Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni"

Transcript

1 Opuscolo tecnico Scale upi Ufficio prevenzione infortuni

2 Le scale permettono di superare un dislivello. Lo sviluppo e l uso di nuovi metodi di costruzione e materiali permettono realizzazioni variegate e affascinanti. Per gli aspetti della funzionalità, la stabilità e la sicurezza è determinante che le costruzioni siano pianificate accuratamente e realizzate in modo ineccepibile. Il ricorso agli specialisti contribuisce a garantire la sicurezza su tutti i livelli.

3 Salire i gradini della sicurezza Le scale comode e belle sono elementi architettonici affascinanti e il biglietto da visita di ogni edificio. Le scale permettono di salire o scendere a piedi da un piano a un altro di un edificio e possono essere usate anche per il trasporto di oggetti pesanti. Al momento della progettazione va tenuto conto anche delle esigenze dei disabili. Questa fase, infatti, è determinante poiché permette ancora di eliminare eventuali errori che sono difficilmente rimediabili una volta costruita la scala. L aspetto estetico, le esigenze relative all opera e alle condizioni di spazio vanno pertanto valutate in modo accurato. Cause d incidente frequenti Le scale figurano tra i punti più insidiosi in casa. Spesso lo si realizza solo dopo un incidente che può essere dovuto a gradini non idonei, pavimenti scivolosi, ringhiere difettose, all assenza di un corrimano oppure perché la scala è difficilmente visibile o mal illuminata. I gradini delle scale a chiocciola sono stretti e perciò scomodi per scendere. Gli spigoli vivi dei pannelli in vetro delle scale celano peri coli e non sostituiscono il corrimano. Sulle scale con spine chiuse è difficile trasportare merci ingombranti. Aspetti giuridici I permessi di costruzione cantonali o comunali prescrivono a volte il modo di costruzione delle scale nei luoghi pub b lici o nelle abitazioni. Giusta la legge, chi crea una situazione pericolosa è tenuto a prendere le misure necessarie e possibili per prevenire un danno. Il proprietario di un edificio o di un altra opera deve garantire che lo stato e la funzione dell opera non metta in pericolo niente e nessuno. Se per impianto o costruzione difettosi o per manutenzione insufficiente si cagiona un danno, il proprietario dell opera è tenuto a risarcirlo. [1] Aspetti antincendio Le scale vanno pianificate e costruite nel rispetto delle norme e delle direttive sulla protezione antincendio nonché nel rispetto degli obblighi relativi alle vie d emergenza dell Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio (AICAA). Le scale e le trombe delle scale, tranne quelle delle case unifamiliari, devono essere resistenti al fuoco. Le scale a chiocciola sono permesse (pedata almeno 15 cm, spina Ø almeno 90 cm). Finestre e vetri nella zona delle scale L uso del vetro spazia dalla pedata antisdrucciolevole, alla protezione anticadute nelle ringhiere, al vetro usato per le facciate fino all uso di vetro di sicurezza per i soffitti. In qualsiasi momento deve essere possibile pulire i vetri senza il rischio di riportare ferite. Pertanto la disposizione dei vetri non deve tener conto solo della facciata. Dove i vetri devono prevenire le cadute, va usato vetro stratificato (tener conto del sistema di fissaggio), dove sussite il pericolo di riportare ferite va usato il vetro di sicurezza temperato. Protezione fonica La protezione fonica è un aspetto importante per i condomini, le case a schiera e le case bifamiliari. Le scale e i piedistalli prefabbricati devono essere dislocati su appoggi speciali. Va rispettata la norma sia 181 «La protezione dal rumore nelle costruzioni edilizie». Nelle case in cui si montano scale in legno o acciaio vanno installati ancoraggi insonorizzanti in soffitti e muri. Scale a misura dei disabili Le scale complicano la vita a molte persone e per i disabili costituiscono spesso persino degli ostacoli insuperabili. I disabili motori hanno bisogno di ausiliari comodi e utili. Grazie a rampe, montascale, ponti mobili o ascensori possono superare autonomamente le differenze di livello. Scale sufficientemente larghe e spazi liberi nelle zone degli scalini d invito e dei pianerottoli semplificano la progettazione di misure idonee e permettono anche modifiche secondo le esigenze individuali.

4 Scale Scala a rampa Scala elicoidale Idonea per tutti gli edifici. Offre molti vantaggi per la pianificazione individuale. Le scale interrotte da pianerottoli presentano uno spazio di caduta più corto e comportano perciò generalmente solo lievi ferite. Le scale elicoidali sono di forma curvilinea. Prendono più posto ma sono relativamente sicure da usare. Questo tipo di scala può creare effetti molto particolari e valorizzare uno spazio. Scala a chiocciola Scala diritta In un abitazione, la scala a chiocciola non andrebbe usata come scala principale. Anche se la pedata è larga 80 cm, è possibile usare solo poco più della metà ed è pertanto difficile trasportare oggetti ingombranti. È possibile usare la scala a chiocciola per mettere in comunicazione la galleria con un altro vano. Le scale diritte possono essere usate nelle case unifamiliari oppure all interno di un appartamento. Nei condomini dovrebbero essere costruite solo se per ogni piano si prevede un pianerottolo che accorcia lo spazio di caduta. Scala elicoidale a 1/4 o a 1/2 Scala ripida Si tratta di una soluzione usata spesso in case unifamiliari con poco spazio a disposizione. È più sicura da usare rispetto a una scala a chiocciola e non prende più spazio. Le scale particolarmente ripide come le scale alla marinara o le scale samba dovrebbero disporre di un passaggio utile di almeno cm e di un corrimano su ogni lato. È relativamente difficile scendere queste scale. Le sud dette scale non sono ammesse come unico accesso ad altre camere.

5 Principi di costruzione Nomenclatura Angolo g e b c d a f a Gradino di invito b Pianerottolo c Pedata d Alzata e Dispositivo anticaduta (ringhiera) f Spina g Fianco (scale in legno o acciaio) Scale 75 Scale ripide 45 (100 %) Scale di cantine e soffitte 41 (86 %) Scale di abitazioni 30 (58 %) Scale pubbliche 20 (36 %) Scale libere 5 (8,5 %) Rampe Meno acuto è l angolo, più comoda e sicura è la scala. Offrono comodità gli angoli che si aggirano intorno ai 30. Nelle abitazioni, gli angoli delle scale ben percorribili dovrebbero disporre di un angolo inferiore a 37. Le scale ripide 90 e lunghe Leitern ( 38 ) vanno spezzate 75 con Steiltreppen pianerottoli. 45 (10%) Keller- und Bodentreppen 41 (86%) Wohnungs- und Wohnhaustreppen 30 (58%) Öffentliche Treppenanlagen 20 (36%) Freitreppen 5 (8.5%) Rampen Pedata e alzata Forma dei gradini a = alzata p = pedata Sulla linea di camminamento, la pedata (p) dovrebbe misurare cm e l alzata (a) cm. I gradini delle scale elicoidali usate al di fuori delle abitazioni dovrebbero nel punto più stretto avere una pedata di almeno 12 cm; le scale principali almeno di 15 cm. In questo modo vengono soddisfatte le norme della Polizia del fuoco Alzate inclinate: gradini più sicuri 2 Alzate verticali e pedate strette: possono essere pericolose quando si scende 3 Frontali aperti: Ø aperture < 12 cm 4 Frontali chiusi: larghezza pedate < 26 cm con sovrapponimenti di almeno 3 cm Pianerottoli, linea di camminamento Rapporto di salita r=32 r=30 4/10 4/10 2/10 Dopo alzate va previsto un pianerottolo. La profondità utile del pianerottolo deve corrispondere almeno al passaggio utile della scala. Per salire le scale generalmente non viene usata l intera lunghezza del gradino, pertanto al momento della pianificazione bisogna tener conto anche della cosiddetta linea di camminamento che nel caso delle scale elicoidali si trova nel centro. p a 41 17/29 = 29 (55%) 17,5/28 = 32 (62%) 19/25 = 37 (75%) 20/23 = 41 (86%) Le misure e le distanze della pedata e dell alzata dipendono dal passo dell essere umano. Il passo di un adulto varia tra i 59 e i 65 cm (passo medio durante una passeggiata ca. 63 cm). Da questi dati si evince il rapporto di salita. Per i condomini è desiderabile avere un rapporto di salita di 17,5/28 cm. 2 alzate + 1 pedata = cm

6 Requisiti tecnici Lunghezza del gradino e distanza dalla parete Illuminazione 5 cm La lunghezza del gradino deve essere conforme alle leggi e all uso. Nei condomini deve misurare al minimo 120 cm. Nelle case unifamiliari il passaggio utile del gradino deve misurare almeno 90 cm per permettere il trasporto di oggetti ingombranti. La distanza tra parete e scala o pianerottolo non deve superare i 5 cm. 1 cm 1 cm All inizio e alla fine della scala va montato su ogni piano un interruttore per la luce. I bordi dei gradini che risaltano troppo poco possono essere inclinati e illuminati da davanti. Se la scala è illuminata da dietro, le fonti luminose vanno sistemate in modo che i bordi anteriori delle pedate non vengano adombrati. Corrimano Visibilità dei bordi del gradino 5 cm 5 cm 4 5 cm 4 5 cm min. 12 cm 4 5 cm cm min. 12 cm Le scale con più di 5 gradini (per disabili e anziani e malati a partire da 2 gradini) devono essere provviste di corrimano. Questi devono avere un diametro di 4 5 cm, una distanza dalla parete di almeno 5 cm ed essere montati senza interruzione. La distanza dal bordo anteriore della pedata fino al bordo superiore del corrimano deve misurare cm. Le scale con lunghezza del gradino di >150 cm e le scale usate da disabili e per sone deboli devono essere munite di corrimano su ambo i lati. I bordi dei gradini devono essere sufficientemente illuminati. Inoltre, si consiglia di evidenziare i bordi dei gradini con una struttura a contrasto e antisdrucciolevole. Gli scalini d invito e i pianerottoli di ogni scala dovrebbero essere messi in risalto dal resto del pavimento. Dispositivi anticaduta Pavimenti min. 90 cm min. 75 cm max. 12 cm max. 5 cm La norma sia 358 «Ringhiere e parapetti» prevede ringhiere alte almeno 100 cm. Lungo la rampa di scale sono possibili 90 cm. Fino a un altezza di 75 cm nessuna apertura deve superare il Ø 12 cm. In edifici con bambini non sorvegliati bisogna montare dispositivi anticaduta non scalabili. Pedata Vasca ca. 1 mm Le pedate devono essere antisdrucciolevoli. Il pavimento scelto deve essere resistente alle sollecitazioni ed essere resistente all abrasione. Il bordo anteriore delle pedate (tappeto, legno o piastrelle) posate in vasche o profili d acciaio deve trovarsi all incirca 1 mm più in basso della pedata. Le grate sono scomode per i tacchi a spillo e per gli animali. Maggiori informazioni offre la pubblicazione n «Requisiti per pavimenti» su

7 Rampe, scale e percorsi con scale I requisiti per le rampe, le scale e i percorsi con scale sono regolati dall Associazione svizzera dei professionisti della strada e dei trasporti (VSS) nella norma SN Questi impianti vanno pianificati in modo da garantire un accesso libero per tutti i potenziali utenti della strada e in modo che venga tenuto conto in modo equo delle diverse esigenze dei vari utenti. Va garantita la sicurezza stradale (p. es. dimensionamento sufficiente), la prevenzione degli infortuni (p. es. discese modeste, fondi non sdrucciolevoli, dispositivi anticaduta) e la sicurezza da atti criminali (p. es. mediante una buona visibilità, illuminazione). Infine, gli impianti devono essere a misura delle esigenze dei disabili. Pavimento La superficie deve essere piana, antisdrucciolevole e resistente all usura. L acqua deve decorrere bene e la superficie deve poter essere sgomberata con facilità dalla neve. Non devono esserci punti in cui il pavimento si è abbassato o cunette in cui si può inciampare o dove possono formarsi lastre di ghiaccio. Rampe Una rampa è un impianto privo di gradini ideale per superare un dislivello. Le rampe con un inclinazione 3,5 (6 %) in eccezioni 7 (12 %) possono essere utilizzate bene da tutti gli utenti. Le rampe più lunghe vanno spezzate mediante pianerottoli. Nei casi in cui non si può realizzare una rampa, per i disabili vanno pianificati percorsi alternativi non troppo lunghi. Corrimano Gli impianti vanno di principio muniti su ambo i lati di corrimano, per gli adulti a un altezza di 90 cm ca. e se necessario per i bambini a un altezza di 65 cm ca. Per le scale larghe > 5 m sono necessari dei corrimano supplementari. Questi vanno realizzati in modo che non possano essere usati come scivolo. Le due estremità devono sporgere 30 cm oltre il gradino d invito e il pianerottolo ed essere formati in modo che non possano rimanervi impigliati i vestiti. Illuminazione Le rampe, le scale e i percorsi con scale vanno possibilmente costruiti in modo che siano garantite sempre delle buone condizioni di luce. Per le ore notturne e se necessario anche per quelle diurne va prevista una illuminazione sufficiente che permette un uso sicuro e che non abbaglia. Le lampade vanno protette da atti di vandalismo. Percorsi con scale Un percorso con scale è una soluzione intermedia tra rampa e scala. Il percorso presenta un inclinazione di < 20 (36 %) e deve essere agibile in modo comodo. Va rispettata la formula per calcolare il passo (62 64 cm = 2a + 1p). Per i percorsi con scale risultano rapporti di salita utili con alzate di 6 13 cm e una profondità di pedata di cm. I pianerottoli vanno realizzati se deve essere superato un dislivello superiore a 300 cm, se bisogna modificare il rapporto di salita, se ci sono cambiamenti di direzione bruschi o nel caso di passi carrabili. Scale esterne Per le scale esterne si applicano i requisiti generali delle scale, pertanto anche in questo caso va tenuto conto del passo medio. Per le scale diritte risultano rapporti di salita utili con salite di cm e una profondità di pedata di cm. Dopo 9 12 gradini va realizzato un pianerottolo. Per motivi di sicurezza, l inclinazione delle scale pubbliche non deve superare i 30 (58 %). Per le scale munite di canali o rampe per biciclette/passeggini l inclinazione non deve superare i 28 (53 %).

8 La tua sicurezza. Il tuo upi L upi è il centro svizzero di competenza per la prevenzione degli infortuni al servizio della popolazione. Conformemente al mandato federale, l upi persegue lo scopo di divulgare i risultati scientifici derivanti dalla propria attività di ricerca tramite le sue consulenze, le formazioni e le campagne destinate tanto agli specialisti quanto al vasto pubblico. Il sito offre maggiori informazioni. Ulteriori informazioni L upi consiglia anche le seguenti pubblicazioni: Ringhiere e parapetti (opuscolo tecnico) Porte e portoni (opuscolo tecnico) Il vetro nell architettura (opuscolo tecnico) Pavimenti (documentazione) Pavimenti (requisiti) Sicurezza nelle sovrastrutture: aspetti giuridici Norma tedesca DIN «Gebäudetreppen» (solo in tedesco) Documentazione sia D002 «Protezione contro gli infortuni nelle costruzioni» Norma sia 500 «Edifici senza ostacoli» Norma SN «Fussgänger- und leichter Zweiradverkehr Rampen, Treppen und Treppenwege» (in tedesco e francese) Treppen Meister «Treppen ABC» (solo in tedesco) Schweizer Baudokumentation Merkblatt (24) «Treppen» (solo in tedesco) Neufert «Bauentwurfslehre» (solo in tedesco) Th. Drexel «Neue Treppen» (solo in tedesco) Norma sia 358 «Parapetti», edizione 1996 Bollettino Suva «Vie di circolazione interne aziendali» Bollettino Suva «Scale: un pericolo sottovalutato» Le pubblicazioni dell upi possono essere richieste gratuitamente o scaricate in formato PDF: Per ordinare le altre pubblicazioni rivolgersi direttamente all editore indicato. Fonti: [1] Art. 58 Codice delle obbligazioni (CO) del 30 marzo 1911, RS 220 upi 2009, riproduzione gradita con indicazione della fonte upi Ufficio prevenzione infortuni, casella postale 8236, CH-3001 Berna Tel , fax ,

Ringhiere e parapetti

Ringhiere e parapetti Opuscolo tecnico Ringhiere e parapetti upi Ufficio prevenzione infortuni Evitare cadute nel vuoto nelle sovrastrutture Negli edifici, le ringhiere e i parapetti adempiono un importante funzione: proteggere

Dettagli

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Scale upi Ufficio prevenzione infortuni Realizzare scale sicure Le scale costruite secondo gli aspetti estetici e di sicurezza invitano gli utenti a usarle; in questo modo contribuiscono

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Porte e portoni upi Ufficio prevenzione infortuni Chiudi la porta ai rischi Porte e portoni sono regolarmente fonte d infortunio. Dalle dita schiacciate alle fratture, o peggio, quasi

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

Opuscolo tecnico. Accertamento sulla prevenzione delle cadute nelle economie domestiche private

Opuscolo tecnico. Accertamento sulla prevenzione delle cadute nelle economie domestiche private Opuscolo tecnico Accertamento sulla prevenzione delle cadute nelle economie domestiche private Introduzione La crescente aspettativa di vita degli ultimi decenni determina un continuo aumento delle persone

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Parchi giochi upi Ufficio prevenzione infortuni I parchi giochi sono fondamentali per lo sviluppo dei bambini. Possono però presentare un alto rischio d infortunio a causa di vizi di costruzione

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

Biciclette elettriche. Comodi e sicuri alla meta

Biciclette elettriche. Comodi e sicuri alla meta Biciclette elettriche Comodi e sicuri alla meta Pedalare senza fatica, andare più veloci e superare le salite con uno sforzo moderato. L assistenza del motore elettrico offre molti vantaggi. L upi e l

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute.

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. SCALE E PARAPETTI I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. Le scale sono elementi strutturali che servono per superare un dislivello ossia collegano

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi

Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi In Svizzera l uso delle scale portatili causa ogni anno circa 6000 infortuni: le vittime sono lavoratori di tutte le professioni,

Dettagli

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO Le scale L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture portanti

Dettagli

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. VIDEO ARKÈ: CREA LA TUA SCALA IN MEZZA GIORNATA IL TUO STILE IL RILIEVO E LE DIMENSIONI DVD Trova la scala per il tuo ambiente

Dettagli

Protezione antincendio

Protezione antincendio Protezione antincendio Ad azione preventiva nella protezione antincendio Punto di fusione > 1000 C Le soluzioni Flumroc per la protezione antincendio. La forza naturale della roccia Protezione antincendio

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE: GENERALITA Le comunicazioni verticali vanno intese come elementi di collegamento tra piani a diversi livelli e di conseguenza tra gli spazi che insistono su tali piani.

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

08/04/2014 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA

08/04/2014 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA PARTI COSTITUENTI UNA SCALA 1 Dimensionamento dei gradini Il dimensionamento dei gradini secondo la manualistica manuali tecnici vengono spesso riportati criteri di dimensionamento dei gradini, basati

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

Pattugliatori scolastici

Pattugliatori scolastici Pattugliatori scolastici Scolari e adulti al servizio della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Il servizio dei pattugliatori scolastici fornisce un contributo es senziale alla sicurezza sulle

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

PER NON CADERE IN CASA

PER NON CADERE IN CASA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI Ospedali di Gemona e di Tolmezzo 1 SERVIZI SANITARI NAZIONÂL - REGJON AUTONOME FRIÛL-VIGNESIE

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

TETTO SICURO. Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti. Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture

TETTO SICURO. Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti. Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture TETTO SICURO Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture Rivenditore autorizzato RICHIEDERE PREVENTIVO Un gradino alla volta ma...

Dettagli

Indipendenti fino a età avanzata

Indipendenti fino a età avanzata Indipendenti fino a età avanzata Lista di controllo abitazione, allenamento e consigli per la mobilità Gesundheitsamt Graubünden Uffizi da sanadad dal Grischun Ufficio dell'igiene pubblica dei Grigioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Come evitare danni a edifici e persone Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Sommario 1 Introduzione 3 2 Provvedimenti architettonici 4 3 Installazioni permanenti

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP18 Rev: 20/10/2009 12.33.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A VOLTA a bassa pendenza (inferiore a 15 ) con annesso a copertura PIANA Nuova Esistente

Dettagli

II bozza N. pratica di riferimento. Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici. Tipologia abitativa

II bozza N. pratica di riferimento. Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici. Tipologia abitativa II bozza N. pratica di riferimento Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici Elementi obbligatori che devono essere rilevati: Tipologia abitativa Comune di Abitazione di tipo

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Articolo 1 Campo di applicazione d) auditori e sale convegno; Allegato REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Parchi da gioco per tutti Domanda

Parchi da gioco per tutti Domanda Ferie e tempo libero per disabili Parchi da gioco per tutti Domanda Il presente questionario contiene informazioni circa il parco da giochi in progetto e non sarà usato come griglia di valutazione. Le

Dettagli

Vie di fuga e di soccorso

Vie di fuga e di soccorso Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Vie di fuga e di soccorso (Stato

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 42/86 13.2.2002 ALLEGATO VI PRESCRIZIONI SPECIALI RELATIVE AI VEICOLI DI CAPACÀ NON SUPERIORE A 22 PASSEGGERI 1.1 Dimensioni minime delle uscite I vari tipi di uscita devono avere le seguenti dimensioni

Dettagli

Schmidlin Bordi rialzati. Il piccolo lusso che fa la differenza

Schmidlin Bordi rialzati. Il piccolo lusso che fa la differenza Schmidlin Bordi rialzati Il piccolo lusso che fa la differenza Schmidlin Bordi rialzati Igienico, impermeabile e privo di fughe Il bordo rialzato Schmidlin: una soluzione igienica, duratura ed estetica.

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

LA TUA SICUREZZA NON È UN GIOCO

LA TUA SICUREZZA NON È UN GIOCO Campagna di prevenzione sulle cadute dalle scale portatili LA TUA SICUREZZA NON È UN GIOCO L uso improprio di scale portatili può causare gravi incidenti. Utilizzale in sicurezza. Abruzzo Sanità: il nostro

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa:

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa: Premessa: La scuola sicura In che modo salvaguardare la sicurezza nelle scuole? Quali sono i principali rischi per docenti e studenti? Cosa fare in caso di situazioni di emergenza? Come proteggersi da

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni Motocicletta Il bello della strada, il piacere della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Fai una gita in moto e senti l'aria che ti accarezza la faccia, ti godi la libertà che solo una due ruote

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Parallele Presentazione

Parallele Presentazione 8 Parallele e Scale Presentazione 251 Linea Plus 253 Linea Standard 254 Carrello per parallele 255 Percorsi componibili 256 Scale per riabilitazione 258 Combinazioni Linea Plus 260 Combinazioni Linea Standard

Dettagli

Scheda di sintesi delle indicazioni della normativa tecnica per l accessibilità

Scheda di sintesi delle indicazioni della normativa tecnica per l accessibilità Universal Design: Progettazione inclusiva e sostenibile Corso di Perfezionamento Politecnico di Torino a.a. 2012-2013 18 marzo 2013 - IL QUADRO NORMATIVO ITALIANO NEL PANORAMA INTERNAZIONALE: COMFORT E

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

ritorna alla home page Costruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani Botola antincendio REI 60 automatica

ritorna alla home page Costruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani Botola antincendio REI 60 automatica ritorna alla home page ostruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani automatica otola antincendio RI 60 L S A L R T R A T T I L I SRI LIGNA3 RTRATTIL IN LGNO La scala retrattile

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 20 giugno 2006) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA LAVORI IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. (art.107

Dettagli

Soluzioni progettuali e qualità nei parcheggi in struttura

Soluzioni progettuali e qualità nei parcheggi in struttura Convegno Automobile Club Pesaro e Urbino LA SOSTA ED IL PARCHEGGIO COMPONENTI ESSENZIALI DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE E RESPONSABILE Pesaro 22 giugno 201 Soluzioni progettuali e qualità nei parcheggi in

Dettagli

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica Università degli studi di Parma Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica 0. NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 Testo Unico

Dettagli

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Come evitare danni a edifici e persone Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Sommario 1 Introduzione 3 2 Provvedimenti architettonici 4 3 Installazioni permanenti

Dettagli

SCALE A CASTELLO SGABELLO

SCALE A CASTELLO SGABELLO SCALE A CASTELLO SGABELLO Sgabello SG con telaio in acciaio inox e gradini in alluminio antisdrucciolevoli, con 2 ruote posteriori fisse Ø 140 mm. Si sposta facilmente sollevandola anteriormente. Su richiesta

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

D.L. 626/94 SPECIALE VETRI DI SICUREZZA

D.L. 626/94 SPECIALE VETRI DI SICUREZZA D.L. 626/94 SPECIALE VETRI DI SICUREZZA I fattori di rischio I fattori di rischio,intesi come cause produttive di eventi dannosi alla persona, possono essere considerati : gli edifici (strutture edilizie

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI Per. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA INTRODUZIONE Nelle costruzioni vengono utilizzate

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Splendido appartamento di 3 ½ locali con meravigliosa vista lago al Condominio dei Fiori a Bissone

Splendido appartamento di 3 ½ locali con meravigliosa vista lago al Condominio dei Fiori a Bissone Splendido appartamento di 3 ½ locali con meravigliosa vista lago al Condominio dei Fiori a Bissone Il comune di Bissone, allungato sulla riva del Ceresio, con le sue case con massicci portici, la sua posizione

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 9 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO IN SICUREZZA DELLE SCALE PORTATILI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Protezione dal Fuoco Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Indice 1.0 Informazioni Generali sul Prodotto pag. 3 2.0 Sistemi

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

Riferimenti NORMATIVI

Riferimenti NORMATIVI REALIZZAZIONE DI SCALE FISSE CON PROTEZIONE NORMA UNI EN ISO 14122-4 : 2010 DISTANZA TRA LA SCALA E OSTRUZIONI PERMANENTI: La distanza tra la scala e le ostruzioni permanenti deve essere: - Di fronte alla

Dettagli

Per vivere meglio. Mod. CURVILINEO

Per vivere meglio. Mod. CURVILINEO Mod. CURVILINEO Poltroncina e schienale imbottiti. Comandi di facile utilizzo. Cintura di sicurezza. Braccioli, poggiapiedi e poltroncina pieghevoli, per facilitare l accesso alle scale. Poltroncina girevole

Dettagli

Fatti vedere! 6 8 anni

Fatti vedere! 6 8 anni Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 6 Fatti vedere! 6 8 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Argomento Catarifrangenti: per le biciclette

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

L upi in breve. Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni. upi Ufficio prevenzione infortuni

L upi in breve. Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni. upi Ufficio prevenzione infortuni L upi in breve Centro svizzero di competenza e coordinazione per la prevenzione degli infortuni upi Ufficio prevenzione infortuni 1 Il nostro profilo. 2 L Ufficio prevenzione infortuni L upi, fondato nel

Dettagli

Titolo: PRINCIPALI ACCORGIMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA PRESENTI NEL D.M. 236/ 89 a cura di Prof. Arch. Fabrizio Vescovo

Titolo: PRINCIPALI ACCORGIMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA PRESENTI NEL D.M. 236/ 89 a cura di Prof. Arch. Fabrizio Vescovo Titolo: PRINCIPALI ACCORGIMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA PRESENTI NEL D.M. 236/ 89 a cura di Prof. Arch. Fabrizio Vescovo PRINCIPALI ACCORGIMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA PRESENTI NEL D.M. 236/ 89 APPENDICE:

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO)

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) Per le parti non verificabili in progetto la costruzione si adeguerà: D.P.R. 27 aprile 1978, n.

Dettagli

Stanchezza al volante

Stanchezza al volante Stanchezza al volante Guida sveglio upi Ufficio prevenzione infortuni Ti bruciano gli occhi o sbadigli continuamente mentre sei al volante? Fermati e fai una turbosiesta di 15 minuti. Deve guidare solo

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Le scale portatili possono essere molto pericolose. Consigli utili per la vostra sicurezza

Le scale portatili possono essere molto pericolose. Consigli utili per la vostra sicurezza Le scale portatili possono essere molto pericolose Consigli utili per la vostra sicurezza Le scale portatili sono molto diffuse e vengono utilizzate nei luoghi più disparati, sia sul lavoro che nel tempo

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli