Imprese, trasmette la domanda all Ufficio Tributi, che rilascia la relativa Autorizzazione all Installazione di mezzi pubblicitari, previo parere non vincolante del Comando di Polizia Municipale e dell Ufficio Tecnico per quanto di competenza. Dal momento del rilascio dell autorizzazione da parte dell Ufficio competente, vigono 90 giorni per il completamento dei lavori di installazione. Se in detto periodo i lavori non sono stati eseguiti, l autorizzazione non è più valida e deve essere riproposto l iter di approvazione. Nel caso di spostamento della sede del cartello/insegna, dovrà essere riproposto l iter di approvazione. Il rilascio dell autorizzazione è soggetto al versamento dei diritti di sopralluogo nella misura di 25,00 per ogni impianto autorizzato. Nel caso di installazione su suolo pubblico, l occupazione rimane soggetta a quanto previsto dai vigenti Regolamenti Comunali in materia. Il Settore Tributi mantiene un registro delle autorizzazioni rilasciate contenente i dati relativi al rilascio dell autorizzazione, una sommaria descrizione e la posizione assentita. Art. 5 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La presentazione della singola istanza di autorizzazione dovrà essere corredata da: a. individuazione su mappa catastale ed aerofotogrammetrica della localizzazione dell intervento; b. planimetria in scala con indicazione della distanza dal ciglio stradale, e dal successivo e/o precedente segnale stradale di pericolo e/o di prescrizione, dagli impianti semaforici, dalle intersezioni e dagli attraversamenti pedonali, nonché dal successivo e/o precedente impianto pubblicitario; c. sezione stradale quotata; d. dichiarazione di proprietà o autorizzazione del proprietario del terreno o del fabbricato su cui andrà installato l impianto pubblicitario, se trattasi di area privata; e. un bozzetto che descriva dimensioni, colori, materiali in scala adeguata (1:20 o 1:50); f. compilazione della scheda predisposta per la catalogazione dei mezzi pubblicitari, inserendo la fotointerpretazione del mezzo pubblicitario da collocare; REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 4

5 g. una documentazione grafica e fotografica con almeno due visuali contrapposte a largo raggio ad una distanza adeguata dal punto di installazione; h. autocertificazione redatta con le modalità di cui all art. 47 del DPR n.445 con la quale si attesti che il mezzo pubblicitario è stato calcolato, realizzato e sarà posto in opera tenendo conto della natura del terreno e della spinta del vento, in modo da garantire la stabilità. L attestazione deve essere firmata dal soggetto interessato al rilascio dell autorizzazione oppure dal costruttore o dall installatore dell impianto. Sono esclusi dall obbligo i mezzi pubblicitari di piccole dimensioni, nonché quelli collocati all interno delle vetrine o porte d ingresso; Nel caso di variazione della pubblicità esposta o di sostituzione di parti del mezzo pubblicitario che non comporti variazioni nell impianto o nelle dimensioni del mezzo pubblicitario, aventi caratteristiche diverse da quelle descritte nell autorizzazione e nella relativa documentazione, è necessario presentare una richiesta di variazione ed integrare la documentazione indicando il numero e la data della precedente autorizzazione o concessione e allegando quanto indicato alle lettere e), f) e g) del presente articolo.. Decorsi 30 giorni dalla presentazione della domanda essa dovrà ritenersi accolta se non intervengono parere negativi da parte dell Ente. Per l inserimento dei manufatti di preinsegne preciali e della relativa pubblicità si fa riferimento al successivo articolo 11. Per l installazione delle insegne di esercizio alla domanda deve essere allegata la documentazione prevista alle lettere d), e), f) g) e h) dell art. 5. Art. 6 MEZZI PUBBLICITARI TEMPORANEI Per i mezzi pubblicitari di carattere provvisorio la presentazione della singola istanza dovrà essere corredata da: - individuazione su mappa catastale della localizzazione dell intervento; - una documentazione fotografica (2 visuali) riguardante il luogo dell intervento; - dichiarazione del tempo (max 30 giorni rinnovabile solo per una seconda volta) di installazione provvisoria; - fotocopia dell autorizzazione a cui si riferisce la richiesta di rinnovo e la motivazione per cui si richiede il rinnovo; - autocertificazione redatta con le modalità di cui all art. 47 del DPR n. 445 con la quale si attesti che il mezzo pubblicitario è stato calcolato, realizzato e sarà posto in opera tenendo conto della natura del terreno e della spinta del vento, in modo da garantire la stabilità. L attestazione deve essere firmata dal soggetto interessato al rilascio dell autorizzazione oppure dal costruttore o dall installatore dell impianto. REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 5

6 Art. 7 RIMOZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI I mezzi pubblicitari installati senza aver ottenuto la prevista autorizzazione o comunque non conformi alle disposizioni del provvedimento autorizzativo vengono ritenuti abusivi. Il Comune, nel caso di accertamento di mezzi pubblicitari ritenuti abusivi dispone, mediante ordinanza, la rimozione degli stessi entro i 60 giorni successivi alla data di notifica a cura e spese del titolare dell autorizzazione. Nel caso in cui la ditta titolare dell autorizzazione non provveda ad una corretta manutenzione dell impianto tale da condurre a precarie condizioni statiche o degrado visivo dello stesso, sarà emessa, previo accertamento dell Ufficio, diffida all effettuazione degli interventi necessari per la manutenzione. In caso di ulteriore inadempienza potrà essere disposta la rimozione dell impianto con le modalità del presente articolo. Se alla scadenza del periodo di autorizzazione triennale non viene inoltrata regolare domanda di proroga, i mezzi pubblicitari devono essere rimossi entro il termine di giorni 30 dalla scadenza. La domanda di proroga si intende accolta se non interviene alcun provvedimento contrario da parte del Comune. In caso di inottemperanza all ordine di rimozione o di spostamento entro il termine previsto, verrà effettuata l esecuzione d ufficio, addebitando le spese relative all utente, tramite imposizione di pagamento. E fatto salvo, in ogni caso, quanto previsto al comma 1 dell art. 10 e al comma 1 dell art. 11 del Regolamento Comunale per la Disciplina del Canone per l Occupazione delle Aree e del Suolo Pubblico 1. Art. 8 FORME DI PUBBLICITA ESENTI Sono esenti dall autorizzazione i seguenti mezzi pubblicitari: - le indicazioni tipo ufficio, magazzino, parcheggio posizionate all interno della proprietà privata o comunque nelle pertinenze dell attività stessa; - i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari, non luminosi, posti all interno delle vetrine o porte d ingresso dei negozi in occasione di vendite promozionali o svendite od esposte in forma provvisoria; - i listini dei prezzi dei pubblici esercizi; - le locandine, i manifesti ed avvisi di natura politica o culturale posti su mezzi propri; - cartelli di cantiere che reclamizzano ditte o prodotti relativi a lavori di cantiere, operazioni di restauro, lottizzazioni purché posizionate nell ambito dell intervento, ecc. (anche con sponsor); 1 Art. 10, comma 1: Sono cause di decadenza della concessione o della autorizzazione: - le reiterate violazioni, da parte del concessionario o di altri soggetti in sua vece, delle condizioni previste nell atto rilasciato; - la violazione delle norme di legge o regolamentari dettate in materia di occupazione dei suoli; - l uso improprio del diritto di occupazione o il suo esercizio in contrasto con le norme ed i regolamenti vigenti e, comunque, di quanto prescritto nella concessione o nella autorizzazione; - la mancata occupazione, senza giustificato motivo, del suolo avuto in concessione o in autorizzazione; - il mancato pagamento del canone di occupazione del suolo pubblico. Art. 11, comma 1: La concessione o l autorizzazione di occupazione di suolo, soprassuolo o sottosuolo pubblico è sempre revocabile per motivi di pubblico interesse. REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 6

7 - le targhe professionali singole, purché l autorizzazione non risulti prescritta da altre fonti normative e purché aventi dimensioni massime di m 0,25 x 0,40; - eventuali targhe plurime da apporre su facciate già oggetto di precedenti installazioni, devono invece intendersi soggetto di autorizzazioni al fine di verificare la compatibilità delle stesse con le facciate degli edifici interessati; - comunicazione per la vendita e l acquisto di appartamenti, fabbricati o iniziative immobiliari in genere, posti all interno di vetrine di agenzia immobiliari o ubicati su serrande, cancellate, recinzioni, porte o vetrine dell immobile o del terreno posto in vendita o in affitto, purché aventi le dimensioni massime di m 0,70 x 1,00; ART. 9 OBBLIGHI E SANZIONI Le tende, le insegne di esercizio, I cartelli e gli altri mezzi pubblicitari devono essere tenuti in buono stato di manutenzione da parte del titolare dell autorizzazione. Nel caso di cessazione di attività o di cambio di ubicazione, tutti i mezzi pubblicitari inerenti quell attività devono essere rimossi entro 90 giorni a spese e cura del titolare dell autorizzazione. Nel caso di inottemperanza, il Comune provvederà alla rimozione, addebitando le spese al titolare dell autorizzazione. Chiunque viola le disposizioni inerenti l installazione dei mezzi pubblicitari è soggetto alla sanzione così come prevista dall art. 23 del D. lgs n. 285 Nuovo Codice della Strada e successive modifiche ed integrazioni. Inoltre, chiunque violi le norme fissate dal presente regolamento, è soggetto alle sanzioni previste dall art. 7/bis del D.Lgs. 267/ Per ogni singola attività è consentita l esposizione, su tutto il territorio comunale, di massimo cinque mezzi pubblicitari compresi i segnali di direzione e/o turistico, oltre all insegna di esercizio. Eventuali deroghe a tale disposizione potranno essere concesse in presenza di accertata necessità da dimostrarsi all atto della presentazione della domanda. ART. 10 NORME TRANSITORIE Le tende, le insegne di esercizio, i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari installati sulla base di autorizzazioni in essere all atto dell entrata in vigore del presente Regolamento e non rispondenti alle disposizioni dello stesso, devono essere rimossi, ovvero adeguati, entro tre anni dalla sua entrata in vigore a cura e a spese del titolare dell autorizzazione. 2 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali Articolo 7-bis - Sanzioni amministrative. 1. Salvo diversa disposizione di legge, per le violazioni delle disposizioni dei regolamenti comunali e provinciali si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 euro a 500 euro. 1-bis. La sanzione amministrativa di cui al comma 1 si applica anche alle violazioni alle ordinanze adottate dal sindaco e dal presidente della provincia sulla base di disposizioni di legge, ovvero di specifiche norme regolamentari. 2. L'organo competente a irrogare la sanzione amministrativa è individuato ai sensi dell'articolo 17 della legge 24 novembre 1981, n REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 7

8 Le richieste di adeguamento saranno formulate nel rispetto dalle Norme generali e di quelle del presente Regolamento comunale con le modalità dell art. 5. Alla scadenza di tale periodo, laddove non fossero attivate le procedure di adeguamento, verrà disposta d ufficio la decadenza della precedente autorizzazione con il conseguente obbligo di rimozione ai sensi dell art. 7 del presente regolamento.. Art. 11 CARATTERISTICHE E MODALITA DI INSTALLAZIONE DELLE PREISEGNE SPECIALI 1. Gli impianti delle preinsegne speciali sono installati a cura dell Amministrazione, nelle intersezioni definite nelle planimetrie di progetto ( tav. 4 ). 2. Al di fuori dei punti evidenziati nella planimetria sopra citata, è severamente vietato installare preinsegne speciali, e gli unici mezzi pubblicitari consentiti restano le preinsegne. 3. Le ditte interessate all utilizzo dell impianto preinsegna speciale, sono esclusivamente quelle che hanno almeno un accesso diretto in una delle traverse evidenziate sulla planimetria di progetto ( tav. 4 ). 4. L impianto di preinsegna speciale prevede la possibilità di inserimento di spazi pubblicitari di tutte le aziende di cui al comma 3, indipendentemente dalla presentazione di una loro eventuale richiesta. 5. Ogni azienda avrà diritto ad un unico spazio pubblicitario. 6. L impianto pubblicitario viene costruito con le caratteristiche della planimetria di progetto ( tav. 4 ), con le dimensioni riportate e comunque lo spazio pubblicitario per ogni azienda non potrà essere superiore a mq. 0,75 ( ml. 1,50 x 0,50 ). Nel caso in cui la preinsegna speciale sia prevista per la pubblicizzazione di una unica azienda, ai sensi di quanto fissato al comma 3, lo spazio pubblicitario non potrà essere superiore a mq. 2,5; in questo caso l impianto dovrà essere installato a cura della ditta richiedente. 7. L Amministrazione raccoglierà tutte le domande di inserimento delle attività, aggiornando l impianto ogni 3 anni, a partire dall approvazione del presente regolamento. 8. Il posizionamento dello spazio pubblicitario all interno dell impianto è direttamente collegato alla posizione della ditta sulla via, partendo dal basso verso l alto. 9. La modalità di presentazione delle domande di cui all art. 5, per ottenere l autorizzazione all installazione di mezzi pubblicitari per la categoria in esame, prevede esclusivamente la documentazione prevista alle lettere e ) g ) oltre al versamento di un canone una tantum per l apposizione della tabella su impianto comunale. L importo del canone viene stabilito con cadenza triennale dalla Giunta Comunale. 10. E consentita l illuminazione della tabella, purché la fornitura di energia elettrica non sia allacciata alla rete di illuminazione pubblica. Art. 12 CARATTERISTICHE DEI CARTELLI, DELLE INSEGNE DI ESERCIZIO E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 8

9 Le tende, i cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari devono essere realizzati nelle loro parti strutturali con materiali non deperibili e resistenti agli agenti atmosferici. Le strutture di sostegno e di fondazione devono essere calcolate per resistere alla spinta del vento, saldamente realizzate ed ancorate, sia globalmente che nei singoli elementi. I cartelli, le insegne di esercizio e gli altri mezzi pubblicitari in ogni caso non devono generare confusione con la segnaletica stradale. Particolare cautela dovrà essere adottata nell uso dei colori, specialmente del rosso al fine di non generare confusione con la segnaletica stradale. Su ogni cartello o mezzo pubblicitario dovrà essere indicato in modo conveniente i dati dell Amministrazione rilasciante, il soggetto titolare e il numero di autorizzazione.. Art. 13 CARATTERISTICHE DEI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA In generale: 1. E vietata ogni forma di pubblicità sui tetti. 2. E ammessa l apposizione di cartelli pubblicitari anche sui muri intonacati, purché inseriti in appositi spazi delimitati da cornice in ferro o altro materiale resistente alle intemperie. 3. Le insegne e gli altri mezzi pubblicitari vanno di regola collocate nei fori delle vetrine o porte, posizionati all interno dei vetri, oppure addossati all esterno degli stesso con una sporgenza massima di cm Di norma, per una salvaguardia dei prospetti degli edifici, è vietato collocare insegne ed altri mezzi pubblicitari mono o bifacciali a bandiera con staffe sulle pareti degli stessi ad eccezione delle previste insegne per i servizi pubblici ( farmacie, tabacchi, poste, ecc. ). Soluzione a bandiera potranno essere prese in considerazione in presenza di un attenta progettazione che valuti preventivamente la lettura architettonica di tutto il fronte dell edificio e comunque di dimensioni minime ( ai sensi delle schede tecniche ) con il lato inferiore ad altezza superiore a m dal terreno ed in ogni caso esclusivamente ove non sia possibile installare insegne di esercizio parallele al senso di marcia dei veicoli. Soluzioni a bandiera potranno inoltre essere prese in considerazione per attività ubicate all interno di cortili non aggettanti direttamente sulla strada e senza accesso diretto dei veicoli. 5. Nel caso di più insegne sul prospetto di un edificio, si devono ricercare criteri di omogeneità nelle forme, nelle dimensioni e nei colori rapportandosi con i parametri ed i toni della facciata. 6. E ammesso il posizionamento di cartelli su supporti all interno di pertinenze prospettanti luoghi pubblici in senso longitudinale o trasversale nei modi e caratteristiche previste dalla presente Variante. 7. Le tende parasole, se utilizzate anche come mezzi pubblicitari, devono rispettare i criteri previsti dalle schede e possono essere collocate solamente al piano terra ed a servizio esclusivo degli esercizi e non dovranno ostacolare la lettura architettonica dell edificio e cioè essere posizionata, preferibilmente ove REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 9

10 possibile, all interno dei fornici e delimitati dalle cornici architettoniche o architravate; l aggetto massimo previsto non deve superare 120 cm. dalla facciata. Aggetti superiori sono ammessi se ciò è consentito dalle dimensioni del marciapiede o perché aggettano su aree di pertinenza privata. La colorazione dovrà essere compatibile con l assetto cromatico della facciata. 8. Gli elaborati progettuali indicano il posizionamento di impianti pubblicitari i cui supporti dovranno essere in ferro trattato colorati di grigio scuro opaco o nero opaco e di sezione circolare calcolate secondo le dimensioni adottate. 9. Le insegne, i cartelli e gli impianti pubblicitari montati su apposita struttura posti su area pubblica o pertinenza privata dovranno di massima rispettare gli elaborati progettuali; comunque la superficie pubblicitaria non potrà superare e mq. 6, Nel caso di più unità immobiliari ad uso commerciale terziario ubicate all interno di un unico complesso edilizio deve essere installato un unico impianto pubblicitario nel rispetto delle distanze e misure imposte dallapresente Variante. Tale impianto dovrà permettere la visibilità a tutte le attività commerciali o terziarie in egual misura e comunque nel rispetto delle dimensioni sopra riportate ( max 6,00 mq. per impianto min. 0,75 mq. per la pubblicità ). 11. L installazione di più impianti pubblicitari su area privata è consentito solo nel caso che nel complesso edilizio siano ubicate un numero di attività almeno superiore a 8 ( otto ). 12. Gli impianti pubblicitari possono essere bifacciali e dotati di luce propria, mentre è espressamente vietata ogni forma di luce indiretta; l esatto posizionamento e le caratteristiche saranno determinate dal Responsabile del Procedimento sentiti gli Uffici preposti. 13. E stato preventivamente evidenziato il posizionamento per gli impianti di preinsegne speciali ai fini pubblicitari; le richieste per l installazione degli altri mezzi pubblicitari saranno valutate dal Responsabile del Procedimento; comunque i mezzi non potranno essere ad una distanza inferiore a ml. 20 dagli impianti previsti ed esistenti. 14. Dovranno in ogni caso essere rispettate le distanze di cui all art. 23 del Codice della Strada, fatta salva la possibilità per la Giunta Comunale di approvare specifiche deroghe ove ricorrano motivazioni di pubblico interesse direttamente attinenti il messaggio pubblicitario. ART. 14 DEROGHE Possono prevedere posizionamenti e colori in contrasto con il presente Regolamento i mezzi pubblicitari a carattere pubblico uniformi a livello nazionale indicanti farmacie, tabacchi, poste, telefono, ecc. Il Responsabile del Procedimento valuterà attentamente soluzioni di impianti pubblicitari non previsti ma che fanno riferimento a simboli o forme di marchi di aziende nazionali od internazionali al fine di poter assentire l installazione. Sono ammessi in deroga al presente regolamento, impianti pubblicitari come documentata espressione artistica dell ingegno umano. In particolare nelle stazioni di servizio esistenti nel tratto regolamentato possono essere accettate superfici di impianti pubblicitari superiori a quanto previsto dal REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 10

11 presente Regolamento ma che comunque dovranno rapportarsi per forma, colore e posizione per quanto possibile con le presenti regole. Art POSIZIONAMENTO DI SEGNALI TURISTICI 1. Tali segnali non devono essere intesi come messaggi pubblicitari, ma come indicatori di percorso e definizione del monumento. 2. Il loro posizionamento dovrà prevedere un conveniente raggruppamento per categorie omogenee e comunque mai interferire con l avvistamento e la visibilità della segnaletica stradale. 3. La loro colorazione e le diverse simbologie sono definite dall art. 78 e dall art. 134 del Regolamento di attuazione ed esecuzione del Codice della strada. Art. 16 ESPOSIZIONE DI STRISCIONI, LOCANDINE E STENDARDI 1. Lungo Via Madonna sono ammessi unicamente per la promozione pubblicitaria di manifestazioni e spettacoli, oltre che per il lancio di iniziative commerciali ed è limitata al periodo di svolgimento della manifestazione, dello spettacolo o della iniziativa a cui si riferisce, per un massimo di giorni 30/anno. 2. Per quanto non espressamente detto valgono le disposizioni dell art. 23 del Codice della Strada e del Regolamento di esecuzione. REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA PAGINA 11

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Comune di Niardo Provincia di Brescia Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (per l installazione di cartelli,

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 tino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi dell articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca dati degli atti del Consiglio regionale

Dettagli

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso )

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) Via Don. G. Minzoni, 12 31057 Silea Tel. 0422/365731 Fax 0422/460483 e-mail: urbanistica@comune.silea.tv.it- sito internet: www.comune.silea.tv.it AREA 4^ - GESTIONE

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale Sportello Unico per le Imprese Servizio convenzionato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Colverde, Faloppio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Rodero,

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673

COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 COMUNE DI MORRO D'ORO C.F. 81000370676 -------- PROVINCIA DI TERAMO ------ P.IVA 00516370673 AREA FINANZIARIA II Servizio Ufficio TRIBUTI RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

Dettagli

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche

Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE III CLASSE Area Economica Finanziaria Ufficio Pubblicità e Affissioni - Cosap Ufficio Autorizzazione Impianti Pubblicitari e Occupazioni Spazi e Aree Pubbliche Genia Spa

Dettagli

Chiede l autorizzazione ad installare

Chiede l autorizzazione ad installare marca da bollo euro 14,62: Al sig. Sindaco Comune di Barlassina Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende Io sottoscritto/a_ nato/a a _ il C.F. residente

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE, CARTELLI PUBBLICITARI, TARGHE marca da bollo 14,62 COMUNE DI CASEI GEROLA PROVINCIA DI PAVIA P.zza Meardi, 3 27050 Casei Gerola Tel 0383 61301 Fax 0383 1975758 Prot. n. del RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI INSEGNE,

Dettagli

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Allegato A alla Delibera Consiglio comunale n. 157 del 16/12/02 COMUNE DI PERUGIA PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Relazione INDICE 1. Fonti normative e finalità 2. Situazione attuale 3. Obiettivi operativi

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Il sottoscritto chiede la collocazione di impianto pubblicitario da realizzare in Via n Fg. mapp.

Il sottoscritto chiede la collocazione di impianto pubblicitario da realizzare in Via n Fg. mapp. COMUNE DI MANTOVA Sportello Unico per le Imprese e i Cittadini Via Gandolfo, 11-46100 Mantova Tel.: 0376338634 Fax: 0376338633 E-mail: su.edilizia.territorio@domino.comune.mantova.it RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

Provincia di Cosenza Settore Patrimonio-Espropri Servizio Concessioni Piazza XV Marzo 87100 Cosenza. Il sottoscritto C.F./P.I.

Provincia di Cosenza Settore Patrimonio-Espropri Servizio Concessioni Piazza XV Marzo 87100 Cosenza. Il sottoscritto C.F./P.I. DOMANDA PER IMPIANTI PUBBLICITARI E INSEGNE D ESERCIZIO Modello 11 Alla Provincia di Cosenza Settore Patrimonio-Espropri Servizio Concessioni Piazza XV Marzo 87100 Cosenza Il sottoscritto C.F./P.I. nato

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO Bollo Euro 14,62 COMUNE DI CALOLZIOCORTE Settore Del Territorio Sportello Unico Per L Edilizia RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

ELENCO E MOTIVO DEL PROVVEDIMENTO RICHIESTO ( barrare il provvedi mento richiesto)

ELENCO E MOTIVO DEL PROVVEDIMENTO RICHIESTO ( barrare il provvedi mento richiesto) MARCA DA BOLLO (SOLO SE FUORI DAL CENTRO ABITATO) Esenti Enti Pubblici D.P.R. 955/82 Vedi nota pag.3 Mod. 13.7 (agg. 28.09.2011) Provincia di Vicenza Ufficio Concessioni e Autorizzazioni Via L.L. Zamenhof,

Dettagli

OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per insegne d esercizio (per interventi relativi ad impianti produttivi).

OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per insegne d esercizio (per interventi relativi ad impianti produttivi). Protocollo generale Comune di Sabaudia Provincia di Latina N del Sportello Unico Attività Produttive (n. 3 copie in carta semplice) Al S.U.A.P. del Comune di Sabaudia Piazza del Comune 04016 Sabaudia (LT)

Dettagli

Cognome e Nome. Cognome e Nome

Cognome e Nome. Cognome e Nome Marca da bollo 16,00 Alla PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI - VIABILITÀ Ufficio Concessioni IL/I/LA/LE SOTTOSCRITTO/I/A/E se PERSONA FISICA Codice Fiscale nato a Prov. il residente in Prov.

Dettagli

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo P,zza della Libertà,1 24036 PONTE SAN PIETRO Tel. 0356228411 Fax 0356228499 SETTORE 2 UFFICIO TECNICO COMUNALE marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) SPETT.LE COMUNE DI PONTE SAN PIETRO P.ZZA DELLA LIBERTA, 1 (BG) Oggetto: Domanda di autorizzazione per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO (Art. 23, comma 1, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 e s.m.i.)

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO (Art. 23, comma 1, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 e s.m.i.) Estremi archiviazione pratica edilizia: Prot. Gen. n. del Pratica Edilizia N Denuncia di inizio attività N ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI OGGETTO: Denuncia di inizio attività presentata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

Comune di Longare Provincia di Vicenza

Comune di Longare Provincia di Vicenza Comune di Longare Provincia di Vicenza Marca da Bollo 14,62 DOMANDA PER: INSEGNA D ESERCIZIO, CARTELLONE PUBBLICITARIO, TARGHE INSEGNE Al Signor Sindaco del Comune di Longare Il\La sottoscritto\a... residente

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE

LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE LPS12 DOMANDA UNICA PER RICHIESTA NULLA-OSTA O AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MEZZO PUBBLICITARIO LUNGO LA STRADA PROVINCIALE/REGIONALE Marca da bollo PROVINCIA DI PISTOIA Servizio Viabilità ed Infrastrutture

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo ALLA PROVINCIA DI BERGAMO Settore Trasporti, Espropri e Concessioni Servizio Concessioni Via Tasso, 8 24121 Bergamo marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R. n 955/82) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Al Comune di Senorbì Via Lonis 34 09040 Senorbì Ca

Al Comune di Senorbì Via Lonis 34 09040 Senorbì Ca Modello di domanda per i mezzi pubblicitari Al Comune di Senorbì Via Lonis 34 09040 Senorbì Ca Nuova Installazione Rinnovo Variazione Bozzetto Volturazione (barrare la voce desiderata) DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Città di Orbassano Provincia di Torino

Città di Orbassano Provincia di Torino Città di Orbassano Provincia di Torino Marca da bollo Al Signor Sindaco del Comune di Orbassano Il\La sottoscritto\a residente in Via.. n...c.f......telefono, con la presente chiede di essere autorizzato/a

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI (ESCLUSE INSEGNE/TENDE/TARGHE/VETROFANIE)

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI (ESCLUSE INSEGNE/TENDE/TARGHE/VETROFANIE) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI (ESCLUSE INSEGNE/TENDE/TARGHE/VETROFANIE) [ ] NUOVA INSTALLAZIONE [ ] SOSTITUZIONE [ ] MANTENIMENTO IN OPERA [ ] CESSAZIONE [ ] Marca

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO

ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO ALLA PROVINCIA DI BERGAMO VIA T.TASSO, 8 24121 BERGAMO marca da bollo euro 14.62 Esenti Enti Pubblici (D.P.R.n 955/82) Il sottoscritto nato a il residente a in via c.a.p. Telefono fax Codice Fiscale in

Dettagli

N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA.

N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA. N. 96 in data 07/10/2010 Proposta n. 183 Oggetto: INSTALLAZIONE SEGNALETICA STRADALE E ARREDO URBANO - DETERMINAZIONE PROCEDURA E TARIFFA. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: - all Ufficio Tecnico del Comune

Dettagli

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 SERVIZIO I URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI **********************

Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** Allegato alla DCC n. del REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI ********************** 1 ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Sono oggetto di disciplina del presente

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE PUBBLICITARIA

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE PUBBLICITARIA Protocollo: N del Pratica: N / Marca da Bollo RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE PUBBLICITARIA Il/la sottoscritto/a nato a il Codice fiscale residente a Prov. Via/Piazza n telefono cellulare indirizzo

Dettagli

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare

Richiesta di autorizzazione all installazione di insegne, cartelli pubblicitari, targhe e tende. Chiede l autorizzazione ad installare PROTOCOLLO COMUNALE AL COMUNE DI CESANO MADERNO SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO EDILIZIA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Arese, n. 12 20031 Cesano Maderno (Mi) marca da bollo 14,62 Pratica

Dettagli

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2 SOMMARIO:

Dettagli

Comune di San Daniele del Friuli

Comune di San Daniele del Friuli Comune di San Daniele del Friuli REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLE INSEGNE COMMERCIALI ED AI MEZZI PUBBLICITARI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO Approvato con delibera del C.C. n.115 del 20.12.2001 e modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI LAMPORECCHIO Piazza Berni, n. 1 51035 LAMPORECCHIO (PT) C.F. 00300620473 Fax 0573/81427 @mail info@comune.lamporecchio.pt.it Area Tecnica Lavori Pubblici REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI Area V - Gestione del territorio Servizio Politiche Ambientali Via A. Costa n. 12 40062 Molinella (Bo) Tel. 051/690.68.62-77 Fax 051/690.03.46 ambiente@comune.molinella.bo.it Indice ART. 1 (FINALITÀ)..........

Dettagli

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano Regolamento per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente. Approvato con deliberazione consiliare n. 16 del

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte Marca da bollo da Euro 16,00 Settore 3 - Servizio Mezzi Pubblicitari - N Spazio riservato all Ufficio) Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte P.zza Vittoria, 47 56020 Santa Maria a Monte PI RICHIESTA

Dettagli

Luogo residenza prov. c.a.p. Indirizzo n. Tel. Fax e-mail

Luogo residenza prov. c.a.p. Indirizzo n. Tel. Fax e-mail Al dirigente del sesto settore del Comune di Termini Imerese Oggetto: Richiesta modifica temporanea della disciplina vigente di circolazione o di sosta. Cognome nome Luogo di nascita Data di nascita Luogo

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.pag 3 Art. 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI IMMOBILI.. pag. 3 Art. 3 UTILIZZO DEGLI

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

a) Mezzi pubblicitari posizionati e/o visibili lungo STRADA COMUNALE

a) Mezzi pubblicitari posizionati e/o visibili lungo STRADA COMUNALE PROCEDURA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE RILASCIATA AI SENSI DELL ART. 23 DEL CODICE DELLA STRADA La procedura in oggetto

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera C.C. n.. 46 del 07.08.2013 - INDICE ART. 1) ART. 2)

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CONDIZIONATORI E APPARECCHI TECNOLOGICI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CONDIZIONATORI E APPARECCHI TECNOLOGICI TESTO-TIPO DI NORMA COMUNALE - Pag. 01di Proposta al Comune di Monza REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI Capo I - Impianti tecnologici in generale 1. Tutti gli interventi per l inserimento di apparecchiature

Dettagli

ART. 1 (Finalità) ART. 2 (Requisiti di localizzazione)

ART. 1 (Finalità) ART. 2 (Requisiti di localizzazione) ART. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento disciplina la concessione di incentivi per i lavori di manutenzione straordinaria che i privati proprietari di fabbricati effettueranno sulle facciate confinanti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano Codice Fiscale 00873100150 - Piazza Diaz n. 1-20020 Busto Garolfo - www.comune.bustogarolfo.mi.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio)

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio) modello 5 Marca da Bollo Data di arrivo PG PR Allo Sportello Unico per l Edilizia Ufficio Ricezione Piazza Municipale, 21 Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art.

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER AUTORIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA PER IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA ED IL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE

PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Provincia di Verona PIANO DELLA CARTELLONISTICA REGOLAMENTO COMUNALE AI SENSI DELL ART. 23 DEL CODICE DELLA STRADA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 9 del 13/02/2003

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

SCHEDA TECNICA (da compilarsi IN TUTTE le sue parti)

SCHEDA TECNICA (da compilarsi IN TUTTE le sue parti) SCHEDA TECNICA (da compilarsi IN TUTTE le sue parti) NOTA BENE: Per le modalità di firma della domanda consultare le istruzioni riportate alla fine del presente modulo CARATTERISTICHE IMPIANTO (barrare

Dettagli

spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO'

spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO' spazio riservato al protocollo Al sig. SINDACO del Comune di PONTE SAN NICOLO' Bollo 16,00 DOMANDA INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI (in bollo) DOMANDA RINNOVO AUTORIZZAZIONE (in bollo) COMUNICAZIONE INSTALLAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 del 20/09/2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI CARINI Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del regolamento Art. 2

Dettagli

CASTEGNERO-NANTO Provincia di Vicenza UFFICIO TECNICO CONVENZIONATO

CASTEGNERO-NANTO Provincia di Vicenza UFFICIO TECNICO CONVENZIONATO CASTEGNERO-NANTO Provincia di Vicenza UFFICIO TECNICO CONVENZIONATO LL PP e MANUTENZIONI - Via Ponte n. 64-36020 CASTEGNERO Ufficio Tecnico 0444/738756 - Fax n. 0444/730050 e.mail: tecnico@comune.castegnero.vi.it

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di G.M. n. 122 dell 1/6/2012 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambito

Dettagli

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici;

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici; REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO ESTETICO ED IL RISANAMENTO DEI CENTRI STORICI DI SCANZO E ROSCIATE ART. 1 - CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Il Comune

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Prot. Generale N. 0098330 / 2014 Atto N. 4249 PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI AREA EDILIZIA - PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OGGETTO: AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Assessorato all urbanistica ed edilizia REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE INSEGNE D ESERCIZIO E CARTELLI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio Comunale nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato del. C.C. n. 11 del 29.01.2010 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02.

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02. TITOLO I DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE approvato con delibera di C.C. n. 54 del 02.07.1998 Art. 1 Norme generali

Dettagli

ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO

ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO COMUNE DI COLDRERIO ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO Il Municipio di Coldrerio Richiamati - la Legge cantonale sugli

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE PUBBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE E DELLA PUBBLICHE AFFISSIONI TITOLO I - DISCIPLINA

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I. SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AI SENSI DELL ART. 21 BIS DELLA L.R. N 16/2008 E S.M.I. All Ufficio Tecnico del Comune di Carasco Via IV Novembre 28 16042 CARASCO (GE) Carasco, li

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 76 del 16.9.2010 INDICE Articolo 1: Oggetto ed ambito di applicazione Articolo 2: Definizioni

Dettagli