UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA TERAPIA A TRASFERIMENTO ENERGETICO CAPACITIVO E RESISTIVO NEL TRATTAMENTO SINTOMATICO DEL LOW BACK PAIN CRONICO ASPECIFICO Relatore: Chiar.mo Prof. ENZO MOLINA Tutore: Chiar.ma Dott.ssa MILENA POZZI Laureando: LUCA MARAZZI ANNO ACCADEMICO

2 La vita è evitare il dolore Herkowitz -Annual Spine Session

3 RIASSUNTO Background Il low back pain non viene inquadrato come un entità clinica ma come sintomo di affezioni diverse che hanno in comune la manifestazione dolorosa in sede lombare. Rappresenta il disturbo osteoarticolare più frequente, la causa principale di astensione dal lavoro, la causa più frequente di visite mediche dopo le malattie da raffreddamento, la causa più comune di disabilità lavorativa al di sotto dei 45 anni, la patologia benigna più costosa nei paesi industrializzati. La prevalenza di episodi di low back pain nella popolazione generale adulta durante la vita è stimata tra l 85% e il 90%, interessando in egual misura uomini e donne. Purpose L obiettivo di questo lavoro è quello di valutare l eventuale diminuzione del dolore in un piccolo campione di pazienti affetti da low back pain cronico aspecifico, attraverso il trattamento con TECAR Trasferimento Energetico Capacitivo e Resistivo). (acronimo di In questo studio sono stati presi in considerazione 5 soggetti tra i 18 e i 45 anni affetti da low back pain cronico aspecifico. Methods Il protocollo di trattamento si è composto di 6 sedute, eseguite a giorni alterni dallo stesso operatore, della durata di 25 minuti ciascuna 3

4 (9 capacitivo, 9 resistivo, 7 capacitivo). A ciascun paziente sono state sottoposte una serie di scale di valutazione del dolore e della disabilità, sia unidimensionali che multidimensionali, prima del trattamento ed il giorno seguente l ultima seduta. I dati ottenuti sono stati analizzati con il Test dei segni per ranghi di Wilcoxon e sono state proposte diverse tabelle e diversi grafici per mettere in evidenza le differenze tra i dati rilevati prima e dopo il trattamento. Results and discussion L analisi statistica eseguita con il test di Wilcoxon su Numeric Rating Scale, Numeric Rating Scale Incident, Short Form 36, Mc Gill Pain Questionnaire, Oswestry Disability Index, Roland Disability Questionnaire e Quebec Back Pain, ha fornito risultati al limite della significatività statistica. Il valore di Z w calcolato su tutti i gruppi di dati analizzati, essendo compreso tra lo 0,11 e 0,07, non permette di rifiutare l ipotesi H 0 con la significatività del 5%, ma non si discosta tanto dal valore limite per tale probabilità. Conclusion La mancata significatività potrebbe essere correlata all esiguo numero di pazienti esaminati rispetto ai numeri necessari per ottenere una validità statistica: sarebbero necessari dei trial clinici randomizzati con adeguato numero di pazienti per definire con sicurezza la prevalenza di questa metodica di trattamento rispetto ad altre terapie fisiche. Questo studio pilota evidenzia un miglioramento clinico dei pazienti in seguito alla terapia applicata ed indica una positiva valenza clinica di tale trattamento. 4

5 SOMMARIO CAP 1 - INTRODUZIONE 1.1 PROBLEMA DI FONDO 1.2 RAZIONALE ALLA BASE DEL LAVORO Epidemiologia Inquadramento 1.3 OBIETTIVO DELLO STUDIO CAP 2 - MATERIALI E METODI 2.1 LO STRUMENTO 2.2 GRUPPO DI STUDIO Criteri di inclusione Criteri di esclusione 2.3 PROTOCOLLO DI STUDIO Scale di valutazione Protocollo di trattamento 2.4 METODO DI ELABORAZIONE DEI DATI CAP 3 - RISULTATI E DISCUSSIONE 3.1 CONFRONTO PRE-POST TRATTAMENTO Numeric Rating Scale Numeric Rating Scale Incident McGill Pain Questionnaire Oswestry Disability Index Roland Disability Questionnaire Quebec Back Pain Disability Scale Analisi dei dati accorpati sul singolo paziente 3.2 VERIFICA DELLE IPOTESI 3.3 UN CASO PARTICOLARE Valutazione di tutte le scale ad eccezione della SF Valutazione dei parametri della SF-36 CONCLUSIONE SITOGRAFIA BIBLIOGRAFIA

6 CAP 1 - INTRODUZIONE 1.1 Problema di fondo Il mal di schiena è talmente diffuso da essere definito, nel secolo precedente, il male del secolo. Rappresenta la causa principale di astensione dal lavoro, la causa più frequente di visite mediche dopo le malattie da raffreddamento, la causa più comune di disabilità lavorativa al di sotto dei 45 anni e la patologia benigna più costosa nei paesi industrializzati Razionale alla base del lavoro Epidemiologia Molto importante è ricordare che il termine low back pain o lombalgia esprime un sintomo e non la diagnosi di una patologia. Nella maggior parte dei casi, questo dolore, non è associato ad una anomalia strutturale sottostante. Nonostante oggi vi sia una migliore comprensione del fenomeno dolore, i meccanismi patogenetici del low back pain non sono ancora definitivamente noti. Questi aspetti vanno tenuti in considerazione quando si parla di epidemiologia relativa alla lombalgia. La prevalenza di episodi di low back pain nella popolazione generale adulta 6

7 durante la vita è stimata tra l 85% e il 90%, mentre una percentuale compresa tra il 2% e il 5% manifesta dolore lombare almeno una volta all anno. 2,3 Si può dire, senza il timore di sbagliare, che tutti, prima o poi, almeno una volta nella vita (senza distinzione tra uomini e donne) soffriamo di mal di schiena ; per ognuno naturalmente varia la frequenza e l intensità di dolore: c è chi ha solo qualche lieve indolenzimento e chi una disabilità permanente. 4 Secondo i dati della Relazione sullo stato sanitario del Paese del Ministero della Salute del 2000, in Italia, il LBP colpisce durante la vita circa l 80% della popolazione. 5 Esistono poi dati relativi alla Regione Emilia Romagna che riguardano i ricoveri ordinari: negli anni 1994, 1995, 1996, 1997 e 1998, il ricovero DRG 243 (DRG medico Disturbi del dorso) compare fra le prime dieci cause di ricovero Inquadramento Il low back pain è rappresentato da dolore, con presenza o meno di limitazione funzionale, avvertito fra il margine inferiore dell arcata costale e le pieghe glutee inferiori, con possibile irradiazione posteriore alla coscia ma non oltre il ginocchio. 6 La lombalgia determina contrattura antalgica riflessa dei muscoli paravertebrali. 7 Sono numerose le strutture del rachide che possono essere coinvolte nel determinare la sintomatologia dolorosa: legamenti, faccette articolari, 7

8 periostio vertebrale, muscoli e fasce paravertebrali, vasi sanguigni, dischi intervertebrali e radici nervose spinali. 8 La sintomatologia può causare l impossibilità di svolgere le normali attività quotidiane e può costringere a possibile assenza dal lavoro. Possiamo suddividere il low back pain in base alla durata temporale della sintomatologia dolorosa in vari stadi: - Low back pain acuto, quando la durata della sintomatologia è inferiore a 4 settimane. - Low back pain subacuto, quando la durata della sintomatologia si protrae oltre le 4 settimane, fino ad un tempo massimo di tre mesi. - Low back pain cronico, quando la durata dei sintomi si protrae per oltre 3 mesi. - Low back pain ricorrente, è una condizione clinica caratterizzata da episodi acuti che durano meno di 4 settimane e si ripresentano dopo periodo di benessere; gli episodi non rappresentano esacerbazioni del low back pain cronico. La lombalgia può essere classificata in due grandi gruppi: 1) Low back pain aspecifico (circa l 85% dei casi), rappresenta una lombalgia a cui non è attribuibile una condizione patologica ben definita, è spesso impossibile giungere ad una precisa diagnosi; si deve tener presente che sono state individuate circa 841 cause diverse che provocano dolori vertebrali (Sibilla, 1995). 2) Low back pain specifico, è definito come una lombalgia correlabile ad una specifica patologia, ad esempio: infezioni (0,01%), tumori (0,7%), spondilite anchilosante (5%), fratture (4%), sindrome radicolare (4%), sindrome della cauda equina (0,04%), 8

9 stenosi spinale (3%), artrite reumatoide, aneurisma dell aorta, ernia del disco,etc. E fondamentale quindi individuare eventuali Red Flags (condizioni patologiche gravi). Parlando di lombalgia aspecifica, nella maggior parte dei casi, la colonna vertebrale diventa dolente se maltrattata, usata scorrettamente o esposta a fattori di rischio quali: posture e movimenti scorretti, stress psicologici, forma fisica scadente, sovrappeso, obesità e fumo. In molti casi la sintomatologia migliora entro un mese, indipendentemente dal trattamento effettuato (evoluzione fisiologica benigna); è importante consigliare al paziente di rimanere attivo nonostante il dolore ed informarlo sugli eventuali fattori di rischio (Yellow Flags). Nei casi di lombalgia aspecifica non si dovrebbe prescrivere di routine esami radiologici, comprese TAC e RMN, o altri test; questi non hanno utilità ne a fini diagnostici, ne per identificare l origine del dolore. Questi esami dovrebbero essere richiesti solo nei casi con deficit neurologici ingravescenti subito importanti oppure se si sospetta una causa potenzialmente grave come una neoplasia, un infezione, una frattura vertebrale o un aneurisma dell'aorta addominale. Il trattamento della lombalgia aspecifica è suddiviso a seconda che il low back pain sia acuto, subacuto o cronico. Nel low back pain acuto l obbiettivo principale è prendersi cura della persona senza medicalizzare. C è la necessità di informare e rassicurare sulla possibile genesi del low back pain, sulla prognosi, sulle cause scatenanti, sui fattori di rischio (modello biopsicosociale). 9

10 Non ci sono esercizi specifici per la lombalgia acuta, bisogna sconsigliare il riposo a letto, raccomandare di rimanere attivi e se possibile di non lasciare il lavoro. La terapia farmacologia è costituita da Paracetamolo e da FANS; il primo è efficace ed è da considerare un farmaco di prima scelta, i secondi sono anche loro un ottimo rimedio sintomatico ma possono essere associati a rischi gastrointestinali e cardiovascolari (soprattutto nell anziano). L utilizzo di miorilassanti non apporta effetti addizionali alla terapia farmacologica; la terapia steroidea non è consigliata. Nel low back pain subacuto l obbiettivo principale è quello di evitare la cronicizzazione attraverso interventi sui fattori di rischio (modello biopsicosociale). Sono consigliate la terapia manuale, l esecuzione di esercizi aerobici ed esercizi domiciliari personalizzati, bisogna incoraggiare la ripresa delle normali attività. I farmaci sintomatici che si possono utilizzare sono: paracetamolo con o senza oppioidi, FANS e miorilassanti ad effetto centrale. Nel low back pain cronico l obiettivo del trattamento è quello di ridurre la disabilità e limitarne il peggioramento nel tempo offrendo strumenti di gestione del problema e di controllo del dolore (la risoluzione del dolore cronico riguarda meno del 5% dei pazienti). Il trattamento consiste nell educare il paziente tramite l intervento sui fattori di rischio e attraverso l esecuzione di esercizi personalizzati. Anche in questo caso la terapia farmacologica sintomatica può essere d aiuto (paracetamolo con o senza oppioidi, FANS, miorilassanti, antidepressivi). 9,10,11,12,13,14,15,16,17,18 10

11 Per quanto riguarda le terapie fisiche, vengono utilizzate nel low back pain soprattutto Ultrasuonoterapia, Laserterapia, TENS ed Infrarossi, con lo scopo di ridurre il dolore, contrattura muscolare ed infiammazione (agiscono sul sintomo). Queste terapie fisiche utilizzano apparecchi elettromedicali che attraverso diverse forme di energia agiscono sui tessuti; la loro efficacia nel low back pain aspecifico non è sicura. 19,20, Obiettivo dello studio Lo scopo di questo lavoro è quello di valutare l eventuale diminuzione del dolore in una piccola popolazione di pazienti affetti da low back pain cronico aspecifico, attraverso il trattamento con Terapia a Trasferimento Energetico Capacitivo e Resistivo (TECAR). 11

12 CAP 2 - MATERIALI E METODI Presso il centro fisioterapico Fisiolife, nel periodo tra Aprile e Ottobre 2010, è stato condotto uno studio prospettico senza gruppo di controllo per verificare l efficacia della Tecarterapia nel trattamento dei soggetti affetti da low back pain cronico aspecifico. 2.1 Lo strumento La Tecar (acronimo di trasferimento energetico capacitivo e resistivo) rientra nel gruppo delle terapie fisiche, viene applicata nelle patologie osteoarticolari e muscolo-scheletriche abbreviando i tempi di recupero riabilitativo e riducendo il dolore. Sono presenti studi sul trattamento con Tecar di patologie nel campo della flebolinfologia, dell oftalmologia, dell oncologia, della pneumologia e della nefrologia. La Tecar utilizza una tecnica del tutto innovativa, andando a stimolare energia all interno dei tessuti, attivando naturali processi riparativi e antinfiammatori. Il metodo di trasferimento energetico a scopo terapeutico a tessuti lesi è comune a molte terapie fisioterapiche che si fondono sull irradiazione di energia; ciò che differenzia queste terapie dalla Tecarterapia è la modalità di trasferimento energetico: nelle prime avviene l irradiazione di energia dall esterno, nella Tecar si ha generazione di energia endogena che si realizza mediante il richiamo nell area di trattamento di cariche elettriche presenti sottoforma di ioni nei tessuti. 12

13 La Tecar utilizza radiofrequenze a onde lunghe a 0,485 MHz, che sono inferiori alle frequenze utilizzate in diatermia a onde corte (27,1 MHz), in ipertermia (454 MHz), in radarterapia (2,5 GHz) e sono superiori alle frequenze che determinano contrazioni muscolari; non essendoci una radiazione diretta è necessaria un applicazione a contatto con il corpo. La Tecarterapia permette di interessare omogeneamente sia gli strati più esterni che quelli più profondi del tessuto biologico, grazie al principio di funzionamento che utilizza il tessuto biologico da trattare come parte di un condensatore, al contrario dei classici apparecchi di terapia fisica, i quali essendo sistemi radianti disperdono tra il 50% e l 80% dell energia erogata nei primi micron di tessuto biologico e si è quindi costretti ad utilizzare radiazioni a frequenze elevatissime con grosse limitazioni nell applicazione (forte azione termica prodotta dal segnale). La Tecar trasferisce energia all interno dei tessuti mediante l utilizzo di due diversi tipi di elettrodi: 1) elettrodo capacitivo, rivestito da un isolante (modalità capacitiva) 2) elettrodo resistivo, non rivestito da isolante (modalità resistiva) Se portiamo il concetto del condensatore in un applicazione biologica e teniamo in considerazione la possibilità di lavorare nelle due modalità che ci offre la macchina: - in modalità capacitiva avremo un condensatore con due armature, la prima è la piastra conduttrice metallica (il dielettrico è quello opposto sulla sua superficie) e la seconda è un conduttore di seconda specie, formato dal tessuto biologico e da un altra piastra metallica conduttrice che chiude il circuito. Un conduttore di seconda specie è caratterizzato maggiormente da 13

14 correnti di spostamento piuttosto che da correnti di conduzione, quindi le particelle cariche tendono ad addensarsi maggiormente nei pressi del dielettrico e la loro energia tende ad aumentare in maniera progressiva dal controelettrodo all elettrodo isolato con conseguente aumento di temperatura. L attrazione e la concentrazione delle cariche si sviluppa prevalentemente al di sotto della sede di applicazione dell elettrodo, consentendo specificità di intervento sulle aree per le quali esiste indicazione terapeutica, agendo specificatamente sui tessuti molli. Se l elettrodo capacitivo viene tenuto fermo, la sensazione di calore sulla cute di contatto diventa meno sopportabile a seconda dei tessuti sui quali si lavora e a seconda delle dimensioni dell elettrodo; il trattamento quindi deve essere eseguito con movimenti continui. Figura 1: Modalità capacitiva (concessa da Unibell International Srl) - in modalità resistiva avremo un armatura formata dall elettrodo (conduttore di prima specie) e dai tessuti biologici sottostanti con caratteristiche di conduttore di seconda specie, una seconda armatura 14

15 formata dal controelettrodo, ed infine da un dielettrico composto da tessuti a maggior resistenza e a minor contenuto d acqua. La zona di concentrazione delle cariche elettriche e quindi l effetto biologico, si localizza nei punti più resistivi del tessuto, cioè in tendini, legamenti, tessuto osseo e cartilagineo, che si trovano frapposti tra l elettrodo attivo e la piastra di ritorno. Figura 2: Modalità resistiva (concessa da Unibell International Srl) La radiofrequenza nelle due modalità non cambia, resta costante a 0,485Mhz (Tecar ) La cellula è caratterizzata da diverse attività, ogni attività si realizza attraverso la modificazione dell equilibrio chimico-elettrico delle sue parti, per cui si altera l attività della cellula quando si avranno modificazioni di questo equilibrio. Ogni cellula partecipa alla funzione del tessuto attraverso interazioni morfologiche e di tipo fisico-chimico-elettrico. Quando un onda o un campo elettromagnetico interagisce con un sistema cellulare ed è dotato delle opportune caratteristiche, provoca modificazioni nell attività del sistema. 15

16 In base quindi alla quantità di energia utilizzata si avranno effetti differenti sul sistema: Bassi livelli energetici (potenza 0-30%) In modalità capacitiva si ha biostimolazione ultrastrutturale cellulare, da cui consegue un aumento delle trasformazioni energetiche e del consumo di ossigeno. Questo porta ad un attivazione indiretta del microcircolo arterioso e venolinfatico, a causa dell aumento delle richieste metaboliche del tessuto, il tutto senza dilatazione dei grandi vasi. In modalità resistiva si ha un aumento della concentrazione delle cariche nei tessuti a maggior resistenza, che porta ad un leggero aumento della temperatura nella zona stessa. La sensazione percepita dal paziente è di assenza di calore (atermia) nella zona trattata. Gli effetti biologici che si evidenziano a bassi livelli energetici sono: - aumento dei processi proliferativi - aumento trasformazioni energetiche cellulari - aumento dei livelli soglia e azione diretta sulle terminazioni nervose (azione analgesica). Medi livelli energetici (potenza 30-60%) In modalità capacitiva si ottiene un incremento della biostimolazione causata dall aumento delle trasformazioni energetiche endocellulari, ma soprattutto si verifica un innalzamento della temperatura endogena, che dipende dall aumento dei moti browniani. L innalzamento termico e l aumento di consumo di ossigeno, stimolano la dilatazione dei vasi di maggior calibro incrementando ulteriormente il flusso 16

17 ematico e linfatico. In modalità resistiva si ha un ulteriore aumento della concentrazione di cariche nei tessuti a maggiore resistenza, che porta ad un aumento della temperatura interna. Il paziente percepisce una sensazione moderatamente termica nella zona trattata. Gli effetti biologici che si evidenziano a medi livelli energetici sono: - incremento della richiesta e del consumo di ossigeno - incremento della permeabilità capillare (microiperemia). Quindi a medi livelli energetici si avrà un azione miorilassante dovuta al incremento della circolazione, ed un azione analgesica dovuta all incremento del microcircolo. Alti livelli energetici (potenza %) In modalità capacitiva si ottiene un forte effetto endotermico, con un notevole aumento del flusso emolinfatico; risulta minore l effetto di biostimolazione cellulare. In modalità resistiva si ha un notevole aumento della concentrazione di cariche nei tessuti a maggior resistenza, con la conseguenza di un incremento della temperatura nella zona maggiormente resistiva e di un importante vasodilatazione profonda. Il paziente percepisce una forte sensazione termica nella zona trattata. Gli effetti biologici che si evidenziano ad alti livelli energetici sono: - aumento della permeabilità di membrana, con conseguente incremento dei processi di osmosi, redistribuzione dei liquidi intercellulari e incremento volumetrico cellulare 17

18 - forte endotermia, che provoca la fluidificazione dei liquidi biologici, l aumento dei processi metabolici, la diminuzione dello stato eccito-motorio delle fibre nervose, l iperafflusso ematico e la vasodilatazione. In generale si può quindi dire che gli effetti biologici della Tecarterapia sono di tre tipi: 1) Biochimico: accelera il metabolismo ultrastrutturale delle cellule richiamando sangue ricco di ossigeno, velocizzando il flusso e facilitando il drenaggio linfatico. 2) Termico: per l effetto Joule prodotto dalle correnti di spostamento induce un endotermia profonda e omogeneamente diffusa. 3) Meccanico: aumentando la velocità di scorrimento dei fluidi drena la stasi emolinfatica e tonifica le pareti vascolari. I principali effetti fisiologici collegati all aumento dell energia endogena sono rappresentati da: - aumento dell estensibilità del tessuto collagene per riduzione della viscosità - diminuzione del dolore attraverso stimolazione del rilascio di endorfine e attraverso il contributo a riequilibrare i potenziali di membrana dei nocicettori e delle fibre nervose, favorendo il blocco nella conduzione dello stimolo doloroso con diminuzione conseguente del sintomo - riduzione degli spasmi e delle contratture muscolari per ridotte attività degli efferenti secondari - velocizzazione del riassorbimento di raccolte emorragiche - più rapida e completa dissociazione dell ossigeno dall emoglobina 18

19 con maggiore disponibilità, che porta alla riduzione dell energia di attivazione di importanti reazioni chimiche metaboliche. - vasodilatazione con conseguente aumento del flusso ematico locale, il quale contribuisce al rifornimento di ossigeno (carburante dei sistemi riparativi cellulari), di sostanze nutritive e alla rimozione di cataboliti. La Tecar possiede 4 caratteristiche fondamentali: 1) Dissipazione ideale. Permette di incrementare la temperatura nei tessuti profondi con una dissipazione energetica nei tessuti superficiali vicino a quella del modello ideale. 2) Focalità. L effetto biologico si sviluppa esclusivamente nella zona di applicazione energetica, ossia nella zona di spostamento delle cariche; questo permette di essere molto selettivi e precisi nell applicazione del trattamento. 3) Omogeneità. L aumento della temperatura si genera dall interno della biostruttura per effetto delle correnti di spostamento, le quali dalle zone periferiche si concentrano verso l area di applicazione. L intensità di queste correnti è indipendente dall aspetto resistivo del tessuto perché è connessa alla forza di attrazione esercitata dall elettrodo attivo che viene impostata dal generatore. 4) Innocuità. La corrente non è presente per contatto diretto; i risultati in profondità vengono ottenuti senza che la superficie cutanea sia attraversata da alcuna forma di proiezione diretta di energia, si avrà quindi l assenza di effetti collaterali e di controindicazioni (fatta eccezione per i pazienti con alterazioni della sensibilità cutanea, portatori di Pacemaker e per le donne in gravidanza), inoltre la Tecarterapia ha la possibilità di poter essere usata 19

20 anche in presenza di mezzi di sintesi metallici (essendo il metallo un ottimo conduttore, la resistenza è uguale a zero e quindi risulta nullo il surriscaldamento dei materiali protesici), questo risultato non è possibile con le altre terapie fisiche, come le correnti e gli ultrasuoni, perché surriscaldano le strutture protesiche. 22,23,24,25 L apparecchio utilizzato nel nostro studio è una TECAR HCR701 Figura 3: TECAR HCR701 È costituita da un generatore che eroga un segnale di radiofrequenza a 0,485MHz; la potenza è regolabile per permettere di controllare la quantità di energia trasferita e la relativa azione biologica. 26,27 20

21 Il materiale che abbiamo utilizzato è il seguente: Figura 4: elettrodo isolato CAPACITIVO 55mm Figura 5: elettrodo in acciaio RESISTIVO 65mm 21

22 Figura 6: elettrodo neutro piano o piastra metallica Figura 7: crema conduttrice La crema conduttrice è indispensabile per ottenere i migliori rendimenti essendo dotata di un elevato potere conduttivo. 22

23 Non produce alcun beneficio a livello terapeutico essendo solo idratante. Svolge tre azioni importanti: - la prima è quella di ridurre alla minima espressione la resistenza elettrica di contatto, il che facilita l introduzione della corrente all interno dei tessuti - la seconda è quella di idratare e quindi migliorare esteriormente la zona trattata - la terza è quella di facilitare lo scorrimento dell elettrodo. 2.2 Gruppo di studio Nello studio effettuato sono stati presi in considerazione 5 soggetti, tra i pazienti che si sono rivolti al centro fisioterapico Fisiolife, selezionati con i seguenti criteri di partecipazione Criteri di inclusione - diagnosi medica di lombalgia - permanenza della sintomatologia dolorosa da almeno 12 settimane - età compresa tra 18 e 45 anni Criteri di esclusione Soggetti che presentano controindicazioni per effettuare il trattamento quali: - stato di gravidanza - alterazioni della sensibilità cutanea - portatori di pacemaker 23

24 Soggetti affetti da: - irradiazione sciatalgia della sintomatologia dolorosa - fratture traumatiche al rachide - fratture da osteoporosi al rachide - spondilolistesi, spondidolisi, o presunta instabilità vertebrale - patologie congenite alla colonna - sofferenza midollare - ipercifosi grave - scoliosi grave - neoplasie vertebrali - infezioni al rachide - artrite infiammatoria - malattie agli organi pelvici - malattie renali - aneurisma aortico - malattie gastrointestinali - pancreatite - colecistite - alterazioni della sensibilità cutanea - disturbi della conduzione elettrica cardiaca 24

25 2.3 Protocollo di studio Il protocollo di studio si sviluppa attraverso la fase di valutazione pre trattamento, la fase di trattamento e la fase di valutazione post trattamento. In entrambe le fasi di valutazione, sono state utilizzate le seguenti scale di valutazione Scale di valutazione Sono state somministrate, ai pazienti inclusi nello studio, scale di valutazione soggettive, sia unidimensionali che multidimensionali, per valutare il livello della sintomatologia dolorosa e come questa incidesse nella vita quotidiana di ognuno di loro. I pazienti sono stati valutati con queste scale, sia all inizio che alla fine del protocollo terapeutico, utilizzando gli stessi strumenti valutativi e lo stesso operatore. La prima valutazione è stata fatta lo stesso giorno dell inizio del trattamento, mentre la seconda, il giorno seguente l ultima seduta del protocollo terapeutico. 25

26 Le scale di valutazione unidimensionali utilizzate sono state le seguenti: MODALITA STANDARD Figura 8: presentazione in parallelo delle scale: Numeric Rating Scale (NRS) 28,29, Iowa Pain Thermometer (IPT) 30, Verbal Descriptor Scale (VDS) 31, Visual analogue scales (VAS) 32, Faces Pain Scale Revised (FPS-R) 33 26

27 Per facilitare al paziente la comprensione della nostra richiesta di valutare il proprio livello di dolore e le sue variazioni, gli sono state presentate 5 scale di valutazione del dolore unidimensionali in parallelo. Numeric Rating Scale (NRS) La scala è una retta segmentata suddivisa in 10 valori con due estremità che corrispondono a 0 nessun dolore e 10 il massimo possibile. Iowa Pain Thermometer (IPT) I pazienti vedono raffigurato un termometro senza numeri o tacche con una intensità di colore rosso crescente. Verbal Descriptor Scale (VDS) La scala verbale semplice, sempre unidimensionale: propone un asta segmentata in cui la scelta viene facilitata (ma anche condizionata) dalla presenza di aggettivi che quantificano il dolore. Visual Analogue Scale (VAS) La scala è una retta segmentata con due estremità che corrispondono a nessun dolore e massimo dolore possibile (oppure il massimo di cui si ha avuto esperienza). Faces Pain Scale Revised (FPS-R) La scala delle espressioni facciali è uno strumento grafico che rappresenta le diverse espressioni del viso ipoteticamente connesse all assenza o presenza di dolore di intensità crescente. La principale fragilità di questo strumento 27

28 consiste nel fatto che le espressioni del viso raffigurate possono essere associate non solo alla variabile oggetto di valutazione, il dolore, ma ad altri costrutti psicologici che solitamente si correlano all espressione non verbale come ad esempio l ansia, la depressione, l aggressività, la soddisfazione. Per alcuni pazienti è percepita come più semplice rispetto a VAS e NRS, non influenzata da differenze di genere, cultura o etnia. Le Scale Unidimensionali per la misurazione dell intensità del dolore possono essere costruite su di uno stesso supporto. Un cursore dotato di indicatore permette di correlare i dati ricavati con i diversi metodi. Somministrazione: Considerando queste scale in cui nelle parti più basse sono rappresentate l assenza di dolore, ovvero lo zero, ovvero una espressione tranquilla, e nelle parti più alte sono rappresentate il dolore insopportabile, ovvero il 10 ovvero una espressione disperata, quanto valuta l intensità del suo dolore in questo momento? Nell elaborazione dei dati sono stati utilizzati i risultati derivanti dalla Numeric Rating Scale in quanto più quantitativamente rappresentativi. 28

29 MODALITA INCIDENT Figura 9: presentazione in parallelo delle scale Incident: Numeric Rating Scale (NRS), Iowa Pain Thermometer (IPT), Verbal Descriptor Scale (VDS), Visual analogue scales (VAS), Faces Pain Scale Revised (FPS- R) 29

30 Le scale di valutazione proposte ai pazienti sono le stesse precedentemente presentate; quello che si modifica è la modalità di somministrazione: Somministrazione: C è un movimento in particolare che Le procura dolore più di altri?. Se affermativo si prosegue con: Considerando queste scale in cui nelle parti più basse sono rappresentate l assenza di dolore, ovvero lo zero, ovvero una espressione tranquilla, e nelle parti più alte sono rappresentate il dolore insopportabile, ovvero il 10 ovvero un espressione disperata, quanto valuta l intensità del suo dolore durante questo movimento?. 30

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO II FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI 1 LIVELLO IN FISIOTERAPIA Presidente: Prof. Andrea Ferretti LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO SINTOMATICO DELLA LOMBALGIA Relatore Prof.ssa Maria Chiara

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA I - PARAMETRI DELLA CORRENTE ELETTRICA I parametri che caratterizzano la corrente elettrica sono: 1 Intensità E così definita la quantità di cariche elettriche che passano attraverso un conduttore nell'unità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 6 spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte In collaborazione con l Unità

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli