Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni"

Transcript

1 Opuscolo tecnico Scale upi Ufficio prevenzione infortuni

2 Le scale permettono di superare un dislivello. Lo sviluppo e l uso di nuovi metodi di costruzione e materiali permettono realizzazioni variegate e affascinanti. Per gli aspetti della funzionalità, la stabilità e la sicurezza è determinante che le costruzioni siano pianificate accuratamente e realizzate in modo ineccepibile. Il ricorso agli specialisti contribuisce a garantire la sicurezza su tutti i livelli.

3 Salire i gradini della sicurezza Le scale comode e belle sono elementi architettonici affascinanti e il biglietto da visita di ogni edificio. Le scale permettono di salire o scendere a piedi da un piano a un altro di un edificio e possono essere usate anche per il trasporto di oggetti pesanti. Al momento della progettazione va tenuto conto anche delle esigenze dei disabili. Questa fase, infatti, è determinante poiché permette ancora di eliminare eventuali errori che sono difficilmente rimediabili una volta costruita la scala. L aspetto estetico, le esigenze relative all opera e alle condizioni di spazio vanno pertanto valutate in modo accurato. Cause d incidente frequenti Le scale figurano tra i punti più insidiosi in casa. Spesso lo si realizza solo dopo un incidente che può essere dovuto a gradini non idonei, pavimenti scivolosi, ringhiere difettose, all assenza di un corrimano oppure perché la scala è difficilmente visibile o mal illuminata. I gradini delle scale a chiocciola sono stretti e perciò scomodi per scendere. Gli spigoli vivi dei pannelli in vetro delle scale celano peri coli e non sostituiscono il corrimano. Sulle scale con spine chiuse è difficile trasportare merci ingombranti. Aspetti giuridici I permessi di costruzione cantonali o comunali prescrivono a volte il modo di costruzione delle scale nei luoghi pub b lici o nelle abitazioni. Giusta la legge, chi crea una situazione pericolosa è tenuto a prendere le misure necessarie e possibili per prevenire un danno. Il proprietario di un edificio o di un altra opera deve garantire che lo stato e la funzione dell opera non metta in pericolo niente e nessuno. Se per impianto o costruzione difettosi o per manutenzione insufficiente si cagiona un danno, il proprietario dell opera è tenuto a risarcirlo. [1] Aspetti antincendio Le scale vanno pianificate e costruite nel rispetto delle norme e delle direttive sulla protezione antincendio nonché nel rispetto degli obblighi relativi alle vie d emergenza dell Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio (AICAA). Le scale e le trombe delle scale, tranne quelle delle case unifamiliari, devono essere resistenti al fuoco. Le scale a chiocciola sono permesse (pedata almeno 15 cm, spina Ø almeno 90 cm). Finestre e vetri nella zona delle scale L uso del vetro spazia dalla pedata antisdrucciolevole, alla protezione anticadute nelle ringhiere, al vetro usato per le facciate fino all uso di vetro di sicurezza per i soffitti. In qualsiasi momento deve essere possibile pulire i vetri senza il rischio di riportare ferite. Pertanto la disposizione dei vetri non deve tener conto solo della facciata. Dove i vetri devono prevenire le cadute, va usato vetro stratificato (tener conto del sistema di fissaggio), dove sussite il pericolo di riportare ferite va usato il vetro di sicurezza temperato. Protezione fonica La protezione fonica è un aspetto importante per i condomini, le case a schiera e le case bifamiliari. Le scale e i piedistalli prefabbricati devono essere dislocati su appoggi speciali. Va rispettata la norma sia 181 «La protezione dal rumore nelle costruzioni edilizie». Nelle case in cui si montano scale in legno o acciaio vanno installati ancoraggi insonorizzanti in soffitti e muri. Scale a misura dei disabili Le scale complicano la vita a molte persone e per i disabili costituiscono spesso persino degli ostacoli insuperabili. I disabili motori hanno bisogno di ausiliari comodi e utili. Grazie a rampe, montascale, ponti mobili o ascensori possono superare autonomamente le differenze di livello. Scale sufficientemente larghe e spazi liberi nelle zone degli scalini d invito e dei pianerottoli semplificano la progettazione di misure idonee e permettono anche modifiche secondo le esigenze individuali.

4 Scale Scala a rampa Scala elicoidale Idonea per tutti gli edifici. Offre molti vantaggi per la pianificazione individuale. Le scale interrotte da pianerottoli presentano uno spazio di caduta più corto e comportano perciò generalmente solo lievi ferite. Le scale elicoidali sono di forma curvilinea. Prendono più posto ma sono relativamente sicure da usare. Questo tipo di scala può creare effetti molto particolari e valorizzare uno spazio. Scala a chiocciola Scala diritta In un abitazione, la scala a chiocciola non andrebbe usata come scala principale. Anche se la pedata è larga 80 cm, è possibile usare solo poco più della metà ed è pertanto difficile trasportare oggetti ingombranti. È possibile usare la scala a chiocciola per mettere in comunicazione la galleria con un altro vano. Le scale diritte possono essere usate nelle case unifamiliari oppure all interno di un appartamento. Nei condomini dovrebbero essere costruite solo se per ogni piano si prevede un pianerottolo che accorcia lo spazio di caduta. Scala elicoidale a 1/4 o a 1/2 Scala ripida Si tratta di una soluzione usata spesso in case unifamiliari con poco spazio a disposizione. È più sicura da usare rispetto a una scala a chiocciola e non prende più spazio. Le scale particolarmente ripide come le scale alla marinara o le scale samba dovrebbero disporre di un passaggio utile di almeno cm e di un corrimano su ogni lato. È relativamente difficile scendere queste scale. Le sud dette scale non sono ammesse come unico accesso ad altre camere.

5 Principi di costruzione Nomenclatura Angolo g e b c d a f a Gradino di invito b Pianerottolo c Pedata d Alzata e Dispositivo anticaduta (ringhiera) f Spina g Fianco (scale in legno o acciaio) Scale 75 Scale ripide 45 (100 %) Scale di cantine e soffitte 41 (86 %) Scale di abitazioni 30 (58 %) Scale pubbliche 20 (36 %) Scale libere 5 (8,5 %) Rampe Meno acuto è l angolo, più comoda e sicura è la scala. Offrono comodità gli angoli che si aggirano intorno ai 30. Nelle abitazioni, gli angoli delle scale ben percorribili dovrebbero disporre di un angolo inferiore a 37. Le scale ripide 90 e lunghe Leitern ( 38 ) vanno spezzate 75 con Steiltreppen pianerottoli. 45 (10%) Keller- und Bodentreppen 41 (86%) Wohnungs- und Wohnhaustreppen 30 (58%) Öffentliche Treppenanlagen 20 (36%) Freitreppen 5 (8.5%) Rampen Pedata e alzata Forma dei gradini a = alzata p = pedata Sulla linea di camminamento, la pedata (p) dovrebbe misurare cm e l alzata (a) cm. I gradini delle scale elicoidali usate al di fuori delle abitazioni dovrebbero nel punto più stretto avere una pedata di almeno 12 cm; le scale principali almeno di 15 cm. In questo modo vengono soddisfatte le norme della Polizia del fuoco Alzate inclinate: gradini più sicuri 2 Alzate verticali e pedate strette: possono essere pericolose quando si scende 3 Frontali aperti: Ø aperture < 12 cm 4 Frontali chiusi: larghezza pedate < 26 cm con sovrapponimenti di almeno 3 cm Pianerottoli, linea di camminamento Rapporto di salita r=32 r=30 4/10 4/10 2/10 Dopo alzate va previsto un pianerottolo. La profondità utile del pianerottolo deve corrispondere almeno al passaggio utile della scala. Per salire le scale generalmente non viene usata l intera lunghezza del gradino, pertanto al momento della pianificazione bisogna tener conto anche della cosiddetta linea di camminamento che nel caso delle scale elicoidali si trova nel centro. p a 41 17/29 = 29 (55%) 17,5/28 = 32 (62%) 19/25 = 37 (75%) 20/23 = 41 (86%) Le misure e le distanze della pedata e dell alzata dipendono dal passo dell essere umano. Il passo di un adulto varia tra i 59 e i 65 cm (passo medio durante una passeggiata ca. 63 cm). Da questi dati si evince il rapporto di salita. Per i condomini è desiderabile avere un rapporto di salita di 17,5/28 cm. 2 alzate + 1 pedata = cm

6 Requisiti tecnici Lunghezza del gradino e distanza dalla parete Illuminazione 5 cm La lunghezza del gradino deve essere conforme alle leggi e all uso. Nei condomini deve misurare al minimo 120 cm. Nelle case unifamiliari il passaggio utile del gradino deve misurare almeno 90 cm per permettere il trasporto di oggetti ingombranti. La distanza tra parete e scala o pianerottolo non deve superare i 5 cm. 1 cm 1 cm All inizio e alla fine della scala va montato su ogni piano un interruttore per la luce. I bordi dei gradini che risaltano troppo poco possono essere inclinati e illuminati da davanti. Se la scala è illuminata da dietro, le fonti luminose vanno sistemate in modo che i bordi anteriori delle pedate non vengano adombrati. Corrimano Visibilità dei bordi del gradino 5 cm 5 cm 4 5 cm 4 5 cm min. 12 cm 4 5 cm cm min. 12 cm Le scale con più di 5 gradini (per disabili e anziani e malati a partire da 2 gradini) devono essere provviste di corrimano. Questi devono avere un diametro di 4 5 cm, una distanza dalla parete di almeno 5 cm ed essere montati senza interruzione. La distanza dal bordo anteriore della pedata fino al bordo superiore del corrimano deve misurare cm. Le scale con lunghezza del gradino di >150 cm e le scale usate da disabili e per sone deboli devono essere munite di corrimano su ambo i lati. I bordi dei gradini devono essere sufficientemente illuminati. Inoltre, si consiglia di evidenziare i bordi dei gradini con una struttura a contrasto e antisdrucciolevole. Gli scalini d invito e i pianerottoli di ogni scala dovrebbero essere messi in risalto dal resto del pavimento. Dispositivi anticaduta Pavimenti min. 90 cm min. 75 cm max. 12 cm max. 5 cm La norma sia 358 «Ringhiere e parapetti» prevede ringhiere alte almeno 100 cm. Lungo la rampa di scale sono possibili 90 cm. Fino a un altezza di 75 cm nessuna apertura deve superare il Ø 12 cm. In edifici con bambini non sorvegliati bisogna montare dispositivi anticaduta non scalabili. Pedata Vasca ca. 1 mm Le pedate devono essere antisdrucciolevoli. Il pavimento scelto deve essere resistente alle sollecitazioni ed essere resistente all abrasione. Il bordo anteriore delle pedate (tappeto, legno o piastrelle) posate in vasche o profili d acciaio deve trovarsi all incirca 1 mm più in basso della pedata. Le grate sono scomode per i tacchi a spillo e per gli animali. Maggiori informazioni offre la pubblicazione n «Requisiti per pavimenti» su

7 Rampe, scale e percorsi con scale I requisiti per le rampe, le scale e i percorsi con scale sono regolati dall Associazione svizzera dei professionisti della strada e dei trasporti (VSS) nella norma SN Questi impianti vanno pianificati in modo da garantire un accesso libero per tutti i potenziali utenti della strada e in modo che venga tenuto conto in modo equo delle diverse esigenze dei vari utenti. Va garantita la sicurezza stradale (p. es. dimensionamento sufficiente), la prevenzione degli infortuni (p. es. discese modeste, fondi non sdrucciolevoli, dispositivi anticaduta) e la sicurezza da atti criminali (p. es. mediante una buona visibilità, illuminazione). Infine, gli impianti devono essere a misura delle esigenze dei disabili. Pavimento La superficie deve essere piana, antisdrucciolevole e resistente all usura. L acqua deve decorrere bene e la superficie deve poter essere sgomberata con facilità dalla neve. Non devono esserci punti in cui il pavimento si è abbassato o cunette in cui si può inciampare o dove possono formarsi lastre di ghiaccio. Rampe Una rampa è un impianto privo di gradini ideale per superare un dislivello. Le rampe con un inclinazione 3,5 (6 %) in eccezioni 7 (12 %) possono essere utilizzate bene da tutti gli utenti. Le rampe più lunghe vanno spezzate mediante pianerottoli. Nei casi in cui non si può realizzare una rampa, per i disabili vanno pianificati percorsi alternativi non troppo lunghi. Corrimano Gli impianti vanno di principio muniti su ambo i lati di corrimano, per gli adulti a un altezza di 90 cm ca. e se necessario per i bambini a un altezza di 65 cm ca. Per le scale larghe > 5 m sono necessari dei corrimano supplementari. Questi vanno realizzati in modo che non possano essere usati come scivolo. Le due estremità devono sporgere 30 cm oltre il gradino d invito e il pianerottolo ed essere formati in modo che non possano rimanervi impigliati i vestiti. Illuminazione Le rampe, le scale e i percorsi con scale vanno possibilmente costruiti in modo che siano garantite sempre delle buone condizioni di luce. Per le ore notturne e se necessario anche per quelle diurne va prevista una illuminazione sufficiente che permette un uso sicuro e che non abbaglia. Le lampade vanno protette da atti di vandalismo. Percorsi con scale Un percorso con scale è una soluzione intermedia tra rampa e scala. Il percorso presenta un inclinazione di < 20 (36 %) e deve essere agibile in modo comodo. Va rispettata la formula per calcolare il passo (62 64 cm = 2a + 1p). Per i percorsi con scale risultano rapporti di salita utili con alzate di 6 13 cm e una profondità di pedata di cm. I pianerottoli vanno realizzati se deve essere superato un dislivello superiore a 300 cm, se bisogna modificare il rapporto di salita, se ci sono cambiamenti di direzione bruschi o nel caso di passi carrabili. Scale esterne Per le scale esterne si applicano i requisiti generali delle scale, pertanto anche in questo caso va tenuto conto del passo medio. Per le scale diritte risultano rapporti di salita utili con salite di cm e una profondità di pedata di cm. Dopo 9 12 gradini va realizzato un pianerottolo. Per motivi di sicurezza, l inclinazione delle scale pubbliche non deve superare i 30 (58 %). Per le scale munite di canali o rampe per biciclette/passeggini l inclinazione non deve superare i 28 (53 %).

8 La tua sicurezza. Il tuo upi L upi è il centro svizzero di competenza per la prevenzione degli infortuni al servizio della popolazione. Conformemente al mandato federale, l upi persegue lo scopo di divulgare i risultati scientifici derivanti dalla propria attività di ricerca tramite le sue consulenze, le formazioni e le campagne destinate tanto agli specialisti quanto al vasto pubblico. Il sito offre maggiori informazioni. Ulteriori informazioni L upi consiglia anche le seguenti pubblicazioni: Ringhiere e parapetti (opuscolo tecnico) Porte e portoni (opuscolo tecnico) Il vetro nell architettura (opuscolo tecnico) Pavimenti (documentazione) Pavimenti (requisiti) Sicurezza nelle sovrastrutture: aspetti giuridici Norma tedesca DIN «Gebäudetreppen» (solo in tedesco) Documentazione sia D002 «Protezione contro gli infortuni nelle costruzioni» Norma sia 500 «Edifici senza ostacoli» Norma SN «Fussgänger- und leichter Zweiradverkehr Rampen, Treppen und Treppenwege» (in tedesco e francese) Treppen Meister «Treppen ABC» (solo in tedesco) Schweizer Baudokumentation Merkblatt (24) «Treppen» (solo in tedesco) Neufert «Bauentwurfslehre» (solo in tedesco) Th. Drexel «Neue Treppen» (solo in tedesco) Norma sia 358 «Parapetti», edizione 1996 Bollettino Suva «Vie di circolazione interne aziendali» Bollettino Suva «Scale: un pericolo sottovalutato» Le pubblicazioni dell upi possono essere richieste gratuitamente o scaricate in formato PDF: Per ordinare le altre pubblicazioni rivolgersi direttamente all editore indicato. Fonti: [1] Art. 58 Codice delle obbligazioni (CO) del 30 marzo 1911, RS 220 upi 2009, riproduzione gradita con indicazione della fonte upi Ufficio prevenzione infortuni, casella postale 8236, CH-3001 Berna Tel , fax ,

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Ringhiere e parapetti

Ringhiere e parapetti Opuscolo tecnico Ringhiere e parapetti upi Ufficio prevenzione infortuni Evitare cadute nel vuoto nelle sovrastrutture Negli edifici, le ringhiere e i parapetti adempiono un importante funzione: proteggere

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Scale. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Scale upi Ufficio prevenzione infortuni Realizzare scale sicure Le scale costruite secondo gli aspetti estetici e di sicurezza invitano gli utenti a usarle; in questo modo contribuiscono

Dettagli

Parapetti. come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari

Parapetti. come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari Parapetti come protezione di accessi fissi ad impianti e macchinari Questo opuscolo descrive le regole tecniche da osservare nella costruzione di parapetti posti a protezione di macchinari e impianti.

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Porte e portoni. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Porte e portoni upi Ufficio prevenzione infortuni Chiudi la porta ai rischi Porte e portoni sono regolarmente fonte d infortunio. Dalle dita schiacciate alle fratture, o peggio, quasi

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala. Dipartimento di.

LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala. Dipartimento di. LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala Dipartimento di Responsabile/i REQUISITI Gradini I gradini hanno pedata e alzata dimensionate

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

Biciclette elettriche. Comodi e sicuri alla meta

Biciclette elettriche. Comodi e sicuri alla meta Biciclette elettriche Comodi e sicuri alla meta Pedalare senza fatica, andare più veloci e superare le salite con uno sforzo moderato. L assistenza del motore elettrico offre molti vantaggi. L upi e l

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni

trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni trekking Sicuri per monti e per valli upi Ufficio prevenzione infortuni Frizzante aria di montagna, vista su panorami mozzafiato, del sano movimento Nel nostro paese il trekking è molto apprezzato: quasi

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

5. SCALE FISSE E PORTATILI

5. SCALE FISSE E PORTATILI 01. E stata effettuata una specifica valutazione dei rischi associati alle scale fisse portatili 02. Nei luoghi di lavoro sono utilizzate scale fisse a gradini 02.01. Le scale che presentano dislivelli

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ALLEGATO A 1 FAMIGLIA 4 SICUREZZA NELL IMPIEGO AGGIORNATO AL : 20121999 PAG.: 11 PROPOSIZIONE ESIGENZIALE (SECONDO LA DIRETTIVA 89106 CEE) L opera deve essere concepita e costruita in modo che la sua utilizzazione

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

Concezione di abitazioni destinate agli anziani Promemoria

Concezione di abitazioni destinate agli anziani Promemoria Luglio 2013 Promemoria L integrazione delle persone anziane e dei disabili è un compito importante della nostra società. Le persone anziane dovrebbero poter vivere il più a lungo possibile in modo autosufficiente

Dettagli

Laboratorio di Costruzione dell Archite5ura I A. a.a. 2014/15. Prof. Sergio Rinaldi. sergio.rinaldi@unina2.it. LE SCALE: elementi per il progetto

Laboratorio di Costruzione dell Archite5ura I A. a.a. 2014/15. Prof. Sergio Rinaldi. sergio.rinaldi@unina2.it. LE SCALE: elementi per il progetto Dipar&mento di archite0ura e Disegno Industriale L. Vanvitelli Corso di Laurea Magistrale in Archite0ura Laboratorio di Costruzione dell Archite5ura I A a.a. 2014/15 Prof. Sergio Rinaldi sergio.rinaldi@unina2.it

Dettagli

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. VIDEO ARKÈ: CREA LA TUA SCALA IN MEZZA GIORNATA IL TUO STILE IL RILIEVO E LE DIMENSIONI DVD Trova la scala per il tuo ambiente

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE 1 FONTANOT DÀ VITA AD UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. DVD VIDEO ARKÈ: CREA LA TUA SCALA IN MEZZA GIORNATA IL TUO STILE Trova la scala per il tuo ambiente nelle forme e nelle

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

chi scale Chi scende, Impresa & Cantiere mediante ringhiera oppure tramite un elemento pieno, per esempio in calcestruzzo armato.

chi scale Chi scende, Impresa & Cantiere mediante ringhiera oppure tramite un elemento pieno, per esempio in calcestruzzo armato. STRUTTURE SCALE ESTERNE FONDAZIONI PAVIMENTAZIONI E SOLAI PARETI INTERNE Chiusure verticali Balconi e logge COPERTURE PIANE COPERTURE A FALDA 3 strutture di contenimento Scale Chi scende, chi scale Matteo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Opuscolo tecnico. Accertamento sulla prevenzione delle cadute nelle economie domestiche private

Opuscolo tecnico. Accertamento sulla prevenzione delle cadute nelle economie domestiche private Opuscolo tecnico Accertamento sulla prevenzione delle cadute nelle economie domestiche private Introduzione La crescente aspettativa di vita degli ultimi decenni determina un continuo aumento delle persone

Dettagli

II bozza N. pratica di riferimento. Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici. Tipologia abitativa

II bozza N. pratica di riferimento. Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici. Tipologia abitativa II bozza N. pratica di riferimento Scheda di rilevazione per la valutazione dei rischi in ambiti domestici Elementi obbligatori che devono essere rilevati: Tipologia abitativa Comune di Abitazione di tipo

Dettagli

Pattugliatori scolastici

Pattugliatori scolastici Pattugliatori scolastici Scolari e adulti al servizio della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Il servizio dei pattugliatori scolastici fornisce un contributo es senziale alla sicurezza sulle

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO

LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO LE SCALE: TIPOLOGIE COSTRUTTIVE ED ELEMENTI PER IL PROGETTO Le scale L'insieme di tutte le strutture portanti che individuano lo spazio della scala si chiama gabbia. L'insieme delle strutture portanti

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

Dove. La sicurezza degli ambienti

Dove. La sicurezza degli ambienti ing. Domenico Mannelli Dove La sicurezza degli ambienti PERICOLO= La potenzialità che una macchina o un impianto o, ancora, un processo possano causare danni. (Es. Scala priva di strisce antiscivolo )

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

Protezione antincendio

Protezione antincendio Protezione antincendio Ad azione preventiva nella protezione antincendio Punto di fusione > 1000 C Le soluzioni Flumroc per la protezione antincendio. La forza naturale della roccia Protezione antincendio

Dettagli

Normative La Normativa e conformità dei prodotti SVELT

Normative La Normativa e conformità dei prodotti SVELT Normative La Normativa e conformità dei prodotti SVELT Le scale di dicurezza con gabbia SVELT sono costruite e progettate secondo le disposizioni della NORMA ITALIANA: Decreto Legislativo n.81 del 9/4/2008

Dettagli

Prima di ogni impiego è necessario accertare lo stato di conservazione della scala, in particolare:

Prima di ogni impiego è necessario accertare lo stato di conservazione della scala, in particolare: Le scale Opuscolo in materia di Salute e Sicurezza L'impiego di scale portatili, di diverso forma o tipologia, è consuetudine in ogni luogo di lavoro. L'accesso ai ripiani superiori di una scaffalatura,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA PERMESSO DI COSTRUIRE in parziale Sanatoria ed in Variante al P.d.C. n. 759/7 del 06/08/2010 EDIFICI A1 e A2 del P.U.O. PROGETTO PER NUOVE RESIDENZE IN

Dettagli

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni

Opuscolo tecnico. Parchi giochi. upi Ufficio prevenzione infortuni Opuscolo tecnico Parchi giochi upi Ufficio prevenzione infortuni I parchi giochi sono fondamentali per lo sviluppo dei bambini. Possono però presentare un alto rischio d infortunio a causa di vizi di costruzione

Dettagli

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute.

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. SCALE E PARAPETTI I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. Le scale sono elementi strutturali che servono per superare un dislivello ossia collegano

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCALA. COSA DEVO SAPERE?

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCALA. COSA DEVO SAPERE? STILE GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCALA. COSA DEVO SAPERE? 01_RACCOGLI TUTTI I DATI spessore solaio piano di arrivo piano di arrivo piano di partenza piano di partenza ALTEZZA DA PIANO A PIANO AMPIEZZA DEL

Dettagli

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni 1/35 Criteri di Progettazione Il corretto approccio alla progettazione di una copertura sicura èfinalizzato all eliminazione e/o riduzione

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STIE smart FONTNOT D VIT UN INE DI SE PENST PER HI M I FI D TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo rilievo

Dettagli

Schöck Tronsole tipo QW

Schöck Tronsole tipo QW Separazione tecnica acustica tra rampe di scale a chiocciola prefabbricate e parete di giroscala Schöck Tronsole tipo Rampa di scala a chiocciola: Prefabbricata Parete giroscala: Opera in muratura o calcestruzzo

Dettagli

Il sub-sistema tecnologico scala

Il sub-sistema tecnologico scala Dipartimento di Scienze e Tecnologie dell Ambiente Costruito Building & Environment Science & Technology BEST Facoltà di Architettura e Società Progettazione esecutiva dell architettura a.a. 2005/2006

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

Lavori sui tetti Come non cadere nel vuoto

Lavori sui tetti Come non cadere nel vuoto Lavori sui tetti Come non cadere nel vuoto Priorità assoluta alla sicurezza Le cadute dall alto hanno conseguenze gravi. Pertanto è importante adottare sempre le misure di sicurezza richieste, anche quando

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Come evitare danni a edifici e persone Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Sommario 1 Introduzione 3 2 Provvedimenti architettonici 4 3 Installazioni permanenti

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

SNEL. Sicurezza degli ascensori esistenti, SIA 370.080

SNEL. Sicurezza degli ascensori esistenti, SIA 370.080 SNEL Sicurezza degli ascensori esistenti, SIA 370.080 L ascensore: il mezzo di trasporto più sicuro? Gli ascensori rappresentano senza dubbio il mezzo di trasporto più sicuro. La Svizzera, «paese di ascensori»

Dettagli

Parchi da gioco per tutti Domanda

Parchi da gioco per tutti Domanda Ferie e tempo libero per disabili Parchi da gioco per tutti Domanda Il presente questionario contiene informazioni circa il parco da giochi in progetto e non sarà usato come griglia di valutazione. Le

Dettagli

www.nc2grid.com SCALE

www.nc2grid.com SCALE www.nc2grid.com E GRADINIEdizione: SCALE settembre 2013 Profilo Aziendale NC2 GRID nasce nel 1991 come evoluzione della precedente attività artigianale, risalente ai primi anni Settanta, e ne assume la

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE

TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE TENDE TAGLIA FUOCO E TAGLIA FUMO AD USO CIVILE E INDUSTRIALE Descrizione dei prodotti Le cortine taglia fuoco e taglia fumo FANANI FIRE sono state progettate per contenere l espansione di fiamme e fumi

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6

Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6 Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDE INCLINATE A GRONDA COSTANTE PIANTA RETTANGOLARE Nuova Esistente Praticabile

Dettagli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli

Funivie e funicolari: infrastruttura e veicoli UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Funivie e funicolari D-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nelle funicolari e nelle funivie: requisiti funzionali Funivie e funicolari:

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi

Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi In Svizzera l uso delle scale portatili causa ogni anno circa 6000 infortuni: le vittime sono lavoratori di tutte le professioni,

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

Specifiche modello 30

Specifiche modello 30 Elevatori a vuoto pneumatico Specifiche modello 30 avp12_10_52 Versione 5.2-01/11/2015 Contenuti 1 Specifiche tecniche.... pag. 1 2 Requisiti ambiente.. pag. 2 3 Spazio occupato e disponibile..... pag.

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio.

LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio. LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio Dipartimento di Responsabile/i REQUISITI Altezza, cubatura, superficie

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

Stanchezza al volante

Stanchezza al volante Stanchezza al volante Guida sveglio upi Ufficio prevenzione infortuni Ti bruciano gli occhi o sbadigli continuamente mentre sei al volante? Fermati e fai una turbosiesta di 15 minuti. Deve guidare solo

Dettagli

08/04/2014 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA

08/04/2014 PARTI COSTITUENTI UNA SCALA PARTI COSTITUENTI UNA SCALA 1 Dimensionamento dei gradini Il dimensionamento dei gradini secondo la manualistica manuali tecnici vengono spesso riportati criteri di dimensionamento dei gradini, basati

Dettagli

TETTO SICURO. Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti. Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture

TETTO SICURO. Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti. Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture TETTO SICURO Scale con gabbia - Passerelle - Parapetti Prodotti integrati per la messa a norma e protezione di tetti e coperture Rivenditore autorizzato RICHIEDERE PREVENTIVO Un gradino alla volta ma...

Dettagli

I primi passi nella circolazione stradale

I primi passi nella circolazione stradale I primi passi nella circolazione stradale Sulla strada verso l indipendenza upi Ufficio prevenzione infortuni L esercizio è un buon maestro I bambini sono curiosi e vogliono scoprire il loro mondo, estendendo

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Protezione dal Fuoco Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Indice 1.0 Informazioni Generali sul Prodotto pag. 3 2.0 Sistemi

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE Monza, 22 gennaio 2014 Progettazione di una facciata ventilata Nella

Dettagli

Stanchezza al volante

Stanchezza al volante Stanchezza al volante Guida sveglio upi Ufficio prevenzione infortuni Dormi meglio, guida sveglio Si stima che il 10 20% degli incidenti stradali siano dovuti a sonnolenza. Ad essere pericoloso non è soltanto

Dettagli

Requisiti dei piani di calpestio per i ponti da lattoniere

Requisiti dei piani di calpestio per i ponti da lattoniere Requisiti dei piani di calpestio per i ponti da lattoniere Principio: (OLCostr art. 47, traduzione libera) 1. Il ponte da lattoniere è il ponte più alto in prossimità del bordo del tetto. 2. Se l altezza

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP18 Rev: 20/10/2009 12.33.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A VOLTA a bassa pendenza (inferiore a 15 ) con annesso a copertura PIANA Nuova Esistente

Dettagli

PROGETTO E CALCOLO DELLE SCALE DI CEMENTO ARMATO

PROGETTO E CALCOLO DELLE SCALE DI CEMENTO ARMATO Stefano Cascio PROGETTO E CALCOLO DELLE SCALE DI CEMENTO ARMATO * Termini e definizioni secondo le norme UNI 10803 e 10809 * Guida alla progettazione architettonica delle scale 9 continuità rampa/corrimano

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1 HANDICAP FISICI Sotto argomento 2.1 Le principali disabilità fisiche riguardano: A. Il movimento delle persone B. Gli occhi devono avere occhiali o usare il Braille C. Orecchie A. Handicap motorio Le persone

Dettagli

built build to ponteggi

built build to ponteggi uilt build to ponteggi Ponteggi e Coperture PONTEGGI Ponteggi prefabbricati K-KZ 110 PE 120 SE 132 Ponteggi multidirezionali Tubo e Giunto 144 Multidirezionale MP 150 Piazzole di carico MP 162 Scale di

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

Progettazione Dei Sistemi Costruttivi A (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla. TdA 4 ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

Progettazione Dei Sistemi Costruttivi A (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla. TdA 4 ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Progettazione Dei Sistemi Costruttivi A (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla TdA 4 ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Università degli studi Mediterranea di Reggio Calabria darte

Dettagli

ritorna alla home page Costruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani Botola antincendio REI 60 automatica

ritorna alla home page Costruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani Botola antincendio REI 60 automatica ritorna alla home page ostruite su misura Modelli speciali: per pareti verticali per tetti piani automatica otola antincendio RI 60 L S A L R T R A T T I L I SRI LIGNA3 RTRATTIL IN LGNO La scala retrattile

Dettagli

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips Sistema di controsoffitto autoportante senza requisiti antincendio Il sistema di controsoffitti autoportanti offre all esecutore un alternativa particolarmente interessante ai sistemi di controsoffitti

Dettagli

LR 61/85 art.79bis - DGR 2774/09. LR 61/85 art.79bis - DGR 2774/09

LR 61/85 art.79bis - DGR 2774/09. LR 61/85 art.79bis - DGR 2774/09 Il 47% degli infortuni in edilizia avviene per cadute dall alto*. La maggior parte di questi in fase di manutenzione. La Regione Veneto ha detto MAI PIU LR 61/85 - art.79bis - DGR 2774/09 Misure preventive

Dettagli

Campagna Europea per la sicurezza nelle costruzioni.

Campagna Europea per la sicurezza nelle costruzioni. Ns.rif.:web/banca_dati/linee_guida/lavori_in_quota/Anno2004/073 Op. Sicurezza Costruzioni 26-09-2003 15:17 Pagina 1 Campagna Europea per la sicurezza nelle costruzioni. Il rischio di cadute dall alto Settimana

Dettagli

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 . COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 oggetto : relazione tecnica ai sensi della Legge 13/89 allegata alla richiesta di permesso di costruire diretto convenzionato

Dettagli