AGGIORNAMENTO PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO CNH INDUSTRIAL COMPRENSORIO DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGGIORNAMENTO PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO CNH INDUSTRIAL COMPRENSORIO DI TORINO"

Transcript

1 AGGIORNAMENTO PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO CNH INDUSTRIAL COMPRENSORIO DI TORINO Release: Dicembre 2013

2 1. INTRODUZIONE DATI GENERALI DELLA SEDE LE PROVENIENZE DEI DIPENDENTI RAGGIUNGERE LA SEDE CON IL MEZZO PUBBLICO IL COLLEGAMENTO URBANO IL COLLEGAMENTO EXTRAURBANO IL SERVIZIO NAVETTA EASYGO ANALISI DEI DIPENDENTI SERVITI DAL TRASPORTO PUBBLICO CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO FATTORI DI EMISSIONE (FE) NUMERO UTILIZZATORI DI CIASCUN MEZZO DI TRASPORTO DISTANZA MEDIA (DM) CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO RISPARMIO DELLE EMISSIONI DI CO APPENDICE

3 1. INTRODUZIONE Il presente documento costituisce un aggiornamento del Piano Spostamenti Casa- Lavoro 2011 del comprensorio Iveco e Fpt di Torino ai sensi dell articolo 3 del D.M. 27/03/1998 ( Decreto Ronchi ) ed integra l analisi, prodotta nel 2012, del risparmio di CO2 generato dall introduzione di azioni correttive da parte del mobility management aziendale. L aggiornamento include: analisi della popolazione aziendale (composizione personale dipendente e georeferenziazione delle provenienze); valutazione accessibilità tramite mezzo pubblico (in particolare, analisi dipendenti serviti e non serviti dal trasporto pubblico, descrizione delle principali modifiche alle linee che servono la sede, focus sul servizio navetta easygo); calcolo delle emissioni CO2, con particolari riferimento ai risparmi generati dal servizio di carpooling e dalle navette easygo 3

4 2. DATI GENERALI DELLA SEDE Il Comprensorio di Torino è uno dei principali poli industriali cittadini, con circa dipendenti impiegati in 4 società, oltre ad un numero consistente di consulenti esterni che accedano al comprensorio ogni giorno. Non sono presenti aggiornamenti particolari rispetto al 2011 per quanto riguarda gli accessi alla sede e le caratteristiche del sistema viabilistico. I dipendenti che lavorano nel comprensorio risultano essere 5.422, pressoché stabili rispetto al 2011 (5.466 dipendenti). Di questi, il 39,9% sono operai, il 41,5% professional e il 17,5% impiegati. Figura 1. Il Comprensorio CNH Industrial di Torino TOT. LAVORATORI FPT INDUSTRIAL IVECO IVECO FINANZIARIA % 57,9% 40,9% 1,2% Tabella 1. Numero lavoratori e suddivisione per società 4

5 QUALIFICA % SU TOTALE EXECUTIVE 0,7% PROFESSIONAL 41,5% WHITE COLLAR 17,5% BLUE COLLAR 39,9% Senza attribuzione 0,4% TOTALE 100% Tabella 2. Composizione popolazione aziendale per qualifica professionale 5

6 3. LE PROVENIENZE DEI DIPENDENTI Per analizzare lo spostamento casa-lavoro del personale dispendente del Comprensorio di Torino sono stati geocodificati dipendenti (Fig.2). Dai risultati si evince che la prevalenza dei lavoratori proviene dal Comune di Torino, ovvero il 45,4%, in leggero calo rispetto al 49% del Dei dipendenti provenienti dalla provincia (44,2%), il 7,1% risiede a Settimo Torinese, in linea con il dato Inoltre, si è calcolata la distanza media casa-lavoro, che risulta essere di 16,5 km (il dato è calcolato escludendo i dipendenti che risiedono a più di 130 km di distanza dalla sede di lavoro). PROVENIENZA # % Raggio 5km sede 524 9,7% TORINO ,4% PROVINCIA ,2% di cui Settimo T.se 383 7,1% di cui S.Mauro T.se 139 2,6 FUORI PROVINCIA ,4% Figura 2. Geolocalizzazione dei dipendenti Comprensorio Torino (pallini blu). Margine di errore 2%. TOTALE % 6

7 È stata prodotta una analisi di distribuzione di frequenza delle distanze calcolate per singolo dipendente, in modo da evidenziare le distanze più comuni e il numero di dipendenti che ha una distanza superiore alla media calcolata. Come si evince dalla figura 3, il valore modale si attesta a 8 chilometri, con 472 dipendenti che percorrono ogni giorno più 35 chilometri per recarsi a lavoro (per singola tratta). Figura 3. Distribuzione di frequenza delle distanze casa-lavoro 7

8 4. RAGGIUNGERE LA SEDE CON IL MEZZO PUBBLICO L analisi di accessibilità della sede con il mezzo pubblico è stata effettuata considerando le modifiche avvenute dal 2011 rispetto a tutte le linee di trasporto pubblico urbano, suburbano ed extraurbano che si trovano in un raggio di 300 metri dalla sede. Il trasporto pubblico nell area torinese ha infatti subito modifiche rilevanti negli ultimi due anni e, rispetto al 2011, la produzione del servizio sulle linee di superficie (veicoli*km) si è ridotta complessivamente del 17,6% (fonte Agenzia della Mobilità Metropolitana). 4.1 IL COLLEGAMENTO URBANO Le linee speciali IVECO, gestite dalla società GTT, hanno subito modifiche importanti rispetto al 2011: Soppressione della linea 26 (Falchera IVECO); Modifica della linea 46B, rinominata linea 20, che collega il Movicentro di Stura FS con Via Torre Pellice; la linea 20 permette di collegare il quartiere Barca agli ingressi IVECO di via Puglia / Stura Lazio; Mantenimento invariato delle linee speciali 22 (Santa Rita IVECO), 24 (Via Vigliani IVECO) e 25 (Settimo IVECO). Per quanto riguarda le altre linee gestite da GTT, non si rilevano cambiamenti rilevanti. Come nel 2011, la presente analisi considera il Tram 4, linea ad alta frequenza che attraversa la città e transita in Corso Giulio Cesare, servendo principalmente l ingresso 8

9 di Lungo Stura Lazio 15. In aggiunta, è stato anche incluso il bus 49, che collega Torino (Corso Bolzano) con Settimo Torinese (Via Lombardia) Figura 3. Percorso della linea IL COLLEGAMENTO EXTRAURBANO Il PSCL del 2011 aveva preso in considerazioni le linee bus extraurbane gestite da GTT e le linee ferroviarie passanti dalla stazione Torino Stura FS. La stazione non serve direttamente il Comprensorio ma era comunque stata inserita nell analisi per le potenzialità di collegamento extraurbano. La stazione si trova a circa 1km dall ingresso di Strada Cascinette. Per quanto riguarda le linee bus, sono state incluse le linee 3131 (Point-Rivarolo- Torino) e 3330 (Ciriè-Torino). Entrambe le linee servono le fermate di via Puglia (ingresso 4) e Lungo Stura Lazio (ingresso 3). Per quanto riguardale linee ferroviarie, come indicato nel Piano del 2011, il trasporto della città di Torino ha subito modifiche rilevanti negli ultimi anni. Gli interventi principali hanno riguardato il completamento del passante ferroviario e l allestimento del nuovo servizio ferroviario suburbano. Il nuovo sistema ferroviario suburbano ha potenziato i collegamenti nord-sud ed ha incrementato il numero di linee che transitano da Torino 9

10 Stura, collegando la stazione con Torino Lingotto. Oggi la stazione è servita da cinque linee: SFM1 Point-Rivarolo-Chieri SFM2 Pinerolo-Chivasso SFM4 Torino-Bra SFM6 Torino-Asti SFM7 Torino-Fossano Figura 4. Trasporto ferroviario suburbano Torino 4.3 IL SERVIZIO NAVETTA EASYGO Sulla base dei risultati del Piano Spostamenti Casa-Lavoro del 2011, l azienda ha deciso di integrare il servizio offerto dal sistema di trasporto pubblico locale mettendo a disposizione una serie di navette aggiuntive con lo scopo di facilitare e efficienziare gli spostamenti dai principali HUB serviti dal Trasporto Pubblico Locale alle porte di ingresso del comprensorio. Il piano prevede oggi la presenza di due linee di navette dedicate, la linea Verde Park Stura e la linea Arancio Park Stura, che collegano il comprensorio Iveco FPT 10

11 Industrial alla stazione FS Stura. Dal dicembre 2013, le linee hanno subito una modifica dell orario di servizio. Figura 5. Orari linee navetta easygo 11

12 4.4 ANALISI DEI DIPENDENTI SERVITI DAL TRASPORTO PUBBLICO L analisi dei dipendenti serviti per il Comprensorio di Torino ha preso in considerazione tutti i dipendenti della sede che risiedono nei pressi delle linee urbane che servono direttamente la sede o che abitano nelle vicinanze delle stazioni ferroviarie utili per lo spostamento casa lavoro. Le linee considerate sono state allocate su 5 punti di arrivo/interscambio (HUB). Dall analisi si evince che, potenzialmente, dipendenti possono raggiungere la sede senza interscambi o con un interscambio da Stura FS pari, al 32% del totale dei dipendenti, in linea con il dato Figura 6. Dipendenti serviti dal trasporto pubblico (in blu) Gli utenti serviti dal trasporto pubblico sugli hub di riferimento Questo tipo di analisi permette di evidenziare gli utenti serviti sugli HUB di riferimento. Per ogni HUB viene proposta un analisi sugli utenti serviti dalle singole linee. Per semplicità di analisi le linee speciali sono state raggruppate in un unico HUB di riferimento. 12

13 L HUB che risulta più servito è quello delle Linee speciali, con 965 dipendenti potenzialmente serviti. La linea 22 serve potenzialmente più utenti di ogni altra linea. Rispetto al 2011: si riduce il numero di dipendenti serviti dalle linee speciali. Il taglio della linea 26, che serviva 59 dipendenti, ha un impatto limitato. Più incisivo è invece il cambio della linea 46/, sostituita dalla linea 20, che passa da 293 a 75 dipendenti potenzialmente serviti; si incrementa il numero di dipendenti serviti dal trasporto ferroviario e dalle linee bus extraurbane; appare rilevante il contributo della linea 49, che serve potenzialmente 295 dipendenti. Pertanto, se è vero che il numero totale di dipendente serviti è in linea con il 2011, il dato riflette un diverso contributo numerico da parte delle linee incluse nell analisi. In particolare, escludendo la linea 49, che non era presente nell analisi del 2011, la percentuale di dipendenti serviti diventa pari al 30%, in calo del 2% circa. 13

14 Figura 7. Analisi utenti serviti per HUB di riferimento 14

15 5. CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 L implementazione di un Piano di Spostamento Casa Lavoro inquadrato nell ottica del perseguimento di una Mobilità sostenibile deve includere, in linea con il protocollo di Kyoto, tutte le possibili azioni atte a diminuire l emissione di gas serra nell atmosfera; prima di proporre delle azioni ben definite è necessario analizzare lo status attuale delle emissioni legato all utilizzo dei differenti sistemi di trasporto disponibili. Il presente documento ha lo scopo di spiegare in modo dettagliato la metodologia di calcolo utilizzata da MUOVERSI per stimare le emissioni di CO2 prodotte giornalmente dal personale dipendente impiegato nel tragitto casa lavoro. Il calcolo delle emissioni prevede l utilizzo di una formula generale: CO2(g)emessa = FE * N utilizzatori specifico mezzo di trasportoarea * DMarea Dove: FE = Fattore di Emissione (g/km) DM = Distanza Media del tragitto Casa-Lavoro (Km) La quantità di CO2 emessa giornalmente viene quindi data dal prodotto tra il numero di dipendenti che quotidianamente utilizzano un determinato mezzo di trasporto per recarsi nella propria sede di lavoro, il fattore di emissione del mezzo utilizzato (auto, moto, TPL,ecc.) e la distanza media dello spostamento casa lavoro ; quest ultimo fattore assume un valore diverso in funzione degli stabilimenti analizzati. Di seguito vengono presentati nel dettaglio gli elementi che compongono la formula per determinare il valore complessivo della CO2 emessa. 5.1 FATTORI DI EMISSIONE (FE) Il Fattore di Emissione indica la quantità di sostanza inquinante emessa da un veicolo per percorrere 1 Km di strada che varia in funzione della tipologia di mezzo di trasporto utilizzato. 15

16 MUOVERSI attribuisce alle diverse modalità di trasporto utilizzato per il tragitto casalavoro diversi Fattori di emissione che vengono presentati in dettaglio nell allegato 1 al presente documento. In particolare: a) Auto come conducente La CO2 emessa dagli utilizzatori dell auto viene calcolata sulla base delle caratteristiche del veicolo come intersezione delle variabili: Cilindrata del veicolo Anno di Immatricolazione Combustibile utilizzato b) Moto o Motorino La valutazione del fattore di emissione per questo tipo di veicoli segue la stessa metodologia di calcolo applicata alla categoria precedente. c) TPL Nonostante ci siano diverse tipologie di mezzi di trasporto pubblico si è applicato un fattore di emissione unico che rappresenta una media dei valori attribuibili a ciascuna categoria di veicolo utilizzato. d) Auto come passeggero In questo caso viene considerato un fattore di emissione di CO2 pari a zero poiché la quota inquinante è stata attribuita al conducente. e) Bici/Piedi Il fattore di emissione considerato è pari a zero Con la compilazione dell apposita sezione del questionario sullo spostamento casa - lavoro relativa ai sistemi di trasporto utilizzati MUOVERSI ha potuto raccogliere informazioni precise sulle tipologie di veicoli utilizzati e sulle corrispondenti caratteristiche tecniche. 5.2 NUMERO UTILIZZATORI DI CIASCUN MEZZO DI TRASPORTO L analisi delle emissioni di CO2 dei mezzi di trasporto utilizzati dai dipendenti del comprensorio si è basata sull intersezione di due database in possesso di MUOVERSI: 1) Database dei dipendenti delle aziende presenti all interno del comprensorio; 2) Database dei risultati forniti dai questionari per l indagine degli spostamenti Casa - Lavoro compilati dai dipendenti. 16

17 Database aziende Nel 2013, MUOVERSI ha raccolto nel corso dell indagine sugli spostamenti Casa- Lavoro i dati anonimi relativi al personale dipendente delle società insediate e di futuro insediamento. Sono state georeferenziate tutte le anagrafiche messe a disposizione. Per ciascun dipendente di cui si era a conoscenza dell indirizzo di Domicilio MUOVERSI ha effettuato le seguenti operazioni: Calcolo dei Km percorsi del percorso Casa Lavoro per ciascun dipendente con il supporto di strumenti GIS. Normalizzazione della distanza per distanze superiori ai 130 km, in modo che il dato non fosse influenzato da dati incongruenti di residenza/domicilio Database aziende questionario. Nel 2011, è stato sottoposto ai dipendenti del Comprensorio di Torino un questionario con alcune domande relative alle tipologie di mezzi di trasporto utilizzati. Da questo questionario si sono ricavate le informazioni sulle modalità di spostamento di ciascun dipendente: Comune di residenza (Codice di Avviamento Postale) Mezzo di trasporto utilizzato (Auto, moto, piedi/bici e TPL); Numero di mezzi cambiati (es: primo tratto del viaggio in auto e secondo con le linee speciali) Caratteristiche tecniche dei veicoli (cilindrata, anno di immatricolazione e combustibile utilizzato). Data la vicinanza temporale, nel presente aggiornamento il questionario non è stato riproposto ai dipendenti. Per la stima della CO2 prodotta nel 2013, si fa quindi uso dei risultati del precedente questionario (vedi la tabella 3). 17

18 MODALITA' DI TRASPORTO TORINO RISP. % Auto come conducente % Auto come passeggero 39 1% Moto o motorino 112 3% A piedi 8 0% Bicicletta 48 1% Autobus, Tram urbani 216 6% Treno 47 1% Linee speciali 130 4% TOTALE RISPOSTE % Tabella 3: Tipologia di mezzi di trasporto utilizzati secondo il questionario DISTANZA MEDIA (DM) La Distanza Media è stata calcolata come media dei percorsi Casa-Lavoro dei dipendenti geolocalizzati riferiti alla singola sede di lavoro. La distanza si intende come distanza stradale e non aerea, in modo da fornire una precisione puntuale sul dato. Al fine di normalizzare i dati, non sono state considerate le distanze casa-lavoro superiori a 130km, poiché il database delle anagrafiche conteneva circa 334 anagrafiche evidentemente riferite a residenze e non ad effettivi domicili. Rispetto al 2011, la distanza media casa-lavoro passa da 15,2 km a 16,5 km. 18

19 5.4 CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 Non avendo a disposizione nuovi dati rispetto alle abitudini di spostamento dei dipendenti del comprensorio di Torino, il calcolo delle emissioni di CO2 per il 2013 risente unicamente dell aggiornamento dell analisi di georeferenziazione delle anagrafiche. Il leggero incremento della distanza casa-lavoro percorsa, unito alla lieve riduzione della forza lavoro, si traduce in un dato totale di CO2 emessa pari a 23,973 tonnellate annue, in linea con i valori del 2011 (23,755). TORINO DISTANZA MEDIA RISP 16,5 km CO2 Auto Conducente ,939 Moto o motorino 112 0,183 Trasporto Pubblico (Bus, tram, treno) 263 0,570 Linee Speciali 130 0,282 Piedi / Bici / Car pool 95 - TOTALE RISPOSTE ,973 Tabella 4: Emissioni CO RISPARMIO DELLE EMISSIONI DI CO2 Nel presente paragrafo, produciamo una stima del risparmio di CO2 generato dalle azioni di mobility management implementate dall azienda nel corso degli ultimi due anni. In particolare, ci soffermiamo sugli effetti del servizio navette easygo e del servizio carpooling. L altro servizio messo a disposizione dall azienda, le linee speciali, non viene preso in considerazione poiché non sono disponibili dati aggiornati rispetto all utilizzo del servizio da parte del personale dipendente. In linea generale, per valutare la riduzione di emissioni generata, è stato messo a confronto il totale delle emissioni prodotto dagli utilizzatori del servizio navetta e del servizio carpooling con l ammontare medio che verrebbe generato nel caso in cui tale servizio non venisse offerto. Per calcolare il totale delle emissioni che potrebbe essere emesso se non fossero disponibili questi servizi, è stato associato a ciascun dipendente un fattore medio di emissione di circa 145 g/km. Tale valore è stato calcolato ponderando i fattori di emissione dei diversi mezzi per le abitudini di 19

20 spostamento registrate grazie al questionario somministrato. Questo ha permesso di calcolare con una buona approssimazione il totale delle emissioni di CO2 che sarebbe stato prodotto qualora non fosse stato realizzato questo intervento. Le distanze medie di riferimento sono emerse dalla analisi di geolocalizzazione dei dipendenti. Nello specifico, per quanto riguarda il servizio navette, è stato prima stimato il totale delle emissioni generate dalle navette, calcolate sulla base dei percorsi delle 2 linee, del numero di viaggi effettuati nell arco di un anno lavorativo (220 gg) e del fattore di emissione medio associato al veicolo, stimato pari a circa 250g/Km. Questo valore è pari a 15 tonnellate di CO2 prodotta ogni anno. Non è stata invece considerata nel calcolo l effettiva percentuale di riempimento del mezzo. Il totale delle emissioni CO2 che avrebbe potuto essere generato in assenza del servizio è stato invece calcolato facendo riferimento al numero di utilizzatori delle navette offerte dall azienda (in media circa 164 dipendenti utilizzano giornalmente le navette), alla distanza media dei dipendenti della sede di Torino, e al fattore di emissione medio ponderato sulla base delle abitudini comportamentali della popolazione. Il risparmio annuo generato ammonta a circa 157,8 tonnellate di CO2. Infine grazie al portale di Mobility Office, a partire da Luglio 2012 i dipendenti del comprensorio di Torino hanno potuto usufruire di un servizio di car pooling. Il sistema prevede una prima iscrizione da parte dei dipendenti e il successivo inserimento del percorso casa-lavoro effettuato. Il servizio permette quindi ai dipendenti che compiono itinerari di spostamento simili di mettersi in contatto e costituire un equipaggio, condividendo così il mezzo di trasporto. Per il calcolo la CO2 risparmiata, in via precauzionale, abbiamo escluso quei dipendenti che si sono iscritti al portale ma non hanno inserito alcun percorso casalavoro. Abbiamo quindi ipotizzato che i restanti 94 dipendenti che fanno uso del portale abbiano costituito degli equipaggi di due persone per automobile. Per calcolare la CO2 annua prodotta è stata applicato il fattore di emissione medio associato al veicolo privato, stimato pari a circa 165g/Km, moltiplicato per la distanza media casa-lavoro. Il valore risultante è pari a circa 57 tonnellate di CO2 prodotta ogni anno. Confrontando questo numero con il consumo di CO2 che si avrebbe se i 94 dipendenti si recassero a lavoro in autonomia senza far uso del servizio di car pooling, otteniamo un risparmio annuo di CO2 pari a circa 43,2 tonnellata 20

21 In conclusione la combinazione degli interventi sopracitati sul comprensorio di Torino ha consentito di risparmiare nel corso del 2013 circa 201 tonnellate di emissioni CO2. NAVETTA EASYGO CAR POOLING N. Utilizzatori CO2 prodotta in assenza del servizio 172,9 tons 100,1 tons CO2 prodotta 15,1 tons 56,9 tons RISPARMIO CO2 157,8 43,2 Tabella 4. Risparmio di CO2 generato dal mobility management 21

22 5.6 APPENDICE LA BANCA DATI DEI FATTORI DI EMISSIONE MEDI IN ITALIA La scelta dei fattori di emissione rappresenta una delle criticità maggiori nella stima delle emissioni. La banca dati della rete SINA raccoglie i fattori di emissione selezionati per l inventario nazionale, utilizzabili anche per la stima delle emissioni negli inventari locali (regionali/provinciali). La nomenclatura di riferimento è la SNAP 97 (introdotta nel modello COPERT dal progetto europeo CORINAIR). La banca dati dei fattori di emissione medi accessibile dal sito del SINA e' stata realizzata sulla base delle stime effettuate per il I calcoli sono basati su COPERT III per il 2000 in base alla scelta di: velocita' medie, percorrenze, distribuzione dei parchi circolanti, consumi altri parametri necessari all'inizializzazione di COPERT I fattori di emissione da essa estraibili sono forniti in g di gas emesso / veicolo. km e in g di gas emesso / kg di carburante per ciascuna categoria di veicolo. Criticità La BANCA DATI dei fattori di emissioni medi per il parco circolante in Italia messa a disposizione dall APAT non è aggiornata ma si ferma al I F.E. che vengono riportati nella banca dati non tengono conto delle emissioni di CO2 che si generano da TRASPORTO su ROTAIA. Soluzioni 22

23 Vista la difficoltà ad individuare una banca dati completa ed aggiornata, si è ritenuto opportuno sviluppare una ricerca di dati che spaziasse attraverso più fonti di informazione. Si è scelto quindi di prendere i dati sulle emissioni relativi al periodo temporale successivo al 2000 dalla banca dati dell ufficio federale svizzero dell Energia, UFE (per riferimento al sito si veda bibliografia). Per la stima dei F.E. di CO2 relativi al traffico su rotaia si è invece attinto ad uno studio finanziato dalle Ferrovie dello Stato (F.S., 2000), curato dall associazione Amici della Terra IL SISTEMA DI MONITORAGGIO E INFORMAZIONE AMBIENTALE ITALIANO E LA RETE SINANET Avviato nel 1988 dal Ministero dell ambiente e finanziato nell ambito di tre piani di investimenti per la tutela dell ambiente (PA 1988, PTTA , PTTA ), nel 1998 il programma SINA (Sistema Informativo Nazionale Ambientale) viene trasferito all Agenzia nazionale per l ambiente (ANPA, oggi APAT). Nel 2001, il programma di sviluppo del SINA, elaborato dall Agenzia nazionale per l ambiente, viene proposto dal Ministero dell ambiente alla Conferenza Stato-Regioni che sigla l intesa e costituisce il Tavolo SINA di coordinamento istituzionale. Finalità del SINA Il piano di sviluppo del SINA delinea le linee strategiche per la realizzazione di un sistema informativo nazionale che, mediante l azione di monitoraggio e controllo ambientale raccoglie dati e informazioni necessari a descrivere e comprendere i fenomeni ambientali, al fine di: fornire supporto dell azione di governo dell ambiente, in un contesto sempre più orientato verso l integrazione della dimensione ambientale nelle politiche settoriali e territoriali; produrre con continuità prodotti e servizi informativi basati su indicatori e indici, secondo il modello DPSIR. 23

24 Organizzazione del SINA Per favorire il collegamento del SINA con i sistemi informativi ambientali delle Regioni (SIRA) e con il sistema informativo ambientale europeo (EEIS European Environmental Information System), l APAT che svolge la funzione di NFP(National Focal Point) EIOnet (Environment Information and Observation Network) per l Italia promuove la cooperazione in rete tra i principali soggetti istituzionali aventi competenze in materia di raccolta e gestione di dati e informazioni ambientali, attraverso la specializzazione dei ruoli. In particolare partecipano alle attività i Punti Focali Regionali (PFR), che svolgono la funzione di riferimento territoriale della rete dove vengono raccolti dati e informazioni regionali di interesse del SINA; il sistema delle Agenzie ambientali (ARPA/APPA), organizzate nel periodo in Centri Tematici Nazionali e oggi in Tavoli Tecnici Interagenziali, che forniscono il supporto tecnico-scientifico con riferimento a specifiche tematiche ambientali, in particolare in materia di monitoraggio ambientale; le Istituzioni Principali di Riferimento (IPR), centri di eccellenza che possono contribuire a livello nazionale alla formazione delle regole e alla alimentazione della base conoscitiva ambientale. L organizzazione a rete del SINA segue lo schema della rete europea Environment Information and Observation Network (EIOnet) dell Agenzia Europea per l Ambiente (AEA), che si basa sulla connessione di nodi specializzati per ambiti territoriali (NFP National Focal Point), per tematiche ambientali (ETC European Topic Centre), e per competenze specifiche (MCE Main Component Element). In particolare, l APAT, attraverso la rete dei National Reference Center, è responsabile della raccolta del set di dati che l AEA richiede con cadenza annuale ai Paesi europei ai fini della redazione dei rapporti sullo stato dell ambiente in Europa. Dati e informazioni di interesse europeo vengono gestiti mediante una suite di strumenti informatici (Reportnet) che prevedono la realizzazione di un repository nazionale dei dati. L APAT assicura l integrità e la funzionalità del repository italiano. 24

25 Fonte dati: APAT - Database dei fattori nazionali di emissione INDIRIZZO WEB ATTRIBUZIONE DEI FATTORI DI EMISSIONE (F.E.) PER IL CALCOLO DELLA CO2 L attribuzione di un determinato F.E. di CO2 ai veicoli si è effettuato attraverso una suddivisione di questi ultimi in CLASSI DI IMMATRICOLAZIONE Autovetture Immatricolate prima del 1995: la stima dei F.E di CO2 è stata effettuata attingendo i dati dalla banca dati dell APAT, attribuendo ai veicoli i valori EURO I; Immatricolate tra il 1996 e al 2001: la stima dei F.E. di CO2 è stata effettuata attingendo i dati dalla banca dati dell APAT, attribuendo ai veicoli i valori EURO II; Immatricolate tra il 2002 e il 2006: la stima dei F.E. di CO2 è stata effettuata attingendo i dati dal database del sito federale svizzero dell'energia UFE. Motocicli e ciclomotori Prima del 1995: stima F.E. CO2 attraverso i valori "CONVENTIONAL", riportati nel Database APAT, con riferimento alla normativa in vigore fino al 30/6/99; Tra il 1996 e il 2001: stima F.E. CO2 attraverso i valori CONVENTIONAL, riportati nel Database APAT, con riferimento alla normativa in vigore fino al 30/6/99; Dopo il 2001: stima F.E. CO2 attraverso 97/24/EC - periodo di riferimento della normativa dal 1/7/99; FONTE APAT Fonte dati: 25

26 UFE (ufficio federale svizzero) - Database sui CONSUMI delle Automobili INDIRIZZO WEB PROCEDURA DI CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO2 E ALTRI GAS SERRA DA ROTAIA La procedura di calcolo delle emissioni di gas serra imputabili ai veicoli su rotaia utilizzata all interno del Quarto rapporto Amici della terra (FS, 2000) ha tenuto conto delle due diverse forme di energia utilizzate per la trazione (elettricità e gasolio, quest ultimo essendo il carburante dei locomotori diesel impiegati dalla Ferrovie dello Stato e dalle Ferrovie concesse essenzialmente - ma non esclusivamente sulle linee non elettrificate). Per quanto riguarda le emissioni di CO2 imputabili alla trazione elettrica, la procedura adottata, assumendo che tutta l energia utilizzata per la trazione sia stata prelevata dalla rete pubblica, ha valutato accuratamente le emissioni di CO2 associate ad ogni kwh disponibile sulla rete e prelevato dall utente in alta tensione. Tale valutazione, effettuata sulla base di dati dichiarati dal Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN), dall ENEL e dagli altri produttori che nel 1999 hanno ceduto energia alla rete pubblica, ha portato al risultato di 489 grammi di CO2/kWh. A questo valore è stato aggiunto il contributo degli altri due gas serra (CH4 e N2O) emessi dalle centrali termoelettriche, valutabile in circa 20 grammi di CO2 equivalente/ kwh. E da notare che il valore delle emissioni per kwh disponibile in rete è notevolmente inferiore al valore tipico della produzione termoelettrica nazionale (710 g di CO2/kWh), in quanto sulla rete viene riversata anche l energia prodotta dagli impianti idroelettrici, caratterizzata da emissioni nulle, e quella di importazione, anch essa convenzionalmente non considerata responsabile di emissioni di gas serra. Le emissioni imputabili alla trazione diesel sono state calcolate a partire dai consumi di gasolio utilizzando il relativo fattore di emissione, pari a 3,066 tco2/tep. Anche in questo caso, è stato aggiunto il contributo di CH4 e N2O che, secondo le indicazioni dell Agenzia Europea dell Ambiente, è tutt altro che indifferente: 0,388 t CO2 eq./tep (il 12% delle emissioni di CO2). Fonte dati: AMICI DELLA TERRA, FS - I Costi Ambientali e Sociali della Mobilità in Italia - 26

27 Quarto Rapporto INDIRIZZO WEB - 27

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano CISMA Srl via Siemens 19, I-39100 Bolzano c/o TIS innovation park via Malpaga 8, I-38100 Trento Tel: 0471-068295/068281; 0461-222014 Fax: 0471-068197; 0461-522545 Web: http://www.cisma.bz.it Mail: info@cisma.bz.it

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus ESTRATTO ORARIO Validità sino al 15.06.2011 Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus E tu cosa stai aspettando? Con il nuovo tram avrai corse più frequenti e veloci e un maggior

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE

ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE ROTTAMAZIONE E RINNOVO DEL PARCO UNA STRADA PER LO SVILUPPO, LA SICUREZZA E L AMBIENTE Ringraziamenti Lo studio è stato realizzato dalla Fondazione Filippo Caracciolo e dell Automobile Club di Italia.

Dettagli

DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014. Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2015.

DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014. Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2015. Direzione Generale Servizio degli Appalti e gestione dei sistemi di trasporto DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014 Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Qualità dell aria QUALITA' DELL ARIA Carlo Baroglio, Silvia Anselmi, Eugenio Donato,

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI DIAGNOSI ENERGETICA NELLE IMPRESE AI SENSI

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli