Azienda Ospedaliera C. Poma DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE S. C. DI RIABILITAZIONE SPECIALISTICA E REUMATOLOGIA Mantova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda Ospedaliera C. Poma DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE S. C. DI RIABILITAZIONE SPECIALISTICA E REUMATOLOGIA Mantova"

Transcript

1 Azienda Ospedaliera C. Poma DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE S. C. DI RIABILITAZIONE SPECIALISTICA E REUMATOLOGIA Mantova Direttore: Giovanni Arioli 09/07/2014 1

2 La Riabilitazione nelle patologie degenerative articolari Roma 7 Giugno 2014 Giovanni Arioli 09/07/2014 2

3 Legenda Epidemiologia dell Osteoartrosi Disabilita dell Osteoartrosi Ruolo della Riabilitazione Percorso Riabilitativo Prevenzione Conclusioni 09/07/2014 3

4 Frequenza ed incidenza dell OA L OA è l affezione reumatica più frequente (72,6 % di tutte le malattie reumatiche, con 4 milioni di casi l anno) l OA del ginocchio e dell anca sono due delle manifestazioni più frequenti (25% anca e 27% ginocchio), dopo il rachide lombare (33%) e cervicale (30%) 09/07/2014 4

5 Frequenza dell OA nella popolazione in rapporto all età (Almeno un episodio clinico nel corso di un anno) % ETA' 09/07/2014 5

6 Costi dell Osteoartrosi Le spese annue dell OA sono proporzionalmente le più elevate (76,6 %) fra tutte le malattie reumatiche considerando ricoveri ospedalieri, prestazioni ambulatoriali, indagini diagnostiche, terapie termali ed indennità corrisposte ai lavoratori per invalidità 09/07/2014 6

7 Eziopatogenesi OA Selleam J. Berembaum F.La revue du praticien vol.62 Mai /07/2014 7

8 Osteoarthritis as a disease of mechanics Felson DT. Osteoarthritis Cartilage Jan;21(1):10-5. Mechanics means relating to or caused by movement or physical forces. osteoarthritis (OA) is almost always caused by increased physical forces causing damage to a joint. While examples of joint injury causing OA are numerous, I shall contend that most or almost all OA is caused in part by mechanically induced injury to joint tissues. 09/07/2014 8

9 L invalidità nell Osteoartrosi Fra tutte le malattie reumatiche l OA rappresenta la causa più frequente d invalidità (7,5% dei casi) a causa dell elevato numero di soggetti che ne sono affetti 09/07/2014 9

10 Valutazione della disabilità in pazienti con OA vs AR Disease Repercussion Profile (DRP) Punteggio medio di handicap (DRP) * * * * P <0.001 OA vs AR * OA AR 0 Attività funzionali Attività sociali Stato di salute Immagine proprio corpo Relazione con i familiari Stato socio economico 09/07/ Da: A.J. Carr (1999)

11 Scale di valutazione della disabilità Misurano l impatto algo-funzionale dell osteoartrosi (anca e ginocchio) WOMAC (WESTERN ONTARIO MCMASTER UNIVERSITIES OSTEOARTHRITIS INDEX) INDICE ALGOFUNZIONALE DI LEQUESNE 09/07/

12 WOMAC TM (Western Ontario and McMaster University Osteoarthritis Index) Scala sviluppata nel 1982; in seguito ha subito modifiche E un questionario autosomministrato e valuta i cambiamenti clinicamente significativi dello stato di salute dopo interventi terapeutici E formata da 24 quesiti; è disponibile in scala Likert e in formato VAS 100 mm, recentemente ne è stata proposta una versione abbreviata Valuta il dolore, la rigidità e la funzione 09/07/

13 Indice algofunzionale di Lequesne (ISOA Hip) E un indice algofunzionale della gravità dell osteoartrosi dell anca E un test autosomministrato E formato da 11 quesiti per un potenziale punteggio totale di 24; un punteggio pari o inferiore a 14 esprime una situazione di grave disabilità Valuta il dolore, la massima distanza percorribile a piedi, le attività della vita quotidiana 09/07/

14 Altre scale di valutazione della disabilità nell OA Hip disability and osteoarthritis outcome score (HOOS) Larson Rating Scale-Iowa Hip Rating System McMaster-Toronto Arthritis Scale (MACTAR) SF-36 Arthritis-Specific Health Index (ASHI) 09/07/

15 09/07/

16 L approccio riabilitativo nell osteoartrosi Possibili percorsi 09/07/

17 L osteoartrosi: quali problemi? TUMEFAZIONE DOLORE BLOCCO SALTUARIO LIMITAZIONE FUNZIONALE Globale o localizzato? 09/07/

18 Piramide terapeutica Osteoarthritis 2012 year in review: rehabilitation and outcomes E.M. Roos et al. 09/07/

19 Dalla Letteratura recente Aerobic activity in prevention and symptom control of osteoarthritis Semanik PA, et al.pm R.2012 May;4(5 Suppl):S The pathophysiology of osteoarthritis: a mechanical perspective on the knee joint Vincent KR, et al. PM R May;4(5 Suppl):S3-9. American College of Rheumatology 2012 recommendations for the use of nonpharmacologic and pharmacologic therapies in osteoarthritis of the hand, hip, and knee Hochberg MC, et al.american College of Rheumatology. Arthritis Care Res (Hoboken) Apr;64(4): Cost-effectiveness of nonpharmacologic, nonsurgical interventions for hip and/or knee osteoarthritis: systematic review Pinto D, et al. Value Health Jan;15(1):1-12 Osteoarthritis: diagnosis and treatment Sinusas K. Am Fam Physician Jan 1;85(1):49-56 A review of the clinical evidence for exercise in osteoarthritis of the hip and knee. Bennell KL, J Sci Med Sport Jan;14(1):4-9. Early management of osteoarthritis Altman RD. Am J Manag Care Mar;16 Suppl Management:S /07/

20 Experts opinion on the efficacy of different treatments Figure summarises the overall opinion of the experts on usefulness of each treatment modalities 09/07/ Pendleton, Arden, Dougados, 2000

21 Non pharmacologic treatment for OA of the knee (Felson DT Osteoarthritis of the Knee. N Engl J Med 2006; 354: 841-8) Treatment Exercise: resistence training aerobic Unloading: cane or crutch, weight loss Realignment: brace and patellar taping, shoe inserts Acupuncture Comment Progressive training, exerc. in a pool or partial-weightbearing exerc. A cane controlat. to the affectect knee, hand at the level of the greater trochanter When malalignment is noted on examination and pain is unresponsive to other treatments Reduce pain only moderately after several sessions 09/07/

22 Early management of osteoarthritis Altman RD. Am J Manag Care Mar;16 Suppl Management:S41-7. The European League Against Rheumatism (EULAR) has developed an elaborate system for diagnosis of OA of the hand. Several societies have developed therapeutic guidelines, with general overall agreement between publications. Therapy of OA is multimodal and requires a combination of pharmacologic and nonpharmacologic treatments. 09/07/

23 (Review) OARSI Osteoarthritis year 2011 in review: rehabilitation and outcomes A.M. Davis yz /07/

24 American College of Rheumatology 2012 Recommendations for the Use of Nonpharmacologic and Pharmacologic Therapies in Osteoarthritis of the Hand, Hip, and Knee MARC C. HOCHBERG, ROY D. ALTMAN, et al. Results. Both strong and conditional recommendations were made for OA management. Modalities conditionally recommended for the management of hand OA include instruction in joint protection techniques, provision of assistive devices, use of thermal modalities and trapeziometacarpal joint splints, and use of oral and topical nonsteroidal antiinflammatory drugs (NSAIDs), tramadol, and topical capsaicin. Nonpharmacologic modalities strongly recommended for the management of knee OA were aerobic, aquatic, and/or resistance exercises as well as weight loss for overweight patients. Nonpharmacologic modalities conditionally recommended for knee OA included medial wedge insoles for valgus knee OA, subtalar strapped lateral insoles for varus knee OA, medially directed patellar taping, manual therapy, walking aids, thermal agents, tai chi, selfmanagement programs, and psychosocial interventions. Arthritis Care & Research Vol. 64, No. 4, April 2012, pp /07/

25 EULAR recommendations for the non-pharmacological core management of hip and knee osteoarthritis. Fernandes L, et al. European League Against Rheumatism (EULAR). Ann Rheum Dis Jul;72(7): The 11 recommendations provide guidance on the delivery of non-pharmacological interventions to people with hip or knee OA. More research and educational activities are needed, particularly in the area of lifestyle changes. 09/07/

26 Chronic Disease Management A Review of Current Performance Across Quality of Care Domains and Opportunities for Improving Osteoarthritis Care Caroline A. Brand,et al. Rheum Dis Clin N Am 39 (2013) /07/

27 Progetto Riabilitativo nell OA Il progetto riabilitativo in un paziente con OA deve prevedere l effettuazione di un bilancio generale che consideri il paziente nella sua globalità tenendo conto del suo ambiente familiare, sociale e professionale 09/07/

28 Bilancio Generale Indagine anamnestica Identità Professione Stile di vita Antecedenti Trattamento medico in corso Vissuto psicologico del dolore 09/07/

29 Bilancio Articolare Esame obiettivo (ginocchio) Mobilità articolare Versamento articolare Estensione del ginocchio Ricerca di un flesso riducibile Rotazione tibiale Flessione 09/07/

30 Bilancio Articolare (ginocchio) Rilevazione di movimenti anomali (es. di lateralità ed a cassetto, in particolare negli stadi avanzati di una gonartrosi) Esame delle articolazioni vicine (rachide, anca e piede) 09/07/

31 Bilancio Funzionale Valutazione dell atteggiamento spontaneo dell arto inferiore Analisi del cammino, (per rilevare ad esempio una fuga di carico) Studio del paziente durante la salita e la discesa da una scala 09/07/

32 Bilancio Muscolare (ginocchio) Rilievo di un amiotrofia dei muscoli della coscia (vasto mediale) Esame del tono-trofismo di alcuni muscoli importanti per la deambulazione (quadricipite, ischiocrurali e rotatori) Riscontro di retrazioni (ischio-crurali, gemelli) 09/07/

33 09/07/

34 La Terapia Fisica nell OA Quali evidenze di efficacia EBM? 09/07/

35 Terapia fisica e OA Elettroterapia antalgica (diadinamiche, TENS, correnti interferenziali) Elettroterapia di stimolazione muscolare (es. correnti di Kotz) Ionoforesi con FANS Termoterapia esogena (infrarossi) Termoterapia endogena (onde corte,radar) Ultrasuoni Laserterapia Tecarterapia Energia vibratoria Campi elettromagnetici (magnetoterapia, CEMP) 09/07/

36 Terapia fisica nell OA Rehabilitation interventions for pain and disability in osteoarthritis Iversen MD. Am J Nurs Mar;112(3 Suppl 1):S32-7. Therapeutic ultrasound for osteoarthritis of the knee or hip Rutjes AW, et al. Cochrane Database Syst Rev Jan 20;(1):CD WITHDRAWN: Therapeutic ultrasound for treating patellofemoral pain syndrome Brosseau L1, et al. Cochrane Database Syst Rev Feb 28;2:CD Neuromuscular electrical stimulation for muscle strengthening in elderly with knee osteoarthritis - a systematic review de Oliveira Melo M, et al.complement Ther Clin Pract Feb;19(1): Electromagnetic fields for treating osteoarthritis Li S1, et al. Cochrane Database Syst Rev Dec 14;12:CD Osteoarthritis: physical medicine and rehabilitation nonpharmacological management Stemberger R1, et al. Wien Med Wochenschr May;163(9-10): /07/

37 Osteoarthritis: physical medicine and rehabilitation nonpharmacological management Stemberger R, et al. Wien Med Wochenschr May;163(9-10): Exercise is a core recommendation in all nonpharmacological guidelines for the management of patients with knee or hip OA; Therapeutic ultrasound, neuromuscular as well as transcutaneous electrostimulation, pulsed magnetic field therapy, low-level laser therapy, thermal agents, acupuncture, and assistive devices such as insoles, canes, and braces can be used additionally in a multimodal therapeutic program. 09/07/

38 09/07/

39 L Esercizio Terapeutico nell OA Quali evidenze di efficacia EBM? 09/07/

40 Esercizio terapeutico nell OA Tai Chi and yoga as complementary therapies in rheumatologic conditions Uhlig T. Best Pract Res Clin Rheumatol Jun;26(3): Physical exercise and reduction of pain in adults with lower limb osteoarthritis: a systematic review Escalante Y, et al. J Back Musculoskelet Rehabil. 2010;23(4): WITHDRAWN: Intensity of exercise for the treatment of osteoarthritis Brosseau L1, et al. Cochrane Database Syst Rev Feb 28;2:CD Evidence for determining the exercise prescription in patients with osteoarthritis Gaught AM, et al. Phys Sportsmed Feb;41(1): Osteoarthritis year in review: outcome of rehabilitation Davis AM, et al. Osteoarthritis Cartilage Oct;21(10): Epub 2013 Aug 11. Impact of exercise type and dose on pain and disability in knee osteoarthritis: a systematic review and meta-regression analysis of randomized controlled trials Juhl C, et al. Arthritis Rheumatol Mar;66(3): Systematic review of guidelines for the physical management of osteoarthritis Larmer PJ, et al. Arch Phys Med Rehabil Feb;95(2): /07/

41 Evidence for determining the exercise prescription in patients with osteoarthritis. Gaught AM, Carneiro KA. Phys Sportsmed Feb;41(1): Aerobic exercise, strengthening exercise, Tai chi, and aquatic exercise can all alleviate pain and improve function in patients with OA. The choice of the specific type and mode of delivery of the exercise should be individualized and should consider the patient's preferences. Ongoing monitoring and supervision by a health care professional are essential for patients to participate in and benefit from exercise. 09/07/

42 Exercise for lower limb osteoarthritis: systematic review incorporating trial sequential analysis and network metaanalysis. Uthman OA, et al. BMJ Sep 20;347:f5555. An approach combining exercises to increase strength, flexibility, and aerobic capacity is likely to be most effective in the management of lower limb osteoarthritis. The evidence is largely from trials in patients with knee osteoarthritis. 09/07/

43 Systematic review of guidelines for the physical management of osteoarthritis Larmer PJ, et al. Arch Phys Med Rehabil Feb;95(2): DATA SYNTHESIS: Seventeen guidelines with recommendations on the physical management of OA met the inclusion criteria and underwent a full critical appraisal. Recommendations were graded from "strongly recommended" to "unsupported." Exercise and education were found to be strongly recommended by most guidelines. CONCLUSIONS: Exercise and education were key recommendations supporting the importance of rehabilitation in the physical management of OA. This critical appraisal can assist health care providers who are involved in the management of people with OA. 09/07/

44 Impact of exercise type and dose on pain and disability in knee osteoarthritis: a systematic review and metaregression analysis of randomized controlled trials Juhl C, et al. Arthritis Rheumatol Mar;66(3): CONCLUSION: Optimal exercise programs for knee OA should have one aim and focus on improving aerobic capacity, quadriceps muscle strength, or lower extremity performance. For best results, the program should be supervised and carried out 3 times a week. 09/07/

45 Esercizio terapeutico Mobilizzazioni segmentarie con rinforzo del quadricipite (isometrico, isotonico. isocinetico) Esercizi isotonici in catena cinetica chiusa (più efficaci) ed aperta Esercizi isometrici quando il dolore è importante Esercizi propriocettivi 09/07/

46 Rinforzo muscolare Esercizi guidati e contro resistenza progressiva mantenendosi sotto la soglia algica Allenamento con attività prevalentemente in scarico articolare di tipo isometrico Rinforzo muscolare svolto a tutti i gradi di flessione del ginocchio Bulthuis Y. Et al. Arthritis Rheum ; /07/

47 Osteoarthritis of the knee: why does exercise work? A qualitative study of the literature Beckwée D, et al. Ageing Res Rev Jan;12(1): The effectiveness of exercise to reduce pain and improve functioning in osteoarthritis of the knee (OAk) is well substantiated. Underlying mechanisms are still under debate and better understanding of the pathways involved may contribute to more targeted treatment strategies. 09/07/

48 Esercizi attivi Esercizi per il quadricipite:questo muscolo rappresenta il baluardo antiflesso, quindi deve essere recuperato e potenziato, utile è l attività fisica con esercizi ciclici e ripetitivi per il rinforzo del vasto mediale Doi T et al. Am J Phys Med Rehabil. 2008; 87(4): Esercizi per i flessori: anche gli ischio-crurali contribuiscono alla stabilità del ginocchio e quindi la coppia estensori-flessori non deve mai essere squilibrata Hortobagyi T. et al Clin Biomech /07/

49 Rinforzo muscolare (Mantenere l equilibrio tra flessori ed estensori) Durante l effettuazione delle ADL si può verificare un abnorme attivazione dei muscoli flessori del ginocchio con un aggravamento della patologia osteoartrosica determinata da un alterata distribuzione dei carichi. Hortobagyi T. et al Clin Biomech /07/

50 Rinforzo muscolare isometrico e fluidi articolari Sembra dimostrato che tecniche di rinforzo isometrico del quadricipite possano modificare biochimicamente i fluidi articolari (effetto positivo dell esercizio terapeutico?) Miyaguchi M. Ost. Cart /07/

51 Effetto dell ET sul glicosaminoglicano (GAG) cartilagineo Positive effects of moderate exercise on glycosaminoglycan content in knee cartilage: a four-month, randomized, controlled trial in patients at risk of OA Rose EM Arthritis and Rheumatism, 2005, vol. 52 n. 11 pg Moderate Exercise may be a good treatment not only to improve symptoms and funtions, but also to improve the knee cartilage GAG 09/07/

52 Isocinetica Il training isocinetico utilizzando contrazioni concentriche-eccentriche ha dimostrato di migliorare la funzione e la sintomatologia algica (c. concentriche) Gur H. A. P. M. Rehab /07/

53 Trattamento isocinetico ALLENAMENTO CON ANDAMENTO DI TIPO PIRAMIDALE CONTRAZIONE CONCENTRICA/CONCENTRICA MOVIMENTO DI FLESSO/ESTENSIONE IMPOSTATO NELL ARCO NON DOLOROSO 09/07/

54 Isocinetica e trattamento convenzionale nella gonartrosi Arioli G. et al E.M.P TRATTAMENTO ISOCINETICO TRATTAMENTO CONVENZIONALE Miglioramento del quadricipite femorale soprattutto a basse velocità angolari che permane nel tempo Miglioramento del gruppo flessorio soprattutto ad alte velocità angolari che si evidenzia a lungo termine ENTRAMBI Migliorano in modo equivalente nelle valutazioni soggettive 09/07/

55 Esercizi propriocettivi Gli esercizi propriocettivi, secondo Freeman, migliorano la stabilità articolare, sia in catena cinetica chiusa che aperta, sollecitando riflessi di difesa e coordinazione 09/07/

56 Valutazione e Riprogrammazione Visuo- Propriocettiva Prove di stabilità eseguite con un nuovo strumento, stazione posturale propriocettiva elettronica (DPPS, Delos, Torino Italy) collegata ad un pc con software specifico (DPPS 5.0), lettore posturale elettronico (DVC, Delos Vertical Controller), una barra sensorizzata e un diplay. Il DVC, applicato allo sterno, misura l inclinazione del tronco sul piano frontale, sagittale mediante un accelerometro bidimensionale Riva D, et al. Hindawi Publishing Corporation Journal of Aging Research Volume 2013, Article ID , 14 pages 09/07/

57 Considerazioni critiche sull esercizio terapeutico Le tecniche di rinforzo del muscolo quadricipite in soggetti che presentano un osteoartrosi con disallineamento dei segmenti articolari o lassità legamentosa, potrebbero determinare un possibile peggioramento evolutivo dell OA. Bennell K, et al. Compr Physiol Oct;1(4): Sharma L. et al. Annals Intern. Medicine 2003; 138: /07/

58 Lo svolgimento delle ADL è un fattore di rischio per lo sviluppo di coxartrosi Il rischio aumenta con l intensità e la durata dell attività Può essere tuttavia svolta un attività fisica intensa, ammesso che questa non provochi dolore e non comporti un aumentato rischio di traumi Livello di evidenza B Attività sportive e ricreative ad alto impatto sono un fattore di rischio per OA di ginocchio ed anca Livello di evidenza A OA clinica e/o radiografica non controindicano lo svolgimento di attività fisica Livello di evidenza C C è una correlazione tra attività occupazionali e OA di anca e ginocchio Livello di evidenza A Non esistono evidenze per consigliare esercizi statici piuttosto che dinamici. Un criterio di scelta può essere la preferenza del paziente Livello di evidenza A 09/07/ OASIS Vignon E Joint Bone Spine 2006 Jul

59 Exercise and osteoarthritis: cause and effects Bennell K, et al. Compr Physiol Oct;1(4): There is currently little clinical trial evidence to show that exercise can alter mechanical load and structural disease progression in those with established OA, although a number of impairments, that are amenable to change with exercise, appears to be associated with increased mechanical load and/or disease progression in longitudinal studies. 09/07/

60 Le ortesi nell OA Nel ginocchio artrosico ad esempio, le indicazioni all utilizzo delle ortesi sono piuttosto limitate ad eccezione dei casi caratterizzati da una grave instabilità articolare che pregiudica nel paziente la possibilità di effettuare le ADL 09/07/

61 The role of bracing Briem K, et al. Sports Med Arthrosc 2013 Mar;21(1):11-7. Benefits were demonstrated during walking and during more demanding functional measures such as running and negotiating stairs. No studies have investigated the efficacy of bracing for relatively young athletic OA patients and, thus, the role of bracing for this population during sports remains unclear. 09/07/

62 Consigli pratici per il paziente evitare il sovraccarico ponderale evitare le posizioni accosciate od in ginocchio evitare le lunghe passeggiate su terreni accidentati limitare l uso delle scale 09/07/

63 Obesità ed OA Sellam J, Berenbaum F. Rev Prat May;62(5): /07/

64 Osteoarthritis and obesity Sellam J, Berenbaum F. Rev Prat May;62(5): Obesity is one of the risk factors for hip or knee osteoarthritis (OA), since mechanical overload on weight-bearing joints activates chondrocytes and accelerates cartilage degeneration. Surprisingly, obesity and overweight also contribute to hand OA due to a systemic effect involving the proinflammatory and -degenerative role of some adipokines, secreted by adipose tissue, as well as some joint cells. Early-onset OA should lead to suspect a potential metabolic syndrome. Weight loss strategies remain a valuable therapeutic approach to prevent OA and reduce its symptoms, and must be associated with physical activity to allow for optimal outcomes. 09/07/

65 Tackling obesity in knee osteoarthritis Wluka AE, et al. Nat Rev Rheumatol Apr;9(4): Obesity increases the risk of knee OA by a variety of mechanisms, such as increased joint loading and changes in body composition, with detrimental effects related to metainflammation and behavioural factors, including diminished physical activity and subsequent loss of protective muscle strength. Weight loss reduces the risk of incident knee OA, and, in established disease, reduces symptoms, improves function and is likely to reduce disease progression. 09/07/

66 09/07/

67 Programma riabilitativo nell osteoartrosi dell anca 09/07/

68 Esercizi per migliorare il range di movimento e l elasticità Gli esercizi per migliorare l elasticità ed il range di movimento permettono di prevenire le contratture muscolari Il lavoro del FT dovrà essere orientato sui muscoli ileopsoas, retto femorale e adduttori, che spesso sono accorciati Obiettivi: mantenere l estensione totale dell anca e almeno 30 di flessione Stretching per sec. Con esercizi effettuati 5-6 volte al giorno o almeno 3 volte alla settimana 09/07/

69 Esercizi di potenziamento I muscoli che dovrebbero essere coinvolti negli esercizi di strengthening (potenziamento) sono: adduttori, abduttori ed estensori Le contrazioni non dovrebbero essere inferiori ai 6 sec., dovrebbero essere ripetute 8-10 volte, con 20 sec. d intervallo e con un carico pari al 40-60% della max contrazione volontaria All inizio possono essere sufficienti 6-15 ripetizioni, 2-3 volte alla settimana muscolare American Geriatrics S.Pannel on Exer. On OA /07/

70 Esercizi aerobici L attività aerobica è sicuramente indicata nel paziente con coxartrosi e comprende: esercizi in acqua, nuoto, bicicletta, sci e danza Gli esercizi non devono esacerbare il dolore L intensità dovrebbe essere compresa fra il 50-60% della max frequenza cardiaca consentita dall età del paziente La frequenza del training dovrebbe essere di 3-5 volte alla settimana per minuti Il salire le scale ed il jogging rappresentano invece esercizi da sconsigliare 09/07/

71 Manipolazioni articolari in decoaptazione coxofemorale Le manipolazioni articolari hanno dimostrato di migliorare la sintomatologia algica e la funzione articolare, riducendo la rigidità articolare nel soggetto con OA dell anca, ma non pare abbiano effetti duraturi, anche se, in un lavoro di Hoeksma del 2004, le manipolazioni sembrano addirittura avere un efficacia superiore ad un programma di esercizi terapeutici Cyriax J Arvidson I Hoeksma HL Brantingham JW, et al. J Manipulative Physiol Ther Feb;35(2): /07/

72 Manipulative therapy for lower extremity conditions: update of a literature review Brantingham JW, et al. J Manipulative Physiol Ther Feb;35(2): Regarding MT for common lower extremity disorders, there is a level of B (fair evidence) for short-term and C (limited evidence) for long-term treatment of hip osteoarthritis. There is a level of B for short-term and C for long-term treatment of knee osteoarthritis, patellofemoral pain syndrome, and ankle inversion sprain. 09/07/

73 Consigli per la protezione dell anca (Economia articolare) Deambulare lentamente ed effettuare esercizi con un carico ridotto Evitare il massimo carico isometrico e le contrazioni ad alta velocità muscolare Ridurre l uso delle scale, delle seggiole basse e gli inginocchiamenti Non portare pesi superiori al 10% del peso corporeo Usare un bastone dal lato opposto all articolazione interessata dal danno cartilagineo Scegliere scarpe con suole antishock Stener-Victorin E. et al Clin J Pain /07/

74 Termalismo 09/07/

75 Termalismo (terapia in ambiente termale) Le Spa (Salus per aquam) hanno avuto in questi anni un notevole impulso e certamente possono essere un utile complemento in un programma riabilitativo integrato dell osteoartrosi 09/07/

76 Systematic review and meta-analysis comparing land and aquatic exercise for people with hip or knee arthritis on function, mobility and other health outcomes Batterham SI, Heywood S, Keating JL. BMC Musculoskelet Disord Jun 2;12:123. Outcomes following aquatic exercise for adults with arthritis appear comparable to land based exercise. When people are unable to exercise on land, or find land based exercise difficult, aquatic programs provide an enabling alternative strategy. 09/07/

77 Clinical effectiveness of mud pack therapy in knee osteoarthritis Espejo-Antúnez L, et al. Rheumatology (Oxford) Apr;52(4): Mud pack therapy is considered an alternative and effective therapy in the clinical management of knee OA. Studies with better methodology are needed to prove its scope. 09/07/

78 Controindicazioni alla Fangobalneoterapia Assolute gravidanza febbre ipotensione marcata ipertensione grave compromissione CV TBC malattie renali acute e subacute flebiti e varici ulcerate osteoporosi grave arteriosclerosi cerebrale esaurimento nervoso neoplasie Relative età avanzata ipertensione lieve cardiopatie valvolari in equilibrio emodinamico ipercloridria ed ulcera gastroduodenale varici anemia deperimento organico grave obesità patologica 09/07/

79 Conclusioni (1) Le conoscenze sull osteoartrosi non hanno ancora chiarito tutti gli aspetti eziopatogenetici relativi alla maggior parte dei casi di questa patologia L approccio riabilitativo ed in particolare l esercizio terapeutico hanno dimostrato di migliorare significativamente la qualità della vita del paziente, limitando il ricorso ad un trattamento farmacologico potenzialmente dannoso Wetzels R. et al. BMC Fam. Pract. 2008, 28; 9:7 Juhl C, et al. Arthritis Rheumatol Mar;66(3): /07/

80 Conclusioni (2) Non vi sono evidenze che la terapia fisica, possa migliorare significativamente la sintomatologia algica e la funzione articolare nei pazienti con OA Mentre sembra essere importante, oltre all esercizio terapeutico, il rispetto delle norme di economia articolare ed il controllo del carico articolare Delarue Y et al. Ann. Readapt. Med Phys 2007; 50: , Larmer PJ, et al. Arch Phys Med Rehabil Feb;95(2): /07/

81 GRAZIE 09/07/

Medicina di iniziativa per il paziente esperto

Medicina di iniziativa per il paziente esperto Progetto di adattamento locale di Linee Guida sull osteoartrosi per migliorare la pratica clinica quotidiana Medicina di iniziativa per il paziente esperto Giorgia Squeri Francesca Doronzo Marco Lombardi

Dettagli

SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007

SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007 SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007 AZIENDA OSPEDALIERA "C. POMA" (Mantova) Dipartimento di Medicina U. O. di Riabilitazione Specialistica Divisione di RRF e Reumatologia Direttore: G. Arioli DISABILITA

Dettagli

La Scuola americana nella progettazione delle ortesiplantari

La Scuola americana nella progettazione delle ortesiplantari La Scuola americana nella progettazione delle ortesiplantari Dott. S. Di Renzo FOOT ORTHOSES: ancient definition Saunders W.B. 1974 : Orthopedic appliance used to support support,, align, prevent or correct

Dettagli

SPONDILITE ANCHILOSANTE E FISIOTERAPIA : QUALI EVIDENZE SCIENTIFICHE? www.fisiokinesiterapia.biz

SPONDILITE ANCHILOSANTE E FISIOTERAPIA : QUALI EVIDENZE SCIENTIFICHE? www.fisiokinesiterapia.biz SPONDILITE ANCHILOSANTE E FISIOTERAPIA : QUALI EVIDENZE SCIENTIFICHE? www.fisiokinesiterapia.biz E un reumatismo infiammatorio cronico che coinvolge articolazioni e legamenti dello scheletro assiale. Interessate

Dettagli

NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI

NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI Le terapie riabilitative nelle fasi precoci dell Artrite Reumatoide Clinical guideline for the diagnosis and management of early rheumatoid

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

LA GONALGIA NELL'ANZIANO

LA GONALGIA NELL'ANZIANO LA GONALGIA IN ETA' GIOVANILE E NELLA POPOLAZIONE ADULTA. ALGORITMI DIAGNOSTICOTERAPEUTICI Fiumicino, 21 febbraio 2009 Via F. Brandileone, 17 - Aranova Parte 3a. LA GONALGIA NELL'ANZIANO Dr. Gianluca Cinotti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA n 1/2003

COMUNICATO STAMPA n 1/2003 !!" #$ $! %&' (&' )!!" *! *+,#!%-$./! *+,#!%+# 01 2 * ""!"-3 14 Indice COMUNICATO STAMPA n 1/2003 23 luglio 2003 Rinforza per star meglio. Da una prestigiosa rivista la dimostrazione di come non basti

Dettagli

Presentata da: Fabio Gagliardi

Presentata da: Fabio Gagliardi Anno Accademico 25/6 Tesi di Laurea LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DEL TRAINING DI RINFORZO MUSCOLARE NEI PAZIENTI CON ESITI DI STROKE: REVISIONE DELLA LETTERATURA Presentata da: Fabio Gagliardi Relatore:

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

L EVIDENZA CLINICA IN RIABILITAZIONE: LASERTERAPIA

L EVIDENZA CLINICA IN RIABILITAZIONE: LASERTERAPIA L EVIDENZA CLINICA IN RIABILITAZIONE: LASERTERAPIA GENERALITÀ SULLE TERAPIE FISICHE Energia fisica strumentale a scopo terapeutico Grande utilizzo Efficacia controversa Maggiore rigore scientifico Minore

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE Via Amadeo 24, 20133 Milano Via Vivaio 22, 20122 Milano Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 E-mail: info@oasiortopedia.it E-mail: l.boldrini@isokinetic.com Pagina web: www.oasiortopedia.it

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Trauma cervicale minore: linee guida immobilizzazione e terapia

Trauma cervicale minore: linee guida immobilizzazione e terapia Dr.A.Tabano Trauma cervicale minore: definizione Evento traumatico con prognosi benigna che coinvolge il tratto del rachide cervicale senza generare lesioni tissutali che causino sintomi neurologici nell

Dettagli

muscolo-scheletrichescheletriche

muscolo-scheletrichescheletriche Abilità motorie e problematiche muscolo-scheletrichescheletriche Dr. Ilaria Baroncini Dr. Silvia Olivi Abilità motorie La lesione midollare (SCI) accentua il calo fisiologico dei diversi apparati causati

Dettagli

Diseases. Authors: Cucci M.*, Garofano G.*, A. * Istituto Superiore di Agopuntura Medical Director Istituto Geriatrico P. Redaelli of Vimodrone (Mi)

Diseases. Authors: Cucci M.*, Garofano G.*, A. * Istituto Superiore di Agopuntura Medical Director Istituto Geriatrico P. Redaelli of Vimodrone (Mi) Acupuncture and Geriatrics: Efficiency of the Treatment of the Degenerative Joint Diseases Authors: Cucci M.*, Garofano G.*, Pirino A.*, Geroldi G.*, Frustaglia A. * Istituto Superiore di Agopuntura Medical

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer FT Anita Birignani ASP Montedomini Firenze Centro Diurno Alzheimer custodia o cura Uno sguardo alla letteratura Criticità La teoria applicata alla

Dettagli

La gestione dello sportivo infortunato

La gestione dello sportivo infortunato La gestione dello sportivo infortunato Dr. Alessandro Valent Specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa Membro Italian Society of Muscle, Ligaments and Tendons (I.S.Mu.L.T.) Infortunio sportivo Un

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

Rachialgie infiammatorie: l approccio riabilitativo nella Spondilite Anchilosante G. Arioli, S. Canazza, M. Manfredini

Rachialgie infiammatorie: l approccio riabilitativo nella Spondilite Anchilosante G. Arioli, S. Canazza, M. Manfredini Rachialgie infiammatorie: l approccio riabilitativo nella Spondilite Anchilosante G. Arioli, S. Canazza, M. Manfredini Azienda Ospedaliera C. Poma, Mantova Dipartimento di Riabilitazione Unità Operativa

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma La prevenzione della fragilità Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma FRAILTY is one of those complex terms with multiple and slippery meanings Kaufman SR. The social construction of

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

5 febbraio 2011 Bollate Dr. Carlo Cardile Infiltrazioni ecoguidate coxo-femorale

5 febbraio 2011 Bollate Dr. Carlo Cardile Infiltrazioni ecoguidate coxo-femorale 5 febbraio 2011 Bollate Dr. Carlo Cardile Infiltrazioni ecoguidate coxo-femorale L osteoartrosi è una malattia degenerativa in cui il dolore e la graduale perdita della funzione articolare sono associati

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA

ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA ESERCIZIO TERAPEUTICO E TERAPIA MANUALE PER L OSTEOARTROSI DELL ANCA REVISIONE DELLA LETTERATURA Parazza Sergio FT, Fisioterapista Romeo Antonio FT, Master in T.M. e Riabilitazione Muscoloscheletrica UNIPD

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO.

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. FASE PREOPERATORIA conoscenza del lavoro conoscenza dell'ambiente adattamento strutturale alle nuove

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

La riabilitazione del legamento collaterale mediale

La riabilitazione del legamento collaterale mediale La riabilitazione del legamento collaterale mediale E. Trucco C. Laura Palestra Bussana - Struttura Complessa RRF Direttore: dott. E. Trucco La lesione del LCM è la più frequente tra lesioni periferiche

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello PATOLOGIE DEL CORRIDORE Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello L ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA FASCITE PLANTARE Sintomi: Dolore acuto e intenso

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue «Etica e Ricerca per assistere e curare in oncologia» III Congresso Nazionale AIIAO Ancona, 29-31 Maggio 2014 Carla Pedrazzani Istituto Oncologico della

Dettagli

Trattamento rieducativo dell instabilità lombosacrale

Trattamento rieducativo dell instabilità lombosacrale Convegno Interdisciplinare Il Mal di Schiena Oggi: tra dubbi e certezze Attualità nella pratica clinica quotidiana Rimini, 21 aprile 2007 Trattamento rieducativo dell instabilità lombosacrale Carla Vanti

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELLA FASCITE PLANTARE

TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELLA FASCITE PLANTARE TRATTAMENTO RIABILITATIVO DELLA FASCITE PLANTARE Dott.ssa Theodoridou Efstathia Theodoridou Efstathia Medico in Formazione Specialistica Progetto Riabilitativo Consentire al soggetto il ritorno alle attività

Dettagli

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health)

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health) Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico-assistenziale Centro Studi EBN Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi Qualità di vita e ICF

Dettagli

Aspetti Economici delle malattie reumatiche

Aspetti Economici delle malattie reumatiche Aspetti Economici delle malattie reumatiche Federico Spandonaro Barbara Polistena CEIS Sanità - Univ. di Roma Tor Vergata Si ringrazia il Prof. Mennini per i dati forniti Spandonaro F. Polistena B. CEIS

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

La terapia non chirurgica!

La terapia non chirurgica! La gestione dell incontinenza urinaria da sforzo, costi sociali e qualità di vita!! La terapia non chirurgica!! GF. Lamberti!! Commissione Riabilitazione SIUD!! ambulatorio riabilitazione perineale! ASL

Dettagli

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele I programmi per l autismo: obiettivi di programmazione e garanzie di verifica

Dettagli

Artrosi del ginocchio. Trattamenti efficaci

Artrosi del ginocchio. Trattamenti efficaci Artrosi del ginocchio Trattamenti efficaci Artrosi del ginocchio: trattamenti efficaci (*) *una successiva analisi combinata 2 però ha dato risultati molto inferiori, senza efficacia a lungo termine Tra

Dettagli

Medicina Fisica e Riabilitativa. Nome Unità Operativa Indirizzo Telefono Email (max 6 righe totali)

Medicina Fisica e Riabilitativa. Nome Unità Operativa Indirizzo Telefono Email (max 6 righe totali) Medicina Fisica e Riabilitativa La valutazione obiettiva del percorso nel trattamento precoce delle protesi di anca e ginocchio Revisione della letteratura - Aprile 2011 Autori: Morri Mattia, Barbieri

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli

Dalla semeiotica alla Sguardodiagnosi Prof Valter Santilli

Dalla semeiotica alla Sguardodiagnosi Prof Valter Santilli ROME REHABILITATION 2013 CASE REPORT: NON SEMPRE È COME SEMBRA INNOVAZIONI NELLA RIABILITAZIONE MUSCOLOSCHELETRICA LETTURA MAGISTRALE: Dalla semeiotica alla Sguardodiagnosi Prof Valter Santilli Traslazionalità

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Il trattamento riabilitativo nelle Spondiloartriti

Il trattamento riabilitativo nelle Spondiloartriti Il trattamento riabilitativo nelle Spondiloartriti Rosalba Sgarlata U.O.C. di Medicina fisica e Riabilitazione P.O. Biancavilla Direttore G. Scaglione Spondiloartriti Sono una vasta famiglia di malattie

Dettagli

Oppioidi e Cefalea. Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda

Oppioidi e Cefalea. Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda Oppioidi e Cefalea Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda Premesse (1) La cefalea è uno dei principali motivi di visite mediche sia specialistiche che presso

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA LOMBALGIA Foad Aodi e P.M. Baleanu (Presidente e Segretario Associazione Medici Origine Straniera in Italia - A.M.S.l.

LA RIABILITAZIONE DELLA LOMBALGIA Foad Aodi e P.M. Baleanu (Presidente e Segretario Associazione Medici Origine Straniera in Italia - A.M.S.l. LA RIABILITAZIONE DELLA LOMBALGIA Foad Aodi e P.M. Baleanu (Presidente e Segretario Associazione Medici Origine Straniera in Italia - A.M.S.l.) (articolo tratto dal Bollettino Dell Ordine Provinciale dei

Dettagli

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici Cattedra e U.O.C. di Reumatologia Università-Azienda Ospedaliera di PADOVA EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici La ricerca scientifica termale si

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Convegno. 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it

Convegno. 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it Convegno 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it Criteri di appropriatezza clinica, tecnologica e strutturale nell assistenza all anziano La fragilità Niccolò

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

L intervento riabilitativo nel paziente con SLA SLA 2010 DALLA RICERCA ALLE CURE PALLIATIVE -30 ottobre 2010- Livia Colla SOC Medicina Riabilitativa-P.O.Casale M.to- ASLAL Riabilitazione un processo di

Dettagli

Terapia con RESON AGE Nella patologia Artrosica: Studio Osservazionale

Terapia con RESON AGE Nella patologia Artrosica: Studio Osservazionale Presidio Ospedaliero di Cittadella Unità Operativa Autonoma ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA DEL DOLORE Direttore: Dott. Giandomenico BABBOLIN Via Riva Ospedale 35013 Cittadella / Padova Tel. 049.942.48.01/3

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Istituto Scientifico Italiano Colonna vertebrale Fabio Zaina, Stefano Negrini Il ruolo delle ortesi spinali nel progetto riabilitativo La Scoliosi: il terremoto della colonna vertebrale Scoliosi Deformità

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

Fitness e risposte affettive

Fitness e risposte affettive Federazione Ginnastica d Italia C.R. Lombardia CORSO di FORMAZIONE ATTIVITA MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI MILANO, sabato 5 ottobre 2013 Fitness e risposte affettive Matteo Vandoni Ricercatore

Dettagli

adidas Wellness Medical - Center, England 2002

adidas Wellness Medical - Center, England 2002 Può il Sistema aquamassage essere utilizzato come metodo curativo per i dolori della zona lombare? adidas Wellness Medical - Center, England 2002 Catherine Alexander, L. Dorian Dugmore, Louise Dickinson,

Dettagli

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia HOT TOPICS MALATTIA METASTATICA Malattia Ormonosensibile Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia MALATTIA METASTATICA ORMONOSENSIBILE Nel paziente in

Dettagli

Benessere. Area benessere. Wellness Area

Benessere. Area benessere. Wellness Area Benessere Area benessere Wellness Area Disponibili in tre versioni: Three versions available: Pali zincati e verniciati (RAL 2003) Galvanized and painted poles (RAL 2003) Gli attrezzi rispettano le norme

Dettagli

STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease)

STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease) ABSTRACT STUDIO CO.ME.TA M.S.A.D. STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease) UTILIZZO DI UN DISPOSITIVO MEDICO COPRIMED-ARIA, COME COMPONENTE TERAPEUTICO NELTRATTAMENTO

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione

La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione La promozione del Movimento nei percorsi di cura e guarigione Dott.ssa Barbara Ilari U.O. Medicina dello Sport Ausl Reggio Emilia American Cancer Society Guidelines on Nutrition and Physical Activity for

Dettagli

Artrosi: epidemiologia

Artrosi: epidemiologia OsteoArtrosi Artrosi: definizione L Artrosi è un degenerativa dell equilibrio e fenomeni articolare. che processo trae fisiologico tra patologico origine riparativi a livello di dalla fenomeni della natura

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano

Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano Daniele Sancarlo Laboratorio di Geriatria e Gerontologia, IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo (FG) Informatica

Dettagli

MANAGEMENT DEL DOLORE NEL PAZIENTE CON LOMBOSCIATALGIA

MANAGEMENT DEL DOLORE NEL PAZIENTE CON LOMBOSCIATALGIA LA FORMAZIONE A DISTANZA PER LA PROFESSIONE MEDICA PROVIDER FENIX - ID 331 Periodo di svolgimento: Data inizio 01/10/2013 Data fine 30/09/2014 RAZIONALE La lombosciatalgia è una forma di neuropatia periferica

Dettagli

Esami a pioggia o mirati

Esami a pioggia o mirati Rimini, 23 marzo 2011 Esami a pioggia o mirati Daniela Spettoli WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health Criteri di valutazione di uno screening 22

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

seconda che il trattamento riguardi la fase acuta o post-acuta di una malattia.

seconda che il trattamento riguardi la fase acuta o post-acuta di una malattia. Riabilitazione Il processo di Riabilitazione Funzionale completa il percorso che la Casa di Cura Frate Sole mette in atto per attuare una globale presa in carico del paziente ortopedico. A fronte delle

Dettagli

Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013

Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013 Lesione muscolare: non solo un male dell'atleta agonista, ma di ogni sportivo. MT Pereira Ruiz, Clinica Montallegro, Genova 18 aprile 2013 LE LESIONI MUSCOLARI SONO TRA I PIU COMUNI TRAUMI IN MEDICINA

Dettagli

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2

L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 L esercizio fisico, un nuovo farmaco: La prevenzione nel diabete di tipo 2 Bologna 22 febbraio 2014 Ida Blasi Diabetologia & Metabolismo U.O. C. di Medicina Interna Direttore: Stefano Bombarda Ospedale

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

Consensus italiana sulle raccomandazioni dell EULAR 2003 per il trattamento dell artrosi del ginocchio

Consensus italiana sulle raccomandazioni dell EULAR 2003 per il trattamento dell artrosi del ginocchio LAVORO ORIGINALE Reumatismo, 2004; 56(3):190-201 Consensus italiana sulle raccomandazioni dell EULAR 2003 per il trattamento dell artrosi del ginocchio Italian consensus on Eular 2003 recommendations for

Dettagli

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra?

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra? Strumenti per la sorveglianza e la presa in carico dei soggetti autistici: il ruolo dei pediatri 27 29 novembre 2013 Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per

Dettagli

Implicazioni ostetriche del dolore sessuale femminile

Implicazioni ostetriche del dolore sessuale femminile Implicazioni ostetriche del dolore sessuale femminile Aspetti relazionali e sociali del dolore sessuale femminile 33 Il punto di vista del fisioterapista A. Bortolami Fisioterapista Libero Professionista,

Dettagli

SORBITOLO: UN ELEMENTO CHIAVE

SORBITOLO: UN ELEMENTO CHIAVE SORBITOLO: UN ELEMENTO CHIAVE I radicali liberi sono la causa dell infiammazione e del danno tissutale 1,2. Il sorbitolo presente in SYNOLIS V-A neutralizza efficacemente i radicali liberi ed ha quindi

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE + SINTESI FRATTURA PIATTO TIBIALE

RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE + SINTESI FRATTURA PIATTO TIBIALE Via Amadeo 24, 20133 Milano Via Vivaio 22, 20122 Milano Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 E-mail: info@oasiortopedia.it E-mail: l.boldrini@isokinetic.com Pagina web: www.oasiortopedia.it

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

INNOVAZIONE ED EVIDENZE NEL CAMPO DEI DISPOSITIVI Moderatori: S. Trippoli, Prato; P. Lago, Pavia

INNOVAZIONE ED EVIDENZE NEL CAMPO DEI DISPOSITIVI Moderatori: S. Trippoli, Prato; P. Lago, Pavia 14 settembre ore 09.00 10.30 Sessione Parallela B INNOVAZIONE ED EVIDENZE NEL CAMPO DEI DISPOSITIVI Moderatori: S. Trippoli, Prato; P. Lago, Pavia Linee di indirizzo relative alle procedure regionali di

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI

LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI LE MALATTIE PROFESSIONALI DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO DEGLI ARTI SUPERIORI Trattamento riabilitativo delle tendiniti e tendinosi di mano, polso, gomito e spalla Legnago 21/05/13 Dott. Claudio Martini

Dettagli

LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA

LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA UU.OO. Ortopedia e Traumatologia Direttore Prof.Biagio Moretti Azienda Ospedaliera Policlinico LE POTENZIALITA' IN MANO AL FISIATRIA PER LA GESTIONE DELLA SINDROME DA ESOSTOSI MULTIPLA Dott.ssa Angela

Dettagli