Istanbul, ultima frontiera dell Europa verso est

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istanbul, ultima frontiera dell Europa verso est"

Transcript

1 È l avamposto fortificato dell Unione Europea, nella quale a loro volta i turchi cercano di entrare. Gendarme di Bruxelles, Istanbul lotta con determinazione contro l immigrazione illegale, respingendo, deportando, Istanbul, ultima frontiera dell Europa verso est GEOPOLITICA testo e fotografie di Emiliano Bos rimpatriando i clandestini. Ma così facendo corre il rischio di snaturare se stessa e la propria storia. Che tutti riconoscono ricca di capacità di confronto e accoglienza L e acque torbide del Corno d Oro mulinano in un via-vai incessante di traghetti. I riverberi di luci metalliche sembrano incendiare le cupole delle moschee dell antica Bisanzio, mentre le ombre si allungano sulla banchina di pietra bianca. Da questa posizione si scorgono migliaia di scarpe d ogni foggia correre rapide verso l imbarcadero per la sponda asiatica di Istanbul. Si avvicina il tramonto. La metropoli ha il ritmo ronzante di un alveare laborioso. Davanti a Kadikoy Iskelesi, il molo dei traghetti per la breve traversata intercontinentale, staziona ancora il venditore di simit, con il carretto carico dei tipici anelli di pane cosparsi di sesamo. L Asia Minor si trova a 15 minuti di navigazione. L Europa Maior è qui. Lahat Ndaye c è arrivato: questo senegalese dinoccolato ha messo piede nel vecchio continente ormai cinque anni fa, senza più muoversi. E si è scelto un angolo di grande passaggio per offrire le sue mercanzie agli avventori. Passaggi di uomini e merci, quest incredibile città, ne vede da secoli. Come ai tempi della Sublime Porta. Solo che adesso la Turchia è davvero la porta d Europa. Non più sublime, ma solo chiusa. È l avamposto fortificato dell Unione Europea, di cui i turchi a loro volta cercano l ingresso. Gendarme di Bruxelles sul fronte orientale, il governo di 24

2 GEOPOLITICA Ankara vigila sulle frontiere dei 27 con controverse politiche di lotta all immigrazione illegale: respinge, deporta, rimpatria i clandestini. Talvolta, di rado, li tollera. I ruoli di pattugliamento come accade anche tra Mediterraneo e Oceano Atlantico sono delegati ormai all esterno dell Ue, polo catalizzatore di una moltitudine di migranti da ogni direzione. La Turchia accetta di fare il cane da guardia degli europei, sostiene la sociologa Didem Danis, docente di Nuove migrazioni e flussi transnazionali all Università Galatasaray di Istanbul. Non ci sono più mercanti veneziani, combattenti mamelucchi o commercianti persiani. La Nuova Costantinopoli è (ed è sempre stata) un caleidoscopio di popoli: al composito mosaico locale di turchi, curdi, greci, armeni s aggiunge il crogiuolo di genti che si incrociano su questa rotta alternativa dell emigrazione. Suo malgrado, la Turchia, e Istanbul in particolare, è ormai un crocevia di somali, georgiani, etiopi, iracheni, azeri, ucraini, iraniani, georgiani, nigeriani, afghani, ivoriani. Diventeremo un cimitero di migranti e rifugiati, dice un funzionario del ministero dell Interno che non vuole né può fornire il suo nome. Non vogliamo restare a guardare questo grande flusso. Intanto questo flusso s alimenta ininterrottamente ma sfugge ai visitatori. Rapiti dalla magnificenza della Moschea Blu di Sultan Ahmet e dei mosaici di Aya Sofia, i turisti spesso non s accorgono dell altra Istanbul. Una città nella città, dove invece degli splendidi monumenti carichi del passato ci sono quartieri che raccontano il presente. Abbiamo provato a percorrerla, senza la Lonely Planet. Kumkapi, ghetto d Africa Il nostro viaggio inizia a un centinaio di metri dalla fermata del moderno tram che taglia il centro di Istanbul. Si scende per una viuzza in forte pendenza, tra hotel dall aspetto poco invitante e grandi magazzini tessili. Il ventre molle di Istanbul si spalanca all improvviso: un formicaio di case con balconi diroccati, panni stesi con un filo tra un edificio e l altro, bambini che giocano scalzi per strada. È una Mergellina d Oriente, dove pure i rifiuti accumulati sull acciottolato sconnesso rendono i vicoli così simili alla Napoli di questi mesi. In fondo al dedalo di viottoli sbuca il Mar di Marmara, coi suoi flutti color piombo descritti da Orhan Pamuk. Per molti migranti africani, l alternativa al Mediterraneo è la ricerca di un pertugio tra i Dardanelli e il Bosforo. Anzi, l approdo sul Bosforo. Penultima tappa dell interminabile itinerario che nelle loro intenzioni dovrebbe terminare in Europa. E che invece spesso s arresta con un arresto da parte della polizia e la deportazione in un centro di detenzione in strutture finanziate dall Ue o con il trasferimento forzato in una città-satellite dell Anatolia. Migliaia di migranti sono comunque arrivati qui a Istanbul. Li trovi quasi tutti a Kumkapi, ghetto d Africa nella Bisanzio dei popoli. Michael, nigeriano con indosso una maglietta di Beckam, esce da un internet-cafè che rappresenta l indispensabile cordone ombelicale per i senza-patria come lui. Moussa Noura Duali, 35 anni, per raggiungere il lembo d Europa è arrivato a piedi dalla Somalia. A piedi? Sì, conferma il moderno pellegrino della postglobalizzazione, qualche ricciolo di barba già bianco e un cappellino di lana in testa. Dopo anni di guerra cercavo un alternativa. A ottobre dell anno scorso ho lasciato a Mogadiscio 25

3 ISTANBUL, ULTIMA FRONTIERA DELL EUROPA VERSO EST mia moglie e due figli, ci racconta Moussa, laurea in Agronomia e inglese fluente. La sua odissea ha dell incredibile: è partito dalla costa somala di Bosasso sfidando la rischiosissima traversata del Golfo di Aden sui barconi della disperazione, simili a quelli che approdano a Lampedusa. Poi lo sbarco in Yemen. Quindi in cammino attraverso l Arabia Saudita, il passaggio in Iraq e l arresto della polizia turca al confine. Quasi due mesi di carcere e poi qui a Istanbul. Di questa città conosco solo i cento metri della strada dove vivo ora, sorride amaro. Africa street, la si potrebbe chiamare. Congolesi, nigeriani, somali, camerunensi condividono divisi per comunità d appartenenza qualche squallida stanza presa in affitto nel quartiere di Kumkapi. L obiettivo è l Europa, aggiunge Moussa, che però non ha soldi per proseguire né per pagare qualche passeur disposto a traghettarlo su un isola greca per parecchie centinaia di euro. Viene da Mogadiscio anche Abdelkader Sheick, 29 anni, che prima di arrivare alla periferia d Europa è rimasto quattro anni in un campo profughi dell Onu in Yemen. Noi somali ci spariamo perfino di casa in casa, questo è davvero troppo. Perciò sono partito, sbotta. Quando ha incontrato Moussa nella penisola arabica, l ha seguito fin qui. Ora condivide con lui l assurda attesa di un futuro che

4 GEOPOLITICA potrebbe non arrivare mai. La polizia non ci espelle, ci sopporta. In carcere ci hanno dato un documento che attesta la nostra provenienza, spiega Abdelkader. Se ci fermano, gli agenti ce lo chiedono. E qualche volta pretendono pure denaro... ma non con noi, forse hanno compassione dei somali. Tutto sommato ci hanno accolto, riflette Moussa. Che trova persino la forza di uno slancio ironico: Siamo sfuggiti alla guerra passando per l Iraq. Be, là non è poi così male come dicono... è persino meglio della Somalia. Sveta e le valigie di Mosca Ma Kumkapi non è solo una little Africa. È popolata anche da migliaia di immigrati provenienti dalle ex-repubbliche sovietiche. Che di solito lavorano in Turchia per qualche anno e poi tornano nel loro Paese d orgine. Sveta, 32enne ucraina con due figli affidati in patria ai nonni, abita da queste parti. Ha trovato un impiego al Fimca, emporio di vestiti quasi all ingrosso ma di discreta qualità nel confinante quartiere di Laleli. Sono una modella, è la sua un po imprecisa autopresentazione in un francese scolastico. In realtà è un indossatrice per i clienti dell outlet, soprattutto russi facoltosi. Arrivata qui sei mesi fa, dice di essere laureata in Letteratura e Giurisprudenza. Mostra un tesserino della

5 ISTANBUL, ULTIMA FRONTIERA DELL EUROPA VERSO EST polizia: sulla fototessera indossa una divisa con tre stelle. Anche il suo nome vuole dire Stella. Ora paga 500 dollari al mese per una stanza, il resto lo spedisce a casa. Un paio di strade più in là, le vetrine di vestiti lasciano il posto ai depositi di piccole società di trasporti. Scritte in cirillico, furgoncini stracarichi di pacchi d ogni misura. Cargo Moskva è dipinto con la vernice rossa su un insegna. Da qui ogni giorno partono decine di automezzi per la Russia. Con a bordo una montagna di valigie. Io invece il mio bagaglio lo porto una volta al mese in aereo, butta lì Sveta. Non vuole aggiungere altri dettagli. Non qui, almeno. Li racconta dieci minuti di cammino più tardi a un tavolino di un kebab-coffee davanti alla Moschea di Beyat, al sicuro tra turisti anonimi. Disegna uno schema su un tovagliolino del bar. Traccia due punti: qui Istanbul, qui Mosca. Il capo-cargo, spiega Sveta, compra una decina di biglietti d aereo low cost tra le due città, con date fisse e ampio anticipo, risparmiando centinaia di dollari per tagliando. Ogni ticket garantisce il diritto a un bagaglio di 34 chilogrammi esentasse. I viaggiatori come Sveta acquistano il biglietto dal capo a un poco più di cento dollari, con evidente risparmio rispetto alla tariffa normale. Una volta al mese devo necessariamente uscire dalla Turchia per rientrare col visto turistico, altrimenti divento illegale, spiega l ex-poliziotta. Ogni volta deve portare una valigia nella capitale russa. Cosa contiene? Di tutto, immagino. Vestiti nuovi o altro. Ma non l ho mai aperta perchè è sigillata col nastro adesivo. E se all interno ci fosse, per esempio, droga... Non lo so davvero. Sono consapevole del rischio ma per me è l unica possibilità. In cinque viaggi non mi ha mai controllato nessuno, tantomeno all aeroporto di Mosca. Funziona perché tutti traggono vantaggio dal sistema. La nuova Costantinopoli Alla fine di ottobre 2007, l Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Acnur/Unhcr) aveva censito in Turchia non-europei, poco più della metà con lo status di refugee, gli altri come richiedenti asilo. Tra questi, 4457 iracheni. Cifre probabilmente sottostimate, dice ancora la sociologa Didem Danis durante una conversazione in un elegante bar all angolo della moderna piazza Taksim, epicentro della Istanbul griffata, dove il dibattito sulla laicità dello Stato e sul velo delle donne sembra persino già superato. La Turchia argomenta Danis dovrebbe essere solo un transito temporaneo, soprattutto per chi è fuggito dall Iraq. Ma gli iracheni, aggiunge, sanno benissimo che non torneranno più a casa e attendono a lungo prima di partire per un altra destinazione. Il governo di Ankara si mostra relativamente flessibile nei loro confronti: Non so se sia per indiffierenza deliberata, ma sta di fatto che non vengono deportati. Tranne nel caso dei curdi: contro questa minoranza scatta il rimpatrio. Anche perché la Turchia pone limitazioni geografiche all applicazione delle convenzioni internazionali: gli iracheni provenienti dalle tre province del Kurdistan non hanno gli stessi diritti degli altri. Chi è scappato da Baghdad o Bassora può aspirare allo status di rifugiato, col diritto al trasferimento in un Paese terzo, di solito Stati Uniti, Canada o Australia. Curdi e africani restano richiedenti asilo sine die, sottolinea l esperta di flussi migratori. Per l ingresso in Europa, l Ue chiede ad Ankara (oltre a una maggiore libertà di stampa e garanzie sui diritti civili) anche la rimozione di queste clausole di limitazione. Intanto l aviazione turca bombarda le basi dei ribelli del PKK nel Kurdistan iracheno mostrando pure le immagini in tv. Lontano da telecamere e cronisti, con operazioni silenziose e poco pubblicizzate, la polizia turca invece deporta i 28

6 GEOPOLITICA _Kadikoy Iskelesi è il molo da cui partono i traghetti per la breve traversata intercontinentale, 15 minuti di navigazione, che porta in Asia Minor. Oggi la Turchia è davvero la porta d Europa clandestini curdi oltrefrontiera. Oppure rinchiude i migranti illegali nei centri di detenzione. Ospiti indesiderati, s intitola l ultimo rapporto dell Helsinki Citizen Assembly, organizzazione locale che garantisce assistenza legale a profughi e richiedenti asilo. Il documento denuncia le condizioni dei migranti, che raccontano di maltrattamenti da parte della polizia, diritti negati, pessime condizioni igieniche e persino acqua potabile solo a pagamento. Uno di loro, il 24enne nigeriano Festus Okey, giocatore dilettante di calcio, nel 2007 è stato pestato a morte dai poliziotti del commissariato di Beyoglu, a Istanbul. Gli africani osserva la sociologa sono i più vulnerabili e il loro numero sta aumentando visto che l Europa cerca di sigillare le sue comunque porose frontiere. E allora si cerca il varco a nord-est, verso la nuova Costantinopoli. Kurtulus, periferia di Baghdad Per favore non scrivere il mio nome, temo per la mia famiglia rimasta a Baghdad. Lo chiameremo Ali, 28 anni. Una laurea in Odontoiatria, un impiego precario e provvisorio come gestore di un internetpoint. Lo incontriamo a metà di una salita del quartiere Kurtulus: sulla sinistra, palazzine popolari. Sulla destra, la piccola insegna arancione Metin internet. Le tariffe sono in caratteri arabi. Qui i clienti sono tutti iracheni, spiega Ali, che ha lavorato anche per il ministero della Sanità di Baghdad. Troppi rischi nella mia città, sono scappato dopo le minacce. Il resto della sua famiglia si era sgretolato mentre crollava anche il regime di Saddam Hussein: un fratello in Canada, un altro negli Stati Uniti e la sorella in Svezia. Lui qui, con la speranza di raggiungere presto uno dei suoi congiunti. Ma l attesa media è di mesi, spiega Georgi Mansur, un cristiano iracheno di origine assira. Arrivato a febbraio 2003, ora aiuta i connazionali a gestire le pratiche di richieste di asilo. Molti passano illegalmente in Grecia, ci spiega. Ma la maggior parte attende anche anni il ricongiumento con i parenti fortunati già all estero. Nelle stradine di saliscendi tra i quartieri di Kurtulus, Elmadag, Dolapdere e Tarlabasi vivono parecchie migliaia di iracheni, in gran parte cristiani. Come Michael Rami, ingegnere meccanico di 48 anni. Abita in un appartamento in affitto piccolo ma dignitoso con due figli adolescenti, moglie e suocera 84enne. Avevo un buon giro d affari grazie al mio negozio di autoaccessori nel distretto di Karrada a Baghdad, racconta invitandoci a pranzo a casa. Mi hanno minacciato, ho chiuso la mia attività e ci siamo trasferiti qui. L aereo per Istanbul è stata la via d uscita dal delirio iracheno. Per lui era già la seconda guerra. La prima è stata quella contro l Iran, nove anni prigioniero nella città di Sari, dice appoggiando la mano sulla fronte, i capelli brizzolati e i baffetti con le stesse sfumature di grigio. Mostra il documento della Croce Rossa, rilasciato al confine con l Iraq il 27 agosto Nella capitale si è rifatto una vita, la famiglia, l attività commerciale. Poi la nuova fuga. Ho sofferto per la mia terra e l ho dovuta abbandonare di nuovo. Ma Baghdad resta nel cuore e nella testa, che fa ancora più male. Tornerete in Iraq? No, anche se sono home sick, ho nostalgia. Ma per i miei figli è troppo pericoloso. Tutti i giorni comunica via chat con Jamad, il vicino di casa sunnita, un vero amico. Se potessi tornerei Jamad anche ieri ha innaffiato le piante del mio giardino. 29

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Intervista a Yonous Muhammadi, President of Greek Forum of Refugees

Intervista a Yonous Muhammadi, President of Greek Forum of Refugees Carovana per i diritti dei migranti, per la dignità e la giustizia Lampedusa 22 novembre-torino 6 dicembre 2014 Ci può descrivere qual è la condizione che vivono i richiedenti asilo in Grecia? Intervista

Dettagli

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Segreteria di Stato della migrazione SEM Scheda informativa Data: 18.09.2015 Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione 1.1 Situazione in Siria

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Emergenza Iraq Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione del progetto: 2014 Sintesi del progetto

Dettagli

L altra voce di Lampedusa

L altra voce di Lampedusa L altra voce di Lampedusa di Sofia Crosta, Andrea Forcada, Anastasia-Areti Gavrili Lampedusa, 2011. Le strade sembrano essere fatte di persone, invece che di cemento. E noi siamo da soli! È un emergenza,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

La tragedia di Chernobyl

La tragedia di Chernobyl Da L Epresso Articolo di Margherita Belgioioso testo semplificato. 1 La tragedia di Chernobyl Per comprendere bene questo articolo, devi conoscere il significato delle seguenti parole: Centrale nucleare:

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI...

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... Collega ogni nome all aggettivo corretto. NOMI spettacolo leone lana musica arrosto gioiello cavaliere minestra sostanza fiore ragno scolaro bambina torta AGGETTIVI bollente

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 PERCHÉ CONOSCERE L ITALIANO È UN PLUSVALORE? 2 Italiano lingua del cuore Feten Fradi - esperta comunicazione audiovisiva Copeam La mia esperienza personale

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

CIÒ CHE CI SPEZZA IL CUORE E CI TRASFORMA IN MISSIONARIE: NELLE VIE DELLA SPERANZA INSIEME AI MIGRANTI

CIÒ CHE CI SPEZZA IL CUORE E CI TRASFORMA IN MISSIONARIE: NELLE VIE DELLA SPERANZA INSIEME AI MIGRANTI CIÒ CHE CI SPEZZA IL CUORE E CI TRASFORMA IN MISSIONARIE: NELLE VIE DELLA SPERANZA INSIEME AI MIGRANTI Terezinha Lúcia Santin, Ivanir Ana Filipi, Gjeline Preçi 1 Questo scritto ha lo scopo di presentare

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com Unesco: il castello di Erbil costruito ottomila anni fa dichiarato patrimonio dell Umanità Dopo la guerra del Golfo la città è diventata la capitale politica e culturale del Kurdistan iracheno Erbil (Kurdistan

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Interviste ai genitori Classi 3 C e 3 D

Interviste ai genitori Classi 3 C e 3 D Interviste ai genitori Classi 3 C e 3 D Domande : 1. Conosci persone che sono state costrette a spostarsi da Perugia in altri paesi o che sono venute a Perugia da altri paesi? 2. Conosci i motivi di questi

Dettagli

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche AIIG Associazione Italiana Insegnanti di Geografia Torino,

Dettagli

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI LIBERA UNIVERSITA MARIA SS. ASSUNTA Dipartimento di Giurisprudenza Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI Fenomeni migratori e politiche di inclusione.

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia

Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia La crescente instabilità politico-economica-sociale di tanti Paesi dell'africa sembra avere un effetto immediato sugli sbarchi degli migranti. Il peggioramento

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

LETTERE DEI MIGRANTI CHE HANNO PERSO LA VITA NEL MEDITERRANEO

LETTERE DEI MIGRANTI CHE HANNO PERSO LA VITA NEL MEDITERRANEO RESTIAMO UMANI LETTERE DEI MIGRANTI CHE HANNO PERSO LA VITA NEL MEDITERRANEO QUASI 60 MILIONI DI MIGRANTI FORZATI GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO Lettere LETTERE DEI MIGRANTI CHE HANNO PERSO LA VITA NEL

Dettagli

LA MIA CASA LIVELLO 3

LA MIA CASA LIVELLO 3 LA MIA CASA LIVELLO 3 Education Department Italian Consulate in London 1 Osserva le vignette. Poi ascolta. Leggi la descrizione e riconosci la casa di Luca fra i 4 disegni. Nel mio appartamento ci sono

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

IN CAMMINO. Ognuno di noi attraverso le scarpe porta con sè la propria storia. Roma, 19 e 20 giugno 2009

IN CAMMINO. Ognuno di noi attraverso le scarpe porta con sè la propria storia. Roma, 19 e 20 giugno 2009 Coord.Artisti Arte per IN CAMMINO Un'iniziativa artistico culturale e sociale promossa da il Coordinamento Artisti Arte per Ognuno di noi attraverso le scarpe porta con sè la propria storia Roma, 19 e

Dettagli

La IAAR si muove. Le iniziative si moltiplicano e le richieste d aiuto arrivano e portano i loro frutti.

La IAAR si muove. Le iniziative si moltiplicano e le richieste d aiuto arrivano e portano i loro frutti. La quota minima per essere membro della IAAR è di 10 euro l anno. Potete effettuare il vostro versamento sul contp in banca seguente de l IAAR - 2000 Antwerpen: IBAN: BE 757 33034737851 BIC: KREDBEBB O

Dettagli

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti

Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi. Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Immigrati e rifugiati: Oltre gli stereotipi Maurizio Ambrosini, università di Milano, direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si è spostata in

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 6 SPEDIZIONI PACCHI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 SPEDIZIONE PACCHI DIALOGO PRINCIPALE A- Ehi, ciao Marta. B- Ohh, Adriano come stai?

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

MANAGE AL CONFINE. Copertina

MANAGE AL CONFINE. Copertina Copertina MANAGE AL CONFINE Carlotta Sami, classe 1970, da gennaio 2014 è portavoce per il Sud Europa dell Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. In precedenza è stata direttrice generale

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE

PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE PROPOSTE PER LE CLASSI PRIME E SECONDE LA CONQUISTA DEL FUOCO CLASSE: prima DESCRIZIONE: un antico racconto africano per comprendere che siamo tutti diversi e che

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

: basta chiedere alle banche quanti

: basta chiedere alle banche quanti .d. Mettete in ordine le frasi disordinate presenti all interno del testo. L italiano si fa a scuola Negli ultimi trent anni, l Italia è divenuto un paese di immigrazione. Nell ultimo decennio, poi, essa

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

ISTITUTO LUCE CINECITTÀ presenta una produzione A BUON DIRITTO

ISTITUTO LUCE CINECITTÀ presenta una produzione A BUON DIRITTO ISTITUTO LUCE CINECITTÀ presenta una produzione A BUON DIRITTO UNA DISTRIBUZIONE Ufficio stampa Istituto Luce-Cinecittà Marlon Pellegrini t.: +39 06 72286 407 m.: +39 334 9500619 - m.pellegrini@cinecittaluce.it

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Janna Carioli. Poesie a righe. e quadretti

Janna Carioli. Poesie a righe. e quadretti Janna Carioli Poesie a righe e quadretti VOGLIO UNA SCUOLA Voglio una scuola che parla ai bambini come la rondine ai rondinini che insegna a volare aprendo le ali e sa che i voli non sono mai uguali. Voglio

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

impegno è la risposta!

impegno è la risposta! Se l abbandono è una emergenza il mio impegno è la risposta! campo di studio e sensibilizzazione A LAMPEDUSA la porta di ingresso verso una nuova vita Lampedusa, la porta di ingresso verso una nuova vita?

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori In viaggio Le parole per dirlo Emigranti -Migranti Immigrati Rifugiato Clandestino-irregolare Aree di accoglienza Flussi migratori Carta dei flussi migratori Condizioni di vita insostenibili Le cause economia

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza intermmedio 2 La famiglia Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia, a Milano, con la mia famiglia. Nella mia famiglia

Dettagli

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO Angela intervista Laura chi compie l azione azione compiuta oggetto su cui passa l azione NELLA FORMA PASSIVA, INVECE, IL SOGGETTO SUBISCE

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 RACCONTIAMO DI LUOGHI E DI FATTI CHE NON DEVONO ESSERE DIMENTICATI RICORDIAMO COLORO CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI SCEGLIERE IL BENE Classe v Scuola Primaria di

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

anno I, n.2, 2011 Recensioni

anno I, n.2, 2011 Recensioni L. Salamone, La disciplina giuridica dell'immigrazione clandestina via mare, nel diritto interno, europeo ed internazionale, Torino, Giappichelli 2011, pp. XXVI-406 Come è noto, gli arrivi irregolari per

Dettagli

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci LINEA DEL TEMPO I CAMBIAMENTI NEL FISICO Prima Ora/subito Dopo Data LA GIORNATA NELLA MIA

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si chiama Francesca, era molto simpatica; la seconda invece

Dettagli

> > > > > > VIAGGIARE TRA LUOGHI ED ABITANTI PROGRAMMA MAROCCO 2013 FORMA DEL VIAGGIO: TORNARE VIAGGIATORI 1 LUNGO I SENTIERI DEL TESSAOUT

> > > > > > VIAGGIARE TRA LUOGHI ED ABITANTI PROGRAMMA MAROCCO 2013 FORMA DEL VIAGGIO: TORNARE VIAGGIATORI 1 LUNGO I SENTIERI DEL TESSAOUT 02 VIAGGIARE TRA LUOGHI ED ABITANTI FORMA DEL VIAGGIO: TORNARE VIAGGIATORI 1 LUNGO I SENTIERI DEL TESSAOUT Il nostro viaggio-progetto nell alta valle del Tessaout. PERCORSI ETNICI si impegna a creare una

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Turchia & Defender. Selcuk, 8 settembre 05

Turchia & Defender. Selcuk, 8 settembre 05 Selcuk, 8 settembre 05 Turchia & Defender Eccoci qua: Laura (la fotografa nonche mia moglie), Zapy (il def) ed io appena passati il confine Grecia Turchia (da buoni genovesi abbiamo fatto la tratta Venizia

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli