Le basi razionali nel trattamento della BPCO stabile e riacutizzata. Fernando De Benedetto - Chieti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le basi razionali nel trattamento della BPCO stabile e riacutizzata. Fernando De Benedetto - Chieti"

Transcript

1 Le basi razionali nel trattamento della BPCO stabile e riacutizzata Fernando De Benedetto - Chieti

2 Ed.: novembre 2012

3 Definizione La BPCO è una condizione patologica dell apparato respiratorio caratterizzata da ostruzione del flusso aereo, cronica e parzialmente reversibile, cui contribuiscono in varia misura alterazioni bronchiali (bronchite cronica), bronchiolari (condizione patologica delle piccole vie aeree) e del parenchima (enfisema polmonare). La BPCO è causata dall inalazione di sostanze nocive, soprattutto fumo di tabacco, che determinano, con vari meccanismi, un quadro di infiammazione cronica. Clinicamente si manifesta con tosse e catarro cronici, dispnea e ridotta tolleranza all esercizio fisico, La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

4 Le basi razionali del trattamento Pertanto la premessa fisiopatologica contenuta nella definizione della BPCO, cioè l individuazione del meccanismo responsabile dell ostruzione cronica del flusso aereo, che può essere unico oppure il risultato della combinazione di lesioni diverse e variabili per sede, tipo ed estensione (bronchite cronica, malattia delle piccole vie aeree, enfisema polmonare), rappresenta la base per il suo trattamento razionale. Questo tipo di approccio necessita di competenze e di strumenti diagnostici peculiari dello pneumologo che è quindi lo specialista di riferimento per il medico di medicina generale per la gestione corretta di questa patologia.

5 Fisiopatologia La riduzione del calibro delle vie aeree riconducibile a fenomeni di infiammazione, ipersecrezione mucosa e rimodellamento, e la distruzione parenchimale polmonare con conseguente diminuzione della pressione di ritorno elastico, contribuiscono a determinare: - Iperinsufflazione polmonare statica (aumento del volume di equilibrio elastico toraco-polmonare a causa della riduzione della forza di retrazione elastica del polmone); - Iperinsufflazione polmonare dinamica (ulteriore aumento del volume di fine espirazione ad un volume più elevato di quello corrispondente al punto di equilibrio elastico statico); - Maldistribuzione e disparità del rapporto ventilazione-perfusione. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

6 Fisiopatologia respiratoria Meccanica respiratoria

7 TLC MVV Health VC IC EELV RV TLC VC EELV MVV IC COPD RV

8 Corrispettivi clinici del danno funzionale L ostruzione cronica del flusso aereo determina un progressivo declino della funzione polmonare che limita la vita quotidiana del paziente: - dispnea ( ) - capacità di esercizio ( ) - riacutizzazioni (+ frequenti) - ospedalizzazioni ( )

9

10 L obiettivo terapeutico nella BPCO è la broncodilatazione/desufflazione Pocket Guide Gold 2010 Bronchodilators are the cornerstone of pharmacological management of COPD Cazzola et al. PP&T 24(1):

11 The main objectives of managing COPD are a reduction in the severity of symptoms and the prevention of exacerbations Bronchodilator therapy is central to the management of COPD. J.A. Wedzicha, NEJM 2011; 364:

12 ll ruolo centrale della limitazione al flusso aereo nella BPCO BPCO Esercizio Riduzione del flusso espiratorio Air trapping Iperinsufflazione Esacerbazioni Decondizionamento Il trattamento Affanno con broncodilatatori migliora il controllo Qualità dei della sintomi vita e degli Inattività outcome clinici Ridotta tolleranza all esercizio Disabilità Progressione della malattia Morte Celli et al., Chest 2003;124; , Mahler, Eur Respir Rev 2004;13:89,45-49

13 Beta-agonisti a lunga durata d azione I farmaci beta-agonisti aumentano l AMP-ciclico intracellulare e provocano broncodilatazione attraverso il rilasciamento della muscolatura liscia bronchiale Nei pazienti con sintomatologia persistente sono indicati farmaci a lunga durata d azione Da circa 15 anni sono disponibili il salmeterolo e il formoterolo, somministrabili due volte al giorno Alle dosi raccomandate i due LABA sono ugualmente efficaci, essendo il SAL più prolungato e il FOR più pronto Più recentemente è stato introdotto l Indacaterolo (ultralaba) la cui azione broncodilatatrice è precoce e dura 24 ore

14 Anticolinergici a lunga durata d azione Agiscono bloccando i recettori muscarinici e producendo broncodilatazione Il tiotropio è un anticolinergico a lunga durata d azione che ha dimostrato di essere in grado di: Indurre broncodilatazione prolungata e riduzione della iperinflazione polmonare Migliorare la dispnea Ridurre le riacutizzazioni Migliorare la QoL

15 Effetti della broncodilatazione a lungo termine Miglioramento dei sintomi diurni e notturni Miglioramento della funzione ventilatoria Riduzione dell uso di farmaci al bisogno Miglioramento del 6MWT Miglioramento della capacità di esercizio fisico Miglioramento della QoL

16 Efficacia della terapia broncodilatatrice Il più importante effetto della terapia broncodilatante non è la variazione del FEV 1, relativamente modesta, ma la modificazione dei volumi polmonari (riduzione del Volume Residuo) correlata al rilasciamento della muscolatura liscia bronchiale: ne consegue una attenuazione della sintomatologia dispnoica ed un ritardo della iperinsufflazione polmonare durante lo sforzo fisico. Belman MJ et al; AJRCCM 1996

17 Choice of Bronchodilator Therapy for Patients with COPD The main objectives of managing COPD are a reduction in the severity of symptoms and the prevention of exacerbations Bronchodilator therapy is central to the management of COPD. This treatment produces modest increases in lung function as measured by spirometry and a reduction in the dynamic hyperinflation that leads to the dyspnea of COPD in patients with persistent symptoms, long acting bronchodilators provide more uniform relief treatment with LABA or LAMA, in addition to decreasing the frequency of exacerbations in patients with severe disease, also reduce exacerbations in patients with moderate COPD The NICE of England and Wales, in its 2010 update of COPD treatment guidelines, came to the conclusion that there was no evidence to favor one treatment over another J.A. Wedzicha, NEJM 2011; 364:

18 Sulla base di evidenze emerse dagli studi TORCH e UPLIFT il declino funzionale sembra essere più pronunciato nei pazienti moderati rispetto ai pazienti più gravi, avvalorando quindi il concetto che i maggiori benefici si ottengono con un intervento farmacologico negli stati precoci della malattia. Una terapia di fondo precoce ed intensiva sembra rallentare maggiormente il declino rispetto ad una terapia solo sintomatica.

19

20

21

22

23 Analisi post-hoc dell effetto di FP/Salmeterolo per livello di gravità della BPCO I dati sull efficacia della combinazione FP/Salm nei pazienti dei diversi stadi GOLD, in particolare dello stadio moderato GOLD II, sono scarsi Lo studio TORCH offre l opportunità di esplorare l efficacia e la sicurezza della combinazione FP/salmeterolo e dei singoli componenti in pazienti con BPCO di diversa gravità secondo la classificazione GOLD.

24 ANALISI POST-HOC DELL EFFETTO DI SFC PER LIVELLI DI GRAVITÀ DELLA BPCO CR Jenkins et al. Respiratory Research 2009; 10:59 NNT=28

25 UPLIFT: Ridotto Declino funzionale nelle classi I e II Non diversità tra farmaco e placebo sul declino del FEV1 nella popolazione in toto Tashkin D P et al N Engl J Med october 9, 2008 Vol 359; N 15 pp

26 COPD in young patients: a pre-specified analysis of the 4-year trial of tiotropium (UPLIFT) Post-hoc analysis of 356 patients with COPD aged < 50 years from the 4 year randomised, double blind placebo controlled UPLIFT trial. Younger patients had a mean FEV1 of 1.24 L (39% predicted) and an impaired health-related quality of life (SGRQ)) compared to the entire UPLIFT population. There were 40.2% women and 51.1% current smokers in the younger age group. Tiotropium was associated with a sustained improvement in spirometry and SGRQ. Mean decline in post-bronchodilator FEV1 was 58 ml/ year (placebo) vs. 38 ml/year ( tiotropium ) ( p = 0.01). Corresponding values for pre-bronchodilator FEV1 were 41 ml/year ( placebo ) compared with 34 ml/year (tiotropium) ( p = 0.34). The hazard ratio (95%CI) for an exacerbation in the younger age group was 0.87(0.68, 1.13)). The rate of exacerbations was reduced by tiotropium (rate ratio (95%CI) Z= 0.73(0.56, 0.95)). Morice AH et Al. Respir Med Nov;104(11):

27

28

29 Terapia farmacologica È ampiamente dimostrato che la terapia farmacologica regolare nella BPCO può migliorare la funzione respiratoria e la tolleranza all esercizio fisico. Inoltre, la terapia farmacologica può rallentare il decadimento funzionale e diminuire la frequenza e la gravità delle riacutizzazioni e il numero delle conseguenti ospedalizzazioni. La priorità nella terapia farmacologica della BPCO è rappresentata dalla broncodilatazione. I farmaci broncodilatatori a lunga durata d azione, somministrati per via inalatoria, sono la prima scelta per la terapia regolare della BPCO stabile. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

30

31 Ossigenoterapia e terapia non farmacologica Gli stadi più avanzati e gravi della BPCO sono accompagnati spesso da insufficienza respiratoria caratterizzata da ipossiemia arteriosa che determina riduzione della sopravvivenza allorché raggiunge valori inferiori ai mmhg. In questi casi è necessaria, per il paziente, la ossigenoterapia continua a lungo termine (OLT). Le persone con BPCO e insufficienza respiratoria cronica che presentino frequenti riacutizzazioni e necessitino di ripetuti ricoveri ospedalieri e/o mostrino una chiara tendenza all ipercapnia possono beneficiare di un trattamento ventilatorio cronico non invasivo (NIV), dopo opportuna valutazione specialistica. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012 Documento intersocietario congiunto: ediz. Settembre 2011

32 Terapia non farmacologica La riabilitazione respiratoria (RR) migliora la dispnea, la tolleranza allo sforzo e la qualità della vita nei soggetti affetti da BPCO. La RR sembra in grado di ridurre l utilizzo di risorse sanitarie, probabilmente diminuendo la durata delle ospedalizzazioni e gli accessi al Servizio Sanitario non programmati. Per migliorare la funzionalità polmonare, in pazienti selezionati, è possibile ricorrere anche a tecniche chirurgiche come la bullectomia ed alla riduzione di volume polmonare per via endoscopica o per VATS La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

33 The present study confirmed FEV1 was significantly improved at these longer time-points; supplemental oxygen requirements, 6MWT and MRW were also improved... These results were clearly more marked in the group of patients with visible fissures at HRCT.

34

35 Indicazioni e raccomandazioni alla terapia della BPCO stabile 1. Accertare la diagnosi di BPCO sulla base dell analisi dei fattori di rischio, della sintomatologia, della dimostrazione spirometrica di ostruzione persistente al flusso aereo, del quadro clinico complessivo e di eventuali ulteriori indagini di funzionalità respiratoria. 2. Attivare provvedimenti per la cessazione dell abitudine al fumo di tabacco. 3. Raccomandare il cambiamento degli stili di vita e in particolare: - alimentazione equilibrata e controllo del peso; - attività fisica; - incoraggiamento alla socializzazione. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

36 Indicazioni e raccomandazioni alla terapia della BPCO stabile 4. La scelta terapeutica deve essere adeguata per il singolo paziente e guidata dalla gravità del quadro clinico, considerato nel suo complesso di sintomi, funzione respiratoria, complicanze, comorbilità e dalle caratteristiche individuali (fenotipo) della persona che ne è affetta. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

37 Indicazioni e raccomandazioni alla terapia della BPCO stabile 5. Nelle persone con diagnosi di BPCO che abbiano sintomi quali ad esempio la ridotta tolleranza all esercizio fisico e/o dispnea da sforzo (> grado 1 MMRC), anche in presenza di un FEV1 prebroncodilatatore >80% del valore teorico si può considerare il trattamento con farmaci broncodilatatori. 6. Nelle persone sintomatiche con diagnosi di BPCO e FEV1 pre-broncodilatatore <80% del valore teorico attuare il trattamento regolare e continuativo con un broncodilatatore a lunga durata d azione (salmeterolo, formoterolo, tiotropio, indacaterolo) per via inalatoria. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

38 Indicazioni e raccomandazioni alla terapia della BPCO stabile Nel paziente in trattamento farmacologico regolare, ad ogni visita programmata valutare: - la corretta e regolare assunzione della terapia inalatoria; - la variazione dei sintomi ed in particolare, la tolleranza all esercizio fisico e la dispnea da sforzo; - le modificazioni della funzione polmonare in termini non solo di FEV1 e di volumi polmonari; - la frequenza con cui la persona ricorre a broncodilatatori a breve durata d azione; - la frequenza e gravità degli episodi di riacutizzazione; - la frequenza e la durata degli episodi di ospedalizzazione; - gli eventuali eventi collaterali e/o avversi. Nel caso di risultato giudicato insoddisfacente in termini di sintomatologia e/o funzionalità polmonare da parte della persona con BPCO e/o dal medico curante, considerare: - l aumento della dose del singolo broncodilatatore se e come previsto nella scheda tecnica del farmaco in uso; - l aggiunta di un secondo broncodilatatore a lunga durata d azione, con meccanismo d azione differente; - l aggiunta di un corticosteroide per via inalatoria, nei pazienti con frequenti riacutizzazioni. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

39 Indicazioni e raccomandazioni alla terapia della BPCO stabile 7. Nei pazienti con BPCO, sintomatici nonostante l uso regolare di broncodilatatori a lunga durata d azione, con FEV1 pre-broncodilatatore inferiore al 60% del valore teorico e storia di frequenti riacutizzazioni ( 2/anno), considerare l associazione LABA+CSI. L utilizzo della combinazione fissa può migliorare significativamente l aderenza del paziente alla terapia. 8. L associazione LAMA+LABA+CSI, in pazienti sintomatici con FEV1<60% del valore teorico ha migliorato la funzione ventilatoria e la qualità della vita e ridotto il numero di ospedalizzazioni, senza tuttavia ridurre il numero totale delle riacutizzazioni. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

40 Indicazioni e raccomandazioni alla terapia della BPCO stabile 9. In pazienti con diagnosi BPCO, sintomi di bronchite cronica, FEV1<50% e frequenti riacutizzazioni (>2), l aggiunta di un inibitore delle fosfodiesterasi-4 (roflumilast) alla terapia regolare con broncodilatatori a lunga durata d azione (LAMA o LABA) migliora la funzione ventilatoria e riduce la frequenza delle riacutizzazioni. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

41 Effect of Beta Blockers in Treatment of COPD A Retrospective Cohort Study Beta-blockers may reduce mortality and COPD exacerbations when added to established inhaled stepwise therapy for COPD, independently of overt cardiovascular disease and cardiac drugs, and without adverse effects on pulmonary function PM Short et al. BMJ 2011 BMJ Publishing Group

42 Kaplan-Meier estimate of probability of survival among patients with COPD by use of β blockers

43 Statins and COPD: a systematic review CHEST 2009; 136:

44 La malnutrizione nella BPCO BPCO Fumo Ipercapnia Dispnea Capacità ossidativa Ipossia Consumo O2 Infiammazione muscolare TNF Catecolamine Farmaci OCB Effetto termogenico Leptina dell attività Spesa energetica Apporto energetico/consumo DEPLEZIONE NUTRIZIONALE European Respiratory Monograph, vol 8 Monografia 24, March 2003; pag

45 STUDIO PILOTA MONOCENTRICO SUGLI EFFETTI DI UNA ASSOCIAZIONE DI COENZIMA CoQ10 (Qter) E CREATINA SU DISPNEA, TOLLERANZA ALL ESERCIZIO FISICO E QUALITA DELLA VITA IN PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA CRONICA SECONDARIA A BPCO (studio REFABEQ 1) Obiettivi: Valutare in un modello clinico di pazienti BPCO, clinicamente stabili ed in O2TLT, gli effetti nutrizionali ed energetici di un integratore alimentare a base di CoQ10 (Qter) e creatina (Eufortyn Bust CoQter: 16 mg + Creatina 170 mg). Disegno dello studio: Doppio cieco vs placebo -Terapia : (1 bust X 2/die per 2 mesi) in aggiunta a terapia farmacologica standard (costante regime dietetico e riabilitazione) - T0: Anamnesi, antropometria, PFR complete, EGA, BIA, Dispnea (MRC, Borg, VAS, BDI), 6MWT, ADL (Activities of Daily Living), SGRQ - T1 (2mesi): Anamnesi, BIA, Dispnea (MRC, Borg, VAS, BDI), 6MWT, ADL, SGRQ - T 4 mesi, T 6 mesi, T 12mesi: Questionario telefonico su riacutizzazioni e ospedalizzazioni Criteri inclusione Criteri esclusione Età anni Grado di dispnea a riposo inferiore a Grado 4 valutata con scala MRC Nessuna riacutizzazione bronchitica nell ultimo mese Nessun ricovero ospedaliero nell ultimo mese (per qualsiasi causa) Soggetti in grado di fornire il consenso informato Pazienti fumatori attivi Pazienti in ventilazione meccanica domiciliare Pazienti affetti da diabete mellito, grave scompenso cardiaco (NYHA 3 e 4), grave insufficienza renale o epatica Malattia neoplastica attiva o recente (nessuna terapia oncologica da almeno 3 anni) Evidenza di infezioni croniche (TBC, HIV, patologie strutturali gravi del polmone Terapia steroidea orale cronica Altre malattie che impediscano il regolare svolgimento dei test previsti dallo studio (impossibilità a deambulare per motivi diversi da quelli muscolari, impossibilità ad eseguire i test funzionali, etc.)

46 Casistica (caratteristiche) Gruppo A Media ± DS Gruppo B Media ± DS Sig. (P <) Gruppo A (EUFORTYN): n 30 pazienti (M20, 66%) Gruppo B ( Placebo): n 25 pazienti (M16, 66%) ETA (aa) 73.17± ±7.67 NS BMI ± ±7.89 NS FFMI 17.07± ±5.53 NS PaO2 (mmhg) 59.88± ±7.52 NS PaCO2 (mmhg) 44.72± ±5.28 NS VEMS (% teor.) 46.72± ±17.64 NS VC (% teor.) 69.62± ±24.90 NS VR (% teor.) ± ±50.29 NS DLCO (% teor.) 59.72± ±32.91 NS Anni di O2 terapia 3,75±6,57 6,34±6,95 NS Riac. aa prec. (n ) 0,51±0,78 0,65±1,11 NS BODE 6,34±1,67 7,21±1,50 NS MRC 3,96±0,73 4,04±0,76 NS 6min WT (metri) 236,42±91,48 249,34±74,21 NS

47 RISULTATI (massa muscolare ed endurance) GRUPPO A GRUPPO B TO T1 Sig. TO T1 Sig. Media ± DS Media ± DS P< Media ± DS Media ± DS P< BMI ± ± ± ±7.06 NS FFMI 17.07± ± ± ±4.25 NS 6minWT (mtr) 236.4± ± ± ±88.1 NS Aumento significativo del BMI solo nel gruppo dei pazienti Gruppo A determinato da un aumento della massa magra (FFMI); Aumento significativo della tolleranza all esercizio, espresso con aumento della percorrenza al test del cammino dei 6 minuti, nel gruppo A, verosimile conseguenza dell aumentata massa muscolare.

48 Conclusioni Nei pazienti con BPCO è dimostrata, nelle fasi avanzate di malattia, una malnutrizione proteico-calorica con conseguente alterazione della massa e dell efficienza muscolare che influiscono negativamente sulla qualità della vita e sulla prognosi; Studi dimostrano che la riduzione del numero e dell efficienza dei mitocondri e la disponibilità di fosfocreatina possono influire sulla produzione di energia e sull efficienza muscolare; L integrazione nutraceutica a base di CoQter e creatina in pazienti con BPCO in O2TLT ha dimostrato di aumentare la massa magra e la capacità di esercizio riducendo la sensazione di dispnea; I pazienti trattati hanno una maggiore indipendenza funzionale con maggiori possibilità di svolgere attività di vita quotidiana e migliore qualità della vita. Questi risultati costituiscono una prima dimostrazione che, nei pazienti BPCO in O2TLT, un integrazione nutraceutica che agisce sulla efficienza muscolare può incidere significativamente sulle conseguenze sistemiche della malattia.

49 Definizione di Riacutizzazione La riacutizzazione della BPCO (AECOPD, Acute Exacerbation of Chronic Obstructive Pulmonary Disease) è definita da una modificazione acuta dei sintomi abituali della persona con BPCO: cioè dispnea, tosse ed espettorazione che va al di là della normale variabilità giornaliera e che richiede un adeguamento terapeutico. La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

50 Cause di riacutizzazione In occasione dell aggravamento dei sintomi è importante distinguere la riacutizzazione vera e propria della condizione patologica (patogenesi infettiva=70-80%), da quadri sintomatologici sovrapponibili dovuti ad altre patologie (20-30%) quali: embolia polmonare, scompenso cardiocircolatorio, pneumotorace, polmonite, fratture costali o vertebrali, uso inappropriato di farmaci (sedativi, narcotici e betabloccanti). La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

51 BPCO: influenza delle riacutizzazione nella storia naturale della malattia B.P.C.O. LIEVE progressione nel tempo del danno funzionale B.P.C.O. GRAVE con I.R.C. sec. accelerazione danno funzionale scompenso acuto respiratorio riacutizzazioni bronchitiche

52 Curva di sopravvivenza in funzione della frequenza di riacutizzazioni di BPCO Gruppo A: nessuna riacutizzazione/anno; Gruppo B: 1-2 riacutizzazioni/anno; Gruppo C: > 3 riacutizzazioni/anno Soler-Cataluna JJ et al; Thorax 2005

53

54 RISULTATI STUDIO ECLIPSE

55 Conclusioni studio ECLIPSE The major determinant of frequent exacerbations in all GOLD stages of COPD severity was a history of exacerbations The results suggest that COPD with frequent exacerbations is a distinct phenotype that is seen in moderate and severe stages of disease and that the incidence of frequent exacerbations increases with increasing disease severity The main strength of this analysis is the use of a large cohort of patients with COPD and a range of disease severity.

56 Provvedimenti adottabili per la prevenzione delle riacutizzazioni della BPCO Provvedimento Efficacia - Vaccinazione antinfluenzale dimostrata utilità - Tiotropio bromuro somministrato nel lungo termine dimostrata utilità - LABA somministrati nel lungo termine dimostrata utilità - Associazione LABA + corticosteroidi inalatori dimostrata utilità - Continuazione della terapia steroidea sistemica per un breve periodo dopo l AECOPD dimostrata utilità - Riabilitazione respiratoria dimostrata utilità - Sospensione della abitudine al fumo dimostrata utilità - Vaccinazione antipneumococcica con vaccino polisaccaridico controversa utilità - Farmaci mucolitici-antiossidanti controversa utilità - Lisati batterici controversa utilità La gestione clinica integrata della BPCO revisione novembre 2012

57 STUDIO TORCH Riduzione delle riacutizzazioni Calverley P. et al. NEJM 2007

58 STUDIO UPLIFT

59 Effetti del trattamento broncodilatatore sulla riduzione delle riacutizzazioni: TORCH e UPLIFT Miravittles M. et al. Int J COPD 2009; 4:

60 STUDIO POET

61 Conclusioni studio POET Tiotropium, as compared with salmeterol, significantly increased the time to the first moderate or severe exacerbation of COPD and significantly decreased the annual rate of exacerbations among patients with moderate-to-very-severe COPD The benefit with tiotropium was independent of the concomitant use of inhaled glucocorticoids

62 Conclusioni studio POET Among patients with moderate-to-very-severe COPD and a history of exacerbation, tiotropium was more effective than salmeterol in all the exacerbation end points that were assessed and across all major subgroups The results of this large trial provide data on which to base the choice of long-acting bronchodilator therapy for maintenance treatment of COPD

63 STUDIO INSPIRE Wedzicha JA, Calverley PMA et al, AJRCCM, 2008

64 INSPIRE: risultati Lo studio non ha rilevato differenza tra FP/salmeterolo e tiotropio nella prevenzione delle riacutizzazioni moderate/gravi, benché il risultato potrebbe essere stato influenzato dal fatto che nel gruppo tiotropio è stato registrato un numero significativamente maggiore di drop out (bias dell Healthy Survivor Effect). La terapia di associazione è risultata superiore vs tiotropio nel ridurre la mortalità per tutte le cause e nel migliorare la qualità di vita dei pazienti.

65

66 In two double-blind, multicentre studies done in an outpatient setting, after a 4-week run-in, patients older than 40 years with moderate-to-severe COPD were randomly assigned to oral roflumilast 500 μg or placebo once a day for 24 weeks, in addition to salmeterol (M2-127 study) or tiotropium (M2-128 study). The primary endpoint was change in prebronchodilator FEV1. The studies are registered with ClinicalTrials.gov, number NCT for M2-127, and NCT for M Lancet 2009; 374:

67 N-Acetylcysteine and Exacerbations of Chronic Obstructive Pulmonary Disease Sutherland ER Crapo JD Bowler RP Journal of Chronic Obstructive Pulmonary Disease 2006; 3: La probabilità che si possa manifestare una o più riacutizzazioni in un periodo di 6 mesi è ridotta del 50% (p=0.001). L entità della riduzione non sembra essere influenzata dal fumo attivo

68 EFFECT OF CARBOCISTEINE ON ACUTE EXACERBATION OF CHRONIC OBSTRUCTIVE PULMONARY DISEASE (PEACE study): a randomised placebo-controlled study In conclusion, the 1-year management of carbocisteine was effective for COPD patients in terms of reductions in exacerbations and improvements in quality of life. There were no interactions between treatment and COPD severity, smoking status, and concomitant use of inhaled corticosteroids. Mucolytics, such as carbocisteine, should be recognised as a worthwhile treatment for the long-term management of COPD. Zheng J-P, et al. Lancet 2008;371:

69 Conclusioni sulle Riacutizzazioni Le riacutizzazioni possono accelerare il declino della funzione polmonare (Donaldson et al.,thorax 2002) Le riacutizzazioni possono determinare un peggioramento permanente dei parametri spirometrici /incompleto recupero funzionale e sintomatologico (Kanner et al. Am J Respir Crit Care Med 2001; Seemungal et al., Am J Respir Crit Care Med 2000) Frequenza e gravita delle riacutizzazioni di BPCO sono indicatori indipendenti di aumentato rischio di morte (Soler- Cataluna, Thorax 2005) La sopravvivenza a 5 anni dei pazienti con più di 3 riacutizzazioni/anno è del 30% vs 80% dei pz senza riacutizzazioni (Soler-Cataluna, Thorax 2005)...le riacutizzazioni di BPCO hanno un significato prognostico: maggiore è la loro frequenza e/o gravità, maggiore è il rischio di progressione della malattia e morte

70 Conclusioni Per ciò che concerne il trattamento della BPCO stabile e riacutizzata si sono accumulate negli anni evidenze scientifiche molto forti, soprattutto per merito dei grandi trials e per le numerose valutazioni post- hoc che sono state fatte, sull efficacia delle terapie disponibili. I risultati migliori si ottengono nei pazienti studiati e stadiati più accuratamente. Lo pneumologo è lo specialista che ha le competenze per gestire appropriatamente questa condizione patologica, costruendo con il medico di medicina generale percorsi efficaci di diagnosi, cura e monitoraggio di questi pazienti.

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate.

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. BPCO 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. 1.Terapie inappropriate in presenza di diagnosi corrette. 1.

Dettagli

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Le malattie respiratorie e, in particolare la BPCO e l'asma, stanno diventando un problema di salute sempre

Dettagli

Aggiornamento dei documenti strategici per la gestione della BPCO. Lorenzo Corbetta lorenzo.corbetta@unifi.it

Aggiornamento dei documenti strategici per la gestione della BPCO. Lorenzo Corbetta lorenzo.corbetta@unifi.it Aggiornamento dei documenti strategici per la gestione della BPCO Lorenzo Corbetta lorenzo.corbetta@unifi.it Aggiornamento dei documenti strategici per la gestione della BPCO www.goldcopd.org www.goldcopd.it

Dettagli

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia (dispnea, tosse, ec) o INIZIO Individua tipologia dei pazienti Linee guida GOLD Ambulatori con agende riservate. Nella fase iniziale la frequenza dell ambulatorio

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Il valore dei PDT nell asma e nella BPCO

Il valore dei PDT nell asma e nella BPCO Elio Costantino 1, Maria Pia Foschino Barbaro 2 1 Direttore SC Malattie dell Apparato Respiratorio - Ospedale Madonna delle Grazie, Matera 2 Direttore Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche - Direttore

Dettagli

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B. Uomo di 40 anni, agricoltore, fumatore (25 packyears), giuntoci alla prima osservazione

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Dott. Salvatore Battaglia Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica (Di.Bi.MIS) La spirometria semplice: BPCO Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

LA GESTIONE CLINICA INTEGRATA DELLA BPCO

LA GESTIONE CLINICA INTEGRATA DELLA BPCO LA GESTIONE CLINICA INTEGRATA DELLA BPCO Documento approvato da: Copyright Questo slide kit è parte integrante del documento La gestione clinica integrata della BPCO Il Copyright del documento e dello

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

BRONCODILATATORI A LUNGA DURATA DI AZIONE IN PAZIENTI DIMESSI PER BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA

BRONCODILATATORI A LUNGA DURATA DI AZIONE IN PAZIENTI DIMESSI PER BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA BRONCODILATATORI A LUNGA DURATA DI AZIONE IN PAZIENTI DIMESSI PER BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA Razionale La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è una malattia infiammatoria progressiva

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON BPCO Versione III Aprile 2012 1 FASE 1: IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Appendice C: Algoritmi

Appendice C: Algoritmi NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I CARTA DEI SERVIZI BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE E ASMA GRAVE 2015-2016 Con la Sponsorizzazione di BCPO La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia delle vie

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

La BPCO, il ricovero ospedaliero, un occasione per aumentare l appropriatezza terapeutica. Carlo Nozzoli Medicina Interna 1 AOU-Careggi-Firenze

La BPCO, il ricovero ospedaliero, un occasione per aumentare l appropriatezza terapeutica. Carlo Nozzoli Medicina Interna 1 AOU-Careggi-Firenze La BPCO, il ricovero ospedaliero, un occasione per aumentare l appropriatezza terapeutica Carlo Nozzoli Medicina Interna 1 AOU-Careggi-Firenze Il sottoscritto Carlo Nozzoli ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto

Dettagli

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO DATA INIZIO 18 DICEMBRE 2015-DATA FINE 18 DICEMBRE 2016 Destinatari dell iniziativa: Il corso Ecm fad è destinato a 1.500 utenti Target di

Dettagli

1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA. Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro

1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA. Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro 1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro Sottodiagnosi di Asma 90 80 70 Uomini Donne 60 % 50 40

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Riabilitazione Respiratoria Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Definizione (American Thoracic Society) La riabilitazione polmonare è attività terapeutica multidisciplinare basata EBM, rivolta

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

Comprendere la BPCO, il contributo delle analisi post-hoc dello studio UPLIFT

Comprendere la BPCO, il contributo delle analisi post-hoc dello studio UPLIFT Stato dell Arte AIPO SIMeR SARCOIDOSIS S NEWS and DIGEST 2-2009 Mattioli 1885 - Casa Editrice Comprendere la BPCO, il contributo delle analisi post-hoc dello studio UPLIFT Mario Cazzola 1, Cesare Saltini

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

Asma difficile on-line

Asma difficile on-line Asma difficile on-line è il nome di un Archivio web-based promosso dalla SIMRI e gestito in collaborazione con il CINECA che raccoglie casi di pazienti con asma problematico grave, affetti cioè da asma

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali

La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali Dott. Francesco Carbone II Corso multidisciplinare di aggiornamento La Sindrome delle Apnee Notturne: una sfida diagnostico terapeutica

Dettagli

Insufficienza respiratoria end stage

Insufficienza respiratoria end stage Azienda Ospedaliera - Universitaria di Ferrara Arcispedale S.Anna Insufficienza respiratoria end stage Dr. Stefano Putinati U.O. di Pneumologia INSUFFICIENZA RESPIRATORIA DEFINIZIONE Si parla di insufficienza

Dettagli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Test di funzionalità polmonare Indagano: La Ventilazione: Prove di Funzionalità Respiratoria

Dettagli

I PROBLEMI APERTI: SCREENING, EDUCAZIONE DEL PAZIENTE, ACCESSO ALLE CURE

I PROBLEMI APERTI: SCREENING, EDUCAZIONE DEL PAZIENTE, ACCESSO ALLE CURE I PROBLEMI APERTI: SCREENING, EDUCAZIONE DEL PAZIENTE, ACCESSO ALLE CURE Università degli Studi di Pisa Azienda Ospedaliera Pisana Pierluigi Paggiaro Dipartimento Cardio-Toracico e Vascolare, Università

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL

LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL Versione 1 del 31/12/2009 LINEA GUIDA PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON BPCO / INSUFFICIENZA RESPIRATORIA NELLA FASE SPERIMENTALE DEL CHRONIC CARE MODEL DIMENSIONE EPIDEMIOLOGICA La BPCO colpisce 3 milioni

Dettagli

STRUMENTI PROGNOSTICI PER LA MORTALITÀ A MEDIO E LUNGO TERMINE NEL PAZIENTE ANZIANO CON BPCO: CONFRONTO TRA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E BODE INDEX

STRUMENTI PROGNOSTICI PER LA MORTALITÀ A MEDIO E LUNGO TERMINE NEL PAZIENTE ANZIANO CON BPCO: CONFRONTO TRA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E BODE INDEX STRUMENTI PROGNOSTICI PER LA MORTALITÀ A MEDIO E LUNGO TERMINE NEL PAZIENTE ANZIANO CON BPCO: CONFRONTO TRA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E BODE INDEX Dott. Livio Cortese Area di Geriatria e Gerontologia

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Imparare a convivere con la BPCO significa cambiare i propri comportamenti in modo da massimizzare lo sfruttamento delle proprie capacità e minimizzare gli effetti negativi della

Dettagli

Diario del Paziente con BPCO

Diario del Paziente con BPCO BPCO - Broncopneumopatia cronica ostruttiva Linee guida Italiane BPCO, Rinite, Asma Diario del Paziente con BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Onlus broncopneumopatia cronica ostruttiva Nome UN PROGETTO

Dettagli

Farmaci inalatori nella BPCO

Farmaci inalatori nella BPCO Farmaci inalatori nella BPCO Analisi delle prove di efficacia disponibili IMMAGINE NON DISPONIBILE La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una patologia cronica e progressiva dell adulto, che

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

2010 The Yearofthe Lung

2010 The Yearofthe Lung World SpirometryDay2010 Progetto LIBRA, l anno del polmone e il World Spirometry Day L. Corbetta 2010 The Yearofthe Lung 15/10/2010 Prof. Lorenzo Corbetta lorenzo.corbetta@unifi.it 2 WSD Yearofthe LungWeb

Dettagli

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE INTERREGIONALE MEDICA VFG 2 CONVEGNO INTERREGIONALE MONTAGNA PER TUTTI: PROBLEMATICHE MEDICHE Centro di Formazione per la Montagna Passo Pordoi 9-10 ottobre 2004 ALTITUDINE

Dettagli

BPCO. quaderno. Think COPDifferently Trattamento. La collana. volume. Diagnosi. Fisiopatologia

BPCO. quaderno. Think COPDifferently Trattamento. La collana. volume. Diagnosi. Fisiopatologia Supplemento a CLINICAL PRACTICE BPCO quaderno La collana Think COPDifferently Trattamento volume volume 1 2 Diagnosi Fisiopatologia Broncodilatatori e steroidi inalatori: ruolo e limiti Le indicazioni

Dettagli

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale

Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale Follow-up del paziente BPCO e integrazione funzionale Centro specialistico/medicina generale TRATTAMENTO DELLA BPCO Obiettivi Prevenire la progressione della malattia Migliorare i sintomi Migliorare la

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI Questa guida include informazioni su ciò che la European Respiratory Society e la American Thoracic Society hanno affermato

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE SCODITTI CRISTINA Fondazione S.Maugeri, Sede di Cassano delle Murge (BA) Reparto di Pneumologia I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE QUALI TEST FUNZIONALI? PFT DLCO 6 MWT CPET VALORE DIAGNOSTICO

Dettagli

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA Nola 28 SETTEMBRE 2010 Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera Pietro Di Cicco

Dettagli

BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione. Riccardo Drigo

BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione. Riccardo Drigo BPCO e disturbi del sonno: più che una associazione Riccardo Drigo BPCO: quale impatto sul sonno Sonno: quale impatto sulla BPCO Overlap OSA e BPCO Sleep quality in chronic obstructive pulmonary disease

Dettagli

La Riabilitazione Respiratoria:

La Riabilitazione Respiratoria: Azienda S. Camillo Forlanini Dipartimento di Malattie Polmonari L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE ROMA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DEL LAZIO La Riabilitazione Respiratoria: Angelo Sbrocca Unità Operativa

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

MALATTIE RESPIRATORIE

MALATTIE RESPIRATORIE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE I CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO MALATTIE RESPIRATORIE

Dettagli

APPROCCIO PRATICO CLINICO AL PAZIENTE CON DISPNEA

APPROCCIO PRATICO CLINICO AL PAZIENTE CON DISPNEA 101 SIMPOSIO FAPPTO Diagnosi e trattamento delle malattie respiratorie croniche: un approccio pratico - Torino Sabato 28 Marzo 2015 APPROCCIO PRATICO CLINICO AL PAZIENTE CON DISPNEA Riccardo Pellegrino

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria

Riabilitazione Respiratoria La Riabilitazione in Pneumologia Antonio Spanevello Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Scienza Mediche e del Lavoro Cattedra Malattie Apparato Respiratorio Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

BPCO. Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare. Progetto realizzato in collaborazione con. Consulenza scientifica

BPCO. Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare. Progetto realizzato in collaborazione con. Consulenza scientifica BPCO Domande e risposte per conoscere, prevenire e curare Consulenza scientifica Progetto realizzato in collaborazione con 34 FARMACIE NEL TERRITORIO CITTADINO PER LA TUA SALUTE E QUELLA DELLA TUA FAMIGLIA.

Dettagli

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Direttore: Prof. L.M. Fabbri Progetto PnemoWeb E-medicine per la formazione e la gestione di Asma e BPCO PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Dr.ssa Elisabetta Rovatti Modena 17 gennaio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carpenè Nicoletta Data di nascita 22/11/1976 Qualifica Amministrazione Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA Incarico attuale Incarico di studio - U.O. Pneumologia

Dettagli

Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Sommario Definizione Asma Epidemiologia Asma Diagnosi differenziale Asma - BPCO Gestione

Dettagli

Percorso diagnostico terapeutico assistenziale per la BPCO

Percorso diagnostico terapeutico assistenziale per la BPCO Percorso diagnostico terapeutico assistenziale per la BPCO a cura del gruppo di lavoro costituito da: Luigi Di Re Responsabile U.O.C. Malattie dell apparato respiratorio Antonio Orsini Responsabile U.O.C.

Dettagli

SINTOMI NON TIPICI DI BPCO

SINTOMI NON TIPICI DI BPCO 1 BPCO-COPD SI DEFINISCE, DAL PUNTO DI VISTA FISIOPATOLOGICO, COME UNA MALATTIA CARATTERIZZATA DA OSTRUZIONE CRONICA E PROGRESSIVA DEL FLUSSO AEREO, CON ACCELERATO DECLINO DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA,

Dettagli

Linkage tra Database Sanitari

Linkage tra Database Sanitari Workshop La Drug Utilization attraverso i Database Amministrativi Linkage tra Database Sanitari Valutare il peso delle comorbilità Verificare l effectiveness dei trattamenti Supportare ipotesi di ricerca

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

RIACUTIZZAZIONI DI BPCO

RIACUTIZZAZIONI DI BPCO RIACUTIZZAZIONI DI BPCO Causa comune di morbidità e mortalità nei pazienti con BPCO In USA: >16 milioni di visite ambulatoriali e 500.000 ricoveri all anno ~1/3 dei pz dimessi da PS con riacutizzazione

Dettagli

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). 57 Congresso Nazionale SIGG Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Milano, 21-24 Novembre 2012 Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da

Dettagli

Self- Management e Adherence nella persona con Asma

Self- Management e Adherence nella persona con Asma 1 Self- Management e Adherence nella persona con Asma (E. Semprini, P. Di Giacomo, CdL in Infermieristica; G.Gardini, Ambulatorio Asma; K. Falcone, L. Lazzari Agli, UO Pneumologia - AUSL Romagna, Rimini)

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio.

Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio. 0 SIMPSI MERIDINALE AARI -EMAC ANESTESIA RIANIMAZINE TERAPIA DEL DLRE Crotone, 4-5-6 ottobre 01 Ventilazione Non Invasiva Quando è utile, quando è inutile quando inizio, quando rinuncio. Giuseppe Natalini

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO BPCO in condivisione tra Azienda Sanitaria Locale della Provincia di

Dettagli

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige A.S.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Caso clinico A.S., donna di 41 aa. si rivolge al MMG: da una diecina di giorni ho nuovamente

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva: correlazione con clinica, funzione e imaging

Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva: correlazione con clinica, funzione e imaging Università degli Studi di Firenze Scuola di Scienze della Salute Umana IV Corso Master Universitario di II livello in Pneumologia Interventistica Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica

Dettagli

A.O. S. Martino e Cliniche Universitarie convenzionate di Genova Pelucco David Direttore SC Pneumologia AO San Martino - Genova Scordamaglia Antonio

A.O. S. Martino e Cliniche Universitarie convenzionate di Genova Pelucco David Direttore SC Pneumologia AO San Martino - Genova Scordamaglia Antonio FORMAT DOCUMENTI RETI Titolo: RETE PNEUMOLOGICA Partecipanti Coordinatori Cognome Nome ruolo azienda recapito Nosenzo Marco Direttore SC Pneumologia PO Imperia - ASL1 IMPERIESE 0183 537016; m.nosenzo@asl1.liguria.it

Dettagli

INFORMARSI, CONOSCERE E PARTECIPARE PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA Il caso di asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno

INFORMARSI, CONOSCERE E PARTECIPARE PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA Il caso di asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno INFORMARSI, CONOSCERE E PARTECIPARE PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA Il caso di asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, 24 novembre 2010 Asma: i fattori

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

Epidemiologia ed inquadramento di una sindrome complessa

Epidemiologia ed inquadramento di una sindrome complessa IV Mediterraneo - VIII Sessione BPCO (Prof. Fabbri, Prof. Battaglia, Prof. Corrao, Prof. Scichilone) Epidemiologia ed inquadramento di una sindrome complessa E fondamentale inquadrare la broncopneumopatia

Dettagli

Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze

Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze S. Nutini, S. Checcacci, R. Abbate, A. Corrado, A. Morettini, C. Nozzoli, C. Neri Azienda

Dettagli

Ecografia in Geriatria

Ecografia in Geriatria Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione - Catania Ecografia in Geriatria Unità Operativa di Geriatria Direttore: Marcello Romano XVII Congresso Nazionale Siumb e XX Giornate

Dettagli

PNEUMOLOGIA ASMA HOME

PNEUMOLOGIA ASMA HOME PNEUMOLOGIA HOME ASMA circa il 4% della popolazione inglese e americana soffre d'asma. La mortalità per asma è di circa 0,4 per 100.000 Tuttavia, si stima che circa l 80% dei decessi per asma possa essere

Dettagli

19/01/12 ASL 04. La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL. Sestri levante 21-10-2011. Pellegrina Moretti

19/01/12 ASL 04. La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL. Sestri levante 21-10-2011. Pellegrina Moretti ASL 04 La ventilazione in SLEEP APNEA -BILEVEL Sestri levante 21-10-2011 Pellegrina Moretti BILEVEL OBIETTIVI:migliorare ventilazione alveolare migliorare ossigenazione arteriosa prevenire atelettasia

Dettagli

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI UOC PNEUMOLOGIA UOC FARMACEUTICO TERRITORIALE MMG PERCORSO CLINICO

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI UOC PNEUMOLOGIA UOC FARMACEUTICO TERRITORIALE MMG PERCORSO CLINICO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI UOC PNEUMOLOGIA UOC FARMACEUTICO TERRITORIALE MMG PERCORSO CLINICO APPROPRIATEZZA DIAGNOSTICA E TERAPEUTICA NELLA BPCO Revisione 2012 PERCORSO CLINICO APPROPRIATEZZA

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Bologna, 23 aprile 2009 Dott. Dario Bonetti Medico di Famiglia Ferrara

Bologna, 23 aprile 2009 Dott. Dario Bonetti Medico di Famiglia Ferrara Bologna, 23 aprile 2009 Dott. Dario Bonetti Medico di Famiglia Ferrara Fasi del processo di verifica Ricerca di dati epidemiologici Indicatori di processo Valutazione degli esiti clinici in base al tipo

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG

La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG Dott. Francesco AVITTO Specialista Medicina Interna Convenzionato MMG La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG L a f o r m a z i o n e n e l l a m b i t o d e l l e m a l a t

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Fernando De Benedetto Chieti. La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro?

Fernando De Benedetto Chieti. La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro? Fernando De Benedetto Chieti La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro? L incremento Delle Cronicità La programmazione sanitaria nei paesi sviluppati è condizionata dall

Dettagli

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica Asma : cos è L'asma è una malattia infiammatoria cronica del polmone. Nei soggetti predisposti l Asma provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante, difficoltà respiratoria, senso di costrizione toracica

Dettagli

Prescrizione ossigenoterapia domiciliare

Prescrizione ossigenoterapia domiciliare Sommario 1. Definizione di ossigenoterapia domiciliare... 2 2. Scopo... 5 3. Campo di applicazione... 5 4. Responsabilità... 5 5. Soggetti Destinatari... 5 6. Terminologia e abbreviazioni... 5 7. Modalità

Dettagli

Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese

Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese Il fumo di sigaretta e la patologia polmonare: l esperienza del centro anti-tabagismo tabagismo dell ASL 4 Chiavarese Carlo Campodonico S.C. Pneumologia ASL 4 Dimensione del problema fumo 1 miliardo e

Dettagli

Qualità della vita. Pulmonary rehabilitation programme. Quali misure di outcome? Franco Pasqua

Qualità della vita. Pulmonary rehabilitation programme. Quali misure di outcome? Franco Pasqua Qualità della vita..the GOAL IS TO REDUCE.. DEFICIT FISIOLOGICO EFFETTO SULLA VITA IMPAIRMENT, DISABILITY AND HANDICAP Franco Pasqua SVANTAGGIO SOCIALE MORGAN 2003; CELLI 2003 Una misura di valutazione

Dettagli

Fattori clinici e parametri funzionali associati allo status di frequente riacutizzatore nei pazienti con BPCO di grado severo

Fattori clinici e parametri funzionali associati allo status di frequente riacutizzatore nei pazienti con BPCO di grado severo Università degli Studi di Bari Aldo Moro Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Respiratorio Direttore : Prof. Onofrio Resta Fattori clinici e parametri funzionali associati allo status di

Dettagli

SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007

SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007 SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007 AZIENDA OSPEDALIERA "C. POMA" (Mantova) Dipartimento di Medicina U. O. di Riabilitazione Specialistica Divisione di RRF e Reumatologia Direttore: G. Arioli DISABILITA

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli