Basi di dati. Esercizi sul modello E.R.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Basi di dati. Esercizi sul modello E.R."

Transcript

1 Basi di dati Esercizi sul modello E.R.

2 Esercizio 1, testo (1) Si vuole modellare un sistema per la gestione di visite mediche da svolgersi in diversi ambulatori medici Ogni visita è svolta in uno ed un solo ambulatorio avente un codice univoco e caratterizzato da indirizzo e numero di telefono In un ambulatorio possono essere svolte una o più visite Ogni visita è svolta in una precisa data ed orario oltre ad avere un codice univoco che la caratterizza 3

3 Esercizio 1, testo (2) Ogni visita può richiedere la prestazione d opera di uno o più specialisti Ogni specialista può svolgere più visite Ogni specialista è identificato da un codice univoco e prevede l indicizzazione delle sue specialità, nome, cognome e recapito telefonico Ogni specialista può avere necessità di un certo insieme di strumenti per i quali è presente un codice univoco ed una descrizione Uno strumento può essere utilizzato da uno o più specialisti 4

4 Esercizio 1, testo (3) Ogni specialista può avere bisogno di più collaboratori caratterizzati da un codice univoco, nome e cognome Un collaboratore collabora con almeno uno specialista e può essere responsabile dell utilizzo di uno o più strumenti Uno strumento può essere utilizzato da più collaboratori (ma anche da nessuno) 5

5 Le entità Dal testo possiamo individuare cinque entità - Visita - Ambulatorio - Specialista - Strumento - Collaboratore 6

6 L entità Visita Ogni visita è svolta in una precisa data ed orario oltre ad avere un codice univoco che la Caratterizza CodVisita VISITA Data Orario 7

7 L entità Ambulatorio Ogni visita è svolta in uno ed un solo ambulatorio avente un codice univoco e caratterizzato da indirizzo e numero di telefono CodAmbulatorio AMBULATORIO Telefono Indirizzo 8

8 L entità Specialista Ogni specialista è identificato da un codice univoco e prevede l indicizzazione delle sue specialità, nome, cognome e recapito telefonico CodSpecialista Specialità Telefono SPECIALISTA Nome Cognome 9

9 L entità Strumento Ogni specialista può avere necessità di un certo insieme di strumenti per i quali è presente un codice univoco ed una descrizione CodStrumento STRUMENTO Descrizione 10

10 L entità Collaboratore Ogni specialista può avere bisogno di più collaboratori caratterizzati da un codice univoco, nome e cognome CodCollaboratore COLLABORATORE Nome Cognome 11

11 Le relazioni Possiamo individuare dal testo cinque Relazioni tra le entità Visita - Ambulatorio Visita - Specialista Specialista - Strumento Specialista - Collaboratore Collaboratore - Strumento 12

12 La relazione Visita-Ambulatorio Ogni visita è svolta in uno ed un solo ambulatorio avente un codice univoco e caratterizzato da indirizzo e numero di telefono In un ambulatorio possono essere svolte una o più Visite AMBULATORIO (1,N) Svolta (1,1) VISITA 13

13 La relazione Visita - Specialista Ogni visita può richiedere la prestazione d opera di uno o più specialisti Ogni specialista può svolgere più visite SPECIALISTA (0,N) Presta (1,N) VISITA 14

14 La relazione Specialista - Strumento Ogni specialista può avere necessità di un certo insieme di strumenti per i quali è presente un codice univoco ed una descrizione Uno strumento può essere utilizzato da uno o più specialisti SPECIALISTA (0,N) Usa (1,N) STRUMENTO 15

15 La relazione Specialista - Collaboratore Ogni specialista può avere bisogno di più collaboratori caratterizzati da un codice univoco, nome e cognome Un collaboratore collabora con almeno uno specialista e può essere responsabile dell utilizzo di uno o più strumenti SPECIALISTA (0,N) Collabora (1,N) COLLABORATORE 16

16 La relazione Collaboratore - Strumento Un collaboratore collabora con almeno uno specialista e può essere responsabile dell utilizzo di uno o più strumenti Uno strumento può essere utilizzato da più collaboratori (ma anche da nessuno) STRUMENTO (0,N) (1,N) Responsabile COLLABORATORE 17

17 Soluzione CodAmbulatorio CodVisita Telefono Indirizzo Ambulatorio (1,N) Svolta (1,1) Visita Data Orario (1,N) CodStrumento (0,N) Presta CodSpecialista Descrizione Strumento (1,N) Usa (0,N) Specialista Nome Cognome (0,N) (1,N) Specialità Collabora CodCollaboratore Collabora (1,N) Collaboratore Nome Cognome 18

18 Esercizio 2, testo (1) Si vuole modellare una palestra che organizza corsi per i propri iscritti Ogni corso è identificato dal proprio nome, e ha un prezzo prestabilito Degli individui coinvolti nella palestra (trainer e iscritti) si vogliono conoscere il nome, il cognome e un numero di telefono A ogni individuo viene assegnato un identificatore univoco 20

19 Esercizio 2, testo (2) Per gli iscritti alla palestra si vuole conoscere anche l età Ogni corso è gestito da uno o due trainer Per ogni corso è previsto un numero massimo di iscritti Ogni iscritto può acquistare una o più tessere, e ogni tessera prevede alcuni corsi che vengono così acquistati ad un prezzo globale, definito di tessera in tessera, e non superiore alla somma dei costi dei singoli corsi 21

20 Esercizio 2, testo (3) Ogni cliente della palestra può anche iscriversi direttamente a un corso senza acquistare una tessera Ogni tessera è identificata da un numero progressivo, univoco per ogni cliente (ma che può ripetersi per due clienti differenti) 22

21 Le entità Dal testo possiamo individuare quattro entità - Corso - Tessera - Trainer - Iscritto Tra cui Trainer, Iscritto sono legati da una generalizzazione in quanto Trainer e Iscritto sono casi particolari di Persona 23

22 L entità Corso Ogni corso è identificato dal proprio nome, e ha un prezzo prestabilito Per ogni corso è previsto un numero massimo di iscritti Nome CORSO Prezzo MaxIscritti 24

23 L entità Tessera (1) Ogni tessera è identificata da un numero progressivo, univoco per ogni cliente (ma che può ripetersi per due clienti differenti) L identificativo di tessera non può essere solo il numero progressivo in quanto non è univoco se non per ogni cliente Avremo bisogno di un identificatore esterno tra l attributo Numero di Tessera e l entità con Iscritto 25

24 L entità Tessera (2) Ogni tessera prevede alcuni corsi che vengono così acquistati ad un prezzo globale Iscritto Numero TESSERA Prezzo 26

25 Persona generalizzazione di Trainer e Iscritto (1) Degli individui coinvolti nella palestra (trainer e iscritti) si vogliono sconoscere il nome, il cognome e un numero di telefono Come detto in precedenza Trainer e Iscritto sono casi particolari di Persona, in particolare Iscritto si differenzia da Trainer per l età Per gli iscritti alla palestra si vuole conoscere anche l età 27

26 Persona generalizzazione di Trainer e Iscritto (2) ID Nome PERSONA Cognome Telefono TRAINER ISCRITTO Età 28

27 Le relazioni (1) Possiamo individuare quattro relazioni tra le entità - Corso - Tessera - Tessera - Iscritto - Corso - Trainer - Corso - Iscritto 29

28 Le relazioni (2) Ogni tessera prevede alcuni corsi CORSO (0,N) (1,N) Composizione TESSERA Ogni iscritto può acquistare una o più tessere TESSERA (1,1) Possesso (0,N) ISCRITTO 30

29 Le relazioni (3) Ogni cliente della palestra può anche iscriversi direttamente a un corso ISCRITTO (0,N) Iscrizione (0,N) CORSO Ogni corso è gestito da uno o due trainer TRAINER (0,N) (1,2) Insegnamento CORSO 31

30 Soluzione ID Nome Persona Cognome Telefono Età Trainer Iscritto (0,N) Possesso (0,N) (0,N) (1,1) Numero Insegnamento Iscrizione Tessera Prezzo (0,N) (1,2) Nome MaxIscritti (1,N) Corso (0,N) Composizione Prezzo 32

31 Business rule Ci sono alcune informazioni che non possono essere rappresentate nello schema ma che devono essere prese in considerazione Ogni tessera prevede alcuni corsi che vengono così acquistati ad un prezzo globale ( ) non superiore alla somma dei costi dei singoli corsi È previsto un numero massimo di iscritti quindi il numero di iscritti direttamente o via tessera non deve superare tale valore Riportiamo queste informazioni nelle Busines rule 33

32 Soluzione ID Nome Persona Cognome Telefono BR1: Il costo di una tessera non deve superare la somma dei costi dei singoli corsi BR2: Il numero di iscritti direttamente o via tessera deve essere inferiore a MaxIscritti Trainer Iscritto (0,N) Possesso (0,N) (0,N) Età (1,1) Numero Insegnamento Iscrizione Tessera Prezzo (0,N) (1,2) Nome MaxIscritti (1,N) Corso (0,N) Composizione Prezzo 34

33 Esercizio 3, testo (1) Si vuole modellare un sistema che raccoglie informazioni riguardanti la quotazione di società nell ambito di un mercato finanziario. Una società quotata sul mercato finanziario è caratterizzata da un identificatore univoco, dal nome, dal capitale sociale e dalle informazioni relative alla sua sede legale (stato, città). Possono esserci società quotate sul mercato finanziario con lo stesso nome. Un agenzia di rating è caratterizzata da un identificatore univoco e dal nome. 36

34 Esercizio 3, testo (2) Un agenzia di rating non può essere una società quotata sul mercato finanziario. Una società quotata sul mercato finanziario non può essere un agenzia di rating. Una società quotata sul mercato finanziario emette strumenti finanziari contrattabili nel mercato finanziario. Uno strumento finanziario è emesso (con un determinato controvalore) da una ed una sola società quotata sul mercato finanziario. Una società quotata sul mercato finanziario emette uno o più strumenti finanziari. 37

35 Esercizio 3, testo (3) Uno strumento finanziario è caratterizzato da un nome e dal rendimento. Possono esserci strumenti finanziari con lo stesso nome, ma non se emessi dalla stessa società. Gli strumenti finanziari possono essere azioni, obbligazioni (per le quali è significativa la scadenza) e derivati. Una società quotata sul mercato finanziario detiene una determinata percentuale di una o più società quotata sul mercato finanziario. 38

36 Esercizio 3, testo (4) Percentuali di ogni società quotata sul mercato finanziario sono detenute da almeno una società sul mercato finanziario (la somma delle percentuali per ogni società deve essere 100). Un agenzia di rating esprime valutazioni correnti (espresse per mezzo di un valore di rating) rispetto a una o più società quotate sul mercato finanziario. Una società quotata sul mercato finanziario è valutata da almeno un agenzia di rating. 39

37 Le entità Possiamo individuare cinque entità ed una generalizzazione - Società - Agenzia - Azione - Obbligazione - Derivato Strumento finanziario sarà la generalizzazione di Azione, Obbligazione e Derivato 40

38 L entità Società (1) Una società quotata sul mercato finanziario è caratterizzata da un identificatore univoco, dal nome, dal capitale sociale e dalle informazioni relative alla sua sede legale (stato, città) Oltre agli attributi normali (Id, Nome, Capitale) esiste un attributo composto che è Sede Legale composto da Stato e Città 41

39 L entità Società (2) IDSocietà Città Stato Sede Legale SOCIETA Nome Capitale Sociale 42

40 L entità Agenzia Un agenzia di rating è caratterizzata da un identificatore univoco e dal nome. IDAgenzia AGENZIA Nome 43

41 La generalizzazione Strumento finanziario (1) Uno strumento finanziario è caratterizzato da un nome e dal rendimento. Possono esserci strumenti finanziari con lo stesso nome, ma non se emessi dalla stessa società. Gli strumenti finanziari possono essere azioni, obbligazioni (per le quali è significativa la scadenza) e derivati. Strumento finanziario oltre ad essere generalizzazione possiede una chiave esterna in quanto nome non è univoco se non accoppiato alla società 44

42 La generalizzazione Strumento finanziario (2) Rendimento STRUMENTO FINANZIARIO Nome SOCIETA AZIONE OBBLIGAZIONE DERIVATO Scadenza 45

43 Le relazioni (1) Possiamo individuare tre relazioni tra le entità - Società - Società - Società - Agenzia - Società - Strumento Finanziario Come vedremo tutte le relazioni posseggono un attributo 46

44 Le relazioni (2) Una società quotata sul mercato finanziario detiene una determinata percentuale di una o più società quotata sul mercato finanziario. Percentuali di ogni società quotata sul mercato finanziario sono detenute da almeno una società sul mercato finanziario Società è in relazione ricorsiva con se stessa inoltre la relazione richiede l attributo Percentuale (1,N) Percentuale SOCIETA Detiene (1,N) 47

45 Le relazioni (3) Un agenzia di rating esprime valutazioni correnti (espresse per mezzo di un valore di rating) rispetto a una o più società quotate sul mercato finanziario. Una società quotata sul mercato finanziario è valutata da almeno un agenzia di rating. La relazione richiede l attributo Rating Rating SOCIETA (1,N) Valuta (1,N) AGENZIA 48

46 Le relazioni (4) Una società quotata sul mercato finanziario emette strumenti finanziari contrattabili nel mercato finanziario. Uno strumento finanziario è emesso (con un determinato controvalore) da una ed una sola società quotata sul mercato finanziario. La relazione possiede l attributo Controvalore Controvalore SOCIETA (1,N) Possesso (1,1) STRUMENTO FINANZIARIO 49

47 Soluzione Percentuale Stato Città Controvalore (1,N) Detiene (1,N) Sede Legale Rendimento Strumento Finanziario Nome (1,1) Possesso (1,N) Società Nome Capitale IDSocietà (1,N) Rating Azione Obbligazione Derivato Valuta (1,N) Scadenza Business Rule: Per ogni società la IDAgenzia Agenzia Prezzo somma dei valori percentuale deve essere uguale a

Gestione del workflow

Gestione del workflow Gestione del workflow Stefania Marrara Corso di Tecnologie dei Sistemi Informativi 2004/2005 Progettazione di un Sistema Informativo Analisi dei processi Per progettare un sistema informativo è necessario

Dettagli

Gli attributi di STUDENTE saranno: Matricola (chiave primaria), Cognome, Nome.

Gli attributi di STUDENTE saranno: Matricola (chiave primaria), Cognome, Nome. Prof. Francesco Accarino Raccolta di esercizi modello ER Esercizio 1 Un università vuole raccogliere ed organizzare in un database le informazioni sui propri studenti in relazione ai corsi che essi frequentano

Dettagli

CAPITOLO 7 ESERCIZI SUL MODELLO ER

CAPITOLO 7 ESERCIZI SUL MODELLO ER CAPITOLO 7 (le soluzioni sono riportate da pag. 6 in poi) ESERCIZI SUL MODELLO ER Esercizio 1 Considerate lo schema ER in Figura 1: lo schema rappresenta varie proprietà di uomini e donne. a) Correggete

Dettagli

Basi di Dati Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO 20 SETTEMBRE 2012 Tempo a disposizione: 2 ore 30 minuti

Basi di Dati Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO 20 SETTEMBRE 2012 Tempo a disposizione: 2 ore 30 minuti Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO 20 SETTEMBRE 2012 Progettare la base di dati relativa alla situazione descritta nel seguito. Svolgere il progetto concettuale usando il modello ER, e il progetto

Dettagli

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito Database 1 biblioteca universitaria Testo del quesito Una biblioteca universitaria acquista testi didattici su indicazione dei professori e cura il prestito dei testi agli studenti. La biblioteca vuole

Dettagli

Identificatori delle entità

Identificatori delle entità Identificatori delle entità Permettono di identificare in maniera univoca le occorrenze delle entità Ogni entità deve averne (almeno) uno Targa Automobile Modello Colore Nome Persona Data di nascita Indirizzo

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Modello Entità-Relazione Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof.

Dettagli

Traduzione da ER a Relazionale

Traduzione da ER a Relazionale Traduzione da ER a Relazionale Costruito lo schema concettuale (modello ER) occorre tradurre lo schema ottenuto in uno schema logico ad esso equivalente, nel nostro caso useremo il modello relazionale

Dettagli

Esercitazione 7 Progettazione concettuale. Versione elettronica: L07.progConcettuale.pdf

Esercitazione 7 Progettazione concettuale. Versione elettronica: L07.progConcettuale.pdf Esercitazione 7 Progettazione concettuale Sistemi Informativi T Versione elettronica: L07.progConcettuale.pdf Esercizi di progettazione concettuale In questi esercizi vengono proposti degli estratti di

Dettagli

Preparati per il compito in classe Modulo 6

Preparati per il compito in classe Modulo 6 Preparati per il compito in classe Modulo 6 Una società di assicurazioni vuole gestire le polizze assicurative in un database Access. Per ogni polizza si vogliono memorizzare in una tabella i seguenti

Dettagli

Esercizio data base "Biblioteca"

Esercizio data base Biblioteca Rocco Sergi Esercizio data base "Biblioteca" Database 2: Biblioteca Testo dell esercizio Si vuole realizzare una base dati per la gestione di una biblioteca. La base dati conterrà tutte le informazioni

Dettagli

Modello dei Dati ENTITÀ-RELAZIONE (ENTITY-RELATIONSHIP) é l insieme di concetti, simboli, regole che useremo per rappresentare il modello concettuale

Modello dei Dati ENTITÀ-RELAZIONE (ENTITY-RELATIONSHIP) é l insieme di concetti, simboli, regole che useremo per rappresentare il modello concettuale Modello dei Dati E-R ENTITÀ-RELAZIONE O (ENTITY-RELATIONSHIP) é l insieme di concetti, simboli, regole che useremo per rappresentare il modello concettuale R.Gori - G.Leoni Modello dei Dati Entità-Relazione

Dettagli

Modello E-R. Modello relazionale

Modello E-R. Modello relazionale 1 - Cinema Hollywood Si deve progettare una base di dati a supporto della programmazione cinematografica della catena di cinema Hollywood. Al momento dell acquisto di un film da proiettare vengono memorizzati

Dettagli

Progetto PI.20060128, passo A.1 versione del 14 febbraio 2007

Progetto PI.20060128, passo A.1 versione del 14 febbraio 2007 Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Corso di Progettazione del Software Proff. Toni Mancini e Monica Scannapieco Progetto PI.20060128,

Dettagli

Passo 2: avviare Access e creare una tabella per ogni tipo di entità Costruire la tabella per l entità cliente.

Passo 2: avviare Access e creare una tabella per ogni tipo di entità Costruire la tabella per l entità cliente. Realizzare un database con Access Di Antonio Bernardo e Mario Bochicchio Esercizio Una catena di supermercati vuole tener traccia dei prodotti acquistati dai clienti. Di ogni cliente si vuole conoscere

Dettagli

Basi di Dati corso C Esercitazione 18/12/2002 Autonoleggio tempo: 3 ore

Basi di Dati corso C Esercitazione 18/12/2002 Autonoleggio tempo: 3 ore Basi di Dati corso C Esercitazione 18/12/2002 Autonoleggio tempo: 3 ore Si vuole progettare una base di dati per conto di una società convenzionata con un aeroporto, che gestisce il noleggio di automobili

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

@time al telefono. una volta presa la linea, il risponditore automatico chiederà di digitare due volte asterisco ** sulla tastiera del telefono:

@time al telefono. una volta presa la linea, il risponditore automatico chiederà di digitare due volte asterisco ** sulla tastiera del telefono: @time al telefono Il servizio permette di ottenere informazioni e dare disposizioni sui propri rapporti bancari comodamente con una telefonata, gratuita anche dal cellulare. MODALITA DI ACCESSO Per accedere

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006. Esercizi entità relazione risolti. a cura di Angela Campagnaro 802749

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006. Esercizi entità relazione risolti. a cura di Angela Campagnaro 802749 Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006 Esercizi entità relazione risolti a cura di Angela Campagnaro 802749 Indice: Esercizio 1: Un insieme di officine 1.1 Testo esercizio.3

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE PROGETTAZIONE CONCETTUALE 1 Il Modello Concettuale Nella progettazione concettuale la descrizione dei dati da rappresentare avviene a livello astratto indipendentemente dal computer e dal software utilizzato.

Dettagli

ING SW. Progetto di Ingegneria del Software. e-travel. Requisiti Utente. Specifiche Funzionali del Sistema

ING SW. Progetto di Ingegneria del Software. e-travel. Requisiti Utente. Specifiche Funzionali del Sistema Pagina: 1 e-travel ING SW Progetto di Ingegneria del Software e-travel Requisiti Utente Specifiche Funzionali del Sistema e Pagina: 2 di 9 Indice dei contenuti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

DATABASE. Progettare una base di dati. Database fisico e database logico

DATABASE. Progettare una base di dati. Database fisico e database logico DATABASE Progettare una base di dati Database fisico e database logico Un DB è una collezione di tabelle, le cui proprietà sono specificate dai metadati Attraverso le operazioni sulle tabelle è possibile

Dettagli

GESTIONE ACCETTAZIONE PERSONALE INTERNO CLIENTE. Dati Prenotazioni ARCHIVIO PRENOTAZIONI. Dati Medici di Base. Dati Prenotazioni ARCHIVIO

GESTIONE ACCETTAZIONE PERSONALE INTERNO CLIENTE. Dati Prenotazioni ARCHIVIO PRENOTAZIONI. Dati Medici di Base. Dati Prenotazioni ARCHIVIO PERSONALE INTERNO CLIENTE Fototimbro Etichetta/E Appuntamento Preparazione Prenotazioni MEDICI DI BASE Medici di Base COND. PAR. Prestazioni ACCETTAZIONE Anagrafici Macchine Personale Interno MACCHINE

Dettagli

Il modello Entity-Relationship: pattern di progettazione

Il modello Entity-Relationship: pattern di progettazione Il modello Entity-Relationship: pattern di progettazione Sistemi Informativi T Versione elettronica: 06.3.ER.pattern.pdf Soluzioni a problemi comuni In molti schemi E/R si ritrovano dei pattern comuni,

Dettagli

Associazioni. Informatica. Associazioni. Associazioni. Associazioni. Attributi. Possono esistere associazioni diverse che coinvolgono le stesse entità

Associazioni. Informatica. Associazioni. Associazioni. Associazioni. Attributi. Possono esistere associazioni diverse che coinvolgono le stesse entità Informatica Possono esistere associazioni diverse che coinvolgono le stesse entità Lezione 7 Lavora a Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione

Dettagli

BASI DATI BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA. Lezione II - BioIngInfMed

BASI DATI BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA. Lezione II - BioIngInfMed BASI DATI BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA 1 Sistema Informativo Un sistema informativo (SI) è un componente di una organizzazione il cui obiettivo è gestire le informazioni utili per gli scopi dell

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Moneta, titoli e tasso di interesse. Antonella Stirati

Moneta, titoli e tasso di interesse. Antonella Stirati Moneta, titoli e tasso di interesse Antonella Stirati Principali attività finanziarie Esistono diversi tipi di attività finanziarie che possono essere acquistate e detenute da famiglie, banche e imprese

Dettagli

database: modello entityrelationship

database: modello entityrelationship Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 database: modello entityrelationship Prof.Valle D.ssaFolgieri Lez7 25.10.07 Trattamento dati. Database: modello entity-relationship 1 Fasi

Dettagli

Modulo 2 Data Base 2

Modulo 2 Data Base 2 Modulo 2 Data Base 2 Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della comunicazione Informatica generale Docente: Angela Peduto A.A. 2004/2005 Relazioni: riepilogo Relazione : concetto

Dettagli

Guida alla lettura della comunicazione periodica LA SECONDA RIPORTA LE INFORMAZIONI GENERALI DEL FONDO

Guida alla lettura della comunicazione periodica LA SECONDA RIPORTA LE INFORMAZIONI GENERALI DEL FONDO Fondoposte News n 11 Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il personale di Poste Italiane S.p.A. e delle Società controllate che ne applicano il CCNL Viale Europa, 190 00144 - Roma Tel. 06/59580108

Dettagli

Basi di dati. Esercitazione ER. Paolo Papotti. Esercizio 1.3.1. 1 giugno 2005

Basi di dati. Esercitazione ER. Paolo Papotti. Esercizio 1.3.1. 1 giugno 2005 Basi di dati Esercitazione ER 1 giugno 2005 Paolo Papotti Esercizio 1.3.1 Si vuole realizzare una base di dati per la comunità scientifica di ricerca paleontologica. Si devono memorizzare i dati riguardanti

Dettagli

BASI DI DATI I. Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico. Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857

BASI DI DATI I. Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico. Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857 BASI DI DATI I Progettazione di un DBMS per un negozio di materiale elettrico Progetto realizzato da: Iero Demetrio Matricola: 106857 DESCRIZIONE DELLA REALTA' Si vuole realizzare un DBMS per la gestione

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Corso di Basi di Dati. Progettazione di Database: Esercizi Home page del corso: http://www.cs.unibo.it/~difelice/dbsi/

Corso di Basi di Dati. Progettazione di Database: Esercizi Home page del corso: http://www.cs.unibo.it/~difelice/dbsi/ Corso di Basi di Dati Progettazione di Database: Esercizi Home page del corso: http://www.cs.unibo.it/~difelice/dbsi/ Esercizio 0 Si vuole realizzare una base di dati per la gestione di un agenzia immobiliare

Dettagli

1. Analisi dei requisiti

1. Analisi dei requisiti 1. Analisi dei requisiti 1a. Requisiti espressi in linguaggio naturale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 Si vuole realizzare una base di dati

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

Concetti preliminari teorici per il corso di Access Avanzato - Sc.Elem Falcone - PON 2010 - Prof. M. Simone

Concetti preliminari teorici per il corso di Access Avanzato - Sc.Elem Falcone - PON 2010 - Prof. M. Simone Concetti preliminari per il corso di Access di database e di DBMS Un database è un insieme ben organizzato di informazioni distribuite su più tabelle all interno dello stesso file e gestite da un apposito

Dettagli

Introduzione alla progettazione. Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati. Il ciclo di vita dei sistemi informativi

Introduzione alla progettazione. Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati. Il ciclo di vita dei sistemi informativi Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati Introduzione alla progettazione Il problema: progettare una base di base di dati a partire dai suoi requisiti Progettare: definire la struttura,

Dettagli

Rappresentazione grafica di entità e attributi

Rappresentazione grafica di entità e attributi PROGETTAZIONE CONCETTUALE La progettazione concettuale, ha il compito di costruire e definire una rappresentazione corretta e completa della realtà di interesse, e il prodotto di tale attività, è lo schema

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 9 ottobre 2015 appello straordinario

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 9 ottobre 2015 appello straordinario MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 9 ottobre 2015 appello straordinario Cognome e Nome.......................................................................... C.d.L....................... Matricola n...................................................

Dettagli

Le query di raggruppamento

Le query di raggruppamento Le query di raggruppamento Le "Query di raggruppamento" sono delle Query di selezione che fanno uso delle "Funzioni di aggregazione" come la Somma, il Conteggio, il Massimo, il Minimo o la Media, per visualizzare

Dettagli

Esercizi di Progettazione

Esercizi di Progettazione Basi di Dati Ingegneria Informatica (2002-2003) Esercizi di Progettazione Elisa Quintarelli 1 Progetto: Catalogo La base di dati di una società che opera nel settore dell abbigliamento contiene le seguenti

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

Esame Basi di Dati. 21 Gennaio 2013

Esame Basi di Dati. 21 Gennaio 2013 Esame Basi di Dati 21 Gennaio 2013 Matricola Prog. (Sì/No) Cognome Nome Istruzioni I voti verranno resi disponibili su AlmaEsami. Chi vorrà rifiutare il voto dovrà comunicarlo tassativamente 5 giorni dalla

Dettagli

Esercitazione 8 Mercoledì 21 gennaio 2015 (2 ore) DDL e progettazione

Esercitazione 8 Mercoledì 21 gennaio 2015 (2 ore) DDL e progettazione Esercitazione 8 Mercoledì 21 gennaio 2015 (2 ore DDL e progettazione Testi degli esercizi Esercizio 1 (Tema d esame del 20 settembre 2012 Si consideri il seguente schema di base di dati che vuole tenere

Dettagli

Esercitazione di Basi di Dati

Esercitazione di Basi di Dati Esercitazione di Basi di Dati Corso di Fondamenti di Informatica 15/22 Aprile 2004 Progettazione di un Database (DB) Marco Pennacchiotti pennacchiotti@info.uniroma2.it Tel. 0672597334 Ing.dell Informazione,

Dettagli

Progettazione del Software, Laurea in Ingegneria Gestionale Progettazione del Software Laurea in Ing. Gestionale

Progettazione del Software, Laurea in Ingegneria Gestionale Progettazione del Software Laurea in Ing. Gestionale Progettazione del Software Laurea in Ing. Gestionale Prof. Toni Mancini & Prof. Monica Scannapieco Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Esercitazione E.A.1 Primi esercizi

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto IL MODELLO ER PER LA PROGETTAZIONE

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Esercizi di progettazione concettuale di una base di dati

Esercizi di progettazione concettuale di una base di dati Esercizi di progettazione concettuale di una base di dati È riportato di seguito un insieme di esercizi di progettazione concettuale di basi di dati. Ogni esercizio è caratterizzato da un insieme di specifiche

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

MODELLO E/R. Modellazione dei dati

MODELLO E/R. Modellazione dei dati MODELLO E/R Maria Mirto Modellazione dei dati Modellare i dati significa: costruire una rappresentazione semplificata della realtà osservata, individuandone gli elementi caratterizzanti e i legami intercorrenti

Dettagli

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno.

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. MODELLI INFORMATICI 1 Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. Aspetti di un modello: il modello è la rappresentazione di certi fatti;

Dettagli

COGNOME MATRICOLA. Con vincoli di integrita referenziale: INTERVENTO.CodTecnico à TECNICO.Codice INTERVENTO.MatCaldaia à CALDAIA.

COGNOME MATRICOLA. Con vincoli di integrita referenziale: INTERVENTO.CodTecnico à TECNICO.Codice INTERVENTO.MatCaldaia à CALDAIA. NOME COGNOME MATRICOLA ESERCIZIO 1 (15 punti) Dato il seguente schema relazionale, che modella le informazioni relative ad un azienda che fornisce assistenza caldaie a domicilio: TECNICO(Codice, Nome,

Dettagli

Capitolo 8. Esercizio 8.1

Capitolo 8. Esercizio 8.1 Capitolo 8 Esercizio 8.1 Si consideri lo schema Entità-Relazione ottenuto come soluzione dell esercizio 7.4. Fare delle ipotesi sul volume dei dati e sulle operazioni possibili su questi dati e, sulla

Dettagli

Basi di dati 30 settembre 2010 Compito A

Basi di dati 30 settembre 2010 Compito A Basi di dati 30 settembre 2010 Compito A Domanda 0 (5%) Leggere e rispettare le seguenti regole: Scrivere nome, cognome, matricola (se nota), corso di studio e lettera del compito (ad esempio, A) sui fogli

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Basi di dati 9 febbraio 2010 Compito A

Basi di dati 9 febbraio 2010 Compito A Basi di dati 9 febbraio 2010 Compito A Domanda 0 (5%) Leggere e rispettare le seguenti regole: Scrivere nome, cognome, matricola (se nota), corso di studio e lettera del compito (ad esempio, A) sui fogli

Dettagli

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione MODELLO RELAZIONALE Introduzione E' stato proposto agli inizi degli anni 70 da Codd finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati, unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione

PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione PORTALE PER GESTIONE REPERIBILITA Manuale e guida O.M. e ufficio distribuzione Portale Numero Verde Vivisol pag. 1 di 31 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. SCHERMATA PRINCIPALE...4 3. REPERIBILITÀ...5 4. RICERCA

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli

Progettazione base dati relazionale

Progettazione base dati relazionale Progettazione base dati relazionale Prof. Luca Bolognini E-Mail:luca.bolognini@aliceposta.it Progettare una base di dati Lo scopo della progettazione è quello di definire lo schema della base di dati e

Dettagli

Manuale NoiPA. Gestione Anagrafica. Documento di sintesi Versione 1.5 del 24/03/2014. Pagina 1 di 38

Manuale NoiPA. Gestione Anagrafica. Documento di sintesi Versione 1.5 del 24/03/2014. Pagina 1 di 38 Manuale NoiPA Gestione Anagrafica Documento di sintesi Versione 1.5 del 24/03/2014 Pagina 1 di 38 Indice 1 Introduzione... 3 2 Aspetti generali... 4 2.1 Interfaccia grafica... 5 2.2 Standard di utilizzo...

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Progetto Motorizzazione. Si vuole realizzare un'applicazione base di dati per la gestione di un ipotetico ufficio della motorizzazione.

Progetto Motorizzazione. Si vuole realizzare un'applicazione base di dati per la gestione di un ipotetico ufficio della motorizzazione. Progetto Motorizzazione Si vuole realizzare un'applicazione base di dati per la gestione di un ipotetico ufficio della motorizzazione. 1 Descrizione del dominio applicativo Si vuole realizzare un'applicazione

Dettagli

Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli

Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli gerarchico e reticolare sono più vicini alle strutture

Dettagli

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:..

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:.. CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO Descrizione Amministrazione:.... Anno:.. Mese:.. Dati quantitativi del prodotto (1) CdR (2) prodotto (3) Prodotto (4) Volume nell anno (5) Tempo

Dettagli

Prova scritta del corso di Basi di dati attive 17 Dicembre 1999. Agenzia

Prova scritta del corso di Basi di dati attive 17 Dicembre 1999. Agenzia Prova scritta del corso di Basi di dati attive 17 Dicembre 1999 Si desidera automatizzare la gestione dei banchetti organizzati da un agenzia di pubbliche relazioni. Le specifiche del sistema informativo,

Dettagli

Esercizio sui data base "Gestione conti correnti"

Esercizio sui data base Gestione conti correnti Database "Gestione conto correnti" Testo del quesito La banca XYZ vuole informatizzare le procedure di gestione dei conti correnti creando un archivio dei correntisti (Cognome, Nome, indirizzo, telefono,

Dettagli

CICLO DELLE PRENOTAZIONI

CICLO DELLE PRENOTAZIONI CICLO DELLE PRENOTAZIONI UNA SFIDA ANTICA Quando nuove tecnologie raggiungono un alto livello di diffusione, si aprono solitamente nuovi campi di applicazione. La combinazione della diffusione della Telefonia

Dettagli

Termine Descrizione Sinonimo Collegamenti Lettore Una persona che prende in Utente

Termine Descrizione Sinonimo Collegamenti Lettore Una persona che prende in Utente Capitolo 7 Esercizio 7.1 Si desidera automatizzare il sistema di prestiti di una biblioteca. Le specifiche del sistema, acquisite attraverso un intervista con il bibliotecario, sono quelle riportate in

Dettagli

Fasi del progetto ( 1 )

Fasi del progetto ( 1 ) Progetto 2004-2005 2005 Esercitazione delle lezioni 2, 3 e 4. 1 Fasi del progetto ( 1 ) Analisi dettagliata delle specifiche fornite dal committente. Questa fase è fondamentale per capire a fondo quali

Dettagli

MANUALE PER EFFETTUARE L ISCRIZIONE A FONDO EST. Tutte le informazioni per le aziende che si iscrivono in autonomia

MANUALE PER EFFETTUARE L ISCRIZIONE A FONDO EST. Tutte le informazioni per le aziende che si iscrivono in autonomia MANUALE PER EFFETTUARE L ISCRIZIONE A FONDO EST Tutte le informazioni per le aziende che si iscrivono in autonomia Gennaio 2012 Accedendo all area Iscrizione Azienda, dalla Home del sito di Fondo Est,

Dettagli

Basi di Dati 1 Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO DEL 9 SETTEMBRE 2015 Tempo: 2h30m

Basi di Dati 1 Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO DEL 9 SETTEMBRE 2015 Tempo: 2h30m Basi di Dati 1 Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO DEL 9 SETTEMBRE 2015 Tempo: 2h30m Si consideri il seguente schema di base di dati, che vuole memorizzare informazioni relative a un sito di affitto

Dettagli

Introduzione Chi siamo Dove siamo

Introduzione Chi siamo Dove siamo INFORMATION DESIGN 1 Single Entity Rappresentano informazioni generali riguardo al negozio, alla sua localizzazione e al personale che fa parte del negozio. Introduzione Chi siamo Dove siamo 2 Introduzione

Dettagli

Introduzione ai database relazionali

Introduzione ai database relazionali Introduzione ai database relazionali Tabelle Un database (DB) è costituito da un insieme di file che memorizzano dati opportunamente organizzati Nei database relazionale tale organizzazione è costituita

Dettagli

Basi di Dati. Progettazione del Modello ER. K. Donno - Progettazione del Modello ER

Basi di Dati. Progettazione del Modello ER. K. Donno - Progettazione del Modello ER Basi di Dati Progettazione del Modello ER Dai requisiti allo schema ER Entità, relazioni e attributi non sono fatti assoluti dipendono dal contesto applicativo Nella pratica si fa spesso uso di una strategia

Dettagli

Ecco qui 600 Euro di Buoni Sconto per comperare il Registratore di Cassa!

Ecco qui 600 Euro di Buoni Sconto per comperare il Registratore di Cassa! Ecco qui 600 Euro di Buoni Sconto per comperare il Registratore di Cassa! Nello spirito di massima attenzione al lavoro dell edicolante e per promuovere lo sviluppo della sua attività, da tempo lo SNAG

Dettagli

a) Si progetti uno schema concettuale Entità-Relazioni per lo scenario più sotto descritto.

a) Si progetti uno schema concettuale Entità-Relazioni per lo scenario più sotto descritto. RISOLUZIONE APPELLO SISTEMI INFORMATIVI DEL 12/02/2007 a Si progetti uno schema concettuale Entità-Relazioni per lo scenario più sotto descritto. Una base di dati deve essere utilizzata per gestire il

Dettagli

Basi di Dati Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO DEL 12 FEBBRAIO 2015 PARTE 1

Basi di Dati Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO DEL 12 FEBBRAIO 2015 PARTE 1 Basi di Dati Prof. L. Tanca e F. A. Schreiber APPELLO DEL 12 FEBBRAIO 2015 PARTE 1 Si consideri il seguente schema di base di dati che vuole tenere traccia delle attività di un autofficina. MECCANICO (CodiceFiscale,

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

Prova scritta. Mercoledì 23 Luglio 2008. Appello di Informatica II - Corso di Laurea in Ottica e Optometria A.A. 2007/2008

Prova scritta. Mercoledì 23 Luglio 2008. Appello di Informatica II - Corso di Laurea in Ottica e Optometria A.A. 2007/2008 Mercoledì 23 Luglio 2008 Appello di Informatica II - Corso di Laurea in Ottica e Optometria A.A. 2007/2008 Prova scritta Esercizio 1 (8 punti). Si vuole progettare una base di dati per una catena di ristoranti

Dettagli

Sebina OpenLibrary v. 1.10 Rev. 0 del 12-12-07 Pag. 1 di 6

Sebina OpenLibrary v. 1.10 Rev. 0 del 12-12-07 Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 Specifiche configurazione STANDARD di anagrafiche v. 1.10 Nel seguito si evidenziano le CONFIGURAZIONI BASE e le scelte definite per le installazioni standard di SOL. INDICE Parametri da definire

Dettagli

Progettazione Logica. Progettazione Logica

Progettazione Logica. Progettazione Logica Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione Tabelle per ogni concetto Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it Passaggio al modello logico (1)

Dettagli

Gestione di un call-center per la segnalazione guasti telefonici

Gestione di un call-center per la segnalazione guasti telefonici Con riferimento ai seguenti requisiti si disegni il relativo DFD. Gestione di un call-center per la segnalazione guasti telefonici Le funzioni di gestione di un call-center per la segnalazione guasti riguardano

Dettagli

Segreteria da campo. Database Relazionali

Segreteria da campo. Database Relazionali Segreteria da campo Database Relazionali realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile come conforme alla d.g.r. n. X/1371 del 14.02.2014, livello A2-14 Corso

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

Progettazione del Software

Progettazione del Software L4.4 Progettazione del Software Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw Seconda Parte La fase di

Dettagli

Esercitazione di Basi di Dati

Esercitazione di Basi di Dati Esercitazione di Basi di Dati Corso di Fondamenti di Informatica 6 Maggio 2004 Come costruire una ontologia Marco Pennacchiotti pennacchiotti@info.uniroma2.it Tel. 0672597334 Ing.dell Informazione, stanza

Dettagli

Laboratorio di basi di dati: progettazione Caso di studio Agenzia di prenotazioni alberghiere 1 Specifica dei requisiti

Laboratorio di basi di dati: progettazione Caso di studio Agenzia di prenotazioni alberghiere 1 Specifica dei requisiti 2! " # $%& '"! "(! )! *,+!-!.%-!/!!0,&1 Laboratorio di basi di dati: progettazione Caso di studio Agenzia di prenotazioni alberghiere 1 Specifica dei requisiti 1.1 Obiettivi Il progetto si pone l obiettivo

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Link ai corsi: http://abruzzo.casaclima-network.info/it/corsi-di-formazione/corsi-di-formazione/21-0.html

Link ai corsi: http://abruzzo.casaclima-network.info/it/corsi-di-formazione/corsi-di-formazione/21-0.html abruzzo@casaclima-network.info Via Vasco de Gama,68 65126 Pescara tel. 085 691320 Sono aperte le iscrizioni ai corsi di formazione per progettisti, Corso Base CasaClima che si terrà il 18 e 19 ottobre

Dettagli

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. Premessa La presente procedura (la Procedura ) riguarda le operazioni sul capitale di WM Capital S.p.A. (la Società o l Emittente ) e/o del

Dettagli

Basi di dati I Soluzione Quinto Homework del 9 gennaio 2013

Basi di dati I Soluzione Quinto Homework del 9 gennaio 2013 Basi di dati I Soluzione Quinto Homework del 9 gennaio 2013 Domanda 1 (50%) Si consideri la seguente schematizzazione di alcuni tour organizzati da un agenzia turistica: Tour N. 2345 Nome: Marocco Partenza:

Dettagli

Manuale d'uso. Manuale d'uso... 1. Primo utilizzo... 2. Generale... 2. Gestione conti... 3. Indici di fatturazione... 3. Aliquote...

Manuale d'uso. Manuale d'uso... 1. Primo utilizzo... 2. Generale... 2. Gestione conti... 3. Indici di fatturazione... 3. Aliquote... Manuale d'uso Sommario Manuale d'uso... 1 Primo utilizzo... 2 Generale... 2 Gestione conti... 3 Indici di fatturazione... 3 Aliquote... 4 Categorie di prodotti... 5 Prodotti... 5 Clienti... 6 Fornitori...

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli