COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI"

Transcript

1 COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente ALLEGATO A REGOLAMENTO 1

2 Premessa Il presente Piano generale degli impianti pubblicitari e per pubbliche affissioni è redatto ai sensi e in esecuzione dell articolo 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente, approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.16 del Si ritiene inoltre, con questa previsione, di soddisfare le esigenze di pubblico interesse per l installazione e la regolamentazione di particolari forme pubblicitarie. La tipologia, la quantità e le modalità di installazione sono puntualmente specificati nel presente piano e nel regolamento di cui sopra, in quanto occorre garantire l uniformità degli impianti nel territorio e l integrazione degli stessi nei vari punti del centro abitato con la segnaletica di indicazione prevista dal Nuovo Codice della Strada. La programmazione di questo genere di impianti consente inoltre di regolarizzare i cartelli pubblicitari presenti rimuovendo quelli non conformi alla nuova normativa, e di razionalizzare il loro uso. All interno del presente Piano sono determinate le tipologie, le caratteristiche, le dimensioni, la dislocazione nel territorio comunale degli impianti pubblicitari. Ai sensi delle disposizioni vigenti, il presente Piano, costituisce deroga alle prescrizioni contenute nell art. 23 e collegati del Nuovo Codice della Strada, approvato con D. Lgs , n PARTE 1^ ART. 1 LE INSEGNE DI ESERCIZIO (Articolo 9 del Regolamento Comunale) Per insegna di esercizio si intende la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede di attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie e adiacenti alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta. É necessario indicare le caratteristiche tecniche delle insegne (altezza, larghezza, spessore, logo e colorazione) e la loro posizione in relazione al prospetto della facciata sulla quale insisterà. I disegni con le suddette indicazioni (prima dell installazione) dovranno essere sottoposti al parere dell UFFICIO TECNICO e/o Commissione Edilizia, e dovranno essere in scala almeno 1:50. È necessario altresì indicare le altezze massime delle insegne. È proibito posizionare le insegne a bandiera con la bandiera che insiste sullo spazio pubblico. È obbligo posizionare le insegne all interno dell area di pertinenza della proprietà privata. Ciascuna attività economica può dotarsi di una insegna di esercizio per ogni accesso dalla pubblica via posseduto. ART. 2 2

3 PREINSEGNE (Articolo 10 del Regolamento Comunale) Per preinsegna si intende la scritta in caratteri alfanumerici, completata da freccia di orientamento, ed eventualmente da simboli e da marchi, realizzata su manufatto bifacciale, utilizzabile su una sola o su entrambe le facce, supportato da idonea struttura di sostegno finalizzata alla pubblicizzazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività ed installata in modo da facilitare il reperimento della sede stessa all interno del centro urbano, ovvero l area comunale delimitata dai cartelli stradali con la scritta GESTURI, posizionata ai due ingressi del centro abitato stesso. Le preinsegne sono divise in tre categorie: Cat. 1 Preinsegne di INTERESSE PUBBLICO (biblioteca, scuole, carabinieri, poste, etc ) Cat. 2 Preinsegne di INTERESSE TURISTICO(siti archeologici, architettonici, museali, etc..) Cat. 3 Preinsegne di INTERESSE COMMERCIALE PRIVATO (attività commerciali private) Le preinsegne indicano la direzione per raggiungere, con il percorso più idoneo e breve, in modo compatibile alla viabilità e ai sensi di marcia esistenti, i Servizi di Interesse Pubblico (1), Interesse Turistico (2), Interesse Commerciale privato (3), siti all interno del centro urbano, ovvero l area comunale delimitata dai cartelli stradali con la scritta GESTURI, posizionati ai due ingressi del centro urbano stesso. (Fanno eccezione l area dell altipiano della Giara, la Zona Artigianale, la Zona Produzione Agricola (serre) e la zona della chiesa della Madonna D Itria). CARATTERISTICHE DELLE PREINSEGNE: Categoria (1) preinsegne di INTERESSE PUBBLICO: devono avere dimensioni di cm. 100x25 e le scritte devono essere nere su campo bianco vedi ALL. schema 1. Categoria (2) preinsegne di INTERESSE TURISTICO: devono avere dimensioni di cm. 100x25 e le scritte devono essere bianche su campo marrone vedi ALL. schema 2. Categoria (3) preinsegne di INTERESSE COMMERCIALE PRIVATO: devono avere dimensioni di cm. 100x25 e/o 80x18 e le scritte devono essere verdi su campo bianco vedi ALL. schema 3. I suddetti cartelli di preinsegna devono essere raggruppati secondo la categoria di appartenenza in Impianti Pubblicitari di Preinsegne. Ogni IMPIANTO PUBBLICITARIO DI PREINSEGNE, è composto da n 6 cartelli preinsegne, aventi le dimensioni predette secondo la categoria di appartenenza e montati, vedi schema 1,2,3, con apposite staffe di fissaggio ad una struttura metallica tubolare a sezione quadrata sorretta da 1 o 2 pali tubolari a sezione quadrata, infissi in maniera congrua a terra, la congruità e definita dall ufficio Tecnico del Comune. I cartelli preinsegne dovranno essere fissati sovrapposti secondo un sistema modulare, così come descritto negli allegati schemi 1,2,3. Sono previsti impianti con un numero inferiore e/o superiore di cartelli preinsegne. Qualora l ubicazione dell impianto pubblicitario di preinsegne lo consenta, gli stessi potranno essere bifacciali. In ogni impianto pubblicitario di preinsegne, può essere autorizzata l installazione di un solo cartello preinsegne. Ogni singolo cartello preinsegne dovrà essere conforme al cartello tipo descritto sugli allegati schemi 1,2,3, e dovrà portare sul 3

4 retro l indicazione del titolare dell autorizzazione, gli estremi della stessa e la sua scadenza. È possibile, a causa degli spazi a disposizione per l ubicazione, degli impianti pubblicitari di preinsegne, aumentare il numero stabilito,(6), di cartelli preinsegne nello stesso impianto pubblicitario di preinsegne per le categorie (1) di interesse pubblico e (2) di interesse turistico uso promiscuo. È vietato altresì sovrapporre e/o affiancare gli impianti di preinsegne della categoria (3) (interesse commerciale privato) con gli impianti di preinsegne delle categorie (1) (interesse pubblico) e (2) interesse turistico, nonché con i cartelli segnaletici di viabilità pubblica (comunale, provinciale, regionale, statale), al fine di evitare una situazione di confusione nella lettura e quindi creare un alto tasso di pericolosità per il traffico automobilistico e pedonale all interno del centro urbano. QUANTITÀ Nell intero Territorio Comunale saranno installati un totale di n.15 impianti pubblicitari di preinsegne tutti posti all interno del centro urbano. ART. 3 SORGENTE LUMINOSA (Articolo 11 del Regolamento Comunale) Per sorgente luminosa si intende qualsiasi corpo illuminante o insieme di corpi illuminanti, che diffondendo luce in modo puntiforme o lineare o planare, illumina aree, fabbricati, monumenti, manufatti di qualsiasi natura ed emergenze naturali. ART. 4 CARTELLO (Articolo 12 del Regolamento Comunale) Per cartello s intende un manufatto bidimensionale supportato da idonea struttura di sostegno, con una sola o entrambe le facce finalizzate alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici sia direttamente, sia tramite sovrapposizione di altri elementi quali manifesti, adesivi, ecc. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta. Da posizionare all interno dell area di pertinenza privata. Non si prevede l installazione negli spazi di competenza del Comune di nessun cartello. ART.5 STRISCIONE, LOCANDINA E STENDARDO (Articolo 13 del Regolamento Comunale) Per striscione, locandina e stendardo si intende l elemento bidimensionale realizzato in materiale di qualsiasi natura, privo di rigidezza, mancante di una superficie d appoggio comunque non aderente alla stessa. Può essere luminoso per luce indiretta. La locandina, posizionata sul terreno, può essere realizzata anche in materiale rigido. Previa autorizzazione comunale. Da definire in occasione di eventi, manifestazioni etc.. di pubblica utilità direttamente con il Comune. 4

5 ART. 6 SEGNO ORIZZONTALE RECLAMISTICO (Articolo 14 del Regolamento Comunale) Per segno orizzontale reclamistico si intende la riproduzione sulla superficie stradale con pellicole adesive, di scritte in caratteri alfanumerici, di simboli e di marchi, finalizzata alla diffusione di messaggi pubblicitari o propagandistici. Previa autorizzazione comunale. La presente tipologia pubblicitaria è concedibile su approvazione di dettagliata proposta inoltrata dai privati, approvata con deliberazione della Giunta Comunale, il parere dell ente proprietario della strada e vincolante. ART.7 IMPIANTO PUBBLICITARIO DI SERVIZIO (Articolo 15 del Regolamento Comunale) Per impianto pubblicitario di servizio si intende qualunque manufatto avente quale scopo primario un servizio di pubblica utilità nell ambito dell arredo urbano e stradale (fermate di autobus, pensiline, transenne parapedonali, cestini, panchine, orologi, o simili) recante uno spazio pubblicitario che può essere anche luminoso sia per luce diretta che per luce indiretta. Si prevede l installazione dei seguenti Impianti pubblicitari di servizio : TRANSENNE PARAPEDONALI Vedi allegato schema 4 Zona numero impianti spazi dimensioni Disponibili in cm. a) centro abitato n. 20 transenne di cui n. 10 e n. 10 b) area periferica n. 15 transenne presso altopiano della giara n. 15 zona artigianale **Vedi nota n 1 (bifacciali) c) restante territorio x x **Nota n 1: spazi da concedere solo ed esclusivamente per la pubblicità di attività del settore dei servizi turistici (musei, mostre, trattenimenti, servizi, alloggi, ristorazione e simili) Per l installazione di tutti gli impianti pubblicitari di servizio è prevista la procedura tramite convenzione di cui all art. 18 del Regolamento Comunale. 5

6 ART. 8 IMPIANTO DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA (Articolo 16 del Regolamento Comunale) Per impianto di pubblicità e propaganda si intende qualunque manufatto finalizzato alla pubblicità o alla propaganda sia di prodotti che di attività e non individuabile secondo definizioni precedenti, né come insegna di esercizio, né come preinsegna, né come cartello, né come striscione, locandina o stendardo, né come segno orizzontale reclamistico, né come impianto pubblicitario di servizio. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta. ART. 9 SORGENTE ACUSTICA (Articolo 17 del Regolamento Comunale) Per sorgente acustica si intende qualsiasi apparecchio amplificatore quali altoparlanti, megafoni e simili. Non si prevede, oltre l impianto adibito ai bandi pubblici in dotazione al Comune, l installazione di altra sorgente acustica fissa ART. 10 NORMA TRANSITORIA Gli impianti pubblicitari già in opera alla data del 30 Settembre 1999 non conformi alle previsioni del presente Piano sono regolarizzabili, con procedimento attivato d Ufficio, ai sensi del presente Piano e del Regolamento per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente TIPOLOGIA PARTE 2^ ARTICOLO 11 IMPIANTI PER PUBBLICHE AFFISSIONI In conformità agli impianti esistenti, nonché alle necessità accertate, gli impianti per le pubbliche affissioni sono suddivisi nelle seguenti tipologie: a) Per affissioni di natura istituzionale; b) Per affissioni di natura commerciale; c) Per affissioni eseguite direttamente da privati Tipo di affissione Tipologia a) di natura istituzionale Previsione Impianti Superficie Superfici della superficie dim. 100x150 per impianto risultanti mq.10,50 7 1,00x1,50 10,50 6

7 Tipologia b) di natura commerciale Tipologia c) Eseguite direttamente da privati mq.12,00 8 1,00x1,50 12,00 UBICAZIONE DEGLI IMPIANTI a) AFFISSIONI DI NATURA ISTITUZIONALE (previsione n. 7) b) AFFISSIONI DI NATURA COMMERCIALE (previsione n.8) c) AFFISSIONI ESEGUITE DIRETTAMENTE DA PRIVATI (previsione nessun impianto) ALL. SCHEMA 1 CARATTERISTICHE DI IMPIANTO PUBBLICITARIO DI PREINSEGNE E CARTELLO DI PREINSEGNA DI INTERESSE PUBBLICO (CAT. 1) 7

8 dimensioni 4,5 x 4,5 cm. vernice micacea grigio antracite dimensioni 7,00 x 7,00 cm. MUNICIPIO Dimensioni 100 x 25 cm. Colore scritta nera su campo bianco FARMACIA ALL. SCHEMA 2 CARATTERISTICHE DI IMPIANTO PUBBLICITARIO DI PREINSEGNE E CARTELLO DI PREINSEGNA DI INTERESSE TURISTICO (CAT. 2) 8

9 dimensioni 4,5 x 4,5 cm. vernice micacea grigio antracite dimensioni 7,00 x 7,00 cm. ALTOPIANO DELLA GIARA Dimensioni 100 x 25 cm. Colore scritta bianca su campo marrone CHIESA PARROCCHIALE 9

10 SANTA TERESA D'AVILA ALL. SCHEMA 3 CARATTERISTICHE DI IMPIANTO PUBBLICITARIO DI PREINSEGNE E CARTELLO DI PREINSEGNA DI INTERESSE COMMERCIALE PRIVATO (CAT. 3) dimensioni 4,5 x 4,5 cm. vernice micacea grigio antracite dimensioni 7,00 x 7,00 cm. BOTTEGHE ARTIGIANALI Via Fra Nicola n 15 10

11 Dimensioni 80 x 18 colore scritta verde su campo bianco PIZZERIA "LA TAVERNA DEL CONTE" Via Fra Nicola 11

12 12

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano Regolamento per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente. Approvato con deliberazione consiliare n. 16 del

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale Sportello Unico per le Imprese Servizio convenzionato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Colverde, Faloppio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Rodero,

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 tino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi dell articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca dati degli atti del Consiglio regionale

Dettagli

COMUNE di VICOPISANO

COMUNE di VICOPISANO COMUNE di VICOPISANO INDICAZIONE DELLE ZONE DI LOCALIZZAZIONE DEI CARTELLI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE AMBITI TIPOLOGICI INSEGNE (REDATTO PER CONTO DEL COMUNE DI VICOPISANO) PROGETTAZIONE: Arch. Luca PASQUINUCCI

Dettagli

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti

Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi a impiantistica pubblicitaria. Obiettivi. Divieti Comune di Medicina AREA GETIONE DEL TERRITORIO tel. 051 6979208; fax. 051 6979222 Medicina, 15/12/2010 Approvato dalla QUAP in data 15/12/2010 Criteri localizzativi per il rilascio di nulla-osta relativi

Dettagli

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore Bilancio Claudia Zivieri

Sindaco Giovanni Malpezzi Assessore Urbanistica e politiche territoriali Matteo Mammini Assessore Bilancio Claudia Zivieri Comune di Faenza Settore Territorio P I A N O G E N E R A L E D E G L I I M P I A N T I P U B B L I C I T A R I E D E G L I I M P I A N T I P E R L E P U B B L I C H E A F F I S S I O N I. - A D E G U

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

VOLUME PRIMO RELAZIONE TECNICA INTRODUTTIVA E ILLUSTRATIVA

VOLUME PRIMO RELAZIONE TECNICA INTRODUTTIVA E ILLUSTRATIVA VOLUME PRIMO RELAZIONE TECNICA INTRODUTTIVA E ILLUSTRATIVA 2 Sommario PREMESSA Art. 1 Il Piano Generale degli Impianti pag. 12 Art. 2 Quadro Normativo di Riferimento pag. 14 Art. 3 Tipologie quantitá e

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO DELLE PREINSEGNE DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Allegato (n. 1) e approvato con deliberazione della

Dettagli

Comune di Ponderano Provincia di Biella

Comune di Ponderano Provincia di Biella Comune di Ponderano Provincia di Biella REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA, DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L EFFETTUAZIONE DEL RELATIVO SERVIZIO Approvato

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte

Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte Marca da bollo da Euro 16,00 Settore 3 - Servizio Mezzi Pubblicitari - N Spazio riservato all Ufficio) Al Sindaco del Comune di Santa Maria a Monte P.zza Vittoria, 47 56020 Santa Maria a Monte PI RICHIESTA

Dettagli

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE 1 PARTE TERZA Norme di attuazione Sommario: Premessa pag. 3 Norme

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2 SOMMARIO:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI Per accettazione 1 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI art. 1 Ambito di applicazione; art. 2 definizione mezzi pubblicitari;

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona

COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI. Provincia di Verona COMUNE DI COLOGNOLA AI COLLI Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER AUTORIZZAZIONE ED INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA PER IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA ED IL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI TELESE TERME PROVINCIA DI BENEVENTO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI D.Lgs. 30/04/92 n.285 (Nuovo Codice della Strada D.P.R. 16/12/1992 n.495 (Regolamento di esecuzione e di attuazione

Dettagli

COMUNE DI GREVE IN CHIANTI

COMUNE DI GREVE IN CHIANTI COMUNE DI GREVE IN CHIANTI PROVINCIA DI FIRENZE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI - P.G.I.P.- (art. 8 Regolamento per l'applicazione dell'imposta Comunale sulla pubblicità ed i diritti per le

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA

Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA Allegato 1 Comune di CAMPOGALLIANO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI DI PUBBLICITA A2003121800074.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Contenuti e finalità Il Piano generale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE Comune di Trieste Area Pianificazione Territoriale REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ LUNGO LE STRADE O IN VISTA DI ESSE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIESTE INDICE TITOLO I AMBITO APPLICATIVO, DEFINIZIONI

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI COMUNE DI PARMA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO PER L INSTALLAZIONE Approvato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Indice:

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Indice: PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Indice: Articolo 1 - Campo d applicazione, finalità e ambito di applicazione Articolo 2 - Definizione delle zone del territorio comunale Articolo 3 - Definizioni

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA COMUNE DI BOVOLONE Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA

Dettagli

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Il dirigente dell Area Servizi alla Città

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Cervia, agosto 2010 Approvato con atto C.C. n. 72 del 19.11.2001 Modificato con atto C.C. n. 16 del 29.04.2011 1 2 INDICE TITOLO I

Dettagli

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO L impianto è' costituito da due pali di sostegno realizzati con profilo tubolare in estruso di alluminio avente dimensioni di mm. 80x3500x80. Alle estremità i pali sono completati da un tappo di chiusura

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE committente: GESTOR s.p.a. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri 1 PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO LE STRADE PROVINCIALI O IN VISTA

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PROVINCIA DI AREZZO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PROVINCIA DI AREZZO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI PROVINCIA DI AREZZO PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI approvato con atto n. 18/CC del 21.5.2005 in vigore dal 01.06.2005 1 Art. 1. Legislazione di riferimento CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Le norme contenute

Dettagli

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso )

COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) COMUNE DI SILEA ( Provincia di Treviso ) Via Don. G. Minzoni, 12 31057 Silea Tel. 0422/365731 Fax 0422/460483 e-mail: urbanistica@comune.silea.tv.it- sito internet: www.comune.silea.tv.it AREA 4^ - GESTIONE

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE

COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE COMUNE DI CORTE FRANCA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITÀ SULLE STRADE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... dell 11/05/2015 Sommario CAPO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. l - Oggetto...

Dettagli

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02.

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02. TITOLO I DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44

Dettagli

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA

CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA CITTA DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 20.05.2004 Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di Applicazione Art. 3 Tipologie e Definizioni

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE

APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E D AFFISSIONE Comune di PISOGNE APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE INDICE CAPO I NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 -

Dettagli

COMUNE DI CAPOLONA Prov. Arezzo

COMUNE DI CAPOLONA Prov. Arezzo Comune di Capolona Regolamento per l installazione dei mezzi pubblicitari e disciplina canone COMUNE DI CAPOLONA Prov. Arezzo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E RELATIVO

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA PROVINCIA DI SALERNO Tecnico Territoriale Piano Generale Impianti pubblicitari e Pubbliche affissioni ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE AGGIORNAMENTO, INTEGRAZIONE

Dettagli

Sportello Unico per l Edilizia (S.U.E.) "Servizio Urbanistica" Via Roma n. 46 Piano terra 20066 Bellinzago Lombardo Cod. Fisc.

Sportello Unico per l Edilizia (S.U.E.) Servizio Urbanistica Via Roma n. 46 Piano terra 20066 Bellinzago Lombardo Cod. Fisc. Comune di Bellinzago Lombardo Sportello Unico per l Edilizia (S.U.E.) "Servizio Urbanistica" Via Roma n. 46 Piano terra 20066 Bellinzago Lombardo Cod. Fisc. 01554230159 AUTORIZZAZIONE INSEGNE E CARTELLI

Dettagli

Comune di Villasor Provincia di Cagliari

Comune di Villasor Provincia di Cagliari Comune di Villasor Provincia di Cagliari Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 9 aprile 2015 PIANO GENERALE DI ATTUAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSEGNE

COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSEGNE COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSEGNE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 21.6.1996 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI GRAGNANO (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE PUBBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE E DELLA PUBBLICHE AFFISSIONI TITOLO I - DISCIPLINA

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Allegato Deliberazione C.C. n. 4 del 02/02/2007. COMUNE DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati

Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati Regolamento Comunale per l installazione della pubblicità stradale nei centri abitati REGOLAMENTO PUBBLICITA STRADALE 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e campo di applicazione. pag.

Dettagli

Comune di Giovinazzo

Comune di Giovinazzo Comune di Giovinazzo Assessorato al Bilancio Assessorato all Urbanistica e LL.PP. REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI PUBBLICHE AFFISSIONI Gruppo di lavoro: Il Responsabile

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

COMUNE DI CISANO BERGAMASCO PROVINCIA DI BERGAMO C.A.P. 24034 - P.zza Caduti della Patria n. 2 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITA

COMUNE DI CISANO BERGAMASCO PROVINCIA DI BERGAMO C.A.P. 24034 - P.zza Caduti della Patria n. 2 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICITA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 29/09/2011 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente regolamento prevede un armonizzazione

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI CREMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ IN GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

COMUNE DI CREMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ IN GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Approvato con delibera C.C. n. 136 del 16/10/1997 COMUNE DI CREMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ IN GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ IN

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI CAPRIOLO PROVINCIA DI BRESCIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 01.06.2012 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI TITOLO

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO Bollo Euro 14,62 COMUNE DI CALOLZIOCORTE Settore Del Territorio Sportello Unico Per L Edilizia RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER LA COLLOCAZIONE DI IMPIANTI DESTINATI A FORNIRE UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Elaborazione a cura di: Consulenza tecnica: Dott. Savino FILANNINO Arch.

Dettagli

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI BELLIZZI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Il

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO

COMUNE DI CARPENEDOLO COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE COMUNALI E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. approvato dal Consiglio Comunale con delib. n. 38 del 07/04/2009

REGOLAMENTO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. approvato dal Consiglio Comunale con delib. n. 38 del 07/04/2009 REGOLAMENTO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI approvato dal Consiglio Comunale con delib. n. 38 del 07/04/2009 modificato dal Consiglio Comunale con delib. n. 82 del 20/12/2011 n. 59 del 28/05//2013

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 82 del 20 dicembre 2011. PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI TITOLO I DELLA PUBBLICITA IN GENERALE Art.

Dettagli

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza

Comune di Arzignano Provincia di Vicenza Comune di Arzignano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI Versione definitiva REGOLAMENTO COMUNALE DEI MEZZI PUBBLICITARI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi;

Vista la bozza di regolamento così come predisposta dall Area Finanziaria-Servizio Tributi; Visto il vigente Regolamento Comunale per l applicazione dell Imposta sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni, approvato in conformità a quanto stabilito dal Capo I del D.Lgs. 15.11.1993

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E DELL APPLICAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL RILASCIO DELLE

Dettagli

COMUNE DI POLIGNANO A MARE

COMUNE DI POLIGNANO A MARE COMUNE DI POLIGNANO A MARE PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO E PIANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI - DOTT.SSA MARIA MAGG. CENTRONE - Approvato con D.C.C. n. 04 bis del 30.10.2003 C A P O I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI Deliberato dal Consiglio Comunale con atto n. 27 del 25/2/2003 COMUNE

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA

COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO Provincia di VERONA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E DELL APPLICAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER IL RILASCIO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE LE INIZIATIVE PUBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE

REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE LE INIZIATIVE PUBLICITARIE CHE INCIDONO SULL ARREDO URBANO E SULL AMBIENTE COMUNE DI TONARA Provincia di Nuoro Viale della Regione, 8 078463823 078463246 - P.iva 00162960918 - mail: info@comunetonara.org REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE LE INIZIATIVE PUBLICITARIE CHE INCIDONO

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Comune di Niardo Provincia di Brescia Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (per l installazione di cartelli,

Dettagli

COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI CARPI CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO

Dettagli

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNE D ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI All. Sub. B - Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

AFFISSIONE MANIFESTI PUBBLICITA ESTERNA COMUNICAZIONE VISIVA 1958 A.G. FRONZONI, MANIFESTO. l SERVIZIO AFFISSIONE. l CARTELLI PUBBLICITARI A CANONE

AFFISSIONE MANIFESTI PUBBLICITA ESTERNA COMUNICAZIONE VISIVA 1958 A.G. FRONZONI, MANIFESTO. l SERVIZIO AFFISSIONE. l CARTELLI PUBBLICITARI A CANONE 1958 A.G. FRONZONI, MANIFESTO l SERVIZIO AFFISSIONE l ESPOSIZIONI TEMPORANEE l CIRCUITO RING BRESCIA PUBBLICITA ESTERNA l CARTELLI PUBBLICITARI A CANONE l SEGNALETICA DIREZIONALE l INSEGNE l DECORAZIONE

Dettagli

Comune di Farra di Soligo Regione del Veneto Provincia di Treviso PIANO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

Comune di Farra di Soligo Regione del Veneto Provincia di Treviso PIANO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Comune di Farra di Soligo Regione del Veneto Provincia di Treviso PIANO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Marzo 2014 comunale 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 Ambito e scopo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI. COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di VERONA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA' STRADALE E DELLE SEGNALAZIONI TURISTICHE E RELATIVI CANONI CONCESSORI. Approvato con atto C.C. n. 11

Dettagli

Introduzione. Legenda: testo in aggiunta testo cancellato note esplicative

Introduzione. Legenda: testo in aggiunta testo cancellato note esplicative Introduzione Al fine di consentire una comprensione immediata ed efficace delle modifiche introdotte alle Norme Tecniche di Attuazione, si riporta a seguire l intero testo normativo, con chiara evidenziazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato del. C.C. n. 11 del 29.01.2010 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli