Copyright 2007 Meltemi editore srl, Roma ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright 2007 Meltemi editore srl, Roma ISBN 978-88-8353-546-8"

Transcript

1 Melusine 55

2 arte/critica d arte Copyright 2007 Meltemi editore srl, Roma ISBN È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata compresa la fotocopia, anche a uso interno o didattico, non autorizzata. Meltemi editore via Merulana, Roma tel fax

3 Angelo Capasso OPERE D ARTE A PAROLE Dialoghi sull arte contemporanea MELTEMI

4 Ogni incontro si fonda su un alchimia di fattori e di circostanze fortuite o programmate dietro cui la gentilezza di alcune persone, seppur rimaste nell ombra, resta un valore imprescindibile. Per questo motivo ringrazio: Achille Bonito Oliva, Franco Nucci, Dora Stiefelmeier, Mario Pieroni, Maria Stefanelli, Maria do Ceu Baptista, Pio Monti, Massimo Valsecchi, Massimo Mininni, Norberto Ruggeri, Giuliana Picarelli, Flaminia Alvin, Paola Scremin, Carolina Olcese, Elisabetta Facco, Siriana Sgavicchia, Marta Massaioli, Alessandra Bonomo, Valentina Bonomo, Marilena Bonomo, Franco Nucci, Giuseppe Carlone, Simona Marchini, Enrica Petrarulo, Rosa Foschi, Giuliana Setari, John Paul Delaney, Beppe Morra, Orsola Morgera, Anna Santicchi, Carla Berioli, Bonnie Marranca, Marcia Vetrocq, Ileana Florescu e Stefano Vittori.

5 Indice p. 7 Introduzione L opera d arte e le parole 25 Jimmie Durham 33 Luigi Ontani 51 Jorge Molder 61 Enzo Cucchi 69 Thorsten Kirchhoff 75 Yang Jiechang 81 Wang Du 89 Avish Khebrehzadeh 95 Wim Wenders 101 Dennis Oppenheim 115 H. H. Lim 121 Lou Reed

6 127 Alberto Di Fabio 131 Jannis Kounellis 139 Roman Signer 145 Marc Quinn 153 Luca Patella 165 Rebecca Horn 173 Kendell Geers 183 Gilbert & George 195 Georgina Starr 203 Maurizio Cattelan 211 Urs Lüthi 215 Fabio Mauri 227 Michele Zaza

7 Introduzione L opera d arte e le parole Nella sua rappresentazione scritta ogni dialogo si trasforma in un canovaccio di scena. La parola orale, sedimentandosi nella scrittura, si scioglie dal suo senso olistico, da quella vita spuria che la circonda quando viene pronunciata impulsi, sensazioni, percezioni per incarnarsi poi in un oggetto letterario, in una progressione di voci che si alternano rispettosamente e che vanno a occupare lo spazio di una conversazione lineare. La comunicazione verbale, come ha sottolineato Roman Jakobson (1963), è una rete di funzioni che entrano in atto simultaneamente e agiscono in modo complementare rispetto agli esiti del dialogo. Il dialogo risponde a una grammatica di sguardi, di movimenti, di accenti sonori, di pause e silenzi, di interferenze, cui la rappresentazione scritta può solo accennare. Nel dialogo la parola è voce, ovvero suono, senso, significato. L opera d arte e le parole 7 La tecnologia digitale ripropone la voce come elemento sostanziale della parola, anche in relazione alla sua versione scritta. Alcune proprietà della parola orale, quali l impalpabilità aerea, la mobilità, la reversibilità, fanno della scrittura digitale (quella liquida o ibrida di internet, degli sms, delle ) una scrittura mobile che non si sedimenta nel calco d inchiostro ma resta potenzialmente in azione, vivida e vitale, mantenendo in atto l ambito dialogico originario da cui prende le mosse e che assume forma temporanea e mobile condividendo con la voce la sua temporaneità e reversibilità. Questa nuova oralità digitale propo-

8 Angelo Capasso Opere d arte a parole 8 ne la voce come essenza dell esercizio critico, e il dialogo come espressione del confronto scoperto tra posizioni diverse. È la strategia ingaggiata da Platone quando, nei Dialoghi, scompare dietro a Socrate e ai personaggi via via messi in scena, quasi come un attore che si cela dietro maschere diverse. Si tratta, in quel caso, di un esperimento fondante per la filosofia e di un esempio per la critica, perché la sede del confronto relativo a questioni teoriche che sono al di fuori del quotidiano è il theatrum mundi, la condizione umana nella sua rappresentazione simbolica. La scrittura di Platone è consapevole dell esistenza di pensieri che si oggettivano sotto forma di voci e di sguardi diversi, complementari, alternativi, antagonistici. Questo dibattito di voci interne è ciò che sostanzia la critica d arte, che, partendo da un oggetto pre-esistente l antefatto-artefatto agisce come movente della scrittura. Scrivere d arte significa dare corpo a una visione che nasce dall incontro. L opera d arte (pittura, video, installazione, scultura, fotografia) è un ingombro fisico che s interpone nello spazio visivo e nel luogo, che staziona malgré nous a differenza del teatro, del cinema, o di una lettura di poesie, ogni mostra ha, infatti, una durata che si dilata nel tempo, e che per questo si propone come domanda assoluta, come indagine sul mondo rispetto alla quale ogni risposta è, per certi versi, un surplus conclusivo non necessario con cui l ampiezza del suo portato conoscitivo si vaporizza. L arte, dopo la lezione delle prime avanguardie, si è fatta portavoce di una domanda autoriflessiva sul proprio statuto formale e ontologico proiettando ogni questione generale sul dettaglio di ricerche fenomenologiche legate alla natura del fare arte. Cosa è l arte?. O forse: in che modo è l arte?. Il dialogo interiore proprio dell esercizio critico tiene ben salde queste questioni entro le proprie riflessioni. Scrivere d arte implica affrontare il paradosso della comunicazione tra due linguaggi l immagine e la parola, tra due poli lontani che viaggiano lungo canali differenti. La stratificazione della scrittura per l arte, quindi, oltre ad avere le caratteristiche proprie della parola scritta (la polisemia, l indeterminatezza, la componente simbolica, metaforica e metonimica), deve anche fare i conti con l esistenza di un antefatto, perché nasce sull onda pro-

9 dotta da un sommovimento visivo che ha origine nell opera e a cui lega un nuovo gesto creativo, quello della scrittura. Secondo un principio di reciproca integrazione, quel gesto, nella scrittura critica, contiene in sé l ingombro vaporoso dell immagine che cerca di tradursi in parole 1. L opera parla tacendo. Produce un onda automatica che la critica cavalca rischiando di spegnerne la forza propulsiva. È proprio l oralità, come ambito indistinto tra senso e forma, a tenere in vita la percezione nata dall incontro. La nuova onda di oralità digitale rafforza l esigenza di spogliare l esercizio critico da formalismi e da canoni di comodo per condurre la scrittura alla sua maggiore possibilità di approssimazione alla voce, ovvero a un più stretto contatto con il mondo eidetico dell opera, con il suo nucleo primario: mentre con la scrittura l interpretazione critica è a valle del testo, in oralità coincide con esso (Portelli 1992). La voce è l esempio puro di koinè: originalità e riconoscibilità dell interpretazione, espressione polisemica in cui il circuito mentale e la sensazione, nati dall incontro con l opera, sono ancora fusi come origine dell idea critica. La tecnologia digitale propone oggi un nuovo orizzonte con cui si mette in discussione la lettura alfabetizzata dell arte, quella che s impone sull opera con l autorità del logos allo stesso modo dell alfabetizzazione forzata che gli imperi coloniali imposero a certe culture orali provocando la distruzione delle loro memorie trasmesse a voce. La critica che si esercita attraverso la voce oltrepassa i limiti della scrittura/censimento (secondo quanto afferma il re egiziano Thamus nel Fedro di Platone, essa impianterà la dimenticanza ), ha come conseguenza un omologazione e una sclerotizzazione dei significanti; mentre l oralità, intesa come scrittura mobile, come esperienza precaria tesa a mantenere intatta l indeterminatezza dell opera, vive in una contemporaneità/simultaneità reale e non presunta con l opera e produce un apertura vera verso la sua alterità. Ogni dialogo è, quindi, la rappresentazione formale del senso performativo insito nella critica d arte. L incontro con l artista è un immersione nel mistero dell opera d arte. È un immersione ri- L opera d arte e le parole 9

10 Angelo Capasso Opere d arte a parole 10 tuale che fa della parola uno strumento salvifico alternativo al silenzio, alla morte. Nel dialogo con l artista il sapere dell arte diviene metaforico per definizione, come insegna la psicanalisi: là dove vi sono cose inconoscibili, imprescrutabili e oscene, sottratte dunque, in linea di diritto, a ogni possibilità di rappresentazione, le parole intervengono a colmare il vuoto (Moroncini 2005, p. 37). Le parole intervengono a colmare lo spazio che una coperta mobile e ben tessuta, ma su una dimensione autonoma, lascia parzialmente allo scoperto. Le parole rappresentano, quindi, il canale privilegiato per una scoperta mai definitiva, sempre in atto, dell esperienza conoscitiva fugace e temporanea che chiede all interpretazione di non cristallizzarsi per consentire nuove aperture e nuovi dialoghi. La libertà dell arte si pone come esempio di un esercizio libero della creazione che non si può ricondurre all interno di un analisi lineare. Ciò è quanto dimostra Gillo Dorfles nel suo studio sulla critica, quando affronta la questione di una possibile applicazione degli studi strutturalisti alla pittura come tentativo perso in partenza di identificare le particelle discrete (equiparabili a fonemi, monemi) di un quadro con le unità minime di significato: questo tentativo si scontra con la realtà della pittura dove una piccola sezione può risultare molto più omogenea dell intero dipinto (Dorfles 1976, pp ). Come sezionare quindi un dialogo, che, come un quadro informale, è un campo di forze permanentemente in atto? Un dialogo con l artista lo è ancor di più, in quanto lo scambio nasce da un interrogatorio in cui l artista vive l imbarazzo di dover dichiarare quanto in realtà non può chiarire o chiarirsi. Del resto, cosa è possibile aggiungere su quanto parla da sé? Vale, e si conferma, quell affermazione di Francis Bacon che suona come un manifesto della condizione irredimibilmente visiva dell arte: If you can speak about it, why paint it?. In seconda battuta, nell interpretazione, le posizioni dell artista e del suo interlocutore, il critico, si equivalgono, partono da una base comune. Entrambi parlano le parole davanti a un immagine. È impossibile avvalorare un dialogo prescindendo dal principio democratico secondo cui l arte è uguale per tutti : l artista davanti alla sua opera conferma la pro-

11 pria fallibilità umana, cioè la condizione sostanziale dell interpretazione. Nel dialogo, il vuoto è sempre in agguato, e l opera, come la Sfinge, parla sulla base di enigmi che l artista sente come parte della propria biologia creativa. L opera parla attraverso l artista e si manifesta in una trama verbale fatta di dati storici: mostre, eventi, pubblicazioni, aneddoti, scoperte, teorie, storie personali, cronaca e storie del mondo sociale. Tutti questi sono indizi che preludono a una possibilità d identificazione della natura dell opera d arte. L interlocutore ha lo scopo di dilatare il campo attraverso il proprio esercizio del dubbio. Questo aspetto proprio del dialogo d arte si congiunge con l ascensione orale della critica d arte. L origine della critica d arte si fa risalire a Giorgio Vasari con la sua raccolta Le vite de più eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani, da Cimabue insino a tempi nostri (Firenze, 1550). Nell introduzione, Vasari chiarisce di non volersi limitare a elencare gli artisti e le loro opere, bensì di voler investigare, per conto del lettore, il corso degli eventi attraverso la scrittura, e di voler intendere la storia come lo specchio della vita umana. In altre parole Vasari sottolinea l esigenza di mantenere nella scrittura anche gli aspetti extra-artistici legati alla vita dell artista e ciò che, prima delle moderne interviste, apparteneva alla trasmissione orale (cfr. Capasso 2000; 2003). L opera del Vasari conclude, quindi, la storia orale dell arte e fa partire la storia dell arte per iscritto che si articola seguendo un percorso lineare. La libertà narrativa, la dialogicità esterna al testo scritto, è rimasta però la condizione principale per poter comprendere appieno l arte nei suoi risvolti più immediati, ovvero per avvicinarvisi direttamente partendo dalla voce di chi dovrebbe essere il portatore (sano) del suo messaggio, cioè dalla voce dell artista. Ogni dialogo con l artista acquista la complessità eccellente di uno scontro tra linguaggi che non riescono a risolversi in un sistema binario di comunicazione. Gli artisti, come evidenzia David Sylvester (2003) nei ripetuti incontri con Francis Bacon, accolgono ogni domanda come un colpo di cui tentano di vaporizzare la profondità esplorativa; si pongono al centro dei dubbi come fotocellule che guardano a tutto tondo l ampiezza L opera d arte e le parole 11

12 Angelo Capasso Opere d arte a parole 12 del quesito per poter decidere le strategie di difesa: rispondere o sottrarsi alla questione. Come una farfalla caduta sulla carta moschicida, l artista sa che la traccia che può lasciare potrebbe rimanere indelebile ed entrare direttamente nel dialogo, in quanto l opera mostra ma non si rivela. Ogni esposizione o mostra, di per sé, è già un dialogo con il pubblico: questo atto sociale dovrebbe/potrebbe essere sufficiente a esaurire lo scambio. Il più grande stratega di conversazioni sull arte, in questo senso, è Marcel Duchamp, non per i suoi numerosi dialoghi o conferenze, ma per aver identificato nel gioco degli scacchi la soluzione totale alternativa al dialogo retorico. Gli scacchi sono un gioco che impone silenzio, raccoglimento delle energie psichiche, attenzione verso i movimenti (le mosse) altrui, si fonda su posizioni di attacco, risposte repentine e sospensioni al limite dello stallo, su strategie di lungo corso e piccole tattiche temporanee. Così pure ogni dialogo segna delle condizioni, fonde e scambia i ruoli di seduttore e sedotto attorno a una serie di mosse culturali. Il fascino del dialogo tra artista e critico sta in quel reciproco desiderio di muoversi sul vuoto, raccogliendo ogni dubbio, lasciando spazio all empasse. L intervista giornalistica parte da uno scambio convenzionale basato sul rispetto di un codice prestabilito (edipico) secondo cui l artista è in alto, presso la sua opera, mentre l interlucutore cronachista si pone al suo cospetto in devozione totale. Nel dialogo, invece, l artista cerca con il critico una relazione alla pari, pur sempre nella consapevolezza di stare a trattare le ombre come cosa salda e di parlare di una genesi che la/lo riguarda direttamente per quei cromosomi che l opera con lei/lui condivide. Ma la critica, che è l arte o la scienza del distinguere, seziona, scinde e, conseguentemente, favorisce il distacco definitivo dal cordone ombelicale dell opera la critica distacca l opera dalla sua nascita androgina e si nutre del suo liquido semiotico. Questo prestarsi del corpo critico al corpus dell opera intende sanare un evento che è irreversibile, ovvero la coscienza che l orrore è già avvenuto (come ha scritto Martin Heidegger): l o-

13 pera c è e pone quesiti, enigmi alle due figure, al critico come testimone, all artista come primo indagato. Come tale, quest ultimo è reticente, riluttante a fornire indizi certi, riottoso nel fornire spiegazioni, nella consapevolezza che l arte gli fornisce un alibi di ferro di fronte a ogni tentativo di ridurre il lavoro dell immagine a un lavoro di parola. Proprio perché la pienezza dell opera è nella vita, e in questa congiunzione tra il sé dell artista e il sé (ipotetico) dell opera, egli è il primo a essere sotto scacco: l artista è consapevole che la sua biologia non gli consentirà di seguire fino in fondo il viaggio che l opera attraverserà nel tempo. Quindi, una dichiarazione sullo statuto della sua arte s impone come necessaria per indicare almeno una direzione di senso e per evitare il buio e l oscurità eterna della morte reciproca 2. È quindi inevitabile verificare diversi comportamenti da parte degli artisti nei confronti del dialogo aperto: scetticismo, diffidenza, timidezza, ironia sono i sintomi più naturali prodotti dagli anticorpi che il corpus dell opera produce. Se produttivo, il dialogo riesce nel miracolo di toccare l opera a distanza attraverso la voce di chi l ha prodotta. La natura del lavoro dell artista, a volte, propone questi anticorpi naturalmente. È molto diverso dialogare con un artista concettuale, con un pittore neoespressionista, con un performer o con un rocker. Anche se la distinzione degli ambiti è certamente poco pertinente a un principio unico, risolutivo e assoluto dell essere artista, il dialogo, in quanto strumento che dettaglia le qualità, pone in rilievo gli ambiti operativi e di interesse degli artisti, non solo secondo la regola del modus operandi (su cui spesso gli artisti preferiscono attardarsi), ma anche sul modo di intendere la parola, facendola diventare comportamento, azione, e trasformando il dialogo in linguaggio d arte. Il maggior accento posto dagli artisti delle ultime generazioni su aspetti dichiarativi dell opera li spinge a una necessità ossessiva di essere parte della comunicazione. Molto diverso è, invece, il comportamento degli artisti delle generazioni che appartengono all epoca delle seconde avanguardie, ovvero di coloro che hanno attraversato l arte come forma totale: in quel caso la distanza tra L opera d arte e le parole 13

14 critico e artista colma aspetti che somigliano all opera stessa perché il vuoto si propone, allo stesso modo del vuoto ontologico del fare artistico, come una pagina bianca sulla quale agire. I modi diversi di intendere l arte, quindi, producono differenze soprattutto nella tipologia del dialogo (oltre che nei suoi contenuti), proponendo anche elementi performativi, ovvero operazioni in cui l artista sottolinea il suo permanere all interno del proprio mondo. Angelo Capasso Opere d arte a parole 14 Il filosofo inglese John Langshaw Austin, in un testo del 1962, How to Do Things with Words, indicava una strada performativa dell esercizio critico parlando di filosofia. L esercizio della filosofia tramite la scrittura è per Austin immersione rituale nella scrittura 3. La scrittura performativa mette al centro del discorso il corpo come strumento che vive l attraversamento dell incontro con l opera e mantiene in vita il linguaggio perlocutorio dell arte, cioè prosegue l onda di un sapere fatto di immagini a cui presta una voce sensibile per ogni interferenza e indeterminatezza, per ogni dubbio o certezza, per affermazione, assunzione e percezione, per smarrimento e fallimento. Il fallimento è il mondo dell artista 4, dichiara S. Beckett in un testo critico dedicato a Bram van Velde: il fallimento è quel rischio, o meglio, quella benedizione, che consente all arte la sua apertura di connotati per divenire il teatro aperto all interno del quale la parola resta fedele all immagine, mai in modo univoco, ma come centro di uno spazio interpretativo che incrocia direttrici spazio-temporali variabili. L esercizio della scrittura per l arte ha carattere performativo in quanto è ridefinizione continua dell io alla luce dell arte, identificazione di un centro nello sguardo critico incarnato in I/eye, io/occhio: questa omofonia della lingua inglese sottolinea il punto di assorbimento di una conflazione di significati che si propagano dall opera e di cui il critico è parte, per cui, secondo un assunto di Merleau- Ponty (1964, p. 19), il mondo è fatto della medesima stoffa del corpo. Nel dialogo, l artista, come Dante, torna sui propri luoghi richiamandosi ai sensi e alle immagini, lasciandosi condurre da un Virgilio che però conosce solo la mappa generale del viaggio e che indica la strada attraverso un percorso di riconoscimenti raccolti tra le parole del suo deuteragonista. [...]

15 Gilbert & George Angelo Capasso Nella recente mostra ad Atene 1 ci sono delle opere molto particolari su un tema di scottante attualità Gilbert Abbiamo esposto principalmente dei Monumental Pieces, opere di grandi dimensioni, circa sei per venticinque metri ciascuna. La mostra di Atene riguarda quanto è successo l 11 settembre a New York con la semplice differenza che quei lavori sono stati fatti tre mesi prima. AC Si tratta di una premonizione quindi, come è possibile che sapevate già cosa sarebbe successo a New York l 11 settembre? George Perché negli ultimi trent anni, o più, abbiamo vissuto, creduto, pensato e sentito qualcosa che abbiamo detto agli amici, e alla gente, ma nessuno ha mai compreso profondamente. Noi abitiamo in una strada che ha da un capo una chiesa, dall altro una moschea abbiamo sempre avuto questa sensazione Gilbert Ogni giorno vediamo adesivi con scritte come: Lo sai che il mondo occidentale predica l omosessualità?, Il denaro dei bianchi non è pulito, oppure: Le nostre donne devono vestirsi in questo modo e altre cose contro il mondo occidentale. Quando ci sono state le elezioni, nel maggio scorso, abbiamo visto questi adesivi straordinari con su scritto: Non votare, devi accettare solo la legge coranica altrimenti finirai all inferno per sempre, Ti sono promesse settanta vergini. Gilbert & George 183 AC Mi sembra di capire che l East End sia cambiato radicalmente dal vostro arrivo lì nel Ho visto che Jay Joplin ha aperto una nuova galleria, la White Cube 2?

16 George Questi sono i cambiamenti più recenti. Abbiamo sempre detto che la nostra casa si trova tra una chiesa, da un capo della strada, e una moschea, dall altro, ma negli ultimi anni ci sono stati altri tipi di cambiamento. Molti artisti si sono trasferiti lì. Quindi abbiamo avuto un tragitto diverso per la cena Oggi, intorno a noi vivono molti artisti: attualmente più di diecimila artisti vivono nell East End di Londra. Gilbert Alcuni dei più famosi guardano proprio dentro casa nostra. Quando vai al bagno a pisciare, trovi Jake and Dino Chapman che ti guardano... George Sull altro lato poi c è Tracey Emin, poi Chris Ofili, dall altra parte Rachel Whiteread, dall altra Mona Hatoum... Angelo Capasso Opere d arte a parole 184 AC Siete circondati! Cosa succedeva invece alla fine degli anni Sessanta quando vi siete trasferiti lì? George Normalmente andavamo nel West End per divertirci. Ogni volta che prendevamo un taxi e chiedevamo di tornare a Fournier Street i tassisti diventavano particolarmente sospettosi e ci chiedevano: perché volete andare lì?, che intenzioni avete?. AC Siete venuti a Milano per la mostra di Christopher Dresser 2. Si tratta di un esposizione composta in gran parte dagli oggetti della vostra collezione privata. Cosa vi ha spinto a diventare dei collezionisti affezionati del lavoro di Christopher Dresser? Gilbert Tutto è iniziato perché trent anni fa abbiamo smesso di andare al cinema! Chiaramente dovevamo divertirci in qualche modo: quindi abbiamo cominciato a guardare le vetrine dei negozi E poi avevamo anche una casa vuota: nel 1973 abbiamo comprato una casa a Fournier Street e l abbiamo restaurata da noi. Poi abbiamo comprato una casa a Spitafields George Abbiamo cominciato a collezionare delle cose che consideravamo molto vicine a noi. Eravamo convinti che Christopher Dresser fosse stato completamente male interpretato. La gente che veniva a trovarci a casa ci chiedeva non avete dei Lalique? 3, non aveva mai sentito parlare di Christopher Dresser, né di Pugin 4 Gilbert Nella seconda metà dell Ottocento, Pugin si è fatto portavoce di un cambiamento nell architettura moderna basato sulla moralità, teso a cambiare il mondo secondo un principio basilare: design con significato 5.

17 George Forma con significato 6 è anche il nostro interesse: a noi interessa il significato. È il motivo per cui abbiamo smesso di fare i lavori in carboncino: normalmente quello che veniva apprezzato era il lavoro con il carboncino o la carta di per sé; a noi interessa il significato dell opera. Questi designer erano interessati al loro messaggio. Gilbert Quando abbiamo cominciato a collezionare gli oggetti di Christopher Dresser, si trattava di un designer poco conosciuto, di conseguenza potevamo permetterci di comprare qualsiasi cosa. Eravamo così affascinati dalle sue incisioni vittoriane dell epoca della rivoluzione industriale e dai suoi oggetti funzionali. Negli anni di Dresser, con la nascita dei grandi macchinari, era diventato possibile riprodurre gli oggetti in più copie. George Si trattava di una nuova idea sociale dell arte. Noi abbiamo sempre detto di non ritenerci socialisti, ma di avere un idea sociale dell arte. C è molta differenza tra le due cose. William Morris 7, invece, era completamente all opposto: era a favore di un arte artigianale. Dresser era stato il primo a dichiararsi contro l artigianato, non credeva nelle cose fatte a mano, credeva nella produzione su ampia scala. È un idea sociale dell arte che significa: se realizzi il disegno di un vaso, puoi riprodurlo in tante copie in paesi diversi, e ognuno può avere una sua bellezza esclusiva. Gilbert Mentre Morris guardava al passato, ai preraffaelliti, Dresser ha viaggiato molto: è stato in Sud America, in Giappone, in Grecia, in Egitto, Marocco, per questo era in grado di abbracciare tutte queste differenti culture e da queste ha creato delle forme moderne, talmente moderne che se le metti su un tavolo e le osservi sembrano fatte un anno fa. AC Trovate somiglianze con la vostra arte anche su un piano stilistico? George Non credo. Gilbert Non credo. George L unica somiglianza con noi è che ci riteniamo male interpretati, come lui. Gilbert Sentiamo che non riusciamo a far vedere le cose come stanno veramente. Il mondo moderno non è più in grado di guardare. George Lo scarto che esiste tra il pubblico e la professione di qualcuno come Christopher Dresser è pari a quello che c è tra noi e il pubblico. Gilbert & George 185

18 AC Come riferimenti culturali dell Ottocento inglese, ho trovato spesso delle vostre citazioni da Oscar Wilde Gilbert Non spesso... AC Ho nominato Oscar Wilde per parlare degli aspetti letterari del vostro lavoro: i testi e gli aforismi che avete scritto in più di un occasione. Esiste anche un libro con dei vostri scritti e interviste: The Words of Gilbert & George. Ritenete che la scrittura sia un elemento sostanziale del vostro lavoro, al pari delle performance? George Veramente noi nemmeno usiamo il termine performance. Anzi siamo tendenzialmente contro quel termine Angelo Capasso Opere d arte a parole 186 AC Allora forse il termine scolpire, come per scultura vivente, è più adatto a voi? Gilbert Neanche più quel termine veramente. Noi chiamiamo le nostre opere immagini, noi facciamo immagini, le nostre immagini sono parti di un discorso. Noi preferiamo considerarci dei campaigning artists, prendendo un termine che proviene dalla politica. AC Come vi siete trovati ad Atene, che normalmente consideriamo la terra della scultura classica? George Penso che per la prima volta ci siamo identificati fisicamente in una realtà di cui siamo parte, una cultura antica Vedi, abitiamo in un appartamento che dà sul Truman Brewery Complex 8 A volte ci ritroviamo a contemplare quell edificio per un ora, o forse di più. Se la vista da casa nostra aprisse su una fantastica cattedrale gotica non ci troveremmo la sera a guardarla per un ora... Gilbert andremmo a visitarla. George l ammireremmo. Non credi? Gilbert È molto democratico guardarla Noi ci consideriamo democratici perché non abbiamo un dio. Ci piacciono le divinità greche, perché ce ne sono molte Non sopportiamo l idea di un unico dio onnipotente che detta legge su quello che dobbiamo fare ogni giorno. È quello che capita con l Islam. In Occidente, dai tempi del Rinascimento, siamo riusciti a liberarci del nostro Dio grazie agli artisti, ai filosofi, agli scrittori. Con l Islam questo non è successo Lì le parole sono scolpite nel granito. AC To be with Art is all we ask 9 è già un manifesto a favore dell arte, come religione ecumenica

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA appunti sul convegno tenutosi a Milano, Università degli studi Bicocca, il 17 e 18 ottobre 2003 venerdì 17 Intervento di Gianni Canova,

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro Luigi Casa Monica Vincenzi Finalmente Beatrice Un viaggio nella Divina Commedia Prefazione di Alberto Bermolen e Maria Grazia Dal Porto Introduzione

Dettagli

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso*

«La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Tredimensioni 3(2006) 321-326 LETTO PER VOI «La donna spazio di salvezza. Missione della donna nella chiesa, una prospettiva antropologica» di Maria Teresa Porcile Santiso* Anna Deodato ** «V orrei che

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Regole di buona scrittura

Regole di buona scrittura Regole di buona scrittura Cosa serve sapere prima di scrivere Questo documento non è completo né esaustivo riguardo i temi trattati e non contiene delle regole definitive ma solo dei punti cardine da cui

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA ITALIANO ASCOLTO E PARLATO partecipa a scambi comunicativi rispettando il turno e formulando messaggi chiari e pertinenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H Modellizzazione e sperimentazione dei nuovi piani di studio fortemente ancorati all obiettivo del rafforzamento della qualità dei percorsi di formazione/apprendimento

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H Modellizzazione e sperimentazione dei nuovi piani di studio fortemente ancorati all obiettivo del rafforzamento della qualità dei percorsi di formazione/apprendimento

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

Istituto corsaro. Curricolo verticale

Istituto corsaro. Curricolo verticale Istituto corsaro Curricolo verticale d Istituto Curricolo verticale Anno scolastico 2015/2016 IL CURRICOLO è la sintesi delle condizioni pedagogiche, organizzative e didattiche che consentono di realizzare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

Dizionario dell IMPRO-VIDEO

Dizionario dell IMPRO-VIDEO paolo magaudda paomag@gmail.com www.paomag.net Dizionario dell IMPRO-VIDEO Ad uso del workshop di improvvisazione video live AV-INPUT Festival Rotte, San Cassiano Agosto 2004 L elaborazione delle immagini

Dettagli

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete

Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Bloggiornalismo. Dal web publishing alle comunità di blog per la classe in rete Giulia Caminada Professoressa di Materie Letterarie Scuola Media G. Segantini di Asso giulia.caminada@tiscali.it - www.bloggiornalismo.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO Per definizione implicito è ciò che viene comunicato, senza venir asserito esplicitamente. La maggior parte della nostra comunicazione si basa su processi e contenuti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI RONCADE via Vivaldi 24-31056 Roncade (TV) PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE Traguardi di sviluppo delle competenze relative

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

Il bicchiere dalle labbra rosse

Il bicchiere dalle labbra rosse AIAC Associazione Italiana Architettura e Critica Il bicchiere dalle labbra rosse Aldo Del Bono Il bicchiere dalle labbra rosse Aldo Del Bono Collana Le mostre di Interno14 Coordinatore scientifico Luigi

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Raffaello Giovagnoli Via Ticino 72 00015 Monterotondo (RM) Tel. 069068053 Fax 0690629007

Dettagli

Arte e Immagine. Ed. Civica/Ed. alla Cittadinanza

Arte e Immagine. Ed. Civica/Ed. alla Cittadinanza Arte e Immagine Elaborare creativamente produzioni personali e autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni; rappresentare e comunicare la realtà percepita. Trasformare immagini e materiali ricercando

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare A. opera applicando un metodo di lavoro efficace,

Dettagli

FARE SCIENZA A SCUOLA

FARE SCIENZA A SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/16 PROGETTO DI RICERCA AZIONE (Sviluppo del pensiero scientifico) FARE SCIENZA A SCUOLA NOI LA LUCE E LE OMBRE NELLO SPAZIO E NEL TEMPO

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo PRAGMATICA COMUNICAZIONE UMANA 1 Pragmatica della comunicazione umana Semiologia: Pragmatica (effetti

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO IL GIROTONDO DELL AMICIZIA Insieme è.più bello!! I.C. Gramsci Camponogara Autrici: Artusi Paola, Santin Martina 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IL GIROTONDO DELL AMICIZIA

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Gipsoteca Libero Andreotti

Gipsoteca Libero Andreotti Gipsoteca Libero Andreotti OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 Le scuole nella Gipsoteca La Gipsoteca nelle scuole I PERCORSI DIDATTICI RITRATTI IMPOSSIBILI / 3 anni --------------------------------------------------

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA

APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA DECOLLO: Partire da una canzone che gli alunni conoscono (ascoltarla, farla canticchiare da loro, trovare

Dettagli