Impianti fissi per il trasporto urbano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti fissi per il trasporto urbano"

Transcript

1 Impianti fissi per il trasporto urbano Vantaggi: - pendenza superabile Tipologia 1 Svantaggi: Obiettivo: svincolarsi dal traffico stradale - velocità, regolarità competitività con l auto - capacità (veicoli di dimensione qualsiasi) - frequenza - impatto ambientale (se sottoterra) - Possibilità di automazione riduzione costi di esercizio Costo investimento per sede e veicoli Costo di esercizio (gestione sede propria) 1 Tipologie di impianti in funzione delle caratteristiche: di guida binario, monorotaia, fune portante, nastro/ catena chiuso, rotaia di guida meccanica, ottica o magnetica di regolazione e controllo marcia a vista o strumentale di trazione motore a bordo con aderenza naturale o artificiale (cremagliera, ruote premute da molle, motore lineare); motore a terra con fune traente o catena/ nastro) di alimentazione trazione elettrica con alimentazione da rete, trazione termica accessori comunicazione, informazione all utenza, di servizio alle fermate, ecc

2 Tipologia 1 Impianti fissi per il trasporto urbano Catalogazione dei sistemi con impianti fissi In base alla sede di corsa: - Promiscua (su strada) es. filobus, tram su gomma, tram tradizionale - Protetta anche parzialmente (su strada) es. tramvia rapida - Propria es. metrò, metrò leggero, monorotaia, funicolare, nastro, In base alla piattaforma viaria: Strada comune (ruote gommate) filobus, tram su gomma Pista speciale (sede propria e ruote gommate) metrò su gomma Rotaie tradizionali tram tradizionale, metrò tradizionale e leggero, funicolare terrestre Rotaie speciali (guide) ascensori verticali ed inclinati Monorotaia (di calcestruzzo o acciaio e ruote gommate) Fune funivia e cabinovia Struttura specifica di supporto ad un nastro scale e marciapiedi mobili 2 In base al tipo di guida: Libera autobus su sede propria (inesistente!) Asservita filobus Vincolata tram. Metrò, monorotaia, funicolare, scale e marciapiedi mobili personal rapid transit (tutti i sistemi con veicoli privi di sterzo)

3 Impianti fissi per il trasporto urbano Catalogazione dei sistemi con impianti fissi In base al tipo di trazione Aderenza (naturale o artificiale) Cremagliera Fune o nastro In base al livello di automazione: Nessuna Parziale Tipologia 1 Totale In base al sistema da cui derivano Tram (tram su gomma, tramvia rapida) Metropolitana (ferrovia) (metrò leggero, metrò su gomma, metrò magnetico,) Navetta (funicolare, funivia, ascensore verticale e inclinato) Non convenzionale (nastri, personal rapid transit, bus a chiamata, car/bike sharing) 3 Espressione generale della capacità H = V * (v) (equazione del deflusso) H = V / d m e in [pass/h] C = * H * n

4 Impianti fissi per il trasporto urbano Derivati dal sistema Tram Tram tradizionale caratteristiche Sede promiscua o parzialmente protetta Rodiggio ferroviario (guida vincolata) bassa aderenza Motore elettrico a bordo e alimentazione tramite linea di contatto ( V) Dimensioni veicoli limitate dal codice della strada Frequenza limitata dalla capacità della sede stradale Scarsa agilità, rigidità di percorso Tipologia 1 Precisione della traiettoria (importante per l accostamento alla banchina e la larghezza dei franchi laterali) 4 Tram (bus) su gomma differenze rispetto al tram tradizionale Assenza del binario (rodiggio stradale) alta aderenza, minore costo di realizzazione Guida vincolata Meccanica Magnetica Ottica Possibilità di eliminazione della linea di contatto Possibilità di ritorno alla guida libera (in assenza di linea di contatto)

5 Impianti fissi per il trasporto urbano Tram (bus) a guida meccanica sistema TRANSLOHR(presenza di rotaia centrale e ruote guida inclinate di 45 ) - (a Padova, L Aquila, Clermont Ferrand) Schema del sistema di guida (sezione): rotaia in verde, ruote in rosso Rodiggio 5 Sede di corsa con rotaia di guida Realizzazione a Padova

6 Impianti fissi per il trasporto urbano Tram (bus) a guida meccanica sistema GLT Bombardier (presenza di rotaia centrale e ruota guida verticale) (a Nancy e Caen (FR)) Sede di corsa con rotaia di guida Realizzazione a Nancy Schema del sistema di guida (sezione): rotaia in verde, ruote in rosso 6

7 Impianti fissi per il trasporto urbano Tram (bus) a guida magnetica sistema APTS (Advanced Public Transport Systems BV) (presenza di talloncini magnetici (markers) lungo il percorso ogni 4-5m) (a Eindhoven NL) Marker magnetico (calamita) 7

8 Impianti fissi per il trasporto urbano Tram (bus) a guida ottica sistema SIEMENS (presenza di doppio tratteggio centrale dipinto lungo il percorso letto da una telecamera a bordo del veicolo) (a Rouen FR, Las Vegas USA, Bologna progetto CIVIS) Telecamera (in primo piano) e tratteggio sull asfalto 8 Irisbus CIVIS di Las Vegas

9 Impianti fissi per il trasporto urbano Tram (bus): sistema di captazione elettrica senza fili per ferrovia sistema INNORAIL 9

10 Impianti fissi per il trasporto urbano Tram (bus): sistema di captazione elettrica senza fili STREAMBUS 10

11 Impianti fissi per il trasporto urbano Bus-treno: Dual Mode Vehicle (DMV) Toyota 11

12 Metrò tradizionale caratteristiche Tipologia 1 Impianti fissi per il trasporto urbano Derivati dal sistema Metropolitana Sede propria prevalentemente sotterranea elevatissimi costi di realizzazione Rodiggio ferroviario (guida vincolata) bassa aderenza Motore elettrico a bordo e alimentazione tramite linea di contatto ( V) Dimensioni veicoli elevate (limitate dalla sezione della galleria e dalla lunghezza delle stazioni) Frequenza (elevata) limitata dal sistema di R. e C. della circolazione Rigidità di percorso elevatissima se superficiale (alternativa profonda più costosa) Metrò leggero differenze rispetto al metrò tradizionale Dimensioni ridotte dei veicoli ( e di gallerie e stazioni) costi di realizz. ridotti Maggiore flessibilità del percorso costi di realizz. ridotti Metrò leggero con tecnologia innovativa differenze rispetto al metrò leggero Rodiggio innovativo su gomma anche su monorotaia (o sostentazione magnetica e motore lineare) maggiori accelerazioni e pendenza superabili Maggiore flessibilità del percorso costi di realizz. ridotti Metrò leggero automatico (driverless) differenze rispetto al metrò leggero Assenza di conducente Maggiore flessibilità di esercizio, veicoli più piccoli, frequenze più elevate, costi di realizz. Ridotti 12 NB tecnologia innovativa e automazione trovano maggiore impiego nei metrò leggeri

13 Impianti fissi per il trasporto urbano Metrò su gomma di Parigi (tradizionale con rodiggio innovativo) Tipologia 1 13

14 Metrò a lievitazione magnetica (M-Bahn in foto) Impianti fissi per il trasporto urbano Tipologia 1 14

15 Impianti fissi per il trasporto urbano Metrò automatico su gomma (Sistema VAL veicolo automatico leggero) Tipologia 1 15

16 Impianti fissi per il trasporto urbano Metrò automatico su gomma (Sistema VAL Fiat Matra, oggi Siemens ) Tipologia 1 16

17 Tipologia 1 Impianti fissi per il trasporto urbano Considerazioni su capacità e velocità dei sistemi con fermate lungo il percorso (bus tram metrò) Velocità commerciale dipendente da : Accelerazione e decelerazione del veicolo limitata da Passegg in piedi Aderenza e pendenza percorso Potenza motore Distanza media fra le fermate Capacità (pass/h) dipendente da: Dove: H = flusso dei veicoli o frequenza (veic/h) (1/intertempo fra corse) è limitato: Dalla capacità impegnabile della strada (sistemi stradali) Dal sistema di RC (per sistemi su sede propria - capacità della linea) Da motivi economici di esercizio (costo di 1 conducente per veicolo) (per tutti i sistemi) C H n 17 n = capienza del veicolo (pass/veic) è limitata: Dalla sagoma limite dei veicoli (sistemi stradali) Da motivi economici di realizzazione di linea e fermate (per i sistemi su sede propria) Dal rapporto posti in piedi / totale posti (per tutti i sistemi)

18 Velocità (km/h) Tempo (s) Velocità (km/h) Tempo (s) Impianti fissi per il trasporto urbano Distanza tra due fermate (m) 28 V (km/h) con a=1ms2 T (s) con a=1ms2 V (km/h) con a=2ms2 T (s) con a=2ms2 V (km/h) con a=2ms2 T (s) con a=2ms2 Velocità di bus tram metrò Ipotesi: distanza fermate = 200 m Lungh linea = 10 km N fermate = 50 Accel. (+/-) = 1 o 2 m/s2 vel max limitata o non tempo di fermata = 30 s Vcomm = / (50*(Tp+30)) Acceler (m/s2) Vmax (km/h) Tp (s) V comm (km/h) , , Distanza tra due fermate (m)

19 Velocità (km/h) Tempo (s) Velocità (km/h) Tempo (s) Tipologia Distanza fra due fermate (m) Impianti fissi per il trasporto urbano V (km/h) con a=1ms2 T (s) con a=1ms2 V (km/h) con a=1ms2 T (s) con a=1ms2 V (km/h) con a=2ms2 T (s) con a=2ms2 V (km/h) con a=2ms2 T (s) con a=2ms2 Velocità di bus tram metrò Ipotesi: distanza fermate = 400 m Lungh linea = 10 km N fermate = 25 Accel. (+/-) = 1 o 2 m/s2 vel max limitata o non tempo di fermata = 30 s Vcomm = / (25*(Tp+30)) Distanza fra due fermate (m) Acceler (m/s2) Vmax (km/h) Tp (s) V comm (km/h)

20 Velocità (km/h) Tempo (s) Tipologia Distanza fra due fermate (m) Impianti fissi per il trasporto urbano V (km/h) con a=1ms2 T (s) con a=1ms2 V (km/h) con a=1ms2 T (s) con a=1ms2 V (km/h) con a=2ms2 T (s) con a=2ms2 V (km/h) con a=2ms2 T (s) con a=2ms2 Acceler (m/s2) Velocità di tram metrò Ipotesi: dist. fermate = m Lungh linea = 10 km N fermate = 10 Accel. (+/-) = 1 o 2 m/s2 vel max limitata tempo di fermata = 30 s Vcomm = = / (10*(Tp+30)) Vmax (km/h) Tp (s) V comm (km/h)

21 V comm (km/h) Impianti fissi per il trasporto urbano Velocità di bus - tram metrò Relazione sperim fra Vc e distanza stazioni (per metrò) (con D in (m) e Vc in (km/h)) V C K D 70 Relazione sperim fra Vc e distanza fermate K=1 K=1, distanza media fra le fermate (m) 21

22 22 Impianti fissi per il trasporto urbano Derivati dal sistema Navetta (caratteristiche) Ferrovia a cremagliera (anche come derivata della ferrovia tradiz) Come la ferrovia tradiz ma adatta a notevoli pendenze Motore a bordo Velocità ridotte Capacità ferroviaria Funicolare terrestre Rodiggio e binario ferroviario, andamento del tracciato molto vincolato (per Tipologia planimetria 1 e livellette), motore a terra Pendenze molto elevate (limite nella componente verticale del peso) Capacità ferroviaria, velocità fino a 12m/s ed oltre Funicolare aerea (poco usata in città) Svincolata dal terreno (almeno in teoria), elevata pendenza superabile, motore a terra, sensibile al vento Capacità bassa Ascensore inclinato (o verticale) Costo di impianto modesto (materiale ascensoristico) Pendenza superabile elevatissima (< 15 dalla verticale e fino alla verticale) Velocità molto bassa (max 4m/s) percorsi brevi

23 23 Tipologia 1 Impianti fissi per il trasporto urbano C = * H * n = * n / d t Dove n = capienza della cabina (pass/veic) d t = 1 / H = tempo fra l arrivo di una cabina e la successiva (s) d t = 2* (L / V + V / a + n / n v ) (per ciascun veicolo/cabina e per senso di marcia) Con L = lunghezza della corsa [m]; a = accelerazione [m/s 2 ]; n v = numero varchi (aperture per il passaggio di 1 persona alla volta) Quindi la capacità è: C = * n / [2* (L / V + V / a + n / n v )] di marcia) Considerazioni su capacità e velocità dei sistemi a navetta (per ogni veicolo o cabina e senso V (m/s) è limitato da: Lunghezza percorso, Accelerazione, Stabilità cabina / veicolo a [m/s2] è limitato da: Sicurezza passeggeri (in piedi), stabilità veicolo (elasticità funi) n (pass/veic) è limitato da: Motivi economici nella realizzazione delle stazioni Freccia fune portante (funicolari aeree) Tempi di imbarco in marcia (funicol aeree a moto continuo) n v = è limitato da: Motivi statici della struttura del veicolo Organizzazione delle stazioni Per la velocità vale quanto detto per bus tram e metrò con ulteriori limitazioni per gli impianti a fune

24 Ferrovia a cremagliera Impianti fissi per il trasporto urbano Tipologia 1 24

25 Funicolare terrestre Impianti fissi per il trasporto urbano Tipologia 1 25 Funicolare centrale di Napoli

26 Funicolare terrestre Impianti fissi per il trasporto urbano Mercogliano Montevergine AV Tipologia 1 26

27 Funicolare aerea (funivia) Impianti fissi per il trasporto urbano Tipologia 1 27

28 Funicolare aerea (funivia) Impianti fissi per il trasporto urbano Tipologia 1 28

29 29 Impianti fissi per il trasporto urbano Sistemi non convenzionali (modificano il rapporto con l utente) Nastri (scale e marciapiedi mobili) Capacità media, velocità molto bassa < 1 m/s non adatti a percorsi lunghi Forti vincoli per la sede Tempo di attesa nullo, inadatti ai disabili Consumo energetico ridotto Personal rapid transit (conta solo qualche realizzazione sperimentale) Capacità molto bassa Complicazioni e costi legati alla guida vincolata Tipologia 1 Velocità pari a quella dell auto privata Tempo di attesa nullo (se ci sono auto disponibili) Car/bike sharing Stesse caratteristiche e vantaggi del mezzo utilizzato (auto o bici) senza gli svantaggi connessi alla proprietà (parcheggio e gestione) Minore flessibilità di uso rispetto all analogo mezzo di proprietà (tempi e luoghi di presa e riconsegna) Bus a chiamata Flessibilità del servizio (per orari e percorsi) Adatto per le aree o le ore a domanda debole e diffusa

30 Impianti fissi per il trasporto urbano Nastri (scale e marciapiedi mobili) Tipologia 1 Marciapiedi mobili inclinati 30

31 Impianti fissi per il trasporto urbano Personal rapid transit (PRT) 31 Sistema Tipologia 1 Località Attivo Stato Capienza veicolo Percorso Sospeso/ A terra Propulsore Morgantown PRT (Boeing) West Virginia Si In Servizio 8sed + 12 cemento A terra rotativo ULTra (ATS Ltd) UK No In costruz. Sist. pilota 4 cemento A terra rotativo Vectus PRT (POSCO) Sud Corea Si Prototipo 4 Acciaio A terra lineare Cabinentaxi Germania No Progetto 3,12,18 Acciaio Entrambe lineare CVS Giappone No Prototipo 4 Acciaio A terra rotativo PRT2000 (Raytheon) USA No Prototipo 4 Acciaio A terra rotativo Skyweb Express (Taxi2000) Minnesota Si Protot. incompl 3 Acciaio A terra lineare 2getthere PRT Olanda Si Protot. incompl. 6 Cemento A terra rotativo MISTER Polonia Si Prototot incompl. 5 Acciaio Sospeso rotativo JPods USA Si Modello in scala 4 Acciaio Sospeso rotativo Beamways Svezia No Progetto 3 or 4 Acciaio Sospeso rotativo SkyTaxi Russia No Progetto 1,2,4 Acciaio A terra rotativo SkyTran (UniModal) California No Progetto 2 Acciaio Sospeso lineare Aramis (Matra) Parigi No Prototipo 10 Bin acciaio A terra rotativo

32 Impianti fissi per il trasporto urbano Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macrosistemi SISTEMA: DESCRIZIONE: treni composti da una o più automotrici (eventualmente con rimorchiate) aventi arredamento interno, porte e sistema di trazione idoneo al servizio urbano richiesto, marcianti su binario tradizionale, con densità controllata da specifico sistema di regolazione e controllo della circolazione Nella foto a fianco: metropolitana leggera di Hannover Metropolitana leggera con tecnologia tradizionale 32 Tipologia 1 SEDE Tipologia: binario tradizionale poggiato su massicciata o preferibilmente annegato in letto di calcestruzzo Pendenza massima in linea: 3,5% (6% con trazione integrale) Raggio planimetrico minimo in linea: m Adattabilità del tracciato all orografia bassa (di tipo ferroviario) Costo di costruzione per binario unico bidirezionale (valore medio indicativo) 5 Ml / km VEICOLI: Larghezza: standard ferroviario Altezza: Peso a vuoto / posto offerto: 0,15 0,20 t/posto Capienza: funzione della lunghezza Rodiggio: a carrelli di tipo ferroviario Potenza installata su ciascuna automotrice kw Potenza/peso a pieno carico (automotrice) 5 15 kw / t Trazione: elettrica (diesel solo se all aperto) Alimentazione: tramite linea aerea di contatto (tramite terza rotaia solo su sede totalmente protetta) Costo unitario 1 Ml /cadauno

33 33 Impianti fissi per il trasporto urbano Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macrosistemi Tipologia 1 (segue) PRESTAZIONI Acceleraz. all avviamento media (trazione elettrica) medio - bassa (traz. Diesel - idraulica) Spazi di frenatura per aderenza: di tipo ferroviario (molto lunghi su forti discese) Velocità commerciale su percorso pianeggiante (distanza media stazioni = 700 m): km/h Frequenza massima per senso di marcia treni /ora (con doppio binario e blocco automatico) Capacità per senso di marcia (con il doppio binario) medio - alta ( passeggeri /h) SISTEMA DI REGOLAZIONE E CONTROLLO DELLA CIRCOLAZIONE Tipologia blocco automatico a correnti codificate (da prevedere se non previsto) Costo di impianto 0,3 Ml / km IMPATTO AMBIENTALE (nei soli tratti all aperto): Impatto sul territorio: elevato Impatto sul paesaggio: elevato, aggravato dalla eventuale linea aerea di contatto Inquinamento atmosferico: nullo se a trazione elettrica medio se a trazione diesel Inquinamento acustico medio alto se a trazione elettrica elevato se a trazione diesel ESERCIZIO Livello di automazione della guida: basso (treni con conducente, circolazione regolata da apposito sistema) Flessibilità di percorso: nulla Flessibilità di orario: bassa (condizionata alla disponibilità di veicoli e personale di condotta) Regolarità del servizio elevata Disagio alla circolazione stradale nullo Accessibilità al sistema: limitata (fermate a distanza non inferiore a m per non penalizzare la velocità commerciale Accessibilità al veicolo: ottima con banchine a livello del pianale del treno VANTAGGI: SVANTAGGI: tecnologia tradizionale Materiale rotabile e impianti prodotti da diverse ditte Elevato comfort per i passeggeri Elevata regolarità del servizio Elevata velocità commerciale (con tracciato, segnalamento, e materiale rotabile idonei) elevati costi di impianti e di esercizio Elevata rigidità dello sviluppo della linea Difficile inserimento territoriale e paesaggistico se non in galleria Elevata rumorosità aggravata dalla eventuale trazione diesel

34 Impianti fissi per il trasporto urbano Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macro sistemi SISTEMA: DESCRIZIONE: treni composti da due o più automotrici, aventi ciascuna due assi con ruote portanti e rulli di guida gommati, marcianti su due guide di calcestruzzo, con densità controllata da specifico sistema di regolazione e controllo della circolazione, marcia completamente automatica senza personale a bordo e nelle stazioni. Nella foto a fianco: il VAL 208 della Transfima Metropolitana leggera completamente automatica di solito su gomma (VAL 208 Transfima ) 34 Tipologia 2 SEDE (1) Tipologia: due guide di calcestruzzo a sezione rettangolare; la superficie superiore costituisce la via di corsa delle ruote portanti, la superficie verticale interna è la via di rotolamento dei rulli guida Pendenza massima in linea: 10% Raggio planimetrico minimo in linea: 30 m Adattabilità del tracciato all orografia elevata (di tipo stradale) Costo di costruzione per doppia sede (valore medio indicativo) (2) 13 Ml / km VEICOLI: Larghezza: 2,08 m Altezza: inferiore a quella ferroviaria Peso a vuoto / posto offerto: 0,12 t/posto Capienza: 120 persone in piedi Rodiggio: carrelli ad asse unico con 2 ruote gommate gemellate e 4 rulli guida gommati; ruote indipendenti: Potenza installata su ciascuna automotrice 260 kw Potenza/peso a pieno carico (automotrice) 11,3 kw / t Trazione: elettrica con un motore sincrono montato su ciascuna ruota (4 per veicolo) comandati ad inverter IGBT; frenatura a recupero Alimentazione: tramite linea di contatto sviluppata lungo le guide Costo unitario 1,5 Ml / cadauno

35 Impianti fissi per il trasporto urbano Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macrosistemi Tipologia 2 (segue) PRESTAZIONI Acceleraz. all avviamento Medio alta (1,3 m/s 2 ) Spazi di frenatura per aderenza di tipo stradale (brevi ) Velocità commerciale su percorso pianeggiante (distanza media stazioni = 700 m) km/h Frequenza massima per senso di marcia 60 treni / ora (con doppia pista) Capacità per senso di marcia (con la doppia pista) medio - alta ( passeggeri /h) SISTEMA DI REGOLAZIONE E CONTROLLO DELLA CIRCOLAZIONE Tipologia Costo di impianto (2) 2,5 Ml / km IMPATTO AMBIENTALE (nei soli tratti all aperto): Impatto sul territorio: elevato Impatto sul paesaggio: medio - basso Inquinamento atmosferico: nullo Inquinamento acustico minimo (paragonabile ad un filobus) ESERCIZIO Livello di automazione della guida: massimo (treni senza personale a bordo) Flessibilità di percorso: nulla Flessibilità di orario: elevata (condizionata alla sola disponibilità di veicoli) Regolarità del servizio massima Disagio alla circolazione stradale nullo Accessibilità al sistema: media (fermate a distanza non inferiore a m per non penalizzare la velocità commerciale) Accessibilità al veicolo: ottima con banchine a livello del pianale del treno 35

36 Impianti fissi per il trasporto urbano 36 Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macro-sistemi Tipologia 2 (segue) VANTAGGI: Tecnologia sufficientemente sperimentata (sebbene innovativa) Basso impatto sul paesaggio (elevata flessibilità di tracciato) Contenuti costi di costruzione della sede (elevata flessibilità di tracciato) Contenuti costi di costruzione delle gallerie (sagoma dei veicoli ridotta) Buona accessibilità al sistema (possibili fermate a media distanza) Elevata silenziosità (ruote gommate e trazione elettrica) Bassi costi di esercizio (automazione totale) Elevata flessibilità di orario del servizio (automazione totale) Elevato comfort per i passeggeri Elevata regolarità del servizio Elevata velocità commerciale (elevate accelerazioni e ridotti spazi di frenatura) Competitività con il trasporto privato SVANTAGGI: Materiale rotabile e impianti brevettati e prodotti da una sola ditta Elevato costo degli impianti per l esercizio Incompatibilità con il sistema ferroviario esistente e con qualsiasi altro sistema su ferro o su gomma Necessità di sede propria protetta per l intero sviluppo del percorso

37 Impianti fissi per il trasporto urbano 37 Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macro sistemi - Tipologia 3 SISTEMA: DESCRIZIONE: autobus / filobus urbani attrezzati con rulli guida laterali che consentono l inscrizione, senza agire sullo sterzo, in una traiettoria sviluppata su di una sede dedicata, attrezzata con specifiche guide; fuori da tale sede il veicolo può essere condotto su tutte le strade come un comune autobus / filobus; sulla sede dedicata la guida può essere resa completamente automatica (senza conducente) attrezzando la sede stessa ed i veicoli con apposite apparecchiature. Nella foto a fianco: Streambus (autobus elettrico a guida magnetica) della Ansaldo Autobus a guida libera / vincolata, automatizzabile nei tratti in sede propria vincolata SEDE Tipologia: due Guida guide centrale di calcestruzzo a terra (o altro materiale) a sezione rettangolare; la superficie superiore costituisce la via di corsa delle ruote portanti, la superficie verticale interna è la via di rotolamento dei rulli guida Pendenza massima in linea: come per l autobus Raggio planimetrico minimo in linea come per l autobus Adattabilità del tracciato all orografia elevata (di tipo stradale) Costo di costruzione per sede unica bidirezionale (valore medio indicativo) 4 Ml / km VEICOLI: Larghezza: max. 2,50 m (Codice della Strada) Altezza: max m Peso a vuoto / posto offerto: Capienza: funzione della lunghezza Rodiggio: autobus Potenza installata su ciascuna automotrice kw Potenza/peso a pieno carico (automotrice) 8 16 kw / t Trazione: diesel o elettrica Alimentazione: (se elettrica) tramite linea aerea di contatto o linea sviluppata a terra (brevetto Stream bus della Ansaldo) Costo unitario 0,2 Ml /km

38 Impianti fissi per il trasporto urbano 38 Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macro sistemi Tipologia 3 (segue) PRESTAZIONI Acceleraz. all avviamento medio alta Spazi di frenatura per aderenza: brevi (autobus) Velocità commerciale su percorso pianeggiante (distanza media stazioni = 700 m): km/h Frequenza massima per senso di marcia 60 veicoli /ora se in sede propria; dipendente dalla Capacità per senso di marcia (con il doppio binario) capacità della rete stradale fuori dalla sede propria media ( passeggeri /h) SISTEMA DI REGOLAZIONE E CONTROLLO DELLA CIRCOLAZIONE Tipologia automatico - semiautomatico (con conducente) - manuale (a vista) Costo di impianto (automatico) 2,5 Ml / km IMPATTO AMBIENTALE (nei soli tratti all aperto): Impatto sul territorio: medio nei tratti su sede propria o protetta nullo nei tratti su strada non protetti Impatto sul paesaggio: medio se è presente la linea aerea di contatto nullo negli altri casi Inquinamento atmosferico: nullo se a trazione elettrica medio se a trazione diesel Inquinamento acustico molto basso se a trazione elettrica medio se a trazione diesel ESERCIZIO Livello di automazione della guida: nullo nei tratti su strada (veicoli con conducente) da nullo a totale nei tratti in sede propria protetta Flessibilità di percorso: media se a trazione elettrica - elevatissima se a trazione diesel Flessibilità di orario: condizionata alla disponibilità di veicoli e personale di condotta Regolarità del servizio limitata dalle condizioni del traffico stradale nei tratti non in sede propria Disagio alla circolazione stradale medio (pari a quello di un comune autobus) nei tratti non in sede propria Accessibilità al sistema: elevata (distanza fra le fermate tipica dell autobus se si accetta la ridotta velocità commerciale di quest ultimo) Accessibilità al veicolo: buona con vetture a pianale ultraribassato (35 cm) e senza gradini interni) VANTAGGI: Possibilità di utilizzate gli autobus esistenti previa modifica del rodiggio Elevata flessibilità del percorso Elevata accessibilità al sistema Minimo costo di realizzazione su strada esistente Progressività degli investimenti

39 Impianti fissi per il trasporto urbano 39 Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macro sistemi Tipologia 4 SISTEMA: DESCRIZIONE: treni composti da una a tre automotrici tramviarie (eventualmente rimorchiata), marcianti su binario tradizionale ubicato tutto o in parte su strada (eventualmente con tratti in sede protetta), con densità libera e marcia a vista Nella foto a fianco: l Eurotram di Strasburgo Tramvia rapida con tecnologia tradizionale e sede parzialmente protetta SEDE Tipologia: binario tramviario a gola inserito nella pavimentazione stradale (nei tratti in sede propria non pavimentati anche binario ferroviario) Pendenza massima in linea: 3,5 % (6% con trazione integrale) Raggio planimetrico minimo in linea: m Adattabilità del tracciato all orografia medio bassa Costo di costruzione su strada, in sede protetta, (valore medio indicativo) 0,5 Ml / km VEICOLI: Larghezza: standard tramviario Altezza: Peso a vuoto / posto offerto: 0,15 0,18 t/posto Capienza: funzione della lunghezza Rodiggio: a carrelli di tipo ferroviario Potenza installata su ciascuna unità kw Potenza/peso a pieno carico (automotrice) 5 15 kw / t Trazione: elettrica Alimentazione: tramite linea aerea di contatto Costo unitario 0,8 Ml / cadauno PRESTAZIONI Acceleraz. all avviamento media Spazi di frenatura per aderenza: di tipo ferroviario (molto lunghi su forti discese) Velocità commerciale su percorso pianeggiante (distanza media stazioni = 700 m): km/h Frequenza massima per senso di marcia treni o veicoli / ora in sede propria; dipendente Capacità per senso di marcia (con il doppio binario) dalla capacità della rete stradale fuori dalla sede propria media ( passeggeri /h)

40 Impianti fissi per il trasporto urbano 40 Trasporto di massa su sede propria: raffronto fra macro sistemi Tipologia 4 (segue) SISTEMA DI REGOLAZIONE E CONTROLLO DELLA CIRCOLAZIONE Tipologia assente (marcia a vista e densità libera) Costo di impianto 0 IMPATTO AMBIENTALE (nei soli tratti all aperto): Impatto sul territorio: minimo su strada in sede non protetta medio in sede propria o su strada in sede protetta Impatto sul paesaggio: medio su sede propria - basso su strada (è sempre presente la linea di contatto) Inquinamento atmosferico: nullo Inquinamento acustico medio - basso ESERCIZIO Livello di automazione della guida: nullo (circolazione completamente affidata ai conducenti) Flessibilità di percorso: nulla Flessibilità di orario: condizionata alla disponibilità di veicoli e personale di condotta e alla capacità delle intersezioni stradali Regolarità del servizio limitata dalle condizioni del traffico veicolare nei casi di circolazione promiscua Disagio alla circolazione stradale elevato soprattutto nelle intersezioni stradali Accessibilità al sistema: media (fermate a distanza generalmente inferiore a quelle di una metropolitana ma superiore a quelle di un autobus) Accessibilità al veicolo: buona con vetture a pianale ultraribassato VANTAGGI: SVANTAGGI: Tecnologia tradizionale Materiale rotabile e impianti prodotti da diverse ditte Discreto comfort per i passeggeri Facile inserimento su strade esistenti e adeguate Costo di realizzazione su strada esistente contenuto Costo di esercizio relativamente contenuto Elevato disagio prodotto al traffico stradale soprattutto nelle intersezioni Elevata rigidità dello sviluppo della linea su sede propria Ridotta regolarità del servizio condizionato dal traffico stradale Difficile inserimento territoriale della eventuale sede protetta o propria non in galleria Impatto visivo della linea aerea di alimentazione Non competitività con il trasporto privato Media rumorosità

41 Impianti fissi per il trasporto urbano Utilizzo di impianti esistenti (prevalentemente linee ferroviarie) OBIETTIVO: riduzione disavanzo di bilancio STRUMENTO: aumento ricavi di gestione STRUMENTO: riduzione costi di esercizio Aumento utenza Aumento tariffe Aumento entrate diverse Razionalizz. offerta Automazione Regimi economici di esercizio Riduzione tempi di percorrenza Aumento accessibilità Riduzione tariffe Razionalizz. offerta Sostituz. materiale rotabile Sostituz. armamento Potenziam. sistema RC Modifica tracciato Integraz. con altri sistemi 41

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2012/13 CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO

Dettagli

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Bibliografia di riferimento: Isfort, Un futuro in costruzione, 8

Dettagli

Classificazione e caratteristiche prestazionali dei sistemi di trasporto

Classificazione e caratteristiche prestazionali dei sistemi di trasporto Corso di PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI TRASPORTO (tutti i CCS tranne Civile e Gestionale) www.uniroma2.it/didattica/pst_accs ing. Antonio Comi novembre 2006 Classificazione e caratteristiche prestazionali

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova Stato dell arte e innovazione nel settore filoviario nel moderno contesto dei sistemi a grande capacità di trasporto Fabio

Dettagli

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento 1) Meccanica della locomozione: equazione del moto, resistenze al moto, dinamica del veicolo, andamento planoaltimetrico, sopraelevazione in curva, accelerazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E PRESTAZIONI DEI SISTEMI AVANZATI DI TRASPORTO COLLETTIVO

CLASSIFICAZIONE E PRESTAZIONI DEI SISTEMI AVANZATI DI TRASPORTO COLLETTIVO Convegno C.I.F.I., Via Giolitti, 48 - ROMA E PRESTAZIONI DEI SISTEMI AVANZATI DI TRASPORTO COLLETTIVO Prof. Domenico Gattuso 11 CONTENUTI 1) Classificazione dei sistemi di TC 2) Caratteristiche tecnico-prestazionali

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

La linea SIR 1 a Padova

La linea SIR 1 a Padova La linea SIR 1 a Padova Le caratteristiche della linea e del veicolo Una soluzione strutturale ai problemi della mobilità cittadina PADOVA > Abitanti: 220.000 > Numero totale degli spostamenti giornalieri:*

Dettagli

Effetti della normativa su prestazioni e costi degli impianti fissi di trasporto

Effetti della normativa su prestazioni e costi degli impianti fissi di trasporto Effetti della normativa su prestazioni e costi degli impianti fissi di trasporto Umberto Petruccelli Università della Basilicata Scuola di Ingegneria - Potenza Sommario Il lavoro definisce prestazioni

Dettagli

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 Il Tram di Mestre Il materiale rotabile che sarà utilizzato per il servizio, denominato Translohr, è un prodotto

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Il Tracciato Appunti a cura di Sergio d Elia Demetrio Festa Giuseppe Guido BOZZA Testi di riferimento Lucio Mayer, Impianti ferroviari,

Dettagli

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012 Sistemi metropolitani a guida automatica L esperienza romana Torino, 28 Marzo 2012 Le tipicità di Roma Roma presenta alcune caratteristiche particolari: il delicato tessuto urbanistico, caratterizzato

Dettagli

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO LA RETE TRANVIARIA DI TORINO STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO STORIA 1871: prima linea tranviaria su rotaia in Italia

Dettagli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli Possibili scenari per la mobilità in Basilicata Accessibilità interna ai centri urbani IL CASO «POTENZA» 2% 2% Giudizio sul bus urbano 1) scadente 20% 35% 2) sufficiente OK=63% 3) buono 4) ottimo 22% 6%

Dettagli

Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione

Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione DESCRIZIONE DELLA LINEA 2 Dall'attuale capolinea presso l'aeroporto, la linea sottopassa la direttrice ferroviaria Firenze - Pisa e si innesta su via

Dettagli

2 - MECCANICA DELLA LOCOMOZIONE Principi fondamentali

2 - MECCANICA DELLA LOCOMOZIONE Principi fondamentali POLITECNICO DI BARI Dip. di INGEGNERIA DELL'AMBIENTE E PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE - II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI A.A. 2006/07 2 - Principi fondamentali PREMESSA

Dettagli

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 apr-12 1 Torino - Metropolitana automatica - Linea 1 XX Giochi olimpici invernali 11 stazioni 6,4 km Estensione Porta Nuova 15

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO Oggi entrano in servizio nell area potentina 4 nuovi treni Stadler delle Ferrovie Appulo Lucane. Si tratta dell ultima tranche dei sei treni svizzeri acquistati dalle Fal

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane.

Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane. Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane. AnsaldoBreda global partner nell'integrazione del trasporto pubblico locale. Sabina Pinto Roma, 1 Febbraio 2013 1 Aree Metropolitane:

Dettagli

EXPO Ferroviaria Metropolitana automatica di Torino Esperienze di esercizio e gestione

EXPO Ferroviaria Metropolitana automatica di Torino Esperienze di esercizio e gestione EXPO Ferroviaria Metropolitana automatica di Torino Esperienze di esercizio e gestione Gian Piero FANTINI Torino 27-29 marzo 2012 Abstract GTT Spa Torino Metro Torino - Linea 1, la prima metropolitana

Dettagli

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.)

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) INQUADRAMENTO DEL CONTESTO IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o

Dettagli

Lez. 7 Il trasporto pubblico e il suo spazio

Lez. 7 Il trasporto pubblico e il suo spazio CORSO DI LAUREA MAGISTRALE ARCHITETTURA E INNOVAZIONE curriculum sostenibilità Sviluppo urbano sostenibile AA 2013-14, CFU: 6, SSD: ICAR 20, mariaros@iuav.it Prof. Maria Rosa Vittadini Lez. 7 Il trasporto

Dettagli

MINIMETRO PERUGIA, ITALIA ACCETTAZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE A FUNE NELLE AREE URBANE

MINIMETRO PERUGIA, ITALIA ACCETTAZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE A FUNE NELLE AREE URBANE 1 2 La realizzazione di un progetto di trasporto, quale il MiniMetro di Perugia, comporta un iter decisionale e di accettazione complesso, difficile e tormentato. Gli esiti ottenuti alla fine costituiscono

Dettagli

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE CONTESTO TERRITORIALE E INDIRIZZI STRATEGICI IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

Il Personal Rapid Transit nel territorio Riminese

Il Personal Rapid Transit nel territorio Riminese Il Personal Rapid Transit nel territorio Riminese Joerg Schweizer University of Bologna - DICAM Transportation Engineering Group joerg.schweizer@unibo.it Previsioni attività di trasporto dall agenzia europea

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

Fondamenti di Trasporti Analisi dell offerta di trasporto

Fondamenti di Trasporti Analisi dell offerta di trasporto Cartography Oakway Campus West Ave. City Hall Central Park EastAve. 74 Maple Blvd. Highway One-way Main Street Traffic light Street Corso di: Lezione: Fondamenti di Trasporti Corso di Laurea Ingegneria

Dettagli

1995 mm. 2195-2225 mm. 1140 mm Sbalzo anteriroe

1995 mm. 2195-2225 mm. 1140 mm Sbalzo anteriroe 1995 mm FUSO A Daimler Group Brand 3995 4985 5725 6470 7210 Lungh. max allest.** CANTER 7C15 (D) 2195-2225 mm 1140 mm Sbalzo anteriroe 2800 3400 3850 4300 4750 Passi 5135 5935 6685 7185 7735 Masse/Dimensioni

Dettagli

Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto Docente: prof. ing. Alfonso Micucci

Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto Docente: prof. ing. Alfonso Micucci Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto ELEMENTI DI TECNOLOGIA FERROVIARIA (3) 14 Aprile 2014 ore 14-16 Paolo Masselli Stesura parte del corso, esercitazioni, esami, tesi.

Dettagli

ANALISI DI UN SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA A SERVIZIO DI UN AREA VASTA

ANALISI DI UN SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA A SERVIZIO DI UN AREA VASTA ANALISI DI UN SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA A SERVIZIO DI UN AREA VASTA Massimo Losa Università di Pisa, Dipartimento di Ingegneria Civile - losa@ing.unipi.it Marino Lupi Università di

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

COMUNE DI MESSINA Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità APPENDICE A: CARATTERISTICHE DELLA DITTA PARTECIPANTE E DEL VEICOLO OFFERTO

COMUNE DI MESSINA Dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità APPENDICE A: CARATTERISTICHE DELLA DITTA PARTECIPANTE E DEL VEICOLO OFFERTO APPENDICE A: CARATTERISTICHE DELLA DITTA PARTECIPANTE E DEL VEICOLO OFFERTO FAC SIMILE A da redigere in carta semplice Da consegnare nella busta o plico offerta tecnica Ditta: (ragione sociale ed indirizzo)

Dettagli

Capacità e potenzialità di una linea (1/4)

Capacità e potenzialità di una linea (1/4) Capacità e potenzialità di una linea (1/4) Per due convogli/veicoli che si susseguono possono essere definiti due tipi di distanziamente: Distanziamento spaziale D SP : è la distanza che intercorre tra

Dettagli

Torino, 29 marzo 2012

Torino, 29 marzo 2012 Torino, 29 marzo 2012 1 "Il successo di un ramo secco: la Ferrovia della Val Venosta. La nascita e lo sviluppo di un Impresa Ferroviaria Die neue Vinschgerbahn 2 Val Venosta Vinschgau 3 1906 1991 1999

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

COMPANY PROFILE 2014. Produzione materiale rotabile ferroviario

COMPANY PROFILE 2014. Produzione materiale rotabile ferroviario COMPANY PROFILE 2014 Produzione materiale rotabile ferroviario La FERROSUD S.p.A. nasce nel 1963 con la missione di produrre materiale rotabile ferroviario. Si sviluppa su un area totale di 224.000 mq,

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE VADEMECUM PER L ENTE GESTORE Questo vademecum si rivolge agli enti gestori del trasporto pubblico e fornisce loro alcune indicazioni per migliorare il servizio offerto al passeggero disabile. TRASPORTO

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

Energia e Trasporti: Il Sistema dei Trasporti a Palermo

Energia e Trasporti: Il Sistema dei Trasporti a Palermo L efficientamento del Sistema dei Trasporti a Palermo Prof. Ing. TULLIO GIUFFRE Università degli Studi di Enna Kore Quali metodi o quali misure è possibile mettere in campo per rendere più efficiente la

Dettagli

AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE.

AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE. AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE L IMPOSSIBILE. V E I C O L I T R A S P O R T O L E G G E R O P I A G G I O. G R A N D I L A V O R A T O R I D I P I C C O L A T A G L I A. AGILE E COMPATTO, PUò CARICARE

Dettagli

PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA»

PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA» PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA» ASCENSORE «QUEZZI» L opera in oggetto consiste nella realizzazione di un ascensore inclinato per il trasporto pubblico di persone da Via Pinetti a Via Fontanarossa

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 20 giugno 2006) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

SYNCROFALKE. La torretta a fune universale

SYNCROFALKE. La torretta a fune universale La torretta a fune universale MM Sistemi a torretta ribaltabile SYNCROFALKE Innovazione dalla tradizione Le macchine forestali funicolari della casa Mayr-Melnhof sono macchine professionali impiegabili

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006. ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------

XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006. ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------ XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006 ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------ R04 NUOVO GARNEL SEGGIOVIA QUADRIPOSTO AD ATTACCO FISSO ----- PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

L esperienza del nuovo Tram su gomma

L esperienza del nuovo Tram su gomma L esperienza del nuovo Tram su gomma La Mobilità Elettrica nel territorio padovano 13 novembre, 2012 Una soluzione strutturale ai problemi della mobilità cittadina PADOVA > Abitanti: 220.000 > Numero totale

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Mission. L'obiettivo è strategico:

Mission. L'obiettivo è strategico: Livimetrò Mission L'obiettivo è strategico: o realizzare un sistema di trasporto di massa alternativo a quello su gomma con tecnologie fortemente innovative (metropolitana leggera), che consenta di raggiungere

Dettagli

IL CONTRIBUTO TPER PER IL TRASPORTO SOSTENIBILELE. ING. ANDREA BOTTAZZI Dirigente Manutenzione Mezzi TPER SpA

IL CONTRIBUTO TPER PER IL TRASPORTO SOSTENIBILELE. ING. ANDREA BOTTAZZI Dirigente Manutenzione Mezzi TPER SpA IL CONTRIBUTO TPER PER IL TRASPORTO SOSTENIBILELE ING. ANDREA BOTTAZZI Dirigente Manutenzione Mezzi TPER SpA Sommario - Tper spa la nuova azienda in pochi numeri - L evoluzione dei sistemi di trazione

Dettagli

La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di

La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di CONVEGNO SULLA MOBILITA SOSTENIBILE IN VAL DI FASSA 22 0TT0BRE 2004 tesi di laurea La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di Valeria Partel

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto ciò che riguarda la circolazione tramite diverse sistemi

Dettagli

FURGONE L1H1 29 2.0. FURGONE L1H1 27 2.0 HDi 125 FAP

FURGONE L1H1 29 2.0. FURGONE L1H1 27 2.0 HDi 125 FAP H1 27 H1 27 H1 29 2.0 H1 29 H1 29 H1 29 Normativa antinquinamento Euro 5 Euro 5 Euro 4 Euro 5 Euro 5 Euro 5 Cavalli fiscali - cv 17 20 20 17 20 20 Alesaggio e corsa - mm 75 88,3 85 88 85 88 75 88 85 x

Dettagli

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA 8 Congresso Nazionale CIRIAF Atti (Perugia 4/5 aprile 2008) SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA Fabio Maria Ciuffini 1, Michele Goretti 2, Leonardo Naldini 3 1 Studio Ciuffini

Dettagli

1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino

1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino 1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino BVG, che esercisce i servizi di mobilità collettiva nella città di Berlino, è la principale azienda di trasporto pubblico in Germania: trasporta 937 milioni

Dettagli

LA GALLERIA DI MONTE ZUCCO

LA GALLERIA DI MONTE ZUCCO LA GALLERIA DI MONTE ZUCCO Una grande opera per la ferrovia del Cadore di Federico Carraro 2^PARTE: I LAVORI La ripresa dei lavori e la talpa TBM L'impresa consortile vincitrice del nuovo bando di gara

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE Marzo 2016 CITROËN JUMPY MOTORIZZAZIONE. FURGONE L1H1 27 2.0 HDi 125. FURGONE L1H1 27 1.6 HDi 90. FURGONE L1H1 29 1.

CARATTERISTICHE TECNICHE Marzo 2016 CITROËN JUMPY MOTORIZZAZIONE. FURGONE L1H1 27 2.0 HDi 125. FURGONE L1H1 27 1.6 HDi 90. FURGONE L1H1 29 1. CITROËN JUMPY L1H1 27 1. HDi 90 L1H1 27 L1H1 29 1. HDi 90 L1H1 29 L1H1 29 2.0 HDi 10 Cavalli fiscali - cv 17 20 17 20 20 Alesaggio corsa - mm 77 x 88,3 85 x 88 75 x 88 85 x 88 85 x 88 Cilinidrata - cm

Dettagli

LEADER MONDIALE PER L ASSORBIMENTO D ENERGIA PARAURTI FERROVIARI PARAURTI FERROVIARI

LEADER MONDIALE PER L ASSORBIMENTO D ENERGIA PARAURTI FERROVIARI PARAURTI FERROVIARI LEADER MONDIALE PER L ASSORBIMENTO D ENERGIA PARAURTI FERROVIARI PARAURTI FERROVIARI OLEO INTERNATIONAL Oleo è un azienda leader specializzata nelle tecnologie di assorbimento dell energia d urto che fornisce

Dettagli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli 1 I bus elettrici a Torino LE ESIGENZE DA SODDISFARE Basso impatto ambientale Bassi consumi di combustibile

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

IL TRASPORTO FERROVIARIO

IL TRASPORTO FERROVIARIO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato del Turismo, delle Comunicazioni e dei Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni IL TRASPORTO FERROVIARIO ANNO 2003 Acquisizione ed elaborazione

Dettagli

Il sistema dei trasporti: generalità

Il sistema dei trasporti: generalità Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Il sistema dei trasporti: generalità Appunti a cura di Sergio d Elia Demetrio Festa Giuseppe Guido (BOZZA) Testo di riferimento Cantarella

Dettagli

M4 /Linea Lorenteggio - Linate. Commissione consiliare Mobilità - Ambiente - Arredo Urbano - Verde

M4 /Linea Lorenteggio - Linate. Commissione consiliare Mobilità - Ambiente - Arredo Urbano - Verde M4 /Linea Lorenteggio - Linate Commissione consiliare Mobilità - Ambiente - Arredo Urbano - Verde 21 maggio 2015 2 Il progetto La Linea M4 della metropolitana di Milano collega direttamente il centro della

Dettagli

METROPOLITANE. Gruppo 8: CREA CARMELA IANNO MARIANGELA LEUZZO ANTONINO FABIO MARINO TIZIANA. Docente: Ing. GIUNTA MARINELLA SILVANA

METROPOLITANE. Gruppo 8: CREA CARMELA IANNO MARIANGELA LEUZZO ANTONINO FABIO MARINO TIZIANA. Docente: Ing. GIUNTA MARINELLA SILVANA METROPOLITANE Docente: Ing. GIUNTA MARINELLA SILVANA Gruppo 8: CREA CARMELA IANNO MARIANGELA LEUZZO ANTONINO FABIO MARINO TIZIANA CONTENUTI 1. Generalità del trasporto collettivo metropolitano 2. Caratteristiche

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

Convegno nazionale CIFI SISTEMI METROPOLITANI A GUIDA AUTOMATICA

Convegno nazionale CIFI SISTEMI METROPOLITANI A GUIDA AUTOMATICA Convegno nazionale CIFI SISTEMI METROPOLITANI A GUIDA AUTOMATICA MOBILITA URBANA CON TRAZIONE A FUNE: A QUALI CONDIZIONI E CON QUALI EFFETTI SU SICUREZZA, CONSUMI ED AMBIENTE. Torino,, marzo 2012 APM L

Dettagli

@ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10

@ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10 @ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10 2 KANVAN DATI TECNICI Questa scheda tecnica indica solo i valori tecnici del carrello standard secondo la Direttiva VDI 2198. Gommature

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA TESI DI LAUREA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA TESI DI LAUREA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA Sistemi di trasporto "Personal Rapid Transit": analisi

Dettagli

LA GAMMA FULL HYBRID

LA GAMMA FULL HYBRID LA GAMMA FULL HYBRID I nuovi autobus ibridi Emissioni ancora inferiori, consumi ulteriormente ridotti. Il nostro sistema ibrido seriale a batterie è riconosciuto come il più adatto alle missioni urbane.

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 1 luglio 2014) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

1 Introduzione... 4. 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5. 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5

1 Introduzione... 4. 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5. 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5 2 di 11 INDICE 1 Introduzione... 4 2 Misura del diametro ruote procedura manuale... 5 2.1 Procedura per la misura del diametro ruote... 5 3 Misura del diametro ruote ricalibrazione automatica... 8 4 Misura

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

5.3.5.1. Sistemi di trasporto collettivo urbano ad elevate prestazioni

5.3.5.1. Sistemi di trasporto collettivo urbano ad elevate prestazioni Legge, in assenza di un progetto unitario, scenari alternativi, territorialmente parzializzati o non approvati da tutte le Amministrazioni comunali interessate, non saranno finanziati. 5.3.5.1. Sistemi

Dettagli

DRIVERLES E S: S Tec T nolo no gia d gia d v a an guar dia guar dia e design ital it ia al no nel mo ndo nel mo

DRIVERLES E S: S Tec T nolo no gia d gia d v a an guar dia guar dia e design ital it ia al no nel mo ndo nel mo DRIVERLESS: Tecnologia d avanguardia e design italiano nel mondo Torino - marzo 2012 1 Contratti driverless AB nel mondo Honolulu Copenhagen Milano Brescia Roma Salonicco Riyadh ( ) Taipei ( 臺 北 市 ) Un

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

STUDIO DI MASSIMA ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRAZIONE DI UNA VETTURA SPORTIVA IBRIDA PER DIVERSAMENTE ABILI

STUDIO DI MASSIMA ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRAZIONE DI UNA VETTURA SPORTIVA IBRIDA PER DIVERSAMENTE ABILI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA LABORATORIO CAD STUDIO DI MASSIMA ED OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRAZIONE DI UNA VETTURA SPORTIVA

Dettagli

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Corridoi del trasporto pubblico Eur-Tor de Cenci ed Eur Laurentina-Tor Pagnotta-Trigoria La mobilità

Dettagli

Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata

Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata 1 2 3 4 Nasce la Marconi Express, società di progetto per la realizzazione del People Mover 14/01/2010 Si chiama MARCONI

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE

ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI STRADE FERROVIE AEROPORTI Studente: Gaetano Passaro Matricola: 278723 ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

GLI IMPIANTI PER ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

GLI IMPIANTI PER ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova CONSULTA COMUNALE E PROVINCIALE PER I PROBLEMI DEGLI HANDICAPPATI - GENOVA PROGETTARE PER TUTTI Corso di Formazione Professionale per una Progettazione

Dettagli

SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale

SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale Art. 28. (art.18 Cod. Str.) Fasce di rispetto per l'edificazione nei centri abitati. Edificazioni Con strumenti urbanistici a) 30 m per le strade

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

MSI 20 T/25 T MSI 30 T/35 T

MSI 20 T/25 T MSI 30 T/35 T MSI 20 T/25 T MSI 30 T/35 T Capacità di sollevamento: 2000 / 2500 / 3000 / 3500 kg altezza di sollevamento da 3 a 6 m Motore Kubota Turbo: 60 cv 44 kw Trasmissione idrostatica MSI: un design esclusivo

Dettagli

Il sistema 3S. Visione generale

Il sistema 3S. Visione generale FUNIVIE TRIFUNE Il sistema 3S Visione generale Le funivie trifuni comprendono una fune traente e due funi portanti. Il sistema è dotato di morse ad ammorsamento automatico e offre una portata molto alta.

Dettagli

OFFERTA TECNICA PER L ACQUISTO DI AUTOBUS

OFFERTA TECNICA PER L ACQUISTO DI AUTOBUS FAC SIMILE DA REDIGERE IN CARTA SEMPLICE Identificativo LOTTO 2 DITTA : (ragione sociale) Indirizzo: Paese: Telefono Fax E-mail Sito internet Legale rappresentante Responsabile della Commessa Responsabile

Dettagli