Strategie ICT e ruolo del CRM a sostegno dell impresa minore : un caso di studio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie ICT e ruolo del CRM a sostegno dell impresa minore : un caso di studio"

Transcript

1 Strategie ICT e ruolo del CRM a sostegno dell impresa minore : un caso di studio M. Zifaro1 Abstract Il panorama economico e industriale italiano è costituito in prevalenza da piccole e medie imprese (PMI), caratterizzate dalla specializzazione delle funzioni, dalla scarsa formalizzazione dei compiti e dall accentramento del potere decisionale al vertice, la flessibilità dell organizzazione del lavoro e della produzione, la capacità di adattamento ai cambiamenti in condizioni di crescente complessità e dinamicità ambientale, la concentrazione del capitale di rischio nelle mani dell imprenditore e la capacità di sviluppare reti di relazioni interpersonali. Il lavoro poggia le sue basi sulla consapevolezza che la competitività delle PMI si può giocare ricorrendo, essenzialmente in maniera autonoma o combinata, a tre leve : la tecnologia; l'internazionalizzazione; la creazione di una rete; che conducono inevitabilmente a delle ripercussioni organizzative di cui è importante non sottovalutare le implicazioni. Questo contributo intende riflettere sul supporto offerto dalle tecnologie software, e più specificatamente il CRM, per aiutare la competitività delle PMI italiane a fronte alle tradizionali debolezze. Per rispondere ci si avvarrà dell'ausilio di un caso di studio tuttora in corso. Introduzione In un ambiente dinamico e complesso le PMI per rimanere competitive devono necessariamente espandere i mercati di riferimento, fidelizzare i clienti, aumentare l'efficienza. Per quanto concerne il primo elemento il mercato sempre più globale fa sfumare le distanze geografiche le barriere all'ingresso si sono ridimensionate e la tecnologia ha fornito nuove opportunità. Con riferimento al secondo punto il cliente è diventato più esigente, meno fedele e più informato e per questo motivo è sempre più importante porre in essere un trattamento differenziato che non si basi solo sulla soddisfazione di un bisogno ma piuttosto di un desiderio. In ultimo le 1 Università di Pisa, Facoltà di Economia, Dipartimento di Economia Aziendale E. Giannessi, Pisa, Italia,

2 PMI devono incrementare l'efficienza dovuta alla competizione, con un maggior gioco di squadra all'interno del quale le informazioni devono circolare più velocemente. Le organizzazioni possono ottenere un vantaggio affinando la capacità di interpretare l'ambiente, immaginare come sarà il futuro e valutare rapidamente le nuove idee e situazioni che consentono di soddisfare la clientela. Le tecnologie a disposizione accrescono la capacità di elaborazione delle informazioni e riducono conseguentemente i vincoli tecnici per la loro implementazione in azienda [1]. Tra i vari sistemi ai quali l'azienda può far riferimento è possibile ricordare la Customer Relationship Management (CRM), la Product Lifecycle Management (PLM) e la Business Intelligence (BI). Il paper si articola essenzialmente in tre punti. Nel primo dopo, aver esaminato alcune peculiarità del CRM introduce il quadro teorico di riferimento e la metodologia utilizzata per l interpretazione del caso, nel secondo si presenta il caso di studio ed infine si riflette sui risultati tenendo conto che lo studio è tuttora in corso di analisi. Il CRM: alcune riflessioni Il concetto di CRM si lega al concetto di fidelizzazione dei clienti in quanto affinchè un'impresa riesca a rimanere competitiva sul mercato deve necessariamente stabilire delle relazioni durevoli che tengano conto dei valori del cliente, dell'ambiente e dei concorrenti. Il CRM si direziona essenzialmente secondo quattro direzioni differenti e separate. l'acquisizione di nuovi clienti; l'intensificarsi delle relazioni con i clienti più significativi; la fidelizzazione dei clienti; la trasformazione degli attuali clienti in forme pubblicitarie indirette che parlando bene dell'azienda incoraggiano altri potenziali clienti ad avvicinarsi ad essa. Il CRM basa il suo utilizzo su un unico data base evitando la duplicazione delle informazioni e ne consentendone un utilizzo razionale ed omogeneo. Il CRM è al contempo un sistema di raccolta e di analisi dei dati. Questo strumento facilita la trasformazione dei dati in informazioni e supporta le decisioni in relazione agli obiettivi che l'impresa deve perseguire per sostenere la propria competitività [2]. La tecnologia CRM assume sempre più importanza in quanto consente di mantenere un migliore controllo di tutte le fasi del processo di vendita e di fidelizzazione facilitando la relazione uno a uno fra l'organizzazione e il singolo consumatore. Il sistema CRM comporta necessariamente un livello di integrazione tra più funzioni aziendali e per questo motivo è importante valutare le implicazioni sul piano strategico e organizzativo. Il sistema pone il cliente al centro della operatività di tutte le funzioni aziendali con le quali entra in contatto. A fronte di ciò si può

3 notare come la catena del valore si modifica con l'introduzine di funzioni Customer, capaci di ascoltare, interpretare i bisogni dei clienti in modo tale da riuscire ad anticipare lo sviluppo di prodotti/servizi costruiti su misura ed erogati attraverso canali più idonei[3]. Per conseguire una fedeltà da parte del cliente è necessario gestire il ciclo di vita della relazione facendosi carico di rilevanti investimenti tecnologici, organizzativi e commerciali necessari per accrescere il valore offerto. Quadro teorico e Metodologia della ricerca Le aziende necessitano sempre più in tempo reale delle informazioni relative ai clienti indipendentemente dalla loro localizzazione geografica. Per far ciò un prerequisito importante è quello di conoscere il cliente per cercare di vedergli quanti più prodotti possibile nel corso del suo ciclo di vita. Il lavoro poggia le sue basi sulla consapevolezza della caduta, anche per le PMI, dello one best way e sul fatto che la competitività si può giocare ricorrendo, essenzialmente in maniera autonoma o combinata, a tre leve : la tecnologia; l'internazionalizzazione e la creazione di una rete, che conducono inevitabilmente a delle ripercussioni organizzative di cui è importante non sottovalutare le implicazioni, anche perchè decisive per valorizzare le potenzialità proprie delle leve indicate. Si può quindi affermare che la tecnologia, l'internazionalizzazione e la creazione di una rete rappresentano una delle sfide che il sistema industriale italiano deve affrontare nel prossimo futuro in un'ottica di competitività. Alla luce degli studi in materia questo contributo intende riflettere sul supporto offerto dalle tecnologie software cercando di rispondere, con l'aiuto di un caso di studio, alla seguente domanda di ricerca: in un mercato globale come può la tecnologia, e più specificatamente il CRM, aiutare la competitività delle PMI italiane a fronte alle tradizionali debolezze culturali, finanziarie e manageriali? Per far ciò si rifletterà sul fatto che un azienda per rimanere competitiva sul mercato possa implementare al suo interno un sistema di CRM che diventa un nuovo modo di porsi nei confronti del mercato e dei propri clienti, nonché un nuovo modo di lavorare all'interno dell'organizzazione. L'utilizzo di questo strumento consente ad essa di non essere più strettamente legata solo al contesto territoriale di origine del quale conosce la clientela. Il metodo di ricerca utilizzato è essenzialmente qualitativo. Si è seguito un approccio di tipo deduttivo, integrato dalla letteratura più significativa nell'ambito della gestione dei sistemi informativi sotto il profilo organizzativo. Sulla base di ciò è stato sviluppato il seguente disegno di ricerca: analisi della letteratura sull'importanza dell'it a supporto del processo decisionale;

4 definizione della domanda di ricerca; definizione del campione di analisi e giustificazione di rilevanza rispetto al problema indagato; raccolta dei dati attraverso il ricorso a fonti primarie e secondarie; codificazione ed analisi dei dati per verificare sul campo la validità dell'ipotesi; interpretazione dei risultati; riflessioni sulla base delle interpretazioni ottenute. La ricerca empirica in corso ci ha consentito di indagare maggiormente sui meccanismi di attivazione delle risorse aziendali in chiave di utilizzo di alcune metodologie informatiche a supporto delle scelte decisionali[4]. La raccolta dei dati oggetto di indagine si è avvalsa di un'analisi multiprospettica grazie alle diverse fonti informative reperibili. In questo modo il ricorso a più strumenti ha consentito di recuperare i dati necessari evitando di focalizzarsi su un solo metodo di ricerca, escludendo così la portata cognitiva degli altri. Le fonti combinate tra loro per validare il processo di analisi, possono essere sintetizzate [5] nell analisi dei documenti interni, nell esame dei data base e dei materiali presenti nell archivio delle aziende e nella somministrazione di questionari ai principali attori aziendali i cui risultati sono stati elaborati analizzando le frequenze nelle risposte e le medie statistiche. Una delle chiavi di lettura possibili è rappresentata dalla teoria della dipendenza dalle risorse secondo la quale con il crescere dell'incertezza ambientale, la pianificazione e la previsione diventano necessarie. Riuscire ad ottenere le informazioni può essere un modo per ridurre le minacce, attenuando l incertezza che deriva dalla presenza della concorrenza e dalla necessità di soddisfare la clientela. La riflessione deriva dal fatto che le aziende sono sempre più consapevoli che la gestione delle informazioni rappresenta una risorsa primaria e che la tecnologia a supporto dell'informazione, in un'ottica di globalizzazione dei mercati, e dei sistemi aziendali complessi assume una dinamica strategica. Attraverso le informazioni generate dal CRM l impresa può ottenere le indicazioni che derivano da un ambiente mutevole. Non bisogna dimenticarci che l'investimento dell'azienda in una struttura tecnologica deve essere finalizzato a generare una posizione competitiva sul mercato che perduri nel tempo. A tal proposito è possibile ricordare che una delle motivazioni che favoriscono l'adozione dell'ict all'interno dell'azienda è dato dal valore percepito dal management in relazione alle potenzialità che conseguono dal suo utilizzo. Secondo lo Strastegic necessity hypothesis, le tecnologie informatiche da sole non hanno valore, se non quando sono impiegate in un processo di cambiamento strategico. Se l'imprenditore percepisce di poter raggiungere una maggiore competitività sul mercato, grazie ad un investimento sul Sistema Informativo Aziendale (SIA) sarà favorevole ad una sua adozione. La letteratura fa riferimento al modello di accettazione della tecnologia di Davis secondo il quale l'implementazione dell'ict nelle organizzazioni è sostanzialmente influenzato

5 da due variabili: l'utilità e la facilità d'uso percepita 2. Questi due fattori influenzano l'intenzione di utilizzo di una data tecnologia indirettamente tramite l'opinione sviluppata dall'utente relativamente all'utilizzo della stessa. Nasce nel 1986 il Technology Acceptance Model che cerca di individuare e definire le variabili che maggiormente influenzano i comportamenti relativi all'utilizzo delle tecnologie informatiche. Per verificare ciò si è ricorso anche alla partecipazione alle riunioni formali, la creazione di rapporti informali e non pianificati, le visite pianificate nelle aziende. A supporto di ciò le fonti secondarie hanno permesso di raccogliere informazioni generali sull'organizzazione. Un primo questionario è stato strutturato con la formulazione di domande che hanno indagato sulla valutazione della conoscenza dei principali benefici organizzativi e gestionali che derivano dall'utilizzo di un sistema CRM e sull'analisi della possibile resistenza del vertice aziendale al cambiamento organizzativo in seguito all'implementazione della nuova tecnologia. Il caso di studio L esperienza di ricerca empirica, in corso coinvolge le aziende appartenenti al settore nautico, localizzate territorialmente nella Provincia di Pisa. Il campione oggetto di indagine è composto da sei PMI rispetto ad un universo di quindici. Le aziende vantano una lunga tradizione nel settore confermata anche dall anno di costituzione che spazia dal 1935 al 2007; il settore gode di un riconoscimento a livello internazionale per la qualità dei prodotti ed il fatturato medio della commessa è in media 11,27 milioni di euro a fronte di una presenza media di dipendenti pari a 47. Le aziende presentano i tratti tipici della produzione del lusso, racchiudendo nel marchio made in Italy i suoi principali motivi di successo ossia la garanzia di stile, la qualità e l unicità del prodotto. L importanza della produzione toscana a livello mondiale attribuisce rilevanza al campione poiché quasi 1/3 della produzione mondiale di grandi imbarcazioni si concentra nel tratto di costa che va da La Spezia a Grosseto. Un aspetto importante per lo sviluppo dei cantieri è legato alla posizione geografica tra Viareggio e Livorno da sempre distinti per la produzione nautica sia a livello nazionale sia internazionale 3. La can- 2 Gli studi che fanno capo a questo filone si focalizzano sul "sistema tecnologico" utilizzato e sulla sua "utilità" da parte degli attori coinvolti. Secondo questo modello la scelta di adozione è determinata dall'intenzione comportamentale che non dipende direttamente dalle tendenze e dalle scelte di adozione da parte delle altre aziende 3 Viareggio vanta una lunga tradizione per la costruzione di imbarcazioni di lusso, mentre Livorno è uno dei porti mercantili più importanti del Mediterra-

6 tieristica da diporto pisana ha registrato negli ultimi anni un trend di crescita che le ha consentito di divenire uno dei settori di punta dell'economia territoriale. La fase del progetto in corso parte dall'analisi del flusso informativo ideale relativo al processo di pre-vendita, vendita e post-vendita delle aziende facenti parte del campione. Successivamente a ciò, è stata svolta una seconda indagine mediante la realizzazione di interviste in profondità rivolte a coloro che si occupano, a vari livelli, della funzione vendita che ha consentito di indagare il grado di sensibilità verso il ricorso a nuove metodologie di lavoro che si affiancano all'utilizzo della tecnologia vista come un supporto. Riflessione sui risultati Le imprese sono spesso consapevoli che la tecnologia rappresenta un supporto poichè svolge un ruolo portante nella comprensione analitica del funzionamento aziendale sia dal punto di vista strategico sia tattico ed operativo. Essa "partecipa" alla realizzazione delle strategie con cui le aziende impostano la creazione del vantaggio competitivo. Dai colloqui informali e dall analisi del questionario somministrato è emerso che è presente un approccio artigianale. L imprenditore conosce il cliente e tende ad accentrare su se stesso il potere decisionale e quindi coordinare e gestire, nel limite del possibile gli aspetti che interessano l'azienda. La mentalità artigianale può rappresentare un limite ad uno sviluppo armonioso ed equilibrato dell azienda che opera in ambienti sempre più competitivi. A tal proposito si può affermare che lo sviluppo del settore è avvenuto fino ad oggi attraverso processi spontanei, piuttosto che in base ad una programmazione ben definita. Le imprese, ad esempio, non ricorrono a strumenti formalizzati di misurazione della customer satisfaction e il fatto che il cliente ritorni a servirsi dell'azienda o ne indichi il nome ad altri potenziali clienti è spesso l'unico elemento di valutazione a disposizione. Dai questionari è emerso che sebbene l area geografica di sbocco della produzione interessi oltre che l Italia anche il resto del mondo le aziende non presentano un servizio post vendita sviluppato ed organizzato che consenta la trasformazione delle informazioni in conoscenza utile al business. A tal proposito conoscere e diffondere presso le aziende i sistemi CRM contribuirebbero ad ottimizzare le relazioni con i clienti integrando capacità di marketing, vendite e service. Dai diversi colloqui è emersa chiaramente la consapevolezza che poter contare sulla fidelizzazione della clientela significa avere clienti più profittevoli, che asneo. La Darsena Pisana è situata in prossimità del nodo ferroviario, dell'autostrada e dell aeroporto Galilei Galilei e, a differenza di Viareggio, dispone ancora di ampi spazi in grado di garantire la produzione di imbarcazioni con una lunghezza dai 40 ai 70 metri.

7 sorbono meno tempo, che sono meno sensibili al prezzo e che diventano una fonte di pubblicità indiretta che porta nuovi clienti. Il management, a differenza del passato, è consapevole che l'informazione rappresenta per l'azienda una forma di risorsa primaria che consente di ridurre l'incertezza ambientale. Le informazioni gestite con l'ausilio di sistemi di CRM consentono di affrontare i problemi connessi alla soddisfazione e fidelizzazione della clientela in un'ottica di globalizzazione dei mercati e nei sistemi aziendali complessi [6]. Il SIA da occasionale diventa sistemico e consente alle PMI di utilizzare le conoscenze per operare nei mercati esteri. Se i dati relativi alla clientela fossero interpretati alla luce dei dati aziendali e di mercato si contribuirebbe a creare valore aggiunto alle organizzazioni in un'ottica di competitività. Al fine di evitare un insuccesso del progetto sono in fase di analisi le possibili resistenze alla luce del già citato modello di accettazione della tecnologia di Davis. A tal proposito sono state progettate numerose giornate di formazione durante le quali particolare cura è stata riservata al fronte operativo di questo insieme di attività che si identifica nel CRM al fine di abbattere le possibili resistenze che possono sorgere. Gli imprenditori hanno capito l'importanza di trattare i clienti diversi in maniera diversa, di attivare un rapporto una impresa un cliente, mettendo al primo posto la gestione dell'informazione con il cliente in modo tale da riuscire ad interpretare gli input che provengono dall'ambiente. Dalle riflessioni con i soggetti economici sono emersi essenzialmente due gruppi di benefici del CRM: un aumento del profitto attraverso una efficacia dei processi che si realizza focalizzando la forza di vendita sui clienti più profittevoli e responsabilizzando l'area di vendita e marketing; e un aumento del profitto attraverso una efficienza dei processi che si raggiunge accorciando la durata del ciclo di vendita, riducendo il costo per la vendita, riducendo i costi di transazione, aumentando la produttività e la proattività delle aree marketing, vendita e assistenza e risolvendo i problemi del cliente in modo rapido. Considerazioni di sintesi Il paper privilegia la metodologia qualitativa ha raccolto le informazioni da un campione limitato di questo settore. Poiché il progetto è tuttora in corso siamo in grado di dare una parziale risposta alla domanda di ricerca. Sebbene l imprenditore abbia capito che i clienti non possono più essere gestiti secondo l esperienza e l intuito in quanto ciò è molto pericoloso e gli espone alla concorrenza risulta incapace di implementare un sistema CRM all interno della sua organizzazione in quanto non ha le competenze necessaria ad una sua gestione e non è in grado di andare oltre il convincimento teorico. Per superare questo ostacolo il gruppo di studio ha ipotizzato delle soluzioni che tengono conto delle diverse esi-

8 genze e della cultura di coloro che operano all interno delle PMI. Si è pensato ad esempio di ricorrere ad un CRM accentrato gestito da una società appositamente costituita. Le imprese che decidessero di aderire costituirebbero un network risulterebbe governato, per quanto riguarda l ICT, da un unico soggetto economico, l azienda di servizi. La sua mission sarà, in primis, quella di gestire il funzionamento del CRM offrendo un servizio che supera la mera consulenza informatica, poiché si occuperebbe anche di tutto ciò che concerne il marketing e la commercializzazione dei prodotti nel senso più ampio del termine. L azienda di servizi, i l cui capitale è in parte pubblico, diventa uno strumento in grado di supportare le scelte strategiche delle aziende facenti parte del network. Questo è possibile poichè conosce il settore e le aziende. Al di là della struttura giuridica formale, quello che è importante rilevare è l'esistenza di una impresa capofila che gestendo il CRM in modo accentrato riuscirebbe a monitorare i risultati conseguiti dalle a- ziende del network. Tutto ciò contribuirà al potenziamento delle capacità di innovazione e di sviluppo delle competenze manageriali che faciliteranno un efficace governo delle imprese [7] giungendo ad un consolidamento del patrimonio tecnico e produttivo esportabile al di fuori dei confini geografici delle aziende localizzate nel distretto. Questo lavoro rappresenta un primo tentativo di stimolare il dibattito e orientare gli ulteriori approfondimenti della ricerca sull'importanza di conoscere e gestire la clientela anche con riferimento al diversity management come una nuova opportunità di valorizzazione delle differenze culturali esistenti tra i diversi clienti che appartengono a paesi diversi. References 1. Ciborra C. (1989), Tecnologie di coordinamento, Milano, Franco Angeli.. 2..De Marco M. (2004), Le metodologie di sviluppo dei sistemi informativi, Milano, Franco Angeli. 3..De Vita P., Mercurio R. (1997), Il marketing e la commercializzazione in Costa G Nacamulli R.C.D. (a cura di) Manuale di Organizzazione Aziendale, Volume 3, I processi, i sistemi e le funzioni aziendali, Torino, UTET. 4..Pennarola F. (2005), Tecnologie per l'informazione, organizzazione e sistemi informativi: l'impatto sulle performance aziendali, Sinergie, Lofland J., Snow D., Anderson L. et al. (2006), Analyzing social Settings: A guide to Qualitative Observation and analysis. Fourth edition, Belmont, CA: Wadsworth Publishing.. 6. Padroni G. (2000), Aspetti della complessità e sensibilità postmoderna: peculiarità nell azienda minore in Maggi B., (a cura di) Le sfide organizzative di fine e inizio secolo. Tra postfordismo e deregolazione, Milano, Etas.. 7. Visconti L.M., (2005), Multiethinic human resources: Managing diversity within the firm, ticonzero, n.58.

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli