MANUALE DI ISTRUZIONI PER IL SET MINIMO DI SCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI ISTRUZIONI PER IL SET MINIMO DI SCALE"

Transcript

1 Progetto: Valutazione multidimensionale degli utenti inseriti nel progetto Teatro e salute mentale MANUALE DI ISTRUZIONI PER IL SET MINIMO DI SCALE Il progetto regionale Teatro e salute mentale è promosso dalla Regione Emilia Romagna (Assessorato alla Sanità, Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna) e dai Dipartimenti di Salute Mentale delle Aziende USL di Bologna, Reggio Emilia, Ferrara, Piacenza, Forlì, Cesena, Modena, Parma, Rimini e Imola. Il progetto è finanziato dalla Regione Emilia-Romagna (Assessorato alla Sanità) e realizzato dai Dipartimenti di Salute Mentale, dal Istituzione G.F. Minguzzi della Provincia di Bologna in collaborazione con Arte e Salute Onlus. Bologna, gennaio 2013

2 Indice Indicazioni generali per la somministrazione Obiettivo del progetto Linee guida generali... 5 Brief Psychiatric Rating Scale 4.0 (BPRS 4.0)... 6 Global Assessment of Functioning Scale (GAF)... 8 Disability Assessment Schedule-II (DAS-II)...10 Camberwell Assessment of Need 3.0 (CAN-C3.0)...12 EuroQol (EQ-5D)...14 La qualità dei Servizi nei Centri di Salute Mentale...16 Scala dell Empowerment (SESM)...17 Scheda paziente...18 Scheda terapia psicofarmacologica...19 Riferimenti bibliografici...20

3 Indicazioni generali per la somministrazione 1. Obiettivo del progetto Il presente progetto di valutazione contiene una triplice finalità: Determinare l impatto che la partecipazione alle attività teatrali proposte dal Servizio produce a distanza di tempo sul livello clinico, sull adeguatezza dei ruoli sociali, sulla qualità della vita e sull empowerment degli utenti inseriti all interno del Progetto teatro e salute mentale. L impatto sarà misurato mediante l uso di una batteria di strumenti già validati di valutazione multidimensionale e multiassiale; Fornire agli operatori di ciascun CSM coinvolto degli strumenti che permettano di raccogliere in maniera sistematica ed universale informazioni (che in modo informale dovrebbero essere già raccolte nella pratica di routine) che consentono di aumentare il livello di conoscenza dei propri pazienti e di pensare a una progettazione mirata con questi stessi. Si è scelto pertanto di introdurre, in aggiunta alla batteria di test per la valutazione del percorso teatrale, un intervista da eseguire solo nella valutazione iniziale che rilevasse i bisogni di cura degli utenti ed un questionario da compilare solo nella fase del follow-up che misurasse la soddisfazione degli utenti nei confronti del Servizio; si è optato inoltre di collocare la somministrazione della maggior parte degli strumenti all interno dei rispettivi CSM, coinvolgendo gli operatori chiave degli utenti, proprio per permettere al personale di appropriarsi di una metodologia di lavoro che possa col tempo semplificare le pratiche di conoscenza e di progettazione con i propri pazienti; Realizzare una valutazione di tipo multidimensionale (che considerasse diversi aspetti della vita dei pazienti) e multiassiale (che coinvolgesse nella valutazione i molteplici punti di vista degli attori implicati nella cura dell utenza: lo psichiatra/psicologo di riferimento, l infermiere/educatore di riferimento, il personale che segue la cura delle attività teatrali con l utenza e il paziente stesso). Il set di strumenti prescelti per le valutazioni è il seguente: la Brief Psychiatric Rating Scale 4.0 (BPRS 4.0; Overall & Gorham, 1962; Overall & Klett, 1972; Lukoff et al., 1986; Overall, 1988; Ventura et al., 1993) per la valutazione della psicopatologia; la Global Assessment of Functioning Scale (GAF; Endicott et al., 1976; APA, 1994) per il funzionamento globale; la sezione «Adeguatezza dei ruoli sociali» della Disability Assessment Schedule-II (DAS-II; WHO, 1985; 1988) per la disabilità nei ruoli sociali; la Camberwell Assessment of Need 3.0 (CANC3.0; Phelan et al., 1995): per la valutazione dei bisogni di cura; l EuroQol (EQ-5D; EuroQol Group s, 1990) per la qualità della vita percepita; La qualità dei Servizi nei Centri di Salute Mentale: per la soddisfazione dell utenza verso il Servizio; la Scala dell Empowerment (SESM; Rogers et al., 1997; Straticò & Degli Esposti, 2002) per la misura del livello di empowerment dell utenza. Inoltre per la raccolta di dati riguardanti i singoli utenti e il loro contesto di vita sono previste due schede costruite ad hoc: la Scheda Paziente per rilevare le caratteristiche socio-demografiche, cliniche ed assistenziali degli utenti; infine la Scheda Terapia Psicofarmacologica predisposta per registrare, all interno del piano terapeutico del paziente, la presenza-assenza di farmaci appartenenti a diversi gruppi terapeutici come uno degli aspetti del processo di cura. 3

4 In base agli obiettivi sopracitati, appare calzante la suddivisione degli strumenti da assegnare ai valutatori secondo il seguente schema: Valutatore Strumento BPRS 4.0 Psichiatra o psicologo di riferimento dell'utente Referente attività teatrale (in contatto con gli utenti nel corso delle attività: volontario, regista ) Infermiere/operatore di riferimento dell'utente GAF Scheda Terapia DAS-II Scheda Paziente DAS-II CAN-paziente CAN-staff Autosomministrata dall'utente (Operatore del servizio neutro/volontario in caso di necessità) EQ-5D La qualità dei Servizi nei Centri di Salute Mentale SESM 4

5 2. Linee guida generali Non tutti gli item prevedono una risposta a una domanda posta dal somministratore, ma possono basarsi sull osservazione del paziente o sull anamnesi. Pertanto, è prevedibile un tempo complessivo di somministrazione totale di circa 20 minuti per la sezione riguardante lo psichiatra/psicologo di riferimento; di circa 5 minuti la sezione riguardante il referente delle attività teatrali; di circa minuti la sezione riguardante l infermiere/educatore di riferimento; di minuti la sezione riguardante l autosomministrazione. La batteria di test composta da: BPRS-4.0, GAF, DAS-II, EQ-5D, SESM, Scheda terapia e Scheda paziente, va somministrata in entrambe le sessioni: 1. Prima rilevazione (febbraio marzo 2013) 2. Follow-up (settembre 2013) Lo strumento CAN-C3.0 va somministrato solamente nella prima sessione: 1. Prima rilevazione (febbraio marzo 2013) Lo strumento La qualità dei Servizi nei Centri di Salute Mentale va somministrato solamente nella seconda sessione: 3. Follow-up (settembre 2013) I partecipanti saranno tutti i pazienti che rispondo ai seguenti criteri: a. pazienti che siano in carico al Servizio Psichiatrico; b. pazienti per cui sia stato attivato il percorso riabilitativo teatrale; c. pazienti che diano il consenso a sottoporsi alla valutazione; d. pazienti non contraddistinti da grave deficit cognitivo. N.B.: Non è consentito lasciare parte dello strumento non compilata, onde evitare complicazioni al momento dell inserimento dati. Qualora non fosse possibile da parte dell operatore incaricato completare la compilazione dello strumento, l operatore è tenuto a portare a termine la compilazione appena possibile o se strettamente necessario a passare in consegna lo strumento a un altro operatore. 5

6 Brief Psychiatric Rating Scale 4.0 (BPRS 4.0) (Lukoff et al., 1986; Ventura et al., 1993) Nella sua versione più recente cosiddetta ampliata, è uno degli strumenti di valutazione psicopatologica più utilizzati sia negli Stati Uniti che in Europa per valutare l efficacia dei trattamenti psicofarmacologici (Roncone et al., 2000). È uno strumento eterosomministato pensato per adulti con disturbi psichiatrici ospedalizzati ed in particolare per persone con diagnosi di schizofrenia; può essere usato anche con soggetti non ricoverati, ma con disturbi gravi. Per la valutazione è necessaria un intervista di circa minuti, durante la quale il valutatore raccoglie le informazioni mediante un colloquio libero. La scala consiste di 24 item di cui 10 riguardano comportamenti osservati durante l intervista: Disorganizzazione concettuale; Appiattimento affettivo; Isolamento emotivo; Rallentamento motorio; Tensione motoria; Mancanza di cooperazione; Eccitamento; Distraibilità; Iperattività motoria; Manierismi e posture. I rimanenti 14 item riguardano contenuti emersi durante l intervista: Preoccupazioni somatiche; Ansia; Depressione; Rischio di suicidio; Sentimenti di colpa; Ostilità; Elevazione del tono dell umore; Grandiosità; Sospettosità; Allucinazioni; Contenuto insolito del pensiero; Comportamento bizzarro; Trascuratezza della cura di sé; Disorientamento. A ciascun item viene attribuito un punteggio su di una scala Likert a 7 punti (compresi tra 1 = sintomo assente e 7 = sintomo molto grave) corrispondenti a livelli crescenti di gravità. Nel caso in cui il valutatore non riuscisse ad attribuire nessun punteggio nella scheda di scoring viene registrato NV = non valutabile. Gli item coprono l intero spettro della psicopatologia, soffermandosi tuttavia con maggiore attenzione sui sintomi di tipo psicotico. Allo scopo di rendere più agevole l analisi dei dati, i 24 item della BPRS sono stati raggruppati in cinque dimensioni concettuali: 6

7 Sintomi ansioso-depressivi; Sintomi negativi; Sintomi positivi; Sintomi maniacali; Sintomi cognitivi. Va sottolineato che la somma dei punteggi dei singoli item fornisce un punteggio totale, che può essere ragionevolmente considerato come espressione della gravità del disturbo psichico. Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Somministrazione nella prima rilevazione (febbraio marzo 2013). 2. Follow-up (settembre 2013). Le persone incaricate di somministrare il presente strumento sono lo psichiatra/psicologo di riferimento del paziente. Questa scelta è stata effettuata considerando la necessità di competenze cliniche per la somministrazione della BPRS-4.0, nonché di una figura che conoscesse l utente. La compilazione dello strumento deve essere effettuata al termine del colloquio clinico, che dovrebbe essere considerato un occasione per fare il punto della situazione in cui si trova il paziente. In genere questa valutazione standardizzata richiede solo un incontro ed il tempo medio per la raccolta delle informazioni necessarie alla compilazione dello strumento è di circa minuti (tempo aggiuntivo rispetto alla durata di un colloquio clinico). 7

8 Global Assessment of Functioning Scale (GAF) (Endicott et al., 1976; APA, 1994) La scala valuta il funzionamento globale di un soggetto, nell ultimo mese, su un continuum che va dallo stato di grave disturbo mentale (indicato con il punteggio di 1) a quello di perfetta salute psicologica (indicato con il punteggio di 90). Nella versione adottata dal DSM-IV è stato aggiunto anche l intervallo che indica un funzionamento superiore alla norma. La scala è rappresentata da una linea suddivisa in 10 intervalli di gravità, ciascuno dei quali a sua volta è ulteriormente suddiviso in 10 punti. Dove necessario vanno applicati codici intermedi (es. 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, ). Le caratteristiche di ciascun intervallo di gravità sono definite con precisione: 0: Informazioni inadeguate. 1-10: Persistente pericolo di far del male in modo grave a se stesso o agli altri (es.: violenza ricorrente); oppure persistente incapacità di mantenere l'igiene personale minima; oppure grave gesto suicida con chiara aspettativa di morire : Qualche pericolo di fare del male a se stesso o agli altri (es.: tentativi di suicidio senza una chiara aspettativa di morire, frequentemente violento, eccitamento maniacale); oppure occasionalmente non riesce a mantenere l'igiene personale minima (es.: si sporca con le feci); oppure grossolana alterazione della comunicazione (es.: decisamente incoerente o mutacico) : Il comportamento è considerevolmente influenzato da deliri o allucinazioni; oppure grave alterazione della comunicazione o della capacità di giudizio (es.: talvolta incoerente, agisce in modo grossolanamente inappropriato, idee di suicidio); oppure incapacità di funzionare in quasi tutte le aree (es.: sta a letto tutto il giorno, non ha lavoro, casa o amici) : Alterazioni nel test di realtà o nella comunicazione (es.: il linguaggio è talvolta illogico, oscuro o non pertinente); oppure menomazione grave in alcune aree, quali il lavoro o la scuola, le relazioni familiari, la capacità di giudizio, il pensiero o l'umore : Sintomi gravi (es.: idee di suicidio, rituali ossessivi gravi, frequenti furti nei negozi); oppure qualsiasi grave alterazione nel funzionamento sociale, lavorativo o scolastico (es.: nessun amico, incapace di conservare un lavoro) : Sintomi moderati (es.: affettività appiattita e linguaggio circostanziato, occasionali attacchi di panico); oppure moderate difficoltà nel funzionamento sociale, lavorativo o scolastico (es.: pochi amici, conflitti con i compagni di lavoro) : Alcuni sintomi lievi (es.: umore depresso o insonnia lieve); oppure alcune difficoltà nel funzionamento sociale, lavorativo o scolastico (es.: alcune assenze ingiustificate da scuola, o furti in casa), ma in genere funziona abbastanza bene, ed ha alcune relazioni interpersonali significative : Se sono presenti sintomi, essi rappresentano reazioni transitorie e attendibili a stimoli psicosociali stressanti (es.: difficoltà a concentrarsi dopo una discussione familiare); lievissima alterazione del funzionamento sociale, occupazionale o scolastico (es.: rimane temporaneamente indietro nello studio) : Sintomi assenti o minimi (es.: ansia lieve prima di un esame), buon funzionamento in tutte le aree, interessato e coinvolto in un ampio spettro di attività, socialmente efficiente, in genere soddisfatto della vita, nessun problema o preoccupazione oltre a quelli della vita quotidiana (es.: discussioni con i membri della famiglia). 8

9 91-100: Funzionamento superiore alla norma in un ampio spettro di attività, i problemi della vita non sembrano mai sfuggire di mano, è ricercato dagli altri per le sue numerose qualità positive. Nessun sintomo. Tale strumento ha dimostrato una buona affidabilità e validità (Endicott et al., 1976; Dworkin et al., 1990; Jones et al., 1995). Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Somministrazione nella prima rilevazione (febbraio marzo 2013). 2. Follow-up (settembre 2013). Le persone incaricate di somministrare il presente strumento sono lo psichiatra/psicologo di riferimento del paziente. Questa scelta è stata effettuata considerando la necessità di competenze cliniche per la somministrazione della GAF, nonché di una figura che conoscesse l utente. La compilazione dello strumento deve essere effettuata al termine del colloquio clinico, che dovrebbe essere considerato un occasione per fare il punto della situazione in cui si trova il paziente. In genere questa valutazione standardizzata richiede solo un incontro ed il tempo medio per la raccolta delle informazioni necessarie alla compilazione dello strumento è di pochi minuti (tempo aggiuntivo rispetto alla durata di un colloquio clinico). 9

10 Disability Assessment Schedule-II (DAS-II) (WHO, 1985; 1988) La DAS-II è il più noto fra gli strumenti in grado di misurare la disabilità sociale in pazienti psichiatrici (Ruggeri et al., 2000); sviluppato sotto la guida della WHO (1985) con lo scopo di disporre di uno strumento semplice, applicabile in contesti culturali diversi, per la valutazione dell adattamento sociale e dei fattori che possono influenzarlo. Nel 1988 ne è stata messa a punto una versione aggiornata: DAS-II (WHO, 1985; 1988). La valutazione fa riferimento al mese precedente la somministrazione e deve essere compilata da personale medico o paramedico con una buona esperienza clinica, sulla base di informazioni raccolte sul comportamento del paziente dal paziente stesso o da un informatorechiave. Nella sua versione integrale, la DAS-II contiene cinque sezioni che contengono 61 item; in questo studio si propone di compilare solo la Sezione 2, relativa all «Adeguatezza nei ruoli sociali», che indaga la disabilità nello svolgimento dei ruoli sociali presenti in genere in tutte le culture. La sezione 2 è costituita da 10 item riguardanti: 2.1: partecipazione alle attività familiari; 2.2: ruolo di coniuge: relazioni affettive con il coniuge; 2.3: ruolo di coniuge: relazioni sessuali con il coniuge; 2.4: ruolo di genitore: interesse e cura dei figli; 2.5: ruolo sessuale: relazioni con persone diverse dal partner stabile; 2.6: contatti sociali: attriti nelle relazioni interpersonali al di fuori dell ambiente familiare; 2.7: ruolo lavorativo: attività lavorativa; 2.8: Ruolo lavorativo: interesse dimostrato nel trovare impiego o nel ritornare a lavorare o a studiare; 2.9: interessi e informazione; 2.10: comportamento del paziente nelle situazioni di emergenza o in situazioni non ordinarie. In questa sezione la disabilità del paziente viene classificata secondo un punteggio distribuito su una scala che va da 0 (nessuna disfunzione) a 5 (massima disfunzione). Possono inoltre essere assegnati i punteggi 8 (se le informazioni per rispondere alla domanda non sono disponibili) o 9 (se l item non è applicabile alla situazione del paziente in esame). Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Somministrazione nella prima rilevazione (febbraio marzo 2013). 2. Follow-up (settembre 2013). Le persone incaricate di somministrare il presente strumento sono l infermiere/educatore di riferimento del paziente. Questa scelta è stata effettuata considerando la necessità di una figura che conoscesse l utente. Nel caso in cui il paziente non fosse seguito da un infermiere o educatore, lo strumento viene compilato sempre dallo psichiatra/psicologo di riferimento. Si è scelto inoltre di incaricare anche un referente dell attività teatrale per la somministrazione della stessa intervista; una persona, che non deve necessariamente possedere una specifica qualifica (può anche essere un volontario a cui venga spiegato l uso dello strumento) ma che conosca gli utenti nel 10

11 setting specifico dell attività teatrale, in maniera da poter confrontare i diversi punti di vista di chi conosca il paziente al di fuori del contesto teatrale e di chi lo conosca al suo interno. Solo in questa circostanza alcuni item vanno riadattati all interno del contesto teatrale (ad es. l item 2.1, partecipazione alle attività familiari nell ultimo mese, indica in questo caso la partecipazione alle attività e ai processi decisionali all interno del setting teatrale). Anche in questo caso il valutatore risponderà a ciascun item, tenendo sempre presente la possibilità di rispondere 8 o 9 nelle circostanze in cui non abbia informazioni sufficienti per dare una risposta o gli item non siano applicabili per quel particolare utente. In entrambi i casi (DAS-II somministrata dall infermiere/educatore e DAS-II somministrata dal referente dell attività teatrale) si sceglie di non somministrare lo strumento al paziente ma di farlo compilare direttamente ed interamente al valutatore, al fine di cogliere al meglio i diversi punti di vista di queste due figure. La somministrazione della DAS-II richiede in media pochi minuti di tempo. 11

12 Camberwell Assessment of Need 3.0 (CAN-C3.0) (Phelan et al., 1995) La CAN è un intervista semistrutturata per la valutazione dei bisogni di cura dei soggetti con diagnosi psichiatrica in 22 aree che coprono la maggior parte dei bisogni dei pazienti psichiatrici. La caratteristica peculiare di questo strumento risiede nella valutazione dei bisogni, considerando sistematicamente sia il punto di vista dello staff sia quello degli stessi utenti, in una prospettiva definita negoziale. La valutazione fa riferimento al mese precedente l intervista. Le 22 aree di bisogno indagate sono le seguenti: Alloggio; Alimentazione; Cura della casa; Cura di sé; Attività quotidiane; Salute fisica; Sintomi psicotici; Informazioni; Disagio psicologico; Sicurezza personale; Sicurezza per gli altri; Abuso di alcool; Abuso di farmaci; Vita di relazione; Vita di coppia; Vita sessuale; Cura dei figli; Istruzione di base; Telefono; Trasporti; Denaro; Sussidi. Nella fase di analisi dei dati, i 22 singoli item vengono raggruppati in 5 dimensioni: Bisogni legati alla salute; Bisogni di base; Bisogni sociali; Bisogni legati ai servizi; Bisogni legati al funzionamento. La valutazione di ogni singola area è articolata in 4 sezioni; nel presente studio si richiede di compilare solamente la prima sezione: Sezione 1: indaga la presenza o meno di un bisogno nell area esaminata, attraverso l attribuzione di tre punteggi: 0 (nessun bisogno); 1 (presenza di bisogno moderato/soddisfatto); 2 (presenza di bisogno grave/insoddisfatto). 12

13 La CAN è stata sviluppata in due differenti versioni, una clinica (CAN-C), l altra per la ricerca (CAN-R), che tuttavia non differiscono tra loro in maniera sostanziale. L unica differenza infatti riguarda la quarta sezione dello strumento (che nel presente studio non viene analizzata). Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Somministrazione nella prima rilevazione (febbraio marzo 2013). Le persone incaricate di somministrare il presente strumento sono l infermiere/educatore di riferimento del paziente. Questa scelta è stata effettuata considerando la necessità di una figura che conoscesse l utente. Nel caso in cui il paziente non fosse seguito da un infermiere o educatore, lo strumento viene compilato sempre dallo psichiatra/psicologo di riferimento. L operatore di riferimento dell utente, nella sezione dello strumento a lui relativa, potrà o autosomministrarsi lo strumento o essere intervistato da un terzo operatore, successivamente dovrà somministrare interamente al paziente la sezione della CAN a questi dedicata. La compilazione delle due parti dello strumento può avvenire in tempi differenti, non devono essere necessariamente consecutive. Al termine del colloquio clinico in cui viene effettuata la compilazione degli strumenti somministrati dallo psichiatra/psicologo di riferimento, l operatore di riferimento può invitare il paziente a recarsi in un altro locale della struttura per effettuare la compilazione della CAN. Nel caso in cui non fosse possibile lo stesso giorno, si può concordare assieme un altra data o può essere contatto telefonicamente per prendere un appuntamento. In genere questa valutazione standardizzata richiede solo un incontro ed il tempo medio per la raccolta delle informazioni necessarie alla compilazione dello strumento è di circa 10 minuti. 13

14 EuroQol (EQ-5D) (EuroQol Group s, 1990) L EQ-5D è uno strumento standardizzato che consente di misurare la qualità della vita degli intervistati attraverso un questionario semplice e breve. Fin dalla sua introduzione nel 1990, grazie alla collaborazione di un gruppo di ricercatori Nord-Europei (Finlandia, Olanda, Regno Unito, Svezia), che hanno lavorato al progetto dell European Quality of Life, l EuroQol è stato utilizzato da un crescente numero di ricercatori, clinici, economisti. Il questionario è costituito da due parti: la prima comprende 5 item che si riferiscono agli aspetti di salute: Mobilità; Cura della propria persona; Attività abituali; Dolore o fastidio; Ansia o depressione. Per ogni item sono previsti tre livelli di risposta che indicano, per quell area, l assenza o la presenza di problemi moderati o gravi: 1= nessun problema; 2= moderato problema; 3= grave problema. I tre livelli di risposta, per ognuno dei cinque item, producono un massimo di 243 possibili descrizioni dello stato di salute e consentono di catturare l assenza o la presenza di eventuali problemi e la loro intensità (moderati o gravi). Si ricava un numero di cinque cifre che descrive lo stato di salute dell intervistato: ad esempio un EuroQol di descrive un individuo che non ha nessun problema deambulatorio, nella cura di sé e nelle attività abituali; l intervistato soffre di un leggero dolore o disagio ma si trova in uno stato di profonda depressione. Un EuroQol di descrive un individuo che non presenta alcun problema in tutte le cinque dimensioni. Esiste infine un apposito algoritmo che fornisce un punteggio sintetico di Qualità della Vita basandosi sull attribuzione di pesi per ciascuna risposta. La seconda parte del questionario è formata da una scala visuoanalogica rappresentata graficamente come un termometro graduato da 0 (stato di salute peggiore possibile) a 100 (stato di salute migliore possibile) e sulla quale l intervistato indica il livello percepito del proprio stato di salute generale (Visual Analogue Scale; VAS). Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Somministrazione nella prima rilevazione (febbraio marzo 2013). 2. Follow-up (settembre 2013). Il questionario viene autosomministrato dal paziente, ciononostante, nel momento della compilazione, deve essere presente un operatore-neutro con l incarico di assistere il paziente nella somministrazione. Si consiglia la presenza di un operatore che non conosca l utente per favorire la libera espressione di questo stesso. 14

15 Al termine del colloquio stesso in cui viene effettuata la compilazione degli strumenti somministrati dagli operatori di riferimento dell utente, l operatore può invitare il paziente a recarsi in un altro locale della struttura per effettuare la compilazione degli strumenti autosomministrabili. Nel caso in cui non fosse possibile lo stesso giorno, si può concordare assieme un altra data. Ogni qualvolta viene invitato un paziente a partecipare alla compilazione dei questionari, deve essere avvisato l operatore-neutro che si occupa dell assistenza alla somministrazione, comunicandogli le generalità del paziente. Questo permetterà all intervistatore di preparare l accoglienza al paziente. L utente può anche essere informato dall operatore-chiave che verrà contattato da un operatore del servizio per la compilazione dei test, qualora non fosse possibile eseguire la somministrazione dei questionari subito dopo il colloquio clinico. Il tempo richiesto per la compilazione dello strumento è di pochi minuti. 15

16 La qualità dei Servizi nei Centri di Salute Mentale Il presente questionario è stato ideato dall Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna con lo scopo di raccogliere le opinioni degli utenti sulla qualità dei Servizi nei Centri di Salute Mentale. Lo strumento è costituito da 24 item ed è suddiviso in 5 sezioni: Valutazione della struttura ed organizzazione del CSM; Valutazione degli operatori del Servizio; Valutazione delle cure ricevute; Valutazione della comunicazione ed interazione con il personale; Valutazione complessiva del CSM. Le prime 4 sezioni dello strumento sono caratterizzate da punteggi distribuiti su una scala Likert a sei punti: da 1 (non d accordo) a 6 (d accordo). La sezione 5 invece è costituita da due item: il primo misura la soddisfazione complessiva degli utenti attraverso un punteggio su scala che va da 1 (per nulla soddisfatto) a 10 (molto soddisfatto); il secondo è costituito da una domanda aperta che ha l obbiettivo di registrare eventuali suggerimenti per migliorare la qualità del Servizio. Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Follow-up (settembre 2013). Il questionario viene autosomministrato dal paziente, ciononostante, nel momento della compilazione, deve essere presente un operatore-neutro con l incarico di assistere il paziente nella somministrazione. Si consiglia la presenza di un operatore che non conosca l utente per favorire la libera espressione di questo stesso. Al termine del colloquio stesso in cui viene effettuata la compilazione degli strumenti somministrati dagli operatori di riferimento dell utente, l operatore può invitare il paziente a recarsi in un altro locale della struttura per effettuare la compilazione degli strumenti autosomministrabili. Nel caso in cui non fosse possibile lo stesso giorno, si può concordare assieme un altra data. Ogni qualvolta viene invitato un paziente a partecipare alla compilazione dei questionari, deve essere avvisato l operatore-neutro che si occupa dell assistenza alla somministrazione, comunicandogli le generalità del paziente. Questo permetterà all intervistatore di preparare l accoglienza al paziente. L utente può anche essere informato dall operatore-chiave che verrà contattato da un operatore del servizio per la compilazione dei test, qualora non fosse possibile eseguire la somministrazione dei questionari subito dopo il colloquio clinico. 16

17 Scala dell Empowerment (SESM) (Rogers et al., 1997) La Scala dell Empowerment è la versione italiana (Straticò & Degli Esposti, 2002) della Consumer Constructed Scale to Measure Empowerment among Users of Mental Health Services (SESM) (Rogers et al., 1997). È uno strumento per la valutazione multidimensionale della condizione di empowerment come obiettivo generale della presa in carico della persona con disturbi psichiatrici gravi. La versione italiana della SESM è composta da 28 item le cui risposte si articolano su di una scala tipo Likert a 4 punti, che va da 1 (molto d accordo) a 4 (molto in disaccordo). Nella fase di analisi dei dati, i 28 singoli item vengono raggruppati in 5 dimensioni: Autostima-autoefficacia; Capacitazione-incapacità; Attivismo nella comunità e autonomia; Ottimismo e controllo sul futuro; Rabbia giustificata. È inoltre possibile ricavare un punteggio finale complessivo dell empowerment. Lo strumento viene globalmente considerato di facile comprensione dai destinatari e si presta senza problemi ad essere somministrato per autocompilazione, individuale o collettiva (Straticò et al., 2007). Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Somministrazione nella prima rilevazione (febbraio marzo 2013). 2. Follow-up (settembre 2013). Il questionario viene autosomministrato dal paziente, ciononostante, nel momento della compilazione, deve essere presente un operatore-neutro con l incarico di assistere il paziente nella somministrazione. Si consiglia la presenza di un operatore che non conosca l utente per favorire la libera espressione di questo stesso. Al termine del colloquio stesso in cui viene effettuata la compilazione degli strumenti somministrati dagli operatori di riferimento dell utente, l operatore può invitare il paziente a recarsi in un altro locale della struttura per effettuare la compilazione degli strumenti autosomministrabili. Nel caso in cui non fosse possibile lo stesso giorno, si può concordare assieme un altra data. Ogni qualvolta viene invitato un paziente a partecipare alla compilazione dei questionari, deve essere avvisato l operatore-neutro che si occupa dell assistenza alla somministrazione, comunicandogli le generalità del paziente. Questo permetterà all intervistatore di preparare l accoglienza al paziente. L utente può anche essere informato dall operatore-chiave che verrà contattato da un operatore del servizio per la compilazione dei test, qualora non fosse possibile eseguire la somministrazione dei questionari subito dopo il colloquio clinico. Il tempo richiesto per la compilazione dello strumento è in media di 10 minuti. 17

18 Scheda paziente La scheda paziente è uno strumento costruito ad hoc con lo scopo di rilevare le principali caratteristiche socio-demografiche, cliniche ed assistenziali degli utenti. La scheda è suddivisa in 3 sezioni: Caratteristiche relative al progetto teatrale; Caratteristiche socio-demografiche del paziente; Caratteristiche cliniche del paziente. Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Somministrazione nella prima rilevazione (febbraio marzo 2013). 2. Follow-up (settembre 2013). Le persone incaricate di somministrare il presente strumento sono l infermiere/educatore di riferimento del paziente. Questa scelta è stata effettuata considerando la necessità di una figura che conoscesse l utente. Nel caso in cui il paziente non fosse seguito da un infermiere o educatore, lo strumento viene compilato sempre dallo psichiatra/psicologo di riferimento. La compilazione dello strumento non richiede la presenza del paziente. La somministrazione della Scheda paziente richiede in media pochi minuti di tempo. 18

19 Scheda terapia psicofarmacologica La Scheda terapia psicofarmacologica è uno strumento costruito ad hoc con lo scopo di registrare in maniera semplice e veloce il trattamento psicofarmacologico in atto per ogni paziente, come uno degli aspetti del processo terapeutico. Lo strumento rileva la presenza-assenza di farmaci di 5 diversi gruppi terapeutici: Antipsicotici (tipici/atipici); Stabilizzatori dell umore; Antidepressivi; Ansiolitici e ipnoinducenti; Altro. Per la somministrazione dello strumento nei differenti tempi del progetto, i somministratori devono basarsi sul seguente schema: 1. Somministrazione nella prima rilevazione (febbraio marzo 2013). 2. Follow-up (settembre 2013). Le persone incaricate di compilare il presente strumento sono lo psichiatra/psicologo di riferimento del paziente. Questa scelta è stata effettuata considerando la necessità di competenze clinichefarmacologiche per la compilazione della scheda. La rilevazione non richiede la presenza dell utente e necessita in media di pochi minuti di tempo. 19

20 Riferimenti bibliografici American Psychiatric Association (1994). DSM-IV. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 4th edition. APA: Washington D.C. Dworkin, R.J., Friedman, L.C., Telschow, R.L., Grant, K.D., Moffic, H.S. & Sloan, V.J. (1990). The longitudinal use of the Global Assessment Scale in multiple rater situations. Community Mental Health Journal, 26, Endicott, J., Spitzer, R.L., Fleiss, J.L. & Cohen, J. (1976). The Global Assessment Scale. A procedure for measuring overall severity of psychiatric disturbance. Archives of General Psychiatry, 33, EuroQoL Group (1990). EuroQol: a new facility for the measurement of health-related quality of life. Health Policy, 16, Jones, S.H., Thormicroft, G., Coffey, M. & Dunn, G. (1995). A brief mental health outcome scale. Reliability and validity of the Global Assessment of Functioning (GAF). British Journal Psychiatry, 166, Lukoff, D., Liberman, R.P. & Nuechterlein, K.H. (1986). Symptom monitoring in the rehabilitation of schizophrenic patients. Schizophrenia Bulletin, 12, Overall, J.E. & Gorham, D.R. (1962). The Brief Psychiatric Rating Scale. Psycological Report, 10, Overall, J.E. & Klett, C.J. (1972). Applied multivariance analysis. McGraw-Hill: New York. Overall, J.E. (1988). The Brief Psychiatric Rating Scale (BPRS): recent developments in ascertainment and scaling. Psycopharmacology Bulletin, 24, Phelan, M., Slade, M., Thornicroft, G., Dunn, G., Holloway, F., Wykes, T., Strathdee, G., Loftus, L., McCrone, P. & Hayward, P. (1995). The Camberwell Assessment of Need: the validity and reliability of an instrument to assess the need of people with severe mental illness. British Journal of Psychiatry, 167, Rogers, E.S., Chamberlin, J., Langer, Ellison, M. & Crean, T. (1997). A Consumer constructed Scale to measure empowerment among users of mental health services. Psychiatric Services, 48, Roncone, R., Morosini, P.L. & Casacchia, M. (2000). La Brief Psychiatric Rating Scale. In:Ruggeri, M. & Dall Agnola, R.B. Come Valutare l Esito nei Dipartimenti di Salute Mentale. Il Pensiero Scientifico Editore: Roma. Ruggeri, M. & Dall Agnola, R. (2000). Come Valutare l Esito nei Dipartimenti di Salute Mentale. Il Pensiero Scientifico Editore: Roma. 20

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

Valutazione psicodiagnostica

Valutazione psicodiagnostica Valutazione psicodiagnostica L importanza della diagnosi Per favorire la condivisione e la comunicazione tra professionisti (in ambito clinico e forense) Per dirigere e orientare il progetto di terapia

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale Dipartimento di Neuroscienze Direttore: Prof. Claudio Mencacci Corso di Porta Nuova 23, 20121 Milano Tel. 0263631 Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Disturbo Bipolare Che cos è il disturbo bipolare Il disturbo bipolare, anche conosciuto come malattia maniaco depressiva

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015 VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE Edizione 2015 Il training alle abilità sociali e l auto aiuto come strumenti di riabilitazione e inclusione sociale Dr.ssa Mariella Battipaglia Diagnosi

Dettagli

Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale

Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale Dipartimento Salute Mentale, Dipendenze Patologiche, Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza ASP PALERMO Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale 30 Ottobre 2014 as is 1) ELEVATA

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Psichiatria e Medicina di Base

Psichiatria e Medicina di Base Psichiatria e Medicina di Base Giulio Perugi Istituto G. de Lisio - Carrara Sono fermamente convinto che, per il bene della medicina generale, lo studio della psichiatria debba essere inclusa nella pratica

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 11 Indice. Piano strategico. Pag. 13 Farsi la diagnosi con gli Alberi Decisionali (Algoritmi). Pag. 15 12 Piano strategico. Alla luce di quanto esposto fino ad ora,

Dettagli

Allegato al N.P. 1BIS requisito SCHEDA DG RESIDENZA PSICHIATRICA. Casa Godio

Allegato al N.P. 1BIS requisito SCHEDA DG RESIDENZA PSICHIATRICA. Casa Godio Allegato al N.P. 1BIS requisito SCHEDA DG RESIDENZA PSICHIATRICA Casa Godio 1/14 SOMMARIO MODELLO METODOLOGICO 2 IL PROGETTO RIABILITATIVO 5 LE FASI DEL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIUALIZZATO 8 ELENCO

Dettagli

La malattia allo specchio

La malattia allo specchio SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda USL di Ferrara IL RUOLO DELLA PSICONCOLOGIA Maria Giulia Nanni Luigi Grassi Sezione di Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE DISTURBI AFFETTIVI Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) DIST. BIPOLARE DIST. 6% DEPRESSIVO 17% 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE 22.234 CON DISTURBO DEPRESSIVO PREVALENZA TRATTATA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

Centri regionali di riferimento

Centri regionali di riferimento Centri regionali di riferimento Emilia-Romagna BOLOGNA - AREA VASTA CENTRO - AUSL - in attesa di ricezione dati Centro Team HUB Disturbi dello Spettro Autismo Viale Pepoli 5-40100 Bologna Telefono: 051/6584164

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

EMERGENZE E URGENZE IN PSICHIATRIA

EMERGENZE E URGENZE IN PSICHIATRIA PSICHIATRIA E MEDICINA GENERALE EMERGENZE E URGENZE IN PSICHIATRIA FABRIZIO ASIOLI LE EMERGENZE PSICHIATRICHE: due caratteristiche peculiari quasi tutte le patologie psichiatriche sono quadri clinici a

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia

Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia Maria Bologna Dipartimento Salute Mentale-DP AUSL Reggio Emilia Corso di Formazione Gestione della depressione

Dettagli

Michele Procacci Antonino Carcione Michele Procacci, Antonino Carcione, Giuseppe Nicolò Terzo Centro Psicoterapia Cognitiva Roma Scuola di Psicoterapia Cognitiva (S.P.C.) procacci@terzocentro.it I CAMBIAMENTI

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA AUTISMO Il termine autismo identifica una disabilità permanente complessa, di natura neurobiologica, che si manifesta ed è identificabile nella prima infanzia sulla base di difficoltà di comunicazione,

Dettagli

Health Promoting Hospitals

Health Promoting Hospitals Health Promoting Hospitals La rete Aziendale degli ospedali per la promozione della salute e la salute degli operatori Daniele Tovoli, Patrizia Beltrami Gli standard HPH e il Sistema Qualità Bologna 27

Dettagli

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

Dettagli

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto AIFA Onlus /AIDAI Onlus A cura di: Consiglio Direttivo, AIFA Onlus Erica Menotti,

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

Psicoterapia. Che cos è? Quando è indicata? A chi serve? Da chi è offerta? www.psychologie.ch

Psicoterapia. Che cos è? Quando è indicata? A chi serve? Da chi è offerta? www.psychologie.ch Psicoterapia Che cos è? Quando è indicata? A chi serve? Da chi è offerta? www.psychologie.ch Föderation der Schweizer Psychologinnen und Psychologen FSP Fédération Suisse des Psychologues FSP Federazione

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti 9-10 Aprile Madonna di Campiglio La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore Loreta Zenatti La persona con dolore è la protagonista principale Che coinvolge tutti

Dettagli

LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA. Antonio Lora ed Emiliano Monzani

LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA. Antonio Lora ed Emiliano Monzani LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA Antonio Lora ed Emiliano Monzani Progetto di ricerca Valutazione della qualità e dell esito nei programmi di cura incarico conferito a Eupolis

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dati epidemiologici In Emilia-Romagna i tumori del colon-retto costituiscono la seconda causa

Dettagli

amadeelisabetta.sarzi@ospedaleniguarda.it

amadeelisabetta.sarzi@ospedaleniguarda.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ELISABETTA SARZI AMADÉ Indirizzo A.O. Ospedale Niguarda Ca Granda Piazza Ospedale Maggiore, 3 20162 Milano Telefono 02-6444-7416 02-6444-2371 E-mail

Dettagli

ABITARE LA VITA INDAGINE PRELIMINARE

ABITARE LA VITA INDAGINE PRELIMINARE ABITARE LA VITA INDAGINE PRELIMINARE Alessandro Lenzi, C. Di Vanni, S. Belli, A. Lombardi Dip. di Medicina Clinica e Sperimentale Pisa 21 febbraio 2013 SUPPORTED HOUSING DEFINIZIONE Abitazioni (SH) dove

Dettagli

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap L ICF è la classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute. La famiglia delle classificazioni internazionali dell OMS fornisce un modello di riferimento che consente di

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area Unità di Riabilitazione Gravi Disabilità dell Età Evolutiva Az.Osp. S.Maria Nuova Reggio Emilia Direttore prof. Adriano Ferrari In riabilitazione

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013)

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013) GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE (25 marzo 2013) Indice: Premessa 1. Le Strutture Residenziali Psichiatriche 2. Indicazioni sull assetto

Dettagli

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare ELENCO DELLE PRESTAZIONI DELLO PSICOLOGO AI FINI DI DETERMINARNE L ESENZIONE O MENO DALL I.V.A. (Testo aggiornato al 10/09/07 secondo la normativa fiscale: DPR 26 ott. 1972 n.633- art. 10 ; D.M. 21 gennaio

Dettagli

Società Italiana di Psicoterapia Integrata per lo Sviluppo Sociale 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master 10,30

Società Italiana di Psicoterapia Integrata per lo Sviluppo Sociale 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master 10,30 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master Obiettivi, modalità didattiche, progetti di ricerca-intervento. 10,30 Il disagio psico-sociale. Definizione, ricerche, statistiche, dati per comprendere

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO Perché e come gestire i conflitti nelle relazioni familiari. La PAS: Sindrome da alienazione parentale

GIORNATA DI STUDIO Perché e come gestire i conflitti nelle relazioni familiari. La PAS: Sindrome da alienazione parentale Dott. Massimo Camiolo Psicologo - Psicoterapeuta Via Lucano, 2-20135 MILANO Tel. 02.54.10.72.47 mcamiolo@tin.it ------------ Ordine degli Psicologi 03/1944 Iscritto Albo CTU - N. 9747 Tribunale di Milano

Dettagli

AIUTIAMO I BAMBINI S.O.S. PEDOFILIA

AIUTIAMO I BAMBINI S.O.S. PEDOFILIA Angela Pascale AIUTIAMO I BAMBINI S.O.S. PEDOFILIA 2011 Angela Pascale 2011 Ipertesto Edizioni, Verona www.iperedizioni.it - info@iperedizioni.it Tutti i diritti editoriali sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo

Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Viene di seguito riportata la proposta sviluppata dal Dipartimento Politiche Antidroga

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

WEB COUNSELING. una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi. Dr.ssa Maria Nobile

WEB COUNSELING. una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi. Dr.ssa Maria Nobile WEB COUNSELING una piattaforma informatica a supporto della rete dei servizi Dr.ssa Maria Nobile IRCCS E. Medea, Associazione La Nostra Famiglia, Bosisio Parini (LC) .una MEDICINA dalla PARTE DEL BAMBINO.

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A.

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. La depressione nell anziano Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. 2007/2008 1 La depressione nell anziano Definizione e forme cliniche

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Assessorato Politiche per la Salute PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E SESSUALITA SVOLTI DAGLI OPERATORI DEGLI SPAZI GIOVANI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A cura di Bruna

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

Associazione di Psicologia Cognitiva. Scuola di Psicoterapia Cognitiva S.r.l. Questionario sull efficacia della formazione in Psicoterapia Cognitiva

Associazione di Psicologia Cognitiva. Scuola di Psicoterapia Cognitiva S.r.l. Questionario sull efficacia della formazione in Psicoterapia Cognitiva Associazione di Psicologia Cognitiva Scuola di Psicoterapia Cognitiva S.r.l. Questionario sull efficacia della formazione in Psicoterapia Cognitiva Presentazione Stiamo raccogliendo dati sull'efficacia

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Seconda Università di Napoli Università di Salerno LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Dott.ssa Monica Siniscalchi Psicologa Psicoterapeuta IL CIBO SIMBOLO DELLA VITA L idea del cibo deriva da eventi che

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Lo Psicologo di Famiglia Comune di Carmignano di Brenta (PD) Referente del Città

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1.1. Verso una definizione della psicologia clinica Definire che cosa si intenda per psicologia clinica non è compito facile in quanto essa è una materia

Dettagli

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze (L'impatto della malattia mentale: menomazione, disfunzione,

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Psicologo/a. s.digi@me.com CURRICULUM FORMATIVO

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Psicologo/a. s.digi@me.com CURRICULUM FORMATIVO CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Psicologo/a Data e luogo di nascita Indirizzo studio DR.SSA SIMONA DI GIOVANNI 24/11/1970 ROMA VIA ENEA,77 00181 ROMA ITALIA Telefono Cell 329/6151577 E-mail s.digi@me.com

Dettagli