Update sulla displasia broncopolmonare: novità in tema di prevenzione e terapia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Update sulla displasia broncopolmonare: novità in tema di prevenzione e terapia"

Transcript

1 Gennaio-Marzo 2015 Vol. 45 N. 177 Pp Prospettive in Pediatria Neonatologia Update sulla displasia broncopolmonare: novità in tema di prevenzione e terapia Maria Pierro Fabio Scopesi Luca Ramenghi Patologia Neonatale, IRCCS Istituto Pediatrico Giannina Gaslini, Genova La broncodisplasia (BPD), considerata una delle principali complicanze cliniche della prematurità, manca ancora di un trattamento sicuro ed efficace. Alcune strategie respiratorie sembrano essere in grado di prevenire, almeno in parte, la BPD. Negli ultimi anni, l utilizzo di cellule staminali per rigenerare organi permanentemente danneggiati ha attratto sempre crescenti attenzioni. Le cellule staminali mesenchimali (MSCs) sono attualmente in fase di studio nel tentativo di fornire un trattamento risolutivo per i bambini affetti da BPD. Riassunto Bronchopulmonary dysplasia (BPD), considered one of the major complications of premature birth, is still lacking a safe and effective treatment. Few respiratory strategies seems to be able to partially prevent BPD. Recently, increasing attention has been focused on the use of stem cells to regenerate damaged organs. Mesenchymal stem/stromal cells (MSCs) are currently under investigation in the attempt to provide a definitive treatment for babies affected by BPD. Summary Metodologia della ricerca bibliografica I dati per questo articolo sono stati selezionati tramite una ricerca su Medline con le parole chiave bronchopulmonary dysplasia, prevention e therapy con data di pubblicazione dal 2011 al 2015 ed esclusivamente in lingua inglese. La ricerca ha prodotto 236 pubblicazioni. Le citazioni sono state utilizzate sulla base della rilevanza per il tema. Sono stati inclusi anche gli studi più importanti relativi alla broncodisplasia, di cui gli autori erano a conoscenza, anche se pubblicati in una data precedente al Introduzione La BPD è una forma di malattia polmonare cronica che colpisce esclusivamente i neonati prematuri, per cui rappresenta una delle complicanze più frequenti e invalidanti (Farstad et al., 2011). La BPD si origina come conseguenza di un arresto di sviluppo polmonare, esacerbato di stimoli infiammatori pre e post-natali. Nonostante il progresso delle tecniche di assistenza neonatale, questa patologia rappresenta tuttora una problematica estremamente invalidante per i neonati prematuri, con conseguenze a lungo termine che arrivano fino all età scolare e in alcuni casi all età adulta. Obiettivo Obiettivo di questa revisione è quello di descrivere i nuovi approcci in termini di prevenzione e potenziali opzioni terapeutiche innovative per il trattamento della BPD. Definizione e incidenza La definizione di BPD, così come la sua stessa fisiopatologia, si sono modificate significativamente rispetto alla prima descrizione che risale al 1967 (Northway et al., 1967). Attualmente, la definizione 35

2 M. Pierro et al. più utilizzata classifica i neonati di età gestazionale inferiore alle 32 settimane che hanno necessitato di ossigenoterapia per almeno 28 giorni in tre gruppi di gravità, sulla base del tipo supporto respiratorio e di concentrazione di ossigeno che richiedono a 36 settimane postmestruali (PMA) (Jobe e Bancalari, 2001). L incidenza di BPD può variare dal 68 al 40% nei neonati tra 22 e 28 settimane, a seconda della definizione considerata. Nonostante l innegabile progresso della qualità della assistenza neonatale, la maggior parte degli studi riportano un incidenza di BPD stabile o addirittura aumentata nel corso degli ultimi 2 o 3 decenni, probabilmente come conseguenza dell aumento di sopravvivenza dei neonati più prematuri e a più alto rischio di complicanze (Stoll et al., 2010). Fisiopatologia Arresto di sviluppo polmonare La BPD viene distinta in vecchia e nuova sulla base dell evoluzione fisiopatologica della malattia stessa. La vecchia BPD, descritta negli anni 60, si sviluppava come conseguenza di un approccio ventilatorio estremamente aggressivo in termini di pressioni di picco e concentrazioni di ossigeno su un polmone relativamente maturo (> 32 settimane di gestazione), ma carente di surfattante. Dal punto di vista istologico la vecchia BPD è caratterizzata da un danno diffuso delle vie aeree con ipertrofia muscolare liscia delle arteriole polmonari, infiammazione neutrofila, e fibrosi parenchimale. Grazie al miglioramento delle tecniche ventilatorie, all introduzione della terapia steroidea prenatale per accelerare la maturazione polmonare e del surfattante esogeno, i neonati di età gestazionale superiore alle 32 settimane rarissimamente soffrono di complicanze polmonari croniche. Allo stesso tempo l aumento della sopravvivenza di neonati estremamente pretermine ha portato alla comparsa di una forma di malattia polmonare chiamata new BPD, tipica dei bambini nati nelle fasi precoci dello sviluppo polmonare (22-28 settimane di gestazione) (Jobe e Bancalari, 2001). La nuova BPD costituisce l espressione di un disturbo dello sviluppo polmonare, più che di un danno iatrogeno. Le componenti di fibrosi e infiammazione sono pertanto meno rappresentate. Istologicamente, i polmoni dei pazienti affetti da nuova BPD vengono arrestati nella fase di sviluppo polmonare in cui sono nati e sono caratterizzati da un minor numero di alveoli morfologicamente ingranditi e semplificati rispetto agli alveoli dei nati a termine (Coalson, 2003). La nuova BPD è inoltre caratterizzata da una distribuzione anomala dei vasi polmonari e da una riduzione del numero delle piccole arterie, che sono funzionalmente iperreattive e ipertoniche, comportando ipertensione arteriosa polmonare e ipertrofia ventricolare destra (Rossor e Greenough, 2014). La BPD come malattia multifattoriale Fattori infiammatori prenatali quali le corionamnioniti associati a fattori postnatali, tra cui il danno da ventilazione (VILI), l edema polmonare da dotto di Botallo pervio e lo sviluppo di infezioni, possono attivare una cascata di fattori infiammatori, tradotti in processi di necrosi cellulare e riparazione fibrotica del polmone che, essendo ancora in fase di precoce differenziazione, va incontro a ulteriore alterazione dei processi di alveolarizzazione e vasculogenesi (Speer, 2006). Infine, la suscettibilità genetica nell espressione di geni cruciali per la produzione del surfattante, per lo sviluppo vascolare, e per la modulazione dell infiammazione sembrano avere un ruolo, seppur non completamente codificato, nello sviluppo della nuova BPD (Shaw e O Brodovich, 2013). Prevenzione della BPD: dati salienti emersi dagli studi considerati Interpretazione degli studi considerati Approccio in Sala Parto: la sustained lung inflation È ormai dimostrato che anche i primi atti respiratori a pressione positiva in sala parto possano generare un danno polmonare persistente e predisporre allo sviluppo di BPD. Alla nascita, il polmone passa da organo secretivo, deputato alla produzione del liquido necessario al suo stesso sviluppo durante la vita fetale, all organo responsabile della respirazione in aria. Questo processo prevede il veloce riassorbimento, da parte del polmone stesso, del liquido polmonare fetale grazie all attivazione dei canali epiteliali del sodio ed è significativamente rallentato nel neonato prematuro, soprattutto se nato da taglio cesareo. Di conseguenza, il polmone del neonato prematuro nei primi minuti di vita è particolarmente disomogeneo, in parte areato e in parte ancora ripieno di liquido. Qualora si renda necessaria la ventilazione a pressione positiva, il volume di scambio erogato (volume tidal), anche se teoricamente adeguato, si distribuisce preferenzialmente alle unità alveolari già aperte determinando una sovradistensione delle stesse e ulteriore schiacciamento meccanico delle aree non ancora espanse, con innesco del volu/biotrauma (Jobe et al., 2008). Nel tentativo di favorire la rimozione di liquido polmonare alla nascita ed evitare l innescarsi del danno polmonare che potrebbe aumentare il rischio di BPD, è stata introdotta la tecnica della sustained lung inflation (SLI). La SLI viene eseguita applicando una pressione in maschera alla vie aeree di cmh2o per circa secondi prima di iniziare la ventilazione a pressione positiva intermittente. Numerosi studi animali hanno dimostrato l efficacia di questa tecnica. Recentemente, nel più ampio studio randomizzato controllato (RCT), in cui sono stati arruolati 291 neonati di età gestazionale 36

3 Displasia broncopolmonare A B Figura 1. Sezioni in ematossilina-eosina da polmone di neonato gravemente pretermine (23 settimane) deceduto per broncodisplasia; ingrandimenti 10x (A) e 20x (B). Polmoni in fase canaliculo-sacculare con assenza di creste secondarie tipiche della fase alveolare (*). Gentile concessione del Prof. Ezio Fulcheri, IRCCS, Istituto Giannina Gaslini, Genova. compresa tra 25 e 28 settimane, la necessità di ventilazione meccanica nelle prime 72 ore era ridotta nel gruppo SLI (53 vs 65%; P = 0,04), ma non sono state dimostrate differenze nell incidenza di BPD (outcome secondario) (Lista et al., 2015). Nonostante i presupposti teorici e preclinici supportino l utilizzo di questa metodica, l evidenza scientifica non è tale, al momento, da portare a un cambiamento della pratica clinica. Un RCT sugli effetti della SLI nel ridurre l incidenza di BPD è attualmente in corso (Foglia et al., 2015). Surfattante esogeno Il surfattante polmonare è un emulsione di lipidi, proteine e carboidrati, disposto a formare un film tra la superficie alveolare e i gas atmosferici, che rende possibile la riduzione della tensione superficiale, migliorando l uniformità dell inflazione, stabilizzando il volume e la forma degli alveoli e favorendo la ventilazione. Il surfattante inizia a essere prodotto in minime quantità a partire dalle 26 settimane, mentre la sua produzione diventa adeguata solo dopo le 34 settimane di gestazione. La scoperta del surfattante di origine animale, ha modificato il volto della neonatologia in termini di sopravvivenza dei neonati pretermine. Tuttavia, l evidenza scientifica sulla capacità del surfattante di prevenire la BPD non è univoca. Bisogna tener presente che il timing della somministrazione e la tecnica di somministrazione del surfattante hanno sicuramente un impatto importante nella prevenzione della BPD. Timing del surfattante: profilassi vs somministrazione precoce vs somministrazione tardiva In seguito alle metanalisi di studi che risalgono al 2010, le ultime linee guide europee suggeriscono una somministrazione selettiva e non più una somministrazione profilattica a tutti i neonati di età inferiore alle 27 settimane. Tuttavia, la somministrazione di surfattante, non deve essere troppo tardiva e bisogna evitare di superare concentrazioni di ossigeno superiori al 35-40% prima di somministrare il surfattante nei primi giorni di vita (Sweet et al., 2013) La somministrazione selettiva di surfattante, rispetto a quella profilattica, diminuisce significativamente l incidenza di BPD e BPD/morte (DiBlasi, 2011). La somministrazione selettiva precoce migliora la sopravvivenza e riduce il rischio di complicanze quali il pneumotorace e BPD, rispetto a quella selettiva tardiva (Bahadue e Soll, 2012). Nuove tecniche di somministrazione Il surfattante deve essere somministrato localmente per via endotracheale, durante la ventilazione meccanica oppure durante l assistenza in nasal continuous positive airway pressure (NCPAP), attraverso una breve intubazione (INSURE) con immediata estubazione e riposizionamento del bambino in NCPAP. La tecnica INSURE, ormai in uso da più di 15 anni, sembra essere associata a una ridotta incidenza di BPD (Stevens et al., 2007). Recentemente, è stata descritta una nuova tecnica, la minimally invasive surfactant therapy (MIST), meno invasiva rispetto alla tecnica INSURE, che consiste nell utilizzo di un sottile catetere per la somministrazione del surfattante. Questa tecnica sembra ridurre la necessità di ventilazione nelle prime 72 ore e essere associata con un trend di riduzione della BPD (More et al., 2014). Il limite di questa tecnica risiede nella sua 37

4 M. Pierro et al. learning curve ; per questo dovrebbe essere effettuata solo nei centri di terzo livello, dopo adeguato training. Inoltre gli effetti sullo sviluppo di BPD non sono ancora documentati. È in corso un RCT che dovrebbe portare a una indicazione definitiva (Dargaville et al., 2014). Strategie ventilatorie La ventilazione meccanica, pur essendo una misura salvavita necessaria in molti dei neonati estremamente prematuri, costituisce anche uno dei principali contribuenti allo sviluppo di BPD. Il VILI si caratterizza per 3 componenti: (i) il danno generato dalle pressioni (barotrauma), (ii) il danno generato dal volume di scambio (volutrauma), (iii) il danno generato dalla mancanza di una pressione positiva di fine espirazione che porta al collasso il polmone tra un atto respiratorio e l altro (atelettotrauma). È ampiamente documentato che il volutrauma sia il principale responsabile dell innesco della cascata infiammatoria responsabile del VILI. Ventilazione convenzionale a controllo di pressione con target di volume (volume garantito) È facilmente intuibile, quindi, come un relativo controllo del volume tidal erogato sia da considerarsi un cardine della ventilazione neonatale. I ventilatori neonatali sono principalmente ventilatori a controllo di pressione, in cui volumi erogati variano a seconda delle variazioni di compliance polmonare. Il limite di questa tecnica è rappresentato proprio dalla mancanza di controllo sui volumi erogati, che potrebbero variare significativamente in ragione dei repentini cambiamenti di compliance. Ciò può condurre in alcuni casi a una iperventilazione occulta o a un danno polmonare conseguente all erogazione di alti volumi per tempi prolungati. Poiché sembra che pochi atti respiratori sotto o sovradimensionati siano in grado di innescare effetti dannosi sul polmone ed essendo inverosimile poter controllare manualmente la pressione inspiratoria per prevenire il danno polmonare, sono stati creati algoritmi che consentono una ventilazione ibrida a controllo di pressione con target di volume: il volume garantito. Si tratta di una modalità di ventilazione convenzionale in cui viene impostato un volume tidal (4-6 ml/kg). A ogni ciclo respiratorio, in base alle variazioni di compliance, la pressioni erogate vengono modificate automaticamente per raggiungere il volume desiderato. La pressione di picco impostato rappresenta solo il limite massimo di pressione che può essere raggiunto, oltre il quale non viene erogato il volume richiesto. Il largo utilizzo su scala mondiale di questa tecnica di ventilazione ha trovato una conferma scientifica definitiva in una recente metanalisi che ha evidenziato una riduzione di: durata della ventilazione meccanica, incidenza di BPD, fallimento della modalità di ventilazione iniziale, ipocapnia, IVH di grado 3/4, PVL e pneumotorace grazie all utilizzo del volume garantito (Peng et al., 2014). Terapia farmacologiche Una recente metanalisi (Beam et al., 2014) ha analizzato tutte le terapie studiate nel tentativo di prevenire la BPD. Sono stati trovati 21 farmaci studiati per la prevenzione e terapia della BPD. Di questi, 16 non hanno mostrato alcuna efficacia. Trai i 5 farmaci efficaci, solo tre sono stati oggetto di RCTs multicentrici o ripetuti, ma, anche questi non sono tanto convincenti da poter essere raccomandati su larga scala. In particolare: la somministrazione intramuscolo continuativa di Vitamina A sembra ridurre lievemente l incidenza di BPD, ma i risultati marginali e la modalità di somministrazione invasiva non hanno permesso la diffusione di questa terapia; la terapia con caffeina è stata associata a una ri- A B Figura 2. Sezioni colorate con citocheratina 7 da polmone di neonato gravemente pretermine deceduto per broncodisplasia; ingrandimenti 10x (A) e 20x (B). In evidenza, grazie a questa colorazione, gli epiteli delle strutture respiratorie canaliculo-sacculari. Gentile concessione del Prof. Ezio Fulcheri, IRCCS, Istituto Giannina Gaslini, Genova. 38

5 Displasia broncopolmonare duzione nell incidenza di BPD in un RCT che ha arruolato più di 2000 pazienti. Tuttavia questo risultato va dimensionato alla luce del fatto che la BPD era una misura secondaria; - la somministrazione precoce di desametasone è l unico farmaco in grado di ridurre, in modo significativo e ripetutamente riconfermato, l incidenza di BPD. Tuttavia l aumentato rischio di paralisi cerebrale a 18 mesi nei trattati con desametasone (sopratutto se nella prima settimana di vita) ne hanno limitato notevolmente l utilizzo. Allo stesso tempo, un gruppo selezionato di pazienti ad alto rischio di BPD (come quelli in ventilazione meccanica dopo 2 o 3 settimane di vita) sembra beneficiare di un ciclo di desametasone a basso dosaggio. In questa categoria di pazienti, con diagnosi quasi certa di BPD qualora sopravvivessero, il desametasone, riducendo l incidenza di BPD che è di per se stessa associata a outcomes neurologici peggiori, riduce anche il rischio di paralisi cerebrale (Watterberg K, 2012). Per quanto riguarda il possibile uso dell idrocortisone in sostituzione del desametazione per ridurre l incidenza di BPD, sono attualmente in corso due RCTs (NCT , NCT ). Fino a quando i risultati di questi studi, anche in termini di sicurezza, non saranno disponibili, il suo uso dovrebbe essere limitato a protocolli di ricerca. Conclusioni Nonostante i continui progressi delle cure perinatali, l incidenza della BPD non è diminuita nella ultime decadi. La cura della gestione ventilatoria a partire dalla sala parto, la somministrazione selettiva precoce di surfattante (FiO2 non superiore a 35-40%) e l utilizzo del volume garantito sembrano essere parzialmente efficaci nel prevenire la BPD. Per la traslazione clinica di tecniche quali la SLI e la MIST, seppur promettenti, occorre attendere i risultati degli RCTs in corso. Le poche terapie farmacologiche a disposizione dovrebbero essere usate con cautela. In particolare il desametasone, deve essere utilizzato solo nei neonati ad alto rischio di sviluppare BPD (necessità di assistenza respiratoria invasiva dopo le 2-3 settimana di vita) per ridurre i danni neuorologici a lungo termine. Prospettive future: la terapia rigenerativa Negli ultimi anni, la terapia rigenerativa con cellule staminali ha rappresentato una nuova opzione terapeutica per patologie ritenute incurabili. Le cellule staminali sono cellule primitive in grado di autorinnovarsi e dare vita a più fenotipi cellulari differenziati, giocando un ruolo cruciale nell organogenesi durante la vita fetale, così come nella riparazione e rigenerazione di organi durante la vita adulta (Prockop et al., 2010). Tra i diversi tipi cellulari, le MSCs sono le più studiate grazie alla loro facilità di isolamento e alle proprietà immunomodulanti che rendono queste cellule le perfette candidate per il trapianto allogenico (da donatore) (Murphy et al., 2013). La fonte più nota di MSCs è il midollo osseo, anche se le problematiche legate alla procedura di prelievo molto dolorosa e invasiva e il numero ridotto di cellule ottenibili, hanno reso necessaria la ricerca di nuove sedi di prelievo. Le cellule ottenute da cordone ombelicale sembrano particolarmente promettenti, essendo facili da ottenere senza procedure dolorose e senza rischi per la madre o per il neonato. Inoltre, è noto che le cellule staminali invecchiano con l aumentare dell età del donatore; pertanto, tanto più giovane è il donatore, tanto più attive saranno le staminali prelevate (Broxmeyer, 2008). In modelli animali di BPD, la terapia con MSCs si è dimostrata in grado di migliorare diversi aspetti tipici della BPD, tra cui infiammazione, arresto dello sviluppo alvoelare e vascolare, alterata funzionalità respiratoria e dei test da sforzo (Aslam et al., 2009; van Haaften et al., 2009; Pierro et al., 2013). In uno studio di follow-up nel modello murino la somministrazione di MSCs in epoca neonatale si è dimostrata efficace e sicura fino a 6 mesi (corrispondenti nell uomo a un giovane adulto) (Pierro et al., 2013). I risultati sperimentali su modelli animali sono stati così convincenti, che, nonostante rimangano ancora numerose problematiche aperte riguardo alla nostra conoscenza sul meccanismo d azione di questa terapia e sull ottimizzazione della preparazione del prodotto finale, negli ultimi anni si sono moltiplicati gli studi clinici, disegnati per testare la terapia con MSCs in quasi tutti gli ambiti della medicina (https://clinicaltrials.gov/ct2/ results?term=&recr=&rslt=&type=&cond=&intr=mese nchymal+stem+cell&titles=&outc=&spons=&lead=&i d=&state1=&cntry1=&state2=&cntry2=&state3=&cntr y3=&locn=&gndr=&rcv_s=&rcv_e=&lup_s=&lup_e=). Sono stati registrati cinque studi clinici sull uso delle MSCs nel trattamento/prevenzione della BPD, di cui uno completato (https://clinicaltrials.gov/ct2/results? term=mesenchymal+stem+cell+and+bpd&search= Search). Chang et al. hanno valuto la sicurezza della somministrazione intratracheale di diversi dosaggi di MSCs cordonali in neonati a rischio di BPD. Nonostante alcune alcune limitazioni nel disegno dello studio, gli autori hanno dimostrato che il trattamento con MSCs sembra essere praticabile e sicuro nel neonato prematuro (Chang et al., 2014). Lo studio di follow-up a lungo termine è tuttora in corso (NCT ). La promessa della terapia rigenerativa rappresenta una concreta speranza per i neonati affetti da BPD. Tuttavia, è necessario che la ricerca approfondisca la conoscenza sui possibili meccanismi d azione delle cellule staminali, così da identificare il più adeguato prodotto cellulare per ogni patologia. Inoltre, le tecniche di isolamento, espansione e somministrazione delle staminali stesse devono essere sviluppate e standardizzate per ottimizzare i risultati terapeutici e garantire la massima sicurezza del trattamento. 39

6 M. Pierro et al. Box di orientamento Cosa si sapeva prima La BPD è una complicanza grave della prematurità. Cosa sappiamo adesso Non esiste trattamento efficace per curare la BPD, seppure possano essere intraprese alcune strategie volte a ridurne l incidenza. Quali ricadute in ambito clinico La terapia rigenerativa con MSCs potrebbe fornire una nuova speranza ai neonati affetti da BPD. Bibliografia Aslam M, Baveja R, Liang OD, et al. Bone marrow stromal cells attenuate lung injury in a murine model of neonatal chronic lung disease. Am J Respir Crit Care Med 2009;180: Bahadue FL, Soll R. Early versus delayed selective surfactant treatment for neonatal respiratory distress syndrome. Cochrane Database Syst Rev 2012;11:CD ** La somministrazione selettiva precoce di surfattante rispetto alla selettiva tardiva riduce l incidenza di BPD. Beam KS, Aliaga S, Ahlafeld SK, et al. A systematic review of randomized controlled trials for the prevention of bronchopulmonary dysplasia in infants. Journal of Perinatology 2014; 34: Broxmeyer HE. Cord blood hematopoietic stem cell transplantation. In: StemBook. Cambridge (MA): Harvard Stem Cell Institute; May 26. Chang YS, Ahn SY, Yoo HS, et al. Mesenchymal stem cells for bronchopulmonary dysplasia: phase 1 dose-escalation clinical trial. J Pediatr 2014;164: ** La somministrazione di MSCs è risultata sicura a breve termine nel neonato prematuro a rischio di BPD. Coalson JJ. Pathology of new bronchopulmonary dysplasia. Seminars in Neonatology 2003;8: Dargaville PA, Kamlin CO, De Paoli AG, et al. The OPTIMIST-A trial: evaluation of minimally-invasive surfactant therapy in preterm infants weeks gestation. BMC Pediatr 2014;14:213. DiBlasi RM. Neonatal noninvasive ventilation techniques: do we really need to intubate? Respir Care 2011;56: Farstad T, Bratlid D, Medbo S, et al. Bronchopulmonary dysplasia - prevalence, severity and predictive factors in a national cohort of extremely premature infants. Acta paediatrica 2011;100:53-8. Foglia EE, Owen LS, Thio M, et al. Sustained Aeration of Infant Lungs (SAIL) trial: study protocol for a randomized controlled trial. Trials 2015;16:95. Jobe AH, Bancalari E. Bronchopulmonary dysplasia. Am J Respir Crit Care Med 2001;163: Jobe AH, Hillman N, Polglase G, et al. Injury and inflammation from resuscitation of the preterm infant. Neonatology 2008;94: Lista G, Boni L, Scopesi F, et al. Sustained lung inflation at birth for preterm infants: a randomized clinical trial. Pediatrics 2015;135:e More K, Sakhuja P, Shah PS. Minimally invasive surfactant administration in preterm infants: a meta-narrative review. JAMA Pediatr 2014;168: Murphy MB, Moncivais K, Caplan AI. Mesenchymal stem cells: environmentally responsive therapeutics for regenerative medicine. Exp Mol Med 2013;15:45:e54. Northway W, Rosan R, Porter D. Pulmonary disease following respirator therapy of hyaline-membrane disease. Bronchopulmonary dysplasia. N Engl J Med 1967;276: Peng W, Zhu H, Shi H, et al. Volumetargeted ventilation is more suitable than pressure-limited ventilation for preterm infants: a systematic review and metaanalysis. Arch Dis Child Fetal Neonatal Ed 2014;99:F ** Il volume garantito riduce l incidenza di BPD. Pierro M, Ionescu L, Montemurro T, et al. Short-term, longterm and paracrine effect of human umbilical cord-derived stem cells in lung injury prevention and repair in experimental bronchopulmonary dysplasia. Thorax 2013;68: Prockop DJ, Kota DJ, Bazhanov N, et al. Evolving paradigms for repair of tissues by adult stem/progenitor cells (MSCs). J Cell Mol Med 2010;14: Rossor T, Greenough A. Advances in paediatric pulmonary vascular disease associated with bronchopulmonary dysplasia. Expert Rev Respir Med 2014;26:1-9. Shaw GM1, O Brodovich HM. Progress in understanding the genetics of bronchopulmonary dysplasia. Semin Perinatol 2013;37: Speer CP. Role of inflammation in the evolution of bronchopulmonary dysplasia. J Perinatol 2006;26(Suppl. 1):S57-62 Stevens TP, Harrington EW, Blennow M, et al. Early surfactant administration with brief ventilation vs. selective surfactant and continued mechanical ventilation for preterm infants with or at risk for respiratory distress syndrome. Cochrane Database Syst Rev 2007 CD Stoll BJ, Hansen NI, Bell EF, et al. Neonatal outcomes of extremely preterm infants from the NICHD Neonatal Research Network. Pediatrics 2010;126: Sweet DG, Carnielli V, Greisen G, et al. European consensus guidelines on the management of neonatal respiratory distress syndrome in preterm infants update. Neonatology 2013;103: van Haaften T, Birne R, Bonnet S, et al. Airway delivery of mesenchymal stem cells prevents arrested alveolar growth in neonatal lung injury in rats. Am J Respir Crit Care Med 2009;180: Watterberg K. Evidence based therapy postnatal steroids. Clin Perinatol 2012;39: Corrispondenza Maria Pierro Patologia Neonatale, IRCCS Istituto Pediatrico Giannina Gaslini, Genova - Tel maria. 40

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER DI II LIVELLO IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE E PEDIATRICA

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER DI II LIVELLO IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE E PEDIATRICA SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER DI II LIVELLO IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE E PEDIATRICA DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA UOC PEDIATRIA DI URGENZA E TERAPIA INTENSIVA PEDIATRICA

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Kangaroo Mother Care Una guida pratica

Kangaroo Mother Care Una guida pratica ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO Acta Neonantologica & Pediatrica, 1, 2006, 5-39 Kangaroo Mother Care Una guida pratica Edizione Italiana del testo WHO a cura del Gruppo di Studio della S.I.N. sulla Care in Neonatologia

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Nel definire l assistenza al neonato con insufficienza respiratoria è necessario considerare che:

Nel definire l assistenza al neonato con insufficienza respiratoria è necessario considerare che: TRATTAMENTO DELL INSUFFICIENZA RESPIRATORIA DEL NEONATO Fabio Mosca, Mariarosa Colnaghi UO di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Fondazione IRCCS,Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico 1.Premessa

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

D-7537-2009. Più vicini che mai all ideale CALEO

D-7537-2009. Più vicini che mai all ideale CALEO D-7537-2009 Più vicini che mai all ideale CALEO 02 Caleo Qual è l ambiente migliore per i neonati pretermine? ARRIVI PRECOCI Quando i bambini nascono prematuri, si ritrovano ad affrontare un mondo pieno

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino...

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio sotto al cuscino I denti da latte contengono cellule staminali che possono essere usate per

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli