Strumenti di classificazione e valutazione in riabilitazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti di classificazione e valutazione in riabilitazione"

Transcript

1 M. Vittoria Meraviglia Strumenti di classificazione e valutazione in riabilitazione Vineland

2 Qualità di vita Concetto multidimensionale Livello di abilità e di sviluppo raggiunto Numero e qualità di relazioni interpersonali Adeguatezza del luogo di vita Possibilità di partecipazione sociale Benessere fisico QdV e soddisfazione personale Controllo sulle proprie decisioni Grado di restrittività degli ambienti di vita QdV e abilità Daily living skills Community living skills

3 Le Vineland Adaptive Behavior Scales Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano l autonomia personale e la responsabilità sociale delle persone dalla nascita fino all et età adulta. Le scale sono utilizzabili con soggetti normodotati o con disabilità. Non richiedono la diretta somministrazione delle prove al soggetto in esame, ma la compilazione assieme a una persona che lo conosca in modo approfondito. Le scale Vineland in particolare non misurano l intero l insieme di abilità adattive,, ma permettono la rilevazione delle quattro dimensioni che ogni scala di comportamento adattivo dovrebbe rilevare: Comunicazione, Abilità quotidiane, Socializzazione e Abilità motorie.

4 La Vineland: versioni e misure Versioni 1. Intervista - Forma breve 2. Intervista - Forma completa (versione italiana) 3. Versione per la scuola Le 3 versioni differiscono nel numero di item e di materiali e nel metodo di somministrazione. Misure Ogni versione misura i livelli di sviluppo, da 0 a 18 anni del comportamento adattivo in 4 scale: 1.Comunicazione, 2.Abilit Abilità quotidiane, 3.Socializzazione e 4.Abilit Abilità motorie

5 Tabella 1: Contenuto degli item della Vineland Comunicazione Ricezione Espressione Scrittura Abilità quotidiane Personale Domestico Comunità Socializzazione Relazioni interpersonali Gioco e tempo libero Regole sociali Abilità motorie Grossolane Fini Scala composta Contenuto degli item Ciò che il soggetto comprende Ciò che il soggetto dice Ciò che il soggetto legge e scrive Come il soggetto mangia, si veste e cura l igiene l personale Quali lavori domestici il soggetto compie Come il soggetto usa tempo, denaro, telefono e proprie capacita lavorative ve Come il soggetto interagisce con gli altri Come il soggetto gioca e impiega il tempo libero Come il soggetto manifesta senso di responsabilità e sensibilità verso gli altri Come il soggetto usa braccia e gambe per il movimento e la coordinazione Come il soggetto usa mani e dita per manipolare oggetti Scala composta dalle scale comunicazione, abilità quotidiane, socializzazione e abilità motorie

6 La Vineland: la Forma completa Forma completa di 540 item Consente una valutazione analitica del comportamento adattivo tale da consentire la preparazione di programmi individuali educativi o riabilitativi. Si somministra tramite un intervista semistrutturata a un genitore o a un responsabile di un soggetto di età compresa tra 0 e i 18 anni e 11 mesi o di un adulto con disabilità. Il tempo di somministrazione per la Forma completa è normalmente compreso fra i 60 e i 90 minuti. La Forma completa comprende: un questionario e un protocollo per il conteggio.

7 La Vineland: : Applicazioni in campo educativo Applicazioni Pianificazione di programmi educativi e riabilitativi In anni recenti è stata posta maggiore enfasi sullo sviluppo di programmi educativi o riabilitativi con obiettivi rilevanti per le necessità di un individuo. Molti pongono l accento l sulle abilità necessarie ad essere sufficienti in ambito personale e sociale, abilità valutate dalle Vineland. La Forma completa indica i punti di forza e di debolezza in specifiche aree del comportamento adattivo: queste informazioni possono essere utilizzate per selezionare il tipo di programma più adatto per l individuo, l per esplicitare le attività da enfatizzare nel programma, per monitorare i progressi durante tale programma e per valutarne l esito finale.

8 La Vineland: : Requisiti dell intervistatore Requisiti dell intervistatore La compilazione e l attribuzione l del punteggio devono essere realizzate da uno psicologo, un operatore sociale o da altro professionista con formazione ed esperienza nella valutazione individuale e nell interpretazione dei test. Formazione del professionista inerente lo sviluppo dei comportamenti umani e la loro misurazione conoscenze sui soggetti con disabilità addestrato alle tecniche di intervista e avere esperienza di compilazione e interpretazione di scale di comportamento adattivo. Requisiti specifici la conoscenza degli item delle Vineland e dei criteri di attribuzione del punteggio e adeguate doti personali,, quali un atteggiamento professionale gradevole e incoraggiante e la capacità di mettere a proprio agio l interlocutore.

9 La Vineland: : Caratteristiche dell intervistato Caratteristiche dell intervistato La persona che risponde all intervista deve essere l adulto che meglio conosce il comportamento del soggetto da valutare. Se la persona da valutare vive in famiglia la persona più appropriata a rispondere è il genitore o un nonno se è lui ad occuparsi del soggetto. Se la persona da valutare non vive in famiglia ma in istituti residenziali l individuo da intervistare sarà il responsabile che meglio conosce il soggetto. Dovrebbe esserci un solo intervistato Quando mancano conoscenze sufficienti delle attività del soggetto in tutte le scale, può essere necessario ricorrere a più persone deputate a rispondere.

10 La Vineland: : Materiali Materiali necessari per condurre l intervista l Appendice A del manuale riguardante i criteri di attribuzione del punteggio agli item, il questionario, Il questionario consta di 540 item ed è così composto: un frontespizio per annotare le informazioni sul soggetto, sull intervistato e sull intervistatore, 14 pagine relative alle 4 scale.» I punteggi agli item devono essere segnati nella colonna del punteggio alla destra degli stessi.» A conclusione di ogni subscala si possono indicare i commenti dell intervistatore. il protocollo per il conteggio e diverse matite appuntite.

11 La Vineland: : Scale, subscale e Item target Item della Forma completa All interno delle scale gli item sono organizzati in subscale (slide 46); ogni subscala è raggruppata in cluster costituiti da 2 a 8 item elencati in ordine evolutivo, ovverosia, in modo da rappresentare e le abilità sequenziali richieste per padroneggiare il più alto livello o item target di ogni cluster. Questa disposizione degli item permette di individuare le attività specifiche da insegnare in sequenza evolutiva per sviluppare l abilità target. L item target A di Prime forme di comprensione precede l item l target B di Prime forme di ascolto.. Questo perché l abilità o il comportamento relativi all item target di Prime forme di ascolto si manifesta più tardi nello sviluppo. RICEZIONE A. Prime forme di comprensione B. Prime forme di ascolto cluster 1. Gira occhi e capo in direzione di un suono 2. Alza le braccia quando chi si occupa di lui dice vieni qui o su 3. Mostra di comprendere il significato di no 4. Mostra di comprendere il significato di almeno dieci parole 5. Mostra di comprendere il significato di ssss 6. Mostra di comprendere il significato di sì o va bene Item target cluster 1. Ascolta almeno per un attimo quando chi si occupa di lui gli parla 2. Ascolta attentamente le istruzioni 3. Ascolta una storia per almeno cinque minuti Prof. Stefano Federici 11

12 La Vineland: : Preparativi per la compilazione Preparativi per la compilazione Per preparare l intervista l con la Forma completa, l intervistatore l deve: 1. compilare il frontespizio del questionario (slide( 54); 2. determinare il punto di partenza per ciascuna delle subscale secondo l età cronologica, mentale o sociale del soggetto; 3. segnare il punto di partenza per la data età in ogni subscala; 4. esaminare tutti gli item e i criteri di attribuzione del punteggio che devono essere utilizzati nell intervista (Appendice A). Compilazione del frontespizio del questionario È necessario indicare il nome,, il sesso,, la data dell intervista intervista,, la data di nascita e l età cronologica del soggetto. Allo stesso modo, sono da indicare l etl età utilizzata come punto di partenza e la classificazione di tale età (cronologica, mentale o sociale) Calcolo dell et età cronologica Per calcolare l etl età cronologica, si devono sottrarre, nell ordine, i giorni, mesi e anni della data di nascita del soggetto dai giorni, i, mesi e anni in cui si realizza l intervista l Vineland (slide 55).

13 Figura 1: Esempio di Frontespizio del questionario compilato Prof. Stefano Federici 13

14 Figura 2: Calcolo dell et età giorno Data intervista 19 Data di nascita 12 mese anno Età cronologica giorno mese anno Data intervista Data di nascita 12 Età cronologica giorno Data intervista Data di nascita 22 Età cronologica 27 mese anno Prof. Stefano Federici 14

15 La Vineland: : Punti di partenza e procedure dell intervista Determinazione dei punti di partenza Per i soggetti senza disabilità: è in genere basato sull et età cronologica, eventualmente arrotondata per difetto. Ad esempio, per i soggetti di età compresa fra i 5 e i 5 anni, 11 mesi e 30 giorni, si dovrebbe utilizzare il punto di partenza relativo all et età di 5 anni. Per i soggetti con disabilità: si basa su una stima dell et età mentale o sociale del soggetto. Procedure di intervista L intervistatore dovrebbe completare la compilazione in una sola seduta di circa minuti. Nondimeno, se necessario, questi deve essere flessibile e disponibile ad organizzare una seconda seduta in modo da non penalizzare il grado di accuratezza a favore di un economia di tempi.

16 La Vineland: : Impostazione del rapporto Impostazione del rapporto Per una valutazione accurata e valida, è essenziale impostare un buon rapporto con l intervistato.. Alcune tecniche di base per stabilire e mantenere un buon rapporto sono: 1.adattare la tecnica dell intervista alla persona che risponde; 2.mantenere un appropriato contatto visivo; 3.quando opportuno, fare riferimento all intervistato e al soggetto in esame chiamandoli per nome: 4.essere realmente entusiasti,, di sostegno e non giudicanti per tutto il corso dell intervista.

17 La Vineland: : Presentazione dell Intervista Presentazione delle Vineland all intervistato Lo scopo della Vineland è rilevare in modo descrittivo ciò che il soggetto fa per avere cura della propria persona e stare insieme agli altri e non ciò che l intervistato l o altri fanno per lui.. Questo implica una discussione sulla responsabilità sociale e sullo sviluppo dell autonomia del soggetto. L intervistatore L dovrebbe fare notare che: 1. non esistono risposte giuste o sbagliate 2. le persone compiono attività diverse in età diverse 3. l attenzione è posta non su ciò che il soggetto può fare ma su ciò che egli fa. Enfasi primaria dovrebbe essere posta sul fatto di rilevare se una u data attività è praticata di solito o abitualmente. Se non è praticata in modo consueto o abituale, accade che venga realizzata ata qualche volta, o in modo parziale, o niente affatto? Il comportamento o l attivitl attività erano compiuti in precedenza, ma al momento sono in eccesso o non sono più praticati per qualche ragione? Incoraggiate la persona a sentirsi libera di fare domande in ogni i fase dell intervista. Infine descrivete brevemente ogni scala come segue:

18 Esempio di presentazione dell Intervista Vineland «Oggi parleremo di quattro aree generali. La prima riguarda la comunicazione, ovvero come [pronunciate il nome del soggetto in esame] parla e comprende gli altri [e, se è il caso, legge e scrive]. Un altra area ha a che fare con le abilità pratiche necessarie alla cura della propria persona. Le chiamiamo abilità quotidiane. La terza area comprende le abilità che le persone devono avere per stare insieme agli altri, così come per le attività di gioco e l impiego l del tempo libero. Queste sono dette abilità di socializzazione. L ultima area che discuteremo ha a che fare con abilità fisiche fondamentali. Le chiamiamo abilità motorie»

19 La Vineland: : Linee guida generali 1/2 6 linee guida generali 1. Gli item delle Vineland sono concepiti per misurare ciò che il soggetto fa di solito o abitualmente, non ciò che può fare. Determinate se il soggetto di solito o abitualmente compie l attivitl attività descritta da un item e assegnate un punteggio conforme a quanto emerge (si apponga una nota nella sezione Commenti del questionario se il soggetto può realizzare un attivit attività ma di fatto non la pratica). 2. Non leggete in nessun caso gli item all intervistato e non permettetegli mai di leggerli. Iniziate con domande generali seguite da approfondimenti ulteriori, ri, quando necessario, per trarre informazioni più specifiche riguardo alle attività del soggetto. 3. Somministrate le subscale della Forma completa nell ordine presentato nel questionario: Ricezione, Espressione, Scrittura; Personale, Domestico, Comunità; Relazioni interpersonali, Gioco e tempo libero, Regole sociali; Grossolane e Fini. Si completi ogni subscala prima di passare alla successiva.

20 La Vineland: : Linee guida generali 2/2 4. Vi siano noti gli item pertinenti ad un dato argomento e formulate domande e approfondimenti in grado di coprire tutti quanti tali item (Tabella 2). 2 Ad esempio, formulate quesiti atti a coprire i 12 item relativi al telefono dei 2 cluster della subscala Comunità.. Dato che i cluster all interno di una subscala contengono item tra loro in relazione, essi possono configurare un quadro logico sulla base del quale sollevare domande generali. 5. Conducete l intervista per almeno 5 minuti prima di iniziare ad attribuire punteggi. Questo aiuta a stabilizzare il rapporto, a impostare il tono colloquiale loquiale dell intervista e a ridurre al minimo l attenzione l sui punteggi e lo scoring. Ugualmente importante, questo approccio consente all intervistatore di ricavare un impressione clinica sia della persona che risponde che del soggetto da esaminare. 6. Chiedete all intervistato di fornire esempi sulle abilità specifiche che il soggetto dimostra o no. Se, ad esempio, l interlocutore l ha citato le parole utilizzate dal soggetto in esame nel corso di una recente conversazione, supponiamo una conversazione tenuta il giorno stesso a colazione, potete fare riferimento all esempio dato per ottenere chiarimenti utili ad attribuire il punteggio ad altri item ( Mentre( stava descrivendo la conversazione avvenuta a colazione... ).

21 Scala e subscale COMUNICAZIONE Ricezione Espressione Categoria Comprensione del linguaggio verbale Ascolto e attenzione Esecuzione di istruzioni Espressioni pre-linguistiche Prime forme di linguaggio Linguaggio interattivo Uso di concetti astratti Cluster A. Prime forme di comprensione C. Indicare le parti del corpo B. Prime forme di ascolto E. Ascoltare e prestare attenzione D. Seguire istruzioni A. Prime forme di espressione affettiva B. Suoni pre-linguistici C. Espressione pre-linguistica non verbale D. Prime forme di linguaggio E. Vocabolario F. linguaggio con frasi G. Uso dei nomi propri H. Formulazione di domande J. Raccontare le proprie esperienze N. Recitazione P. Fornire informazioni riguardo a sés L. Uso di concetti astratti

22 Scala e subscale COMUNICAZIONE Espressione Scrittura ABILITÀ QUOTIDIANE Personale Categoria Competente linguistiche Espressione di idee complesse Prime forme di scrittura Competenze nella lettura Competenze nella scrittura Mangiare e bere Uso della toilette Cluster K. Uso di preposizioni L. Uso di parole funzione-connettivi M. Articolazione O. Uso dei plurali e dei tempi dei verbi Q. Esprimere idee complesse A. Riconoscimento di lettere e di parole B. Prime forme di lettura E. Uso di materiali di lettura F. Lettura di libri. giornali e riviste C. Prime forme di scrittura D. Scrittura in stampatello e in corsivo G. Scrittura di lettere e temi A. Mangiare E. Bere M. Usare le posate D. Toilet training H. Andare al gabinetto

23 Scala e subscale ABILITÀ QUOTIDIANE Personale Vestirsi Lavarsi Categoria Cura della persona Cura della salute B. Togliersi i vestiti Cluster ]. Chiudersi bottoni, cerniere e ganci K. Mettersi le scarpe N. Vestirsi O. Indossare vestiti appropriati al clima C. Farsi il bagno con aiuto G. Lavarsi mani e faccia L. Farsi il bagno senza aiuto F. Lavarsi i denti L. Curarsi il naso Q. Cura dei propri capelli R. Cura delle proprie unghie P. Prime forme di cura della propria salute S. Cura della propria salute

24 Scala e subscale ABILITÀ QUOTIDIANE Domestico Comunità Categoria Gestione della casa Attività in cucina Cura dei vestiti Prudenza e sicurezza Uso del telefono Cluster A. Prime forme di pulizia della casa B. Riordino delle proprie cose D. Utilizzo di utensili G. Uso di attrezzatura e di prodotti per pulire la casa H. Farsi il letto L Pulizie della casa ]. Riparazioni e manutenzioni della casa C. Prime forme di preparazione del cibo E. Pulizia e preparazione della tavola F. Uso di accessori da cucina K. Cucinare L. Cura dei propri vestiti M. Cucire A. Regole di sicurezza in casa C. Regole di sicurezza in strada B. Prime forme di uso del telefono ]. Uso del telefono

25 Scala e subscale ABILITÀ QUOTIDIANE Domestico SOCIALIZZAZIONE Relazioni interpersonali Categoria Uso del denaro Orientamento temporale Orientamento sinistra-destra Abilità al ristorante Abilità al lavoro Riconoscimento degli altri Espressione e riconoscimento delle espressioni Cluster D. Riconoscimento del denaro L Uso del denaro K. Risparmio di denaro L. Guadagno di denaro M. Pianificazione delle spese O. Amministrazione del denaro G. Orientamento temporale: giorni. mesi e anni H. Orientamento temporale: ore e minuti E. Orientamento sinistra-destra F. Abilità al ristorante N. Abilità al lavoro A. Prime forme di reazione a persone C. Riconoscimento di persone familiari B. Espressione delle emozioni E. Riconoscimento delle emozioni

26 Scala e subscale SOCIALIZZAZIONE Relazioni interpersonali Gioco e tempo libero Imitazione Categoria Comunicazione sociale Amicizie Ricorrenze e anniversari Appartenenza a gruppi Relazioni di coppia Gioco Condivisione e cooperazione Cluster D. Imitazione di frasi e movimenti F. Identificazione delle persone G. Prime forme di comunicazione sociale ]. Comunicazione sociale K. Interazioni cooperative H. Amicizie I. Fare regali L. Appartenenza a gruppi M. Appuntamenti A. Gioco con giocattoli B. Interesse verso l ambientel C. Gioco con altre persone D. Attività immaginativa H. Partecipare a giochi E. Condivisione e cooperazione G. Seguire le regole nel gioco

27 Scala e subscale SOCIALIZZAZIONE Gioco e tempo libero Regole sociali Uso del televisore e della radio Categoria Hobby e sport Uscita con amici Buone maniere Competenze nel rispettare le rgole Scusarsi Mantenere segreti Controllo degli impulsi Responsabilità F. Guardare la televisione Cluster L. Uso di radio e di televisione per intrattenimento e informazione ]. Hobby K. Attività extra-scolastiche L Uscire con amici M. Uscire da solo con amici B. Prime forme di cortesia C. Buona educazione nella conversazione G. Buona educazione a tavola A. Rispetto delle regole D. Gestione responsabile del proprio tempo L. Scusarsi F. Mantenere segreti o confidenze E. Sensibilità verso gli altri H. Controllo dei propri impulsi ]. Prendere a prestito e restituire K. Fissare e rispettare i propri appuntamenti

28 Scala e subscale ABILITÀ MOTORIE Grossolane Fini Stare seduto Categoria Camminare e correre Attività motorie di gioco Manipolazione degli oggetti Disegnare e usare forbici A. Stare seduto Cluster B. Prime forme di movimento C. Camminare D. Correre F. Uso delle scale E. Saltare G. Arrampicarsi H. Saltellare L. Lanciare e afferrare la palla ]. Guidare triciclo e bicicletta A. Uso di entrambe le mani B. Raccogliere oggetti e fare costruzioni C. Completare puzzle E. Aprire cassetti e porte D. Disegnare F. Uso delle forbici

29 Conduzione dell intervista Conduzione dell intervista Leggete gli item vicini al punto di partenza per determinare un area appropriata da indagare con una domanda generale, del tipo «Cosa fa Giacomo a scuola riguardo a lettura e scrittura?» Non è necessario iniziare l approfondimento l con il primo item del cluster di partenza. Una strategia efficace è quella di iniziare con una domanda che potrebbe dar luogo a più risposte piuttosto che con un quesito relativo ad uno specifico item. Ad esempio, se il cluster di partenza comprende l iteml «Indica quale di due oggetti non presenti alla vista è più grande» L intervistatore potrebbe dire: «Mi dica cosa sa Sandra riguardo alla dimensione degli oggetti». Se, invece, l intervistatore l dicesse: «Mi parli della pronuncia e del linguaggio di Sandra», ciò produrrebbe informazioni relative ad un certo numero di item attinenti al linguaggio. Di fatto, l informazione l sulle conoscenze di Sandra riguardo alla dimensione degli oggetti potrebbe venire fuori spontaneamente dalla discussione sul suo sviluppo della pronuncia e del linguaggio.

30 A quali item può essere attribuito,, e a quali item no,, un punteggio sulla base delle informazioni contenute nella risposta ad una domanda generale. Ad esempio, se l intervistatore l dice: «Mi parli delle parole che utilizza Gianni»,, l interlocutore l può rispondere: «Oh, parla in modo fluente. Riesco a stento a stargli al passo. Il suo vocabolario è troppo ampio da quantificare a questo punto davvero, il suo vocabolario è tanto vasto quanto quello di mio figlio di 10 anni». L intervistatore viene così a sapere che Gianni di solito o abitualmente «Dice almeno 50 parole riconoscibili» e «Dice almeno 100 parole riconoscibili». L intervistatore non può, tuttavia, dedurre se Giovanni «Articola chiaramente senza alcuna sostituzione di suono» o «Usa i plurali irregolari». Se la risposta non indica chiaramente se l individuo l realizza l attività descritta da un particolare item, o se l intervistato l ha impressioni vaghe su ciò che il soggetto fa, si deve continuare con gli approfondimenti,, ricorrendo a domande più specifiche. In alcuni casi, chiedere all interlocutore di fare esempi di abilità specifiche consentirà di determinare il punteggio. Ad esempio, si potrebbe dire: «Mi faccia qualche esempio di ciò che Gianni fa per aiutare in casa sa».

31 Estratto da un intervista I: «Come si comporta Claudia a tavola?» «Deve migliorare.» l: «Cosa desidererebbe che migliorasse? Mi faccia un esempio.» «Masticare a bocca chiusa.» l: «E E riguardo ad altre cose. come ad esempio usare il tovagliolo?» «Si, usa il tovagliolo, se c èc è:: tuttavia, non si alza per prenderlo, se manca.» l: «Bene. Cosa fa Claudia quando desidera che le venga passato del cibo c a tavola?» «Oh... stiamo lavorando proprio su questo. Qualche volta lo prende e da sola, altre volte lo chiede. Però devo ricordarle di dire per piacere.» l: «Come gestisce la rabbia? Esplode a volte?» «Sì,, qualche volta. L altro L giorno voleva che Luigi desse da mangiare al cane: io le ho detto che lui non poteva e lei è andata al piano di sopra e ha dato calci al muro. Non lo faceva da molto tempo.» l: «Allora capita?» «Sì,, una volta ogni tanto. Comincia ad alzare la voce sempre di più. È così difficile quando si ha un bambino piccolo, perché vorresti gridare a tua volta ma non si può andare in giro urlando.» I: «Se non ottiene ciò che vuole, come reagisce?» «Diventa matta, grida di solito va in camera sua.» l: «Se Lei critica qualcosa che Claudia fa, come reagisce?» «Se la prende con me, ma sta facendo progressi.» I: «Va bene. Ora mi dica in che modo Claudia prende una decisione. Ragiona R prima sulle cose?» «Di solito è piuttosto impulsiva. Le dico sempre: Rifletti prima di agire,, ma lei non lo fa. Si butta nelle cose e qualche volta si mette nei guai.»

32 Determinazione della soglia base Dopo aver ottenuto tutte le informazioni necessarie per attribuire un punteggio agli item relativi all area area generale indagata, si proceda con gli altri item al di sotto o al di sopra del punto di partenza fino a quando si determina la soglia base della subscala. Dopo l identificazione l della soglia base, si proceda con le domande generali, area per area, fino alla somministrazione di tutti gli item della subscala.

33 Procedure di scoring Procedure di scoring L intervistatore deve acquisire familiarità con ogni item e con i criteri per l attribuzione l del punteggio come indicati nell Appendice A del manuale. I criteri per l attribuzione l del punteggio dovrebbero essere consultati durante tutta l intervista. l Ad esempio, per l item l Arriva al lavoro in orario, all intervistatore è data l istruzione l Il lavoro può essere a tempo pieno o parziale, ma per attribuire 2 punti è necessario che sia regolare e da almeno sei mesi. Se non lavora o non ha lavorato negli ultimi sei mesi, 0 punti. In Appendice A vi sono anche i criteri generali di scoring che si applicano a particolari cluster di item. Si ponga particolare attenzione agli item ai quali possono o non possono essere assegnati certi punteggi.

34 Punteggi agli item Punteggio 2 = a seconda che l attivitl attività sia realizzata di solito o abitualmente Punteggio 1 = qualche volta o con parziale successo; Punteggio 0 = mai Punteggio N = non sia realizzata a causa di impedimenti circostanziali esterni ( Assenza( di opportunità à ); Punteggio NS = sia un comportamento o un abilit abilità di cui l intervistato l non conosce la prestazione del soggetto ( Non( so ). I punteggi devono essere trascritti nel questionario nella colonna alla destra degli stessi.

35 Si attribuisce il punteggio 2 se l attivitl attività È esercitata in modo soddisfacente o abitualmente si ricordi che il punto fondamentale è se il soggetto fa l attività, non se può farla È esercitata soltanto in modo occasionale ma, qualora ve ne sia l opportunità,, l individuo l la fa correttamente esempi di questo tipo sono saltellare, completare puzzle o attraversare strade È stata esercitata in modo soddisfacente in passato ma il soggetto non ha più bisogno di realizzarla, come, ad esempio, chiedere di usare la toilette questo va distinto dal caso in cui il soggetto non realizza più un attivit attività adeguata alla sua età,, come un bambino che a 7 anni siede a tavola abitualmente e in modo appropriato senza essere sollecitato a farlo ma che a 12 anni siede a tavola solo dopo ripetuti solleciti. Un bambino di questo tipo dovrebbe ottenere il punteggio 2 all et età di 7 anni, ma il punteggio 0 all et età di 12 anni È esercitata di consueto ma in modo lievemente differente a causa di una disabilità esempi di questo tipo sono l uso l del linguaggio dei segni o di uno strumento di telecomunicazione da parte dei soggetti con danni uditivi e l uso l del braille da parte dei portatori di handicap visivi.

36 Si attribuisce il punteggio 1 se il soggetto manifesta forme iniziali della prestazione ad esempio, sale le scale carponi il soggetto esercita l attivitl attività talvolta in modo adeguato ma non con abitudine ad esempio, fa il letto in modo soddisfacente qualche volta ma non di consueto il soggetto realizza con successo solo parte dell attivit attività ad esempio, quando dàd l indirizzo di casa non indica la città.

37 Si attribuisce il punteggio 0 se il soggetto è troppo giovane o immaturo per realizzare l attività l attività è superiore alle capacità del soggetto il soggetto può esercitare l attività ma lo fa raramente un deficit fisico o sensoriale impedisce la realizzazione dell attivit attività l attività è superiore alle capacità fisiche del soggetto ad esempio, non è abbastanza alto da raggiungere i pedali di una bicicletta e dunque non la usa al soggetto non è permesso di esercitare l attivitl attività come usare il telefono al soggetto non è richiesto di realizzare l attivitl attività come usare il tovagliolo un altra persona realizza l attività al posto del soggetto ad esempio, allacciargli le scarpe al soggetto non è stato insegnato come realizzare l attività come il comportamento a tavola il soggetto non è consapevole della necessità dell attivit attività come seguire regole di sicurezza il soggetto non esercita l attività per mancanza di interesse ad esempio. fare giochi il soggetto non ha mai avuto motivo di realizzare l attivitl attività come usare un telefono pubblico il soggetto si affida al responsabile per realizzare l attività come fare amicizie

38 Il punteggio N (Assenza di opportunità) è consentito Solo quando in riferimento all item è indicato Può essere segnato N N Quando la performance dell attivit attività presentata nell item richiede un oggetto che non è disponibile nell ambiente del soggetto e che dunque impedisce la realizzazione dell attivit attività. Ad esempio, per l item l Dice il proprio numero di telefono, se richiesto,, può essere attribuito il punteggio N se nella residenza del soggetto manca il telefono. Televisori e biciclette sono altri esempi di oggetti di questo tipot Se il soggetto è troppo giovane per realizzare l attivitl attività anche se esso non è disponibile, il punteggio all item è 0 e non N. Il punteggio NS (Non so) NS dovrebbe essere utilizzato soltanto per gli item che descrivono le attività che si manifestano in setting non osservabili dalla persona deputata a rispondere,, come una scuola o una biblioteca. Di solito, l uso l di esempi tratti da quanto l intervistato l ha detto in precedenza riguardo al soggetto può fargli affiorare il ricordo del comportamento in questione.

39 La soglia base Per ottenere la soglia base per ogni subscala del comportamento adattivo, bisogna cominciare con il cluster iniziale e procedere con l intervista l fintanto che si stabilisce una soglia base di 2 cluster consecutivi con tutti gli item a punteggio 2. 2 Quindi vanno compilati tutti gli item della subscala che seguono il più alto item di base. In alcuni casi, per individuare la soglia base è necessario indagare aree precedenti al punto di partenza. A volte, soprattutto nel caso di soggetti con disabilità gravi, è impossibile stabilire la soglia base. A tutti gli item al di sotto della soglia base si attribuisce punteggio 2. 2

40 Punteggi grezzi Calcolo delle somme dei cluster e dei punteggi grezzi delle subscale segnare la lettera indicante il primo cluster della soglia base più elevata; attribuire la somma più alta possibile a tutti i cluster che precedono il primo cluster della soglia base più elevata; sommare i punteggi attribuiti agli item di ciascun cluster, a partire dal primo cluster della soglia base più elevata fino all ultimo cluster della subscala, attribuendo il valore numerico di 1 agli item contrassegnati con le lettere N o NS; annotare il totale di tutte le somme dei cluster nella casella predisposta per il punteggio grezzo delle subscale.

41 Prof. Stefano Federici

42 Prof. Stefano Federici

43 Compilazione del riepilogo dei punteggi Nel protocollo per il conteggio si trova il riepilogo dei punteggi dove devono essere annotati i punteggi grezzi e quelli normativi relativi alle scale, subscale e alla Scala composta. I punteggi grezzi delle subscale I punteggi grezzi delle subscale di ciascuna scala vanno sommati e il loro totale, cioè il punteggio grezzo di scala, deve essere annotato nella corrispondente cella della colonna Punteggio grezzo.

44 Punteggi normativi Come ottenere i punteggi normativi è possibile ricavare punteggi normativi di tipo diverso e rispetto o a diversi gruppi di standardizzazione formati da soggetti normodotati o con disabilità cognitiva con almeno 6 anni di età. Soggetto normodotato o con disabilità senza deficit cognitivi è sufficiente rilevare i punteggi normativi solo rispetto ai soggetti normodotati (punteggi( età equivalente). Soggetto con disabilità cognitiva (ritardo mentale, deficit cognitivo) è invece opportuno rilevare i punteggi normativi rispetto al gruppo dei normodotati (punteggi( età equivalente) se ha almeno 6 anni, anche rispetto al gruppo dei soggetti con disabilità punteggi QI di deviazione e corrispondenti intervalli di confidenza; nza; differenze significative dei punteggi ponderati dalla media dei punteggi in tutte le scale; livelli di funzionamento adattivo.

45 Punteggi normativi con soggetti normodotati Punteggi età equivalente per le scale e subscale I punteggi età equivalente vanno rilevati utilizzando il punteggio grezzo e la tabella Punteggi età equivalente per le scale e subscale E33 per le scale, E34-E37 E37 per le subscale e riportati nel riepilogo dei punteggi nella colonna Punteggi età equivalente. Punteggi età equivalente per la Scala composta Calcolare la media aritmetica o la mediana dei punteggi età equivalente conseguiti nelle scale. <6 anni si considerino i punteggi età equivalente conseguiti in tutte e 4 le scale. 6 6 anni si considerino solo le 3 scale senza Abilità motorie. È più indicata la media aritmetica. È più opportuno il calcolo della mediana nei casi in cui Uno o più dei punteggi età equivalente sia inferiore al punteggio minimo (ad esempio, Inferiore a 1 anno e 6 mesi ) ) o superiore a quello massimo (ad esempio, Superiore a 16 anni e 11 mesi ).

46 Calcolo della mediana dei punteggi età equivalente per la Scala composta Individui con età cronologica inferiore ai 6 anni Punteggi età equivalente delle scale Ordinati Individui con età cronologica uguale o superiore ai 6 anni Punteggi età equivalente delle scale Ordinati Comunicazione Comunicazione Abilità quotidiane Abilità quotidiane > Socializzazione < Socializzazione 14-9 > Abilità motorie 2-4 < Ordinare i punteggi età equivalente conseguiti nelle scale dal più alto al più basso. 2. Individuare i due punteggi età equivalente fra i quali cade la posizione mediana e calcolare la media di Tali punteggi. Esempio. Il punteggio età equivalente della Scala composta corrisponde alla media dei punteggi età equivalente conseguiti nelle scale Abilità motorie (2-4) e Comunicazione (2-1): esso è pari a Ordinare i punteggi età equivalente conseguiti nelle scale dal più alto al più basso. 2. Individuare il punteggio età equivalente che è nella posizione mediana. Esempio. Il punteggio età equivalente della Scala composta corrisponde a quello della scala Socializzazione: : esso è pari a 14-9.

47 Punteggi normativi dei soggetti con disabilità cognitiva Punteggi QI di deviazione delle scale e subscale Va rilevato il punteggio QI di deviazione (M = 100, DS = 15) per ogni scala e subscala del comportamento adattivo, utilizzando le tabelle di conversione dei punteggi grezzi in punteggi ponderati riportate in Appendice B (tabb( tabb.. B1-B25) B25) e individuando il gruppo di età con caratteristiche simili a quelle del soggetto valutato. A tale scopo, se il soggetto è in età evolutiva si deve selezionare uno dei tre possibili gruppi normativi in base all et età del soggetto (dai 6 ai l0 anni: dai 10 ai 14 anni: dai 14 ai 20 anni); se il soggetto è adulto, vale a dire ha almeno 20 anni. si deve selezionare uno tra i due possibili gruppi normativi a seconda che il soggetto viva in famiglia o in istituto. I punteggi QI di deviazione corrispondenti a ogni punteggio grezzo di scale e subscale vanno quindi riportati nella colonna denominata Punteggio QI di deviazione.

48 Somma dei punteggi QI di deviazione delle scale e punteggio QI di deviazione della Scala composta I punteggi QI di deviazione delle scale vanno sommati e tale somma va riportata nella casella denominata Somma dei punteggi QI di deviazione delle scale.. Si consideri anche il punteggio conseguito nella scala Abilità motorie, qualora essa sia stata compilata. Data la somma dei punteggi QI di deviazione delle scale, va rilevato il punteggio QI di deviazione (M = 100, DS = 15) per la Scala composta utilizzando la tabella B26 e riportato nella corrispondente cella della colonna Punteggi QI di deviazione.

49 Intervallo di confidenza per i punteggi QI di deviazione delle scale, subscale e della Scala composta Va rilevato l intervallo l di confidenza dei punteggi QI di deviazione utilizzando la tabella B27 per le scale e la Scala composta e la tabella B28 per le subscale e selezionando il gruppo di età utilizzato per rilevare i punteggi ponderati. È possibile scegliere fra due intervalli di confidenza corrispondenti alle due percentuali di errore pari all 1 1 e al 5%. Per annotare gli intervalli di confidenza nel riepilogo dei punteggi bisogna scrivere innanzitutto la percentuale di errore prescelta nello spazio bianco percentuale di errore... che è nella parte superiore della colonna Intervallo di confidenza,, quindi nella colonna va annotato! intervallo! di confidenza di ciascun punteggio QI di deviazione dopo il segno ±.

50 Differenze significative fra i punteggi normativi nelle scale dalla media dei punteggi in tutte le scale Si calcoli: a) la media dei punteggi QI di deviazione conseguiti nelle scale (con o senza la scala Abilità motorie): b) la differenza fra il punteggio QI di deviazione conseguito per ciascuna scala e la media dei punteggi e la si approssimi alle unità.. Si rilevi se tale differenza è statisticamente significativa confrontandola con i valori minimi di differenza significativa nelle tabelle B29 e B30 riportati per il medesimo gruppo di età già utilizzato per rilevare i punteggi normativi delle scale (scegliere la tabella B29 o B30 a seconda che la scala Abilità motorie non sia o sia stata utilizzata). È possibile scegliere fra due differenze minime corrispondenti alle percentuali di errore pari all 1 1 e al 5%; in entrambi i casi la differenza rilevata è statisticamente significativa se è uguale o superiore alla differenza minima riportata nella tabella. Sul riepilogo dei punteggi indicare nell apposita colonna la percentuale d errore d prescelta (nello spazio percentuale di errore... ), quindi indicare come Abilità punto di forza (APF) le scale i cui punteggi QI di deviazione sono significativamente superiori al punteggio medio e come Abilità punto di debolezza (APD) le scale i cui punteggi QI di deviazione sono significativamente inferiori al punteggio medio.

51 Livelli di funzionamento adattivo per le scale, subscale e per la Scala composta Si ricavi il punteggio grezzo di Scala composta sommando i punteggi grezzi conseguiti nelle scale (con o senza la scala Abilità motorie), quindi si rilevi il livello di funzionamento utilizzando i corrispondenti punteggi grezzi e la tabella B3l per le scale e la Scala composta, la tabella B32 per le subscale e individuando, dato il gruppo di età già utilizzato per i punteggi ponderati, il sottogruppo con grado di disabilità cognitiva simile a quello del soggetto.

52 Protocollo per il punteggio 1/2 Prof. Stefano Federici

53 Protocollo per il punteggio 2/2 Prof. Stefano Federici

54 Il caso di Tommaso Tommaso è un ragazzo di 29 anni e 4 mesi con diagnosi di ritardo mentale lieve che frequenta un centro educativo per soggetti con disabilità e vive in un appartamento con altri cinque ragazzi disabili con la supervisione costante di due educatori. Nella Scala composta ha conseguito un punteggio età equivalente pari a 14 anni e 9 mesi che è inferiore al punteggio atteso per un soggetto di pari età. Nelle singole scale ha ottenuto punteggi pari a 11 anni e 3 mesi per Comunicazione, superiore a 16 anni e 11 mesi per Abilità quotidiane, e pari a 14 anni e 9 mesi per Socializzazione. Le abilità comunicative appaiono le più compromesse, quelle quotidiane le più sviluppate.

55 Un analisi dei punteggi conseguiti nelle singole subscale rileva che il livello delle abilità comunicative è complessivamente costante nelle singole aree: Ricezione (9 anni e 2 mesi punteggio età equivalente), Espressione (9 anni e 8 mesi punteggio età equivalente) e Scrittura (10 anni e 4 mesi punteggio età equivalente). Per quanto riguarda le abilità quotidiane l area l Personale (10 anni e 6 mesi punteggio età equivalente) è più compromessa delle aree Domestico e Comunità (punteggio età equivalente superiore ai 16 anni e Il mesi in entrambi i casi). Nelle abilità sociali l area l Gioco e tempo libero (16 anni punteggio età equivalente) è più sviluppata delle aree Relazioni interpersonali (I3 anni e 2 mesi punteggio età equivalente) e Regole sociali (13 anni e 6 mesi punteggio età equivalente). I livelli di funzionamento adattivo, che descrivono la prestazione di Tommaso rispetto al sottogruppo dei soggetti con ritardo mentale lieve, sono sempre superiori a quelli medi.

56 Conclusioni In accordo alla diagnosi di ritardo mentale, Tommaso presenta un livello di sviluppo di comportamento adattivo inferiore a quello atteso. Le sue prestazioni sono superiori a quelle medie rilevate per soggetti adulti con disabilità cognitiva che vivono in strutture non residenziali (e in particolare con livello lieve di d ritardo mentale). Il profilo di comportamento adattivo rileva che le abilità comunicative, generali e specifiche, e le abilità quotidiane personali sono le più compromesse. Sarà quindi opportuno analizzare i punteggi nei singoli cluster di item per rilevare le aree maggiormente danneggiate e che, se ritenuto opportuno, possono essere oggetto di interventi riabilitativi.

57 Prof. Stefano Federici 57

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi

QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi Nome e Cognome del/la bambino/a Nome e Cognome della persona che compila

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition

Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Kaufman Assessment Battery for Children Second Edition Autori Alan S. Kaufman e Nadeen L. Kaufman Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 anni a 18 anni e 11 mesi Tempo di somministrazione Subtest

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli