CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE 2008 2009"

Transcript

1 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI FABRIANO PER LE ANNUALITA ECONOMICHE Premesso che: a) in data 9 giugno 2009 è stata sottoscritta la ipotesi di contratto decentrato integrativo del personale non dirigente del Comune di Fabriano, per le annualità economiche b) il collegio dei revisori in data 25/06/2009 ha certificato la compatibilità degli oneri contrattuali con i vincoli di bilancio (art. 48, comma 6, d. lgs. 165 del 2001) e la loro coerenza con i vincoli del CCNL (art. 40, comma 3, d. lgs. 165 del 2001); c) la Giunta Comunale, con deliberazione in data 16/07/2009 n. 181, ha autorizzato il presidente della delegazione trattante di parte pubblica alla sottoscrizione definitiva del CCDI. In data 17 luglio 2009 nella sede del Comune di Fabriano ha avuto luogo l incontro tra: Delegazione di parte pubblica, nella persona del presidente: dott. Ennio Guida, Direttore generale R.S.U., nelle persone di: Organizzazioni sindacali territoriali, nelle persone di:. CGIL FP..CISL FPS..UIL FPL Al termine dell incontro le parti sottoscrivono definitivamente l allegato contratto collettivo decentrato integrativo del personale non dirigente del Comune di Fabriano per le annualità economiche

2 ACCORDO DECENTRATO PER LA RIPARTIZIONE E DESTINAZIONE DELLE RISORSE DEL FONDO INCENTIVANTE ANNI AL PERSONALE NON DIRIGENTE. Le risorse destinate alla incentivazione delle politiche delle risorse umane e della produttività sono determinate dall Amministrazione per gli anni 2008 e 2009 negli importi esplicitati rispettivamente in allegato A e B, sulla scorta di quanto previsto dall ultimo CCNL stipulato e ad oggi vigente, cioè quello sottoscritto in data 11 aprile Per gli anni 2008 e 2009 la ripartizione delle risorse disponibili viene fissata come di seguito specificato: destinazione risorse Anno 2008 Anno 2009: somme calcolate su previsioni di bilancio e ipotesi di accordo Indennità di comparto , ,00 Progressione economica orizzontale , ,00 * P.O. + A.P. posizione + risultato ,6** ,00 Indennità asilo nido 2.944, ,00 Indennità di responsabilità art. 17, co , ,00 2, lettera f) Indennità di responsabilità art. 17, co , ,00 2, lettera i) Indennità accessorie ( turno, disagio, , ,00 reperibilità, maggiorazioni TOTALE DA LIQUIDARE , ,00 AMMONTARE FONDO , ,68 Disponibilità residua , ,68 Somme da leggi speciali Somme da leggi speciali Art. 17 co 2, lettera k : ICI , ,00 Art. 17 co 2, lettera k : Merloni , ,00 Art. 17 co 2, lettera k : 4.551, ,00 sponsorizzazioni Art. 17 lett.k:d.lgs 30/07 anagrafe ,57 Art. 17 co 2, lettera k : ISTAT 3.246, ,00 * una ulteriore quota di PEO pari ad 8.878,52 e la somma di 3.105,00 per indennità di comparto, relativi a n 6 dipendenti, fanno carico, per l anno 2009, ai fondi di cui alla L. 61/97 rimborsati dalla Regione Marche. La normativa attuale prevede il riassorbimento di tale somma a carico del bilancio dell Ente progressivamente entro il ** vedi dichiarazione a verbale della parte sindacale PRODUTTIVITA GENERALE La disponibilità residua dell anno 2008 nonché quella residua del 2007, ammontanti complessivamente ad ,00 ( , ,83) sono destinati alla produttività generale, da liquidarsi secondo le modalità previste dall art. 25 del contratto decentrato come specificate dall accordo per l anno 2007, per un importo di ,00 mentre i restanti 7.000,00 sono destinati al personale dei Servizi demografici e dell URP che hanno attivato e garantito il nuovo servizio degli sportelli decentrati presso le frazioni. Alla suddivisione delle somme tra il personale dei servizi citati si provvede secondo criteri da concertare tre la parte pubblica e le rappresentanze sindacali.

3 La disponibilità residua del fondo dell anno 2009, ad oggi preventivabile in ,68, oltre agli eventuali incrementi che fossero previsti dal CCNL 2008/2009, sono destinati alla produttività generale e corrisposti secondo le modalità richiamate al precedente capoverso. PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE Con decorrenza economica 01/01/2009 è attribuita una progressione economica orizzontale al personale dipendente, nel limite di una disponibilità economica massima pari ad ,00, che riguarderà in totale n 93 passaggi su 208 dipendenti in servizio al 1 gennaio La somma necessaria, nell importo definito, è stata già conteggiata alla voce relativa dell anno 2009 nella tabella sopra riportata. I passaggi alla posizione economica superiore avvengono nel numero previsto nella tabella allegata n 1. Alla formazione delle graduatorie per la selezione del personale avente titolo si provvede con i criteri, che hanno già formato oggetto di concertazione, specificati in allegato n 2. INDENNITA DI RESPONSABILITA Le parti concordano sulla opportunità di modificare l art. 22 del contratto decentrato per quanto attiene alla fattispecie, criteri, valori e procedure per la individuazione e la corresponsione dei compensi relativi alle finalità previste dall art. 17, comma 2 lettera f) primo periodo del CCNL 1/4/1999. Fino al 30 settembre 2009 i compensi saranno erogati nei limiti e nelle fattispecie ad oggi liquidati. La somma massima erogabile a titolo di retribuzione di responsabilità di cui alla lettera f) dell art. 17 del citato contratto per l anno 2009 viene fissata in ,00. La differenza tra la somma erogata ai sensi del vigente contratto decentrato integrativo (art. 22) e quella disponibile fino al 31/12/2009 è erogabile esclusivamente previa contrattazione dei criteri, fatta salva la verifica del possibile ricorso all applicazione dell art. 15, co.5 per riorganizzazione del servizio di mensa comportante un incremento delle prestazioni del personale in sevizio. POSIZIONI ORGANIZZATIVE E FIGURE DI ALTA PROFESSIONALITA Lo stanziamento da destinare per l anno 2009 alla retribuzione delle posizioni organizzative e alla retribuzione per le figure di alta professionalità è stabilito in ,00. Nel rispetto dei criteri fissati dal CCNL e dal contratto decentrato la Giunta comunale effettua entro il mese di settembre 2009 una nuova pesatura delle singole posizioni esistenti sulla base di elementi che formeranno oggetto di concertazione con le OO.SS. e la RSU. Per l Amministrazione Dott. Ennio Guida Cinzia Frigio per la RSU Per le OO.SS. CGIL CISL UIL

4 ALLEGATO 1 posizione economica in godimento all'1/1/09 costo unitario x 13 mens. n progress. da maggior costo annuo su fondo 2009 D , ,84 D , ,24 D3 ( accesso D1) 1.126, ,64 D , ,62 C4 835, ,37 C3 701, ,20 C2 595, ,95 B6 (accesso B3) 692, ,50 B5 (accesso B3 e B1) 362, ,80 B4 (accesso da B1) 338, ,60 B3 (accesso B1) 288, ,37 totale ,13 totale dipendenti in servizio all'1/1/ percentuale passaggi 44,71%

5 PROGRESSIONI ECONOMICHE ORIZZONTALI CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE ALLEGATO 2 Per la progressione orizzontale da attribuirsi con decorrenza 1 gennaio 2009 vengono fissati come di seguito requisiti e criteri per la formulazione delle graduatorie da cui attingere per determinare gli aventi diritto ai passaggi. Requisiti di ammissione alle selezioni 1. aver maturato al 31 dicembre mesi di servizio a tempo indeterminato nell Ente con inquadramento nella categoria giuridica alla quale si riferisce la progressione (i servizi prestati a part time verranno conteggiati per intero ai fini della maturazione del periodo di servizio richiesto mentre saranno rapportati a tempo pieno ai fini della attribuzione del punteggio relativo alla esperienza maturata); 2. aver maturato almeno ventiquattro mesi di permanenza nella posizione economica in godimento al 31/12/ aver riportato una valutazione pari ad almeno 10/30 per la categoria B, ad almeno 16/50 per la categoria C e 20/60 per la categoria D nella scheda di valutazione relative agli anni 2006, 2007 e 2008, compilata dai dirigenti secondo criteri e metodologie uniformi e dichiarati. Criteri per la stesura delle graduatorie L'ufficio personale procede alla formulazione delle graduatorie, distinte per ciascuna delle posizioni economiche come indicato in allegato n 1, inserendo in ciascuna il personale che alla data del 31/12/2008 presta servizio a tempo indeterminato ed è in possesso dei requisiti richiesti. A parità di punteggio precede in graduatoria il dipendente che vanta più servizio nella categoria di inquadramento. In considerazione del fatto che la graduatoria sarà utilizzata per la progressione avente decorrenza 01 gennaio 2009 si stabilisce che il punteggio per la valutazione delle prestazioni è ricavato effettuando la media aritmetica tra i punteggi conseguiti nell ultimo triennio. ( schede di valutazione individuale anni 2006, 2007 e Per il personale che, immesso in ruolo con decorrenza successiva al 2006 non è stato valutato nel triennio, si prende a riferimento la valutazione conseguita nel 2007/2008. La valutazione relativa all anno 2006 e per ciascuno degli anni successivi è effettuata qualora lo stesso dipendente abbia prestato servizio per almeno 8 mesi nell anno solare di riferimento. Per i dipendenti che sono collocati in aspettativa senza retribuzione per oltre 4 mesi la valutazione tiene in considerazione le prestazioni del periodo residuale. Per il personale titolare di posizione organizzativa la valutazione è effettuata dal dirigente trasponendo nella scheda di valutazione annuale della categoria D il giudizio espresso in sede di valutazione dei risultati. Per le posizioni per le quali il dirigente che ha espresso il giudizio sui risultati non è lo stesso che deve compilare la scheda di valutazione è obbligatorio acquisire il parere vincolante del direttore generale. Il personale in aspettativa ai sensi dell art. 81 del TUEL 267/00 (amministratore locale) e che quindi non ha prestato servizio effettivo per neanche un giorno nell anno di riferimento (per il quale quindi

6 non è possibile la valutazione delle prestazioni), è inserito in graduatoria valutando esclusivamente i titoli e l esperienza acquisita. Il personale in distacco/aspettativa sindacale di qualsiasi forma, ai sensi dell art.47 del CCNL 14/09/2000, viene considerato nella progressione economica orizzontale acquisendo la valutazione resa dalla organizzazione sindacale di appartenenza, mantenendo la stessa scala parametrica di valutazione prevista dalla scheda della categoria di inquadramento. Le schede di valutazione dei singoli dipendenti, prima della consegna, dovranno essere trasmesse alla direzione generale, che potrà, ove lo ritenga opportuno, chiamare i dirigenti a motivare i giudizi con riferimento alle valutazioni espresse. Fatto uguale a 100 il punteggio massimo conseguibile si stabilisce la ripartizione come di seguito specificato: Gruppo A per i passaggi economici della categoria A e B esperienza acquisita p. 50 max valutazione delle prestazioni p. 30 max titoli di studio o professionali p. 10 max formazione p. 5 max attività di coordinamento o sostituzione di personale di diversa posizione lavorativa attestante arricchimento professionale p. 5 max Gruppo B per i passaggi economici della cat. C e D esperienza acquisita p. 25 max valutazione delle prestazioni p. 50 max titoli di studio o professionali p. 15 max formazione p. 5 max attività di coordinamento o sostituzione di personale di diversa posizione lavorativa attestante arricchimento professionale p. 5 max DEFINIZIONE E MODALITA' DI ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI MASSIMI STABILITI ESPERIENZA ACQUISITA. Max p. 50 (gruppo A) o 25 (gruppo B) p. 0,2 per ogni mese o frazione di mese superiore a 15 giorni prestato in profili professionali della stessa categoria di appartenenza ( A, B, C, D) p. 0,1 per ogni mese o frazione di mese superiore a gg. 15 prestato in profili di categorie inferiori a quella di appartenenza. I servizi a part time vengono rapportati a tempo pieno e ridotti in proporzione alle ore prestate ai fini della attribuzione del punteggio. Sono fatti salvi i periodi di aspettativa ai sensi dell art. 81 del TUEL 267/00 (amministratore locale), i periodi di distacco/aspettativa sindacale ed i periodi di

7 aspettativa previsti per legge nei quali compete comunque la retribuzione od una parte di essa. Questi sono considerati come prestati a tempo pieno. Si valuta come servizio quello prestato a tempo indeterminato o determinato presso Enti locali per il quale risulti applicato il CCNL del comparto Regioni EE.LL. TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI: max p. 10 ( gruppo A) o 15 ( gruppo B) Gruppo 1 (categoria A e B) Titolo di studio richiesto per l'accesso dall'esterno (licenza di scuola dell obbligo) p. 6 Titolo di studio inferiore p. 3 (assolvimento dell obbligo scolastico) Diploma di qualifica triennale p.7 titolo di studio superiore: diploma scuola sup.quinquennale p. 8 diploma scuola sup.quadriennale p. 7,5 diploma di laurea p. 9 Attestati di qualifica di durata annuale o superiore, patentini, ecc purché attinenti p. 0,50 ciascuno fino ad un massimo di p.1 gruppo B: categoria C titolo di studio richiesto per l'accesso dall'esterno: diploma di scuola sup quinquennale p. 8 diploma di scuola superiore di durata quadriennale p. 6,5 titolo di studio inferiore (diploma di scuola media inf.) p. 4 Diploma di qualifica triennale p.5 titolo di studio superiore p. 10 (laurea breve o laurea del nuovo ordin.) laurea specialistica o laurea quadriennale del vecchio ord. p. 12 abilitazioni professionali o iscrizione pubblicazioni p. 1 fino ad un max p. 3

8 gruppo B: categoria D titolo di studio richiesto per l'accesso dall'esterno (laurea breve o del nuovo ordinamento) p. 10 titolo di studio inferiore: diploma scuola sup.quinquennale p. 8 diploma scuola sup.quadriennale p. 6,5 licenza di scuola media p. 4 Diploma di qualifica triennale p.5 laurea specialistica o laurea quadriennale del vecchio ord. p. 12 abilitazioni professionali o iscrizione pubblicazioni p. 1 fino ad un max p. 3 N.B. All interno del gruppo B: per la categoria C è considerato titolo di studio richiesto per l accesso dall esterno il diploma quinquennale; la laurea del nuovo ordinamento o la ex laurea breve è considerata titolo di studio immediatamente superiore, per la categoria D è considerato titolo di studio richiesto per l accesso dall esterno la laurea del nuovo ordinamento o la ex laurea breve. Il punteggio attribuito al titolo di studio non è cumulabile con quello previsto per altro titolo di studio, mentre è cumulabile con quello relativo alle abilitazioni o iscrizioni ad albi. Si valutano solo le pubblicazioni strettamente attinenti le mansioni del profilo in godimento, nel limite di 0,20 per ciascuna pubblicazione fino ad un max di p. 1. FORMAZIONE max p. 5 Corsi di formazione: p. 0,50 per ogni corso di durata compresa tra 30 e 60 ore, purché attinente la posizione ricoperta; p. 1,00 per ogni corso di formazione di durata superiore a 60 ore, purché attinente la posizione ricoperta; Il punteggio dei corsi suddetti viene dimezzato qualora non attinenti il posto ricoperto. Corsi di aggiornamento: p. 0,10 per ogni corso di durata compresa tra 24 e 36 ore purché attinente la posizione ricoperta; : p. 0,05 per ogni corso di durata compresa tra 24 e 36 ore non attinente la posizione ricoperta; p. 0,25 per ogni corso di aggiornamento di durata superiore a 36 ore, purché attinente la posizione ricoperta; p. 0,15 per ogni corso di aggiornamento di durata superiore a 36 ore, non attinente la posizione ricoperta; Vengono classificati come corsi di formazione quelli conclusi con un esame ed un giudizio finale, mentre per corsi di aggiornamento si intendono quelli a carattere specialistico, tecnico o pratico.

9 Tutti debbono risultare organizzati da enti pubblici o legalmente riconosciuti o da ordini professionali oppure debbono essere frequentati su iscrizione dell'amministrazione. La durata del corso in ore deve essere espressamente dichiarata nell attestato o in separata certificazione rilasciata dall Ente organizzatore o committente. In mancanza di un dato certo, che consenta di valutare il titolo come previsto dai criteri, lo stesso non viene ritenuto valutabile né integrabile. ATTINENZA La attinenza, sia per i titoli di studio che per i corsi o le abilitazioni professionali, è considerata con riferimento al profilo in godimento alla data del 31/12/2008. Per la valutazione dei corsi come formazione è necessario che siano espressamente riportati nell attestato o certificato sia il monte ore complessivo sia il giudizio finale in termini di votazione o di giudizio graduato. La dicitura Ha superato con esito favorevole (o positivo) è considerata sufficiente per qualificare il corso come di formazione. Il corso di lingua inglese frequentato da alcuni dipendenti viene riconosciuto come attinente alle mansioni svolte in quanto in tutti i profili della categoria B3, C e D è previsto in sede di esame l accertamento della conoscenza della lingua straniera. ARRICCHIMENTO PROFESSIONALE max p. 5 Vengono attribuiti p. 0,1041 per ogni mese o frazione di mese superiore a gg. 15 durante i quali il dipendente ha esercitato, su disposizioni scritte, provvedimenti formali o note debitamente protocollate non rilasciate a posteriori, funzioni di coordinamento di personale di pari qualifica o ha sostituito personale svolgente compiti di posizione lavorativa diversa. Sono valutate tutte le attività sopra descritte prestate a decorrere dal 01/01/2005. VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE max p.30 (gruppo A) o p. 50 (gruppo B ) I punteggi sono assegnati secondo i criteri e i parametri previsti nelle schede di valutazione utilizzate per il triennio Le valutazioni del personale della categoria D espresse in sessantesimi sono rapportate a cinquantesimi. Il servizio reso viene conteggiato alla data del 31/12/2008 così come tutti i titoli di studio e professionali sono valutati limitatamente a quelli acquisiti al 31/12/2008.

COMUNE DI SASSARI VERBALE DI CONTRATTAZIONE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO AL C.C.D.I. DEL 11 APRILE 2001

COMUNE DI SASSARI VERBALE DI CONTRATTAZIONE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO AL C.C.D.I. DEL 11 APRILE 2001 COMUNE DI SASSARI VERBALE DI CONTRATTAZIONE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO AL C.C.D.I. DEL 11 APRILE 2001 In data 30 Novembre 2009, presso la sede di Palazzo Ducale del Comune di Sassari, la delegazione trattante

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2013 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema)

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) COMUNE DI GERACI SICULO Provincia di Palermo www.comune.geracisiculo.pa.it - Email: segretariogenerale@pec.comune.geracisiculo.pa.it Geraci Siculo Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) Modulo

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE

IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E PER LA PRODUTTIVITA

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010

INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010 INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010 Il 29 dicembre 2010 si sono incontrati i rappresentati della delegazione trattante di parte pubblica dell ente Regione Emilia-Romagna e i rappresentanti sindacali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2012 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA)

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA) Rispetto dell iter adempimenti procedurale e degli atti propedeutici e successivi alla contrattazione Personale News Modelli operativi www.publika.it Relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria

Dettagli

IPOTESI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO COMUNE DI PARELLA ANNO 2015

IPOTESI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO COMUNE DI PARELLA ANNO 2015 IPOTESI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO COMUNE DI PARELLA ANNO 2015 Tra la delegazione trattante di Parte Pubblica composta dal Dott. MATTIA Salvatore - Segretario Comunale e la delegazione di parte sindacale

Dettagli

IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA

IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA IPOTESI DI SEQUENZA CONTRATTUALE PER IL PERSONALE ATA PREVISTA DALL ART. 62 DEL CCNL 29/11/2007 DEL COMPARTO SCUOLA ART. 1 - COMPITI DEL PERSONALE ATA, MOBILITÀ PROFESSIONALE, VALORIZZAZIONE DELLA PROFESSIONALITÀ

Dettagli

IPOTESI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO COMUNE DI STRAMBINELLO ANNO 2012

IPOTESI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO COMUNE DI STRAMBINELLO ANNO 2012 IPOTESI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO COMUNE DI STRAMBINELLO ANNO 2012 Tra la delegazione trattante di Parte Pubblica composta dal Dott. MATTIA Salvatore - Segretario Comunale e la delegazione di parte

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Università degli Studi del Molise RELAZIONE ILLUSTRATIVA FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Anno 2013 Relazione illustrativa Indice Modulo I Illustrazione

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e Inserimento. Procedura selettiva di sviluppo economico del personale dell Agenzia delle Entrate

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e Inserimento. Procedura selettiva di sviluppo economico del personale dell Agenzia delle Entrate Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e Inserimento Prot. n. 186578/2010 Procedura selettiva di sviluppo economico del personale dell Agenzia delle Entrate IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE

Dettagli

COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO

COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO COMUNE DI MONASTEROLO DI SAVIGLIANO PROVINCIA DI CUNEO A R E A A M M I N IS T R A T IV A Determinazione n. 034 OGGETTO: FONDO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE ANNO 2015. APPROVAZIONE PROSPETTO

Dettagli

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015

Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Settore Risorse Umane e strumentali Verbale di accordo N 1 / 2015 P.G. 19316 / 2015 Accordo provvisorio: AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI E DEGLI INCARICATI

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO Provincia di Arezzo Registro delle Determinazioni N. 234 del 05/03/2014 OGGETTO: RIDETERMINAZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE PERSONALE NON DIRIGENTE ANNO 2013 CON INCREMENTO

Dettagli

Area Finanziaria Comune di Bomporto. Prot. 11464 del 04.10.2010

Area Finanziaria Comune di Bomporto. Prot. 11464 del 04.10.2010 Prot. 11464 del 04.10.2010 RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ALLEGATA ALLA BOZZA DI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL COMUNE DI BOMPORTO SULL UTILIZZO DELLE RISORSE FINANZIARIE 2008, 2009 e 2010. 1) LE

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLE CATEGORIE Emanato con Decreto Rettorale n. 461 del 08.06.2015 Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente Regolamento disciplina le

Dettagli

ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011

ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011 ACCORDO DECENTRATO INTEGRATIVO AZIENDALE RELATIVAMENTE ALLA COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DELLE RISORSE DECENTRATE PER L ANNO 2011 In data 29/10/2012 alle ore 15,30 presso il Comune di Levanto,

Dettagli

Direttore Generale della Programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio

Direttore Generale della Programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI LAVORO PER LE PROGRESSIONI PROFESSIONALI DI TUTTI I DIPENDENTI, ESCLUSI QUELLI CON QUALIFICA DIRIGENZIALE, DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE Il giorno 28 ottobre 2011 presso

Dettagli

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali Regolamento per la disciplina delle procedure di progressione verticale del personale tecnico ed amministrativo dell Università degli Studi del Sannio nel nuovo sistema di classificazione ( D.R. n 142

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014

Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014 Settore Risorse Umane e Decentramento Verbale n 1/2014 P.G. 11552/2014 ACCORDO PROVVISORIO AVENTE AD OGGETTO L AVVIO DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE RIFERITO ALLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI DIPENDENTI DELL

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE FONTE NORMATIVA CONTENUTO DELLA NORMA POSSIBILE DISCIPLINA COMPETENZA AUTORE DATA Relazione illustrativa

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012;

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; In conformità della circolare della RGS n. 25 / 2012 Modulo I -

Dettagli

ESTRATTO DEL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE ESTRATTO DEL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaquattordici (2014), il giorno uno (01) del mese di luglio, alle ore 9,30, in una sala del Palazzo Comunale, convocata dal Sindaco,

Dettagli

Comune di Cellamare. C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P.

Comune di Cellamare. C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P. Comune di Cellamare Provincia di Bari C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P. IVA: 03827640727 I SETTORE AMMINISTRATIVO Servizio Personale

Dettagli

Riservata ai dipendenti dell Azienda Sanitaria N. 5 di Oristano SI RENDE NOTO

Riservata ai dipendenti dell Azienda Sanitaria N. 5 di Oristano SI RENDE NOTO RIAPERTURA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE ALLA SELEZIONE INTERNA PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE CON DECORRENZA DAL 0.0.2007 E DAL 0.0.2008. Riservata ai dipendenti dell Azienda

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - BARI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - BARI REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - BARI Contratto collettivo decentrato integrativo personale del comparto Regione Puglia. REGIONE PUGLIA Vice Presidenza G.R. ASSESSORATO

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Avviso di selezione di n 1 Specialista gestione Risorse Umane - Profilo professionale Specialista gestione Risorse Umane Cat. D 1 - presso l Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro della

Dettagli

Il bando, inoltre, per quanto possibile, potrà accorpare più posti da ricoprire.

Il bando, inoltre, per quanto possibile, potrà accorpare più posti da ricoprire. REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE PROGRESSIONI VERTICALI NEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Il piano relativo alla programmazione delle

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C, POSIZIONE C1 In applicazione degli artt.11 e 14 del CCNL concernente

Dettagli

PERSONALE DEL COMPARTO

PERSONALE DEL COMPARTO RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA E ILLUSTRATIVA AI SENSI DELL ART. 40 COMMA 3 SEXIES ALLEGATO ALLA PREINTESA DEL CONTRATTO INTEGRATIVO DELL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO 2006-2009 PER LE FINALITA

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 Il giorno 14 luglio dell anno 2011, alle ore 9,00, presso una sala del Rettorato, le

Dettagli

LA RELAZIONE ILLUSTRATIVA E LA RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA

LA RELAZIONE ILLUSTRATIVA E LA RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA LA RELAZIONE ILLUSTRATIVA E LA RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA Contratto collettivo decentrato integrativo ai sensi dell art. 4 CCNL 1998/2001, art. 4 CCNL 2002/2005. Relazione illustrativa. Modulo 1 -

Dettagli

Regione Piemonte COMUNE DI TERRUGGIA Provincia di Alessandria

Regione Piemonte COMUNE DI TERRUGGIA Provincia di Alessandria Regione Piemonte COMUNE DI TERRUGGIA Provincia di Alessandria CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE 2006-2009 Accordo per l anno 2011 PRESO ATTO del contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del

Dettagli

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale Orientale Goriziano

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale Orientale Goriziano Autorità d Ambito Territoriale Ottimale Orientale Goriziano SISTEMA DI VALUTAZIONE Art. 1 Campo di applicazione L Ente individua la seguente metodologia permanente, improntata a criteri di imparzialità

Dettagli

Città di Vittorio Veneto MEDAGLIA D ORO AL V.M.

Città di Vittorio Veneto MEDAGLIA D ORO AL V.M. sto} Città di Vittorio Veneto MEDAGLIA D ORO AL V.M. U.O. Risorse Umane AREA DELLA DIRIGENZA DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI VERBALE DI ACCORDO A SEGUITO DI PROCEDURA DI CONCERTAZIONE SINDACALE

Dettagli

DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE.

DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE. DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE. Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. Nel rispetto dell art. 36 del d.lgs. n. 29/93 e successive modificazioni le procedure

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLE CATEGORIE (PEO) INDICE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLE CATEGORIE (PEO) INDICE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLE CATEGORIE (PEO) INDICE Art.1 Campo di applicazione e durata Art.2 Principi generali Art. Aventi diritto Art.

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Pag. 1 di 9 Articolo 1 Campo di applicazione e durata 1. Il presente contratto decentrato integrativo redatto ai sensi dell art. 5 del CCNL del 01.04.1999, così

Dettagli

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 Roma, 3 dicembre 2010 Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 (Testo coordinato con l atto di revisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Comune di Acquaviva Picena (Provincia di Ascoli Piceno) CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO QUADRIENNIO 1998-2001 COMPARTO AUTONOMIE LOCALI copia bozza accordo decentrato-piccoli comuni PRIMA PARTE

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Avviso di selezione di n 1 Collaboratore Segreteria - Profilo professionale Collaboratore Servizi Amministrativi Cat. B 3 - presso l Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro della Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE SELETTIVE RISERVATE AL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE SELETTIVE RISERVATE AL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE SELETTIVE RISERVATE AL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Articolo 1 Finalità e definizione 1. Il presente regolamento disciplina in prima applicazione le procedure selettive

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015. Sede Catania 22 ottobre 2015 Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele, 127

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015. Sede Catania 22 ottobre 2015 Palazzo della Cultura - Via Vittorio Emanuele, 127 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

COMUNE DI SERIATE CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO AREA DIRIGENZA ANNO 2010

COMUNE DI SERIATE CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO AREA DIRIGENZA ANNO 2010 COMUNE DI SERIATE CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO AREA DIRIGENZA ANNO 2010 TRA Il Direttore Generale, dottor Michele Luccisano, presidente di parte pubblica della Delegazione Trattante; I rappresentanti

Dettagli

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico ACCORDO NAZIONALE tra il Ministero dell istruzione, della e dell università e le Organizzazioni sindacali concernente l attuazione dell articolo 2 della sequenza contrattuale (ex art. 62 ccnl/2007) sottoscritta

Dettagli

I rappresentanti dell Agenzia delle Dogane e delle Organizzazioni sindacali nazionali del comparto Agenzie fiscali,

I rappresentanti dell Agenzia delle Dogane e delle Organizzazioni sindacali nazionali del comparto Agenzie fiscali, Roma, 23 giugno 2011 Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività dell anno 2010 Revisione della costituzione e integrazione dell ipotesi di accordo del 30 dicembre 2010

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL DLGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009 A CHE COSA SERVE IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE

Dettagli

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015 Reg. di Settore n. 42 Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO Copia N. 461/A.G. del 03-08-2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: Art. 31 C.C.N.L. 22/01/2004 - "Disciplina delle

Dettagli

LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO LA RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA DEL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Nota metodologica: La relazione è preparata dal settore economico-finanziario del comune; è attestata dal collegio dei revisori

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO Approvato con deliberazione G.C. n. 174 del 14/10/2010 Art. 1 Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

Oggetto: Approvazione contratto decentrato del 21.12.2006 Prelievo dal fondo di riserva - LA GIUNTA COMUNALE

Oggetto: Approvazione contratto decentrato del 21.12.2006 Prelievo dal fondo di riserva - LA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Approvazione contratto decentrato del 21.12.2006 Prelievo dal fondo di riserva - LA GIUNTA COMUNALE Vista la seguente proposta di delibera dell Unità di Staff Personale e Organizzazione; Visto

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos.: UPTA Decreto n. 128 AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER TECNICO-INFORMATICO ESPERTO IN DATABASE

Dettagli

La Società Grotte di Castellana s.r.l.

La Società Grotte di Castellana s.r.l. Selezione per titoli ed esami per l assunzione di n. 3 lavoratori dipendenti da inquadrare nel terzo livello del CCNL turismo a tempo indeterminato. Il primo classificato in graduatoria sarà assunto a

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

TRIENNIO 2013 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO

TRIENNIO 2013 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA. TRIENNIO 2013 2015 Il giorno 15 novembre 2012

Dettagli

REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE

REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE Luglio 2009 Indice 1. PREMESSA... 2. BORSE DI STUDIO DA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE...

Dettagli

Ipotesi di accordo relativo alla distribuzione del Fondo Unico di Amministrazione dell Agenzia Industrie Difesa per l anno 2013

Ipotesi di accordo relativo alla distribuzione del Fondo Unico di Amministrazione dell Agenzia Industrie Difesa per l anno 2013 1 MINISTERO DELLA DIFESA AGENZIA INDUSTRIE DIFESA DIREZIONE GENERALE Via XX Settembre, 123/a 00187 ROMA Posta elettronica: aid@agenziaindustriedifesa.it Posta elettronica certificata: aid@postacert.difesa.it

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATA AZIENDALE 2010 2013

CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATA AZIENDALE 2010 2013 CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATA AZIENDALE 2010 2013 Accordo quadriennale 2010 2013 e annuale 2010 per la ripartizione e destinazione delle risorse finanziarie individuate nel fondo per le politiche

Dettagli

COMUNE DI FINO MORNASCO (Provincia di Como)

COMUNE DI FINO MORNASCO (Provincia di Como) COMUNE DI FINO MORNASCO (Provincia di Como) CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Art. 1 Premesse. Il presente contratto è in esecuzione dell art. 4 del CCNL dei dipendenti degli enti locali, sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA (Provincia di Ravenna) COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA (Provincia di Ravenna) CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PER L ANNUALITA' ECONOMICA 2011 Il giorno 24

Dettagli

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA

CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Roma, Dicembre 2006 CONTRATTO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NELL'INDUSTRIA CINEAUDIOVISIVA Premessa. Le parti stipulanti si danno reciprocamente atto che la seguente

Dettagli

B C Diploma di istruzione secondaria di secondo grado ovvero cinque anni di anzianità di servizio nella

B C Diploma di istruzione secondaria di secondo grado ovvero cinque anni di anzianità di servizio nella REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE PROGRESSIONI VERTICALI NEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Il piano relativo alla programmazione delle risorse umane del personale tecnico amministrativo

Dettagli

Il candidato idoneo potrà essere chiamato a svolgere l'attività lavorativa nelle varie Sedi dell'ente indipendentemente dalla assegnazione iniziale.

Il candidato idoneo potrà essere chiamato a svolgere l'attività lavorativa nelle varie Sedi dell'ente indipendentemente dalla assegnazione iniziale. SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO (CON POSSIBILITA DI ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO) DI INFERMIERI (CATEGORIA D - C.C.N.L. COMPARTO SANITA ) 1 INDIZIONE SELEZIONE In

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Avviso di selezione di n 1 Assistente gestione Risorse Umane - Profilo professionale Assistente gestione Risorse Umane Cat. C 1 - presso l Agenzia per la formazione, l orientamento e il lavoro della Provincia

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio IV Settore II CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE SUI CRITERI PER LA FRUIZIONE

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria ALLEGATO ALLA DELIBERA N 1233/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ALLEGATO 1.1 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1 Titolo I) Disposizioni generali... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Definizioni...3 Titolo II) Il ciclo di gestione della performance... 3

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale del Comune di Monte Castello di Vibio, ha avuto luogo l incontro tra:

In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale del Comune di Monte Castello di Vibio, ha avuto luogo l incontro tra: CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA DI INCENTIVAZIONE DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E DELLA PRODUTTIVITA VALIDO PER L ANNO 2010 In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

Fondo Personale tecnico amministrativo (art. 87 CCNL 2006-2009) Sezione I - Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità

Fondo Personale tecnico amministrativo (art. 87 CCNL 2006-2009) Sezione I - Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25 Fondo Personale tecnico amministrativo (art. 87 CCNL 2006-2009) Sezione I - Risorse fisse aventi carattere di certezza e stabilità - Risorse storiche consolidate

Dettagli

Direzione Risorse Umane e Strumentali, Politiche Culturali Servizio Risorse Umane e Organizzazione Ufficio Sviluppo Organizzativo e Mobilità

Direzione Risorse Umane e Strumentali, Politiche Culturali Servizio Risorse Umane e Organizzazione Ufficio Sviluppo Organizzativo e Mobilità Direzione Risorse Umane e Strumentali, Politiche Culturali Servizio Risorse Umane e Organizzazione Ufficio Sviluppo Organizzativo e Mobilità AVVISO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA per la copertura di n

Dettagli

BORSE DI STUDIO AI FIGLI DEI DIPENDENTI Attenzione alle scadenze!!!

BORSE DI STUDIO AI FIGLI DEI DIPENDENTI Attenzione alle scadenze!!! FABI - Intesa Sanpaolo Banco di Napoli - Area Calabro Lucana alberto.anelli@fabicosenza.it 0984-791844 0984 29549 fax 0984 791141 cell. 340-3434488 BORSE DI STUDIO AI FIGLI DEI DIPENDENTI Attenzione alle

Dettagli

C O M U N E d i S E R M O N E T A

C O M U N E d i S E R M O N E T A AREA 1 - AMMINISTRATIVA, AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N 144 del 13-05-2013 C O M U N E d i S E R M O N E T A ( P r o v i n c i a d i L a t i n a ) COPIA DELLA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento relativo ai criteri di selezione ai fini della progressione economica orizzontale (P.E.O.) (Emanato con Decreto Rettorale n. 2616 del 18 Novembre 2015) Premessa

Dettagli

COMUNE DI ENNA. Sezione I Risorse fisse aventi carattere di certezza e di stabilità

COMUNE DI ENNA. Sezione I Risorse fisse aventi carattere di certezza e di stabilità COMUNE DI ENNA Contratto collettivo decentrato integrativo ai sensi degli artt. 4 e 5 del CCNL 1/4/1999, in merito all utilizzo delle risorse decentrate dell anno 2015. Relazione tecnico-finanziaria Modulo

Dettagli

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE INTEGRATIVO RELATIVO AI CRITERI PER FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO [Art. 4 -comma 4 lett. a)- CCNL]

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO PERSONALE DI COMPARTO Art. 1- PERMESSI RETRIBUITI

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n.

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

DECRETA. Articolo 1 Indizione e descrizione dei profili

DECRETA. Articolo 1 Indizione e descrizione dei profili Il Dirigente Decreto n. 892 Anno 2015 Prot. n. 68445 AVVISO DI SELEZIONE INTERNA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA SEGUENTE UNITÀ DI PROCESSO PER L AREA RISORSE

Dettagli

SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n.

SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n. SCHEDA SINTETICA RELATIVA AL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO ANNO 2013 Art. 20, comma 1 e comma 2 del D. Lgs. n. 33/2013 L Università per Stranieri di Perugia ha destinato per

Dettagli

Titolo 1 Utilizzo del personale

Titolo 1 Utilizzo del personale CONTRATTAZIONE D ISTITUTO sull utilizzo del personale in applicazione del POF e sull impiego delle risorse finanziarie a.s. 2014-15 Il giorno 1 ottobre, 8 ottobre 2014 e 14 gennaio 2015 presso l Istituto

Dettagli