DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1"

Transcript

1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona Comitini Favara Ioppolo Giancaxio - Porto Empedocle Raffadali Realmonte - Santa Elisabetta Sant Angelo Muxaro Siculiana - Tel Fax CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO LOTTO 5 Denominazione Progetto Gruppo - appartamento Aree di intervento DISABILITA E SALUTE MENTALE Art. 1 OGGETTO DEL CAPITOLATO Costituisce oggetto del presente capitolato l affidamento del Servizio denominato "Gruppo appartamento" area tematica: Disabilità e salute mentale. Così come approvato dalla Regione Sicilia all interno del Piano di Zona del Distretto Socio Sanitario D.1 Agrigento, , II^ e III^ annualità, giusta D.G.C. n. 96 del 10/11/2008. Art. 2 OGGETTO DEL SERVIZIO Il Gruppo-appartamento si propone di realizzare e mantenere il percorso di autonomia personale, psico- sociale e di riabilitazione attraverso: il potenziamento delle risorse personali, sviluppando e sostenendo l autonomia, l autostima, l autodeterminazione e l interdipendenza sociale; la responsabilizzazione degli ospiti verso la gestione delle attività relative alla vita quotidiana (cura di sé, riordino degli ambienti personali, capacità di tenere e mantenere la pulizia dello spazio domestico comune e degli spazi verdi, capacità di preparare autonomamente i pasti), l organizzazione del tempo libero, il rispetto delle regole di convivenza e del vivere sociale interne al gruppo; lo sviluppo di competenze e abilità cognitive, pragmatiche, comunicative e sociali all interno dell appartamento (sviluppo e potenziamento della capacità di organizzazione, della capacità organizzativa interna alla casa, rispetto della privacy); il potenziamento del senso di appartenenza e dell integrazione sociale nella comunità locale in cui l utente risiede; l adesione dei pazienti ai percorsi riabilitativi (frequentazione del Centro Diurno, della biblioteca, dei Corsi di Formazione Professionale; eventuale borsa lavoro e inserimento lavorativo). 1

2 Art. 3 DESTINATARI Il Gruppo-appartamento si rivolge a utenti psichiatrici, residenti nei Comuni del Distretto Socio-sanitario D 1, che stanno già seguendo un programma riabilitativo presso le strutture del Dipartimento di Salute Mentale o del privato sociale e che hanno già sperimentato e acquisito un grado di autonomia e di analisi della realtà adeguato, tale da permettere che vengano inseriti in un gruppo. Il Servizio si rivolge anche a quei pazienti il cui stato psicopatologico è aggravato da una condizione di solitudine, determinata dall assenza dei familiari o del venir meno delle figure familiari. Il Gruppo-appartamento prevede n. 5 ospiti. L età e il sesso degli utenti deve essere funzionale al Progetto in riferimento agli obiettivi individuati. Il tempo di permanenza per ogni ospite è valutato in base alle sue caratteristiche e ai suoi bisogni. L inserimento degli utenti è volontario. Art. 4 PRESTAZIONI Il servizio oggetto di trattativa è definito, analiticamente, nel progetto. Agli atti, l Ente aggiudicatario del servizio dovrà offrire, sinteticamente, le seguenti attività: Assistenza alla persona Sostegno alla persona Rapporti con il territorio Il Comune curerà la manutenzione ordinaria e straordinaria dell appartamento. Art. 5 CARATTERISTICHE DEGLI OPERATORI IMPIEGATI DALL'AGGIUDICATARIA Le prestazioni di cui l'articolo 4 saranno svolte dall'aggiudicataria mediante propri operatori di ambo i sessi, adeguatamente formati e preparati. Gli operatori dovranno essere in possesso dei titoli indicati nella scheda Personale Impiegato qui di seguito riportata: PERSONALE IMPIEGATO Figure professionali N Assistente sociale 1 Assistenti domiciliari 1 Animatore 1 Totale 3 N. 1 Assistente sociale per complessive 24 ore mese N. 1 Assistente domiciliare per complessive 24 ore mese N. 1 Animatore per complessive 24 ore mese Il Coordinatore referente del servizio, per l'attivazione del progetto secondo le indicazioni degli uffici preposti, deve cooperare direttamente con il Coordinatore Referente del Distretto Socio Sanitario D.1. 2

3 Prima dell avvio del servizio la ditta appaltatrice dovrà inviare al Comune di Agrigento, Ufficio di Piano, l'elenco nominativo definitivo del personale che intende impiegare con la specifica dei titoli posseduti. Qualora nel corso dell'esecuzione dell'appalto si rendesse necessaria la sostituzione di uno o più operatori tra quelli che la ditta si è impegnata a mettere a disposizione per lo svolgimento del servizio, dovrà essere garantito nei nuovi operatori il possesso di qualifiche ed esperienze professionali di livello non inferiore. Ogni eventuale variazione degli operatori deve essere tempestivamente comunicata al Comune e agli uffici competenti entro cinque giorni dalla stessa. L'Aggiudicataria s'impegna inoltre: a garantire la continuità del servizio così come previsto dai progetti agli atti anche sostituendo gli operatori assenti per malattie, ferie od altro con personale idoneo avente almeno medesima qualifica ed esperienza professionale e comunque secondo quanto stabilito dal presente capitolato ed eventualmente concordato con l Ufficio di Piano; a provvedere su richiesta dell Ufficio di Piano, adeguatamente motivata, alla sostituzione degli operatori ritenuti non idonei all'espletamento del servizio, entro e non oltre due giorni dalla richiesta medesima; a dare immediata comunicazione verbale e scritta all Ufficio di Piano e agli uffici dei Servizi Sociali Territoriali competenti di qualsiasi evento straordinario riguardante l'andamento del servizio nonché dell'eventuale difficoltà di rapporti tra operatori e fruitori dei servizi; a consegnare la documentazione sull'attività svolta nei modi e termini che di seguito verranno indicati; a fornire a tutti gli operatori un tesserino di riconoscimento. Art. 6 MANSIONI DEGLI OPERATORI IMPIEGATI DALL'AGGIUDICATARIA Gli operatori socio-professionali, di cui al precedente art. 5, dovranno assicurare le prestazioni professionali, ognuno per le proprie mansioni, per la definizione delle attività previste dal progetto ed in sinergia e piena collaborazioni con gli altri operatori socio-sanitari dell ASP (ex AUSL n. 1) dei comuni coinvolti e del terzo settore facenti parte del gruppo di coordinamento e di monitoraggio e di valutazione degli interventi tecnico professionali e socio-sanitari previsti dall azione progettuale. L'importo posto a base dell'appalto ammonta a: Art. 7 DIMENSIONE DELL'APPALTO - Spese del personale ,12; - Iva 4% (applicata sulle spese - del personale e di gestione) 1.222,00; - Spese generali ,12; - Costo vitto giornaliero ,00; - Spese di gestione 3.984,76; TOTALE ,00 Tutto l importo è soggetto a rendiconto, che verrà richiesto periodicamente dall Ufficio di Piano. In particolare per i costi di vitto e specificatamente in relazione alla voce di spesa costi vitto giornaliero prevista nel piano finanziario del progetto, si conteggeranno e saranno, esclusivamente, erogate le diarie giornaliere (pari ad 10,00 al giorno per utente) per il vitto ed in corrispondenza al numero effettivo di presenze di utenti avviati. Il servizio dovrà essere svolto sull intero Distretto Socio Sanitario D.1. Art. 8 DURATA DELL'APPALTO 3

4 L appalto avrà la durata di mesi 24 a partire dalla data di avvio del servizio. Art. 9 CORRISPETTIVO All aggiudicataria, all atto dell effettiva disponibilità della prima trance del finanziamento, verrà corrisposto il 20% della somma prevista per la gestione del progetto previa presentazione al Comune di Agrigento, capofila del Distretto Socio Sanitario, di regolare fattura. Le ulteriori somme spettanti all'aggiudicataria saranno liquidate, a seguito di visto di regolarità da parte dell Ufficio di Piano e di altrettante attestazioni rilasciate dai competenti uffici dei servizi sociali dei comuni del Distretto D1 ove saranno svolte le prestazioni. La fattura dovrà essere corredata da adeguati strumenti di rilevazione e riscontro del lavoro svolto, stabiliti dall Ufficio di Piano di concerto con gli uffici dei Servizi Sociali di ciascun comune, relativamente alla tipologia del Servizio. In attuazione del presente articolo e relativamente agli obblighi della ditta aggiudicataria, la quale, oltre alla relativa fatturazione delle prestazioni dovute, dovrà produrre, per i periodi di riferimento, la seguente documentazione: a) copia dei DM 10 regolarmente quietanzati, relativo al versamento dei contributi per il personale impiegato b) dichiarazione resa dal legale rappresentante nella quale si dichiara di utilizzare personale retribuito in base ai contratti di lavoro del settore di riferimento ed assicurato ai fini previdenziali ed assicurativi indicandone il codice matricola d iscrizione INPS ed INAIL, nonché di osservare le norme in vigore che disciplinano i contratti di servizio la prevenzione e l infortunistica, le assicurazioni sociali e le norme sanitarie, ed ogni altra disposizione normativa applicabile al servizio oggetto d appalto; c) prospetto riepilogativo, per ogni mese di servizio espletato, del personale impiegato con relativa qualifica operativa e delle ore mensili di servizio prestato per ogni addetto, nonché del costo relativo alle spese generali e di gestione per il periodo effettivamente imputato e comunque tale prospetto riepilogativo dovrà coincidere con il periodo di riferimento e con l importo complessivo calcolato in fattura; d) Attestazione di servizio redatta dal Responsabile agli affari sociali del Comune in cui viene svolto il servizio e nella quale si evince che le attività sono state svolte regolarmente per il periodo di riferimento e secondo quanto stabilito nel Capitolato Speciale d Appalto; e) Elenco delle presenze effettive per la liquidazione delle somme spettanti per il vitto giornaliero ( 10,00 al giorno). Art. 10 MODALITÀ DI AGGIUDICAZIONE DELL'APPALTO Le offerte dei soggetti partecipanti, che risulteranno in regola con quanto richiesto dall avviso di gara/lettera d invito e dal C. S. A-, avendone accettato tutte le condizioni e risultando in possesso di tutti i requisiti di ammissione alla gara, saranno valutate da una commissione tecnica appositamente nominata, la quale provvederà a redigere una graduatoria secondo i criteri che di seguito si esplicitano cosi come indicato dalla Regione Sicilia giusto D.p. del 04/11/02 e la circolare del 18/03/03 n. 85: PROGETTUALITÀ' - massimo 90 punti di seguito suddivisi in: Proposta progettuale Qualità organizzativa Esperienza - Proposte migliorative - fino ad un massimo di 35 punti fino ad un massimo di 25 punti fino ad un massimo di 15 punti - fino ad un massimo di 15 punti ECONOMICITÀ' : massimo di 10 punti. La Commissione tecnica nominata provvederà a redigere una graduatoria secondo le risultanze dei punteggi assegnati ad ogni soggetto partecipante, tenendo conto esclusivamente l'apposita griglia per l'assegnazione del punteggio di seguito riportata. A. PROPOSTA PROGETTUALE Alla proposta progettuale verrà assegnato un punteggio massimo complessivo di 35 punti sulla base dei seguenti parametri: Adeguatezza delle metodologie di progettazione e realizzazione legata a: 4

5 Coerenza, adeguatezza e corrispondenza complessiva agli obiettivi del progetto ed agli obiettivi derivanti dalle proposte migliorative fino ad un massimo di punti 20 e specificatamente di seguito ripartiti in: o o o STRATEGIE: Il Gruppo-Appartamento è una residenzialità prevalentemente autogestita, con scopi educativo-riabilitativi, che accoglie utenti con un discreto livello di autosufficienza ed un bisogno ridotto di assistenza sanitaria. L obiettivo è quello di migliorare la qualità della vita degli utenti destinatari del progetto, consentendo altresì l implementazione di scambi con gli operatori coinvolti in tale percorso e la promozione di nuove occasioni di socializzazione e di integrazione nel territorio. L esigenza è di fornire agli utenti che hanno già avviato un percorso di autonomia e di riabilitazione l accesso ad una fase più avanzata di autogestione della propria vita, condividendo l esperienza in un piccolo gruppo. Risulta prioritario, quindi: attivare una rete integrata fra Enti pubblici e privati; elaborare dei piani riabilitativi individuali per l autonomia; superare il modello assistenzialistico; creare lo sviluppo di appropriate competenze sociali per il superamento dell emarginazione. Per questo motivo i problemi legati ad utenti psichiatrici, residenti nei Comuni del Distretto Sociosanitario D 1, non potranno essere risolti se non attraverso la creazione di una sinergia tra le risorse offerte dalle strutture pubbliche e le nuove ed efficaci proposte derivanti dal privato sociale in modo da riuscire a creare servizi adeguati e funzionali e soprattutto qualitativamente validi. Si valuteranno le strategie di intervento attraverso una scala di valutazione che comprenderà 0 (zero) punti se le strategie programmate non saranno coerenti con quelle progettuali 3 (tre punti) se esiste una sufficiente coerenza e 7 (sette punti) se esiste una ottimale coerenza. Massimo 7 punti. DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA : I motivi che hanno spinto alla presentazione del Progetto Gruppo-Appartamento sono riconducibili all esigenza di rispondere in maniera adeguata ad alcuni utenti psichiatrici adulti in grado di autogestirsi ed organizzarsi, attraverso la concretizzazione di autonomie acquisite nell organizzazione della casa e del tempo libero. Il fine è quello di perseguire il rispetto della dignità della persona, della sua individualità e della sua autodeterminazione. Un intervento che stimoli la persona a contribuire alla costruzione di uno spazio abitativo su misura, nel rispetto delle diverse individualità, attraverso l integrazione dei servizi socio-assistenziali, sanitari e con tutti gli altri servizi territoriali. Al fine di rendere un servizio sempre più rispondente ai requisiti di funzionalità, efficacia ed efficienza occorre verificare la corrispondenza delle attività proposte, in ordine anche alle professionalità impiegate, con i servizi e le attività previsti dall azione progettuale. Si valuteranno le attività di intervento attraverso una scala di valutazione che comprenderà: 0 (zero) punti se la definizione delle attività programmate non sarà corrispondente con quella progettuale, 3 (tre punti) se esiste una sufficiente corrispondenza e 5 (cinque punti) se esiste una ottimale corrispondenza. Massimo 5 punti. DEFINIZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RISORSE : Il Servizio si rivolge a quei pazienti il cui stato psicopatologico è aggravato da una condizione di solitudine, determinata dall assenza dei familiari o del venir meno delle figure familiari. Si rivolge, soprattutto, a utenti psichiatrici, residenti nei Comuni del Distretto Socio-sanitario D 1, che stanno già seguendo un programma riabilitativo presso le strutture del Dipartimento di Salute Mentale o del privato sociale e che hanno già sperimentato e acquisito un grado di autonomia e di analisi della realtà adeguato, tale da permettere che vengano inseriti in un gruppo. Il Gruppo-Appartamento prevede n. 5 ospiti. L età e il sesso degli utenti deve essere funzionale al Progetto in riferimento agli obiettivi individuati. Il tempo di permanenza per ogni ospite è valutato in base alle sue caratteristiche e ai suoi bisogni. Il Progetto prevede azioni concertate ed integrate tra i Comuni del Distretto Socio-sanitario D 1, l ASP ex Azienda U.S.L. n. 1 di Agrigento, il Terzo Settore e le Associazioni di volontariato interessate alle problematiche della salute mentale. Perché il servizio risulti realmente rispondente alle esigenze dell utenza è necessario che presenti le seguenti caratteristiche: Flessibilità degli interventi; Partecipazione e coinvolgimento di tutti i soggetti che possono, a vario titolo, dare un contributo alla realizzazione del servizio in tutte le fasi previste nel presente progetto; Integrazione tra servizi e strutture esistenti nell ambito del territorio. Si valuterà la corrispondenza sia della struttura organizzativa che delle risorse che si intenderanno impiegare, in ordine alle caratteristiche sopra elencate, nello svolgimento del servizio, attraverso una scala di valutazione che comprenderà: 0 (zero) punti se la qualità e le modalità di impiego delle caratteristiche necessarie alla definizione della struttura organizzativa e delle risorse programmate non saranno adeguati e corrispondenti allo svolgimento del servizio, 2 (due punti) se esiste una sufficiente corrispondenza e 4 (quattro punti) se esiste una ottimale ed adeguatezza corrispondenza. Massimo 4 punti. 5

6 o o COMUNICAZIONE: Purchè un servizio abbia successo deve essere adeguatamente ed ampliamente pubblicizzato per essere, opportunamente, conosciuto e noto all utenza interessata. Tale informazione deve, inoltre, indicare in maniera coerente, chiara ed esaustiva l elencazione e nonché le modalità di accesso e di intervento dei servizi offerti (carta dei servizi). Si valuteranno l adeguatezza e la corrispondenza dei mezzi e degli strumenti di comunicazione necessari ad una efficace e più ampia conoscenza dei servizi offerti attraverso una scala di valutazione che comprenderà: 0 (zero) punti se la qualità e le modalità di pubblicizzazione non saranno adeguati all azione progettuale, 1 ( un punto) se esiste una sufficiente corrispondenza e 2 (due punti) se esiste una ottimale ed adeguata corrispondenza. Massimo 2 punti. CONTROLLO E VALUTAZIONE: Lo studio e la valutazione periodica sull andamento del servizio si rende necessaria al fine di migliorare efficacemente la funzionalità del servizio reso. I risultati di queste verifiche e le eventuali proposte di modifiche ai piani di lavoro verranno trattati in sede di riunione d équipe con gli assistenti sociali comunali, con cadenza almeno bimestrale. Tale metodologia di intervento si avvale di strumenti, tecniche e metodi di rilevazione e misurazione del grado di soddisfazione dell utenza tipici della professione, quali: osservazione diretta, colloqui con l utenza e con gli operatori coinvolti, visite domiciliari, somministrazione di questionari. Si valuteranno l adeguatezza e la corrispondenza degli strumenti di controllo e valutazione necessari a testare scientificamente la qualità dei servizi offerti, la rilevazione dei dati attinenti alla eventuale insoddisfazione sugli interventi programmati e resi all utenza con la eventuale modifica dei piani di lavoro al fine di rendere soddisfacente ed efficace l azione progettuale. Si attribuirà un punteggio in relazione ad una scala di valutazione che comprenderà: 0 (zero) punti se gli strumenti di controllo e valutazione, forniti dall ente concorrente in sede di gara, non saranno ritenuti adeguati alla rivelazione dei dati per una valutazione specifica degli interventi e dei servizi offerti e resi all utenza (grado di soddisfazione), 1 ( un punto) se sono sufficiente adeguati e 2 (due punti) se sono ottimamente adeguati. Massimo 2 punti. Conoscenza approfondita del territorio fino ad un massimo di punti 10, le tre diversi ipotesi di attribuzione dei punteggi non verranno sommati. Si calcola il punteggio di una sola ipotesi e riferito alla conoscenza professionale del territorio per il quale il servizio è stato effettivamente reso dalla società concorrente sia essa in forma singola o/e associata. L attribuzione dei punteggi e meglio specificata nel seguente schema: o servizi espletati nell area di riferimento (disabilità e salute mentale) ed in attività specificatamente correlate agli interventi tecnico-professionali e pertinenti con l oggetto dell appalto, Gruppo- Appartamento (si prenderanno in considerazione anche i servizi svolti nel territorio in comunità alloggio di tipo familiare in favore di disabili psichici) e comunque per servizi svolti negli ultimi 36 mesi. Per quest ultimi si dovrà fare riferimento a servizi espletati nel corso dell ultimo triennio e che abbiano avuto un regolare svolgimento non inferiori a sei mesi continuativi. Se la sede operativa e/o legale del servizio svolto fa riferimento ad un unico Comune del Distretto socio - sanitario D.l si attribuiranno punti 2 (due); o servizi espletati nell area di riferimento (disabilità e salute mentale) ed in attività specificatamente correlate agli interventi tecnico-professionali e pertinenti con l oggetto dell appalto, Gruppo- Appartamento (si prenderanno in considerazione anche i servizi svolti nel territorio in comunità alloggio di tipo familiare in favore di disabili psichici) e comunque per servizi svolti negli ultimi 36 mesi. Per quest ultimi si dovrà fare riferimento a servizi espletati nel corso dell ultimo triennio e che abbiano avuto un regolare svolgimento non inferiori a sei mesi continuativi. Se la sede operativa e/o legale del servizio svolto fa riferimento ad almeno 3 Comuni del Distretto socio - sanitario D.l si attribuiranno punti 6 (sei punti) per un punteggio massimo di 6 punti; o servizi espletati nell area di riferimento (disabilità e salute mentale) ed in attività specificatamente correlate agli interventi tecnico-professionali e pertinenti con l oggetto dell appalto, Gruppo- Appartamento (si prenderanno in considerazione anche i servizi svolti nel territorio in comunità alloggio di tipo familiare in favore di disabili psichici) e comunque per servizi svolti negli ultimi 36 mesi. Per quest ultimi si dovrà fare riferimento a servizi espletati nel corso dell ultimo triennio e che abbiano avuto un regolare svolgimento non inferiori a sei mesi continuativi. Se la sede operativa e/o legale del servizio svolto fa riferimento a più di tre (cioè dal quarto in poi) Comuni del Distretto socio - sanitario D.l si attribuirà un punteggio pari a punti 10 (dieci). Per quanto sopra, e per la relativa attribuzione dei punteggi, si provvederà alla valutazione dei servizi previa esibizione di idonea documentazione comprovante, altresì, dalle certificazioni presentate che vi sia l attestazione di regolare e perfetta esecuzione dei servizi di riferimento; 6

7 Rete territoriale efficace, in un ottica di pieno coinvolgimento del Terzo settore presenti nel territorio, relativa all'espletamento del servizio oggetto della gara, con altri soggetti del Terzo settore di varia natura giuridica con sede operativa nei comuni del Distretto Socio Sanitario D. 1, comprovata da protocolli di intesa, accordi di programma, progetti integrati in corso di realizzazione tra le parti con la chiara esplicitazione dei compiti aggiuntivi, eventuali ed ulteriori, di ogni soggetto sottoscrittore. Massimo punti 5 così ripartiti: a) rete territoriale con soggetti pubblici e privati di varia natura giuridica con sede operativa e/o legale in un unico Comune o/e in diversi Comuni del Distretto D1 e che comunque ricoprano una rete territoriale al di sotto del 30% dell intero territorio del Distretto socio - sanitario D.l punti 1 (uno); b) rete territoriale con soggetti pubblici e privati di varia natura giuridica con sede operativa e/o legale in diversi Comuni del Distretto D1 e che comunque ricoprano una rete territoriale superiore al 30% ed inferiore al 70% dell intero territorio del Distretto socio - sanitario D.l punti 3 (tre); c) rete territoriale con soggetti pubblici e privati di varia natura giuridica con sede operativa e/o legale in diversi Comuni del Distretto D1 e che comunque ricoprano una rete territoriale superiore al 70% dell intero territorio del Distretto socio - sanitario D.l punti 5 (cinque); B. QUALITÀ' ORGANIZZATIVA Alla qualità organizzativa verrà assegnato un punteggio massimo complessivo di 25 punti sulla base dei seguenti parametri: Operatori professionali socio assistenziali e sanitari: sarà valutato il personale impiegato nel servizio previsto dal progetto e quello da, eventualmente, mettere a disposizione per una migliore qualificazione dello stesso (massimo 12 unità) con esperienza lavorativa nello specifico settore per almeno un anno. La prestazione lavorativa dovrà essere stata svolta presso Enti pubblici e/o Enti del Terzo settore e dovrà essere autocertificata dallo stesso operatore, a pena di esclusione, con curriculum vitae in ottemperanza delle disposizioni normative vigenti e comunque ai sensi del D.P.R. 445/00. Non sarà valutata attività non remunerata. Sarà attribuito un punteggio pari a 0,50 per ogni operatore professionale fino ad un massimo di punti 6 (sei) dotazione di attrezzature, mezzi e strumenti adeguati rispetto agli obiettivi progettuali ed alle prestazioni aggiuntive a carattere innovativo. Si attribuirà un punteggio in relazione ad una scala di valutazione che comprenderà: 0 (zero) punti se la qualità e le modalità di impiego delle dotazioni di attrezzature, mezzi e strumenti messi a disposizione dall ente aggiudicatario non saranno adeguati e rispondenti alle finalità ed agli obiettivi progettuali previsti per lo svolgimento del servizio, 0,5 (mezzo punto) se esiste una sufficiente corrispondenza ed 1 (un punto) se esiste una ottimale ed adeguata corrispondenza. Pertanto si attribuirà massimo un punto per ogni attrezzatura, mezzo o/e strumento offerto dall ente per l esecuzione degli interventi progettuali e comunque fino ad un Massimo di 9 punti. controllo e verifica del personale oltre la figura del coordinatore, presenza di figure di responsabili delle attività, con esperienza almeno biennale nello specifico settore di intervento, fino ad un massimo di punti 3 (punti 1,50 per ogni responsabile); modalità di partecipazione coinvolgimento dei destinatari diretti e indiretti, accessibilità del servizio, orari, tempi, ecc. Si attribuirà un punteggio in relazione ad una scala di valutazione che comprenderà: 0 (zero) punti se la qualità e le modalità di partecipazione o/e coinvolgimento dei destinatari indicati dall ente aggiudicatario non saranno adeguati e rispondenti alle finalità ed agli obiettivi progettuali previsti per lo svolgimento del servizio, 0,5 (mezzo punto) se esiste una sufficiente corrispondenza ed 1 (un punto) se esiste una ottimale ed adeguata corrispondenza. Pertanto si attribuirà massimo un punto per ogni modalità di partecipazione o/e coinvolgimento dei destinatari e comunque fino ad un Massimo di 4 punti. possesso di certificazioni di qualità, relative ai Soggetti partecipanti (certificazione ISO 9001:2000) e con la dicitura recante lo svolgimento dei servizi che sono oggetto di appalto. Punti 3; Il punteggio sarà assegnato dalla Commissione esaminatrice sulla base delle dichiarazioni e dei certificati di servizio presentati. 7

8 C. ESPERIENZA Alla esperienza verrà assegnato un punteggio massimo complessivo di 15 punti sulla base dei seguenti parametri: precedenti servizi svolti nello specifico settore della residenzialità assistita ed in attività specificatamente correlate agli interventi tecnico-professionali e pertinenti con l oggetto dell appalto (area disabilità e salute mentale), espletati dalla ditta concorrente e regolarmente attuati, con affidamento da parte di Enti Pubblici e con l'impiego delle figure professionali indicate all'art. 5 del presente capitolato: punti 0,20 per ogni mese di servizio effettivamente espletato in riferimento al servizio oggetto d appalto (gruppo-appartamento per disabili psichici) dalla ditta concorrente e regolarmente attuato, fino a un massimo di 12 punti. punti 0,05 per ogni mese di servizio effettivamente espletato, in riferimento a servizi inerenti l area disabilità e salute mentale ed alternativi o/e complementari al servizio oggetto d appalto, dalla ditta concorrente e regolarmente attuati in altri settori di intervento e riferiti, comunque, ad attività in favore degli anziani, fino a un massimo di 3 punti. In caso di raggruppamento si valuteranno i servizi svolti da tutti i componenti. Non si sommano i servizi prestati da diversi enti nella stessa ATI e/o ATS. In caso di consorzio l'esperienza sarà conteggiata facendo riferimento ai servizi per i quali lo stesso risulti intestatario di un contratto oppure facendo riferimento all'esperienza del possibile gestore, qualora indicato nell'offerta. Il punteggio sarà assegnato dalla Commissione esaminatrice sulla base delle copie delle convenzioni stipulate che saranno presentate dai soggetti partecipanti. D. PROPOSTA MIGLIORATIVA Capacità di apportare valore aggiuntivo e migliorativo al progetto di gestione, senza alcun onere per l'ente appaltante fino ad un massimo di punti 15, sulla base dei seguenti parametri: numero di operatori qualificati nell'attività che si intende svolgere e che l'ente aggiudicatario utilizzerà in più rispetto a quelli previsti dal progetto, senza alcun onere aggiuntivo da parte della amministrazione distrettuale (stazione appaltante), e specificando la natura e tipologia della prestazione professionale che deve essere coerente con gli obiettivi e le finalità progettuali. Si dovranno, altresì, indicare i tempi e le modalità di utilizzo del personale aggiuntivo nonché la natura del rapporto lavoro e la fonte di finanziamento. Fino a punti 3 (0,50 punti per operatore) ; numero ore lavorative mensili in più, senza alcun onere aggiuntivo da parte della amministrazione distrettuale (stazione appaltante), da erogare con periodicità settimanale rispetto alle ore previste dal progetto. Si dovrà, altresì, indicare sia la natura del rapporto lavoro che la fonte di finanziamento Si attribuirà un punteggio pari a 0,50 per ciascuna ora lavorativa erogata nella settimana e da assicurare per l intero periodo di espletamento del servizio. Fino ad un massimo di punti 3; prestazioni a carattere innovativo, senza alcun onere aggiuntivo da parte della amministrazione distrettuale (stazione appaltante), a quelle oggetto del presente servizio. Verranno valutate le attività aggiuntive e migliorative, specificatamente a carattere innovativo, nonché pertinenti rispetto alle attività di base previste nella proposta progettuale. Per la descrizione delle superiori prestazioni si dovrà utilizzare lo schema tipo consigliato per la presentazione della proposta progettuale (formulario), compilato in ogni sua parte ed attenzionando, particolarmente, le metodologie di impiego delle risorse umane e strumentali siano essi integrative che aggiuntive e migliorative rispetto alle risorse progettuali di base previste nel CSA, nonché l eventuale budget di spesa aggiuntivo, e senza alcun onere per l amministrazione, relativo sia per l esecuzione delle prestazioni innovative che ai costi relativi alla stipula di possibili partenariati con enti terzi (pubblici e privati) e del mondo dell associazionismo e del volontariato (rimborso spese), indicandone, per ognuna, la relativa fonte di finanziamento. Si attribuirà un punteggio in relazione ad una scala di valutazione che comprenderà: 0 (zero) punti se la prestazione a carattere innovativo offerta dall ente aggiudicatario non sarà adeguata e rispondente alle finalità ed agli obiettivi progettuali previsti per lo svolgimento del servizio, 1 (un punto) se esiste una sufficiente corrispondenza ed 3 (tre punti) se esiste una ottimale ed adeguata corrispondenza. Fino ad un massimo di punti 9 ( punti 3 per ogni attività o/e prestazione innovativa). 8

9 E. OFFERTA ECONOMICA All'offerta economica verrà assegnato un punteggio massimo complessivo di 10 punti sulla base dei seguenti parametri: Offerta al ribasso per lo svolgimento del servizio, fino ad un massimo di 10 punti. Per la valutazione dell offerta economica si procederà attribuendo il massimo punteggio alla ditta che avrà presentato il prezzo più basso. Il punteggio per le altre imprese verrà valutato in modo inversamente proporzionale rispetto al prezzo migliore secondo la seguente formula: punteggio = miglior prezzo x 10 /prezzo offerto I costi di gestione comprendono le spese legate principalmente a quegli elementi che consentono all ente gestore di effettuare l erogazione di un servizio attraverso interventi ed attività rispondenti a modelli organizzativi e funzionali efficaci ed efficienti. L attribuzione di significato a tali oneri può essere così sintetizzata: o Spese amministrative o Materiale cancelleria o Materiale ed ausili per supportare l attività degli operatori professionali La valutazione dell'aspetto economico sarà riferita esclusivamente agli oneri di carattere generale e gestionale (compresa IVA) previsti nel progetto e riferiti specificatamente alle voci di spese generali e di costi di gestione, entrambi saranno posti a base di gara. Si ribadisce che il ribasso offerto dall Ente interessato dovrà essere effettuato sulla somma di ,27=IVA compresa costituita dall intero importo relativo agli oneri di carattere generale ed organizzativo della II^ e III^ annualità I costi del personale, in quanto oneri incomprimibili, dovranno essere conformi al vigente C.C.N.L. e secondo le tabelle contenute nel quadro economico-preventivo di spesa. Scheda sintetica di attribuzione dei punteggi A-PROPOSTA PROGETTUALE Max Valutazioni parziali- TOTALE PUNTI ASSEGNATI Coerenza, adeguatezza e corrispondenza Conoscenza del territorio Rete territoriale B-QUALITÀ' ORGANIZZATIVA - /20 - /10 -/5 Max Valutazioni parziali 35 TOTALE PUNTI ASSEGNATI Operatori con esperienza -/6 Strutture, attrezzature e mezzi -/9 Controllo, verifica e coordinamento -/3 Modalità di partecipazione -/4 Certificazione ISO -/3 25 C. ESPERIENZA Max Valutazioni parziali TOTALE PUNTI ASSEGNATI 9

10 Stesso settore d intervento Altri settori d intervento D. PROPOSTA MIGLIORATIVA Operatori aggiuntivi -/12 -/3 Max Valutazioni parziali -/ TOTALE PUNTI ASSEGNATI Numero ore aggiuntive -/3 Prestazioni innovative -/9 15 E. OFFFERTA ECONOMICA Max Valutazioni parziali -/10 TOTALE PUNTI ASSEGNATI 10 totale valutazione punti attribuibili lett. a-b-c-d-e 100/100 Art. 11 DOVERI DEGLI OPERATORI DELL'AGGIUDICATARIA Gli operatori della ditta aggiudicataria nello svolgimento dei loro interventi sono tenuti a compilare un diario di bordo settimanale, che la ditta aggiudicataria consegnerà a scadenze mensili, in cui saranno registrati tempi e modalità operative e segnalate le situazioni che di volta in volta si possono ritenere significative. Una relazione, di regola trimestrale, dovrà inoltre documentare gli interventi effettuati, l'andamento complessivo del progetto programmato, le proposte di modifica e le osservazioni ritenute importanti e significative per verifiche e aggiornamenti. Sulla base dell'esperienza acquisita il Gruppo Piano definirà gli strumenti relativi al diario di bordo e allo schema di relazione periodica che la ditta aggiudicataria si impegna a compilare. Gli operatori dell'aggiudicataria dovranno effettuare le prestazioni di propria competenza con diligenza e riservatezza, seguendo il principio della collaborazione con ogni altro operatore, uffici e strutture operative con cui vengono a contatto per ragioni di servizio. Essi dovranno altresì tenere una condotta personale irreprensibile nei confronti degli utenti. Il personale dipendente della ditta Aggiudicataria dovrà mantenere il segreto su fatti e circostanze riguardanti il servizio e delle quali abbia avuto notizie durante l'espletamento o comunque in funzione dello stesso, restando quindi vincolati al segreto professionale ai sensi dell'art. 622 del Codice Penale. Art.12 VERIFICHE E CONTROLLI L Ufficio di Piano controlla e coordina gli obiettivi dell'intervento, mantiene i contatti con i coordinatori referenti dell'aggiudicataria per la progettazione e il monitoraggio generale. Compete all Ufficio di Piano la verifica, monitoraggio e la valutazione dei singoli progetti esecutivi di cui agli articoli precedenti. L Ufficio Piano sulla scorta del monitoraggio e delle verifiche effettuate, potrà rimodulare l azione anche in collaborazione con l aggiudicatario. 10

11 Il personale dell Ufficio di Piano preposto al servizio, o altro personale all'uopo designato, ha facoltà di svolgere, senza preavviso, accertamenti e verifiche sull'attività svolta dagli operatori dell'aggiudicataria. Tutte le contestazioni di inadempienze fatte in contraddittorio con il già predetto incaricato avranno lo stesso valore come se fossero fatte direttamente alla ditta. Art. 13 OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA La ditta aggiudicataria si obbliga a stipulare, idonee assicurazioni al fine di coprire i rischi da infortuni nonché una polizza RC per danni provocati a terzi durante l'esercizio delle prestazioni oggetto della presente convenzione. La ditta si impegna inoltre a : 1. osservare tutte le disposizioni di legge sulla prevenzione degli infortuni degli operatori impiegati nell'esercizio dei lavori in argomento, nonché sul divieto di intermediazione e interposizione delle prestazioni di lavoro e libera sin d'ora il Comune da qualsiasi responsabilità derivante da eventuali infortuni sul lavoro e/o ogni altro danno che potesse derivare dall'espletamento dei servizi in appalto; 2. utilizzare, per l'erogazione del servizio di cui al presente appalto, personale retribuito in base ai contratti di lavoro del settore di riferimento ed assicurato ai fini previdenziali ed assistenziali, nonché in regola con le disposizioni sanitarie in materia; 3. presentare trimestralmente copia del mod. DM 10 relativo al versamento all'inps dei contributi per il personale impiegato con l'attestazione da cui risulti la presenza degli operatori adibiti al servizio; 4. osservare, oltre al presente capitolato, la norme in vigore o emanate in corso d'opera che disciplinano i contratti di servizio, la prevenzione e l'infortunistica, i contratti di lavoro, le assicurazioni sociali, le norme sanitarie, nonché le leggi antinquinamento e le norme di sicurezza sul lavoro e ogni altra disposizione normativa applicabile al servizio oggetto di appalto. 5. riorganizzare il servizio sulla base della rimodulazione e/o rilievi comunicati dal Coordinatore del distretto socio sanitario. Art. 14 PENALITÀ Nei casi in cui l'aggiudicataria non ottemperasse pienamente agli obblighi previsti dal presente appalto, ovvero si riscontrassero deficienze nel servizio e la stessa non dovesse intervenire tempestivamente con provvedimenti atti a rimuovere le medesime, il Comune si rivarrà prioritariamente sul credito maturato dalla stessa a titolo di corrispettivo e, nel caso di insufficienza dell'importo di credito, avrà diritto di rivalersi sulla cauzione la quale dovrà essere reintegrata entro e non oltre quindici giorni dalla richiesta. Tutte le eventuali inadempienze riscontrate devono essere contestate dal Comune alla ditta. L'Aggiudicataria potrà, se ritiene, controdedurre. In esito alla procedura sopraindicata potrà essere applicata dal Comune, in base alla gravità del fatto, una sanzione di 250,00, elevabile anche a 1.000,00 per i casi di maggiore rilevanza, fatto salvo il diritto al risarcimento dell'eventuale maggior danno. Si considerano gravi inadempienze, che comporteranno l'applicazione della succitata sanzione, tra le altre, le seguenti: assenza di uno o più operatori addetti; sospensione dei servizi senza la prescritta autorizzazione da parte dell'ufficio di Piano; mancata attivazione del servizio entro il termine fissato dal Coordinatore del Distretto; mancato rispetto degli orari dei servizi. Art. 15 RECESSO Dopo l'applicazione di tre penali, in caso si verifichino ulteriori inadempimenti l'amministrazione Comunale si riserva la facoltà di procedere alla risoluzione del contratto di appalto ai sensi dell'art del Codice Civile, fatta salva 11

12 comunicazione scritta con 20 giorni di anticipo all'aggiudicatario a mezzo di raccomandata AR, e di aggiudicare l'appalto alla seconda in graduatoria. Art. 16 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Le insufficienze, le inadempienze, la violazione totale o parziale delle condizioni e degli obblighi scaturenti dal presente appalto, saranno causa di risoluzione automatica del contratto e l Ufficio di Piano potrà assumere immediatamente l'esercizio diretto del servizio di cui trattasi, ovvero affidarne la prosecuzione ad altri, salvo il risarcimento del danno patito. Saranno in particolare causa di risoluzione automatica del contratto: l'intervenuta sostituzione degli operatori con altri non in possesso dei requisiti professionali prescritti; la mancata osservanza del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro di riferimento o il mancato versamento dei contributi previdenziali e assicurativi di legge; il mancato espletamento del servizio per più di due giorni senza preventiva comunicazione scritta al Distretto e per conoscenza all ufficio dei servizi sociali del Comune di erogazione del servizio. È vietata ogni forma di subappalto. Ove ciò avvenisse il Comune procederà all'immediata risoluzione del presente appalto, con incameramento della cauzione prestata, fatto salvo il risarcimento del danno arrecato. Art. 17 DEPOSITO CAUZIONALE A garanzia della regolare esecuzione del servizio, la ditta aggiudicataria costituisce cauzione per un valore pari al 10% dell importo di aggiudicazione dell appalto ai sensi e per gli effetti di cui all art. 113 del Codice degli Appalti. La cauzione dovrà essere prestata mediante fidejussione bancaria o assicurativa valida per almeno un trimestre oltre la durata del servizio. La cauzione rimarrà vincolata sino alla avvenuta certificazione della regolare esecuzione da parte del Responsabile referente del progetto e della liberatoria INPS ed INAIL di avere adempiuto agli obblighi nascenti dall appalto in materia di prestazioni contributive. In caso di riduzione della cauzione per incameramento parziale, la medesima andrà ricostituita nell ammontare iniziale entro 15 giorni dal verificarsi della riduzione. Art. 18 RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI LAVORO L aggiudicatario si impegna a rispettare, nel proprio rapporto con il personale impiegato nell'esecuzione del servizio, ogni norma, disposizione e obbligo sancito dai Contratti Collettivi di Lavoro e dagli accordi integrativi degli stessi per la categoria di appartenenza, nonché ogni norma prevista dalla legislazione comunitaria, nazionale o regionale vigente in materia. Art. 19 RISPETTO DI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (DLGS. 626/94) L'aggiudicatario deve impegnarsi ad assicurare il rispetto delle disposizioni in materia di prevenzione e protezione dai rischi nei confronti dei lavoratori e degli operatori incaricati per lo svolgimento dei servizi oggetto del presente appalto, previste dal D.Lgs. 626/94 e ss.mm.ii., avendo riferimento alla natura ed ai contenuti dei servizi in questione. Del rispetto di tali disposizioni va data specifica comunicazione per iscritto all'ente committente da far pervenire entro 30 giorni dalla data di aggiudicazione. Art. 20 RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRIVACY L'aggiudicatario è tenuta all'osservanza del Dlgs. n. 196/2003 ( ex legge675/96 ) e successive modificazioni ed integrazioni, indicando specificamente il responsabile della privacy. L'aggiudicatario deve impegnarsi a mantenere la riservatezza, nel rispetto delle disposizioni di legge, sui dati personali dell'utente messi a disposizione dall'amministrazione ovvero raccolti direttamente, per la migliore organizzazione dei servizi, su autorizzazione dell'ente, e secondo le modalità di legge. 12

13 E' fatto espresso divieto di utilizzare questi dati al di là delle finalità e per i servizi oggetto del presente appalto, fatto salvo specifica autorizzazione da parte dell'ente committente e per le finalità ammesse dalla legge. Art. 21 FORO COMPETENTE Per ogni controversia in ordine all applicazione del presente capitolato è competente il foro di Agrigento. Art.. 22 RINVIO Per quanto non specificamente disciplinato dal presente capitolato, si rinvia a quanto previsto dalla vigente normativa in materia e dal Codice Civile. Art. 23 SPESE Tutte le spese inerenti e conseguenti al presente appalto sono a carico della ditta Aggiudicataria. 13

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona Comitini Favara Ioppolo Giancaxio - Porto Empedocle Raffadali Realmonte - Santa Elisabetta Sant Angelo Muxaro Siculiana - Tel.-0922 590819

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona Comitini Favara Ioppolo Giancaxio - Porto Empedocle Raffadali Realmonte - Santa Elisabetta Sant Angelo Muxaro Siculiana - Via Pancamo, 4 92100

Dettagli

LABORATORIO TEMATICO: 2/2 SALUTE MENTALE

LABORATORIO TEMATICO: 2/2 SALUTE MENTALE AREA: DISABILITA E SALUTE MENTALE LABORATORIO TEMATICO: 2/2 SALUTE MENTALE TITOLO AZIONE GRUPPO-APPARTAMENTO Si tratta di LIVEAS (par. 8.2.2 lettera g delle Linee Guida) OBIETTIVI Scopi e tipologia del

Dettagli

COMUNE DI AGRIGENTO. la nostra civiltà contro il pizzo e l usura. Settore III - Servizi Socio-assistenziali CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI AGRIGENTO. la nostra civiltà contro il pizzo e l usura. Settore III - Servizi Socio-assistenziali CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI AGRIGENTO Settore III - Servizi Socio-assistenziali la nostra civiltà contro il pizzo e l usura CAPITOLATO D ONERI Relativo all affidamento del servizio di assistenza igienico-personale ai soggetti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento alla Società

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO PROVINCIA DI LECCE

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO PROVINCIA DI LECCE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO PROVINCIA DI LECCE Tel.: 0833 502428-0833 514227 Fax: 0833 514227 Internet: www.confinesociale.it

Dettagli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli Settore V^ Affari Sociali Culturali Educativi Sport Impianti Sportivi ART. 1 DISCIPLINA APPALTO

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli Settore V^ Affari Sociali Culturali Educativi Sport Impianti Sportivi ART. 1 DISCIPLINA APPALTO Allegato 2 COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli Settore V^ Affari Sociali Culturali Educativi Sport Impianti Sportivi CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI

Dettagli

CITTA DI MONREALE Provincia di Palermo

CITTA DI MONREALE Provincia di Palermo CITTA DI MONREALE Provincia di Palermo CAPITOLATO SPECIALE AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL MODELLO PROGETTUALE HOME CARE PREMIUM 2012 ART. 1 - Oggetto dell appalto - Il presente Capitolato ha per oggetto

Dettagli

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (d ora in avanti: SAD)

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Il Comune di Vergiate ha necessità di integrare il Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani e Disabili

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari

COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E AIUTO ALLA PERSONA IN FAVORE DI ANZIANI E DISABILI ART 1 OGGETTO DEL CAPITOLATO

Dettagli

C O M U N E D I L U Z Z I 87040 ( Provincia di Cosenza)

C O M U N E D I L U Z Z I 87040 ( Provincia di Cosenza) C O M U N E D I L U Z Z I 87040 ( Provincia di Cosenza) Via S. Giuseppe Tel. 0984/549030 - Fax 0984/549239 CAPITOLATO SPECIALE d appalto servizio trasporto sociale per anziani non autosufficienti e soggetti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE.

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. Art. l - PRINCIPI GENERALI Il presente capitolato ha per oggetto la gestione del servizio

Dettagli

2. CONTENUTI DEL PROGETTO

2. CONTENUTI DEL PROGETTO Capitolato d'oneri e Disciplinare di Gara relativi all appalto per l assegnazione della progettazione e realizzazione della manifestazione Modena Terra di Motori Art.1. Oggetto La gara ha per oggetto la

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani

SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani Municipio Roma XIV Monte Mario U.O. Servizi Sociali ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani Art. 1 Oggetto dell

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE NUMERO DUE MAGLIE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE NUMERO DUE MAGLIE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE NUMERO DUE MAGLIE REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI Approvato con delibera del Coordinamento Istituzionale

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010.

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010. CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010. ART. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto la

Dettagli

SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE

SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE Allegato alla determinazione dirigenziale n.6 del 25-08-2014 SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA

Dettagli

AMBITO ZONA DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A

AMBITO ZONA DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A AMBITO ZONA DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E DI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO C.A.P. 09086 Tel. 0783/64023 64256 FAX 0783/64697 E.mail Comsam@Tiscali.it SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE C.I.G. 6445256980 CAPITOLATO DESCRITTIVO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE ANZIANE, PORTATORI DI HANDICAP E NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE DA REALIZZARSI NELL AMBITO DEL PIANO DI ZONA S10

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE DA REALIZZARSI NELL AMBITO DEL PIANO DI ZONA S10 CAPITOLATO SPECIALE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE DA REALIZZARSI NELL AMBITO DEL PIANO DI ZONA S10 Art. 1 Oggetto Il presente Capitolato disciplina l affidamento del SERVIZIO DI TRASPORTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il Comune di Bari, nell esercizio delle sue funzioni, provvede alla gestione dei servizi sociali, qualificati

Dettagli

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società, sede in ( ), per l affidamento del servizio di ritiro trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi e

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVO-ASSISTENZIALI PER PERSONE CON HANDICAP, MINORI ED ANZIANI. Cat. 25 numero rif.

CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVO-ASSISTENZIALI PER PERSONE CON HANDICAP, MINORI ED ANZIANI. Cat. 25 numero rif. Comune di Morlupo Provincia di Roma Ufficio Segreteria Via Domenico Benedetti, 1 Morlupo (RM) 00067 Tel. 06 901951 Fax 06 90195353 Internet : www.comune.morlupo.roma.it e-mail : info@comune.morlupo.roma.it

Dettagli

Comune di Diano Marina Provincia di Imperia

Comune di Diano Marina Provincia di Imperia Comune di Diano Marina Provincia di Imperia II SETTORE SERVIZI AL CITTADINO - Ufficio Servizi Sociali DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 Modalità d offerta e documentazione. Ogni Ditta, Cooperativa o Associazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di assistenza domiciliare a favore degli

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO

COMUNE DI MONTIGNOSO COMUNE DI MONTIGNOSO SERVIZIO BIENNALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO DI GARA CIG Art. 1 FINALITA DEL SERVIZIO Il presente servizio ha per oggetto l affidamento, mediante gara a procedura aperta

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO DISABILI

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO DISABILI CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO DISABILI ART. 1 MODALITA DI SVOLGIMENTO L'intervento, dovrà essere realizzato attraverso l'espletamento della seguente attività: - Servizio

Dettagli

C O M U N E D I A S S E M I N I Provincia di Cagliari Area Amministrazione e Finanze CAPITOLATO D APPALTO

C O M U N E D I A S S E M I N I Provincia di Cagliari Area Amministrazione e Finanze CAPITOLATO D APPALTO Allegato B C O M U N E D I A S S E M I N I Provincia di Cagliari Area Amministrazione e Finanze CAPITOLATO D APPALTO Gestione dei servizi del Sistema Bibliotecario Bibliomedia Art 1 Oggetto e durata dell

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PIANI INDIVIDUALIZZATI DISABILI GRAVI Art.1 Oggetto del Capitolato La disgregazione e frammentazione territoriale,

Dettagli

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DISTRETTUALE PER SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CAPITOLATO TECNICO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI "VERIFICA DELLE SCHEDE TRIMESTRALI DI SPESA PRESENTATE DAGLI ENTI GESTORI DELLE ATTIVITÀ COFINAZIATE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per l INSERIMENTO LAVORATIVO PER EX TOSSICODIPENDENTI (Borse Lavoro)

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per l INSERIMENTO LAVORATIVO PER EX TOSSICODIPENDENTI (Borse Lavoro) per l INSERIMENTO LAVORATIVO PER EX TOSSICODIPENDENTI (Borse Lavoro) 1 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art. 2 Obiettivi del servizio Art. 3 - Utenza del servizio Art 4 - Durata dell appalto Art. 5 -

Dettagli

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI C I T T À D I E R I C E PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI Sub B Settore VIII Politiche Sociali e Politiche Giovanili SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO MEDIANTE AUTOMEZZI AFDEGUATI, DI SOGGETTI

Dettagli

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 DURATA DEL SERVIZIO

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 DURATA DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (ADE) IN FAVORE DI MINORI IN CONDIZIONI DI DISAGIO RESIDENTI NEI COMUNI DI BITRITTO, MODUGNO E BITETTO Art. 1 OGGETTO 1)

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) AMBITO TERRITORIALE A6 ISTITUZIONE SOCIALE BAIANESE VALLO di LAURO Organismo di gestione del Piano di zona sociale L.n. 328/00 Prot. n. 2576 del

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

Consiglio Regionale del Piemonte

Consiglio Regionale del Piemonte ALLEGATO N. 02 Consiglio Regionale del Piemonte CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER L ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI VIA PIFFETTI, 49 10143 TORINO. Periodo:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI RESIDENTI NEL COMUNE DI ROCCAMENA.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI RESIDENTI NEL COMUNE DI ROCCAMENA. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI RESIDENTI NEL COMUNE DI ROCCAMENA. Art. 1 Oggetto del Capitolato Il presente Capitolato, nell ambito dei principi

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale N. 62 del 02/04/2009

Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale N. 62 del 02/04/2009 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE Approvato

Dettagli

A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A

A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A comprendente i Comuni di Galatina, Aradeo, Cutrofiano, Neviano, Sogliano C. e Soleto PROVINCIA DI LECCE CAPITOLATO SPECIALE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI

REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARTANO PIANO SOCIALE DI ZONA 2010-2012 REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI Approvato dal Coordinamento

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

COMUNE DI COMISO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI COMISO AVVISO PUBBLICO COMUNE DI COMISO Area 2 Affari Generali, Politiche Sociali e della Famiglia AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO COLLABORATORE, IN QUALITA DI PARTNER DEL COMUNE DI COMISO, PER LA CO-PROGETTAZIONE,

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna AVVISO DI GARA AD ASTA PUBBLICA Questa Amministrazione indice per il giorno 28/11/2005 alle ore 9,30, presso la Sala delle riunioni 1 piano del Municipio,

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 41 in data: 02.10.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AFFIDAMENTO A DITTA SPECIALIZZATA DEL SERVIZIO DI

Dettagli

BANDO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA RIABILITATIVA A DOMICILIO

BANDO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA RIABILITATIVA A DOMICILIO Allegato alla deliberazione n. 365 del 27 marzo 2014 BANDO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA RIABILITATIVA A DOMICILIO SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 8 (d ora in poi Azienda

Dettagli

COMUNE DI CARRARA GESTIONE DELLO SPORTELLO CENTRO DI ASCOLTO DONNA CHIAMA DONNA

COMUNE DI CARRARA GESTIONE DELLO SPORTELLO CENTRO DI ASCOLTO DONNA CHIAMA DONNA COMUNE DI CARRARA GESTIONE DELLO SPORTELLO CENTRO DI ASCOLTO DONNA CHIAMA DONNA In attuazione degli indirizzi di programmazione degli interventi relativi alle politiche giovanili da parte dell Assessorato

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO SPAZIO FAMIGLIA BUBU SETTETE

CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO SPAZIO FAMIGLIA BUBU SETTETE CAPITOLATO DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO SPAZIO FAMIGLIA BUBU SETTETE periodo: NOVEMBRE 2014/MAGGIO 2015 e NOVEMBRE 2015/ MAGGIO 2016 (CIG n. ZF6110FF72) 1 1. Oggetto dell appalto

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano UFFICIO DI SERVIZIO SOCIALE Capitolato d'appalto per l affidamento del servizio di Assistenza domiciliare CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE.

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. BOLLO BOLLO Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. SOMMARIO 1 OGGETTO...4 2 DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55 ALLEGATO B latafimi Castellammare del Golfo Alcamo Calatafimi Segesta A.S.P. N. 9 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55 COMUNE DI ALCAMO CALATAFIMI SEGESTA CASTELLAMMARE DEL GOLFO A.S.P. N. 9 DISTRETTO SANITARIO

Dettagli

REGISTRO DISTRETTUALE DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI E DEGLI EDUCATORI DOMICILIARI

REGISTRO DISTRETTUALE DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI E DEGLI EDUCATORI DOMICILIARI DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona Comitini Favara Ioppolo Giancaxio - Porto Empedocle Raffadali Realmonte - Santa Elisabetta Sant Angelo Muxaro Siculiana Gestione ex Inpdap

Dettagli

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092)

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092) MORROVALLE SERVIZI S.R.L. APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092) Art. 20 Allegato IIB D.lgs. n 163/2006

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A

C I T T A D I T A O R M I N A C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale Oggetto: CONTRATTO PER I SERVIZI DI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE L anno duemila il giorno

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO INCARICO DI ESPLETAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL PERSONALE E DEI COLLABORATORI PER IL PERIODO 1/1/2012-31/12/2013 CIG Z990278489 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 -

Dettagli

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO AFFIDAMENTO Servizio di somministrazione lavoro temporaneo Capitolato prestazionale - Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA UFFICIO ASSISTENZA SCOLASTICA U.O. Affari Generali

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA UFFICIO ASSISTENZA SCOLASTICA U.O. Affari Generali COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA UFFICIO ASSISTENZA SCOLASTICA U.O. Affari Generali CAPITOLATO D ONERI Il presente documento disciplina le modalità per la predisposizione dell offerta. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Servizio Programmazione, Gestione, Monitoraggio e Controllo della Formazione BANDO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI CORSI

Dettagli

Art. 10 Compiti del Comune

Art. 10 Compiti del Comune CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA MATERIALE DIVERSAMENTE ABILI: PERIODO DAL 15.06.2012-31.12.2012 (Assistenza domiciliare) PERIODO DAL 01.10.2012 31.12.2012 (Assistenza

Dettagli

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Servizio Provveditorato TEL.0823/445189 - FAX 0823/279581 AVVISO DI GARA CIG: LOTTO N. 1 CIG 5758272460 LOTTO N. 2 CIG 57582870C2 Questa ASL di Caserta indice procedura

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute AVVISO PUBBLICO

Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO Criteri e modalità per la selezione di organismi esterni all Amministrazione Comunale, impegnati nello specifico settore, cui si intende affidare la realizzazione di un progetto volto a

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

ART. 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ART. 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO CAPITOLATO D ONERI REGOLANTE L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 OGGETTO DURATA DELL APPALTO Oggetto dell appalto è l affidamento del servizio di

Dettagli

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILARE ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI CODICE CIG: 3717935903 CODICE GARA: 3715959

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILARE ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI CODICE CIG: 3717935903 CODICE GARA: 3715959 Comune di Bareggio Provincia di Milano Settore Famiglia e Solidarietà Sociale APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILARE ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI CODICE CIG: 3717935903 CODICE

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel. 0831-955400 Fax 0831-955429 Allegato determina n.101 /SS-2015 CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Oggetto: Affidamento del servizio di ritiro e recapito diretto della corrispondenza comunale nell ambito del Comune. FOGLIO PATTI E CONDIZIONI Art. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L'appalto ha per oggetto: -il

Dettagli

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI 1) STAZIONE APPALTANTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE-PIAZZA

Dettagli

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento, da parte della Bari Multiservizi S.p.a. (in seguito, per semplicità, denominata società),

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

Casarano Collepasso Matino Parabita Ruffano Supersano Taurisano Provincia di Lecce

Casarano Collepasso Matino Parabita Ruffano Supersano Taurisano Provincia di Lecce Piano di Zona Ambito n. 4 Casarano Collepasso Matino Parabita Ruffano Supersano Taurisano Provincia di Lecce CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA) CITTA DI PALAGONIA V Dipartimento Servizi Sociali Provincia di Catania DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA) OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA AMBITO TERRITORIALE DI FOGGIA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE PER DISABILI E ANZIANI CAPITOLATO TECNICO

COMUNE DI FOGGIA AMBITO TERRITORIALE DI FOGGIA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE PER DISABILI E ANZIANI CAPITOLATO TECNICO COMUNE DI FOGGIA AMBITO TERRITORIALE DI FOGGIA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE PER DISABILI E ANZIANI CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Obiettivi del servizio Art. 3 - Utenza

Dettagli

Prot. n. 26309 del 17.12.2010

Prot. n. 26309 del 17.12.2010 Prot. n. 26309 del 17.12.2010 OGGETTO: Invito per la gara del 17/01/2011 da esperirsi mediante trattativa privata con pubblicazione del bando all Albo Pretorio e nel sito dei Comuni del Distretto,ai sensi

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ALCUNI SERVIZI BIBLIOTECARI PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE UBERTO POZZOLI DI LECCO. PERIODO

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ALCUNI SERVIZI BIBLIOTECARI PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE UBERTO POZZOLI DI LECCO. PERIODO COMUNE DI LECCO BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ALCUNI SERVIZI BIBLIOTECARI PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE UBERTO POZZOLI DI LECCO. PERIODO 1.7.2015 31.12.2017 1. ENTE APPALTANTE Comune

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Progetto Senior Capital Sportello delle Competenze Intergenerazionali

AVVISO PUBBLICO Progetto Senior Capital Sportello delle Competenze Intergenerazionali All. 1 AVVISO PUBBLICO Progetto Senior Capital Sportello delle Competenze Intergenerazionali MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE

Dettagli

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655 DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L'appalto ha per oggetto il servizio di pulizia dei locali della sede dell Istituto di Santa Margherita. Art. 2 - LUOGO DI ESECUZIONE DELL'APPALTO I servizi

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO (approvato con Determinazioni Dirigenziali n. 190/26.02.2014 e successiva n. 906/30.09.2014 della

CAPITOLATO D APPALTO (approvato con Determinazioni Dirigenziali n. 190/26.02.2014 e successiva n. 906/30.09.2014 della COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SERVIZI SOCIALI ISABILI - Via Veneto, 83 74121 Taranto T SERVIZIO DISABILI tel. 099.4581757 57; ; Fax 099.4581748 48; ; e-mail: e servizisociali@servizisociali.it Affidamento

Dettagli

COMUNE DI FOGGA. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per l INSERIMENTO LAVORATIVO PER DISABILI PSICHICI (Borse Lavoro)

COMUNE DI FOGGA. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per l INSERIMENTO LAVORATIVO PER DISABILI PSICHICI (Borse Lavoro) COMUNE DI FOGGA per l INSERIMENTO LAVORATIVO PER DISABILI PSICHICI (Borse Lavoro) 1 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art. 2 Obiettivi del servizio Art. 3 - Utenza del servizio Art 4 - Durata dell appalto

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PREVIDENZA ED ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI POTENZA

CITTÀ DI POTENZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PREVIDENZA ED ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI POTENZA CITTÀ DI POTENZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PREVIDENZA ED ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI POTENZA ART. 1 - OGGETTO E DURATA CONTRATTUALE 1.1 Oggetto della gara

Dettagli

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO ALLEGATO F SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI LADISPOLI E LA COOPERATIVA SOCIALE TIPO B, Al SENSI DELL'ART. 5 LEGGE 381/91, PER LA GESTIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI LADISPOLI

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

Centro Estivo Dante (scuola dell infanzia) Dal 1 al 31 luglio 2015 per 23 giorni max 200 iscritti

Centro Estivo Dante (scuola dell infanzia) Dal 1 al 31 luglio 2015 per 23 giorni max 200 iscritti CAPITOLATO SPECIALE PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI CENTRI ESTIVI 2015 DEL COMUNE DI CORSICO. PERIODO dal 1 LUGLIO al 4 SETTEMBRE 2015. CIG: 62619146E6 ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL APPALTO Oggetto

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO TRA

SCHEMA DI CONTRATTO TRA SCHEMA DI CONTRATTO Repertorio n. del REGIONE PUGLIA Contratto relativo ai Servizi di assistenza tecnica e supporto alle attività, connesse all'applicazione dei Regolamenti (CE) 1083/2006 e 1828/06, dell'autorità

Dettagli

BANDO DI GARA PER LO SVOLGIMENTO DI CORSI PER LA PREPARAZIONE E IL CONSEGUIMENTO DI CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE IN INGLESE PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA

BANDO DI GARA PER LO SVOLGIMENTO DI CORSI PER LA PREPARAZIONE E IL CONSEGUIMENTO DI CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE IN INGLESE PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA Allegato 1 Capitolato BANDO DI GARA PER LO SVOLGIMENTO DI CORSI PER LA PREPARAZIONE E IL CONSEGUIMENTO DI CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE IN INGLESE PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA CIG: ZDF12B0374 ART. 1 OGGETTO

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute

Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute AVVISO PUBBLICO Criteri e modalità per selezione e finanziamento per l esecuzione di un progetto di comunicazione finalizzato alla valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO. Provincia di Roma CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO SPAZIO GIOVANI

COMUNE DI MONTEROTONDO. Provincia di Roma CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO SPAZIO GIOVANI COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO SPAZIO GIOVANI Nell anno 2012 il giorno 28 del mese di Dicembre, nella sede del Comune di Monterotondo (RM) TRA - ANTONELLI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune

CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Art. 2 Ammontare complessivo del contratto, durata dei servizi e vincoli per il Comune CAPITOLATO TECNICO Art. 1 Oggetto dei servizi Il presente Capitolato tecnico disciplina l esecuzione dei servizi postali per la corrispondenza del Comune di Città di Castello comprendente il ritiro e la

Dettagli

PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI

PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI Provincia Regionale di Enna DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.24 COMUNI DI PIAZZA ARMERINA BARRAFRANCA PIETRAPERZIA AIDONE PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli