TIFLOLOGIA PER L INTEGRAZIONE Ottobre-Dicembre 2001 n. 4 STUDI E RICERCHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TIFLOLOGIA PER L INTEGRAZIONE Ottobre-Dicembre 2001 n. 4 STUDI E RICERCHE"

Transcript

1 TIFLOLOGIA PER L INTEGRAZIONE Ottobre-Dicembre 2001 n. 4 STUDI E RICERCHE Handicap e attaccamento - Crescere un bambino cieco - Un indagine con la «Adult Attachment Interview» - Implicazioni psicologiche dell atteggiamento iperprotettivo delle madri, riflessioni e suggerimenti per i genitori naturali e adottivi - Introduzione. Disabilità, reciprocità e sviluppo La nascita di un bambino disabile rompe violentemente gli equilibri preesistenti; impone problemi complessi, per lo più sconosciuti ai suoi genitori; li costringe ad una intensa medicalizzazione del loro tempo e delle loro aspettative. Le madri con fanciulli portatori di handicap incontrano, inoltre, seri ed oggettivi ostacoli alla normale spontaneità ed immediatezza dell interazione con il loro bimbo: si pensi, per esempio, alla progressiva diminuzione di reciprocità mimica, nell interazione fra una madre e il suo figlioletto cieco, dovuta alla graduale perdita della competenza espressiva innata e alle difficoltà di interiorizzare una adeguata prossemica da parte di chi nasce con grave disabilità visiva (Galati D., Dell Osbel G., Ricci Bitti P.E. 1995) o all assenza o inadeguatezza delle risposte verbali e paraverbali emesse dai bambini affetti da sordità, o alla ancor più pesante inibizione espressiva di chi è affetto da plurihandicap. In tutte le situazioni caratterizzate da un significativo deficit funzionale dell apparato sensoriale e percettivo e/o da distorsioni nel processo di elaborazione dello stimolo prossimale a causa di danni al sistema nervoso centrale, sono infatti seriamente compromesse le stesse capacità prerequisite per sviluppare un coerente dialogo emozionale con la figura di accudimento. Gli stimoli percepiti sono infatti frammentari, instabili, incoerenti, scarsamente integrati a livello intermodale; l attribuzione di significato agli stimoli provenienti dall ambiente, troppo discontinui, fragili e precari. Risulta quindi molto più difficile, più lenta e comunque meno ricca.

2 L intervento prioritario in presenza di grave deficit sensoriale è quindi quello di ottimizzare la capacità di scambiare informazioni con il mondo, ma l incremento delle competenze percettive e di integrazione degli stimoli somatosensoriali, richiede in parallelo un approccio rassicurante e caloroso che permetta al bambino di evolvere secondo i suoi ritmi (Frolich A. 1987). In queste situazioni i comportamenti genitoriali possono a volte assumere caratteristiche iperinterventiste con aspettative che vanno oltre la competenza dei bimbi con handicap o, al contrario, abbandoniche e di privazione con implicazioni ancora più preoccupanti sul piano dello sviluppo generale del bambino disabile. Nell area degli interventi precoci, alcuni studi hanno valutato in che modo la presenza di handicap nel neonato possa influenzare l interazione della diade madre-bambino. In alcuni casi sono state studiate e confrontate le modalità interattive delle diadi madrebambino caratterizzate dalla presenza di un bambino con handicap, con le modalità interattive di coppie con bambini che non presentavano disabilità (Dunst 1985, Marfo 1984; Marfo 1992; Rogers 1988). Da questi studi è emerso che, in generale, i bambini che presentano disabilità hanno minori capacità espressive, sono in genere meno attivi e meno responsivi rispetto ai bambini che non presentano disabilità e che le loro madri sono più direttive, più intrusive. Alcuni dei citati studi suggeriscono inoltre che tali modalità interattive materne possano avere un impatto negativo sullo sviluppo del bambino in quanto tenderebbero a limitare o a sopprimere le necessità esplorative dei minori. Altri autori sostengono invece che il comportamento [pag. 33] direttivo delle madri potrebbe essere una risposta appropriata che si adatta al livello di sviluppo del bambino disabile (Marfo 1982; Marfo & Kysela 1988). Da quanto detto pare dunque che alla nascita di un bimbo disabile i problemi derivanti dalla scarsa o nulla informazione sul «come affrontare la situazione», e dalle difficoltà di comunicazione, sembrano essere frequentemente associati anche a modalità relazionali disadattative; modalità che sono potenzialmente responsabili di un ulteriore aggravamento della qualità della vita futura del bimbo con handicap.

3 Implicazioni evolutive della cecità congenita Sotto il profilo evolutivo la vista è la primaria modalità sensoriale per la conoscenza del mondo e per l interazione con gli altri. Il contatto visivo con la madre rappresenta una delle prime modalità di scambio affettivo con lei e costituisce la base per lo sviluppo di altre importanti interazioni (Fraiberg 1977). Lo studio di alcuni casi porterebbe alla conclusione che le madri di bambini non vedenti hanno difficoltà ad interpretare i segnali non verbali dei loro bambini con implicazioni negative sulla continuazione dell interazione (Fraiberg 1977). Altri studi (Kekelis e Andersen 1984) hanno concluso che il comportamento maggiormente direttivo delle madri dei bambini ciechi poteva essere considerato utile ed adattativo, tenuto conto dei bisogni specifici dei bambini ciechi; frequentemente il loro comportamento era di incoraggiamento alla locomozione o un tentativo di interpretare il comportamento autostimolatorio del loro bambino. I risultati delle osservazioni di Inamura (1965) confermerebbero l idea che le madri dei bambini disabili visivi avviano una quantità maggiore di interazioni e mostrano una maggior dominanza sulle attività dei loro bambini rispetto alle madri con bambini normovedenti. Una recente ricerca (Behl, Akers, Boyce, Taylor 1996) ha messo in evidenza come le madri dei bambini con minorazione visiva sono fisicamente più coinvolte con i loro piccoli, impiegano una maggior quantità di strategie di controllo ed interagiscono verbalmente in maniera maggiore rispetto alle madri con bambini normovedenti. Questo risultato conferma quanto già trovato da Kekelis e Andersen (1984) secondo i quali l interazione della madre potrebbe essere strutturata per incoraggiare i bambini con problemi di vista ad assumere ruoli più attivi, incoraggiandoli nel muoversi o interrompendone i comportamenti autostimolatori. Le conclusioni tuttavia non sono unanimi e ulteriori ricerche sono necessarie al fine di poter acquisire una maggior conoscenza delle conseguenze dell impatto della minorazione visiva sul comportamento interattivo con la madre. Ciò potrà essere utile per lo sviluppo di eventuali programmi precoci di intervento e per offrire opportuni strumenti pedagogici ai genitori naturali e a coloro che

4 intendono adottare bambini disabili, nonché agli educatori che hanno in carico bimbi non vedenti. Riflessioni in margine ad una ricerca presentata al IX congresso S.I.T.C.C. di Torino Occorre dunque poter discriminare tra le due ipotesi suggerite dalla letteratura specialistica che ha rilevato un alta frequenza di comportamenti direttivi ed intrusivi agiti dalle figure di attaccamento nei confronti dei propri bimbi ciechi. Come accennato, alcuni autori sostengono che questa modalità interattiva della madre può avere effetti negativi sullo sviluppo del bambino (1ª ipotesi), mentre altri affermano che questa modalità può essere considerata adattativa e funzionale (2ª ipotesi). Inoltre le ricerche sull attaccamento nelle diadi normovedenti, hanno da tempo messo in evidenza che i comportamenti materni altamente intrusivi e controllanti, contribuiscono col tempo a connotare la relazione d attaccamento come «evitante»: in altre parole, in presenza cioè di una figura di attaccamento fortemente intrusiva e direttiva, il bambino tende a evitare di emettere segnali di richiamo, tende a smorzare la propria emotività, al fine di ridurre la frequenza delle intrusioni che limitano la sua possibilità di esplorare e conoscere l ambiente. [pag. 34] Ipotesi della ricerca La presenza in alcuni casi di incertezze circa le modalità interattive in diadi madre-bambino disabile e di ipotesi opposte circa le implicazioni evolutive dei comportamenti intrusivi delle madri nei confronti dei bimbi ciechi richiede quindi, ai fini di una corretta informazione pedagogica, un ulteriore approfondimento al fine di: a) esplorare il grado di coinvolgimento dei genitori (madre e padre) nella relazione con il bambino con disabilità visiva; b) verificare l eventuale maggior coinvolgimento (iperprotezione) delle madri dei bambini ciechi rispetto alle madri dei bimbi normovedenti; c) verificare se l atteggiamento intrusivo comporti necessariamente un evoluzione psicologica futura del bambino stesso verso strutture di personalità più fragili, dipendenti ed esposte.

5 Metodologia Al fine di ottenere informazioni riferite agli obiettivi individuati è stato utilizzato uno strumento d indagine noto come «Adult Attachment Interview» (A.A.I.). Lo strumento trova le sue radici nella teoria dell attaccamento (Bowlby 1958, 1989, 1989) ed è stato elaborato da ricercatori che ad essa fanno riferimento (M. Main, et alii 1985). Come è noto la teoria dell attaccamento è una teoria relativamente nuova sviluppata dallo psicoanalista inglese J. Bowlby, nel corso di osservazioni mirate a conoscere la natura delle condizioni psicologiche e dei comportamenti disturbati dei bambini separati dalla famiglia e dei bambini che avevano subito perdite traumatiche. Essa riceve il contributo di altre scienze quali l etologia, la teoria evoluzionistica, la teoria dei sistemi di controllo e la psicologia cognitiva e sostiene che la sopravvivenza dell essere umano è strettamente connessa alla possibilità di mantenere la prossimità, la disponibilità della figura di attaccamento, alla quale potersi rivolgere per chiedere protezione e sostegno in situazioni vissute come pericolose. L «Adult Attachment Interview» è una intervista semistrutturata della durata di circa un ora, mirata ad ottenere informazioni sulla qualità delle relazioni di attaccamento infantili dell adulto intervistato e sul punto di vista dell adulto su quelle esperienze stesse. Sono quindi domande volte a ricostruire le esperienze di attaccamento avute nell infanzia (il grado di sensibilità, la qualità del supporto, se vi sono stati maltrattamenti, lutti, e così via). L intervista viene trascritta integralmente annotando pause, incertezze, emozioni. Dal contenuto e dallo stile narrativo si ricavano informazioni sullo «stato mentale» dell intervistato rispetto al tema dell attaccamento. Per esempio i soggetti che descrivono i propri genitori come figure protettive e di conforto o che, pur avendo corso pericoli sono state in grado di arrivare ad una chiarezza mentale ed emozionale riguardo a tali esperienze, vengono classificati come equilibrati, liberi, autonomi (in sigla «F»-free); la caratteristica mentale primaria dei soggetti equilibrati è la capacità di integrare affettività e cognitività.

6 Quando il racconto descrive figure di attaccamento che non hanno fornito protezione o conforto ai bambini o che sono state pesantemente intrusive e non vi è stata elaborazione di tali esperienze, lo stato mentale dell intervistato viene classificato come «distanziante» («Ds» da dismissing of attachment). Le caratteristiche principali dei soggetti distanzianti sono il distanziamento del Sé dagli stati affettivi negativi e l accantonamento delle conclusioni negative sulle figure di attaccamento. Tendono a minimizzare o a svalutare esplicitamente il ruolo che le figure di attaccamento hanno avuto per loro. Quando le figure di attaccamento [pag. 35] vengono rievocate come irregolarmente disponibili lo stato mentale dell adulto intervistato viene classificato come preoccupato, invischiato «E» («E» preoccupied/entangled); i processi mentali fondamentali dei soggetti sono l uso dell affettività distorta come guida per il comportamento, il coinvolgimento di altre persone nella regolazione dei loro stati affettivi; i soggetti preoccupati mantengono nell attualità una concentrazione invischiante sul passato. Infine quando i ricordi e la forma del racconto evidenziano una relazione di attaccamento caratterizzata da traumi irrisolti (gravi trascuratezze, violenze, abusi) lo stato mentale rispetto all attaccamento viene definito come irrisolto «U» («U» da unresolved): si tratta di individui preoccupati in modo spaventato da eventi traumatici nell infanzia, che non hanno risolto un trauma (perdita, abuso fisico o sessuale). Questo stato viene identificato nell intervista attraverso segnali di disorganizzazione e disorientamento cognitivi (Lambruschi, in Veglia a cura di, 1999). Occorre qui ricordare che diversi studi sostengono l ipotesi sulla continuità intergenerazionale della qualità dell attaccamento in mancanza di significative esperienze correttive. La ricerca La ricerca è stata effettuata nel corso del 1998 ed i risultati provvisori sono stati presentati a Torino al IX congresso nazionale della S.I.T.C.C. (Izard, Dell Osbel, Adenzato, Veglia, 1999); i medesimi autori hanno continuato la ricerca ed i risultati verranno

7 presentati in una prossima pubblicazione. L obiettivo è stato perseguito somministrando a 15 soggetti adulti ciechi congeniti (sei maschi e nove femmine) con genitori normovedenti, l Adult Attachment interview. [pag. 36] Il ruolo della dimensione affettiva in relazione a quella iperprotettiva A titolo esemplificativo si riportano alcune dichiarazioni di due soggetti ciechi intervistati; il primo inquadrato come Ds ed il secondo come FREE. Soggetto 3 (Ds): «(mia mamma)... era assente fisicamente, cioè quando c era non lo era comunque più di tanto, insomma giusto per le cose magari pratiche, proprio materiali da mamma, ma più di tanto non me lo ricordo... poi era apprensiva nel senso che se facevo delle cose, magari si preoccupava, l ho sempre vista molto preoccupata anche le volte che mi è capitato di star male, allora lei però era apprensiva, non sapeva più tanto cosa fare...» Soggetto 11 (F): «(lei)... era protettiva perché in ogni caso cercava di tenerti in guardia da eventuali pericoli, anche se poi era contenta che uscissi con gli altri e facessi più o meno i giochi comuni che potevano fare gli altri, chiaro, non tutti, però la maggior parte...» I risultati ottenuti riassunti sinteticamente nella tabella (fig. 1, non riprodotta in Braille) ci consentono un orientamento rispetto ai tre quesiti proposti: a) esplorare il grado di coinvolgimento dei genitori nella relazione con il bambino non vedente. I dati testimoniano un maggior grado di coinvolgimento della madre rispetto al padre, che anzi appare scarsamente presente nei racconti degli intervistati. b) verificare l eventuale maggior coinvolgimento (iperprotezione) delle madri dei bambini ciechi rispetto alle madri dei bimbi normovedenti. A tal proposito sembrerebbero confermati i dati in letteratura circa un generale atteggiamento di intrusività da parte delle madri dei bambini con disabilità visiva. I risultati alla «involving scale» evidenziano che il 73% delle madri del campione esaminato esprime atteggiamenti definibili come iperprotettivi.

8 c) verificare se l atteggiamento intrusivo comporti necessariamente un evoluzione psicologica futura del bambino stesso verso strutture di personalità più fragili, dipendenti ed esposte. I risultati relativi alla classificazione dello stato mentale espresso dai ciechi rispetto al tema dell attaccamento sono stati confrontati con quelli della letteratura su soggetti vedenti. Nonostante la percentuale di comportamenti iperprotettivi da parte delle madri sia elevata (73%), la percentuale di soggetti con stato mentale libero-autonomo (53%) è simile a quella della popolazione vedente. La stragrande maggioranza dei soggetti ciechi del campione esaminato, risulta essere FREE (libera, equilibrata, autonoma) rispetto al tema dell attaccamento. Questo dato sembra essere strettamente dipendente dalla contemporanea presenza di esperienze di amabilità e di iperprotezione; al contrario la presenza di sole esperienze iperprotettive disgiunte da una buona affettività sembra implicare l emergere di uno stato mentale distanziante. Quindi, riassumendo, queste interviste hanno confermato i dati presenti in letteratura evidenziando alla involving scale un elevato grado di intrusività delle madri vedenti dei soggetti ciechi, ma hanno altresì evidenziato uno stato mentale equilibrato e autonomo (FREE) delle persone adulte non vedenti intervistate, disconfermando, almeno come tendenza, l ipotesi che l atteggiamento direttivo ed iperprotettivo determini necessariamente la costruzione di personalità disturbate. La condizione necessaria perché ciò comunque non rischi di verificarsi, che sembra essere fortemente associata, è la presenza di una esplicita e positiva affettività materna (degli 8 soggetti FREE ben 6, il 75%, vedono la compresenza di intrusività e amore). [pag. 37] Commento ed implicazioni educative Il passo successivo della ricerca richiederà, per la validazione statistica dell orientamento che è emerso, un ampliamento del campione; ma questa prima fase sembra già poter falsificare l impostazione prevalente in letteratura secondo la quale il comportamento iperprotettivo delle madri dei bambini ciechi debba necessariamente avere una valenza disturbante per lo

9 sviluppo dei loro figli. Il dato risulta interessante perché sembrerebbe indicare che il comportamento intrusivo e direttivo delle madri dei soggetti ciechi viene esperito da questi ultimi come incoraggiante e funzionale quando associato ad un punteggio elevato nella loving scale (scala dell amabilità) e quindi accompagnato da un atteggiamento affettuoso, amorevole e supportivo. Anche se occorrono certamente ulteriori dati per ritenere statisticamente significativo il risultato, quanto emerge dal pur ristretto campione mette infatti in dubbio l assunto secondo il quale la presenza di comportamenti materni iperprotettivi sia sempre ed inequivocabilmente responsabile di future personalità fragili. Sembrerebbe, al contrario, che in caso di gravissimo handicap visivo congenito una madre fisicamente molto presente e fortemente orientante l esplorazione del bambino sia, se associata ad atteggiamento amorevole, una variabile significativa per la graduale costruzione di personalità tendenzialmente sicure ed equilibrate (FREE). Una possibile spiegazione dei risultati riscontrati può essere riconducibile alle seguenti considerazioni relative alle implicazioni psicologiche della cecità congenita. È ragionevole pensare che l assenza della capacità visiva, modalità elettiva per la costruzione dello spazio (Hatwell 1967), inibisca pesantemente il comportamento esplorativo del bambino non vedente, determinando talvolta, in presenza di ripetute esperienze spiacevoli, il blocco stesso dell esplorazione. In simili situazioni una madre sensibile (sensibile ai bisogni del bimbo) si fa carico sia dei suoi bisogni di esplorare il mondo sia dei suoi bisogni di proteggersi da un mondo di cui non ha il controllo. La presenza della madre consente quindi al bambino cieco di effettuare esperienze guidate e protette del mondo e della sua complessità, esperienze che difficilmente chi non vede potrebbe autonomamente effettuare senza mettere a repentaglio la propria sopravvivenza. Paradossalmente quello che per un bambino vedente potrebbe essere una limitazione della libertà esplorativa (la pressante presenza orientante della madre) può essere considerata, nel caso dei bambini con grave disabilità visiva congenita, come una utile e forse essenziale opportunità di conoscenza che

10 consente via via l interiorizzazione rappresentativa dello spazio, del mondo, della sua struttura (la formazione di schemi percettivi e cognitivi). Questa interiorizzazione a sua volta consentirà, col passare del tempo, di avere un maggior controllo di quel mondo stesso, una maggior autonomia di movimento, un miglior senso di autoefficacia ed una migliore autostima. In conclusione: la luce porta il mondo nella mente del bambino vedente, chi non vede deve essere invece guidato direttamente (fisicamente e a volte coercitivamente) in questo stesso modo. Questa guida dovrà a volte dirigere, scoraggiare o incoraggiare l esplorazione favorendo i comportamenti adattativi e impedendo comportamenti pericolosi con modalità che in quanto ad intensità e qualità, se paragonate con quelle utilizzate con i bambini normovedenti, potrebbero essere anche considerate «intrusive»; l atteggiamento affettuoso ed amorevole contribuirà a stemperare l eventuale vissuto di rabbia e depressione ed a consolidare la relazione di fiducia. G. Dell Osbel (Psicoterapeuta, responsabile dell Unità di Psicologia dell Handicap del Centro Clinico Crocetta di Torino) F. Veglia (Psicoterapeuta, Direttore del Centro Clinico Crocetta di Torino, docente di «Psicologia e Psicopatologia del Comportamento Sessuale» presso la Facoltà di Psicologia dell Università di Torino) [pag. 38] Bibliografia 1) Behl D.D. et al., Do mothers interact differently with children who are visually impaired?, J.V.I.B., pp , ) Bowlby J. (1958): The nature of the child s tie to his mother, International Journal of Psycho-Analysis, 39, pp ) Bowlby J. (1989): Una base sicura, Raffaello Cortina Editore, Milano. 4) Bowlby J. (1989): Attaccamento e perdita, Boringhieri, Torino. 5) Dell Osbel G. (1992): La condizione dei non vedenti: aspetti medico-epidemiologici e socioassistenziali, in (a cura di Galati D.) Vedere con la mente, Franco Angeli, Milano.

11 6) Dunst C.J. (1985): Communicative competence and deficits: Effects on early social interaction. In E. McDonald and D. Galangher (Ed.). Faciliting socialemotional development in the young multiply handicapped child. Philadelphia: HMS Press. 7) Fraiberg S. (1977): Insight from the blind, New York, Basic Books. 8) Frolich A. La stimulation basale. Aspects pratiques, ed Istitution de Lavigny, 1987, Lavigny. 9) Hatwell Y. (1986): Toucher l Espace, Presses Universitaires de Lille, Lille. 10) Galati D., Dell Osbel G., Ricci Bitti P.E. (1995): L espressione delle emozioni in soggetti ciechi dalla nascita, Giornale Italiano di Psicologia, n. 3, pag ) Immamura S. (1965): Mother and blind child: The influence of child-rearing practices on the behavior of preschool blind children. New York: American Foundation for the Blind. 12) Izard E., Dell Osbel G., Adenzato, Veglia F. (1998): Iperprotezione, esplorazione e stile di attaccamento in un gruppo di ciechi congeniti, IX congresso nazionale SITCC, programma e abstracts, Bollati Boringhieri. 13) Kekelis F. & Andersen E.S. (1984): Family communication styles and language development, J.V.I.B., 78, ) Lambruschi F. (1999): La Adult Attachment Interview, in Storie di Vita (a cura di Veglia F.), Bollati Boringhieri, Torino. 15) Main M., Goldwin R., Adult attachment classification sistem. In M. Main (a cura di), A Typology of human attachment organization: Assessed in discourse, drawing, and interviews. Cambridge: Cambridge University Press. 16) Marfo K. & Kysela G.M., (1988): Frequency and sequential patterns in mother s interactions with mentally handicapped and nonhandicapped children, in K. Marfo (Ed.), Parent-child interaction and developmental disabilities, (pp ), New York: Praeger. 17) Marfo K. (1984): Interaction between mothers and their mentally retarded children: Integration of research finding, Journal of Applied developmental Psychology, 5,

12 18) Marfo K. (1992): Correlates of maternal directiveness with children who are developmentally delayed, American Journal of Orthopsychiatry, 62, ) Rogers S.J. (1988): Characteristics of social interaction between mothers and their disabled infants: A review. Child: Care, Health and Development, 14, ) Veglia F. (1999): Storie di Vita, Bollati Boringhieri, Torino.

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

CONTINUITA E DISCONTINUITA DELLA CONOSCENZA DI SE SECONDO IL MODELLO COGNITIVO-EVOLUZIONISTA. Antonio Onofri Lucia Tombolini

CONTINUITA E DISCONTINUITA DELLA CONOSCENZA DI SE SECONDO IL MODELLO COGNITIVO-EVOLUZIONISTA. Antonio Onofri Lucia Tombolini CONTINUITA E DISCONTINUITA DELLA CONOSCENZA DI SE SECONDO IL MODELLO COGNITIVO-EVOLUZIONISTA Antonio Onofri Lucia Tombolini Psichiatri Didatti SITCC (Società Italiana di Terapia Cognitiva e Comportamentale)

Dettagli

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza.

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. Stefania Alfano* Rosa Miniaci** * Psicologa-Specialista in Psicoterapia Familiare ** Psicologa- Psicoterapeuta sistemico-relazionale in formazione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO Silvia Mazzoni 1, Brunella De Stefano 2 Introduzione Gli studi dei ricercatori e dei clinici sugli effetti della conflittualità dei

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

UNA BASE SICURA John Bowlby

UNA BASE SICURA John Bowlby UNA BASE SICURA John Bowlby 1. AVER CURA DEI BAMBINI L'approccio di Bowlby all'analisi del legame tra il bambino e i suoi caregiver primari è di tipo Etologico, nel senso che l'attaccamento viene visto

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Funzione paterna e attaccamento di coppia: l importanza di una base sicura

Funzione paterna e attaccamento di coppia: l importanza di una base sicura Funzione paterna e attaccamento di coppia: l importanza di una base sicura Franco Baldoni Facoltà di Psicologia- Università di Bologna In: Bertozzi N., Hamon C. (a cura di): Padri & paternità. Edizioni

Dettagli

La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE

La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE I contributi più significativi di alcune scuole Prof. Vincenzo Alastra 1 1 LA RELAZIONE

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia

LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia di BRUCE D. PERRY (dal sito www.childtraumaacademy.org) traduzione a cura di L. Botta e M. Ronconi INTRODUZIONE

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

modulo 15 Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 2.

modulo 15 Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 2. Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 1.1 Psicoanalisi: Sigmund Freud 1.2 Jean Piaget 1.3 Teorie dell attaccamento 1.4 Teorie comportamentiste

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Dott.ssa Ballanti Chiara 1

Dott.ssa Ballanti Chiara 1 UN PERCORSO: DALLE ORIGINI, AL VERO E FALSO SÉ NOVEMBRE 2003 Dott.ssa Ballanti Chiara 1 Di dove sono venuto? Di dove mi hai preso? domandava il bambino alla mamma. Mezzo piangendo, mezzo ridendo, rispose

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

LA GENITORIALITA. affettiva regolativa, normativa, predittiva, rappresentativa significante fantasmatica. differenziale triadica transgenerazionale.

LA GENITORIALITA. affettiva regolativa, normativa, predittiva, rappresentativa significante fantasmatica. differenziale triadica transgenerazionale. LA GENITORIALITA La genitorialità rappresenta una funzione assai complessa che incorpora in sé, sia aspetti individuali, relativi quindi alla nostra idea (in parte conscia e in parte inconscia) di come

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO

FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO FUNZIONE DELLE STRUTTURE FORMATIVE ISTITUZIONALI NEL PROCESSO EDUCATIVO Le finalità della scuola oggi possono riassumersi nella funzione formativa e orientativa della scuola, non solo nel campo più direttamente

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli