ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI"

Transcript

1 SOMMARIO INTEGRAZIONE AL PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE Nozioni per l'evacuazione degli alunni disabili Ed. 1 Rev. 03 del INTRODUZIONE LA SEGNALAZIONE DELL'ALLARME L EVACUAZIONE L'IDENTIFICAZIONE DELLE ESIGENZE SPECIALI I DISPOSITIVI E LE PREDISPOSIZIONI SPECIALI DISPOSITIVI DI ALLERTA ATTREZZATURE AD INSTALLAZIONE PERMANENTE ASCENSORI COME FORNIRE ASSISTENZA L IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE DISABILI IL "COMPARE" ED I PREPOSTI TECNICHE DI ASSISTENZA SPONTANEA Disabilità della vista Disabilità dell udito Disabilità dell apprendimento Disabilità del movimento TECNICHE DI TRASPORTO Tecnica di trasporto da parte di una persona Il trasporto con due persone La seggiola a tre mani Trasporto a due in percorsi stretti Trasporto a strisciamento In carrozzella nello scendere le scale...11 Pag. 1 di 12

2 1. Introduzione Le persone con disabilità di vario tipo e gravità tendono ad esser sempre meglio inserite nella quotidiana attività e contribuiscono alla diversificazione sociale. E appropriato e doveroso che ad esse venga offerto lo stesso livello di sicurezza che viene offerto al resto della società, come previsto anche dalle normative vigenti. Oggi esistono attrezzature e procedure che possono offrire un adeguato livello di sicurezza a chiunque soffra di una disabilità che non sia talmente grave da impedirgli di lavorare. I punti vitali da esaminare, onde trovare la miglior soluzione da adottare nell ambito di un edificio, sono: - ricordare che ogni persona con una disabilità ha proprie limitazioni e di esse bisogna tenere conto nello stabilire certi rimedi; - non dimenticare il fatto che queste persone devono essere incluse nella catena decisionale, nella quale vengono scelte le attrezzature e le procedure che verranno messe a loro disposizione, per permettere loro di raggiungere il necessario grado di fiducia e sicurezza. Rientra nella responsabilità di qualsiasi Datore di Lavoro prevedere un ambiente di lavoro sicuro e confortevole: i disabili hanno diritto allo stesso livello di sicurezza di chiunque altro, né più né meno. Le predisposizioni che sono previste dalla vigente normativa mirano proprio a raggiungere questo risultato. Inoltre non si deve mai dimenticare che nessuno può essere certo di non aver bisogno di particolare aiuto in casi di emergenza, come ad esempio in presenza di un affezione cardiaca o di una frattura ad un arto. 1.1 La segnalazione dell'allarme La segnalazione dell'allarme è la procedura che informa gli occupanti dell edificio che esiste un emergenza e che è, o può essere richiesta, qualche azione concreta. In molti casi questa azione consiste nella decisione di evacuare l edificio ed il messaggio relativo è molto semplice. Tradizionalmente la segnalazione di un emergenza che comporta l evacuazione è effettuata con segnali sonori o con messaggi diffusi con altoparlanti; questi messaggi non sono evidentemente percepibili da persone con disabilità dell udito. Impianti con lampeggiatori ad alta intensità, che si attivano in concomitanza con il messaggio acustico, aumentano indubbiamente la capacità di percezione. In grandi edifici le procedure di evacuazione possono richiedere lo spostamento in un area temporanea di raccolta, abbandonando l edificio selettivamente per aree o per piani, in modo da non sovraccaricare le vie di fuga. In questi casi la quantità di informazioni che deve essere fornita Pag. 2 di 12

3 agli occupanti è decisamente più elevata, e ciò avviene grazie a particolari messaggi formulati attraverso l impianto di diffusione sonora. Questi messaggi sono utili a tutti, eccetto a coloro che hanno disabilità dell udito; in questo caso è possibile utilizzare dei monitor televisivi, oppure dei pannelli luminosi a scritte mobili, distribuiti in modo appropriato nell edificio, oppure dei dispositivi portatili tattili od a vibrazione, alimentati a batteria, che vengono consegnati loro in precedenza. La presenza, nelle scuole, dell insegnante di sostegno o in sua assenza dell'insegnante titolare, è garante della trasmissione dell'informazione dell'emergenza ai diretti interessati: in altre parole, nell ambiente scolastico è previsto un intermediario che conosca i problemi del disabile e codifichi per lui il segnale. 1.2 L evacuazione Le maggiori difficoltà normalmente si manifestano nel movimentare persone disabili verso le aree sicure. I disabili in carrozzella ed altri con evidenti disabilità del movimento vengono subito in mente, ma vi sono molte altre persone che non sembrano soffrire di disabilità e che invece possono richiedere una particolare assistenza. Talune affezioni temporanee, come una slogatura od una gamba ingessata, possono fortemente limitare la capacità di movimento delle persone. Affezioni cardiache, enfisemi, asma o gravidanza possono ridurre l energia di una persona fino al punto di renderla bisognosa di assistenza, anche solo per scendere 3 o 4 piani di scale. Pag. 3 di 12

4 2. L identificazione delle esigenze speciali In linea di massima possono essere classificate come disabili, e quindi bisognose di particolari attenzione, le seguenti categorie di persone: - persone con vari gradi di difficoltà di movimento, che vanno dalla lentezza nel muoversi fino all uso di carrozzelle; - persone che soffrono di limitazioni nella vista e possono richiedere un assistenza speciale nell individuare le vie di fuga o nel scendere sollecitamente le scale; - persone con difficoltà dell udito, che possono richiedere una modifica delle dotazioni standard dell edificio; - persone con disabilità temporanee dovute a convalescenza, come ad esempio dopo un attacco cardiaco o trauma sportivo (p. es. una gamba rotta o una slogatura) o dopo interventi chirurgici al ginocchio o all anca; - individui con condizioni patologiche e/o particolari, come le affezioni respiratorie o la gravidanza, che li portano ad affaticarsi facilmente e che possono avere bisogno di maggior tempo o di specifica assistenza, in fase di evacuazione; - individui con disabilità mentali, che possono confondersi quando si trovano a fronteggiare una situazione abnorme, come avviene durante un emergenza (ad esempio, perdendo il senso della direzione) od abbisognano di istruzioni, anche visive, allestite in modo particolare; - altre persone che possono essere ritenute vulnerabili, come i visitatori con bambini piccoli, che possono aver bisogno di un tempo più elevato del normale per scendere le scale, od impiegati che lavorano fuori del normale orario di lavoro. Pag. 4 di 12

5 3. I dispositivi e le predisposizioni speciali 3.1 Dispositivi di allerta Una disabilità uditiva può andare da una modesta perdita di sensibilità uditiva fino ad una grave perdita o sordità totale, ad un livello tale per cui un individuo non riceve alcuno stimolo uditivo. Molte persone che hanno una disabilità uditiva possono usare comunque la capacità residua con amplificatori acustici ed altri apparati, che vengono integrati anche dallo sviluppo della capacità di lettura delle labbra. Tuttavia gli amplificatori acustici amplificano anche i rumori di fondo ed il segnale di allarme di un emergenza può interferire od anche mascherare altri annunci, trasmessi attraverso altoparlante, che possono essere preziosi per il disabile. Ecco perché sono stati messi in commercio, e sono largamente utilizzati in molti paesi, dei dispositivi che mettono in allarme i deboli di udito attraverso l uso di luci, vibrazioni, movimento dell aria. Una soluzione semplicissima consiste nel dotare di lampeggiatore i pannelli indicatori di via di fuga. 3.2 Attrezzature ad installazione permanente Vi sono molti tipi di dispositivi di ausilio e protezione, che possono essere installati in modo permanente sulle scale, per poter trasportare una carrozzella. In alcuni dispositivi l individuo si trasferisce dalla carrozzella ad un sedia mobile, mentre altri modelli permettono ad una persona, anche di corporatura minuta, di trasportare una persona di corporatura più massiccia; con altri dispositivi, idealmente le due persone dovrebbero essere della stessa corporatura. Alcune carrozzelle sono progettate in maniera da poter scendere lungo le scale su speciali binari con sistemi di frenatura a frizione, rulli o altri dispositivi, che controllano la velocità della discesa. Un altro tipo di apparato per discesa controllata è progettato in modo che il disabile in carrozzella si trasferisca su una piattaforma, cui la carrozzella viene assicurata. Questo sistema presenta il vantaggio per cui il disabile non deve essere spostato dalla carrozzella (operazione che è sempre sconsigliabile, perché può essere molto disagevole per il disabile stesso). Il sistema di trasporto della carrozzella è azionato da un motore e da un sistema di trascinamento, fatto apposta per essere fissato lungo una scala. Questi dispositivi possono consentire di superare verticalmente dei piccoli dislivelli, mai superiori ad un metro o poco più. I vantaggi e gli svantaggi di questi apparati dipendono molto dalle capacità residue, dal grado di accettazione e dalla comprensione del loro funzionamento da parte del disabile. L esperienza dimostra che la funzionalità o le difficoltà incontrate in fase di evacuazione delle carrozzelle sono in genere da attribuire al fatto che il disabile non era stato consultato in fase di scelta dell attrezzatura. Questi dispositivi, ove non tengano conto di particolari esigenze fisiche del disabile, possono creare problemi, che giungono sino al rifiuto dell utilizzo in caso di emergenza. Pag. 5 di 12

6 Tali dispositivi non vanno comunque utilizzati in fase di emergenza se alimentati elettricamente e non dotati di batteria tampone. 3.3 Ascensori Molte persone sono a conoscenza del fatto che gli ascensori non devono essere usati per abbandonare l edificio durante un emergenza. Un principio di buona progettazione di un impianto impone infatti che, quando si attiva un rivelatore di fumo su un pianerottolo, l ascensore sia automaticamente richiamato al pianterreno e sia messo fuori servizio (sempre che il rivelatore scattato non sia proprio quello al piano terreno o che l'ascensore sia appositamente progettato per l'utilizzo in emergenza). Pag. 6 di 12

7 4. Come fornire assistenza 4.1 L identificazione delle persone disabili Prima di avviare un progetto di assistenza ai disabili bisogna identificare le persone coinvolte. Una strategia raccomandata è quella di mantenere un elenco delle persone che hanno bisogno di assistenza particolare, tenendolo aggiornato e allegandolo al manuale delle procedure di emergenza. 4.2 Il "compare" ed i preposti Si chiama sistema del "compare" la scelta di attribuire particolari responsabilità ad una persona specifica, che è vicina o comunque in grado di assistere sollecitamente e con efficacia un particolare individuo disabile. Il sistema del "compare" è largamente accettato ed utilizzato, soprattutto in ambiente scolastico, presso il quale si concretizza nella figura dell'insegnante di sostegno. Perché l'aiuto sia efficace la persona disabile ed il compare devono essere in grado di entrare in immediato contatto quando nasce l emergenza. Tuttavia, anche in presenza di questa assegnazione specifica di compiti, è bene tenere presente che aiutare un disabile è un dovere di TUTTO il personale che gravita attorno a lui (in particolare gli insegnanti e il personale con compiti di sorveglianza sull'evacuazione), personale che ha comunque il compito di verificare l effettiva presenza del compare in caso di emergenza e di farne le veci in caso di bisogno. 4.3 Tecniche di assistenza spontanea Disabilità della vista Quando si assiste una persona con disabilità visiva vi sono alcune regole di base da seguire per essere più efficaci ed efficienti. Annunciare la propria presenza e parlare con voce ben distinta e comprensibile, quando si entra nell ambiente di lavoro del disabile Parlare naturalmente e direttamente alla persona e non attraverso un terzo; non urlare Non aver timore di usare parole come vedere, guardare o cieco Offrire assistenza, ma far sì che la persona spieghi esattamente di cosa ha bisogno Descrivere in anticipo le azioni che si stanno per intraprendere Lasciare che la persona in questione afferri leggermente il braccio e la spalla per farsi guidare (essa può scegliere di camminare leggermente dietro all'accompagnatore per valutare la reazione del suo corpo agli ostacoli) Pag. 7 di 12

8 Ricordarsi di annunciare ad alta voce la presenza di scale, di passaggi ristretti, di rampe ecc. Quando si guida un disabile visivo ad un sedile, mettere la mano della persona sullo schienale del sedile Se si stanno guidando contemporaneamente parecchie persone con disabilità visive chiedere ad ognuno di tenere la mano dell altro Accertarsi che, dopo aver abbandonato l edificio, i disabili visivi non vengano abbandonati a loro stessi, ma siano tutti condotti in un posto sicuro, dove un collega potrà rimanere con loro fino al termine dell emergenza Disabilità dell udito Quando si ha a che fare con persone con disabilità uditive si devono adottare i seguenti accorgimenti: Accendere e spegnere la luce quando si entra in un area di lavoro, per richiamare l attenzione della persona Stabilire un contatto visivo con gli occhi della persona, anche se è presente un interprete Mettersi con la faccia alla luce, non coprire inavvertitamente il volto, non girare la faccia e non masticare mai la gomma americana Usare espressioni facciali e gesti manuali per sottolineare ciò che si sta dicendo Controllare se si è stati ben capiti e ripetere se necessario Procurarsi, usare e far usare carta e penna, scrivere lentamente e lasciare che la persona legga mentre si scrive. Le comunicazioni scritte possono essere molto importanti: bisogna essere pazienti perché la persona in questione può avere difficoltà nel comprendere l urgenza del messaggio In caso di buio consegnare alla persona una torcia portatile, perché possa segnalare la propria ubicazione nel caso abbia a separarsi dalla squadra di soccorso o dal compare, e per facilitarle la lettura labiale in condizioni di oscurità Disabilità dell apprendimento Le persone con disabilità di apprendimento possono avere difficoltà nel riconoscere l emergenza o possono se il personale di soccorso non è ben addestrato non venire adeguatamente motivate ad agire per fronteggiare correttamente l emergenza. Non solo: esse possono avere difficoltà nell eseguire istruzioni piuttosto complesse e che comportino più di una breve sequenza di semplici azioni; la loro percezione visiva di istruzioni scritte o di pannelli può essere confusa; il loro senso di direzione può essere limitato e potrebbero avere bisogno di qualcuno che le accompagna. Pertanto: Le istruzioni e le informazioni devono essere suddivise in semplici fasi successive Pag. 8 di 12

9 Bisogna usare segnali semplici o simboli immediatamente comprensibili, ad esempio segnali grafici universali L abilità di una persona di capire il parlato spesso è più sviluppata del proprio vocabolario, quindi non parlare mai di una persona disabile a terzi, in sua presenza Disabilità del movimento Una persona che deve utilizzare una gruccia od un bastone può essere capace di scendere le scale da sola: con una mano si afferra al corrimano e con l altra manovra la gruccia. E meglio non interferire con le persone che si stanno spostando e che palesemente sanno cavarsela da sole: si può essere altrettanto utili, ad esempio, offrendo di trasportare la seconda gruccia. Se le scale sono affollate si può usare il proprio corpo come schermo, per impedire che chi scende di corsa possa mettere in difficoltà il disabile. In virtù della loro condizione le persone che usano delle carrozzelle sono versate nelle speciali tecniche necessarie per trasferirsi da una carrozzella all altra. A seconda della forza residua della parte superiore del corpo, esse possono talora svolgere gran parte delle operazioni da sole. Se si deve assistere una persona in carrozzella cercare di evitare di sottoporre a pressione gli arti della persona ed il torace. Questa pressione può causare degli spasmi dolorosi ed anche rendere difficoltosa la respirazione. Il trasportare qualcuno che pesa sulle proprie spalle (il cosiddetto trasporto del pompiere) pone una elevata pressione sul torace del trasportato e può mettere molte persone in difficoltà respiratorie, soprattutto se presentano delle disabilità di ordine neurologico od ortopedico. 4.4 Tecniche di trasporto Tecnica di trasporto da parte di una persona Il sollevamento in braccio è il metodo preferito da usare, quando una persona deve trasportare un altra che non ha forza nelle braccia. Questo trasporto è più sicuro, se la persona trasportata pesa meno di chi la trasporta. In ogni caso è necessario fare collaborare il trasportato, che pone il braccio attorno al collo, contribuendo ad alleggerire il peso scaricato sulle braccia Il trasporto con due persone Per usare questa tecnica, detta del seggiolino, fare così: mettersi ai lati del disabile; afferrare le braccia del disabile ed avvolgerle attorno alle spalle; afferrare l avambraccio del partner; unire le braccia sotto le ginocchia del disabile ed afferrare il polso del partner; Pag. 9 di 12

10 entrambe le persone devono piegarsi verso l interno vicino al disabile e sollevarlo dopo aver contato fino a tre; mentre ci si muove, continuare a premere leggermente sul corpo del disabile, per scaricare in parte il peso del suo corpo. Il vantaggio di questa tecnica di trasporto è che i due partner possono supportare con pratica e coordinamento una persona, il cui peso è lo stesso od anche superiore a quello del singolo trasportatore. Lo svantaggio è una certa maggior difficoltà nello spostamento e nella discesa delle scale, per la difficoltà di spostare in sincronia due persone. Talvolta tre persone affiancate, in queste condizioni, possono superare la larghezza minima della scala La seggiola a tre mani Il vantaggio di questo sistema di trasporto è che tre mani fungono da sedile ed un braccio funge da spalliera, che impedisce movimenti bruschi o cadute del disabile. E l unico sistema da usare quando il disabile non è in grado di abbracciare le spalle dei compari. La persona più robusta deve intrecciare ambo mani per formare il sedile, mentre la persona meno robusta contribuisce al sollevamento con una mano ed usa il braccio come spalliera Trasporto a due in percorsi stretti Talvolta il passaggio da attraversare persone affiancate non possono passare. la tecnica di trasporto illustrata. Si faccia capo reclinato può creare difficoltà occlusione delle vie aeree. E bene che ai soli passaggi critici. è talmente stretto che due In questo caso di raccomanda attenzione che la posizione a respiratorie, per la parziale questo trasporto sia limitato Trasporto a strisciamento Se il disabile deve esser trasportato da una sola persona ed ha forze residue, si può adottare il trasporto per strisciamento, che permette al compare di scaricare sul pavimento gran parte del peso del disabile. Un vantaggio di questo tipo di trasporto sta nel potere attraversare anche passaggi assai stretti. Pag. 10 di 12

11 4.4.8 In carrozzella nello scendere le scale Quando si scendono le scale, stare dietro alla carrozzella acchiappando le due impugnature di spinta. Piegare la carrozzella all indietro fino a bilanciarla, scendere guardando in avanti. Stare un gradino avanti alla seggiola, tenendo basso il vostro centro di gravità e lasciando scendere le ruote posteriori gradualmente da un gradino all altro Tenere sempre la seggiola leggermente piegata all indietro Se possibile, farsi aiutare da un altra persona che trattiene il telaio della carrozzella e la spinge dal davanti; non sollevare la sedia perché questo scarica troppo peso sulla persona di dietro. Pag. 11 di 12

12 NOTE (pagina da ritagliare e consegnare compilata in segreteria) Alessandria, li Il signor riceve il presente opuscolo informativo al fine di essere edotto sulle modalità di evacuazione degli alunni disabili. Per ricevuta Firma del Lavoratore Pag. 12 di 12

OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE

OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE 1 OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE E quello di sviluppare i temi legati all evacuazione ed ai criteri generali che la governano ponendo tutti gli interessati nelle condizioni di apprendere la terminologia ed

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002

MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei

Dettagli

Charles Darwin Plesso: SEDE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli (TO)

Charles Darwin Plesso: SEDE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli (TO) PROCEDURE OPERATIVA PER LA GESTIONE DEI DISABILI Piano Gestione delle Emergenze e del Primo Soccorso Liceo Scientifico Statale Charles Darwin Plesso: SEDE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli (TO)

Dettagli

Circolare n. 74 Al RSPP Al RLS Ai Docenti Al DSGA Ai Collaboratori Scolastici

Circolare n. 74 Al RSPP Al RLS Ai Docenti Al DSGA Ai Collaboratori Scolastici Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : http://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA. Liceo classico J. STELLINI. piazza I maggio, 26-33100 UDINE (Ud)

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA. Liceo classico J. STELLINI. piazza I maggio, 26-33100 UDINE (Ud) IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA Liceo classico J. STELLINI piazza I maggio, 26-33100 UDINE (Ud) 1. PREMESSA Tra le necessità che si presentano nell elaborazione

Dettagli

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE A)PROCEDURA PER ASSISTERE LE PERSONE DISABILI B)PROCEDURA PER EDUCATORI/EDUCATRICI COMUNALI C)PROCEDURA SICUREZZA PER VISITATORI DELL' ISTITUTO A)PROCEDURA PER ASSISTERE

Dettagli

DISABILITA e GESTIONE DELL EMERGENZA

DISABILITA e GESTIONE DELL EMERGENZA Università Politecnica delle Marche Ripartizione Sicurezza e Ambienti di Lavoro DISABILITA e GESTIONE DELL EMERGENZA Vademecum del TUTOR PIAZZA ROMA, 22; 60100 ANCONA TEL. 071 2201 Sommario PREMESSA...

Dettagli

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici CULTURA PER TUTTI Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici Palazzo Vignola Todi (35 vittime) La Fenice Petruzzelli Duomo e Palazzo Reale Castello

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

PROCEDURA PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE DISABILI

PROCEDURA PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE DISABILI PROCEDURA PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE DISABILI Questa procedura fornisce indicazioni per il soccorso e l evacuazione delle persone disabili in situazioni di emergenza. L evenienza di trasportare o

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO CIRCOLARE 1 marzo 2002, n. 4 LINEE GUIDA per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili Il decreto legislativo n. 626/1994,

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

EMERGENZA E DISABILITA

EMERGENZA E DISABILITA EMERGENZA E DISABILITA D.M. 236 del 14/6/1989 (Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata

Dettagli

Allegato LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO OVE SIANO PRESENTI PERSONE DISABILI.

Allegato LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO NEI LUOGHI DI LAVORO OVE SIANO PRESENTI PERSONE DISABILI. CIRC MININTERNO 4_02 Pag: 1 MINISTERO DELL'INTERNO CIRCOLARE 1 3 2002, n.4 Linee Guida per la Valutazione della Sicurezza Antincendio nei Luoghi di Lavoro ove Siano Presenti Persone Disabili. sommario

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

Tecniche di guida e ausili per la mobilità

Tecniche di guida e ausili per la mobilità Tecniche di guida e ausili per la mobilità Lega del Filo d Oro Onlus Via Montecerno, 1-60027 Osimo (AN) telefono 071 72.45.1 - fax 071 71.71.02 part. iva 01185590427 - cod. fisc. 80003150424 www.legadelfilodoro.it

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA Pag. 1/15 IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA MISURE PER LA GESTIONE DI UNA EMERGENZA RIFERITE A DISABILITÀ ANCHE TEMPORANEE Tra le necessità che si presentano

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA Pag. 1/ IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA MISURE PER LA GESTIONE DI UNA EMERGENZA RIFERITE A DISABILITÀ ANCHE TEMPORANEE Tra le necessità che si presentano nell

Dettagli

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA

IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA M i n i s t e r o d e l l I n t e r n o D i p a r t i m e n t o d e i Vi g i l i d e l F u o c o del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile IL SOCCORSO ALLE PERSONE DISABILI: INDICAZIONI PER LA GESTIONE

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 La norma di riferimento è il Titolo V del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 2 Cos è la segnaletica

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI 01.CORSO R.L.S.. 02.CORSO INFORMAZIONE/FORMAZIONE. 03.CORSO PREPOSTI. 04.CORSO ANTINCENDIO.

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

il problema PRINCIPIO D INCENDIO ATTENTATO TERREMOTO

il problema PRINCIPIO D INCENDIO ATTENTATO TERREMOTO Sicuri, sempre. Questione di sicurezza In caso di emergenza, la struttura organizzativa di un edificio sede di attività produttive deve essere in grado di reagire rapidamente. I soggetti maggiormente a

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto F17PA07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com www.domuslift.com

Dettagli

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea.

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea. LA MOBILITAZIONE E TRASPORTO PAZIENTI Formatore Istruttore V.d.S. Infermiere Guastella G. Obiettivi Cosa significa muoversi, mobilizzarsi; Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE Con l entrata in vigore del nuovo Accordo Stato-Regioni avvenuta il 26 gennaio 2012, i contenuti formativi legati alla Sicurezza sul Lavoro hanno subito degli adeguamenti sostanziali, sia nei CONTENUTI,

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE PIANO DI EVACUAZIONE Il presente piano di evacuazione, inserito nel Documento di Valutazione dei rischi (affisso all'albo dell'istituto) è stato compilato a cura del D.S. Dott.ssa Cristina Grieco con la

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

Ostacoli senza barriere

Ostacoli senza barriere Ostacoli senza barriere Le barriere architettoniche dovrebbero essere scomparse o quanto meno diminuite notevolmente grazie a normative specifiche e al, pur lento, diffondersi di una cultura dell'accessibilità.

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

Sicurezza informazioni carrelli elevatori a forche 626

Sicurezza informazioni carrelli elevatori a forche 626 Pagina 1 di 24 I Conducenti devono guidare il carrello elevatore a forche solo se sono stati addestrati in modo adeguato. Siete qualificati per essere dei conducenti di un carrello elevatore a forche?

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA

Dettagli

Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione

Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione Introduzione Nell ambito delle strategie di comunicazione adottate (più o meno complesse), possiamo introdurre l utilizzo di specifici ausili che

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA Norme generali sull intercambiabilità o complementarità delle segnaletiche di sicurezza MODI DI SEGNALAZIONE

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana

Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana In questa sezione vi indichiamo ciò che potete fare per rendere più semplice la vita quotidiana del vostro congiunto. L elenco non ha alcuna pretesa di essere

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Fonte: Progettare per tutti senza barriere architettoniche, Maggioli editore, Rimini 1997 Titolo: SICUREZZA E RACCORDI CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO Prof. Arch. Fabrizio Vescovo SICUREZZA E RACCORDI CON

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi M.Cristina, Sicoli Silvia Psicologa: Ghiggeri Sabrina Audiologo:

Dettagli

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI INSUFFICIENZA CARDIACA - RESPIRATORIA OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore

Dettagli

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca Dipartimento Neuro Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca A cura di: Dott.ssa Procicchiani Donatella

Dettagli

Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca

Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca Da seguire per le prime 6-10 settimane (due mesi circa) dopo l'intervento di protesi d'anca I seguenti consigli servono a evitare la lussazione

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Università degli Studi di Catania Area della Prevenzione e della Sicurezza - Servizio Prevenzione e Protezione dai Rischi (SPPR) - Dott. Giuseppe Caccia ASPP Università degli Studi di Catania LA SICUREZZA

Dettagli

Disabilità e persone con bisogni speciali: accessibilità per tutti tra limiti, opportunità e

Disabilità e persone con bisogni speciali: accessibilità per tutti tra limiti, opportunità e Disabilità e persone con bisogni speciali: accessibilità per tutti tra limiti, opportunità e Catania 03 giugno 2015 Monastero dei Benedettini di San Nicolò l Arena risorse Docente: Dott.ssa Federica Alaimo;

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI LUCIO FATTORI della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m. Contenuti conformi

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO XXIV PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA 1. CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1.1. La segnaletica di sicurezza deve essere conforme ai requisiti specifici che figurano negli allegati

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro

12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro 12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro I quesiti da 69 a 85 vanno posti a tutte le persone tra i 16 e i 64 anni. Il modulo riguarda la salute dell intervistato in relazione al lavoro; più precisamente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/13-44121 FERRARA Tel. 0532.20.9.346 20.32.66; Fax:0532.20.23.65; Via Azzo

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

Centrale di Controllo Antintrusione Easy Series Sicura e semplice con funzione wlsn* integrata. La protezione è disinserita

Centrale di Controllo Antintrusione Easy Series Sicura e semplice con funzione wlsn* integrata. La protezione è disinserita La protezione è disinserita Centrale di Controllo Antintrusione Easy Series Sicura e semplice con funzione wlsn* integrata * Rete locale di sicurezza wireless (wlsn, Local SecurityNetwork) 2 La sicurezza

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUL PIANO DI EMERGENZA

APPROFONDIMENTI SUL PIANO DI EMERGENZA APPROFONDIMENTI SUL PIANO DI EMERGENZA La buona riuscita di un Piano di Emergenza è una questione di "cultura". Il Piano di Emergenza fornisce le Indicazioni ma è la popolazione aziendale che decide le

Dettagli

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 STIAMO COI PIEDI PER TERRA GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 Le cadute che possono verificarsi in casa, per la strada, in ospedale o presso le strutture per anziani o disabili sono un grave problema

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Tema 01 Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Articolo n. 1402 Csocc Tema 01 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Proteggere le vertebre cervicali Non muovere inutilmente

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco La Mandria CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE Il parcheggio dista circa un chilometro dall edificio; il percorso per raggiungere l ingresso è pianeggiante ed ha il fondo

Dettagli

LA SEDIA DA TRASPORTO O SEDIA PORTANTINA O SEDIA CARDIOPATICA

LA SEDIA DA TRASPORTO O SEDIA PORTANTINA O SEDIA CARDIOPATICA Umanità * Imparzialità * Neutralità * Indipendenza * Volontariato * Unità * Universalità CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Lazio Ispettorato Provinciale VV.d.S. Roma Area Addestramento

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

sedia a rotelle elettrica

sedia a rotelle elettrica sedia a rotelle elettrica Manuale d uso attenzione: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare il prodotto. M27729-I-Rev.0-07.11 1 I. PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

del Liceo G. Zanella

del Liceo G. Zanella del Liceo G. Zanella Ti è mai capitato di parlare dei comportamenti da adottare in caso di incendio nella tua scuola? Cosa faresti e come ti comporteresti se nella tua scuola scoppiasse un incendio? Prima

Dettagli