Corte dei Conti. Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale per il Piemonte. Via Roma, Torino. Esposto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corte dei Conti. Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale per il Piemonte. Via Roma, 305 10123 Torino. Esposto"

Transcript

1 Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale per il Piemonte Via Roma, Torino Esposto Il Sig. Ivan Della Valle (C.F. DLLVNI74T04L219X), residente in Rivoli (TO) alla Via Novalesa, 18 ed il Sig. Michele Santarella (C.F. SNTMHL59H09L219V), residente in Rivoli alla Via G. Salvemini 5/a, assistiti dall avv.to Daniela Bauduin (C.F.: BDNDNL79B66F839W; PEC: ) del Foro di Torino e dalla dott.ssa Stella Arena (C.F.: RNASLL78E68D086L) del Foro di Napoli, elettivamente domiciliati presso lo studio di questi ultimi in Napoli alla Piazza S. Domenico Maggiore, 9, espongono i fatti che seguono, al fine di fornire elementi sufficienti per legittimare indagini di approfondimento da parte di codesta Procura regionale, tese alla verifica della fondatezza dei fatti riportati e della sussistenza degli altri elementi richiesti dalla legge per il conseguente esercizio dell azione di responsabilità amministrativa. ********* I. La ricostruzione dei fatti storici ritenuti di rilievo segue, per scelta metodologica, un ordine temporale e trova il proprio incipit nell Intesa Istituzionale di programma Stato Regione Piemonte sottoscritta il dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Presidente delle Regione Piemonte, che rappresenta la cornice negoziale entro la quale l Amministrazione centrale e quella regionale hanno definito la programmazione degli investimenti pubblici nazionali e comunitari. 1

2 1. In data veniva sottoscritto, in attuazione dell Intesa predetta, l Accordo di Programma Quadro 1 tra il Ministro per i Beni culturali e le Attività culturali ed il Presidente della Regione Piemonte, finalizzato alla Realizzazione e valorizzazione del circuito delle residenze Sabaude. In particolare, per il sistema Residenze Sabaude, dichiarato Patrimonio dell Umanità dall UNESCO, il progetto di riqualificazione e di valorizzazione del sistema stesso costituiva obiettivo prioritario per lo Stato e la Regione Piemonte. 2. In data veniva stipulato, in attuazione del citato Accordo Quadro, l Accordo di Programma 2 tra la Regione Piemonte, gli Uffici periferici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed il Comune di Rivoli (all.1). L opera denominata risalita meccanizzata veniva programmata, unitamente alla sistemazione urbanistica del piazzale denominato Mafalda di Savoia, all art. 3, n. 2, lett. a, di detto accordo. 1 Accordo di Programma Quadro: strumento attuativo dell Intesa istituzionale di Programma nei settori d intervento previsti dalla medesima. In particolare, l Accordo indica: le attività e gli interventi da realizzare, con i tempi e le modalità di attuazione; i soggetti responsabili ed i relativi impegni; le risorse finanziarie occorrenti, a valere sugli stanziamenti pubblici o reperite tramite finanziamenti privati; le procedure ed i soggetti responsabili per il monitoraggio e la verifica dei risultati. I promotori degli APQ sono Stato, Regione e Enti pubblici. Queste stesse amministrazioni, con anche l'intervento dei privati, rappresentano i soggetti attuatori. L APQ viene sottoscritto dai responsabili amministrativi delle strutture coinvolte e riporta, in allegato, le schede degli interventi con l indicazione puntuale delle caratteristiche dei progetti. 2 Accordo di Programma: accordo fra due o più Pubbliche Amministrazioni per la definizione e l'attuazione di opere, di interventi, o di programmi di intervento, che richiedano, per la loro completa realizzazione, l'azione integrata e coordinata delle stesse. Attraverso l'accordo di Programma si assicura il coordinamento delle azioni e si determinano i tempi, le modalità, il finanziamento e ogni altro adempimento connesso. 2

3 3. Con deliberazione della Giunta Comunale di Rivoli n. 582 del veniva approvato il progetto preliminare per i lavori di realizzazione del sistema di scale mobili per il collegamento del centro storico con il Castello di Rivoli. 4. Con deliberazione della Giunta Comunale di Rivoli n. 256 del veniva approvato il progetto definitivo che accorpa in un unico elaborato gli interventi di realizzazione del sistema di scale mobili per il collegamento del centro storico con il Castello di Rivoli e di sistemazione paesistica scarpate del Castello lato centro storico. 5. Con determinazione del Comune di Rivoli n. 1718/5 del è stato affidato l incarico professionale per la stima dei costi di manutenzione e gestione sia degli impianti che dell intero complesso, la verifica dei documenti amministrativi del progetto esecutivo e la redazione del bando di gara e disciplinare, all architetto Valter Ripamonti, di Pinerolo. 6. Con deliberazione della Giunta Comunale di Rivoli n. 83 del (all. 2) veniva approvato il progetto esecutivo di realizzazione del sistema di scale mobili per il collegamento del centro storico con il Castello di Rivoli e sistemazione paesistica scarpate del Castello lato centro storico (Parco S. Grato III lotto) per l importo complessivo di euro ,47 IVA inclusa, e veniva approvato il nuovo quadro economico globale dell opera pari a complessivi euro ,47 IVA inclusa. 7. Con le determinazioni del Comune di Rivoli n. 316 del e n. 423 del si stabiliva di ridurre le somme a 3

4 disposizione del quadro economico dei lavori per la realizzazione del sistema scale mobili e sistemazione paesistica scarpate lato centro storico (parco III lotto) da euro ,57 a euro 5.779,69 con un importo complessivo dell opera ridotto a euro , Con deliberazione della Giunta Regionale del Piemonte n dell veniva parzialmente rettificata la deliberazione della Giunta Regionale n del in ordine all acquisizione in comodato gratuito e contestuale attribuzione in sub-comodato del complesso immobiliare del Castello di Rivoli e delle aree adiacenti. In particolare, si prendeva atto che il Comune di Rivoli con deliberazione del Consiglio Comunale n. 105 del , nell approvare il testo del contratto avente ad oggetto la concessione in uso gratuito alla Regione Piemonte, a titolo di comodato, del complesso edilizio del Castello di Rivoli e relative aree esterne e pertinenze, già approvato con D.G.R. n del , ha apportato allo stesso una modificazione, stralciando dalle premesse, ed in particolare nella parte relativa agli interventi che saranno oggetto dell accordo di programma da stipularsi tra la Regione Piemonte ed il Comune di Rivoli entro il , l intervento relativo all impianto di risalita meccanizzata sostituendolo con l intervento di sistemazione delle scarpate a monte della Collegiata Alta. 9. Con deliberazione n. 317 del (all. 3) la Giunta Comunale di Rivoli approvava i documenti di integrazione al progetto esecutivo relativi ai servizi di gestione e manutenzione dell opera, per la realizzazione del sistema di scale mobili per il 4

5 collegamento del centro storico con il Castello di Rivoli e la sistemazione paesistica scarpate del Castello lato centro storico (parco S. Grato III lotto) per l importo annuo complessivo di euro IVA inclusa; dava atto che l affidamento di servizi per la gestione e manutenzione del sistema di scale mobili sarebbe avvenuto mediante procedura d appalto congiuntamente all appalto per l esecuzione dell opera; dava atto, altresì, che i fondi necessari per la copertura finanziaria del servizio di gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria dell opera, pari ad euro ,00 IVA inclusa per ciascun anno di esercizio e pertanto pari a complessivi euro IVA inclusa, sarebbero stati inseriti negli esercizi finanziari futuri su appositi capitoli di spesa a far data dall anno 2008 e fino allo scadere del contratto triennale; demandava al Dirigente dell Area Gestione del Territorio l assunzione del relativo impegno di spesa per l affidamento di servizi per la gestione e manutenzione del Sistema di scale mobili e la relativa definizione delle modalità di gara; demandava al medesimo dirigente la programmazione ed approvazione dell istituzione di un servizio di trasporto sostitutivo del sistema di scale mobili per l accesso dei disabili al Piazzale Mafalda di Savoia. 10. A seguito della pubblicazione dell'avviso di asta pubblica n. 12/05/2005 del , la gara veniva indetta per il giorno Le due ditte ammesse non rispondevano ai requisiti richiesti. L'Amministrazione comunale, quindi, indiva una nuova gara, 5

6 il cui avviso era approvato con determinazione dirigenziale n del la gara veniva esperita in data Con deliberazione del Consiglio comunale n. 35 del 17/03/2006, si procedeva ad indire referendum consultivo avente ad oggetto il seguente quesito: Ritenete utile che la città di Rivoli realizzi un sistema di scale mobili e opere accessorie, di circa 30 m. di dislivello, tra l incrocio di via Borghezio e via Marchetti ed il piazzale Mafalda di Savoia, con una spesa di ,77 euro e di euro annui di manutenzione più IVA, allo scopo di collegare il Centro storico al Castello?. 13. Con determinazione n. 499 del il Comune di Rivoli approvava l aggiudicazione definitiva dei lavori di realizzazione del sistema di scale mobili per il collegamento del centro storico con il Castello di Rivoli e la sistemazione paesistica scarpate del Castello lato centro storico (Parco S. Grato III lotto), comprendente anche i servizi di gestione e manutenzione dell opera per un periodo di anni tre all ATI S.I.E.G. S.p.A. (capogruppo mandataria) LOCATELLI GEOM. GABRIELE S.p.A. (mandante) CONSORZIO SERVIZI ASCENSORI Scarl (mandante) con il ribasso del 16,178% per un importo complessivo di euro ,58 oltre IVA di cui euro ,96 oltre IVA 10% per lavori soggetti a ribasso, euro ,00 oltre IVA 10% per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso, euro ,62 oltre IVA 20% per la gestione e manutenzione triennale del sistema di scale mobili. 6

7 14. Con decreto del Presidente del Consiglio comunale n. 10 del 14/04/2006 si procedeva ad indire il referendum consultivo, mentre con decreto del Presidente del Consiglio comunale n. 15 del 2/05/2006 si fissava la votazione per il 2/07/ Con determinazione dirigenziale n. 929/5 del la direzione dei lavori veniva affidata all arch. Andreas Vass, per un importo di , In data 2/07/2006 dalle ore 7,00 alle ore 22,00 si svolgevano le operazioni di voto relative al referendum consultivo e con decreto del Presidente del Consiglio comunale n. 23 del 4/07/2006 si proclamava il seguente esito referendario: - aventi diritto al voto: ; - votanti: 8.246; - risposta affermativa (SI): 3.256; - risposta negativa (NO): Con deliberazione del Consiglio comunale n. 85 dell 11/07/2006 si prendeva atto del risultato menzionato al punto n In data veniva stipulato con l appaltatore il contratto repertorio n In data venivano consegnati i lavori all appaltatore, ma dopo due sospensioni, gli stessi riprendevano in data Con determinazione dirigenziale n. 48/5 del 12/01/2007 si autorizzava a subappaltare alla ditta ITALCOGE S.p.A. di Torino i lavori relativi agli scavi ed alle opere civili. 7

8 21. Con deliberazione n. 205 del (all. 4) la Giunta Comunale di Rivoli deliberava: di approvare la perizia suppletiva e di variante n. 1 dei lavori di realizzazione del sistema di scale mobili per il collegamento del centro storico con il Castello di Rivoli e la sistemazione paesistica scarpate del Castello lato centro storico (Parco S. Grato III lotto) comprendente anche i servizi di gestione e manutenzione dell opera per un periodo di anni tre, redatta dal dott. Carlo Alessio, dall ing. Georgios Kalamaras e dall ing. Mauro Gagni, per un importo di maggiori lavori pari ad euro ,99 oltre IVA 10% ed una maggiore spesa complessiva di euro ,89; di dare atto che la perizia non comportava un aumento del quadro economico complessivo dell opera che ammontava a euro ,39; di dare atto che i maggiori lavori di cui alla perizia in essere sarebbero stati eseguiti dall impresa ATI S.I.E.G. S.p.A. (capogruppo mandataria) LOCATELLI GEOM. GABRIELE S.p.A. (mandante) CONSORZIO SERVIZI ASCENSORI Scarl (mandante) per un importo di euro ,99 oltre IVA 10% ed una maggiore spesa complessiva di euro ,89; infine, di approvare il nuovo quadro economico dell opera ammontante a complessivi euro , Con deliberazione n. 450 del la Giunta Comunale di Rivoli approvava l aggiornamento al Quadro Tecnico Economico dell opera pari a euro , Con deliberazione n. 488 del la Giunta Comunale di Rivoli approvava il progetto preliminare relativo all intervento di riqualificazione dell area archeologica per l importo complessivo di 8

9 euro ,00 di cui quota parte da utilizzare per finanziare un eventuale perizia suppletiva per il sistema di scali mobili in essere. 24. Con deliberazione n. 157 del la Giunta Comunale di Rivoli (All. 5) approvava la perizia suppletiva e di variante n. 2 relativa ai lavori di realizzazione del sistema di scale mobili per il collegamento del centro storico con il Castello di Rivoli e la sistemazione paesistica scarpate del Castello lato centro storico, redatta dall Associazione Temporanea di Professionisti con capogruppo A.I. Engineering S.r.l. di Torino, per un importo lavori di euro ,22 al netto del ribasso d asta del 16,178,00 e oneri per la sicurezza integrativi di euro ,91 per un importo complessivo di euro ,13 oltre IVA 10%. Inoltre, approvava il nuovo Quadro Tecnico Economico dell opera ammontante a complessivi euro , In data il Direttore dei Lavori consegnava al collaudatore la relazione finale per le opere strutturali, i certificati di prova ed i documenti necessari per procedere al collaudo statico delle opere. 26. In data , il collaudatore depositava il certificato di collaudo statico. 27. In data la Commissione preposta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Territoriale del Nord Ovest U.S.T.I.F. per il Piemonte, la Valle d'aosta e la Liguria, all'esito della visita di ricognizione per l'apertura al pubblico esercizio della scala mobile marca Anlev modello A2T/SM2 situata 9

10 presso il percorso di risalita meccanizzata del Castello di Rivoli, esprimeva parere favorevole al rilascio del nulla osta tecnico ai fini della sicurezza dell'apertura all'esercizio pubblico dell'opera, subordinatamente all ottemperanza di alcune prescrizioni di esercizio (all. 6). 28. Con determinazione dirigenziale n del si approvava sotto il profilo tecnico il collaudo in essere al fine della messa in esercizio dell impianto per il solo giorno 17/9, in occasione dei festeggiamenti per il 150 anniversario dell Unità d Italia. 29. In data , l appaltatore presentava lo schema di regolamento di esercizio, sottoscritto dal responsabile di esercizio proposto dallo stesso appaltatore, l ing. Stefano Capitini. 30. In data , l USTIF per il Piemonte, la Valle d Aosta e la Liguria rilasciava il prescritto nulla osta tecnico (prot. n ) all apertura al pubblico degli impianti. 31. Con determinazione dirigenziale n del si approvava il certificato di collaudo tecnico-amministrativo (all. 7), redatto in data dal collaudatore Ing. Giancarlo Gonnet (depositato in data con n. di protocollo generale 37506), relativo ai lavori di realizzazione del sistema di scale mobili per il collegamento del centro storico con il Castello di Rivoli e sistemazione paesistica scarpate del castello lato centro storico eseguiti dall ATI SIEG S.p.A. di Verdellino (BG) capogruppo, LOCATELLI geom. GABRIELE S.p.A. di Bergamo ed il CONSORZIO SERVIZI ASCENSORI scarl di Ferrara, per un importo complessivo di euro 10

11 ,32 oltre IVA 10% da cui dedotti gli acconti liquidati di euro ,76 oltre IVA 10% risulta un credito a favore dell ATI aggiudicataria di euro ,56 oltre IVA 10%. 32. Con determinazione dirigenziale n. 48 del (all. 8), il Comune di Rivoli rilasciava autorizzazione all apertura al pubblico dei predetti impianti di trasporto pubblico ai sensi dell art. 4 3 del D.P.R. n. 753 dell e approvava il Regolamento di esercizio degli impianti, emanato dal responsabile dell esercizio stesso ai sensi dell art del D.P.R. n. 753 dell Art. 4 del Decreto Presidente della Repubblica 11/07/1980 n Nessuna ferrovia in concessione può essere aperta al pubblico esercizio senza preventiva autorizzazione rilasciata dai competenti uffici della M.C.T.C., delle regioni o degli enti locali territoriali, secondo le rispettive attribuzioni. È parimenti soggetta all'autorizzazione di cui al primo comma la riapertura o la prosecuzione dell'esercizio di una ferrovia in concessione dopo l'esecuzione delle varianti di cui al quarto comma del precedente art. 3, nonché dopo l'immissione in servizio di materiale mobile nuovo, rinnovato o modificato. Per i servizi di pubblico trasporto rientranti nelle attribuzioni delle regioni e degli enti locali territoriali, le autorizzazioni di cui al primo ed al secondo comma sono subordinate al nulla osta tecnico ai fini della sicurezza rilasciato dal competente ufficio della M.C.T.C. Chiunque effettua l'esercizio di una ferrovia in concessione senza l'autorizzazione di cui al primo comma è punito con l'ammenda da L a L oppure con l'arresto fino a due mesi. Chiunque, nell'esercizio di servizi di pubblico trasporto effettuati su strada, mediante autobus, ne vari il percorso senza l'autorizzazione degli organi di cui al primo comma, secondo le rispettive attribuzioni, è punito con la sanzione amministrativa da lire a lire , salvo i casi di forza maggiore [1]. Note: [1] La sanzione originaria dell'ammenda è stata sostituita con la sanzione amministrativa dall'art. 32, L. 24 novembre 1981, n Art. 102 del Decreto Presidente della Repubblica 11/07/1980 n Il direttore o il responsabile dell'esercizio di ogni ferrovia in concessione deve emanare nei limiti e nel rispetto dei patti di concessione e delle altre norme: 1) le disposizioni interne in applicazione delle norme regolamentari di cui ai punti 1) e 2) del precedente art. 95 in relazione alle caratteristiche e peculiarità del servizio; 2) le disposizioni interne riguardanti: a) l'impiego delle apparecchiature di trazione; b) la manutenzione della sede, degli impianti e delle apparecchiature; c) la condotta, la scorta e la manutenzione del materiale mobile; 11

12 II. La valutazione dei fatti esposti in precedenza e della loro supposta rilevanza ai fini del giudizio di responsabilità erariale non può prescindere, a nostro sommesso avviso, dalla considerazione che gli stessi si sono sviluppati all interno di un contesto amministrativocontabile già oggetto di attenzione, sia pure in relazione a fattispecie diverse, da parte di codesta Procura regionale (istruttoria n. 555/09/CRC. Affidamento incarichi professionali), nonché della Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte (Corte dei Conti, Delibera n. 158/2011/SRCPIE/PRSE). III. Posto ciò, l analisi ha come oggetto precipuo l opera denominata risalita meccanizzata (di seguito, risalita ), tesa a collegare il centro storico cittadino con l area del Castello di Rivoli, ai d) l'illuminazione dei veicoli, delle stazioni, dei passaggi a livello e degli altri impianti necessari per il servizio nelle ore notturne; e) le misure da adottare, ai fini della sicurezza, durante lo svolgimento dei lavori alla sede ed agli impianti della linea e delle stazioni; f) il numero delle corse da effettuare giornalmente, nonché il numero delle fermate; g) l'ubicazione delle fermate; h) le velocità ammesse e gli orari; i) la composizione dei treni, la capacità dei veicoli e le relative condizioni di frenatura; l) la disciplina dell'accesso ai posti di manovra o di controllo dei veicoli e delle stazioni; m) il numero e l'ubicazione dei mezzi di soccorso, nonché per lo svolgimento delle relative operazioni; n) i servizi delle stazioni e della linea, l'esercizio dei passaggi a livello ed i servizi ai veicoli. Le disposizioni interne di cui al precedente comma, salvo quelle di cui al punto 2), lettere d) ed e), devono essere preventivamente approvate dai competenti uffici della M.C.T.C., per i servizi di competenza statale, o dagli organi regionali, previo nulla osta ai fini della sicurezza da parte degli stessi uffici della M.C.T.C., per i servizi rientranti nelle attribuzioni regionali; detto nulla osta non è peraltro richiesto per le disposizioni interne di cui al precedente punto 2), lettera f). Agli effetti della valutazione delle esigenze locali di pubblico interesse, il numero e gli orari delle corse giornaliere nonché il numero e l'ubicazione delle fermate, per i servizi di pubblico trasporto rientranti nelle attribuzioni degli enti locali territoriali, devono essere anche da questi approvati. 12

13 proclamati fini della riqualificazione e dello sviluppo turistico del centro storico e della collina. La chiarezza impone, allora, di descrivere con maggior dettaglio l opera in parola, la quale consta di un sistema di scale mobili (tre rampe per la salita ed una per la discesa) che corrono sottoterra. Le rampe seminterrate sono coperte dall erba e sbucano in superficie in più punti. In particolare, il sistema di scale mobili è costituito da n. 4 rampe di scale mobili e da n. 1 tappeto mobile. Per maggior completezza si riportano i dati di cui alla determinazione dirigenziale n. 48 del (All. 8): Portata(dislivello) [mm] Lunghezza [mm] Tappeto mobile Scala mobile Scala mobile Scala mobile Scala mobile Tabella 1 Emerge ictu oculi la scarsa estensione del tracciato coperto dalla scala mobile, tant è che coloro i quali giungono a piedi sino al punto di partenza della scala in parola hanno pochi metri da attraversare per raggiungere il Castello di Rivoli. 13

14 Si tratta, ad avviso di chi scrive, di un possibile episodio di gestione delle risorse pubbliche inadeguata, perché inefficace, inefficiente, diseconomica, soprattutto alla luce del fatto che a fronte di un impiego ingente di danaro pubblico si potrebbe aver leso il diritto fondamentale della libertà di movimento delle persone disabili, e quindi della loro piena realizzazione personale e sociale. IV. - Per quanto concerne l abbattimento delle barriere architettoniche che impediscono la mobilità delle persone disabili e con riferimento all'accesso ai mezzi di mobilità pubblica vanno segnalate le discipline preposte dalle Convenzioni internazionali, le normative dell Unione Europea e quelle nazionali, nonché le pronunce giurisprudenziali che mirano a garantire concretamente alla persona disabile la parità di trattamento rispetto ai soggetti che non sono affetti da impedimenti nella mobilità, nella fruizione di mezzi di trasporto pubblici. Sotto il primo profilo, si ricorda innanzitutto la Convenzione di ew York del 13 dicembre 2006 sui diritti delle persone con disabilità, recepita nell ordinamento italiano con la legge 3 marzo 2009, n. 18, quindi precedentemente all apertura al pubblico della risalita meccanizzata. Per quanto concerne le persone affette da handicap motori, la Convenzione di New York contiene molti riferimenti divenuti vincolanti con la ratifica legislativa. Già nel Preambolo, alla lettera n), si ribadisce l importanza per le persone con disabilità della loro autonomia ed indipendenza individuale, compresa la libertà di compiere le proprie scelte, anche nel 14

15 movimento, specie se in grado di muoversi in modo autosufficiente. L art. 3 richiama i principi di non discriminazione, del rispetto delle pari opportunità (si ricorda infatti che il concetto di pari opportunità non è limitato esclusivamente al raggiungimento della parità di genere, ma è orientato all eliminazione delle discriminazioni oggettive a scapito degli individui sfavoriti) e dell accessibilità. L art. 4 è volto ad assicurare che le Autorità pubbliche agiscano in conformità agli scopi della Convenzione stessa, in particolare per ciò che concerne lo sviluppo di attrezzature progettate secondo uno standard di fruibilità per i disabili. L art. 5 incentiva il raggiungimento dell uguaglianza e della non discriminazione anche con misure fattuali, mentre l art. 9 promuove il raggiungimento della completa accessibilità per i disabili all ambiente fisico ed ai trasporti. L art. 19 garantisce alle persone disabili una vita indipendente e inclusiva nella società, al pari dell art. 20 che garantisce il diritto alla mobilità personale attraverso strumenti, tecnologie e attività di supporto. Sotto il secondo profilo, tra le diverse fonti europee spicca la Carta dei diritti fondamentali dell Unione Europea, in particolare con l art. 21, il quale prevede il divieto di qualsiasi forma di discriminazione e tra le diverse elencate in forma non esaustiva viene inclusa espressamente anche la disabilità; nonché l art. 26 in materia di inserimento dei disabili dove si fa esplicito riferimento al beneficio di misure intese a garantire l autonomia delle persone disabili, al loro inserimento sociale e professionale e la loro partecipazione alla vita della comunità. 15

16 Né possono essere tralasciate le normative di origine comunitaria che consentono di inquadrare in una prospettiva di più ampio respiro il diritto della persona disabile di partecipare attivamente alla vita pubblica e sociale. Tra queste si ricordano il d.lgs. 9 luglio 2003, n. 216, relativo all attuazione della Direttiva 2000/78/CE per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro che seppure non immediatamente incidente sulla materia oggetto di questo atto, rende pienamente contezza di come l integrazione della persona disabile deve essere considerata obiettivo primario delle politiche pubbliche, specie se vi è l impiego di fondi pubblici al fine di elevare lo standard della qualità della vita, la coesione economica e sociale nonché la solidarietà, la coesione sociale e il libero movimento delle persone. Anche il recente d.lgs. 24 febbraio 2009, n. 24, contenente la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 1107/2006 relativo ai diritti delle persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotta nel trasporto aereo rende chiaro come sia possibile ottimizzare (e come ciò debba essere fatto) la mobilità di persone con disabilità anche in realtà complesse, come gli aeroporti, nei quali sono presenti apparati meccanizzati consistenti in scale mobili o tapis roulant. Sotto il terzo profilo, in ambito del diritto interno, emergono soprattutto gli artt. 2 e 3 della Costituzione nonché la legge 5 febbraio 1992, n. 104, Legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. Scopo di tale legge è realizzare 16

17 quattro linee guida nel contrasto della discriminazione delle persone disabili, apparentemente disattese nel caso in esame. Si tratta del principio della non discriminazione e del principio delle pari opportunità: entrambi tendenti all eliminazione dell handicap quale ostacolo sociale che impedisce la partecipazione della persona colpita alla vita collettiva; del principio delle maggiori gravità, orientato a risolvere le situazioni di bisogno, e del principio della concreta integrazione, ovvero l enforcement delle previsioni legislative che riconoscono diritti a favore delle persone disabili affinché tali diritti siano resi effettivamente esigibili. Al fine di realizzare tali linee direttrici si dimostra necessario potenziare i controlli relativamente all attuazione delle leggi, all erogazione dei finanziamenti, all espletamento degli iter di garanzia, come quello giudiziario. V. - Per ciò che riguarda gli aspetti collegati all utilizzo non ottimale delle risorse pubbliche, che avrebbero determinato la discriminazione dei cittadini non autonomi nella mobilità, preme citare le parole di recente espresse dal presidente della Corte dei Conti, il dott. Luigi Giampaolino, in occasione dell inaugurazione dell anno giudiziario 2012, secondo il quale la gestione inadeguata del danaro pubblico rappresenta l aspetto sul quale sempre più si accentra l attenzione delle sezioni giurisdizionali della Corte, in quanto scopo della loro azione è non solo quello di reintegrare il patrimonio leso o sanzionare il responsabile del danno, ma, prim ancora, quello di guidare per il futuro l operato del pubblico dipendente, o, comunque, del soggetto incaricato dell attuazione dell attività amministrativa, 17

18 indirizzandolo al corretto perseguimento di quegli interessi pubblici stabiliti dalle leggi e rispetto ai quali vi è stata la funzionalizzazione di pubbliche risorse. VI. La risalita meccanizzata è un impianto di trasporto pubblico ai sensi del citato art. 4 del D.P.R. n. 753 dell Il suddetto decreto è richiamato nella sua interezza dal regolamento di esercizio della S.I.E.G. S.p.a., in forza del quale l esercizio dell impianto si svolge secondo le norme del D.P.R. n. 753, nonché del D.M.18 settembre 1975 e sotto l osservanza delle leggi vigenti. Eppure, la risalita non risulta utilizzabile proprio da coloro i quali potrebbero trarne beneficio, ovvero i disabili. Giova, allora, per completezza, ricordare che la Regione Piemonte ha emanato la legge n. 1 del 4 gennaio 2000 orme in materia di trasporto pubblico locale, in attuazione del decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422, modificata dalla legge regionale n. 17 del 19 luglio 2004, che ha come obiettivo primario, tra gli altri, quello di garantire una maggiore efficacia ed efficienza, intese sia come più adeguata risposta alla domanda di mobilità, sia come più favorevole rapporto tra i costi e i benefici nella produzione dei servizi. VII. - In relazione all utilizzazione dell opera da parte delle persone con disabilità, si richiama l art. 24, comma 7, della citata legge-quadro n. 104 del 5 febbraio 1992 e ss.mm. e intt., a norma del quale: Tutte le opere realizzate negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico in difformità dalle disposizioni vigenti in materia di accessibilità e di eliminazione delle barriere architettoniche, nelle 18

19 quali le difformità siano tali da rendere impossibile l'utilizzazione dell'opera da parte delle persone handicappate, sono dichiarate inabitabili e inagibili. Il progettista, il direttore dei lavori, il responsabile tecnico degli accertamenti per l'agibilità o l'abitabilità ed il collaudatore, ciascuno per la propria competenza, sono direttamente responsabili. Essi sono puniti con l ammenda da 5164 a euro nonché, quale pena accessoria, la sospensione dai rispettivi albi professionali per un periodo compreso da uno a sei mesi. Il precetto ha natura di sanzione penale, mirante a tutelare il bene giuridico della salute ex art. 32 Cost., da intendersi in senso ampio, comprensivo della possibilità di socializzazione di tutti i consociati, in ossequio agli artt. 2 e 3 Cost., anche dei soggetti disabili. L obiettivo perseguito dal legislatore è, pertanto, quello di garantire ai cittadini disabili di godere, senza discriminazioni, di qualsiasi bene fruibile dalla generalità dei consociati. Le leggi n. 13/1989 e n. 104/1992 non si limitano ad innalzare il livello di tutela in favore dei disabili, esse segnano soprattutto un radicale mutamento di prospettiva rispetto al modo stesso di affrontare i problemi delle persone con disabilità, i quali devono essere considerati come problemi non solo di carattere individuale dei disabili, ma dell'intera collettività (Corte cost., sent. n.167/1999). Con sentenza del , la Cassazione, III Sez. pen., in ossequio al dettato di cui all art. 3 Cost., ha confermato la precedente condanna a lire 20 milioni di ammenda con sospensione per tre mesi dall'albo professionale e condanna ai danni morali di un architetto che, 19

20 in qualità di direttore dei lavori finalizzati alla realizzazione di due sale cinematografiche, non aveva osservato le disposizioni dirette all'eliminazione delle barriere architettoniche omettendo, in particolare, la realizzazione di un ascensore per il raggiungimento della sala cinematografica posta al primo piano. Si segnala, altresì, la sentenza n del , con cui la Corte di Cassazione, III Sez. pen., ha annullato la condanna in contumacia per abuso edilizio di un imputato disabile che non è stato messo nelle condizioni di accedere autonomamente nell'aula dove si dibatteva il processo, pur avendone fatta espressa richiesta, stante la presenza di barriere architettoniche. Il giudice di prime cure aveva condannato in contumacia il disabile affermando che questi non aveva prestato quelle forme di adesione e collaborazione che avrebbero potuto agevolare il superamento dell'ostacolo (per esempio un accompagnamento "a braccia" da parte dei messi dell'ufficio). La Corte, richiamata la filosofia complessiva e le specifiche leggi a tutela dei disabili, contenenti l obbligo per le istituzioni di attivarsi affinché questi possano esercitare i loro diritti nel rispetto della dignità umana e con la massima autonomia possibile, richiamata altresì la sentenza della Corte Costituzionale n. 167 del 10/05/1999, osservava che "una volta che l'autorità giudiziaria abbia convocato il cittadino a comparire in giudizio, spetta in via generale all'amministrazione garantire che per le persone disabili siano assicurate modalità di accesso ai locali rispettose dell'eguaglianza e della pari dignità di tutti i cittadini. Pertanto, il permanere di barriere architettoniche che 20

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli