Liceo Linguistico. Eleonora D Arborea. Cagliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liceo Linguistico. Eleonora D Arborea. Cagliari"

Transcript

1 Liceo Linguistico Eleonora D Arborea Cagliari DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO Classe V E Liceo Linguistico Anno scolastico 2014/2015

2 Gli studenti e le studentesse Altea Giulia Angioni Elisa Carbotta Matthew Ludwig Cardia Matteo D Onofrio Gabriele Salvatore De Marco Barbara Fadda Michele Frigau Camilla Lebiu Giulia Masala Laura Elisa Milia Jessica Monteverde Carlotta Montis Nicole Pala Mara Pinna Laura Pinna Noemi Podda Amedeo Puddu Cecilia Satta Giulia Sollai Valentina Zuncheddu Federica Docente Donata Manunza Alessandra Cossu Rosalia Marciano Roberta Macis Michèle Roy Barbara Carboni Maria Dolores Ortiz Luciano Pes Cristiana Carrus Gabriella Pasqui Silvano Piras Maria Bonaria Pilloni Maria Paola Cassaro Paola Denotti Disciplina Italiano/Storia Inglese Lettrice di Inglese Francese Lettrice di Francese Spagnolo Lettrice di Spagnolo Filosofia Matematica /Fisica Scienze Storia dell Arte Scienze motorie Religione Sostegno all Integrazione Profilo della classe La classe V E del Liceo Linguistico è composta da 21 alunni di cui 17 ragazze e 5 ragazzi. La classe è generalmente motivata, interessata e responsabile nello svolgimento delle varie attività che vengono proposte a scuola. Alcuni elementi emergono per buone capacità di analisi e rielaborazione dei

3 contenuti disciplinari, studiano costantemente e partecipano attivamente all attività didattica, tra di loro alcuni evidenziano talvolta un certo spirito di protagonismo; altri studenti restano più in ombra, in parte per una minore vivacità intellettuale ma spesso anche a causa di un temperamento più discreto e timido, ad un emotività che li rende più fragili e condizionati da elevati livelli di ansia per cui faticano ad emergere. Il rendimento non è omogeneo, buono con picchi di eccellenza in alcune discipline per alcuni, risulta invece meno buono per un gruppo minore che appare più fragile nelle competenze, meno determinato nel perseguire gli obiettivi d apprendimento, più carente nelle capacità attentive e meno costante nell applicazione allo studio. Considerate le risorse complessive degli studenti, alcuni docenti lamentano il fatto che la partecipazione e l impegno non sempre siano andati a convergere verso gli obiettivi formativi auspicati e indicati, frequentemente i ragazzi hanno cercato di declinarli secondo i ritmi individuali senza mettere a frutto pienamente alcune opportunità offerte loro, ponendo in essere forme di autoindulgenza nei confronti delle proprie mancanze. Alcuni hanno colto le sollecitazioni provenienti dalla scuola o da contesti extrascolastici e hanno manifestato il desiderio di esplorare territori nuovi e misurarsi anche con ciò che appare alternativo rispetto ai percorsi curricolari tradizionali anche se non sempre hanno affiancato alla curiosità un adeguato investimento di energie tale da mutarla in interesse. Infatti in costoro appare spiccata l esigenza di misurarsi con le più diverse esperienze e affiora la sete di cogliere le molteplici dimensioni dell esistenza, quasi timorosi di non avere sufficiente tempo per assaporarle tutte, non volendo rinunciare alle opportunità che la vita sembra offrirgli. Ciò si traduce generalmente in un vivace dialogo educativo con gli insegnanti, in una partecipazione collettiva alle lezioni proposte a cui però non sempre si affianca nello studio autonomo altrettanta solerzia, necessaria per favorire il radicarsi e la sedimentazione degli apprendimenti, nonché per l ampliamento del proprio bagaglio culturale. La maggior parte degli studenti ha sviluppato discrete capacità assertive, considera la franchezza un valore, pur ponendosi rispettosamente nei confronti dell interlocutore si sforza di esprimere le proprie idee, senza ipocrisie, non rinunciando a rivendicare un autonomia di pensiero quando ritenuto necessario. Una parte minoritaria, invece, continua ad avere un atteggiamento di ripiegamento su se stessa, in parte determinato da una modesta autostima, e quindi a ricercare la tranquillità e privilegiare l adattamento. Della classe fa parte un alunna diversamente abile le cui condizioni fisiche le impediscono di muoversi autonomamente e richiedono spesso la collaborazione dei compagni. La maggior parte degli studenti è sovente disponibile e si offre spontaneamente di supportarla quando se ne presenta la necessità. La relazione con il gruppo classe è complessivamente positiva, lo scambio è paritario e centrato sulle qualità personali, sulle idee, i valori, le credenze e i sentimenti e non soltanto sulla condizione patologica. Prevalentemente gli allievi sono pendolari dal territorio della provincia. Finalita educative Gli sforzi comuni del Consiglio di Classe sono stati volti a sviluppare e potenziare alcuni aspetti che si considerano imprescindibili per la formazione dell uomo e del cittadino quale finalità prioritaria dell educazione scolastica: Accrescere la capacità degli studenti di orientarsi nella realtà fluida in cui sono immersi; Sviluppare strumenti critici volti all attribuzione di senso ai fenomeni di cui direttamente o indirettamente fanno esperienza; Sviluppare forme di coesistenza armoniose, aperte al dialogo e al confronto costruttivo; Rispettare le differenze culturali, sociali e personali e valorizzare l incontro tra diversità come stimolo alla riflessione e al raggiungimento di una maggiore consapevolezza critica di sé e dei propri valori;

4 Favorire lo sviluppo della persona e delle sue potenzialità attraverso un curricolo poliedrico ; Incrementare il senso di responsabilità sia individuale che collettiva; Ampliare le capacità di ascolto e di intervento in un dialogo in modo ordinato e produttivo; Potenziare le capacità decisionali in vista degli obiettivi da raggiungere (valutare la situazione di fatto, le risorse disponibili, soppesare i possibili effetti delle proprie azioni e anticiparne parzialmente gli esiti). Finalità attinenti allo specifico indirizzo di studi: Formare una preparazione di base ampia e articolata; Fornire la padronanza strumentale di più codici e competenze che consentono l interazione in contesti diversificati ; Sviluppare un buon livello di comprensione interculturale estesa a tutti gli aspetti più significativi della civiltà straniera; educare alla capacità di osservazione, analisi e valutazione critica delle diverse espressioni della cultura; favorire un incontro con l altro che consenta di uscire dai luoghi comuni e dai pregiudizi; formare una solida base culturale umanistica che consenta di interpretare in modo critico la realtà; formare una solida base culturale scientifica che permetta di osservare i fenomeni naturali con interesse e competenza e consenta loro qualsiasi scelta di prosecuzione degli studi; acquisire le risorse utili alla definizione e alla progettazione della propria esistenza in relazione all ambiente; Obiettivi didattici: Sviluppare capacità logiche sviluppare le capacità di rielaborazione dei contenuti apprendere ad applicare le conoscenze acquisite in contesti differenti operare sintesi, cogliere analogie, differenze, correlazioni sviluppare le abilità di analisi e interpretazione dei testi Sviluppare capacità comunicative comunicare, sia nella forma scritta che in quella orale, in modo chiaro, ordinato e coerente, sia nella propria lingua che in quelle straniere oggetto di studio fare propria la terminologia specifica di base di ogni singola disciplina utilizzare il registro formale e i linguaggi specifici nell esposizione di argomenti di studio potenziare le capacità di ascolto reciproco nell interazione dialogica Obiettivi d apprendimento trasversali Acquisire la terminologia delle varie discipline ed utilizzarla nei rispettivi ambiti, dimostrando di saper distinguerne ed esplicitarne i significati; Conoscere i saperi essenziali delle varie discipline, rievocare e ricostruire in modo appropriato, pertinente e personale i contenuti dell apprendimento; Analizzare i problemi da una prospettiva transdisciplinare, cogliendo i metodi e gli strumenti precipui che i differenti ambiti conoscitivi elaborano per rispondere al medesimo fenomeno; Mettere in relazione concetti, idee ed esperienze, desumendo casi particolari da situazioni generali; Conoscere regole e principi, cioè avere la capacità di effettuare generalizzazioni, di riconoscere regolarità strutturali e di identificare schemi di interpretazione dei fenomeni; Applicare le conoscenze a contesti differenti, cioè saper risolvere problemi anche quando le competenze acquisite siano da utilizzare in situazioni inconsuete; Evolvere la curiosità intellettuale in desiderio di approfondimento;

5 Accrescere la flessibilità del pensiero; Sviluppare le potenzialità propositive e progettuali Continuità didattica La classe non ha potuto godere della continuità didattica nel corso del quinquennio. Riteniamo opportuno riportare la composizione del Consiglio di Classe precisando, per ciascun Docente, gli anni di presenza nella classe con l insegnamento indicato: I Docenti del Consiglio di Classe Docente Disciplina Presenza nella classe a partire dalla Donata Manunza Italiano/Storia Classe 1 Alessandra Cossu Inglese Classe 3 Rosalia Marciano Lettrice di Inglese Classe 1 Roberta Macis Francese Classe 5 Michèle Roy Lettrice di Francese Classe 2 Barbara Carboni Spagnolo Classe 5 Maria Dolores Ortiz Lettrice di Spagnolo Classe 1 Luciano Pes Filosofia Classe 3 Cristiana Carrus Matematica /Fisica Classe 5 Gabriella Pasqui Scienze Classe 3 Silvano Piras Storia dell Arte Classe 3 Maria Bonaria Pilloni Scienze motorie Classe 1 Maria Paola Cassaro Religione Classe 3 Paola Denotti Sostegno all integrazione Classe 2 Come si può evincere dal prospetto di sopra riportato alla classe la continuità didattica è stata garantita solo parzialmente. Tale situazione ha certamente sottoposto gli studenti a metodologie di insegnamento e di lavoro differenti, costringendoli nel bene e nel male a doversi adattare ogniqualvolta si verificava un avvicendamento. Ciò ha influenzato l andamento, sia in relazione alla preparazione nelle singole discipline che relativamente all attuazione di progetti e di strategie didattiche integrate. Il Consiglio di Classe, in tutte le composizioni assunte nel quinquennio, ha sempre cercato di operare in armonia e le attività realizzate sono state frutto di decisioni coerenti sia con i percorsi didattici individuali, sia con gli obiettivi trasversali e le finalità che ci si era proposti di perseguire. Metodologie APPROCCIO METACOGNITIVO: tendente a formare la capacità di gestire i propri processi cognitivi favorendo l acquisizione di strategie di autoregolazione cognitiva e di autogestione nell apprendimento e nello studio; METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO RECIPROCO: fondata sul presupposto che conoscenza e apprendimento avvengano attraverso le interazioni con gli altri in precisi contesti socio-culturali, per cui i significati e gli apprendimenti vengono spesso costruiti e non semplicemente acquisiti dall esterno; LEZIONI ESPOSITIVE con l ausilio di mappe concettuali; DISCUSSIONI GUIDATE E LEZIONI DIALOGATE;

6 LAVORI DI GRUPPO; ESPERIENZE LABORATORIALI di coinvolgimento diretto degli studenti nel processo educativo; RICERCHE INDIVIDUALI O DI GRUPPO; ELABORAZIONE E PRESENTAZIONE DI LAVORI ALLA LIM LEZIONI FRONTALI. Attivita interdisciplinari e attivita di approfondimento: Tre alunne (Masala Laura, Montis Nicole, Puddu Cecilia) hanno partecipato al progetto della prof.ssa Alessandra Cossu Stage linguistico in Inghilterra Il progetto prevedeva il soggiorno in Inghilterra (Brighton) della durata di 7 giorni/8notti. Le studentesse hanno alloggiato presso una famiglia e frequentato un corso di 20 ore di lezione presso una scuola accreditata dal BritishCouncil. Tale progetto ha avuto come finalità: Lo sviluppo delle competenze linguistico-comunicative in lingua inglese. Contatto con la cultura (nel senso ampio del termine)del Paese di cui studiano la lingua anche grazie alla possibilità offerta dal soggiorno presso famiglie locali accreditate. Prosecuzione del progetto Diversamente insieme. Identità e differenza. Il progetto mira a supportare gli alunni nella difficile età dell adolescenza, quando sorgono le prime domande cruciali su chi si è e quale direzione si intende dare alla propria vita. Un età spesso definita critica in cui ci si apre al futuro e si aspira all autorealizzazione, in cui si manifesta resistenza alla determinazione esterna del proprio progetto di vita, ma anche fragilità, incertezza, vulnerabilità nei confronti di alcuni poteri di grande fascino (media e pari). Prima giornata: Scenari identitari da costruire è intervenuta la psicoanalista e psicodrammatista dott.ssa Paola Cecchetti Seconda giornata: Identità di genere è intervenuta l esperta in tematiche di genere Elisabetta Meloni e G Terza giornata: Identità ai tempi di Facebook, è intervenuto lo psicologo Andrea Bilotto, autore del libro Genitori ai tempi di Facebook e dei social network Attivita extracurricolare Nel corso del triennio: I ragazzi hanno partecipato ai corsi di preparazione per la certificazione nelle lingue straniere e alcuni hanno conseguito la certificazione: Studente Certificazione per la lingua francese Certificazione per la lingua inglese Certificazione per la lingua spagnola Angioni Elisa B1 De Marco Barbara B1 B1 D Onofrio Gabriele B2 B1 Salvatore Monteverde Carlotta B1 Montis Nicole B2 B2 Puddu Cecilia B2

7 Partecipazione al progetto Scambi professionali, promosso dalla Direzione Generale per gli Affari Internazionali nell ambito delle relazioni bilaterali con la Francia. Nello scambio sono stati coinvolti i docenti Caterina Carlini (francese), Luciano Pes (filosofia) del Liceo Eleonora di Cagliari ed il docente Christophe Auriault (filosofia) del Lycée Robert de Luzarches della città di Amiens, in Francia. Il progetto ha consentito alla classe di partecipare ad una serie di attività didattiche straordinarie: Presentazione in lingua francese da parte degli alunni al docente degli organi collegiali nella scuola italiana; 3 lezioni in lingua francese di letteratura e filosofia su Cartesio tenute in collaborazione dai docenti Carlini, Pes, Auriault; partecipazione a 3 conferenze tenute dal docente francese nella sua madre lingua su: sistema scolastico francese, caratteristiche dell insegnamento della filosofia in Francia; la laicità nella scuola francese, videoconferenza con una classe del Liceo Luzarches di Amiens sulla presentazione del liceo E. d Arborea e sul significato di Cogito Ergo sum di Cartesio, Attività in corso e da sviluppare durante l anno scolastico: Ping pong filosofico : Scambio a distanza attraverso face book (gruppo Amiens-Cagliari) con una classe del liceo francese. Quesiti e risposte su tematiche filosofico letterarie. L alunno Gabriele D Onofrio ha partecipato al Convegno Interregionale sull Europa, esponendo una relazione sulla sua esperienza nell ambito del progetto Comenius. Gemellaggi: La classe nel corso degli anni è stata coinvolta in attività di scambio culturale a distanza e in presenza. Le attività si proponevano di potenziare le competenze linguistico-comunicative nelle lingue dei paesi visitati, il rinforzo delle competenze sociali e lo sviluppo culturale in dimensione europea. Studente Belgio (Ciney) Carbotta Matthew Ludwig X De Marco Barbara D Onofrio Gabriele Salvatore X Lebiu Giulia X X X Masala Laura X X Podda Amedeo X Satta Giulia X Grecia (Epanomi, Salonicco) Spagna X Partecipazione al progetto Diversamente insieme. Esso si è articolato in una serie di attività volte a sensibilizzare gli alunni dell istituto circa alcune problematiche relative alla disabilità in modo da potenziare le pratiche di integrazione. Tuttavia il presupposto da cui muovevano le varie iniziative era quello di ritenere che non esistono sufficienti certificazioni che attestino le fragilità esistenziali, la vulnerabilità emotiva che ciascun individuo porta dentro di sé, che tanto più nell età adolescenziale si possono manifestare con caratteri marcati. Prima giornata: Educazione alla cura e all'ascolto. E intervenuto lo scrittore e docente universitario Duccio Demetrio sul tema del Silenzio come educazione all ascolto ;

8 Seconda giornata: Normalità, svantaggio e partecipazione ; partecipazione della cooperativa Integrattivando che ha guidato in palestra le attività volte alla sperimentazione di sport paralimpici; Terza giornata: I sentieri della contemporaneità, ospiti lo psichiatra dott. Alessandro Coni, del Centro di Salute Mentale di Sanluri, e alcuni membri dell'associazione Andalas de Amistade Trekking. Partecipazione ad alcuni spettacoli teatrali: L Avaro di Molière Nel terzo anno, partecipazione al Viaggio di Istruzione a Londra: il viaggio si proponeva sia di favorire il potenziamento delle relazioni interpersonali e lo spirito collaborativo di gruppo, di partecipazione e di responsabilità collettiva e individuale, sia di avvicinare gli studenti ad una capitale europea dal vasto e significativo patrimonio artistico e storico nonché misurarsi con le proprie competenze linguistiche. Nell anno scolastico in corso: Visita guidata alla mostra su l opera di Maria Lai: Ricucire il mondo Viaggio d Istruzione ad Alghero: Il viaggio si proponeva di far condividere un esperienza culturale alternativa a quella in aula dove gli studenti potessero esprimere più agevolmente alcuni lati della loro personalità più in ombra durante le lezioni a scuola; di consolidare le competenze relazionali e di educare ad una maggiore sensibilità verso il patrimonio culturale e paesaggistico della Sardegna. Partecipazione alla conferenza Verso gli Stati Uniti d Europa, organizzato dall Associazione ACCRE Federazione Regionale Sarda Orientamento in uscita: incontro con i rappresentanti della Marina Militare (alunni: Milia Jessica) Conferenza A.D.M.O. sulla Donazione del midollo osseo e sulle cellule staminali dal cordone ombelicale Partecipazione alla giornata di orientamento universitario (Cittadella Universitaria) Partecipazione alla giornata di orientamento in uscita:incontro con i rappresentanti della Marina Militare. Hanno partecipato gli studenti: Altea G., D'Onofrio G., Frigau C., Milia J., Pinna N., Sollai V., Pala M., Fadda M., Ricevuto C., Satta G. Le studentesse Lebiu Giulia e Montis Nicole hanno partecipato alle attività relative al progetto David Giovani, conseguendo l'attestato. La valutazione L attività di insegnamento-apprendimento necessita oltre che della programmazione degli obiettivi anche della verifica degli stessi e delle strategie volte al loro conseguimento. Per questa ragione il Consiglio ha proceduto con due tipologie di verifica: La verifica formativa che ha rappresentato un momento fondamentale della progettazione didattica. Ha consentito di valutare il processo di insegnamento-apprendimento e al docente di verificare l'adeguatezza dei metodi utilizzati, di accertare in itinere il raggiungimento degli obiettivi intermedi programmati, e di monitorare i progressi degli allievi rispetto ai livelli di partenza. La verifica sommativa che ha consentito di classificare i livelli raggiunti alla fine di segmenti compiuti d apprendimento e di esprimere un giudizio complessivo sugli apprendimenti conseguiti da ciascun allievo. Ogni docente si è avvalso di prove differenti a seconda del percorso svolto nelle differenti unità didattiche: prove strutturate, semi-strutturate, colloqui, interrogazioni,

9 elaborati scritti, lavori di gruppo, esposizioni individuali o di gruppo di parti di programma, lavori realizzati con le tecnologie informatiche e multimediali, interesse e partecipazione ad attività didattiche, esercizi pratici in palestra, lavoro di rinforzo svolto a casa su tematiche svolte in classe. Alla valutazione hanno concorso tutte le attività e le prove costruite e proposte, oltre agli elementi ricavati dall attività e dall osservazione quotidiana. I risultati di ogni prova sono stati comunicati agli studenti così come i criteri di valutazione. Le griglie presenti nel POF, e di seguito allegate, sono state i riferimenti generali sia per la valutazione del profitto che della condotta. La valutazione è stata data cercando di seguire il principio guida espresso da Don Lorenzo Milani in Lettera ad una professoressa: Non c è giustizia più ingiusta che fare parti uguali tra diseguali ; si è cercato cioè di tenere conto, per quanto possibile, delle specificità di ognuno, dei differenti stili cognitivi, delle differenti situazioni di partenza, delle differenti capacità, cercando di rispondere in modo differente ai diversi bisogni di ciascuno. Nella valutazione della condotta e nelle valutazione degli apprendimenti si è fatto riferimento alla griglia di valutazione presente nel POF e di seguito allegata. SCHEDE DI VALUTAZIONE Preparazione della terza prova d Esame Il Consiglio di classe ha deliberato di procedere a due simulazioni della terza prova, precedute da un lavoro di preparazione e informazione, nelle quali sono state inserite le differenti discipline possibili in sede d esame. Il Consiglio ha ritenuto opportuno proporre in entrambi i casi la tipologia B (domande a risposta sintetica) in quanto ha creduto fosse la scelta più adatta a valorizzare le competenze/conoscenze degli alunni. Le due simulazioni si sono svolte il 19 marzo 2015 e il 15 aprile Le simulazioni hanno avuto la durata di due ore. PRIMA SIMULAZIONE TERZA PROVA Materia Matematica Filosofia Spagnolo Storia N 3 quesiti con risposta sintetica (max 7 righe) SECONDA SIMULAZIONE TERZA PROVA Materia Filosofia Francese Spagnolo Fisica N 3 quesiti con risposta sintetica (max 7 righe)

10 Criteri di valutazione della terza prova Si veda la scheda allegata. Criteri di valutazione del credito scolastico Il Consiglio di Classe, sulla base delle indicazioni ministeriali e del proprio percorso didattico-formativo, ha fissato i seguenti criteri per l attribuzione del credito scolastico: media dei voti assiduità della frequenza: presenze partecipazione al dialogo educativo attività complementari: partecipazione a stage e altre attività proposte dai singoli docenti e approvate da un organo collegiale Criteri di valutazione del credito formativo attività extrascolastiche: al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale quali quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all'ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport. Il Consiglio di Classe Italiano/Storia Inglese Lettrice di Inglese Francese Lettrice di Francese Spagnolo Lettrice di Spagnolo Filosofia Fisica Matematica Scienze Storia dell Arte Scienze motorie Religione Sostegno all integrazione Cagliari, maggio 2015

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli