Strumenti di classificazione e valutazione in riabilitazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti di classificazione e valutazione in riabilitazione"

Transcript

1 M. Vittoria Meraviglia Strumenti di classificazione e valutazione in riabilitazione Vineland

2 Qualità di vita Concetto multidimensionale Livello di abilità e di sviluppo raggiunto Numero e qualità di relazioni interpersonali Adeguatezza del luogo di vita Possibilità di partecipazione sociale Benessere fisico QdV e soddisfazione personale Controllo sulle proprie decisioni Grado di restrittività degli ambienti di vita QdV e abilità Daily living skills Community living skills

3 Le Vineland Adaptive Behavior Scales Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano l autonomia personale e la responsabilità sociale delle persone dalla nascita fino all et età adulta. Le scale sono utilizzabili con soggetti normodotati o con disabilità. Non richiedono la diretta somministrazione delle prove al soggetto in esame, ma la compilazione assieme a una persona che lo conosca in modo approfondito. Le scale Vineland in particolare non misurano l intero l insieme di abilità adattive,, ma permettono la rilevazione delle quattro dimensioni che ogni scala di comportamento adattivo dovrebbe rilevare: Comunicazione, Abilità quotidiane, Socializzazione e Abilità motorie.

4 La Vineland: versioni e misure Versioni 1. Intervista - Forma breve 2. Intervista - Forma completa (versione italiana) 3. Versione per la scuola Le 3 versioni differiscono nel numero di item e di materiali e nel metodo di somministrazione. Misure Ogni versione misura i livelli di sviluppo, da 0 a 18 anni del comportamento adattivo in 4 scale: 1.Comunicazione, 2.Abilit Abilità quotidiane, 3.Socializzazione e 4.Abilit Abilità motorie

5 Tabella 1: Contenuto degli item della Vineland Comunicazione Ricezione Espressione Scrittura Abilità quotidiane Personale Domestico Comunità Socializzazione Relazioni interpersonali Gioco e tempo libero Regole sociali Abilità motorie Grossolane Fini Scala composta Contenuto degli item Ciò che il soggetto comprende Ciò che il soggetto dice Ciò che il soggetto legge e scrive Come il soggetto mangia, si veste e cura l igiene l personale Quali lavori domestici il soggetto compie Come il soggetto usa tempo, denaro, telefono e proprie capacita lavorative ve Come il soggetto interagisce con gli altri Come il soggetto gioca e impiega il tempo libero Come il soggetto manifesta senso di responsabilità e sensibilità verso gli altri Come il soggetto usa braccia e gambe per il movimento e la coordinazione Come il soggetto usa mani e dita per manipolare oggetti Scala composta dalle scale comunicazione, abilità quotidiane, socializzazione e abilità motorie

6 La Vineland: la Forma completa Forma completa di 540 item Consente una valutazione analitica del comportamento adattivo tale da consentire la preparazione di programmi individuali educativi o riabilitativi. Si somministra tramite un intervista semistrutturata a un genitore o a un responsabile di un soggetto di età compresa tra 0 e i 18 anni e 11 mesi o di un adulto con disabilità. Il tempo di somministrazione per la Forma completa è normalmente compreso fra i 60 e i 90 minuti. La Forma completa comprende: un questionario e un protocollo per il conteggio.

7 La Vineland: : Applicazioni in campo educativo Applicazioni Pianificazione di programmi educativi e riabilitativi In anni recenti è stata posta maggiore enfasi sullo sviluppo di programmi educativi o riabilitativi con obiettivi rilevanti per le necessità di un individuo. Molti pongono l accento l sulle abilità necessarie ad essere sufficienti in ambito personale e sociale, abilità valutate dalle Vineland. La Forma completa indica i punti di forza e di debolezza in specifiche aree del comportamento adattivo: queste informazioni possono essere utilizzate per selezionare il tipo di programma più adatto per l individuo, l per esplicitare le attività da enfatizzare nel programma, per monitorare i progressi durante tale programma e per valutarne l esito finale.

8 La Vineland: : Requisiti dell intervistatore Requisiti dell intervistatore La compilazione e l attribuzione l del punteggio devono essere realizzate da uno psicologo, un operatore sociale o da altro professionista con formazione ed esperienza nella valutazione individuale e nell interpretazione dei test. Formazione del professionista inerente lo sviluppo dei comportamenti umani e la loro misurazione conoscenze sui soggetti con disabilità addestrato alle tecniche di intervista e avere esperienza di compilazione e interpretazione di scale di comportamento adattivo. Requisiti specifici la conoscenza degli item delle Vineland e dei criteri di attribuzione del punteggio e adeguate doti personali,, quali un atteggiamento professionale gradevole e incoraggiante e la capacità di mettere a proprio agio l interlocutore.

9 La Vineland: : Caratteristiche dell intervistato Caratteristiche dell intervistato La persona che risponde all intervista deve essere l adulto che meglio conosce il comportamento del soggetto da valutare. Se la persona da valutare vive in famiglia la persona più appropriata a rispondere è il genitore o un nonno se è lui ad occuparsi del soggetto. Se la persona da valutare non vive in famiglia ma in istituti residenziali l individuo da intervistare sarà il responsabile che meglio conosce il soggetto. Dovrebbe esserci un solo intervistato Quando mancano conoscenze sufficienti delle attività del soggetto in tutte le scale, può essere necessario ricorrere a più persone deputate a rispondere.

10 La Vineland: : Materiali Materiali necessari per condurre l intervista l Appendice A del manuale riguardante i criteri di attribuzione del punteggio agli item, il questionario, Il questionario consta di 540 item ed è così composto: un frontespizio per annotare le informazioni sul soggetto, sull intervistato e sull intervistatore, 14 pagine relative alle 4 scale.» I punteggi agli item devono essere segnati nella colonna del punteggio alla destra degli stessi.» A conclusione di ogni subscala si possono indicare i commenti dell intervistatore. il protocollo per il conteggio e diverse matite appuntite.

11 La Vineland: : Scale, subscale e Item target Item della Forma completa All interno delle scale gli item sono organizzati in subscale (slide 46); ogni subscala è raggruppata in cluster costituiti da 2 a 8 item elencati in ordine evolutivo, ovverosia, in modo da rappresentare e le abilità sequenziali richieste per padroneggiare il più alto livello o item target di ogni cluster. Questa disposizione degli item permette di individuare le attività specifiche da insegnare in sequenza evolutiva per sviluppare l abilità target. L item target A di Prime forme di comprensione precede l item l target B di Prime forme di ascolto.. Questo perché l abilità o il comportamento relativi all item target di Prime forme di ascolto si manifesta più tardi nello sviluppo. RICEZIONE A. Prime forme di comprensione B. Prime forme di ascolto cluster 1. Gira occhi e capo in direzione di un suono 2. Alza le braccia quando chi si occupa di lui dice vieni qui o su 3. Mostra di comprendere il significato di no 4. Mostra di comprendere il significato di almeno dieci parole 5. Mostra di comprendere il significato di ssss 6. Mostra di comprendere il significato di sì o va bene Item target cluster 1. Ascolta almeno per un attimo quando chi si occupa di lui gli parla 2. Ascolta attentamente le istruzioni 3. Ascolta una storia per almeno cinque minuti Prof. Stefano Federici 11

12 La Vineland: : Preparativi per la compilazione Preparativi per la compilazione Per preparare l intervista l con la Forma completa, l intervistatore l deve: 1. compilare il frontespizio del questionario (slide( 54); 2. determinare il punto di partenza per ciascuna delle subscale secondo l età cronologica, mentale o sociale del soggetto; 3. segnare il punto di partenza per la data età in ogni subscala; 4. esaminare tutti gli item e i criteri di attribuzione del punteggio che devono essere utilizzati nell intervista (Appendice A). Compilazione del frontespizio del questionario È necessario indicare il nome,, il sesso,, la data dell intervista intervista,, la data di nascita e l età cronologica del soggetto. Allo stesso modo, sono da indicare l etl età utilizzata come punto di partenza e la classificazione di tale età (cronologica, mentale o sociale) Calcolo dell et età cronologica Per calcolare l etl età cronologica, si devono sottrarre, nell ordine, i giorni, mesi e anni della data di nascita del soggetto dai giorni, i, mesi e anni in cui si realizza l intervista l Vineland (slide 55).

13 Figura 1: Esempio di Frontespizio del questionario compilato Prof. Stefano Federici 13

14 Figura 2: Calcolo dell et età giorno Data intervista 19 Data di nascita 12 mese anno Età cronologica giorno mese anno Data intervista Data di nascita 12 Età cronologica giorno Data intervista Data di nascita 22 Età cronologica 27 mese anno Prof. Stefano Federici 14

15 La Vineland: : Punti di partenza e procedure dell intervista Determinazione dei punti di partenza Per i soggetti senza disabilità: è in genere basato sull et età cronologica, eventualmente arrotondata per difetto. Ad esempio, per i soggetti di età compresa fra i 5 e i 5 anni, 11 mesi e 30 giorni, si dovrebbe utilizzare il punto di partenza relativo all et età di 5 anni. Per i soggetti con disabilità: si basa su una stima dell et età mentale o sociale del soggetto. Procedure di intervista L intervistatore dovrebbe completare la compilazione in una sola seduta di circa minuti. Nondimeno, se necessario, questi deve essere flessibile e disponibile ad organizzare una seconda seduta in modo da non penalizzare il grado di accuratezza a favore di un economia di tempi.

16 La Vineland: : Impostazione del rapporto Impostazione del rapporto Per una valutazione accurata e valida, è essenziale impostare un buon rapporto con l intervistato.. Alcune tecniche di base per stabilire e mantenere un buon rapporto sono: 1.adattare la tecnica dell intervista alla persona che risponde; 2.mantenere un appropriato contatto visivo; 3.quando opportuno, fare riferimento all intervistato e al soggetto in esame chiamandoli per nome: 4.essere realmente entusiasti,, di sostegno e non giudicanti per tutto il corso dell intervista.

17 La Vineland: : Presentazione dell Intervista Presentazione delle Vineland all intervistato Lo scopo della Vineland è rilevare in modo descrittivo ciò che il soggetto fa per avere cura della propria persona e stare insieme agli altri e non ciò che l intervistato l o altri fanno per lui.. Questo implica una discussione sulla responsabilità sociale e sullo sviluppo dell autonomia del soggetto. L intervistatore L dovrebbe fare notare che: 1. non esistono risposte giuste o sbagliate 2. le persone compiono attività diverse in età diverse 3. l attenzione è posta non su ciò che il soggetto può fare ma su ciò che egli fa. Enfasi primaria dovrebbe essere posta sul fatto di rilevare se una u data attività è praticata di solito o abitualmente. Se non è praticata in modo consueto o abituale, accade che venga realizzata ata qualche volta, o in modo parziale, o niente affatto? Il comportamento o l attivitl attività erano compiuti in precedenza, ma al momento sono in eccesso o non sono più praticati per qualche ragione? Incoraggiate la persona a sentirsi libera di fare domande in ogni i fase dell intervista. Infine descrivete brevemente ogni scala come segue:

18 Esempio di presentazione dell Intervista Vineland «Oggi parleremo di quattro aree generali. La prima riguarda la comunicazione, ovvero come [pronunciate il nome del soggetto in esame] parla e comprende gli altri [e, se è il caso, legge e scrive]. Un altra area ha a che fare con le abilità pratiche necessarie alla cura della propria persona. Le chiamiamo abilità quotidiane. La terza area comprende le abilità che le persone devono avere per stare insieme agli altri, così come per le attività di gioco e l impiego l del tempo libero. Queste sono dette abilità di socializzazione. L ultima area che discuteremo ha a che fare con abilità fisiche fondamentali. Le chiamiamo abilità motorie»

19 La Vineland: : Linee guida generali 1/2 6 linee guida generali 1. Gli item delle Vineland sono concepiti per misurare ciò che il soggetto fa di solito o abitualmente, non ciò che può fare. Determinate se il soggetto di solito o abitualmente compie l attivitl attività descritta da un item e assegnate un punteggio conforme a quanto emerge (si apponga una nota nella sezione Commenti del questionario se il soggetto può realizzare un attivit attività ma di fatto non la pratica). 2. Non leggete in nessun caso gli item all intervistato e non permettetegli mai di leggerli. Iniziate con domande generali seguite da approfondimenti ulteriori, ri, quando necessario, per trarre informazioni più specifiche riguardo alle attività del soggetto. 3. Somministrate le subscale della Forma completa nell ordine presentato nel questionario: Ricezione, Espressione, Scrittura; Personale, Domestico, Comunità; Relazioni interpersonali, Gioco e tempo libero, Regole sociali; Grossolane e Fini. Si completi ogni subscala prima di passare alla successiva.

20 La Vineland: : Linee guida generali 2/2 4. Vi siano noti gli item pertinenti ad un dato argomento e formulate domande e approfondimenti in grado di coprire tutti quanti tali item (Tabella 2). 2 Ad esempio, formulate quesiti atti a coprire i 12 item relativi al telefono dei 2 cluster della subscala Comunità.. Dato che i cluster all interno di una subscala contengono item tra loro in relazione, essi possono configurare un quadro logico sulla base del quale sollevare domande generali. 5. Conducete l intervista per almeno 5 minuti prima di iniziare ad attribuire punteggi. Questo aiuta a stabilizzare il rapporto, a impostare il tono colloquiale loquiale dell intervista e a ridurre al minimo l attenzione l sui punteggi e lo scoring. Ugualmente importante, questo approccio consente all intervistatore di ricavare un impressione clinica sia della persona che risponde che del soggetto da esaminare. 6. Chiedete all intervistato di fornire esempi sulle abilità specifiche che il soggetto dimostra o no. Se, ad esempio, l interlocutore l ha citato le parole utilizzate dal soggetto in esame nel corso di una recente conversazione, supponiamo una conversazione tenuta il giorno stesso a colazione, potete fare riferimento all esempio dato per ottenere chiarimenti utili ad attribuire il punteggio ad altri item ( Mentre( stava descrivendo la conversazione avvenuta a colazione... ).

21 Scala e subscale COMUNICAZIONE Ricezione Espressione Categoria Comprensione del linguaggio verbale Ascolto e attenzione Esecuzione di istruzioni Espressioni pre-linguistiche Prime forme di linguaggio Linguaggio interattivo Uso di concetti astratti Cluster A. Prime forme di comprensione C. Indicare le parti del corpo B. Prime forme di ascolto E. Ascoltare e prestare attenzione D. Seguire istruzioni A. Prime forme di espressione affettiva B. Suoni pre-linguistici C. Espressione pre-linguistica non verbale D. Prime forme di linguaggio E. Vocabolario F. linguaggio con frasi G. Uso dei nomi propri H. Formulazione di domande J. Raccontare le proprie esperienze N. Recitazione P. Fornire informazioni riguardo a sés L. Uso di concetti astratti

22 Scala e subscale COMUNICAZIONE Espressione Scrittura ABILITÀ QUOTIDIANE Personale Categoria Competente linguistiche Espressione di idee complesse Prime forme di scrittura Competenze nella lettura Competenze nella scrittura Mangiare e bere Uso della toilette Cluster K. Uso di preposizioni L. Uso di parole funzione-connettivi M. Articolazione O. Uso dei plurali e dei tempi dei verbi Q. Esprimere idee complesse A. Riconoscimento di lettere e di parole B. Prime forme di lettura E. Uso di materiali di lettura F. Lettura di libri. giornali e riviste C. Prime forme di scrittura D. Scrittura in stampatello e in corsivo G. Scrittura di lettere e temi A. Mangiare E. Bere M. Usare le posate D. Toilet training H. Andare al gabinetto

23 Scala e subscale ABILITÀ QUOTIDIANE Personale Vestirsi Lavarsi Categoria Cura della persona Cura della salute B. Togliersi i vestiti Cluster ]. Chiudersi bottoni, cerniere e ganci K. Mettersi le scarpe N. Vestirsi O. Indossare vestiti appropriati al clima C. Farsi il bagno con aiuto G. Lavarsi mani e faccia L. Farsi il bagno senza aiuto F. Lavarsi i denti L. Curarsi il naso Q. Cura dei propri capelli R. Cura delle proprie unghie P. Prime forme di cura della propria salute S. Cura della propria salute

24 Scala e subscale ABILITÀ QUOTIDIANE Domestico Comunità Categoria Gestione della casa Attività in cucina Cura dei vestiti Prudenza e sicurezza Uso del telefono Cluster A. Prime forme di pulizia della casa B. Riordino delle proprie cose D. Utilizzo di utensili G. Uso di attrezzatura e di prodotti per pulire la casa H. Farsi il letto L Pulizie della casa ]. Riparazioni e manutenzioni della casa C. Prime forme di preparazione del cibo E. Pulizia e preparazione della tavola F. Uso di accessori da cucina K. Cucinare L. Cura dei propri vestiti M. Cucire A. Regole di sicurezza in casa C. Regole di sicurezza in strada B. Prime forme di uso del telefono ]. Uso del telefono

25 Scala e subscale ABILITÀ QUOTIDIANE Domestico SOCIALIZZAZIONE Relazioni interpersonali Categoria Uso del denaro Orientamento temporale Orientamento sinistra-destra Abilità al ristorante Abilità al lavoro Riconoscimento degli altri Espressione e riconoscimento delle espressioni Cluster D. Riconoscimento del denaro L Uso del denaro K. Risparmio di denaro L. Guadagno di denaro M. Pianificazione delle spese O. Amministrazione del denaro G. Orientamento temporale: giorni. mesi e anni H. Orientamento temporale: ore e minuti E. Orientamento sinistra-destra F. Abilità al ristorante N. Abilità al lavoro A. Prime forme di reazione a persone C. Riconoscimento di persone familiari B. Espressione delle emozioni E. Riconoscimento delle emozioni

26 Scala e subscale SOCIALIZZAZIONE Relazioni interpersonali Gioco e tempo libero Imitazione Categoria Comunicazione sociale Amicizie Ricorrenze e anniversari Appartenenza a gruppi Relazioni di coppia Gioco Condivisione e cooperazione Cluster D. Imitazione di frasi e movimenti F. Identificazione delle persone G. Prime forme di comunicazione sociale ]. Comunicazione sociale K. Interazioni cooperative H. Amicizie I. Fare regali L. Appartenenza a gruppi M. Appuntamenti A. Gioco con giocattoli B. Interesse verso l ambientel C. Gioco con altre persone D. Attività immaginativa H. Partecipare a giochi E. Condivisione e cooperazione G. Seguire le regole nel gioco

27 Scala e subscale SOCIALIZZAZIONE Gioco e tempo libero Regole sociali Uso del televisore e della radio Categoria Hobby e sport Uscita con amici Buone maniere Competenze nel rispettare le rgole Scusarsi Mantenere segreti Controllo degli impulsi Responsabilità F. Guardare la televisione Cluster L. Uso di radio e di televisione per intrattenimento e informazione ]. Hobby K. Attività extra-scolastiche L Uscire con amici M. Uscire da solo con amici B. Prime forme di cortesia C. Buona educazione nella conversazione G. Buona educazione a tavola A. Rispetto delle regole D. Gestione responsabile del proprio tempo L. Scusarsi F. Mantenere segreti o confidenze E. Sensibilità verso gli altri H. Controllo dei propri impulsi ]. Prendere a prestito e restituire K. Fissare e rispettare i propri appuntamenti

28 Scala e subscale ABILITÀ MOTORIE Grossolane Fini Stare seduto Categoria Camminare e correre Attività motorie di gioco Manipolazione degli oggetti Disegnare e usare forbici A. Stare seduto Cluster B. Prime forme di movimento C. Camminare D. Correre F. Uso delle scale E. Saltare G. Arrampicarsi H. Saltellare L. Lanciare e afferrare la palla ]. Guidare triciclo e bicicletta A. Uso di entrambe le mani B. Raccogliere oggetti e fare costruzioni C. Completare puzzle E. Aprire cassetti e porte D. Disegnare F. Uso delle forbici

29 Conduzione dell intervista Conduzione dell intervista Leggete gli item vicini al punto di partenza per determinare un area appropriata da indagare con una domanda generale, del tipo «Cosa fa Giacomo a scuola riguardo a lettura e scrittura?» Non è necessario iniziare l approfondimento l con il primo item del cluster di partenza. Una strategia efficace è quella di iniziare con una domanda che potrebbe dar luogo a più risposte piuttosto che con un quesito relativo ad uno specifico item. Ad esempio, se il cluster di partenza comprende l iteml «Indica quale di due oggetti non presenti alla vista è più grande» L intervistatore potrebbe dire: «Mi dica cosa sa Sandra riguardo alla dimensione degli oggetti». Se, invece, l intervistatore l dicesse: «Mi parli della pronuncia e del linguaggio di Sandra», ciò produrrebbe informazioni relative ad un certo numero di item attinenti al linguaggio. Di fatto, l informazione l sulle conoscenze di Sandra riguardo alla dimensione degli oggetti potrebbe venire fuori spontaneamente dalla discussione sul suo sviluppo della pronuncia e del linguaggio.

30 A quali item può essere attribuito,, e a quali item no,, un punteggio sulla base delle informazioni contenute nella risposta ad una domanda generale. Ad esempio, se l intervistatore l dice: «Mi parli delle parole che utilizza Gianni»,, l interlocutore l può rispondere: «Oh, parla in modo fluente. Riesco a stento a stargli al passo. Il suo vocabolario è troppo ampio da quantificare a questo punto davvero, il suo vocabolario è tanto vasto quanto quello di mio figlio di 10 anni». L intervistatore viene così a sapere che Gianni di solito o abitualmente «Dice almeno 50 parole riconoscibili» e «Dice almeno 100 parole riconoscibili». L intervistatore non può, tuttavia, dedurre se Giovanni «Articola chiaramente senza alcuna sostituzione di suono» o «Usa i plurali irregolari». Se la risposta non indica chiaramente se l individuo l realizza l attività descritta da un particolare item, o se l intervistato l ha impressioni vaghe su ciò che il soggetto fa, si deve continuare con gli approfondimenti,, ricorrendo a domande più specifiche. In alcuni casi, chiedere all interlocutore di fare esempi di abilità specifiche consentirà di determinare il punteggio. Ad esempio, si potrebbe dire: «Mi faccia qualche esempio di ciò che Gianni fa per aiutare in casa sa».

31 Estratto da un intervista I: «Come si comporta Claudia a tavola?» «Deve migliorare.» l: «Cosa desidererebbe che migliorasse? Mi faccia un esempio.» «Masticare a bocca chiusa.» l: «E E riguardo ad altre cose. come ad esempio usare il tovagliolo?» «Si, usa il tovagliolo, se c èc è:: tuttavia, non si alza per prenderlo, se manca.» l: «Bene. Cosa fa Claudia quando desidera che le venga passato del cibo c a tavola?» «Oh... stiamo lavorando proprio su questo. Qualche volta lo prende e da sola, altre volte lo chiede. Però devo ricordarle di dire per piacere.» l: «Come gestisce la rabbia? Esplode a volte?» «Sì,, qualche volta. L altro L giorno voleva che Luigi desse da mangiare al cane: io le ho detto che lui non poteva e lei è andata al piano di sopra e ha dato calci al muro. Non lo faceva da molto tempo.» l: «Allora capita?» «Sì,, una volta ogni tanto. Comincia ad alzare la voce sempre di più. È così difficile quando si ha un bambino piccolo, perché vorresti gridare a tua volta ma non si può andare in giro urlando.» I: «Se non ottiene ciò che vuole, come reagisce?» «Diventa matta, grida di solito va in camera sua.» l: «Se Lei critica qualcosa che Claudia fa, come reagisce?» «Se la prende con me, ma sta facendo progressi.» I: «Va bene. Ora mi dica in che modo Claudia prende una decisione. Ragiona R prima sulle cose?» «Di solito è piuttosto impulsiva. Le dico sempre: Rifletti prima di agire,, ma lei non lo fa. Si butta nelle cose e qualche volta si mette nei guai.»

32 Determinazione della soglia base Dopo aver ottenuto tutte le informazioni necessarie per attribuire un punteggio agli item relativi all area area generale indagata, si proceda con gli altri item al di sotto o al di sopra del punto di partenza fino a quando si determina la soglia base della subscala. Dopo l identificazione l della soglia base, si proceda con le domande generali, area per area, fino alla somministrazione di tutti gli item della subscala.

33 Procedure di scoring Procedure di scoring L intervistatore deve acquisire familiarità con ogni item e con i criteri per l attribuzione l del punteggio come indicati nell Appendice A del manuale. I criteri per l attribuzione l del punteggio dovrebbero essere consultati durante tutta l intervista. l Ad esempio, per l item l Arriva al lavoro in orario, all intervistatore è data l istruzione l Il lavoro può essere a tempo pieno o parziale, ma per attribuire 2 punti è necessario che sia regolare e da almeno sei mesi. Se non lavora o non ha lavorato negli ultimi sei mesi, 0 punti. In Appendice A vi sono anche i criteri generali di scoring che si applicano a particolari cluster di item. Si ponga particolare attenzione agli item ai quali possono o non possono essere assegnati certi punteggi.

34 Punteggi agli item Punteggio 2 = a seconda che l attivitl attività sia realizzata di solito o abitualmente Punteggio 1 = qualche volta o con parziale successo; Punteggio 0 = mai Punteggio N = non sia realizzata a causa di impedimenti circostanziali esterni ( Assenza( di opportunità à ); Punteggio NS = sia un comportamento o un abilit abilità di cui l intervistato l non conosce la prestazione del soggetto ( Non( so ). I punteggi devono essere trascritti nel questionario nella colonna alla destra degli stessi.

35 Si attribuisce il punteggio 2 se l attivitl attività È esercitata in modo soddisfacente o abitualmente si ricordi che il punto fondamentale è se il soggetto fa l attività, non se può farla È esercitata soltanto in modo occasionale ma, qualora ve ne sia l opportunità,, l individuo l la fa correttamente esempi di questo tipo sono saltellare, completare puzzle o attraversare strade È stata esercitata in modo soddisfacente in passato ma il soggetto non ha più bisogno di realizzarla, come, ad esempio, chiedere di usare la toilette questo va distinto dal caso in cui il soggetto non realizza più un attivit attività adeguata alla sua età,, come un bambino che a 7 anni siede a tavola abitualmente e in modo appropriato senza essere sollecitato a farlo ma che a 12 anni siede a tavola solo dopo ripetuti solleciti. Un bambino di questo tipo dovrebbe ottenere il punteggio 2 all et età di 7 anni, ma il punteggio 0 all et età di 12 anni È esercitata di consueto ma in modo lievemente differente a causa di una disabilità esempi di questo tipo sono l uso l del linguaggio dei segni o di uno strumento di telecomunicazione da parte dei soggetti con danni uditivi e l uso l del braille da parte dei portatori di handicap visivi.

36 Si attribuisce il punteggio 1 se il soggetto manifesta forme iniziali della prestazione ad esempio, sale le scale carponi il soggetto esercita l attivitl attività talvolta in modo adeguato ma non con abitudine ad esempio, fa il letto in modo soddisfacente qualche volta ma non di consueto il soggetto realizza con successo solo parte dell attivit attività ad esempio, quando dàd l indirizzo di casa non indica la città.

37 Si attribuisce il punteggio 0 se il soggetto è troppo giovane o immaturo per realizzare l attività l attività è superiore alle capacità del soggetto il soggetto può esercitare l attività ma lo fa raramente un deficit fisico o sensoriale impedisce la realizzazione dell attivit attività l attività è superiore alle capacità fisiche del soggetto ad esempio, non è abbastanza alto da raggiungere i pedali di una bicicletta e dunque non la usa al soggetto non è permesso di esercitare l attivitl attività come usare il telefono al soggetto non è richiesto di realizzare l attivitl attività come usare il tovagliolo un altra persona realizza l attività al posto del soggetto ad esempio, allacciargli le scarpe al soggetto non è stato insegnato come realizzare l attività come il comportamento a tavola il soggetto non è consapevole della necessità dell attivit attività come seguire regole di sicurezza il soggetto non esercita l attività per mancanza di interesse ad esempio. fare giochi il soggetto non ha mai avuto motivo di realizzare l attivitl attività come usare un telefono pubblico il soggetto si affida al responsabile per realizzare l attività come fare amicizie

38 Il punteggio N (Assenza di opportunità) è consentito Solo quando in riferimento all item è indicato Può essere segnato N N Quando la performance dell attivit attività presentata nell item richiede un oggetto che non è disponibile nell ambiente del soggetto e che dunque impedisce la realizzazione dell attivit attività. Ad esempio, per l item l Dice il proprio numero di telefono, se richiesto,, può essere attribuito il punteggio N se nella residenza del soggetto manca il telefono. Televisori e biciclette sono altri esempi di oggetti di questo tipot Se il soggetto è troppo giovane per realizzare l attivitl attività anche se esso non è disponibile, il punteggio all item è 0 e non N. Il punteggio NS (Non so) NS dovrebbe essere utilizzato soltanto per gli item che descrivono le attività che si manifestano in setting non osservabili dalla persona deputata a rispondere,, come una scuola o una biblioteca. Di solito, l uso l di esempi tratti da quanto l intervistato l ha detto in precedenza riguardo al soggetto può fargli affiorare il ricordo del comportamento in questione.

39 La soglia base Per ottenere la soglia base per ogni subscala del comportamento adattivo, bisogna cominciare con il cluster iniziale e procedere con l intervista l fintanto che si stabilisce una soglia base di 2 cluster consecutivi con tutti gli item a punteggio 2. 2 Quindi vanno compilati tutti gli item della subscala che seguono il più alto item di base. In alcuni casi, per individuare la soglia base è necessario indagare aree precedenti al punto di partenza. A volte, soprattutto nel caso di soggetti con disabilità gravi, è impossibile stabilire la soglia base. A tutti gli item al di sotto della soglia base si attribuisce punteggio 2. 2

40 Punteggi grezzi Calcolo delle somme dei cluster e dei punteggi grezzi delle subscale segnare la lettera indicante il primo cluster della soglia base più elevata; attribuire la somma più alta possibile a tutti i cluster che precedono il primo cluster della soglia base più elevata; sommare i punteggi attribuiti agli item di ciascun cluster, a partire dal primo cluster della soglia base più elevata fino all ultimo cluster della subscala, attribuendo il valore numerico di 1 agli item contrassegnati con le lettere N o NS; annotare il totale di tutte le somme dei cluster nella casella predisposta per il punteggio grezzo delle subscale.

41 Prof. Stefano Federici

42 Prof. Stefano Federici

43 Compilazione del riepilogo dei punteggi Nel protocollo per il conteggio si trova il riepilogo dei punteggi dove devono essere annotati i punteggi grezzi e quelli normativi relativi alle scale, subscale e alla Scala composta. I punteggi grezzi delle subscale I punteggi grezzi delle subscale di ciascuna scala vanno sommati e il loro totale, cioè il punteggio grezzo di scala, deve essere annotato nella corrispondente cella della colonna Punteggio grezzo.

44 Punteggi normativi Come ottenere i punteggi normativi è possibile ricavare punteggi normativi di tipo diverso e rispetto o a diversi gruppi di standardizzazione formati da soggetti normodotati o con disabilità cognitiva con almeno 6 anni di età. Soggetto normodotato o con disabilità senza deficit cognitivi è sufficiente rilevare i punteggi normativi solo rispetto ai soggetti normodotati (punteggi( età equivalente). Soggetto con disabilità cognitiva (ritardo mentale, deficit cognitivo) è invece opportuno rilevare i punteggi normativi rispetto al gruppo dei normodotati (punteggi( età equivalente) se ha almeno 6 anni, anche rispetto al gruppo dei soggetti con disabilità punteggi QI di deviazione e corrispondenti intervalli di confidenza; nza; differenze significative dei punteggi ponderati dalla media dei punteggi in tutte le scale; livelli di funzionamento adattivo.

45 Punteggi normativi con soggetti normodotati Punteggi età equivalente per le scale e subscale I punteggi età equivalente vanno rilevati utilizzando il punteggio grezzo e la tabella Punteggi età equivalente per le scale e subscale E33 per le scale, E34-E37 E37 per le subscale e riportati nel riepilogo dei punteggi nella colonna Punteggi età equivalente. Punteggi età equivalente per la Scala composta Calcolare la media aritmetica o la mediana dei punteggi età equivalente conseguiti nelle scale. <6 anni si considerino i punteggi età equivalente conseguiti in tutte e 4 le scale. 6 6 anni si considerino solo le 3 scale senza Abilità motorie. È più indicata la media aritmetica. È più opportuno il calcolo della mediana nei casi in cui Uno o più dei punteggi età equivalente sia inferiore al punteggio minimo (ad esempio, Inferiore a 1 anno e 6 mesi ) ) o superiore a quello massimo (ad esempio, Superiore a 16 anni e 11 mesi ).

46 Calcolo della mediana dei punteggi età equivalente per la Scala composta Individui con età cronologica inferiore ai 6 anni Punteggi età equivalente delle scale Ordinati Individui con età cronologica uguale o superiore ai 6 anni Punteggi età equivalente delle scale Ordinati Comunicazione Comunicazione Abilità quotidiane Abilità quotidiane > Socializzazione < Socializzazione 14-9 > Abilità motorie 2-4 < Ordinare i punteggi età equivalente conseguiti nelle scale dal più alto al più basso. 2. Individuare i due punteggi età equivalente fra i quali cade la posizione mediana e calcolare la media di Tali punteggi. Esempio. Il punteggio età equivalente della Scala composta corrisponde alla media dei punteggi età equivalente conseguiti nelle scale Abilità motorie (2-4) e Comunicazione (2-1): esso è pari a Ordinare i punteggi età equivalente conseguiti nelle scale dal più alto al più basso. 2. Individuare il punteggio età equivalente che è nella posizione mediana. Esempio. Il punteggio età equivalente della Scala composta corrisponde a quello della scala Socializzazione: : esso è pari a 14-9.

47 Punteggi normativi dei soggetti con disabilità cognitiva Punteggi QI di deviazione delle scale e subscale Va rilevato il punteggio QI di deviazione (M = 100, DS = 15) per ogni scala e subscala del comportamento adattivo, utilizzando le tabelle di conversione dei punteggi grezzi in punteggi ponderati riportate in Appendice B (tabb( tabb.. B1-B25) B25) e individuando il gruppo di età con caratteristiche simili a quelle del soggetto valutato. A tale scopo, se il soggetto è in età evolutiva si deve selezionare uno dei tre possibili gruppi normativi in base all et età del soggetto (dai 6 ai l0 anni: dai 10 ai 14 anni: dai 14 ai 20 anni); se il soggetto è adulto, vale a dire ha almeno 20 anni. si deve selezionare uno tra i due possibili gruppi normativi a seconda che il soggetto viva in famiglia o in istituto. I punteggi QI di deviazione corrispondenti a ogni punteggio grezzo di scale e subscale vanno quindi riportati nella colonna denominata Punteggio QI di deviazione.

48 Somma dei punteggi QI di deviazione delle scale e punteggio QI di deviazione della Scala composta I punteggi QI di deviazione delle scale vanno sommati e tale somma va riportata nella casella denominata Somma dei punteggi QI di deviazione delle scale.. Si consideri anche il punteggio conseguito nella scala Abilità motorie, qualora essa sia stata compilata. Data la somma dei punteggi QI di deviazione delle scale, va rilevato il punteggio QI di deviazione (M = 100, DS = 15) per la Scala composta utilizzando la tabella B26 e riportato nella corrispondente cella della colonna Punteggi QI di deviazione.

49 Intervallo di confidenza per i punteggi QI di deviazione delle scale, subscale e della Scala composta Va rilevato l intervallo l di confidenza dei punteggi QI di deviazione utilizzando la tabella B27 per le scale e la Scala composta e la tabella B28 per le subscale e selezionando il gruppo di età utilizzato per rilevare i punteggi ponderati. È possibile scegliere fra due intervalli di confidenza corrispondenti alle due percentuali di errore pari all 1 1 e al 5%. Per annotare gli intervalli di confidenza nel riepilogo dei punteggi bisogna scrivere innanzitutto la percentuale di errore prescelta nello spazio bianco percentuale di errore... che è nella parte superiore della colonna Intervallo di confidenza,, quindi nella colonna va annotato! intervallo! di confidenza di ciascun punteggio QI di deviazione dopo il segno ±.

50 Differenze significative fra i punteggi normativi nelle scale dalla media dei punteggi in tutte le scale Si calcoli: a) la media dei punteggi QI di deviazione conseguiti nelle scale (con o senza la scala Abilità motorie): b) la differenza fra il punteggio QI di deviazione conseguito per ciascuna scala e la media dei punteggi e la si approssimi alle unità.. Si rilevi se tale differenza è statisticamente significativa confrontandola con i valori minimi di differenza significativa nelle tabelle B29 e B30 riportati per il medesimo gruppo di età già utilizzato per rilevare i punteggi normativi delle scale (scegliere la tabella B29 o B30 a seconda che la scala Abilità motorie non sia o sia stata utilizzata). È possibile scegliere fra due differenze minime corrispondenti alle percentuali di errore pari all 1 1 e al 5%; in entrambi i casi la differenza rilevata è statisticamente significativa se è uguale o superiore alla differenza minima riportata nella tabella. Sul riepilogo dei punteggi indicare nell apposita colonna la percentuale d errore d prescelta (nello spazio percentuale di errore... ), quindi indicare come Abilità punto di forza (APF) le scale i cui punteggi QI di deviazione sono significativamente superiori al punteggio medio e come Abilità punto di debolezza (APD) le scale i cui punteggi QI di deviazione sono significativamente inferiori al punteggio medio.

51 Livelli di funzionamento adattivo per le scale, subscale e per la Scala composta Si ricavi il punteggio grezzo di Scala composta sommando i punteggi grezzi conseguiti nelle scale (con o senza la scala Abilità motorie), quindi si rilevi il livello di funzionamento utilizzando i corrispondenti punteggi grezzi e la tabella B3l per le scale e la Scala composta, la tabella B32 per le subscale e individuando, dato il gruppo di età già utilizzato per i punteggi ponderati, il sottogruppo con grado di disabilità cognitiva simile a quello del soggetto.

52 Protocollo per il punteggio 1/2 Prof. Stefano Federici

53 Protocollo per il punteggio 2/2 Prof. Stefano Federici

54 Il caso di Tommaso Tommaso è un ragazzo di 29 anni e 4 mesi con diagnosi di ritardo mentale lieve che frequenta un centro educativo per soggetti con disabilità e vive in un appartamento con altri cinque ragazzi disabili con la supervisione costante di due educatori. Nella Scala composta ha conseguito un punteggio età equivalente pari a 14 anni e 9 mesi che è inferiore al punteggio atteso per un soggetto di pari età. Nelle singole scale ha ottenuto punteggi pari a 11 anni e 3 mesi per Comunicazione, superiore a 16 anni e 11 mesi per Abilità quotidiane, e pari a 14 anni e 9 mesi per Socializzazione. Le abilità comunicative appaiono le più compromesse, quelle quotidiane le più sviluppate.

55 Un analisi dei punteggi conseguiti nelle singole subscale rileva che il livello delle abilità comunicative è complessivamente costante nelle singole aree: Ricezione (9 anni e 2 mesi punteggio età equivalente), Espressione (9 anni e 8 mesi punteggio età equivalente) e Scrittura (10 anni e 4 mesi punteggio età equivalente). Per quanto riguarda le abilità quotidiane l area l Personale (10 anni e 6 mesi punteggio età equivalente) è più compromessa delle aree Domestico e Comunità (punteggio età equivalente superiore ai 16 anni e Il mesi in entrambi i casi). Nelle abilità sociali l area l Gioco e tempo libero (16 anni punteggio età equivalente) è più sviluppata delle aree Relazioni interpersonali (I3 anni e 2 mesi punteggio età equivalente) e Regole sociali (13 anni e 6 mesi punteggio età equivalente). I livelli di funzionamento adattivo, che descrivono la prestazione di Tommaso rispetto al sottogruppo dei soggetti con ritardo mentale lieve, sono sempre superiori a quelli medi.

56 Conclusioni In accordo alla diagnosi di ritardo mentale, Tommaso presenta un livello di sviluppo di comportamento adattivo inferiore a quello atteso. Le sue prestazioni sono superiori a quelle medie rilevate per soggetti adulti con disabilità cognitiva che vivono in strutture non residenziali (e in particolare con livello lieve di d ritardo mentale). Il profilo di comportamento adattivo rileva che le abilità comunicative, generali e specifiche, e le abilità quotidiane personali sono le più compromesse. Sarà quindi opportuno analizzare i punteggi nei singoli cluster di item per rilevare le aree maggiormente danneggiate e che, se ritenuto opportuno, possono essere oggetto di interventi riabilitativi.

57 Prof. Stefano Federici 57

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

Il costrutto. Il comportamento adattivo AAMR, 1999. Il Comportamento Adattivo e le Vineland Adaptive Behavior Scales

Il costrutto. Il comportamento adattivo AAMR, 1999. Il Comportamento Adattivo e le Vineland Adaptive Behavior Scales Il Comportamento Adattivo e le Vineland Adaptive Behavior Scales Il costrutto Per comportamento adattivo si intende l insieme di attività che un soggetto deve compiere quotidianamente per essere sufficientemente

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento 2 aprile 2014 Percorso di formazione Dall autismo all inclusione sociolavorativa Obiettivi della lezione Presentare strumenti

Dettagli

Obiettivi del training

Obiettivi del training Supports Intensity Scale James R.Thompson Brian R. Bryant Edward M. Camphell EIIis M. (Pat) Craig Carolyn M. Hughes David A. Rotholz Robert L. Schalock Wayne R Silverman Marc J.Tassé Michael L.Wehmeyer

Dettagli

CHECK LIST INFANZIA ATTIVITA E PARTECIPAZIONE

CHECK LIST INFANZIA ATTIVITA E PARTECIPAZIONE CHECK LIST INFANZIA ATTIVITA E PARTECIPAZIONE CAP. 1 (dominio) APPRENDIMENTO E APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE Questo dominio riguarda l apprendimento, l applicazione delle conoscenze acquisite, il pensare,

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali Struttura della personalità sociale Affettività sì no data sì no data mostra indifferenza per ciò che sperimenta

Dettagli

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno È un termine generale che comprende handicap, limitazione nelle attività e restrizione nella partecipazione. Un handicap è un problema relativo ad una funzione

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA. Fogli di lavoro

03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA. Fogli di lavoro 03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 95 M ODULO 1 CASA Fogli di lavoro 03 Modulo 1/Fogli lavoro 24-01-2002 12:50 Pagina 97 F OGLIO DI LAVORO 1 Soluzioni abitative che conosco Per favore riporti

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition

PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition Eric Shopler, Margaret D.Lansing, Robert J. Reichler, Lee M. Marcus PEP 3:Psychoeducational Profile Third Editition Valutazione psicoeducativa Individualizzata TEACCH per bambini con DSA Descrizione del

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di CASAPESENNA SCUOLA DELL'INFANZIA GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI A RISCHIO BES E DSA ART. 3 comma 3 della Legge n. 170 del 2010: È compito della

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Premessa: 1. Il seguente protocollo innesta il sistema della codificazione ICF nelle Aree PDF 2. Potrebbe essere significativa l apertura

Dettagli

Istruzioni per la somministrazione del CRIq

Istruzioni per la somministrazione del CRIq Istruzioni per la somministrazione del CRIq La compilazione del CRIq richiede la capacità di condurre una intervista semistrutturata. Si tratta di una raccolta di informazioni e di dati relativi all intera

Dettagli

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Il test di valutazione delle abilità di calcolo e di soluzione di problemi aritmetici (AC-MT nuova edizione) è composto da tre diverse

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Percorsi di Crescita e di Autonomia per giovani adulti con disabilità

Percorsi di Crescita e di Autonomia per giovani adulti con disabilità Percorsi di Crescita e di Autonomia per giovani adulti con disabilità L esperienza della casa appartamento realizzata dall Associazione Genitori Scatenati in collaborazione con l A.S.S. 4 Medio Friuli

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. di Caterina Scapin

PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. di Caterina Scapin PERCORSI MATEMATICI AMBIENTE DIDATTICO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA di Caterina Scapin Ci sono delle attività che producono COMPETENZE Alcune COMPETENZE sono predittive di DIFFICOLTA - DISTURBO DISLESSIA

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

(secondo le indicazioni di INValSI)

(secondo le indicazioni di INValSI) (secondo le indicazioni di INValSI) Prima della somministrazione COMPITI del Referente di Istituto per le prove INValSI Predisporre i materiali per la somministrazione Definire orario per il giorno stabilito

Dettagli

ADEMPIMENTI DI FINE CORSO

ADEMPIMENTI DI FINE CORSO LA LINGUA COME STRUMENTO DI SCAMBIO a.sc. 2004-05 ADEMPIMENTI DI FINE CORSO SOMMARIO 1. Criteri per le prove di valutazione finale: pag. 2 Proposte test uscita di D.Lorenzetti 2. Scheda di valutazione

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Curricolo verticale SECONDA LINGUA COMUNITARIA Francese /Spagnolo. Scuola Secondaria di I grado

Curricolo verticale SECONDA LINGUA COMUNITARIA Francese /Spagnolo. Scuola Secondaria di I grado Curricolo verticale SECONDA LINGUA COMUNITARIA Francese /Spagnolo Scuola Secondaria di I grado TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (I traguardi sono riconducibili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD)

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) Art.5 D.M. n. 5669/2011; Linee guida per diritto studenti con DSA

Dettagli

Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo. Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it

Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo. Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it Le componenti della conoscenza numerica LESSICALE Regola il nome del numero 1 uno SEMANTICA

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) PEI ROBERTO - Barbara Corallo - Valeria Crespi - Manuela Guidobaldi - Emanuele Morandi PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Ritardo mentale lieve

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA RILEVAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA

SCHEDA INFORMATIVA PER LA RILEVAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA SCHEDA INFORMATIVA PER LA RILEVAZIONE DI ALUNNI IN DIFFICOLTA Scuola di Classe sezione ALUNNO/A L alunno/a ha ripetuto qualche classe? SI NO Se si quale? - Quali tipi di problemi emergono? - Quali interventi

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO

DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO WAIS IV Wechsler Adult Intelligence Scale - IV Edition (2013) Esercitazioni Università di Bergamo INDICE o Descrizione dello strumento o Regole di somministrazione o Punteggi o Campione Normativo INDICE

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE COMPETENZE CHIAVE EUROPEA: E considerato essenziale il raggiungimento di un livello di competenza comunicativo riconducibile al livello

Dettagli

NUCLEO classe OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI, ATTIVITA, INIZIATIVE

NUCLEO classe OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI, ATTIVITA, INIZIATIVE Curricolo verticale SECONDA LINGUA COMUNITARIA Francese /Spagnolo Scuola Secondaria di I grado TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (I traguardi sono riconducibili

Dettagli

Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO

Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO OGGETTO: Fondo per la non autosufficienza: interventi immediati (art. 34, comma 4 lettera a) L.R. n 2 del 29.05.2007 - Deliberazione

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

Procedure e strumenti per l individuazione degli alunni con disabilità intellettiva

Procedure e strumenti per l individuazione degli alunni con disabilità intellettiva Treviso, 25 febbraio 2016 Procedure e strumenti per l individuazione degli alunni con disabilità intellettiva A cura di Rita Agnolet Argomenti della relazione La conoscenza del costrutto «Disabilità Intellettiva»

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

Criteri di selezione del collettivo e definizioni

Criteri di selezione del collettivo e definizioni Appendice A Criteri di selezione del collettivo e definizioni Introduzione L indagine sull integrazione sociale delle persone con disabilità è stata realizzata nell ambito del progetto Sistema di Informazione

Dettagli

Percorso Infanzia 2015/2016 Istituto Comprensivo Nord

Percorso Infanzia 2015/2016 Istituto Comprensivo Nord Percorso Infanzia 2015/2016 Istituto Comprensivo Nord Dott.ssa Carmen Piscitelli Centro di Consulenza Psicologica e Pedagogica L Albero Bianco via Matteo degli Organi, 213 Prato 0574/24684 alberobianco@alicecoop.it

Dettagli

AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA

AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA VOCA Voice Output Communication Aids Sono registratori digitali o microcomputer sui quali è possibile apporre un certo numero di simboli e far corrispondere

Dettagli

PIANO DI INTERVENTO IN MATERIA DI CONTINUITA EDUCATIVA TRA LA SCUOLA DELL INFANZIA di Fornace E LA SCUOLA PRIMARIA di Fornace

PIANO DI INTERVENTO IN MATERIA DI CONTINUITA EDUCATIVA TRA LA SCUOLA DELL INFANZIA di Fornace E LA SCUOLA PRIMARIA di Fornace PIANO DI INTERVENTO IN MATERIA DI CONTINUITA EDUCATIVA TRA LA SCUOLA DELL INFANZIA di Fornace E LA SCUOLA PRIMARIA di Fornace Direttive per la realizzazione della continuità educativa tra scuola dell infanzia

Dettagli

4. Disturbo Specifico di Apprendimento

4. Disturbo Specifico di Apprendimento 4. Disturbo Specifico di Apprendimento Disturbo Specifico di Apprendimento Testi di riferimento: Cornoldi C. (a cura di), Difficoltà e disturbi dell'apprendimento, Ed. Il Mulino, Collana "Strumenti", Bologna,

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C.

DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C. - Scuola secondaria di primo grado - DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C. Nota Alla compilazione della seguente Diagnosi funzionale hanno partecipato: i componenti dell equipe multidisciplinare dell ASL

Dettagli

QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado. Data Insegnante

QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado. Data Insegnante QUESTIONARIO PRIMO COLLOQUIO CON I GENITORI Scuola Primaria Secondaria di 1 e 2 grado Data Insegnante Genitore/i compilatore/i Alunno Nome Data di nascita Scuola di provenienza Cognome Età (anni e mesi

Dettagli

INDICATORI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. VESPUCCI Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di Primo Grado Via Sgambati, 30-50127 Firenze tel 055 316383 - fax 055 375000 e-mail: fimm075007@istruzione.it

Dettagli

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Quali obiettivi? Indagare la qualità e il livello raggiunti nello sviluppo delle capacità comunicative e linguistiche Individuare

Dettagli

CIBI BUONI = CIBI GIUSTI

CIBI BUONI = CIBI GIUSTI UNITÀ DI APPRENDIMENTO CIBI BUONI = CIBI GIUSTI Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE Pagina 1 di 13 UDA Denominazione UNITA DI APPRENDIMENTO Cibi buoni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

SCALA DI VALUTAZIONE DELL AUTISMO INFANTILE Eric Schopler e coll. (Traduzione Dr. Goran Dzingalasevic) QUADERNO DI NOTAZIONE.

SCALA DI VALUTAZIONE DELL AUTISMO INFANTILE Eric Schopler e coll. (Traduzione Dr. Goran Dzingalasevic) QUADERNO DI NOTAZIONE. SCALA DI VALUTAZIONE DELL AUTISMO INFANTILE Eric Schopler e coll. (Traduzione Dr. Goran Dzingalasevic) QUADERNO DI NOTAZIONE Cognome: Nome: Data e luogo di nascita: Età cronologica: Data dell esame: Esaminatore:

Dettagli

Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com

Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com 1 Programma Finalità Il corso si propone di introdurre lo studente alla conoscenza dei principali temi affrontati dalla psicologia

Dettagli

MMSE. Mini Mental State Examination. Folstein e coll. (1975)

MMSE. Mini Mental State Examination. Folstein e coll. (1975) MMSE Mini Mental State Examination Folstein e coll. (1975) Scopo Il MMSE è un test ampiamente utilizzato nella pratica clinica della valutazione delle funzioni cognitive dei soggetti anziani. E un test

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Formattato: Rientro: Sinistro: 0 cm, Prima riga: 0 cm CM n.24/2006; Direttiva MIUR del 27.12.2012; CM n.8/2013 Intestazione

Dettagli

La sindrome di Prader-Willi: aspetti cognitivi e comportamentali

La sindrome di Prader-Willi: aspetti cognitivi e comportamentali La sindrome di Prader-Willi: aspetti cognitivi e comportamentali Renzo Vianello e Silvia Lanfranchi Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo Università di Padova La sindrome di Prader-Willi: profilo cognitivo

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano

DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano In italiano ci sono verbi che si usano con i pronomi diretti e verbi che si usano solo con i pronomi indiretti. Ma ci sono anche molti verbi che si

Dettagli

Laboratorio autonomia nell autismo

Laboratorio autonomia nell autismo Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Mary Wrobel Laboratorio autonomia nell autismo Igiene, salute e sessualità Erickson

Dettagli

Claudia Rigamonti, Grazia Zappa, Valeria Cimò, Antonella Costantino

Claudia Rigamonti, Grazia Zappa, Valeria Cimò, Antonella Costantino Claudia Rigamonti, Grazia Zappa, Valeria Cimò, Antonella Costantino Unità Operativa di Neuropsichiatra dell Infanzia e dell Adolescenza Unità per le Disabilità Complesse e le Malattie Rare Centro Sovrazonale

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Introduzione Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Questo percorso è finalizzato al recupero delle difficoltà di comprensione morfo-sintattica in bambini con disturbo specifico di linguaggio

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con DSA a.s..

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I.C. di MEDIGLIA Elena Colombo

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I.C. di MEDIGLIA Elena Colombo DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO D.S.A significa: DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Essi fanno parte di quei disordini evolutivi (= dello sviluppo) che possono manifestarsi nell acquisizione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI RONCADE via Vivaldi 24-31056 Roncade (TV) PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE Traguardi di sviluppo delle competenze relative

Dettagli

Lo studio riguarda tre fasi:

Lo studio riguarda tre fasi: 1 Premessa Lo studio è una particolare forma di apprendimento che ha come scopo l apprendere da un testo o da una lezione in modo intenzionale e autodiretto (Anderson, 1978), scegliendo obiettivi, tempi

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Che cos è la LOGOPEDIA? Chi è il LOGOPEDISTA? I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Attività di logopedia domiciliare Logopedista Valentina Padoan La logopedia

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 1 e 2 dr.ssa Raffaella Faggioli Introduzione ADOS Osservazione diretta dei comportamenti del soggetto in situazione di pressing sociale Osservazione

Dettagli

IPDA QUESTIONARIO OSSERVATIVO PER L IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

IPDA QUESTIONARIO OSSERVATIVO PER L IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO IPDA QUESTIONARIO OSSERVATIVO PER L IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Struttura dello strumento. Si compone di 43 item suddivisi in due sezioni principali: la prima riguarda le

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA IN CLASSE I nomi e le presentazioni; Leggo un altra lingua: attività di lettura, da parte della classe, di parole in lingua madre dell alunno neoarrivato, dedotte dalle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

Istruzioni per la somministrazione del CRIq

Istruzioni per la somministrazione del CRIq Cognitive Reserve Index CRIq q u e s t i o n n a i r e M. Nucci, D. Mapelli & S. Mondini (2012) Istruzioni per la somministrazione del CRIq Il questionario CRIq stima la riserva cognitiva di un individuo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Scheda di segnalazione per la Scuola dell Infanzia: glossario I.C.F.

Scheda di segnalazione per la Scuola dell Infanzia: glossario I.C.F. Scheda di segnalazione per la Scuola dell Infanzia: glossario I.C.F. Seconda parte: DESCRIZIONE DELL ALUNNO 1) AREA DELL AUTONOMIA PERSONALE NELLA SCUOLA A) CURA DELLA PROPRIA PERSONA 1 Questo capitolo

Dettagli

Scala unificata di valutazione della discinesia (UDysRS)

Scala unificata di valutazione della discinesia (UDysRS) Scala unificata di valutazione della discinesia (UDysRS) Data della valutazione: giorno mese anno Ora della valutazione: : (formato delle 24 ore) Parte I - Valutazione della discinesia in fase ON - Istruzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO VIA SPINELLI-84088 SIANO (SA) 081/5181021,081/5181355 C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA L alunno riconosce se ha o meno capito messaggi verbali orali, chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

LA SINDROME DI X FRAGILE

LA SINDROME DI X FRAGILE LEZIONE: ALCUNE SINDROMI (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA

Dettagli