Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers"

Transcript

1 Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers Dott. Emanuele Currò Abstract - IT L obiettivo di questa ricerca è: 1) dimostrare che il profilo di personalità di una persona con disabilità, che pratica uno sport, sia simile a quello di un extreemers; 2) confrontare i punteggi di atleti disabili e sportivi estremi (extreemers) non disabili alla Sensation Seeking Scale VI (SSS - VI) di Zuckerman, che valuta la propensione alla ricerca del brivido ed alla disinibizione, sulla base dell ipotesi che i disabili sportivi presentino punteggi alla SSS - VI simili a quelli degli extreemers. Il questionario è stato somministrato online ad un campione di 398 sportivi disabili e normodotati, praticanti sport estremi e non. I risultati hanno confermato solo in parte l ipotesi iniziale, ovvero che persone disabili che praticano una disciplina sportiva possano presentare profili di personalità simili ai praticanti di sport estremi; infatti è emerso che solo alcuni sportivi disabili, praticanti specifiche discipline come lo sci ed il ciclismo, presentano profili di personalità che tendono maggiormente alla ricerca del brivido. Disinhibition in challenged athletes and extreemers Abstract - EN The objectives of this study are: 1) to demonstrate that the personality profile of a mobility challenged individual who engages in sport is similar to that of an extreemer; 2) to compare the scores of mobility challenged athletes and extreme sportsmen (extreemers) in Zuckerman s Sensation Seeking Scale VI (SSS-VI), which measures disinhibition and the inclination to thrillseeking, based on the hypothesis that mobility challenged athletes would obtain similar scores to those of extreemers. The questionnaire was given online to a population of 398 challenged athletes, able-bodied extreemers and non-extreemers. Results have confirmed only part of the initial hypothesis. This means that mobility challenged athletes have personality profiles similar to that of extreemers; only some of the challenged athletes, the ones who engage in specific disciplines like ski and cycling demonstrate personality profiles inclined to thrill-seeking. Desinhibición en deportistas con discapacidad y en los extreemers Resumen - ES El objetivo de esta búsqueda es: 1) demostrar que el perfil de personalidad de una persona con discapacidad que practica un deporte es similar al de un extreemers; 2) confrontar las puntuaciones de atletas discapacitados y de deportistas extremos (extreemers) no discapacitados aplicando la Sensation Seeking Scale VI (SSS - VI) de Zuckerman, el cual valora la propensión a buscar fuertes emociones y a la desinhibición tomando como base la hipótesis de que los deportistas discapacitados presentan puntuaciones en la SSS - VI similares a las de los extreemers. El cuestionario ha sido aplicado online a un campeón entre 398 deportistas discapacitados y de normalidad media, practicantes y no practicantes de deportes extremos. Los resultados han confirmado sólo en parte la hipótesis inicial, o sea, que las personas discapacitadas que practican una disciplina deportiva pueden presentar un perfil de personalidad semejante a los practicantes de deportes extremos; de hecho, se ha demostrado que sólo algunos deportistas discapacitados, practicantes de disciplinas específicas como el esquí o el ciclismo, presentan perfiles de personalidad que mayoritariamente tienden a la búsqueda de emociones fuertes. Desinibição em desportistas com deficiências e extreemers Abstract - PR O objetivo desta pesquisa é: 1) demonstrar que o perfil de personalidade de uma pessoa com deficiência, que pratica um esporte, é semelhante àquele de um extreemers; 2) comparar as pontuações de atletas deficientes e desportistas radicais (extreemers) não deficientes, aplicando a

2 Sensation Seeking Scale VI (SSS-VI) de Zuckerman, que mede a propensão à procura de fortes emoções e à desinibição, tomando como base a hipótese que os deficientes esportivos apresentam pontuações na SSS VI semelhantes aos extreemers. O questionário foi submetido online a uma amostra de 398 desportistas deficientes e de normalidade média, praticantes e não praticantes de esportes radicais. Os resultados confirmaram só em parte a hipótese inicial, isto é, que as pessoas deficientes praticantes de uma disciplina esportiva podem apresentar perfis de personalidade semelhantes aos praticantes de esportes radicais. Com efeito, demonstrou-se que só alguns desportistas deficientes, praticantes de disciplinas específicas, como o esqui e o ciclismo, apresentam perfis de personalidade que majoritariamente tendem à procura de emoções fortes.

3 Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers Introduzione Negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede il fenomeno dei sensation seekers, letteralmente cercatori di emozioni estreme, ovvero persone che nutrono un attrazione particolare per attività e comportamenti rischiosi con l obiettivo di percepire sensazioni nuove e fortemente coinvolgenti, a tal punto da arrivare persino a sfidare la morte. Quest individui presentano caratteristiche di personalità impulsive ed a tratti aggressive, sono molto curiosi, anticonformisti e con livelli di ansia relativamente bassi. All interno di questa categoria rientrano coloro che praticano sport estremi, i quali riescono ad incanalare la propria costante necessità di ricerca di sensazioni intense nella pratica di una disciplina sportiva estrema (come per esempio il paracadutismo). Secondo Zuckerman (1964) 1, il comportamento di presa di rischio è direttamente legato alla ricerca di stimolazioni. I sensation seekers, nell intento di appagare il loro bisogno di esperienze e di sensazioni forti, sono propensi a correre dei rischi, tanto fisici quanto sociali. Così diverse ricerche hanno potuto mostrare che gli sportivi praticanti attività a rischio presentano dei punteggi nella Sensation Seeking Scale (SSS) significativamente più elevati rispetto a coloro che non praticano questo tipo d attività. In una di queste ricerche, Rossi e Cereatti (1992) 2 indicano che i punteggi sono tanto più elevati quanto l attività praticata è oggettivamente pericolosa. Sulla base di queste ricerche è stata utilizzata la SSS per indagare la propensione al rischio e la disinibizione in atleti con disabilità e confrontare i valori emergenti da tale scala con quelli di sportivi normodotati. Sensation Seeking Scale - VI (SSS VI) Zuckerman definisce questa scala come: un tratto definito della ricerca di sensazioni ed esperienze varie, nuove, complesse ed intense, e dalla disponibilità a correre rischi fisici, sociali, legali e finanziari per il piacere di tali esperienze (Zuckerman, 1994) 3. La ricerca di sensazioni è considerata una dimensione a carattere continuo, che si presenta distribuita nella popolazione secondo una curva gaussiana che può essere sottoposta a misurazione. Da un lato della curva troviamo gli individui che ricercano attivamente sensazioni ed esperienze 1 Zuckerman, M., Kolin,A., Price,L. e Zoob, I. (1964), Developement of a Sensation-Seeking Scale, Journal of Consulting Psychology, 28, pp Rossi, B. e Cereatti, L. (1993), The sensation seeking in mountain athletes as assessed by Zuckerman's Sensation Seeking Scale, International Journal of Sports Psychology, 24, pp Zuckerman, M. (1994), Behavioral Expression and Biosocial Bases of Sensation Seeking, Cambridge University Press.

4 forti, definiti da Zuckerman (1979) 4 come High Sensation Seekers (HSS), mentre dall altra parte si trovano quelle persone che tendono ad evitare sensazioni troppo forti ed intense (Low Sensation Seekers, LSS). La ricerca di forti sensazioni risulta essere un tratto generale che coinvolge tutti gli ambiti della vita di un individuo, da quello affettivo e lavorativo, a quello degli interessi personali e delle attitudini. Zuckerman (1964) 5 definisce quattro componenti essenziali della sensation seeking che, sebbene distinte, correlano tra loro: Ricerca del brivido e dell avventura (Thrill and Adventure Seeking TAS), che misura l interesse per attività fisiche ad alto rischio. Ricerca dell esperienza (Experience Seeking ES), che valuta la ricerca di nuove esperienze tramite la mente ed i sensi: musica, arte, cibo, droghe. Disinibizione (Disinibition Dis), ovvero la ricerca edonistica del piacere attraverso attività di vario tipo: sesso, gioco d azzardo. Insofferenza alla noia ed alla routine (Borebom Susceptibility - BS), che va a misurare l avversione per le attività di routine, per le persone percepite come noiose e per l inquietudine esperita in un ambiente monotono. Nella presente ricerca è stata utilizzata la sesta edizione della scala, standardizzata nella versione italiana da Galeazzi, D'Incerti e Franceschina (2003) 6, che si caratterizza per avere un focus d attenzione maggiormente circoscritto e specifico rispetto alle precedenti (Zuckerman, 1984) 7. Infatti vengono prese in considerazione solo due delle quattro dimensioni ritenute costitutive della Sensation Scale: la Ricerca del Brivido e dell Avventura (TAS) e la Disinibizione (DIS), dato che tali fattori hanno mostrato, nelle ricerche precedenti, una maggior chiarezza ed attendibilità (Zuckerman, 1984) 7. Quest ultima versione richiede, inoltre, che venga fornito un indice differenziato del tratto della ricerca di sensazioni: da una parte vengono valutati i comportamenti messi effettivamente in atto dalla persona nel passato (Esperienze passate), e dall altra si considerano le inclinazioni ed i desideri rispetto al futuro (Intenzioni per il futuro). 4 Zuckerman, M. (1979), Sensation seeking: Beyond the optimal level of arousal, Eribaum, Hillsdale, N.J. 5 Zuckerman, M., Kolin,A., Price,L. e Zoob, I. (1964), Developement of a Sensation-Seeking Scale, Journal of Consulting Psychology, 28, pp Galeazzi, A., D'Incerti, L. e Franceschina, E. (2003), Sensation Seeking Scale VI: standardizzazione italiana per giovani dai 14 ai 20 anni. 7 Zuckerman, M. (1984), Sensation seeking: a comparative approach to a human trait, Behavioural and Brain Sciences, 7, pp

5 Lo scopo della presente ricerca è stato quello di osservare eventuali differenze nei tratti di personalità di atleti disabili e non, prendendo in considerazione sport tradizionali ed estremi. Infatti, partendo da un precedente lavoro, dove si è osservato come sportivi disabili non differivano per motivazione ed autoefficacia da atleti normodotati (Federici e Currò, 2007) 8 e da una ricerca che ha osservato i valori della SSS su un campione di sportivi estremi (Federici e Pampanelli, 2009) 9, si è ipotizzato che persone disabili praticanti attività sportive potessero avere dei profili di personalità simili a quegli degli extreemers. Si è ipotizzato, inoltre, che ci potessero essere differenti punteggi nella scala in relazione al tipo di sport praticato. 3.1 Materiali e metodi Dal mese di giugno 2009 al mese di giugno 2010, è stato somministrato un questionario per via telematica, mediante il sito internet ad un campione composto da 433 sportivi disabili (76) e normodotati (357), praticanti sport estremi (extreemers) (345) e non (88), per studiare l inclinazione alla ricerca del brivido, la suscettibilità alla noia, la disinibizione. Ai fini della ricerca è stata utilizzata la Sensation Seeking Scale VI (SSS VI) di Zuckermann. La SSS VI è complessivamente costituita da due dimensioni, da quattro subscale e da una scala di controllo: Esperienze-Ricerca del Brivido e dell'avventura (E TAS), di 15 item; Esperienze-Disinibizione (E-Dis), di 42 item; Intenzioni-Ricerca del Brivido e dell' Avventura (I-TAS) di 22 item; Intenzioni-Disinibizione (I-Dis) di 42 item; Scala di controllo, 7 item. Il test era composto da 128 item che andavano ad elencare una serie di attività, sport ed azioni, divisi in due sezioni di 64 item. Nella prima sezione (Esperienze) si domandava al soggetto se aveva mai compiuto queste attività in passato, mentre nella seconda (Intenzioni) veniva chiesto se intendesse cimentarsi nelle stesse attività in futuro. Le possibili risposte della prima sezione erano: 8 Federici, S. e Currò, E. (2007), Motivazione e autoefficacia nelle attività sportive di persone con disabilità: indagine pilota. Tesi di Laurea in Psicologia, Università La Sapienza, Roma. 9 Federici, S. e Pampanelli, G. (2009), Sport estremi e sensation seeking. Tesi di Laurea in Scienze della Formazione, Università degli studi di Perugia.

6 A Non l ho mai fatto B L ho fatto una volta C L ho fatto più volte Le risposte della seconda: A - Non ho desiderio di farlo B - Ho pensato di farlo, ma probabilmente non lo farò C - Ho pensato di farlo e lo farò se ne avrò l occasione Il tempo previsto per la compilazione della SSS-VI è stato calcolato in circa 20 minuti. Il punteggio alle scale della SSS-VI viene calcolato attribuendo 1 punto per ogni risposta A, 2 punti per ogni risposta B e 3 punti per ogni risposta C. Si procede poi alla somma dei punteggi per ogni scala. Un indice per la valutazione della attendibilità delle risposte (Indice di infrequenza) si ottiene sommando le risposte dei sette item della scala di controllo, ovvero quegli item che si riferiscono ad attività decisamente inconsuete, nelle quali è molto improbabile che il soggetto si sia effettivamente cimentato. Il questionario comprendeva oltre agli item della SSS, anche una prima parte anamnestica (20 item), mirata a descrivere lo stato sociale del soggetto, il lavoro, l età, il sesso, gli sport praticati sia estremi che non. Inoltre raccoglieva dati sullo stile di vita del soggetto e sul modo di intendere il proprio sport (Tabella). Grazie a questa prima parte anamnestica abbiamo potuto dividere gli utenti del test in 4 gruppi: Non praticanti di sport estremi Praticanti di uno sport estremo Praticanti fino a 4 sport estremi Praticanti oltre 5 sport estremi Dei 433 sportivi, 76 erano disabili e 357 non disabili, di età compresa tra 14 e 56 anni. Sono stati esclusi dallo studio 35 soggetti (9 disabili e 26 non disabili) che avevano riportato un valore di indice di infrequenza, calcolato in base alle domande di controllo del test SSS, superiore a 7 punti. Il campione finale è stato di 398 soggetti (M = 348, F = 50) con un età compresa fra i 14 e i 56 anni (media = 29,9 ds = 8,8) (Tabella 1).

7 Tabella 1 Descrittive del campione Disabili Non disabili Totale N Entro i gruppi Tra i gruppi N Entro i gruppi Tra i gruppi Numero % 16,8% % 83,2% 398 Maschi 58 86,6% 14,6% ,6% 72,9% 348 Femmine 9 5,4% 2,3% 41 12,4% 10,3% 50 Extreemers 27 40,3% 6,8% ,8% 71,3% 311 Non extreemers 40 59,7% 10% 47 14,5% 11,8% 87 Età Età ,2% 50,8% 8,3% 8,5% ,6% 34,4% 51,2% 31,9% Nubile/celibe Coniugato/a o convivente Separato/a o divorziato/a ,2% 29,8% 3% 11,3% 5% 0,5% % 29,7% 2,3% 56,5% 24,6% 2% Lavoro dipendente Libero professionista Disoccupato Tempo dedicato allo sport: Circa un ora tutti i giorni 4-5 giorni la settimana 2-3 giorni la settimana Saltuariamente ,2% 17,9% 20,9% 7,5% 25,4% 56,7% 10,4% 10,3% 3% 3,5% 1,2% 4,3% 9,5% 1,7% ,5% 21,1% 32,4% 10,6% 17,5% 45% 26,9% 38,7% 17,8% 26,9% 8,8% 14,6% 35,9% 23,9% Il campione di disabili era di 67 soggetti (M = 58, F = 9). Lo sport non estremo praticato più significativo di questo campione è risultato il basket (32%). Il livello di competenza del campione era prevalentemente amatoriale (25%) o agonistico non professionale (28%). Circa il 56 % del campione affermava di praticare sport 2/3 vote a settimana. Circa il 59% del campione non praticava sport estremi, mentre il restante campione praticava da uno fino a cinque sport estremi. Il campione degli sportivi non disabili era di 331 soggetti (M = 290, F = 41). Lo sport non estremo praticato più significativo di questo campione era il ciclismo (44%). Il livello di competenza del campione era prevalentemente amatoriale (35%) o agonistico non professionale (27%). Circa il 43% del campione affermava di praticare sport 2/3 vote a settimana. Circa il 85% del campione praticava uno o più sport estremi. 3.2 Risultati Considerando tutte le discipline sportive, sono state riscontrate differenze nei punteggi della SSS, tra i disabili che non praticano sport estremi e gli extreemers (disabili e non). Si evidenzia, dunque, una minor tendenza alla ricerca di brivido e disinibizione in coloro che non praticano sport estremi, rispetto a praticanti di tali discipline (Grafici 1,2,3,4).

8 Grafico 1 - Medie Esp. - Ricerca brivido e avv. Grafico 2 Medie Esp. Disinibizione Grafico 3 Medie Futuro - Ricerca di Brivido e avv.

9 Grafico 4 Medie Futuro Disinibizione

10 È stato osservato che l aumento del numero di sport estremi praticati correla positivamente con la disciplina maggiormente praticata. L analisi della varianza ha mostrato che alcuni sport predispongono o indicano una predisposizione a praticare sport estremi in soggetti con disabilità: in particolare sci e ciclismo mostrano differenze significative rispetto alle altre pratiche sportive (Tabella 2, Grafico 5) Tabella 2 - Sport più significativo LSD (I) sport più significativo (J) sport più significativo Differenza fra medie (I-J) Errore std. Sig. Intervallo di confidenza 95% Limite inferiore Limite superiore Sci Palestra 1,800 *,602,004,60 3,00 Nuoto 1,615 *,528,003,56 2,67 Basket 1,727 *,507,001,71 2,74 Tennis 1,333,673,052 -,01 2,68 Ciclismo,583,532,277 -,48 1,65 Altro 1,111 *,549,048,01 2,21 Ciclismo Palestra 1,217 *,438,007,34 2,09 Nuoto 1,032 *,330,003,37 1,69 Basket 1,144 *,296,000,55 1,74 Tennis,750,532,164 -,31 1,81 Sci -,583,532,277-1,65,48 Altro,528,363,151 -,20 1,25 *. La differenza media è significativa al livello 0,05 Grafico 5 Correlazione tra Numero di sport estremi praticati e Sport più significativo

11 Per osservare l esistenza di eventuali differenze significative fra i disabili che praticano gli sport che sono risultati essere indicativi della pratica degli sport estremi (sci e ciclismo, vedi pag. 77) e gli extreemers non disabili, è stata effettuata un ulteriore analisi della varianza fra questi due gruppi di soggetti. I dati hanno mostrano che non si evidenziano differenze significative per i punteggi della SSS in questi due gruppi (Grafici 6,7,8,9). Grafico 6 - Medie Esp. - Ricerca brivido e avv. per sci e ciclismo Grafico 7 Medie Esp. Disinibizione per sci e ciclismo Grafico 8 Medie Futuro - Ricerca di Brivido e avv. per sci e ciclismo Grafico 9 Medie Futuro Disinibizione per sci e ciclismo

12 Campione Normodotati Dall analisi della correlazione tra il Numero di sport estremi praticati e le quattro sub-scale della SSS VI sono emerse correlazioni significative positive molto forti per tutti e quattro i fattori della scala (Tabella 3). Tabella 3 - Correlazioni Numero di Sport estremi praticati con scale SSS Numero Sport estremi Esp. - Ricerca di brivido e avv. Esp. - Disinibizione Futuro - Ricerca di brivido e avv. Futuro - Disinibizione,442**,272**,275**,185**,000,000,000,001 Campione disabili Dall analisi della correlazione tra il Numero di sport estremi praticati e le quattro sub-scale della SSS VI sono emerse correlazioni positive per i fattori Esperienza - Ricerca brivido e avventura (p =,001), Esperienza Disinibizione (p =,006) e Futuro - Ricerca di Brivido e avventura (p =,001); mentre Futuro Disinibizione (p =,051) non correla con la variabile presa in esame (Tabella 4). Tabella 4 - Correlazioni Numero di Sport estremi praticati con scale SSS

13 Numero Sport estremi Esp. - Ricerca brivido e avv. Esp. - Disinibizione Futuro - Ricerca di Brivido e avv. Futuro - Disinibizione,469 **,330 **,431 **,240,000,006,000,051 È stata, inoltre, osservata una forte correlazione tra il tempo impiegato nella pratica dello sport e la ricerca di disinibizione: maggiore è il tempo impiegato nelle pratiche sportive non estreme, maggiore è la ricerca di disinibizione per il futuro (,439 p<,001). Dall analisi della varianza sono emerse differenze significative tra chi pratica sport tutti i giorni e chi pratica sport 2-3 giorni a settimana (p =,003) e tra chi pratica sport 4-5 giorni a settimana e chi 2-3 (p =,002). Mentre non sono state rilevate differenze significative con i soggetti che praticano un attività sportiva saltuariamente (Tabella 5, Grafico 10). Tabella 5 - Tempo dedicato allo sport Confronti multipli Futuro - Disinibizione LSD (I) tempo (J) tempo dedicato allo sport Intervallo di confidenza 95% dedicato allo sport Differenza fra medie (I-J) Errore std. Sig. Limite inferiore Limite superiore Circa un ora tutti 4-5 giorni la settimana 15,167 11,300,188-7,75 38,08 i giorni 2-3 giorni la settimana 33,611 * 10,593,003 12,13 55,09 Saltuariamente 24,000 14,455,106-5,32 53, giorni la Circa un ora tutti i giorni -15,167 11,300,188-38,08 7,75 settimana 2-3 giorni la settimana 18,444 * 5,564,002 7,16 29,73 Saltuariamente 8,833 11,300,439-14,08 31, giorni la Circa un ora tutti i giorni -33,611 * 10,593,003-55,09-12,13 settimana 4-5 giorni la settimana -18,444 * 5,564,002-29,73-7,16 Saltuariamente -9,611 10,593,370-31,09 11,87 Saltuariamente Circa un ora tutti i giorni -24,000 14,455,106-53,32 5, giorni la settimana -8,833 11,300,439-31,75 14, giorni la settimana 9,611 10,593,370-11,87 31,09 *.La differenza media è significativa al livello 0,05 Grafico 10 - Correlazione tra Tempo dedicato allo sport e Futuro - Disinibizione

14 Molto significativa è risultata invece la relazione fra il numero di sport estremi praticati e la composizione del nucleo familiare. I dati hanno mostrato come i soggetti con disabilità con un coniuge o che vivono in contesti familiari tendono a non praticare o a praticare al massimo uno sport estremo, mentre chi vive autonomamente da solo o con altre persone senza un coinvolgimento sentimentale tende a praticare più sport estremi (Grafico 11). Grafico 11 Correlazione tra Numero di sport estremi praticati e Convivenza

15 3.4 Discussione Dai risultati del questionario è emerso che un gran numero di soggetti pratica attività sportive 2/3 volte a settimana (disabili = 56%, non disabili = 43%). Questo dato, decisamente elevato rispetto alla media della popolazione italiana (20,1% in base agli ultimi dati dell Istat risalenti al 2006), si spiega andando ad esaminare i luoghi di diffusione del questionario. Infatti il sito internet con il test è stato divulgato presso facoltà di Scienze motorie, palestre, società sportive di atleti disabili e non, in quanto l obiettivo della ricerca è stato quello di indagare se i soggetti, facenti parte del campione, praticassero sport estremi, non se praticassero semplicemente sport. Anche la percentuale di soggetti che praticano sport estremi è molto elevata (disabili = 41%, non disabili = 85%), sempre perché ci si è rivolti ad una popolazione particolare, attraverso la diffusione del questionario in siti internet o network specializzati. Per quanto riguarda gli atleti disabili, lo sport maggiormente praticato risulta essere il basket (32%), questo perché ci si è rivolti, prevalentemente, a società sportive di basket in carrozzina ed in primis al Santa Lucia, che possiede la squadra campione d Italia della disciplina. Nella scelta del campione finale, sono stati esclusi i soggetti che hanno indicato di fare un numero eccessivo di sport estremi, anche se le domande non chiedevano specificatamente quando era stato praticato lo sport estremo, quindi, soprattutto i soggetti adulti, avrebbero potuto eseguire diversi sport estremi nell arco della propria vita. Inoltre, il campione dei disabili ha una età media superiore rispetto all altro gruppo di sportivi, in quanto diversi atleti disabili presentano una disabilità acquisita, anche in età adulta. Per quanto riguarda il campione di soggetti disabili, i risultati hanno evidenziato forti correlazioni tra il numero di sport estremi praticati dai soggetti e le sub-scale della SSS, quali l esperienza di brivido e avventura passata e la ricerca di brivido e avventura futura, che presentano item come, per esempio, Lanciarsi con il paracadute (item 13 e 77) oppure Sciare su piste ripide ed impegnative (item 24 e 88), e l esperienza di brivido e disinibizione passata, con item quali Provare una droga sconosciuta (item 9) oppure Fare qualcosa di pericoloso perché qualcuno ci sfida a farlo (item 47). Per quanto riguarda la ricerca di disinibizione per il futuro, all interno della quale troviamo item quali, per esempio, Fare pazzie solo per vederne l effetto sugli altri (item 124) o Giocare d azzardo scommettendo grosse somme di denaro (item 127), invece, seppure la tendenza dei dati sembra indicare una relazione, non sembra esserci una differenza significativa fra i dati. Questa differenza tra i valori delle sub-scale che riguardano il futuro, potrebbe indicare che i disabili non si aspettano di vivere esperienze particolarmente disinibite, ma non per questo

16 escludono esperienze di brivido ed avventura nella loro vita futura. Infatti i risultati mostrano che questi soggetti hanno risposto positivamente ad item quali Scalare ripide pareti di montagna (item 1 e 65) oppure Nuotare da soli al largo (item 21 e 85), per quanto riguarda le esperienze di brivido ed avventura passate e le intenzioni per il futuro, mentre hanno dato risposte negative ad item quali Fare qualcosa di illegale ma divertente (item 81), Avere rapporti sessuali in pubblico (dove altri stanno facendo la stessa cosa) (item 86), Guidare velocemente l automobile rinunciando alla sicurezza (item 89) oppure Fare ciò che ci piace senza pensare alle conseguenze (item 99), indicando una scarsa propensione alla disinibizione futura. L aumento del numero di sport estremi praticati correla positivamente con la disciplina maggiormente praticata. Nello specifico, atleti disabili che praticano sport come lo sci ed il ciclismo tendono a praticare un numero maggiore di sport estremi. Questi dati confermano solo in parte l ipotesi iniziale. Infatti si era ipotizzato di osservare punteggi più elevati alle sub-scale di ricerca del brivido e disinibizione della SSS, in sportivi disabili praticanti sport maggiormente fisici ed aggressivi come, per esempio, il basket. Questi risultati si possono spiegare partendo dalla natura di questi due sport. Infatti, discipline sportive come lo sci ed il ciclismo risultano essere maggiormente correlate con la ricerca del brivido e della disinibizione e con la pratica di sport estremi, in quanto entrambe attività individuali legate alla velocità, che si praticano all aperto e con il rischio di incontrare difficoltà dovute a cadute o scontri con ostacoli. Sport di squadra come il basket risultano, invece, presentare una percezione di rischio notevolmente inferiore rispetto a tali discipline. È stata riscontrata una minor tendenza alla ricerca di brivido e disinibizione, statisticamente significativa nei punteggi della SSS, nei disabili non extreemers rispetto agli extreemers (disabili e non), considerando tutte le discipline sportive prese in esame. Tali differenze si annullano prendendo in considerazione unicamente i disabili che praticano sci e ciclismo. Questo dato conferma parzialmente l ipotesi che le persone disabili che praticano uno sport tendono ad avere profili di personalità simili agli extreemer. Infatti sembra che unicamente disabili che praticano sport quali sci e ciclismo tendono ad avere quelle caratteristiche di personalità che spingono alla ricerca del brivido, del rischio, a sperimentare e vivere esperienze e sensazioni intense. Questi sportivi sembrano presentare quella sorta di narcisismo che contraddistingue i sensation seekers che spinge tali individui all attuazione di comportamenti disinibiti e pericolosi. In quest ottica risultano molto importanti gli sport estremi, che permettono al sensation seeker, o all extreemer, d incanalare la propria disinibizione e propensione al rischio verso discipline sportive e non più verso comportamenti disinibiti e disadattivi.

17 Sempre nei disabili, è stato osservato che il tempo impiegato nello sport ha una forte correlazione con la ricerca di disinibizione, indicando che maggiore è il tempo impiegato nelle pratiche sportive non estreme maggiore è la ricerca di disinibizione per il futuro. Questo dato potrebbe indicare che la pratica assidua di una disciplina sportiva spinge la persona con disabilità ad un livello di disinibizione simile a quello che può provare un extreemer normodotato, in quanto lo sport consente lo sviluppo di capacità ed abilità, oltre l accrescimento dell autostima, che permettono al disabile di ricercare ed affrontare tutta una serie di esperienze e sensazioni intense, che possono andare oltre le normali aspettative di una persona con disabilità. La correlazione non ci dice la direzione dell effetto, pertanto possiamo anche affermare il contrario, ossia che un profilo di personalità più marcatamente disinibito potrà favorire attività sportive anche nelle condizioni di disabilità, comportamento che, socialmente, potrebbe essere considerato come disinibito cioè oltre il pudore, oltre le aspettative del normale comportamento di un disabile. I risultati evidenziano, anche, una relazione molto significativa fra il numero di sport estremi praticati e la composizione del nucleo familiare. I dati mostrano come i soggetti con disabilità che vivono con un coniuge o in contesti familiari tendono a non praticare o a praticare al massimo uno sport estremo, mentre chi vive autonomamente da solo o con altre persone senza un coinvolgimento sentimentale tende a praticare più sport estremi. Da questo potremmo affermare che scelte di vita, che consentono una maggiore autonomia ed un distacco da un ambiente familiare, spesso eccessivamente protettivo con la persona disabile, corrispondono a determinati profili di personalità, dove spicca una maggior tendenza e propensione alla disinibizione e ricerca del brivido, di emozioni forti, mediante la pratica di sport estremi. Inoltre lo sportivo con disabilità, tanto più pratica o ha praticato nel corso della propria vita un maggior numero di sport estremi, tanto più risulta essere autonomo da legami familiari e sentimentali. L attaccamento a persone care, come coniuge o figli, può fungere da freno inibitorio per lo sportivo che valuta in modo diverso e maggiormente cosciente il rischio intrinseco alla disciplina estrema, anche se è altrettanto possibile che individui con questi profili di personalità tendano a non legarsi sentimentalmente con altre persone. Per quanto riguarda i soggetti non disabili, infine, sono state evidenziate differenze significative per tutte e quattro le scale del SSS rispetto al numero di sport estremi praticati. Questo dato conferma l ipotesi che gli extreemers tendono a ricercare il brivido ed il rischio come puri sensation seekers (Federici e Pampanelli, 2009) Federici, S. e Pampanelli, G. (2009), Sport estremi e sensation seeking. Tesi di Laurea in Scienze della Formazione, Università degli studi di Perugia.

18 Inoltre, è stato osservato che maggiore è il numero di sport estremi praticato, minore risulta il tempo che questi sportivi dedicano alla disciplina sportiva non estrema. La pratica di uno sport estremo, infatti, richiede molta preparazione, sia fisica che mentale, tempo che, inevitabilmente, l extreemer toglie alla pratica di altri sport. Si può concludere sottolineando alcuni limiti emersi dalla presente ricerca. Innanzitutto non è stato possibile un confronto accurato tra i valori del campione preso in esame e quelli del campione normativo italiano (età 18-20), in quanto non si è riusciti a raccogliere un campione di età equivalente sufficientemente numeroso per poter valutare reali cambiamenti nel confronto tra le medie. La somministrazione telematica del questionario, infatti, non ha permesso di raccogliere un campione omogeneo per età, sesso o tipologia di sport, oltre che un elevato numero di soggetti disabili. Inoltre l utilizzazione per scopi di ricerca del computer nella popolazione italiana non è ancora così capillare da permettere un reclutamento numeroso; d altro canto, questo potrebbe essere considerato un vantaggio, poiché la somministrazione online tende a ridurre l effetto della desiderabilità sociale : questi soggetti, interfacciandosi unicamente con il proprio computer in un ambiente familiare, hanno evitato lo stress e l ansia di essere osservati e controllati durante una situazione sperimentale. Infine, tenendo conto che l età media degli sportivi disabili è tendenzialmente elevata, a causa di una disabilità spesso acquisita, ottenere un campione sufficientemente numeroso di persone con disabilità di età anni, avrebbero richiesto un indagine mirata che non rientrava negli scopi della ricerca. Infatti questo lavoro doveva in via preliminare analizzare uno spettro di età quanto più ampio possibile, al fine di osservare se le ipotesi proposte avessero un riscontro effettivo e ragionevole. Dai risultati incoraggianti ottenuti si può prevedere che ulteriori studi su questo argomento si possano ampliare ed essere indirizzati in modo maggiormente mirato a diverse fasce di età, coinvolgendo un molto più vasto numero di soggetti disabili estendendo possibilmente l indagine a più centri di ricerca.

Applicazione del questionario sportivo SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica): un ricerca pilota

Applicazione del questionario sportivo SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica): un ricerca pilota Applicazione del questionario sportivo SAF (Scala dell Autoefficacia Fisica): un ricerca pilota (Dr. Emanuele Currò (Abstract) L obiettivo di questa ricerca è: 1) valutare la motivazione e la percezione

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Obiettivi La seguente ricerca si inserisce nell ambito di uno studio più ampio

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE LO YOGA Nel novembre del 2013 è stato attivato un corso sperimentale di YOGA presso il presidio di Chiari. Il corso si è svolto presso l Aula Magna dell Azienda, al di fuori dell orario di servizio. Sono

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Presenza ai Raduni Regionali Estivi a Schio ed Asiago Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Nel corso del raduno estivo 2010 si è idealmente proseguito il lavoro dell

Dettagli

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO

IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO IL GIOCO PROBLEMATICO: PREVALENZA, FATTORI DI PROTEZIONE E DI RISCHIO Ricerca Commissionata da Lottomatica Group spa Claudio Barbaranelli Sapienza Università di Roma Centro Interuniversitario per la Ricerca

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti Comportamento alimentare e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti ti Francesca Vitali, Daniela Senarega e Guido Amoretti Università degli Studi di Genova ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOLOGIA

Dettagli

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO

INTRODUZIONE LA VALUTAZIONE TRAMITE QUESTIONARIO INTRODUZIONE Anche quest anno, Piscine Forlì S.S.D. A.R.L. ha proposto ai suoi utenti un questionario per rilevarne la soddisfazione. L intento del gestore è stato molto ambizioso, non si è limitato infatti

Dettagli

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI SERVIZIO DI MEDIAZIONE SCOLASTICA PLUS SARCIDANO E BARBAGIA DI SEULO Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI Classe 2 A Area supporto sociale e familismo Comprende gli item da

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

I media. Sport, media e genere.

I media. Sport, media e genere. INTRODUZIONE Nell anno 2012/2013 la nostra scuola, il Liceo Marconi di Foggia, ci ha offerto la possibilità di partecipare ad un corso formativo al fine di ampliare la nostra conoscenza su quello che è

Dettagli

Corso di User Experience

Corso di User Experience Corso di User Experience A.A.2010-2011 RELAZIONE FINALE: Studio sull interazione tra bellezza, bontà e usabilità di prodotti interattivi Autori: Battistutta Paola, Franjul Sandi Data: 08/03/2011 INTRODUZIONE

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Gli italiani, la montagna e gli sport invernali

Gli italiani, la montagna e gli sport invernali Gli italiani, la montagna e gli sport invernali Principali evidenze delle tre ricerche condotte da AstraRicerche per FISI Gli italiani 1 manifestano un rapporto con la montagna stretto (il 41.8% vi si

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it 24 novembre 2013 NUMERO 182 ANNO 7 Pharma kronos QUOTIDIANO D INFORMAZIONE FARMACEUTICA Aspirina

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

Giornata della trasparenza, report finale dei questionari

Giornata della trasparenza, report finale dei questionari Giornata della trasparenza, report finale dei questionari Descrizione generale Le giornate della trasparenza, previste dal D.Lgs /, sono strumenti di coinvolgimento degli stakeholders per la valorizzazione

Dettagli

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale.

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Di Fiorino Mirabella, psicologo e psicoterapeuta, Istituto Superiore di Sanità, comitato scientifico

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

4.1. La migliore relazione affettiva con la figura di riferimento principale

4.1. La migliore relazione affettiva con la figura di riferimento principale 4.1. La migliore relazione affettiva con la figura di riferimento principale Nella seguente tabella sono riassunte le frequenze dei dati sensibili ottenute dallo spoglio dei dati raccolti nella parte preliminare

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Gennaio 2005 Indice Introduzione Obiettivo e metodologia dell indagine Composizione e rappresentatività

Dettagli

LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE

LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE Dipartimento di Psicologia Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE Emanuela CALANDRI, Federica GRAZIANO Laboratorio Regionale Pensare

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO Prima rilevazione nell istituto comprensivo Virgilio di Roma a cura di Pietro Lucisano Università degli studi di Roma La Sapienza, con la collaborazione di Emiliane

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000

ORIZZONTI SCUOLA PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 PROGETTO ORIENTAMENTO III MEDIA ANNO SCOLASTICO 1999/2000 Tra gli interventi di orientamento rivolti alle scuole secondarie di primo grado si può prendere in considerazione, quale esempio, il progetto

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Fabrizio BORRI f.borri@fastwebnet.it

Fabrizio BORRI f.borri@fastwebnet.it Fabrizio BORRI f.borri@fastwebnet.it La prestazione SPORTIVA è influenzata da molteplici fattori TRA CUI L ASPETTO PSICOLOGICO Bangsbo J., 1994 ALLENAMENTO MENTALE PER AVERE SUCCESSO E RISULTATI NELLO

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI Tre punti importanti o Dati e ipotesi In tutte le discipline scientifiche che studiano gli organismi viventi, molto raramente i dati ottenuti attraverso

Dettagli

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laboratorio Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laura Palmerio Università Tor Vergata A.A. 2005/2006 Ipotesi sperimentale o alternativa e Ipotesi zero o nulla Ipotesi

Dettagli

Cocaina e il mondo della notte

Cocaina e il mondo della notte Cocaina e il mondo della notte Gruppo di ricerca formato da : Fabio Mariani e Claudio Marinelli Cooperativa Progetto sul cocainismo - Seconda Annualità anno 2009 FINALITA Emersione del cosiddetto sommerso

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA L EFFICACIA FORMATIVA DEL TEATRO SCIENTIFICO: UN ESPERIENZA NELLA SCUOLA PRIMARIA di Federica La Longa e Massimo Crescimbene psicologi del Laboratorio di Didattica e Divulgazione Scientifica INGV Roma

Dettagli

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto Alessandro Sale Valutazione dell efficacia della Back School in soggetti affetti da rachialgia cronica In

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

Le motivazioni al volontariato: uno studio sui volontari della provincia di Monza e Brianza

Le motivazioni al volontariato: uno studio sui volontari della provincia di Monza e Brianza Monza, 1 Ottobre 2013 Le motivazioni al volontariato: uno studio sui volontari della provincia di Monza e Brianza CSV M&B Centro di Servizio per il Volontariato di Monza e Brianza in collaborazione con

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Incidenti stradali e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Incidenti stradali, morti e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Fonte: ISTAT L'indice di mortalità:

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre Nel mese di Luglio, a chiusura del secondo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012) San Marino, 26 Giugno 2013 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2012) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Albino Caldato Mira 16 maggio 2012 Servizio Educazione e Promozione della Salute GIOVANI: DI CHI STIAMO PARLANDO? PRE-ADOLESCENZA (11-14

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia ...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia di Massimo Tricarico e Giordana Tirocchi PREMESSA Il mondo FS è sempre stato caratterizzato da

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org Percezione del danno, comportamenti protettivi, significati: fenomenologia del consumo di sostanze psicoattive tra i soggetti con età inferiore a anni Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento ITALIA, il futuro nei sistemi di pagamento All alba di una nuova tecnologia nei sistemi di pagamento, indagine sulla propensione all utilizzo del telefonino come strumento d acquisto. 90 Nuove frontiere

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Regolamento programma TOPSport

Regolamento programma TOPSport Regolamento programma TOPSport 1. Il programma TopSport, consiste in un portfolio di offerte volto ad aiutare organizzativamente gli atleti di alto livello a conciliare le carriere accademica ed agonistica.

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 010-011 Corso di Psicometria - Modulo B Dott. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 10/01/011 La distribuzione F di Fisher - Snedecor

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY Gillian Rhodes School of Psychology, University of Western Austriala, Crawley, Perth, WA 6009, Austriala, email: gill@psy.uwa.edu.au CHE COSA RENDE UNA FACCIA

Dettagli

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro COMPETENZE ATTITUDINALE La mia storia di vita Nome.Cognome.. Data. LA MIA STORIA SCHEDA 2 Questa scheda ha l intento di farla riflettere sugli avvenimenti fondamentali

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Questionario Progetto FIL GUd Felicità Interna Lorda della Gente di Udine

Questionario Progetto FIL GUd Felicità Interna Lorda della Gente di Udine Questionario Progetto FIL GUd Felicità Interna Lorda la Gente di Udine Aiutaci a misurare il benessere la stra città. Il benessere la società dipende da quello di ogni singolo individuo. Se lo leggi all

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli