Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione"

Transcript

1 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo n. 270) Roma - Biblioteca centrale Foto T. Zottola Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione Rassegna mensile tratta da periodici specialistici nazionali e internazionali N. 5 LUGLIO-AGOSTO 2010 Staff Rassegna : Responsabile: Gabriella Loffredo Selezione degli articoli ed elaborazione dei riassunti: Gabriella Loffredo, Antonella Bozzano,Romano Zilli Archiviazione informatica e cartacea:.. Cristina Ferri Preparazione ed invio articoli:... Cristina Ferri, Giulia De Matteis Ha collaborato a questo numero:.marcella Milito

2 Articolo n. 1 Epidemia di carbonchio sintomatico (Clostridium chauvoei) in un allevamento di bovini da carne in gruppi al finissaggio Tulley W. BVM&S CertCHP MRCVS Tyndale Farm Veterinary Practice Summa Animali da Reddito Anno 5 n. 6 luglio-agosto 2010 pp L Autore descrive alcuni casi di carbonchio sintomatico ad insorgenza disseminata verificatisi in Inghilterra durante l autunno in un allevamento di 350 bovini da carne. Gli animali venivano svezzati ad 8 settimane di età ed alimentati con un pastone a base di orzo fioccato, proteine ed integratori minerali; l alimentazione al finissaggio era costituita da insilato di mais, insilato di erba e miscela proteica. L esame post- mortem del primo vitello permetteva di rilevare lesioni compatibili con miositi da clostridi; l esame clinico dei tre casi successivi (vitelli di 4 mesi appartenenti ad un altro gruppo) evidenziava il decubito in 1 soggetto, depressione e rigidità del posteriore negli altri due. Gli esami di laboratorio effettuati sulle biopsie muscolari hanno confermato la diagnosi di carbonchio sintomatico. Nell articolo vengono riportati i risultati dell indagine svolta per ricercare le cause dell insorgenza della patologia, la terapia e la profilassi effettuata in azienda ed una sintetica analisi dei costi. Articolo n. 2 Il tumore nasale enzootico della pecora in Italia Di Matteo I. et al Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Perugia Large Animal Review Anno 16 n. 2 aprile 2010 pp Gli Autori descrivono due casi di tumore nasale enzootico della pecora verificatisi in due soggetti adulti di razza Lacaune allevati nel centro Italia. Il gregge era stato ripopolato negli anni precedenti con dei soggetti riproduttori importati dal sud della Francia. La sintomatologia era rappresentata da dispnea, tosse, starnuti, scolo nasale mucocatarrale e deformità del profilo dei seni frontali che in uno dei due soggetti si presentava fistolizzato. La patologia è causata da un retrovirus denominato ENTV (Enzootic Nasal Tumor Virus), caratterizzato dal non essere coltivabile. Questo virus in Italia era stato evidenziato nella capra, ma non nella pecora. Nell articolo vengono descritte le lesioni evidenziate all esame necroscopico e l aspetto istopatologico della neoplasia. La diagnosi definitiva dell infezione si effettua mediante la dimostrazione di particelle virali nel tessuto al microscopio elettronico.viene segnalata l importanza

3 dell accurato esame anatomopatologico per poter evidenziare le lesioni tumorali non ancora clinicamente manifeste in soggetti portatori. Articolo n. 3 Spirochete della malattia di Lyme nelle zecche raccolte in uno studio di campo nell Italia centrale (regione Marche) Pascucci I., Cammà C. Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Molise Veterinaria Italiana Vol 46 (2) aprile-giugno 2010 pp Gli Autori riportano i risultati di uno studio svolto tra settembre 2001 ed ottobre 2002 in provincia di Pesaro e di Urbino volto ad indagare la presenza del ciclo delle Spirochete della borreliosi di Lyme. Questa malattia presenta elevati livelli di prevalenza nelle zecche nelle regioni italiane del Nord-Est, ove vengono notificati annualmente numerosi casi umani. Per l area oggetto dello studio, caratterizzata come ecologicamente a rischio, non erano infatti disponibili dati di campo. Il principale vettore della malattia in Europa è la zecca Ixodes ricinus, strettamente associata alle popolazioni di cervidi selvatici. Le zecche sottoposte ad analisi sono state raccolte da cervidi selvatici (131 campioni) coinvolti in incidenti stradali o abbattuti dai cacciatori o rimosse dai pazienti presso i pronto soccorso di zona (93 zecche) o campionate dall ambiente (78 zecche). Esse sono state identificate e classificate mediante esame stereomicroscopico; successivamente le Borrelie sono state ricercate mediante 3 differenti metodiche PCR ed identificate nelle differenti genospecie mediante sequenziamento. Articolo n. 4 Impiego illecito del desametasone nei bovini da carne: razionale, effetti negli animali trattati e metodologie diagnostiche tradizionali ed innovative Girolami F. et al. Dipartimento di Patologia Animale, Università degli Studi di Torino Large Animal Review Anno 16 n. 3 giugno 2010 pp Gli Autori descrivono l azione farmacologica e la farmacocinetica dei corticosteroidi di sintesi (desametasone, betametasone, prednisolone etc) e le motivazioni e le strategie del loro impiego illecito come promotori di crescita, soprattutto nei bovini. Nell articolo vengono riportate le alterazioni cliniche ed anatomo-patologiche derivanti dalla somministrazione prolungata di queste sostanze e le metodologie diagnostiche utilizzate, tradizionali, complementari ed innovative. Sono citati i risultati di uno studio effettuato per caratterizzare il profilo di escrezione del desametasone sodio-fosfato nei vitelloni da carne allo scopo di discriminarne l utilizzo a scopo terapeutico od auxinico. Infine, tra le possibili strategie adottate per aumentare l efficacia dei controlli ufficiali eseguiti con le metodiche del Piano Nazionale Residui, vengono sinteticamente esposte

4 le azioni condotte da una ASL piemontese per aumentare l incisività delle indagini, mediante la pianificazione degli interventi e l adozione di una serie di procedure. Articolo n. 5 Regolamento CE n. 1/2005, protezione degli animali durante il trasporto: il trasporto dei vitelli Piscopo A. Veterinario Dirigente Azienda Sanitaria Provinciale n. 1 Agrigento Eurocarni anno XXV n. 7 luglio 2010 pp L Autore esamina la normativa sul trasporto animale in riferimento al benessere dei vitelli di pochi giorni di vita; questi animali vengono trasferiti dall azienda di nascita a quella di crescita per la produzione di carne ed in questa movimentazione devono essere sufficientemente maturi per affrontare lo stress del trasporto e del nuovo inserimento. Le aziende, per ridurre i costi di gestione tendono a trasportare precocemente i vitelli. La gestione di questi soggetti alla nascita presenta due momenti essenziali, rappresentati dalla somministrazione del colostro nelle prime ore di vita e dalla cicatrizzazione del cordone ombelicale; quest ultimo punto rappresenta un requisito normativo per l idoneità al trasporto. Vengono discussi i tempi effettivi di cicatrizzazione del cordone ombelicale, che, secondo lavori di più recente pubblicazione, sarebbero contrastanti con quelli previsti dalla normativa vigente. Articolo n. 6 Gli americani rispondono con procedure standard Santini S. Medico Veterinario Informatore Zootecnico Anno LVII n luglio 2010 pp L Autrice riporta il programma di controllo delle infezioni mammarie gestito dal Qmps (Quality milk production service) americano, presentato dal Prof. Welcome in occasione del Congresso Sivar. I punti chiave di questo programma si fondano sull informazione e sulla definizione di protocolli di trattamento, su terapie specifiche per ciascuna azienda e sulla valutazione delle variabili che condizionano il successo degli interventi. Vengono esaminati e rappresentati, anche in forma schematica, gli elementi della valutazione economica della sostenibilità dei trattamenti antibiotici, la valutazione del management, degli indici di performance nel monitoraggio ed una classificazione a punteggio della gravità delle mastiti.

5 Articolo n. 7 La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile Salimei E., Fantuz F. Di STAAM, Università degli Studi del Molise La Rivista di Scienza dell Alimentazione Anno 39 n. 1 gennaio-marzo 2010 pp L articolo è una disamina sulle caratteristiche del latte di asina, di crescente interesse scientifico per essere ben tollerato da bambini, lattanti compresi, allergici alle proteine del latte vaccino. Sebbene gli studi su questa particolare filiera latte siano ancora esigui, sono state chiarite diverse peculiarità. La quantità di latte per mungitura è piuttosto limitata, a causa della ridotta capacità della mammella degli equini ed aumenta con la mungitura meccanica. Sotto il profilo igienico il latte d asina presenta una bassa carica microbica (da 3.66 a 5.87 log CFU/ml), che migliora ulteriormente con la mungitura meccanica. L azione esercitata da enzimi quali il lisozima, presente in elevata quantità rispetto al latte di altre specie, e la lattoferrina sono in parte responsabili di questa qualità. La composizione chimica del latte d asina presenta della somiglianze con quello di donna, specie per l alto tenore in lattosio e la bassa concentrazione di proteine. La tipologia di quest ultime ed il rapporto tra loro spiega la tollerabilità di questo prodotto per i soggetti allergici. Tra le componenti funzionali, oltre i già citati lisozima e lattoferrina, si evidenzia il buon equilibro tra diversi acidi grassi liberi e gli indici aterogenico e trombogenico, che renderebbero questo latte adatto per la prevenzione dell aterosclerosi. Infine, gli Autori sottolineano come la qualità del latte di asina sia influenzata dalle condizioni di allevamento e, specialmente, dalla alimentazione delle fattrici. Quest ultima che deve tener conto degli aspetti nutrizionali e metabolici di questa specie, in particolare della componente fibrosa della dieta. Articolo n. 8 Valutazione di punti critici della lavorazione in un impianto di macellazione suina Valnegri L., Casirani G., Soncini G. Dipartimento di Scienze e Tecnologie per la Sicurezza Alimentare Università degli Studi di Milano Industrie Alimentari Anno 49 n. 503 giugno 2010 pp Sono stati verificati alcuni punti critici di un piano di autocontrollo in un impianto di macellazione suina sulla base dei Criteri di igiene di processo previsti dal Reg. CE 1441/2007 e della Decisione CE 471/2007. Su campioni prelevati dalle carcasse (gola, coscia, pancetta e lombo) sono state eseguite determinazioni per Carica batterica aerobica, Enterobatteriaceae e Salmonella; esami per Carica batterica aerobica ed

6 Enterobatteriaceae sono stati effettuati anche su tamponi eseguiti sul tavolo lardello e tavolo rifilo prosciutti e da campioni di acqua di scottatura. Inoltre è stata ricercata Listeria nei tombini. I risultati derivati dalle analisi delle carcasse sono al di sotto dei limiti previsti dal Reg. CE 1441/2007, in quanto la Carica batterica aerobica non ha mai superato il valore di 3.2 log, le Enterobatteriaceae quello di 1.5 log e Salmonella è stata riscontrata in 2 dei 95 campioni analizzati (il limite massimo è di 5 campioni positivi su 50). Anche le determinazioni effettuate sui tamponi di superficie e nelle acque di scottatura presentano valori accettabili, mentre su 67 dei 74 prelievi eseguiti sui tombini è stata trovata Listeria, ma non della specie monocytogenes. A seguito delle positività riscontrate per Salmonella e Listeria, rispettivamente nelle carcasse e nei tombini, sono stati condotti interventi correttivi. Articolo n. 9 Metodi biochimici e biomolecolari nel controllo ufficiale dei prodotti ittici per valutare la presenza di vibrioni patogeni Serracca L. et al. Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Ligura e Valle d Aosta Industrie Alimentari, anno 49, n. 503, giugno 2010, pp Le specie di vibrioni patogeni per l uomo che si possono rinvenire nei prodotti della pesca sono rispettivamente: V. cholerae, V. parahaemolyticus e V. vulnificus. Di questi solo i ceppi produttori di determinate tossine o antigeni somatici sono realmente pericolosi per la salute umana. Il Regolamento 2073 del 2005, pur non dettando la ricerca dei vibrioni patogeni nei prodotti della pesca, indica la necessità di sviluppare nuovi metodi d analisi affidabili. La normale metodica per la ricerca dei vibrioni prevede un prearricchimento in acqua peptonata salata, passaggio nei terreni selettivi TCBS, TSA salato e TSI salato, crescita in differenti concentrazioni saline e determinazione della sensibilità al fattore vibrostatico O129, concludendosi poi con l identificazione biochimica in micrometodo. Gli Autori descrivono le analisi effettuate su 100 campioni di filetti di pesce con tale metodica, alla quale ha fatto però seguito un ulteriore identificazione di tipo molecolare, descritta nei dettagli, mediante PCR e sequenziamento genico per l identificazione genotipica. Ciò è infatti in grado di svelare la presenza, esclusivamente propria dei ceppi patogeni, dei geni per la produzione dei sierogruppi O1 e O139 per Vibrio cholerae, di emolisine (TDH e TRH ) per Vibrio parahaemolyticus e del gene vvh per il Vibrio vulnificus, permettendo l individuazione dei soli campioni realmente pericolosi e di eventuali falsi positivi.

7 Articolo n. 10 Aspergillus ochraceus e produzione di ocratossina sulla superficie di prodotti di salumeria Cantoni C. e Milesi S. Università degli Studi di Milano Ingegneria Alimentare, anno 7, n. 33, giugno 2010, pp La ocratossina A, micotossina prodotta dalle muffe del genere Aspergillus, Penicillium ed Eurotium spp, è una nefrotossina con proprietà teratogeniche, immunosoppressive e cancerogene. Si ritrova soprattutto nei cereali, nei prodotti derivati da essi ed in molti altri alimenti. Il lavoro descrive le analisi eseguite su campioni di budelli di salame e di prosciutto crudo per la ricerca delle spore fungine di Aspergillus ochraceus, che risulta essere la specie più importante per la produzione di ocratossina. I risultati mettono in evidenza le condizioni di ph, l intervallo di Aw e la temperatura ottimale necessari per la produzione rispettivamente del micete e della ocratossina. Gli Autori sottolineano quindi l importanza della decontaminazione dei prodotti carnei e la necessità di prevenire la contaminazione di questi con la rimozione delle colture di cereali dalle vicinanze dei salumifici. Articolo n. 11 Risorgenze parassitologiche: il caso della difillobotriosi Peduzzi R., Wicht B. Laboratorio di Ecologia microbica, Università di Ginevra Biologi Italiani Anno XL n.5/6 maggio-giugno 2010 pp La difillobotriosi è una zoonosi di origine ittica causata da cestodi del genere Diphyllobotrium, che hanno come ospiti intermedi copepodi e pesci e come ospiti definitivi mammiferi ittiofagi, in particolare l uomo, che contrae l infestione attraverso il consumo di pesce crudo o poco cotto. Tra le differenti specie patogene di questo cestode, la più diffusa alle nostre latitudini è D. latum, tra le altre specie patogene si segnalano D. nihonkaiense, D. dendriticum e D. pacificum. Le differenti specie non possono essere distinte in base alle caratteristiche morfologiche, per cui si ricorre oggi all identificazione (ciò è importante ai fini dell epidemiologia) mediante tecniche di biologia molecolare. In questo articolo vengono esaminati i risultati di un indagine svolta presso l Istituto cantonale di microbiologia sugli aspetti biologici, medici ed epidemiologici della difillobotriosi nell area dei laghi prealpini, acque comuni italo-svizzere e francosvizzere. Per prevenire la diffusione di questa zoonosi, il pesce da consumare crudo deve essere preventivamente sottoposto a congelamento a temperatura inferiore a 20 C per almeno 24 ore.

8 Articolo n. 12 La shelf-life di vongole veraci allevate e depurate, da destinare al consumo umano Favretti M. et al Istituto Zooprofilattico delle Venezie Il pesce n. 4 agosto 2010 pp In questo articolo vengono riportati i risultati di uno studio svolto per definire i valori guida di temperatura di conservazione del prodotto finito e la durata commerciale di vongole veraci depurate e come essi influenzano la carica microbica fecale iniziale. Allo scopo sono state sottoposte ad esame ispettivo ed analizzate 25 unità campionarie di vongole veraci depurate, conservate a 3 diverse temperature (6±1 C; 10±1 C; 20±1 C ) al tempo zero ed a distanza di 1, 2, 3, 4, 6, 8 giorni dal confezionamento. Le determinazioni microbiologiche sono state le seguenti: numerazione di enterobatteri totali, numerazione di Escherichia coli β glucuronidasi positivi, ricerca di Salmonella spp. Attraverso l esame ispettivo sono stati valutati i seguenti parametri: odore esterno ed interno, colore e resistenza all apertura. Inoltre è stato determinato il calo peso. Articolo n.13 (in inglese) [Febbre Q nei Paesi Bassi: aggiornamenti su epidemiologia e misure di controllo] van der Hoek W et al. Centre for Infectious Disease Control, National Institute for Public Health and the Environment (RIVM), Bilthoven, the Netherlands Eurosurv. Vol.15, weekly 12; Sin da quando nel 2007 i casi di febbre Q nell uomo hanno iniziato a crescere in modo sensibile nei Paesi Bassi, per arrivare ai casi notificati nel 2009, questa zoonosi è divenuta una delle principali emergenze in salute pubblica per questo Paese. Le ondate di aborti nella popolazione caprina vengono identificate come fonte primaria di infezione per la popolazione umana, soprattutto in quella che vive nel raggio di circa 5 km dalle aziende nelle quali si verificano tali episodi. Sono state prese drastiche misure, compreso l abbattimento di molti capi di capre gravide nelle aziende colpite, nel tentativo di invertire la tendenza degli ultimi tre anni.

9 Articolo n. 14 (in inglese) [Confronto tra il metodo tradizionale e la sorveglianza basata sul rischio per la determinazione dello stato di Trichinella free in allevamenti suini] Schuppers M.E. et al Epidemiol. Infect. (2010) 1:38, pag Il lavoro mette a confronto il tradizionale metodo digestivo della ricerca di larve di Trichinella nel muscolo del 100% dei suini al macello, con l indagine sierologica, nella determinazione di status di Trichinella free. Lo status di Trichinella free si definisce come la probabilità al 95% che la prevalenza di Trichinella sia inferiore al 0,0001% nell allevamento. Data la bassa sensibilità del metodo digestivo, il lavoro dimostra che l indagine sierologica permette di abbassare drasticamente il numero di campioni da effettuare per mantenere lo stesso livello di garanzia. Articolo n.15 (in inglese) [Indicatori di pericoli e rischi emergenti per la Sicurezza Alimentare] Kleter G.A.. et al. RIKILT Istituto per la Sicurezza Alimentare; Uniersità di Wageningen - NL Food and Chemical Toxicology 47 (2009), Pag: Vi è una necessità largamente avvertita tra i ricercatori e le Autorità Competenti di sviluppare metodi per l'identificazione precoce dei pericoli emergenti legati a rischi per la sicurezza alimentare, con l'obiettivo di prevenirli prima che si manifestino e provochino incidenti. Il presente lavoro analizza e descrive i metodi utilizzati per selezionare indicatori che possano essere impiegati per l'identificazione precoce dei pericoli emergenti. Tali indicatori sono stati divisi in tre classi in relazione all ambiente di origine dei diversi pericoli: (i) l'ambiente di produzione primaria degli alimenti, (ii) le filiere di produzione dal campo alla tavola e (iii) l ambiente finale dei consumatori. Questi indicatori rappresentano segnali che possono richiedere azioni di correzione. Oltre gli indicatori legati alle specifiche categorie di pericoli, ne vengono identificati altri da utilizzare per la valutazione della vulnerabilità. Essi possono essere di ausilio nella individuazione dei punti deboli nel sistema di produzione alimentare in quanto sensibili a una gamma più ampia di pericoli.

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte 2011 Fondazione Edmund

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Il pacchetto igiene dell UE

Il pacchetto igiene dell UE Il pacchetto igiene dell UE Il primo gennaio 2006 è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto igiene dell Unione Europea, mettendo finalmente ordine nella normativa sull igiene alimentare che, fino a quel

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU)

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Sesso Data e luogo di nascita Nazionalità ALEX NANNI alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) Italiana

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE E I CONSUMATORI Salute pubblica e valutazione dei rischi Minacce per la salute Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli