I PROGETTI DI SERVIZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PROGETTI DI SERVIZIO"

Transcript

1 ROTARY INTERNATIONAL Distretto 2080 I PROGETTI Paul Harris DI SERVIZIO

2 I PROGETTI NEL ROTARY CHE CAMBIA Paul Harris

3 INDIRIZZI STRATEGICI ROTARY 1) NUOVA SFIDA GLOBALE DOPO POLIO 2) AVVIO PIANO VISIONE FUTURA AREE INTERVENTO R.F SOVVENZIONI SD e SG 3) ROTARY CLUB CENTRAL - DBASE PORTALE Paul Harris MONDIALE DEI PROGETTI

4 INDIRIZZI STRATEGICI ROTARY 4) RAFFORZAM. EFFETTIVO ECLUB ATTRARRE GIOVANI + ELASTICITA RIUN. 5) RUOLO MONDIALE RAFFORZAM. RUOLO ATTORE MONDIALE SVIL. E ASSIST. UMANITARIA Paul Harris

5 CAMBIARE PER MIGLIORARE PERFEZIONARE I MEZZI E Paul Harris RISPONDERE NUOVI BISOGNI

6 PROGETTI DI SERVIZIO RAPPRESENTANO PER I ROTARY CLUBS L AZIONE DI PUBBLICO INTERESSE Paul Harris L IMPEGNO VERSO COMUNITA 6

7 I problemi non si risolvono al livello di pensiero che li ha generati. (Albert Einstein) Paul Harris PROGETTI DI SERVIZIO 7

8 IL ROTARY CAMBIA 1) DEFINIZ. NUOVA SFIDA GLOBALE - DOPO POLIO 2) AVVIO PIANO VISIONE FUTURA 3) PORTALE MONDIALE DEI PROGETTI ROTARY CLUB CENTRAL 4) RAFFORZAM. EFFETTIVO ECLUB ATTRARRE GIOVANI + ELASTICITA RIUN. 5) POSIZIONARSI TRA PRINCIPALI ATTORI SVILUPPO Paul E Harris ASSIST. UMANITARIA

9 UN ROTARY SENZA PROGETTI SAREBBE COME RITA HAYWORTH SENZA CAPELLI Paul Harris 9

10 PROGETTI DI SERVIZIO APPROCCIO MENTALE: OSARE SENZA PENSARE TROPPO ALLE DIFFICOLTA Un giorno, in un paese, arrivò un tale e fece una cosa che nessuno aveva mai saputo fare. La fece subito. Riuscì a farla semplicemente perché nessuno gli aveva Paul mai Harris detto che era difficile. 10

11 Ma qual è il senso dei progetti Rotariani?. CAPIRE I BISOGNI, IDEARE SOLUZIONI ED ATTUARLE Paul Harris 11

12 PROGETTI DI SERVIZIO COMPRENSIONE BISOGNI: SAPER ASCOLTARE DARE RISPOSTE CONCRETE ALLE RICHIESTE DI AIUTO 12

13 APPROCCIO AI PROGETTI Alzare il livello del pensiero I problemi non si risolvono al livello di pensiero che li ha generati. (Albert Einstein) 13

14 Cos è un progetto? Intervento Umanitario, educativo, culturale, scientifico, medico- sanitario o di pubblica utilità ispirato alla promozione ed alla difesa della vita umana, dei diritti civili ed alla salute, del rispetto delle identità e culture, della pace, della solidarietà e della civile e pacifica convivenza Paul Harris 14

15 DOVE E VERSO CHI Negli ambiti costituenti l'ambiente e l'intera società civile, a favore di comunità locale o verso paesi in via di sviluppo, realizzato in modo diretto o in collaborazione e reso in modo gratuito, libero da conflitti di interesse ed ispirato al servizio secondo i Principi del R.I Consiste in un attività annuale o poliennale in ambito locale, distrettuale, nazionale o internazionale puntuale o multiclub.instein) 15

16 Paul Harris ATTUAZIONE Il progetto viene attuato secondo modelli ripetibili, con referenziazione esperienziale e delle partnership. Il progetto viene osservato, monitorato, valutato successivamente per essere rimodulato e mantenuto nel tempo. Va attentamente studiato il modello di gestione. 16

17 CONCRETEZZA COLLABORAZIONE CONTINUITA CONTABILITA REQUISITI PROGETTI 5 COMUNICAZIONE Concretezza: progetto legato ad esigenze reali ed utile Collaborazione: individuare le partnerships Continuità: proseguire, mantenere e rimodulare le inziative intraprese Contabilità: verificare la sostenibilità economica nel tempo e la rendicontazione Comunicazione: fare e far sapere piano di comunicazione interna ed esterna 17

18 6 CUORE E IL CUORE CHE FA REALIZZARE LE COSE CHE NON POTEVAMO NEMMENO IMMAGINARE E CON IL CUORE CHE SI REALIZZANO I SOGNI 18

19 E IL CUORE CHE VA OLTRE GLI OSTACOLI E LE DIFFICOLTA Cuore + progetto ben fatto liberano e canalizzano risorse e aiuti non prevedibili 19

20 Il PROGETTO POLIO E CONCRETO ESEMPIO DI PROGETTO NON SOSTENIBILE VELLEITARIO E PRIVO DI RISORSE. A volte la mancanza di denaro e un pretesto 20

21 PROGETTI Cosa deve fare un Club? - Continuare i progetti - Fare manutenzione - Seguirli nel tempo - Rimodularli e ampliarli - Farne di nuovi 21

22 GESTIONE DEI PROGETTI I CLUBS STUDIANO BISOGNI PROGETTANO R.F. SI QUALIFICANO GESTISCONO FONDI FANNO RENDICONTO 22

23 TIPI DI PROGETTO 1 1) Attività di ideazione, culturale e ricerca o di promozione umana o donazione di opera intellettuale per la realizzazione di opere o soluzione di problemi delle comunità; - Donare un progetto urbanistico, uno studio di promozione territoriale, uno studio epidemiologico - fare convegni ed Paul Harris opinione in senso fattivo opinion maker

24 TIPI DI PROGETTO 2 2) Azione di studio con attuazione di interventi modello permanenti per la soluzione di problemi delle persone e delle comunità; - Banco Alimentare ; - Banco sanitario; - Centri antiviolenza e disagio giovanile Paul Harris

25 TIPI DI PROGETTO 3 3) Azione di sensibilizzazione e campagne conoscitive su specifici temi o promozione con attività scientifica, sanitaria e/o eventi o attività di comunicazione -Etica e legalità -Cordone ombelicale -Disostruzione pediatrica -Derby del cuore -Screening medici(odontoiatrico,scheletrico, Paul Harris celiaco e della vista patologie tumorali)

26 TIPI DI PROGETTO 4 4) Donazione o realizzazione di un'opera o di un servizio concreto - in modo diretto o in sinergia - di riconosciuta utilità a favore di gruppi di persone o di una comunità -Donazione di mezzi, ambulanze, allestimenti di ludoteche, biblioteche, aule informatiche fornitura macchinari - Sistemi di mezzi : Zone cardioprotette; Paul Harris

27 TIPI DI PROGETTO 5 5) Svolgimento di un'attività strutturata di impegno e/o volontariato professionale o di sostegno ad iniziative con previsione di campagna di comunicazione; -Sportelli del cittadino o di microcredito - Volontariato professionale e missioni umanitarie - Hosting di professionisti di paesi poveri in Paul Harris training formativo 27

28 TIPI DI PROGETTO 6 6) Patrocinio, riconoscimento e sostegno economico o di mezzi o di volontariato professionale ad attività esistenti o nascenti - con attività di club e di comunicazione collegata -Villaggi SOS -Lega Tumori - Lega Filo d Oro - Save the Children, AMREF Paul Harris 28

29 TIPI DI PROGETTO 7 7) Conferimento di Premio o Pubblico riconoscimento alla memoria o merito - ad indicazione di modelli ed esempi o per specifici temi - con previsione di piano di comunicazione esterna ed eventuali iniziative collegate -Premio Ruota d Oro -Premio Galilei Paul Harris 29

30 TIPI DI PROGETTO 8 8) Azione strutturata di partnership istituzionale finalizzata alla realizzazione di accordi o di opere o di miglioramenti dei servizi a favore delle comunità e difesa dei deboli e dei sofferenti; -protocolli intesa Istituzionale per nascita di pubblici servizi permanenti o collaborazioni : -Laboratori Centri o ambulatori di ricerca o assistenza (Progetto LILT di Latina Centro Paul Harris Disturbi alimentazione) 30

31 TIPI DI PROGETTO 9 9) Semplici Liberalità o erogazioni in denaro o mezzi collegate ad attività di Club e/o con serate o eventi rotariani di presentazione e sensibilizzazione nonché di comunicazione e promozione presso l'opinione pubblica -Sostegni o iniziative di realtà o associazioni locali nel territorio Paul Harris ( 31

32 ELENCO PROGETTI L elenco Progetti del Club è un allegato del PIANO DIRETTIVO E va redatto congiuntamente Al BILANCIO DI PREVISIONE sulla scorta dell Elenco Progetti dell Annata precedente 32

33 PROGETTI QUALI STRUMENTI DENARO MEZZI AZIONI PAROLE 4

34 PROGETTI STRUMENTI DENARO MEZZI 1 2 AZIONI - Contributo economico diretto - Raccolta fondi mirata - Ricerca di Cosponsor e contributi Istituzionali -Fornitura di materiali e mezzi (acquisto dir.) - Donazione beni o opera intellettuale (progetto o ricerca) - Supporto logistico ed operativo con ricerca partners RC corrispondenti - Supp. Log. Istituzion. - Volontariato professionale - Consulenza PAROLE 3 - Opinione Pubblica - Sensibilizzazione - Premi e riconoscimenti 4 34

35 PER I PROGETTI SERVONO I SOLDI? NO - NON SEMPRE Paul Harris 35

36 DOVE TROVARLI? CLUB BILANCIO SERATE EVENTI ( SPONSOR CLUB CONTRIB. STR. ENTI ALTRI Paul CLUB Harris ROTARY FOUND. SD -SG 36

37 NEI PROGETTI LE DIFFICOLTA SONO MOLTE ( Paul Harris SAPER VEDERE IL BICCHIERE SIGNIFICA VEDERE LE SOLUZIONI 37

38 I VENDITORI DI SCARPE Due venditori di scarpe vengono mandati dalla loro Azienda in Africa per verificare il mercato. Dopo qualche settimana il Primo Venditore Telegrafa in Azienda: Qui nessuno porta scarpe. Non Sanno cosa siano. Il Prodotto è inutile Torno subito in Italia Anche il 2 Venditore Telegrafa e dice: Qui nessuno porta le scarpe. Non Sanno cosa siano. Mercato potenziale incredibile. Mandate subito Paul grosso Harris quantitativo. Faremo affari d oro!! 38

39 E SE PROPRIO QUALCHE SOCIO REMASSE CONTRO Paul Harris 39

40 METTETELO IN CONTO CI SONO ANCHE DA NOI IPERCRITICI E C.A.S. COMPLICATORI Paul Harris AFFARI SEMPLICI 40

41 LE SOVVENZIONI ROTARY FOUNDATION Paul Harris DISTRETTUALI GLOBALI Opportunita per i Progetti 41

42 Con RF I soldi tornano Come fanno i soldi a tornare? 42

43 VISIONE FUTURA FONDAZIONE ROTARY La Rotary Foundation eroga adesso fondi ai Distretti - per progetti anche locali OBIETTIVO - Essere presente e visibile nei Club - Rispondere velocemente e con flessibilità ai bisogni delle comunità locali Paul Harris - Aumentare il feeling tra Rotary Foundation e Clubs 43

44 CAMPAGNE SPECIALI RENDITE INTERESSI ROTARY FOUNDATION VERSAMENTI CLUB Prov. Anno ,8 milioni di $ Oltre 235 mil di DONAZIONI E CONTRIBUZIONI RICONOSCIMENTI SU CONTRIBUTO Paul Harris, Bequest Society, Arch. C. Klumph Society 44

45 FONDAZIONE ROTARY Bilancio Patrimonio 650 milioni $ = (475 mil ) 200 milioni $ - Fondo Dotazione Paul Harris SPENDE L ANNO OLTRE 200 mil $ 150 MILIONI DI EURO PARI A (290 MILIARDI VECCHIE LIRE) IN PROGRAMMI Arch UMANITARI C. Klumph Costi gestione inferiori al 10% 45

46 MODELLI PROGETTO MILANO 1990 FONDAZIONE BANCO ALIMENTARE (ITALIA ANCHE LAZIO E SARDEGNA) ROMA 1991 NASCE ASSOCIAZIONE BANCO ALIMENTARE ROMA ONLUS (SOLO ROMA E LAZIO) CON ROTARY CLUB ROMA EST BANCO ALIMENTARE 46

47 FAME E NUTRIZIONE POVERTA SISTEMA DEGLI AIUTI IN ITALIA Programma Europeo di Aiuto Alimentare (Pead) Regolamento di esecuzione UE N562/ giugno 2011 Min. AgricolturaAGEA AGENZIA EROGAZ. AGRICOLTURA Distribuisce Eccedenze alimentari e di produzione Agli Enti Accreditati 7 Organizzazioni Caritative riconosciute e iscritte nell Albo: - Croce Rossa Italia - Caritas Italiana - Fond. Banco Alimentare (Milano) - Assoc. Banco Alimentare (Roma) - Ass. sempre insieme per la pace - Banco delle opere di Carità - Comunità di Sant Egidio. BANCO ALIMENTARE ASSISTE MOLTI ENTI ED ORGANIZZAZIONI Fondazione Banco Alimentare Onlus ( Milano) Banco Alimentare del Lazio Onlus Banco Alimentare della Sardegna Associazione Banco Alimentare Roma Onlus (1990) indip. a Roma e nel Lazio ALTRI BANCHI ALIMENTARI IN ITALIA SONO PRESENTI ALTRE REALTA LOCALI : CENTRI DISTRIBUZIONE ALIMENTI, ASSOCIAZIONI, MENSE DEI POVERI E CENTRI CARITATIVI ad ispiraz. Religiosa - Tipo Opera San Francesco ma anche di tipo laico

48 CHE FA? ASSOCIAZ. B.A. ROMA ONLUS opera solo Lazio ogni Anno 450 ENTI RIFORNITI persone assistite BANCO ALIMENTARE 48

49 1. Unione Europea - AGEA DONAZIONI PRIVATI E AZIENDE 2. Industria Alimentare 3. Grande Distribuzione Organizzata (GDO) Banco Alimentare Sistema Approvvigionamento 4. Ristorazione Collettiva GIORNATE SPECIALI DI RACCOLTA E SENSIBILIZZAZIONE COLLETTA ALIMENTARE Solo Fondazione Banco Alimentare e Associazioni collegate Mese di novembre ultimo sabato RACCOLTA ALIMENTARE DI SOLIDARIETÀ Solo Banco Alimentare Roma Onlus mese di febbraio presso circa 280 supermercati Roma e Lazio.

50 Associazione Banco Alimentare Roma Onlus (1990) indip a Roma e Lazio Tutta Italia

51 2012 Distretto 2080 R.I. a Roma e nel Lazio ROMA - Via Nicola Festa, ROMA - Tel./Fax Tel Raccolta Alimentare di Solidarietà Sabato 3 marzo 2012 Nei supermercatidi Roma e del Lazio nei supermercati di Roma e Lazio. Vi chiediamo Omogenizzati, Olio, Tonno, Legumi, Pelati li distribuiremo a chi ne ha bisogno non possiamo prodotti deperibili ed offerte in denaro

52 2012 Banco Sanitario Venerdì 11 maggio 2012 compra in farmacia 4 Raccolta di Solidarietà del Banco Sanitario Dona anche tu un prodotto parasanitario di prima necessità: Prodotti per bambini: omogeneizzati, latte in polvere, biberon, pannolini Prodotti per anziani: pomate andidecubito, creme, paste adesive per protesi Prodotti per l igiene personale: saponi, shampoo, dentifrici, spazzolini, rasoi Associazioni giovanili Interact e Rotaract Rotary Clubs Distretto 2080 RI

53 2013 Distretto 2080 R.I. a Roma e nel Lazio ROMA - Via Nicola Festa, ROMA - Tel./Fax Tel Raccolta Alimentare di Solidarietà Sabato 2 marzo 2013 Nei supermercatidi Roma e del Lazio nei supermercati di Roma e Lazio. Vi chiediamo Olio, Tonno, Carne scatola Omogenizzati.. li distribuiremo a chi ne ha bisogno non possiamo prodotti deperibili ed offerte in denaro

54 MODELLI PROGETTO Good News Agency, notiziario telematico italiano inglese (Sergio Tripi rotariano) Notizie dal mondo delle Nazioni Unite, delle istituzioni, delle organizzazioni non governative, delle associazioni di servizio e dei gruppi di volontariato VOLONTARIATO COMUNICAZIONE volontariato nel campo della formazione dell opinione pubblica e della scuola GOOD NEWS AGENCY SOLO BUONE NOTIZIE 54

55 Good News Agency Agenzia delle buone notizie Riporta notizie positive e costruttive dal mondo del volontariato, delle Nazioni Unite, delle organizzazioni nongovernative e delle istituzioni impegnate nel miglioramento della qualità della vita. 55

56 BANDO DEL CONCORSO - LOCALE I DIRITTI UMANI SONO DA APPRENDERE E DA PRATICARE (un altro mondo è possibile se promuoviamo tutti i diritti umani per tutti) CONCORSO PER STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI.. Anno scolastico. Promosso dal ROTARY CLUB DI. in sinergia con GOOD NEWS AGENCY nell ambito delle celebrazioni peranno Internazionale per l Apprendimento dei Diritti Umani GOOD NEWS AGENCY 56

57 MODELLI DI PROGETTO - PROTOCOLLO INTESA ROTARY CROCE ROSSA - PARTITA DEL CUORE - ATTIVITA IN TUTTA ITALIA LASCIAMOLI RESPIRARE 57

58 COS E LASCIAMOLI RESPIRARE Progetto formazione insegnanti e operat. a contatto con i bambini alle manovre di Disostruzione pediatriche della glottide e di Rianimazione cardiopolmonare pediatrica Lezioni pilota e campagna Rotary - Distretto 2080 Croce Rossa Italiana Nazionale Italiana Calcio Giornalisti 58

59 LASCIAMOLI RESPIRARE 59

60 Ogni anno in Italia oltre 50 famiglie sono distrutte dalla morte di un bambino per soffocamento da corpo estraneo. Il 27% dei decessi pediatrici per cause accidentali è dovuto a soffocamento da corpo estraneo (palline di gomme, prosciutto crudo, caramelle gommose, giochi). Chi li assiste nei primi drammatici momenti di solito NON è formato a queste manovre e genera disastrose conseguenze. 60

61 MODELLI PROGETTO KIT SOPRAVV. PER 10 PERSONE CALAMITA NATURALI 750,00 SHELTER BOX 61

62 PROGETTI ALL ESTERO 62

63 ALL ESTERO BISOGNA TROVARE Il MODO DI ANDARCI E PORTARCI I GIOVANI FILM VIAGGI DI MONITORAGGIO O SPONSORIZZATI O CARICO DELLE DITTE FORNITRICI 63

64 E IL MODO MIGLIORE AFFINCHE I PROGETTI INTERNAZIONALI SIANO ACCETTATI IN PIENO DALLE COMUNITA FILM IN CUI VIVIAMO 64

65 OGNI ROTARIANO O GIOVANE INVIATO IN MISSIONE UMANITARIA DIVENTERA NOSTRO TESTIMONIAL 65

66 ITALIA 1978 Sergio Mulitsch (ITA) RC Treviglio E RC Italiani progetto pilota Filippine e Marocco nasce il programma Albert Sabin (USA) Inventore del vaccino orale - rinuncio a brevettarlo per garantirne la diffusione sostenne la vaccinazione di massa 66

67 27 ANNI ROTARY Polioplus Vaccinazione Poliomielite Catena del Freddo da

68 COS E LA POLIO PLUS Quando il Rotary ha lanciato PolioPlus nel 1985, l aggettivo plus indicava che l iniziativa dell eradicazione della polio avrebbe portato ad un incremento delle vaccinazioni di altre cinque malattie infettive prevalenti nei bambini: morbillo, tubercolosi, difterite, pertosse e tetano. Col passare degli anni la lista degli effetti benefici è aumentata.

69 LA VACCINAZIONE La vaccinazione è un modo per indurre un immunizzazione "attiva", cioè una difesa immunitaria prodotta dall organismo vaccinato nei confronti di una malattia infettiva. La difesa individuale, protettiva e duratura viene stimolata mediante somministrazione di un elemento patogeno attenuato, non dannoso, in grado d innescare una risposta immunologica specifica, quindi di difesa, ma non di provocare malattia

70 VITAMINE Le campagne d immunizzazione contro la polio hanno aperto la strada ad altri interventi salvavita, quali la distribuzione della vitamina A. La nuova attrezzatura per il trasporto e la conservazione dei vaccini aveva reso più facile lottare contro le malattie infettive nelle aree in via di sviluppo.

71 RETE DI LABORATORI La grande rete di laboratori e cliniche della salute, che hanno aiutato ad individuare nuovi casi di polio, monitorarizza anche la diffusione di altri virus. l Iniziativa Globale per l Eradicazione della Polio, è divenuta modello per partenariati pubblici e privati per rispondere alle questioni di salute mondiali.

72 POLIOPLUS Il plus in PolioPlus significa che i Rotariani stanno facendo di più: Oltre ad arrestare la diffusione della polio negli ultimi Quattro Paesi polio-endemici si sta creando un lascito in infrastrutture e partnerhip che sosterrà la lotta alle malattie infettive anche dopo l eliminazione della polio.

73 La catena del freddo Il trasporto dei vaccini nelle aree in via di sviluppo non è cosa da poco. Da quando lasciano la fabbrica fino alla destinazione finale, i vaccini devono essere conservati ad una temperature tra i 2 e gli 8 gradi centigradi (alcuni possono essere congelati dai -15 ai -25 gradi). Una variazione anche di pochi gradi potrebbe danneggiare l intera spedizione, lasciando i bambini esposti al rischio di contagio.

74 La catena del freddo La cosidetta catena del freddo creata per distribuire il vaccino antipolio è stata utilizzata per il trasporto di altri vaccini, quali quelli contro il morbillo, il tetano e la difterite. Si stima che un terzo della capacità della catena del freddo nell Africa sub-sahariana sia stata implementata per sostenere l eradicazione della polio.

75 1 La catena del freddo

76 Each vaccine vial has a heat-sensitive monitoring label that allows workers in the field to determine when the vaccine needs to be discarded. 2

77 At the Panacea Biotec vaccine manufacturing facility in New Delhi, boxes of vaccine are stored at about -20 degrees Celsius. 3

78 A card packed with each box includes information such as when and where the box was packaged and how to read the heat-sensitive label on the vials. 4

79 Workers pack the boxes in dry ice to keep the vaccine cold as it travels from the manufacturer to an intermediate storage facility. 5

80 Boxes are driven to intermediate storage sites. This truck will travel 650 miles from New Delhi to Patna, a journey of about 15 hours. 6

81 Rotarians and other volunteers unload a box containing polio vaccine at an intermediate storage facility in Birgunj, Nepal 7

82 In Lucknow, India, Rotarian Ajay Saxena (left) and Past District Governor Venkateshwar Nath Singh (right) inspect vials before passing them on to volunteers who will go door to door to administer the vaccine. 8

83 Left: Inside a polio vaccine field cooler, lined with four ice packs. Right: Outside the cooler, a vial can be placed on one of the ice packs. 9

84 10 Because they can navigate the narrow roads leading to small villages, motorcycles are often used to transport the vaccine to rural areas

85 11 In Bihar, India, bicycles carry the vaccine into areas that have no roads

86 In Bihar, a cooler protects the polio vaccine from high temperatures at a roadside kiosk that volunteers use to reach traveling families. 12

87 Health workers who immunize traveling families check the heat-sensitive label on the vials to make sure they stay cool in the field. 13

88 An Interactor volunteering with the polio eradication effort opens a sealed vaccine vial to immunize an infant at a roadside kiosk in Birgunj. 14

89 A polio vaccine vial ends its journey from the manufacturer on the front porch of a Nepalese villager, protecting another child against the disease. 15

90 Polioplus la fine della poliomielite

91 2013 Un giorno nessun bambino avrà bisogno del vaccino Un giorno la polio sarà andata via per sempre Con il tuo aiuto noi possiamo raggiungerlo quel giorno LA FINE DEL POLIO- PLUS? Rotary in quel giorno, presto 91

92 I PROGETTI SONO DEI CLUB LA RILEVANZA DISTRETTUALE DI UN PROGETTO E DATA DALL ADESIONE DI PIU CLUB O DA INTERESSE STRAORDINARIO

93 SUPPORTO E FUNZIONE DELLA COMMISSIONE DISTRETTUALE

94 LE COMMISSIONE DISTRETTUALE PROGETTI AIUTANO I CLUB : FUNZIONE COLLEGAMENTO

95 AZIONE DI STUDIO E VERIFICA 1 FUNZIONE DELLE COMMISSIONI DISTRETTUALI Ricognizione dei Progetti dei Club Condiv. Esperienze Studio Normativa Metodi azione e canali finanziamento Aiuti individuazione contatti Istituzionali e Sponsor Individuazione Associazioni e Partners operativi Individuazione Soci e Clubs Rotariani di riferimento Supporto progetti dei Clubs- locali ed internaz. e attività Interclub Assistenza istruttoria Sovvenzioni Distrett. e Globali 2 AZIONE OPERATIVA COMMISSIONI Insieme ai referenti progetti dei Clubs o soci designati Assistenza ed elaboraz. Progetti Interesse Dist. Stimolo collabor. Comunicazione sui temi con Clubs Distretto R.I. - R.F. - società e media

96 SINERGIE DISTRETTUALI COMMISSIONE PROGETTI COMITATO REDAZIONE SITO INTERNET OBIETTIVI - RENDERE FRIENDLY USO SITO AREA PUBBLICA ED AREA RISERVATA - CONSERVARE MEMORIA STORICA IN MODO AUTOMATICO - CONSENTIRE COMPILAZIONE ONLINE DEI DOCUMENTI CLUB

97 COSA FARA FOTOGRAFIA ANNATA SITO INTERNET PROGETTI IN ATTUAZIONE PERMETTERA AI PRESIDENTI E SEGRETARI - CONSULTARE L ELENCO PROGETTI DEL CLUB DEL DISTRETTO (ANNO TRASCORSO) -AGGIUNGERE O CONFERMARE -AVERE INFO O ADERIRE A PROGETTI ESISTENTI

98 Dopo Progetto Polio Plus Nuovi Progetti? 98

99 Battaglie future R.F. 1 Causa mortalità paesi occidentali tra i non fumatori OBESITA DISTURBI ALIMENTARI (Malattie cardiocircolatorie) 99

100 Battaglie future R.F. 1 Causa mortalità paesi Poveri DIARREA Mancanza di Sapone - Open Air Defecation (Inquinamento falde d acqua) 100

101 ROTARY FOUNDATION LE AREE FOCUS

102 R.F.- AREE INTERVENTO Salute materna e infantile Prevenzione cura malattie Acqua e strutture igienico sanitarie (Nutrizione) Pace - prevenzione risoluzione conflitti Sviluppo economico e comunitario Alfabetizzazione ed educazione di base 102

103 PROGETTI AREE INTERVENTO 1 Acqua e strutture igienico sanitarie (nutrizione e fame) Progetto Tevere Progetto Malawi Progetto Benin Banco Alimentare e mense caritative costo zero 103

104 PROGETTI AREE INTERVENTO - 2 Alfabetizzazione ed Istruzione di base (Interventi Culturali - patrimonio artistico, Università) -Progetto legalità -Progetti avviamento al lavoro e mestieri -Temi e ricerche nelle scuole orientamento universitario -Premio giovani merito e scienza e tecnologia -Progetti antibullismo e disagio giovanile -Progetti beni artistici e monumenti 104

105 PROGETTI AREE INTERVENTO - 3 Salute materna e infantile -Progetto salvamamme salvabebè; -Progetto Bambini nell Ombra -Salute e benessese Lasciamoli respirare 105

106 PROGETTI AREE INTERVENTO 4 Prevenzione e Cura delle Malattie -Prevenzione diabete ipertensione -Donazione cordone ombelicale -Malaria 106

107 PROGETTI AREE INTERVENTO 5 Pace e Prevenzione Risoluzione conflitti - Carcere e società - Tutela fasce deboli -Good News Agency 107

108 PROGETTI AREE INTERVENTO 6 Sviluppo economico e comunitario - Azioni territorio - Progetti ambientali -Protezione civile -Sportelli del cittadino -Premi al merito locali 108

109 PROGETTI DI SERVIZIO COSA DEVE FARE UN PRESIDENTE 109

110 PIANIFICARE L ANNATA I PRESIDENTI DEBBONO TRASMETTERE AL DISTRETTO IL PIANO DIRETTIVO DI CLUB CHE SI COMPONE DI TRE DOCUMENTI OBBLIGATORI E DELL ELENCO PROGETTI AUTOMATICO DA COMPILARE ON LINE area riservata

111 IMPORTANTE DA FARE SEMPRE CALENDARIO DELL ANNO 1) PIANIFICAZIONE PRINCIPALI APPUNTAMENTI ED EVENTI (SINCRONIZZAZIONE CON FESTIVITA ANCHE LOCALI E CON GLI EVENTI ED APPUNTAMENTI DISTRETTUALI CONGRESSI ASSEMBLEA) 2) PRENOTARE SALE E LUOGHI INCONTRO, VIAGGI, GITE BILANCIO DI PREVISIONE DELL ANNATA 1) DEFINIRE ENTRATE ED USCITE 2) STABILIRE IMPEGNO DI SPESA DEL CLUB SUI SINGOLI PROGETTI O stanziamento diretto O serata di raccolta 111

112 PIANO DIRETTIVO DEL CLUB 1) Pianificazione strategica 2) Obiettivo contributivo Club 3) Pianificazione Club Efficienti Elenco Progetti del Club (è un documento automatico sempre modificabile che dettaglia i progetti indicati nella pianificazione dei Club efficienti - contiene in default l elenco dei progetti del Club dell anno precedente) si deve 112 solo confermare o eliminare ed indicare stanziam.

113 Le Schede dei Progetti

114 LE SCHEDE DEI PROGETTI

115 Elenco Progetti del Club 115

116 116

117 ROTARY CLUB DI.. DISTR SCHEDA PROGETTO "." Anno 2012 Rif. Club N. Rif. Distr. N Titolo:gfdgdfgdfgdfgdf Area Intervento Rotary Foundation: Data: 1 - Acqua, nutrizione e strutture sanitarie Data rev.: Descrizione:dfgfdgdfgfgfdgdfgdfgdfgdfgdfgdf Importo Progetto: ,00 $50.000,00 Referenti e contatti progetto Quota a carico Club: ,00 $25.000,00.. Tipo di Intervento telefoni: Apporto Prevalente. Beneficiario: Ambito Azione referenti:. Tempi realizzazione. Finalità :dfsdfsdfsdfdgdfgfgg Stato Attuazione. Esperienze precedenti: Club Promotore:... Altri recapiti e web O Interclub con :..... Contributi Professionali soci: Richieste di finanziamento Anno Esito Annata Esito O SG Sovvenzione Globale O O O SG Sovvenzione Globale O O Piano di comunicazione: Quadro Economico e copertura finanziaria Coinvolgimento Interact e Rotaract: Fabbisogno - voci di costo Costi Cop.finanziaria - ricavi Ricavi Associazioni e Partners: a) 0,00 a) 0,00 Patrocinii: b) 0,00 b) 0,00 c) 0,00 c) 0,00 Sponsor: d) 0,00 d) 0,00 e) 0,00 e) 0,00 Coinvolgimento giovani e scuole: f) 0,00 f) 0,00 g) 0,00 g) 0,00 Gestione e manutenzione del progetto: 117 Totale costi 0,00 Totale ricavi 0,00

118 ROTARY CLUB DI.. - DISTRETTO 2080 SCHEDA PROGETTO "...." Anno 2012 Rif. Club N. Rif. Distr. N RELAZIONE pg. 1 RELAZIONE pg. 2 NOTE: I Presidenti dei Club Anno.. Anno. Anno. 118

119

120

121 COMUNICARE I PROGETTI 121

122 Istituzioni Soci Media Rotariani OPERAT. COMUNICARE I PROGETTI OPINIONE COMUNIC. OPINION LEADER TARGET COMUN. SCIENTIF. PUBBLICA ASSOCIAZ. GIOVANI 122

123 COMUNICARE I PROGETTI ED IL SENSO DEL ROTARY

124 COMUNICARE I PROGETTI MA ANCHE NOI STESSI ED IL MODO DI FARLI

125 COMUNICARE IL SERVIZIO PROFESSIONALE DI UN CLUB ELITARIO

126 COMUNICARE IL SENSO DELLE NOSTRE SPESE E DELLE FESTE

127 CONSIGLIO LA SCUOLA E LA PORTA DEI GIOVANI E DELLE FAMIGLIE E UN VEICOLO STRAORDINARIO DI REALIZZAZIONE E COMUNICAZIONE DEI PROGETTI I figli so piezz e còre 127

128 COSA FARE CON LE SCUOLE - FARE PROTOCOLLI INTESA - INSERIRE ATTIVITA DIDATTICHE -COINVOLGERE ISTITUTI -CONCORSI STUDENTI -RYLA 128

129 LA SCUOLA E ANCHE IL SERBATOIO DELLE NUOVE LEVE PER INTERACT E ROTARACT VI RICORDO CHE SONO 2 PROGETTI 129

130 PROGETTI DI SERVIZIO Paul Harris Se un rotariano non Serve. NON SERVE 130

131 PUNTO DI VISTA ROTARIANO We are all lying in the gutter but some of us, are looking at the stars (O. Wilde)

132 IMPARIAMO A FARE BENE I PROGETTI La generosità rotariana non consiste nel dare molto ma nel F i n e dare a proposito.

133 Fine..ma. Se ti criticheranno o se ti daranno addosso? 133

134 L ASINO Storiella Un giorno l'asino di un contadino cadde in un pozzo. Non si era fatto male,ma nonpoteva più uscirne. L'asino continuò a ragliare sonoramente per ore, Mentre il proprietario pensava al da farsi. Finalmente il contadino prese una decisione crudele: concluse che l'asino era ormai molto vecchio e che non serviva più a nulla, che il pozzo era ormai secco e che in qualche modo bisognava chiuderlo. Non valeva pertanto la pena di sforzarsi per tirare fuori l'animale dal pozzo.

135 Al contrario chiamò i suoi vicini perchè lo aiutassero a seppellire vivo l'asino. Ognuno di loro prese un badile e cominciò a buttare palate di terra dentro il pozzo. L'asino non tardò a rendersi conto di quello che stavano facendo con lui e pianse disperatamente. Poi, con gran sorpresa di tutti, dopo un certo numero di palate di terra, l'asino rimase quieto. Il contadino alla fine guardò verso il fondo del pozzo e rimase sorpreso da quello che vide.

136 Ad ogni palata di terra che gli cadeva addosso, l'asino se ne liberava, scrollandosela dalla groppa, facendola cadere e salendoci sopra. In questo modo, in poco tempo, tutti videro come l'asino riuscì ad arrivare fino all'imboccatura del pozzo, oltrepassare il bordo e uscirne trottando. La vita andrà a buttarti addosso molta terra, ogni tipo di terra. Principalmente se sarai dentro un pozzo. Il segreto per uscire dal pozzo consiste semplicemente nello scuotersi di dosso la terra che si riceve e nel salirci sopra.

137 Ricorda le cinque regole per essere felice: 1 - Libera il tuo cuore dall'odio 2 - Libera la tua mente dalle preoccupazioni 3 - Semplifica la tua vita 4 - Datti di più e aspettati meno 5 - Amati di più e... accetta la terra che ti tirano addosso, poichè essa può costituire la soluzione e non il problema

Manuale del presidente di club

Manuale del presidente di club Manuale del presidente di club Parte della Cartella per dirigenti di club 222-IT (312) FATTURA DI CLUB: NUOVA PROCEDURA Che cosa è cambiato A decorrere da gennaio 2015, la fattura di club sarà contenuta

Dettagli

FONDAZIONE ROTARY GUIDA ALLE RISORSE

FONDAZIONE ROTARY GUIDA ALLE RISORSE FONDAZIONE ROTARY GUIDA ALLE RISORSE INDICE PolioPlus 1 Sovvenzioni PolioPlus 1 Sovvenzioni partner PolioPlus 1 Risorse 2 Borse della pace del Rotary 3 Risorse 4 Sovvenzioni 5 Sovvenzioni distrettuali

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Manuale per istruttori II Parte

Manuale per istruttori II Parte Anniversario Un progetto congiunto di più di 300 Distretti nel mondo A.R. 2012-13 Edizione 20 Anniversario Manuale per istruttori II Parte RLI - II parte Il Club INDICE IL RLI è un programma multidistrettuale

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE COMUNICATO STAMPA 17.10.2007 Con cortese preghiera di diffusione Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE -Incontro pubblico

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli