LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E LE SCALE DI VALUTAZIONE: PREGI E LIMITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E LE SCALE DI VALUTAZIONE: PREGI E LIMITI"

Transcript

1 Trento 22 novembre 2007 LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E LE SCALE DI VALUTAZIONE: PREGI E LIMITI Bruno Bernardini SC Recupero Funzionale EO Ospedali Galliera, Genova

2 Prevalence and overlaps of comorbidity, disability and frailty Complex care needs Comorbidity Disability 21.5% 46.2% 5.7% 26.6% Frailty Proactive assessment Screening Fried, J Gerontol 2001;56(3):M146-M156, modificata.

3 Fragilità Sindrome biofisiologica caratterizzata dalla progressiva riduzione della riserva omeostatica a livello di ogni organo-sistema associata all invecchiamento. Questa riduzione, disomogenea e non necessariamente irreversibile, rende l organismo anziano più vulnerabile allo stress causato da situazioni patogene, aumentando il rischio di cattivi esiti.

4 La riserva funzionale si riduce: omeostenosi Stroke volume (ml) Frequenza cardiaca (b.p.m.) Riserva 20 Riserva Età (anni) Frequenza cardiaca (b.p.m.) Kenney R.

5 Il ciclo della fragilità Disregolaz. neuroendocrina Anoressia Iponutrizione cronica Invecchiamento Modif.muscolo-schel Bilancio energetico negativo Bilancio azotato negativo MALATTIA Perdita di peso Consumo energetico Perdita di massa muscolare SARCOPENIA Attività Att.metabolica a riposo Velocità del cammino Disabiltà Dipendenza Forza & Potenza VO 2 max Fried LP& Walston J, 1998

6 Co-morbilità Presenza di patologie molteplici ed interattive L 88% degli anziani è portatore di almeno una patologia cronica ed il 25% di questi ha 4 o più patologie. Le malattie vascolari, muscoloscheletriche e neurologiche sono le più importanti, per frequenza ed impatto sulla salute e la qualità della vita.

7 Dis-Abilità Difficoltà a svolgere le attività della vita quotidiana normali per età, sesso e ruolo sociale: è la via finale comune di tutte le fragilità e patologie. Circa il 20% degli anziani è permanentemente disabile, circa il 30% ha limitazioni motorie, il 7-8% è affetto da demenza grave, il 20-33% ha deficit di vista o udito. Le donne, le minoranze etniche e le persone di basso livello socio-economico sono i gruppi di popolazione a rischio particolarmente elevato di disabilità.

8 Qualità della vita Il vissuto di malattia da parte del paziente (caregiver), le aspettative e le preferenze riguardo ai trattamenti Il miglioramento della QoL è un outcome primario dell intervento geriatrico, che assume un importanza crescente in relazione, ad esempio, alla grave disabilità, alla demenza, o nel contesto delle cure palliative.

9 Invecchiamento e disabilità Percento di autonomia Evento clinico avverso A-ADL E-ADL B-ADL E adeguato nel proprio ruolo Coltiva interessi e hobbies ecc. Esce di casa Usa i mezzi Fa la spesa Gestisce le finanze ecc. Si veste e si lava Cammina E continente Si alimenta ecc 0 20 Anni 100

10 Determinanti della Continenza Apparato cardiovascolare Fattori sociali Basso tratto urinario F. cognitiva CONTINENCE Diuresi Motivazione Locomozione Destrezza manuale Fattori ambientali Omeostasi

11 1 SUPPORT A PARADIGM SHIFT Health care is organized around an acute, episodic model of care that no longer meets the needs of many patients, especially those with chronic conditions. Decreases in communicable diseases and the rapid ageing of the population have produced this mismatch between health problems and health care, and chronic conditions are on the rise. Patients, health care workers, and most importantly, decision-makers must recognize that effective chronic condition care requires a different kind of health care system. The most prevalent health problems such as diabetes, asthma, heart disease, and depression require extended and regular health care contact. A new paradigm will dramatically advance efforts to solve the problem of managing diverse patient demands given limited resources.

12 Targeting Arthritis: The Nation s Leading Cause of Disability 2003

13

14 Che cosa significa avere una malattia cronica? E una malattia inguaribile con deviazione dalla normalità, caratterizzata da: permanenza nel tempo, disabilità residua, necessità di supervisione sanitaria e di riabilitazione interpretazione/vissuto personale della malattia.

15 La stessa percezione sul significato della malattia cronica é soggetta ad interpretazioni differenti: Può essere percepita come un fenomeno positivo: infatti in precedenza le persone affette da quelle che attualmente sono malattie croniche morivano precocemente, oppure può essere considerata come una condizione che può continuare a contribuire alla potenziale crescita dell individuo, o della società. Può alternativamente essere vissuta come una condizione negativa: come una situazione di incapacità di guarigione completa e che limita l individuo.

16 La malattia acuta può essere percepita come un espisodio, la malattia cronica é una condizione permanente La presenza di una malattia cronica tende ad interessare ed a condizionare tutti gli aspetti della vita della persona affetta e del suo gruppo familiare: sociali, psicologici, economici, in maniera dinamica con crisi e recuperi ciclici. Il significato e le implicazioni della malattia sono differenti per ogni persona e gruppo familiare; ciò che condiziona lo stress della malattia é la percezione e l interpretazione dei sintomi e delle sue conseguenze alla luce della biografia del soggetto.

17 Per gli operatori? Malattia acuta Responsabilità diretta della gestione del paziente. Guadagno secondario: la gratitudine del paziente genera soddisfazione dello staff Malattia cronica Dirige il piano di cura, ma non è responsabile di esso. Paziente attivo Non cura possibile. Stabilizzazione del quadro Sensazione di onnipotenza, di essere di aiuto e salvare gli altri Risultati rapidamente visibili Recidive ricorrenti possono essere frustranti Decorso cronico e prolungato. Interazione prolungata

18 Comportamento atteso Malattia acuta Comportamento passivo dipendente Sintomi e prognosi prevedibili Scompenso episodico Recupero completo Limitata esperienza Decisioni delegate allo staff Ruolo di malato confermato dallo staff Malattia cronica Indipendenza positiva, ruolo modificato Sintomi progressivi variabili incerto significato Condizione permanente Recupero limitato Ampia esperienza individuale Mantiene potere decisionale Paziente problematico

19 VMD: Definizioni Un processo diagnostico multidimensionale spesso interdisciplinare, che consente -attraverso l identificazione delle risorse e dei problemi medici, psicosociali e funzionali della persona anziana fragile, di programmare un piano di trattamento e di follow up specifico ed individualizzato per quel paziente. Una valutazione multidimensionale tramite la quale vengono scoperti, descritti e per quanto possibile, vengono spiegati i multipli problemi della persona anziana, e nella quale le risorse ed i punti di forza della persona sono classificati, valutate le necessità di assistenza, e viene sviluppato un piano coordinato, focalizzato sui problemi specifici della persona.

20 Scale valutative strutturate, specifiche per ambiti di valutazione ( funzionale, cognitivo, affettivo, gravità di malattia, stress familiare, ecc.). Lavoro centrato per problemi: La presentazione del paziente per la presa in carico, la gestione del paziente ed il follow up sono organizzati secondo la metodologia della lista dei problemi: vengono identificati problemi e risorse del paziente, vengono identificati i punti di rottura dell'equilibrio della situazione globale del paziente e vengono identificati e possibilmente trattati le chiavi di volta della situazione.

21 Il problema delle scale Poiché la VMD è un processo multidisciplinare che coinvolge il paziente, i familiari del paziente, l infermiere professionale, l aiutante, il terapista della riabilitazione, il medico l assistente sociale ecc è necessario creare un linguaggio comune e, oggettivo e universalmente condiviso per comunicare, confrontare i risultati e gli insuccessi

22 Perché è importante adottare un sistema comune di classificazione e valutazione? Non è indispensabile: un sistema di valutazione è uno strumento che mira alla sua eliminazione; esso aiuta il gruppo di lavoro ad acquisire uno stesso linguaggio, uno stesso modo di valutare, una stessa sistematicità di osservazione e una stessa filosofia di lavoro.

23 Permette la trasmissione delle informazioni: Che cosa intendo quando dico che il paziente è migliorato, peggiorato, stazionario? Permette la condivisione e l acquisizione dei risultati: dove il sistema non ha funzionato. Come posso apprendere dai miei insuccessi o dai miei progressi? Conoscendo, trasmettendo e condividendo i risultati. Per condividere e trasmettere i risultati devo possedere un linguaggio comune. Permette di essere sistematici: assicura che tutti gli operatori guardino le stese cose, osservino le stesse cose e non si perdano di vista elementi importanti.

24 Procedura Individuazione del contenuto: identificare le caratteristiche critiche di un certo problema. Costruzione degli item di indagine Sperimentazione Applicazione Validazione.

25 Validazione E la dimostrazione della capacità del test/questionario di esplorare e catturare gli elementi salienti del problema e della popolazione generale che si vuole indagare in maniera valida, riproducibile, sensibile e significativa

26 Validità Capacità del test, dell esame di misurare quello che effettivamente si vuole misurare. Face validity di costrutto concorrente di contenuto predittiva.

27 Attendibilità/riproducibilità Esprime la costanza nel tempo delle misurazioni, sia la sua affidabilità intersoggettiva, nel senso di garantire sempre gli stessi risultati a due ricercatori differenti che utilizzano lo stesso strumento.

28 Esame valido ed attendibile Esame attendibile non valido Esame valido ed attendibile Esame valido non attendibile

29 Sensibilità: indica se e quanto lo strumento sia in grado di individuare correttamente i casi positivi. Specificità: descrive la capacità di escludere i casi negativi, cioè di identificare i casi che non presentano una certa condizione o un certo attributo. Responsività: indica la sensibilità al cambiamento, cioè la capacità di cogliere cambiamenti clinicamente significativi in modo tale che al modificarsi delle condizioni cliniche si modifichi i punteggio al questionario. Rilevanza clinica: misura l impatto clinico delle differenze identificate dal test. Potere predittivo positivo/negativo: indica a livello di una specifica popolazione qual è la probabilità di avere una determinata malattia al risultato positivo di un test

30 Applicabilità Misure generali Misure specifiche Effetto ceiling Effetto floor Altri elementi

31 Come scegliere un test

32 Misura in secondi il tempo necessario ad un individuo per alzarsi da una sedia di altezza normale, camminare 3 metri, girarsi e tornare a sedersi. La persona è vestita normalmente, usa le sue scarpe ed usa i suoi eventuali ausili. Inizia al comando con la schiena contro lo schienale della sedia, le sue braccia appoggiate ad i braccioli. Il soggetto effettua una prova prima della prova a tempo.

33 Timed up and go 2 Classificati a seconda del tempo: <20 secondi; sec, 30 secondi Test correlato con le prestazioni funzionali del soggetto, la velocità di cammino, l equilibrio. Può essere utilizzato come screening per mobilità Come indice delle capacità funzionali, sensibile al cambiamento.

34 Timed up & go test (from Diane Podsiadlo BSc PT, Sandra Richardson MD, Div. Of Geriatrics, Victoria Hospital, Mc Gill University, Montreal, Quebec, Canada, adattato dall'autore) Descrizione del test Punteggio in secondi impiegati Probabilità di indipendenza nelle attività (primarie: basic, allargate: extended) IL TEST: Alzarsi da una comune sedia ( di alt. cm 46), con braccioli ( di alt. cm 63), percorrere una distanza di tre metri in linea retta, girare su se stessi, ritornare, risedersi sulla sedia. E' concessa una prova preliminare, prima di quella cui viene attribuito il punteggio.il punteggio è dato dai secondi impiegati per concludere la prova. gg appoggiato allo schienale della sediaal soggetto è consentito usare l'ausilio abituale se presente: stampella, tripode o deambulatore, ma non è consentita assistenza da parte di persone sec sec. oltre i 30 sec. y da sedia 100%, trasferimento a e da wc 100%, ausili per il cammino 53%, extended mobility skills: trasferimento a e da doccia o vasca 59%, cammino per 70 m 82%, salire le scale 77%, us y da sedia 93%, trasferimento a e da wc 87%, ausili per il cammino 75%, extended mobility skills: trasferimento a e da doccia o vasca 60%, cammino per 70 m 67%, salire le scale 60%,uscir y da sedia 62%, trasferimento a e da wc 73 %, ausili per il cammino 89 % extended mobility skills: trasferimento a e da doccia o vasca 23 %, cammino per 70 m 15%, salire le scale 4%, usc

35 Illness Rating Scale #1/2 Cumulative Illness al. J Am Geriatr Soc 1995; 43: Parmalee et al. J SISTEMA 1. PATOLOGIE CARDIACHE (solo cuore) 2. APP. VASCOLARE 3. IPERTENSIONE (si valuta la severità, gli organi sono considerati separatamente) 4. APPARATO RESPIRATORIO (polmoni, bronchi, trachea sotto la laringe) 5. OCCHI/ O.R.L. (occhio, orecchio, naso, gola, laringe) 6. APP. DIGERENTE, TRATTO SUPERIORE (esofago, stomaco, duodeno, vie biliari-pancreatiche, escluso diabete) 7. APP. DIGERENTE, TRATTO INFERIORE (intestino, ernie) 8. FEGATO 9. RENE 10. ALTRE PATOLOGIE GENITO-URINARIE (ureteri, vescica, prostata, genitali) 11. SISTEMA MUSCOLO-SCHELETRICO E CUTE 12. PATOLOGIE DEL SISTEMA NERVOSO (SNC e periferico; non include la demenza) 13. PATOLOGIE DEL SISTEMA ENDOCRINO-METABOLICO (include diabete, infezioni, sepsi, malnutrizione) 14. STATO MENTALE E COMPORTAMENTALE (include demenza, depressione, ansia, agitazione, psicosi) STAGING GRAVITÀ 1. Nessuna menomazione 2. Menomazione Lieve: non interferisce con le normali attività; trattamento facoltativo, prognosi eccellente (es. lesioni dermatologiche, ernie, emorroidi. 3. Menomazione Moderata: interferisce con le normali attività; trattamento necessario, prognosi buona (es. colelitiasi, diabete o fratture trattabili. 4. Menomazione Grave: è invalidante, trattamento necessario con urgenza prognosi riservata (es. carcinoma operabile, insuff. Cardiaca congestizia. 5. Menomazione Molto grave: può essere letale; trattamento di emergenza o inefficace, prognosi grave (es. infarto del miocardio, ictus, emorragie digestive, embolia). DIAGNOSI (ICD9CM) STAGING GRAVITA Lista dei problemi Ingresso Dimiss. INDICI INDICE DI SEVERITÀ (IDS) Media dei punteggi delle prime 13 categorie (escludendo le patologie psichiat./comport.) INDICE DI COMORBILITÀ (IDC) N delle categorie nelle quali si ottiene un punteggio >3 (escludendo la categoria 14).

36 Cumulative Illness Rating Scale #2/2 Parmalee et al. J Am Geriatr Soc 1995; 43: Coerenza interna= bassa. Affidabilità test-retest= buona. Correlazione tra i due indici= alta. Validità al criterio= l IDS e l IDC sono significativamente associati alla mortalità, all ospedalizzazione, all uso di farmaci, all alterazione degli es. di laboratorio, allo stato funzionale.

37 Indice di Barthel (#1/4) E una scala di Dependence (misura quanto aiuto è necessario perchè una persona possa compiere adeguatamente ed in sicurezza le attività di base della vita quotidiana). Shah et al. J Clin Epidemiol 1989; 8:703

38 Indice di Barthel (#2/4) Interessa il medico perché la disabilità è un indice molto sensibile e affidabile dello stato di salute generale dell anziano.

39 Indice di Barthel (#3/4) Interessa il terapista della riabilitazione perché l obiettivo ultimo del trattamento è quello di far recuperare al paziente i massimi livelli possibili di autonomia nelle attività quotidiane (es. camminare, salire e scendere le scale, ecc.), anche se il criterio-guida del terapista è la menomazione.

40 Indice di Barthel (#4/4) Interessa ancora di più il personale di assistenza perché il livello di dipendenza nelle B- ADL serve come indicazione e misura per pianificare gli interventi assistenziali e verificare i progressi nel tempo.

41 Indice di Barthel: struttura Alimentazione Alimentazione Igiene personale Cura di sè Bagno-doccia Abbigliamento Urinaria Continenza Intestinale Uso del gabinetto Trasferimenti Mobilità Deambulazione Carrozzina Scale

42 Indice di Barthel: punteggio totale 100 Minima 91 Lieve 75 Moderata Dipendenza 50 Grave 21 Completa 0

43 Indipendente o con adattamenti Supervisione o aiuto attivo Dipend. Indice di Barthel: es. di items Indice di Barthel: Trasferimenti 15. Capace di avvicinarsi con sicurezza al letto, bloccare i freni, sollevare le pedane, trasferirsi con sicurezza sul letto, sdraiarsi, rimettersi seduto sul bordo, cambiare la posizione della carrozzina, trasferirvisi con sicurezza. E indipendente durante tutte le fasi. 12. Necessaria la presenza di una persona per maggior fiducia o per supervisione a scopo di sicurezza. 8. Necessario minimo aiuto da parte di una persona per uno o più aspetti del trasferimento. 3. Collabora ma richiede massimo aiuto da parte di una persona durante tutti i movimenti del trasferimento. 0. Non collabora al trasferimento. Necessarie due persone per trasferire il Pz., con o senza un sollevatore meccanico. Definisce la situazione e lo standard Stadiano il livello di dipendenza

44 Indice di Barthel: linee-guida (#1/2) Deve servire per il rilievo e la registrazione di ciò che il paziente fa effettivamente, e non di ciò che si pensa potrebbe fare. L obiettivo principale è di stabilire il livello di indipendenza da qualsiasi aiuto, fisico o verbale, o anche di semplice supervisione, per qualsiasi motivo. La necessità di supervisione fa definire il paziente come NON indipendente. Modificato da DT Wade (1992)

45 Indice di Barthel: linee-guida (#2/2) Le abilità del paziente devono essere valutate sulla migliore evidenza. La condizione migliore è l osservazione/interazione diretta durante le attività e l uso del buon senso. Chiedere al paziente o ai parenti può essere fuorviante. Spesso è sufficiente un osservazione di ore, ma qualche volta è necessario più tempo. Modificato da DT Wade (1992)

46 Scala di disabilità comunicativa DISABILITA COMUNICATIVA 0. NESSUNA: Riferisce l anamnesi in maniera attendibile ed è in grado di discutere di tutti i problemi personali. Ben rapportato all interlocutore e collabora senza problemi alla visita e alle manovre assistenziali. 1. LIEVE: Va guidato per ricostruire l anamnesi e stimolato per parlare dei problemi personali. Adeguato all interlocutore ma è necessario assumere un atteggiamento direttivo per ottenere una buona collaborazione alla visita e alle manovre assistenziali. 2. MODERATA: Possono essere scambiate informazioni solo ponendo al Pz. domande semplici e per un contesto comunicativo strettamente personale ed attuale. Adeguato all interlocutore ma non riesce a fornire una buona collaborazione alla visita e alle manovre assistenziali.. 3. GRAVE: La comunicazione è molto compromessa e si ottengono informazioni solo con domande che prevedono risposte si/no e fornendo facilitazioni contestuali e gestuali. Perplesso nel rapporto con l interlocutore e non collabora alla visita e alle manovre assistenziali. 4. COMPLETA: Pressoché assente qualsiasi scambio comunicativo, anche con facilitazioni. Non adeguato all interlocutore e assolutamente non collaborante alla visita e alle manovre assistenziali. 100% Paziente Peso della Comunicazione 100% Operatore Bernardini et al.,1993

47 Scala disabilità comunicativa: struttura implicita e parole-chiave Collaborazione Asseconda i movimenti Gestualità adeguata Aprassia, demenza, disturbi motori Prende l iniziativa Cambia argomento Trova bene le parole Afasia, disartria, dismnesia, demenza, Capacità verbali Rapporto con l interlocutore Mantiene lo sguardo Sintonia emotiva Esplora lo spazio Consapevolezza Neglect, demenza, depressione

48 SDC: pro e contro E un sistema classificazione clinica semplice e ben riproducibile E sensibile ai molti problemi che possono interferire con la comunicazione Ha un elevato valore predittivo Classifica anche disturbi molto gravi della comunicazione (es. demenza grave, afasia) Ha bassa specificità E poco sensibile al cambiamento Non è utile per programmare gli interventi riabilitativi

49 COGNITIVITA : : Mini Mental State Examination 30 Folstein MF, J Psychiat Res 1975; 12: Normale INDIPENDENTE Demenza lieve / moderata Demenza grave DIPENDENTE

50 SF36

51 Modello indicatori del percorso clinico STATO Rischio specifico: Natura e potenziale patologico della malattia principale Rischio Generico Fattori non modificabili Età / sesso Disabilità premorbosa Comorbilità cronica Fragilità sociale Fattori modificabili Disabilità Comunicativa Instabilità clinica Delirium Malnutrizione Infezioni Catetere Ulcere da pressione TRANSIZIONE Fattori interni Risorse e competenze Organizzazione TRATTAMENTO Riabilitativo:tipo,contenuti, intensità, durata. Medico: instabilità clinica. Nursing riabilitativo: processi critici Fattori esterni Supporto familiare Servizi di comunità Regole del sistema Sanitario e Sociale ESITO Paziente-orientati Cammino indipendente Potenziale riabilitativo Non catetere Continenza Non ulcere da pressione Organizzazione-orientati Conclusa riabilitazione Istituzionalizzazione Traferimento acuti Mortalità Lunghezza degenza Bernardini 2006

52 Obiettivi e drive delle attività di cura Limitazione funzionale Attività / Disabilità Obiettivo: recupero funzionale Riabilitativo Nursing Obiettivo: adattamento Medico Obiettivo: Stabilizzazione clinica e cura Patologia / Instabilità

53 STABILIZZAZIONE CLINICA: OBIETTIVI PREVENIRE / TRATTARE La disidratazione e gli squilibri elettrolitici La malnutrizione Le infezioni Il dolore L immobilità e le sue complicazioni La comorbilità (malattie e limitazioni funzionali molteplici) Gli eventi clinici avversi

54 RECUPERO FUNZIONALE: OBIETTIVI RECUPERO: Funzione muscolare (trofismo, elasticità, forza) Articolarità (ROM passivo ed attivo) Coordinazione Postura e cambi posturali Stazione eretta e distribuzione del carico Cammino Autonomia nelle B-ADL

55 RITORNO AL DOMICILIO E QUALITA DELLA VITA: OBIETTIVI EDUCAZIONE/COUNSELING: Del paziente sui rischi della propria condizione e sul significato della disabilità. Dei familiari sui bisogni e le modalità di assistenza al parente. SUPPORTO: Prescrizione ausili Attivazione dei servizi territoriali Modificazioni ambiente Assistenza sociale

56 CARTA DI MONITORAGGIO DELLA GESTIONE INFERMIERISTICA DEI PROCESSI CRITICI ASSISTENZIALI Aspirazione

57 Percento ALIMENTAZIONE ALIMENTAZIONE Ammissione Dimissione 25 22, Consist Mod Suppl orale SNG / PEG Percento ,5 MOBILITA Ammissione 50 37,5 Dimissione 25 22,5 0 Posizionamenti Letto Trasf.Carrozzina Assistenza Cammino CONTINENZA Ammissione Dimissione 70 62, ,5 52,5 Percento , Catetere v Cat Intermitt Assorbenti Prompted voiding 0 0

58 INTENSITA ASSISTENZIALE PER TIPO DI PROCESSO-CHIAVE CHIAVE 20,2 26,3 9 6,7 3 mobilità continenza nutrizione ulcere respirazione altri 36,7 Valori %

59 30 Istogramma delle medie X-bar: 15,061; Sigma: 7,2863; n: Alta Intensità Assistenziale 20 20,0 15 Standard di cura 15, ,0 5 Bassa Intensità Assistenziale

60 I PROCESSI RIABILITATIVI: VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE/MULTIASSIALE Funzionale/sociale Piano diagnostico terapeutico Patologica Progetto Riabilitativo Mentale Piano assistenziale

61 MODELLO PER LA COSTRUZIONE DEL CORE-SET DI INDICI DI PROCESSO-ESITO Paziente OUTPUT Organizzazione Nutrizione Dolore Casa Spazio dei risultati Contenzione Transizione Recupero Funzionale Continenza Stabilizzazione Clinica Depressione Decubiti ACEs Spazio degli eventi / processi Spazio dei fattori esplicativi / fattori di rischio INPUT Bernardini, 2004

62 Id. Birth date Date of hip fracture M W TRANSITIONAL INDICATORS No Yes ACEs occurrence Date of Ortho. Ward admission Urinary tract infection Date of surgery Non urinary tract infection Type of fracture / surgery / Non infectious ACEs Antidepressive treatment Date of SARU admission Pain treatment Date of SARU discharge / transfer / death Artificial nutrition Physical and/or pharmacological restraint ASSESSMENT SCORES Pre. Adm. Disch. Fall without major traumatic injuries Barthel Index total score Fall with major traumatic injuries CIRS severity index FIM TM cognitive subscore PATIENT CENTERED OUTCOME INDICATORS Walking independence No Yes MMSE score Presence of severe-complete functional dependence P PULSES Profile score Presence of indwelling bladder catheter CAM score Urinary continence Presence of pressure sores STATUS INDICATORS No Yes Age >75 years ORGANIZATION CENTERED OUTCOME INDICATORS Yes Pre-morbid disability Discharged to home -no further rehabilitation Medical complexity Moderate-complete communicative disability Discharged to home -home care rehabilitation Transferred to Day Hospital for rehabilitation Socioeconomic frailty Transferred to other rehabilitative facilities Presence of acute infection Transferred to Nursing Home Presence of medical instability Presence of delirium Presence of severe-complete functional dependence Presence of indwelling bladder catheter Presence of pressure sores Tranferred to acute care unit for medical instability Deceased Use this form to collect the indicators from patient s clinical charts. Please, complete the general section, register the assessment scores, then check the appropriate indicator s box.

63 INDICI DI STATO : : CARATTERISTICHE CLINICO- FUNZIONALI ALL AMMISSIONE AMMISSIONE (n=212; valori %) Vecchiaia 86.3 Disabilità premorbosa 23.6 Malnutrizione 21.2 Instabilità clinica 23.9 Catetere vescicale 40.1 Ulcere da pressione 25.0 Comorbilità cronica 56.4 Delirium 22.6 Fragilità sociale 20.3 Il 30% aveva disabilità comunicativa lieve-moderata (9.7 % i controlli) Il 12% aveva disabilità comunicativa grave (0 % i controlli) % Controlli V

64 Studio multicentrico frattura femore Coorte di derivazione (n=194) Coorte di validazione (n=212) Setting Intensivo (n=101) Setting Estensivo (n=111) Functional Risk Idex Sensitivity (true positive rate) Specificity (false positive rate) ECS ICS Obiettivi: Descrivere i percorsi di cura per strati di rischio, Verificare gli esiti funzionali tra ICS ed ECS a parità di rischio Verificare l efficienza dei setting

65 Rischio e transizione ALTO INTERMEDIO BASSO

66 Rischio ed esiti BASSO INTERMEDIO ALTO

67 Transizione per livelli di rischio Percento Basso Intermedio Alto ACEs Cadute Restraint Nutrizione Dolore Depressione

68 Esiti negativi per livelli di rischio Percento 10 Basso Intermedio Alto 5 0 Acuti Morti RSA

69 Esiti funzionali per livelli di rischio Percento Basso Intermedio Alto Gain Cammino Ind 75 PR Conclusa Riab

70 Gruppi di Rischio Indipendenza nel cammino per setting di cura e gruppi di rischio Riabilitazione Intensiva Riabilitazione Estensiva RR (95% IC) Basso 87.8 (41) 62.5 (23) 2.8 ( ) Intermedio 82.1 (28) 34.9 (43) 3.6 ( ) Alto 38.5 (26) 11.8 (34) 1.4 ( ) Totale 72.6 (95) 34.0 (100) 2.4 ( ) Valori %. Tra parentesi il n dei pazienti. IC intervallo di confidenza. P

71 Un ultima evidenza Kaplan-Meier estimates by care setting Discharged after functional gain (%) Weeks ICS ECS Functional gain according to care setting Lenght of stay (weeks) Lenght of stay (weeks) ECS ICS Proportion of patients discharged with functional gain Proportion of patients discharged with functional gain Proportion of patients discharged with functional gain Functional gain according to care setting ECS ICS Functional gain according to care setting Lenght of stay (weeks) ECS ICS

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Un po di terminologia

Un po di terminologia La classificazione dei pazienti: non solo DRGs Un po di terminologia Dati: simboli con cui si rappresenta la realtà (numeri, date, caratteri, intere parole). Codifica: è la rappresentazione sintetica del

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Quando ti guardo sono

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE Regione Emilia-Romagna NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto. Conosciamo

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Evoluzione del sistema DRG nazionale. Milestone 1.2.2

Evoluzione del sistema DRG nazionale. Milestone 1.2.2 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Evoluzione del sistema DRG nazionale Milestone 1.2.2 Superamento dei limiti del sistema di classificazione DRG in specifici settori o per specifiche condizioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli