Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione"

Transcript

1 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo n. 270) Roma - Biblioteca centrale Foto T. Zottola Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione Rassegna mensile tratta da periodici specialistici nazionali e internazionali N. 5 LUGLIO-AGOSTO 2010 Staff Rassegna : Responsabile: Gabriella Loffredo Selezione degli articoli ed elaborazione dei riassunti: Gabriella Loffredo, Antonella Bozzano,Romano Zilli Archiviazione informatica e cartacea:.. Cristina Ferri Preparazione ed invio articoli:... Cristina Ferri, Giulia De Matteis Ha collaborato a questo numero:.marcella Milito

2 Articolo n. 1 Epidemia di carbonchio sintomatico (Clostridium chauvoei) in un allevamento di bovini da carne in gruppi al finissaggio Tulley W. BVM&S CertCHP MRCVS Tyndale Farm Veterinary Practice Summa Animali da Reddito Anno 5 n. 6 luglio-agosto 2010 pp L Autore descrive alcuni casi di carbonchio sintomatico ad insorgenza disseminata verificatisi in Inghilterra durante l autunno in un allevamento di 350 bovini da carne. Gli animali venivano svezzati ad 8 settimane di età ed alimentati con un pastone a base di orzo fioccato, proteine ed integratori minerali; l alimentazione al finissaggio era costituita da insilato di mais, insilato di erba e miscela proteica. L esame post- mortem del primo vitello permetteva di rilevare lesioni compatibili con miositi da clostridi; l esame clinico dei tre casi successivi (vitelli di 4 mesi appartenenti ad un altro gruppo) evidenziava il decubito in 1 soggetto, depressione e rigidità del posteriore negli altri due. Gli esami di laboratorio effettuati sulle biopsie muscolari hanno confermato la diagnosi di carbonchio sintomatico. Nell articolo vengono riportati i risultati dell indagine svolta per ricercare le cause dell insorgenza della patologia, la terapia e la profilassi effettuata in azienda ed una sintetica analisi dei costi. Articolo n. 2 Il tumore nasale enzootico della pecora in Italia Di Matteo I. et al Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Perugia Large Animal Review Anno 16 n. 2 aprile 2010 pp Gli Autori descrivono due casi di tumore nasale enzootico della pecora verificatisi in due soggetti adulti di razza Lacaune allevati nel centro Italia. Il gregge era stato ripopolato negli anni precedenti con dei soggetti riproduttori importati dal sud della Francia. La sintomatologia era rappresentata da dispnea, tosse, starnuti, scolo nasale mucocatarrale e deformità del profilo dei seni frontali che in uno dei due soggetti si presentava fistolizzato. La patologia è causata da un retrovirus denominato ENTV (Enzootic Nasal Tumor Virus), caratterizzato dal non essere coltivabile. Questo virus in Italia era stato evidenziato nella capra, ma non nella pecora. Nell articolo vengono descritte le lesioni evidenziate all esame necroscopico e l aspetto istopatologico della neoplasia. La diagnosi definitiva dell infezione si effettua mediante la dimostrazione di particelle virali nel tessuto al microscopio elettronico.viene segnalata l importanza

3 dell accurato esame anatomopatologico per poter evidenziare le lesioni tumorali non ancora clinicamente manifeste in soggetti portatori. Articolo n. 3 Spirochete della malattia di Lyme nelle zecche raccolte in uno studio di campo nell Italia centrale (regione Marche) Pascucci I., Cammà C. Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Molise Veterinaria Italiana Vol 46 (2) aprile-giugno 2010 pp Gli Autori riportano i risultati di uno studio svolto tra settembre 2001 ed ottobre 2002 in provincia di Pesaro e di Urbino volto ad indagare la presenza del ciclo delle Spirochete della borreliosi di Lyme. Questa malattia presenta elevati livelli di prevalenza nelle zecche nelle regioni italiane del Nord-Est, ove vengono notificati annualmente numerosi casi umani. Per l area oggetto dello studio, caratterizzata come ecologicamente a rischio, non erano infatti disponibili dati di campo. Il principale vettore della malattia in Europa è la zecca Ixodes ricinus, strettamente associata alle popolazioni di cervidi selvatici. Le zecche sottoposte ad analisi sono state raccolte da cervidi selvatici (131 campioni) coinvolti in incidenti stradali o abbattuti dai cacciatori o rimosse dai pazienti presso i pronto soccorso di zona (93 zecche) o campionate dall ambiente (78 zecche). Esse sono state identificate e classificate mediante esame stereomicroscopico; successivamente le Borrelie sono state ricercate mediante 3 differenti metodiche PCR ed identificate nelle differenti genospecie mediante sequenziamento. Articolo n. 4 Impiego illecito del desametasone nei bovini da carne: razionale, effetti negli animali trattati e metodologie diagnostiche tradizionali ed innovative Girolami F. et al. Dipartimento di Patologia Animale, Università degli Studi di Torino Large Animal Review Anno 16 n. 3 giugno 2010 pp Gli Autori descrivono l azione farmacologica e la farmacocinetica dei corticosteroidi di sintesi (desametasone, betametasone, prednisolone etc) e le motivazioni e le strategie del loro impiego illecito come promotori di crescita, soprattutto nei bovini. Nell articolo vengono riportate le alterazioni cliniche ed anatomo-patologiche derivanti dalla somministrazione prolungata di queste sostanze e le metodologie diagnostiche utilizzate, tradizionali, complementari ed innovative. Sono citati i risultati di uno studio effettuato per caratterizzare il profilo di escrezione del desametasone sodio-fosfato nei vitelloni da carne allo scopo di discriminarne l utilizzo a scopo terapeutico od auxinico. Infine, tra le possibili strategie adottate per aumentare l efficacia dei controlli ufficiali eseguiti con le metodiche del Piano Nazionale Residui, vengono sinteticamente esposte

4 le azioni condotte da una ASL piemontese per aumentare l incisività delle indagini, mediante la pianificazione degli interventi e l adozione di una serie di procedure. Articolo n. 5 Regolamento CE n. 1/2005, protezione degli animali durante il trasporto: il trasporto dei vitelli Piscopo A. Veterinario Dirigente Azienda Sanitaria Provinciale n. 1 Agrigento Eurocarni anno XXV n. 7 luglio 2010 pp L Autore esamina la normativa sul trasporto animale in riferimento al benessere dei vitelli di pochi giorni di vita; questi animali vengono trasferiti dall azienda di nascita a quella di crescita per la produzione di carne ed in questa movimentazione devono essere sufficientemente maturi per affrontare lo stress del trasporto e del nuovo inserimento. Le aziende, per ridurre i costi di gestione tendono a trasportare precocemente i vitelli. La gestione di questi soggetti alla nascita presenta due momenti essenziali, rappresentati dalla somministrazione del colostro nelle prime ore di vita e dalla cicatrizzazione del cordone ombelicale; quest ultimo punto rappresenta un requisito normativo per l idoneità al trasporto. Vengono discussi i tempi effettivi di cicatrizzazione del cordone ombelicale, che, secondo lavori di più recente pubblicazione, sarebbero contrastanti con quelli previsti dalla normativa vigente. Articolo n. 6 Gli americani rispondono con procedure standard Santini S. Medico Veterinario Informatore Zootecnico Anno LVII n luglio 2010 pp L Autrice riporta il programma di controllo delle infezioni mammarie gestito dal Qmps (Quality milk production service) americano, presentato dal Prof. Welcome in occasione del Congresso Sivar. I punti chiave di questo programma si fondano sull informazione e sulla definizione di protocolli di trattamento, su terapie specifiche per ciascuna azienda e sulla valutazione delle variabili che condizionano il successo degli interventi. Vengono esaminati e rappresentati, anche in forma schematica, gli elementi della valutazione economica della sostenibilità dei trattamenti antibiotici, la valutazione del management, degli indici di performance nel monitoraggio ed una classificazione a punteggio della gravità delle mastiti.

5 Articolo n. 7 La produzione di latte di asina in una innovativa filiera latte per consumatori di fascia sensibile Salimei E., Fantuz F. Di STAAM, Università degli Studi del Molise La Rivista di Scienza dell Alimentazione Anno 39 n. 1 gennaio-marzo 2010 pp L articolo è una disamina sulle caratteristiche del latte di asina, di crescente interesse scientifico per essere ben tollerato da bambini, lattanti compresi, allergici alle proteine del latte vaccino. Sebbene gli studi su questa particolare filiera latte siano ancora esigui, sono state chiarite diverse peculiarità. La quantità di latte per mungitura è piuttosto limitata, a causa della ridotta capacità della mammella degli equini ed aumenta con la mungitura meccanica. Sotto il profilo igienico il latte d asina presenta una bassa carica microbica (da 3.66 a 5.87 log CFU/ml), che migliora ulteriormente con la mungitura meccanica. L azione esercitata da enzimi quali il lisozima, presente in elevata quantità rispetto al latte di altre specie, e la lattoferrina sono in parte responsabili di questa qualità. La composizione chimica del latte d asina presenta della somiglianze con quello di donna, specie per l alto tenore in lattosio e la bassa concentrazione di proteine. La tipologia di quest ultime ed il rapporto tra loro spiega la tollerabilità di questo prodotto per i soggetti allergici. Tra le componenti funzionali, oltre i già citati lisozima e lattoferrina, si evidenzia il buon equilibro tra diversi acidi grassi liberi e gli indici aterogenico e trombogenico, che renderebbero questo latte adatto per la prevenzione dell aterosclerosi. Infine, gli Autori sottolineano come la qualità del latte di asina sia influenzata dalle condizioni di allevamento e, specialmente, dalla alimentazione delle fattrici. Quest ultima che deve tener conto degli aspetti nutrizionali e metabolici di questa specie, in particolare della componente fibrosa della dieta. Articolo n. 8 Valutazione di punti critici della lavorazione in un impianto di macellazione suina Valnegri L., Casirani G., Soncini G. Dipartimento di Scienze e Tecnologie per la Sicurezza Alimentare Università degli Studi di Milano Industrie Alimentari Anno 49 n. 503 giugno 2010 pp Sono stati verificati alcuni punti critici di un piano di autocontrollo in un impianto di macellazione suina sulla base dei Criteri di igiene di processo previsti dal Reg. CE 1441/2007 e della Decisione CE 471/2007. Su campioni prelevati dalle carcasse (gola, coscia, pancetta e lombo) sono state eseguite determinazioni per Carica batterica aerobica, Enterobatteriaceae e Salmonella; esami per Carica batterica aerobica ed

6 Enterobatteriaceae sono stati effettuati anche su tamponi eseguiti sul tavolo lardello e tavolo rifilo prosciutti e da campioni di acqua di scottatura. Inoltre è stata ricercata Listeria nei tombini. I risultati derivati dalle analisi delle carcasse sono al di sotto dei limiti previsti dal Reg. CE 1441/2007, in quanto la Carica batterica aerobica non ha mai superato il valore di 3.2 log, le Enterobatteriaceae quello di 1.5 log e Salmonella è stata riscontrata in 2 dei 95 campioni analizzati (il limite massimo è di 5 campioni positivi su 50). Anche le determinazioni effettuate sui tamponi di superficie e nelle acque di scottatura presentano valori accettabili, mentre su 67 dei 74 prelievi eseguiti sui tombini è stata trovata Listeria, ma non della specie monocytogenes. A seguito delle positività riscontrate per Salmonella e Listeria, rispettivamente nelle carcasse e nei tombini, sono stati condotti interventi correttivi. Articolo n. 9 Metodi biochimici e biomolecolari nel controllo ufficiale dei prodotti ittici per valutare la presenza di vibrioni patogeni Serracca L. et al. Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Ligura e Valle d Aosta Industrie Alimentari, anno 49, n. 503, giugno 2010, pp Le specie di vibrioni patogeni per l uomo che si possono rinvenire nei prodotti della pesca sono rispettivamente: V. cholerae, V. parahaemolyticus e V. vulnificus. Di questi solo i ceppi produttori di determinate tossine o antigeni somatici sono realmente pericolosi per la salute umana. Il Regolamento 2073 del 2005, pur non dettando la ricerca dei vibrioni patogeni nei prodotti della pesca, indica la necessità di sviluppare nuovi metodi d analisi affidabili. La normale metodica per la ricerca dei vibrioni prevede un prearricchimento in acqua peptonata salata, passaggio nei terreni selettivi TCBS, TSA salato e TSI salato, crescita in differenti concentrazioni saline e determinazione della sensibilità al fattore vibrostatico O129, concludendosi poi con l identificazione biochimica in micrometodo. Gli Autori descrivono le analisi effettuate su 100 campioni di filetti di pesce con tale metodica, alla quale ha fatto però seguito un ulteriore identificazione di tipo molecolare, descritta nei dettagli, mediante PCR e sequenziamento genico per l identificazione genotipica. Ciò è infatti in grado di svelare la presenza, esclusivamente propria dei ceppi patogeni, dei geni per la produzione dei sierogruppi O1 e O139 per Vibrio cholerae, di emolisine (TDH e TRH ) per Vibrio parahaemolyticus e del gene vvh per il Vibrio vulnificus, permettendo l individuazione dei soli campioni realmente pericolosi e di eventuali falsi positivi.

7 Articolo n. 10 Aspergillus ochraceus e produzione di ocratossina sulla superficie di prodotti di salumeria Cantoni C. e Milesi S. Università degli Studi di Milano Ingegneria Alimentare, anno 7, n. 33, giugno 2010, pp La ocratossina A, micotossina prodotta dalle muffe del genere Aspergillus, Penicillium ed Eurotium spp, è una nefrotossina con proprietà teratogeniche, immunosoppressive e cancerogene. Si ritrova soprattutto nei cereali, nei prodotti derivati da essi ed in molti altri alimenti. Il lavoro descrive le analisi eseguite su campioni di budelli di salame e di prosciutto crudo per la ricerca delle spore fungine di Aspergillus ochraceus, che risulta essere la specie più importante per la produzione di ocratossina. I risultati mettono in evidenza le condizioni di ph, l intervallo di Aw e la temperatura ottimale necessari per la produzione rispettivamente del micete e della ocratossina. Gli Autori sottolineano quindi l importanza della decontaminazione dei prodotti carnei e la necessità di prevenire la contaminazione di questi con la rimozione delle colture di cereali dalle vicinanze dei salumifici. Articolo n. 11 Risorgenze parassitologiche: il caso della difillobotriosi Peduzzi R., Wicht B. Laboratorio di Ecologia microbica, Università di Ginevra Biologi Italiani Anno XL n.5/6 maggio-giugno 2010 pp La difillobotriosi è una zoonosi di origine ittica causata da cestodi del genere Diphyllobotrium, che hanno come ospiti intermedi copepodi e pesci e come ospiti definitivi mammiferi ittiofagi, in particolare l uomo, che contrae l infestione attraverso il consumo di pesce crudo o poco cotto. Tra le differenti specie patogene di questo cestode, la più diffusa alle nostre latitudini è D. latum, tra le altre specie patogene si segnalano D. nihonkaiense, D. dendriticum e D. pacificum. Le differenti specie non possono essere distinte in base alle caratteristiche morfologiche, per cui si ricorre oggi all identificazione (ciò è importante ai fini dell epidemiologia) mediante tecniche di biologia molecolare. In questo articolo vengono esaminati i risultati di un indagine svolta presso l Istituto cantonale di microbiologia sugli aspetti biologici, medici ed epidemiologici della difillobotriosi nell area dei laghi prealpini, acque comuni italo-svizzere e francosvizzere. Per prevenire la diffusione di questa zoonosi, il pesce da consumare crudo deve essere preventivamente sottoposto a congelamento a temperatura inferiore a 20 C per almeno 24 ore.

8 Articolo n. 12 La shelf-life di vongole veraci allevate e depurate, da destinare al consumo umano Favretti M. et al Istituto Zooprofilattico delle Venezie Il pesce n. 4 agosto 2010 pp In questo articolo vengono riportati i risultati di uno studio svolto per definire i valori guida di temperatura di conservazione del prodotto finito e la durata commerciale di vongole veraci depurate e come essi influenzano la carica microbica fecale iniziale. Allo scopo sono state sottoposte ad esame ispettivo ed analizzate 25 unità campionarie di vongole veraci depurate, conservate a 3 diverse temperature (6±1 C; 10±1 C; 20±1 C ) al tempo zero ed a distanza di 1, 2, 3, 4, 6, 8 giorni dal confezionamento. Le determinazioni microbiologiche sono state le seguenti: numerazione di enterobatteri totali, numerazione di Escherichia coli β glucuronidasi positivi, ricerca di Salmonella spp. Attraverso l esame ispettivo sono stati valutati i seguenti parametri: odore esterno ed interno, colore e resistenza all apertura. Inoltre è stato determinato il calo peso. Articolo n.13 (in inglese) [Febbre Q nei Paesi Bassi: aggiornamenti su epidemiologia e misure di controllo] van der Hoek W et al. Centre for Infectious Disease Control, National Institute for Public Health and the Environment (RIVM), Bilthoven, the Netherlands Eurosurv. Vol.15, weekly 12; Sin da quando nel 2007 i casi di febbre Q nell uomo hanno iniziato a crescere in modo sensibile nei Paesi Bassi, per arrivare ai casi notificati nel 2009, questa zoonosi è divenuta una delle principali emergenze in salute pubblica per questo Paese. Le ondate di aborti nella popolazione caprina vengono identificate come fonte primaria di infezione per la popolazione umana, soprattutto in quella che vive nel raggio di circa 5 km dalle aziende nelle quali si verificano tali episodi. Sono state prese drastiche misure, compreso l abbattimento di molti capi di capre gravide nelle aziende colpite, nel tentativo di invertire la tendenza degli ultimi tre anni.

9 Articolo n. 14 (in inglese) [Confronto tra il metodo tradizionale e la sorveglianza basata sul rischio per la determinazione dello stato di Trichinella free in allevamenti suini] Schuppers M.E. et al Epidemiol. Infect. (2010) 1:38, pag Il lavoro mette a confronto il tradizionale metodo digestivo della ricerca di larve di Trichinella nel muscolo del 100% dei suini al macello, con l indagine sierologica, nella determinazione di status di Trichinella free. Lo status di Trichinella free si definisce come la probabilità al 95% che la prevalenza di Trichinella sia inferiore al 0,0001% nell allevamento. Data la bassa sensibilità del metodo digestivo, il lavoro dimostra che l indagine sierologica permette di abbassare drasticamente il numero di campioni da effettuare per mantenere lo stesso livello di garanzia. Articolo n.15 (in inglese) [Indicatori di pericoli e rischi emergenti per la Sicurezza Alimentare] Kleter G.A.. et al. RIKILT Istituto per la Sicurezza Alimentare; Uniersità di Wageningen - NL Food and Chemical Toxicology 47 (2009), Pag: Vi è una necessità largamente avvertita tra i ricercatori e le Autorità Competenti di sviluppare metodi per l'identificazione precoce dei pericoli emergenti legati a rischi per la sicurezza alimentare, con l'obiettivo di prevenirli prima che si manifestino e provochino incidenti. Il presente lavoro analizza e descrive i metodi utilizzati per selezionare indicatori che possano essere impiegati per l'identificazione precoce dei pericoli emergenti. Tali indicatori sono stati divisi in tre classi in relazione all ambiente di origine dei diversi pericoli: (i) l'ambiente di produzione primaria degli alimenti, (ii) le filiere di produzione dal campo alla tavola e (iii) l ambiente finale dei consumatori. Questi indicatori rappresentano segnali che possono richiedere azioni di correzione. Oltre gli indicatori legati alle specifiche categorie di pericoli, ne vengono identificati altri da utilizzare per la valutazione della vulnerabilità. Essi possono essere di ausilio nella individuazione dei punti deboli nel sistema di produzione alimentare in quanto sensibili a una gamma più ampia di pericoli.

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. baiocco dino Data di nascita 10/11/1956. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0696669640

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. baiocco dino Data di nascita 10/11/1956. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0696669640 INFORMAZIONI PERSONALI Nome baiocco dino Data di nascita 10/11/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio medico veterinario ASL DI RM/F Responsabile - U.O.C. area A

Dettagli

Rischio Biologico. Rischio Biologico. frareg.com 1/48

Rischio Biologico. Rischio Biologico. frareg.com 1/48 Rischio Biologico 1/48 La cellula Le cellule sono i mattoni che costituiscono i tessuti degli organismi viventi vegetali e animali 2/48 I tessuti I tessuti sono costituiti da cellule specializzate che

Dettagli

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE?

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? Regolamenti di Polizia Veterinaria/Norma sanitaria L input del processo è costituito dalla normativa sanitaria veterinaria COSTRUZIONE/GESTIONE

Dettagli

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici Workshop: Focus su Sicurezza d Uso e Nutrizionale degli Alimenti 21-22 Novembre 2005, Istituto Superiore di Sanità, Roma Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio

Dettagli

Veterinario Ufficiale presso l ULSS 22 dal 05/10/2015 ad oggi

Veterinario Ufficiale presso l ULSS 22 dal 05/10/2015 ad oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Zago Luigi Data di nascita 11 ottobre 1960 Qualifica Dirigente Veterinario Amministrazione ULSS 22 Incarico attuale Servizi territoriali Comuni Mozzecane Nogarole

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione

Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) Roma - Biblioteca centrale Foto T. Zottola Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione Rassegna

Dettagli

MSOffice1 REGIONE LAZIO

MSOffice1 REGIONE LAZIO MSOffice1 La Tutela dell Ambiente garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo L impatto sulla sicurezza alimentare. dall autocontrollo al controllo ufficiale Ugo Della Marta Dirigente Area Sanità

Dettagli

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Dr.ssa Paola Marconi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Il controllo sanitario nelle attività alimentari

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE

IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE IL TRINCIATO CAMBIA VOLTO Mais e Insilati per una filiera di qualità LA COOP E LA SICUREZZA ALIMENTARE Federico Comellini Direzione Qualità Ispettore Carni VERONA 10 febbraio 2006 1 TUTTI I PRODOTTI A

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015 (Prof. Paola Sinibaldi Vallebona, Dott.ssa Roberta Gaziano, Dott.ssa Elisabetta

Dettagli

Il quadrilatero di Teobald Smith

Il quadrilatero di Teobald Smith L EPIDEMIOLOGIA E LA SOCIOSOCIO-ECONOMIA VETERINARIA NEL PENSIERO E NELLE AZIONI DI ADRIANO MANTOVANI Giorgio Battelli GIORNATA DI STUDIO SULLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA Adriano Mantovani e la Sanità

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Ufficio III - Igiene degli alimenti di origine animale

DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Ufficio III - Igiene degli alimenti di origine animale DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Ufficio III - Igiene degli alimenti di origine animale Loredana Candela I TRATTAMENTI ORMONALI ILLECITI AL MICROSCOPIO ROMA,

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

M.S.U.: dal macello all esito

M.S.U.: dal macello all esito Corso di formazione La sicurezza alimentare in Piemonte: vecchie istituzioni e nuovi compiti M.S.U.: dal macello all esito 25 settembre 2015 Dr. Mauro NEGRO Dr.ssa Adriana GIRALDO Dalla produzione primaria

Dettagli

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Prevenire la listeriosi Potenza, 31 ottobre 2013 Dr.ssa Carla Brienza Dr.ssa Nunzia Damiani Nel 2012 sono state 3436 le notifiche

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

Solo i suini selezionati, con un passato certificato e riconoscibile, vengono lavorati nel macello Mec Carni.

Solo i suini selezionati, con un passato certificato e riconoscibile, vengono lavorati nel macello Mec Carni. carni suine L Azienda Mec Carni è uno dei più moderni macelli, riconosciuti a livello internazionale, specializzato nella macellazione e sezionamento di carni suine. L Azienda, nata nel 1976 a sostegno

Dettagli

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione

Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione Materiale Didattico Modulo: Pacchetto Igiene e la sua applicazione a cura della D.Ssa Ylenia Esposito Regolamento CE 2073/2005 I controlli microbiologici i i sui prodotti alimentari Legislazione sulla

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

V I L L A N O T O M M A S O L U I G I

V I L L A N O T O M M A S O L U I G I V I L L A N O T O M M A S O L U I G I CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE ESPERIENZE PROFESSIONALI 1981 1983 C.I.U.C. Spa. Latina Direttore d'azienda C.I.U.C Spa, Azienda agro-zootecnica specializzata

Dettagli

Dirigente - DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIA

Dirigente - DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASARI ALBERTO Data di nascita 09/10/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE VETERINARIO ASL DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Dirigente

Dettagli

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi

Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prevenzione e terapia Delle Salmonellosi Prof. Paolo Cadrobbi; Dott. Giovanni Carretta Salmonellosi tifoidee e non tifoidee E fondamentale distinguere tra: febbre tifoide, grave infezione che interessa

Dettagli

PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI

PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI PROTOCOLLO TECNICO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI MICROBIOLOGICI SUGLI ALIMENTI E L INTERPRETAZIONE DEGLI ESITI ANALITICI Dario De Medici, Monica Gianfranceschi e il Gruppo di Lavoro IIZZSS Corso di

Dettagli

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto Alfonso Zecconi Università degli Studi di Milano Dipartimento Patologia Animale Le tossinfezioni alimentari Problema comune a tutti gli alimenti

Dettagli

MISURA 215 ANNATA 2015/2016

MISURA 215 ANNATA 2015/2016 Prevenzione delle mastiti infettive degli ovini e dei caprini: Immunologia della mammella, antibiotico resistenza e ruolo della profilassi immunizzante MISURA 215 ANNATA 2015/2016 L'ANTIBIOTICO

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA Presentazione e Programma del corso di insegnamento Igiene e Tecnologie Alimentari del corso integrato SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA 0-03 docente titolare: prof. Marcello Trevisani INDICE:. Presentazione

Dettagli

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA ITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA NTRO NAZIONALE DI REFERENZA PER LA QUALITA DEL LATTE E DEI PRODOTTI RIVATI DEGLI OVINI E DEI CAPRINI (CRELDOC) PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina:

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina: intesa Stato/Regioni n. 159/CSR del 23-9-2010 In materia di impiego transitorio di latte crudo bovino non rispondente ai criteri di cui all allegato III, sezione IX del regolamento CE 853/2004, per quanto

Dettagli

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie AGRICOLTURA. Il Ministero ha ridotto l area soggetta a restrizioni per contenere la

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949. Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949. Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI VIOLA DOMENICO TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Nome

INFORMAZIONI PERSONALI VIOLA DOMENICO TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Nome C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VIOLA DOMENICO Data di nascita 11/10/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Veterinario Servizio Veterinario : Area Igiene degli

Dettagli

Qualità microbiologica dei prodotti lattiero-caseari in aziende di estivazione

Qualità microbiologica dei prodotti lattiero-caseari in aziende di estivazione Qualità microbiologica dei prodotti lattiero-caseari in aziende di estivazione Numero di campioni prelevati Totale campioni non conformi 357 42 Introduzione e obiettivi Il Canton Ticino, con la sua ricchezza

Dettagli

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie?

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Silvana Barbuti Dipartimento Microbiologia SSICA Tel. 0521 795 262 Mail: silvana.barbuti@ssica.it

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

ESTRATTO DELLA DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE N. 33 DEL 29/1/2009 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA

ESTRATTO DELLA DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE N. 33 DEL 29/1/2009 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA ESTRATTO DELLA DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE N. 33 DEL 29/1/2009 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA PIANO FORMATIVO ANNO 2009. Il piano formativo aziendale dell

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali GATTI LINA. Occupazione desiderata/settore professionale. Veterinario. Esperienza professionale.

Curriculum Vitae. Informazioni personali GATTI LINA. Occupazione desiderata/settore professionale. Veterinario. Esperienza professionale. Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome/Nome GATTI LINA Occupazione desiderata/settore professionale Veterinario Esperienza professionale Data 02/02/2011 7/02/2014 Lavoro o posizione ricoperti

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

CAP. 4: LE ATTIVITA DELLE STRUTTURE COMPLESSE (SS.CC.)

CAP. 4: LE ATTIVITA DELLE STRUTTURE COMPLESSE (SS.CC.) CAP. 4: LE ATTIVITA DELLE STRUTTURE COMPLESSE (SS.CC.) Le tabelle successive riportano, in sintesi, le attività svolte dai vari laboratori presenti nelle diverse SS.CC. della Sede Centrale e delle Strutture

Dettagli

MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE

MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE AZIENDA Sede legale: Comune Via e n Telefono fax e-mail 1^ Sede operativa: cod. stalla 2^ Sede operativa: cod. stalla Comune

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

Staff - Servizio Veterinario di Igiene degli Allevamenti e Produzioni Zootecniche

Staff - Servizio Veterinario di Igiene degli Allevamenti e Produzioni Zootecniche INFORMAZIONI PERSONALI Nome VENDRAMIN GIULIANO Data di nascita 07/09/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE VETERINARIO ASL DI ASOLO Staff - Servizio Veterinario

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio VETERINARIO DIRIGENTE ASL DI TERAMO Incarico di studio

Dettagli

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Alberton dr.antonio Medico Veterinario L.P. Seminario Fiera Millenaria Gonzaga (MN) 07 Settenbre 2013 Le Micotossine Sostanze

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI

PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI CAPITOLO N. 3.2 Piano di monitoraggio per il controllo della frequenza dell incidenza e delle concentrazioni delle sostanze

Dettagli

Corso di perfezionamento in Igiene degli alimenti: ALIMENTI SICURI, DALL AUTOCONTROLLO ALLA VERIFICA, SISTEMI E SOLUZIONI PER UNA CORRETTA GESTIONE

Corso di perfezionamento in Igiene degli alimenti: ALIMENTI SICURI, DALL AUTOCONTROLLO ALLA VERIFICA, SISTEMI E SOLUZIONI PER UNA CORRETTA GESTIONE ! C.S.A. S.r.l. Centro Servizi & Analisi in collaborazione con con il patrocinio: 29,7 crediti Corso di perfezionamento in Igiene degli alimenti: ALIMENTI SICURI, DALL AUTOCONTROLLO ALLA VERIFICA, SISTEMI

Dettagli

Curriculum formativo e professionale. Dott. Pasquale Quarto INFORMAZIONI PERSONALI

Curriculum formativo e professionale. Dott. Pasquale Quarto INFORMAZIONI PERSONALI Curriculum formativo e professionale Dott. Pasquale Quarto INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome: Quarto Pasquale Data e luogo di nascita: 15/11/1946 Attuale indirizzo: Corso Solimene 159, Sparanise (CE)

Dettagli

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Il latte di asina nell alimentazione umana: ruolo della frazione proteica La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Grigio Siciliano (100)

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Ricerca Corrente anno finanziario 2007

Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Gestione del rischio biologico nell allevamento equino: elaborazione di linee guida per la prevenzione ed il controllo delle infezioni diffusive Responsabile Scientifico:

Dettagli

INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA

INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA INDIRIZZO TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE SANITARIA PROGRAMMA (di massima) DI BIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CONTENUTI PER LA CLASSE QUINTA TEORIA METABOLISMO ED ENERGIA Le fermentazioni BIOLOGIE MICROBICHE Biotecnologie

Dettagli

Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti

Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti Sicurezza alimentare (food security): E l accesso di tutti ed in qualsiasi momento ad un alimentazione sufficiente in termini di qualità, quantità e varietà,

Dettagli

STAMPA ATTIVITÀ FORMATIVE PER ANNO

STAMPA ATTIVITÀ FORMATIVE PER ANNO Università Studi di Torino STAMPA ATTIVITÀ FORMATIVE PER ANNO Facoltà: Facolta' di MEDICINA VETERINARIA Dipartimento: SCIENZE VETERINARIE Corso di Studio: 0502 - MEDICINA VETERINARIA Ordinamento: 0502-11

Dettagli

Piergiovanni Piatti. NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle

Piergiovanni Piatti. NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle Piergiovanni Piatti NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle Impiego di tecniche biomolecolari per l analisi l degli alimenti e la tracciabilità

Dettagli

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali Giovanni Piredda Santa Cristina Paulilatino (OR) 20 maggio 2009 www.sardegnaagricoltura.it/innovazionericerca

Dettagli

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico p Tipologie del mercato bovino Allevamento suino Mangimi prestarter Benessere nell'allevamento suino Piatto unico: ph ruminale Caratteristiche

Dettagli

Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo

Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo Relazione tra tipologie di imballaggio e qualità del prodotto: una applicazione al settore ortofrutticolo Rosalba Lanciotti Alma Mater Studiorum, Università di Bologna Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

IL LATTE CRUDO piani di controllo ufficiali e problematiche emergenti

IL LATTE CRUDO piani di controllo ufficiali e problematiche emergenti IL LATTE CRUDO piani di controllo ufficiali e problematiche emergenti BOLOGNA, 22 GIUGNO 2009 Enea Savorelli AUSL di RAVENNA IL FENOMENO LATTE CRUDO DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI LATTE CRUDO IN ITALIA: n.

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T AE

C U R R I C U L U M V I T AE C U R R I C U L U M V I T AE INFORMAZIONI PERSONALI nome Lucia Garofalo telefono 334 646 9050 e-mail lucia.garofalo@aspct.it nazionalità Italiana data e luogo di nascita 08 Gennaio 1960 Fomdachelli Fantina

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova

Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti. Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Campylobacter spp. e Igiene degli Alimenti Valerio Giaccone Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia comparata e Igiene veterinaria di Padova Famiglia Campylobacteraceae tre generi: Campylobacter, Arcobacter,

Dettagli

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/7 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere, proteggere

Dettagli

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Igino Andrighetto Direttore Generale Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. Professore

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI BOVINA/BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. VALENTE Dario Data di nascita 16/10/1955. Dirigente ASL I fascia - Igiene degli Alimenti di Origine Animale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. VALENTE Dario Data di nascita 16/10/1955. Dirigente ASL I fascia - Igiene degli Alimenti di Origine Animale INFORMAZIONI PERSONALI Nome VALENTE Dario Data di nascita 16/10/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI PERUGIA Dirigente ASL I fascia - Igiene degli

Dettagli

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali:

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali: L HACCP si definisce come un approccio sistematico per l identificazione dei pericoli ed la valutazione/controllo dei rischi connessi alla produzione di un alimento basato su 7 principi. Secondo quanto

Dettagli

Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto

Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto Fiera di Cremona, venerdì 17 aprile 2009 Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto Valerio Giaccone Facoltà di Medicina veterinaria Università di Padova Dal 1 gennaio 2006 è entrata in

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Teodoro Pierluigi Data di nascita 17/05/1956

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Teodoro Pierluigi Data di nascita 17/05/1956 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Teodoro Pierluigi Data di nascita 17/05/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE Il nuovo approccio nella U.E.

LA SICUREZZA ALIMENTARE Il nuovo approccio nella U.E. LA SICUREZZA ALIMENTARE Il nuovo approccio nella U.E. TORINO 12 maggio 2009 IL CONTESTO Basta sfogliare gli annali della storia italiana di fine Ottocento per scoprire il legame strettissimo allora esistente

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Altri titoli di studio e professionali Esperienze professionali (incarichi ricoperti) INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Altri titoli di studio e professionali Esperienze professionali (incarichi ricoperti) INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Ducci Laura Data di nascita 17.05.1958 Qualifica Medico veterinario 1 livello dirigenziale Incarico attuale Vicario della U.F. Sanità pubblica veterinaria

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma IL REGISTRO TUMORI ANIMALI:

Dettagli

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali

Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Autocontrollo nella filiera lattiero-casearia: aspetti generali Dr. Pasquale Albano, con la collaborazione della Dr. Donatella Laganà Autocontrollo: risorsa occupazionale? Sepino (CB), 30 ottobre 2010

Dettagli

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia ZOONOSI EMERGENTI E RIEMERGENTI: tra vecchie conoscenze e nuove realtà Torino, 26 febbraio 2013 L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia Fabio Ostanello Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Dettagli

Laurea in Scienze Biologiche conseguita il 24. 03. 1975 nella Universita'degli Studi di Parma con tesi sperimentale in Microbiologia Clinica.

Laurea in Scienze Biologiche conseguita il 24. 03. 1975 nella Universita'degli Studi di Parma con tesi sperimentale in Microbiologia Clinica. CURRICULUM Dott. Angelo Albani Il sottoscritto dott. Angelo Albani nato ad Arcola La Spezia il 23.01.1951ed ivi residente in Via Aurelia Nord 133, C.F. : LBN NGL 51A23A373F, coniugato con due figlie di

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gualtieri Giuseppe Vittorio Data di nascita 21/07/1955

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gualtieri Giuseppe Vittorio Data di nascita 21/07/1955 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gualtieri Giuseppe Vittorio Data di nascita 21/07/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Dipartimento di Medicina Veterinaria. Master Universitario di II livello DAIRY PRODUCTION MEDICINE

Università degli Studi di Perugia. Dipartimento di Medicina Veterinaria. Master Universitario di II livello DAIRY PRODUCTION MEDICINE Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Medicina Veterinaria Master Universitario di II livello IN DAIRY PRODUCTION MEDICINE Regolamento didattico ART. 1 - ISTITUZIONE Ai sensi del vigente Regolamento

Dettagli

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI Razionale Occuparsi di nutrizione ai nostri giorni è il contributo maggiore che si può offrire alla comunità, perché è il metodo

Dettagli

Fulvio Salati. Fish Disease and Aquaculture Center, IZS of Sardinia, State Veterinary Institute, Oristano, Italy

Fulvio Salati. Fish Disease and Aquaculture Center, IZS of Sardinia, State Veterinary Institute, Oristano, Italy Sicurezza alimentare nei prodotti ittici Fulvio Salati Fish Disease and Aquaculture Center, IZS of Sardinia, State Veterinary Institute, Oristano, Italy Cagliari, 27 maggio 2016 Aspetti qualitativi di

Dettagli

FRANCESCA CATTANEO. Indirizzo : Via Galvani 1-54100 Massa (MS) Facoltà di Medicina Veterinaria. Votazione 103/110 Relatore Prof. P.

FRANCESCA CATTANEO. Indirizzo : Via Galvani 1-54100 Massa (MS) Facoltà di Medicina Veterinaria. Votazione 103/110 Relatore Prof. P. FRANCESCA CATTANEO INFORMAZIONI PERSONALI Nazionalità : italiana Indirizzo : Via Galvani 1-54100 Massa (MS) ISTRUZIONE 21/12/1990 Università degli Studi di Pisa Facoltà di Medicina Veterinaria Tesi di

Dettagli

Laurea in Medicina Veterinaria conseguita il 6.12.1973 presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell Università di Milano;

Laurea in Medicina Veterinaria conseguita il 6.12.1973 presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell Università di Milano; CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome FORMENTI Nome ANGELO Luogo e Data di nascita VIMERCATE 01/03/1949 Qualifica VETERINARIO UFFICIALE Amministrazione ASL PROVINCIA MONZA E BRIANZA Incarico

Dettagli