Gestione del personale. Definire le politiche del personale e offrire alla line i supporti. Per posizione funzionale e gerarchica. Stakeholder interni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione del personale. Definire le politiche del personale e offrire alla line i supporti. Per posizione funzionale e gerarchica. Stakeholder interni"

Transcript

1 LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN AZIENDA. MODELLI DI SVILUPPO, FORMAZIONE E COMPENSATION ESPERIENZE IN MPS Dott. Giuseppe FERRI Responsabile Knowledge Management e Formazione MPS 12 Dicembre 2014 Tre configurazioni della Dru a confronto Amministrazione del personale Gestione del personale Direzione e sviluppo delle risorse umane Task Curare gli aspetti amministrativi del rapporto di lavoro Definire le politiche del personale e offrire alla line i supporti Costruire coerenza tra strategia, struttura organizzativa, bisogni e opportunità di sviluppo delle risorse umane Segmentazione Per categorie contrattuali (dirigenti, impiegati, operai, atipici, ecc.) Per posizione funzionale e gerarchica Stakeholder interni Per famiglie professionali Individuale (key people) Stakeholder interni e esterni Performance Legittimità normativa e correttezza amministrativa Costo del servizio Efficienza ed efficacia nell impiego delle risorse umane Contributo al vantaggio competitivo attraverso lo sviluppo di caratteristiche distintive delle risorse umane e dell azienda (*) Costa Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 1

2 Tabella evoluzione della funzione DRU Tipo di funzioni e di politiche della Dru Definizione di strategia e politiche delle risorse umane DRU come funzione specialistica Reattiva Operativa Focalizzata sull interno Responsabilità e iniziativa della Dru su input del vertice strategico DRU come funzione globale e integrata Proattiva Strategica Focalizzata sull esterno La Dru e la linea gerarchica condividono iniziativa e responsabilità Funzione della Dru Portavoce del personale Portavoce dell azienda Organizzazione della Dru Struttura funzionale Riporta a organi di staff Struttura flessibile Riporta alla linea Profilo del responsabile delle risorse umane Carriera esclusiva nella Dru Specialista Limitate competenze economiche Focalizzato sul presente Lingua nazionale Prospettiva nazionale Rotazione Generalista Competenze economiche Focalizzato sul futuro Plurilingue Prospettiva globale (*) Costa Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Il ciclo delle risorse umane Alloca le ricompense per motivare a migliori performance Ricompensa Differenzia per livelli di performance e predice futuri potenziali Reclutamento / Selezione Forma e sviluppa per preparare a nuovi job Seleziona le persone più adatte ad assicurare buone performance Prestazione Forma e sviluppa per assicurare più alte performance nel job attuale Sviluppo / Formazione Differenzia per livelli di performance per consentire l attribuzione delle ricompense Valutazione Fornisce informazioni per la pianificazione di azioni formative e di sviluppo volte a migliorare la performance (*) Boldizzoni Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 2

3 Trasformazione dei modelli MODELLO DI PARTENZA Procedure Mansionario Automatismi di carriera Individualismo Paternalismo Autorità gerarchica Scarsa attenzione ai costi Rifiuto del rischio Informazione come potere MODELLO DI ARRIVO Risultati Servizio al cliente Meritocrazia Lavoro di squadra Rigore ed integrità Autorevolezza Valutazione costi / benefici Assunzione di responsabilità Informazione come strumento di integrazione (*) Boldizzoni Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Il modello integrato di sviluppo risorse umane SVILUPPO Dalla conoscenza Alla valorizzazione Persona FORMAZIONE Dall ascolto alla risposta La qualità entrante COMUNICAZIONE Dall informazione alla partecipazione (*) Boldizzoni Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 3

4 Organigramma BMPS Capogruppo Bancaria Consiglio di Amministrazione Amministratore Delegato/Dir. Generale Vice Dir. Gen. Crediti Vice Dir. Chief Financial Officer Dir. Retail e Rete Dir. Corporate e Investment Banking Dir. Risorse Umane, Organizzazio ne e Comunicazio ne Dir. Rischi 7 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Organigramma Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 8 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 4

5 Mission Dir. Risorse Umane Organizzazione e Comunicazione (1/3) Dir. Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Valorizzare e gestire il capitale umano del Gruppo garantendo il suo efficace impiego nei processi aziendali e definendo policy di compensation e di controllo dei costi. Supportare il business nell ottenimento di performance eccellenti lavorando su metodi e processi di lavoro. Sviluppare la comunicazione del Gruppo e le relazioni industriali. Comunicazione Interna e Staff Direzione Svolgere la funzione di supporto per il Responsabile di Direzione, le attività amministrative e facilitare l'indirizzamento delle problematiche trasversali alla Direzione. Gestire e sviluppare la comunicazione interna e redigere il piano di comunicazione interna per il gruppo in accordo con le strategie aziendali. Servizio Rapporti di Lavoro Presidiare e gestire i rapporti di lavoro/contrattuali assicurando l ottimizzazione dei rischi per la Banca nella gestione delle controversie. Assicurare un costante presidio della contrattualistica. Identificare nel continuo l evoluzione della normativa applicabile alla Banca e valutare l impatto su processi e sulle procedure aziendali. Servizio Relazioni Industriali Presidiare e gestire le relazioni industriali di Gruppo con le organizzazioni sindacali facendo da punto di riferimento per tutte le richieste pervenute, coinvolgendo le strutture aziendali, individuando i flussi informativi rilevanti. 9 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Mission Dir. Risorse Umane Organizzazione e Comunicazione (2/3) Servizio HR Services Assicurare servizi di qualità a dipendenti (in servizio e in quiescenza) e funzioni interne della Banca, con riferimento agli adempimenti amministrativi, allo sviluppo delle migliori soluzioni di mobilità aziendale sul territorio per ragioni di servizio. Servizio Compensation, Pianificazione e Controllo Costi RU Definire e sviluppare le politiche dei sistemi retributivi e presidiare la pianificazione ed il controllo dei costi delle Risorse Umane. Servizio Sviluppo e Formazione Definire le metodologie ed i modelli per lo sviluppo delle risorse umane e presidiare l'erogazione della formazione. 10 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 5

6 Mission Dir. Risorse Umane Organizzazione e Comunicazione (3/3) Dipartimento Operativo Garantire la gestione e lo sviluppo delle risorse umane assegnate all Area Territoriale di riferimento, il corretto funzionamento della macchina operativa, il presidio del modello organizzativo definito e la efficace applicazione del sistema dei controlli. Gestire in ottica di efficace impiego le risorse umane del Gruppo in linea con le politiche di remunerazione e incentivazione del personale. Servizio Gestione Risorse Umane Il Servizio si articola nelle seguenti strutture a cui sono associate le responsabilità sui processi: Settore Gestione Risorse Umane Rete: (Gestione risorse umane, Pianificazione risorse umane, Sviluppo risorse umane) Settore Gestione Risorse Umane Strutture Centrali: (Gestione Risorse Umane - per le strutture centrali della Capogruppo le responsabilità sono svolte dai Direttori Risorse Umane Strutture Centrali e Società - Pianificazione risorse umane, Sviluppo risorse umane) 11 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Il DNA del Gruppo MPS DIREZIONE Avere chiaro dove andare e cosa fare Decisione Apertura al Cambiamento Rigore e Professionalità REALIZZAZIONE Essere in grado di farlo bene Organizzazione Determinazione verso i Risultati Centralità del Cliente PERSONE Sono le persone che fanno la differenza Comunicazione Gioco di Squadra Sviluppo degli Altri COMPETENZE SPECIALISTICHE Il DNA del Gruppo MPS, base legittimante del sistema manageriale valoriale, è stato costruito coinvolgendo l intera popolazione aziendale che ha identificato i 9 punti più importanti, caratterizzanti il nuovo Modello Manageriale del Monte dei Paschi, elemento centrale del nuovo sistema di Talent & Performance Management. L identificazione è avvenuta grazie alla partecipazione mediante Focus Group di un campione prescelto di dipendenti appartenenti ai principali ruoli aziendali (da Operatore di Sportello a Direttore Territoriale) e mediante Interviste al Vertice Aziendale. Il DNA è stato diffuso all intera popolazione mediante iniziative di comunicazione interna. Anche e soprattutto sulla base delle note vicende passate, i comportamenti, ovvero il come si raggiunge l obiettivo, risulteranno il vero carattere distintivo del nostro Gruppo, lo stile della casa, la direzione dettata dal Vertice e la cinghia di trasmissione tra Valori e Risultati. Ogni comportamento è stato declinato per livelli di responsabilità: Top (Resp. Direzione/Resp.Area), Management (Resp. Servizio, DTM), Middle (Resp. Settore/Titolari/Resp. Centro) e Core (Addetto). Il DNA del Gruppo MPS oltre ai Comportamenti oggetto di valutazione della prestazione sarà costituitodaivalori(carte dei Valori) e dai riferimenti e principi guida che devono stimolare comportamenti e processi virtuosi (Codice Etico). 12 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 6

7 Modello dei comportamenti di MPS Avere chiaro dove andare e cosa fare Essere in grado di farlo, bene Aver bisogno delle persone per farlo Direzione Realizzazione Persone Apertura al cambiamento Organizzazione Comunicazione Decisione Determinazione verso i risultati Gioco di squadra Rigore e professionalità Centralità del Cliente Sviluppo degli altri 13 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Il DNA del Gruppo MPS quale driver fondamentale di tutti i processi HR Performance Management Academy: People, Business, Compliance e Safety Talent Management Recruiting Job Rotation Rewarding 14 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 7

8 Soggetti, oggetti, ruoli e strumenti di valutazione Legittimazione, abilitazione e certificazione Valutazione come. Controllo Feedback e guida Attori Principali Strumenti Valutazione della posizione Definisce il valore della posizione in relazione alle altre posizioni ai fini dell inquadramento contrattuale e della retribuzione Verifica la congruenza tra contenuti della posizione ed esigenze dell organizzazione, tra posizione e inquadramento contrattuale Definisce il valore Analista di in un ottica di costruzione dei contenuti della posizione (job design) organizzazione, Job evaluation staff specialistico, Dru Valutazione della persona Valutazione della prestazione Attesta le competenze possedute da una persona Attesta il livello di prestazione ai fini retributivi (premi, risultato, Mbo) Verifica i comportamenti e i meriti Gestisce la relazione Assicura il rispetto di standard di Riconoscimento e produttività e consente governo della di definirne di nuovi performance sulla base dell esperienza Il capo diretto con il supporto di specialisti di valutazione delle competenze Tecniche di assessment e di valutazione dlle competenze Performance management and appraisal 15 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione MPS: il nuovo sistema di valutazione (1/4) Il sistema di Valutazione della Prestazione è stato rivisitato integralmente nelle logiche e nel processo Principi Ispiratori Dialogo continuo capo-collaboratore Analiticità, oggettività e trasparenza Collegialità Piano d Azione Autovalutazione Feedback Fattori di Valutazione What & How Destinatari Tutta la popolazione del Gruppo Non più solo valutazione ma orientamento e sviluppo Sviluppabilità Spendibilità Verifica livello di competenze per fini formativi Finalità momenti di condivisione capo-collaboratore sviluppo professionale no automatismi diretti ma coerenze tra valutazione della prestazione e sistema premiante o avanzamenti di carriera 16 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 8

9 MPS: il nuovo sistema di valutazione (2/4) Sono state previsti tre step rilevanti Inizio anno Fine anno Fine anno Piano di Azione Autovalutazione Valutazione OBIETTIVI SULLE ATTIVITA OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Obiettivo (con catalogo di supporto) Misurazione Attività SEZIONE COMPORTAMENTI SEZIONE COMPETENZE SPECIALISTICHE CORE DI RUOLO SEZIONE ATTIVITA DIREZIONE REALIZZAZIONE PERSONE VALUTAZIONE DI SINTESI DELLA PRESTAZIONE SEZIONE COMPORTAMENTI SEZIONE COMPETENZE SPECIALISTICHE CORE DI RUOLO SEZIONE ATTIVITA DIREZIONE REALIZZAZIONE PERSONE VALUTAZIONE DI SINTESI DELLA PRESTAZIONE Performance Comportamento (con catalogo di supporto) Esempio di comportamento (con catalogo di supporto) SEZIONE ALTRE COMPETENZE DI RUOLO SEZIONE ASPETTATIVE SEZIONE FORMAZIONE E SVILUPPO (altre competenze di ruolo; aree di miglioramento e azioni di sviluppo) SEZIONE IPOTESI DI SVILUPPO Sviluppo 17 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione MPS: il nuovo sistema di valutazione (3/4) Finalità del nuovo processo è quello di segmentare la popolazione aziendale in modo da differenziare le diverse iniziative gestionali e di sviluppo per cluster di popolazione Performance Esito della Valutazione della Prestazione in una scala a 5 livelli + Crescita Potenziale Esito della Sezione di Sviluppabilità redatta dal Responsabile della risorsa a valle della Valutazione della Prestazione Potenziali Performer Low 18 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 9

10 MPS: il nuovo sistema di valutazione (4/4) Verrà in tal modo ricercato un equilibrio tra la valorizzazione delle risorse e le esigenze aziendali (attuali e prospettiche) di sostenibilità degli investimenti. Basso Performer Risorsa da monitorare Eccellente Performer Performer Eccellente Contributori Chiave Eccellente Performer in crescita Top Talent Sr Top Talent Talent Sr Talent Contributori Chiave in crescita Verifica Potenziale Job Rotation Formazione sul ruolo Feedback strutturati Osservazione best performer Affiancamenti strutturati Ricollocamento Job Enrichment Promozioni Web session Politica Retributiva Workshop/corsi esterni specialistici Percorsi di carriera Politica Retributiva Momenti di visibilità con l Alta Direzione Assegnazione ruolo di Mentor Coinvolgimento in riunioni Knowledge Sharing (presentazioni meeting, conferenze) Assegnazione Progetti Coaching 19 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Principali differenze tra assessment center e development center Principali elementi Assessment Center per selezione o valutazione del potenziale Development Center Clienti principali Clienti principali: funzione Risorse Umane, capi Cliente principale: il partecipante Obiettivo primario Definizione dell idoneità per i ruoli futuri / carriera Obiettivo primario: auto sviluppo e consolidamento della propria emloyability Oggetto della diagnosi Autodiagnosi Condiviso alla fine dell esperienza (durante il colloquio di feedback, quando previsto) Poco o nessuno spazio per l autodiagnosi Logica di sviluppo Eterodiretto Autodiretto Condiviso durante il processo, che prevede momenti di formazione sulle competenze da osservare Ampio spazio per l autodiagnosi e, spesso, per la diagnosi degli altri partecipanti Output Piani di sviluppo / carriera gestiti da funzione Risorse Umane Action plan per lo sviluppo delle competenze deboli, utilizzabile dal partecipante a scopi formativi (*) Migliori, Rolandi Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 10

11 Scouting Specialist per ruoli vacanti: Job Posting Obiettivi Popolazione Nell ambito delle iniziative di Talent & Performance Management, al fine garantire pari opportunità per tutte le risorse, il Job Posting consente di pubblicare le esigenze di copertura di posti di breve e lungo periodo e di gestire in modo trasparente il processo di candidatura per i ruoli aziendali individuati dalla Banca Tutto il personale del Gruppo. Vengono di volta in volta definiti gli specifici criteri di accesso (età, anzianità aziendale, esperienza, titolo di studio e tipologia, ruolo, inquadramento) Le candidature possono essere oggetto di prescreening mediante criteri volta in volta stabiliti (fast assessment on line, colloqui, votazione titoli, ecc.) Modalità di attivazione annualmente, rispetto alle esigenze programmate di finanziamento delle Tavole di Rimpiazzo. Tale processo riguarda, in particolare, i bacini dei principali ruoli di Rete (Titolari, Resp. Centro) e viene gestito pubblicando i diversi ruoli target e relativi requisiti d accesso, prevedendo un Percorso di Crescita Aziendale che accompagnerà la risorsa sino al ruolo target in modalità crash rispetto ad esigenze di copertura nel breve di ruoli vacanti. Ciò in genere si verifica rispetto ad esigenze specialistiche rilevate presso le Strutture Centrali o ruoli di Area Territoriale. In questo caso, vengono concordati con le strutture interessate i requisiti da pubblicare nel continuo: a tendere verrà creato uno spazio dedicato a raccogliere candidature, aspettative dei dipendenti 21 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Il Piano di Induction Selezione Risorse Percorso Formazione e Sviluppo Certificazione Il Job Posting si caratterizza per la presenza di un Percorso di Sviluppo e Formazione - strutturato - che consente di accompagnare le risorse vincitrici dal ruolo di partenza al ruolo target per acquisire le competenze necessarie per agire correttamente il ruolo. Nello specifico il percorso, indipendentemente dal Servizio/Settore d inserimento, prevede: unadurata minima di 6 mesi diversi step formativi di tipo esperienziale : le risorse, secondo la modalità del learning by doing, saranno, cioè, inserite in differenti strutture per apprendere sul campo e sperimentarsi sin da subito nella realtà operativa. La permanenza nei diversi settori varierà in base al percorso previsto dal ruolo. personalizzazione del percorso (in base alla storia professionale della risorsa, il percorso potrà prevedere step formativi e durata degli stessi diversi dal percorso standard ) dopo 3 mesi sarà effettuata un check di verifica con certificazione a cura del Servizio Sviluppo e Formazione RU. In caso di esito positivo la risorsa verrà immessa sul ruolo. individuazione di due figure di riferimento per tutta la durata del periodo formativo: il mentor eiltutor. Il percorso inoltre prevede, lato Settore Sviluppo Risorse Umane, il supporto per lo sviluppo dei comportamenti core del ruolo attraverso la costruzione di un Piano di Sviluppo personale. 22 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 11

12 Esempio Addetto Commerciale Estero Back Office di AT Area Estero Area Territoriale Area Estero Check di Verifica Filiale Estera 2 mesi 2 mesi 2 mesi 1 mese 1 mese T zero Back office di AT 2 mesi Marketing Supporto Commerciale Reti 4 mesi 6 mesi 7 mesi 8 mesi International Settore Credito Correspondent Trade Commerciale Rete Estera Controparti Estere Banking Finance Estero Filiale Estera Inserimento nel Back office per imparare l operatività di rete ( Il tempo di permanenza può essere inferiore se la persona ha già esperienza) Budgeting e monitoraggio Estero Domestico Programmazione e coordinamento commerciale Estero Domestico Supporto strumenti commerciali e reportistica per DG e Rete Analizza ed inoltra Seguimento agli Org. preposti le operatività con operaz connesse con SACE, SIMEST, gli embarghi inter. CDP, copertura Raccoglie e segue le del rischio con operazioni organismi pervenute da Filiali i domestiche sovranazionali 8conferma L/C Supporto garanzie e sconto Commerciale pro soluto9 Grandi Gruppi Raccoglie, supporta e segue Normativa di l operatività competenza (comm.le) estera Estero delle Filiali domestiche Affiancamento sul campo con gestore best performer Rischio e limiti Paese Determinazione plafond operativi Credito controparti internazionali e corporate filiali Analisi mercati esteri Budgeting e monitoraggio Rete Estera Coordinamento commerciale Rete Estera Gestione rapporti e sviluppo operatività con banche corrispondenti Monitoraggio ritorni operativi Definizione e seguimento accordi su singole aree di business Operatività di una filiale estero 6 Formazione Nell arco degli 8 mesi oltre al learning by doing sono previsti momenti di formazione in aula (formazione di alta specializzazione su competenze tecnico-professionali), lo sviluppo di un piano d azione per lo sviluppo dei comportamenti (LAP) e altri strumenti formativi secondo la logica dell autosviluppo 23 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Cultura e sistemi retributivi Stile manageriale Valori Orientamento Meccanismi Logica di controllo distributiva Variabili a base della retribuzione Burocratico Direzione per obiettivi Partecipativo Comunitari femminili Individualistici maschili Comunitari maschili Organizzazione Regole Egualitarismo Qualifica, anzianità Mercato Risultati Equità Clan Cultura Mista Posizione e performance individuale Anzianità, bonus di gruppo, a partecipazione azionaria 24 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 12

13 La Politica retributiva del Gruppo MPS : finalità e governance Obiettivi Attrarre e mantenere soggetti aventi professionalità e capacità adeguate alla complessità del business, in logica di equità e di sostenibilità economica. Rafforzare il legame tra retribuzioni percepite e performance aziendali ed individuali. Favorire l effettiva creazione di valore nel tempo evitando un accrescimento dei rischi aziendali. Owner Compiti Altri ambiti presidiati Governance Assemblea CdA Comitato per la Remunerazione Definire le politiche di remunerazione e incentivazione di Gruppo Attuare le politiche di remunerazione e incentivazione di Gruppo approvate dall Assemblea Esprimere un giudizio indipendente in ordine alle politiche e prassi retributive e Avanzare proposte al Consiglio stesso in ordine alla remunerazione degli amministratori investiti di particolari cariche ed al trattamento economico dell Alta Direzione della Banca Autorizza l apertura del sistema incentivante : LPO per tutte le risorse, MBO per il management Propone assetti retributivi DG/AD e VDG Comitato tecnicooperativo Remunerazione Supportare il Comitato per la Remunerazione in ordine alla sostenibilità economiche delle politiche adottate, al loro impatto sul profilo di rischio del Gruppo, sul loro grado di conformità al dettato regolamentare. Valuta la compatibilità economica della retribuzione variabile complessiva con il budget di Gruppo Funzione RU Attuare le politiche sotto il profilo tecnico ed operativo, presidiandone il coordinamento a livello di Gruppo (singole società), sia per le componenti salariali fisse, sia per quelle variabili. 25 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione La Politica retributiva del Gruppo: driver e principali leve Driver Analisi quali-quantitava degli organici Finalità Acquisire e valorizzare informazioni sulle risorse umane In ottica integrata con la pianificazione degli organici, permette di valutare l impatto sui costi delle politiche retributive attuate Leve Macro Indagini retributive interne Indagini retributive esterne Rilevare e mantenere, in ottica dinamica, l equità interna della situazione retributiva aziendale Gestire eventuali differenziali retributivi tra posizioni e ruoli Confrontare i livelli retributivi interni con il mercato di riferimento Acquisire informazioni sulle politiche e sui sistemi di incentivazione in uso presso il sistema Pianificazione retributiva Pesatura organizzativa delle posizioni Misurare il peso che ciascuna posizione assume nel contesto organizzativo aziendale in base ai contenuti inerenti ai ruoli ed ai requisiti professionali necessari per ricoprirli Analisi del contesto normativo e contrattuale Assicurare la conformità delle scelte attuate al contesto regolamentare interno ed esterno Micro Valutazione della Performance Talent review Correlare la parte variabile della retribuzione al contributo effettivamente fornito al conseguimento degli obiettivi aziendali Individuare le persone che maggiormente contribuiscono alla competitività della Banca per trattenerle e valorizzarle Interventi retributivi Total Reward analisi Verifica del grado di equità percepita dai dipendenti in ottica di Total Reward (patto azienda-dipendente) 26 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 13

14 La Politica retributiva del Gruppo: gli strumenti Ambiti di intervento Leve Determinanti Destinatari Delivery Componenti ricorrenti Revisione Retributiva Disallineamento retributivo ruolo/posizione/competitors Talent & Performance Review TUTTI Selettiva Indennità di posizione Disallineamento retributivo rispetto alle responsabilità assegnate TUTTI Selettiva Componenti variabili Avanzamento di grado Processo esterno alla Compensation Premi collegati al raggiungimento di obiettivi Promozione per merito Inquadramento per mansioni superiori Talent Review 1 Premio Aziendale 2 MBO 3 Sistema Incentivante AAPP & QQDD AAPP e QQDD Risorse Chiave Risorse senza MBO Selettiva Condizionata obiettivi macro/perfomance Condizionata obiettivi / performance Altre componenti Altre indennità Prestazioni eccezionali, fattori di gravosità, ecc. TUTTI Selettiva Assegnazione di Benefit Disallineamento retributivo rispetto al ruolo svolto Talent & Performance Review TUTTI Selettiva 27 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione La Politica retributiva del Gruppo: il sistema incentivante LPO Cosa è Lavorare per Obiettivi (LPO) è il sistema incentivante di Gruppo basato sul merito, in grado di: fornire ai dipendenti chiare indicazioni sulle priorità strategiche dell azienda e sugli obiettivi delle unità funzionali a cui appartengono; premiare le prestazioni d eccellenza. A chi è rivolto Tutte le risorse ad eccezione del Management riporti) di alto livello (Top Management + suoi primi Timing Il processo di assegnazione degli obiettivi (collegato al processo di Budget che ha luogo ad inizio anno), monitoraggio e misurazione dei risultati è annuale e coincidente, in termini di avvio e conclusione, con quello del Talent & Performance Management ( T&PM ) Erogazione dei bonus L erogazione avviene solo in caso di raggiungimento di prefissati obiettivi a livello aziendale e di singola unità di business. A titolo di esempio, per LPO 2014, gli obiettivi a livello aziendale erano : Pre requisiti : Common Equity Tier 1 7%; Liquidity Coverage Ratio 60% Gate : Utile netto ante imposte 85% del livello di budget Gli obiettivi di unità di business sono invece costruiti su indicatori qualificanti del budget dell unità stessa I singoli bonus tengono conto del contributo qualitativo fornito dalle risorse (T&PM) 28 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 14

15 Le politiche retributive del Gruppo MPS: i servizi di Total Reward Rimborso spese mediche/ dentarie per i dipendenti e i familiari a carico, possibilità di estendere a figli e coniuge non fiscalmente a carico con contributo a carico dipendente Polizze Varie (Kasko) Buono pasto 5,29 Permessi aggiuntivi Assicurazione infortuni (prof + extra prof) Erogazione straordinario neo assunti Conto Corrente Mutui ipotecari e mutui fondiari ordinari Sovvenzioni Anticipazioni bullet Fideiussioni Polizze Assicurative tramite Axa MPS Carte di Credito, di debito e prepagate Credito al consumo (ConsumIt), prestiti a vario titolo Integrativo Aziendale e Accordi Sindacali Sociale, educativo, ricreativo e culturale tramite Cassa Mutua e CRAL: Sanità: anticipo spese mediche, dentistiche, protesi, lenti Istruzione: anticipo spese scolastiche figli, borsa di studio Famiglia: una tantum nascita figli, adozione, anticipo spese matrimonio Sovvenzioni a vario titolo Promozione attività ludiche, sportive e culturali Rete di sconti (viaggi, negozi, ristoranti, palestre, campi estivi ecc.) Mutui e finanziamenti Altri servizi Biblioteca aziendale (cartacea e virtuale) Formazione online con oltre 350 titoli di corsi multimediali, disponibile anche da casa Consulenza fiscale (sostituto d imposta per dichiarazione redditi) Gestione fondi di previdenza in casa Premio di fedeltà e medaglia d oro Assunzione familiari dipendenti deceduti in servizio 29 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione I livelli di analisi dei fabbisogni formativi Livello Obiettivo Strumenti Organizzativo Identificare le esigenze di formazione che derivano dalle scelte strategiche dell impresa Interviste e questionari (al top management, al manager di linea, al Dru) Documenti azienda lidi programmazione del personale (budget del personale) Statistiche sulla formazione Professionale Identificare le esigenze di formazione derivanti dalla definizione dei contenuti delle posizioni e dagli scostamenti tra prestazione attesa e realizzata Identificare le esigenze di formazione derivanti dal sistema dei ruoli Job description, mansionari Interviste ai responsabili di linea Valutazione della performance Individuale Identificare le esigenze formative della singola persona in base alle sue potenzialità di sviluppo individuale, alla fase del suo ciclo di vita professionale, alle sue motivazioni, al suo piano di carriera Interviste e questionari alle persone Risultati della formazione precedente Programmazione del personale (per esempio tavole di rimpiazzo, piani di carriera) 30 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 15

16 Matrice delle metodologie formative Virtuale vv Web-based Training Mobile Learning Application Simulation etest Web Seminar Community of Practice Performance Simulator Social & Collaboration Ambiente d ell Apprendimento Training Pills (*) Business Game Videoclip (*) Fiction Series (*) Fisico v Training Pills Workshop Focus Group Tavole Rotonde Questionari Case Study On the Job Training Role Play Lab Creativi Testimonianze (*) Metodologie cross-ambiente Competenze Focus dell Apprendimento Comportamenti 31 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione I livelli di valutazione della formazione: il modello di Kirkpatrick Livello Caratteristica Criteri di valutazione Strumenti Livello 1 Reazione Soddisfazione del lavoratore Rispetto delle attese del lavoratore Questionari Livello 2 Apprendimento Aumento delle conoscenze Incremento di abilità Cambiamento di atteggiamenti Test Esercitazioni Check list Livello 3 Comportamenti Utilizzo sul lavoro di quanto appreso Test Osservazione dei comportamenti Livello 4 Risultati Raggiungimento degli obiettivi strategici ROI della formazione Indicatori di efficacia Indicatori di efficienza 32 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 16

17 Obiettivi e iniziative Obiettivi Sviluppare comportamenti, capacità e conoscenze a supporto del processo di change management, in coerenza con l evoluzione organizzativa e normativa. Sistematizzare interventi di induction con particolare riferimento a ruoli nuovi o in evoluzione Consolidare il ruolo della formazione quale leva di engagement e fattore premiante per le persone, con l attivazione di percorsi formativi proposti in chiave meritocratica coerenti con esiti del talent performance review: Principali iniziative Nell ambito di sono effettuati progetti qualificanti sui 3 indirizzi: 1. People: contiene gli interventi, mirati allo sviluppo professionale soprattutto in chiave manageriale e di sviluppo dei comportamenti Aggiornamento permanente per il top management Diffusione della cultura del feedback/gestione dei collaboratori 2. Business: sviluppa le competenze professionali d ingresso/consolidamento nei ruoli, con particolare riguardo a credito,finanza, metodo commerciale: Percorsi di certificazione competenze creditizie Percorsi su competenze del processo commerciale, tecniche (finanziarie, di prodotto, conoscenza delle piattaforme), di metodo ed efficacia relazionale 3. Compliance & Safety: mira ad assicurare la copertura degli obblighi formativi connessi a compliance e sicurezza, con focus su Antiriciclaggio, Trasparenza e Responsabilità Amministrativa. 33 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Formazione in MPS: Schema di Personalizzazione in 5 mosse Skill Gap Development center Self Assessment Analisi dei Bisogni Progettazione Personalizzata su 3 livelli Aziendale (valori e cultura) Ruolo (working situation) Individuo Misurazione dei risultati Survey mirate individuali Monitoraggio e Follow-up Comunicazione Rivolta a partecipanti e capi Prima, durante e dopo Erogazione Strumenti docenza/tutorship manager diretti/best in class 34 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 17

18 FORMAZIONE IN MPS: Erogazione multicanale e Monitoraggio su 3 livelli L EROGAZION E DEI PERCORSI FORMATIVI È MULTICANALE INTEGRATA Aula Training on the job/action learning (Maestri di mestiere per neotitolari, tutor interni) Coaching (anche telef.) (GRU, personale CGB) Webinar On-line (WBT, Tutorial, Montepaschi channel) KM Tools (strumenti di knowledge management su procedure es. Nuova gestione andamentale consultabili on-line) Social Media (blog, community, ) Formazione KM Zero 50% MONITORAGGIO DELLA QUALITA E DELL EFFICACIA FORMATIVA: GLI STRUMENTI 1) Customer Satisfaction - al termine di ogni aula ai partecipanti viene somministrato un questionario anonimo che valuta (su scala 1-6) il gradimento complessivo, l efficacia della docenza e l utilità del corso rispetto al ruolo agito. 2) Apprendimento - per i corsi tecnico-professionali (es. Credito, Finanza, ) è prevista la somministrazione di un test di ingresso e di un test di fine corso nominativi per monitorare l incremento delle conoscenze dei partecipanti 3) Applicabilità e applicazione - per i corsi sui comportamenti commerciali (es. Negoziazione, Gestione della Relazione con il Cliente, ) sono previste in sequenza: A) Questionario nominativo su applicabilità di quanto sperimentato in aula a fine corso B) a 3 mesi e 6 mesi dall aula Survey indirizzate ai partecipanti e ai loro capi diretti mirate a verificare l applicazione sul campo dei comportamenti. Gli indicatori sono integrati dalle evidenze della verifica periodica delle competenze. 35 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Skill Gym Center: la palestra multimediale per allenare i comportamenti DNA MPS Migliorare i comportamenti richiede un allenamento nel continuo. Skill Gym Center è la palestra multimediale MPS in cui ciascuna persona può scegliere in coerenza con il proprio piano di Azione individuale i tools formativi (letture, e-book, pillole multimediali), organizzarli nell agenda formativa e tenere un Diario di bordo in cui tracciare le esperienze fatte e le lezioni apprese sul campo. Valutazione e Piano d azione individuale 1 4 Diario di Bordo: Lezioni apprese Come lavoravo / lavorerò. Punteggi Skill Gym Center Allena i tuoi comportamenti! Selezione guidata di: Pillole formative multimediali Flip book Letture 2 Compilazione LAP Piano Formativo Individuale (cosa fare/quando/con quali obiettivi ) 3 36 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 18

19 Skill Gym Center: palestra formativa autogestita Biblioteca online Pillole multimediali Dizionario Comportamenti Learning Action Plan Tra le azioni disponibili è possibile calendarizzare anche la sperimentazione di comportamenti specifici (es. proattività in riunione) 37 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione La formazione in banca MPS: il portale di learning CLIC (Corporate Learning Interactive Center) èl ambienteintegratodiformazioneadisposizionedituttoil personale del Gruppo MPS e rappresenta il punto di accesso unico e personalizzato all offerta formativa ed a tutti gli strumenti che accompagnano l apprendimento. Tra le funzionalità di CLIC annoveriamo: Fruizione Corsi OnLine Catalogo Corsi (con Prenotazione Corsi OnDemand) Curriculum Formativo Agenda Formativae Percorsidi Sviluppo Certificazioni (Bancassurance, Accademia Del Credito, ) Accesso a KM Tools Biblioteca Aziendale (E-book) Applicativi per Progetti Speciali (Project Work, Learning Action Plan) 38 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 19

20 La comunicazione interna: funzioni e strumenti Funzione Strategico/valoriale Face to Face Cartacei Elettronici Fondamenti strategici (Mission, Vision, Principi Guida) Macro obiettivi aziendali Campagne etiche e sociali Scenari Mercato Prodotti / Servizi Concorrenza Convention Workshop di vertice Carta dei principi Booklet Bilanci socio/ambientali Cd Rom Video Web tv Business tv Funzione informativa Risultati raggiunti Policies interne Novità del personale Novità sugli ambienti di lavoro Novità sugli strumenti di lavoro Nuovi progetti Avanzamento di progetti in corso Riunioni informative House organ Newsletter Bacheche Intranet E-letter Funzione Operativa Meccanismi operativi Programmi di lavoro Ruoli e responsabilità Processi di lavoro Coordinamento operativo Criteri di valutazione della performance Patrimonio delle competenze Temi formativi Offerta formativa (mobilità interna, seminari e corsi interni) Riunioni di team Colloqui capo/collaboratore Affiancamenti/tutoring/ counceling/mentoring Manuali procedure Ordini di servizio Circolari Catalogazione delle competenze Applicazioni informatiche condivise (groupware, shareware) Censimento delle competenze Mappatura delle conoscenze Funzione sociale e di people caring Monitoraggio del clima Benefit Opportunità di flessibilità contrattuale Programmi di qualità ambientale Convenzioni esterne Servizi al personale Trasferimenti casa-lavoro Sostegno alle diverse famiglie sociali interne Sostegno al sociale esterno di riferimento (scuole, ambiente, cultura, lavoro) Focus group Interviste individuali Survey quali/quantitative (questionari strutturati) Carta dei Servizi interni Osservatori telematici sul benessere in azienda 39 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Comunicazione Interna in MPS: Obiettivi e indirizzi Favorire il Change Management collegato al PI rafforzando e diffondendo la cultura e l identità aziendale Supportare l attività commerciale Creare coinvolgimento e partecipazione sulle progettualità aziendali Creare sinergia con tutte le funzioni dell azienda al fine di garantire il massimo coordinamento nella diffusione dei messaggi Principali Indirizzi Comunicazioni tempestive, con format dedicati, su tematiche specifiche legate al PI e alla vita dell azienda Comunicazioni riguardanti le Persone e la loro vita in azienda e sui principali progetti di sviluppo e crescita professionale Comunicazioni di supporto al business ed alle attività e ascolto della Rete Istituzionale People Business Informando tempestivamente per Rendere le Persone partecipi della vita aziendale Creando condivisione e partecipazione attiva per Facilitare il dialogo tra le Persone e l azienda Raccontando ed evidenziando i casi di successo (best practice) per Trasmettere valori ed entusiasmo Creando iniziative di ascolto e attività sul territorio per Rafforzare la vicinanza DG/ Rete Rafforzando la conoscenza e la condivisione dei valori aziendali, anche recuperando la storia ed i valori esclusivi del Gruppo 40 Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione 20

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli