Intervista a Pier Paolo Mariani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervista a Pier Paolo Mariani"

Transcript

1 L INCONTRO a cura di R. ZINI Pier Paolo Mariani è stato per tutti noi ex-giovani artroscopisti degli anni 80 un vero mito ed un particolarissimo punto di riferimento. Un mito perché è stato uno dei primi chirurghi ortopedici italiani che, avendo capito il carattere veramente innovativo della chirurgia artroscopica, l ha brillantemente messa in pratica quando ancora sembrava fantascienza, riportando dei risultati che facevano sognare ed intuire la profonda trasformazione della chirurgia ortopedica che oggi è negli occhi di tutti. Mito anche perchè, al tempo stesso, ha sempre avuto il piacere di trasmettere le sue esperienze, accogliendo tutti quelli che ne facevano richiesta nella sua sala operatoria. La sua particolarità dipende però dal fatto che, oltre a trasferirci le sue profonde conoscenze, è stato capace di diventare per molti di noi, per la sua innata simpatia ed il suo sincero carattere, un vero amico, al quale poter chiedere un autorevole consiglio e soprattutto un aiuto nei momenti di necessità. Intervistarlo oggi è stato quindi per me emozionante, ma anche piacevole e semplice, visto il rapporto di amicizia che mi lega a lui, che fa superare la preoccupazione di trovarsi di fronte al Maestro. Romano, di origini marchigiane e, me ne vanto, pesaresi, nasce nel Si laurea in Medicina presso l Università di Roma nel 70 e si specializza in Ortopedia nella stessa Università, intraprendendo la carriera Universitaria. Attualmente è Professore associato presso l Università di Scienze Motorie di Roma. Con la sua solita simpatia mi riferisce di essere sposato con Mara, avere 2 figli, un cane e moltissime pipe. Una delle immagini pubblicate lo mostra intento ad operare, con al fianco il sottoscritto, in una delle sue frequenti live-surgery; l altra, in cui usa una delle sue celebri pipe come una pistola, l ho scelta perché lo immortala, a ragione, come lo sceriffo dell artroscopia italiana. 9

2 E. Taverna Artroscopia / VOL III, N 1, 2002 Guardando al passato raccontami com è nata la passione per l artroscopia. Come spesso accade, per caso. Negli anni 70 si viveva un periodo indimenticabile nella Clinica Ortopedica dell Università di Roma, ove ero allora un giovane specializzando. In quegli anni, si viveva un esaltante clima di fervore scientifico per la chirurgia del ginocchio, sotto la guida del Prof. Perugia ed io passavo i miei pomeriggi in biblioteca a studiare ed aggiornarmi, consultando libri e riviste. Mi capitò tra le mani un numero dello Scandinavian Journal of Surgery, dove lessi un articolo di Gillquist ed Hamberg sulle preliminari applicazioni diagnostiche della tecnica artroscopica. La cosa m incuriosì molto, perciò continuai a cercare articoli sull argomento e ne trovai uno scritto da Eriksson. In quegli anni, la diagnosi di menisco era fonte di errori e non avevamo le odierne indagini strumentali. Presa quindi carta e penna (a quell epoca non c era Internet!), scrissi ad Eriksson. Trascorsi un periodo a Stoccolma, dove ebbi la possibilità di assistere alle prime artroscopie. Approfittai di quei periodi trascorsi in Svezia per approfondire le mie conoscenze d anatomia e la mia prima artroscopia fu eseguita in sala settoria. Da allora mi è rimasto un particolare interesse per l anatomia e ogni volta che mi sono dedicato a nuove applicazioni dell artroscopia, ho compiuto sempre un preliminare studio anatomico. Ti senti vecchio ad essere intervistato quale uno dei padri dell artroscopia italiana? Non pensavo di essere così vecchio da meritarmi un intervista sino a quando non mi hai chiamato! Un intervista è come una commemorazione e ad ogni buon conto, sono molto felice di essere commemorato da vivo! Per quanto riguarda il titolo di padre, ricordati che non è mai importante essere il primo a fare una cosa; l importante è continuare a farla bene! Il rischio di riposare sugli allori è come addormentarsi sulla parete di una montagna: ci si addormenta e si cade. Chi ti ha spinto verso l artroscopia? In parte ti ho già risposto: la mia curiosità! I primi tempi furono difficili: lo scetticismo nei confronti della tecnica era elevato. Indubbiamente, se poi l artroscopia si è diffusa a Roma, il merito va rivolto al mio maestro, il Prof. Perugia. Ricordo ancora la mia prima artroscopia: si trattava di un ragazzo di 15 anni, di cui ricordo ancora il nome a distanza di 25 anni, con dolori localizzati al ginocchio, che oggi avremmo classificato anteriori. Fu messo in lista operatoria per artrotomia esplorativa ed eventuale meniscectomia ma il Prof. Perugia mi chiese sei in grado di eseguire un artroscopia diagnostica?. Con uno strumentario rudimentale, di cui conservo ancora la documentazione fotografica, accertammo che il menisco del ragazzo era sano, e da allora fu un crescendo d interesse e di applicazioni cliniche. La fiducia accordata ad un giovane borsista (avevo allora 29 anni!) mi stimolò a continuare su quella strada. Fu comprata un attrezzatura moderna, poi un sistema televisivo e divenimmo in quegli anni un centro italiano di riferimento per l artroscopia e per la chirurgia del ginocchio. Molti colleghi, provenienti da altre città, presero a frequentare la nostra Università, e la tecnica artroscopica prese a diffondersi in Italia. Questa, però, è una storia più recente. Quali sono le persone che più ti hanno insegnato nell Ortopedia, nell Artroscopia e, perché no, nella vita? Iniziamo dalla vita: mio padre, che era un professore di chimica della facoltà di Ingegneria. Da lui ho imparato ad amare lo studio e l attività d insegnamento. Nell ortopedia, e quindi nell artroscopia, (l artroscopia non è una disciplina separata dall ortopedia!) ho imparato dal mio maestro, il Prof. Perugia, che mi ha insegnato ad utilizzare l artroscopia sempre con discernimento e proprietà d indicazioni ed applicazioni. Da Eriksson: la tecnica artroscopica ed il rigore scientifico, la sua voglia di 10

3 sperimentare e provare nuove avventure. E poi tanti altri ancora: ogni persona che tu incontri nella tua vita, ti lascia qualche cosa che poi porterai sempre con te. Quando ti sei reso conto che l Artroscopia era veramente la novità esplosiva dell Ortopedia ed avrebbe modificato tutti gli equilibri dell Ortopedia tradizionale? Ho vissuto l esperienza artroscopica senza mai rendermi conto di intraprendere un esperienza esplosiva, come tu la definisci giustamente. È avvenuto tutto molto naturalmente. Non ti rendi mai conto di quanto è profonda una pozzanghera sino a quando non c entri dentro! Tu sei stato uno dei primi miti di noi giovani artroscopisti negli anni 80: cosa pensi di averci dato? È una domanda che non devi rivolgere a me ma ai giovani. Anzi, sono curioso di conoscere la loro risposta! La sai sicuramente già la nostra risposta, perché sei divenuto amico di molti di noi ed hai potuto raccogliere le nostre confidenze; ci hai fatto capire con i tuoi primi brillanti risultati che la strada era quella giusta, anche se vi erano notevoli difficoltà ideologiche da parte di tanti nostri colleghi e, soprattutto, dei nostri Primari di allora; ci hai insegnato teoria e pratica di metodiche che sembravano impossibili e, come già detto nella breve introduzione, l hai fatto con autorevolezza ma anche con amicizia e grande disponibilità; non mi sembra assolutamente cosa da poco. Ma so che non ti piace essere troppo celebrato e quindi passo alla domanda successiva. Tu sei stato l uomo del rinnovamento nella Società di Artroscopia favorendo un ricambio generazionale ed introducendo molti giovani promettenti ai livelli più alti della Società e te ne rendiamo merito; cosa chiedi oggi a tutti noi del Consiglio Direttivo della Società? Apri un capitolo doloroso: l aver deciso di lasciare volutamente la Società, che avevo fondato con altri temerari, è stato un momento doloroso e da alcuni non compreso o condiviso. Pur tuttavia, ritenevo necessario eseguire quel passo per il bene della Società: era evidente attorno a me la crescita professionale di molti colleghi, più o meno giovani, ed era giusto premiare la loro serietà coinvolgendoli nella vita della nostra Società. Mi pare di poter affermare di aver visto bene: la Società è cresciuta, si è ampliata ed è divenuta un punto di riferimento per i giovani, quelli veri, non come te che inizi ad avere i capelli bianchi! La rivista è un evidente segno di crescita e maturità della Società. Proprio per il mio legame con la Società di Artroscopia permettimi una considerazione: molti considerano il ricoprire una carica nella Società un modo per ricevere onori e lustro. Non è assolutamente vero! Appartenere alla Società significa mettersi a disposizione di altri colleghi per un reciproco aiuto e per lo sviluppo della Società stessa e talora, come è successo a me, facendo anche delle dolorose rinunce. Quello che spero di vedere in voi, è lo stesso amore nei confronti della Società. L insegnamento in Artroscopia: quali sono le tue idee ed i tuoi programmi futuri? La mia prossima iniziativa, che prenderà la luce nei prossimi mesi, è la creazione di un Laboratorio di Artroscopia permanente a Roma. È un laboratorio aperto a tutti i colleghi e spero che non abbia nulla da invidiare ad altri laboratori. Purtroppo mancherà la possibilità di utilizzare i cadaveri. Un altra iniziativa è stata la creazione di una fellowship privata per un giovane specialista che voglia trascorrere con me un anno, seguendomi nell attività clinica e di ricerca. In questo momento, è al termine di questa fellow-ship il Dott. Russo, un giovane specialista siciliano, che penso ritornerà alla sua attività con competenze arricchite. In un domani spero che tale iniziativa possa divenire qualche cosa di più ufficiale, riconosciuto dalla Società di Artroscopia o da qualche Università, analogamente a quanto avviene all estero. Il 2002 mi vedrà poi impegnato sul fronte scientifico e didattico sia con l incarico di organizzare il prossimo congresso dell ESSKA, sia con l incarico di godfather di accompagnare i fellows in un lungo, ma certamente interessante, viaggio. Ritengo anzi che sia giunto il momento per la SIA di organizzare delle iniziative analoghe: una traveling-fellowship in giro per l Italia, per i giovani chirurghi italiani, in un ambiente più conosciuto e familiare. Tu, che sei un illustre membro della SIA, pensi che sia utopia? 11

4 E. Taverna Artroscopia / VOL III, N 1, 2002 Università: quali sono i tuoi ricordi migliori, i tuoi rammarichi, i tuoi rapporti attuali? Il mio rapporto attuale è ancora stretto. Con l Università ho un cordone ombelicale che è difficile tagliare! Sono uscito dalla Clinica Ortopedica ma ho voluto conservare il mio rapporto con l Università, passando alla facoltà di Scienze Motorie, facoltà nuova e per questo interessante. Non ti nascondo che la clinica Ortopedica mi manca, soprattutto per l impossibilità di trasmettere le mie conoscenze agli specializzandi e per questo ho sentito la necessità di creare un laboratorio. I miei rammarichi sono tanti, ma per come sono andate le vicende non tutto è dipeso da me. Le ferite si rimarginano tutte, come ben sai, il problema è che qualcuna diviene un cheloide! I ricordi belli sono tanti ma il più bello è una lettera che ho ricevuto da uno specializzando il giorno che mi sono trasferito. Quale sarà il futuro della Chirurgia Artroscopica? Credi nelle nuove frontiere di bio-genetica e bio-ingegneria? Sono sufficientemente vecchio da non essere in grado di vedere il futuro e non ti so dire dove arriveremo! Certamente le nuove frontiere sono affascinanti, e nel futuro il chirurgo lavorerà a stretto contatto con il biologo. La mia cultura biologica di base è però poca cosa per apprezzarne le potenzialità o stimolare il mio interesse. Considera solo che al mio corso di laurea, l insegnamento d istologia fu un esame facoltativo! A ciò aggiungi che non ho mai amato dover sacrificare gli animali per eseguire studi sperimentali e quindi comprenderai facilmente che la bio-genetica o la bio-ingegneria sono materie ostiche per me. In un passato non tanto lontano, tanti artroscopisti Italiani hanno visto negli Stati Uniti il luogo dove vedere cose impossibili in Italia. Le cose si sono gradualmente modificate, tanto che ora nel nostro Paese si praticano le stesse tecniche probabilmente con gli stessi risultati. Credi che ancora oggi l America debba essere per un giovane l obiettivo a cui guardare per aggiornarsi in Artroscopia? È verissimo! Molti colleghi d oltre oceano, in visita in Italia, rimangono stupiti costatando lo standard della nostra chirurgia. Ritengo però che dall America possiamo imparare ancora altre cose: l organizzazione ed il metodo di lavoro, sia clinico sia scientifico. È soprattutto nella ricerca che siamo inferiori. L Università, luogo deputato all insegnamento ed alla ricerca, non svolge nessuna delle due funzioni, a parte qualche rara eccezione. Visto che mi chiedi un paragone con l America, ebbene in quel Paese il medical student giunge alla laurea già con alcuni lavori scientifici alle spalle, avendo l obbligo di frequentare uno dei numerosi laboratori di ricerca. Recentemente, per poter svolgere due ricerche bio-meccaniche, che mi stavano molto a cuore, ho dovuto pagare personalmente i costi di una ricerca in America. Inoltre, sono stati necessari molti insuccessi ed amare delusioni prima di apprendere come scrivere un lavoro scientifico e solo dopo numerosi tentativi sono riuscito a pubblicare alcuni articoli su riviste straniere. In Italia la ricerca non ha fondi scientifici, ed è vero, ma anche per scarsa lungimiranza delle nostre leggi e dell Università stessa che impediscono il supporto dei privati. L industria sarebbe molto più felice di investire in laboratori o seri programmi di ricerca piuttosto che in viaggi o congressi! E noi dovremmo imparare a chiedere alle Ditte più supporto per la ricerca, invece di sfiancarle con le richieste di partecipazione a congressi turistici. Un altro motivo di inferiorità culturale è costituito infine dalla nostra lingua per cui, come tutti i popoli latini, soffriamo di un isolamento linguistico. L Università non stimola l apprendimento di una lingua straniera. Solo ora, all Università di Scienze Motorie, è stato istituito un corso biennale obbligatorio di lingue straniere, e stiamo ora decidendo di svolgere le nostre lezioni in Inglese. La mia esperienza individuale è che conoscendo solo la lingua francese, mi sono dovuto mettere a studiare l inglese alla non più giovane età di 30 anni, da autodidatta e con risultati appena discreti. Cambiamo argomento; non credo che tu abbia tanto tempo libero, ma prova lo stesso a raccontarci i tuoi hobby. Sotto questo punto di vista credo di essere una persona abbastanza noiosa e ti posso raccontare dei miei hobby solo parlando al passato: la vela e la fotografia. Lo sport; romanista fino all osso ; quello appena passato è stato un anno di grande soddisfazione. Esatto, e se non fossi stonato come una campana, ti canterei adesso il nostro inno Grazie Roma. 12

5 Quali sono i giocatori operati che ricordi più volentieri e chi ti è rimasto amico? Con i giocatori avviene quello che normalmente avviene con i tuoi pazienti: con alcuni si riesce ad avere un contatto umano, che travalica il rapporto medico-paziente, con altri, invece, il rapporto è solo professionale. È proprio necessario fare dei nomi? Quale ricordi che sia stato il tuo più grande successo a livello di immagine? Non ho mai curato la mia immagine o le pubbliche relazioni. Tu lo sai che le mie radici affondano nella città di Pesaro, città di persone laboriose ma sempre schive a livello d immagine. Sinceramente non saprei risponderti: secondo te quale è stato? In realtà, visto che mi sono calato nella parte di intervistatore, la domanda era più una curiosità da giornalista che da ortopedico; intendevo per successo a livello di immagine il caso operato che più era stato messo in risalto da giornali o media ; ce ne sono stati tanti che certamente è difficile ricordarli tutti e scegliere. Comunque devo ammettere che, conoscendo il tuo carattere riservato, mi sarei dovuto aspettare la risposta che mi hai dato. Cerchiamo di rimediare: tra i tuoi numerosi successi di carattere scientifico, che ti hanno gratificato negli ambienti ortopedici Italiani e stranieri, quale è stato quello che ti ha dato più soddisfazione? Indubbiamente è stata un emozione il ricevere una laurea honoris causa dall Università di Pleven, in Bulgaria, per meriti didattici avendo avuto la possibilità di insegnare l artroscopia a molti colleghi bulgari. Mi riprometto di riceverne altre in futuro! A parte gli scherzi, le soddisfazioni nel nostro lavoro non mancano: ogni volta che un paziente mi ringrazia per me è una gioia ed una soddisfazione. Sei sempre nella lista degli invitati ai congressi italiani, ma da qualche anno a questa parte, il tuo nome come relatore appare sempre più nei programmi dei congressi europei nonché americani: a cosa è dovuta questa scelta? È una domanda acuta ma anche imbarazzante! Il primo è quello di arricchire la mia esperienza con le osservazioni di altri chirurghi. In Italia, come ben sai, la discussione dopo ogni relazione è molto soffice e di scarsa utilità. Il rapportarsi con esperienze anche estere mi fa crescere intellettualmente, scientificamente e anche chirurgicamente. Vuoi mettere quanti litri di sana adrenalina si riversano nelle mie arterie a stimolare tutte le mie funzioni emotive quando si sale su un podio straniero! Ha molto colpito la stampa sportiva un tuo intervento eseguito a suon di Elvis Presley? Cambi la musica secondo il tipo di paziente o di chirurgia? È vero che non entro in sala se non è accesa la musica! Io preferisco musica classica, ed in particolare amo la musica di Brahms o di Mahler. Ma siccome il lavoro chirurgico è un lavoro di équipe, io sono sempre in minoranza nella scelta della musica da ascoltare! Gli assistenti mi concedono cortesemente di ascoltare la musica che preferisco, solo se devo affrontare un intervento complesso o se sono un poco più nervoso più del solito! Chiudiamo qui l intervista a Pier Paolo Mariani. Ci sarebbero state tante altre domande da fare ed a tutte avrebbe risposto con la sua solita signorilità, venata da una sottile ironia e da tanto buon senso. Lo spessore del personaggio ed il carattere incompiuto dell intervista, dovuta alla mia scarsa esperienza giornalistica, mi porterà a richiedere di eseguire tra qualche tempo una seconda intervista, nella quale potere inserire anche qualche battutaccia, qualche espressione romanesca e qualche giudizio sincero su noi suoi allievi, ex-giovani artroscopisti degli anni ottanta. 13

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono?

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono? io sono l alternativa non alternativa L'Aura Abela è l'artista forse più conosciuta presente nel nuovo cd di Enrico Ruggeri dal titolo "Le canzoni ai testimoni" uscito il 24 gennaio. L'Aura è colei che

Dettagli

Valorizzare la diversità linguistica delle classi

Valorizzare la diversità linguistica delle classi Valorizzare la diversità linguistica delle classi I.C. Andrea Zanzotto Caneva Scuola Primaria di Sarone Classi 1 a 2 a 3 a Gruppo 1 Formatrice: Dott. ssa Graziella Favaro Insegnanti curatori: Enrico Colomberotto

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA C è una giovane speranza dell Università di Catania, Lucia Gionfriddo. C era, anzi. Perché un male incurabile l ha trascinata via in una manciata di giorni. Pensa. Era un

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

PROGETTO PON MATEMATICAMENTE

PROGETTO PON MATEMATICAMENTE PROGETTO PON MATEMATICAMENTE In quest anno scolastico nel nostro Circolo Didattico per la prima volta si è realizzato il Progetto PON: Obiettivo C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario

Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario Questa giornata per te è stata:piena di significato, mi ha fatto capire che noi donne siamo veramente importanti un modo per conoscere cose

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Inaugurazione mostra "Phobia, la paura sei tu": intervista a Milly Macis

Inaugurazione mostra Phobia, la paura sei tu: intervista a Milly Macis Inaugurazione mostra "Phobia, la paura sei tu": intervista a Milly Macis Milly Macis, nota tatuatrice cagliaritana si racconta in un intervista, poco prima dell inaugurazione della mostra Phobia la paura

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

LA VITA E CAMBIAMENTO

LA VITA E CAMBIAMENTO Free Session Included! LA VITA E CAMBIAMENTO Giuliano Mandotti COACHING - INFORMATICA - FORMAZIONE Chi vuole fare sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa Proverbio africano Life COACHING

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli