Progetto. Corso di Formazione in Mediazione Familiare

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto. Corso di Formazione in Mediazione Familiare"

Transcript

1 Progetto Corso di Formazione in Mediazione Familiare 1. Premessa La pratica della mediazione familiare si è affermata negli Stati Uniti ma anche in molti altri paesi quali Canada, Gran Bretagna e, successivamente, in molti Paesi Europei. Il Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa, con la risoluzione n. 616 del 21 gennaio 1998, ha affermato la necessità di incrementare l utilizzo della mediazione quale metodo nell ambito del quale un terzo, imparziale e neutrale, aiuti le parti a negoziare, ponendosi al di sopra del conflitto. In Italia, il primo servizio pubblico di mediazione familiare è stato istituito dal Comune di Milano nel Successivamente sono stati aperti numerosi altri centri che offrono servizi di mediazione familiare. Nel nostro Stato non vi è ancora una normativa specifica in mediazione familiare anche se i centri di mediazione familiare rientrano nel concetto ampio di servizi sociali (ad esempio nell'ambito dei servizi di sostegno alla relazione genitori-figli e di contrasto alla povertà ed alla violenza a mente dell'art. 4, lett. i, della legge 285/97). Si segnalano interessanti iniziative da parte di istituzioni private ma anche pubbliche. Citiamo la sentenza del Tribunale Bari - 1ª Sezione Civile che con Decreto del 21 novembre 2000 ha disposto l invio in un Centro di mediazione Familiare di una coppia separata alfine di migliorare il clima relazionale ed assolvere ai compiti educativi del proprio figlio. In Puglia la Mediazione Familiare è prevista all articolo 94 del regolamento attuativo della legge sul Welfare n.19 del 2006 il Servizio di Mediazione Familiare come..un servizio a sostegno della riorganizzazione delle relazioni familiari in presenza di una separazione o di crisi nei rapporti di coppia o di decisione di divorzio. Tale riconoscimento ha dato vita, nel territorio pugliese, ad un impiego diffuso della Mediazione Familiare in Centri famiglie, Consultori, Centri Sociali con richieste spontanee e invii anche da parte dei Tribunali per Minorenni e Ordinari. Dal 2006 l Istituto Gestalt di Puglia è membro del Forum Europeo di Mediazione Familiare e organizza corsi inerenti. Dal 2006 si sono conclusi 4 corsi e 1 è in svolgimento.

2 L Istituto ha firmato accordi e convenzioni con numerosi Centri del territorio in cui si erogano servizi di Mediazione Familiare. Dal 2009 al 2013, l Istituto ha gestito il Centro Risorse Famiglie della Provincia di Brindisi (chiuso nel giugno 2013 per assenza di finanziamenti) che fa della Mediazione Familiare il suo servizio primario collaborando con Tribunale per i Minorenni, Tribunale Ordinario, USSM, Casa Circondariale di Brindisi, Ufficio Scolastico Provinciale, Centro Servizio Volontariato di Brindisi, Servizi Sociali e Consultori di Brindisi e provincia. Nel 2012 il Centro Risorse ha vinto una Menzione Speciale per il Premio Amico della Famiglia indetto dalla presidenza del Consiglio dei Ministri con erogazione di una somma di euro che sono stati impiegati per implementare il servizio. Dal 2014 l Istituto Gestalt di Puglia ha ottenuto l accreditamento del proprio corso di Mediazione Familiare da parte dell AIMeF (Associazione Italiana Mediatori Familiari).

3 2. Definizione di Mediazione Familiare La Mediazione Familiare si propone come un approccio alternativo alla gestione dei conflitti coniugali in vista di una separazione o di un divorzio (Buzzi, Haynes, 1996) in cui una terza persona imparziale, qualificata e con una formazione specifica, chiamata mediatore, agisce per facilitare la risoluzione della disputa tra i due coniugi. Nell intervento di Mediazione familiare viene posta attenzione alla riorganizzazione delle relazioni familiari a causa o in previsione della separazione coniugale o del divorzio. Gli aspetti che sono oggetto del percorso di mediazione familiare riguardano la gestione dei compiti educativi. il mantenimento, la divisione dei beni e proprietà comuni. 3. Il profilo professionale del Mediatore familiare Il mediatore è un operatore opportunamente qualificato che garantisce alla coppia neutralità e li accompagna nel percorso di separazione. Il mediatore familiare è una persona qualificata che possiede esperienza, informazioni, tecniche operative e abilità professionali. Il mediatore non assume alcuna autorità decisionale rispetto al contenuto degli accordi, lasciando che siano le parti stesse a negoziare e prendere decisioni condivise in base ai propri bisogni e possibilità. Nel suo intervento Il mediatore Familiare deve essere in grado di: Effettuare una lettura sistemica ed articolata del contesto in cui si è manifestato il conflitto. Individuare ed attivare le risorse esistenti in modo da potenziare le capacità autori-flessive e creative del sistema e dei suoi singoli membri. Favorire la riorganizzazione strutturale del sistema, ricercando le strategie più idonee per gestire il conflitto e valorizzarne gli aspetti evolutivi. Favorire il raggiungimento degli accordi tra le parti in conflitto. 4. Obiettivi del Corso L'obiettivo principale del Corso è quello di formare, secondo i criteri stabiliti dal Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione Familiare e dell A.I.Me.F. Associazione Italiana Mediatori Familiari, operatori che siano in grado di utilizzare le modalità di mediazione familiare in diversi contesti e in diversi ambiti, sia pubblici che privati.

4 5. A chi si rivolge Il Corso è prevalentemente rivolto a: Psicologi, Avvocati o Laureati in Discipline Giuridiche, Sociologi, Assistenti Sociali e Operatori Sociali, Educatori, Pedagogisti, Laureati in Discipline Umanistiche 6. Metodologia La metodologia ha come modello teorico il Modello Fenomenologico Esistenziale che integra le concezioni teoriche e operative sulla Relazione d'aiuto e sulla Comunicazione di Fenomenologia, Esistenzialismo, Terapia della Gestalt, Psicologia Sistemica, Teorie della Comunicazione umana della Scuola di Palo Alto, ai contributi in Mediazione Familiare dei Modelli Morineau, GEA/Scaparro, Lucardi, Buzzi/Haynes. Il corso, di tipo esperenziale, è condotto con tecniche interattive ad implicazione diretta dei partecipanti e trasferimento di contenuti teorici come il role playing, osservazione di filmati, simulate ed esplorazione della storia familiare dell allievo in formazione, attraverso l uso del genogramma e di altre tecniche narrative, verbali e non verbali. In tal modo, il corsista può incrementare le proprie competenze attraverso la continua sollecitazione delle aree del sapere (contenuti teorici), saper fare (modalità agite in gruppo d aula) e saper essere (consapevolezza e sperimentazione su se stessi). 7. Contenuti AREA 1 - AREA DELLA MEDIAZIONE FAMILARE ore 120 MODULO 1.1 LA MEDIAZIONE FAMILIARE ore 8 (8 ore di teoria) - Introduzione e storia della Mediazione Familiare. - La mediazione familiare: fonti internazionali e nazionali. Applicazione pratica - Normativa vigente sulla mediazione familiare - Modelli di Mediazione Familiare -Il Modello Fenomenologico Esistenziale - Ambiti applicativi della mediazione (sociale, culturale, linguistico, ambientale, lavorativo e penitenziaro).

5 MODULO 1.2. Il CONFLITTO E LA SUA GESTIONE ORE 32 (20 di teoria e 12 di role play e simulazioni) -Il conflitto e le sue possibili evoluzioni. Strategie di gestione del conflitto. -Risoluzione dei conflitti e teoria della mediazione. - Gli effetti psicologici del conflitto sulle parti coinvolte (Pas, conflitti di lealtà, triangolazione, evitamento) - Il concetto della bi-genitorialità L.54/2006: compiti da affrontare e prove da superare (responsabilita' e dialogo cooperativo, la rottura della coppia senza perdente) - I figli nel conflitto. Il ruolo dei figli nelle dinamiche conflittuali dei genitori. - Il conflitto evolutivo: passaggio dalle posizioni agli interessi e l'autonomia decisionale MODULO 1.3 LA FIGURA DEL MEDIATORE FAMILIARE ore 16 (10 ore di teoria, 6 ore di simulazioni) - Caratteristiche del mediatore (capacità specifiche, neutralità, imparzialita') - Codice deontologico e formazione del mediatore - Differenza da altre figure professionali ( psicologo, avvocato, consulente tecnico di ufficio, giudice, assistente sociale, notaio e altri) e definizione delle rispettive competenze -Abilità e competenze nella conduzione della negoziazione - il mediatore nel processo civile e penale - Simulazioni di casi concreti -L implicazione emotiva del mediatore MEDIAZIONE FAMILIARE ore 64 (15 ore di teoria, 49 ore di role play e simulazioni) - Le regole e la metodologia del percorso mediativo (il setting) -La relazione Mediatore-coppia: empatia ed equidistanza - Gli strumenti del processo mediativo (ascolto e tecniche) - Casi pratici e simulate (role playing) Le Fasi della Mediazione Familiare e i compiti del mediatore: -Prima fase: -Seconda Fase: il primo contatto, invio in mediazione e pre mediazione, colloquio individuale con le parti: analisi della domanda, verifica della mediabilità, ascolto degli obiettivi e aspettative delle parti

6 Primo incontro di contratto con la coppia e inizio della negoziazione Incontro Iniziale (contratto) con la coppia per esplicitare regole del contesto e del setting: neutralità e riservatezza del mediatore, il mediatore esplicita alle parti l indipendenza e la definizione della mediazione rispetto ai contesti terzi (avvocati, Tribunale, Servizi Sociali, ecc.), individuazione del problema, gli obiettivi e aspettative delle parti e la loro volontarietà nel raggiungere accordi. L importanza di concentrarsi su presente e futuro. Inizio della negoziazione -Terza fase: - Quarta fase: Conflitto e negoziazione; sviluppo delle opzioni e processo decisionale Negoziazione su: mantenimento e aspetti economici divisione dei beni e proprietà comuni gestione dei compiti educativi apprendere l utilizzo delle tecniche di comunicazione e negoziazione :ascolto attivo, empatia, riformulazione, creazione di opzioni e scelte condivise, domande (aperte, informative, circolari, mirate, reality testing, su bisogni e interessi), reframing, lettura del Non verbale, normalizzazione, vantaggi/svantaggi, riassumere, sintetizzare. Gli accordi e la revisione legale Stesura dell accordo: o Paragrafo iniziale e informazioni anagrafiche o Gli accordi relativi ai figli (collocamento, affidamento, suddivisione spese, assegni di mantenimento) o Assegno di mantenimento al coniuge o Beni e proprietà o Debiti, tasse o Spese per la separazione legale e il divorzio AREA 2 : AREA DELLE MATERIE COMPLEMENTARI ORE 84 MODULO 2.1. PSICOLOGIA DELLA FAMIGLIA 20 -La coppia: Ciclo vitale della coppia e della famiglia.

7 -Formazione, sviluppo e crisi del rapporto di coppia. - Lo sviluppo psicoaffettivo del bambino e dell adolescente -Gli effetti della separazione sui figli (l impatto della separazione, vari sintomi a seconda dell età e delle fasi dello sviluppo, le ripercussioni sui differenti componenti della famiglia) -Le ricomposizioni familiari: la relazione educativa nelle famiglie ricostituite ed allargate. -L utilizzo del Genogramma per una lettura delle dinamiche e dei Miti familiari MODULO 2.2. SOCIOLOGIA DELLA FAMIGLIA 8 - Analisi sociologica della famiglia - L'evoluzione della coppia : aspetti culturali ed etici - Le nuove sfide culturali MODULO 2.3. LEGISLAZIONE DELLA FAMIGLIA 16 - Disciplina di settore. Fonti nazionali ed internazionali. Legislazione vigente in materia. Pratica applicazione. -La Separazione Aspetti legali ed economici della separazione -Il diritto familiare: la sua evoluzione e la situazione attuale -Nullità, annullabilità e scioglimento del vincolo matrimoniale: differenze sostanziali e procedurali; - Legge sull affido condiviso -Il regime patrimoniale nel rapporto coniugale e implicazioni nella fase di scioglimento del vincolo matrimoniale; -I figli: diritti e doveri dei coniugi; -Separazione consensuale e separazione giudiziale: caratteri sostanziali ed implicazioni procedurali - Il Divorzio Aspetti legali e finanziari del divorzio. - Il ruolo dell'avvocato nella risoluzione del conflitto familiare - La "nuova" normativa sulla equiparazione dello status di figlio a seguito dell'entrata in vigore della L. 219/2012 e del regolamento attuativo MODULO 2.4. LE TECNICHE DI COMUNICAZIONE 40 - Il processo comunicativo e le funzione della comunicazione - La Scuola di Palo Alto - Tipi di comunicazione (verbale, non verbale, assertiva...) e gli stili comunicativi - La comunicazione efficace e gli ostacoli alla comunicazione - L'ascolto empatico - Il colloquio facilitante - La conoscenza dell Enneagramma per una comunicazione efficace - Casi pratici e simulate (role playng) -Le tecniche: ascolto attivo, empatia, riformulazione, creazione di opzioni e scelte condivise, domande (aperte, informative, circolari, mirate, reality testing, su bisogni e interessi), reframing, lettura del Non verbale, normalizzazione, vantaggi/svantaggi, riassumere, sintetizzare

8 8. Tirocinio/Stage 60 ore Il corsista effettuerà un periodo di tirocinio/stage di circa 60 ore presso strutture convenzionate con l Istituto Gestalt di Puglia quali: studi legali, consultori, Centro di Mediazione dello stesso Istituto Gestalt di Puglia, cooperative sociali, comunità. L Istituto è convenzionato attualmente con i seguenti Enti: Centro Risorse famiglie della Provincia di Lecce Ambito di Fasano - Ostuni Centro Famiglie del Comune di Brindisi Centro Risorse Famiglie della Provincia di Brindisi Ambito di Galatina (Lecce) Soc. Coop. Soc. Itaca di Conversano (Ba) Istituto Gestalt d Puglia (sedi di Arnesano, Latiano, Bari) Comune di San Cesario (Le) 9.Docenti Dott. psicopedagogista, Mediatore Familiare, Counsellor Dott. Alexander Lommatzsch psicologo, psicoterapeuta Dott. Caterina Terzi psicologa, psicoterapeuta Dott. Alessandro Nocco avvocato, Esperto di Politiche Sociali Dott.ssa Teodora Tiziana Rizzo pedagogista, Mediatrice Familiare Dott. Antonio Anzilotti avvocato, Mediatore Familiare Dott.ssa Cinzia Catacchio avvocato, Mediatrice Familiare Dott.ssa Saveria Manco avvocato, Mediatrice Familiare

9 10.Programma Data Contenuti Docente 29 novembre MODULO 1.1 LA MEDIAZIONE FAMILIARE 2014 Introduzione e storia della Mediazione Familiare. La mediazione familiare: fonti internazionali e nazionali. Applicazione pratica Normativa vigente sulla mediazione familiare Modelli di Mediazione Familiare Il Modello Fenomenologico Esistenziale Ambiti applicativi della mediazione (sociale, culturale, linguistico, ambientale, lavorativo e penitenziaro). 20 Dicembre 2014 MODULO 2.3. LEGISLAZIONE DELLA FAMIGLIA Disciplina di settore. Fonti nazionali ed internazionali. Legislazione vigente in materia. Pratica applicazione. La Separazione Aspetti legali ed economici della separazione-il diritto familiare: la sua evoluzione e la situazione attuale Nullità, annullabilità e scioglimento del vincolo matrimoniale: differenze sostanziali e procedurali; Legge sull affido condiviso Cinzia Catacchio (dalle 9 alle 13) Saveria Manco (dalle 14 ) 17 Gennaio Febbraio 2015 MODULO 1.2. Il CONFLITTO E LA SUA GESTIONE (parte 1) Il conflitto e le sue possibili evoluzioni. Strategie di gestione del conflitto. Risoluzione dei conflitti e teoria della mediazione. MODULO 2.3. LEGISLAZIONE DELLA FAMIGLIA Il regime patrimoniale nel rapporto coniugale e implicazioni nella fase di scioglimento del vincolo matrimoniale; I figli: diritti e doveri dei coniugi; Separazione consensuale e separazione giudiziale: caratteri sostanziali ed implicazioni procedurali Il Divorzio Aspetti legali e finanziari del divorzio. Alessandro Nocco

10 14 Marzo Aprile Maggio 2015 Il ruolo dell'avvocato nella risoluzione del conflitto familiare La "nuova" normativa sulla equiparazione dello status di figlio a seguito dell'entrata in vigore della L. 219/2012 e del regolamento attuativo MODULO 1.2. Il CONFLITTO E LA SUA GESTIONE (parte 2) Gli effetti psicologici del conflitto sulle parti coinvolte (Pas, conflitti di lealtà, triangolazione, evitamento) MODULO 1.2. Il CONFLITTO E LA SUA GESTIONE (parte 3) Il concetto della bi-genitorialità L.54/2006: compiti da affrontare e prove da superare (responsabilita' e dialogo cooperativo, la rottura della coppia senza perdente) MODULO 1.2. Il CONFLITTO E LA SUA GESTIONE (parte 4) I figli nel conflitto. Il ruolo dei figli nelle dinamiche conflittuali genitorali. 6 Giugno 2015 ore 8 Dalle 9 alle 13 Dalle 14 alle ore 18 1 Luglio 2015 MODULO 1.3 LA FIGURA DEL MEDIATORE FAMILIARE (parte 1) Caratteristiche del mediatore (capacità specifiche, neutralità, imparzialità) Codice deontologico e formazione del mediatore MODULO 2.1. PSICOLOGIA DELLA FAMIGLIA (parte 1) La coppia: Ciclo vitale della coppia e della famiglia. Formazione, sviluppo e crisi del rapporto di coppia. Lo sviluppo psicoaffettivo del bambino e dell adolescente Tiziana Recchia Caterina Terzi

11 L utilizzo del Genogramma per una lettura delle dinamiche e dei Miti familiari 2 luglio 2015 MODULO 2.1. PSICOLOGIA DELLA FAMIGLIA (parte 2) Gli effetti della separazione sui figli (l impatto della separazione, vari sintomi a seconda dell età e delle fasi dello sviluppo, le ripercussioni sui differenti componenti della famiglia) ). Alexander Lommatzsch 3 luglio 2015 Ore 4 alle 13 MODULO 2.1. PSICOLOGIA DELLA FAMIGLIA (parte 3) Le ricomposizioni familiari: la relazione educativa nelle famiglie ricostituite ed allargate. Alexander Lommatzsch 4 luglio 2015 Settembre 2015 ore 8 29,30,31 Ottobre 2015 Ore 24 al MODULO 2.2. SOCIOLOGIA DELLA FAMIGLIA Analisi sociologica della famiglia L'evoluzione della coppia : aspetti culturali ed etici Le nuove sfide culturali LE TECNICHE DI COMUNICAZIONE (parte 1) - Il processo comunicativo e le funzione della comunicazione La Scuola di Palo Alto Tipi di comunicazione (verbale, non verbale, assertiva...) e gli stili comunicativi La comunicazione efficace e gli ostacoli alla comunicazione L'ascolto empatico Il colloquio facilitante LE TECNICHE DI COMUNICAZIONE (parte 2) La conoscenza dell Enneagramma per una comunicazione efficace Reframing, lettura del Non verbale Caterina Terzi Alexander Lommatzsch Caterina Terzi

12 giorno 14 Novembre Dicembre ore LE TECNICHE DI COMUNICAZIONE (parte 3) Le tecniche: ascolto attivo, empatia, riformulazione, creazione di opzioni e scelte condivise, LA FIGURA DEL MEDIATORE FAMILIARE (parte 2) Differenza da altre figure professionali ( psicologo, avvocato, consulente tecnico di ufficio, giudice, assistente sociale, notaio e altri) e definizione delle rispettive competenze Abilità e competenze nella conduzione della negoziazione Tiziana Rizzo 16 Gennaio ore alle 11 Dalle Febbraio ore MEDIAZIONE FAMILIARE parte 1 Le regole e la metodologia del percorso mediativo (il setting) MEDIAZIONE FAMILIARE parte 2 La relazione Mediatore-coppia: empatia ed equidistanza. Gli strumenti del processo mediativo (ascolto e tecniche) Casi pratici e simulate (role playing) 19 Marzo 2016 MEDIAZIONE FAMILIARE parte 3 Le Fasi della Mediazione Familiare e i compiti del mediatore:

13 a. Prima fase del percorso di Mediazione: il primo contatto, invio in mediazione e pre mediazione, colloquio individuale con i genitori: analisi della domanda, verifica della mediabilità, ascolto degli obiettivi e aspettative delle parti 16 Aprile Maggio 2016 MEDIAZIONE FAMILIARE parte 4 b. Seconda Fase del Percorso di Mediazione: Primo incontro di contratto con la coppia e inizio della negoziazione Incontro Iniziale (contratto) con la coppia per esplicitare regole del contesto e del setting: neutralità e riservatezza del mediatore, l indipendenza e la definizione della mediazione rispetto ai contesti terzi (avvocati, Tribunale, Servizi Sociali, ecc.), individuazione del problema, gli obiettivi e aspettative delle parti e la loro volontarietà nel raggiungere accordi. L importanza di concentrarsi su presente e futuro. Inizio della negoziazione MEDIAZIONE FAMILIARE parte 5 c. Terza fase del Percorso di Mediazione (parte 1) Utilizzo delle tecniche di comunicazione e negoziazione: ascolto attivo, empatia, riformulazione, creazione di opzioni e scelte condivise, domande (aperte, informative, circolari, mirate, reality testing, su bisogni e interessi), reframing, lettura del Non verbale, normalizzazione, vantaggi/svantaggi, riassumere, sintetizzare. Negoziazioni su compiti educativi

14 4 Giugno Settembre Ottobre 2016 MEDIAZIONE FAMILIARE parte 6 Terza fase del Percorso di Mediazione (parte 2) Conflitto e negoziazione; sviluppo delle opzioni e processo decisionale Negoziazione su: gestione dei compiti educativi MEDIAZIONE FAMILIARE parte 7 Terza fase del Percorso di Mediazione (parte 3) Negoziazione su: mantenimento e aspetti economici divisione dei beni e proprietà comuni MEDIAZIONE FAMILIARE parte 8 d. Quarta fase del Percorso di Mediazione (parte 4): Gli accordi e la revisione legale Stesura dell accordo: Paragrafo iniziale e informazioni anagrafiche Gli accordi relativi ai figli (collocamento, affidamento, suddivisione spese, assegni di mantenimento) Assegno di mantenimento al coniuge Beni e proprietà Debiti, tasse Spese per la separazione legale e il divorzio Antonio Anzillotti Esami 19 Novembre 2016 Commissione: Cinzia Catacchio Saveria Manco Osservatore AIMeF

Progetto. Corso di Formazione in Mediazione Familiare

Progetto. Corso di Formazione in Mediazione Familiare Progetto Corso di Formazione in Mediazione Familiare 1. Premessa La pratica della mediazione familiare si è affermata negli Stati Uniti ma anche in molti altri paesi quali Canada, Gran Bretagna e, successivamente,

Dettagli

CONCILIA QUI S.R.L. Presentazione

CONCILIA QUI S.R.L. Presentazione CONCILIA QUI S.R.L. Presentazione Il MEDIATORE FAMILIARE è un esperto nella gestione dei conflitti, terzo neutrale rispetto alle parti, che opera nella garanzia del segreto professionale Il ruolo del mediatore

Dettagli

Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà

Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà familiari La convivenza more uxorio o famiglia di fatto I rapporti

Dettagli

4 COMUNICAZIONE E PSICOLOGIA

4 COMUNICAZIONE E PSICOLOGIA IL PROGRAMMA 1 MEDIAZIONE FAMILIARE - Risoluzione alternativa dei conflitti (ADR): mediazione, conciliazione, negoziazione e arbitrato. - Definizione, caratteristiche ed ambiti di intervento della mediazione

Dettagli

PIANO DIDATTICO C O R S O D I S P E C I A L I Z Z A Z I O N E I N M E D I A Z I O N E F A M I L I A R E F O R E N S E

PIANO DIDATTICO C O R S O D I S P E C I A L I Z Z A Z I O N E I N M E D I A Z I O N E F A M I L I A R E F O R E N S E SEDE CREDITI La partecipazione al Corso di Specializzazione dà diritto a n.15 crediti formativi per la prima annualità e n. 15 crediti formativi per la seconda annualità. CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE Il

Dettagli

Associazione professionale che rilascia attestato di qualità (Legge 14 gennaio 2013, n. 4) CORSO "ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE" Milano

Associazione professionale che rilascia attestato di qualità (Legge 14 gennaio 2013, n. 4) CORSO ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE Milano L' AIRAC è iscritta presso il Associazione professionale che rilascia attestato di qualità (Legge 14 gennaio 2013, n. 4) CORSO "ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE" Milano Piazza Castello, 24 Anno Formativo 2015-2016

Dettagli

MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE E SOCIALE - CALENDARIO -

MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE E SOCIALE - CALENDARIO - MASTER IN E SOCIALE - CALENDARIO - - Risoluzione alternativa dei conflitti (ADR): mediazione, conciliazione, negoziazione e arbitrato. - Definizione, caratteristiche ed ambiti di intervento della mediazione

Dettagli

MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE. La mediazione familiare è un percorso mirato alla riorganizzazione della

MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE. La mediazione familiare è un percorso mirato alla riorganizzazione della MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE COS E LA MEDIAZIONE FAMILIARE La mediazione familiare è un percorso mirato alla riorganizzazione della vita familiare, in vista o in seguito alla separazione o al divorzio.

Dettagli

un percorso volontario, per la gestione dei conflitti parentali e la riorganizzazione delle relazioni familiari. terzo imparziale,

un percorso volontario, per la gestione dei conflitti parentali e la riorganizzazione delle relazioni familiari. terzo imparziale, Si intende per Mediazione Familiare, nei casi di cessazione di un rapporto di coppia a qualsiasi titolo costituito, prima, durante o dopo l evento separativo, un percorso volontario, sollecitato dalle

Dettagli

Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre

Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre Master in Psicologia Giuridica Programma: 130 ore ( 9,00-17,00) Modulo1: 25 ottobre 26 ottobre Introduzione Generale alla Psicologia Giuridica Lo psicologo giuridico in ambito civile Lo psicologo giuridico

Dettagli

DIVENTA MEDIATORE FAMILIARE ESPERTO Corso di 240 ore / Milano e Pavia (primo semestre 2014) Docente: dott. Salvatore Primiceri

DIVENTA MEDIATORE FAMILIARE ESPERTO Corso di 240 ore / Milano e Pavia (primo semestre 2014) Docente: dott. Salvatore Primiceri DIVENTA MEDIATORE FAMILIARE ESPERTO Corso di 240 ore / Milano e Pavia (primo semestre 2014) Docente: dott. Salvatore Primiceri IL CORSO A partire da gennaio 2014 il dott. Salvatore Primiceri, mediatore

Dettagli

Corso breve in Mediazione familiare V a edizione - Latina

Corso breve in Mediazione familiare V a edizione - Latina Corso breve in Mediazione familiare V a edizione - Latina Il consulente in Mediazione familiare è una figura professionale in grado di sostenere le coppie durante il processo di separazione e divorzio.

Dettagli

Corso in Mediazione Familiare a Tivoli. Programma

Corso in Mediazione Familiare a Tivoli. Programma presentano Corso in Mediazione Familiare a Tivoli Programma La mediazione familiare è un percorso per la riorganizzazione delle relazioni familiari in vista o in seguito alla separazione o al divorzio.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE BIENNALE 2015/2016. MEDIAZIONE FAMILIARE, RELAZIONALE E CULTURALE: un approccio comunicazionale. Direzione

CORSO DI FORMAZIONE BIENNALE 2015/2016. MEDIAZIONE FAMILIARE, RELAZIONALE E CULTURALE: un approccio comunicazionale. Direzione CORSO DI FORMAZIONE BIENNALE 2015/2016 MEDIAZIONE FAMILIARE, RELAZIONALE E CULTURALE: un approccio comunicazionale Direzione Prof. Leonardo Benvenuti Corso accreditato dall AIMEF - Associazione Italiana

Dettagli

ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE Il Corso risponde agli standard del Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione familiare

ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE Il Corso risponde agli standard del Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione familiare ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE Il Corso risponde agli standard del Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione familiare ACCREDITATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LECCE

Dettagli

Caratteristiche del percorso formativo

Caratteristiche del percorso formativo Caratteristiche del percorso formativo La Negoziazione per la gestione dei conflitti e delle divergenze e la mediazione in ambito familiare Descrizione sintetica del programma formativo La Mediazione Familiare,

Dettagli

Corso di Formazione alla Mediazione Familiare e Comunitaria

Corso di Formazione alla Mediazione Familiare e Comunitaria Centro di cultura Univ. Cattolica S. Cuore Lecce Lecce Corso di Formazione alla Mediazione Familiare e Comunitaria Accreditato dall AIMeF Sede Il corso si svolgerà presso la sede di VIA DELLE BENEDETTINE

Dettagli

Corso I livello Consulente in Mediazione Familiare

Corso I livello Consulente in Mediazione Familiare Corso I livello Consulente in Mediazione Familiare Sesta edizione - Latina Il consulente in Mediazione familiare è una figura professionale in grado di sostenere le coppie durante il processo di separazione

Dettagli

MEDIATORE FAMILIARE FAD

MEDIATORE FAMILIARE FAD MEDIATORE FAMILIARE FAD 1 INTRODUZIONE Il mediatore familiare è un esperto nella gestione dei conflitti all interno della famiglia, rispetto alla quale è un osservatore esterno, imparziale e che non dà

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE BIENNALE 2016/2017. MEDIAZIONE FAMILIARE, RELAZIONALE E CULTURALE: un approccio comunicazionale. Direzione

CORSO DI FORMAZIONE BIENNALE 2016/2017. MEDIAZIONE FAMILIARE, RELAZIONALE E CULTURALE: un approccio comunicazionale. Direzione CORSO DI FORMAZIONE BIENNALE 2016/2017 MEDIAZIONE FAMILIARE, RELAZIONALE E CULTURALE: un approccio comunicazionale Direzione Prof. Leonardo Benvenuti Corso accreditato dall AIMEF - Associazione Italiana

Dettagli

CORSO DI MEDIAZIONE FAMILIARE

CORSO DI MEDIAZIONE FAMILIARE Esma Cif Onlus Con il Patrocinio di Ordine Assistenti Sociali della Campania Ente Morale Scuole Materne - Centro Italiano femminile ONLUS Ente di Formazione Professionale accreditato dalla Regione Campania

Dettagli

CORSO "ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE"

CORSO ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE Ente di formazione iscritto al n.ro 90 dell elenco tenuto presso il Ministero della Giustizia CORSO "ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE" Con Decreto datato 6 Luglio 2010 del Direttore Generale della Giustizia

Dettagli

Progetto. Corso di Formazione in Mediazione Familiare

Progetto. Corso di Formazione in Mediazione Familiare 1 Progetto Corso di Formazione in Mediazione Familiare 1. Premessa La pratica della mediazione familiare si è affermata negli Stati Uniti ma anche in molti altri paesi quali Canada, Gran Bretagna e, successivamente,

Dettagli

IL MEDIATORE CIVILE E COMMERCIALE (D.lgs. 04/03/2010, n. 28 e D.M. 18/10/2010, n. 180)

IL MEDIATORE CIVILE E COMMERCIALE (D.lgs. 04/03/2010, n. 28 e D.M. 18/10/2010, n. 180) IL MEDIATORE CIVILE E COMMERCIALE (D.lgs. 04/03/2010, n. 28 e D.M. 18/10/2010, n. 180) il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) e il successivo decreto ministeriale

Dettagli

II Corso in Mediazione Familiare a Tivoli

II Corso in Mediazione Familiare a Tivoli II Corso in Mediazione Familiare a Tivoli Il consulente in mediazione familiare è una figura professionale in grado di supportare e sostenere le coppie durante il processo di separazione e divorzio. Agisce

Dettagli

MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE E NEGOZIAZIONE "Sarò artefice del mio futuro"

MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE E NEGOZIAZIONE Sarò artefice del mio futuro SEZIONE DI PALERMO MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE E NEGOZIAZIONE "Sarò artefice del mio futuro" Palermo - Febbraio 2015 Premesse Se alzi un muro guarda cosa lasci dietro...(italo Calvino) La società civile

Dettagli

Presentazione La mediazione rappresenta una risorsa particolarmente efficace per gestire le transizioni critiche dei gruppi familiari e sociali. Essa si qualifica come interventostrutturato in cui un terzo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 349 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DE POLI Istituzione del Garante nazionale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Presentata

Dettagli

Progetto Corso di Formazione in Mediazione Familiare sede di Bari

Progetto Corso di Formazione in Mediazione Familiare sede di Bari Progetto Corso di Formazione in Mediazione Familiare sede di Bari 1. Premessa La pratica della mediazione familiare si è affermata negli Stati Uniti ma anche in molti altri paesi quali Canada, Gran Bretagna

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presentazione Il gruppo di formazione di Associazione Mosaico nasce per fornire la formazione agli obiettori di coscienza

Dettagli

Richiesta accreditamento

Richiesta accreditamento Richiesta accreditamento Denominazione della struttura Mediana s.n.c. Viale Roma 28-28100 Novara (NO). C.F. e P.IVA 02049680032. Email: info@consorziomediana.it, tel. 388-7308520, sito web: www.consorziomediana.it

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE MONZA VIA MANTEGAZZA N. 2 20090 MONZA (MB) MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE

FONDAZIONE FORENSE MONZA VIA MANTEGAZZA N. 2 20090 MONZA (MB) MASTER IN MEDIAZIONE FAMILIARE FONDAZIONE FORENSE MONZA VIA MANTEGAZZA N. 2 20090 MONZA (MB) 1 Orario lezioni: 09,00-13,00 / 14,00-18,00. MASTER IN PIANO DIDATTICO AREA ARGOMENTO NR. MODULO ORE DI FORMAZIONE DOCENTE CONTRATTO FORMATIVO

Dettagli

Master professionalizzante in Psicologia Forense

Master professionalizzante in Psicologia Forense Master professionalizzante in Psicologia Forense ad orientamento fenomenologico relazionale Tecniche e strumenti per la consulenza in ambito civile e penale Catania, 2016 2017 PROGRAMMA e CALENDARIO PROVVISORIO

Dettagli

SITUAZIONI DI AFFIDO ED ADOZIONE

SITUAZIONI DI AFFIDO ED ADOZIONE Master SITUAZIONI DI AFFIDO ED ADOZIONE RICONOSCIUTO dall' ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI FAMILIARI (Reg. Ag. Entrate Roma C.F. 97613470588 - iscritta CoLAP "Coordinamento Libere Associazioni Professionali")

Dettagli

V Corso di formazione alla Mediazione familiare e Gestione dei Conflitti 2013-2014. V Corso di Formazione. Staff di Direzione del corso:

V Corso di formazione alla Mediazione familiare e Gestione dei Conflitti 2013-2014. V Corso di Formazione. Staff di Direzione del corso: Consorzio Mediana ACCREDITATO DA: Forum Europeo Mediatori familiari Associazione Italiana Mediatori Familiari In fase di accreditamento Ordine Assistenti sociali Piemonte Ordine Avvocati Novara V Corso

Dettagli

MASTER DI SECONDO LIVELLO NELLA CURA E NELLA TUTELA DEL MINORE

MASTER DI SECONDO LIVELLO NELLA CURA E NELLA TUTELA DEL MINORE MASTERDISECONDOLIVELLONELLA CURAENELLATUTELADELMINORE Conilpatrociniodi: La crescente richiesta istituzionale di professionisti competenti nel campo della tutela minorile e la mancanza di un offerta formativa

Dettagli

Master in Mediazione familiare II a edizione - Latina

Master in Mediazione familiare II a edizione - Latina Master in Mediazione familiare II a edizione - Latina Il consulente in Mediazione familiare è una figura professionale in grado di supportare e sostenere le coppie durante il processo di separazione e

Dettagli

Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale

Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale P.IVA 02554170122 C.F. 91029450128 - Sede legale: Corso Italia, 62

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

Corso di Alta Formazione per Mediatore Civile e Commerciale - ex DM 180/2010

Corso di Alta Formazione per Mediatore Civile e Commerciale - ex DM 180/2010 Potenza, 13 gennaio 2011 Corso di Alta Formazione per Mediatore Civile e Commerciale - ex DM 180/2010 A CHI È RIVOLTO Il corso è rivolto a liberi professionisti, avvocati, dottori commercialisti, notai

Dettagli

PRESENTAZIONE CORSI A.A. 2014/2015 12 SETTEMBRE 2014 Sala Guidolin - Biblioteca comunale di Castelfranco Veneto

PRESENTAZIONE CORSI A.A. 2014/2015 12 SETTEMBRE 2014 Sala Guidolin - Biblioteca comunale di Castelfranco Veneto PRESENTAZIONE CORSI A.A. 2014/2015 12 SETTEMBRE 2014 Sala Guidolin - Biblioteca comunale di Castelfranco Veneto Corso triennale in Counseling Relazionale Corso Rieducazione alla scrittura nei bambini Corso

Dettagli

CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO

CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO I corsi riconosciuti dalla regione Lazio sono: Corso di addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER MEDIATORI

CORSO DI FORMAZIONE PER MEDIATORI Accreditato dall Ordine degli Avvocati di Venezia CORSO DI FORMAZIONE PER MEDIATORI 14, 18, 22, 29 maggio 5 e 12 giugno 2012 Sede: Camera di Commercio Venezia Zattere, Dorsoduro 1401 Destinatari Il Corso

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1380 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori DE POLI, BUTTIGLIONE, CICCANTI e TREMATERRA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MARZO 2007 Istituzione del Garante nazionale

Dettagli

CON IL PATROCINIO 12 CREDITI FORMATIVI

CON IL PATROCINIO 12 CREDITI FORMATIVI CON IL PATROCINIO 12 CREDITI FORMATIVI Il Corso di formazione Diritto di Relazione - l Avvocato Tecnico della Gestione del Conflitto, è organizzato da Oficina - Making Reality in collaborazione con l Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

A.N.G.C. Associazione Nazionale Geometri Conciliatori LA FORMAZIONE DEI CONCILIATORI

A.N.G.C. Associazione Nazionale Geometri Conciliatori LA FORMAZIONE DEI CONCILIATORI LA FORMAZIONE DEI CONCILIATORI Il corso si pone l obiettivo di fornire ad ogni partecipante una preparazione completa sulla procedura di conciliazione. In particolare saranno trattati gli argomenti riguardanti

Dettagli

Dipartimento di Cure Primarie. (terza edizione)*

Dipartimento di Cure Primarie. (terza edizione)* PROGETTO FORMATIVO IL FARO NELLA SCUOLA (terza edizione)* Il Centro Specialistico Provinciale contro i Maltrattamenti all Infanzia e Adolescenza ha avviato, negli anni scorsi, due edizioni de Il Faro nella

Dettagli

SERVIZI DELLO STUDIO FARO

SERVIZI DELLO STUDIO FARO Accoglienza e ascolto della persona, delle famiglie e dei minori. Consulenza per arginare, gestire, migliorare e risolvere situazioni di crisi nelle relazioni tra coniugi, nelle relazioni genitori - figli.

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

SCUOLA ITALIANA DI COUNSELLING CORSO BREVE SEMESTRALE DI

SCUOLA ITALIANA DI COUNSELLING CORSO BREVE SEMESTRALE DI SCUOLA ITALIANA DI COUNSELLING SEDE DI CESENA E RAVENNA CORSO BREVE SEMESTRALE DI COUNSELING & COACHING Ai sensi della Legge 14 gennaio 2013, n. 4 "Disposizioni in materia di professioni non organizzate"

Dettagli

SITUAZIONI DI AFFIDO ED ADOZIONE

SITUAZIONI DI AFFIDO ED ADOZIONE CORSO INTENSIVO DI FORMAZIONE SITUAZIONI DI AFFIDO ED ADOZIONE ACCREDITATO PRESSO IL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA (Riconosciuti 24 Crediti Formativi) ACCREDITATO PRESSO IL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

COUNSELING PROFESSIONALE SISTEMICO Riconosciuto dalla S.I.Co. (Società Italiana di Counseling)

COUNSELING PROFESSIONALE SISTEMICO Riconosciuto dalla S.I.Co. (Società Italiana di Counseling) S.I.P.P. Agenzia formativa accreditata dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e dalla Regione Toscana Certificazione di qualità ISO 9001:2008 n. 18159 Provider ECM Centro Method

Dettagli

di consulenza legale in diritto di famiglia e mediazione familiare

di consulenza legale in diritto di famiglia e mediazione familiare Servizio di consulenza legale in diritto di famiglia e mediazione familiare Associazione italiana per l educazione demografica Sezione di Roma Scopo del servizio è offrire consulenza legale su tutte le

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Educazione socio-emotiva

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Educazione socio-emotiva Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Educazione socio-emotiva Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Premessa Il Dipartimento formazione e apprendimento

Dettagli

ROMA, FEBBRAIO-MARZO 2015

ROMA, FEBBRAIO-MARZO 2015 Scuola di Psicoterapia Cognitiva s.r.l Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale Direttore: Dr. Francesco Mancini CORSO DI PSICOLOGIA GIURIDICA: LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

Dettagli

PROGRAMMA. 22 novembre 2013 0re 12.30-20: Avv. FEDERICA PANICCIA Avv. YLLI PACE

PROGRAMMA. 22 novembre 2013 0re 12.30-20: Avv. FEDERICA PANICCIA Avv. YLLI PACE IMMEDIATA ADR Ente accreditato dal Ministero della Giustizia con provvedimento del 27 gennaio 2010 del Direttore Generale Dipartimento Affari Giustizia Civile, a tenere i corsi di formazione dei conciliatori

Dettagli

Master sulla Perizia Psicologica. Crediti ECM - Tirocinio con Consulenti del Tribunale

Master sulla Perizia Psicologica. Crediti ECM - Tirocinio con Consulenti del Tribunale Master sulla Perizia Psicologica TECNICHE E STRUMENTI PER LA CONSULENZA IN AMBITO CIVILE E PENALE Con il patrocinio del Movimento Psicologi Indipendenti Crediti ECM - Tirocinio con Consulenti del Tribunale

Dettagli

CORSO MEDIAZIONE Bologna - Hotel Cosmopolitan, Febbraio/Aprile 2011 Via del Commercio Associato, 9

CORSO MEDIAZIONE Bologna - Hotel Cosmopolitan, Febbraio/Aprile 2011 Via del Commercio Associato, 9 CORSO MEDIAZIONE Bologna - Hotel Cosmopolitan, Febbraio/Aprile 2011 Via del Commercio Associato, 9 CORSO DI FORMAZIONE PER MEDIATORI (AI SENSI DELL ART. 18, COMMA 2, LETTERA F, DEL D.M. 180 OTTOBRE 2010)

Dettagli

Consulente per la mediazione familiare

Consulente per la mediazione familiare Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: 923 Caratteristiche del percorso formativo Consulente per la mediazione familiare Corsi

Dettagli

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Tolmezzo 09 Settembre 2011 TECNICI (NEUROPSICHIATRI, PSICOLOGI, LOGOPEDISTI INSEGNANTI DI OGNI ORDINE E GRADO GENITORI E DISLESSICI ADULTI Sensibilizzare il mondo

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA

PROGETTO PORCOSPINI PREMESSA PROGETTO PORCOSPINI COORDINATE PSICO-PEDAGOGICHE- ORGANIZZATIVE PER L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALL ALFABETIZZAZIONE EMOTIVA COME PREVENZIONE AL DISAGIO E AL MALTRATTAMENTO PREMESSA Il Lions Club, associazione

Dettagli

Corso base per mediatori professionisti Finalità del corso e Note: Crediti formativi riconosciuti dal CNG GL: dice:

Corso base per mediatori professionisti Finalità del corso e Note: Crediti formativi riconosciuti dal CNG GL: dice: CORSO BASE PER MEDIATORI PROFESSIONISTI Corso base per mediatori professionisti Finalità del corso e Note: Il presente percorso formativo si sviluppa in 7 giornate, per un numero di ore complessive pari

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ALLE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE

CORSO DI FORMAZIONE ALLE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E FONDAZIONE FORENSE DI MILANO CORSO DI FORMAZIONE ALLE TECNICHE DI NEGOZIAZIONE ogni conflitto è un contrasto fra diversi modi di vedere la stessa verità non esiste una verità e una menzogna, solo due

Dettagli

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE STRUTTURA GENERALE DEI CORSI DI LAUREA E SISTEMA DEI "CREDITI" In base alla riforma universitaria (D.M. 3.11.99 n. 09) l impegno dello studente (frequenza dei corsi

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO

PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO Istituto Comprensivo Bordighera Via Pelloux, 32-18012 Bordighera IM PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014/2015 PROGETTO PSICOLOGICO 1. TITOLO DEL PROGETTO SPORTELLO DI CONSULENZA PSICOLOGICA PER ALUNNI, DOCENTI,

Dettagli

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido >> Perché l'affido familiare dei minori >> Che cos'é l'affido >> Chi può fare l'affido e come >> Tipologie dell'affido >> Le forme dell'affido >> I soggetti dell'affido >> I soggetti dell'affido Il bambino/ragazzo:

Dettagli

REGOLAMENTO INDICE. Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2. Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2

REGOLAMENTO INDICE. Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2. Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2 IL REGOLAMENTO REGOLAMENTO INDICE Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2 Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2 Art.3 Requisiti formatori.pag.5 Art.4 Requisiti di accesso per gli

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità

P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità Progetto Welfare e qualità sociale del territorio: un percorso continuo di aggiornamento

Dettagli

Master in Mediazione Familiare Latina

Master in Mediazione Familiare Latina Master in Mediazione Familiare Latina Il consulente in mediazione familiare è una figura professionale in grado di supportare e sostenere le coppie durante il processo di separazione e divorzio. Agisce

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII ALLEGATO A Denominazione Servizio Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE Municipio Roma XIII sostegno alle responsabilità genitoriali e di tutela del

Dettagli

L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA. L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario

L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA. L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA L integrazione dell alunno con disabilità: l operatore socio sanitario L OSS NEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA Il Servizio di Integrazione Scolastica

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE PROGRAMMA DIDATTICO / DATA ORE ARGOMENTO NOTE n. 1 3 marzo 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA DIDATTICO LA PROFESSIONE FORENSE E LA SPECIALIZZAZIONE, IN PARTICOLARE NEL DIRITTO DELLE RELAZIONI

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

CONCILIAMOCI S.R.L. ENTE DI FORMAZIONE ACCREDITATO PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONCILIAMOCI S.R.L. ENTE DI FORMAZIONE ACCREDITATO PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Corsi di formazione soto bie alievile MECDoIrA RnEnC PROFESSIONISTA MEDIATORE FAMILIARE CONCILIAMOCI S.R.L. ENTE DI FORMAZIONE ACCREDITATO PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA n. 323 Sede Legale: Via Flaminia

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER MEDIATORI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (art. 18, lett. f) DM n. 180/2010) PROGRAMMA

CORSO DI FORMAZIONE PER MEDIATORI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (art. 18, lett. f) DM n. 180/2010) PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE PER MEDIATORI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (art. 18, lett. f) DM n. 180/2010) PROGRAMMA Docenti: Prof. Oreste Calliano Prof. Francesco Sbordone Prof. Pierfrancesco Bartolomucci Avv.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Scuola Romana di Psicologia del Lavoro e dell Organizzazione

Scuola Romana di Psicologia del Lavoro e dell Organizzazione Scuola Romana di Psicologia del Lavoro e dell Organizzazione www.psicologia-del-lavoro.it CORSO DI SPECIALIZZAZIONE ESPERTO DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Laboratori di: Comportamento Organizzativo -

Dettagli

PROMECO SERT- AUSL FERRARA

PROMECO SERT- AUSL FERRARA PROMECO Promeco è un servizio pubblico gestito congiuntamente da Comune e Azienda Usl di Ferrara in un rapporto di convenzione con la Provincia di Ferrara. Progetta e svolge interventi educativi con tutte

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

L ASSOCIAZIONE MEDIARE PER LA FAMIGLIA CENTRO PER LA FAMIGLIA GESTIRE I CARICHI DI LAVORO, IL TEMPO E LO STRESS NELLA PROFESSIONE

L ASSOCIAZIONE MEDIARE PER LA FAMIGLIA CENTRO PER LA FAMIGLIA GESTIRE I CARICHI DI LAVORO, IL TEMPO E LO STRESS NELLA PROFESSIONE L ASSOCIAZIONE MEDIARE PER LA FAMIGLIA CENTRO PER LA FAMIGLIA ORGANIZZA CORSO DI FORMAZIONE PER AVVOCATI E PRATICANTI DAL TITOLO GESTIRE I CARICHI DI LAVORO, IL TEMPO E LO STRESS NELLA PROFESSIONE OGGETTO

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE. Una professione emergente, importante, utile.

MEDIAZIONE FAMILIARE. Una professione emergente, importante, utile. MEDIAZIONE FAMILIARE corso di formazione Una professione emergente, importante, utile. Per gestire i conflitti e ampliare gli spazi di incontro e comunicazione. Per trasformare gli scontri in confronti.

Dettagli

IL RUOLO DEL COORDINATORE

IL RUOLO DEL COORDINATORE IL RUOLO DEL COORDINATORE NELLE COOPERATIVE SOCIALI Percorso formativo per laureati GENNAIO MAGGIO 2015 VICENZA A CURA DI OBIETTIVI Il settore dell economia sociale, ed in particolare la cooperazione,

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

ISTITUTO DI TERAPIA FAMILIARE DI BOLOGNA Direttore: Tullia Toscani e.mail: info@itfb.it - sito internet: www.itfb.it

ISTITUTO DI TERAPIA FAMILIARE DI BOLOGNA Direttore: Tullia Toscani e.mail: info@itfb.it - sito internet: www.itfb.it CORSO ANNUALE PER PSICOLOGO SCOLASTICO AD ORIENTAMENTO SISTEMICO - RELAZIONALE La psicologia scolastica è un campo in espansione ed il settore scolastico rappresenta uno degli ambito disciplinari che nei

Dettagli

COUNSELOR: ESSERE UN AGEVOLATORE PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE RISORSE DELL INDIVIDUO E DELLA COMUNITA

COUNSELOR: ESSERE UN AGEVOLATORE PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE RISORSE DELL INDIVIDUO E DELLA COMUNITA COUNSELOR: ESSERE UN AGEVOLATORE PER LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLE RISORSE DELL INDIVIDUO E DELLA COMUNITA IL MASTER E RIVOLTO: ASSISTENTI SOCIALI, MEDIATORI FAMILIARI, MEDICI, SOCIOLOGI, PSICOLOGI,

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE 240 ORE. Il Corso risponde agli standard del Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione familiare

ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE 240 ORE. Il Corso risponde agli standard del Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione familiare ESPERTO MEDIATORE FAMILIARE 240 ORE Il Corso risponde agli standard del Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione familiare 645 S.r.l. Ente accreditato dal Ministero della Giustizia con Provvedimento

Dettagli

ad orientamento fenomenologico-relazionale Tecniche e strumenti per la PROGRAMMA e CALENDARIO PROVVISORIO

ad orientamento fenomenologico-relazionale Tecniche e strumenti per la PROGRAMMA e CALENDARIO PROVVISORIO Master professionalizzante in Psicologia Forense ad orientamento fenomenologico-relazionale Tecniche e strumenti per la consulenza in ambito civile e penale Siracusa, 2013-2014 PROGRAMMA e CALENDARIO PROVVISORIO

Dettagli

RESPONSABILE SCIENTIFICO Carmen Primerano Settore Welfare, terzo settore e sostegno disabilità e fragilità

RESPONSABILE SCIENTIFICO Carmen Primerano Settore Welfare, terzo settore e sostegno disabilità e fragilità Cod. 3018 Conduttori di gruppi di sostegno e/o mutuo aiuto rivolti a caregiver di anziani e non solo I gruppi di auto/mutuo aiuto e i gruppi di sostegno rappresentano strumenti di estrema efficacia nell'aiutare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL RECUPERO CREDITI NUOVE EFFICACI MODALITÀ DI COMUNICAZIONE E RELAZIONEPER IL RECUPERO CREDITI TELEFONICO

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL RECUPERO CREDITI NUOVE EFFICACI MODALITÀ DI COMUNICAZIONE E RELAZIONEPER IL RECUPERO CREDITI TELEFONICO CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL RECUPERO CREDITI NUOVE EFFICACI MODALITÀ DI COMUNICAZIONE E RELAZIONEPER IL RECUPERO CREDITI TELEFONICO Bologna Aprile 2009 CONTESTO Il recupero degli insoluti è un nodo

Dettagli