Misure di disabilità nel percorso riabilitativo dopo ictus cerebrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misure di disabilità nel percorso riabilitativo dopo ictus cerebrale"

Transcript

1 Luigi Tesio Carlo Francescutti Bruno Genetti Misure di disabilità nel percorso riabilitativo dopo ictus cerebrale Studio epidemiologico e gestionale nella Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: settembre 2009

3 Indice Premessa... 9 Sintesi CAPITOLO I Caratteristiche del campione 1.1. Pazienti con postumi di Ictus Pazienti non deceduti Numero tappe del percorso Mobilità interaziendale CAPITOLO II Caratteristiche dei ricoveri 2.1. Caratteristiche del primo ricovero DRG Diagnosi ed interventi principali Sede della lesione Caratteristiche di tutti i ricoveri Durata della degenza Intervallo temporale tra episodio ictale e ricovero Pazienti con intervallo temporale tra episodio ictale e primo ricovero superiore a 10 giorni Eventi clinici avversi

4 6 Indice CAPITOLO III Sistemi di classificazione e scale di misura 3.1. Disease Staging (Sistema di classificazione iso-gravità per pazienti acuti) Trunk control test all ammissione ed alla dimissione Scala NIHSS (National Institute of Health Stroke Scale) Confronto in base a presenza o assenza di afasia FIM (Functional Independence Measure) FIM Totale FIM motoria FIM cognitiva Relazione tra scale di misura Modelli predittivi di mortalità per Ictus Predittività del livello di mortalità secondo codifica Disease Staging CAPITOLO IV Percorso di cura (inclusa la fase acuta) 4.1. Numero di tappe del percorso Tipo di percorso Percorso ad una tappa Percorso a due tappe Percorso a tre tappe Percorso di oltre tre tappe Percorso lineare e alternato Pazienti con due o più tappe e intervallo temporale tra l episodio ictale ed il primo ricovero inferiore a 11 giorni Percorso lineare verso territorio/rsa o verso casa di riposo (esclusi pazienti con distanza tra evento ictale e primo ricovero maggiore di 10 giorni) Pazienti con due o più tappe (prima tappa in acuzie, seconda e tappe successive in riabilitazione/rsa e/o territorio/casa di riposo) Stabilità del punteggio FIM

5 Indice Punteggio FIM uscita prima tappa - entrata seconda tappa (pazienti che hanno effettuato un percorso lineare, ed esclusi quelli la cui distanza tra evento ictale e primo ricovero è superiore a 10 giorni) Punteggio FIM uscita seconda tappa entrata terza tappa Analisi della concordanza degli item (pazienti che hanno effettuato tre o più tappe di cui la prima in acuzie, esclusi quelli la cui distanza tra evento ictale e primo ricovero è superiore a 10 giorni) Riabilitazione in regime di degenza (pazienti con percorso lineare che hanno effettuato tre o più tappe: la prima in acuzie, la seconda in riabilitazione/rsa e le successive su territorio/casa) Riabilitazione Territoriale (pazienti con percorso lineare che hanno effettuato due o più tappe, le prime in degenza, le successive in Assistenza Domiciliare Integrata ADI e ambulatorio o soltanto ambulatorio) Confronto Riabilitazione RSA (pazienti che hanno effettuato due tappe, la prima in acuzie e la seconda in riabilitazione o RSA, esclusi quelli la cui distanza tra evento ictale e primo ricovero è superiore a 10 giorni) Modello predittivo per l ingresso in una struttura riabilitativa o in RSA Confronto tra strutture riabilitative free standing ed altre unità operative di riabilitazione CAPITOLO V Confronti nazionali 5.1. Confronti nazionali CAPITOLO VI Sviluppo di un sistema classificativo del case-mix riabilitativo 6.1. Tecnica statistica: la procedura CART La strategia di analisi La tecnica di validazione è stata la 10-fold cross validation Risultati L albero previsione del tempo di degenza (LOS)

6 8 Indice L albero previsione del punteggio FIM alla dimissione L albero previsione della destinazione a fine percorso (territorio verso casa di riposo) Applicazione pratica del sistema classificativo LOS al controllo e al confronto di efficienza delle unità operative Allegato Allegato Allegato

7 I PREMESSA Questo saggio riporta integralmente uno studio statistico-epidemiologico condotto per la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia fra il 2000 ed il 2002 e da me coordinato. La realizzazione fu affidata ad una società di servizi, SOGECOM srl di Milano, la cui attività è terminata nel SOGECOM ha gestito in Italia dal 1992 al 2004 il sistema FIM. Con questo termine si intende uno standard internazionale di misura della disabilità. Il suo elemento principale è la scala FIM (il trade mark richiama la natura di prodotto coperto da diritti di riproduzione, si veda oltre). La scala si presenta come un questionario che censisce 18 attività della vita quotidiana nelle aree: cura della persona, continenza, mobilità e trasferimenti, locomozione, comunicazione, capacità relazionali cognitive. Il punteggio in ciascuna voce può variare da 1 (dipendenza completa) a 7 (autosufficienza completa). Il punteggio cumulativo e il profilo dei punteggi nelle diverse voci rappresentano indicatori standard ormai molto diffusi nel mondo della riabilitazione. Le applicazioni spaziano dalla misura di appropriatezza ed efficacia dell intervento riabilitativo sul singolo caso alla previsione di tempi di degenza di minutaggi assistenziali e di costi sanitari in Unità operative singole o in rete, fino a studi longitudinali di efficacia di percorsi riabilitativi. Lo strumento è molto versatile e si presta ad applicazioni sia cliniche sia amministrative. Il sistema è applicato attualmente alla classificazione e al pagamento della maggioranza dei ricoveri riabilitativi negli Stati Uniti (copertura MEDICA- RE) ed è ormai utilizzato in molte altre nazioni. Dal 1992 ne esiste una versione italiana. Il sistema è comprensivo di corsi di formazione e di banca dati centralizzata con servizi statistici. La partecipazione ai Corsi è aperta a tutti i diversi operatori della Sanità (medici, fisioterapisti, infermieri, psicologi, figure amministrative). In Italia sono ormai oltre 7000 gli operatori accreditati all utilizzo della FIM, e sono molte decine le strutture che ne fanno un utilizzo gestionaleamministrativo. Diverse Regioni la stanno sperimentando o l hanno prescritta come strumento di misura e controllo nelle rispettive reti di servizi sanitari. 9

8 10 Premessa Il progetto è nato su iniziativa della sezione Friuli Venezia Giulia della SIMFER, la Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa. Si avvertiva l esigenza di uno strumento condiviso in grado di misurare i progressi funzionali dei pazienti affetti da ictus cerebrale. I sistemi ufficiali di censimento della casistica (o di case mix, come si dice in economia sanitaria) non rendono conto della disabilità di questi pazienti: a parità di codifica diagnostica, un paziente reduce da ictus può trovarsi in condizioni funzionali molto diverse e molto diversamente può recuperare. La scala FIM e il sistema di macro codifca diagnostica che la completa apparivano come lo strumento ideale per tentare la costruzione di una cartella clinica di percorso che potesse seguire il paziente dalla fase acuta fino alla stabilizzazione registrando variazioni funzionali e permettendo considerazioni su appropriatezza, efficacia ed efficienza dell assistenza. Per necessità organizzative la rilevazione fu comunque troncata al compimento dell anno dopo l evento ictale, ma fu possibile per la prima volta in Italia sperimentare un flusso informativo funzionale longitudinalmente su una intera popolazione Regionale. La cosa non è di poco conto. Dal punto di vista gestionale, infatti, la popolazione ricadeva tutta sotto un sistema unico e omogeneo, regolatorio e di offerta, quello cioè della Regione di residenza. Grazie al supporto dell Agenzia Regionale per la Sanità fu possibile raccogliere il consenso e la entusiasta collaborazione non soltanto dei fisiatri aderenti alla SIM- FER ma anche di tutti gli altri operatori potenzialmente coinvolti nell assistenza al paziente post-ictale, ovunque egli avesse contatti con il Servizio Sanitario pubblico. L informatizzazione della raccolta dei dati fu estremamente efficiente. Si può quindi dire che per una volta la elaborazione statistica riguardò un intero universo e non un campione. L impresa mi fu possibile grazie all intensa collaborazione con Bruno Genetti, statistico della Società Explora in Padova, e con Carlo Francescutti, Statistico dell Agenzia Regionale della Sanità in Udine. Entrambi sono molto noti nel settore della Statistica e della Programmazione Sanitaria, così come sono molto apprezzate le loro particolari competenze nel settore specifico della riabilitazione. Insieme con loro ho deciso di trasformare in un volume a stampa il risultato degli anni di lavoro in comune. Infatti dopo la conclusione dello studio, benché esso fosse destinato alla sola Agenzia Regionale, ho rice-

9 Premessa 11 vuto continue richieste di copie o di estratti da singoli studiosi o da i- stituzioni sanitarie. Grazie alla collaborazione di Aracne Editrice la nostra fatica diviene ora facilmente accessibile. Davvero troppi sono i riconoscimenti che dovrei produrre. Una lista sicuramente limitativa include la dr.ssa Laura Perucca e la fisioterapista Alessandra Merlo che hanno svolto in Friuli Venezia Giulia (come ancora svolgono in molte altre parti d Italia) una intensa attività didattica sulla scala FIM, i cui frutti sono poi consistiti nella ottima qualità dei dati. Devo poi aggiungere la dr.ssa Anna Simone, statistica, che continua a dare una preziosa collaborazione alla mia attività di ricerca metodologica. Infine devo citare il dr. Ferdinando Bonfanti, allora Amministratore Unico di SOGECOM srl, che è riuscito a mantenere la rotta di una Società alquanto atipica perché nata soltanto per sostenere un avventura culturale (basti citare l apprezzata rivista Ricerca in Riabilitazione ), in anni non facili per la Sanità e per l Economia italiane. Da ultimo un grazie anche al prof. Carl V. Granger, il padre della scala FIM negli Stati Uniti, a cui devo non soltanto l incontro con la FIM ma anche la scoperta del mondo delle misure di disabilità e della statistica psicometrica. Credo che questo studio mantenga una notevole attualità, se non altro come esempio di misura centrata sul paziente e non sull erogatore di assistenza. Il paziente con disabilità chiede alla Sanità di risolvergli un problema che raramente è di breve durata, mentre l erogatore tende a produrre prestazioni isolate (il ricovero, la visita, la prestazione ambulatoriale). Costruire un percorso condiviso si può, purché si misuri la disabilità nel tempo: almeno in Friuli-Venezia Giulia, almeno per un anno, ci siamo riusciti. Resto ora a disposizione del lettore interessato o anche semplicemente curioso. Luigi Tesio Professore Ordinario, Medicina Fisica e Riabilitativa Università degli Studi di Milano Direttore, Unità Clinica e Laboratorio di Ricerche di Riabilitazione Neuromotoria, Istituto Auxologico Italiano, IRCCS, via Mercalli, Milano Milano, 20 Ottobre 2009

10 12 Premessa Note pratiche Il sistema FIM è oggetto di una imponente letteratura medicoscientifica che non si può qui richiamare. Una prima vista d insieme sul sistema si può ottenere visitando i siti (il sito del sistema italiano, che comprende anche la rivista Ricerca in Riabilitazione sopra citata) (il sito dell Agenzia Statunitense che gestisce il sistema a livello internazionale). La FIM (intesa come sistema di marchi e servizi) è proprietà di UB Foundation, Inc, Ente non-profit emanazione della State University of New York, Buffalo NY. Per gli aspetti tecnici il sistema è gestito dall Agenzia statistico epidemiologica Uniform Data System for Medical Rehabilitation UDSmr (www.udsmr.org). Informazioni di tipo legale sono disponibili anche sul sito sopra citato (www.scalafim.it). Il lettore noterà che lo studio fa riferimento all analisi di qualità dei dati con la tecnica statistica nota come analisi di Rasch (dal nome del matematico danese Georg Rasch, scomparso nel 1980). Queste a- nalisi sono contenute nei vari rapporti intermedi dello studio ed sono state di vitale importanza per monitorare in itinere la qualità dei dati. Questa tecnica si sta affermando soltanto da pochi anni nel mondo delle scienze sociali, psicologiche e mediche. Essa consente di trasformare i punteggi grezzi su questionari (ordinali/discontinui e semi-quantitativi) in vere misure continue e lineari. Una sua proprietà ancora sottovalutata (alla quale si è fatto ampio ricorso in questo studio, tuttavia) è proprio quella di consentire analisi incisive di coerenza interna dei punteggi assegnati alle diverse voci di un questionario. Questo consente di valutare la verosimiglianza dei punteggi e di identificare registrazioni inaffidabili, singoli casi clinicamente anomali o anche peculiarità nei processi assistenziali rivolti a sotto-gruppi di pazienti: per esempio pazienti ricoverati in reparti riabilitativi in ospedali generali invece che in centri di riabilitazione a sé stanti (freestanding). Il lettore interessato può navigare in prima battuta nel sito

11 Premessa 13 Recentemente è comparso un testo agevole in Italiano: Penta M, Arnould C, Decruynaere C. (Eds.). Misurare con i questionari: introduzione all analisi di Rasch. Edizione italiana a cura di Luigi Tesio, Springer Sul tema specifico dell applicazione a controlli di qualità dei questionari si può avere una informazione iniziale dall articolo: Tesio L, Franchignoni FP, Battaglia MA, Perucca L. Quality assessment of the FIM (Functional Independence Measure) ratings through Rasch analysis. Eura Medicophys 1997;33:69 78.

12 14 Premessa LA SCALA FIM TM- Functional Independence Measure ITEMS Cura della persona 1. Nutrirsi 2. Rassettarsi 3. Lavarsi 4. Vestirsi, dalla vita in su 5. Vestirsi, dalla vita in giù 6. Igiene perineale Controllo sfinterico 7. Vescica 8. Alvo Mobilità Trasferimenti 9. Letto-sedia-carrozzina 10. W.C. 11. Vasca o doccia Locomozione 12. Cammino-Carrozzina 13. Scale Comunicazione 14.Comprensione 15.Espressione Capacità relazionali- cognitive 16.Rapporto con gli altri 17.Soluzione di problemi 18.Memoria Punteggi 7.Autosufficienza completa 6.Autosufficienza con adattamenti/ausili 5.Supervisione/Adattamenti 4.Assistenza minima 3.Assistenza moderata 2.Assistenza intensa 1.Assistenza completa FIM TM -Versione italiana, UB Foundation Inc. SUNY Buffalo, NY. La corretta attribuzione dei punteggi richiede l apposito Corso di Accreditamento

13 15 SINTESI Questo rapporto comprende oltre 270 tabelle e 100 figure. Esso si presta quindi a una lettura sotto innumerevoli punti di vista e ad altrettanto innumerevoli interpretazioni. Si tratta di un documento di lavoro statistico-epidemiologico e non di un saggio socio sanitario. Per maggior chiarezza si sono aggiunti alcuni allegati: 1. la scheda di rilevazione epidemiologica comprensiva delle scale di misura cui si fa riferimento nelle tabelle e nelle figure. 2. i criteri di inclusione/esclusione. 3. una serie di annotazioni e richiami di tipo statistico ( aggiustamenti ), con esclusione di riferimenti sull analisi di Rasch per la quale si rimanda a letteratura specifica. Lo studio mirava a coinvolgere l intero universo di pazienti ricoverati per primo episodio ictale in Regione Friuli Venezia Giulia in un anno (Giugno 2000-Maggio 2001). La fonte dei dati non è stata soltanto una scheda di rilevazione ma anche il data-base sanitario regionale. Attraverso il recupero di SDO e prestazioni territoriali rilevabili da prescrizioni su ricettario SSN è stato possibile verificare la sostanziale rappresentatività della rilevazione su scheda sperimentale, ed anche integrare i dati laddove la scheda non era pervenuta. In più sono stati inseriti dati relativi alla classificazione disease staging inizialmente non prevista dal protocollo. Si propone ora un percorso di lettura molto sintetico e per punti, quale premessa per un approfondimento guidato su tutte le tabelle e le figure, anche quelle non citate. Fra le inevitabili omissioni, dobbiamo citare l analisi dei dati relativi alla classificazione disease staging, esplicitamente richiesta dalla Agenzia Regionale per la Sanità-ARS ma non prevista dal progetto originale e l analisi dei dati disaggregati per sede geografica delle 15

14 16 Sintesi strutture (interpretabili molto bene da ARS, che conosce il territorio) ma non dal lettore comune. L impianto complessivo della sperimentazione ha tenuto molto bene quanto a ritorno di casistica, qualità dei dati, contenuto informativo dei risultati. La scala FIM sembra un valido indicatore sia di appropriatezza sia di outcome del percorso riabilitativo post-ictale. Il set di dati che hanno costituito la scheda di rilevazione potrebbe essere semplificato, se applicato specificamente al controllo dei ricoveri in riabilitazione o in RSA. In particolare, a) la descrizione della sede lesionale potrebbe limitarsi alla differenza fra sede emisferica o cerebellare, e tronco-encefalica ( set di regole di codifica ICD-9-CM ad hoc?) b) la descrizione della natura lesionale potrebbe ridursi alla differenza fra emorragica ed ischemica c) la descrizione dei dati socio-economici potrebbe essere omessa (soprattutto, essa è poco standardizzabile) d) la presenza di afasia andrebbe rilevata specificamente, in aggiunta a quanto censisce la scala FIM e) le scale NIH e Trunk Control Test potrebbero essere rese facoltative in fase riabilitativa f) l indicatore eventi clinici avversi potrebbe essere omesso. Occorre forse studiare indicatori di complicazione o comorbidità specifici per il processo riabilitativo, in quanto interagenti e non solo concomitanti, e di più affidabile rilevazione. La Stroke Unit, rispetto alle unità di Neurologia e di Medicina Generale, presenta mediamente pazienti con condizioni neurologiche NIHSS e funzionali FIM migliori all ingresso e alla dimissione. La destinazione consigliata per il ricovero riabilitativo è sempre un unità ospedaliera e non una RSA [NB: la Residenza Sanitaria Assistenziale- RSA in Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ha le connotazioni di una riabilitazione estensiva e si distingue dalle Case di riposo denominate RSA in altre Regioni]. Le RSA sembrano svolgere una mission specifica rispetto alle unità di riabilitazione ospedaliera. I loro pazienti sono più anziani, più compromessi funzionalmente all ingresso e alla dimissione e, anche se

15 Sintesi 17 si aggiustano i dati per età e FIM all ingresso, hanno un recupero meno intenso (minor guadagno FIM pro-die). La unica struttura riabilitativa non inserita in complessi ospedalieri multi-specialistici (struttura free-standing ) ammette pazienti con condizioni funzionali FIM migliori, rispetto alle unità regionali poste all interno di ospedale generale. Sono migliori anche le condizioni funzionali alla dimissione; l incremento FIM è lievemente superiore. Il tempo di degenza è anch esso superiore, così che l efficienza (guadagno FIM pro-die) è lievemente inferiore. Nel loro complesso i dati regionali del Friuli-Venezia Giulia denotano maggiore efficienza del ricovero riabilitativo, rispetto ad un aggregato di dati nazionali. I pazienti del Friuli-Venezia Giulia sono più anziani e hanno punteggi inferiori sia all ingresso che alla dimissione ma registrano tempi di degenza alquanto inferiori. La numerosità delle tappe del percorso riabilitativo sembra sostanzialmente appropriata. Compiono più tappe i pazienti più compromessi. Ad ogni tappa si acquisisce un incremento di punteggio FIM. L attività territoriale (ambulatorio e/o ADI ) aggiunge anch essa incrementi FIM non irrilevanti (fra 5 e 12 punti), tutt altro che trascurabili se confrontati con i circa 20 punti guadagnati con il ricovero in riabilitazione ospedaliera. Una notevole percentuale dei pazienti (nell ordine del 25% o più) rifiuta di seguire l indicazione di terminare il percorso riabilitativo, oppure integra l assistenza proposta con altre modalità, oppure sceglie modalità diverse da quelle prescritte. Il trattamento territoriale è in molte forme penalizzato dal vigente- Decreto Ministeriale sui Livelli essenziali di assistenza LEA [NB: decreto del 2001]. Tuttavia è ragionevole ipotizzare che la richiesta da parte dei pazienti richiesta in eccesso rispetto a quella prescritta dai curanti delle sedi di ricovero risponda non soltanto ad esigenze psicologiche ma anche ad esigenze cliniche non ben censite con gli attuali strumenti di rilevazione. Il sistema FIM consente di costruire una classificazione del casemix riabilitativo che consente validi confronti di appropriatezza, efficacia ed efficienza fra unità operative e, all interno delle unità operative, rispetto a sottogruppi con diversa gravità funzionale.

16 18 Sintesi Il sistema FIM consente verosimilmente la programmazione di interventi assistenziali post-dimissione, attraverso la previsione di necessità assistenziali in specifiche aree di attività (locomozione, trasferimento, alimentazione, continenza ecc).

17 CAPITOLO VI SVILUPPO DI UN SISTEMA CLASSIFICATIVO DEL CASE-MIX RIABILITATIVO 239

18 240 Capitolo VI Lo studio ha lo scopo di dimostrare la fattibilità sui dati regionali del Friuli-Venezia Giulia di un sistema classificativo prospettico isodegenza dei ricoveri riabilitativi successivi ad ictus cerebrale, basato su dati funzionali FIM-Functional Independence Measure (sistema tipo FIM-Function Related Groups, o FIM-FRG, o qui semplicemente FRG). In questo studio sono stati aggregati i primi ricoveri dopo primo ictus cerebrale in degenza riabilitativa ospedaliera o in RSA. Per i ricoveri neuromotori in genere, la durata della degenza (LOS) è un ottimo proxy index del consumo di risorse determinato dall episodio di ricovero, nel senso che il LOS è sostanzialmente proporzionale al consumo. E questo vale quale che sia la patologia di base che ha determinato la disabilità del paziente. Diverso, invece, può essere il costo giornaliero sulla singola patologia. In particolare, sembra assodato che la singola giornata sia più costosa in casi intensivi dal punto di vista internistico-rianimatorio come quelli di cranio- e mielo-lesione nei primi mesi dopo l insorgenza della patologia. Questo nulla toglie al valore del LOS come proxy proporzionale al consumo di risorse: semplicemente, si può immaginare che la retta di regressione risorse/los abbia una pendenza superiore in casistiche intensive. Il parametro LOS, a sua volta, risente sì della patologia di base, ma è influenzato in misura anche maggiore dalle condizioni funzionali del paziente. L identificazione del caso clinico ricoverato è attualmente affidata a due sistemi classificativi l uno emanazione dell altro, i sistemi ICD- 9-CM e DRG, che non tengono conto primariamente delle condizioni funzionali, ma sono fortemente orientati alla diagnosi di malattiacausa (esempio: la Sclerosi Multipla) e/o di processo terapeutico della malattia causa (esempio, i codici V per i postumi di protesizzazione articolare). È universalmente accettato, anche da linee guida del Ministero della Sanità, che la classificazione ICD-9/DRG non esprima a sufficienza le condizioni funzionali che concorrono criticamente a determinare il LOS, e quindi il costo dell episodio di ricovero in riabilitazione 1. Occorrono indicatori funzionali per consentire una più ap- 1 Sistemi calssificativi basati sulla scala FIM sono utilizzati dal 2001 negli Stati Uniti per il pagamento prospettico delle degenze riabilitative, e sono stati riconosciuti come i più idonei ad

19 Sviluppo di un sistema classificativo del case-mix riabilitativo 241 propriata identificazione del caso clinico, e per favorire quindi corretti processi di controllo di qualità, di controllo gestionale e in ultima analisi anche di tariffazione. La letteratura statunitense ha fornito ampie dimostrazioni della fattibilità di un sistema classificativo basato su un indicatore quantitativo dell autosufficienza motorio - cognitiva del paziente, e cioè la scala FIM -Functional Independence Measure. Figura 1. FIM-FRG in USA 2. (Motor= punteggio FIM cumulativo nei primi 13 items). Sperimentazione FIM-FRG in USA FRG 13 to 47 Age Up to 75 Motor 13 to to or older 3 STR Motor 48 to to 91 5 Individual Function Related Groups, esempio per il RIC 1-Stroke (dal lavoro di MG Stineman, A case-mix classification system for medical rehabilitation, 1994). Il punteggio FIM all ingresso si è rivelato un potente predittore del LOS, di solito logaritmizzato per correggerne la tipica coda positiva. I sistemi classificativi FIM-basati statunitensi hanno dimostrato di predire il 30% della varianza del LOS (o meglio, del loglos) sull intero universo delle 70 codifiche diagnostiche RIC-FIM. un superamento del sistema DRG per la classficazione dei ricoveri riabilitativi anche in Italia nel 2006 al termine di un progetto di sviluppo di indicatori nazionali del flusso informativo sanitario (progetto mattoni del Ministero della Salute: documento disponibile al link /imgs/c_22_attivitamattoni_20_documenti_documento_3_fileallegato.pdf 2 Da Stineman MG et al. A case-mix classification system for medical rehabilitation. Med Care. 1994;32, 4:

20 242 Capitolo VI Il sistema classificativo utilizzato sui dati regionali del Friuli- Venezia Giulia, che prevede il tempo di degenza, spiega circa il 25% della sua varianza (in forma logaritmica): una prestazione vicina a quella del sistema statunitense. Le linee-guida ministeriali Mastrilli Taroni ( Proposta di riorganizzazione e finanziamento delle attività di riabilitazione ASSR, 1996) avevano indicato come opportuna e prioritaria la sperimentazione di un sistema FIM-basato anche in Italia. La prima sperimentazione italiana a carattere nazionale è stata condotta tra il 1999 e il 2000 dalla Fondazione Maugeri per il Ministero della Sanità. I risultati indicano la fattibilità di un sistema FIM-FRG anche su casistica nazionale italiana (varianza spiegata del loglos su casistica neuromotoria pari a circa 30%). Per lo studio nella Regione Autonoma del Friuli-Venezia Giulia si è limitata la sperimentazione ai soli pazienti con postumi/esiti di ictus cerebrale al loro primo ricovero in degenza riabilitativa ospedaliera o in RSA. Si è indagato, quindi, soltanto un ramo principale del potenziale albero relativo alla casistica neuromotoria nel suo complesso. L albero classificativo è semplice. Esso richiede soltanto il punteggio FIM all ingresso e l età del paziente. La numerosità campionaria (meno di 300 casi) non ha consentito di studiare la stabilità della previsione su campioni indipendenti. Tuttavia, si è comunque utilizzata la severa tecnica di cross-validation intra-campione. Inoltre, non si deve dimenticare che sono stati aggregati casi ricoverati in riabilitazione ospedaliera e in RSA, mentre in futuro si potrebbero costruire modelli specifici per ciascuna tipologia di struttura. Vi sono, dunque, elementi per ritenere che la prosecuzione della sperimentazione e la sua estensione ad altra casistica neuromotoria oltre a quella post-ictale possa fornire alla Regione un sistema classificativo più che valido ai fini di applicazioni gestionali. Queste potrebbero consistere nel confronto omogeneo di capacità prestazionali (appropriatezza, efficacia, efficienza) di diverse unità operative e per lo meno in via sperimentale in un ipotesi di sistema tariffario prospettico a prestazione.

21 Sviluppo di un sistema classificativo del case-mix riabilitativo 243 Sempre per la limitatezza del campione, non si è potuto costruire un credibile sistema predittivo della destinazione in Casa di riposo (evento decisamente raro per questi pazienti). Piuttosto si è sviluppato anche un sistema che mira alla previsione del punteggio FIM in dimissione. In pratica, già la sola misura FIM all ingresso rappresenta un indice predittivo sufficientemente valido. La previsione del punteggio cumulativo alla dimissione consente in realtà la previsione di bench-marking funzionali molto più analitici: per esempio, la necessità di assistenza nei trasferimenti letto-sedia, o nella gestione dell incontinenza. Infatti la forte coerenza interna della FIM determina una gerarchia stabile nella difficoltà fra items: se si conosce il punteggio totale si conosce con buona approssimazione anche come esso sarà composto nei diversi items. Questo potrebbe facilitare la programmazione di interventi post-dimissione, quali, per esempio, la predisposizione di servizi domiciliari di tipo diverso (medici, infermieristici, fisioterapici, di aiuto domestico generico). Questa applicazione, basata sostanzialmente sull attesa di profili di punteggio nei singoli items FIM ricavati con analisi di Rasch 3, meriterebbe di essere esplorata in un eventuale proseguo della sperimentazione TECNICA STATISTICA: LA PROCEDURA CART La variabile dipendente di cui si vuole spiegare la varianza è la durata della degenza (Length of Stay - LOS), in quanto ottimo proxy del consumo di risorse in riabilitazione neuromotoria. Per prima cosa occorre verificare la distribuzione del LOS, che tipicamente presenta una coda positiva e che può essere normalizzata soddisfacentemente con trasformazione logaritmica. Le Fig. 92 e 93 confermano che anche nel campione in esame di 278 pazienti le cose stanno così. Si utilizzerà dunque come variabile dipendente il logaritmo naturale del LOS (log LOS o lnlos) definito anch esso per brevità 3 Per questa tecnica statistica si può riferirsi al testo: Penta M et al. (Eds.). Misurare con i questionari: introduzione all analisi di Rasch. Edizione Italiana a cura di Luigi Tesio. Springer 2008.

Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione DATA-BANKING / STUDI GESTIONALI IL PROBLEMA DISABILITÀ

Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione DATA-BANKING / STUDI GESTIONALI IL PROBLEMA DISABILITÀ Appropriatezza, efficienza e costo della riabilitazione icerca IL SISTEMA FIM SCALA FIM: UN SISTEMA FOMATIVO E INFOMATIVO La scala FIM-Functional Independence Meausure si presenta come un questionario

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7.1. FONTI DEI DATI Per la realizzazione dell atlante sanitario della Regione Piemonte sono state utilizzate le basi dati dei seguenti sistemi

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale)

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale) GLOSSARIO LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Insieme di prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Linee guida per la gestione della procedura informativa S.D.O. F.I.M. per le unitá operative di recupero e riabilitazione funzionale (cod. 56.00) e di neuroriabilitazione (cod.

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

Le strutture territoriali nelle regioni:

Le strutture territoriali nelle regioni: 2014 MOTORE SANITA' Il nuovo patto stato-regioni: tra tagli ed efficienza 1 Marzo 2014 Le strutture territoriali nelle regioni: luoghi La e strumenti fantasia al innovativi potere di integrazione e di

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

Convegno CARD Veneto. Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie

Convegno CARD Veneto. Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie Convegno CARD Veneto Cruscotti valutativi ed ACG: l uso di dati amministrativi per la gestione della multimorbilita nelle cure primarie Padova 7 aprile 2014 Maria Chiara Corti e Luca Greselin Maggiore

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Allegato 1 TITOLO: La definizione del case-mix nelle cure domiciliari:

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Il contributo dei Centri di servizi per anziani a supporto della domiciliarità: alcune esperienze a livello locale

Il contributo dei Centri di servizi per anziani a supporto della domiciliarità: alcune esperienze a livello locale Il contributo dei Centri di servizi per anziani a supporto della domiciliarità: alcune esperienze a livello locale dr. Stefano Vianello - Direttore Distretto Socio-Sanitario 1 Dr.ssa Beatrice Baggio -

Dettagli

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare AUDIT REPORT Indagine AVEC percorso del paziente > 65 con frattura di femore anno 2010 Azienda USL di Bologna Azienda USL di Ferrara Azienda USL di Imola Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Azienda

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza 1.2 Analisi appropriatezza organizzativa Valutazione comparativa dei sistemi di classificazione isogravità Nolan, Norton Italia Redatto

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

Evoluzione del sistema DRG nazionale. Milestone 1.2.2

Evoluzione del sistema DRG nazionale. Milestone 1.2.2 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Evoluzione del sistema DRG nazionale Milestone 1.2.2 Superamento dei limiti del sistema di classificazione DRG in specifici settori o per specifiche condizioni

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Dispensa realizzata in occasione della prima sessione DEL CORSO DI FORMAZIONE 2011 per persone affette da patologie neuromuscolari e

Dettagli

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare Allegato A) P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione 1 Acronimi INDICE pag.3 1. Introduzione pag.4 2. Quadro Attuale pag.4 3. Definizione ed obiettivi delle cure domiciliari pag.4 3.1 Cure Domiciliari Prestazionali

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Raccomandazioni circa le linee guida praticabili in ambito BPCO Introduzione Il lavoro è proseguito con l indicazione di una Esistono diverse Linee Guida che prendono serie di premesse che preludono alle

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO VI PROGRAMMA OPERATIVO APPROPRIATEZZA

Dettagli

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE Il Progetto Vesta è uno studio osservazionale multicentrico su soggetti

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

LE SCALE DI VALUTAZIONE:

LE SCALE DI VALUTAZIONE: LE SCALE DI VALUTAZIONE: Scale di valutazione Rappresentano parte della semeiotica della riabilitazione Sono state elaborate a partire dagli anni 50 Esistono migliaia di scale di valutazione Proprietà

Dettagli

DATA MINING PER IL MARKETING

DATA MINING PER IL MARKETING DATA MINING PER IL MARKETING Andrea Cerioli andrea.cerioli@unipr.it Sito web del corso GLI ALBERI DI CLASSIFICAZIONE Algoritmi di classificazione Zani-Cerioli, Cap. XI CHAID: Chi-square Automatic Interaction

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale

I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale I.R.C.C.S. S. Maria Nascente Domotica Ausili Terapia Occupazionale Marco Pastori Terapista Occupazionale Fondazione Don Gnocchi Onlus IRCCS S.Maria Nascente Milano Ambiti di intervento: La Terapia Occupazionale

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 439 del 20 marzo 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 439 del 20 marzo 2012 pag. 1/8 ALLEGATOA alla Dgr n. 439 del 20 marzo 2012 pag. 1/8 Convenzione per Progetto Pilota tra REGIONE VENETO e Johns Hopkins University Bloomberg School of Public Health, Health Services Research and Development

Dettagli

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Padova, 5 maggio 2012 L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Prof. Ferdinando Romano The World Health Report 2008

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

IL REGISTRO MIELOLESIONI

IL REGISTRO MIELOLESIONI IL REGISTRO MIELOLESIONI Riguardo al progetto-studio sotto riportato è stato espresso (in modo informale) interesse, dal ministro MARTINI, alla sua applicazione a livello nazionale. L'onorevole Francesca

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7 Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 CAPITOLO 1 - Elementi di un Contesto Ideale per la gestione del CM 1.1 Linee guida clinico/operative

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO XI DOCUMENTO SUI REQUISITI MINIMI E LE MODALITA

Dettagli

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO. DRG: un sistema di classificazione e finanziamento

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO. DRG: un sistema di classificazione e finanziamento Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO DRG: un sistema di classificazione e finanziamento Progresso scientifico tecnologico Aumento dell età media della

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica Alberto Giangrande, Divisione di Nefrologia e Dialisi, Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani Gli indicatori di salute e di performance del sistema sanitario in Italia Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani L. Roti, R. Gini I. Il processo di selezione

Dettagli

Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN

Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN 52 Congresso SIGG Firenze 2007 Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN Enrico Brizioli Responsabile Scientifico Mattone n. 12 (Prestazioni residenziali) Coordinatore sottogruppo Socio-Sanitario

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

MODULO HEALTH - SAMPLE TEST (rev 4) 10 domande

MODULO HEALTH - SAMPLE TEST (rev 4) 10 domande MODULO HEALTH - SAMPLE TEST (rev 4) 10 domande (16 ottobre 2008) Domanda 1 1.1 Concetti 1.1.1 Sistemi Informativi Sanitari (SIS) 1.1.1.1 Definire un Sistema Informativo Sanitario (SIS) come un sistema

Dettagli

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA I SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE DI SEREGNO E IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DELL ASLMI3 DISTRETTO DI SEREGNO PER L EROGAZIONE

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno...

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno... Allegato 2 Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno Indice Premessa... 2 1. Il processo di valutazione del bisogno... 2 2. Il triage... 3 3. La valutazione di secondo livello... 3 4.

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Università degli Studi di Trieste Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Prognostic value of multidimensional prognostic index on long term mortality, discharge

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Il documento di seguito presentato è il risultato di

Il documento di seguito presentato è il risultato di Gli indicatori macrostrutturali di qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie GLI INDICATORI MACROSTRUTTURALI DI QUALITÀ DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI SANITARIE Prima rilevazione regionale Il

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE DISTURBI AFFETTIVI Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) DIST. BIPOLARE DIST. 6% DEPRESSIVO 17% 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE 22.234 CON DISTURBO DEPRESSIVO PREVALENZA TRATTATA

Dettagli