L EMIPLEGIA NEL SOGGETTO ADULTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EMIPLEGIA NEL SOGGETTO ADULTO"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE E DELLE DISABILITA REPARTO RIABILITAZIONE INTENSIVA OSPEDALE DI SESTRI LEVANTE DOTT. VALERIA LEONI L EMIPLEGIA NEL SOGGETTO ADULTO SOCIETA ITALIANA MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA S. I. M. F. E. R

2 PAG. 01 SOMMARIO PAG. 02 PRESENTAZIONE PAG. 03 INTRODUZIONE PAG. 04 LO STROKE CAUSE E SUE CONSEGUENZE: EMIPLEGIA E DISTURBI ASSOCIATI a. LE CAUSE POSSONO ESSERE: da ischemia cerebrale da emorragia cerebrale b. SINTOMI E DEFICIT CONSEGUENTI ALLO STROKE: emiplegia e disturbi associati c. FATTORI DI RISCHIO PAG. 05 EVOLUZIONE DELLO STROKE: IL PERCORSO VERSO LA RIABILITAZIONE PAG. 07 COLLABORAZIONE DEI FAMILIARI: PAG. 08 FASE ACUTA Precauzioni da osservare nel piano assistenziale Regole generali da osservare quando si posiziona il paziente - nel letto - posizionamento nel lato plegico - posizionamento sul lato sano - posizionamento supino - seduto al letto PAG. 12 Trasferimenti assistiti - passaggio da supino a seduto sul letto - trasferimento dal letto alla carrozzina - seduto su una sedia comune o una carrozzina PAG. 14 Rieducazione dell attività di trasferimento - il cammino - assistenza al cammino - salita e discesa di scale PAG. 16 Addestramento all ADL - abbigliamento - mettersi le scarpe 1

3 PAG. 18 Consigli per l alimentazione PAG. 19 DISFAGIA PAG. 20 L ESERCIZIO TERAPEUTICO PER IL RICUPERO DI ABILITA FUNZIONALI PAG. 21 FASE POST-ACUTA PAG. 23 AFASIA - LA PERSONALITA - IL PAZIENTE - COSA SI DEVE FARE - COSA NON SI DEVE FARE PAG. 27 IL RITORNO A CASA: IL REINSERIMENTO SOCIO-FAMILIARE PAG. 29 LA SESSUALITA NEL SOGGETTO EMIPLEGICO ADULTO PAG. 30 GLOSSARIO PRESENTAZIONE Quali aspettative vivono i familiari di una persona colpita da stroke? Quale percorso riabilitativo si propone per una persona con emiplegia? Quali profonde modificazioni e sensazioni vive, chi si trova improvvisamente colpito da un danno neurologico che frammenta il corpo in due parti funzionalmente divise, con gravi ripercussioni sul piano dell autonomia motoria e relazionale e della comunicazione verbale? A quali obiettivi di recupero funzionale può realisticamente tendere un progetto riabilitativo? Questa pubblicazione è rivolta al soggetto emiplegico ed ai suoi familiari, per fornire una conoscenza della malattia e della sua evoluzione, delle modalità assistenziali e delle strategie di intervento rieducativo, degli obiettivi di recupero. Il risultato dell intervento riabilitativo è fortemente condizionato dalla partecipazione attiva del paziente e di tutto il contesto familiare al progetto, e quindi dalle conoscenze degli obiettivi realisticamente raggiungibili e dei tempi necessari. Con questo intento è stato realizzato il manuale, comprensivo di alcuni suggerimenti pratici di nursing che appaiono utili a chi è coinvolto in programmi di assistenza al soggetto emiplegico 2

4 INTRODUZIONE Lo scopo primario della guida è aiutare le persone con esiti di stroke coinvolgendole, insieme con i loro familiari, nel programma di riabilitazione per ottenere i migliori risultati in termini di recupero di abilità funzionali e di qualità di vita. L obiettivo è focalizzato sul soggetto che dopo un episodio di stroke ha sviluppato una emiparesi e/o altri deficit neurologici ed è destinato ad un programma di riabilitazione interdisciplinare e multiprofessionale. E importante, nella riabilitazione del paziente, predisporre un programma individuale di intervento per il soggetto e per la sua famiglia. La guida intende fornire informazioni essenziali che illustrino il potenziale percorso assistenziale del paziente dal momento in cui viene ricoverato nel Reparto di Riabilitazione, con presa in carico da parte del team riabilitativo, fino al rientro al domicilio. Vengono inoltre illustrati i ruoli delle diverse figure professionali coinvolte nel progetto riabilitativo e la terminologia più frequentemente usata nello sviluppo del programma riabilitativo individuale. 3

5 LO STROKE E LE SUE CONSEGUENZE: emiplegia e disturbi associati Si definisce stroke (o ictus) un evento cerebro vascolare ad esordio improvviso, con sintomi e segni legati alla sofferenza di aree cerebrali. L Emiplegia / emiparesi è più frequentemente dovuta a disturbi della circolazione cerebrale di tipo emorragico od ischemico e più raramente a fenomeni infiammatori, traumatici, tumorali. A. LE CAUSE POSSONO ESSERE: a ISCHEMIA DEL TESSUTO CEREBRALE (infarto cerebrale) - da occlusione di vasi arteriosi a causa della formazione di trombi o emboli; - di natura emodinamica. Si crea una discrepanza tra necessità di ossigeno del tessuto cerebrale e flusso sanguigno nei vasi cerebrali, tali da provocare sofferenza e morte delle cellule nervose. b EMORRAGIA CEREBRALE - da rottura di aneurisma; - da malformazioni artero-venose; - spontanea. Si determina uno spandimento di sangue nel tessuto cerebrale che può produrre un effetto compressivo sulle cellule nervose sane. Può accompagnarsi a perdita di coscienza. c FATTORI DI RISCHIO: - IPERTENSIONE; - DIABETE; - OBESITA ; - IPERCOLESTEROLEMIA; - CARDIOPATIE; - INTERVENTI CHIRURGICI; - FUMO DI SIGARETTA; - CONSUMO DI ALCOOL. 4

6 B. SINTOMI E DEFICIT CONSEGUENTI ALLO STROKE: Alterazioni del livello di coscienza (per danni cerebrali estesi); Emiparesi: deficit dell attività motoria volontaria di una metà del corpo (dal lato opposto a quello della lesione cerebrale). Disturbi della sensibilità (al tatto, al dolore, al caldo ed al freddo; del senso di posizione e di movimento, ecc.) nella metà del corpo leso; Disturbi visivi (emianopsia, quadrantopsia) e/o dell oculomozione; Negligenza spaziale: perdita della coscienza dell emispazio controlesionale; il paziente trascura gli stimoli sensitivi che provengono dall emispazio malato (si associa più frequentemente a lesioni dell emisfero cerebrale destro); Aprassia: difficoltà ad organizzare i movimenti volontari; Paresi di nervi cranici (particolarmente VII, con compromissione della mimica di una parte del viso); Disturbi dell attenzione; Atassia: disturbi dell equilibrio e della coordinazione del movimento;disatria: deficit articolatorio linguistico; Afasia: deficit della comprensione ed espressione verbale (si associa più frequentemente a lesione dell emisfero cerebrale di sinistra); Disfagia: difficoltà a deglutire cibi solidi e liquidi; Deficit del controllo volontario della vescica con ritenzione o perdita di urine; Dolore (localizzato e diffuso) dovuto a lesioni di particolari zone cerebrali, a contratture, ad immobilità; Anosognosia: non consapevolezza della condizione della malattia (solitamente a regressione spontanea). EVOLUZIONE DELLO STROKE IL PERCORSO VERSO LA RIABILITAZIONE Il soggetto con esiti di stroke inizia il progetto di recupero elaborato dal Team riabilitativo di cui responsabile è il Medico Fisiatra. Non appena le condizioni cliniche si sono stabilizzate, il Paziente viene sensibilizzato ed incoraggiato subito a sviluppare le attività di cura della propria persona. Il paziente ed i suoi familiari vengono informati sugli scopi del nursing assistenziale e degli esercizi rieducativi impostati e sugli effetti del trattamento nonché sulla prognosi riabilitativa. 5

7 La riabilitazione cerca di raggiungere, compatibilmente con l evoluzione della malattia, obiettivi realisticamente perseguibili come: Autonomia nelle attività quotidiane (ADL) più comuni (nutrirsi, rassettarsi, vestirsi, lavarsi). Un cammino sicuro e ritmico (libero; autonomo con ausili; assistito). Migliorare la comunicazione (ove sia compromessa) o educazione di nuove abilità per la comunicazione interpersonale. Le possibilità di recupero funzionale dell arto superiore (utilizzo della mano in gestualità o attività bimanuali) sono generalmente più limitate rispetto all arto inferiore e non sempre perseguibili. Il soggetto, e con lui i suoi famigliari, devono essere informati, fin dall inizio del percorso riabilitativo, sugli obiettivi del programma e sulla prognosi finale, che non esprime generalmente un recupero delle precedenti abilità, ma un addestramento all utilizzo di nuove e diverse abilità funzionali. Nei primi giorni dopo lo stroke è molto difficile fare una prognosi sicura e definitiva sulle possibilità di ricupero, anche se alcuni criteri (quali l età avanzata, l estensione della lesione ischemica o emorragica, la presenza di importanti malattie pregresse, la presenza di gravi disturbi neuropsicologici associati) sono assunti genericamente quali fattori influenzanti negativamente la prognosi. Al momento della dimissione dal reparto per acuti, il team riabilitativo valuta se il paziente è candidato ad un programma di riabilitazione e quale struttura è più adeguata allo scopo. Si considera, oltre ai fattori sopraesposti, la capacità fisica del paziente di tollerare l impegno richiesto dal trattamento riabilitativo (intensivo, estensivo o intermedio) e il potenziale cognitivo residuo, indispensabile per l apprendimento di nuove strategie motorie. 6

8 Il programma riabilitativo prosegue finché l equipe responsabile del piano assistenziale ritiene possibili ulteriori progressi nel recupero funzionale; successivamente, il paziente viene restituito al proprio contesto socio-familiare con visite programmate di follow-up, per verificare il mantenimento dei risultati ottenuti e/o ulteriori possibilità evolutive delle personali performance motorie e cognitive, contestualmente ad una periodica rivalutazione della qualità di vita realizzata. COLLABORAZIONE DEI FAMILIARI La collaborazione dei familiari, impostata precocemente, risulta fondamentale; in particolare con le persone che trascorrono più tempo durante il giorno e/o la notte accanto al paziente. I parenti hanno diritto ad essere informati, ma anche il dovere di informarsi su come poter risolvere ogni problema che il paziente incontra nelle attività quotidiane, sulle strategie più adeguate da adottare, sui progressi che man mano emergono. E bene comunque coinvolgere il paziente ad interessarsi all ambiente che lo circonda: Stimolandolo opportunamente con modalità condivise da tutto il personale di assistenza. Rispettando i tempi, spesso lunghi, per il raggiungimento di un obiettivo, senza stancarlo pretendendo risultati immediati o facendo paragoni con altri pazienti emiplegici. Assicurando che venga garantita una buona igiene personale, soprattutto della parte plegica. Insegnandogli a cambiare posizione nel letto o a sedersi, secondo le indicazioni ed i tempi concordati con il Fisioterapista. Utilizzando i tutori e gli ausili proposti (Es. fascia di sostegno per l arto superiore plegico, tutori per la postura in carrozzina, etc...) 7

9 FASE ACUTA Il paziente emiplegico presenta alcuni problemi specifici che occorre conoscere per evitare errori di nursing che comprometterebbero notevolmente la possibilità di recupero. Nella fase acuta dello stroke il paziente può essere relativamente lucido e collaborante, oppure, se le sue condizioni sono molto gravi, può essere in uno stato comatoso - confusionale. In questo periodo trascurare la mobilizzazione o le posture corrette del paziente significa favorire l instaurarsi di danni articolari, muscolotendinei e la comparsa di piaghe da decubito che aggravano il quadro clinico e funzionale. Inizialmente il corpo del paziente tende ad assumere un atteggiamento patologico caratteristico: IL CAPO: è flesso verso il lato plegico con il viso ruotato verso il lato sano ALL ARTO SUPERIORE: ALL ARTO INFERIORE: la scapola è retratta la spalla è addotta ed intraruotata il gomito flesso e pronato il polso e le dita flesse. l anca è extraruotata il piede è flesso plantarmente. IL PAZIENTE MANTIENE QUESTE POSIZIONI NON ESSENDO IN GRADO DI MODIFICARLE ATTIVAMENTE Questo giustifica la necessità di un posizionamento adeguato nel letto per evitare danni secondari che comprometterebbero la possibilità di recupero. Ad esempio, se il piede si fissa in posizione di flessione plantare, risulta difficile, in seguito, il recupero di un cammino funzionale. Precauzioni da osservare nel piano assistenziale Elenchiamo ora quello che in ogni caso è da evitare nei confronti del paziente: 1. Eseguire mobilizzazioni brusche, con sollecitazioni energiche sull emisoma plegico (a rischio di lesioni articolari o di provocare dolore). 8

10 2. Tenerlo in posizioni scorrette nel letto o quando è in carrozzina. 3. Durante i trasferimenti ed i cambiamenti di postura, trazionare la spalla dell arto superiore plegico (si può provocare la sublussazione dell omero). 4. Sollevare il braccio plegico passivamente trazionandolo distalmente ( non tirarlo per la mano o per il polso ) durante le attività di nursing. (quali vestirlo, lavarlo etc.) 5. Stimolare movimenti riflessi involontari (flessione dell arto superiore, estensione dell arto inferiore) e movimenti volontari che ricalcano gli schemi motori patologici come la chiusura della mano a pugno (non la pallina da stringere). 6. Metterlo in piedi e farlo camminare senza disposizioni precise date dal Fisioterapista o dal medico Fisiatra responsabile del piano di assistenza. 7. Affaticare il paziente con richieste di prestazioni motorie o attentive prolungate. 8. Allestire terapia infusionale (endovena, parentale) dal lato plegico. Nel letto: Evitare la posizione semiseduta. Regole generali da osservare quando si posiziona il paziente Non sollecitare il palmo della mano per evitare che questo si chiuda. Non porre superfici rigide sotto la pianta del piede in quanto una pressione in questa sede è negativa. Utilizzare cuscini soffici che permettano di sostenere e mantenere la parte del corpo nella posizione voluta per ottenere un corretto posizionamento. In fase acuta i pazienti sono poco collaboranti ed è faticoso eseguire un corretto trasferimento e spesso può essere necessaria la presenza di due operatori. I parenti in questa fase non devono prendere iniziative personali senza la supervisione del personale tecnico ed infermieristico. 9

11 Seguano scrupolosamente le indicazioni date poiché utili ad eseguire i trasferimenti in modo corretto evitando un eccessivo sforzo fisico. Inoltre sono fornite indicazioni su come si può controllare la parte plegica del paziente evitando posture dannose o rischi di caduta. Posizionamento nel lato plegico: Capo sostenuto da un solo cuscino. Tronco sostenuto da un solo cuscino e leggermente spostato all indietro. Braccio plegico spostato in avanti fino ad un Angolo di 90. Arto inferiore plegico con anca estesa e ginocchio leggermente flesso. Arto inferiore sano con flessione anca e ginocchio sostenuto da cuscino. POSIZIONAMENTO NEL LATO PLEGICO Posizionamento sul lato sano: Capo sostenuto da un solo cuscino. Tronco perpendicolare al letto. Braccio plegico posto, possibilmente, alla stessa altezza della spalla e sostenuto dal cuscino. POSIZIONAMENTO SUL LATO SANO Arto inferiore plegico sostenuto da un cuscino, con anca e ginocchio flessi(assicurarsi che il piede non penda oltre ilbordo del cuscino). Arto inferiore sano con anca estesa e ginocchio leggermente flesso. Arto superiore sano nella posizione più comoda per il paziente. 10

12 Posizionamento supino: E la meno indicata perché a rischio di piaghe da decubito in corrispondenza dell osso sacro e del tallone. Il capo deve essere ben sostenuto da un cuscino evitando una flessione eccessiva del rachide cervicale. POSIZIONAMENTO SUPINO POSIZIONAMENTO SUPINO Un cuscino sotto la scapola e il braccio, in modo che rimanga disteso e sostenuto in posizione corretta. Un piccolo cuscino sotto il bacino e la coscia per evitare che la gamba ruoti fuori. Seduto al letto: Quando in fase acuta non è possibile trasferire il paziente su una sedia o su una carrozzina, nel momento del pasto è possibile adottare questa posizione: Si alza la testiera del letto, o si usano dei cuscini per mantenere il tronco eretto a 90 circa, lasciando il capo privo di appoggio e si posiziona un piccolo cuscino sotto le ginocchia; un tavolino regolabile, posto di fronte,permetterà al paziente di appoggiare gli arti superiori. SEDUTO AL LETTO 11

13 Trasferimenti assistiti Passaggio da supino a seduto sul letto: 1 MODALITA Si deve avvicinare il paziente al bordo del letto dal lato plegico seguendo le indicazioni date per lo spostamento laterale sul letto; si fa poi scivolare l arto inferiore plegico fuori dal letto, si abbraccia il paziente con le mani posizionate dietro alle scapole chiedendogli di portare la parte sana fuori dal letto; lo si aiuta poi a sollevare il tronco cercando di imprimere la giusta rotazione. E la meno praticata poiché meno sicura per il paziente e per l operatore. 1 modalità 1 modalità 2 MODALITA Si fa prima ruotare il paziente sul fianco sano poi si chiede di portare le gambe giù dal letto. A questo punto il paziente per sollevare il tronco si appoggia 2 modalità 2 modalità sull arto superiore sano (prima sul gomito e poi sulla mano, appoggiandosi al piano del letto). L operatore può facilitare il passaggio, ponendo una mano sultronco ed una sul bacino. 2 modalità 2 modalità Trasferimento dal letto alla carrozzina: Si avvicina la carrozzina al letto, posizionandola dal lato sano. Sempre dallo stesso lato, si toglie il bracciolo e il predellino. Una volta seduto il paziente sul letto con le gambe fuori e facendolo caricare sull arto sano, l operatore posiziona le mani dietro alle scapole e imprimendo una flessione del tronco e la giusta rotazione lo trasferisce in carrozzina. 12

14 Nella fase acuta, quando si esegue questo trasferimento, è opportuno non richiedere la stazione eretta per evitare ulteriori difficoltà sia al paziente che all operatore e quindi eseguire un trasferimento seduto seduto. Per il trasferimento dalla carrozzina al letto si utilizza lo stesso procedimento Attenzione a mantenere corretta la posizione sulla carrozzina. NO!!! I pazienti più collaboranti si aiutano con gli arti sani a spingersi indietro; è comunque importante sollecitarli a staccare il tronco dallo schienale prima di spingersi indietro. Quando il paziente necessita di assistenza gli si chiede di staccare il tronco dallo schienale e lo si aiuta abbracciandolo da dietro con una presa incrociata. Nel caso siano necessarie due persone, una di queste aiuta il paziente con una presa sotto le cosce. Seduto su una sedia comune o una carrozzina. 1. Trasferire il paziente su una carrozzina o su una sedia il più presto possibile è molto importante. Se lo schienale della carrozzina non dà il sostegno adeguato, si può mettere un cuscino sottile dietro la schiena. 2. Per evitare che il paziente scivoli in avanti, si può posizionare il braccio plegico su un tavolino posto davanti al paziente. 3. Il paziente potrà spostarsi autonomamente con una carrozzina appositamente modificata spingendo con l arto superiore sano sulla guida posta sulla ruota e 2 3

15 Rieducazione dell attività di trasferimento Come per la posizione seduta così anche per quella eretta si cerca di far distribuire il peso del corpo in modo bilaterale e simmetrico. L atteggiamento spontaneo del paziente in piedi è quello di mantenere un carico disuguale sui due arti inferiori, per cui occorre stimolarlo ad appoggiare correttamente sull arto plegico evitando posizioni scorrette del piede e del ginocchio. Bisogna ricordare che il paziente ha sempre paura di cadere e chi lo assiste deve disporsi sempre dal lato colpito per aiutarlo a caricare sull arto plegico, per migliorare il suo equilibrio e per dargli sicurezza. Il cammino Il periodo di tempo necessario per il programma di rieducazione al cammino può essere più o meno lungo. In equipe, il medico ed il fisioterapista scelgono le modalità e l uso provvisorio o definitivo di ausili per s v i l u p p a r n e t u t t e l e potenzialità. Può succedere che il paziente sia in grado di camminare, ma con modalità scorrette e/o poco sicure; in tal caso dovrà farlo solo sotto la guida del fisioterapista; e qualora sia n e c e s s a r i o u s a r e esclusivamente gli ausili tecnici, questi verranno opportunamente consigliati dall equipe. Assistenza al cammino Occorre stimolare il paziente a correggere il proprio cammino, senza spingerlo o tirarlo, con le seguenti indicazioni: Porsi dal lato plegico. Chiedergli di fare passi uguali con entrambi gli arti. Stimolare la progressione del cammino in linea retta e non obliqua. Se il paziente usa un bastone, si usa il seguente schema di avanzamento: BASTONE-ARTO MALATO ARTO SANO. 14

16 Salita e discesa di scale Il metodo più sicuro per far salire e scendere gradini al paziente è il seguente: 1. Nella salita far progredire l arto sano, quello plegico raggiunge poi lo stesso gradino. 2. Nella discesa far progredire l arto plegico, il sano raggiunge poi lo stesso gradino. In questo modo lo sforzo maggiore viene sostenuto dall arto sano ed il paziente si sente più sicuro. Il bastone va portato sempre sul gradino successivo,prima che il paziente salga o scenda. Se è necessario uno schema differente per eseguire le scale, sarà il fisioterapista a proporlo ed insegnarlo. 15

17 Addestramento all ADL (attività della vita quotidiana) Viene impostato precocemente, con modalità condivise da tutto il personale tecnico e assistenziale (fisioterapisti ed infermieri). Abbigliamento: E molto importante che il paziente impari al più presto a vestirsi e svestirsi da solo, anche se questo gli costa fatica e tempo e preferirebbe farlo fare da un parente o dal personale di assistenza. Ciò costituisce già un primo superamento dello stato di invalidità. Per questa attività è bene che sia il paziente a decidere cosa vuole indossare. E bene che tale operazione la esegua da seduto, meglio su una sedia che sul bordo del letto. Per apprendere le sequenze motorie corrette viene appositamente esercitato durante le sedute di riabilitazione. REGOLA GENERALE LA PARTE MALATA VA VESTITA PER PRIMA E SPOGLIATA PER ULTIMA. 16

18 Mettersi le scarpe: Il paziente può imparare nel tempo a chiudersi le scarpe con una mano sola. Le figure che seguono illustrano come devono essere predisposte le scarpe perché questa autonomia sia resa possibile. Si inizia facendo un nodo nella stringa e infilandola nel primo foro di un lato della scarpa. Il laccio viene tenuto fermo e lo si fa passare due volte per l ultimo foro. Si lega la stringa. Per evitare i lacci si mettono chiusure di velcro a una scarpa tipo mocassino che fornisce un supporto stabile al piede. 17

19 Consigli per l alimentazione Nei primi giorni dopo l evento morboso e facile che si verifichi uno spostamento delle labbra dal lato plegico, una difficoltà nel muovere la lingua all interno della bocca e a deglutire la saliva efficacemente (scialorrea), facendola scivolare dalle labbra dal lato della paralisi. In presenza di ridotto controllo linguale può accadere che durante le operazioni di masticazione, spostamento o impasto del bolo, parte del cibo rimanga all interno della bocca dalla parte paralizzata. Se il deficit sensitivo è molto grave parte del cibo può cadere in faringe prima dell inizio della deglutizione, quindi essere aspirato nelle vie aeree. La collaborazione dei parenti con gli infermieri del Reparto è indispensabile per rendere il momento del pasto piacevole e gratificante, come lo era prima dell evento morboso. Sin dai primi giorni (in assenza di sondino naso gastrico, e dopo una accurata osservazione), è importante che il paziente ricominci ad alimentarsi da solo in attesa di un ricupero funzionale. La postura seduta, in carrozzina o nel letto, è quella più facilitante; e, se necessario, il paziente va abituato a cambiare mano (dalla destra alla sinistra o viceversa) per riprendere quella abilità primaria estremamente complessa e dinamica. Le caratteristiche di consistenza del cibo da impiegare nei primi giorni sono determinate dal tipo di deficit presentato dal paziente. In generale la consistenza più favorevole al paziente è rappresentata dal cibo semiliquido al cibo semisolido, su indicazione della logopedista. Questo deve comunque essere verificato durante i primi pasti e con gli operatori responsabili. Un giusto grado di coesione del cibo riduce il rischio di aspirazione, in quanto durante la fase orale, il bolo difficilmente sfugge al controllo della lingua; ne deriva che i solidi e i liquidi vanno presentati separatamente e che non è opportuno suggerire di ripulirsi la bocca con un sorso d acqua. E utile offrire cibi di sapore forte e definito come il dolce, l amaro e il salato per aumentare la stimolazione in sede orale. Fondamentale è praticare una igiene orale quotidiana. Nel caso che il paziente fosse dotato di protesi dentaria, bisogna valutare il permanere della congruenza o proporre, al tempo opportuno, una revisione in funzione della modificata condizione del cavo orale. 18

20 DISFAGIA CHE COSA E? È un disfunzione nella deglutizione del cibo. QUALI RISCHI COMPORTA? DISIDRATAZIONE MALNUTRIZIONE INFEZIONI BRONCOPOLMONARI COME SI RICONOSCE? IL PAZIENTE DISFAGICO, MENTRE MANGIA, TOSSISCE SPESSO OPPURE MOSTRA DIFFICOLTA NELLA DEGLUTIZIONE DEI LIQUIDI O DI CIBI DISOMOGENEI ( AD ES. PASTINA IN BRODO) ALIMENTI DA EVITARE SEMPRE IN CASO DI DISFAGIA Pastina in brodo (e in generale solidi e liquidi insieme) Minestrone con verdura in pezzi Legumi interi (piselli, fagioli, fave, lenticchie) Verdura filacciosa (spinaci, fagiolini, ecc.) Zuppe (pane o fette biscottate e latte, minestra con crostini, ecc.) Frutta secca Riso Alcolici POSIZIONE CONSIGLIATA Il paziente deve mangiare in posizione seduta, con avambracci comodamente appoggiati e con il capo leggermente flesso in avanti Durante l alimentazione lo stato di attenzione del paziente deve essere adeguato; interrompere l alimentazione ai primi segni di stanchezza. Far procedere lentamente, con piccole quantità alla volta e solo se il boccone precedente è stato deglutito. Non far parlare il paziente durante il pasto, se non dopo aver fatto detergere la gola con qualche colpo di tosse ed aver fatto deglutire a vuoto. Ogni 2/3 deglutizioni far eseguire qualche colpo di tosse e dopo far deglutire a vuoto. Se il paziente può assumere liquidi prima di farlo bere accertarsi che in bocca non siano presenti residui di cibo e far eliminare i residui in faringe secondo le modalità indicate in precedenza. Non far distrarre il paziente durante il pasto (es. evitare di far guardare la televisione, leggere, ecc.) 19

21 L esercizio terapeutico per il recuperodi abilità funzionali Gli esercizi proposti al paziente sono elaborati dall equipe riabilitativa: medico, fisioterapista, logopedista, infermiere, neuropsicologo e psicologo. Essi derivano dalla teoria che considera il recupero sensitivo e motorio come un processo di apprendimento in condizioni patologiche. Sono organizzati secondo complessità crescenti ed adeguati alle caratteristiche di ogni singolo paziente ed agli obiettivi ipotizzati in equipe nel progetto riabilitativo individuale: Nella fase acuta il programma prevede generalmente: Esercizi per il recupero dell orientamento nello spazio e nel tempo. Esercizi per il recupero della motilità e della sensibilità degli arti e del tronco. Ricerca e mantenimento dell equilibrio nella posizione seduta sul letto, sulla carrozzina, sulla sedia. Questi esercizi, eseguiti con l assistenza del fisioterapista, sono la parte più importante del programma di recupero fin dai primi giorni di ricovero: non si limitano però ad una o più tecniche manuali eseguite dal Fisioterapista, ma si inseriscono nel contesto riabilitativo che guida ed organizza il comportamento del paziente. 20

22 FASE POSTACUTA L attività è svolta all interno del Reparto di Medicina Riabilitativa, in degenza continua o diurna e comprende l insieme degli interventi valutativi, diagnostici, terapeutici finalizzati al ricupero della massima autonomia nel proprio ambiente famigliare, lavorativo, e sociale (compatibilmente con le potenzialità di ripresa emergenti dalla patologia ictale). Ogni attività diventa momento terapeutico, cui concorrono tutti gli operatori che interagiscono con il paziente: 1. Il Medico Fisiatra per gli aspetti diagnostici, clinico-riabilitativi e prognostici: per la stesura del progetto riabilitativo ed il suo monitoraggio. 2. La Caposala e gli Infermieri Professionali del reparto che assistono il paziente per tutto quanto riguarda la somministrazione delle terapie mediche e gli aspetti assistenziali con un piano di nursing riabilitativo specifico e personalizzato. 3. I Fisioterapisti che attuano intensivamente un intervento tecnico specifico (ripetuto nell arco quotidiano) sulla disabilità motoria e in collaborazione con gli Infermieri, rieducano il soggetto alle attività della vita quotidiana, al fine di far apprendere alla persona nuove abilità motorie utili agli obiettivi di funzionalità ipotizzati. 4. IL Logopedista Afasiologo, che assiste i pazienti con i disturbi cognitivi, del linguaggio o della comunicazione e della deglutizione, dell analisi spaziale, della memoria strettamente dipendenti dalla lesione cerebrale. 5. Il Neuropsicologo per la valutazione e trattamento dei disturbi cognitivi quali attenzione, memoria, ragionamento etc 6. Lo Psicologo per i rapporti con i parenti e per il reinserimento lavorativo del paziente. 7. Gli Operatori socioassistenziali, che nell attività si inseriscono opportunamente secondo modelli operativi che privilegiano ogni stimolazione all autosufficienza dei singoli soggetti. In Riabilitazione GUARIGIONE non significa sempre ritorno alla condizione di vita precedente, ma, soprattutto, elaborazione ed addestramento di nuove condotte motorie che permettono il recupero della funzione (a volte parziale) anche in presenza di una menomazione permanente. Un esempio significativo si può riscontrare al momento del pasto. L emiplegia causa spesso impossibilità all uso di un arto superiore o, per lo meno, della mobilità completa e fine della mano. La persona non è in grado di tagliare la carne o tenere la forchetta come faceva prima 21

23 dell evento morboso, ma tramite l uso di utensili opportunamente modificati viene recuperata la funzione e quindi migliorata l autonomia nell alimentazione. I familiari svolgono un ruolo fondamentale perché, coinvolti dagli operatori, proseguono in modo corretto l allenamento alle nuove abilità, aiutando il paziente a ritornare nuovamente soggetto attivo. Settimanalmente l equipe si incontra per confrontarsi sul programma di intervento multiprofessionale integrato per ogni paziente ricoverato in funzione dei risultati progressivamente conseguiti. I parenti dei singoli degenti sono invitati periodicamente ad aggiornarsi con i responsabili del programma sui risultati raggiunti e sull evoluzione del percorso riabilitativo, esprimendo eventuali nuovi quesiti. Nel reparto si cerca di ripristinare, il più precocemente possibile, ritmi simili a quelli della normale vita quotidiana; la persona viene educata ed allenata a muoversi autonomamente nella stanza e nel reparto, a piedi o in carrozzina; ad alzarsi dal letto prima della colazione vestendo non il pigiama, ma tuta e scarpe; ad andare in bagno, per le cure igieniche ed i bisogni fisiologici, ad assumere i pasti principali in una sala comune con gli altri ospiti per facilitare la socializzazione. Durante il ricovero vengono individuati ed eventualmente forniti, secondo le modalità prevista da normative legislative, gli ausili (carrozzina, deambulatore, bastone o altro) utili a favorire l autonomia funzionale del soggetto in relazione alla migliore qualità di vita ipotizzabile ed esprimibile al completamento del progetto riabilitativo. La dimissione dal Reparto di Medicina Riabilitativa non coincide con il ritorno alla condizione motoria e funzionale precedente l evento morboso e, di norma, non esaurisce gli obiettivi impostati nel progetto riabilitativo, ma esprime il momento in cui è possibile, anche in presenza di disabilità residua, il reinserimento al domicilio. Quando finalizzato a perfezionare gli obiettivi riabilitativi, il programma rieducativo continua a livello ambulatoriale, familiare e sociale (con opportune modalità di integrazione con servizi della rete extraospedaliera) ed in altre strutture di minore intensità riabilitativa. 22

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale Modulo 4 Assistenza al paziente e alla famiglia nel post-ictus Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale durata: 60 h 0 di 31 Obiettivi di apprendimento della sessione descrivere la rete assistenziale

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi Ospedale Niguarda CàGranda Milano Ester Pileio INFERMIERA Silvia Zigiotto INFERMIERA Una delle attivitàvitali

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI. Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI. Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016 MODALITÀ DI APPROCCIO ALL ANZIANO CON PATOLOGIE NEUROLOGICHE PIÙ O MENO GRAVI Acquisire quanti più

Dettagli

MALATTIE CEREBROVASCOLARI: ICTUS

MALATTIE CEREBROVASCOLARI: ICTUS MALATTIE CEREBROVASCOLARI: ICTUS Introduzione/Epidemiologia Improvvisa comparsa di segni e sintomi riferibili a deficit globali delle funzioni cerebrali, di durata superiore alle 24 ore o a esito infausto,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Luca Pantarotto Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Fisiologia della deglutizione atto complesso che implica l utilizzo coordinato e sincrono della

Dettagli

Il paziente neurologico ICTUS

Il paziente neurologico ICTUS ICTUS ICTUS ICTUS ICTUS Fattori di rischio modificabili Ipertensione arteriosa Diabete mellito Stenosi carotidea Fumo/alcool Sovrappeso Sedentarietà Fattori di rischio non modificabili Età Sesso Predisposizione

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS E SUL PIU BELLO ARRIVA L ICTUS L MA L ANZIANO, PER FORTUNA E E SANO COME UN PESCE. SARA SANO MA L ESSERE L ANZIANO COMPORTA DI PER SE QUALCHE MODIFICA DI

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS www.inrca.it U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace @ I.N.R.C.A. 2008 www.giobbe.net e-mail: info@giobbe.net I brillanti

Dettagli

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA CARTELLA DIDATTICO-RIABILITATIVA Anno Accademico STUDENTE SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO Gentile Utente, questa guida intende fornirle alcune informazioni e consigli per la gestione della persona con disfagia. Nel nostro Ospedale può

Dettagli

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE Docente: Giacomo Colzani 07 Aprile 2010 OBIETTIVI DELLA GIORNATA Identificare i criteri principali

Dettagli

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale revenzione ICTUS La Fibrillazione atriale Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale L ICTUS Un ICTUS per il cervello equivale ad un infarto per il cuore:

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

ICTUS: Conoscere la malattia.

ICTUS: Conoscere la malattia. SARDEGNA onlus ASSOCIAZIONE PER LA LOTTA ALL ICTUS CEREBRALE E-Mail: alicesardegna@tiscali.it http://www.alicesardegna.it/ ICTUS: Conoscere la malattia. Testi: Dott. Maurizio Melis Stroke Unit Dipartimento

Dettagli

PERCORSO ICTUS. Percorso Ictus. Che cosa succede? Che fare?

PERCORSO ICTUS. Percorso Ictus. Che cosa succede? Che fare? Consulta Associazioni di Volontariato Zona Distretto Piana di Lucca U.O. Neurologia U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale U.O. Riabilitazione Funzionale PERCORSO ICTUS Percorso Ictus L Ictus cerebrale

Dettagli

IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA

IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA Persona (anziane) affette da M.P. possono andare incontro a malnutrizione per fattori psicosociali, fisici, ma anche per possibili specifiche disfunzioni deglutitorie

Dettagli

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Gli esercizi descritti in questo opuscolo sono consigliati ai pazienti affetti da patologie delle spalle (periartriti, esiti di intervento, esiti

Dettagli

ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo

ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo ICTUS CEREBRALE Come combatterlo, come vincerlo Che cos è l Ictus L Ictus è una malattia che colpisce il cervello quando improvvisamente una parte di questo viene danneggiata o distrutta. E il risultato

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Struttura CENTRALE: Encefalo (cervello, cervelletto, tronco) Midollo spinale NB: non confondere Il midollo spinale con il midollo osseo!!! PERIFERICO:

Dettagli

Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale

Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI UOC Medicina Fisica e Riabilitativa Gestione riabilitativa dell ictus cerebrale Revisione 2009 Ictus ICD9: 436-438.9 Improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili

Dettagli

NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA

NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA Opere Pie d Onigo - Pederobba (TV) NUCLEO A VALENZA RIABILITATIVA Via Roma 65 Per ricoveri tel. 0423 694711-7-8 fax 0423 694710 segreteria@operepiedionigo.it http://www.operepiedionigo.it/ - Medico Nucleo

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO Gentile Utente, o questa guida intende fornirle alcune informazioni e consigli sull AFASIA, un disturbo che limita il linguaggio. Nel nostro Ospedale

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

IL PROCESSO DI NURSING O PROCESSO DI ASSISTENZA

IL PROCESSO DI NURSING O PROCESSO DI ASSISTENZA Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica - Polo didattico AORN S.G.Moscati Anno Accademico 2012 2013 Metodologia infermieristica Docente

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DI ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DI ANCA ARTROPROTESI TOTALE DI ANCA PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE L ARTICOLAZIONE DELL ANCA In condizioni di normalità la testa del femore è un segmento di sfera perfettamente contenuto nell acetabolo L ARTICOLAZIONE

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

XV GIORNATA NAZIONALE CONTRO L ICTUS CEREBRALE

XV GIORNATA NAZIONALE CONTRO L ICTUS CEREBRALE Associazione per la Lotta all'ictus Cerebrale FRIULI VENEZIA GIULIA TRIESTE - ONLUS SABATO 31 MAGGIO 2014 Gazebo in Piazza Cavana dalle ore 10 alle 17:30 XV GIORNATA NAZIONALE CONTRO L ICTUS CEREBRALE

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Con il termine DISFAGIA si intende la difficolta di convogliare i cibi di consistenza diversa o mista nell apparato digerente,indipendentemente dal

Con il termine DISFAGIA si intende la difficolta di convogliare i cibi di consistenza diversa o mista nell apparato digerente,indipendentemente dal Con il termine DISFAGIA si intende la difficolta di convogliare i cibi di consistenza diversa o mista nell apparato digerente,indipendentemente dal motivo che ha generato questo disturbo Penetrazione!

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia LA GESTIONE DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI: interpretazione del rischio specifico, e gestione aziendale della collocazione lavorativa Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in

Dettagli

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA Carlo Fiori Elisa De Maestri Maria Teresa Parolini Rita Bormolini I dati oggetto del nostro studio si riferiscono al quinquennio 2006-2010 e riguardano un campione

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM PRE-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM PRE-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM PRE-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesca Passarelli, 60 anni Docente universitaria di tecniche di laboratorio Operata tre anni fa di protesi al ginocchio Sul

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DELL OSPITE

MOVIMENTAZIONE DELL OSPITE INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 16 A. MOVIMENTAZIONE GENERALE... 3 1. OBIETTIVO GENERALE... 3 2. CRITERI GENERALI... 3 3. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 4 4. VERIFICHE...

Dettagli

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1

definisce le modalità della presa in carico da parte di una specifica struttura dell'area riabilitativa; www.ilfisiatra.it 1 All'interno del progetto riabilitativo, il programma riabilitativo definisce le aree di intervento specifiche, gli obiettivi a breve termine, i tempi e le modalità di erogazione degli interventi, gli operatori

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO Femme à l ombrelle di C. Monet Opuscolo a cura di: Ft. Laura Airoldi Ft. Antonella Manna Fisioterapia U.O. Riabilitazione Specialistica

Dettagli

INCONTRI DELLA SALUTE

INCONTRI DELLA SALUTE INCONTRI DELLA SALUTE TERZO APPUNTAMENTO 16.10.2014 CONTR-ATTACCO CARDIACO: ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO CARDIACO Relatore: Dott.ssa Marcella Camellini Dirigente Medico Cardiologia Ospedale di Sassuolo APPUNTI:

Dettagli

La comunicazione medico-paziente

La comunicazione medico-paziente La comunicazione medico-paziente Prof.ssa Maria Grazia Strepparava Psicologia della comunicazione in ambito sanitario - aa 2004-2005 Competenze che si richiedono al medico Saper capire e spiegare al paziente

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro

INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro ICTUS CEREBRALE 1 ACCIDENTE CEREBROVASCOLARE L ictus è una categoria

Dettagli

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione PROCEDURA: Barrare le opzioni prescelte Selezionare l obiettivo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

COOPERATIVAEASY SEDE OPERATIVA SEDE LEGALE. Via Puccini 7 36077 Altavilla Vicentina (Vi)

COOPERATIVAEASY SEDE OPERATIVA SEDE LEGALE. Via Puccini 7 36077 Altavilla Vicentina (Vi) Vicenza, 23 novembre 2012 RICHIESTA DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DEGLI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE ALLA PERSONA CON DISABILITÀ E ALLA SUA FAMIGLIA

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia

Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia Istituti Clinici di Perfezionamento - Milano Servizio di Abilitazione Precoce dei Genitori Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia Spunti di riflessione per gli operatori

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo Data:1/11/2004 Pag. 1 di 7 Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via.. Anamnesi patologia remota Anamnesi patologia prossima Altri problemi clinici nessuno ventilazione polmonare assistita tracheostomia

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA Alessandro Biemmi Luca Risi Introduzione La Sclerosi Laterale Amiotrofica: è una malattia neurologica degenerativa determina una progressiva perdita

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011. Unità operativa di Medicina Fisica e Riabilitativa Ospedale di Villafranca

Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011. Unità operativa di Medicina Fisica e Riabilitativa Ospedale di Villafranca Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011 Unità operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di e Riabilitazione Unità operativa di Piano 2 corpo A: telefono reparto 045 6338258-045 6338107

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri

paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri La presa in carico del paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri La demenza è una malattia: Frequente: In Italia sono 1.000.000 circa i casi di demenza e circa 3 milioni di familiari sono coinvolti

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale!

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale! Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale La malformazione di Chiari tipo I (CMI) è un alterazione della giunzione

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM PRE-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM PRE-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM PRE-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Massimo Bechelli, 60 anni Commercialista, appassionato di arti marziali Operato 10 anni fa di protesi d anca Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

COSA FARE DOPO UN ICTUS CEREBRALE

COSA FARE DOPO UN ICTUS CEREBRALE Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO UN ICTUS CEREBRALE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della Lega

Dettagli

MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia In questo opuscolo sono riportati alcuni semplici esercizi che devono essere ripetuti quotidianamente sino al recupero totale della funzionalità

Dettagli