Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers"

Transcript

1 Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers Dott. Emanuele Currò Abstract - IT L obiettivo di questa ricerca è: 1) dimostrare che il profilo di personalità di una persona con disabilità, che pratica uno sport, sia simile a quello di un extreemers; 2) confrontare i punteggi di atleti disabili e sportivi estremi (extreemers) non disabili alla Sensation Seeking Scale VI (SSS - VI) di Zuckerman, che valuta la propensione alla ricerca del brivido ed alla disinibizione, sulla base dell ipotesi che i disabili sportivi presentino punteggi alla SSS - VI simili a quelli degli extreemers. Il questionario è stato somministrato online ad un campione di 398 sportivi disabili e normodotati, praticanti sport estremi e non. I risultati hanno confermato solo in parte l ipotesi iniziale, ovvero che persone disabili che praticano una disciplina sportiva possano presentare profili di personalità simili ai praticanti di sport estremi; infatti è emerso che solo alcuni sportivi disabili, praticanti specifiche discipline come lo sci ed il ciclismo, presentano profili di personalità che tendono maggiormente alla ricerca del brivido. Disinhibition in challenged athletes and extreemers Abstract - EN The objectives of this study are: 1) to demonstrate that the personality profile of a mobility challenged individual who engages in sport is similar to that of an extreemer; 2) to compare the scores of mobility challenged athletes and extreme sportsmen (extreemers) in Zuckerman s Sensation Seeking Scale VI (SSS-VI), which measures disinhibition and the inclination to thrillseeking, based on the hypothesis that mobility challenged athletes would obtain similar scores to those of extreemers. The questionnaire was given online to a population of 398 challenged athletes, able-bodied extreemers and non-extreemers. Results have confirmed only part of the initial hypothesis. This means that mobility challenged athletes have personality profiles similar to that of extreemers; only some of the challenged athletes, the ones who engage in specific disciplines like ski and cycling demonstrate personality profiles inclined to thrill-seeking. Desinhibición en deportistas con discapacidad y en los extreemers Resumen - ES El objetivo de esta búsqueda es: 1) demostrar que el perfil de personalidad de una persona con discapacidad que practica un deporte es similar al de un extreemers; 2) confrontar las puntuaciones de atletas discapacitados y de deportistas extremos (extreemers) no discapacitados aplicando la Sensation Seeking Scale VI (SSS - VI) de Zuckerman, el cual valora la propensión a buscar fuertes emociones y a la desinhibición tomando como base la hipótesis de que los deportistas discapacitados presentan puntuaciones en la SSS - VI similares a las de los extreemers. El cuestionario ha sido aplicado online a un campeón entre 398 deportistas discapacitados y de normalidad media, practicantes y no practicantes de deportes extremos. Los resultados han confirmado sólo en parte la hipótesis inicial, o sea, que las personas discapacitadas que practican una disciplina deportiva pueden presentar un perfil de personalidad semejante a los practicantes de deportes extremos; de hecho, se ha demostrado que sólo algunos deportistas discapacitados, practicantes de disciplinas específicas como el esquí o el ciclismo, presentan perfiles de personalidad que mayoritariamente tienden a la búsqueda de emociones fuertes. Desinibição em desportistas com deficiências e extreemers Abstract - PR O objetivo desta pesquisa é: 1) demonstrar que o perfil de personalidade de uma pessoa com deficiência, que pratica um esporte, é semelhante àquele de um extreemers; 2) comparar as pontuações de atletas deficientes e desportistas radicais (extreemers) não deficientes, aplicando a

2 Sensation Seeking Scale VI (SSS-VI) de Zuckerman, que mede a propensão à procura de fortes emoções e à desinibição, tomando como base a hipótese que os deficientes esportivos apresentam pontuações na SSS VI semelhantes aos extreemers. O questionário foi submetido online a uma amostra de 398 desportistas deficientes e de normalidade média, praticantes e não praticantes de esportes radicais. Os resultados confirmaram só em parte a hipótese inicial, isto é, que as pessoas deficientes praticantes de uma disciplina esportiva podem apresentar perfis de personalidade semelhantes aos praticantes de esportes radicais. Com efeito, demonstrou-se que só alguns desportistas deficientes, praticantes de disciplinas específicas, como o esqui e o ciclismo, apresentam perfis de personalidade que majoritariamente tendem à procura de emoções fortes.

3 Disinibizione in sportivi con disabilità ed extreemers Introduzione Negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede il fenomeno dei sensation seekers, letteralmente cercatori di emozioni estreme, ovvero persone che nutrono un attrazione particolare per attività e comportamenti rischiosi con l obiettivo di percepire sensazioni nuove e fortemente coinvolgenti, a tal punto da arrivare persino a sfidare la morte. Quest individui presentano caratteristiche di personalità impulsive ed a tratti aggressive, sono molto curiosi, anticonformisti e con livelli di ansia relativamente bassi. All interno di questa categoria rientrano coloro che praticano sport estremi, i quali riescono ad incanalare la propria costante necessità di ricerca di sensazioni intense nella pratica di una disciplina sportiva estrema (come per esempio il paracadutismo). Secondo Zuckerman (1964) 1, il comportamento di presa di rischio è direttamente legato alla ricerca di stimolazioni. I sensation seekers, nell intento di appagare il loro bisogno di esperienze e di sensazioni forti, sono propensi a correre dei rischi, tanto fisici quanto sociali. Così diverse ricerche hanno potuto mostrare che gli sportivi praticanti attività a rischio presentano dei punteggi nella Sensation Seeking Scale (SSS) significativamente più elevati rispetto a coloro che non praticano questo tipo d attività. In una di queste ricerche, Rossi e Cereatti (1992) 2 indicano che i punteggi sono tanto più elevati quanto l attività praticata è oggettivamente pericolosa. Sulla base di queste ricerche è stata utilizzata la SSS per indagare la propensione al rischio e la disinibizione in atleti con disabilità e confrontare i valori emergenti da tale scala con quelli di sportivi normodotati. Sensation Seeking Scale - VI (SSS VI) Zuckerman definisce questa scala come: un tratto definito della ricerca di sensazioni ed esperienze varie, nuove, complesse ed intense, e dalla disponibilità a correre rischi fisici, sociali, legali e finanziari per il piacere di tali esperienze (Zuckerman, 1994) 3. La ricerca di sensazioni è considerata una dimensione a carattere continuo, che si presenta distribuita nella popolazione secondo una curva gaussiana che può essere sottoposta a misurazione. Da un lato della curva troviamo gli individui che ricercano attivamente sensazioni ed esperienze 1 Zuckerman, M., Kolin,A., Price,L. e Zoob, I. (1964), Developement of a Sensation-Seeking Scale, Journal of Consulting Psychology, 28, pp Rossi, B. e Cereatti, L. (1993), The sensation seeking in mountain athletes as assessed by Zuckerman's Sensation Seeking Scale, International Journal of Sports Psychology, 24, pp Zuckerman, M. (1994), Behavioral Expression and Biosocial Bases of Sensation Seeking, Cambridge University Press.

4 forti, definiti da Zuckerman (1979) 4 come High Sensation Seekers (HSS), mentre dall altra parte si trovano quelle persone che tendono ad evitare sensazioni troppo forti ed intense (Low Sensation Seekers, LSS). La ricerca di forti sensazioni risulta essere un tratto generale che coinvolge tutti gli ambiti della vita di un individuo, da quello affettivo e lavorativo, a quello degli interessi personali e delle attitudini. Zuckerman (1964) 5 definisce quattro componenti essenziali della sensation seeking che, sebbene distinte, correlano tra loro: Ricerca del brivido e dell avventura (Thrill and Adventure Seeking TAS), che misura l interesse per attività fisiche ad alto rischio. Ricerca dell esperienza (Experience Seeking ES), che valuta la ricerca di nuove esperienze tramite la mente ed i sensi: musica, arte, cibo, droghe. Disinibizione (Disinibition Dis), ovvero la ricerca edonistica del piacere attraverso attività di vario tipo: sesso, gioco d azzardo. Insofferenza alla noia ed alla routine (Borebom Susceptibility - BS), che va a misurare l avversione per le attività di routine, per le persone percepite come noiose e per l inquietudine esperita in un ambiente monotono. Nella presente ricerca è stata utilizzata la sesta edizione della scala, standardizzata nella versione italiana da Galeazzi, D'Incerti e Franceschina (2003) 6, che si caratterizza per avere un focus d attenzione maggiormente circoscritto e specifico rispetto alle precedenti (Zuckerman, 1984) 7. Infatti vengono prese in considerazione solo due delle quattro dimensioni ritenute costitutive della Sensation Scale: la Ricerca del Brivido e dell Avventura (TAS) e la Disinibizione (DIS), dato che tali fattori hanno mostrato, nelle ricerche precedenti, una maggior chiarezza ed attendibilità (Zuckerman, 1984) 7. Quest ultima versione richiede, inoltre, che venga fornito un indice differenziato del tratto della ricerca di sensazioni: da una parte vengono valutati i comportamenti messi effettivamente in atto dalla persona nel passato (Esperienze passate), e dall altra si considerano le inclinazioni ed i desideri rispetto al futuro (Intenzioni per il futuro). 4 Zuckerman, M. (1979), Sensation seeking: Beyond the optimal level of arousal, Eribaum, Hillsdale, N.J. 5 Zuckerman, M., Kolin,A., Price,L. e Zoob, I. (1964), Developement of a Sensation-Seeking Scale, Journal of Consulting Psychology, 28, pp Galeazzi, A., D'Incerti, L. e Franceschina, E. (2003), Sensation Seeking Scale VI: standardizzazione italiana per giovani dai 14 ai 20 anni. 7 Zuckerman, M. (1984), Sensation seeking: a comparative approach to a human trait, Behavioural and Brain Sciences, 7, pp

5 Lo scopo della presente ricerca è stato quello di osservare eventuali differenze nei tratti di personalità di atleti disabili e non, prendendo in considerazione sport tradizionali ed estremi. Infatti, partendo da un precedente lavoro, dove si è osservato come sportivi disabili non differivano per motivazione ed autoefficacia da atleti normodotati (Federici e Currò, 2007) 8 e da una ricerca che ha osservato i valori della SSS su un campione di sportivi estremi (Federici e Pampanelli, 2009) 9, si è ipotizzato che persone disabili praticanti attività sportive potessero avere dei profili di personalità simili a quegli degli extreemers. Si è ipotizzato, inoltre, che ci potessero essere differenti punteggi nella scala in relazione al tipo di sport praticato. 3.1 Materiali e metodi Dal mese di giugno 2009 al mese di giugno 2010, è stato somministrato un questionario per via telematica, mediante il sito internet ad un campione composto da 433 sportivi disabili (76) e normodotati (357), praticanti sport estremi (extreemers) (345) e non (88), per studiare l inclinazione alla ricerca del brivido, la suscettibilità alla noia, la disinibizione. Ai fini della ricerca è stata utilizzata la Sensation Seeking Scale VI (SSS VI) di Zuckermann. La SSS VI è complessivamente costituita da due dimensioni, da quattro subscale e da una scala di controllo: Esperienze-Ricerca del Brivido e dell'avventura (E TAS), di 15 item; Esperienze-Disinibizione (E-Dis), di 42 item; Intenzioni-Ricerca del Brivido e dell' Avventura (I-TAS) di 22 item; Intenzioni-Disinibizione (I-Dis) di 42 item; Scala di controllo, 7 item. Il test era composto da 128 item che andavano ad elencare una serie di attività, sport ed azioni, divisi in due sezioni di 64 item. Nella prima sezione (Esperienze) si domandava al soggetto se aveva mai compiuto queste attività in passato, mentre nella seconda (Intenzioni) veniva chiesto se intendesse cimentarsi nelle stesse attività in futuro. Le possibili risposte della prima sezione erano: 8 Federici, S. e Currò, E. (2007), Motivazione e autoefficacia nelle attività sportive di persone con disabilità: indagine pilota. Tesi di Laurea in Psicologia, Università La Sapienza, Roma. 9 Federici, S. e Pampanelli, G. (2009), Sport estremi e sensation seeking. Tesi di Laurea in Scienze della Formazione, Università degli studi di Perugia.

6 A Non l ho mai fatto B L ho fatto una volta C L ho fatto più volte Le risposte della seconda: A - Non ho desiderio di farlo B - Ho pensato di farlo, ma probabilmente non lo farò C - Ho pensato di farlo e lo farò se ne avrò l occasione Il tempo previsto per la compilazione della SSS-VI è stato calcolato in circa 20 minuti. Il punteggio alle scale della SSS-VI viene calcolato attribuendo 1 punto per ogni risposta A, 2 punti per ogni risposta B e 3 punti per ogni risposta C. Si procede poi alla somma dei punteggi per ogni scala. Un indice per la valutazione della attendibilità delle risposte (Indice di infrequenza) si ottiene sommando le risposte dei sette item della scala di controllo, ovvero quegli item che si riferiscono ad attività decisamente inconsuete, nelle quali è molto improbabile che il soggetto si sia effettivamente cimentato. Il questionario comprendeva oltre agli item della SSS, anche una prima parte anamnestica (20 item), mirata a descrivere lo stato sociale del soggetto, il lavoro, l età, il sesso, gli sport praticati sia estremi che non. Inoltre raccoglieva dati sullo stile di vita del soggetto e sul modo di intendere il proprio sport (Tabella). Grazie a questa prima parte anamnestica abbiamo potuto dividere gli utenti del test in 4 gruppi: Non praticanti di sport estremi Praticanti di uno sport estremo Praticanti fino a 4 sport estremi Praticanti oltre 5 sport estremi Dei 433 sportivi, 76 erano disabili e 357 non disabili, di età compresa tra 14 e 56 anni. Sono stati esclusi dallo studio 35 soggetti (9 disabili e 26 non disabili) che avevano riportato un valore di indice di infrequenza, calcolato in base alle domande di controllo del test SSS, superiore a 7 punti. Il campione finale è stato di 398 soggetti (M = 348, F = 50) con un età compresa fra i 14 e i 56 anni (media = 29,9 ds = 8,8) (Tabella 1).

7 Tabella 1 Descrittive del campione Disabili Non disabili Totale N Entro i gruppi Tra i gruppi N Entro i gruppi Tra i gruppi Numero % 16,8% % 83,2% 398 Maschi 58 86,6% 14,6% ,6% 72,9% 348 Femmine 9 5,4% 2,3% 41 12,4% 10,3% 50 Extreemers 27 40,3% 6,8% ,8% 71,3% 311 Non extreemers 40 59,7% 10% 47 14,5% 11,8% 87 Età Età ,2% 50,8% 8,3% 8,5% ,6% 34,4% 51,2% 31,9% Nubile/celibe Coniugato/a o convivente Separato/a o divorziato/a ,2% 29,8% 3% 11,3% 5% 0,5% % 29,7% 2,3% 56,5% 24,6% 2% Lavoro dipendente Libero professionista Disoccupato Tempo dedicato allo sport: Circa un ora tutti i giorni 4-5 giorni la settimana 2-3 giorni la settimana Saltuariamente ,2% 17,9% 20,9% 7,5% 25,4% 56,7% 10,4% 10,3% 3% 3,5% 1,2% 4,3% 9,5% 1,7% ,5% 21,1% 32,4% 10,6% 17,5% 45% 26,9% 38,7% 17,8% 26,9% 8,8% 14,6% 35,9% 23,9% Il campione di disabili era di 67 soggetti (M = 58, F = 9). Lo sport non estremo praticato più significativo di questo campione è risultato il basket (32%). Il livello di competenza del campione era prevalentemente amatoriale (25%) o agonistico non professionale (28%). Circa il 56 % del campione affermava di praticare sport 2/3 vote a settimana. Circa il 59% del campione non praticava sport estremi, mentre il restante campione praticava da uno fino a cinque sport estremi. Il campione degli sportivi non disabili era di 331 soggetti (M = 290, F = 41). Lo sport non estremo praticato più significativo di questo campione era il ciclismo (44%). Il livello di competenza del campione era prevalentemente amatoriale (35%) o agonistico non professionale (27%). Circa il 43% del campione affermava di praticare sport 2/3 vote a settimana. Circa il 85% del campione praticava uno o più sport estremi. 3.2 Risultati Considerando tutte le discipline sportive, sono state riscontrate differenze nei punteggi della SSS, tra i disabili che non praticano sport estremi e gli extreemers (disabili e non). Si evidenzia, dunque, una minor tendenza alla ricerca di brivido e disinibizione in coloro che non praticano sport estremi, rispetto a praticanti di tali discipline (Grafici 1,2,3,4).

8 Grafico 1 - Medie Esp. - Ricerca brivido e avv. Grafico 2 Medie Esp. Disinibizione Grafico 3 Medie Futuro - Ricerca di Brivido e avv.

9 Grafico 4 Medie Futuro Disinibizione

10 È stato osservato che l aumento del numero di sport estremi praticati correla positivamente con la disciplina maggiormente praticata. L analisi della varianza ha mostrato che alcuni sport predispongono o indicano una predisposizione a praticare sport estremi in soggetti con disabilità: in particolare sci e ciclismo mostrano differenze significative rispetto alle altre pratiche sportive (Tabella 2, Grafico 5) Tabella 2 - Sport più significativo LSD (I) sport più significativo (J) sport più significativo Differenza fra medie (I-J) Errore std. Sig. Intervallo di confidenza 95% Limite inferiore Limite superiore Sci Palestra 1,800 *,602,004,60 3,00 Nuoto 1,615 *,528,003,56 2,67 Basket 1,727 *,507,001,71 2,74 Tennis 1,333,673,052 -,01 2,68 Ciclismo,583,532,277 -,48 1,65 Altro 1,111 *,549,048,01 2,21 Ciclismo Palestra 1,217 *,438,007,34 2,09 Nuoto 1,032 *,330,003,37 1,69 Basket 1,144 *,296,000,55 1,74 Tennis,750,532,164 -,31 1,81 Sci -,583,532,277-1,65,48 Altro,528,363,151 -,20 1,25 *. La differenza media è significativa al livello 0,05 Grafico 5 Correlazione tra Numero di sport estremi praticati e Sport più significativo

11 Per osservare l esistenza di eventuali differenze significative fra i disabili che praticano gli sport che sono risultati essere indicativi della pratica degli sport estremi (sci e ciclismo, vedi pag. 77) e gli extreemers non disabili, è stata effettuata un ulteriore analisi della varianza fra questi due gruppi di soggetti. I dati hanno mostrano che non si evidenziano differenze significative per i punteggi della SSS in questi due gruppi (Grafici 6,7,8,9). Grafico 6 - Medie Esp. - Ricerca brivido e avv. per sci e ciclismo Grafico 7 Medie Esp. Disinibizione per sci e ciclismo Grafico 8 Medie Futuro - Ricerca di Brivido e avv. per sci e ciclismo Grafico 9 Medie Futuro Disinibizione per sci e ciclismo

12 Campione Normodotati Dall analisi della correlazione tra il Numero di sport estremi praticati e le quattro sub-scale della SSS VI sono emerse correlazioni significative positive molto forti per tutti e quattro i fattori della scala (Tabella 3). Tabella 3 - Correlazioni Numero di Sport estremi praticati con scale SSS Numero Sport estremi Esp. - Ricerca di brivido e avv. Esp. - Disinibizione Futuro - Ricerca di brivido e avv. Futuro - Disinibizione,442**,272**,275**,185**,000,000,000,001 Campione disabili Dall analisi della correlazione tra il Numero di sport estremi praticati e le quattro sub-scale della SSS VI sono emerse correlazioni positive per i fattori Esperienza - Ricerca brivido e avventura (p =,001), Esperienza Disinibizione (p =,006) e Futuro - Ricerca di Brivido e avventura (p =,001); mentre Futuro Disinibizione (p =,051) non correla con la variabile presa in esame (Tabella 4). Tabella 4 - Correlazioni Numero di Sport estremi praticati con scale SSS

13 Numero Sport estremi Esp. - Ricerca brivido e avv. Esp. - Disinibizione Futuro - Ricerca di Brivido e avv. Futuro - Disinibizione,469 **,330 **,431 **,240,000,006,000,051 È stata, inoltre, osservata una forte correlazione tra il tempo impiegato nella pratica dello sport e la ricerca di disinibizione: maggiore è il tempo impiegato nelle pratiche sportive non estreme, maggiore è la ricerca di disinibizione per il futuro (,439 p<,001). Dall analisi della varianza sono emerse differenze significative tra chi pratica sport tutti i giorni e chi pratica sport 2-3 giorni a settimana (p =,003) e tra chi pratica sport 4-5 giorni a settimana e chi 2-3 (p =,002). Mentre non sono state rilevate differenze significative con i soggetti che praticano un attività sportiva saltuariamente (Tabella 5, Grafico 10). Tabella 5 - Tempo dedicato allo sport Confronti multipli Futuro - Disinibizione LSD (I) tempo (J) tempo dedicato allo sport Intervallo di confidenza 95% dedicato allo sport Differenza fra medie (I-J) Errore std. Sig. Limite inferiore Limite superiore Circa un ora tutti 4-5 giorni la settimana 15,167 11,300,188-7,75 38,08 i giorni 2-3 giorni la settimana 33,611 * 10,593,003 12,13 55,09 Saltuariamente 24,000 14,455,106-5,32 53, giorni la Circa un ora tutti i giorni -15,167 11,300,188-38,08 7,75 settimana 2-3 giorni la settimana 18,444 * 5,564,002 7,16 29,73 Saltuariamente 8,833 11,300,439-14,08 31, giorni la Circa un ora tutti i giorni -33,611 * 10,593,003-55,09-12,13 settimana 4-5 giorni la settimana -18,444 * 5,564,002-29,73-7,16 Saltuariamente -9,611 10,593,370-31,09 11,87 Saltuariamente Circa un ora tutti i giorni -24,000 14,455,106-53,32 5, giorni la settimana -8,833 11,300,439-31,75 14, giorni la settimana 9,611 10,593,370-11,87 31,09 *.La differenza media è significativa al livello 0,05 Grafico 10 - Correlazione tra Tempo dedicato allo sport e Futuro - Disinibizione

14 Molto significativa è risultata invece la relazione fra il numero di sport estremi praticati e la composizione del nucleo familiare. I dati hanno mostrato come i soggetti con disabilità con un coniuge o che vivono in contesti familiari tendono a non praticare o a praticare al massimo uno sport estremo, mentre chi vive autonomamente da solo o con altre persone senza un coinvolgimento sentimentale tende a praticare più sport estremi (Grafico 11). Grafico 11 Correlazione tra Numero di sport estremi praticati e Convivenza

15 3.4 Discussione Dai risultati del questionario è emerso che un gran numero di soggetti pratica attività sportive 2/3 volte a settimana (disabili = 56%, non disabili = 43%). Questo dato, decisamente elevato rispetto alla media della popolazione italiana (20,1% in base agli ultimi dati dell Istat risalenti al 2006), si spiega andando ad esaminare i luoghi di diffusione del questionario. Infatti il sito internet con il test è stato divulgato presso facoltà di Scienze motorie, palestre, società sportive di atleti disabili e non, in quanto l obiettivo della ricerca è stato quello di indagare se i soggetti, facenti parte del campione, praticassero sport estremi, non se praticassero semplicemente sport. Anche la percentuale di soggetti che praticano sport estremi è molto elevata (disabili = 41%, non disabili = 85%), sempre perché ci si è rivolti ad una popolazione particolare, attraverso la diffusione del questionario in siti internet o network specializzati. Per quanto riguarda gli atleti disabili, lo sport maggiormente praticato risulta essere il basket (32%), questo perché ci si è rivolti, prevalentemente, a società sportive di basket in carrozzina ed in primis al Santa Lucia, che possiede la squadra campione d Italia della disciplina. Nella scelta del campione finale, sono stati esclusi i soggetti che hanno indicato di fare un numero eccessivo di sport estremi, anche se le domande non chiedevano specificatamente quando era stato praticato lo sport estremo, quindi, soprattutto i soggetti adulti, avrebbero potuto eseguire diversi sport estremi nell arco della propria vita. Inoltre, il campione dei disabili ha una età media superiore rispetto all altro gruppo di sportivi, in quanto diversi atleti disabili presentano una disabilità acquisita, anche in età adulta. Per quanto riguarda il campione di soggetti disabili, i risultati hanno evidenziato forti correlazioni tra il numero di sport estremi praticati dai soggetti e le sub-scale della SSS, quali l esperienza di brivido e avventura passata e la ricerca di brivido e avventura futura, che presentano item come, per esempio, Lanciarsi con il paracadute (item 13 e 77) oppure Sciare su piste ripide ed impegnative (item 24 e 88), e l esperienza di brivido e disinibizione passata, con item quali Provare una droga sconosciuta (item 9) oppure Fare qualcosa di pericoloso perché qualcuno ci sfida a farlo (item 47). Per quanto riguarda la ricerca di disinibizione per il futuro, all interno della quale troviamo item quali, per esempio, Fare pazzie solo per vederne l effetto sugli altri (item 124) o Giocare d azzardo scommettendo grosse somme di denaro (item 127), invece, seppure la tendenza dei dati sembra indicare una relazione, non sembra esserci una differenza significativa fra i dati. Questa differenza tra i valori delle sub-scale che riguardano il futuro, potrebbe indicare che i disabili non si aspettano di vivere esperienze particolarmente disinibite, ma non per questo

16 escludono esperienze di brivido ed avventura nella loro vita futura. Infatti i risultati mostrano che questi soggetti hanno risposto positivamente ad item quali Scalare ripide pareti di montagna (item 1 e 65) oppure Nuotare da soli al largo (item 21 e 85), per quanto riguarda le esperienze di brivido ed avventura passate e le intenzioni per il futuro, mentre hanno dato risposte negative ad item quali Fare qualcosa di illegale ma divertente (item 81), Avere rapporti sessuali in pubblico (dove altri stanno facendo la stessa cosa) (item 86), Guidare velocemente l automobile rinunciando alla sicurezza (item 89) oppure Fare ciò che ci piace senza pensare alle conseguenze (item 99), indicando una scarsa propensione alla disinibizione futura. L aumento del numero di sport estremi praticati correla positivamente con la disciplina maggiormente praticata. Nello specifico, atleti disabili che praticano sport come lo sci ed il ciclismo tendono a praticare un numero maggiore di sport estremi. Questi dati confermano solo in parte l ipotesi iniziale. Infatti si era ipotizzato di osservare punteggi più elevati alle sub-scale di ricerca del brivido e disinibizione della SSS, in sportivi disabili praticanti sport maggiormente fisici ed aggressivi come, per esempio, il basket. Questi risultati si possono spiegare partendo dalla natura di questi due sport. Infatti, discipline sportive come lo sci ed il ciclismo risultano essere maggiormente correlate con la ricerca del brivido e della disinibizione e con la pratica di sport estremi, in quanto entrambe attività individuali legate alla velocità, che si praticano all aperto e con il rischio di incontrare difficoltà dovute a cadute o scontri con ostacoli. Sport di squadra come il basket risultano, invece, presentare una percezione di rischio notevolmente inferiore rispetto a tali discipline. È stata riscontrata una minor tendenza alla ricerca di brivido e disinibizione, statisticamente significativa nei punteggi della SSS, nei disabili non extreemers rispetto agli extreemers (disabili e non), considerando tutte le discipline sportive prese in esame. Tali differenze si annullano prendendo in considerazione unicamente i disabili che praticano sci e ciclismo. Questo dato conferma parzialmente l ipotesi che le persone disabili che praticano uno sport tendono ad avere profili di personalità simili agli extreemer. Infatti sembra che unicamente disabili che praticano sport quali sci e ciclismo tendono ad avere quelle caratteristiche di personalità che spingono alla ricerca del brivido, del rischio, a sperimentare e vivere esperienze e sensazioni intense. Questi sportivi sembrano presentare quella sorta di narcisismo che contraddistingue i sensation seekers che spinge tali individui all attuazione di comportamenti disinibiti e pericolosi. In quest ottica risultano molto importanti gli sport estremi, che permettono al sensation seeker, o all extreemer, d incanalare la propria disinibizione e propensione al rischio verso discipline sportive e non più verso comportamenti disinibiti e disadattivi.

17 Sempre nei disabili, è stato osservato che il tempo impiegato nello sport ha una forte correlazione con la ricerca di disinibizione, indicando che maggiore è il tempo impiegato nelle pratiche sportive non estreme maggiore è la ricerca di disinibizione per il futuro. Questo dato potrebbe indicare che la pratica assidua di una disciplina sportiva spinge la persona con disabilità ad un livello di disinibizione simile a quello che può provare un extreemer normodotato, in quanto lo sport consente lo sviluppo di capacità ed abilità, oltre l accrescimento dell autostima, che permettono al disabile di ricercare ed affrontare tutta una serie di esperienze e sensazioni intense, che possono andare oltre le normali aspettative di una persona con disabilità. La correlazione non ci dice la direzione dell effetto, pertanto possiamo anche affermare il contrario, ossia che un profilo di personalità più marcatamente disinibito potrà favorire attività sportive anche nelle condizioni di disabilità, comportamento che, socialmente, potrebbe essere considerato come disinibito cioè oltre il pudore, oltre le aspettative del normale comportamento di un disabile. I risultati evidenziano, anche, una relazione molto significativa fra il numero di sport estremi praticati e la composizione del nucleo familiare. I dati mostrano come i soggetti con disabilità che vivono con un coniuge o in contesti familiari tendono a non praticare o a praticare al massimo uno sport estremo, mentre chi vive autonomamente da solo o con altre persone senza un coinvolgimento sentimentale tende a praticare più sport estremi. Da questo potremmo affermare che scelte di vita, che consentono una maggiore autonomia ed un distacco da un ambiente familiare, spesso eccessivamente protettivo con la persona disabile, corrispondono a determinati profili di personalità, dove spicca una maggior tendenza e propensione alla disinibizione e ricerca del brivido, di emozioni forti, mediante la pratica di sport estremi. Inoltre lo sportivo con disabilità, tanto più pratica o ha praticato nel corso della propria vita un maggior numero di sport estremi, tanto più risulta essere autonomo da legami familiari e sentimentali. L attaccamento a persone care, come coniuge o figli, può fungere da freno inibitorio per lo sportivo che valuta in modo diverso e maggiormente cosciente il rischio intrinseco alla disciplina estrema, anche se è altrettanto possibile che individui con questi profili di personalità tendano a non legarsi sentimentalmente con altre persone. Per quanto riguarda i soggetti non disabili, infine, sono state evidenziate differenze significative per tutte e quattro le scale del SSS rispetto al numero di sport estremi praticati. Questo dato conferma l ipotesi che gli extreemers tendono a ricercare il brivido ed il rischio come puri sensation seekers (Federici e Pampanelli, 2009) Federici, S. e Pampanelli, G. (2009), Sport estremi e sensation seeking. Tesi di Laurea in Scienze della Formazione, Università degli studi di Perugia.

18 Inoltre, è stato osservato che maggiore è il numero di sport estremi praticato, minore risulta il tempo che questi sportivi dedicano alla disciplina sportiva non estrema. La pratica di uno sport estremo, infatti, richiede molta preparazione, sia fisica che mentale, tempo che, inevitabilmente, l extreemer toglie alla pratica di altri sport. Si può concludere sottolineando alcuni limiti emersi dalla presente ricerca. Innanzitutto non è stato possibile un confronto accurato tra i valori del campione preso in esame e quelli del campione normativo italiano (età 18-20), in quanto non si è riusciti a raccogliere un campione di età equivalente sufficientemente numeroso per poter valutare reali cambiamenti nel confronto tra le medie. La somministrazione telematica del questionario, infatti, non ha permesso di raccogliere un campione omogeneo per età, sesso o tipologia di sport, oltre che un elevato numero di soggetti disabili. Inoltre l utilizzazione per scopi di ricerca del computer nella popolazione italiana non è ancora così capillare da permettere un reclutamento numeroso; d altro canto, questo potrebbe essere considerato un vantaggio, poiché la somministrazione online tende a ridurre l effetto della desiderabilità sociale : questi soggetti, interfacciandosi unicamente con il proprio computer in un ambiente familiare, hanno evitato lo stress e l ansia di essere osservati e controllati durante una situazione sperimentale. Infine, tenendo conto che l età media degli sportivi disabili è tendenzialmente elevata, a causa di una disabilità spesso acquisita, ottenere un campione sufficientemente numeroso di persone con disabilità di età anni, avrebbero richiesto un indagine mirata che non rientrava negli scopi della ricerca. Infatti questo lavoro doveva in via preliminare analizzare uno spettro di età quanto più ampio possibile, al fine di osservare se le ipotesi proposte avessero un riscontro effettivo e ragionevole. Dai risultati incoraggianti ottenuti si può prevedere che ulteriori studi su questo argomento si possano ampliare ed essere indirizzati in modo maggiormente mirato a diverse fasce di età, coinvolgendo un molto più vasto numero di soggetti disabili estendendo possibilmente l indagine a più centri di ricerca.

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE

I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE ANALISI COLLANA RICERCHE N. 43 GIUGNO 2002 I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE a cura di Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro, Paola Stradi

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Questa pubblicazione presenta

Questa pubblicazione presenta Un Quadro Un Quadro Questa pubblicazione presenta un quadro delle più importanti caratteristiche dei programmi Social Security, Supplemental Security Income (SSI) e Medicare. Potrete trovare informazioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori Il bambino con diabete nella vita quotidiana Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori a cura di Monica Azzolini In collaborazione con Il bambino con diabete nella vita

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE Tabelle Descrizione Pagina Tabella 11 nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli