Il trattamento degli stravasi dei farmaci citotossici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il trattamento degli stravasi dei farmaci citotossici"

Transcript

1 ASL Cagliari - Progetto Formativo Aziendale Rischi e prevenzione nella manipolazione dei farmaci antiblastici Il trattamento degli stravasi dei farmaci citotossici M.Dolores Palmas, Infermiera S.C. Oncologia Medica DH P.O. A. Businco - Cagliari

2 Poche altre aree della cura infermieristica richiedono conoscenza del trattamento, abilità di valutazione, esperienza tecnica, capacità e desiderio di sostenere emotivamente il paziente, superiori a quelli richiesti per la cura di un malato sottoposto a chemioterapia.

3 STRAVASO DI FARMACI ANTINEOPLASTICI E necessaria un adeguata preparazione culturale e tecnica del personale sanitario PERCHE oltre agli effetti collaterali tradizionali della terapia antiblastica è necessario considerare con attenzione il rischio di stravaso.

4 Il personale che somministra le terapie antiblastiche deve avere un approfondita conoscenza dei farmaci antitumorali utilizzati per EV deve effettuare una corretta somministrazione deve riconoscere tempestivamente e con sicurezza lo stravaso ed essere in grado di adottare immediatamente un trattamento mirato delle complicanze insorte

5 STRAVASO FUORIUSCITA ACCIDENTALE DI QUALUNQUE SOLUZIONE ENDOVENOSA DA UN VASO, NEL TESSUTO CUTANEO E \ O SOTTOCUTANEO CIRCOSTANTE IL SITO DI ACCESSO, PER DIFFUSIONE O INFILTRAZIONE DIRETTA

6 Lo stravaso di agenti antineoplastici può essere particolarmente pericoloso perché, a causa della loro tossicità possono provocare: gravi danni cellulari necrosi dei tessuti infezioni

7 Silvia Pagnucco

8 . determina sofferenza per il paziente afflitto da cancro, con ripercussione sulla qualità della vita e sulla compliance terapeutica e non ultimo sulla affidabilità percepita da parte dell utente e dei familiari circa gli operatori sanitari che lo hanno in cura. E una complicanza impegnativa, difficile da trattare, con risultati spesso deludenti e che determina spesso esiti invalidanti. Maurizio Banconi

9

10

11

12

13

14

15 LA GRAVITA DI UNO STRAVASO DIPENDE Dal tipo di farmaco Dalla concentrazione dello stesso Dal volume somministrato Dall area d infusione

16 Il danno tissutale può variare da un semplice eritema localizzato, ad una necrosi estesa che può determinare la perdita della funzionalità dell area. Aree prossime ad articolazioni, tendini e fasci neuro-vascolari sono più a rischio di danni permanenti.

17 L incidenza dello stravaso in letteratura è compresa tra lo 0.1% e il 6%. Tale dato è sicuramente sottostimato. E un evenienza non rara in rapporto all alto numero d infusioni. Le conseguenze possono essere non solo molto dolorose ma talvolta anche invalidanti. Ogni somministrazione di antiblastici con tossicità locale deve essere monitorizzata con attenzione per cogliere eventuali segni di stravaso.

18 FATTORI PREDISPONENTI ALLO STRAVASO 1) FATTORI LEGATI AL PAZIENTE 2) FATTORI LEGATI AI FARMACI 3) FATTORI LEGATI AL SITO DI SOMMINISTRAZIONE 4) FATTORI LEGATI ALLA TECNICA DI SOMMINISTRAZIONE 5) FATTORI LEGATI A TERAPIE ENDOVENOSE CONCOMITANTI

19 FATTORI PREDISPONENTI ALLO STRAVASO 1 fattori anatomici; paziente fattori fisiologici; fattori fisio-farmacologici; fattori legati all età; fattori legati all incapacità di comunicare.

20 FATTORI PREDISPONENTI ALLO STRAVASO 2 ph; osmolarità; eccipienti; farmaci concentrazione e volume della soluzione sommimistrata; tossicità cellulare.

21 FATTORI PREDISPONENTI ALLO STRAVASO 3 Sito di somministrazione La sede in cui inserire la cannula va scelto in modo da assicurare un inserzione facile e un osservazione sicura del sito.

22 FATTORI PREDISPONENTI ALLO STRAVASO 4 Tecnica di somministrazione

23 FATTORI PREDISPONENTI ALLO STRAVASO 5 Terapie endovenose concomitanti

24 IL PAZIENTE DEVE ESSERE INFORMATO ed è tenuto a riferire qualsiasi sintomo avverso quale: dolore fastidio pressione sensazione di bruciore Deve essere inoltre rassicurato perché uno stravaso può capitare ma, sospendendo immediatamente la somministrazione dei farmaci ed avviando un adeguato trattamento di cura, non dovrebbe essere causa di gravi problemi.

25 Reazioni osservabili a lungo termine sono rappresentate da: Trombosi venose; Flebiti; Iperpigmentazione delle vene o dei tessuti.

26 E importante distinguere l irritazione locale della vena utilizzata per la somministrazione (flebite chimica), dalle situazioni in cui si ha uno stravaso nei tessuti circostanti, fenomeno che provoca una reazione infiammatoria che può arrivare alla necrosi tessutale locale (necrosi da stravaso).

27 DIAGNOSI DIFFERENZIALE FLEBITE CHIMICA STRAVASO Sintomi comuni dolore eritema Si manifestano caratteristicamente lungo il decorso dei vasi Si irradiano tutto intorno al sito di inoculazione ed è eventualmente presente nella stessa zona una tumefazione dovuta al liquido stravasato E molto importante differenziarli perché ne deriva un diverso trattamento

28 Trattamento della flebite chimica Reazione di scarsa gravità che in linea generale guarisce con reliquati minimi. La sospensione tempestiva dell infusione del farmaco si accompagna comunemente a completa guarigione. Il sollevamento dell arto e l applicazione intermittente di ghiaccio nelle prime 48 ore possono accelerare il processo di guarigione.

29 SEGNI E SINTOMI DI STRAVASO IN PAZIENTE CON A.V.P. 1. rallentamento o interruzione flusso venoso 2. aumento di resistenza incontrato durante l infusione 3. assenza di reflusso venoso all aspirazione delicata 4. gonfiore e\o eritema nel sito di inoculo 5. dolore urente 6. bruciore

30 SEGNI E SINTOMI DI STRAVASO IN PAZIENTE CON C.V.C. Il CVC è una sonda di materiale biocompatibile che viene introdotta attraverso una vena tributaria, diretta o indiretta, a raggiungere la vena cava superiore. In questo modo si consente l infusione di fluidi e farmaci in condizioni di maggiore sicurezza rispetto alle cannule periferiche; consente l attuazione di procedure e trattamenti non percorribili con CVP ed è indicato nel caso di somministrazioni di soluzioni o farmaci non tollerati dalle vene periferiche come soluzioni ipertoniche, farmaci irritanti, vescicanti. Nei pazienti con CVC va tenuta sotto osservazione la parete toracica o la tasca sottocutanea per valutare la comparsa di gonfiore. L infusione non deve mostrare rallentamento.

31 Procedura generale di trattamento dello stravaso Interrompere immediatamente la somministrazione del farmaco antiblastico, al fine di evitare l accumularsi di altro chemioterapico nella zona dello stravaso. Disconnettere il dispositivo dal sistema di infusione e lasciare il dispositivo di infusione in sede. Annotare immediatamente data e ora di interruzione della somministrazione. Delimitare il contorno dell area interessata con tratto indelebile al fine di controllare l eventuale allargamento del danno tessutale dal momento dello stravaso. Tenere sollevato l arto o la spalla interessati. Valutare il volume di farmaco stravasato e il grado di tossicità locale del farmaco in questione. Ciò permette di avere un idea immediata della gravità dello stravaso e della probabile entità dei danni.

32 Aspirare la maggior quantità possibile di farmaco attraverso il dispositivo venoso lasciato in sito, fino all aspirazione di 3-4 ml di sangue. Dopo la fase di aspirazione della linea periferica, togliere il dispositivo venoso dalla sede, ripulire la zona e lasciarla all aria evitando di applicare bendaggi occlusivi. Seguire le istruzioni di trattamento specifico per il particolare farmaco stravasato. In caso di stravaso da CVC in profondità contattare il chirurgo plastico. Indicare al paziente come curare correttamente l area dello stravaso e come continuare la terapia. Possono essere utilizzati analgesici per controllare il dolore. Completare la scheda di raccolta-dati dello stravaso. Effettuare un follow-up delle condizioni del paziente nei giorni successivi allo stravaso.

33 In alcuni casi lo stravaso può essere completamente asintomatico, essendo riconosciuto solo in un secondo tempo, anche a distanza di settimane, dallo stabilirsi del danno tissutale progressivo.

34 FARMACI ANTIBLASTICI E STRAVASO I farmaci chemioterapici antineoplastici sono dotati in generale di potere irritante a carico della cute e delle mucose, possono provocare effetti tossici locali (flebiti, allergie, necrosi dei tessuti a seguito di stravaso) e sistemici (allergie, tossicità d organo). EFFETTI A BREVE TERMINE : alopecia, stomatiti, leucopenie, anemie. EFFETTI A MEDIO TERMINE : epatopatie, nefrosi, aplasie midollari. EFFETTI A LUNGO TERMINE : induzione di mutazioni, azione cancerogena. La letteratura non è concorde nel classificare i farmaci in base al loro potenziale tossico locale; l appartenenza ad una classe è indicativa e la suddivisione in gruppi rappresenta una classificazione utile per pianificare gli interventi ma non esiste univocità tra i diversi Autori.

35 CLASSI DI CHEMIOTERAPICI ANTINEOPLASTICI Vescicanti o esfolianti: possono causare danno cellulare o la distruzione dei tessuti (necrosi) in caso di stravaso sottocutaneo. Irritanti o infiammanti: provocano infiammazione venosa locale con o senza reazione cutanea. Sintomi frequenti sono dolore e bruciore in sede di iniezione. Sintomi di breve durata e il danno tissutale raro.non si verifica necrosi perché queste sostanze vengono rapidamente metabolizzate e inattivate. Alcuni farmaci irritanti in particolari condi zioni (concentrazione, condizioni del paziente) possono avere proprietà vescicanti. Neutrali: cioè NON IRRITANTI, NON VESCICANTI farmaci che non causano tossicità locale.

36 Farmaci che non si legano stabilmente al DNA Fluorouracile Cisplatino Etoposide Bleomicina Vinblastina Vincristina Vinorelbina Danno tissutale immediato. Inattivati o metabolizzati rapidamente. Le lesioni vanno facilmente incontro a guarigione.

37 Farmaci che si legano più tenacemente e stabilmente al DNA Antracicline Doxorubicina Actinomicina D Daunorubicina Epirubicina Idarubicina Mitomicina C Danno tissutale immediato. Persistenza nei tessuti. Determinano danni tessutali necrotizzanti a lungo termine (le antracicline persistono nei tessuti alcuni mesi). Assenza di cicatrizzazione spontanea. Pregressa ulcerazione. Necessità di escissione chirurgica per la guarigione.

38 Tra i farmaci che si legano al DNA, alla doxorubicina oltre alla lesione locale da stravaso vanno ascritte alcune reazioni cutanee: Necrosi da stravaso da richiamo Flare venoso Si verifica alle successive somministrazioni del farmaco in vene diverse dalle iniziali con necrosi da stravaso in siti venosi precedentemente utilizzati. Eruzione lineare sulla cute sovrastante la vena utilizzata per la somministrazione della doxorubicina. Eritema, prurito, dolorabilità,edema, indurimento del sito di iniezione, bolle e vescicole. Tale reazione si riduce dopo 48 ore dalla sospensione del farmaco e non determina danni a lungo termine. Si verifica nel 3% di tutte le somministrazioni

39 Alla MITOMICINA C vanno ascritte ulcere cutanee ritardate in siti fbnmmm precedentemente utilizzati per l infusione del Farmaco a seguito di ulteriori somministrazioni in vene del braccio controlaterale.

40 PREVENZIONE DELLO STRAVASO Adottando tecniche di somministrazione controllate e sicure e facendone un uso sistematico, molti casi di stravaso potrebbero essere prevenuti. La prevenzione dello stravaso dovrebbe comprendere: INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI PIANIFICAZIONE DI UNA PROCEDURA DI SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI ISTRUZIONE AL PAZIENTE PER LA COLLABORAZIONE

41 PREVENZIONE LINEA VENOSA PERIFERICA Il vaso venoso deve presentarsi morbido, elastico, di dimensioni adeguate a contenere il catetere o l ago scelto per la somministrazione (meglio scegliere vasi di grosso calibro e preferire le vene mediane dell avambraccio) EVITARE Fossa antecubitale Aree flessione polso mano Arti inferiori Vene fragili e di piccolo calibro Vene già utilizzate per l infusione di farmaci antiblastici NON INFONDERE LA TERAPIA se l arto presenta un circolo linfatico compromesso o interessato da processi neoplastici. SCELTA DEL CATETERE VENOSO TEST DELLA LINEA DI INFUSIONE CONTROLLO DEL RITORNO EMATICO INIZIO DELL INFUSIONE ISTRUZIONI AL PAZIENTE VALUTAZIONE PERIODICA DEL SITO D INFUSIONE

42 Prevenzione linea venosa centrale : PORT Adeguata lunghezza dell ago Controllo del ritorno ematico, in sua assenza consigliare al paziente di cambiare posizione e lavare il port con una soluzione salina (metodo push-pull) Utilizzare bendaggi trasparenti per fissare l ago Istruire i pazienti anche per il tipo di vestiario da utilizzare onde evitare strappi del catetere connesso al port

43 TRATTAMENTO DELLO STRAVASO Un intervento mirato e sicuro e la rapidità nell intervento (favorita questa da una diagnosi immediata) sono concetti fondamentali al fine di ridurre gli effetti tossici del farmaco e favorire una migliore qualità di vita del paziente. Un efficace procedura di trattamento può essere approntata sull applicazione di due schemi consecutivi: - TRATTAMENTO URGENTE GENERALE (si effettua in ogni caso di stravaso) - TRATTAMENTO SPECIFICO (specifico per il farmaco stravasato)

44 Linea di infusione periferica. Trattamento generale Il paziente lamenta bruciore, prurito, dolore, eritema e indurimento al sito di infusione Interrompere immediatamente l infusione. Disconnettere il dispositivo dal sistema di infusione e lasciare il dispositivo di infusione in situ. Delimitare il contorno dell area stravasata con tratto indelebile. Informare il medico Aspirare la maggior quantità di farmaco stravasato attraverso il dispositivo lasciato in situ fino all aspirazione di 3-5 ml di sangue.questo può essere facilitato mediante l iniezione sottocutanea di NaCl 0,9% per diluire il farmaco stravasato. Seguire il trattamento specifico per il farmaco stravasato Completare una scheda di raccolta-dati per lo stravaso

45 Linea di infusione centrale. Trattamento generale Il paziente lamenta bruciore, prurito, dolore, eritema e indurimento al sito di infusione Interrompere immediatamente l infusione. Riaspirare il farmaco dalla linea di infusione. La linea centrale deve rimanere nella stessa posizione Informare il medico Stravaso che rimane circoscritto Stravaso esteso e in profondità Aspirare la maggior quantità di farmaco stravasato attraverso il dispositivo lasciato in situ fino all aspirazione di 3-5 ml di sangue.questo può essere facilitato mediante l iniezione sottocutanea di NaCl 0,9% per diluire il farmaco stravasato. Contattare il chirurgo plastico Seguire il trattamento specifico per il farmaco stravasato Completare una scheda di raccolta-dati per lo stravaso

46 La procedura generale deve essere messa in pratica idealmente entro i 10 minuti successivi allo stravaso. Dopo le 24 ore il trattamento non è più curativo ma è utile solo a limitare i danni. Lo schema che segue riassume il trattamento generale che deve essere applicato al paziente in caso di stravaso a seconda della linea di accesso venoso utilizzata per l infusione.

47 Impacchi caldi e freddi - per tutti i farmaci, escluso gli alcaloidi della vinca: Nelle prime ore dallo stravaso, applicare in modo intermittente, per 30 minuti ogni 2 ore, delle compresse fredde; (il freddo induce vasocostrizione e limita l infiammazione); l arto non deve essere messo in scarico onde evitare l estendersi della sede dello stravaso. - per gli alcaloidi della vinca (vinblastina, vincristina, vindesina, vinorelbina) Consecutivamente per 24 ore dallo stravaso, applicare localmente impacchi caldi. Il calore è utilizzato fondamentalmente per inattivare sostanze termolabili, induce vasodilatazione aumentando la distribuzione del farmaco e riducendo, contemporaneamente, la concentrazione locale al sito di stravaso. L arto nelle prime 24 \ 48 ore deve essere mantenuto sollevato per favorire il deflusso venoso.

48 Gli antidoti risultati più utili nel trattamento dello stravaso sono: α-tocoferolo ialuronidasi dimetilsolfossido (DMSO) sodio tiosolfato sodio bicarbonato corticosteroidi

49 α-tocoferolo E vitamina E, vitamina liposolubile, proprietà antiossidanti, protettivo membrane biologiche, rallenta il processo di invecchiamento cellulare. L α-tocaferolo ha presentato effetto benefico nella prevenzione delle ulcerazioni indotte da antracicline. L utilizzo della vitamina E si è dimostrato efficace anche per il trattamento dello stravaso da mitomicina in associazione con dimetilsolfossido.

50 Ialuronidasi È un enzima che agisce degradando l acido ialuronico, costituente del tessuto di riempimento interstiziale. La ialuronidasi degradando il tessuto connettivo facilita la distribuzione e l assorbimento nei vasi sanguigni e linfatici delle sostanze iniettate. La sua capacità di ridurre la concentrazione locale del farmaco stravasato e di aumentare la sua velocità di assorbimento ha permesso di ridurre l esposizione del tessuto al farmaco. La dose di ialuronidasi risultata più efficace è di 1500 UI somministrata per via s.c. nella zona dello stravaso entro 1 ora dallo stravaso stesso.

51 Dimetilsolfossido (DMSO) È un solvente inodore e incolore completamente miscibile con acqua e solubile in molti solventi organici. Penetra rapidamente nei tessuti quando applicato per via topica. È classificato come irritante di pelle, mucose e occhi. Il razionale dello studio si basa sulle proprietà di potente spazzino dei radicali liberi formati dal meccanismo biochimico di alcuni farmaci e sulla sua capacità di rimuovere i farmaci dai tessuti dopo lo stravaso. Il DMSO agisce anche come antibatterico, antinfiammatorio, analgesico, vasodilatante proprietà tutte che contribuiscono alla prevenzione del danno da stravaso. Si usa in concentrazione compresa tra 70% e 99%. Si applica sulla superficie cutanea interessata con un contagocce (2-3 gtt per cm 3 ) o mediante tampone sterile e lasciato asciugare all aria. È opportuno non coprire la zona trattata con garze per evitare che si formino vesciche. Non va usato sulla cute sana per le sue proprietà irritanti.

52 Sodio tiosolfato Protegge i tessuti dai danni provocati da farmaci alchilanti e analoghi perché fornisce un substrato alternativo. La sua azione si basa su un meccanismo di alchilazione del principio attivo a derivato non tossico, che può essere facilmente escreto con le urine. Crea nella zona di infiltrazione un ambiente fortemente alcalino, che però è tossico. Non presenta effetti irritanti su pelle e occhi, non si conoscono effetti sensibilizzanti.

53 Sodio bicarbonato È indicato per il suo ph alcalino, nel caso di stravaso di farmaci estremamente stabili a ph acido: antracicline, alcaloidi della vinca, carmustina, dacarbazina, mitomicina (stabile a ph neutro). Pare agisca favorendo l idrolisi delle antracicline e sfavorendo il legame doxorubicina-tessuto che è ph indipendente. Deve essere utilizzato con la massima attenzione poiché egli stesso può provocare necrosi tissutale sia per l elevato ph, sia perché è una soluzione iperosmolare. Si consiglia l uso a bassa concentrazione: 2.1%.

54 Corticosteroidi L uso di corticosteroidi è stato proposto nel trattamento dello stravaso di antracicline per il loro effetto antinfiammatorio. Tuttavia, poiché l infiammazione non è un fattore preminente nell eziologia della necrosi e i dati sperimentali hanno dimostrato che l iniezione locale di corticosteroidi è inefficace, se non addirittura sfavorevole, se usati come antidoti per lo stravaso di alcaloidi della vinca. Queste osservazioni hanno reso controverso l impiego dei cortisonici come antidoti.

55 KIT DI EMERGENZA STRAVASO Acqua sterile per preparazione iniettabili Soluzione fisiologica di NaCl 0.9% Cortisonico Sodio tiosolfato 10% fl Dimetilsolfossido (DMSO) 70% gtt o crema Sodio bicarbonato 8.4% fl Idrocortisone Desametasone α-tocoferolo (VIT E) 5%-10% fl garze sterili garze non sterili aghi per aspirazione siringhe aghi per iniezione sottocutanea disinfettante guanti sterili compresse per impacchi caldi cold packs per impacchi freddi da conservare a temperature tra 2 e 8 C bendaggi trasparenti cotone rotolo di materiale adesivo di fissaggio.

56

57

58

59

60

61

62

63 Conclusioni concetti non ancora standardizzati; uno stravaso da agenti antiblastici può essere più frequente di quanto si sia sempre pensato e, se non trattato adeguatamente, può causare gravi danni permanenti; manca ancora una raccolta dati e non esiste una specifica procedura che definisca come intervenire, quali farmaci utilizzare come antidoti, come descrivere ed archiviare l evento; - note di carattere generale riguardanti il paziente che permettono di inquadrare la percentuale degli stravasi in rapporto alle caratteristiche fisiologiche del paziente stesso, i dati relativi al farmaco stravasato, alla via, al modo, alla concentrazione e al volume di somministrazione e alle caratteristiche di tossicità cutanea del farmaco;

64 - vanno messi in evidenza segni e sintomi riscontrati dall operatore sanitario e dal paziente al sito di stravaso, devono essere documentati tutti i test di prevenzione dello stravaso effettuati prima di iniziare l infusione di antiblastici e deve essere riportata nello specifico la procedura di trattamento adottata, gli antidoti utilizzati, la loro concentrazione e modalità di applicazione, la durata della terapia antidotale e il risultato clinico ottenuto; archiviazione dei dati correlati di fotografie del sito di infusione; l esperienza dei diversi centri ospedalieri può consentire una stima statistica della frequenza e della gravità dello stravaso dei farmaci antiblastici.

65 Grazie per l attenzione

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi Alessio Piredda Lo stravaso La consapevolezza.. Le conoscenze specifiche, l azione tempestiva, la prevenzione sono in ambito oncologico corredo

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

di somministrazione dei Chemioterapici Antiblastici IO.ONC.02 Linea guida per la gestione degli stravasi in corso

di somministrazione dei Chemioterapici Antiblastici IO.ONC.02 Linea guida per la gestione degli stravasi in corso Pag. 1/10 Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata REFERENTE DEL DOCUMENTO: Silvano Morini Indice delle revisioni Codice Documento Revisione N Data revisione 0 27/03/2013

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

Caso clinico: Gli accessi vascolari e lo stravaso di farmaco tra linee guida, protocolli e responsabilità dell infermiere. Bologna 10-11 Maggio 2014

Caso clinico: Gli accessi vascolari e lo stravaso di farmaco tra linee guida, protocolli e responsabilità dell infermiere. Bologna 10-11 Maggio 2014 Caso clinico: Gli accessi vascolari e lo stravaso di farmaco tra linee guida, protocolli e responsabilità dell infermiere Bologna 10-11 Maggio 2014 Antonio Negro 1 Il sottoscritto ANTONIO NEGRO ai sensi

Dettagli

Rischi connessi alla somministrazione 25 gennaio 2012. Cristina Petozzi Patrizia D Amico

Rischi connessi alla somministrazione 25 gennaio 2012. Cristina Petozzi Patrizia D Amico Rischi connessi alla somministrazione 25 gennaio 2012 Cristina Petozzi Patrizia D Amico Preparazione Trasporto Smaltimento dei rifiuti Somministrazione Stravaso Spandimento accidentale di farmaci TRASPORTO

Dettagli

GESTIONE DEGLI STRAVASI DI FARMACI ANTIBLASTICI

GESTIONE DEGLI STRAVASI DI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DEGLI STRAVASI DI FARMACI ANTIBLASTICI Fabiana Marcucci Oncologia Medica Ospedali Riuniti Umberto I - Salesi - Lancisi Polo Ospedale-Università ANCONA Celestino Bufarini Farmacia Ospedaliera Servizio

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI.

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. Definizione e scopo: Consiste nell inserimento percutaneo di un ago di plastica o in metallo in una vena. I cateteri venosi periferici si usano per: Ottenere campioni

Dettagli

cancro della mammella: tecnica e indicazioni

cancro della mammella: tecnica e indicazioni La radioterapia nel cancro della mammella: tecnica e indicazioni Incidenza e trattamento delle complicanze acute Taranto, 19.06.10 Relatore M. De Taranto Incidenza e trattamento delle complicanze acute

Dettagli

MIELOMA MULTIPLO E CASI CLINICI Le attività dell Area Compounding in relazione alla prescrizione, allestimento e somministrazione

MIELOMA MULTIPLO E CASI CLINICI Le attività dell Area Compounding in relazione alla prescrizione, allestimento e somministrazione MIELOMA MULTIPLO E CASI CLINICI Le attività dell Area Compounding in relazione alla prescrizione, allestimento e somministrazione 2 CORSO REGIONALE PER FARMACISTI, TECNICI E INFERMIERI DELL AREA ONCOLOGICA

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

PROTOCOLLO DIAGNOSTICO TERAPEUTICOPER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLO STRAVASO DA FARMACI ANTIBLASTICI

PROTOCOLLO DIAGNOSTICO TERAPEUTICOPER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLO STRAVASO DA FARMACI ANTIBLASTICI PROTOCOLLO DIAGNOSTICO TERAPEUTICOPER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLO STRAVASO DA FARMACI ANTIBLASTICI PDT 064.3 SC Oncologia Medica Protocollo prevenzione e trattamento dello stravaso

Dettagli

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC DEEP OSCILLATION Il principio d azione Attrazione elettrostatica tra mano/applicatore e il tessuto del paziente Movimento = impulsi di attrazione

Dettagli

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

TEST DI SCREENING: MANTOUX

TEST DI SCREENING: MANTOUX TEST DI SCREENING: MANTOUX Ciriè 2 Aprile 2012 LIVIA DEMICHELIS ASSISTENTE SANITARIA S.S. MEDICO COMPETENTE A.O.U. SAN LUIGI ORBASSANO SCREENING (selezione) Strumento di lavoro per attuare prevenzione

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Le lesioni muscolari

Le lesioni muscolari Le lesioni muscolari Cenni di anatomia e fisiologia Una classificazione è utile solo se fornisce informazioni sulla natura della lesione, sul suo trattamento e sulla sua prognosi M. E. Muller TIPI DI MUSCOLI

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA (In accordo alla direttiva 91/155/CE e s.m.i.) P016 Intonaco Cementizio Fibrorinforzato 1/8 1. Identificazione del preparato e del produttore 1.1 Identificazione

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO OBIETTIVI Sapere cos è l USTIONE Sapere riconoscere la gravità di un USTIONE Conoscere le tipologie di USTIONE

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

DIFFICOLTA NELLA GESTIONE QUOTIDIANA DELLA TERAPIA IMMUNOMODULANTE

DIFFICOLTA NELLA GESTIONE QUOTIDIANA DELLA TERAPIA IMMUNOMODULANTE DIFFICOLTA NELLA GESTIONE QUOTIDIANA DELLA TERAPIA IMMUNOMODULANTE Patrizia Carta Infermiera Centro Studi Sclerosi Multipla Neurologia II Azienda Ospedaliera Sant Antonio Abate Gallarate Interferoni Tra

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Informazioni per i pazienti Reggio Emilia, settembre 2015 Artropatia psoriasica DESCRIZIONE

Dettagli

Prevenzione e trattamento (non chirurgico) degli stravasi dei farmaci antineoplastici (Update Marzo 2008)

Prevenzione e trattamento (non chirurgico) degli stravasi dei farmaci antineoplastici (Update Marzo 2008) Prevenzione e trattamento (non chirurgico) degli stravasi dei farmaci antineoplastici (Update Marzo 2008) Infermiera Francesca Bernagozzi Oncoematologia pediatrica Infermiera Isabella Cavazza Oncologia

Dettagli

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA Unità didattica 3 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI RISCHIO CHIMICO IL RISCHIO ESISTE LADDOVE CI SIA UNA ESPOSIZIONE AD UN QUALUNQUE AGENTE CHIMICO.

Dettagli

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Via topica Altri tipi di somministrazione VIE PARENTERALI Via iniettiva Via buccale Via sublinguale Instillazione attraverso SNG (e PEG) Via respiratoria

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Pubblicazioni Un percorso metodologico

Pubblicazioni Un percorso metodologico Pubblicazioni Un percorso metodologico per la definizione di procedure, protocolli, linee guida Il lavoro di stesura di protocolli procedurali e/o organizzativi del lavoro infermieristico, ha impegnato

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CISPLATINO POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO Gara (cottimo annuale) per la fornitura di cateteri a media permanenza per la terapia

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL Pagina 1 di 9 1. INFORMAZIONI GENERALI: IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DEL PRODOTTO 1.1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Conglomerato cementizio fresco, prima dell indurimento. In base alla diversa miscelazione

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1%

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1% FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1% FUSIDIUM 1 % Gocce oftalmiche Acido Fusidico CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Antinfettivo oculare. INDICAZIONI Fusidium è indicato in infezioni batteriche oculari causate

Dettagli

Fleboterapia rigenerativa ambulatoriale

Fleboterapia rigenerativa ambulatoriale Fleboterapia rigenerativa ambulatoriale tridimensionale (TRAP) Una nuova cura delle vene varicose e delle teleangectasie capillari La flebo terapia rigenerativa tridimensionale ambulatoriale, TRAP, è una

Dettagli

VECTAVIR LABIALE 1% crema penciclovir

VECTAVIR LABIALE 1% crema penciclovir FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi

Dettagli

www.mondialrelax.it - info@mondialrelax.it - Numero Verde : 800-911914

www.mondialrelax.it - info@mondialrelax.it - Numero Verde : 800-911914 La magnetoterapia è una forma di fisioterapia che utilizza il magnetismo terrestre, risorsa presente in natura necessario per tutte le forme di vita. La magnetoterapia può essere di bassa e alta frequenza

Dettagli

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario Lezione 07 Traumi dell Apparato Tegumentario La Cute Ferite Cosa è? Interruzione della continuità della cute Classificazione Taglio Punta Lacero Contusa Avulsione cutanea Complicanze: Gravità: Lesioni

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

I TRAUMI MUSCOLARI LE CONTUSIONI Contusioni più o meno gravi, almeno una volta nella vita, le abbiamo subite più o meno tutti. Esse, in parole povere, rappresentano il risultato di un evento traumatico

Dettagli

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA Gentilissima/o Paziente,

Dettagli

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

PROCEDURA PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE AMBIENTALE E DELLO STRAVASO DI CHEMIOTERAPICI

PROCEDURA PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE AMBIENTALE E DELLO STRAVASO DI CHEMIOTERAPICI PROCEDURA PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE AMBIENTALE E DELLO STRAVASO DI CHEMIOTERAPICI Scopo La seguente procedura, in recepimento della Raccomandazione per la prevenzione degli

Dettagli

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: fluorouracile, acido folinico, oxaliplatino Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici. Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative

Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici. Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative Dolore Oncologico Dolore Cronico Dolore Oncologico La via di somministrazione: orale

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA ESAME ANGIOGRAFIA RETINICA

SCHEDA INFORMATIVA ESAME ANGIOGRAFIA RETINICA Gentile Signora, Signore, Lei ha un problema alla retina. Questa scheda contiene le informazioni sul trattamento che Le è proposto, sui risultati e sui rischi. Tutte le espressioni tecniche è bene che

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM

FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM FEBBRE DEL LABBRO MAI PIÙ HERPOTHERM Alta tecnologia Made in Germany per una nuova terapia di Herpes Labialis - senza sostanze chimiche! Che cosa è HERPOTHERM? HERPOTHERM è un nuovo, ma soprattutto innovativo,

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Effetti degli steroidi topici. Corticosteroidi topici. Attività antinfiammatoria non specifica. Attività antimitotica 14.1.2009

Effetti degli steroidi topici. Corticosteroidi topici. Attività antinfiammatoria non specifica. Attività antimitotica 14.1.2009 Corticosteroidi topici 14.1.2009 Effetti degli steroidi topici! Si tratta dei farmaci più frequentemente prescritti e usati in ambito dermatologico.! Attività antinfiammatoria! Attività antimitotica! Attività

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

Medicine Specialistiche GESTIONE DEGLI STRAVASI DI FARMACI ANTIBLASTICI

Medicine Specialistiche GESTIONE DEGLI STRAVASI DI FARMACI ANTIBLASTICI Pag. 1/7 GESTIONE DEGLI STRAVASI DI FARMACI ANTIBLASTICI 1. Lista di distribuzione...1 2. Emissione...1 3. Scopo...1 4. Campo di applicazione...1 5. Riferimenti...1 6. Definizioni...2 7. Responsabilità...2

Dettagli

La Cute, Ferite e Medicazioni

La Cute, Ferite e Medicazioni La Cute, Ferite e Medicazioni OBBIETTIVI Fornire cenni di Anatomia dell Apparato Tegumentario. e Fisiologia Definire i vari tipi di ferite. Apprendere le manovre per una corretta disinfezione e medicazione.

Dettagli

LINEA DI PRODOTTI NaturOzone

LINEA DI PRODOTTI NaturOzone LINEA DI PRODOTTI NaturOzone Basate su SOSTANZE NATURALI OZONIZZATE, mediante un processo di ozonizzazione scientificamente raffinato, deodorati e arricchiti di ossigeno attivo biodisponibile. I PRODOTTI

Dettagli

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE 1 REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16 C.F. e P.I. 00349050286 Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Direttore dr. Claudio Mongiat Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368 e-mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Il dolore neoplastico. Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004

Il dolore neoplastico. Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004 Il dolore neoplastico Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004 Definizione accademica Il dolore è una sgradevole esperienza emotiva e sensoriale

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

LA PELLE. Tessuto epiteliale che riveste il corpo senza soluzione di continuità

LA PELLE. Tessuto epiteliale che riveste il corpo senza soluzione di continuità EPIDERMIDE: costituita da cellule morte in superficie, rigenerate continuamente DERMA: ricco di vasi sanguigni, nervi, ghiandole varie STRATO ADIPOSO: riserva energetica, isolante LA PELLE Tessuto epiteliale

Dettagli

rif. c) Set di somministrazione per farmaci antiblastici citotossici costituito da:

rif. c) Set di somministrazione per farmaci antiblastici citotossici costituito da: Azienda U.L.S.S. 12 Veneziana Dipartimento Risorse Economiche Unità Operativa Complessa Acquisti e Logistica Direttore : Dr.ssa Desi Zennaro ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA DI SISTEMI A CIRCUITO

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale?

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale? ANESTESIA LOCALE (LOCOREGIONALE) PER LA CHIRURGIA DEL SENO: DOMANDE FREQUENTI Dott. med. A. Saporito, Capoclinica Servizio Anestesia ORBV 1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale,

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA Data ultima revisione: 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1/5 K5331 Vial 2 HER2 FISH pharmdx Kit K5333 Vial 2 TOP2A FISH pharmdx Kit K5599 Vial 2 Histology FISH Accessory

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti

Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti Le emorroidi sono delle strutture anatomiche che si hanno fin dalla nascita: sono dei cuscinetti artero-venosi

Dettagli