Comune di CAMPAGNA LUPIA. Schede di attuazione, monitoraggio e validazione del Piano di sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di CAMPAGNA LUPIA. Schede di attuazione, monitoraggio e validazione del Piano di sicurezza"

Transcript

1 Comune di CAMPAGNA LUPIA Schede di attuazione, monitoraggio e validazione del Piano di sicurezza Data 09 Marzo 2011 Responsabile della sicurezza CIE MORO MANUELA Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 1 di 37

2 10 Monitoraggio del piano Le schede di attuazione e monitoraggio del Piano di Sicurezza consentono sia di controllare lo stato di attuazione del Piano di sicurezza comunale CIE, sia di monitorare tutti gli eventi di interesse per la sicurezza comunale CIE. Il Comune è quindi tenuto ad inviare le schede compilate alla Prefettura. Il responsabile comunale della sicurezza CIE è tenuto a redigere tali schede con frequenza trimestrale dalla data di approvazione del Piano di sicurezza da parte della Prefettura Schede di attuazione, monitoraggio e validazione del piano di sicurezza Le schede di attuazione e monitoraggio del Piano di sicurezza consentono sia di controllare lo stato di attuazione del Piano di sicurezza comunale CIE, sia di monitorare tutti gli eventi di interesse per la sicurezza comunale CIE. Il responsabile della sicurezza CIE è tenuto a redigere tali schede con frequenza trimestrale dall'approvazione del Piano di sicurezza da parte del Ministero. Il Comune è quindi tenuto all'invio ufficiale delle schede compilate all'utg di riferimento ed al Ministero dell'interno Schede di attuazione Rispetto alle schede qui presentate, il Comune, con riferimento al proprio Piano di sicurezza comunale CIE, è tenuto ad aggiornare: - l'elenco dei responsabili - l'elenco delle procedure operative - l'elenco delle minacce con i relativi trattamenti rispetto al Piano di sicurezza comunale CIE. Il modulo è stato predisposto riportando solo i responsabili e le procedure operative obbligatorie Schede di monitoraggio e validazione Le schede di monitoraggio e validazione vanno compilate dal Comune che, per ogni macroprocesso e processo elementare, deve considerare tutti gli avvenimenti rilevanti ai fini della sicurezza degli asset individuati nel piano. Per gli eventi non previsti nel piano di sicurezza, il responsabile della sicurezza CIE deve comunque individuare quali attività porre in essere per risolvere l'elemento di rischio. Di seguito si riportano le schede di attuazione e le schede di monitoraggio del Piano che il Comune è tenuto a redigere e ad inviare alla Prefettura con frequenza trimestrale, così come da Circolare n.29 del 12 Luglio Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 2 di 37

3 ALLEGATO 1 Stato di attuazione del Piano di sicurezza comunale CIE Stato di nomina dei responsabili Responsabili previsti nel Piano Nominato? (SI/N Stato procedure operative Procedure operative Attuata? (SI//PARZIALMENTE) Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 3 di 37

4 Stato di attuazione dei trattamenti per le minacce Minaccia Trattamento Attuato? (SI//PARZ.) Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 4 di 37

5 ALLEGATO 2 Acquisizione delle "quantità di sicurezza, Completamento della richiesta delle "Quantità di attivazione e certificazione" sicurezza, attivazione e certificazione" N 29 - Guasto degli apparati. Acquisizione delle "quantità di sicurezza, attivazione e certificazione" Il Comune riceve dal Ministero dell'interno le "Quantità di sicurezza, attivazione e certificazione" per cui ha fatto precedentemente richiesta: processo elementare di N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 5 di 37

6 apparati. Acquisizione delle "quantità di sicurezza, attivazione e certificazione" Il Comune deposita le "Quantità di sicurezza, attivazione e certificazione" ricevute dal Ministero dell'interno presso una sede idonea al deposito di carte valori: processo elementare di Back office. N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 6 di 37

7 apparati. Predisposizione Porta di Accesso ai Domini applicativi dei CNSD Installazione e prima configurazione dell'hardware e del software di base della porta di accesso dei Comune, in base alle regole tecniche indicate dal Ministero dell'interno: processo elementare di back office N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 7 di 37

8 apparati. Predisposizione Porta di Accesso ai Domini applicativi dei CNSD Configurazione dell'infrastruttura di rete comunale: attività di back office per la configurazione delle sezioni di rete comunale necessarie alle comunicazioni tra la porta di accesso ed il CNSD N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 8 di 37

9 apparati. Predisposizione Porta di Accesso ai Domini applicativi dei CNSD Installazione della porta di accesso ai domini dei CNSD, utilizzando le "quantità di sicurezza, attivazione e certificazione", attivazione Backbone CNSD, attivazione degli agenti di monitoraggio ed allarmi: processo elementare di back office N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 9 di 37

10 apparati. Predisposizione Porta di Accesso ai Domini applicativi dei CNSD Verifica di funzionamento e collegamento in rete della porta di accesso ai domini applicativi dei CNSD e, in caso positivo, attivazione della porta stessa: processo elementare di back office. N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 10 di 37

11 apparati. Predisposizione ed attivazione dei sistemi per l'accesso ai servizi applicativi INA del CNSD Registrazione dei sistema comunale sulla porta di accesso al domini applicativi dei CNSD: processo elementare di back office N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 11 di 37

12 apparati. Predisposizione ed attivazione dei sistemi per l'accesso ai servizi applicativi INA del CNSD Verifica della corretta configurazione delle comunicazioni tra i sistemi e la porta di accesso ai domini applicativi dei CNSD: processo elementare di back office. N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 12 di 37

13 apparati. Allineamento dei codici fiscali con gli archivi dell'anagrafe Tributaria Il Comune estrae dalla propria anagrafe le corrispondenze tra dati anagrafici e codici fiscali, ivi compresi i dati anagrafici ai quali non è associato un codice fiscale: processo elementare di elaborazione N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 13 di 37

14 apparati. Allineamento dei codici fiscali con gli archivi dell'anagrafe Tributaria Il Comune, a partire dalle corrispondenze così ottenute, predispone un archivio utilizzando le specifiche definite dall'anagrafe Tributaria: processo elementare di elaborazione N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 14 di 37

15 apparati. Allineamento dei codici fiscali con gli archivi Il Comune invia l'archivio così formato dell'anagrafe Tributaria all'anagrafe Tributaria N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 15 di 37

16 apparati. Allineamento dei codici fiscali con gli archivi dell'anagrafe Tributaria L'Anagrafe Tributaria verifica la coerenza dell'archivio, attribuisce o aggiorna i codici fiscali non presenti o non allineati, segnala le corrispondenze non assegnate. L'Anagrafe Tributaria invia al Comune l'archivio di corrispondenze aggiornato. N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 16 di 37

17 apparati. Allineamento dei codici fiscali con gli archivi dell'anagrafe Tributaria Il Comune, per ogni elemento dell'archivio di corrispondenze, aggiorna nella propria anagrafe le corrispondenze tra dato anagrafico e codice fiscale. N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 17 di 37

18 apparati. Allineamento dei codici fiscali con gli archivi dell'anagrafe Tributaria Il Comune, per utti i casi di non corrispondenza, inizia una serie di attività di recupero dei codici fiscali per le corrispondenze non assegnate dall'anagrafe Tributaria. Minaccia Minaccia e Descrizione delle attività Riferimento prevista(si/n vulnerabilità dell'intervento(riso N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 18 di 37

19 apparati. Primo caricamento dell'indice Nazionale delle Anagrafi Predisposizione dell'archivio anagrafico, nel formato previsto per il primo caricamento dell'indice Nazionale delle Anagrafi, da inviare, attraverso la Porta di accesso ai domini applicativi del CNSD, al CNSD N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 19 di 37

20 apparati. Primo caricamento dell'indice Nazionale delle Invio al CNSD dei dati anagrafici per il primo Anagrafi caricamento dell'ina N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 20 di 37

21 apparati. Aggiornamento continuo dell'indice Nazionale delle Anagrafi Acquisizione ed installazione del software di supporto all'invio delle variazioni anagrafiche al CNSD N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 21 di 37

22 apparati. Aggiornamento continuo dell'indice Nazionale delle Anagrafi Predisposizione dell'archivio contenente le variazioni anagrafiche da inviare al CNSD per l'aggiornamento dell'ina N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 22 di 37

23 apparati. Aggiornamento continuo dell'indice Nazionale Invio al CNSD dell'archivio delle variazioni delle Anagrafi anagrafiche per l'aggiornamento dell'ina N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 23 di 37

24 apparati. Emissione CIE Predisposizione della Postazione di Emissione Il Comune installa presso le sedi designate le emissione N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 24 di 37

25 apparati. Emissione CIE Attivazione delle Postazioni di Emissione ai servizi applicativi di emissione CIE del CNSD Abilitazione dei sistema all'accesso dei servizio applicativo del CNSD tramite "quantità di sicurezza, attivazione e certificazione":processo elementare di back office per attivazione agenti di monitoraggio ed allarmi N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 25 di 37

26 apparati. Emissione CIE Attivazione delle Postazioni di Emissione al Verifica della corretta configurazione dei canali di servizi applicativi di emissione CIE dei CNSD. N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 26 di 37

27 apparati. Emissione CIE Acquisizione delle Quantità di sicurezza Richiesta delle Quantità di Sicurezza al ministero dell'interno N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 27 di 37

28 apparati. Emissione CIE Rilascio CIE ai cittadini Acquisizione quantità di sicurezza per il punto di Back office di collegamento ai servizi di emissione CIE: processo elementare di elaborazione. N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 28 di 37

29 apparati. Emissione CIE Rilascio CIE ai cittadini Acquisizione dei dati dai cittadini N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 29 di 37

30 apparati. Emissione CIE Rilascio CIE ai cittadini Invio della richiesta di emissione ad SSCE N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 30 di 37

31 apparati. Emissione CIE Rilascio CIE ai cittadini Ricezione, da servizi di emissione CIE, degli elementi necessari al rilascio N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 31 di 37

32 apparati. Emissione CIE Rilascio CIE ai cittadini Lavorazione elettronica e grafica delle CIE N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 32 di 37

33 apparati. Emissione CIE Rilascio CIE ai cittadini Attivazione CIE e rilascio ai cittadini N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 33 di 37

34 apparati. Uso della CIE Abilitazione di una postazione di lavoro Abilitazione di una postazione di lavoro all'identificazione in rete della CIE all'identificazione in rete della CIE N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 34 di 37

35 apparati. Uso della CIE Abilitazione di un server comunale per l'identificazione in rete dei cittadini che accedono tramite CIE ai servizi in rete del comune Abilitazione di un server comunale per l'identificazione in rete dei cittadini che accedono tramite CIE ai servizi in rete del comune N Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 35 di 37

36 apparati. Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 36 di 37

37 La tabella va completata secondo le seguenti indicazioni: - Nuovo processo: riportare SI se il processo indicato non è presente nel piano di sicurezza. Riportare qualora il processo di riferimento sia già indicato nel Piano di sicurezza; - Nuova attività: riportare SI se l'attività indicata non è presente nel piano di sicurezza. Riportare qualora l'attività di riferimento sia già trattata nel Piano di sicurezza; - : indica e descrive l'evento che si è verificato; - Minaccia prevista (si/no): indica se la minaccia era stata analizzata nel piano oppure se è una minaccia non prevista; - Minaccia e vulnerabilità: descrive l'evento che si è verificato e la vulnerabilità che lo ha reso possibile; - Riferimento: con riferimento al piano di sicurezza, riportare la procedura operativa e/o il controllo di riferimento per l'evento rilevato; Tutti i trattamenti previsti nel piano precedente che hanno consentito di risolvere un evento di sicurezza, sono considerati validati ai fini della prossima fase della metodologia: ACT. Monitoraggio del piano - COMUNE DI CAMPAGNALUPIA Pagina 37 di 37

G.U. 19 settembre 2005, n. 218 Supplemento Ordinario n. 155

G.U. 19 settembre 2005, n. 218 Supplemento Ordinario n. 155 Decreto del Ministro dell Interno 2 agosto 2005 Regole tecniche e di sicurezza per la redazione dei piani di sicurezza comunali per la gestione delle postazioni di emissione CIE, in attuazione del comma

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Nuovo regolamento di gestione dell'indice nazionale delle anagrafi.

Nuovo regolamento di gestione dell'indice nazionale delle anagrafi. Decreto 19 gennaio 2012, n. 32 1 Nuovo regolamento di gestione dell'indice nazionale delle anagrafi. IL MINISTRO DELL'INTERNO di concerto con IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

La circolare della Divisione Servizi Locali d'interesse Statale per la connessione dei Comuni all'indice Nazionale delle Anagrafi

La circolare della Divisione Servizi Locali d'interesse Statale per la connessione dei Comuni all'indice Nazionale delle Anagrafi La circolare della Divisione Servizi Locali d'interesse Statale per la connessione dei Comuni all'indice Nazionale delle Anagrafi N.00105250/15100/15850 Roma, 29 ottobre 2001 - AI SIGG.RI PREFETTI - DIRETTORI

Dettagli

«Nuovo regolamento di gestione dell'indice Nazionale delle Anagrafi» ARCHITETTURA DI SICUREZZA DELL'INA

«Nuovo regolamento di gestione dell'indice Nazionale delle Anagrafi» ARCHITETTURA DI SICUREZZA DELL'INA Allegato tecnico al D.M. 19 gennaio 2012, n. 32 recante «Nuovo regolamento di gestione dell'indice Nazionale delle Anagrafi» ARCHITETTURA DI SICUREZZA DELL'INA Sommario: 1. Scopo e campo di applicazione

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici INDICE NAZIONALE DELLE ANAGRAFI - INSTALLAZIONE DELLA PORTA APPLICATIVA E ATTIVAZIONE

Dettagli

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della (Allegato C ) Allegato C Misure di sicurezza Il presente allegato descrive le caratteristiche della piattaforma e le misure adottate per garantire l'integrita' e la riservatezza dei dati scambiati e conservati,

Dettagli

Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (09/2015)

Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (09/2015) Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (09/205) Circolarità Anagrafica in Comuni sino a 00.000 abitanti Indice Scopo del Documento 3 DIAGNOS PLUS, lo scenario 3 DIAGNOS PLUS, a cosa

Dettagli

Manuale Operativo. Servizio GESTASSI. Assistenza Servizi Anagrafici COD. PROD. D.6.3

Manuale Operativo. Servizio GESTASSI. Assistenza Servizi Anagrafici COD. PROD. D.6.3 Manuale Operativo Servizio GESTASSI Assistenza Servizi Anagrafici COD. PROD. D.6.3 Premessa Il presente servizio è attivato per favorire e facilitare la gestione delle irregolarità da INA SAIA comunicate

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

VADEMECUM. Analisi stato di diffusione di INA SAIA COD. PROD. D.6.3

VADEMECUM. Analisi stato di diffusione di INA SAIA COD. PROD. D.6.3 VADEMECUM Analisi stato di diffusione di INA SAIA COD. PROD. D.6.3 PREMESSA Al Centro Nazionale Servizi Demografici, costituito con decreto del Ministro dell Interno del 23 aprile 2002 presso la Direzione

Dettagli

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE, IL MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE, IL MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DECRETO 23 dicembre 2015: Modalita' tecniche di emissione della Carta d'identita' elettronica. (15A09809) (Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015) In vigore dal 30 dicembre 2015. IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Manuale Area QSAC (Quantità di Sicurezza, Attivazione e Certificazione)

Manuale Area QSAC (Quantità di Sicurezza, Attivazione e Certificazione) Manuale Area QSAC (Quantità di Sicurezza, Attivazione e Certificazione) Manuale Utente Versione 2.2 Ultima revisione Aprile 2011 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Compilazione delle Form... 3 2.1 Accesso

Dettagli

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente Pag 1 di 14 RepairsLab Manuale Utente Per RepairsLab 1.0 Autore: Fabrizio Ferraiuolo Indice generale Introduzione...2 Installazione...2 Schermata principale...3 Configurazione...4 Configurazioni Base Dati...5

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 6. OPERATORE ELETTRONICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO. Standard formativo minimo regionale

OPERATORE ELETTRONICO. Standard formativo minimo regionale OPERATORE ELETTRONICO Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale OPERATORE ELETTRONICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6 Artigiani e operai

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 10 novembre 2014 n. 194. Gazzetta Ufficiale dell 8 gennaio 2014 n. 5

Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 10 novembre 2014 n. 194. Gazzetta Ufficiale dell 8 gennaio 2014 n. 5 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 10 novembre 2014 n. 194 Gazzetta Ufficiale dell 8 gennaio 2014 n. 5 REGOLAMENTO RECANTE MODALITÀ DI ATTUAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELL'ANAGRAFE NAZIONALE

Dettagli

L'anno duemila il giorno del mese di.., nella residenza municipale del Comune di Caltanissetta in Corso Umberto I,

L'anno duemila il giorno del mese di.., nella residenza municipale del Comune di Caltanissetta in Corso Umberto I, ALLEGATO A Schema di Convenzione fra il Comune di Caltanissetta e Pubbliche Amministrazioni e Gestori di pubblico servizio, per il collegamento informatico e l'accesso ai dati anagrafici del Comune di

Dettagli

Circolare Ministero dell Interno 20 dicembre 2002, n. 29

Circolare Ministero dell Interno 20 dicembre 2002, n. 29 Circolare Ministero dell Interno 20 dicembre 2002, n. 29 Ministero dell'interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici N. 02007515-15100/366 Roma,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno EDITORIALE AI SINDACI Il nuovo software XML-SAIA del Sistema di Accesso ed Interscambio Anagrafico (SAIA) Caro Sindaco, a conclusione dei lavori del tavolo tecnico tra il Ministero dell Interno, Direzione

Dettagli

La consegna della CIE, con relativi codici Pin e Puk, deve avvenire, all'indirizzo indicato dal cittadino, entro sei giorni lavorativi.

La consegna della CIE, con relativi codici Pin e Puk, deve avvenire, all'indirizzo indicato dal cittadino, entro sei giorni lavorativi. AL VIA LA CARTA D IDENTITÀ ELETTRONICA CON LE IMPRONTE DIGITALI Diventa operativo il rilascio della tessera digitale che sostituirà quella cartacea. Si parte da alcuni comuni Diventa operativo, dopo quasi

Dettagli

DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005)

DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005) DECRETO MINISTERO DELL'INTERNO 2 agosto 2005 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 2005) MODIFICAZIONI AL DECRETO MINISTERIALE 19 LUGLIO 2000, RECANTE: "REGOLE TECNICHE E DI SICUREZZA

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 187 del 12 Agosto 2005

Gazzetta Ufficiale N. 187 del 12 Agosto 2005 Gazzetta Ufficiale N. 187 del 12 Agosto 2005 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 2 agosto 2005 Modificazioni al decreto ministeriale 19 luglio 2000, recante: «Regole tecniche e di sicurezza relative alla carta

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Prot. 2014/58231 Disposizioni di attuazione dell articolo 1 del decreto-legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 1990, n. 227, sostituito dall articolo 9, comma

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (10/2014)

Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (10/2014) Specifiche Tecniche e Funzionali Applicativo DIAGNOS PLUS (10/2014) Circolarità Anagrafica in Comuni sino a 100.000 abitanti Indice Scopo del Documento 1 DIAGNOS PLUS, lo scenario 1 DIAGNOS PLUS, a cosa

Dettagli

CentralixCallCenter Descrizione del sistema. Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl.

CentralixCallCenter Descrizione del sistema. Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl. CentralixCallCenter Descrizione del sistema Allinone1 Srl Piazza Roma, 2 - Santa Maria a Vico - 81028 (CE) - TEL. 0823 758929 info@allinonesrl.net 2 Descrizione del sistema Sommario Centralix 4 Introduzione

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

Assistente digitale per la Polizia Municipale

Assistente digitale per la Polizia Municipale NOTANGLE Assistente digitale per la Polizia Municipale Sistema informativo per la registrazione e la gestione dei preavvisi e dei verbali tramite dispositivo palmare Figura 1 è l'innovativa soluzione NoTangle

Dettagli

Operatore elettronico Standard della Figura nazionale

Operatore elettronico Standard della Figura nazionale Operatore elettronico Standard della Figura nazionale 33 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRONICO 6 Artigiani e operai specializzati

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA D.M. 27 aprile 2009 Nuove regole procedurali relative alla tenuta dei registri informatizzati dell'amministrazione della giustizia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 11 maggio 2009, n. 107. IL MINISTRO DELLA

Dettagli

Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma

Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma Carenza del personale presso gli uffici giudiziari e la diffusione degli invii telematici con il PCT La cronica carenza

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

PROCEDURE GESTIONE QUALITA CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI

PROCEDURE GESTIONE QUALITA CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare del Liceo Artistico Statale Paolo Candiani. INDICE: 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L'INNOVAZIONE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L'INNOVAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L'INNOVAZIONE DECRETO 20 giugno 2011 Modalita' di assorbimento della Tessera Sanitaria nella Carta nazionale dei servizi.

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale 27 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRICO 6 Artigiani e operai specializzati e agricoltori

Dettagli

PROGETTO TIMBRO DIGITALE

PROGETTO TIMBRO DIGITALE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Direzione generale degli affari generali e della società dell'informazione Servizio sistemi informativi regionali e degli enti PROGETTO TIMBRO DIGITALE Linee guida per

Dettagli

Camera dei Deputati Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe Tributaria

Camera dei Deputati Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe Tributaria Camera dei Deputati Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe Tributaria Indagine conoscitiva sull Anagrafe Tributaria nel contrasto all evasione fiscale Audizione del Direttore dell Agenzia

Dettagli

Introduzione al PCT. Vincenzo Gunnella. Roma 3 aprile 2014

Introduzione al PCT. Vincenzo Gunnella. Roma 3 aprile 2014 Introduzione al PCT Vincenzo Gunnella Roma 3 aprile 2014 Che cos è il PCT Una serie di servizi telematici per: Ufficio giudiziario Depositare atti e documenti Notaio Ricevere comunicazioni e notificazioni

Dettagli

Modulo gestione antiriciclaggio. Soggetti coinvolti

Modulo gestione antiriciclaggio. Soggetti coinvolti Modulo gestione antiriciclaggio Il modulo consente la completa gestione di tutti gli adempimenti previsti per i liberi professionisti dalla normativa vigente in materia di antiriciclaggio. In particolare

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ARCHIVIO UNITARIO REGIONALE ASSISTITI Specifiche di Sicurezza

ARCHIVIO UNITARIO REGIONALE ASSISTITI Specifiche di Sicurezza Pag. 1 di 5 VERIFICHE E APPROVAZIONI REDAZIONE CONTROLLO AUTORIZZAZIONE VERSIONE APPROVAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 Maurizio LOMBARDO 30/09/2009 Piero TIRAGALLO 30/09/2009 Piero TIRAGALLO

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca MIUR.AOODGSSSI.REGISTRO UFFICIALE(U).0002419.02-10-2014 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA)

COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA (PROVINCIA DI MESSINA) PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-2013 PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI PUNTI DI ACCESSO INFO-TELEMATICI PUBBLICI A SANTO STEFANO

Dettagli

SCHEDA DI MONITORAGGIO SULLE COMPETENZE ACQUISITE NEL PERCORSO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

SCHEDA DI MONITORAGGIO SULLE COMPETENZE ACQUISITE NEL PERCORSO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO SCHEDA DI MONITORAGGIO SULLE ACQUISITE NEL PERCORSO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO MODULO 1 interlocutori e sapersi relazionare con essi R P R NR DESCRITTORE DI COMPETENZA TECNICO - PROFESSIONALE R PR 4.

Dettagli

Servizio PCT. Guida all uso. www.accessogiustizia.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO

Servizio PCT. Guida all uso. www.accessogiustizia.it PROCESSO CIVILE TELEMATICO Guida all uso www.accessogiustizia.it Servizio PCT PROCESSO CIVILE TELEMATICO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche, con servizi

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati L art. 27 decreto legge 24 aprile 2014 n. 66, convertito con modificazioni dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, introduce significative

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 3 aprile 2013, n. 55 Regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche

Dettagli

SEMINARIO LEASING E NOLEGGIO OPERATIVO: SERVIZI FINANZIARI DI COMPAGNIA DELLE OPERE DI MILANO. Milano, 11 marzo 2015

SEMINARIO LEASING E NOLEGGIO OPERATIVO: SERVIZI FINANZIARI DI COMPAGNIA DELLE OPERE DI MILANO. Milano, 11 marzo 2015 SEMINARIO LEASING E NOLEGGIO OPERATIVO: SERVIZI FINANZIARI DI COMPAGNIA DELLE OPERE DI MILANO Milano, 11 marzo 2015 Premessa: Il ruolo di Compagnia delle Opere, i servizi finanziari Bisogno a cui risponde

Dettagli

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI I.T.C.S. ERASMO DA ROTTERDAM Via Varalli, 24-20021 BOLLATE (Mi) Tel. 023506460/75 Fax 0233300549 MITD450009 C.F. 97068290150 PROCEDURE GENERALI PER LA GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 10 GESTIONE DEI DOCUMENTI

Dettagli

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente Pag 1 di 16 RepairsLab Manuale Utente Per RepairsLab 1.0.4 Autore: Fabrizio Ferraiuolo Indice generale Introduzione...2 Installazione...2 Schermata principale...3 Configurazione...4 Configurazioni Base

Dettagli

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale Operatore amministrativo-segretariale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate economiche di riferimento:

Dettagli

Soluzione software per l archiviazione elettronica dei documenti

Soluzione software per l archiviazione elettronica dei documenti uadro www.starsoftware.it Tel. +39 041 998062 Per MS_Windows 95-98-NT-2K-ME-XP-VISTA Copyright 1997-2002 Aggiornato al 16/03/ 16.21 Versione Dimostrativa Star S.r.l. Via Verga 3/A, 30038 Spinea (VENEZIA)

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico OGGETTO: 1337 / 2014 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA GARA PER LA FORNITURA, L'INSTALLAZIONE,

Dettagli

Allegato 2. Scheda classificazione delle minacce e vulnerabilità

Allegato 2. Scheda classificazione delle minacce e vulnerabilità Allegato 2 Scheda classificazione delle minacce e vulnerabilità LEGENDA In questa tabella si classificano le minacce per tipologia e si indica l impatto di esse sulle seguenti tre caratteristiche delle

Dettagli

COMUNE DI GALLIPOLI Area delle Politiche territoriali ed Infrastrutturali

COMUNE DI GALLIPOLI Area delle Politiche territoriali ed Infrastrutturali APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE BANDO DEL 16/05/2013 QUESITO N. 19 inviato alla casella di posta elettronica indicata sul bando in data 11/07/2013. " si richiede il seguente

Dettagli

J-Autoparco è il sistema per la gestione completa della flotta veicoli aziendale che

J-Autoparco è il sistema per la gestione completa della flotta veicoli aziendale che J-Autoparco è il sistema per la gestione completa della flotta veicoli aziendale che permette di tenere sotto controllo le assegnazioni dei mezzi, i contratti, i pagamenti, le scadenze, le manutenzioni,

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

ENTRATEL E FISCONLINE. Materiale Didattico a cura dello Studio Pallino

ENTRATEL E FISCONLINE. Materiale Didattico a cura dello Studio Pallino ENTRATEL E FISCONLINE Materiale Didattico a cura dello Studio Pallino Utilizzare il Servizio Fisconline Il servizio Fisconline consente la trasmissione telematica dei documenti fiscali e la visualizzazione

Dettagli

P1548 UN MONDO NEL TUO MONDO

P1548 UN MONDO NEL TUO MONDO P1548 UN MONDO NEL TUO MONDO UN MONDO NEL TUO MONDO La Comun icazione ed i Servizi Il Mondo de Il Sole 24 ORE Attività Professionali e Gestionali La Gestione dello Studio Il Cliente al Centro dello Studio

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 8 15/07/2015 19:33 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 11 maggio 2015, n. 108 Regolamento recante l'istituzione dell'archivio informatico integrato, di cui si avvale l'istituto per la vigilanza

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

NOTE PER ELENCHI CLIENTI/FORNITORI anno 2007

NOTE PER ELENCHI CLIENTI/FORNITORI anno 2007 Rel. 03.06.00 NOTE PER ELENCHI CLIENTI/FORNITORI anno 2007 I programmi in esame consentono la creazione del file telematico contenente gli ELENCHI CLIENTI E FORNITORI (previsto dall'art. 37 c. 8 9 D.L.

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLE SABBIA AGGREGAZIONE

COMUNITA MONTANA VALLE SABBIA AGGREGAZIONE COMUNITA MONTANA VALLE SABBIA AGGREGAZIONE PER L ESERCIZIO DI FUNZIONI E SERVIZI NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE ATTIVATA DALLA COMUNITA MONTANA DI VALLE SABBIA All. 3 ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO COMUNE

Dettagli

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE La iscrizione all'aire e' obbligatoria se la durata prevista per il soggiorno all' estero e' superiore ai dodici mesi.

Dettagli

COMUNICATO. Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy

COMUNICATO. Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy COMUNICATO Vigilanza sugli intermediari Entratel: al via i controlli sul rispetto della privacy Nel secondo semestre del 2011 l Agenzia delle Entrate avvierà nuovi e più articolati controlli sul rispetto

Dettagli

ASSISTENZA ONLINE. La piattaforma informatica MUTA. Cosa è il Muta, cosa serve e a chi è rivolto. Perchè utilizzare Muta

ASSISTENZA ONLINE. La piattaforma informatica MUTA. Cosa è il Muta, cosa serve e a chi è rivolto. Perchè utilizzare Muta ASSISTENZA ONLINE La piattaforma informatica MUTA MUTA (Modello Unico Trasmissione Atti) è un sistema di servizi implementato e messo a disposizione da Regione Lombardia per tutti i soggetti coinvolti

Dettagli

Help Faith Agent 1. 1 Pannello di Controllo Faith Agent. Informazioni sul pannello di controllo Faith Agent

Help Faith Agent 1. 1 Pannello di Controllo Faith Agent. Informazioni sul pannello di controllo Faith Agent Help Faith Agent 1 1 Pannello di Controllo Faith Agent Informazioni sul pannello di controllo Faith Agent Attraverso il pannello di controllo è possibile accedere alle seguenti funzionalità accessorie

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

GUIDA PROGETTO SISS. 1. SISS Configurazione preliminare. Mediatec Informatica S.r.l. Calle Costa, 14 45017 Loreo (RO) Help Desk 800.192.

GUIDA PROGETTO SISS. 1. SISS Configurazione preliminare. Mediatec Informatica S.r.l. Calle Costa, 14 45017 Loreo (RO) Help Desk 800.192. Mediatec Informatica S.r.l. Calle Costa, 14 45017 Loreo (RO) Help Desk 800.192.700 1. SISS Configurazione preliminare GUIDA PROGETTO SISS Affinché siano attive tutte le funzionalità del progetto SISS,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACQUISIZIONE DEGLI APPARATI E L ATTIVAZIONE DELLE RETI PRESSO I COMUNI CIE COMITATO TECNICO PERMANENTE CIE

LINEE GUIDA PER L ACQUISIZIONE DEGLI APPARATI E L ATTIVAZIONE DELLE RETI PRESSO I COMUNI CIE COMITATO TECNICO PERMANENTE CIE LINEE GUIDA PER L ACQUISIZIONE DEGLI APPARATI E L ATTIVAZIONE DELLE RETI PRESSO I COMUNI CIE COMITATO TECNICO PERMANENTE CIE Schema dei flussi di interconnessione delle postazioni CIE e CNSD presso i Comuni,

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati 4.1.1.4

Dettagli

Rev. 06 del 16/09/2015 Versione 2.0.0

Rev. 06 del 16/09/2015 Versione 2.0.0 Rev. 06 del 16/09/2015 Versione 2.0.0 Indice generale PREMESSA... 3 UTILIZZO DELL'APPLICAZIONE... 3 ACCESSO AL SISTEMA... 4 MENU' PRINCIPALE... 4 BACHECA... 5 DOCUMENTI... 6 GESTIONE DOCUMENTO... 7 OPERAZIONI

Dettagli

PABI NOTE OPERATIVE ERRORI FORMALI

PABI NOTE OPERATIVE ERRORI FORMALI Pag. 1 di 14 INDICE INTRODUZIONE... 2 COME SI ACCEDE ALL ELENCO DEGLI ERRORI FORMALI E RELATIVA CORREZIONE... 3 COME CORREGGERE ERRORE FORMALE E STATO SUPERATO IL LIMITE DI 60 GIORNI... 14 QUANDO ESEGUIRE

Dettagli

E quanto stabilito nel recentissimo decreto firmato dal Ministro del Lavoro Sacconi, di integrazione del precedente decreto 31 marzo 2008.

E quanto stabilito nel recentissimo decreto firmato dal Ministro del Lavoro Sacconi, di integrazione del precedente decreto 31 marzo 2008. Fondi integrativi del Servizio Sanitario Nazionale nella Sanità privata Decreto Ministero Lavoro 08.11.2009 (Manuela Rinaldi) Costituzione dell Anagrafe dei Fondi, Casse enti e società di mutuo soccorso

Dettagli

PRIVACY WEB Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

PRIVACY WEB Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 PREMESSA... 3 OPERAZIONI PRELIMINARI... 4 MENÙ PRINCIPALE... 5 ANAGRAFE PERSONALE... 6 ANAGRAFE FORNITORI... 8 BANCHE DATI... 9 ELENCO... 9 GESTIONE... 10 INCARICHI... 12 ANALISI... 14 RISCHI... 14 REGISTRAZIONI...

Dettagli

Percorso Formativo C1

Percorso Formativo C1 1 Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Percorso Formativo C1 Modulo 1 Infrastrutture informatiche all'interno di un istituto scolastico

Dettagli

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione

Dettagli

Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria

Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria Cofinanziamento Fondi CIPE Progetto CST CUP J59H05000040001 Centro Servizi Territoriali (CST) Asmenet Calabria Convenzione per la costituzione di un Centro Servizi Territoriale tra la Regione Calabria

Dettagli

Regione Toscana. GeoSisma Documentazione tecnica Marzo 2011

Regione Toscana. GeoSisma Documentazione tecnica Marzo 2011 Faunalia piazza Garibaldi 5 56025 Pontedera (PI) info@faunalia.it + 0587-213742 p. IVA: 01772020507 Regione Toscana GeoSisma Documentazione tecnica Marzo 2011 Indice GeoSisma...1 Documentazione schematica

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI. Regole per la gestione del Profilo Anagrafico in AURA ALLEGATO

ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI. Regole per la gestione del Profilo Anagrafico in AURA ALLEGATO ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI Regole per la gestione del Profilo Anagrafico in AURA ALLEGATO Pagina 1 di 32 SOMMARIO Scopo...3 Storia del documento...3 Sezione 1 Gestione dei dati anagrafici

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/3 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

TITOLO DELLA PROCEDURA SISTEMA GESTIONE SEGNALAZIONI E RECLAMI PROCEDURA SISTEMA GESTIONE SEGNALAZIONI E RECLAMI

TITOLO DELLA PROCEDURA SISTEMA GESTIONE SEGNALAZIONI E RECLAMI PROCEDURA SISTEMA GESTIONE SEGNALAZIONI E RECLAMI TITOLO DELLA SEGNALAZIONI E RECLAMI REDAZIONE APPROVAZIONE CONDIVISIONE Aziende Sanitarie e Ospedaliere Area Metropolitana di Palermo Comitato Piano Attuativo Risk Management - CAVS - Comitato Consultivo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE V. E. MARZOTTO ALBO ON LINE

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE V. E. MARZOTTO ALBO ON LINE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE V. E. MARZOTTO Viale Carducci, 9-36078 Valdagno (VI) Telefono 0445/401007 E - mail Presidenza/Segreteria: vitf040005@istruzione.it - Codice Fiscale 85001430249 Sito internet

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE NORME UNI EN ISO 9001:2008 Pag. 1 di 5 Indice 1 SCOPO 2 CAMPO APPLICAZIONE 3 RESPONSABILITA' 4 PROCEDURA 4.1 Progetti di miglioramento 4.2 Azioni correttive e preventive Rev. Natura modifica 0 1 2 Prima

Dettagli

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO

Dettagli

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2010/184182 In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 1. Soggetti obbligati alla comunicazione 1.1 Sono obbligati alla comunicazione

Dettagli