Confronto tra il CCNL dei metalmeccanici e il Contratto Fiat

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Confronto tra il CCNL dei metalmeccanici e il Contratto Fiat"

Transcript

1 Confronto tra il CCNL dei metalmeccanici e il Contratto Fiat IL contratto Fiat entra in vigore e varrà fino al Si intenderà rinnovato se non disdetto tre mesi prima. Sarà applicato in tutte le aziende del gruppo, escluso Termini Imerese, il Call Center di Arese e la progettazione, sperimentazione e Stile di Arese dove è stata dichiarata la cessazione di attività. Anche in questi settori Fiat ha comunque disdetto CCNL e accordi in vigore. Nelle tabelle riportate sotto è stato fatto un confronto tra quanto scritto sul CCNL dei Metalmeccanici e quanto scritto nel Contratto Fiat. Nell ultima colonna sono evidenziate le differenze per ogni singola voce. Quali le differenze fondamentali Innanzitutto nel contratto Fiat esiste una filosofia di fondo secondo la quale l azienda e il sindacato/lavoratori non sono più sullo stesso piano, ma l azienda ha solo diritti e non doveri al contrario dei sindacati/lavoratori che hanno solo doveri e non diritti. Le informazioni non sono più un diritto ma devono essere chieste. Es. nel capitolo ambiente sono depennati i capitoli inerenti gli obblighi dei datori di lavoro I diritti sindacali sono solo appannaggio dei sindacati firmatari, per gli altri non esistono. Poi ci sono delle restrizioni come ad esempio l obbligo di comunicare l accesso ai locali sindacali e non ultimo la possibilità del controllo da remoto (cioè a distanza) del computer dato in uso alle RSA. Sembra di essere in prigione. All interno della fabbrica il datore di lavoro può fare ciò che vuole. Lo schema dei recuperi in caso di contrazione dell orario passa a sei mesi con l utilizzo dei par e ferie. Se un lavoratore arriva dopo mezz ora non può più entrare in fabbrica. Con il contratto Fiat vengono sanati a favore dell azienda una serie di contenziosi. Es. la banca ore sugli straordinari che sparisce, il pagamento dei Par passa da 2 a 4 anni, il pagamento degli straordinari agli impiegati professional. Vengono inserite norme applicate fino ad ora in via unilaterale da Fiat. L esempio lampante è il nuovo inquadramento su cinque gruppi che codifica la divisione degli impiegati in professional di 6 e 7. Salario. Nella paga base vengono accorpate alcune voci ( es. l accantonamento che sarà mensilizzato e non più pagato a luglio). Ci sarà un sesto scatto di anzianità dopo quattro anni. È previsto un premio straordinario per il 2012 che pochi prenderanno.

2 Sistema di relazioni sindacali Diritti sindacali La Federmeccanica, l Assital ed i sindacati stipulanti, intendono consolidare e dare ulteriore sviluppo alla scelta del metodo partecipativo Costituito organismo bilaterale di osservazione Formalizzate 7 commissioni naz., territ. e aziendali Art 1) osservatorio paritetico naz. Industria Art 2) osservatori paritetici territoriali Art 3) osservatorio paritetici aziendali Art 4 ) commissione naz. Formazione Art 5) comm naz, terr. E az. Pari opportunità Art 6) Comm naz migranti Art 7 ) informazioni e consultazioni aziendali Rappresentanze sindacali unitarie (RSU) elette sulla base dell accordo del 23 luglio 1993 e dell accordo interconfederale del 20 dicembre ( eleggibilità per tutti i sindacati previo raccolta firme pari al 5% per i non confederali di cui 1/3 nominati da fim-fiom-uilm). Assemblee: possono essere convocate da un singolo RSU Si stabilisce solo che sarà messo a disposizione un Pc alle RSU da utilizzare secondo le norme aziendali Le parti si riconoscono interlocutori stabili in un corretto sistema di relazioni teso a valorizzare le risorse umane, ampliare i momenti di dialogo e ridurre le occasioni conflittuali. Individuano il metodo partecipativo quale strumento efficace per trovare soluzioni.. Di conseguenza assumono la prevenzione del conflitto come reciproco impegno su cui si fonda il sistema partecipativo. Formalizzate 6 commissioni: 1) C. paritetica di conciliazione 2) C. pari opportunità 3)C.Paritetica sicurezza del lavoro 4) C. Organizzazione sistemi produzione 5) C. servizi aziendali 6) C. verifica assenteismo Informazioni su richiesta della RSA Rappresentanze sindacali aziendali (RSA) possono essere costituite ai sensi dell art 19 legge 20 maggio 1970 N 300, dai sindacati firmatari del presente contratto collettivo. Saranno nominate da 1 gennaio 201 ed elette entro aprile 2012 con regolamento da stabilire. Assemblee: 4 ore sono a disposizione dei sindacati firmatari, 6 ore possono essere convocate solo congiuntamente da tutte le RSA Possono essere fatte solo a inizio o fine turno. Affissioni e trattenute sindacali sono in capo ai sindacati firmatari. Locali sindacali: solo alle RSA. Preavviso scritto di 24 ore per ingresso dirigenti sindacali esterni. Non possono essere mandate e mail agli indirizzi di posta aziendali dei lavoratori La filosofia di fondo è la stessa: puntare al metodo partecipativo e bandire il conflitto. Nel contratto Fiat la commissione conciliazione è in ordine la più importante ed è strutturata in modo tale da esaminare le violazioni fatte dai sindacati firmatari e dei lavoratori degli impegni assunti. Per il sistema delle informazioni, mentre nel CCNL sono comunque stabilite e codificate, nel contratto Fiat sono solo a richiesta dei sindacati firmatari. Nel contratto Fiat le RSA sono nominate e poi elette, solo dai sindacati firmatari entro il mese di aprile Nel CCNL le RSu potevano essere elette da tutti i sindacati previo vincoli a favore dei confederali. I sindacati non firmatari del contratto non hanno nessun diritto: no Rsa, no assemblee, no trattenute sindacali, no affissioni. Assemblee: non possono più essere convocate del singolo delegato ma da tutte le RSA assieme Nel contratto Fiat sono stabiliti criteri rigidi per la RSA per l utilizzo del pc e non possono essere mandate e mail ai lavoratori.

3 Sistema di regole contrattuali Ambiente di lavoro Entrata e uscita dall azienda Inscindibilità: le disposizioni sono correlate tra e inscindibili tra loro e non sono cumulabili con alcun altro trattamento Durata del contratto: triennale, scade (il riferimento è all ultimo contratto separato di fim e uilm) Durante 2 mesi prima e 1 mese dopo ( totale 3 mesi)la scadenza nessun sciopero. Il datore di lavoro all interno dell azienda, oltre ad osservare le misure generali di tutela per la sicurezza è tenuto a consultare gli RLS e organizzare il servizio di prevenzione I lavoratori hanno diritto ad eleggere i propri RL L entrata e uscita è regolata dalle disposizioni aziendali...all inizio dell orario il lavoratore dovrà trovarsi sul posto...al ritardatario il conteggio del ritardo sarà effettuato a partire da ¼ d ora o mezz ora. inscindibilità: le disposizioni sono correlate e inscindibili, sicché la violazione da parte del singolo lavoratore di una di esse costituisce infrazione disciplinare fino al licenziamento e comporta il venir meno dell efficacia nei suoi confronti delle altre clausole. Durata del contratto: dal gennaio-2011 al 31 dicembre Durante 6 mesi prima e 1 mese dopo ( totale 7 mesi) nessun sciopero. Clausola di responsabilità:. il mancato rispetto degli impegni assunti dai sindacati o dalle RSA libera l azienda dagli obblighi in materia di contributi sindacali e permessi di direttivi. Le parti si danno atto che comportamenti individuali e/collettivi di lavoratori inficiano lo scambio.. e producono gli stessi effetti liberatori Premessa assente. Gli RLS sono designati dalle org. Sindacali firmatarie tra le RSA. L entrata è prevista nel corso della mezz ora precedente..all inizio dell orario il lav. dovrà trovarsi sul posto e solo da tale momento decorrerà la retribuzione Al ritardatario Nel caso di ritardo superiore a 30 minuti non sarà più possibile accedere in azienda. A fine turno uscire entro la mezz ora successiva Mentre nel CCNL la clausola di inscindibilità è riferita solo ai contratti, nel contratto Fiat c è una aggiunta riferita all accettazione del contratto pena i provvedimenti disciplinari fino al licenziamento. La durata della moratoria degli scioperi passa da 3 mei per Il CCNL a 7 mesi per il contratto Fiat. La clausola di responsabilità non esiste nel CCNL Nel testo del contratto Fiat, anche se in gran parte è uguale a quello del CCNL manca la premessa degli obblighi del datore di lavoro. Gli RLS non son più eletti dai lavoratori ma nominati dai sindacati firmatari Nel Contratto Fiat ci sono alcune aggiunte Il lavoratore dovrà entrare e uscire entro mezz ora. Viene specificato che la retribuzione parte da quando è sul posto di lavoro. Dopo mezz ora di ritardo non si può accedere in azienda

4 Contrazione e recuperi produttivi Contrazione: possibilità di utilizzo di Par e ferie Recuperi: recupero massimo 1 ora al giorno entro 30 giorni Sospensioni ed interruzioni: entro un ora pagate dall azienda. Se superiori pagate se l azienda trattiene il lavoratore in fabbrica La durata settimanale è di 40 ore. I lavoratori non possono rifiutarsi ai turni Contrazione: utilizzati in via prioritaria Par e ferie Recuperi: entro 6 mesi, nella mezz ora di intervallo tra i turni e nei giorni di riposo individuali Sospensioni e interruzioni: non più previsto La durata settimanale è di 40 ore. I lavoratori non possono rifiutarsi ai turni Per la contrazione temporanea dell orario si passa dalla possibilità (CCNL), all utilizzo in via prioritaria di PAR e ferie. Per i recuperi si passa da 30 giorni a sei mesi, DA un ora al giorno all utilizzo della pausa mensa a fine turno e dei giorni di riposo. Soppresso il capitolo sospensioni e interruzioni. Le premesse sono identiche, cioè che i lavoratori non possono rifiutarsi di fare i turni. Orario di lavoro Mensa: I turnisti hanno mezz ora retribuita nelle ore di presenza in azienda. Orario: l orario plurisettimanale potrà essere di un massimo di 48 ore e un minimo di 32 ore con compensazione Mensa Per i turnisti la mezz ora retribuita per la refezione può essere collocata a fine turno Orario: 24 ore giornaliere per 6 giorni alla settimana, con uno schema di turnazioni articolato a 18 turni settimanali. Il 18 turno sarà pagato. Le parti hanno inteso derogare dal D. lgs 8 aprile 2003 n 66 in materia di riposi giornalieri e sett. Addetti a mansioni discontinue o di attesa ( sorveglianti, infermieri, autisti, ec) Possono essere assunti con orario di 40, 44 o 48 ore settimanali. L azienda può cambiare l articolazione degli orari previo esame con i sindacati Il CCNL non dice dove è collocata la pausa mensa, la collocazione all interno del turno era stabilita da un accordo aziendale. Con Il contratto Fiat viene collocata a fine turno. Per l Orario il CCNL da la possibilità di più turnazioni nell ambito di un massimo di 48 ore ( ovvero 6 giorni per 8 ore) e un minimo di 32 ore. La deroga sui riposi è conseguente al riposo di 24 ore che non è sempre mantenuto nei 18 turni. PAR: i permessi non fruiti entro l anno confluiscono in un conto ore. Le ore non fruite verranno pagate dopo 24 mesi PAR: i permessi non fruiti confluiscono in un conto ore per 42 mesi.. e saranno utilizzati per coprire il 18 turno, chiusure collettive e contrazioni.. dell orario Il lavoratore può chiedere il pagamento dopo 24 mesi. Sui PAR, mentre nel CCNL è previsto il pagamento automatico dopo 24 mesi, nel contratto Fiat il pagamento può essere richiesto. Il conto ore passa da 24 a 42 mesi. straordinari 40 ore esenti da contrattazione e 200 totali. Nessun lavoratore potrà rifiutarsi salvo giustificato motivo. Preavviso di 24 ore. Possibilità di banca ore per riposi compensativi 120 ore esenti e 200 totali. Nessun lavoratore potrà rifiutarsi salvo giustificato motivo. L azienda darà un preavviso di norma di 4 giorni e terrà conto di esigenze personali entro il limite del 20% con sostituzione tramite personale volontario. La quota esente sale da 40 a 120 ore. Il preavviso sale da 24 ore (CCNL) a 4 giorni (contratto Fiat). Nel Contratto Fiat è stabilito il termine del 20% di esigenze personali. Sparisce la possibilità della banca ore

5 Classificazione del personale Minimi tabellari al Scatti anzianità superminimi individuali Indennità quadri 1 categoria 2 categoria 3 categoria 4 categoria 5 categoria 5 S categoria 6 categoria 7 categoria Nella 7 categoria è prevista la qualifica di Quadri 1 categoria 1206,23 2 categoria 1327,19 3 categoria 1466,17 4 categoria 1528,32 5 categoria 1634,56 5 S categoria 1748,28 6 categoria 1876,27 7 categoria 2038,21 Per i lav. di 7 cat. Elemento retr. di 59,39 5 gruppo professionale prima fascia Seconda fascia 4 gruppo professionale prima fascia Seconda fascia 3 gruppo professionale prima fascia Seconda fascia 2 gruppo professionale 1 gruppo professionale Nel 2 gruppo è prevista la qualifica professional Nel 1 gruppo sono previsti i professional e i professional expert 5 gruppo prof. prima fascia 1403,25 Seconda fascia 1543,26 4 gruppo prof. prima fascia 1573,29 Seconda fascia 1606,70 3 gruppo prof. prima fascia 1712,94 Seconda fascia 1826,66 2 gruppo prof. 1961,44 1 gruppo prof. 2125,77 5 scatti biennali in cifra fissa 5 scatti biennali in cifra fissa. Un 6 scatto dopo ulteriori quattro anni. Gli aumenti contrattuali non potranno assorbire i superminimi individuali salvo che Siano concessi con la clausola di assorbibilità o siano riconosciuti come anticipo del contratto Prevista solo per la 7 categoria comprensiva degli straordinari Vengono assorbiti in caso di passaggio di categoria o di aumenti contrattuali se corrisposti con espressa clausola di assorbibilità. Professional al 2 gruppo ( 6cat CCNL) 139,44 mese Professional 1 Gruppo (7 cat CCNL) 254,44 mese Priofessional expert (7cat CCNL) 408,38 mese Le cifre sono comprensive degli straordinari La corrispondenza tra il CCNL e il contratto Fiat è lineare. Il primo gruppo corrisponde alla 7 categoria, il 5 gruppo prima fascia corrisponde alla 1 categoria. Non è ancora chiaro come avverrà il passaggio tra le fasce e l evoluzione in prospettiva. Mentre nel CCNl il quadro è solo in 7 categoria, nel Contratto Fiat i professional sono previsti sia nel 2 gruppo che nel primo. È ciò che in Fiat l azienda applica da anni in modo unilaterale. I minimi tabellari indicati sul contratto Fiat sono comprensivi dell EDR, del premio di produzione e dell accantonamento che era pagato a luglio e che viene mensilizzato. Pertanto non c è nessun aumento salariale rispetto al CCNL. Nel Contratto Fiat viene aggiunto un 6 scatto dopo ulteriori quattro anni. Il contratto Fiat applica quanto l azienda sta facendo ormai da quattro anni ovvero assorbe i superminimi individuali in caso di aumenti contrattuali La norma sui professional, applicata in Fiat ha causato parecchi problemi con gli impiegati per il non pagamento degli straordinari.

6 Norme specifiche del Contratto Fiat, nuove o derivanti dagli accordi interni argomento descrizione note Indennità collegata alla presenza Premio di competitività Premio straordinario 2012 mensa Per gli addetti alle linee meccanizzate è corrisposta una indennità legata alla presenza lavorativa di 0,1813 orarie Le parti individueranno un premio di competitività collegato e elementi di produttività, all andamento economico dell azienda e ad un livello minimo di redditività. Mantenute le quote mensili in vigore Premio di 600 lordi erogato a luglio 2012 riferito all anno Il premio sarà erogato se la presenza effettiva tra gennaio e giugno 2012 sarà non inferiore a 870 ore. Sono esclusi dal calcolo ferie, par, mezz ora mensa, ore di assenza a vario titolo. Ai lavoratori che non consumano il pasto non verrà erogata nessuna indennità sostitutiva. Sono 31,659 mensili che compensano la riduzione delle pause da 40 a 30 minuti. Non è chiaro cosa succederà in futuro. Pochi prenderanno il premio. Da gennaio a giugno le ore teoriche sono 1038, detratte 40 ore del ponte di Natale, 65 ore di mensa, bastano pochi giorni di cigs per non prenderlo. Se poi uno fa qualche giorno di ferie o par peggio ancora. Rispetto agli accordi Fiat c l aggiunta scritta a lato malattia Copertura dell 80% del salario nei periodi non pagati interi È la trasposizione degli accordi interni del 1971 in vigore assenteismo In caso di assenteismo elevato non ci sarà la copertura dei periodi di malattia a carico dell azienda.. In questi casi lo stabilimento potrà essere chiuso con la copertura di Par e ferie. pause Tre pause di 10 minuti sulle linee a trazione meccanizzata Prima erano 40 minuti Superminimo non assorbibile Premio di fedeltà Norma di chiusura Comparto auto Gennaio 2012 Confluiscono in questa voce i superminimi individuali, gli scatti maturati e le voci contrattuali di armonizzazione festività (8ore e 54 minuti) e l elemento annuo di mensilizzazzione (11 ore e 10 minuti) 80 ore agli operai e mensilità pari al preavviso ( 1-2,5-4 mensilità in base al gruppo professionale di appartenenza) Le parti convengono sulla natura del presente contratto di primo livello in quanto del tutto idoneo a sostituire, per le società che intendono aderirvi, il CCNL. I capitoli relativi a orario, straordinario,par, recuperi produttivi e maggiorazioni sono estesi alle aziende del comparto auto. Confederazione Unitaria di Base Milano:V.le Lombardia 20 tel fax e mail Nel contratto sono previste due ipotesi di lavoro che dovranno essere discusse in ogni singolo stabilimento. Il risultato però è analogo Rappresenta solo un problema contabile ma non c è nessun aumento salariale Mentre per gli impiegati è l applicazione degli accordi interni Fiat, per gli operai è peggiorativa. Es un operaio del 3 gruppo prof. Passa da 2,5 mesi a 80 ore (0,5 mesi) Secondo questa norma qualsiasi altra azienda italiano potrà abbandonare il CCNL e adottare questo contratto. È la morte del CCNL. Con un accordo specifico del si è stabilito che Le aziende del comparto auto potranno applicare il contratto Fiat con un preavviso di 20 giorni. FLM UNITI CUB SETTORE AUTO

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923 Lo straordinario Questa materia e' regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria (contratti Federmeccanica e Confapi).

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL SEGRETERIE NAZIONALI Corso Trieste, 36-00198 - Roma - Tel. +39 06 852621 IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL definita dalle Segreterie nazionali Fim, Fiom, Uilm il 12

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI SLAI Cobas per il Sindacato di Classe Federazione Autisti Operai i C.C.N.L. AUTOTRASPORTI e LOGISTICA per le COOPERATIVE I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI 2004--2007-2006--2010-2011

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

Chimici - Abrasivi, Impiegati, Industria: CCNL, 30 aprile 1949. Scritto da Silvano Costanzi Mercoledì 05 Settembre 2012 09:49 -

Chimici - Abrasivi, Impiegati, Industria: CCNL, 30 aprile 1949. Scritto da Silvano Costanzi Mercoledì 05 Settembre 2012 09:49 - Tipologia: CCNL Data firma: 30 aprile 1949 Validità: 01.01.1949-31.12.1950 Parti: Associazione Nazionale degli Industriali della Ceramica e degli Abrasivi-Confindustria e Federazione Nazionale Vetrai Ceramisti

Dettagli

FAQ TICKET RESTAURANT

FAQ TICKET RESTAURANT Sistema di refezione informazioni su ticket restaurant In questa pagina le risposte ai quesiti più frequenti dei colleghi Da settembre 2008, è partito il nuovo sistema di refezione in Poste Italiane. E

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n.

CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n. CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n. 235 1 INDICE Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione pag.

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

La contrattazione collettiva:

La contrattazione collettiva: : risorsa per la tutela del lavoro atipico e autonomo Convegno regionale CISL La contrattazione nel mondo del lavoro autonomo e atipico 28 giugno 06 Obiettivi dell analisi La contrattazione collettiva

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità :

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità : Accordo collettivo per la disciplina delle collaborazioni a progetto nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center outbound, stipulato con riferimento

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

LE PARTI PREMESSO CHE

LE PARTI PREMESSO CHE AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI MODENA ACCORDO RELATIVO ALLA REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DELL ORARIO DI LAVORO E RELATIVA ARTICOLAZIONE DEL PERSONALE DELL AREA COMPARTO Il giorno 28 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE

LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE 2 a Edizione Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla

Dettagli

SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L.

SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L. CONTRATTO AZIENDALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DOCENTE, TECNICO, AMMINISTRATIVO, AUSILIARIO SIR JAMES HENDERSON SCHOOL S.R.L. 1 gennaio 2010 31 agosto 2013 1 CONTRATTO AZIENDALE DI LAVORO PER IL PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO Art.1 Principi generali Art.2 Definizione, affidamento, gestione e fruizione del servizio di mensa Art.3 Diritto al servizio

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE 2010-2012 Roma 30.03.2011

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE 2010-2012 Roma 30.03.2011 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE 2010-2012 Roma 30.03.2011 Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il personale non dirigente di Poste Italiane SpA. 2010 2012.

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) 2.1 Definizioni: c) agli stessi fini..

ORARIO DI LAVORO. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) 2.1 Definizioni: c) agli stessi fini.. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) ORARIO DI LAVORO 1.7 Per orario spezzato di cui alle lettere c) e d) del precedente punto 1.6, si intende il periodo di lavoro giornaliero nel corso del quale è previsto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE Art. 1 (Segretario Generale) Il Segretario Generale è il capo del personale. Egli, oltre ad assolvere le mansioni stabilite dallo Statuto dell Unioncamere

Dettagli

Sommario PREMESSA AL CCNL... 23. TITOLO I - VALIDITÀ E SFERA DI APPLICAZIONE... 24 Articolo 1... 24 Articolo 2... 26 Articolo 3...

Sommario PREMESSA AL CCNL... 23. TITOLO I - VALIDITÀ E SFERA DI APPLICAZIONE... 24 Articolo 1... 24 Articolo 2... 26 Articolo 3... FEDERTURISMO Assotravel Astoi Ucina Unai Unionparchi CONFINDUSTRIA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DELL INDUSTRIA TURISTICA Testo Ufficiale 2 febbraio 2004 Proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 4 gennaio 2013 IMPORTANTE!!! Alla Spett.le Clientela CCNL Metalmeccanici Industria Oggetto: rinnovo CCNL - Ipotesi di Accordo di rinnovo del 5 dicembre 2012. In data 5 dicembre 2012, FEDERMECCANICA

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO TERRITORIALE DEI QUADRI E DEGLI IMPIEGATI AGRICOLI DELLA PROVINCIA DI PADOVA PREMESSA

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO TERRITORIALE DEI QUADRI E DEGLI IMPIEGATI AGRICOLI DELLA PROVINCIA DI PADOVA PREMESSA FAI - CISL FLAI - CGIL UILA UIL CONFEDERDIA Piazza del Carmine 1 via Longhin 119/121 Piazza De Gasperi 32 via Risorgimento 18 35100 Padova 35129 Padova 35100 Padova 30027 S.Dona di Piave PIATTAFORMA PER

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE

Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Scheda approfondita LAVORO INTERMITTENTE Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PREMESSA La presente regolamentazione disciplina gli adempimenti necessari per l osservanza dell

Dettagli

NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI

NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI Premessa Si intendono lavori socialmente utili le attività che hanno per oggetto la realizzazione di opere e la fornitura

Dettagli

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO Addì 2 maggio 2007 Tra ACI Global SpA, rappresentata dalla Dott.ssa I. Galmozzi e dalla Dott.ssa N. Caprioli,

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

Contratto integrativo aziendale Verbale di accordo

Contratto integrativo aziendale Verbale di accordo Contratto integrativo aziendale Verbale di accordo Il giorno 30 ottobre 2007 in Ravenna tra Assicoop Ravenna S.p.A., rappresentata dal Presidente, LORENZO COTTIGNOLI, e dall Amministratore delegato, CARLO

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono La busta paga La legge prevede che la busta paga deve contenere tutti gli elementi utili perché diventi comprensibile e identificabile per il lavoratore interessato. Gli elementi indispensabili per il

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo REGOLE DI CARATTERE GENERALE PER LA RILEVAZIONE INFORMATIZZATA DELLE PRESENZE Al fine della corretta gestione della rilevazione informatizzata delle presenze e in applicazione del C.C.N.L. 9.8.2000, sono

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare

Le spettanze di una collaboratrice familiare Le spettanze di una collaboratrice familiare La retribuzione base, per una collaboratrice familiare deve essere concordata rispettando i seguenti minimi contrattuali: Minimi contrattuali in vigore dal

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO 2004-2005 INDICE

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO 2004-2005 INDICE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE ECONOMICA II BIENNIO 2004-2005 INDICE PARTE GENERALE Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza

Dettagli

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI Tenuta di San Rossore - Località Cascine Vecchie - 56122 PISA Regolamento dell orario di lavoro e di servizio Approvato con deliberazione Consiglio

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 24 novembre 2014 CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto

Dettagli

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI Addì, 22 dicembre 2010, in Roma CONFAPI FEDERMANAGER e Premesso

Dettagli

OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO

OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO QUESITO (posto in data 17 marzo 2010) Quali sono i termini del preavviso da dare all azienda in un rapporto di lavoro a tempo determinato della

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il quadriennio normativo 2006-2009 ed il biennio economico

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata

Modalità di organizzazione del personale docente e di utilizzazione del personale Ata LICEO CLASSICO STATALE N. FORTEGUERRI LICEO STATALE DELLE SCIENZE UMANE A. VANNUCCI Corso Gramsci, 148 - PISTOIA - Tel. 0573/20302-22328-Fax 0573/24371 Modalità di organizzazione del personale docente

Dettagli

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L.

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. In relazione alle convergenti valutazioni espresse in occasione del rinnovo del c.c.n.l., Vi confermiamo che, per la vigenza del contratto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO Approvato con delibera di Giunta Comunale n.69 del 29.04.16 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO ART. 1 DEFINIZIONI Il presente

Dettagli

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della settimana - Verticale: quando l orario è distribuito su alcuni giorni della settimana

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Viale Mecenate, 29/C - 52100 AREZZO - Tel. 0575-22711 - Fax 0575-353526 - Codice Fiscale: 80000930513 Sito Internet: www.cassaedilearezzo.it Indirizzo e-mail: info@cassaedilearezzo.it

Dettagli

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro

SACHSALBER GIRARDI HUBER Arbeitsrechtsberater Consulenti del lavoro ASPI (assicurazione sociale per l impiego) la nuova di disoccupazione In sintesi: La legge n.92/2012 (c.d. Riforma Fornero ) ha previsto l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, della nuova assicurazione

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO AZIENDE PARTE ECONOMICA BIENNIO 1996-1997

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO AZIENDE PARTE ECONOMICA BIENNIO 1996-1997 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO AZIENDE PARTE ECONOMICA BIENNIO 1996-1997 1 CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Durata e decorrenza del contratto biennale 1. Il presente contratto biennale concerne

Dettagli

VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI

VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI 10 gennaio 2014 10 FEBBRAIO 2014 Il Testo Unico ha come riferimento tre

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata Normal 0 14 CCNL 02.05.2006 Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula Testo del C.C.N.L. - Premessa Art.

Dettagli

COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA

COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) In Milano, 22 ottobre 2012 tra - l'associazione DELLE IMPRESE EDILI E COMPLEMENTARI DELLE PROVINCE DI MILANO,

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 2 agosto

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a.

C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a. C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a. Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula Testo del C.C.N.L. Sfera di applicazione

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

Gli elementi della retribuzione

Gli elementi della retribuzione Gli elementi della retribuzione Che cosa è la retribuzione netta Con questa lezione entriamo nel vivo della compilazione della busta paga, dopo aver appreso le nozioni preliminari necessarie alla comprensione

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA)

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) G Data: Decorrenza: 28 MARZO 2008 1 ipotesi di accordo 30 maggio 2011 11 Scadenza normativa: Scadenza economica: 31 marzo 2013 31 marzo 2013 Parti firmatarie Associazione

Dettagli

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO FONDO SOSTEGNO AL REDDITO (In attuazione dell Accordo Territoriale del 2/7/2015) Art.1- Aspetti generali Il presente Regolamento

Dettagli

Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718

Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718 AREA DEL PERSONALE Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718 Decreto Rettorale n.190 Data 02.04.2001 IL RETTORE Vista la L. n. 168 del 9.5.1989 istitutiva del Ministero dell Università

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli